UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN COMUNICAZIONE PER LE ISTITUZIONI E LE IMPRESE PROF. ANTONELLI ECONOMIA DELL INNOVAZIONE Il copyleft: le novità introdotte da Linux e dall open source nella produzione di software Sara Colombo Davide Jaccod A.A. 2004/2005

2 INTRODUZIONE Non capisco chi sono quei pazzi che vogliono scrivere, leggere e fare revisione di tutto quel codice senza ricevere nessuna ricompensa R. Glass Non esiste certificazione dei prodotti che realizziamo. La loro certificazione deriva dalla soddisfazione del cliente: se hai la soluzione giusta per una determinata esigenza che risolve i problemi di un'azienda, che valore aggiunto potrebbe fornirti una certificazione? OPEN IT Linux è sovversivo S. Raymond Il mercato della produzione di software sta vivendo, in questi anni, un periodo di profonda trasformazione. Il principale motore di tale mutamento risulta essere la diffusione della produzione di programmi open source, non protetti da copyright e fortemente contrapposti alle multinazionali del software. Le dinamiche interne a questo nuovo sistema di produzione sono assai interessanti, tanto dal punto di vista economico (il bene prodotto è disponibile poi gratuitamente) quanto da quello organizzativo (con un sistema di bottom-up inaspettatamente efficiente). In questo lavoro cercheremo di descrivere le principali caratteristiche del sistema: dopo aver definito il campo di indagine e averne tratteggiato una prospettiva storica, ne analizzeremo gli aspetti economici e quelli organizzativi. Infine, per dare un riscontro pratico a quest indagine, abbiamo analizzato la situazione di una piccola società italiana che si occupa di open source, la OPEN IT, di cui abbiamo intervistato il responsabile.

3 1. CLASSIFICAZIONE Lo schema seguente è stato elaborato da Chao e Kuei al fine di chiarire le differenze tra le diverse categorie di software. Gli insiemi ci permettono di vedere come spesso le categorie si sovrappongano e si fondano, seguendo tre diversi assi: - quello dei diritti di proprietà, che utilizza come discriminante la possibilità di scaricare i programmi (o di copiarli) senza violare alcuna legge; - quello della gratuità del software, che separa i programmi a pagamento dagli altri; - quello dell accesso al codice sorgente, presupposto indispensabile per la modifica del programma stesso da parte dell utente. Per proseguire lungo questo ragionamento è utile chiarire le differenze tra i diversi termini utilizzati per descrivere il mondo dell open source. Il software libero Il primo passo per comprendere il nostro argomento di studio è il tentativo di dare una definizione chiara di software libero. Sotto tale classificazione si radunano molti

4 aspetti (economici, tecnici e anche ideologici) che contribuiscono a confondere i confini, anche grazie all enorme quantità di fonti diverse che affrontano l argomento. L'espressione software libero si riferisce alla libertà dell'utente di eseguire, copiare, distribuire, studiare, cambiare e migliorare il software. Più precisamente, esso si riferisce a quattro tipi di libertà per gli utenti: Libertà di eseguire il programma, per qualsiasi scopo (libertà 0). Libertà di studiare come funziona il programma e adattarlo alle proprie necessità (libertà 1). L'accesso al codice sorgente ne è un prerequisito. Libertà di ridistribuire copie in modo da aiutare il prossimo (libertà 2). Libertà di migliorare il programma e distribuirne pubblicamente i miglioramenti, in modo tale che tutta la comunità ne tragga beneficio (libertà 3). Anche qui, l'accesso al codice sorgente ne è un prerequisito. Un programma è software libero se l'utente ha tutte queste libertà. In particolare, se è libero di ridistribuire copie, con o senza modifiche, gratis o addebitando delle spese di distribuzione a chiunque ed ovunque. Essere liberi di fare queste cose significa (tra l'altro) che non bisogna chiedere o pagare nessun permesso; bisogna anche avere la libertà di fare modifiche e usarle privatamente nel proprio lavoro o divertimento senza doverlo dire a nessuno. Se si pubblicano le proprie modifiche, non si deve essere tenuti a comunicarlo a qualcuno in particolare o in qualche modo particolare. La libertà di usare un programma significa libertà per qualsiasi tipo di persona od organizzazione di utilizzarlo su qualsiasi tipo di sistema informatico, per qualsiasi tipo di attività e senza dover successivamente comunicare con lo sviluppatore o con qualche altra entità specifica. La libertà di ridistribuire copie deve includere le forme binarie o eseguibili del programma e anche il codice sorgente, sia per le versioni modificate che non modificate. È legittimo anche se non c'è alcun modo di produrre una forma binaria o eseguibile (dal momento che alcuni linguaggi non supportano questa caratteristica), ma si deve avere la libertà di ridistribuire tali forme nel caso si trovi o si sviluppi un modo per farlo. Queste libertà per essere reali devono essere irrevocabili fin tanto che non si fa qualcosa di sbagliato: se lo sviluppatore del software ha il potere di revocare la licenza anche senza che l'utente sia causa di tale revoca, il software non è libero.

5 Le altre forme di distribuzione Software Open source Il termine open source software è usato da alcuni più o meno con lo stesso significato di software libero. In realtà, la definizione si riferisce specificamente ai programmi il cui codice sorgente è esplicito, accessibile e quindi (successivamente) modificabile. Software di pubblico dominio Il software di pubblico dominio è software privo di copyright. È un caso speciale di software libero senza permesso d'autore, il che significa che alcune copie o versioni modificate possono non essere affatto libere. Talvolta si usa il termine dominio pubblico in un'accezione vaga per intendere libero o disponibile gratuitamente. Tuttavia di dominio pubblico è un termine legale che significa precisamente senza copyright. Software con permesso d'autore ( copyleft 1 ) Il software con permesso d'autore è software libero le cui condizioni di distribuzione non permettono ai redistributori di porre alcuna restrizione addizionale all'atto di ridistribuire o modificare il software. Questo significa che ogni copia del software, anche se modificata, deve essere software libero. Il permesso d'autore è un concetto generale; per utilizzarlo effettivamente per un programma, bisogna usare dei precisi termini di distribuzione, e ci sono molti modi di scrivere dei termini di distribuzione per il permesso d'autore (si veda il capitolo 4) Software libero senza permesso d'autore L'autore di software libero senza permesso d'autore dà il permesso di ridistribuire e modificare il programma, e anche di aggiungervi ulteriori restrizioni. 1 si tratta di un gioco di parole, che qui viene reso con permesso di autore : copyright (diritto di autore) è formato dalle parola copy (copia) e right (diritto, ma anche destra), opposto di left (sinistra, ma anche lasciato).

6 Se un programma è libero, ma non ha permesso d'autore, alcune copie o versioni modificate possono non essere affatto libere. Un'azienda di software può compilare il programma, con o senza modifiche, e distribuire il file eseguibile come un prodotto software proprietario. L'X Window System illustra quanto detto: l'x Consortium realizzò X11 con termini di distribuzione che lo rendevano software libero senza permesso d'autore. Volendo, si può ottenerne una copia che ha quelle condizioni di distribuzione ed è software libero. Tuttavia esistono pure versioni non libere, e ci sono note workstation e schede grafiche per PC per le quali le versioni non libere sono le uniche che funzionano. Per chi usa questo hardware, X11 non è software libero. Software con licenza GPL La Licenza GNU GPL è un insieme specifico di termini di distribuzione per dare permesso d'autore ad un programma. Più avanti analizzeremo nei dettagli questo tipo di licenza. Software proprietario Il software proprietario è quello che non è libero o semilibero. Il suo utilizzo, la redistribuzione o modifica sono proibiti o richiedono un permesso (o sono sottoposti a vincoli tali che, in pratica, non si possono elaborare liberamente). Freeware Il termine freeware non ha una definizione comunemente accettata, ma è comunemente utilizzato per i pacchetti software che possono essere redistributi ma non modificati (ed il loro codice sorgente non è disponibile). Questi pacchetti non sono software libero.

