Corso di alta formazione tecnologie libere ed open source. APPUNTI DI DIRITTO DELL'INFORMATICA E DELLE NUOVE TECNOLOGIE. Avv.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di alta formazione tecnologie libere ed open source. APPUNTI DI DIRITTO DELL'INFORMATICA E DELLE NUOVE TECNOLOGIE. Avv."

Transcript

1 Corso di alta formazione tecnologie libere ed open source. APPUNTI DI DIRITTO DELL'INFORMATICA E DELLE NUOVE TECNOLOGIE Avv. Nuccio Cantelmi 1

2 2008 Nuccio Cantelmi Quest'opera è rilasciata nei termini della licenza Creative Commons, attribuzione, non commerciale, condividi allo stesso modo V. 2.5 (CC BY NC SA). Il testo della licenza è reperibile all'url: 2

3 Premessa. Il presente lavoro è il frutto dell'esperienza di divulgazione del Floss (free libré open source software) in diverse sedi tra cui il corso di laurea in Informatica Giuridica presso la facoltà di Giurisprudenza dell'università di Catanzaro. Esso non ha alcuna pretesa di completezza o di esaustività limitandosi, in maniera molto sintetica, a voler coniugare gli aspetti giuridici con quelli eminentemente tecnici, sociali, economici e culturali. In effetti, un approccio monotematico e unidirezionale non è in grado di cogliere la pienezza del movimento che sostiene il software libero e la trasversalità degli effetti della sua adozione nei vari settori della vita quotidiana: dal lavoro allo studio, dallo svago all'intrattenimento, dalla azienda alla pubblica amministrazione. L'intento della trattazione che segue è quello di guidare i giovani ricercatori di questo corso nella comprensione degli aspetti generali del fenomeno, nella convinzione che possano proseguire nel cammino della libera condivisione e della diffusione del sapere. Nuccio Cantelmi 3

4 L'informazione. Il sistema economico attuale sta attraversando un periodo di transizione. Fino a poco tempo fa, l'economia era basata sulla produzione materiale di beni o servizi legati ai beni. Questo paradigma è strettamente legato ad un aspetto sociologico fondamentale: il possesso di cose materiali come indicatore di successo sociale. Nella seconda metà del 20 secolo, però, lo sviluppo delle tecnologie di trasmissione dati e l'abbassamento radicale del costo dei dispositivi tecnologici, hanno reso evidente l'importanza, sotto il profilo economico, dell'informazione pura. L'informazione non è altro che il mezzo di trasmissione della conoscenza. Precisamente, ogni singola informazione rappresenta il contenuto minimo del contributo cognitivo. Oggi, misuriamo l'informazione in bit, ovvero trasformiamo il dato immateriale in qualcosa di misurabile e tangibile. Eppure, la conoscenza rappresenta pur sempre qualcosa di impalpabile e di etereo che non può essere rinchiusa in contenitori ermetici. Nonostante ciò, siamo oramai abituati a sentir parlare di proprietà intellettuale, ovvero della possibilità di dichiararsi o di essere riconosciuti padroni di un contenuto di conoscenza o, come forse è più corretto affermare, di un contenitore di conoscenza. La proprietà intellettuale. Cos'è la proprietà. Secondo il diritto civile essa è la massima forma di appartenenza giuridica e si concreta nel diritto di escludere tutti gli altri (ius excludendi omnes alios) dal rapporto privilegiato con il bene oggetto di titolarità. Va da sé che questo modello di stretta relazione uomo-cosa si traduca, nell'esperienza comune, nella materiale apprensione di una cosa: sono riconosciuto proprietario di qualcosa che posso controllare e, in qualche modo, impedire ad altri di venirne in contatto. Appare evidente che parlare di proprietà di cose immateriali, dunque, significa parlare di una finzione giuridica in base alla quale è possibile divenire proprietari di cose che non esistono. Questo concetto è quanto mai astruso nel diritto di estrazione romanistica, legato ad una concezione di 4

5 proprietà quale suprema espressione del meum est. Nei paesi anglosassoni, invece, il concetto di proprietà si lega anche a situazioni o rapporti giuridici molto diversi tra loro. Ad esempio, si parla comunemente di proprietà di un credito, sovrapponendo titolarità e diritto di proprietà. Una fictio iurus, dunque, la finzione di poter apprendere un bene immateriale. Il concetto di proprietà intellettuale si estende anche al campo del brevetto, del marchio e del disegno industriale. Alcuni, però, preferiscono parlare di proprietà industriale (vedi codice della proprietà industriale) per quanto concerne patenti, brevetti e marchi, mentre la proprietà intellettuale pura dovrebbe individuare il solo diritto d'autore. Il brevetto. Il brevetto è il riconoscimento di un monopolio nella produzione e commercializzazione di una invenzione, con carattere del tutto temporaneo. Il monopolio legale nasce per una forma di pubblicità che consiste nella presentazione della domanda di brevetto e nel suo ottenimento, previa verifica della presenza di alcune caratteristiche. In cambio del monopolio, però, l'inventore è tenuto a disvelare le caratteristiche tecniche e costruttive della propria invenzione industriale. Affinché possa concedersi brevetto occorre che l'invenzione sia implichi un'attività inventiva e che abbiano una concreta applicazione industriale. I caratteri salienti dell'invenzione sono, quindi, la novità, l'industrialità e la liceità. Un'invenzione è nuova se non è presente nello stato della tecnica, ovvero se non sia mai stato reso pubblico, in precedenza, il contenuto dell'invenzione. Un'invenzione ha carattere inventivo se, per una persona esperta nel ramo, essa non risulti ovvia, ovvero sia necessario uno sforzo intellettivo particolare che innalzi il prodotto al di sopra dello stato della tecnica corrente. L'industrialità consiste nella concreta possibilità di ricadute applicative dell'oggetto di invenzione, ovvero se questo può essere prodotto o fabbricato. All'atto della presentazione della domanda di brevetto, l'inventore deve presentare una descrizione 5

