Struttura e Contenuti del sito web dell Associazione Italiana Biblioteche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "WWW.AIB.IT. Struttura e Contenuti del sito web dell Associazione Italiana Biblioteche"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTA DI LETTERE BIBLIOTECONOMIA Struttura e Contenuti del sito web dell Associazione Italiana Biblioteche TESI DI LAUREA DI CORRADO GALLO RELATORE: PROF. PAOLO TRANIELLO Anno Accademico

2 INDICE: 1. CENNI STORICI 1.1 Origini dell AIB Genesi di AIB-WEB 4 2. SCOPI E CONTENUTI 2.1 Natura e obiettivi di AIB-WEB Accessibilità e utenza Homepage e disposizione gerarchica dei contenuti ASPETTI GESTIONALI 3.1 Infrastruttura: ruoli e relative responsabilità Aspetti economici Problematiche relative alla manutenzione IL LAVORO REDAZIONALE 4.1 Metodologia e organizzazione del lavoro redazionale 25 1

3 5. STRUTTURA DEL SITO WEB 5.1 Aspetti grafici Software e pacchetti utilizzati da AIB-WEB AIB-WEB come portale CONTRIBUTI TECNOLOGICI ALLE ATTIVITA DEL BIBLIOTECARIO E DELL UTENTE 6.1 Contributi dell informatica alle attività del bibliotecario Archiviazione dei vecchi file 38 BIBLIOGRAFIA 42 2

4 1. CENNI STORICI 1.1 ORIGINI DELL AIB L Associazione Italiana Biblioteche nasce nel 1930 con il nome di Associazione dei Bibliotecari Italiani sotto la spinta di un Comitato promotore, composto da bibliotecari statali e degli enti locali e presieduto dal senatore Pier Silverio Leicht, che verrà nominato Presidente dell Associazione stessa dal Ministro dell Educazione 1, con le seguenti finalità: sviluppo del sistema bibliotecario; rappresentanza professionale in ogni ambito (professionale, culturale, giuridico, etc.); formazione professionale e deontologica dei bibliotecari e attività di aggiornamento; sviluppo e corretto orientamento delle scelte di politica bibliotecaria; tutela del profilo professionale e della qualificazione del bibliotecario. Per realizzare tali fini, l Associazione si proponeva di promuovere collegamenti e confronti con le forze sociali, culturali 1 Alberto Petrucciani, Per la storia dei bibliotecari italiani: note dal libro di cassa dell'associazione italiana biblioteche, «Bollettino AIB», 40 (2000) n. 3,p , 3

5 e politiche e di cooperare con altri enti analoghi europei e internazionali. 2 L Associazione cresce attraverso una serie di congressi che trovano un tragico blocco negli anni compresi tra il 1940 al 1945 a causa della II Guerra Mondiale. Nei decenni successivi l AIB procede alla realizzazione dei propri obiettivi anche per effetto della formazione dell Unione Europea e di una crescente diffusione della conoscenza a livello planetario, facilitata dall avvento dell informatica e di nuove tecnologie di comunicazione. E in questo contesto che nel 1995 si tenta per la prima volta la creazione di un sito web per l Associazione. 1.2 GENESI DI AIB-WEB Nel 1995, con l avvento di Internet in Italia, anche l AIB fa i primi passi nella rete attraverso la creazione di uno spazio web, concesso dall Università degli studi di Roma La Sapienza, e interno al sito dell ateneo che, per motivi di scarsa pubblicità e di limitazioni dovute a problematiche interne, fatica a decollare 3. 2 Statuto, testo dello Statuto dell'associazione italiana biblioteche approvato dall' assemblea straordinaria dei soci svoltasi a Roma il 17 maggio 1999, «AIB, Fonti informative», 3 Riccardo Ridi, Preistoria e Pseudostoria di AIB-WEB, «AIB Notizie», 17 (2005), n. 9, p. I-II, 4

6 La situazione si sblocca quando al prof. Riccardo Ridi 4 viene assegnato l incarico di coordinare il progetto di creazione del nuovo sito che inizia così il suo sviluppo. Dal 1997 al 2005, il sito (autonomo e su server forniti dal CILEA 5 ) si è arricchito di pagine e si è avvalso dell opera di oltre 120 collaboratori; l homepage è stata ristrutturata cinque volte e tutto il sito è in costante lievitazione. 6 4 Coordinatore di AIB-WEB dal 1996 e professore associato di Biblioteconomia presso l Università di Venezia Ca Foscari; v. 5 Consorzio Interuniversitario Lombardo per l Elaborazione Automatica; v. 6 V. nota 3 5