7 Shareware Lo shareware è software che dà la possibilità di ridistribuire copie, ma impone a chiunque continui ad usarne una copia di pagarne la licenza d'uso. Lo shareware non è software libero, né semilibero. Questo per due motivi: Per la maggior parte del software shareware, il codice non è disponibile; pertanto, non è assolutamente possibile modificare il programma. Il software shareware non è distribuito con il permesso di farne una copia ed installarlo senza pagare una licenza d'uso, neanche per chi lo utilizzi per un'attività senza fini di lucro. (Nella pratica molti ignorano i termini di distribuzione e lo usano comunque, ma le licenze d'uso non lo permettono.) Software Commerciale Il software commerciale è software sviluppato da un'azienda allo scopo di guadagnare dal suo uso. Commerciale e proprietario non sono la stessa cosa: la maggior parte del software commerciale è proprietario, ma c'è software libero commerciale, e c'è software non commerciale non libero. Per esempio, GNU Ada è sempre distribuito sotto licenza GNU GPL ed ogni copia è software libero, ma i suoi sviluppatori vendono contratti di assistenza. Questa differenza è importante per il nostro lavoro, in quanto la commercializzazione dei servizi paralleli alla creazione del software è uno dei motori dell economia dell open source.

8 2. LA NASCITA DELL OPEN SOURCE Prospettiva storica Secondo una prospettica diacronica, nello sviluppo del software libero si possono individuare da molto tempo progetti di cooperazione e condivisione tra programmatori informatici, nonostante i mass media si siano occupati del fenomeno dell open source solo negli ultimi anni, a causa della capillare diffusione di Internet. Secondo la classificazione di Lerner e Tirole sono state distinte tre epoche. La prima epoca va dai primi anni 60 all inizio degli anni 80. Fino agli anni 70 gli studi su Internet e sugli aspetti più cruciali dello sviluppo dei sistemi operativi venivano trattati esclusivamente negli ambienti accademici e negli istituti di ricerca, dove i ricercatori godevano di una forte autonomia. In questi anni era normale che i programmatori mettessero in comune le proprie conoscenze circa il codice operativo di base dei programmi informatici, usando linguaggi di programmazione come C, Java e Basic. Successivamente l impegno cooperativo si è concentrato sullo sviluppo di un sistema operativo che potesse funzionare su reti di computer e che fosse installato gratuitamente. Questo processo di condivisione del codice è stato accelerato con la diffusione di Usenet, una rete di computer nata nel 1979 per collegare la comunità di programmatori di Unix. Questi progetti di software cooperativo si sono diffusi in modo fortemente informale, senza alcun tipo di limitazione o vincolo dato dall istituzione di diritti di proprietà. La seconda epoca va dai primi anni 80 all inizio degli anni 90. In questi anni emergono i primi tentativi di regolamentazione di quello che stava diventando un terreno sempre più diffuso. Nel 1985 Richard Stallman fonda la Free Software Foundation, con lo scopo di diffondere e sviluppare gratuitamente una grande varietà di software: l importante innovazione apportata consisteva nell introduzione di una licenza formale che precludeva la possibilità di commercializzare software sviluppato in modo cooperativo. In cambio della possibilità di modificare il codice sorgente i programmatori facenti parte del GPL, ovvero il General Public License, conosciuto

9 anche come copylefting, avrebbero dovuto lasciarlo gratuito e non imporre alcun tipo di copyright. La terza epoca va dai primi anni 90 ai giorni nostri. Con la diffusione di Internet e l aumento degli investimenti di capitale le attività legate al mondo dell open source subiscono una forte accelerazione: si espandono sia la quantità di contributi che l eterogeneità dei contribuenti permettendo la nascita di nuovi progetti circa il software libero. Inoltre si sviluppano forme alternative di gestione: diventano frequenti le interazioni tra compagnie commerciali e le comunità di open source, e si diffondono nuove tipologie di licenze. Tra queste il Debian Social Contract, sviluppato nel 1995 da un organizzazione nata con lo scopo di divulgare LINUX, intensifica il suo campo d azione, tanto da affiancare in popolarità il GPL. Questo accordo permette maggiore flessibilità nell utilizzo di un programma e garantisce il diritto di vincolare il software sviluppato in modo cooperativo a un codice privato. Nel 1997 è stato adottato da un gruppo di programmatori di software cooperativo e in seguito conosciuto come Open source Definition: Distributors of open source software have the right to make their own choices about their own software (Open source Initiative, 1999). Gli anni successivi registrano una forte crescita nella diffusione del software open source. Nello stesso tempo il movimento si trova ad affrontare diverse sfide, tra cui il saper gestire la frammentazione di un singolo progetto in numerose varianti, evitando l abbandono dei programmi. Un altra sfida apparentemente di minore enfasi riguarda la limitata capacità dei programmi open source di raggiungere anche gli utenti meno esperti: i programmi basati sul copyleft non utilizzano interfacce intuitive (o comunque user-fiendly, come invece fa Microsoft) e per questo si indirizzano a un target più competente. Per il copyleft questa è una sfida in termini di diffusione, ma si continua a pensare che gli utenti di open source preferiscano tollerare la mancanza di interfacce di immediata comprensione in cambio di costi ridotti e della possibilità di modificare il codice sorgente da soli. Sta nella politica dell'open source l istaurasi di una certa complicità con i propri utenti, una sorta di comunitarietà che regge l intero sistema: molti utenti sono essi stessi degli hacker. Ed essendo i sorgenti disponibili a tutti, posso

10 diventare degli hacker molto efficaci Con un po' d'incoraggiamento, ogni utente è in grado di diagnosticare problemi, suggerire soluzioni, aiutare a migliorare il codice in maniera impensabile per una persona sola (Raymond 1999). Origini di quattro programmi open source A parte queste linee di tendenza generali abbiamo deciso di soffermare la nostra attenzione su quattro programmi sviluppati attraverso il copyleft: Apache, Linux, Perl e Sendmail. Risulta interessante scoprire l origine di questi programmi, come e perché si sono formati all interno di una comunità non commerciale, quindi non costruita secondo le regole classiche del mercato. La storia di Apache inizia nel 1994 quando il National Center for Supercomputer Application (NCSA) dell Illinois crea una rete di utenti che hanno in comune l utilizzo del codice sorgente diffuso gratuitamente, con lo scopo di migliorarlo a seconda delle esigenze e dei problemi riscontrati dagli utenti pionieri. Per rendere comuni le conoscenze sviluppate, non appena un utente apportava una modifica era tenuto a inviarla al resto della mailing list, appositamente redatta e composta da informatici che potevano essere interessati agli sviluppi del software. Successivamente si è formato un ristretto gruppo di controllo che poteva agire fisicamente sul codice, pur prendendo in considerazione tutte le proposte che gli altri utenti potevano suggerire in modo tale da mantenere una gestione collegiale del processo. Eric Raymond (1999), in riferimento alla sua esperienza con il mondo Linux, descrive così l importante ruolo giocato dai contributi di ogni programmatore all interno delle comunità: se tratti i beta tester come se fossero la risorsa più preziosa, replicheranno trasformandosi davvero nella risorsa più preziosa a disposizione. Linux (con il pinguino che lo simboleggia) è oggi come oggi il principale concorrente di Windows, il sistema operativo della Microsoft, e si stima che il suo bacino di utenza vada dai 7 milioni a 16 milioni di utenti sparsi per il mondo. Nasce nel 1991 da Linus Torvalds; infatti il nome Linux deriva da una simpatica sintesi tra il