6 tecnica del prodotto d'ingegno. La presentazione della domanda conferisce priorità nello sfruttamento e nella commercializzazione. La durata del privilegio concesso dalla legge è di venti anni dalla presentazione della domanda di brevetto, cessati i quali l'invenzione risulta liberamente disponibile per la produzione e la commercializzazione. Il Diritto d'autore (DDA). Il diritto d'autore nasce come struttura giuridica di protezione delle idee nel primo 18 secolo. Lo statuto della regina Anna (1710), rese il Regno Unito il primo stato a dotarsi di una disciplina organica del dda. Quali sono le ragioni di fondo della disciplina giuridica del dda? Proteggere i diritti dell'autore di un'opera rappresenta, nell'intendimento del legislatore, il miglior modo per invogliare l'umanità a creare arte e conoscenza, mettendola così a disposizione della collettività e contribuendo, in questo modo, alla crescita individuale e collettiva (art 2 Cost). La legge italiana sul DDA risale, nella sua originaria stesura, al 22 aprile 1941, legge n Essa è stata novellata e rimodellata più volte. Nel corso degli ultimi dieci anni, gli interventi di novella superano la decina. Eppure, la sua struttura originaria non è stata intaccata. Le modifiche, come meglio vedremo in seguito, hanno riguardato aspetti non prioritari della legge, riuscendo comunque a stravolgerne il senso pristino. Innanzitutto, qual'è l'oggetto della tutela della legge? Risposta immediata: la legge 633 tutela le opere dell'ingegno di carattere creativo. Semplice, anzi no. Cos'è un'opera? Essa è l'estrinsecazione del pensiero umano in una forma artistica. L'arte è la chiave di codifica del linguaggio universale che ogni uomo è capace di recepire. L'arte è il veicolo attraverso cui valori umani vengono trasmessi e possono essere metabolizzati. 6

7 Ovviamente, ogni opera ha bisogno di un sostrato materiale per essere oggetto di contemplazione o conoscenza, altrimenti, essa resta dominio esclusivo del suo creatore ed è inidonea ad essere condivisa. Dunque, un'opera di ingegno deve avere carattere materiale. Il momento di fissazione dell'opera su supporto materiale fa nascere, in capo all'autore, i diritti riconosciuti dalla legge. La titolarità del dda, quindi, è sostanzialmente una res facti. Nella sua struttura di base il dda poggia su due pilastri. La base del dda. Il primo è il diritto morale, il secondo è il diritto patrimoniale. Il diritto morale (artt 20 e ss Lda) è una situazione giuridica originaria e personalissima, inalienabile, che concede all'autore il diritto di rivendicare la paternità e di opporsi a modificazioni, deformazione o deturpazione dell'opera. Il diritto morale non si estingue in caso di cessione del diritto patrimoniale sull'opera. Il diritto patrimoniale (artt. 25 e ss Lda) corrisponde all'utilizzazione economica dell'opera. Lo sfruttamento economico dell'opera si protrae per tutta la vita del creatore e per settanta anni dalla sua morte. Il diritto patrimoniale è trasmissibile inter vivos e mortis causa. Questi sono i due pilastri del dda. Le privative. Su questi due capisaldi si innestano una pluralità di situazioni giuridiche riconducibili all'atto della creazione dell'opera. A mio modo di vedere si può parlare non di diritti ma di facoltà, al pari delle facoltà del comune proprietario, ad esempio: l'uso, il non uso, la distruzione della cosa etc... Queste facoltà sono: prima pubblicazione (art 12), riproduzione (copia) (art 13), trascrivere (art 14), rappresentare (art 15), diffusione a distanza o per mezzo radiofonico o televisivo (art 16), 7

