INAIL CHI SIAMO LE ATTIVITA CHE SVOLGIAMO I PUNTI DI INCONTRO. Monica Pedretti Sede INAIL di Varese

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INAIL CHI SIAMO LE ATTIVITA CHE SVOLGIAMO I PUNTI DI INCONTRO. Monica Pedretti Sede INAIL di Varese"

Transcript

1 INAIL CHI SIAMO LE ATTIVITA CHE SVOLGIAMO I PUNTI DI INCONTRO Monica Pedretti Sede INAIL di Varese

2 INAIL ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI

3 INAIL ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI E UN ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA I CUI PROTAGONISTI SONO: DATORI DI LAVORO, LAVORATORI E INAIL IL CUI OGGETTO E LA PRESA IN CARICO DEL LAVORATORE AL VERIFICARSI DI UN INFORTUNIO O DI UNA MALATTIA PROFESSIONALE 3

4 IL RAPPORTO ASSICURATIVO Soggetto assicurante Istituto assicuratore Soggetto assicurato datore di lavoro INAIL lavoratore 4

5 LE AZIENDE: IL DATORE DI LAVORO IDENTIFICATO COME CLIENTE/DITTA Il Cliente/Ditta rappresenta l azienda, il datore di lavoro o comunque l assicurante Al Cliente/Ditta identificato dal codice fiscale, viene assegnato un codice Cliente/Ditta, valido per tutta la durata del rapporto assicurativo Al livello di Cliente/Ditta vengono gestiti tutti i dati anagrafici di carattere generale, ma anche tutte le informazioni e gli eventi che riguardano l azienda nella sua interezza (instaurazione, sospensione e cessazione della attività, procedure concorsuali, agevolazioni non specifiche di territorio )

6 struttura e gestione dei rapporti assicurativi Cliente/Ditta P.A.T.Posizioni Assicurative Territoriali Polizze

7 Le Posizioni Assicurative Territoriali La condizione di CLIENTE/DITTA consente all assicurante di stipulare con l INAIL l apertura di una o più posizioni assicurative territoriali Le P.A.T. rappresentano il riferimento territoriale della struttura assicurativa e oltre ad essere lo strumento per la rilevazione e la gestione del rischio sul territorio, governeranno, nel proprio ambito, le varie tipologie di assicurazione a seconda dei soggetti che l assicurante dovrà o potrà assicurare. Le specifiche polizze, gestite nell ambito della posizione territoriale, rappresentano, pertanto, l elemento soggettivo di ogni nuova struttura e fanno riferimento oltre che ai lavoratori dipendenti e a quelli autonomi anche a nuove eventuali categorie di soggetti assicurabili

8 Nuova struttura e gestione dei rapporti assicurativi Nell ambito di ogni P.A.T. vengono gestite: POLIZZE DIPENDENTI AUTONOMI ARTIGIANI VARIE

9 IL RAPPORTO ASSICURATIVO L OGGETTO: IL RISCHIO LA SUA ESISTENZA COMPORTA PER L ASSICURANTE: L OBBLIGO DI CORRISPONDERE IL PREMIO PER L ASSICURATO: LA CERTEZZA DELLE PRESTAZIONI

10 IL RAPPORTO ASSICURATIVO L OGGETTO: IL RISCHIO IL RISCHIO SPECIFICO: RISCHIO CHE PROMANA DALL ESERCIZIO DELLA SPECIFICA ATTIVITA LAVORATIVA, DALL ADIBIZIONE A MACCHINE, DALL AMBIENTE IN CUI SI LAVORA, DALL ADIBIZIONE AD UNA DELLE 28 ATTIVITA ESPRESSAMENTE PREVISTE DALL ARTICOLO 1 DEL T.U.

11 IL RAPPORTO ASSICURATIVO IL CONTENUTO PAGAMENTO DEL PREMIO ASSICURATIVO EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI

12 IL PREMIO ASSICURATIVO E AD ESCLUSIVO CARICO DEL DATORE DI LAVORO L ENTITÀ DEL PREMIO È DIVERSIFICATA IN BASE AL RISCHIO E L UNICO MEZZO DI FINANZIAMENTO DEGLI ONERI DELLA GESTIONE INDUSTRIA

13 IL PREMIO ASSICURATIVO VIENE CALCOLATO SULLA BASE DI DUE ELEMENTI: 1. LA RETRIBUZIONE EROGATA 2. IL TASSO DI TARIFFA

14 IL PREMIO ASSICURATIVO COME SI CALCOLA È il risultato della moltiplicazione dell ammontare delle retribuzioni corrisposte ai lavoratori compresi nella lavorazione per il tasso di premio previsto dalla tariffa con riferimento alla lavorazione svolta dall azienda (IN PRO-MILLE) RETRIBUZIONE X TASSO +1% 1000

15 TASSO DI TARIFFA TARIFFA 1/1/2000 D.Lgs.38/2000 Riguarda esclusivamente i lavoratori dipendenti ordinari della Gestione Industria. Esclusi quindi: i lavoratori autonomi gli apprendisti i contratti di formazione lavoro esenti dal premio al 100% quelli relativi alle assicurazioni speciali la copertura dei rischi relativi alla silicosi e asbestosi

16 TASSO DI TARIFFA La tariffa 1/1/2000 Suddivisione del nomenclatore secondo i quattro settori tariffari La creazione di nuove voci di lavorazione e una profonda revisione di quelle esistenti secondo i settori tariffari Applicazione di una addizionale sui premi per i maggiori oneri derivanti dall indennizzo per danno biologico Limitazione dei tassi medi di tariffa al 130% al fine di contenere il costo del lavoro Introduzione di una oscillazione a domanda, solo in riduzione, legata all attuazione di misure di prevenzione sul lavoro (art.24 M.A.T.)