11 nome proprio dell ideatore del programma e il sistema Unix. Torvalds è partito riutilizzando codici e idee riprese da Minix, piccolo sistema operativo per macchine 386 assai simile a Unix. Alla fine il codice Minix è scomparso oppure è stato completamente riscritto, ma per il tempo che è rimasto lì presente è servito come impalcatura per quello che sarebbe infine divenuto Linux. Lo stesso Torvalds a proposito dell origine del programma di cui è il leader indiscusso va spesso affermando: praticamente sono una persona molto pigra cui piace prendersi il merito di quel che sono gli altri a fare. Inizialmente il sistema operativo era venduto a pagamento a patto che i programmi che venivano utilizzati e distribuiti con Linux fossero gratuiti. Poco dopo Torvalds decide di allentare anche questa restrizione e il numero del utenti aumenta significativamente. Si sviluppano aziende che vendono dei pacchetti software Linux (più facili da installare e da usare rispetto alle versioni gratuite), forniscono supporto tecnico agli utenti finali e ai rivenditori di computer e vendono prodotti complementari. Perl sta per Practical Extraction and Reporting Language e viene creato nel 1987 da Larry Wall, un programmatore di fama internazionale. Per un progetto commissionatogli dalla U.S. National Security Agency aveva bisogno di trovare un linguaggio a metà tra Unix e C, utilizzabile su differenti sistemi. Il programma, introdotto su Internet nel 1987, è stato rapidamente accettato come linguaggio comune di scrittura dei web server di Apache ed è tutt ora parte di numerosi altri programmi. Perl è amministrato a turno dai migliori programmatori coinvolti nel progetto, che di volta in volta si occupano della gestione di differenti aspetti, in modo da garantire la gestione collegiale e assicurare un sistema di integrazione delle conoscenze. Sendmail è stato sviluppato alla fine degli anni 70 da Eric Allman, studente di computer sciences alla Berkeley University della California, per semplificare la gestione dei problemi di posta, frequenti a quei tempi all interno del campus perché ogni

12 utente aveva un indirizzo per ogni rete da cui spediva messaggi. Per risolvere questo problema Allman sviluppa nel 1979 un programma chiamato Deliv , che dopo alcune modifiche di perfezionamento viene diffuso come Sendmail. Presto Sendmail è stato scelto come metodo standard per instradare la posta elettronica su Arpanet e nel 2000 trattava il 75% di tutto il traffico su Internet. Nel 1997 Allman fonda la compagnia Sendmail Inc., finanziata dalla Benchmark Capital, che oggi come oggi cerca di incoraggiare il continuo sviluppo del software su open source e nello stesso tempo vende aggiornamenti del software correlato a Sendmail.

13 3. UN ASSURDO ECONOMICO? Il successo dell open source sembra sfidare alcune leggi basilari dell economia. Perché, innanzitutto, un programmatore dovrebbe spendere grandi quantità di tempo e risorse per la realizzazione di software che poi rende disponibile gratuitamente? E poi, come è possibile che un programma venga sviluppato con successo da soggetti lontanissimi o grazie a inedite forme di leadership? E ancora, quanto peso ha il fattore ideologico che viene spesso indicato come componente fondamentale di questo mondo? Cerchiamo di rispondere a queste domande analizzando alcuni dei principali elementi della creazione e diffusione del software libero. Un innovazione di processo L affermazione della produzione di software open source è analizzabile come un innovazione di processo: un nuovo, rivoluzionario processo di produzione del software, contrapposto a quello proprietario, tradizionale e chiuso proprio del mondo commerciale. Le domande che esso fa nascere possono essere collocate lungo l asse delle tre fasi schumpeteriane del processo innovativo: una nuova idea nasce (invenzione), trova un applicazione economica trasformandosi in un nuovo prodotto o processo (innovazione vera e propria) ed è poi introdotta tra consumatori ed imprese (diffusione). Focalizziamo innanzitutto l attenzione sulla prima fase, quella della creazione originale. Il primo elemento da mettere in evidenza è la sovversione del classico sistema di produzione del software, nel quale un grande marchio (classicamente Microsoft) stipendia i propri programmatori per creare un software che viene poi immesso sul mercato e aggiornato a distanza di periodi relativamente lunghi (si pensi al pacchetto Office, con le nuove versioni che si avvicendano ogni uno/due anni). Nel nuovo approccio si abbandona la struttura top-down, gerarchicamente organizzata e pianificata (condivisa dalla maggioranza dei processi produttivi), a favore di una nuova struttura di tipo bottom-up, non coercitiva ed ampiamente decentralizzata. Migliaia di persone agiscono direttamente sul codice del programma e lo modificano, adattandolo ad esigenze diverse ed eliminandone i difetti (vedi la Legge di Linus, più avanti).

14 E sufficiente pensare che questi soggetti agiscano unicamente con uno spirito altruistico, di mutuo soccorso verso una nuova forma di comunità? Sebbene la motivazione ideologica sia forte (come vedremo), esistono finalità individualistiche che hanno un peso decisamente non marginale. In primo luogo la produzione di software open source costituisce una gratificazione intellettuale e fornisce un utilità intrinseca simile a quella derivante dalla scoperta scientifica. Greg Perkins di Hewlett Packard definisce gli hacker degli individualistic programmers, mossi da un calcolo di costi-benefici che semplicemente prevede elementi diversi dal compenso in denaro. Il meccanismo sarebbe dunque simile a quello della ricerca accademica, mossa da una serie di riconoscimenti (economici en non) che l ambiente conferisce al soggetto che si distingue per risultati. In secondo luogo, nel nuovo paradigma di sviluppo, i programmatori ritrovano molto spesso tanto una forma simile alla creazione artistica quanto il piacere della creatività, che va progressivamente perdendosi nel mondo commerciale; l incubo dei tempi di consegna trasforma la produzione nella catena di montaggio, ben descritta nel libro-culto sui giovani lavoratori di Microsoft, Microservi (Coupland 1996). In terzo luogo, come abbiamo visto nel corso del primo capitolo e come chiarirà il caso studiato nel capitolo 5, il programmatore può vendere tutta una serie di servizi paralleli al proprio software, che vanno dall assistenza alla distribuzione, all installazione. In buona sostanza, possiamo rilevare come questi fattori abbiano determinato un profondo mutamento nella natura del bene software, che ha, di fatto, assunto le caratteristiche proprie dei beni collettivi. Una volta prodotti, tali beni possono essere liberamente consumati anche da coloro che non hanno contribuito alla loro produzione o lo hanno fatto in misura inferiore al necessario. Dal punto di vista economico, il software prodotto al di fuori dei canali commerciali può essere inserito nel più generale problema dell azione collettiva, guidata da un forte gruppo centrale (gli hacker, appunto) e sostenuta da una vasta schieri di soggetti che utilizzano il computer non solo come uno strumento ma anche come un hobby.