8 commercializzazione (art 17), traduzione, noleggio (art 18). Queste facoltà sono proprie del titolare dei diritti sull'opera. Esse sono definite privative e sono la massima rappresentazione del potere dell'autore sull'opera. Le privative sono ciò che rende protetta per legge un'opera. Ovviamente, ciascuna delle facoltà riconosciute all'autore può essere oggetto di transazione commerciale, ovvero cessione a titolo oneroso di una o più di esse. Libere utilizzazioni. A fronte delle privative, la legge riconosce alcuni limitati momenti di libertà definite libere utilizzazioni (artt. 65 e ss LDA). Esse consistono in eccezioni al potere di privativa. Le libere utilizzazioni si associano al concetto di fair use statunitense ed a quello di fair dealing anglosassone. In particolare, il primo ha cominciato ad essere usato ed invocato anche nei paesi europei e la direttiva Ipred1 (2004/48/CE), pare averne recepito i 4 valori fondamentali: 1) L'oggetto e la natura dell'uso, in particolare se ha natura commerciale oppure didattico e senza scopo lucrativo. 2) La natura dell'opera protetta. 3) La quantità e l'importanza della parte utilizzata in rapporto all'insieme dell'opera protette. 4)Le conseguenze di questo uso sul mercato potenziale o sul valore dell'opera protetta. In altre parole, è possibile per chiunque superare le riserve di privativa ed avere libero accesso ad un'opera a patto di rispettare i quattro punti di cui sopra. Di recente, è stato novellato l'art 70-bis nel punto in cui prevede la libera riproducibilità di opere d'arte purché la copia diffusa abbia un carattere degradato di qualità rispetto l'originale. Tra le più importanti libere utilizzazioni, possiamo citare la libera riproducibilità di un articolo di carattere economico, politico o religioso (salvo che tale diritto non sia espressamente riservato), per ragioni di critica, revisione. È, in genere, libera la riproduzione di opere fatta con mezzi che non consentano lo spaccio (art 68 8

9 LDA) o la diffusione al pubblico. Un esempio è la reprografia, ovvero la fotocopia, che è libera fino alla concorrenza del 15% di un'opera e dietro il pagamento di un contributo agli autori per mezzo Siae. La più importante delle libere utilizzazioni è quella espressa dall'art 71-sexies LDA, in forza del quale è consentita la riproduzione per uso privato di videogrammi, fotogrammi e programmi per elaboratore. Si tratta della dottrina della cosiddetta copia privata. In buona sostanza, è liberamente consentito effettuare una copia di salvataggio (backup) dell'opera legittimamente detenuta. Ovviamente, a fronte di questa facoltà è riconosciuto il diritto ad un compenso per l'autore. Il compenso viene versato in maniera indiretta, attraverso una tassa apposta su tutti i dispositivi di registrazione o memorizzazione. Ogni qual volta acquistiamo un cd, un dvd, un computer o un videoregistratore, paghiamo un prezzo maggiorato di una tassa corrispondente al tipo di supporto. Per cd e dvd, questa tassa a quasi duplicato il costo di mercato. Il paradosso sta nel fatto che la tassa viene pagata anche se su quel supporto non vengono fissate opere coperte da DDA oppure se non venga utilizzato per il backup di opere tutelate. I diritti connessi. Con il tempo, altre situazioni giuridiche, ulteriori rispetto quelle dell'autore, sono riuscite a ritagliarsi uno spazio in seno alla normativa dda. Si tratta di interessi peculiari, come quello del produttore di fonogrammi, artisti, interpreti ed esecutori, il produttore di opere cinematografiche o audiovisive (ad. es. format televisivo). La presenza di ulteriori fattori di protezione, oltre il diritto dell'autore, comporta un intensificazione delle aspettative di tutela a tutta compressione degli interessi dell'utente/fruitore di un'opera. Il diritto connesso degli interpreti, ad esempio, secondo recenti proposte di legge potrebbe essere esteso a 95 anni la prima pubblicazione o fissazione. La tutela civile del dda. 9

10 La moderna legislazione offre strumenti molto importanti di tutela civilistica. Il più importante di questi è l'actio inibitoria (artt 163 e ss LDA). Il soggetto che si ritenga leso nel suo DDA può chiedere, in via cautelare, che qualsiasi violazione sia interrotta, intervenendo anche nei confronti di intermediari. Secondo il dettato dell'art 161 LDA, è possibile chiedere il sequestro delle cose che si ritengono violazione della legge. Il fattore innovativo della protezione civilistica del DDA è rappresentato dal cosiddetto enforcement. L'espressione è dovuta ad una direttiva comunitaria, la Ipred1 (Intellectual proprerty enforcement directive 48/2004/CE), il cui scopo è stato quello dell'armonizzazione di alcuni aspetti del DDA europeo, con particolare riguardo alla tutela civilistica. Con la legge di recepimento (legge 140/2006) la LDA è stata novellata con l'introduzione degli articoli 156 e ss. La particolarità dell'enforcement consiste nel poter beneficiare di una procedura giudiziale agevolata per reprimere le violazioni del DDA. Chi ha ragione di temere la violazione e può presentare al giudice seri elementi sulla fondatezza della propria domanda, può ottenere che il giudicante ordini l'esibizione o la produzione della prova alla controparte (inversione dell'onere della prova). Può chiedere, altresì, che siano fornite informazioni sulle reti di distribuzione o prestazione servizi. Queste informazioni possono essere richieste anche ad ogni altra persona implicata nel traffico di materiale coperto da DDA. (Caso Peppermint). La tutela penale del DDA. La violazione del DDA comporta una serie di sanzioni penali. La detenzione, la commercializzazione, l'importazione ed altre condotte tipizzate di materiale coperto da DDA, porta come conseguenza l'applicazione di una pesante sanzione edittale, accompagnata da multa e sanzioni accessorie. Particolare rilevante è il fatto che alcune norme di penalizzazione puniscano la mancata apposizione del cosiddetto Bollino Siae (contrassegno). La Corte di Giustizia Europea ha recentemente sancito la illegittimità della normativa italiana in materia. 10