17 TASSO DI TARIFFA I SETTORI TARIFFARI INDUSTRIA - voci di lavorazione ( 316 ) ARTIGIANATO - voci di lavorazione ( 217 ) TERZIARIO - voci di lavorazione ( 131 ) ALTRE ATTIVITA - voci di lavorazione ( 73 )

18 TASSO MEDIO NAZIONALE riflette il rischio della lavorazione a livello nazionale è determinato dal rapporto oneri/retribuzioni relativo ad una determinata lavorazione in un dato periodo di tempo nominatore: oneri sostenuti da INAIL per gli eventi verificatisi in tutta Italia nell esecuzione di quella lavorazione in un dato periodo denominatore: retribuzioni erogate da tutte le aziende nello stesso periodo per i lavoratori addetti a quella lavorazione

19 TASSO SPECIFICO AZIENDALE ogni azienda, considerata singolarmente, può però avere un livello di rischio diverso da quello medio nazionale, superiore o inferiore, in base all andamento infortunistico, sfavorevole oppure favorevole

20 OSCILLAZIONE PER ANDAMENTO INFORTUNI- art.22 Il tasso specifico aziendale riflette il rischio della singola azienda ed è calcolato con gli stessi criteri utilizzati per la determinazione dei tassi medi (rapporto oneri/retribuzioni) I due tassi sono quindi perfettamente omogenei e confrontabili dal confronto tra tasso medio e tasso specifico scaturisce l oscillazione del tasso

21 PERIODO DI OSSERVAZIONE sul tasso di ciascun anno incidono gli eventi (infortuni o m.p.) indennizzati nei primi tre anni del quadriennio precedente, quindi rispetto ad esempio, al tasso 2014, hanno influenza gli eventi definiti negli anni 2010/2011/2012

22 OSCILLAZIONE AUTOMATICA L oscillazione per andamento infortunistico opera automaticamente (tiene conto del tasso specifico e del numero dei lavoratori-anno) dopo i primi due anni di attività L oscillazione massima, in aumento o in riduzione, può arrivare al 35% Il tasso oscillato, viene comunicato dall INAIL entro il 31 dicembre di ogni anno e ha effetto dal 1 gennaio dell anno successivo (MOD.20 SM)

23 OSCILLAZIONE A RICHIESTA solo in diminuzione legata ad adempimenti in materia di prevenzione possibile anche nei primi due anni di attività indipendente dall andamento infortunistico

24 ART. 20 MAT opera nei primi due anni dall inizio dell attività occorre aver messo in atto tutte le misure di sicurezza previste dalla vigente normativa prevede una riduzione del 15% del tasso medio di tariffa

25 ART.24 MAT possibile dopo i primi due anni di attività la riduzione del tasso medio è pari al : Lavoratori - anno Riduzione Fino a 10 30% Da 11 a 50 23% Da 51 a % Da 101 a % Da 201 a % Oltre 500 7%

I MECCANISMI PREMIALI INAIL

I MECCANISMI PREMIALI INAIL I MECCANISMI PREMIALI INAIL 27 ottobre 2014 Davide Lumia La tariffa dei premi 2 il DM 12/12/2000 istituisce, con decorrenza 1.1.2000, distinte Tariffe dei Premi per ciascuna delle gestioni individuate

Dettagli

I MECCANISMI PREMIALI INAIL. Cinzia D Imporzano Sede di Piacenza

I MECCANISMI PREMIALI INAIL. Cinzia D Imporzano Sede di Piacenza I MECCANISMI PREMIALI INAIL Cinzia D Imporzano Sede di Piacenza 2 La tariffa dei premi Inail La tariffa dei premi 3 il DM 12/12/2000 ha istituito, con decorrenza dal1.1.2000, distinte Tariffe dei Premi

Dettagli

INAIL: sconto sui premi 2013/2014 al 14,17%

INAIL: sconto sui premi 2013/2014 al 14,17% CIRCOLARE A.F. N. 46 del 27 Marzo 2014 Ai gentili clienti Loro sedi INAIL: sconto sui premi 2013/2014 al 14,17% Premessa Con la determina n. 67 del 11.03.2014, l INAIL ha fornito precisazioni in relazione

Dettagli

Quanto costa una malattia professionale ad un azienda?

Quanto costa una malattia professionale ad un azienda? Quanto costa una malattia professionale ad un azienda? In letteratura si trovano dei costi che oscillano tra i 10.000 e i 30.000 euro. I costi sono di due tipi: diretti e indiretti. 1. costi sostenuti

Dettagli

INDICE CAPITOLO I ORIGINI STORICHE E FONDAMENTI COSTITUZIONALI DELLA TUTELA CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI

INDICE CAPITOLO I ORIGINI STORICHE E FONDAMENTI COSTITUZIONALI DELLA TUTELA CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI INDICE CAPITOLO I ORIGINI STORICHE E FONDAMENTI COSTITUZIONALI DELLA TUTELA CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI 1. La legge istitutiva dell assicurazione obbligatoria contro gli

Dettagli

Soggetti assicuranti...pag. 14 Particolari tipologie di assicuranti...» 14 Esercenti di macchine...» 15 Esercenti lavori in economia...

Soggetti assicuranti...pag. 14 Particolari tipologie di assicuranti...» 14 Esercenti di macchine...» 15 Esercenti lavori in economia... INDICE Sezione Prima - IL RAPPORTO ASSICURATIVO Attività protette...pag. 10 Quali sono le attività protette...» 10 Definizione di addetti alle macchine e ai lavori...» 11 Ulteriori settori soggetti all

Dettagli

ASPETTI ASSICURATIVI LEGATI ALL ESPOSIZIONE IN FONDERIA

ASPETTI ASSICURATIVI LEGATI ALL ESPOSIZIONE IN FONDERIA PRESENTAZIONE DEL PROTOCOLLO D INTESA SULLE BUONE PRATICHE PER L UTILIZZO DELLA SILICE LIBERA CRISTALLINA NELL INDUSTRIA DELLA FONDERIA CON FORMATURA IN TERRA Auditorium Confindustria Ceramica Sassuolo

Dettagli

Autoliquidazione Inail. Oscillazione e notifica tassi

Autoliquidazione Inail. Oscillazione e notifica tassi Autoliquidazione Inail Novità: le novità dell autoliquidazione 2016/2017 riguardano i nuovi servizi online per i datori di lavoro del settore marittimo e il pagamento tramite F24 dei relativi premi assicurativi.