15 Coordinamento: modularità e riutilizzo E assai interessante studiare come sia possibile che uno sforzo così frammentato e articolato 2 porti ad un risultato unico e compatto. I due concetti alla base di tale successo sono la modularity e la reusability. Per quanto riguarda la prima, il mondo degli hacker fa spesso riferimento all immagine delle costruzioni giocattolo della Lego: mattoncini compatibili tra loro che possono essere combinati per le creazioni più diverse. Seguendo questo parallelo, i programmi open source sono per lo più costruiti affiancando tra loro programmi base che assolvono sottofunzioni diverse: il coordinamento effettuata dal programmatore porta quindi a un risultato diverso che si basa in gran parte su lavoro già svolto da altri. In questo modo ci possiamo collegare al secondo aspetto, quello della reusability, cioè il continuo utilizzo di materiale prodotto per utilizzi diversi da quelli del programma in esame. In questo modo ci possono essere chiare le parole di Stallman (1999) quando sostiene che i bravi programmatori sanno cosa scrivere.; i migliori sanno cosa riscrivere (e riusare). Siamo quindi di fronte ad un fenomeno di coordinamento che sfrutta profonde innovazioni intervenute: - a livello dei singoli task, che sono resi facilmente interfacciabili dalla evoluzione della tecnologia software; - a livello dell architettura, che è resa modulare in generale dall evoluzione dei linguaggi di programmazione e in particolare dalle scelte strategiche di Linux; - a livello dei costi di comunicazione, che sono abbattuti e resi trascurabili dall avvento di Internet. 2 Secondo J. Sanders (1998), nel 1998 il kernel del sistema operativo Linux era composto da più di un milione e mezzo di righe di codice. Nella prima versione, implementata da Linus Torvalds nel 1991, le linee erano

16 Sotto queste condizioni il coordinamento gerarchico non è necessario. Al contrario, esso finirebbe con il deprimere le motivazioni intellettuali, estetiche e di divertimento che sembrano intrinseche alla comunità dei programmatori. Ci sono casi in cui, invece, il singolo progetto è coordinato da un centro principale, che agisce però attraverso meccanismi peculiari che ci avviamo ad esaminare. Nuove forme di leadership Un progetto open source di successo ha origine da un problema personale, che desta l attenzione del singolo programmatore: solitamente le migliori operazioni di hacking nascono come soluzioni personali ai problemi quotidiani dell'autore, e si diffondono perché tali problemi sono comuni a molte altre persone. Spesso l ideatore del programma si occupa solo di individuare il problema ed abbozzare una soluzione, raccogliendo una massa critica di codice che la comunità dei programmatori possa elaborare. Risulta importante che il leader non sviluppi troppo il lavoro da sé e lasci intriganti problemi di programmazione come esca per gli altri utenti, perché la nascente comunità di sviluppatori deve avere qualcosa da far girare e con cui giocare (Raymond 1999). Poiché dapprincipio i programmatori possono essere riluttanti all idea di cooperare in un progetto la cui leadership non è testata, è necessario mantenere alta l attenzione sul programma, presentandolo come una sfida eccitante. Il compito del leader diventa dimostrare che il progetto si può realizzare e che è meritevole di tanto lavoro. Quando s'inizia a costruire la comunità, bisogna essere in grado di presentare una promessa plausibile, anche se il programma non funziona particolarmente bene, è pieno di bug (errori), incompleto o scarsamente documentato. Non deve però mancare di convincere i potenziali co-sviluppatori che possa evolversi in qualcosa di veramente ben fatto nel prossimo futuro. Un'altra ragione per cui i programmatori sono più facilmente attratti da un progetto ancora nella fase iniziale è che, se di successo, il progetto attrarrà un grande numero di programmatori in futuro, mettendo in risalto i contributi precedenti. Per questi motivi la gestione di un progetto di open source richiede una leadership credibile e un'organizzazione coerente con la natura del processo. Il leader deve: a)

17 fornire un progetto o una visione, b) assicurare che tutto il progetto sia modulare, in modo che ciascun individuo possa operare su una parte indipendentemente dalle altre, c) attrarre altri programmatori, d) mantenere insieme il progetto, quindi prevenire possibili interruzioni e abbandoni. Il coordinatore o leader deve essere in grado di comunicare efficacemente con gli altri D'altronde è ovvio che per metter su una comunità di sviluppatori occorra attirare gente, coinvolgerli in quel che stai facendo, tenerli contenti per il lavoro che fanno (Raymond 1999). E' interessante notare che ognuno dei quattro casi descritti sopra pone sfide interessanti per i programmatori. Quando è stata fatta la pubblicazione di ognuno di questi programmi open source, considerevoli problemi non erano ancora stati risolti. La promessa che il progetto non sia vicino a una fine, ma piuttosto che continui a lungo a richiamare la partecipazione dei programmatori negli anni a venire, appare essere un importante aspetto di attrazione. Per questo, Linux è forse l'esempio migliore. Il sistema operativo iniziale di Linux era minimo, nell'ordine di poche decine di migliaia di righe di codice. Inizialmente Torvalds cercava di generare interesse per Linux, sottolineando esplicitamente l intervento di programmatori creativi per sviluppare il progetto a piene funzionalità; in seguito sosteneva i suoi programmatori affinché continuassero a incrementare il processo di sviluppo, senza abbandonarlo: Linus tendeva a stimolare e ricompensare costantemente i suoi hacker/utenti, stimolati dalla soddisfazione di sé per aver preso parte all'azione, ricompensati dalla vista dei miglioramenti costanti (perfino giornalieri) ottenuti nel loro lavoro (Raymond 1999). Un altra notevole discriminante del successo di un progetto sta nella natura della sua leadership, nonostante le strutture di gestione dei progetti di open source siano abbastanza diverse: in alcune, come in Linux, c'è un leader indiscusso; in altri casi, come in Apache, abbiamo visto che la gestione si mantiene collegiale, seppur coordinata da un comitato. E necessario che comunque si renda esplicito un punto di riferimento a cui i programmatori possano rivolgersi: la frammentazione del programma di sviluppo Unix è stata attribuita in parte alla mancanza di un singolo leader credibile.

LICENZE D'USO E TIPOLOGIE DI SOFTWARE

LICENZE D'USO E TIPOLOGIE DI SOFTWARE LICENZE D'USO E TIPOLOGIE DI SOFTWARE Il software è tutelato dalle leggi sul diritto d'autore, in maniera simile a quanto avviene per le opere letterarie. Il contratto che regola l'uso del software è la

Dettagli

Introduzione al Software Libero e a GNU/Linux

Introduzione al Software Libero e a GNU/Linux Introduzione al Software Libero e a GNU/Linux Enrico Albertini 1 Di cosa stiamo parlando? L'hardware è la parte del computer che possiamo toccare, ciò che è composto da atomi. Il software, invece, è una

Dettagli

Software proprietario

Software proprietario Open Source Software proprietario NO Fino a tutti glianni sessanta, anche se in misura decrescente, la componente principale e costosa di un computer era l hardware. Da ciò la scelta dei produttori di

Dettagli

LE PORTE DELL ACCESSO. iniziativa realizzata nell ambito delle attività di promozione del CSV Napoli

LE PORTE DELL ACCESSO. iniziativa realizzata nell ambito delle attività di promozione del CSV Napoli LE PORTE DELL ACCESSO iniziativa realizzata nell ambito delle attività di promozione del CSV Napoli Le porte dell accesso incontri seminariali per costruire strumenti di inclusione informatica e di contrasto

Dettagli

Introduzione al Software Libero

Introduzione al Software Libero Introduzione al Software Libero Linux Day 6 23 novembre 2002 Il software Programma (codice) scritto in un particolare linguaggio di programmazione esistono molti linguaggi di programmazione (Di solito)

Dettagli

Software Libero. Terra Futura - Firenze

Software Libero. Terra Futura - Firenze Cosa è il Software Libero Terra Futura - Firenze Simone Piccardi: piccardi@softwarelibero.it April 10, 2005 1 L Associazione Software Libero L Associazione Software Libero, è una associazione culturale

Dettagli

Università di Padova - Corso di Laurea in Governo delle Amministrazioni - Informatica per ufficio

Università di Padova - Corso di Laurea in Governo delle Amministrazioni - Informatica per ufficio Il lavoro d ufficio La posta elettronica Intranet e Internet Browser OpenSource Mail server Utente 1 Utente 2 Apparato Rete Mail Server Server di posta POP3: (Post Office Protocol) protocollo per gestire

Dettagli

ALTRA ECONOMIA. Le licenze nel software. di virtualmondo. terza parte del seminario sul software libero. per contatti luciano@aniene.