11 Le fattispecie delittuose indicate dagli artt 171 e ss LDA, sono condite da un elemento soggettivo caratterizzato da un fattore di specialità: esso è il fine di lucro o di profitto. Lo scopo di lucro, associato alla fattispecie incriminatoria, comporta che la condotta tipica del delitto sia caratterizzata dalla volontà di arricchimento. Ben diverso appare il fine di profitto (previsto dall'art 171 ter per la duplicazione del software), in forza del quale il semplice mancato esborso economico può rappresentare elemento significante del fatto di reato. La questione è divenuta di particolare interesse allorquando nel 2004 il Ministro Urbani propose un decreto (poi convertito nella legge 128/04) nel quale si modificava l'art 171-ter LDA nel punto in cui le fattispecie descritte venivano assistite da fine di lucro, disponendosi, in sostituzione, che esse fossero punibili alla soglia del fine di profitto. Questa variazione, associata ad uno dei primi casi internazionali di legislazione punitiva dello scambio di files tutelati su reti P2P, aveva reso passibili di sanzione penale quasi tutte le condotte di scambio, duplicazione o riproduzione di opere per uso non personale. Il Decreto Urbani è stato poi modificato dalla legge 43/2005. Le misure tecnologiche di protezione. La ricezione della direttiva 2001/29/CE (Dlgs 68/2003) ha prodotto un vigoroso scuotimento della legge 633. In particolare, tra le novità più significanti vi è l'introduzione della disciplina giuridica delle cosiddette Misure tecnologiche di protezione (MTP). Di cosa di tratta. In buona sostanza, viene riconosciuto al titolare dei diritti di sfruttamento economico la possibilità di limitare l'accesso all'opera attraverso dei dispositivi tecnologici. Questi dispositivi sono tanto hardware che software. Un esempio ne è la cd. regionalizzazione dei cd o dvd. In pratica, un film su supporto digitale acquistato in America, non funzionerà su un lettore acquistato in Europa e viceversa. Per cui, se acquistiamo in America il film che non riusciamo a trovare nel catalogo del nostro rivenditore di fiducia, non avremo la possibilità di goderne. 11

12 Le MTP si sono notevolmente sviluppate nel corso degli ultimi cinque anni, dando vita ad un fiorente mercato. In particolare, i sistemi più diffusi sono i cd DRM ed il Trusted Computing. DRM sta per digital right management, ovvero gestione dei diritti digitali. Si tratta di una serie di restrizioni all'accesso all'opera che possono limitare o impedire, ad esempio, la copia, la riproduzione con supporti o dispositivi diversi da quello su cui originariamente l'opera è fissata o da quello specificamente prescelto dal produttore. I DRM sono solitamente associati ai files multimediali (musica o cinema) e possono impedire la masterizzazione su supporto ottico. In questo senso, i DRM si pongono in netto contrasto con quanto previsto dall'art 71-sexies LDA che consente la copia di riserva di un'opera legittimamente posseduta. Le MTP hanno, però, un lato oscuro. Innanzitutto, l'art 102-quater descrive le misure tecnologiche di protezione come efficaci per principio di legge. Ciò comporta che la violazione delle stesse, penalmente sanzionate, può incorrere anche quando la MTP non sia realmente efficace o presenti caratteristiche tecniche tali da essere idonea all'uso ed allo scopo preposto. Questa disposizione ha messo a rischio uno dei settori della ricerca scientifica più promettenti, ovvero la crittografia. Essa consiste nella scienza della cifratura, ovvero nell'arte di nascondere i documenti in modo che essi non possano essere conosciuti da chi non sia previamente autorizzato. Questo settore è fondamentale, ad esempio, quando si parla di firma digitale. La lettera h) del 1 comma dell'art 171-ter LDA, inoltre, punisce chiunque comunica o mette a disposizione del pubblico materiale dal quale siano state rimosse le MTP. Non poco dubbio è stato sollevato da questa disposizione. Mettiamo il caso che io scopra un difetto nel funzionamento di un sistema coperto da MTP e decida, nel corso della mia attività di ricercatore scientifico, di realizzare una pubblicazione sull'argomento. Ebbene, in questo caso sarei passibile di concorso nel reato di cui sopra, oppure potrei essere accusato di favoreggiamento, di associazione per delinquere o di 12

