Open source: una strategia per la PA Luca Gioppo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Open source: una strategia per la PA Luca Gioppo 0113168713 Luca.Gioppo@csi.it"

Transcript

1 Open source: una strategia per la PA Luca Gioppo Franco Gola Csi Piemonte corso unione sovietica , Torino Sommario Il CSI-Piemonte, recuperando una sua consolidata esperienza in ambito open source ha realizzato una piattaforma di middleware (OASI) che consente di dispiegare servizi di business con livelli d affidabilità elevati e di qualità industriale. Questa piattaforma, rilasciata nel rispetto delle licenze open source, sarà pubblicata sul sito questo diventerà il punto di riferimento per coloro che sceglieranno questa soluzione. Il CSI, con OASI, vuole fornire un opportunità ed un vantaggio competitivo alle aziende ICT dando concretezza ed autorevolezza all utilizzo dell open source nell'ambito della Pubblica Amministrazione. In questo scenario di colloca anche l iniziativa, promossa da Regione Piemonte, Provincia di Torino e Comune di Torino per lo sviluppo di una piattaforma di gestione documentale, secondo le modalità innovative dell open source, a supporto dei propri procedimenti amministrativi. Il CSI e l open source Adozione dell open source per i servizi alla PA L esperienza del CSI in ambito open source ha radici profonde. Gli ambienti web sono sempre stati realizzati con soluzioni open source composte da server Linux, web server Apache e sviluppi in PERL e PHP. Altre esperienze rilevanti sono state le caselle di posta per i cittadini di TorinoFacile realizzate con IMP, la CA costruita insieme a CSP con esperienze open source, la piattaforma multicanale della Regione Piemonte implementata con Cocoon. Queste sono sempre state, però, esperienze puntuali in risposta ad esigenze specifiche. La realtà dei prodotti open source di questi ultimi anni offre un panorama tecnologico più completo, che ha consentito al Consorzio di operare una scelta più strutturale e di pianificare la realizzazione di un infrastruttura di middleware completa da affiancare a quella commerciale attualmente esistente. Per questo è nata l esperienza del progetto OASI (Open Available Secure Integrated) che ha portato avanti la costruzione della piattaforma, per consentire di dispiegare servizi di business secondo canoni d alta affidabilità e di livello industriale, recuperando ed espandendo l esperienza maturata in questi anni. Le componenti di base più importanti utilizzate vanno dal sistema operativo Linux, al web server Apache, al DB server MySQL, all application server JBoss fino al directory server OpenLDAP comprese le parti di gestione e amministrazione, il tutto corredato da una procedura d installazione semplice e rapida che consente di installare tutto in poche ore. Parallelamente è stata prodotta una documentazione sui temi e sui prodotti inclusi sulla piattaforma che sarà rilasciata sotto licenza Creative Commons, mentre la piattaforma stessa sarà rilasciata con licenza GPL. Il valore di quest approccio è di aver affrontato tutte le problematiche di chi deve offrire un servizio in grado di rispettare elevati livelli d affidabilità, per questo sono state effettuate tutte le configurazioni sistemistiche per ogni componente tali da garantire i requisiti descritti. Sia la piattaforma sia la documentazione sarà pubblicata e resa disponibile su un sito che sarà il punto di riferimento non solo tecnico su OASI, ma un punto d incontro sui temi dell open source. Quali opportunità OASI genera Rendendo pubblicamente disponibile OASI il CSI intende stimolare un approccio diverso sul tema dell open source. Innanzi tutto si vuole affermare che oggi con l open source è possibile realizzare servizi di livello industriale. In questo senso OASI rappresenta un elemento concreto e tangibile, su di essa sarà sviluppata la piattaforma di gestione documentale per i tre enti principali del Piemonte. Da un punto di vista d immagine, infatti, l open source non è ancora riconosciuto come strumento che offre adeguate garanzie d affidabilità, è impressione comune che si parli di strumenti liberamente scaricabili magari