ALTRA ECONOMIA. Le licenze nel software. di virtualmondo. terza parte del seminario sul software libero. per contatti luciano@aniene. ALTRA ECONOMIA Le licenze nel software di virtualmondo terza parte del seminario sul software libero per contatti luciano@aniene.net Le licenze L'utilizzo del software può essere concesso gratuitamente

Dettagli

Unix, Linux, Software Libero e Open Source: cenni storici e definizioni

Unix, Linux, Software Libero e Open Source: cenni storici e definizioni Corsi di Formazione "Open Source & Scuola" Provincia di Pescara gennaio 2005 aprile 2005 Unix, Linux, Software Libero e Open Source: cenni storici e definizioni Spremere denaro dagli utenti di un programma

Dettagli

**************************************************************************/

**************************************************************************/ /************************************************************************** * * Guida introduttiva al mondo GNU/Linux. * * Autore: Salvatore "sneo" Giugliano * Email: sneo@tiscali.it * ICQ: 116699222 *

Dettagli

Definizione di Open Source

Definizione di Open Source L Open Source Definizione di Open Source In informatica, open source (termine inglese che significa sorgente aperta) indica un software i cui autori (più precisamente i detentori dei diritti) ne permettono,

Dettagli

OPEN SOURCE CLOSED SOURCE

OPEN SOURCE CLOSED SOURCE OPEN SOURCE CLOSED SOURCE VS Con questi due termini si intendono due strategie di distribuzione software. Questi due modelli si differenziano per le modalità di: REALIZZAZIONE DISTRIBUZIONE MANUTENZIONE

Dettagli

Secondo la Free Software Foundation, un software si può definire libero solo se garantisce quattro "libertà fondamentali":

Secondo la Free Software Foundation, un software si può definire libero solo se garantisce quattro libertà fondamentali: OPEN SOFTWARE Tecnicamente, Open Source significa a codice sorgente aperto. La maggior parte dei programmi sono infatti scritti in linguaggi (più o meno) leggibili dagli umani, quali il C, C++, C#, ecc.;

Dettagli

S o f t w a r e L i b e r o : p e r c h é? a cura di don Paolo La Terra

S o f t w a r e L i b e r o : p e r c h é? a cura di don Paolo La Terra S o f t w a r e L i b e r o : p e r c h é? a cura di don Paolo La Terra C o s a è i l S o f t w a r e L i b e r o? Tecnicamente ed eticamente parlando il Software Libero è quello che, a prescindere dal

Dettagli

OPEN NON E FREE Metodi di ricerca per il progetto Docente Stefano Maffei Politecnico di Milano Facoltà del design

OPEN NON E FREE Metodi di ricerca per il progetto Docente Stefano Maffei Politecnico di Milano Facoltà del design Presentazione di Cristina Zocca 736584 Nicole Galeone 735934 OPEN NON E FREE Metodi di ricerca per il progetto Docente Stefano Maffei Politecnico di Milano Facoltà del design di Ippolita AUTORE IPPOLITA

Dettagli

Linux e Open Source: Libero! Non "gratis"...

Linux e Open Source: Libero! Non gratis... Linux e Open Source: Libero! Non "gratis"... Di Colucci Martino. 1 Cos'è Linux Linux è un sistema operativo alternativo al più blasonato Windows OS (o al cugino Macintosh) È parente stretto della famiglia

Dettagli

Sviluppare Software Libero

Sviluppare Software Libero Sviluppare Software Libero Un introduzione allo sviluppo del software libero. Idee, motivi ed esempi. Maurizio Lemmo File TEST - 1 Per iniziare... Un progetto software, idealmente,

Dettagli

Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università di Trento. Open Source e Free Software. Open Source e Free Software

Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università di Trento. Open Source e Free Software. Open Source e Free Software Paolo Zatelli Università di Trento 1/11 Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 2/11 Free Software Il termine free si deve tradurre

Dettagli

Open. Source. Il software AUTORE: ELENA COCCO UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÁ DI GIURISPRUDENZA DIRITTO PRIVATO DELL INFORMATICA

Open. Source. Il software AUTORE: ELENA COCCO UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÁ DI GIURISPRUDENZA DIRITTO PRIVATO DELL INFORMATICA Il software Open Source UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÁ DI GIURISPRUDENZA DIRITTO PRIVATO DELL INFORMATICA A.A. 2006/2007 DOCENTI:PROF.BRUNO TROISI DOTT.MASSIMO FARINA La società dell informazione

Dettagli

Le licenze d uso. Le principali tipologie di licenze

Le licenze d uso. Le principali tipologie di licenze Le licenze d uso La legge 633/41 attribuisce in via esclusiva all autore dell opera software tutti i diritti derivanti dall opera stessa, e vieta e punisce ogni abuso che leda questi diritti esclusivi.

Dettagli

INTRODUZIONE AL SOFTWARE LIBERO STEFANO IANNUCCI 02/13/12 1

INTRODUZIONE AL SOFTWARE LIBERO STEFANO IANNUCCI 02/13/12 1 INTRODUZIONE AL SOFTWARE LIBERO STEFANO IANNUCCI 02/13/12 1 Agenda Introduzione: limiti del software proprietario Definizione di software libero Vantaggi del software libero Per end-user (persone, aziende)

Dettagli

Il software Open Source

Il software Open Source Il software Open Source Matteo Baroni Open source non significa semplicemente accesso al codice sorgente. Secondo quanto stabilito nelle definizioni date dalla OSI (Open Source Initiative) e riportate

Dettagli

Introduzione a GNU/Linux e alle licenze libere

Introduzione a GNU/Linux e alle licenze libere Introduzione a GNU/Linux e alle licenze libere Luca Syslac Mezzalira Montebelluna Linux User Group 20/09/2007 Montebelluna Syslac (MontelLUG) Intro Linux/GPL 20/09/2007 Montebelluna 1 / 27 Licenza d utilizzo

Dettagli

Software Libero. Nicola Asuni

Software Libero. Nicola Asuni Software Libero Nicola Asuni Software "programmi e procedure utilizzati per far eseguire determinati compiti agli elaboratori elettronici (computer) o qualsiasi altro apparato con capacità di elaborazione

Dettagli

Il Sistema Operativo Linux

Il Sistema Operativo Linux Il Sistema Operativo Linux Sistema Linux storia Unix deriva da Unix open source software libero software open source GNU, GPL, LGPL storia Linux amministrazione struttura concetti base comandi shell Unix

Dettagli

Linux?!? A cura di: Carmine Stolfi Roberto Lacava

Linux?!? A cura di: Carmine Stolfi Roberto Lacava Linux?!? A cura di: Carmine Stolfi Roberto Lacava Panoramica su Linux Cosè Linux Perchè Linux è libero Cosè Linux? Linux è un Sistema Operativo Agisce da interfaccia tra l' uomo e la macchina fornendo

Dettagli

Software open source. Cenni. Termini del problema (i) Termini del problema (ii) Scenario. Approfondimento 2. diagram by Chao-Kuei

Software open source. Cenni. Termini del problema (i) Termini del problema (ii) Scenario. Approfondimento 2. diagram by Chao-Kuei Termini del problema (i) Software open source Cenni Approfondimento 2 Il mercato della produzione del software si classifica in base a tre fattori: Proprietà intellettuale del software: software proprietario

Dettagli

Internet: Software Open Source e Sistemi operativi. conoscerlo al meglio per usarlo meglio. 2011 Gabriele Riva - Arci Barzanò

Internet: Software Open Source e Sistemi operativi. conoscerlo al meglio per usarlo meglio. 2011 Gabriele Riva - Arci Barzanò Internet: conoscerlo al meglio per usarlo meglio Software Open Source e Sistemi operativi Indice Cos'è un Software Open Source Perchè utilizzare Software Open Source Sistemi operativi Licenze software

Dettagli

Uomo Libero software Libero

Uomo Libero software Libero Uomo Libero software Libero Marco Menardi marco.menardi@gmail.com marco.menardi@gmail.com (fellow Free Software Foundation Europe) presentazione realizzata con OpenOffice.org / LibreOffice Impress 23/10/2010,