Dettagli

DENUNCIA DI ISCRIZIONE DITTA - DATI ANAGRAFICI

DENUNCIA DI ISCRIZIONE DITTA - DATI ANAGRAFICI INAIL - Mod. Quadro A - L.O Premi Data Inizio Attività DENUNCIA DI ISCRIZIONE DITTA - DATI ANAGRAFICI Ragione Sociale: NATURA GIURIDICA: Tipo Natura Giuridica: Iscrizione alla C.C.I.A.A. di: dal: Data

Dettagli

Periodo dal 1/01 al 31/12

Periodo dal 1/01 al 31/12 DETTAGLIO CALCOLI MODELLI 1031 E 1131 Data 29/05/2014 & C. SAS Voce di tariffa 0100 CALCOLO PREMIO INFORTUNIO E MALATTIE PROFESSIONALI REGOLAZIONE PER L'ANNO 2013 Periodo dal 1/01 al 31/12 Retribuzioni

Dettagli

CONTRIBUTI E RITENUTE

CONTRIBUTI E RITENUTE N. Bianchi - A. Gerbaldi CONTRIBUTI E RITENUTE 2013 ALIQUOTE DEI CONTRIBUTI DAL 1 FEBBRAIO 2001 ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE DAL 1 LUGLIO 2000 AL 30 GIUGNO 2001 DENUNCIA INAIL AL 14 MARZO 2001: NUOVE

Dettagli

SLIDE 1 GENNAIO 2017

SLIDE 1 GENNAIO 2017 1 2 A decorrere dal 1 luglio 2013 tutte le istanze, le denunce e le dichiarazioni fra imprese e amministrazione pubblica deve avvenire esclusivamente in via telematica D.P.C.M. 22 luglio 2011 art.1 3 PUNTO

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLE RETRIBUZIONI - MODULO SUPPLEMENTARE DETTAGLIO RETRIBUZIONI PARZIALMENTE ESENTI CODICE FISCALE C.C SEDE INAIL 5

DICHIARAZIONE DELLE RETRIBUZIONI - MODULO SUPPLEMENTARE DETTAGLIO RETRIBUZIONI PARZIALMENTE ESENTI CODICE FISCALE C.C SEDE INAIL 5 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE-MODULO SUPPLEMENTARE RETRIBUZIONI PARZIALMENTE ESENTI (1131) (da inviare via PEC alla Sede Inail competente entro il 16 del secondo mese successivo a quello di cessazione

Dettagli

OSCILLAZIONE DEL TASSO OT

OSCILLAZIONE DEL TASSO OT OSCILLAZIONE DEL TASSO OT24-2015 1 Oscillazione nel primo biennio di attività (art.18-21 delle MAT) Oscillazione in aumento o in riduzione nella misura fissa del 15 % del tasso medio di tariffa, in relazione

Dettagli

La malattia professionale

La malattia professionale La malattia professionale Avv. Luca De Menech Busto Arsizio, 21 aprile 2017 La malattia professionale è la patologia che sia stata contratta dal lavoratore nell esercizio e a causa delle lavorazioni cui

Dettagli

MALATTIE PROFESSIONALI

MALATTIE PROFESSIONALI PER GLI ENTI DI PATRONATO 1 MALATTIE PROFESSIONALI ASPETTI DI RILEVANZA AMMINISTRATIVA: ISTRUTTORIA E DOCUMENTAZIONE Relatore: Sig.ra Ida LEONARDI DIREZIONE CENTRALE PRESTAZIONI MALATTIE PROFESSIONALI:

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO Protezione Mutuo New

SCHEDA PRODOTTO Protezione Mutuo New SCHEDA PRODOTTO Protezione Mutuo New NOME PRODOTTO PROTEZIONE MUTUI - New Revisione prodotto post evidenze di mercato a seguito Lettera Ivass/Bankit LE COMPAGNIE BCC Assicurazioni S.p.A BCC Vita S.p.A

Dettagli

CODICE FISCALE C.C POSIZIONE ASS. TERRITORIALE REGOLAZIONE ANNO DI RATA 63 64

CODICE FISCALE C.C POSIZIONE ASS. TERRITORIALE REGOLAZIONE ANNO DI RATA 63 64 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE-MODULO DICHIARAZIONE DELLE RETRIBUZIONI (1031) (da inviare via PEC alla Sede Inail competente entro il 16 del secondo mese successivo a quello di cessazione dell attività)

Dettagli

AUTOLIQUIDAZIONE DEL PREMIO INAIL

AUTOLIQUIDAZIONE DEL PREMIO INAIL AUTOLIQUIDAZIONE DEL PREMIO INAIL Milano via Tonale 19 1 Novità per l anno 2016 - art. 21 dlgs 151/2015 Alla generalità del D.L. non viene più inviata alcuna comunicazione relativa alle basi di calcolo

Dettagli

INCENTIVI DI SOSTEGNO ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

INCENTIVI DI SOSTEGNO ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO INCENTIVI DI SOSTEGNO ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Nuovo Ruolo dell INAIL La tutela globale Nel contesto del nuovo ruolo assunto, l INAIL,

Dettagli

La tutela INAIL e il danno differenziale

La tutela INAIL e il danno differenziale La tutela INAIL e il danno differenziale Prof. Manuel Ranieri Ambito di operatività della tutela L INAIL sovrintende alla tutela degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali dei lavoratori

Dettagli

Oggetto: Istanze ex art. 24 DM Nuovo Modello OT 24 - MAT.

Oggetto: Istanze ex art. 24 DM Nuovo Modello OT 24 - MAT. Direzione Centrale Rischi Ufficio Tariffe Protocollo: INAIL.60010.21/09/2009.0008601 ALLE STRUTTURE CENTRALI E TERRITORIALI Oggetto: Istanze ex art. 24 DM 12.12.2000. Nuovo Modello OT 24 - MAT. Le aziende

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTI CHIROGRAFARI AI PRIVATI

FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTI CHIROGRAFARI AI PRIVATI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare di Puglia e Basilicata S.c.p.a. Via Ottavio Serena, n. 13-70022 - Altamura (BA) Tel.:080/8710268 -Fax: 080/8710745 [trasparenza@bppb.it/www.bppb.it] Iscrizione all

Dettagli

GIORNATA DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO AUTOLIQUIDAZIONE INAIL 2015/2016 - AZIENDE CON PERSONALE DIPENDENTE E AZIENDE SENZA DIPENDENTI

GIORNATA DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO AUTOLIQUIDAZIONE INAIL 2015/2016 - AZIENDE CON PERSONALE DIPENDENTE E AZIENDE SENZA DIPENDENTI GIORNATA DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO AUTOLIQUIDAZIONE INAIL 2015/2016 - AZIENDE CON PERSONALE DIPENDENTE E AZIENDE SENZA DIPENDENTI 05/02/2016 Relatore: Alessandro Dott. TODESCHELLI Dott. Comm.sta

Dettagli

OGGETTO: Autoliquidazione 2012/2013. Nuovo prospetto Basi di calcolo premi e tracciati record.