7 2. SCOPI E CONTENUTI 2.1 NATURA E OBIETTIVI DI AIB-WEB AIB-WEB è dunque l'insieme delle pagine world wide web gestite direttamente su Internet dall'aib nazionale e dalle sue articolazioni territoriali (sezioni) e non (commissioni, gruppi, organi centrali) 7. Sono escluse le pagine gestite da singole sezioni che si appoggiano su server diverso da quello utilizzato da AIB-WEB, o che non abbiano rapporti di coordinamento con la redazione di AIB-WEB; si prevede per il futuro l accorpamento di queste pagine indipendenti. La specifica natura dell AIB-WEB è quella di essere una pubblicazione elettronica, in cui il termine pubblicazione va inteso nell accezione limitata di documentazione resa pubblica. Poiché AIB-WEB, non è un periodico ed è in costante aggiornamento, non può avere un Direttore Responsabile. Gli obiettivi che AIB-WEB si propone di perseguire sono qui di seguito riportati nel medesimo ordine in cui compaiono nel Progetto Editoriale a cura del prof. Riccardo Ridi 8 : 7 Riccardo Ridi, PROGETTO EDITORIALE AIB-WEB 1997, «Associazione italiana biblioteche, progetti editoriali AIB-WEB», 1997, 8 V. nota 7 6

8 1. AIB-WEB come polo di attrazione e centro di diffusione delle conoscenze del settore per tutti gli utenti del mondo bibliotecario italiano: diffondere la conoscenza delle attività dell AIB e di tutto ciò che possa essere professionalmente utile agli addetti al settore bibliotecario, aventi accesso ad Internet, ma anche a tutte le persone a vario titolo interessate agli argomenti trattati; 2. AIB-WEB come dialogo fra e con i soci: facilitare il dialogo dei soci dell AIB tra loro e con gli organi amministrativi ed elettivi; 3. AIB-WEB come Intranet aziendale : utilizzare AIB-WEB anche come registro delle attività svolte, accessibile agli organi amministrativi e da loro stessi aggiornato, per facilitare il coordinamento lavorativo di tali organi; 4. AIB-WEB come esempio metodologico di Web da bibliotecari : rendere AIB-WEB un esempio per la comunità di come dovrebbe essere strutturato e gestito un sito di ambito bibliotecario 9. AIB-WEB si propone come strumento utile a scopo informativo e non commerciale a tutti gli utenti, anche quelli 9 V. paragrafo 2.2 7

9 marginalmente interessati, e come tale ritiene l accessibilità un valore primario 10, poiché questo criterio, seguito nella continua crescita di AIB-WEB, permette di allargare il bacino di utenza. 2.2 ACCESSIBILITA E UTENZA Come già anticipato l'accessibilità a tutti gli utenti dei contenuti di AIB-WEB è fondamentale in quanto il sito è a carattere informativo, e non commerciale. Il Dr. Claudio Gnoli, che è stato vicecoordinatore di AIB- WEB 11, sottolinea in un suo intervento 12 la necessità di rendere i contenuti dello spazio web dell AIB accessibili anche a coloro che non sono dotati di computer al passo con i tempi ma soprattutto a coloro che hanno una competenza minima di informatica o hanno poco tempo o poca voglia di approfondire la propria preparazione informatica. Vengono quindi evitate tutte le soluzioni tecniche che limitano l'accessibilità, come banner animati o formati di carattere stravaganti che intralciano la nitidezza della lettura soprattutto a quegli utenti ipovedenti: in tal modo il sito si propone di 10 Accessibilità, «Associazione italiana biblioteche. Accessibilità AIB-WEB», , 11 V. paragrafo Claudio Gnoli, WWW da scrivere, «AIB Notizie», 17 (2005), n. 9, p. IV-V, 8