Dettagli

Corso Software Open Source 2009 I.P.S.I.A A.M. Barlacchi Crotone

Corso Software Open Source 2009 I.P.S.I.A A.M. Barlacchi Crotone Corso Software Open Source 2009 I.P.S.I.A A.M. Barlacchi Crotone Linux is a free Unix-type operating system originally created by Linus Torvalds with the assistance of developers around the world. 1 Free

Dettagli

Software libero & Community Ing. Andrea Scrimieri

Software libero & Community Ing. Andrea Scrimieri & Community Ing. Andrea Scrimieri andrea.scrimieri@linux.it Origini del software libero 1984......ma prima un passo indietro... "Penso che nel mondo ci sia mercato forse per 4 o 5 computer" "Il microchip:

Dettagli

IL SOFTWARE LIBERO. e la sua filosofia

IL SOFTWARE LIBERO. e la sua filosofia IL SOFTWARE LIBERO e la sua filosofia A cura di: Francesco Murer 26 Giugno 2004 Autore: Francesco Murer Ultima modifica: 24/06/2004 La copia letterale ed integrale e la distribuzione sono permesse con

Dettagli

Software e Sistemi Operativi Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16

Software e Sistemi Operativi Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Software e Sistemi Operativi Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Cosa vedremo Il software applicativo Categorie di SW Il sistema operativo Gestione programmi in esecuzione (processi) Gestione memoria Gestione

Dettagli

Che cos'è il software libero

Che cos'è il software libero Che cos'è il software libero Il software come strumento di cooperazione Roma- 25 Marzo 2009 Arturo Di Corinto Free Hardware Foundation Una generazione di comunicatori Uno degli elementi che meglio caratterizza

Dettagli

Il software libero nella didattica. Le tre classi di programmi. Caratteristiche del software. Il progetto GNU

Il software libero nella didattica. Le tre classi di programmi. Caratteristiche del software. Il progetto GNU Il software libero nella didattica Marino Miculan -- Linux Day 2002 -- Gorizia, 23 novembre 2002 Le libertà del Software Libero nella didattica Perché adottare S.L. nella scuola

Dettagli

Introduzione ai software liberi

Introduzione ai software liberi Introduzione ai software liberi C l a u d i o S c h i f a n i Prima di tutto qualche chiarimento Il termine inglese Free assume significato diverso in funzione di ciò a cui si riferisce e ciò che anticipa.

Dettagli

Open Source::cenni. Termini del problema (i)

Open Source::cenni. Termini del problema (i) Operatore Informatico Giuridico Informatica Giuridica A.A 2006/2007 II Semestre Open Source::cenni Lezione 5 prof. Monica Palmirani Termini del problema (i) Il mercato della produzione del software si

Dettagli

2 La tempesta perfetta

2 La tempesta perfetta La tempesta perfetta : perché ora è il momento dell Open Source 2 INtroduzione 2 La tempesta perfetta 3 La promessa di valore dell open source 5 open source = riduzione dei costi per le aziende 6 Quali

Dettagli

GNU/Linux e *BSD: filosofia del software libero ed open source

GNU/Linux e *BSD: filosofia del software libero ed open source GNU/Linux e *BSD: filosofia del software libero ed open source Origini e filosofie dei sistemi operativi liberi. Principali licenze e libertà del software. Data: 28 ottobre 2006 Relatore: Massimo Masson

Dettagli

Lezione 3. Il software libero. Linux avanzato. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Lezione 3. Il software libero. Linux avanzato. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata Lezione 3 Linux avanzato 15 marzo 2013 System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata LA 13 3.1 Di cosa parliamo in questa lezione? Il movimento del software libero 1 Nascita

Dettagli

Materiale informativo per i soci

Materiale informativo per i soci Materiale informativo per i soci dell'associazione Culturale ACROS Premessa sul Software Libero e Open Source Il concetto di software libero si può ritenere strettamente legato a quello di libero scambio

Dettagli

Le licenze The cathedral and the bazaar Il mercato Open Source l'open Source come soluzione aziendale

Le licenze The cathedral and the bazaar Il mercato Open Source l'open Source come soluzione aziendale L'OPEN SOURCE COME MODELLO AZIENDALE Le licenze The cathedral and the bazaar Il mercato Open Source l'open Source come soluzione aziendale LE LICENZE La licenza Libera più conosciuta è la GNU General Public

Dettagli

Festival della scuola 2009 Tolentino, 6 Novembre 2009. Opzione Open Source nella scuola per la didattica e per l amministrazione

Festival della scuola 2009 Tolentino, 6 Novembre 2009. Opzione Open Source nella scuola per la didattica e per l amministrazione Festival della scuola 2009 Tolentino, 6 Novembre 2009 Opzione Open Source nella scuola per la didattica e per l amministrazione Il computer: software, hardware il software la parte immateriale intangibile

Dettagli

OPEN SOURCE. Concetti chiave e implicazioni per le scelte aziendali (fornitori e utenti)

OPEN SOURCE. Concetti chiave e implicazioni per le scelte aziendali (fornitori e utenti) OPEN SOURCE Concetti chiave e implicazioni per le scelte aziendali (fornitori e utenti) OBIETTIVI Cosa sono i sw open source? Cosa li distingue dai sofware non open? Quali implicazioni per: I professionisti

Dettagli

Altre due categorie non rientrano né nel software di sistema, né in quello applicativo pur contenendo elementi tipici di entrambi sono:

Altre due categorie non rientrano né nel software di sistema, né in quello applicativo pur contenendo elementi tipici di entrambi sono: 3. Il Software TIPI DI SOFTWARE La macchina come insieme di componenti hardware di per sé non è in grado di funzionare. Sono necessari dei programmi progettati dall uomo che indicano la sequenza di istruzioni

Dettagli

Corso base GNU/Linux 2014. Latina Linux Group. Sito web: www.llg.it. Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina

Corso base GNU/Linux 2014. Latina Linux Group. Sito web: www.llg.it. Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina Corso base GNU/Linux 2014 Latina Linux Group Sito web: www.llg.it Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina 1 / 34 Obiettivi di questo incontro Fornire delle informazioni di base sul funzionamento

Dettagli

Copyright e Internet. Diritto d autore e normativa

Copyright e Internet. Diritto d autore e normativa Copyright e Internet Diritto d autore e normativa I programmi per elaboratore sono tutelati civilmente e penalmente dalla normativa sul diritto d autore, in quanto opere dell ingegno, che si esprimono

Dettagli

Il software. E' una serie di istruzioni eseguite dal PC.

Il software. E' una serie di istruzioni eseguite dal PC. Corso "Software Open Source per il commercio elettronico Modulo: Applicazioni di ecommerce L'OPEN SOURCE Il software E' una serie di istruzioni eseguite dal PC. I programmatori Sono degli informatici che

Dettagli

L'Open Source nella cultura giuridica italiana. -e anche al di fuori di essa

L'Open Source nella cultura giuridica italiana. -e anche al di fuori di essa L'Open Source nella cultura giuridica italiana. -e anche al di fuori di essa Alberto Di Cagno Law student at Università Degli Studi di Bari Aldo Moro Specializing in tech law, italian certified electronic

Dettagli

Tutorial Creative Commons

Tutorial Creative Commons Tutorial Creative Commons Fare musica è molto divertente, ma lo è ancora di più se potete farlo con altre persone - ed è qui che interviene il progetto OpenSounds. OpenSounds vi consente di produrre musica

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

Open Source Cosa è, chi lo usa, perchè.