OGGETTO: Autoliquidazione 2012/2013. Nuovo prospetto Basi di calcolo premi e tracciati record. DIREZIONE CENTRALE RISCHI Ufficio Entrate Ufficio Tariffe Classificazione di D. C. Rischi Processo: Aziende Macroattività: Indirizzi normativi/operativi entrate Attività: Indirizzi normativi/operativi

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO Formula Prestito al Sicuro

SCHEDA PRODOTTO Formula Prestito al Sicuro SCHEDA PRODOTTO Formula Prestito al Sicuro NOME PRODOTTO FORMULA PRESTITO AL SICURO LE COMPAGNIE BCC Assicurazioni S.p.A BCC Vita S.p.A. LE GARANZIE Le seguenti garanzie Danni sono prestate da BCC Assicurazioni

Dettagli

DENUNCIA DI VARIAZIONE DITTA - DATI ANAGRAFICI

DENUNCIA DI VARIAZIONE DITTA - DATI ANAGRAFICI INAIL - Mod. Quadro V - L.O Premi DENUNCIA DI VARIAZIONE DITTA - DATI ANAGRAFICI ANAGRAFICA Ragione Sociale: NATURA GIURIDICA: Tipo Natura Giuridica: Data di decorrenza: SEDE LEGALE E-Mail: Telefono: E-Mail

Dettagli

AL.P.I. ONLINE. Manuale Aziende. Versione 1.0. A.L.P.I. Online - Versione Manuale Aziende

AL.P.I. ONLINE. Manuale Aziende. Versione 1.0. A.L.P.I. Online - Versione Manuale Aziende AL.P.I. ONLINE Manuale Aziende Versione 1.0 A.L.P.I. Online - Versione 1.0 - Manuale Aziende INDICE DEL DOCUMENTO 1 Introduzione... 3 2 Accesso al Servizio... 4 3 Calcola il premio e invia le retribuzioni...

Dettagli

CAPITOLO 1 Norme generali

CAPITOLO 1 Norme generali Sommario CAPITOLO 1 Norme generali 1. Premessa... 1 Fonti normative e contrattuali 2. Fonti legali e amministrative... 1 3. Fonti contrattuali collettive... 6 Orario di lavoro 4. Lavoro ordinario... 7

Dettagli

IL COMMISSARIO STRAORDINARIO. visto l art. 7 del Decreto Legge 31 maggio 2010, n. 78, come convertito dalla Legge 30 luglio 2010, n.

IL COMMISSARIO STRAORDINARIO. visto l art. 7 del Decreto Legge 31 maggio 2010, n. 78, come convertito dalla Legge 30 luglio 2010, n. Allegato 1 alla circolare 43/ Organo: INAIL - COMMISSARIO STRAORDINARIO Documento: DETCS n. 216 del 5 luglio Oggetto: Utilizzo esclusivo dei servizi telematici dell INAIL per le comunicazioni con le imprese

Dettagli

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Tel +390647021 http://www.bnl.it - Codice ABI

Dettagli

Imprese di autotrasporto in conto terzi: riduzioni contributive per l'anno 2012

Imprese di autotrasporto in conto terzi: riduzioni contributive per l'anno 2012 CIRCOLARE A.F. N. 66 del 4 maggio 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Imprese di autotrasporto in conto terzi: riduzioni contributive per l'anno 2012 Premessa L'articolo 33, comma 10, della legge n. 183/20111

Dettagli

Direzione Centrale Entrate

Direzione Centrale Entrate Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Roma, 25/05/2010 Circolare n. 68 Allegati n.1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali

Dettagli

Circolare N.66 del 4 Maggio 2012

Circolare N.66 del 4 Maggio 2012 Circolare N.66 del 4 Maggio 2012 Imprese di auto trasporto in conto terzi: riduzioni contributive per l anno 2012 Imprese di autotrasporto in conto terzi: riduzioni contributive per l'anno 2012 Gentile

Dettagli

DENUNCIA DI ISCRIZIONE DITTA - DATI ANAGRAFICI

DENUNCIA DI ISCRIZIONE DITTA - DATI ANAGRAFICI INAIL - Mod. Quadro A - L.O Premi Data Inizio Attività DENUNCIA DI ISCRIZIONE DITTA - DATI ANAGRAFICI Ragione Sociale: NATURA GIURIDICA: Tipo Natura Giuridica: Iscrizione alla C.C.I.A.A. di: dal: Data

Dettagli

Comune di Siena SERVIZIO PERSONALE

Comune di Siena SERVIZIO PERSONALE Comune di Siena SERVIZIO PERSONALE ATTO DIRIGENZIALE N 79 DEL21/01/2016 OGGETTO: INAIL - LIQUIDAZIONE ANTICIPAZIONE PREMIO PER L'ANNO 2016 E CONGUAGLIO ANNO 2015. TIPO ATTO: Atti di Gestione Organizzativa

Dettagli

E tempo di autoliquidazione Inail: la scadenza è al 16 febbraio 2011

E tempo di autoliquidazione Inail: la scadenza è al 16 febbraio 2011 Gennaio 2011 E tempo di autoliquidazione Inail: la scadenza è al 16 febbraio 2011 Gentile cliente, con la presente desideriamo ricordarle che entro il 16 febbraio 2011 gli iscritti all Inail (datori di

Dettagli

Circolare n. 43/2012 Roma, 14 settembre 2012

Circolare n. 43/2012 Roma, 14 settembre 2012 DIREZIONE GENERALE DIREZIONE CENTRALE PROGRAMMAZIONE ORGANIZZAZIONE E CONTROLLO DIREZIONE CENTRALE RISCHI DIREZIONE CENTRALE SERVIZI ISTITUZIONALI SETTORE NAVIGAZIONE DIREZIONE CENTRALE SERVIZI INFORMATIVI

Dettagli

INDICE. Capitolo 1 Norme generali. 1. Premessa... 31

INDICE. Capitolo 1 Norme generali. 1. Premessa... 31 INDICE Prefazione... XI Capitolo 1 Norme generali 1. Premessa... 1 Fonti normative e contrattuali... 1 2. Fonti legali e amministrative... 1 3. Fonti contrattuali collettive... 4 Orario di lavoro... 5

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTO ECOENERGY A CONDOMINI

FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTO ECOENERGY A CONDOMINI INFORMAZIONI SULLA BANCA Offerta Fuori Sede Promotore Finanziario Nome e Cognome Nr. Iscrizione Albo CHE COS È IL FINANZIAMENTO (pag. 1 di 11) PRINCIPALI CONDIZIONI ECONOMICHE 14/03/2016 1- A TASSO FISSO

Dettagli

OGGETTO: Coltivatori diretti, coloni e mezzadri, imprenditori agricoli professionali: contributi obbligatori dovuti per l anno 2005.