2 con ottime potenzialità, ma è sempre presente quella sensazione di essere lasciati in balia di se stessi, sia per quello che riguarda lo sviluppo sia per il supporto sia per un senso d incertezza sul tempo di vita del prodotto, l esperienza di OASI mira a cambiare questa sensazione. Gli strumenti utilizzati sono tutti liberamente scaricabili, ma sono tutti prodotti sviluppati da realtà industriali che sono leader nelle loro fasce di mercato, come RedHat o MySQL, è pertanto sempre possibile attivare dei contratti di supporto così come accade con i fornitori abituali. È vero che in alcuni casi ci si trova di fronte ad aziende che non hanno una presenza sul territorio italiano, ma, fortunatamente, le possibilità offerte dall ambiente lavorativo basato su internet rendono quest ostacolo facilmente superabile. Avere la possibilità, per un azienda ICT, di adottare la soluzione OASI per i propri sviluppi consente di beneficiare di un esperienza condivisa che sarà sempre più importante a mano a mano che aumenterà l utilizzo della piattaforma. Queste aziende potranno presentarsi con una soluzione riconosciuta e avvalorata da un utilizzo in campi importanti come quelli della Pubblica Amministrazione. Le ricadute per le imprese L esperienza di OASI può generare diverse ricadute per il contesto delle imprese. Il convergere su alcune soluzioni tecnologiche vuole essere anche una garanzia per le imprese ICT che vogliono operare delle scelte in direzione dell open source sul fatto che potranno riutilizzare i loro investimenti. Possono pertanto aprirsi spazi di collaborazione con i fornitori di prodotti open source spesso alla ricerca di partner affidabili da indicare per il supporto o lo sviluppo di soluzioni progettuali. Vi è la possibilità di fornire servizi di formazione su tecnologie open source per le quali è ancora difficile trovare occasioni formative adeguate. Il supporto sugli strumenti open source è un altra delle opportunità che si apre. Ultima, ma non meno importante, utilizzare OASI per le proprie soluzioni consente di ridurre i costi interni ed essere più competitivi sul mercato e per proporre l utilizzo della tecnologia open source come un approccio credibile ed autorevole nei confronti dei propri clienti. La competizione si ha, infatti, sulle soluzioni che si costruiscono sopra una piattaforma di middleware e non certo sul costruirla, il poter condividere con molti attori (alcuni dei quali gli enti pubblici) l utilizzo e l evoluzione della piattaforma consente di ridurre quei costi che non portano direttamente benefici al business. Si prospetta pertanto OASI come un marchio di garanzia di una filiera tecnologica basata su un modello di sviluppo diverso. Questo è un percorso a lungo termine, che muoverà i suoi primi passi raccogliendo la partecipazione ed il contributo di chi crederà nel modello proposto. Le opportunità negli altri ambiti La scuola L open source può trovare un valido campo d applicazione anche in ambito scolastico. In questo caso OASI potrà fare da apripista e da collettore per altre esperienze. L utilizzo di Linux e dell open source sui computer presso le scuole assume diverse importanti valenze: Non ha oneri economici; Funziona anche su elaboratori meno recenti consentendo di allestire laboratori e aule didattiche adeguate alle esigenze degli istituti; Consente il recupero di elaboratori perfettamente funzionanti che andrebbero al macero e ad intasare le discariche Fornisce una chiave di lettura etica (quella che sta alla base dei movimenti del free software) in un ambiente scolastico e formativo Contribuisce a creare nei giovani un attitudine al lavoro di sviluppo collaborativo ed internazionale sul quale sono basati i progetti open source, stimolando così l apprendimento delle lingue straniere. La costruzione stessa dei laboratori può essere affidata agli studenti, che, sotto la supervisione dei docenti, possono cimentarsi nell assemblare e configurare l hardware sentendosi più partecipi delle attività scolastiche e maturando competenze spendibili in un futuro posto di lavoro. Tutto ciò contribuirà al percorso formativo degli studenti rendendoli cittadini più consapevoli delle tecnologie. Avviare anche dei corsi di formazione per il personale docente, in modo da consentire loro di guidare questo tipo d attività negli istituti, potrà essere altro elemento qualificante. Le collaborazioni con l estero L esperienza di OASI è spendibile anche nel contesto d iniziative come il 7 programma quadro o in ambiti internazionali. Soprattutto in nazioni dove l aspetto economico gioca un fattore decisivo sulla possibilità d informatizzare alcuni flussi della pubblica amministrazione, il disporre di soluzioni collaudate rappresenta un primo passo concreto verso una strada che, altrimenti, resterebbe di difficile attuazione. Questa è un opportunità per le aziende, che potrebbero riuscire a partecipare a progetti internazionali, come ad oggi accade per altri contesti applicativi (per esempio in ambito Business Intelligence). I centri di ricerca e gli atenei La presenza in Piemonte di centri di ricerca come il CSP e di atenei molto attivi e dinamici è un ulteriore tassello che può facilitare la strada verso l open source.