13 ricettazione. Il rischio è che la ricerca scientifica nel settore informatico possa essere drasticamente limitata. Ma ci sono altri aspetti addirittura più inquietanti. Uno dei sistemi DRM più in uso è quello di accludere al file multimediale un appendice software che sia in grado di attivarsi al momento della fissazione del file sul disco dell'utente. Questo applicativo si metterà in contatto con il produttore dell'opera per avvisarlo di eventuali abusi o violazioni. Già che c'è, però, il dispositivo controlla il disco dell'utente per verificare se non vi siano altri abusi o violazioni e trasmette tutte le informazioni (tutte) che vuole al server del produttore. Da più parti si è levato un grido di protesta avverso questo metodo di controllo che non garantisce la privacy dell'utente e che rende il computer del ricevente esposto all'intrusione di chiunque abbia la malizia di sfruttare queste tecnologie. Vedi il caso Sony-Bmg. Le MTP, infine, limitano o impediscono la copia dell'opera, di fatto annullando la possibilità di copia privata prevista dall'art 71-sexies. Il paradosso è che se il legittimo titolare del diritto di copia privata provi ad aggirare le MTP infrangerebbe l'attuale legislazione. Del TC discuteremo in seguito trattando del software. Il principio di esaurimento. Il principio di esaurimento o clausola di primo uso (first sale doctrine), rappresenta uno dei modi di estinzione del diritto di sfruttamento economico sull'opera. In buona sostanza, con la prima vendita del supporto che contiene il prodotto d'ingegno, il diritto dell'autore si esaurisce, non potendo costui opporsi ad ogni ulteriore passaggio del bene. Successivamente al primo acquisto, dunque, l'opera può essere ceduta, prestata, distrutta ad libitum. Non tutte le privative, però, si esauriscono. La riproduzione, ad esempio, è sempre soggetta al diritto dell'autore (vedi reprografia). Il diritto morale, invece, non viene interrotto della prima vendita. Occorre evidenziare che con il Dlgs 68/2003, è stata introdotta una eccezione al principio di esaurimento. Il terzo comma dell'art 17 LDA prevede che questo non si applichi alla messa a 13

14 disposizione di opere in modo che ciascuno possa avervi accesso dal luogo e nel momento scelto individualmente. La lettura più corretta di questo comma, vuole che opere prive di supporto materiale siano sempre seguite dal DDA nonostante la prima vendita. Ciò comporta che la distribuzione on line di musica, film o software non cade sotto l'effetto del disposto del primo comma. Il risultato può essere particolare: nonostante un utente abbia acquistato legittimamente un brano musicale, egli non ne è ritenuto titolare, potendo il fornitore pretendere il pagamento di una licenza a tempo o a scadenza, rinnovabile o meno. Il pubblico dominio. Uno dei temi meno conosciuti in materia di DDA è quello del pubblico dominio. In cosa consiste. Alla scadenza del periodo in cui la legge riserva all'autore o al titolare del diritto l'esercizio delle privative, l'opera entra in uno stato di assoluta disponibilità da parte di quisique de populo. Copia, riproduzione, modificazione, derivazione e rappresentazione, divengono improvvisamente disponibili per chiunque senza temere rappresaglie da parte di chi detenga i diritti sull'opera. Nel corso dell'ultimo secolo, per evitare che opere in scadenza del DDA potessero entrare nel pubblico dominio, la durata del periodo di privativa è stata progressivamente ampliata fino agli attuali 70 anni dalla morte dell'autore (o dell'ultimo degli autori in caso di opera collettiva) e 95 dalla creazione dell'opera in caso di società. Un'opera può ricadere nel pubblico dominio anche per espressa disposizione dell'avente titolo. Il caso più emblematico è stato il gesto di assoluta nobiltà di Sir Tim Barners Lee, l'inventore della moderna internet, il quale ha rifiutato ogni forma di privazione sulla sua creatura intellettuale, regalando all'umanità la possibilità di crescere nella comunicazione, nella connessione e nella conoscenza. La teoria dei Commons. 14

15 Questa è una teoria giuridica di matrice anglosassone che trova molto riscontro nella più moderna dottrina giuridica statunitense, espressa magistralmente dal prof. Lawrence Lessig. I Commons sono risorse comuni a cui l'intera collettività ha diritto di accedere ed usufruire. In un certo qual senso, i commons sono il collante materiale della società cui ogni singolo individuo deve poter beneficiare al momento del bisogno. Le strade, ad esempio, rappresentano un ottimo commons. Esse appartengono alla collettività, sono gestite da un ente pubblico ed esistono regole che consentono al cittadino di poterne fruire in piena libertà nel rispetto di alcune prescrizioni di condotta. Altri esempi potrebbero essere l'acqua, l'aria atmosferica, l'energia del sole. Parimenti, sono risorse condivisibili la giustizia e la solidarietà. Rappresentano un commons l'informazione e le idee. Una società ha bisogno di poter attingere a risorse comuni. In esse, la collettività si riconosce e si qualifica come tale. Per questo motivo, l'ordinamento giuridico deve prevedere delle regole che garantiscano ed assicurino la parità di accesso e di fruibilità. Alla teoria dei commons è stata associata la teoria dei layers (strati). In buona sostanza, ogni commons si presenta secondo diversi strati di fruizione. Il primo strato è quello fisico, ovvero il mezzo materiale di godimento del commons. Il secondo è quello del codice, ovvero dell'insieme di regole autonome o eteronome che presiedono alla gestione del commons. Il terzo è quello del contenuto, ovvero l'espressione di vantaggio o di utilità del commons per il contesto sociale di riferimento. Facciamo un esempio. Le strade sono un commons. Al livello dello strato fisico, esse sono materialmente accessibili da chiunque. Al livello del codice, esiste una regolamentazione dettagliata che indica cosa e come accedere alla risorsa (codice della strada). Al livello del contenuto, occorre guardare al contesto 15