10 rappresentare un modello di costruzione e gestione di un sito di grandi dimensioni con soluzioni semplici (quarto obiettivo del progetto editoriale) ed è facilitata la coordinazione tra i redattori così come l amministrazione e la manutenzione del sito 13. Le pagine di AIB-WEB sono scritte in HTML 14, il linguaggio di marcatura 15 basilare per le pubblicazioni di pagine sulla rete, da non confondere con la denominazione di linguaggio di programmazione : un linguaggio di marcatura, come lo è l HTML, non permette di definire delle azioni da compiere (come ad esempio le funzioni di una calcolatrice che, in seguito alla ricezione di un input restituiscono il relativo output) ma permette solamente di decidere come predisporre gli elementi da visualizzare nella pagina pubblicata e fornisce al browser 16 informazioni sui loro formati attraverso l uso di tag, marcatori 17. Sono rari i casi in cui vengano inseriti oggetti multimediali. 13 V. paragrafi 2.1 e Hyper Text Mark-up Language: è il linguaggio di marcatura con il quale sono codificate le pagine web; nel caso di AIB-WEB viene utilizzato l HTML Si definisce linguaggio di marcatura qualsiasi linguaggio che utilizzi dei marcatori nella sua sintassi; un esempio di marcatore può essere, nel caso dell HTML, quello utilizzato per rendere del testo in grassetto: <p> Hello </p> World; in questo esempio verranno visualizzate le due parole Hello, in grassetto, e World non in grassetto 16 Software per la navigazione nella rete e la visualizzione di pagine web come i noti Microsoft Internet Explorer, Netscape e Mozilla Firefox 17 V. nota 15 9

11 Si è anche discusso a lungo 18 su come rendere più accessibili gli OPAC 19 e il web: il risultato del seminario su detto tema ha dimostrato ulteriormente quanto il criterio dell accessibilità ricopra un ruolo fondamentale. Per tale motivo AIB-WEB aderisce a numerose campagne di condotta informatica 20 e promuove i principi per l'accessibilità ai contenuti del Web, di cui lo statuto del WAI 21 (che mette al primo posto il problema dell accessibilità per i diversamente abili) è la base. E difficile però valutare la reale tipologia dell utenza del sito, poiché i dati relativi agli accessi permettono di conoscere solo il numero degli utenti, il luogo fisico da cui si collegano e le qualità dei PC che utilizzano. Gli utenti a cui AIB-WEB si rivolge sono, secondo il Progetto Editoriale del : tutti i soci AIB che abbiano accesso, anche occasionalmente, a Internet; tutti i bibliotecari italiani non soci AIB che abbiano accesso, anche occasionalmente, a Internet; 18 Redazione AIB-WEB e CNUR, Seminario AIB-WEB-6: parte prima; biblioteche OPAC e accessibilità del web, «50. Congresso nazionale AIB: AIB2003», 2003, 19 Acronimo di: Online Public Access Catalogue 20 V. paragrafo Web Accessibility Initiative; AA.VV., Linee guida per l accessibilità ai contenuti del web, «World Wide Web Consortium», 1999, 22 V. nota 7 10

12 un buon numero di bibliotecari stranieri non soci AIB che abbiano accesso, anche occasionalmente, a Internet; tutti gli utenti delle biblioteche italiane che forniscono accesso a Internet; un buon numero di utenti delle biblioteche straniere che forniscono accesso a Internet; tutti gli studenti di biblioteconomia italiani e stranieri; tutti gli italiani che vogliono lavorare in biblioteche italiane e straniere; tutti gli stranieri che vogliono lavorare in biblioteche italiane; un buon numero degli utilizzatori, anche occasionali, di Internet (privati e istituzionali, italiani e stranieri) che non ricadono nelle precedenti categorie. Le mailing list e i contatti personali della redazione con l utenza hanno messo in rilievo che l accesso al sito è: rilevante da parte dei bibliotecari (soci AIB e non); basso ma esistente quello da parte di bibliotecari stranieri; in crescita quello degli studenti di biblioteconomia; scarso quello degli interessati (che non sono studenti) alla materia biblioteconomica; 11

13 frequente quello dei fornitori italiani di prodotti e servizi per le biblioteche; frequente quello di coloro che si interessano all OPAC per motivi di studio o di ricerca; quasi nullo da parte di politici o amministratori; ancora scarso quello di utenti che andrebbero indirizzati verso Segnaweb 23 e DFP 24. Le mail arrivate in redazione segnalano anche la presenza di utenti occasionali fuori contesto ma è impossibile quantificarli. 2.3 HOMEPAGE E DISPOSIZIONE GERARCHICA DEI CONTENUTI Una disamina attenta dell homepage 25 permette di individuare i contenuti e la loro disposizione gerarchica. L homepage può essere paragonata al tronco di un grande albero da cui si dipartono numerosi rami che a loro volta si ramificano in numerose direzioni, ossia nelle diverse sezioni e sottosezioni di AIB-WEB; i link possono essere considerati i ponti 23 Segnaweb è una sezione non istituzionale del sito AIB-WEB che offre al navigatore una selezione di pagine web, in lingua italiana e di interesse generale; v. 24 La DFP è un repertorio di fonti, documenti e servizi prodotti dalle istituzioni italiane, per orientarsi nell'individuazione di informazioni pubbliche disponibili sulla rete; v. 25 V. 12

14 che collegano l utente con altri argomenti, spesso anche in un sistema di collegamenti autoreferenziale. E importante sottolineare fin da subito il carattere intertestuale del materiale trattato per rendere flessibile l immagine di AIB- WEB come albero molto ramificato: difatti spesso si possono trovare collegamenti che possono non far riferimento al determinato ramo in cui ci si trova: è possibile passare da un argomentazione ad un altra di diverso genere. Esaminando l homepage, di cui è riportata una stampata alla pagina seguente, si può osservare come essa si configuri con tratti simili a quelli di una testata giornalistica. 13

15 26 26 Homepage del sito web dell AIB; v. nota 24 14

16 In alto si presentano due barre orizzontali, rispettivamente di colore bianco con testo di colore verde e l altra verde con testo di colore bianco. Nella prima sono presenti il logo di AIB-WEB e, al centro, l intestazione seguita dalla spiegazione dell acronimo. Nella seconda barra è presente l opzione per la lingua (italiano o inglese) e un apposita casella per eseguire ricerche sui motori di ricerca interni di AIB-WEB 27. A proposito dell opzione linguistica occorre precisare un aspetto editoriale: attualmente il sito ha una traduzione parziale in inglese; le pagine tradotte in inglese (segnalate dal suffisso [EN]), segnala il prof. Ridi, sono in aumento in senso assoluto ma in diminuzione in senso relativo, in quanto le traduzioni non seguono il passo con l esponenziale crescita del materiale pubblicato. Il corpo dell homepage, a sfondo verde chiaro, presenta una tripartizione in colonne che divide gli argomenti trattati in tre grandi filoni. 27 Google e Altavista; v. il paragrafo

17 Nella colonna di sinistra vi è tutto ciò che riguarda le informazioni sull AIB e su AIB-WEB, ripartito in: informazioni su come divenire socio AIB; informazioni sulla struttura dell AIB; Informazioni circa le attività e le iniziative sviluppate e svolte dall AIB. Nella colonna centrale vi sono: in testa, al primo elenco, i cataloghi; al secondo elenco troviamo le risorse elettroniche per documentarsi su vari argomenti di interesse generale 28 ; al terzo elenco vi sono risorse AIB d ambito biblioteconomico e non, tra cui AIB-CUR, gruppo di discussione diviso per sezioni che si realizza attraverso dibattiti via mail che vengono pubblicati sulla relativa pagina della sezione di AIB-CUR 29 ; nel quarto elenco si riportano i collegamenti alle sezioni di interesse prettamente attinente la biblioteconomia come il BIB; nell ultimo elenco sono invece riportati i calendari degli eventi, i riferimenti alla formazione universitaria e del lavoro e l annuario dei prodotti e dei servizi. 28 Dall OPAC a Segnaweb 29 Commissione Nazionale Università Ricerca 16

18 Nella colonna di destra, su sfondo bianco, sono invece riportate le novità. Infine, al di sotto delle tre colonne, vi sono quattro tagli bassi orizzontali che riguardano rispettivamente: nel primo taglio notizie sulle infrastrutture (redazione, ufficio stampa e accessibilità); nel secondo taglio i vari indirizzi per la reperibilità dell AIB; nel terzo taglio il banner del CILEA 30 ; nell ultimo taglio informazioni circa i copyright della testata e circa il suo aggiornamento. Il punto di incontro dei bibliotecari o interessati alla materia biblioteconomica è il già citato AIB-CUR; le diverse sezioni dialogano essenzialmente attraverso posta elettronica smistata già dai diversi indirizzi che corrispondono alle diverse liste postali di lavoro della redazione 31. Da evidenziare, infine, è il fatto che la struttura è dettata da un ordinamento di tipo più storico che tassonomico: con l apertura di nuovi gruppi vengono, di volta in volta, aperte delle nuove subdirectory 32 per consentire la stesura del nuovo materiale e la sua eventuale pubblicazione. 30 V. nota 5 31 V. 32 Letteralmente sottocartelle, ovvero cartelle nidificate in altre cartelle 17

19 3. ASPETTI GESTIONALI 3.1 INFRASTRUTTURA: RUOLI E RELATIVA RESPONSABILITA Lo staff di AIB-WEB 33 è costituito da: un coordinatore; da uno a tre vicecoordinatori; una serie di redattori; vari collaboratori stabili o occasionali. Il coordinatore viene designato dal CEN 34 (Comitato Esecutivo Nazionale) dell AIB, che ha suoi delegati all interno della struttura, e ha accesso a tutte le pagine del sito. I vicecoordinatori sono nominati dal coordinatore e approvati dal CEN, e restano in carica per tutto il mandato del coordinatore. Coordinatori e vicecoordinatori devono essere soci AIB e non ricevono remunerazioni per il loro lavoro. I redattori sono nominati dal coordinatore, il quale può anche rimuoverli, ed hanno accesso a determinati sottoinsiemi della pagine di AIB-WEB; essi ricevono incarichi specifici, ad esempio la gestione di uno o più settori di AIB-WEB, e possono proporre 33 V. 34 Comitato Esecutivo Nazionale, le cui funzioni sono di carattere amministrativo e decisionale; v. 18

20 collaboratori (stabili o occasionali) che devono essere approvati dal coordinatore. I collaboratori, stabili o occasionali che siano, non fanno parte dell organico redazionale di AIB-WEB ma hanno tuttavia accesso alle pagine da loro curate. I redattori e i collaboratori che si occupano di un periodico, di una commissione, di un gruppo o di una sezione in AIB-WEB devono ricevere anche l approvazione del relativo capo-settore o presidente della sezione. I redattori e i collaboratori possono non essere soci dell AIB e possono ricevere un compenso per il loro operato in base alle risorse economiche disponibili 35 ; tuttavia è da ricordare che l attività redazionale di AIB-WEB è svolta essenzialmente su base volontaria. Tutti i membri della redazione di AIB-WEB devono avere accesso alla posta elettronica, strumento primario di lavoro, e si riuniscono generalmente in concomitanza con il Congresso Nazionale annuale dell'aib, a cui l'intera redazione viene invitata gratuitamente salvo casi in cui le risorse economiche disponibili non lo permettono; in questi casi al coordinatore vengono messi a disposizione degli inviti da assegnare a sua discrezione ai membri della redazione V. paragrafo V. nota 7 19

21 3.2 ASPETTI ECONOMICI AIB-WEB e la sua manutenzione (da parte della redazione e/o di tecnici informatici) sono finanziati dal patrimonio dell associazione, il cui statuto 37 indica essere costituito essenzialmente da: beni mobili già di proprietà dell'associazione alla data di approvazione dello Statuto; beni mobili ed immobili che diverranno di proprietà dell'associazione; eventuali fondi di riserva costituiti con le eccedenze di bilancio; sovvenzioni, donazioni o lasciti da parte di terzi o associati; entrate derivanti da: 1. quote associative annuali; 2. contributi straordinari, stabiliti in relazione a particolari iniziative e/o esigenze che richiedano disponibilità superiori a quelle attuali; 3. versamenti volontari degli associati; 4. contributi, finanziamenti, concessi da pubbliche amministrazioni, enti locali, istituti di credito, enti pubblici economici e da imprese e società private; 37 V. nota 2 20

22 5. plusvalenze derivanti dall'attività editoriale e da ogni attività, iniziativa e manifestazione organizzate dall'associazione; 6. ogni altra entrata che concorra ad incrementare l'attivo sociale. Le spese per il mantenimento di AIB-WEB sono basse, poiché sia i servizi tecnici di base 38 che la manutenzione sono offerte dal CILEA 39 in cambio della pubblicizzazione dell accordo con quest ultimo e della presenza del suo logo in alcune pagine del sito web. Le spese per i software sono generalmente basse o inesistenti poiché AIB-WEB privilegia l utilizzo di software open source 40 o di software nelle disponibilità dei redattori. Anche per quanto riguarda il personale redazionale le spese risultano quasi nulle poiché l attività è svolta pressoché su base volontaria. L AIB stanzia comunque ogni anno alcune migliaia di euro che vengono utilizzate per: 38 Backup, manutenzione, aggiornamento sistemistico, ininterrotta accessibilità alla rete e la registrazione dei domini 39 V. nota 5 40 L espressione indica un software rilasciato con una licenza tale da rendere disponibile ad altri sviluppatori il suo codice sorgente al fine di migliorare il software stesso e renderlo liberamente fruibile dagli interessati 21

23 acquistare componenti hardware (prevalentemente memorie); interventi di formazione per il personale redazionale; organizzazione di seminari (anche aperti al pubblico); attività di promozione; consulenze grafiche (in particolar modo quella del 2005 per la composizione dell homepage); rimborsi spese per il personale redazionale (generalmente dei viaggi per le riunioni e/o per le connessioni ADSL). I ritorni economici previsti sono di due tipi: quelli indiretti, impossibili da quantificare, derivanti da una maggiore visibilità e credibilità del sito che si concretizzano in un maggior numero di iscrizioni all AIB o nel successo di determinate iniziative; quelli diretti, attraverso una eventuale serie di servizi ondine, come l accesso a parti riservate o l acquisto di pubblicazioni a pagamento. Non è da escludere la possibilità futura di una sponsorizzazione di AIB-WEB, da parte di interessati al settore, senza tuttavia allontanarsi dalla condotta no profit e senza rinunciare ai criteri di accessibilità già menzionati. 22

24 3.3 PROBLEMATICHE RELATIVE ALLA MANUTENZIONE La manutenzione del sito dell AIB non richiede particolari lavori di messa a punto (i contenuti sono aggiornati quotidianamente e il layout delle pagine difficilmente viene cambiato); tuttavia esistono problemi relativi al mantenimento delle sezioni che sono riconducibili al carattere di volontarietà dell AIB e che sono stati riassunti dal prof. Ridi in 3 punti: 1. non tutte le articolazioni dell'aib (sezioni regionali, commissioni, gruppi, osservatori, ecc.) mostrano un uguale interesse nel comunicare via web le loro attività; 2. quando invece alcune di esse mostrano tale interesse, non è sempre facile trovare redattori web competenti e tempestivi che editino i contenuti e si occupino della loro pubblicazione sul sito; 3. i collaboratori che contribuiscono alle parti "nonistituzionali" di AIB-WEB, ovvero a quelle che non corrispondono a una articolazione dell'aib (OPAC, Segnaweb, DFP, ecc.) seguono ritmi personali nella loro collaborazione, quindi alcuni settori risulteranno più aggiornati di altri. 23

25 Nonostante questa discontinuità nella vivacità delle varie sezioni, il sito risulta comunque costantemente aggiornato e rimane un insostituibile punto di riferimento per il personale bibliotecario e gli interessati al settore. 24

26 4. IL LAVORO REDAZIONALE 4.1 METODOLOGIA E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO REDAZIONALE La creazione di pagine su AIB-WEB è un processo che interessa principalmente i responsabili delle sezioni e i relativi redattori. Il potere di accesso in scrittura al server 41, e dunque alla pubblicazione delle pagine che costituiscono AIB-WEB, è di tipo gerarchico, ossia ogni Presidente di Sezione, con l approvazione del CER (Comitato Esecutivo Regionale), seleziona un redattore responsabile di una determinata sezione al quale viene dato completo accesso in scrittura e modifica della sua sezione e relative sottosezioni, ed ha la possibilità di dare accesso, sempre in scrittura, ad altri redattori o ad ospiti occasionali della sezione. Come già accennato 42, al vertice della piramide redazionale vi sono il coordinatore e i vicecoordinatori, che hanno totale accesso in scrittura a tutte le cartelle del sito, e di conseguenza a tutte le pagine pubblicate, e sono iscritti a tutti i gruppi postali allo scopo di dare supporto e reindirizzare eventuali mail inviate al gruppo sbagliato. 41 E il computer che contiene fisicamente tutti i file e le cartelle che costituiscono un sito e ne permette la visione tramite connessione remota, conoscendone il dominio di riferimento (in questo caso 42 V. paragrafo

27 Generalmente in AIB-WEB si usano delle liste postali, sfruttando la casella postale messa a disposizione da AIB-WEB per tale lavoro, con le quali i redattori si tengono in contatto tra di loro e con il responsabile di sezione; quest ultimo riceve via mail dai redattori gli articoli o il materiale da inserire nella apposita sezione di AIB-WEB e, una volta verificata la correttezza tecnica (ossia la corretta scrittura del codice html), l affinità agli standard di AIB-WEB e la coerenza stilistica del testo (generalmente non vi è un controllo sul contenuto), si adopera per metterlo in rete, tramite FTP 43, dopo aver avvisato il redattore delle correzioni effettuate. Le mail dei gruppi, che rappresentano il 95% delle conversazioni di lavoro contro il 5% diviso tra telefonate e riunioni fisiche, sono gestite con mailman 44, un software di gestione della posta elettronica che facilita il lavoro di organizzazione e reindirizzamento del materiale inviato. Può capitare che gli errori del redattore siano a volte numerosi e richiedano dunque molto tempo per essere corretti; in questo caso il responsabile della sezione rinvia il documento al redattore che lo ha steso, il quale deve rielaborarlo e rispedirlo corretto. 43 File Transfer Protocol: è un servizio che permette di condividere file tra una macchina ed un'altra in maniera ordinata 44 V. 26

28 In pochi casi il potere di accedere in scrittura al sito viene dato ai redattori non responsabili; tuttavia in questi casi sono di vitale importanza per lo staff di AIB-WEB i seguenti accorgimenti prima di una eventuale modifica del materiale già in rete: chi corregge le pagine dovrebbe sempre avvisare gli interessati; ogni qualvolta si effettui la correzione di materiale già pubblicato o quantomeno inserito nelle cartelle remote della sezione, è buona norma scaricare la versione già in rete e partire da quella versione per effettuare le correzioni e registrarle: tale prassi è necessaria per evitare di modificare il documento già elaborato sul computer locale, ossia non ancora rivisitato, ad esempio, dal responsabile prima della sua messa in rete 45. E importante tenere da conto anche il fatto che per la creazione delle pagine web ogni iscritto ad un gruppo di lavoro utilizza strumenti personali; è quindi necessaria la verifica del prodotto finale, da parte del responsabile, prima di essere messa in rete, per evitare fenomeni di difformità rispetto agli standard seguiti dal sito. 45 Vanni Bertini, MANUALE DI REDAZIONE AIB-WEB, «AIB Sezioni Regionali. Manuali», 2005, 27

29 I gruppi di lavoro, come sopra spiegato, si occupano ciascuno di una sezione specifica e hanno quindi degli identificativi, formati da un AW- iniziale e seguito dall acronimo del settore o dalle prime lettere di questo (ad esempio AW-BIB 46 ), per poterli distinguere; questa dicitura ha lo scopo di favorire la manipolazione delle liste postali e dei relativi materiali anche attraverso strumenti automatizzati e per garantire un ordine nell albero di cartelle costituito dal sito web soprattutto in vista della sua gestione tramite FTP 47. Esistono anche gruppi trasversali, come quello di AW-CAT che si occupa di metadati, ossia della catalogazione e dell indicizzazione del materiale, e che quindi sono inseriti anche negli altri gruppi postali. Alla pagina seguente sono riportate, in ordine di frequenza d uso, le liste postali dei gruppi di lavoro di AIB-WEB 48, accompagnate da una breve descrizione del settore di cui si occupano; da notare che gruppi numerosi sono affiancati da un sottogruppo, riconoscibile dal suffisso TECN alla fine, che si occupa degli aspetti specifici e dei problemi tecnici di quei determinati gruppi: 46 Gruppo di lavoro che si occupa della sezione Bibliografia Italiana delle Biblioteche, del libro e dell informazione; Alberto Petrucciani e Giulia Visintin, BIB-WEB, Bibliografia italiana delle biblioteche del libro e dell'informazione, 2002, 47 V. nota V. 28

30 AIB-WEB: Redazione (problemi generali, e quanto non rientra in sottogruppi specifici; comunicazioni generiche dall'esterno); AW-TECN: Redazione allargata (aspetti e problemi tecnici); AW-COORD: Coordinamento (e rapporti complessi con l'esterno); AW-SEGR: Segreteria (gestione corrente, liste di lavoro e archivi); AW-AIB: Settori istituzionali (Associazione: CEN, editoria, sezioni, gruppi, commissioni) e AW-AIB-TECN; AW-COM: Bibliocom e APS (Annuario Prodotti e Servizi); AW-REG: Sezioni regionali AIB; AW-OPAC: Sezione OPAC (repertorio cataloghi e risorse analoghe; relative segnalazioni e comunicazioni con l'esterno) e AW-OPAC- TECN; AW-LIS: Ramo LIS ("Il mondo delle biblioteche in rete" : risorse tecniche per la professione e il servizio al pubblico) e AW-LIS- TECN; AW-LAV o AW-FORM: Settori Formazione e Lavoro; AW-CLM: Ramo CLM ("Librariana"); AW-CONTR: Ramo "Contributi"; AW-PEB: PEB, Periodici Elettronici Biomedici; 29

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB. A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche

GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB. A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche ISTRUZIONI PER Usare in modo consapevole i motori di ricerca Valutare un sito web ed utilizzare: Siti istituzionali

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Manuale del sistema di gestione. Versione 2.4

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Manuale del sistema di gestione. Versione 2.4 Banche Dati del Portale della Trasparenza Manuale del sistema di gestione Versione 2.4 Sommario Introduzione e definizioni principali... 3 Albero dei contenuti del sistema Banche Dati Trasparenza... 3

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica: WebMail Una Webmail è un'applicazione web che permette di gestire uno o più account di posta elettronica attraverso un Browser.

Dettagli

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II*

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* Indice 1. Informazioni generali 2. Parte I: obiettivi, gestione e risorse del Dipartimento

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library A. Bardelli (Univ. Milano Bicocca), L. Bernardis (Univ.

Dettagli

visto l articolo 6 capoverso 5 del Regolamento del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione del 1 giugno 2014 (Regolamento CSSI),

visto l articolo 6 capoverso 5 del Regolamento del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione del 1 giugno 2014 (Regolamento CSSI), Dipartimento federale dell economia, della formazione e della ricerca DEFR Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione CSSI Direttive del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione che

Dettagli

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali AlboTop Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali Introduzione AlboTop è il nuovo software della ISI Sviluppo Informatico per la gestione dell Albo professionale dell Ordine Assistenti Sociali.

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Nella sezione del sito come partecipare sono presenti tutte le istruzioni utili ad un nuovo utente di Obiettivo Infermiere.

Nella sezione del sito come partecipare sono presenti tutte le istruzioni utili ad un nuovo utente di Obiettivo Infermiere. Istruzioni esemplificate per Iscrizione e fruizione Corsi ECM FAD La nuovissima piattaforma proprietaria FAD Ippocrates3 adottata a partire da gennaio 2013 da SANITANOVA S.r.l., è in grado di dimensionare

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Appunti di Antonio Bernardo

Appunti di Antonio Bernardo Internet Appunti di Antonio Bernardo Cos è Internet Internet può essere vista come una rete logica di enorme complessità, appoggiata a strutture fisiche e collegamenti di vario tipo (fibre ottiche, cavi

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

EndNote Web è un servizio online per la gestione di bibliografie personalizzate integrabili nella redazione di testi: paper, articoli, saggi

EndNote Web è un servizio online per la gestione di bibliografie personalizzate integrabili nella redazione di testi: paper, articoli, saggi ENDNOTE WEB EndNote Web è un servizio online per la gestione di bibliografie personalizzate integrabili nella redazione di testi: paper, articoli, saggi EndNote Web consente di: importare informazioni

Dettagli

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 Premessa. In questa nuova versione è stata modificata la risoluzione (dimensione) generale delle finestre. Per gli utenti che navigano nella modalità a Finestre, la dimensione

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4)

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4) Guida al nuovo sistema di posta CloudMail UCSC (rev.doc. 1.4) L Università per poter migliorare l utilizzo del sistema di posta adeguandolo agli standard funzionali più diffusi ha previsto la migrazione

Dettagli

Web Solution 2011 EUR

Web Solution 2011 EUR Via Macaggi, 17 int.14 16121 Genova - Italy - Tel. +39 010 591926 /010 4074703 Fax +39 010 4206799 Cod. fisc. e Partita IVA 03365050107 Cap. soc. 10.400,00 C.C.I.A.A. 338455 Iscr. Trib. 58109 www.libertyline.com

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

come installare wordpress:

come installare wordpress: 9-10 DICEMBRE 2013 Istitiuto Nazionale Tumori regina Elena come installare wordpress: Come facciamo a creare un sito in? Esistono essenzialmente due modi per creare un sito in WordPress: Scaricare il software

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

- Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo o Strutture

- Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo o Strutture SUA-RD - NOTE TECNICHE PER L UTILIZZO DELL INTERFACCIA Utenze abilitate alla compilazione della scheda SUA-RD: - Ateneo - Strutture (Dipartimenti/Facoltà) - Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB Art. 1 (Finalità) Il Sito Web del Consorzio è concepito e utilizzato quale strumento istituzionale

Dettagli

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale!

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET consente la piena digitalizzazione della scuola: completa

Dettagli

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK LA TUA POSTA IN UN CLICK Clicca&Posta è una soluzione software per la gestione della

Dettagli

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC THOMSON SCIENTIFIC EndNote Web Quick Reference Card Web è un servizio online ideato per aiutare studenti e ricercatori nel processo di scrittura di un documento di ricerca. ISI Web of Knowledge, EndNote

Dettagli

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione?

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione? 1. Anagrafica 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? Cooperativa Sociale Comune Consorzio Sociale ASL Azienda Servizi alla persona Organizzazione di volontariato Azienda Speciale Comunità

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Easy-TO è il software professionale per il Tour Operator moderno. Progettato e distribuito in Italia e all estero da Travel Software srl (Milano), un partner

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE

PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE SETTEMBRE 2013 DATASIEL S.p.A Pag. 2/23 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 1.1. Scopo...3 1.2. Servizio Assistenza Utenti...3 2. UTILIZZO DEL PROGRAMMA...4 2.1. Ricevere

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Listino Gennaio 2001 pag. 1 Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Profilo aziendale Chi è il Gruppo Queen.it Pag. 2 Listino connettività Listino Connettività RTC Pag. 3 Listino Connettività

Dettagli