3 Il Politecnico di Torino ha recentemente attivato un servizio SeLiLi che ci occupa dei problemi di licenze in ambito open source. Il CSP, con il progetto TALEA, ha avviato un processo di disseminazione e di trasferimento tecnologico di soluzioni open source verso le aziende. Queste iniziative si conciliano perfettamente con la piattaforma OASI e possono contribuire a perseguire gli obiettivi indicati. La piattaforma di gestione documentale Premesse Regione Piemonte, Provincia di Torino e Comune di Torino intendono sviluppare una piattaforma condivisa di gestione documentale, secondo le modalità innovative dell open source, a supporto dei propri procedimenti amministrativi con l obiettivo di incrementare la propria efficienza di funzionamento attraverso l adozione di strumenti informatici. L iniziativa si colloca nel quadro più ampio di azioni, pianificate e coordinate dal sistema pubblico, tese a modernizzare e a valorizzare il tessuto economico piemontese, in particolare per il settore ICT, nonché a mettere a frutto gli investimenti sostenuti nell ambito dei progetti della pubblica amministrazione. Al contempo l iniziativa intende essere l occasione per stimolare il tessuto produttivo locale con l obiettivo di produrre una ricaduta positiva per le aziende piemontesi della produzione del software e della fornitura di servizi informatici. Fine dell iniziativa è anche creare nuove opportunità e nuove catene di valore che rafforzino le competenze tecniche già presenti sul territorio piemontese in materia di open source, contribuendo all attivazione di una linea di politica industriale totalmente coerente con le direttrici di sviluppo più volte indicate anche dall Unione Europea. Si vogliono inoltre valorizzare quelle competenze accademiche, metodologiche e tecnologiche che, partendo dalle necessità degli enti, siano in grado di produrre una soluzione che abbia un concreto spazio di mercato e che promuova il distretto delle aziende ICT piemontese su un contesto più ampio. Obiettivi Si possono, in sintesi, riassumere i seguenti obiettivi del progetto: realizzare un prodotto informatico open source per la Gestione Documentale in grado da un lato di assolvere agli obblighi di legge a cui gli enti pubblici devono riferirsi nel quotidiano esercizio di gestione dei procedimenti amministrativi e contestualmente essere un mezzo per la rilettura e il cambiamento dei processi organizzativi interni ai singoli enti, incentivando anche la ridefinizione del loro rapporto con i soggetti esterni (cittadini, imprese). Il prodotto dovrà essere esportabile anche a contesti diversi da quelli definiti dai tre enti sopra indicati, con caratteristiche di affidabilità e completezza di livello industriale, ampio grado di flessibilità ed orientato al massimo riuso delle sue componenti; determinare una ricaduta esterna sul tessuto economico del comparto ICT piemontese, sviluppando nuove competenze, agevolando e stimolando la creazione di nuovi modelli di crescita economica, verificando anche il superamento da parte delle PMI di tale settore di una logica body rental verso una proposizione al mercato di consulenza specialista e la realizzazione di progetti/prodotti ICT finiti. Tale obiettivo può diventare un primo banco di prova, concreto e significativo, per sviluppare in Piemonte una linea strategica industriale prioritariamente basata sul software libero, favorendo la creazione di una comunità in grado di diffondere la cultura necessaria per permettere, da una parte un approccio industriale di tale paradigma, e dall altra agevolando in modo diffuso l adozione di strumenti open, candidandosi così come punto di eccellenza e riferimento a livello nazionale. Aspetti organizzativi dell iniziativa L intera iniziativa sarà coordinata da uno Steering Committee che avrà il compito di avviare il processo di costruzione della soluzione informatica, definire le regole complessive dell intera iniziativa e garantirne nel tempo l applicazione (modello di business, meccanismi di coinvolgimento di ulteriori soggetti utilizzatori e delle aziende ICT). Tale organo avrà responsabilità sui tempi e sugli obiettivi complessivi, sui risultati dell iniziativa e sulle sue evoluzioni. Inizialmente lo Steering Committee sarà costituito da Regione Piemonte, Città di Torino, Provincia di Torino, CSI-Piemonte e Politecnico di Torino. Esso garantirà inoltre incontri periodici di confronto e concertazione con le associazioni di categoria del mondo imprenditoriale per assicurare che le scelte strategiche dell iniziativa siano aderenti agli obiettivi di sviluppo del mercato e di ricaduta sul territorio. Sarà costituita una Community degli Utilizzatori, che avrà il compito di definire i requisiti funzionali per la costruzione della soluzione informatica, definire le migliori pratiche operative per l adozione della soluzione stessa (rivisitazione dei processi, organizzazione, formazione, etc). In prima battuta tale community è costituita da Regione Piemonte, Città di Torino, Provincia di Torino. Sarà compito dello Steering Committee valutare i tempi e i modi per ampliare il coinvolgimento in tale community di ulteriori soggetti, pubblici e privati. Il CSI-Piemonte supporterà gli enti nella raccolta, consolidamento, condivisione e formalizzazione dei requisiti funzionali. Verrà inoltre identificato un efficace modello organizzativo per sviluppare la soluzione informatica con il coinvolgimento delle società ICT piemontesi di