16 sociale che si crea attorno alla risorsa comune: case, negozi, attività commerciali, enti pubblici; ma anche: autovetture, semafori, cartelloni pubblicitari. Il medium è messaggio di comunicazione e di interscambio sociale. Internet è un commons. Al livello fisico, esso si presenta come un insieme di dispositivi tecnologici capaci di connettersi tra loro. Questi dispositivi appartengono a privati. Al livello del codice, la rete si presenta una babele di linguaggi tenuti insieme da un protocollo di comunicazione che ne assicura la interoperabilità. Al livello del contenuto, internet è ciò che tutti noi conosciamo: la forma più evoluta di connettività. Le idee e la conoscenza sono esse stesse un commons. Esse sono libere ed immateriali al livello fisico. Sono libere e fruibili al livello del codice (non c'è legge che impedisca la libera circolazione delle idee). Sono importanti soprattutto al livello del contenuto. Per questa ragione, il legislatore dispone che il regime di esclusiva del creatore di un'opera sia limitato nel tempo: viene concesso periodo nel quale l'autore può beneficiare del risultato economico del proprio sforzo creativo, decorso il quale l'opera torna nella libera fruibilità collettiva. Purtroppo, nel corso dell'ultimo secolo (dell'ultimo cinquantennio, in particolare) i termini di durata del copyright sono stati progressivamente ampliati. Attualmente, settanta anni dalla morte dell'autore sono un periodo molto lungo, eppure esistono delle spinte lobbistiche ad ulteriori estensioni (vi è, finanche, chi proclama che il copyright debba essere eterno). Oltre la legge, è la tecnologia che pone seri ostacoli alla libera circolazione delle idee. Una MTP, infatti, può di fatto chiudere la scatola nella quale è contenuta un'idea e renderla inaccessibile per un tempo illimitato. 16

17 Il software. Espressione di un insieme organizzato e strutturato di istruzioni in qualsiasi forma e su qualsiasi supporto capace di far eseguire direttamente o indirettamente o far ottenere una funzione o un compito o di far ottenere una funzione particolare per mezzo di un sistema di elaborazione elettronica dell'informazione. (Definizione Wipo, Canberra aprile 1984). Nei primi anni '80 dello scorso secolo, viene avvertita, a livello internazionale, l'esigenza di dare una veste giuridica al software. Il primo scoglio da superare è stato quello di individuare in quale categoria giuridica far rientrare i programmi per elaboratore. Le alternative di fatto erano ridotte a due: l'invenzione industriale o l'opera di ingegno. La via scelta è stata la seconda. Pertanto, il software viene compreso sotto l'egida del DDA (Direttiva 91/259/CEE). Un programma per computer è scritto in un linguaggio che ha regole e semantica proprie di un formalismo. La scrittura di espressioni significanti per indurre la macchina ad eseguire determinate operazioni è definita codice. Il codice realizzato dallo sviluppatore del programma è definito codice sorgente. Il sorgente è la versione intellegibile del linguaggio informatico. Esso è comprensibile dagli altri sviluppatori che possono studiarlo, copiarlo e modificarlo. Per essere reso comprensibile al computer, però, è necessario che questo linguaggio venga tradotto da un apposito dispositivo, definito compilatore, che converte il linguaggio umano in linguaggio macchina. Questo è il codice oggetto o eseguibile. Esso non è comprensibile all'uomo. L'assunto di fondo è che il codice sorgente, in quanto scritto dall'uomo, sia assimilabile all'opera 17

18 letteraria. Pertanto, l'accostamento con il DDA è venuto quasi naturale. In Italia, la prima legge di tutela del software risale al 1992, il Dlgs 518. Esso innovava la legge 633/41, in particolare, con l'introduzione degli artt 64-bis e ss. La sezione della LDA specificamente dedicata al software si apre con la descrizione delle privative tipicamente dedicate al creatore del programma. Esse consistono nella possibilità di effettuare o autorizzare la riproduzione, la modificazione e la distribuzione al pubblico in qualsiasi forma. Il concetto di riproduzione può suscitare qualche tipo di ambiguità. Nel linguaggio comune, infatti, riprodurre è sinonimo di copiare. Anche per la legge 633 questa definizione è valida (vedi art. 13 LDA). Per il software, però, questa nozione può dare adito a fraintendimenti. Riprodurre un programma, infatti, significa caricare le istruzioni del codice oggetto dello stesso sulla memoria della macchina in modo tale che questa possa restituire un output in forma di interfaccia grafica, che rappresenta l'area di lavoro per l'utente. Dunque, quando parliamo di software, riprodurre vuol dire sia duplicare che eseguire il programma. In realtà, tanto la riproduzione (intesa come esecuzione) che la modificazione possono essere liberamente eseguite, salvo patto contrario. Questo ci introduce nel discorso relativo al regime di circolazione del software. La licenza d'uso. Per solito, le modalità di diffusione del software sono due. La prima è il contratto di sviluppo, la seconda è la licenza d'uso. Il contratto di sviluppo è inquadrato nella categoria della prestazione d'opera intellettuale ed è assimilabile nulla più che ad un contratto d'appalto. Di solito, però, il software circola attraverso licenza d'uso. La dottrina universa tende a considerarla alla stregua della locazione operativa. Questa licenza viene associata al software commercializzato in pacchetti, in confezione o in bundle, 18