Open Source Cosa è, chi lo usa, perchè. GNU/Linux User Group Perugia http://www.perugiagnulug.org Perugia, 7 dicembre 2007 Paolo Giardini AIP Privacy Officer Eucip Certified Informatics Professional Consulente per la sicurezza delle informazioni

Dettagli

Software Libero e GNU/Linux

Software Libero e GNU/Linux Corso introduttivo a GNU/Linux Padova Software Libero e GNU/Linux Gianluca Moro Faber Libertatis Associazione di Promozione Sociale Faber Libertatis - http://faberlibertatis.org/ Linux che cos'è? Linux

Dettagli

La Filosofia ''Open Source'' ed il Sistema Operativo ''Linux''. Gabriele Turco e Tudor Trani.

La Filosofia ''Open Source'' ed il Sistema Operativo ''Linux''. Gabriele Turco e Tudor Trani. La Filosofia ''Open Source'' ed il Sistema Operativo ''Linux''. Gabriele Turco e Tudor Trani. Trieste, 2 Maggio 2016 1) OPEN SOURCE COSA SIGNIFICA OPEN SOURCE? E' un aggettivo che si una per intendere

Dettagli

Numero di utilizzatori (n=n b +n p ) 1 2 3 4 Disponibilità a pagare 200 300 450 525

Numero di utilizzatori (n=n b +n p ) 1 2 3 4 Disponibilità a pagare 200 300 450 525 Lezione 12: il software Open Source Copiare il software: un caso in di network externality (da Shy, 2000) Possiamo pensare che nel caso dell'industria del software si abbia un caso in cui fare copie del

Dettagli

Open Source e Riuso. Lezione 4bis. Termini del problema (i)

Open Source e Riuso. Lezione 4bis. Termini del problema (i) Open Source e Riuso Lezione 4bis Termini del problema (i) Il mercato della produzione del software si classifica in base a tre fattori: Proprietà intellettuale del software: software proprietario il titolare

Dettagli

Un percorso di introduzione al software libero...cercando di non scendere nei tecnicismi

Un percorso di introduzione al software libero...cercando di non scendere nei tecnicismi Introduzione al software libero Un percorso di introduzione al software libero...cercando di non scendere nei tecnicismi Marco Brambilla Introduzione al software libero Il software libero Linus, Richard

Dettagli

LINUX: la forza di un pinguino (e di uno GNU)

LINUX: la forza di un pinguino (e di uno GNU) LINUX: la forza di un pinguino (e di uno GNU) Prima è nato lo GNU Nel 1984 Richard Stallman avvia lo GNU project basato sul principio del free software (reazione a S.O. proprietari) Nel 1985 nasce la Free

Dettagli

Open Source e business

Open Source e business Open Source e business I paradigmi attuali e l'esempio di Apache Software Foundation Andrea Pescetti pescetti@apache.org Presentazione Volontario di Free Software Foundation dal 2001 Volontario del progetto

Dettagli

Il mercato italiano Open Source: domanda e offerta 1

Il mercato italiano Open Source: domanda e offerta 1 Il mercato italiano Open Source: domanda e offerta 1 Oltre il 12% delle aziende italiane usa soluzioni Open Source.(Istat 2007). Sarebbero molte di più se ci fosse una sufficiente diffusione della conoscenza

Dettagli

Istituto Tecnico Statale Argentia. Linux Day 2010. Scuola Pubblica e Software Libero. Sabato 23 ottobre 2010. Prima Edizione

Istituto Tecnico Statale Argentia. Linux Day 2010. Scuola Pubblica e Software Libero. Sabato 23 ottobre 2010. Prima Edizione Linux Day 2010 Scuola Pubblica e Software Libero Sabato 23 ottobre 2010 Prima Edizione 1 Software libero: programmi applicativi e didattica A cura della Prof.ssa Lina Marino Licenze d'uso e tipologie di

Dettagli

Ambito della tutela del software I diritti esclusivi sul software Le licenze d uso Le licenze del software libero Le facoltà dell utilizzatore

Ambito della tutela del software I diritti esclusivi sul software Le licenze d uso Le licenze del software libero Le facoltà dell utilizzatore /H]LRQ TXDUWD Ambito della tutela del software I diritti esclusivi sul software Le licenze d uso Le licenze del software libero Le facoltà dell utilizzatore legittimo Il ruolo della SIAE Tutela civile

Dettagli

Semplifica la Gestione HR. Una guida per scegliere il giusto Software HR Cloud

Semplifica la Gestione HR. Una guida per scegliere il giusto Software HR Cloud Semplifica la Gestione HR Una guida per scegliere il giusto Software HR Cloud Indice Introduzione 3 Vantaggi per tutti 4 Cosa è il Cloud? 4 Quali sono i benefici? 5 Cibo per le menti 7 Domande indispensabili

Dettagli

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows *

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Guida GESTIONE SISTEMI www.novell.com Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft Windows Indice: 2..... Benvenuti

Dettagli

Linux Sia: Linux Fu!

Linux Sia: Linux Fu! Linux Sia: Linux Fu! Pasquale Merella p.merella@blueberrypie.it Associazione Studentesca Blueberrypie Università Commericiale "L.Bocconi" http://www.blueberrypie.it 22 Gennaio, 2002 Abstract Cosa è Linux?

Dettagli

GNU/Linux e il software libero a scuola (e non solo) A cura del Prof. Fulvio Ferroni

GNU/Linux e il software libero a scuola (e non solo) A cura del Prof. Fulvio Ferroni GNU/Linux e il software libero a scuola (e non solo) A cura del Prof. Fulvio Ferroni Hardware e software HARDWARE (HW) = Parte fisica del sistema di elaborazione. SOFTWARE (SW) = L'insieme dei programmi.

Dettagli

Architetture Applicative

Architetture Applicative Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 6 Marzo 2012 Architetture Architetture Applicative Introduzione Alcuni esempi di Architetture Applicative Architetture con più Applicazioni Architetture

Dettagli

Introduzione a LINUX. Unix

Introduzione a LINUX. Unix Introduzione a LINUX Introduzione a Linux 1 Unix 1969: Ken Thompson AT&T Bell Lab realizza un ambiente di calcolo multiprogrammato e portabile per macchine di medie dimensioni. Estrema flessibilità nel

Dettagli

LINUX E OPEN INNOVATION

LINUX E OPEN INNOVATION BENVENUTI LINUX E OPEN INNOVATION Storia, filosofia e concept a cura di Fabio Lovato (INFO@SCULDASCIALAB.ORG) COSA SAREBBE UN PC SENZA PROGRAMMI? Un computer per funzionare necessita di un sistema operativo.

Dettagli

Licenze d uso libere. Rossetto Stefano Seminario di Commercio Elettronico

Licenze d uso libere. Rossetto Stefano Seminario di Commercio Elettronico Licenze d uso libere Rossetto Stefano Seminario di Commercio Elettronico Open Source L OSI definisce un elenco di condizioni per definire una licenza Open Source: 1. Redistribuzione libera; 2. Codice sorgente

Dettagli

Il progetto eduknoppix

Il progetto eduknoppix Il free software come supporto alla didattica. Dipartimento di Matematica e Fisica Università Cattolica del Sacro Cuore, Brescia OpenMath2005 Outline 1 Software e Software Libero Il software Software libero

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Norme in materia di adozione del software libero e open source, dei formati di dati aperti e dei diritti digitali del cittadino. Art.