4 tale comparto, secondo modi e regole che verranno definite nei prossimi mesi dallo Steering Committee. A tale modello organizzativo parteciperà il Politecnico di Torino in qualità di garante scientifico delle scelte tecnologiche e di Centro di Competenza sul software libero. La community sarà coordinata, sia organizzativamente sia tecnicamente, dal CSI- Piemonte. E in corso di definizione un efficace modello organizzativo per governare lo sviluppo della soluzione informatica e garantirne poi il suo mantenimento, con il coinvolgimento delle società ICT piemontesi di tale comparto, secondo modi e regole che verranno consolidate nei prossimi mesi dallo Steering Committee. Il governo dello sviluppo e del suo mantenimento, sia organizzativamente sia tecnicamente, è garantito dal CSI-Piemonte, in base alle sue capacità di gestione di progetti ICT complessi e in linea con la sua missione di ente strumentale per l informatica degli enti pubblici proponenti tale iniziativa. Politecnico di Torino e CSI-Piemonte, a partire dal perimetro funzionale individuato, hanno il compito di definire l architettura funzionale e tecnologica del sistema, concertandolo e condividendolo con il sistema delle imprese ICT del territorio, secondo lo schema più avanti definito. Soluzione tecnologica La soluzione dovrà rispondendere sostanzialmente ai due assi principali su cui si basa l iniziativa: fornire funzioni informatizzate per la gestione documentale, anche elettronica, delle pubbliche amministrazioni piemontesi; fornire una piattaforma tecnologica completa, flessibile ed estensibile per lo sviluppo di mercati esogeni per le imprese piemontesi. Essa dovrà prendere spunto e riferirsi quindi sia ad ambiti di dominio locale, sostanzialmente la normativa italiana in materia di gestione documentale, sia ad ambiti di tipo industriale esterni alla PA. I requisiti funzionali della piattaforma saranno quindi dettati in larga misura, nella prima fase, dall esigenza di una soluzione informatica in grado di assolvere alle necessità gestionali dell Archivio ufficiale dell ente pubblico, in termini di gestione della classificazione, del titolario, delle regole di distribuzione della documentazione, interna agli uffici e nei confronti dell esterno, di politiche di memorizzazione e conservazione (archivio corrente, di deposito e storico). Ovviamente in relazione alla normativa vigente in materia. Tale soluzione, chiamata convenzionalmente SIDE (Sistema Integrato di gestione della Documentazione Elettronica), costituirà insieme all applicativo protocollo, normalmente già presente nelle realtà in cui si calerà la soluzione, il nucleo portante del sistema di gestione documentale di un sistema informativo complesso. Gli oggetti informatici che saranno rilasciati al termine degli sviluppi costituiranno un bene comune, sia per gli enti, sia per le imprese del territorio, saranno messi a disposizione in base ai paradigmi di adozione, estensione ed evoluzione tipici delle community open source. Coinvolgimento delle imprese I parametri di valutazione del successo di una iniziativa che basa il proprio modello di riferimento sui paradigmi open source si muovono essenzialmente sui seguenti assi: il valore, in termini di qualità oggettiva, completezza funzionale, flessibilità, scalabilità, robustezza, dell oggetto informatico rilasciato con licenze open più il suo valore è alto, più chi lo potrà utilizzare liberamente ne avrà beneficio; il numero di utilizzatori; il numero di sviluppatori, soggetti del mercato ICT, che a regime, a partire dall oggetto inizialmente rilasciato in logica open, produrranno ulteriore valore, in termini di estensioni ed evoluzioni perché da loro utilizzati in contesti diversi da quelli per cui è stato sviluppato. Poiché si vogliono garantire i presupposti che la soluzione che verrà sviluppata sia fattivamente utilizzabile dalle imprese ICT per contesti di business esogeni rispetti a quelli da cui inizialmente è nata, diventa fondamentale condividere con esse i requisiti funzionali della soluzione e l impostazione tecnica di massima. Per perseguire ciò, si garantiranno: massima trasparenza dei requisiti funzionali di cui è già stata avviata la raccolta con gli enti pubblici di riferimento (Community Utilizzatori). Permettendo in itinere l ingresso ad altre realtà, anche private, che vorranno candidarsi all utilizzo della soluzione e raccogliendo le istanze di estensione e modifica che potranno pervenire; massima trasparenza dell impostazione tecnicoarchitetturale, raccogliendo idee e spunti di progettazione che potranno pervenire. Questo verrà reso possibile attraverso la pubblicazione di tutta la documentazione di progetto su un sito accessibile da rete pubblica, e la gestione delle istanze di estensione e modifica con strumenti tipici delle community open source (wiki, mailing list, etc). Il sito e via via gli strumenti saranno disponibili nel primo quadrimestre Saranno organizzati degli incontri periodici nel periodo Marzo-Maggio 2007 tra il CSI e le imprese ICT che, a titolo di investimento, vorranno condividere il dettaglio del progetto informatico, sia dal punto di vista funzionale (cosa farà), sia dal punto di vista tecnico-architetturale (come sarà costruita). Dovrà essere infine individuato un efficace modello, basato su paradigmi open source, per garantire il mantenimento della soluzione informatica, sia a beneficio degli enti utilizzatori, che auspicabilmente dovrebbero suddividersi in molti, e quindi abbattuti rispetto al singolo, gli oneri di manutenzione della soluzione, sia a beneficio di soggetti esterni, gli stessi che hanno collaborato all ideazione e/o allo sviluppo della soluzione, o altri che nel futuro si aggiungeranno,

5 che concorreranno all arricchimento del prodotto sviluppando su di esso un mercato esogeno.

DoQui - la nascita del progetto. Franco Gola Responsabile Piattaforme CSI-Piemonte

DoQui - la nascita del progetto. Franco Gola Responsabile Piattaforme CSI-Piemonte DoQui - la nascita del progetto Franco Gola Responsabile Piattaforme CSI-Piemonte Agenda L iniziativa DoQui Il modello di governance in Piemonte La gestione dell archivio: DoQui Acta La piattaforma DoQui

Dettagli

DoQui Progetto gestione documentale

DoQui Progetto gestione documentale Migrazione a Sistemi Open Source: Problematiche e Soluzioni in PA e Aziende Lugano, 06/02/2009 DoQui Progetto gestione documentale Domenico Lucà Direzione Piattaforme CSI-Piemonte Il CSI-Piemonte (Consorzio

Dettagli

Da DOQUI a PRODE: un percorso per la dematerializzazione

Da DOQUI a PRODE: un percorso per la dematerializzazione Innovazione, digitalizzazione,, e-governmente Da DOQUI a PRODE: un percorso per la dematerializzazione Genova - Magazzini del Cotone - 16 dicembre 2009 Laura Milone Regione Piemonte Obiettivi DoQui Il

Dettagli

PROFILO D IMPRESA. Analisi, realizzazione ed assistenza di sistemi informativi

PROFILO D IMPRESA. Analisi, realizzazione ed assistenza di sistemi informativi PROFILO D IMPRESA BENVENUTI IN EBS INFORMATICA L AZIENDA 01 L AZIENDA IL FUTURO DIPENDE DAL NOSTRO PRESENTE Ebs Informatica è nata da una consolidata esperienza del suo fondatore nell ambito della consulenza

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI INTERNAZIONALI DELL ISTRUZIONE SCOLASTICA UFFICIO V AUDIT DELLA QUALITÀ DEGLI INTERVENTI

Dettagli

InFormAL. Sistema informativo public domain per la gestione delle attività formative nelle Amministrazioni Locali

InFormAL. Sistema informativo public domain per la gestione delle attività formative nelle Amministrazioni Locali InFormAL Sistema informativo public domain per la gestione delle attività formative nelle Amministrazioni Locali PREMESSA Nell ambito del progetto di Osservatorio domanda e offerta di formazione nella

Dettagli

e.toscana Compliance visione d insieme

e.toscana Compliance visione d insieme Direzione Generale Organizzazione e Sistema Informativo Area di Coordinamento Ingegneria dei Sistemi Informativi e della Comunicazione I.T.S.A.E. e.toscana Compliance visione d insieme Gennaio 2007 Versione

Dettagli

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che:

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU26 28/06/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 11 giugno 2012, n. 18-3996 Approvazione dello schema di Protocollo d'intesa tra la Citta' di Torino, la Fondazione Torino Smart City,

Dettagli

I.T.I. E.Medi - San Giorgio a Cremano (Napoli)

I.T.I. E.Medi - San Giorgio a Cremano (Napoli) I.T.I. E.Medi - San Giorgio a Cremano (Napoli) Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni Articolazione: Informatica INFORMATICA: Analisi Disciplinare FINALITÀ GENERALI DELL INDIRIZZO E DELL ARTICOLAZIONE

Dettagli

INDICE. p. 3 AZIENDA. p. 4. FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua. p. 6 RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE

INDICE. p. 3 AZIENDA. p. 4. FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua. p. 6 RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE Indice INDICE AZIENDA FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE CONSULENZA - Risorse Umane - Sviluppo Organizzativo - Commerciale

Dettagli

A relazione degli Assessori Cavallera, Vignale,

A relazione degli Assessori Cavallera, Vignale, REGIONE PIEMONTE BU3 16/01/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 9 dicembre 2013, n. 40-6859 Iniziativa volta a garantire maggiore equita' nell'erogazione delle agevolazioni nell'ambito sanitario delle

Dettagli

PASS_Compagnia. Danni & Vita OBIETTIVO EFFICIENZA. Case study BancAssurance Popolari

PASS_Compagnia. Danni & Vita OBIETTIVO EFFICIENZA. Case study BancAssurance Popolari PASS_Compagnia Danni & Vita OBIETTIVO EFFICIENZA Case study BancAssurance Popolari Indice 1. PASS_COMPAGNIA DANNI & VITA... 3 1.1Sommario... 3 1.2Lo scenario e gli obiettivi... 4 1.3Le fasi e l approccio

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

IL CSI PIEMONTE PER LA CONTINUITÀ DEI VOSTRI SERVIZI

IL CSI PIEMONTE PER LA CONTINUITÀ DEI VOSTRI SERVIZI IL CSI PIEMONTE PER LA CONTINUITÀ DEI VOSTRI SERVIZI LA CONTINUITÀ OPERATIVA È UN DOVERE La Pubblica Amministrazione è tenuta ad assicurare la continuità dei propri servizi per garantire il corretto svolgimento

Dettagli

Applicazione: DoQui/Acta - Sistema di gestione dell'archivio

Applicazione: DoQui/Acta - Sistema di gestione dell'archivio Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione documentale Applicazione: DoQui/Acta - Sistema di gestione dell'archivio Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione, Ricerca

Dettagli

GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE

GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE 118 GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE IL PROGETTO DIADI La diffusione dell innovazione presso le piccole e medie imprese è una costante delle politiche dei Fondi Strutturali

Dettagli

LA GESTIONE DELLA CONOSCENZA NELLE PMI KNOWLEDGE MANAGEMENT Ing. Obici Roberto 8 / 9 / 10 maggio 2012

LA GESTIONE DELLA CONOSCENZA NELLE PMI KNOWLEDGE MANAGEMENT Ing. Obici Roberto 8 / 9 / 10 maggio 2012 INNOVARE E FARE RETE GLI STRUMENTI DI CONOSCENZA E I PROGRAMMI DI RICERCA DEL DISTRETTO MATERIALI E TECNOLOGIE PER LE COSTRUZIONI LA GESTIONE DELLA CONOSCENZA NELLE PMI KNOWLEDGE MANAGEMENT Ing. Obici

Dettagli

I VANTAGGI. Flessibilità

I VANTAGGI. Flessibilità E-LEARNING E-LEARNING La proposta E-Learning della suite Agorà di Dedagroup A CHI SI RIVOLGE L OFFERTA fornisce al cliente un sistema complementare di formazione a distanza sui prodotti della suite Agorà

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

.EVERYWHERE LOGIN. entra nel futuro. partnership signed

.EVERYWHERE LOGIN. entra nel futuro. partnership signed .EVERYWHERE LOGIN entra nel futuro. partnership signed Sinergia per l innovazione. Studio Ferroli e Acknow Per essere competitivi e vincenti in un mercato sempre più dinamico e globalizzato, che richiede

Dettagli

Pagina 1 di 7. Protocollo d intesa

Pagina 1 di 7. Protocollo d intesa Protocollo d intesa La Regione Puglia, di seguito denominata Regione, con sede in Bari, Lungomare Nazario Sauro n. 33, (C.F. 80017210727), qui rappresentata dal Presidente della Giunta regionale, on.le

Dettagli

BOZZA DEL 06/09/2011

BOZZA DEL 06/09/2011 ARTICOLAZIONE: INFORMATICA Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA (C4) Il docente di Complementi di matematica concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, i seguenti risultati

Dettagli

COMUNE DI ARGENTA. La scelta dell open source come strumento dell e government locale.

COMUNE DI ARGENTA. La scelta dell open source come strumento dell e government locale. COMUNE DI ARGENTA Ferrara 29 Novembre 2003 La scelta dell open source come strumento dell e government locale. Un percorso applicativo di responsabilizzazione e sviluppo delle risorse umane Comune in Provincia

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Corso di Aggiornamento Professionale Coordinatori dei Processi di AutoValutazione PREMESSA

Dettagli

1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI

1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI 1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI Per implementare una piattaforma di e-learning occorre considerare diversi aspetti organizzativi, gestionali e tecnici legati essenzialmente

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni

INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni ISTRUZIONE TECNICA INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni L indirizzo Informatica e Telecomunicazioni ha lo scopo di far acquisire allo studente, al termine del percorso quinquennale, specifiche competenze

Dettagli

Veronica Mobilio - CNIPA. Scegliere una piattaforma

Veronica Mobilio - CNIPA. Scegliere una piattaforma L Open Source per l elearningl ATutor vs Moodle Veronica Mobilio - CNIPA Scegliere una piattaforma Le PA che decidono di erogare progetti formativi in modalità elearning si trovano di fronte alla necessità

Dettagli

Linux@School. un progetto patrocinato da Fondazione IBM e MIUR

Linux@School. un progetto patrocinato da Fondazione IBM e MIUR Linux@School un progetto patrocinato da Fondazione IBM e MIUR Agenda Il progetto Linux@school Contenuti Ipotesi di lavoro Descrizione del progetto Descrizione del progetto 1/2 Obiettivi: diffondere la

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 3: SERVIZI PER LO SVILUPPO LOCALE DEI TERRITORI Sintesi risultati incontro del 11 Marzo 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO

Dettagli

la mission Soft System Soft System

la mission Soft System Soft System la mission In Soft System, società customer oriented, poniamo il Cliente al centro di ogni scelta aziendale. Operiamo con e per le aziende affinché possano essere costantemente aggiornate sui progressi

Dettagli

Liberi di fare la differenza.

Liberi di fare la differenza. Liberi di fare la differenza. 4 l azienda il profilo Consulenza, a pieno titolo. Valori & Finanza Investimenti è una SIM (Società di Intermediazione Mobiliare) indipendente che opera secondo un modello

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

Applicazione: Piattaforma unitaria per la gestione dei bandi

Applicazione: Piattaforma unitaria per la gestione dei bandi Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Amministrazione/Contabile Applicazione: Piattaforma unitaria per la gestione dei bandi Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

PARTNER DI PROGETTO. Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Industriale

PARTNER DI PROGETTO. Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Industriale PARTNER DI PROGETTO Il raggruppamento dei soggetti attuatori è altamente qualificato. Da una parte, la presenza di quattro aziende del settore ICT garantirà, ognuna per le proprie aree di competenza, un

Dettagli

Idee per la prosecuzione del Progetto CSR Veneto

Idee per la prosecuzione del Progetto CSR Veneto Idee per la prosecuzione del Progetto CSR Veneto Valentina Montesarchio Vice Segretario Generale Unioncamere del Veneto Unioncamere del Veneto e Regione del Veneto stanno definendo le attività per la prosecuzione

Dettagli

Il servizio di incontro tra domanda ed offerta di lavoro E-labor. Primo servizio del Portale del SIL. A cura di Grazia Strano

Il servizio di incontro tra domanda ed offerta di lavoro E-labor. Primo servizio del Portale del SIL. A cura di Grazia Strano Il servizio di incontro tra domanda ed offerta di lavoro E-labor Primo servizio del Portale del SIL A cura di Grazia Strano Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Generale delle Reti

Dettagli

Progetto Atipico. Partners

Progetto Atipico. Partners Progetto Atipico Partners Imprese Arancia-ICT Arancia-ICT è una giovane società che nasce nel 2007 grazie ad un gruppo di professionisti che ha voluto capitalizzare le competenze multidisciplinari acquisite

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Le linee di indirizzo dell Università di Ferrara sono state definite già a partire dal piano strategico triennale 2010-2012: garantire la qualità

Dettagli

ROBOTICA A SCUOLA PROGETTI DI INNOVAZIONE DIDATTICA E DI ORIENTAMENTO IN ENTRATA E IN USCITA Edizione 2012-2013

ROBOTICA A SCUOLA PROGETTI DI INNOVAZIONE DIDATTICA E DI ORIENTAMENTO IN ENTRATA E IN USCITA Edizione 2012-2013 ROBOTICA A SCUOLA PROGETTI DI INNOVAZIONE DIDATTICA E DI ORIENTAMENTO IN ENTRATA E IN USCITA Edizione 2012-2013 Ente proponente: Provincia di Torino Assessorato Istruzione - Servizio Istruzione e Orientamento

Dettagli

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business.

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. ACCREDITED PARTNER 2014 Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Gariboldi Alberto Group Srl è una realtà

Dettagli

Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Informatica e telecomunicazioni Articolazione Informatica

Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Informatica e telecomunicazioni Articolazione Informatica Linee guida Secondo ciclo di istruzione Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Informatica e telecomunicazioni Quadro orario generale 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Sistemi e reti**

Dettagli

PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI

PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI Progetto di Ricerca-intervento 1. Presentazione Della Proposta 1.1 La ricerca-intervento:

Dettagli

Linee guida strategiche e policy operativa in tema di promozione della nuova imprenditorialità e Spin-off nell Università degli Studi di Brescia

Linee guida strategiche e policy operativa in tema di promozione della nuova imprenditorialità e Spin-off nell Università degli Studi di Brescia Linee guida strategiche e policy operativa in tema di promozione della nuova imprenditorialità e Spin-off nell Università degli Studi di Brescia maggio 2014 - ver.2.2 Indice 1. Premessa 2. Panorama normativo

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

Il tuo business si evolve. Fai evolvere il tuo gestionale. Costruiamo i motori di un pianeta più intelligente.

Il tuo business si evolve. Fai evolvere il tuo gestionale. Costruiamo i motori di un pianeta più intelligente. Il tuo business si evolve. Fai evolvere il tuo gestionale. Costruiamo i motori di un pianeta più intelligente. esperienza + innovazione affidabilità Da IBM, una soluzione completamente nuova: ACG Vision4,

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE

PROTOCOLLO DI INTESA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE PROTOCOLLO DI INTESA TRA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE TECNOLOGICA E ENGINEERING INGEGNERIA INFORMATICA S.p.A.

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà.

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà. CONVEGNO IL FUTURO DEL LAVORO SI CHIAMA FORMAZIONE Roma, 19 aprile, Auditorium Parco della Musica RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA Sono diversi anni che la nostra economia attraversa

Dettagli

1.1 I corsi di laurea

1.1 I corsi di laurea 1. Didattica 1.1 I corsi di laurea All offerta formativa per l a.a. 2013/2014, in preparazione agli inizi del 2013, viene applicato il D.M. 47 del 30 gennaio 2013 Autovalutazione, accreditamento iniziale

Dettagli

proposta di legge n. 316

proposta di legge n. 316 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 316 a iniziativa dei Consiglieri ALTOMENI, BRANDONI, AMAGLIANI, BINCI, PETRINI, COMI, MOLLAROLI, ORTENZI, D ISIDORO, CAPPONI presentata in data

Dettagli

LA DIFFUSIONE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE DI AZIONI DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA DIDATTICA

LA DIFFUSIONE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE DI AZIONI DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA DIDATTICA Linee guida per LA DIFFUSIONE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE DI AZIONI DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA DIDATTICA 1. Quadro normativo di riferimento Le azioni previste dalle presenti linee guida

Dettagli

Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374. ABSTRACT del documento. e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte

Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374. ABSTRACT del documento. e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374 ABSTRACT del documento e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte 1 Gruppo di lavoro Supervisione scientifica: Maria Pia Cavalieri Coordinamento Marco Guspini

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 SECONDO BIENNIO Disciplina: INFORMATICA La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

Finalità. Requisiti soggetto proponente. Attività oggetto di finanziamento

Finalità. Requisiti soggetto proponente. Attività oggetto di finanziamento Bando di concorso per la concessione di contributi alle pmi per favorire lo sviluppo di progetti, prodotti, servizi, processi e modelli organizzativi innovativi nonche l adozione di tecnologie e servizi

Dettagli

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale 1 1 1. Premessa La seguente proposta di modello nasce dopo un attività di confronto tra i rappresentanti

Dettagli

MODELLO DI PROPOSTA DI STRATEGIA DIDATTICA

MODELLO DI PROPOSTA DI STRATEGIA DIDATTICA MODELLO DI PROPOSTA DI STRATEGIA DIDATTICA ( Scheda analitica dell idea progettuale 2.0 ) DATI ANAGRAFICI SCUOLA CODICE MECCANOGRAFICO DENOMINAZIONE ISTITUTO meic83503 ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRANCAVILLA

Dettagli

Regione Piemonte: prospettive per lo sviluppo di ecosistemi digitali di business

Regione Piemonte: prospettive per lo sviluppo di ecosistemi digitali di business Regione Piemonte: prospettive per lo sviluppo Abstract Il presente documento intende illustrare la strategia e l approccio adottati da CSP nell ambito del progetto DIADI 2000 (progetto 2003-2006), iniziativa

Dettagli

Analisi di esperienze Open Source in ambito PA

Analisi di esperienze Open Source in ambito PA Analisi di esperienze Open Source in ambito PA Andrea Montemaggio Concreta-Mente a.montemaggio@gmail.com www.concreta-mente.it OSPA 2009 in sintesi Il concetto Open Source (Studies) nella Pubblica Amministrazione

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali

Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali A cosa servono queste linee guida? Queste linee guida identificano gli elementi la cui presenza è ritenuta necessaria per i progetti della Coalizione Nazionale

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 (deliberato dal C. di A. nella seduta del 19 giugno 2015) 1 1 - Introduzione e normativa di riferimento Il Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Dettagli

ICT Information &Communication Technology

ICT Information &Communication Technology ICT Information &Communication Technology www.tilak.it Profile Tilak Srl, azienda specializzata in soluzioni in ambito Communication Technology opera nell ambito dei servizi di consulenza, formazione e

Dettagli

Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino

Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino budget disponibile: 200.000 euro termine per la presentazione dei progetti

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE EXECUTIVE EDUCATION Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE fondazione cuoa business school dal 1957 Il punto di riferimento qualificato

Dettagli

Commissione Open Source 2007 - Analisi audizioni on line degli operatori del mercato

Commissione Open Source 2007 - Analisi audizioni on line degli operatori del mercato Commisone Open Source 2007 - Anali audizioni on line degli operatori del mercato Introduzione Al fine di stimolare lo scambio di idee e raccogliere i contributi provenienti dagli operatori del mercato,

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione Direzione Generale per gli Affari Internazionali Ufficio IV - Programmazione e gestione dei fondi strutturali

Dettagli

Il sistema ricerca e il trasferimento tecnologico: il DistrICT Lab Flavia Marzano. Cagliari, 18/01/2010

Il sistema ricerca e il trasferimento tecnologico: il DistrICT Lab Flavia Marzano. Cagliari, 18/01/2010 Il sistema ricerca e il trasferimento tecnologico: il DistrICT Lab Flavia Marzano Cagliari, 18/01/2010 Il sistema ricerca e il trasferimento tecnologico Sardegna DistrICT => Lab => >Distretto Tecnologico

Dettagli

Testo delibera della Giunta Regionale. Lunedì 26 aprile 2004

Testo delibera della Giunta Regionale. Lunedì 26 aprile 2004 Testo delibera della Giunta Regionale Lunedì 26 aprile 2004 Il tema legato alla società dell informazione e della comunicazione sta rivestendo sempre maggiore rilevanza nelle agende degli amministratori

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

Una Nuvola Pubblica Certificata Alessandro Osnaghi, Fondazione Astrid Convegno Camera di Commercio di Torino, 13 febbraio 2012

Una Nuvola Pubblica Certificata Alessandro Osnaghi, Fondazione Astrid Convegno Camera di Commercio di Torino, 13 febbraio 2012 Una Nuvola Pubblica Certificata Alessandro Osnaghi, Fondazione Astrid Convegno Camera di Commercio di Torino, 13 febbraio 2012 Il termine cloud computing è oggi largamente diffuso e utilizzato spesso impropriamente

Dettagli

Reti di INDUSTRIA 4.0

Reti di INDUSTRIA 4.0 DALLA DIGITALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ALLA DIGITALIZZAZIONE DELLA SUPPLY CHAIN LA COMPETITIVITÀ DELLA SUPPLY CHAIN Bologna, 27 novembre 2015 Questa presentazione Imprese e competizione globale Supply Chain,

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

SISTEMA E-LEARNING INeOUT

SISTEMA E-LEARNING INeOUT SISTEMA E-LEARNING INeOUT AMBIENTE OPERATIVO 1 Premesse metodologiche La complessità di un sistema informatico dipende dall aumento esponenziale degli stati possibili della sua architettura. Se è vero

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda Fa quadrato attorno alla tua azienda Professional Perché scegliere Cosa permette di fare la businessintelligence: Conoscere meglio i dati aziendali, Individuare velocemente inefficienze o punti di massima

Dettagli

Formare i formatori al tempo della crisi

Formare i formatori al tempo della crisi Settembre 2013, anno VII N. 8 Formare i formatori al tempo della crisi di Giusi Miccoli 1 La situazione della formazione e confronto con l Europa La crisi economica e finanziaria che da alcuni anni colpisce

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

PREMESSA. Piano Animatore Digitale per PTOF 2016/2019

PREMESSA. Piano Animatore Digitale per PTOF 2016/2019 La Scuola che cambia Proposta progettuale dell Animatore Digitale Ins. Francesca Cocchi Dirigente Scolastico Rosella Puzzuoli Allegato al POF TRIENNALE 2016/2019 PREMESSA Il Piano Nazionale per la Scuola

Dettagli

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Sommario Art. 1 - Principi generali Art. 2 - Tipologie di formazione, soggetti destinatari e fonti

Dettagli

Rivolto a tutti gli Istituti Tecnici del Piemonte

Rivolto a tutti gli Istituti Tecnici del Piemonte 2 a EDIZIONE Bando per la partecipazione ad un programma di internship all estero per favorire l occupabilità e la conoscenza di competenze linguistiche specifiche Rivolto a tutti gli Istituti Tecnici

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

AGIRE POR Trasferimento di buone pratiche finalizzato all individuazione delle più efficaci modalità di gestione e valorizzazione dei siti UNESCO

AGIRE POR Trasferimento di buone pratiche finalizzato all individuazione delle più efficaci modalità di gestione e valorizzazione dei siti UNESCO T REGIONE LOMBARDIA REGIONE CAMPANIA AGIRE POR Trasferimento di buone pratiche finalizzato all individuazione delle più efficaci modalità di gestione e valorizzazione dei siti UNESCO L ENTE La Lombardia

Dettagli

La strategia IBM a supporto delle politiche della Pubblica Amministrazione Locale (PAL) in Italia

La strategia IBM a supporto delle politiche della Pubblica Amministrazione Locale (PAL) in Italia La strategia IBM a supporto delle politiche della Pubblica Amministrazione Locale (PAL) in Italia Il 2006 ha registrato alcuni segnali positivi di ripresa, sia dell'economia italiana che dell Information

Dettagli

IDD 2001 - Controllo accessi Internet per i ragazzi in età scolare

IDD 2001 - Controllo accessi Internet per i ragazzi in età scolare PROGETTO PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL'USO DELLE TECNOLOGIE DI RETE NEL SISTEMA SCOLASTICO PIEMONTESE D. De Jaco CSI-Piemonte Corso Unione Sovietica, 216-10134 Torino dario.dejaco@csi.it Riassunto

Dettagli

OpenPsy: OpenSource nella Psicologia. Presentazione del progetto in occasione dell edizione 2004 del Webbit (Padova)

OpenPsy: OpenSource nella Psicologia. Presentazione del progetto in occasione dell edizione 2004 del Webbit (Padova) OpenPsy: OpenSource nella Psicologia Pag. 1 di 9 OpenPsy: OpenSource nella Psicologia Presentazione del progetto in occasione dell edizione 2004 del Webbit (Padova) PREMESSA Per prima cosa, appare ovvio

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

Allegato 2 Modello offerta tecnica

Allegato 2 Modello offerta tecnica Allegato 2 Modello offerta tecnica Allegato 2 Pagina 1 Sommario 1 PREMESSA... 3 1.1 Scopo del documento... 3 2 Architettura del nuovo sistema (Paragrafo 5 del capitolato)... 3 2.1 Requisiti generali della

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

PARTE SECONDA. VISTO il PO 2007 2013 FESR della Regione Puglia, come approvato dalla Commissione Europea con C(2007) 5726 del 20/11/2007;

PARTE SECONDA. VISTO il PO 2007 2013 FESR della Regione Puglia, come approvato dalla Commissione Europea con C(2007) 5726 del 20/11/2007; 50014 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 175 del 24 12 2014 PARTE SECONDA Atti regionali DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO ECONOMICO, IL LAVORO E L IN NOVAZIONE 18 dicembre

Dettagli