La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore. Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna

La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore. Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna Un pò di storia - Il diritto naturale d'autore nasce nei primi anni del 1700 in Inghilterra;

Dettagli

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 Informazioni generali Legge 22 aprile 1941, n. 633 più volte modificata modifiche disorganiche farraginosa in corso di revisione integrale (presentata bozza il 18.12.2007)

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni Note legali Termini e condizioni di utilizzo Accettazione dei Termini e Condizioni L'accettazione puntuale dei termini, delle condizioni e delle avvertenze contenute in questo sito Web e negli altri siti

Dettagli

PRIVACY POLICY. Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come "SI") è titolare del sito

PRIVACY POLICY. Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come SI) è titolare del sito PRIVACY POLICY Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come "SI") è titolare del sito www.stonexsmart.com ( Sito ) e tratta i tuoi dati personali nel rispetto della normativa

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

a. Destinatario dei percorsi formativi on line sono gli operatori della sanità che potranno accedere ai contenuti previa registrazione

a. Destinatario dei percorsi formativi on line sono gli operatori della sanità che potranno accedere ai contenuti previa registrazione CONDIZIONI D'USO 1. Accesso al sito L'accesso al sito www.stilema-ecm.it è soggetto alla normativa vigente, con riferimento al diritto d'autore ed alle condizioni di seguito indicate quali patti contrattuali.

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Introduzione Questa guida è stata realizzata per aiutare la vostra azienda a garantire l utilizzo legale del software di Siemens. Il documento tratta

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici

Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici Art. 1 Oggetto Il presente modulo di assunzione di responsabilità (di seguito

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Il diritto d autore e la sua tutela

Il diritto d autore e la sua tutela Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Il diritto d autore e la sua tutela Indice di sezione Obiettivi Pag. 30 1. Il diritto d autore: aspetti generali Pag. 30 1.1 La normativa 1.2

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Guida all'uso di StarOffice 5.2

Guida all'uso di StarOffice 5.2 Eraldo Bonavitacola Guida all'uso di StarOffice 5.2 Introduzione Dicembre 2001 Copyright 2001 Eraldo Bonavitacola-CODINF CODINF COordinamento Docenti INFormati(ci) Introduzione Pag. 1 INTRODUZIONE COS'È

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

CONTRATTO PER LA LICENZA D USO DEL SOFTWARE GESTIONE AFFITTI

CONTRATTO PER LA LICENZA D USO DEL SOFTWARE GESTIONE AFFITTI CONTRATTO PER LA LICENZA D USO DEL SOFTWARE GESTIONE AFFITTI IMPORTANTE: il presente documento è un contratto ("CONTRATTO") tra l'utente (persona fisica o giuridica) e DATOS DI Marin de la Cruz Rafael

Dettagli

Regolamento per l'accesso alla rete Indice

Regolamento per l'accesso alla rete Indice Regolamento per l'accesso alla rete Indice 1 Accesso...2 2 Applicazione...2 3 Responsabilità...2 4 Dati personali...2 5 Attività commerciali...2 6 Regole di comportamento...3 7 Sicurezza del sistema...3

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

ARTICOLO 4: CONDIZIONI DI REALIZZAZIONE E DI FATTURAZIONE DELLE PRESTAZIONI

ARTICOLO 4: CONDIZIONI DI REALIZZAZIONE E DI FATTURAZIONE DELLE PRESTAZIONI CONDIZIONI PARTICOLARI DI WEB HOSTING ARTICOLO 1: OGGETTO Le presenti condizioni generali hanno per oggetto la definizione delle condizioni tecniche e finanziarie secondo cui HOSTING2000 si impegna a fornire

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

PARTE SPECIALE 3 Altri reati

PARTE SPECIALE 3 Altri reati MODELLO ORGANIZZATIVO ai sensi del D.Lgs. 231/2001 PAGINA 1 DI 13 - SOMMARIO 1. TIPOLOGIA DI REATI... 3 1.1 DELITTI CONTRO LA PERSONALITA INDIVIDUALE... 3 1.2 SICUREZZA SUL LAVORO... 3 1.3 RICETTAZIONE,

Dettagli

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema Software 2 Insieme di istruzioni e programmi che consentono il funzionamento del computer Il software indica all hardware quali sono le operazioni da eseguire per svolgere determinati compiti Valore spesso

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 25.6.2015 L 159/27 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/983 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2015 sulla procedura di rilascio della tessera professionale europea e sull'applicazione del meccanismo di allerta

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB Art. 1 (Finalità) Il Sito Web del Consorzio è concepito e utilizzato quale strumento istituzionale

Dettagli

LA NUOVA TUTELA DEI CONSUMATORI COSA CAMBIA DAL 14 GIUGNO 2014

LA NUOVA TUTELA DEI CONSUMATORI COSA CAMBIA DAL 14 GIUGNO 2014 LA NUOVA TUTELA DEI CONSUMATORI COSA CAMBIA DAL 14 GIUGNO 2014 Più tutele per i consumatori italiani ed europei: è l effetto della direttiva europea recepita dal decreto legislativo n.21 del 21 febbraio

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN Le presenti condizioni generali hanno lo scopo di disciplinare l utilizzo dei Marchi di proprietà della società: Gefran S.p.A. con sede in

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Come difendersi dai VIRUS

Come difendersi dai VIRUS Come difendersi dai VIRUS DEFINIZIONE Un virus è un programma, cioè una serie di istruzioni, scritte in un linguaggio di programmazione, in passato era di solito di basso livello*, mentre con l'avvento

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

Il trattamento dei dati personali e l utilizzo degli strumenti informatici in ambito lavorativo

Il trattamento dei dati personali e l utilizzo degli strumenti informatici in ambito lavorativo Il trattamento dei dati personali e l utilizzo degli strumenti informatici in ambito lavorativo Argomenti 1) Trattamento dei dati personali. Cenno ai principi generali per il trattamento e la protezione

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2011 Progetto Istanze On Line 21 febbraio 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 PROGETTO ISTANZE ON LINE... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Cos'è una PRIVACY POLICY Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Questo documento, concernente le politiche di riservatezza dei dati personali di chi gestisce il sito Internet http://www.plastic-glass.com

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI GetYourHero S.L., con sede legale in Calle Aragón 264, 5-1, 08007 Barcellona, Spagna, numero di identificazione fiscale ES-B66356767, rappresentata

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODGPFB.REGISTRO UFFICIALE(U).0004509.09-06-2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione Direzione Generale per la Politica Finanziaria e per

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web L art.32, comma 1 della legge 18 giugno 2009, n.69 ha fissato al 1 gennaio 2010 [la data in cui], gli obblighi di pubblicazione

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica: WebMail Una Webmail è un'applicazione web che permette di gestire uno o più account di posta elettronica attraverso un Browser.

Dettagli

LEGGE 22 APRILE 1941, N. 633. PROTEZIONE DEL DIRITTO D'AUTORE E DI ALTRI DIRITTI CONNESSI AL SUO ESERCIZIO.

LEGGE 22 APRILE 1941, N. 633. PROTEZIONE DEL DIRITTO D'AUTORE E DI ALTRI DIRITTI CONNESSI AL SUO ESERCIZIO. LEGGE 22 APRILE 1941, N. 633. PROTEZIONE DEL DIRITTO D'AUTORE E DI ALTRI DIRITTI CONNESSI AL SUO ESERCIZIO. Testo consolidato al 28 gennaio 2008, non ufficiale TITOLO I Disposizioni sul diritto d'autore

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

LEGGE 22 APRILE 1941, N. 633. PROTEZIONE DEL DIRITTO D'AUTORE E DI ALTRI DIRITTI CONNESSI AL SUO ESERCIZIO.

LEGGE 22 APRILE 1941, N. 633. PROTEZIONE DEL DIRITTO D'AUTORE E DI ALTRI DIRITTI CONNESSI AL SUO ESERCIZIO. LEGGE 22 APRILE 1941, N. 633. PROTEZIONE DEL DIRITTO D'AUTORE E DI ALTRI DIRITTI CONNESSI AL SUO ESERCIZIO. Testo consolidato al 10 novembre 2014, non ufficiale TITOLO I Disposizioni sul diritto d'autore

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Progetto Nazionale di Educazione al Patrimonio 2011-2012 Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Presentazione Sul presupposto che si conserva

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Pag. 1 / 6 SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Foglio Informativo INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena Numero verde. 800.41.41.41 (e-mail info@banca.mps.it

Dettagli

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero 1 Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero sistema e sui servizi a disposizione sia in qualità

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. Condizioni di utilizzo aggiuntive di Acrobat.com Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. SERVIZI ONLINE ADOBE RESI DISPONIBILI SU

Dettagli

Profilo Commerciale Collabor@

Profilo Commerciale Collabor@ Profilo Commerciale Collabor@ 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E REQUISITI Collabor@ è un servizio di web conferenza basato sulla piattaforma Cisco WebEx, che consente di organizzare e svolgere riunioni web,

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Quest: Costruisci la tua idea di Thinkalize

Quest: Costruisci la tua idea di Thinkalize Quest: Costruisci la tua idea di Thinkalize SI PREGA DI LEGGERE ATTENTAMENTE I TERMINI DEL PRESENTE BANDO. PARTECIPANDO, LEI PRESTA IL CONSENSO A ESSERE VINCOLATO AI TERMINI E ALLE CONDIZIONI DESCRITTE

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli