A La delega dell autorità decisionale nelle imprese Open Source. Un analisi empirica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A La delega dell autorità decisionale nelle imprese Open Source. Un analisi empirica"

Transcript

1 A La delega dell autorità decisionale nelle imprese Open Source Un analisi empirica Massimo G. Colombo, Evila Piva, Cristina Rossi Lamastra Dipartimento di Ingegneria Gestionale, Politecnico di Milano Abstract. Il presente studio analizza le pratiche manageriali e organizzative che consentono alle imprese di utilizzare al meglio, nei loro processi innovativi interni, la conoscenza tecnologica prodotta dalle comunità di utenti e sviluppatori. Adottando un approccio essenzialmente fenomenologico, ma non rinunciando a formulare ipotesi da testare in maniera rigorosa, il lavoro si focalizza sull interazione tra le imprese che offrono soluzioni software basate sull Open Source (imprese OS) e la comunità che sviluppa questo tipo di software e studia le determinanti dell adozione da parte di queste imprese di una particolare pratica manageriale: la delega di potere decisionale ai dipendenti nelle interazioni con la comunità. Utilizzando l impianto teorico della multi-task agency theory, esso formula una serie di ipotesi teoriche che sono poi testate utilizzando dati raccolti nel 2004 relativi a 316 imprese OS europee. Le stime di un modello Probit con correzione a due stadi di Heckman indicano che la probabilità di delegare ai dipendenti l autorità decisionale circa l interazione con la comunità OS aumenta con l importanza strategica dell OS per l impresa. Tale probabilità, invece, diminuisce al crescere dell esperienza che l impresa ha maturato attraverso precedenti interazioni con la comunità OS e quando per i dipendenti vi sono maggiori margini per comportamenti opportunistici, dato che l impresa svolge attività che consentono loro di segnalare il proprio talento all interno della comunità. Parole chiave: delega decisionale, imprese OS, accesso a conoscenza esterna, teoria dell agenzia. 1

2 1. Introduzione È ormai ampiamente riconosciuto dalla letteratura organizzativa e manageriale (Chesbrough et al., 2006; Kale e Puram, 2004; Porter and Stern, 2001) come attualmente i processi innovativi delle imprese sempre più prevedano il ricorso a fonti esterne di conoscenza che arricchiscono e integrano quella prodotta internamente. Tali fonti includono, non solo altre imprese o Università e centri di ricerca, ma anche comunità di utenti e sviluppatori (Hargrave et al., 2006). Tali comunità producono sapere scientifico e tecnologico suscettibile di sfruttamento commerciale (Hambrick and Cheng, 2008), promuovendo valori di condivisione delle informazioni e basandosi, essenzialmente, sulla contribuzione volontaria dei loro membri. L evoluzione dell Open Source da movimento ideologicamente orientato a realtà economica ben consolidata, che coinvolge un numero crescente di imprese che collaborano attivamente con la comunità degli utenti e sviluppatori OS, è un esempio rilevante e significativo di questa tendenza (Fitzgerald, 2006). L analisi della relazione tra imprese e comunità OS come stimolo alla generazione di conoscenza e all innovazione appare essere un ambito di ricerca particolarmente promettente, che sta suscitando grande interesse da parte dei ricercatori (de Laat, 2007; Bolici et al., 2009). In particolare, un crescente numero di contributi si sta occupando di come le imprese interagiscano con la comunità OS (si vedano Dahlander et al., 2007 per una valida rassegna di questa letteratura). Tuttavia, a oggi, tale area di ricerca si caratterizza per avere ancora una prospettiva squisitamente fenomenologica (von Krogh et al., 2009) e per essere centrata quasi esclusivamente sull analisi del lato comunità della relazione diadica. Da un lato, infatti, la maggior parte dei contributi si è concentrata sulla descrizione dei multiformi aspetti della relazione imprese-comunità OS (Dahlander e Magnusson, 2005; O Mahony e West, 2008), mentre si rivela ancora insoddisfacente lo sforzo di teorizzare su di essi (si vedano O Mahony e Bechky, 2008 per una validissima eccezione). Dall altro, l impegno diretto alla micro-fondazione dei fenomeni osservati ha riguardato essenzialmente la comunità, mentre le imprese sono state per lo più viste come un tutt uno omogeneo. In particolare, secondo la nostra conoscenza, nessuno ha ancora esaminato in maniera approfondita 2

3 se e come le imprese debbano modificare la propria struttura organizzativa interna al fine di trarre dalle relazioni con la comunità i maggiori benefici possibili in termini di generazione e assorbimento di nuova conoscenza. In altre parole, l efficace sfruttamento dell interazione con la comunità pone importanti sfide alla progettazione organizzativa delle imprese. Il presente lavoro è dedicato allo studio delle pratiche organizzative che consentono alle imprese di utilizzare al meglio la conoscenza disponibile nella comunità OS. Il contributo si concentra sulle imprese che offrono soluzioni software basate sull Open Source (imprese OS, Bonaccorsi et al., 2006) e, utilizzando l impianto teorico della multi-task agency theory (Holmstrom and Milgrom, 1992), ne studia l interazione con la comunità che sviluppa software OS. In particolare, si analizza l adozione, da parte delle imprese OS, di una particolare pratica manageriale: la delega ai dipendenti di autorità decisionale relativamente all esplorazione della comunità di sviluppatori OS e all azione nelle medesime. Infatti, le imprese di software che ambiscono a fare business con la comunità OS devono, innanzitutto, valutare le migliaia di progetti OS resi disponibili su Internet dai loro coordinatori 1 (esplorare) per poi i) individuare quelli che possono sviluppare conoscenze utili per il proprio business, ii) identificare i programmatori con i quali può essere più proficuo collaborare, ed, eventualmente, iii) decidere come contribuire attivamente ai progetti stessi (agire), scegliendo, ad esempio, se e come fornire codice, svolgere attività di debugging e/o rispondere ai quesiti che gli utenti pongono attraverso le opportune mailing list collegate ai progetti (Bonaccorsi et al., 2007). Nonostante sia indubbio che la comunità degli sviluppatori rappresenti una fondamentale fonte esterna di conoscenza (Dahlander and Magnusson, 2008; Gallagher e West, 2006), esplorare e agire in esse è decisamente costoso, in termini di tempo e di risorse, per coloro che gestiscono le imprese OS. Infatti, i manager/amministratori hanno, spesso, limiti di tempo e di competenze tecniche che impediscono loro di valorizzare la conoscenza tecnologica prodotta nei progetti OS. Tale compito, 1 I progetti OS vengono, solitamente, resi disponibili on line nei cosiddetti repository: siti Web dedicati che forniscono anche tutti gli strumenti necessari all interazione tra i programmatori e lo sviluppo del software. Il più noto di tali repository è Sorge Forge (http://sourceforge.net) che, a Febbraio 2009, ospitava circa progetti e vantava 2 milioni di utenti registrati. 3