OGGETTO: Coltivatori diretti, coloni e mezzadri, imprenditori agricoli professionali: contributi obbligatori dovuti per l anno 2005. Progetto per la Gestione, lo Sviluppo e il Coordinamento dell Area Agricola Roma, 17 Giugno 2005 Circolare n. 79 Allegati Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

Qual è il sistema previdenziale in vigore in Italia e come si calcola la pensione?

Qual è il sistema previdenziale in vigore in Italia e come si calcola la pensione? In questa pagina potete trovare una raccolta di domande e risposte sui lineamenti generali di un sistema pensionistico. Cos è la previdenza? Chi si occupa della previdenza in Italia? Che cos è la pensione?

Dettagli

MANUTENZIONE SICURA. Manutenzione e Organizzazione Aziendale: Costi, Opportunità, Incentivi Assicurativi

MANUTENZIONE SICURA. Manutenzione e Organizzazione Aziendale: Costi, Opportunità, Incentivi Assicurativi MANUTENZIONE SICURA La campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Manutenzione e Organizzazione Aziendale: Costi, Opportunità, Incentivi Assicurativi La Spezia 28 Ottobre 10 Dott. Carlo Zecchi

Dettagli

IL RAPPORTO ASSICURATIVO INAIL

IL RAPPORTO ASSICURATIVO INAIL IL RAPPORTO ASSICURATIVO INAIL (D.P.R. 1124/65, D.M. 18.06.1988; D.M. 19.01.1989) OBBLIGO ASSICURATIVO Assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e malattie professionali (artt. 1 e 3 D.P.R. 1124/65)

Dettagli

Allegato 1. 2) conoscere l incidenza del fenomeno degli infortuni sul lavoro indennizzati dall INAIL;

Allegato 1. 2) conoscere l incidenza del fenomeno degli infortuni sul lavoro indennizzati dall INAIL; 1 Allegato 1 L andamento infortunistico nel comparto: Produzione di fuochi artificiali, allestimento e conduzione di spettacoli pirotecnici. Dati INAIL - Consulenza statistico-attuariale L interrogazione

Dettagli

Progetto per la Gestione, lo Sviluppo e il Coordinamento dell Area Agricola

Progetto per la Gestione, lo Sviluppo e il Coordinamento dell Area Agricola Progetto per la Gestione, lo Sviluppo e il Coordinamento dell Area Agricola Roma, 30 Giugno 2006 Circolare n. 86 Allegati 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori

Dettagli

Coltivatori diretti, coloni, mezzadri e imprenditori agricoli professionali: contributi obbligatori dovuti per l anno 2011.

Coltivatori diretti, coloni, mezzadri e imprenditori agricoli professionali: contributi obbligatori dovuti per l anno 2011. Circolare 23 maggio 2011, n. 76 Coltivatori diretti, coloni, mezzadri e imprenditori agricoli professionali: contributi obbligatori dovuti per l anno 2011. SOMMARIO: 1. Contribuzione I.V.S. 2. Contribuzione

Dettagli

Note operative autoliquidazione premio INAIL 2016/2017 (versione 16 gennaio 2017)

Note operative autoliquidazione premio INAIL 2016/2017 (versione 16 gennaio 2017) Autoliquidazione INAIL 2016/2017... 2 Sconto imprese artigiane... 4 Addizionale amianto... 5 Denuncia telematica delle retribuzioni INAIL... 6 Pagina 1 di 6 Autoliquidazione INAIL 2016/2017 ATTENZIONE

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 25/05/2012

Direzione Centrale Entrate. Roma, 25/05/2012 Direzione Centrale Entrate Roma, 25/05/2012 Circolare n. 75 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE 2011

RAPPORTO ANNUALE 2011 Nel 2011 sono stati denunciati 51mila infortuni in meno rispetto al 2010, con una flessione del 6,6% (da 776mila a 725mila) pari alla media del calo degli infortuni sia in occasione di lavoro (-6,5%),

Dettagli

Dott. Massimo Innocenti Direttore della Sede INAIL di Reggio Emilia Reggio Emilia 17 aprile 2015 Convegno Progetto Coperture Sicure

Dott. Massimo Innocenti Direttore della Sede INAIL di Reggio Emilia Reggio Emilia 17 aprile 2015 Convegno Progetto Coperture Sicure IL RUOLO DELL INAIL NEL SISTEMA DELLA PREVENZIONE Dott. Massimo Innocenti Direttore della Sede INAIL di Reggio Emilia Reggio Emilia 17 aprile 2015 Convegno Progetto Coperture Sicure MISSION AZIENDALE

Dettagli

dal ruolo assicurativo a tutela globale

dal ruolo assicurativo a tutela globale Oggi l INAIL è: assicurazione riabilitazione PREVENZIONE dal ruolo assicurativo a tutela globale del lavoratore L INAIL e la Prevenzione L INAIL fa prevenzione attraverso: INCENTIVI ALLA PREVENZIONE ATTIVITA

Dettagli

% oscil.sil. % incid. 0 = no ; 1 = si riduzione L.147/2013 data cessazione (*)

% oscil.sil. % incid. 0 = no ; 1 = si riduzione L.147/2013 data cessazione (*) 04.12.2015 INAIL ANAGRAFICA DATORE LAVORO Campo Descrizione Valore/Note 86/1 Cod.cliente inail codice identificativo 86/2 Contro cod.inail contro codice 86/3 Pin inail codice pin 86/4 Codice sede inail

Dettagli

Quadro Normativo. Inps Direzione generale Direzione centrale entrate. Inail Direzione generale Direzione centrale rischi

Quadro Normativo. Inps Direzione generale Direzione centrale entrate. Inail Direzione generale Direzione centrale rischi Inps Direzione generale Direzione centrale entrate Inail Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare Inps n. 83 Circolare Inail n. 32 Roma, 1 luglio 2014 Al Ai Direttore generale vicario (Inps

Dettagli

Retribuzioni di fatto e costo del lavoro

Retribuzioni di fatto e costo del lavoro 12 dicembre 2011 III Trimestre 2011 di fatto e costo del lavoro Nel terzo trimestre 2011 l indice destagionalizzato delle retribuzioni lorde per unità di lavoro equivalenti a tempo pieno (Ula), al netto

Dettagli

Denuncia di Iscrizione Ditta Assicurazione Infortuni sul Lavoro

Denuncia di Iscrizione Ditta Assicurazione Infortuni sul Lavoro Denuncia di Iscrizione Ditta Dati Invio Origine: Numero di Protocollo: Codice Utente: Portale Inail da protocollare CNTDNL66L57H501D Data Comunicazione: 16/02/2015 Ora Comunicazione: 16:42 Autocertificazione

Dettagli

Istituto Nazionale Previdenza Sociale Circolare 31 maggio 2017, n.96

Istituto Nazionale Previdenza Sociale Circolare 31 maggio 2017, n.96 www.unicolavoro.ilsole24ore.com Istituto Nazionale Previdenza Sociale Circolare 31 maggio 2017, n.96 Coltivatori diretti, coloni, mezzadri e imprenditori agricoli professionali: contributi obbligatori

Dettagli

Circolare N.150 del 26 Ottobre Riduzione premi INAIL delle aziende di autotrasporti. Lo sconto per il 2012

Circolare N.150 del 26 Ottobre Riduzione premi INAIL delle aziende di autotrasporti. Lo sconto per il 2012 Circolare N.150 del 26 Ottobre 2012 Riduzione premi INAIL delle aziende di autotrasporti. Lo sconto per il 2012 Riduzione premi INAIL delle aziende di autotrasporti: lo sconto per il 2012 Gentile cliente,

Dettagli

INAIL INFORTUNATO E PERSONA INAIL. Varese 24 giugno 2009 L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI

INAIL INFORTUNATO E PERSONA INAIL. Varese 24 giugno 2009 L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI INAIL INFORTUNATO E PERSONA Varese 24 giugno 2009 CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI - FONDAMENTO: ART. 38 DELLA COSTITUZIONE D.P.R. 1124 del 30.06.65 - FINALITÀ: GARANTIRE: -

Dettagli

INAIL: un breve profilo

INAIL: un breve profilo INAIL: un breve profilo L INAIL (Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro) è un organismo pubblico, non economico e finanziariamente indipendente, che gestisce in Italia l

Dettagli

IRAP. Determinazione Base imponibile Deduzioni IRAP Aliquota ordinaria/maggiorata IRAP DETERMINAZIONE BASE IMPONIBILE

IRAP. Determinazione Base imponibile Deduzioni IRAP Aliquota ordinaria/maggiorata IRAP DETERMINAZIONE BASE IMPONIBILE Determinazione Base imponibile Deduzioni Aliquota ordinaria/maggiorata I Confidi determinano la base imponibile sulla base dell art. 10, comma 1, D.Lgs. 446/1997 «Per gli enti privati non commerciali di

Dettagli

dati, attività e sinergie per la Prevenzione

dati, attività e sinergie per la Prevenzione CONVEGNO Nuovi strumenti per la prevenzione del rischio da antiparassitari nell agricoltura lombarda Vertemate con Minoprio 5 novembre 2009 INAIL dati, attività e sinergie per la Prevenzione Inail, rapporto

Dettagli

INPS - Circolare 8 luglio 2008, n. 71

INPS - Circolare 8 luglio 2008, n. 71 INPS - Circolare 8 luglio 2008, n. 71 Oggetto: Coltivatori diretti, coloni, mezzadri e imprenditori agricoli : contributi obbligatori dovuti per l anno 2008. Sommario: 1. Contribuzione I.V.S. 2. Contribuzione

Dettagli

CONVENZIONE PER L ATTIVITA DEL MEDICO COMPETENTE TRA L AZIENDA SANITARIA LOCALE N 8 DI CAGLIARI E LA PROCURA GENERALE DELLA REPUBBLICA DI CAGLIARI

CONVENZIONE PER L ATTIVITA DEL MEDICO COMPETENTE TRA L AZIENDA SANITARIA LOCALE N 8 DI CAGLIARI E LA PROCURA GENERALE DELLA REPUBBLICA DI CAGLIARI CONVENZIONE PER L ATTIVITA DEL MEDICO COMPETENTE TRA L AZIENDA SANITARIA LOCALE N 8 DI CAGLIARI E LA PROCURA GENERALE DELLA REPUBBLICA DI CAGLIARI Convenzione tra l Azienda Sanitaria Locale n 8 di Cagliari

Dettagli

OGGETTO: Settore agricolo. Le aliquote contributive 2014

OGGETTO: Settore agricolo. Le aliquote contributive 2014 Informativa per la clientela di studio N. 94 del 11.06.2014 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Settore agricolo. Le aliquote contributive 2014 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 33. Roma, 25 febbraio 2015

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 33. Roma, 25 febbraio 2015 Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare n. 33 Roma, 25 febbraio 2015 Al Direttore generale vicario Ai Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali

Dettagli

IVA - DICHIARAZIONE ANNUALE CONTRIBUENTI NON TENUTI ALLA PRESENTAZIONE DI UNICO

IVA - DICHIARAZIONE ANNUALE CONTRIBUENTI NON TENUTI ALLA PRESENTAZIONE DI UNICO 05/02/2016 ADEMPIMENTI AZIENDALI - FEBBRAIO 2016. N.B.: il Decreto Legislativo 14 settembre 2015, n. 148, entrato in vigore il 24 settembre 2015, ha modificato i termini di presentazione delle domande

Dettagli

SOMMARIO. II InformaImpresa Venerdì 4 aprile Appuntamento entro il 16 maggio

SOMMARIO. II InformaImpresa Venerdì 4 aprile Appuntamento entro il 16 maggio II InformaImpresa Venerdì 4 aprile 2014 1 - Appuntamento entro il 16 maggio SOMMARIO 2 - Riduzione premi Inail ex Art. 1 comma 128 L. 1472013 3 - Riduzione contributiva per il settore Edile e riduzione

Dettagli

Bando FiXO: le assunzioni con contratto di apprendistato sono agevolate fino al

Bando FiXO: le assunzioni con contratto di apprendistato sono agevolate fino al Ai gentili clienti Loro sedi Bando FiXO: le assunzioni con contratto di apprendistato sono agevolate fino al 30.09.2016 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che è stato prorogato al

Dettagli

CERTIFICAZIONE MEDICA DI INFORTUNIO LAVORATIVO. Prov. Prov. in (Comune o Stato Estero) GG MM AAAA / / Firma dell assicurato...

CERTIFICAZIONE MEDICA DI INFORTUNIO LAVORATIVO. Prov. Prov. in (Comune o Stato Estero) GG MM AAAA / / Firma dell assicurato... Mod. 1 SS CERTIFICAZIONE MEDICA DI INFORTUNIO LAVORATIVO PRIMO CONTINUATIVO DEFINITIVO RIAMMISSIONE IN TEMPORANEA Cognome Nome Sesso MF Nato a (Comune) Domiciliato in (Comune) CAP Nazionalità Codice ISTAT

Dettagli

S E A V SOGGETTI INTERESSATI

S E A V SOGGETTI INTERESSATI Bergamo, luglio 2017 CIRCOLARE N. 14/Consulenza OGGETTO: Prestazioni lavori occasionali (c.d. PrestO ) La legge 21 giugno 2017 n 96 ha introdotto novità in merito alle prestazioni occasionali dopo l abrogazione

Dettagli

DOMANDA PER LA RIDUZIONE DEL TASSO MEDIO DI TARIFFA DOPO IL PRIMO BIENNIO DI ATTIVITÀ GUIDA ALLA COMPILAZIONE OT24 - ANNO 2018

DOMANDA PER LA RIDUZIONE DEL TASSO MEDIO DI TARIFFA DOPO IL PRIMO BIENNIO DI ATTIVITÀ GUIDA ALLA COMPILAZIONE OT24 - ANNO 2018 DOMANDA PER LA RIDUZIONE DEL TASSO MEDIO DI TARIFFA DOPO IL PRIMO BIENNIO DI ATTIVITÀ GUIDA ALLA COMPILAZIONE OT24 - ANNO 2018 INAIL 08/05/2017 Sommario INTRODUZIONE...2 1. INTERVENTI MIGLIORATIVI... 2

Dettagli

Versione del 16.12.2015 AUTOLIQUIDAZIONE 2015/2016 PREMI E CONTRIBUTI ASSOCIATIVI

Versione del 16.12.2015 AUTOLIQUIDAZIONE 2015/2016 PREMI E CONTRIBUTI ASSOCIATIVI Versione del 16.12.2015 AUTOLIQUIDAZIONE 2015/2016 PREMI E CONTRIBUTI ASSOCIATIVI AUTOLIQUIDAZIONE 2015/2016 PREMI E CONTRIBUTI ASSOCIATIVI NOVITA Nuovo servizio Comunicazione basi di calcolo : a decorrere

Dettagli

Circolare N. 109 del 22 Luglio 2016

Circolare N. 109 del 22 Luglio 2016 Circolare N. 109 del 22 Luglio 2016 Stop alla Cassa in deroga: dal 01.07 si è passati ai Fondi di Solidarietà Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che a decorrere dallo scorso 01.07.2016

Dettagli

Direzione Centrale Entrate

Direzione Centrale Entrate Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Roma, 17/05/2010 Circolare n. 65 Allegati n. 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali

Dettagli

PagheXp. PagheXp 2013 Rel ITALSOFT software production srl PAGHE INAIL. Contenuto dell aggiornamento:

PagheXp. PagheXp 2013 Rel ITALSOFT software production srl PAGHE INAIL. Contenuto dell aggiornamento: 2013 Rel. 2.55 Contenuto dell aggiornamento: PAGHE INAIL Apprendistato; Comunica Facile; Accantonamenti TFR e versamento saldo imposta sostitutiva; Crediti di imposta sul TFR; Detrazioni per carichi familiari

Dettagli

L'Inail con la circolare 35/2016 rende nota l'integrazione di tutti i servizi on line nel proprio sito ufficiale.

L'Inail con la circolare 35/2016 rende nota l'integrazione di tutti i servizi on line nel proprio sito ufficiale. L'Inail con la circolare 35/2016 rende nota l'integrazione di tutti i servizi on line nel proprio sito ufficiale. Molteplici le novità, dalla determinazione della competenza territoriale delle sedi, per

Dettagli

L INPS, con la Circolare n. 17 del 29 gennaio 2016, ha fornito per l anno 2016 - le aliquote contributive

L INPS, con la Circolare n. 17 del 29 gennaio 2016, ha fornito per l anno 2016 - le aliquote contributive Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici N. 25 10.02.2016 Aziende agricole: le aliquote 2016 L aliquota contributiva dovuta, per l anno 2016, dalle aziende agricole OTD

Dettagli

NUOVA DENUNCIA COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO IN VIA TELEMATICA

NUOVA DENUNCIA COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO IN VIA TELEMATICA NUOVA DENUNCIA COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO IN VIA TELEMATICA EVOLUZIONE NORMATIVA T.U. 81/2008 e s.m.i.: art. 18, lett. r): obbligo comunicazione telematica degli infortuni che comportino un assenza dal

Dettagli

DENUNCIA DI ISCRIZIONE DITTA - DATI ANAGRAFICI XX: XXXX XXXXXX N.: XX C.A.P: XXXXX. Comune: XXXXXXXXXX Prov.: XX Nazione: X

DENUNCIA DI ISCRIZIONE DITTA - DATI ANAGRAFICI XX: XXXX XXXXXX N.: XX C.A.P: XXXXX. Comune: XXXXXXXXXX Prov.: XX Nazione: X INAIL - Mod. Quadro A - L.O Premi Codice Fiscale Ditta: Data Inizio Attività XXXXXXXXXXXXXXXX AAAA-MM-DD DENUNCIA DI ISCRIZIONE DITTA - DATI ANAGRAFICI Ragione Sociale: XXXX XXXX NATURA GIURIDICA: Tipo

Dettagli

STUDIO AGOSTINI

STUDIO AGOSTINI INAIL DIREZIONE CENTRALE RISCHI Ufficio Entrate Ufficio Tariffe Prot. INAIL. 60010.30/01/2012.0000655 ALLE STRUTTURE CENTRALI E TERRITORIALI OGGETTO: Lavoratori soci di cooperative e di organismi associativi

Dettagli

METODOLOGIE E DETERMINAZIONI QUANTITATIVE D AZIENDA (A.A ) 1 IL CICLO DEL LAVORO

METODOLOGIE E DETERMINAZIONI QUANTITATIVE D AZIENDA (A.A ) 1 IL CICLO DEL LAVORO METODOLOGIE E DETERMINAZIONI QUANTITATIVE D AZIENDA (A.A. 2016 2017) 1 IL CICLO DEL LAVORO METODOLOGIE E DETERMINAZIONI QUANTITATIVE D AZIENDA (A.A. 2016 2017) 2 Temi affrontati Introduzione 1. La liquidazione

Dettagli

Stima del costo del lavoro dipendente su microdati di fonte Inps

Stima del costo del lavoro dipendente su microdati di fonte Inps Stima del costo del lavoro dipendente su microdati di fonte Inps Fattibilità e procedura di stima Tavolo di lavoro ROMA ISTAT 28/11/2011 Maggiori dettagli http://sites.carloalberto.org/quaranta/c1.html

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTI DESTINATI ALLE PMI ASSISTITI DAL FONDO TRANCHED COVER

FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTI DESTINATI ALLE PMI ASSISTITI DAL FONDO TRANCHED COVER FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare di Puglia e Basilicata S.c.p.a. Via Ottavio Serena, n. 13-70022 - Altamura (BA) Tel.: 080/8710268 -Fax: 080/8710745 [trasparenza@bppb.it / www.bppb.it]

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 05/06/2014

Direzione Centrale Entrate. Roma, 05/06/2014 Direzione Centrale Entrate Roma, 05/06/2014 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

SOMMARIO. Presentazione... XIII Nota sull Autore... XV. Parte Prima INTEGRAZIONI SALARIALI PRE RIFORMA

SOMMARIO. Presentazione... XIII Nota sull Autore... XV. Parte Prima INTEGRAZIONI SALARIALI PRE RIFORMA SOMMARIO Presentazione... XIII Nota sull Autore... XV Parte Prima INTEGRAZIONI SALARIALI PRE RIFORMA Capitolo 1 - Cassa integrazione guadagni ordinaria 1. Nozione... 3 2 Fonti... 3 3. Presupposti e cause

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 74 21.04.2015 Benefici amianto: prorogate le domande La scadenza per fruire dei benefici previdenziali per i lavoratori esposti

Dettagli

Direttiva all esame modulare

Direttiva all esame modulare Direttiva all esame modulare Assicurazione cose Versione 0.1.011 Seite 1 Obiettivi indicativi Il candidato / la candidata sa - determinare un fabbisogno di copertura in considerazione di vuoti di copertura

Dettagli

Le garanzie assicurative nella cessione del quinto

Le garanzie assicurative nella cessione del quinto Le garanzie assicurative nella cessione del quinto 1 Introduzione Apprenderemo: La nozione di assicurazione e gli elementi del contratto di assicurazione Le caratteristiche della polizza temporanea caso

Dettagli

Legenda certificato di assicurazione Inail

Legenda certificato di assicurazione Inail Legenda certificato di assicurazione Inail Addizionale ANMIL E' il contributo dovuto dai datori di lavoro all'associazione Nazionale dei Mutilati ed Invalidi del Lavoro (ANMIL) per le finalità individuate

Dettagli

Relazione Annuale 2015

Relazione Annuale 2015 Relazione Annuale 2015 del Presidente Appendice statistica Roma, 22 giugno 2016 Relazione Annuale 2015 del Presidente Appendice statistica Roma, 22 giugno 2016 ANALISI DELLA NUMEROSITÀ DEGLI INFORTUNI

Dettagli

OGGETTO: Coltivatori diretti, coloni, mezzadri e imprenditori agricoli professionali: contributi obbligatori dovuti per l anno 2008.

OGGETTO: Coltivatori diretti, coloni, mezzadri e imprenditori agricoli professionali: contributi obbligatori dovuti per l anno 2008. I.N.P.S. Roma, 8 Luglio 2008 Circolare n. 71 Allegati 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Oggetto: CONGEDO PER LE DONNE VITTIME DI VIOLENZA DI GENERE

Oggetto: CONGEDO PER LE DONNE VITTIME DI VIOLENZA DI GENERE - Alle Segreterie camere del Lavoro di categoria regionali - Alle Resp. Politiche di genere Napoli, 20 aprile 2016 Oggetto: CONGEDO PER LE DONNE VITTIME DI VIOLENZA DI GENERE Care compagne e cari compagni,

Dettagli

L ATTIVITA CERTIFICATIVA A FINI MEDICO-LEGALI

L ATTIVITA CERTIFICATIVA A FINI MEDICO-LEGALI L ATTIVITA CERTIFICATIVA A FINI MEDICO-LEGALI Il ruolo degli Enti di Patronato Corso di Aggiornamento Obbligatorio per Medici di Medicina Generale Arezzo, 3 marzo 2007 La specificità dell azione degli

Dettagli

Il ruolo dell INAIL nel progetto flussi. lo studio delle malattie professionali e delle malattie segnalate per la prevenzione Milano 11.06.

Il ruolo dell INAIL nel progetto flussi. lo studio delle malattie professionali e delle malattie segnalate per la prevenzione Milano 11.06. Il ruolo dell INAIL nel progetto flussi. lo studio delle malattie professionali e delle malattie segnalate per la prevenzione Milano 11.06.2014 Clemente INAIL Sovrintendenza Sanitaria Centrale La Mission

Dettagli

Il Piano Assicurativo Tutti i Rischi Arcidiocesi Ambrosiana ed.2013 AGENZIA GENERALE DI SEREGNO

Il Piano Assicurativo Tutti i Rischi Arcidiocesi Ambrosiana ed.2013 AGENZIA GENERALE DI SEREGNO Il Piano Assicurativo Tutti i Rischi Arcidiocesi Ambrosiana ed.2013 AGENZIA GENERALE DI SEREGNO 1 TAPPE E MOTIVAZIONI DELLE REVISIONE DEL PIANO ASSICURATIVO Trattative iniziate nel 2005 su richiesta Curia

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 05/06/2014

Direzione Centrale Entrate. Roma, 05/06/2014 Direzione Centrale Entrate Roma, 05/06/2014 Circolare n. 70 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Malattia lavoro correlata. Art e art. 10 D.Lgs 38. Art. 52 art

Malattia lavoro correlata. Art e art. 10 D.Lgs 38. Art. 52 art Malattia lavoro correlata Denuncia Art. 139 1124 e art. 10 D.Lgs 38 Prevenzione Referto Art. 365 cpp Repressione Certificato Art. 52 art. 53 1124 Assicurazione Denuncia Articolo 139 DPR 1124/65 articolo

Dettagli

ESPOSIZIONE QUOTIDIANA O CUMULATIVA? CONSIDERAZIONI SULL ESPOSIZIONE PROFESSIONALE A SILICE CRISTALLINA

ESPOSIZIONE QUOTIDIANA O CUMULATIVA? CONSIDERAZIONI SULL ESPOSIZIONE PROFESSIONALE A SILICE CRISTALLINA LE GIORNATE DI CORVARA - IX Edizione marzo 2003 Problematiche legate alla silice cristallina ESPOSIZIONE QUOTIDIANA O CUMULATIVA? CONSIDERAZIONI SULL ESPOSIZIONE PROFESSIONALE A SILICE CRISTALLINA PORFIDO

Dettagli

CAPITOLO 1 Norme generali

CAPITOLO 1 Norme generali Sommario CAPITOLO 1 Norme generali 1. Competenze INPS... 1 2. Costituzione del rapporto assicurativo... 3 3. Misura della contribuzione... 21 4. Retribuzione imponibile ai fini previdenziali... 59 5. Denuncia

Dettagli