Norme in materia di adozione del software libero e open source, dei formati di dati aperti e dei diritti digitali del cittadino. Art. Disegno di legge Norme in materia di adozione del software libero e open source, dei formati di dati aperti e dei diritti digitali del cittadino Art.1 Finalità 1. La Provincia autonoma di Trento, in qualità

Dettagli

Corso di Sistemi Operativi DEE - Politecnico di Bari. Windows vs LINUX. G. Piscitelli - M. Ruta. 1 di 20 Windows vs LINUX

Corso di Sistemi Operativi DEE - Politecnico di Bari. Windows vs LINUX. G. Piscitelli - M. Ruta. 1 di 20 Windows vs LINUX Windows vs LINUX 1 di 20 Windows vs LINUX In che termini ha senso un confronto? Un O.S. è condizionato dall architettura su cui gira Un O.S. è condizionato dalle applicazioni Difficile effettuare un rapporto

Dettagli

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI Introduzione ai sistemi operativi pag. 3 La shell pag. 3 Tipi di sistemi operativi pag. 4 I servizi del sistema operativo pag. 4 La gestione dei file e il file system Il

Dettagli

La sicurezza nell'uso della rete. 15 aprile 2014 - Claudio Bizzarri Modulo base claudio@bizzarri.net

La sicurezza nell'uso della rete. 15 aprile 2014 - Claudio Bizzarri Modulo base claudio@bizzarri.net La sicurezza nell'uso della rete 15 aprile 2014 - Claudio Bizzarri Modulo base claudio@bizzarri.net Modulo base La sicurezza nell'uso della rete Introduzione internet e Internet obiettivi di un attacco

Dettagli

Portale Iniziative Culturali e di Solidarietà (ICS) della Associazione Nazionale Alpini (ANA) - Sezione di Milano

Portale Iniziative Culturali e di Solidarietà (ICS) della Associazione Nazionale Alpini (ANA) - Sezione di Milano Portale Iniziative Culturali e di Solidarietà (ICS) della Associazione Nazionale Alpini (ANA) - Sezione di Milano 1. Scopo del documento. 2. Il Portale ICS: utenti, caratteristiche e obiettivi. 3. Il progetto.

Dettagli

Il Software Libero. Lo Gnu, il simbolo universalmente riconosciuto del Software libero, ma anche acronimo di Gnu is not Unix

Il Software Libero. Lo Gnu, il simbolo universalmente riconosciuto del Software libero, ma anche acronimo di Gnu is not Unix Il Software Libero Un software libero è un software rilasciato con una licenza che permette a chiunque di utilizzarlo, studiarlo, modificarlo e redistribuirlo. Il fenomeno nato negli anni 80 come reazione

Dettagli

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà Economia Corso di Strategia di Impresa A/A 2008-2009 TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE -Robert M. Grant- Peitas Patrizia INDICE 1. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Gassino t.se, 16 dicembre 2014

Gassino t.se, 16 dicembre 2014 2014_12_mozione_open_sourceopensource - pagina 1 di 6 Gassino t.se, 16 dicembre 2014 Oggetto: Mozione Open Source a: Sindaco della Città di Gassino Torinese Sig. Paolo Cugini Assessore di competenza Il

Dettagli

L'associazione Solira

L'associazione Solira L'associazione Solira SoLiRa = Software Libero Ragusa opera sul territorio dal 2003 attività: seminari, conferenze (Linux Day, Giornata del Software Libero) sito internet: http://www.solira.org Riscaldiamo

Dettagli

L Open Source un mondo che forse dovresti conoscere? Viaggio alla scoperta dell open source e le sue caratteristiche.

L Open Source un mondo che forse dovresti conoscere? Viaggio alla scoperta dell open source e le sue caratteristiche. L Open Source un mondo che forse dovresti conoscere? Viaggio alla scoperta dell open source e le sue caratteristiche. Le licenze Cosa è la licenza? licenza o contratto d'uso è il contratto con il quale

Dettagli

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE SCUOLA DI ECONOMIA E STATISTICA CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE - LAUREA SPECIALISTICA - LAUREA MAGISTRALE La Scuola di Economia

Dettagli

1. Arduino va di moda.

1. Arduino va di moda. 1. Arduino va di moda. Arduino è una piattaforma hardware open source programmabile, interamente realizzata in Italia, che permette la prototipazione rapida e l'apprendimento veloce dei principi fondamentali

Dettagli

Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università.

Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università. Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università. Luciano Cecconi Professore associato di Pedagogia sperimentale Facoltà di Scienze della Formazione

Dettagli

File System Distribuiti

File System Distribuiti File System Distribuiti Introduzione Nominazione e Trasparenza Accesso ai File Remoti Servizio Con/Senza Informazione di Stato Replica dei File Un esempio di sistema 20.1 Introduzione File System Distribuito

Dettagli

Introduzione. File System Distribuiti. Nominazione e Trasparenza. Struttura dei DFS. Strutture di Nominazione

Introduzione. File System Distribuiti. Nominazione e Trasparenza. Struttura dei DFS. Strutture di Nominazione File System Distribuiti Introduzione Nominazione e Trasparenza Accesso ai File Remoti Servizio Con/Senza Informazione di Stato Replica dei File Un esempio di sistema Introduzione File System Distribuito

Dettagli

Le 7 competenze chiave del Consulente IT

Le 7 competenze chiave del Consulente IT Le 7 competenze chiave del Consulente IT di Pierluigi Demaria Pierluigi Demaria ha partecipato a decine di progetti nazionali e internazionali supportando oltre 200 consulenti e manager nella implementazione,supporto

Dettagli

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema Software 2 Insieme di istruzioni e programmi che consentono il funzionamento del computer Il software indica all hardware quali sono le operazioni da eseguire per svolgere determinati compiti Valore spesso

Dettagli

I Server. Andrea Sommaruga: I server e le OSC (12:15-13:00) I Sistemi Operativi alternativi: Distribuzioni Linux,

I Server. Andrea Sommaruga: I server e le OSC (12:15-13:00) I Sistemi Operativi alternativi: Distribuzioni Linux, I Server Andrea Sommaruga: I server e le OSC (12:15-13:00) I Sistemi Operativi alternativi: Distribuzioni Linux, FreeBSD, ecc. Apache / Tomcat / Jakarta / Samba e l'accesso a Windows Antivirus, firewall,

Dettagli

Software Educativo Equo e Solidale

Software Educativo Equo e Solidale Software Educativo Equo e Solidale CIES - Lynx Versione febbraio 2007 IN SINTESI: questo progetto mira a applicare concetti e metodi ormai consolidati dal settore del Commercio Equo e Solidale ad un campo

Dettagli

Evoluzione di Internet, licenze e diritti Software

Evoluzione di Internet, licenze e diritti Software Evoluzione di Internet, licenze e diritti Software A cura di Marziana Monfardini Licenze e diritti software La tutela del software Copyright e diritto d autore Legge 633/41 Articolo 2 Sono protetti i programmi

Dettagli

Software. Algoritmo. Algoritmo INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042)

Software. Algoritmo. Algoritmo INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Gli elaboratori utilizzano memoria per Dati da elaborare Istruzioni eseguite dall elaboratore software differenti risoluzione problemi differenti Algoritmo

Dettagli

ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole

ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole Marina Cabrini Membro del gruppo di lavoro ECDL presso la ECDL Foundation Dublin mcabrini@sicef.ch l mondo dell informatica è in perenne movimento ed evoluzione,

Dettagli

Avete detto Open Source?!

Avete detto Open Source?! Come avvicinarsi all'open Source Sergio Margarita LIASES Università di Torino margarita@econ.unito.it Open Source nell'università - Software libero per studiare, insegnare e fare ricerca Università di

Dettagli

Linux Day 2013. Perche' siamo qui???

Linux Day 2013. Perche' siamo qui??? Perche' siamo qui??? tredicesima giornata nazionale per GNU/Linux ed il software libero Quindi noi siamo qui per sostenere e diffondere il GNU/Linux e il Software Libero!!! Quindi noi siamo qui per sostenere

Dettagli

Open Source e Free Software Introduzione a GRASS e sw correlati GFOSS (Geographic Free Open Source Software) Cartografia numerica e GIS Free Software Il termine free si deve tradurre come libero piuttosto

Dettagli

Software libero e condivisione della conoscenza

Software libero e condivisione della conoscenza Software libero e condivisione della conoscenza Gianni Bianchini Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, Università di Siena Associazione Software Libero giannibi@dii.unisi.it - giannibi@softwarelibero.it

Dettagli