4 si rivela senz altro assai complesso, data anche l alta incertezza tecnologica che caratterizza il mondo OS (Ostrerloh e Rota, 2007), che rende particolarmente sfidante lo sviluppo e/o l aggiornamento delle competenze necessarie a una proficua interazione. In quest ambito, il problema principale per i manager/amministratori è, con tutta probabilità, rappresentato dalla mancanza delle competenze sociali necessarie ad accedere alla comunità OS e a interagire proficuamente con essa. È ben noto (Bonaccorsi and Rossi, 2003; O Mahony, 2003), infatti, come tale comunità sia governata da norme sociali, in larga parte non codificate, che, se violate, impediscono l inserimento all interno di essa, fino a generare fenomeni di vero e proprio ostracismo (Benkler, 2009). Apprendere queste regole non scritte richiede un interazione frequente e continuativa con i membri della comunità che ne sono i depositari e risulta, quindi, particolarmente difficile per i manager/amministratori impegnati quotidianamente nella gestione delle loro imprese. Al contrario, è molto più semplice conoscere la comunità, chi ne fa parte e la tecnologia che esse sviluppano per i dipendenti delle imprese OS (Henkel, 2009) che lavorano quotidianamente ai progetti OS e, di conseguenza, sanno chi siano i programmatori di maggior talento e quali progetti sviluppino il software migliore. Al contempo, i dipendenti conoscono a fondo l offerta della propria impresa e, dunque, hanno le competenze necessarie a valutare se e come il software realizzato nei progetti OS possa essere integrato nel portafoglio di soluzioni proposte ai clienti. In altre parole, i dipendenti hanno, rispetto ai manager/amministratori, un vantaggio informativo che consente loro di esplorare e agire nell arena OS avendo anche appreso quali comportamenti siano rispettosi delle norme non scritte che la governano. Come illustreremo diffusamente nel seguito, questa conoscenza specifica che i dipendenti possiedono deve essere messa a disposizione di chi ha il compito di decidere come l impresa debba esplorare e agire nella comunità. Ciò può avvenire in due modi: delegando ai dipendenti autorità decisionale sull esplorazione e l azione oppure assegnando ai manager/amministratori dell impresa il compito di prendere queste decisioni, ma imponendo ai dipendenti di trasferire loro le informazioni necessarie (si vedano in proposito Baker and Jorgensen 2003, Raith 2008, Rantakari 2008; Prendergast 2002, Zabojnik 2002, mentre una valida rassegna di 4

5 questa letteratura è in Colombo et al., 2009). Tuttavia, tale conoscenza risulta essere, in larga misura, tacita, altamente specifica e connaturata negli individui che compongono la comunità stessa (von Hippel, 1994; Lee and Cole, 2003) e in quelli che con essi interagiscono. Date queste sue caratteristiche, essa si configura come soft information (Stein 2002), non verificabile, cioè, da chi non sia direttamente coinvolto nella relazione diadica impresa-comunità, la cui gestione non può prescindere dal riconoscimento della complessità dell ambiente tecnologico in cui sono chiamate a muoversi le imprese che fanno business con la comunità OS. Questo lavoro mette a confronto le due alternative che l impresa rispetto alla sua interazione con la comunità OS: la delega del potere decisionale ai dipendenti o la sua centralizzazione a livello del top management dell impresa. In particolare, ci si propone di rispondere alla seguente domanda di ricerca: in quali circostanze è più efficace delegare ai dipendenti autorità decisionale sull esplorazione e l azione nella comunità OS? Si noti che la delega a cui ci riferiamo riguarda tutte le decisioni, a partire da quelle relative ai progetti OS su cui raccogliere informazioni e al tempo da dedicare a tale raccolta (delega a esplorare) per arrivare a quelle relative ai progetti a cui contribuire e alle modalità di contribuzione (delega ad agire). Si tratta, quindi, di una delega su un insieme assai ampio di scelte, per riferirci al quale, nel seguito, utilizzeremo, per semplicità, l espressione interazione con la comunità OS (per un approccio simile si vedano Colombo et al., 2009). Per rispondere alla domanda di ricerca sopra riportata si farà riferimento all impianto teorico della multi-task agency theory, che risulta essere particolarmente adatta ai nostri fini. Data l ampiezza della nostra definizione di delega, infatti, le decisioni oggetto di analisi riguardano molteplici attività, non perfettamente codificate a priori, mentre la scelta tra delega e centralizzazione dipende in maniera stringente dalla possibilità di sfruttare al meglio la conoscenza specifica posseduta dai dipendenti. Infine, riteniamo che l articolo presenti elementi di originalità rispetto sia alla letteratura sulla progettazione organizzativa delle imprese sia a quella che ha esaminato gli aspetti economici e 5

6 manageriali del software Open Source. Per quanto riguarda la letteratura sull organizational design, il contributo all avanzamento della conoscenza esistente è di tipo sia teorico sia metodologico. Da un lato, infatti, il lavoro analizza l impatto sull organizzazione interna delle imprese dell accesso a fonti esterne di conoscenza, un tema raramente e solo recentemente preso in esame (Foss e Laursen, 2005; Siggelkow and Rivkin, 2007) e quasi del tutto inesplorato nel caso in cui tali fonti siano rappresentate da comunità che producono conoscenza tecnologica (un eccezione è in Foss et al., 2008). Da l altro, esso propone uno dei rari test empirici delle determinanti della delega (per ulteriori esempi di verifiche empiriche si vedano Colombo e Delmastro, 2004; Meagher and Wait, 2008; Bloom et al., 2009;). Per quanto riguarda, invece, le ricerche che si sono occupate nello specifico del fenomeno OS, il presente lavoro ha il vantaggio di abbandonare la prospettiva fenomenologica e unilaterale adottata dalla maggior parte degli studi sull interazione tra imprese e comunità OS, in favore di un approccio che consenta di apprezzare degli aspetti diadici della relazione in oggetto. Il lavoro è così articolato: nella sezione 2 è descritto il modello concettuale e vengono sviluppate le ipotesi teoriche. Nella sezione 3 viene presentato il campione e vengono discusse alcune statistiche descrittive sulla partecipazione delle imprese del campione ai progetti OS e sulla delega ai dipendenti. La sezione 4 consta della specifica del modello econometrico e della descrizione delle variabili utilizzate nell analisi, mentre la sezione 5 è dedicata alla presentazione dei risultati delle stime econometriche. Nella sezione 6, alcuni commenti conclusivi chiudono, infine, l articolo. 2. Modello concettuale e ipotesi di ricerca La multi-task agency theory suggerisce come la scelta tra centralizzazione e delega risulti dal trade off tra la perdita di informazione che si verifica in caso di centralizzazione delle decisioni nelle mani dei manager/amministratori e la perdita di controllo in caso di delega ai dipendenti di autorità decisionale (Dessein, 2002). Per meglio comprendere in cosa consista e quali effetti abbia questo trade off consideriamo il caso di un impresa OS che debba decidere in merito all interazione con la 6

7 comunità OS. Se le decisioni fossero centralizzate, i dipendenti, che, per le ragioni precedentemente esposte, possiedono la conoscenza specifica necessaria alla presa di decisione (e beneficiano, quindi, di un vantaggio informativo) dovrebbero trasferire un ampia mole di informazioni al superiore gerarchico. Tuttavia, poiché le informazioni che devono essere trasmesse sono evidentemente soft (Stein, 2002), ossia non verificabili dal superiore gerarchico con le conoscenze a sua disposizione, 2 i dipendenti potrebbero comunicare in maniera strategica, ossia in modo da influenzare le decisioni del superiore a proprio favore (Marino and Matsusaka 2005, Alonso et al. 2008, Alonso and Matouschek 2008, Rantakari 2008a). Ad esempio, i dipendenti potrebbero trasferire al superiore informazioni che inducano quest ultimo a decidere di entrare non nei progetti in cui vengono sviluppate conoscenze che potrebbero essere utili all attività dell impresa, ma in quelli cui partecipano programmatori brillanti con quali i dipendenti vorrebbero interagire o che producono un software che pone interessanti sfide algoritmiche. Quanto maggiore è la divergenza tra gli obiettivi del superiore (che, per semplicità di trattazione, consideriamo come coincidenti con quelli di massimizzazione del profitto dell impresa) e quelli dei dipendenti, tanto più distorta sarà la comunicazione. Poiché è probabile che il superiore sia consapevole o comunque presto si renda conto di questo rischio di distorsione della comunicazione, egli tenderà a non utilizzare l informazione trasferita dai dipendenti e ciò lo porterà a prendere le decisioni utilizzando un set informativo limitato e sub-ottimo, con possibili effetti negativi sui risultati delle scelte. D altra parte, se i dipendenti fossero lasciati liberi di interagire con la comunità OS, il superiore non avrebbe più il controllo delle loro azioni e l impresa rischierebbe di dover sostenere elevati costi associati a tale perdita di controllo. Infatti, come già evidenziato, gli obiettivi dei dipendenti potrebbero non coincidere con l obiettivo dell impresa di sfruttare l interazione con la comunità per massimizzare il proprio profitto, al contrario i dipendenti potrebbero perseguire benefici privati. In particolare, come sottolineato dall amplissima letteratura che ha studiato, dal punto di vista sia 2 Qualora il superiore gerarchico fosse in grado di verificare l informazione a lui trasmessa dai dipendenti, dovrebbe comunque affrontare i problemi legati alla trasmissione e all elaborazione dell informazione stessa, resi più severi dai limiti di tempo legati alla gestione quotidiana dell impresa (Simon, 1945). 7

8 teorico sia empirico, le motivazioni degli sviluppatori Open Source (si vedano von Krogh et al., 2008 per una valida rassegna), i dipendenti potrebbero voler contribuire ai progetti OS che consentano loro di segnalare il proprio talento e mostrare le proprie capacità a un ampio insieme di potenziali datori di lavoro (Lerner and Tirole, 2002; 2005). Tali progetti, però, potrebbero non coincidere con quelli cui sarebbe vantaggioso partecipare dal punto di vista dell impresa. In altre parole, questa divergenza tra obiettivi privati e obiettivi di profitto dell impresa potrebbe portare i dipendenti a scegliere di partecipare in progetti di scarso interesse per l attività di impresa e a dedicare il proprio tempo a interazioni con la comunità poco utili allo sviluppo della sua offerta, ma assai vantaggiose per quello del loro capitale umano. In sintesi, delegare ai dipendenti l autorità decisionale espone l impresa al rischio che essi scelgano di intraprendere azioni che massimizzano i propri benefici privati a scapito degli obiettivi dell impresa (Aghion e Tirole, 1997). Il vantaggio dell utilizzo della conoscenza specifica dei dipendenti nel processo decisionale (e quindi il costo della perdita di informazione rispetto a quello della perdita di controllo) è tanto più elevato quanto maggiore è il pay-off atteso della decisione (Raith, 2008). Nel nostro caso, quindi, la propensione dell impresa a delegare per evitare di non perdere i benefici legati all utilizzo della specific-knowledge dei dipendenti nel processo decisionale sarà tanto maggiore quanto maggiore è l importanza strategica dell OS. In particolare, è stato osservato come le imprese OS, in genere, uniscano l offerta di soluzioni OS a quella di prodotti rilasciati con licenza proprietaria, adottando, cioè, un modello di business ibrido (Bonaccorsi et al., 2006). In queste imprese, quindi, l OS può rivestire un importanza strategica variabile, che è massima per quelle che devono all OS la generazione della maggior parte del loro fatturato e minima, invece, per chi relega il software a codice aperto ai margini del suo modello di generazione del valore. Allo stesso tempo, l importanza strategica dell OS è legata anche al tipo di attività innovativa che l OS abilita. In altre parole, un impresa può decidere di utilizzare il software a codice aperto per generare innovazione incrementale, adattando il codice liberamente scaricato da Internet alle esigenze dei clienti o radicale, sviluppando, soluzioni software completamente nuove e rilasciandole con licenza Open 8

9 Source (Rossi Lamastra, 2009). Naturalmente, quanto più l impresa si propone di realizzare soluzioni innovative tanto più trae beneficio dall identificare programmatori e progetti che producono buon codice e dall utilizzare tale codice nei propri processi innovativi. Di conseguenza, tanto più importante sarà l esplorare in maniera efficace la comunità OS e l agire efficacemente in esse. Al contrario, se la strategia dell impresa non è particolarmente innovativa, essa avrà minori stimoli a cercare di identificare e sfruttare al meglio fonti esterne di innovazione. Argomentazioni analoghe valgono per la quota di fatturato generata dall OS: se il peso dell OS rispetto al totale delle vendite è trascurabile, l interesse dell impresa a sfruttare contributi esterni per sviluppare la propria offerta sarà limitato. Sulla base di questo discusso, possiamo, quindi, formulare la nostra prima ipotesi di ricerca. H1: a parità di altre condizioni, la probabilità di delega ai dipendenti di autorità decisionale circa le interazioni con la comunità OS, cresce al crescere dell importanza strategica che l OS riveste per l impresa Qualsiasi sia l importanza strategica dell OS, il vantaggio informativo dei dipendenti, è tanto minore quanto maggiore è l esperienza che l impresa ha maturato attraverso le sue precedenti interazioni con la comunità OS. In particolare, se l impresa ha già partecipato a molti progetti OS, è probabile che abbia avuto modo di conoscere quali siano i progetti e i programmatori migliori e di apprendere le regole non scritte che regolano il funzionamento dei progetti stessi (Bonaccorsi e Rossi, 2006; Osterloh e Rota, 2007). Un impresa che ha partecipato a molti progetti nel corso della sua attività con l OS avrà, pertanto, ha minor bisogno di utilizzare la conoscenza specifica dei dipendenti nei propri processi decisionali. Ciò riduce la probabilità che l impresa deleghi le decisioni ai dipendenti. H2: a parità di altre condizioni, la probabilità di delega decresce con l esperienza che l impresa ha maturato attraverso precedenti interazioni con la comunità OS. Infine, come sottolineato in precedenza, i dipendenti possono trarre notevoli benefici privati dal segnalare il proprio talento attraverso la partecipazione a progetti OS. Essendo il codice aperto e, 9

10 come tale, visibile a chiunque, così come accessibili a tutti sono le mailing list dei progetti in cui gli utenti propongono quesiti, i dipendenti possono fare mostra delle proprie competenze fornendo buon codice (Raymond, 2001) oppure rispondendo ai quesiti più complessi (Lakhani and von Hippel, 2003). Di conseguenza, se un impresa OS sviluppa codice e partecipa regolarmente alle mailing list dei progetti, essa corre maggiori rischi che i propri dipendenti utilizzino l attiva partecipazione alla comunità OS per documentare le proprie capacità tecniche in modo da segnalare la propria professionalità sul mercato del lavoro, invece di massimizzare i benefici privati per il proprio datore di lavoro. Se tale effetto di segnalazione avesse successo, essi, avendo mostrato la loro abilità, potrebbero essere notati e ricevere proposte di assunzione dai concorrenti. Inoltre, lo svolgimento di attività di segnalazione, potrebbe avere un impatto, non solo sulle motivazioni estrinseche dei dipendenti, ma anche su quelle intrinseche ( Frey, 1997). In altre parole, il fatto che il loro operato sia sotto gli occhi dell intera comunità OS, potrebbe spingere i dipendenti a svolgere nei progetti le attività più difficili e sfidanti, piuttosto che quelle più utili all impresa, non solo per segnalare le loro capacità ad altre imprese potenziali datrici di lavoro, ma, semplicemente, per il piacere di risolvere problemi complessi mostrando così il proprio talento e guadagnando una reputazione presso gli altri sviluppatori OS (Bitzer et al., 2007). In sintesi, tutto ciò lascia spazio alla divergenza tra i benefici privati dei dipendenti e il pay-off monetario dell impresa, rendendo la delega meno efficiente, e pertanto, meno probabile. Possiamo, quindi, concludere quanto segue. H3: a parità di altre condizioni, la probabilità di delega decresce con lo svolgimento da parte delle impresa di attività che consentano ai dipendenti di segnalare il proprio talento. 10

11 3. I dati 3.1 Il campione Per testare le ipotesi teoriche presentate nella sezione 2, utilizziamo la banca dati ELISS, sviluppata nel 2004 dal laboratorio di Economia e Management della Scuola Superiore Sant Anna di Pisa all interno del progetto CIPR del Network of Excellence PRIME 3, finanziato dalla Comunità Europea nell ambito del Sesto Programma Quadro. ELISS contiene dati relativi all attività OS di un campione di 918 imprese di software (codice Ateco 72.2: Informatica e attività correlate) localizzate in 5 paesi Europei (Finlandia, Germania, Italia, Portogallo e Spagna, per maggiori dettagli si veda Bonaccorsi et al., 2005). È opportuno sottolineare come in questa indagine non si siano sovra campionate le imprese OS, infatti, prima dell invio dei questionari, il gruppo di ricerca non possedeva informazioni relative a quante e quali imprese offrissero soluzioni OS. Il questionario ELISS era articolato in due sezioni: la prima era volta a raccogliere informazioni di dettaglio su caratteristiche strutturali delle imprese, quali l anno di fondazione, la struttura proprietaria, il numero di fondatori, la dimensione, il livello di istruzione degli addetti, e la tipologia di clienti, mentre la seconda sezione includeva domande relative all attività OS delle imprese, quali le tipologie di prodotti e servizi software offerti e la licenza utilizzata (solo OS con distinzione tra licenze copyright e non copyright-, solo proprietaria o entrambe), le motivazioni alla base della scelta di avviare o no attività OS, le strategie di innovazione perseguite attraverso l utilizzo di software a codice aperto e i rapporti delle imprese con la comunità OS. Nella stesura del questionario il gruppo di ricerca si è avvalso dei suggerimenti raccolti in occasione di incontri con soci e programmatori di imprese di software. Il questionario così sviluppato è stato somministrato mediante intervista telefonica, via e attraverso un apposito sito Web. Successivamente, personale adeguatamente formato ha verificato la coerenza interna dei dati 3 progetto Collective Management of Intellectual Property Right (CIPR). La banca dati ELISS è stata sviluppata dal gruppo di ricerca del prof. Andrea Bonaccorsi, che gli autori ringraziano sentitamente per aver messo loro a disposizione la base di dati. Il gruppo di ricerca del laboratorio di Economia e Management era composto, oltre che da Andrea Bonaccorsi, da Cristina Rossi Lamastra e Alessandro Scateni. 11

12 raccolti e, in molti casi, ha realizzato interviste telefoniche o face-to-face con i rispondenti per ottenere le informazioni mancanti e garantire l affidabilità dei dati raccolti 4. Secondo le nostre conoscenze, ELISS è l unica indagine realizzata su larga scala per analizzare l attività OS delle imprese di software a livello internazionale. Dati i nostri obiettivi di ricerca, in questo lavoro consideriamo solo le 361 imprese che offrono ai propri clienti prodotti e servizi basati su software OS che, in linea con Bonaccorsi et al. (2006), che definiamo, appunto, imprese OS. 5 In particolare, il nostro campione include esclusivamente le 316 imprese OS per le quali è stato possibile assegnare un valore a tutte le variabili di nostro interesse (per una descrizione puntuale si veda la sezione 4.2). Siamo consapevoli del fatto che questo studio si concentri su una popolazione di imprese, quelle che offrono ai propri clienti beni e servizi basati sul software OS, che è per sua natura hidden (Bonaccorsi et al., 2006), non essendo, a oggi, disponibile un censimento completo nei 5 paesi analizzati. La mancanza di una definizione precisa della popolazione, non consente di estrarre da essa un campione che soddisfi in maniera rigorosa i criteri della rappresentatività. La Tabella 1 mostra la distribuzione delle imprese del campione per nazione, dimensione ed età. La distribuzione per dimensione (misurata come somma di soci operativi, dipendenti e collaboratori esterni) appare diversa da nazione a nazione. In particolare, le imprese tedesche e spagnole sono in genere più grandi delle altre, mentre sia le italiane sia le portoghesi sono mediamente le più piccole. Infatti, solo il 15,6% delle imprese tedesche e il 32,1% delle imprese spagnole impiegano meno di 10 addetti, contro il 61,1% per la Finlandia, il 71,9% per l Italia e il 57,1% per il Portogallo. Al contempo, solo tre imprese spagnole e una tedesca impiegano più di 500 addetti. Anche la distribuzione per età varia da nazione a nazione, con le imprese finlandesi e spagnole mediamente più giovani. Un ulteriore informazione interessante non riportata in tabella è l anno di inizio dell attività con il 4 Come anticipato, il numero totale di rispondenti è stato 918, con un tasso di risposta vicino al 17% 5 Sempre seguendo Bonaccorsi et al. (2006), definiamo imprese OS anche le imprese che offrono sia prodotti e servizi OS sia soluzioni proprietarie, adottando, quindi, un modello di business ibrido. 12

13 software OS, dato disponibile per tutte le nazioni, ad eccezione della Spagna. Come ci aspettavamo, poiché la partecipazione delle imprese al movimento OS è un fenomeno recente (von Krogh et al., 2009), la maggior parte del campione (81,7%) ha adottato l OS dopo il 1998, l anno in cui i padri fondatori del movimento hanno stabilito l Open Source Initiative. In particolare, il 35,1% ha adottato l OS sin dalla fondazione, mentre circa il 50% lo ha fatto entro il terzo anno di vita. 3.2 Partecipazione ai progetti OS e delega decisionale ai dipendenti Questa Sezione ha un obiettivo puramente illustrativo: fornire una descrizione preliminare delle attività che le 316 imprese OS del campione svolgono nel campo dell OS, ponendo particolare attenzione alla partecipazione attiva nei progetti OS e delega ai dipendenti di autorità decisionale rispetto all interazione con la comunità OS. 138 imprese del campione (43,7%) hanno (o hanno avuto in passato) un ruolo attivo nei progetti della comunità OS. Questo dato appare in linea con la letteratura (si veda Capra et al., 2009 per una rassegna e dati empirici sul tema) che sostiene come, rispetto alla comunità OS, un numero di imprese contenuto ma in progressivo aumento non si comportino solo come takers, scaricando dal Web il codice scritto da programmatori OS e adattandolo alle esigenze dei propri clienti, ma siano anche givers, condividono il proprio codice e le proprie conoscenze con altri partecipanti ai progetti OS. Tale disponibilità allo scambio e all interazione con la comunità ha varie spiegazioni (Henkel, 2009): le imprese possono voler influenzare le direzioni future dei progetti OS (Dahlander, 2007), ottenere feedback e contributi dalla comunità (Bonaccorsi e Rossi, 2006), e/o guadagnarsi una reputazione di membri leali della comunità per ridurre i propri costi di marketing (West and O Mahony, 2005) ovvero segnalare le proprie capacità tecniche ai venture capitalists (Alexy, 2008; Goth, 2005). La Tabella 2 riporta alcune statistiche su caratteristiche strutturali delle imprese del campione e delle imprese che partecipano (o hanno partecipato in passato) a progetti OS. La Tabella 2 mostra la distribuzione per nazione, tipologia di offerta e tipologia di clienti principali delle imprese del campione che partecipano ai progetti OS. È interessante sottolineare che, 13

14 nonostante non esistano significative differenze tra le nazioni per quanto concerne la partecipazione ai progetti (χ 2 test(4)=1.75), le imprese italiane tendono a partecipare meno ai progetti della comunità OS, probabilmente come conseguenza delle peculiarità dell industria del software italiana, formata prevalentemente da imprese di piccole dimensioni che offrono soluzioni su commessa. Infatti, nel corso delle interviste face-to-face condotte per completare e correggere i dati raccolti attraverso la somministrazione del questionario, diversi soci di imprese italiane hanno spiegato che, poiché il software da loro offerto è altamente personalizzato e ritagliato su specifici bisogni dei clienti, esso sarebbe di scarso interesse per altri partecipanti a progetti OS. Allo stesso tempo, essi hanno osservato come il codice sviluppato da altri membri della comunità raramente possa essere utile per il proprio business. In sintesi, non ritengono proficuo interagire con la comunità. È possibile rilevare differenze significative (χ 2 test(3)=7.21) circa la partecipazione ai progetti tra imprese che presentano una diversa offerta OS. Molte imprese OS, come era da attendersi, hanno una strategia ibrida, che combina in varia misura l offerta di soluzioni proprietarie e OS. In particolare, solo 62 imprese su 316 (il 19,6%) sostengono di proporre solo soluzioni OS ai propri clienti, mentre 71 (22,5%) dichiarano di offrire prevalentemente soluzioni proprietarie, 99 (31,2%) forniscono sia programmi OS che proprietari e 82 (25,9%) offrono prevalentemente, ma non esclusivamente, soluzioni OS. In linea con l evidenza empirica e aneddotica (Benussi, 2007), le imprese che offrono esclusivamente o prevalentemente soluzioni OS, partecipano ai progetti della comunità più delle altre (rispettivamente il 62,9% e il 50,0% di queste imprese sono coinvolte in progetti OS). Tuttavia anche queste differenze non sono statisticamente significative. Per quanto riguarda le caratteristiche dei clienti, invece, non esistono differenze significative tra le imprese che partecipano a progetti OS e quelle del campione (χ 2 test(5)=2.04). Tutte si rivolgono prevalentemente a una clientela business (per il 77,8% delle imprese del campione questa è la clientela principale), in particolare a PMI (54,4%), mentre poche imprese servono principalmente Università (3,5%) o utenti finali (2,5%). La composizione della clientela può essere conseguenza della piccola dimensione; infatti, in genere, il rivolgersi a utenti finali prevede di commercializzare 14

15 prodotti software standardizzati, i cui elevati costi fissi di sviluppo sono ammortizzabili solo a fronte di un alto volume di vendite. All interno dei progetti OS, le imprese svolgono varie tipologie di attività (si veda la Tabella 3); in genere, non si limitano ad attività poco creative, quali la stesura di documentazione o la sistemazione di bug (ossia di errori presenti nel codice), ma, spesso, scrivono codice (77,5% delle imprese che partecipano a progetti), che in molti casi (69,6%) è accettato nelle versioni ufficiali dei progetti, e forniscono assistenza all interno delle mailing list di progetto (55,8%). Questi dati sono in linea con i recenti risultati di Capra et al. (2009), Eilhard (2008), e Ghosh et al. (2008) sul coinvolgimento delle imprese nei progetti OS ospitati sul repository on line SourceForge (http://www.sourceforge.net). Per quanto concerne la delega di autorità decisionale ai dipendenti, ai rispondenti è stata posta la seguente domanda: l impresa autorizza i propri dipendenti a contribuire in orario di lavoro a progetti OS che non siano direttamente in relazione con quelli a cui l impresa già partecipa (o aveva già partecipato)? Poiché questa domanda implica un coinvolgimento dell impresa in progetti della comunità OS, è stata posta esclusivamente alle imprese che hanno dichiarato di partecipare (o di aver partecipato in passato) a progetti OS. La Tabella 4 mostra la distribuzione per nazione e offerta OS delle imprese che hanno risposto in maniera affermativa a questa domanda e mette in evidenza eventuali differenze rispetto a entrambe le dimensioni tra imprese che partecipano ai progetti OS e imprese che delegano autorità decisionale ai propri dipendenti. Si nota, in particolare, come la delega ai dipendenti sia molto più frequente in Finlandia e meno in Italia e Spagna e come le imprese la cui offerta è principalmente orientata a soluzioni proprietarie tendano a delegare meno rispetto alle rimanenti imprese. Tuttavia queste differenze non sono significative. 15

16 4. La metodologia dell analisi econometrica 4.1. La specifica del modello econometrico L analisi delle determinanti della delega da parte delle imprese che partecipano ai progetti OS è realizzata attraverso la stima di un modello econometrico che spiega la decisione di delegare ai dipendenti attraverso variabili che riflettono caratteristiche firm-specific (quali dimensione, età, fatturato generato dalla vendita di prodotti e/o servizi OS e strategia innovativa) e deal-specific, ossia che descrivono le relazioni dell impresa con la comunità OS (quali il numero di progetti OS a cui l impresa ha partecipato e le attività svolte all interno di questi progetti). La variabile dipendente (DDELEGA) è una variabile binaria che assume valore uno se la risposta alla domanda riportata nella sezione 3.2 è sì e zero in caso contrario. Poiché questa variabile è definita solo per le imprese che partecipano ai progetti OS, le stime tradizionali per variabili dipendenti binarie si rivelerebbero inconsistenti e non adatte all analisi. La presenza di non ignorable missing data (Allison, 2002, p. 5), infatti, genera problemi di selection bias (Heckman, 1976) sulla dipendente. In altre parole, per stimare correttamente la scelta di delegare autorità decisionale ai propri dipendenti occorre considerare opportunamente la scelta antecedente di partecipare alla comunità OS e tener conto della selezione che può derivarne nel campione. Pertanto, in linea con la recente letteratura empirica (Demidenko, 2004), utilizziamo la correzione a due stadi del modello Probit proposta da Heckman (1981). In particolare, nel nostro caso, al primo stadio corrisponde l equazione (1), un modello di selezione di tipo Probit che spiega le probabilità che un impresa partecipi a progetti della comunità OS. Nel secondo stadio stimiamo l equazione di delega (2), attraverso un ulteriore modello Probit che spiega la probabilità di delegare ai dipendenti l autorità decisionale in merito all interazione con la comunità. * DPROGETTI i = ziγ + v i (1) * DDELEGA i = xiβ + u i (2) dove 16

17 DDELEGA DDELEGA e i i = DDELEGA = 0 se * i se DPROGETTI DPROGETTI * i = 0 * i > 0 DPROGETTI DPROGETTI i i = 1 = 0 se se DPROGETTI DPROGETTI * i * i > 0 = 0 Nonostante a priori non si possa escludere che le variabili esplicative possano agire su entrambe le specifiche, il loro impatto potrebbe essere diverso in ogni stato Le variabili esplicative In Tabella 5 sono presentate le variabili esplicative utilizzate nella stima dei modelli econometrici, distinguendo tra variabili utilizzate al primo e al secondo stadio (rispettivamente, determinanti della probabilità di partecipare ai progetti della comunità OS e determinanti della probabilità di delegare ai dipendenti). Tra le determinanti della delega compaiono, innanzitutto, tre misure dell importanza strategica rivestita dall OS per l impresa. I primi due indicatori misurano l innovatività della strategia OS dell impresa. Il database ELISS contiene informazioni di dettaglio sulle tipologie di strategie di innovazione intraprese dalle imprese a partire dal software sviluppato dalle comunità OS. Tali strategie variano dall avere una natura incrementale (quali la semplice fornitura di servizi complementari a prodotti OS standard) all essere più radicali (quali lo sviluppo di nuovi prodotti OS a partire da zero). In particolare, i dati ELISS ci hanno consentito di costruire le seguenti variabili binarie: DINNO1, che è uguale a uno se l impresa propone prodotti OS standard insieme a servizi complementari (quali installazione e formazione all uso dei prodotti, ad esempio installazione e formazione all utilizzo del sistema operativo Linux), DINNO2 uguale a uno se l impresa adatta programmi e soluzioni OS già esistenti alle esigenze dei propri clienti, DINNO3 che assume il valore uno quando l impresa integra programmi e moduli OS già esistenti in nuove soluzioni e li rilascia con licenza OS, DINNO4 uguale a uno se l impresa progetta e sviluppa nuove 17

18 soluzioni su richiesta dei clienti e le rilascia con licenza OS, e DINNO5 uguale a uno se l impresa sviluppa prodotti totalmente nuovi e li immette sul mercato con licenza OS. A partire da queste 5 variabili binarie si è, successivamente, cercato di costruire un unico indicatore sintetico. Per fare ciò si è calcolata la matrice di correlazione tetracorica tra le cinque variabili (si veda la Tabella A1 in Appendice), utilizzandola poi in un analisi fattoriale delle componenti principali (la tabella A2 in Appendice presenta i risultati di tale analisi dopo rotazione Varimax). Poiché è risultato che due fattori presentano un autovalore superiore all unità e spiegano il 70,4% della varianza nei dati, si è deciso di introdurli entrambi nei nostri modelli. Abbiamo utilizzato il nome INNO_RADICALE per il primo fattore, poiché in esso ricadono gli indicatori di strategie innovative più radicali (DINNO4 e DINNO5), mentre abbiamo utilizzato il nome INNO_INCREMENTALE per il secondo poiché in esso rientrano gli indicatori di strategie innovative meno radicali (DINNO1 e DINNO2; DINNO3 ricade in entrambi i fattori). Il terzo indicatore dell importanza strategica dell OS per l impresa che abbiamo introdotto nei modelli è rappresentato da PERC_FATT_OS, che misura la percentuale del fatturato dell impresa generato dall offerta OS. In linea con l ipotesi H1, ci aspettiamo che il segno del coefficiente di questa variabile, così come quelli di INNO_RADICALE e INNO_INCREMENTALE siano positivi. Per testare l ipotesi H2 introduciamo nelle stime una misura dell esperienza che l impresa ha maturato nelle precedenti interazioni con la comunità OS: LNPROG_OS, il logaritmo del numero di progetti OS in cui l impresa è entrata dall inizio della propria attività con l OS. Poiché quanto maggiore è l esperienza di un impresa con l OS, tanto meno rilevante è il vantaggio informativo dei suoi dipendenti e, dunque, tanto minore è la probabilità di delegare loro autorità decisionale, ci aspettiamo che il coefficiente della variabile abbia segno negativo. Coerentemente con l ipotesi H3, ci aspettiamo un segno negativo anche per il coefficiente della variabile binaria DTASK_NON_ROUTIN, che indica se l impresa scrive codice e/o è solita rispondere alle mailing list dei progetti OS in cui partecipa, attività che consentono ai dipendenti di 18

19 segnalare il proprio talento all interno della comunità OS. Consideriamo ora le variabili di controllo introdotte nei modelli. Tra le determinanti della delega abbiamo innanzitutto inserito LNDIMENSIONE, il logaritmo della somma del numero di soci operativi, dipendenti e collaboratori esterni dell impresa, come proxy della dimensione dell impresa e, quindi, della complessità della sua struttura organizzativa. Quanto più grande è l impresa, infatti, tanto più numerose sono le attività che i manager/amministratori devono gestire, dunque, tanto maggiore è il rischio di sovraccarico informativo che li induce a delegare autorità decisionale ai dipendenti (Colombo e Delmastro, 2004). Ci aspettiamo, dunque, che il segno del coefficiente di LNDIMENSIONE sia positivo. Una seconda variabile firm-specific che potrebbe spiegare la scelta di delegare autorità decisionale ai dipendenti è l età dell impresa (ETA), tuttavia non abbiamo aspettative sul segno del suo coefficiente, essendo controversa l evidenza empirica sul tema (Colombo e Delmastro, 2008). Infine, poiché riteniamo che la propensione alla delega possa variare da nazione a nazione, abbiamo inserito tra i controlli la variabile TRUST_NAZIONE, che è stata costruita utilizzando dati pubblici della World Values Survey 6, una serie di indagini condotte tra il 1981 e il 2007 su campioni rappresentativi di individui residenti in 66 Paesi per investigare le differenze relative alle loro attitudini sociali, religiose e politiche. Una delle domande poste nel corso di questa indagine si riferisce alle aspettative dei rispondenti riguardo al livello di fiducia che gli altri individui ispirano: In generale, diresti che ci si può fidare della maggior parte delle persone o che occorre essere cauti nel relazionarsi con gli altri? Utilizzando le risposte a questa domanda raccolte nel corso dell'indagine che è stata svolta tra novembre 2005 e febbraio 2006, abbiamo calcolato TRUST_NAZIONE come la percentuale degli individui che nella nazione in cui l impresa è localizzata hanno risposto che ci si può fidare della maggior parte delle persone. Il segno atteso del coefficiente di questa variabile è positivo poiché sembra ragionevole aspettarsi che la probabilità che un superiore deleghi autorità decisionale ai 6 19

20 propri sottoposti sia più alta nelle nazioni in cui le persone sono più propense a fidarsi degli altri (un risultato simile è in Bloom et al., 2009). Consideriamo ora le variabili che sono state introdotte nell equazione di selezione relativa alla partecipazione ai progetti OS, il primo stadio del modello di Heckman. La sopracitata letteratura sul tema suggerisce che la decisione di un impresa di partecipare ai progetti della comunità OS dipenda da vari fattori. Innanzitutto, può avere un ruolo importante il fatto che chi gestisce l impresa condivida i valori fondamentali del movimento OS. Abbiamo dunque costruito la variabile binaria DVALORI_OS, che vale uno per le imprese che hanno indicato la condivisione dei valori del movimento OS tra le prime tre motivazioni che spiegano la scelta di iniziare a offrire prodotti e servizi OS. Tali valori, infatti, promuovono lo scambio di conoscenze e codice con gli altri membri della comunità (Zeitlyn, 2003), quindi, coloro che li condividono saranno naturalmente più propensi all interazione e allo scambio e, dunque, anche a contribuire attivamente ai progetti. Poiché ci aspettiamo che condividere i valori del movimento abbia un effetto positivo sulla propensione a partecipare ai progetti OS, il segno atteso del coefficiente della variabile DVALORI_OS è positivo. Inoltre, la partecipazione ai progetti può essere influenzata dall ampiezza dell offerta OS. In particolare, dovrebbero essere più propense a entrare nei progetti le imprese che offrono un più alto numero di prodotti e/o servizi OS, poiché l interazione con la comunità può fornire loro conoscenze e codice che possono essere utilizzati per lo sviluppo di una più ampia gamma di soluzioni. Al contrario le imprese che offrono pochi prodotti e/o servizi OS hanno minore esigenza della conoscenza generata dalle comunità e potrebbero, pertanto, limitarsi a utilizzare le informazioni disponibili su Internet senza dover necessariamente contribuire attivamente. Si sono, dunque, costruite due variabili: LNPRODOTTI_OS e LNSERVIZI_OS calcolate come logaritmo rispettivamente del numero di prodotti e del numero di servizi OS offerti dall impresa. Ci aspettiamo un segno positivo per i coefficienti di entrambe. Poiché imprese di diverse età possono avere una differente attitudine nei confronti della comunità, anche nell equazione di selezione abbiamo introdotto la variabile ETA. Anche in questo caso non 20

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale Analisi esplorative di dati testualilezione 2 Le principali tecniche di analisi testuale Facendo riferimento alle tecniche di data mining,

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS)

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) >> Il Sistema MVS permette di misurare e valutare la sicurezza aziendale (nell accezione di Security) nei

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Esercitazioni di Statistica

Esercitazioni di Statistica Esercitazioni di Statistica Test d ipotesi sul valor medio e test χ 2 di adattamento Prof. Livia De Giovanni statistica@dis.uniroma1.it Esercizio 1 Si supponga che il diametro degli anelli metallici prodotti

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Percorsi didattici, interdisciplinari ed innovativi per la Statistica Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Presidente Federazione Europea delle Società Nazionali di Statistica Scuola Estiva di Matematica

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 31 Gennaio 2014 Spett.le Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico Direzione Mercati Unità Mercati Elettrici all'ingrosso Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 587/2013/R/eel

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE ATTIVITÀ 42.99.01 LOTTIZZAZIONE DEI TERRENI CONNESSA CON L URBANIZZAZIONE ATTIVITÀ 68.10.00 COMPRAVENDITA DI

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Cosa significa Open Source? Cos'è il software libero? Applicazioni ai GIS

Cosa significa Open Source? Cos'è il software libero? Applicazioni ai GIS MondoGIS_59 29-03-2007 10:31 Pagina 62 Cosa significa Open Source? Cos'è il software libero? Applicazioni ai GIS OPEN SOURCE È UN TERMINE ORMAI DI MODA, ANCHE IN AMBITO GEOGRAFICO. I VANTAGGI DEL SOFTWARE

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Livello di. Indice. 1. Premessa ... 6. Pag. 1 a 8

Livello di. Indice. 1. Premessa ... 6. Pag. 1 a 8 Livello di benessere organizzativo, grado di condivisione del sistema di valutazionee e valutazione del superiore gerarchico g Sintesii dei risultati dell indagine 2013 svolta sul s personale ASI ai sensi

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Capitolo 12 La regressione lineare semplice

Capitolo 12 La regressione lineare semplice Levine, Krehbiel, Berenson Statistica II ed. 2006 Apogeo Capitolo 12 La regressione lineare semplice Insegnamento: Statistica Corso di Laurea Triennale in Economia Facoltà di Economia, Università di Ferrara

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli Prefazione Non è facile definire che cosa è un problema inverso anche se, ogni giorno, facciamo delle operazioni mentali che sono dei metodi inversi: riconoscere i luoghi che attraversiamo quando andiamo

Dettagli

General Linear Model. Esercizio

General Linear Model. Esercizio Esercizio General Linear Model Una delle molteplici applicazioni del General Linear Model è la Trend Surface Analysis. Questa tecnica cerca di individuare, in un modello di superficie, quale tendenza segue

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli