La Carta di San Miniato #voltiamopagina

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Carta di San Miniato #voltiamopagina"

Transcript

1

2 La Carta di San Miniato #voltiamopagina

3 Introduzione Chi siamo Il MoVimento 5 Stelle San Miniato nasce il 23/03/2011 e si propone come innovazione per una politica basata sull onestà e la trasparenza, conferendo l opportunità ai cittadini di essere informati, attivi e partecipi alle decisioni del territorio in cui vivono. Il MoVimento 5 Stelle è una libera associazione di cittadini. Non è un partito politico né si intende che lo diventi in futuro. Non si basa su ideologie di destra o di sinistra, ma su idee emerse dalle esigenze reali della collettività che da troppo tempo sono state ignorate. Il MoVimento vuole realizzare un efficace ed efficiente scambio di opinioni e confronto democratico al di fuori di legami partitici e senza la mediazione di organismi direttivi o rappresentativi, riconoscendo alla totalità dei cittadini il ruolo di governo. La nostra è una rivoluzione culturale che deve portare tutti ad una maggiore consapevolezza dei propri diritti e doveri all interno di una Democrazia evoluta. Come nasce il nostro programma Fin dalla nascita del gruppo del Movimento 5 Stelle a San Miniato, ci siamo mossi per portare la trasparenza e la partecipazione nelle istituzioni del nostro comune. Con il passare del tempo ci siamo accorti di molte lacune nei servizi e, più in generale, nell amministrazione della cosa pubblica da parte della classe politica attualmente in carica. Siamo un Movimento che nasce dal basso e proprio per questa caratteristica il primo passo per noi è stato quello di confrontarci con i nostri concittadini; per questo nell estate 2013 abbiamo proposto la voce del cittadino, un questionario nel quale i cittadini sanminiatesi hanno potuto esprimere le loro idee sulla gestione del territorio negli ultimi anni, evidenziandone disservizi e mancanze, fornendo, al tempo stesso, anche valide proposte. Dall analisi delle problematiche ne è scaturito un dibattito all interno dei meetup (i nostri incontri pubblici dove ognuno può esprimere liberamente la propria opinione rimanendo fedeli al motto di ognuno vale uno ) che ha dato origine a nuove proposte da integrare alle idee emerse dai preziosi questionari. Inoltre, consapevoli che ci sono tante diverse realtà che formano il nostro tessuto sociale, nel mese di febbraio 2014, sono stati promossi incontri tematici con le associazioni del territorio per poter ulteriormente arricchire il nostro programma. Sempre all interno dei meetup, nel mese di marzo, si è conclusa la stesura de La Carta di San, Miniato il nostro programma, frutto della collaborazione di tutti i cittadini che ci hanno espresso una critica, un idea o uno spunto.

4 Principi di base I Comuni sono i mattoni sui quali è costruito il tessuto sociale del Paese, sono l organo più vicino ai cittadini con i quali deve avvenire un sano confronto fra tutte le realtà del territorio. Per questo l attuale politica ha bisogno di un cambio non solo generazionale, ma un cambio di rotta nella gestione del territorio volto alla trasparenza e alla partecipazione dei cittadini alle scelte dell amministrazione. Il Movimento 5 Stelle essendo un movimento formato da comuni cittadini si contrappone con fermezza alla politica di professione. Abbiamo già fatto esperienza dei politici d esperienza e non è stata una bella esperienza. Concepiamo la politica come un servizio per i cittadini e perciò non può essere una professione; l incarico politico dovrebbe essere svolto come impegno morale ed etico per il bene comune e non come carriera per tutta la vita. Come da nostro Non-Statuto, ogni Cittadino a Cinque Stelle eletto a qualsiasi carica dell amministrazione pubblica dopo due mandati deve tornare a casa e riprendere la propria occupazione. Nell attuale periodo di crisi nessuno deve rimanere indietro, dobbiamo ripartire tutti insieme, valorizzando le numerose eccellenze (naturali e non) di cui il nostro comune dispone. Come? Riappropriandoci della gestione del nostro territorio, il nostro bene comune, in armonia con quanto raccomandato dall ONU nell importante documento programmatico denominato Agenda 21 1, il cui pensiero può essere efficacemente sintetizzato nella frase Pensare globalmente, agire localmente. 1. L Agenda21 dell ONU, è un piano d'azione per lo sviluppo sostenibile, da realizzare su scala globale, nazionale e locale con il coinvolgimento più ampio possibile di tutti i soggetti che

5 Democrazia diretta e trasparenza Premessa: La partecipazione diretta dei cittadini alle decisioni che riguardano i propri destini, personali e collettivi, deve prendere il posto della delega in bianco. Una nuova forma di democrazia diretta sancirà l eliminazione di tutte le barriere tra Comune e cittadini. In questa prospettiva la scelta collettiva dovrebbe essere il risultato di una molteplicità di scelte di individui ciascuno libero di perseguire il bene comune nel modo migliore. Ciascuno è anche l unico autentico guardiano della gestione della cosa pubblica. Restituendo la sovranità al cittadino gli interessi di ciascun individuo saranno definiti fondamentalmente nei termini delle sue proprie preferenze personali e NON nei termini di ciò che qualcun altro pensa sia bene per lui. I recenti eventi dell Unione dei Comuni del Valdarno sono stati la conferma di come la cittadinanza sia rimasta esclusa dalle scelte a d o t t a t e n e l l e s t a n z e c h i u s e dell amministrazione comunale.la trasparenza nella gestione del bene comune è un altro ambizioso obiettivo del Movimento. La riteniamo un valore imprescindibile e come tale non può essere definita una semplice qualità, ma bensì un preciso obbligo di ogni amministrazione locale. Trasparenza significa non aver nulla da nascondere tanto che si tratti di rendicontazione di bilanci, di assegnazione di appalti di lavori pubblici, oppure di assunzioni di personale nelle cosiddette aziende partecipate. In Concreto: Per la partecipazione. Il Movimento per rendere possibile l applicazione di questa nuova democrazia partecipativa ha necessità di m o d i fi c a r e l o S t a t u t o c o m u n a l e e, conseguentemente, potenziare gli strumenti di iniziativa popolare come i referendum che, come nel caso citato, non dovranno più essere esclusivamente consultivi ma vincolanti per il Consiglio Comunale. Per aiutare i cittadini alla partecipazione diretta, sarà incentivata la formazione di gruppi di lavoro su base volontaria seguiti da personale esperto in materia tecnico-amministrativa messo a disposizione del Comune e in grado di proporre delibere redatte correttamente in articoli; secondo le priorità individuate dagli stessi cittadini sarà possibile redigere un piano congiunto di lavori pubblici ( bilancio partecipato meglio specificato al punto denominato Comune e cittadini ) da inserire in una programmazione triennale. A similitudine di quanto già avviene nelle moderne grandi aziende dove gli stessi lavoratori dispongono di un efficace ruolo propositivo, una delegazione popolare avrà il compito di controllare l intero processo potendo accedere a tutti gli atti, così da essere in grado di riferire l andamento dei lavori nelle assemblee popolari. Sull esempio di quanto già efficacemente messo in pratica nel Comune di Parma, al fine di favorire la partecipazione dal basso e raccoglierne le proposte popolari per farne argomento di discussione nel Consiglio Comunale, saranno sperimentati i Town Meeting (incontri di ascolto con i cittadini).

6 Democrazia diretta e trasparenza Per la trasparenza. La gestione partecipata e condivisa con la cittadinanza presuppone l eliminazione di ogni filtro tra cittadini e potere. La trasmissione su internet della diretta streaming del Consiglio comunale (battaglia portata avanti con successo dal Movimento 5 Stelle San Miniato) non rappresenta che un punto di partenza. Il servizio offerto alla Cittadinanza deve essere migliorato con la creazione di un archivio online di tutte le registrazioni indicizzate, così da permettere piena fruibilità dei contenuti. Le riprese con telecamera, inoltre, saranno estese a tutti gli incontri con le commissioni ed alle riunioni operative della Giunta Comunale. Chi amministra il bene comune non può e non deve avere nulla da nascondere; ogni atto o procedimento amministrativo deve essere facilmente ed immediatamente consultabile dai cittadini. A beneficio della trasparenza sarà utile istituire un vero e proprio registro on-line dove ogni cittadino potrà visionare tutte le istanze inviate alla pubblica amministrazione e dove sarà altrettanto possibile consultare le risposte fornite. La trasparenza non può essere circoscritta esclusivamente alle stanze del Comune e all operato di chi è al servizio dei cittadini. Deve bensì riguardare anche le cosiddette esternalizzazioni con l obbligo per tutte le aziende pubbliche o partecipate che offrono servizi al Comune di pubblicare sul proprio sito web il CDA, l azionariato e i bilanci. Per quanto concerne le retribuzioni dei dipendenti pubblici, il Movimento 5 Stelle da sempre combatte una battaglia contro gli stipendi d oro della P.A. e più in generale, contro le caste di ogni ordine e grado. Anche per il Comune di San Miniato adotteremo tutti gli strumenti previsti dalla legge per operare una riduzione numerica dei dirigenti laddove ciò sia possibile oltre che raccomandabile, per poi intervenire direttamente sulle retribuzioni che risultino palesemente eccessive e comunque non proporzionali all operato dell incarico effettivamente svolto.

7 Ambiente Premessa: La qualità dell ambiente in cui viviamo, condiziona anche la nostra salute. Per questo c è bisogno di monitorare il nostro territorio ed incentivare pratiche per la sua salvaguardia. Da sempre il Movimento 5 Stelle è schierato per la tutela dell ambiente come testimoniano anche le numerose battaglie contro gli inceneritori o le deturpazioni dell ambiente da parte delle grandi opere come la TAV dietro la cui realizzazione si nascondono gli interessi loschi delle mafie. La bassa percentuale della raccolta dei rifiuti da destinare al riciclo rappresenta, oltre ad una grande spesa, uno dei principali motivi di inquinamento del territorio. Il nostro Comune fino adesso risulta tra i meno virtuosi della Toscana in fatto di raccolta differenziata e percentuale di rifiuti da destinare al riciclo; ciò si è potuto verificare a causa di una errata politica ambientale ed economica attuata per anni dall attuale amministrazione in carica, che ha preferito destinare all incenerimento o in discarica la maggior parte dei rifiuti, appesantendo la bolletta dei cittadini e al contempo incrementando gli utili dell azienda preposta (la combustione dei rifiuti oltre che dannosa per la salute umana a causa delle diossine liberate nell aria, ha costi notevolmente superiori al riciclo). Il Movimento 5 Stelle persegue la politica dei rifiuti zero. Per quanto concerne ii nostro territorio i recenti eventi atmosferici (frane ed allagamenti) evidenziano la fragilità dell ambiente in cui viviamo; per questo è necessario trovare e risolvere tutte le criticità che ci circondano. Il territorio comunale di San Miniato è particolarmente interessato da dissesti idrogeologici: circa il 90% è a rischio, considerando le problematiche legate alle alluvioni ed ai dissesti geomorfologici quali frane e smottamenti. Alle cause prettamente naturali vanno però aggiunte quelle umane dovute alla forte antropizzazione che si è avuta negli ultimi decenni a cui si deve aggiungere l abbandono e l incuria dei territori sommato ad una politica ambientale poco incline alla prevenzione. All abbandono e incuria dei territori ha fatto seguito la dismissione di quelle opere di regimazione delle acque e di manutenzione che ben contraddistinguevano la nostra terra nel recente passato; ciò ha contribuito a determinare le attuali vulnerabilità e criticità, vera spada di Damocle sopra la testa di molti nostri concittadini. Gli eventi climatici disastrosi recentemente occorsi hanno palesemente evidenziato le carenze dell attuale amministrazione in materia di prevenzione e mitigazione del rischio.la tutela dell ambiente è strettamente connessa al tema dell energia e ad un uso ecocompatibile delle risorse, siano esse rinnovabili o non rinnovabili. In tale contesto la conoscenza diviene un fattore essenziale, un vero e proprio motore dello sviluppo sostenibile. E importante diffondere la convinzione che sia possibile fare di più e meglio con meno: meno uso di risorse naturali e meno inquinamento, quindi maggiore salute per le generazioni future.

8 Ambiente In Concreto: Per la gestione dei rifiuti. Per una corretta ed efficiente politica ambientale è necessario estendere l attivazione del servizio di raccolta dei rifiuti porta a porta a tutto il territorio comunale. Tale pratica dovrà essere incentivata attraverso l introduzione della Tariffa Puntuale sui rifiuti che prevede una riduzione dell importo proporzionalmente alla minore quantità di rifiuti indifferenziati prodotti: in pratica più ricicli meno paghi. Una efficiente raccolta differenziata dei rifiuti necessita però di una altrettanto efficiente stazione ecologica dove il cittadino può rivolgersi anche per lo smaltimento dei rifiuti non tipicamente domestici, come i rifiuti speciali pericolosi per l inquinamento ambientale. Ampliare ed incrementare le funzionalità della stazione ecologica rappresenta uno degli obiettivi del Movimento 5 Stelle di San Miniato; per questo riteniamo fondamentale affiancare alla stazione ecologica un centro di riuso, in modo da recuperare e ridistribuire materiale e oggetti di varia natura che possono risultare ancora utili ad altri cittadini (vestiario, piccoli oggetti d arredamento ecc.) allungando quindi la loro vita utile. Un corretto riciclo dei rifiuti, accompagnato da un ampliamento dei servizi dell isola ecologica, non potrà più giustificare i comportamenti irresponsabili di coloro che abbandonano rifiuti di vario genere nell ambiente, deturpandone il paesaggio e mettendo a rischio la nostra stessa salute. Per evitare le discariche abusive incontrollate, sarà incrementata la sorveglianza sul territorio ed inasprita la sanzione, che la nuova legislazione in materia di tutela dell ambiente ha già elevato a reato perseguibile penalmente. Per una corretta differenziazione dei rifiuti urbani anche lungo le strade, dovranno essere sostituiti gli attuali cestini pubblici indifferenziati con cestini predisposti per la raccolta differenziata a tre scomparti dotati di sacchi trasparenti di colore diverso (del tipo di quelli usati in alcuni luoghi pubblici come gli aeroporti ad es.), che oltre a facilitarne la manutenzione da parte degli addetti ai lavori, rende più facilmente identificabile da parte del cittadino utilizzatore, il sacco dove depositare il proprio rifiuto. La produzione controllata di rifiuti prevede l incentivazione di commercianti e produttori locali che scelgono alternative consumistiche a minor impatto ambientale come ad esempio la fornitura di latte crudo alla spina proveniente da filiera corta, rigorosamente controllato e certificato. Inoltre, per gli esercizi commerciali che offrono prodotti alla spina e/o filiera corta saranno previste riduzioni della quota variabile della tassa dei rifiuti. Per un Comune pulito ed in ordine è però necessaria la collaborazione dei cittadini. In questo senso sarà fondamentale promuovere una adeguata educazione ambientale e, allo stesso tempo, privilegiareirapporticonquelleassociazionidilibericitt adinichehannoacuoreilnostro territorio (il Gruppo Decoro di San Miniato, ne è un chiaro esempio). Lo studio, il controllo dell'ambiente e della sua qualità, ha bisogno di ognuno e rappresenta un dovere civico intervenire puntualmente per la sua difesa e conservazione.

9 Ambiente Per la cura del territorio. Il tema della difesa e conservazione rappresenta un fattore comune con la problematica connessa al dissesto idrogeologico del Comune di San Miniato. Ai numerosi accordi di programma siglati dagli amministratori locali, e agli innumerevoli progetti rimasti come tali sulla carta, il Movimento 5 Stelle di San Miniato contrappone proposte operative di difesa del suolo. In primis, una limitazione determinante di tutte quelle attività umane che prevedono uno sfruttamento eccessivo delle risorse naturali, come l erosione delle cave, l estrazione di inerti dai fiumi o il disboscamento indiscriminato che mettono a rischio l intero ecosistema. Il Movimento 5 Stelle San Miniato in quest ultimi tre anni si è battuto per la difesa della Valle del Chiecina, patrimonio storico, archeologico e naturale del nostro territorio nonché zona tartufigena di pregio che intendiamo valorizzare e potenziare. Le nostre campagne d informazione contro la costruzione delle Cave per l estrazione di inerti testimoniano quanto preminente sia l interesse ambientale e turistico rispetto alla ormai superata logica del cemento, motore di grandi opere terra di conquista per potentati economici e finanziari. I criteri di difesa del suolo passano anche per una corretta pianificazione territoriale con interventi programmati di sistemazione idraulico-forestale, di manutenzione delle strade e dei sentieri che si ripercuotono positivamente anche per il transito del turismo itinerante. Ogni intervento dovrà essere mirato alla conservazione delle caratteristiche estetiche e naturalistiche dei boschi e dell habitat tipico delle colline sanminiatesi, ricercando accordi con i proprietari dei terreni per una gestione attiva e condivisa del bene paesaggistico, vero patrimonio dell intero Comune. Nella tutela del territorio e del suo habitat rientra anche l incentivazione delle piante tartufigene per valorizzare il nostro principale prodotto: il tartufo bianco. Per l energia. In tema energetico è fondamentale perseguire l ecoefficienza, quella pratica tecnicoscientifica in grado di minimizzare i coefficienti di usura dell ambiente per unità di prodotto. Riteniamo che sia compito dell amministrazione comunale promuovere una politica energetica innovativa e rispettosa dell ambiente: per esempio pensiamo al riscaldamento domestico e a tutte le predisposizioni che possono essere attuate per rendere più efficienti le nostre case (dall impianto di pannelli termici per integrare l apporto calorifero della caldaia e per riscaldare l acqua sanitaria per bagno e cucina, alla semplice limitazione delle fughe d aria e alla miglior regolazione delle temperature degli ambienti secondo le reali esigenze attraverso l utilizzo di timer ed impianti autonomi). Per agevolare i miglioramenti strutturali delle abitazioni dei concittadini è necessario mettere a punto un piano energetico comunale che preveda incentivi per l auto-produzione di energia con micro impianti di fotovoltaico (sui tetti) e mini eolico, nel massimo rispetto della tutela artistica e paesaggistica del nostro territorio (siamo contrari alle enormi distese di pannelli fotovoltaici che oltre a deturpare il paesaggio naturalistico patrimonio della nostra regione, impediscono la lavorazione del terreno e provocando, nel tempo, anche un danno in termini di fertilità). Per le infrastrutture pubbliche, si rende necessaria una mappatura del patrimonio edilizio comunale per favorire uno studio dell efficienza energetica delle strutture, in modo da poter ridurre il consumo di acqua-gas-luce e c o n s e g u e n t e m e n t e t ra r re u n g u a d a g n o ambientale ed economico nel tempo.

10 Comune e cittadini Premessa: Il Comune deve tornare ad essere una comunità, un luogo dove ogni cittadino si sente parte di un progetto comune. Vorremmo che San Miniato diventasse un luogo a misura d uomo, uomo inteso come bambino, adulto, anziano, con le sue esigenze e i suoi bisogni che lo accompagnano per tutto l arco temporale della sua vita; che offrisse strutture adeguate per l istruzione, la pratica dello sport, per l aggregazione e per l assistenza sociale.dai più piccoli, fino alle persone più anziane, dobbiamo far tornare il valore dello stare insieme un fondamento della nostra comunità, ed il Comune deve esserne il promotore, senza chiudersi nelle proprie stanze, favorendo la partecipazione alla vita pubblica, alla valorizzazione degli spazi pubblici e più in generale, alla gestione del bene comune.la crisi non deve essere una scusa per arrendersi, ed il Comune deve fare la sua parte, aiutando i più bisognosi a condurre una vita più dignitosa. Mai come nelle difficoltà quotidiane, il valore della solidarietà deve assumere concretezza e tradursi in azioni di sostegno. Sostenere Internet è sostenere l intelligenza. Affermazione sin troppo scontata per il più grande Movimento al mondo n ato o n - l i n e. I n t e r n e t ra p p re s e n t a g i à un estensione naturale della nostra memoria: attraverso motori di ricerca e memorie digitali personali sviluppiamo capacità analitiche e capacità di critica che ci consentono di comparare diverse fonti di informazione. Ma Internet sviluppa anche la creatività di ognuno grazie all accesso a contenuti multimediali illimitati. Lo sviluppo delle reti sociali, oltre a facilitare i rapporti interpersonali, persegue già obiettivi concreti permettendo di condividere soluzioni su piccola e grande scala. Per quanto precede, riteniamo un diritto primario di ogni cittadino il libero accesso a questo importante strumento. In concreto: Per una gestione condivisa. L adozione del bilancio partecipato è garanzia fondamentale del rispetto delle preferenze e quindi delle scelte operate dai nostri concittadini nel delicato esercizio della pubblica amministrazione. Ognuno, oltre che esprimere liberamente il proprio parere in merito alla gestione del pubblico denaro, entrerà a far parte di un processo attraverso il quale potrà concorrere materialmente, alle decisioni collettive su come utilizzare una parte delle risorse comunali per realizzare opere pubbliche. Ciò potrà avvenire grazie alla creazione di gruppi di lavoro dedicati, unitamente alla partecipazione e al controllo attraverso le assemblee cittadine (vedi punto 1 sulla democrazia partecipativa). Al fine di avviare una nuova e d u c a z i o n e a l l a p a r t e c i p a z i o n e e f a v o r i re l avvicinamento dei giovani alla vita politica del Comune, sarà istituito un Consiglio Comunale dei giovani, parallelo a quello istituzionale, con valore consultivo e deliberativo da valutare, in collaborazione con le scuole e con le famiglie. Per l universo scuola. L accesso all istruzione costituisce un altro settore prioritario d intervento del Movimento 5 Stelle di San Miniato. Il desiderio di giustizia sociale non può che nascere dalla scuola; per questo crediamo nel criterio di progressività delle tasse s c o l a s t i c h e c h e d e v o n o e s s e re re a l m e n t e proporzionate al reddito ISEE in accordo agli stessi principi costituzionali (Art. 53). Parimenti è necessaria la creazione di un doposcuola con prezzi adeguati alla vita odierna e comunque proporzionali alla capacità reddituale della famiglia di appartenenza del minore (eventuali difficoltà di contribuzione economica da parte dei cittadini meno abbienti dovranno essere parzialmente coperte dal Comune).

11 Comune e cittadini Non si può parlare di scuola senza entrare nel merito delle infrastrutture. Per rendere le scuole dei luoghi sicuri dove i nostri figli trascorrono gran parte della giornata, è necessario avviare un piano di edilizia scolastica che preveda interventi di messa in sicurezza degli edifici comprensivi della messa a norma secondo il recente Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro (D.lgs. 81/2008). La sicurezza degli alunni non riguarda solo le infrastrutture ma anche la qualità del vitto distribuito nelle mense scolastiche. Il Movimento 5 Stelle San Miniato è favorevole alle mense eco-sostenibili che prediligono acqua potabile controllata in brocca, filiera corta che favorisce la consumazione dei prodotti alimentari autoctoni e biologici dando così un contributo all economia locale. Inoltre, reputiamo uno spreco inutile tanto più deprecabile in piena crisi economica, la distruzione delle razioni alimentari non consumate nelle mense; Al pari di altre amministrazioni locali vogliamo azzerare lo spreco alimentare tramite la consegna gratuita alle famiglie indigenti dei cibi non consumati. Per quanto concerne la formazione degli alunni sappiamo che tutte le decisioni in materia di metodo istruttivo, fondi per le attività scolastiche ed extra-scolastiche sono di competenza esclusiva del Ministero della pubblica amministrazione. Nei limiti delle competenze e delle iniziative con finalità civiche che possono essere intraprese dal Comune, saranno affiancati progetti didattici contenenti piani di lezione che prevedano, sin dalle elementari, una educazione civica mirata al rispetto dell ambiente e all integrazione con le diverse culture. Una specifica attenzione sarà posta allo studio delle risorse locali, al rispetto delle arti e dei mestieri, promuovendo corsi per giovani presso fondi del Comune e l esposizione dei prodotti nelle vetrine dei centri storici locati dal comune; a rispetto della storia e della cultura di San Miniato, quindi alla valorizzazione del turismo. Per Internet e l informazione. La copertura della Rete è fondamentale, in quanto può essere utilizzata per lavorare, comunicare, formare comunità e informarsi. La Rete è trasparenza e rappresenta l'infrastruttura base su cui far viaggiare idee, opinioni, servizi. Il primo punto è l abbattimento del cosiddetto digital-divide. La connettività veloce deve essere disponibile in ogni casa come l acqua e l elettricità. E un bene essenziale. I servizi on-line per pagare una bolletta, per richiedere un documento d identità, per iscrivere il bambino all Asl e scegliere il pediatra, per prenotare una visita o inviare gli esiti di un esame al medico curante, o seguire una lezione universitaria, stanno diventando sempre più di uso comune. Esistono invece intere porzioni di territorio del nostro Comune dove manca la copertura adsl e questo comporta sperequazioni nell accesso ai servizi oltre che, naturalmente, all informazione. L accesso ad internet deve essere garantito anche mediante la diffusione di punti Wi-Fi fruibili sul territorio, in particolare nelle aree di maggior frequentazione, favorendo così anche l aggregazione del tessuto sociale. Estendere la fruibilità del canale Internet ai cittadini comporta, di riflesso, anche migliorare e potenziare la comunicazione del Comune attraverso questo tipo di media utilizzando validi strumenti come mailing list, facebook youtube ecc.

12 Comune e cittadini Ma divario digitale non significa solo differenza di accesso alla rete. Oltre a indicare il divario nell accesso reale alle tecnologie, la definizione include anche disparità nell acquisizione di risorse o capacità necessarie a partecipare alla società dell informazione. Per questo motivo anche nell informatica il Movimento 5 Stelle San Miniato non vuole lasciare indietro nessuno. Saranno promossi corsi di alfabetizzazione informatica per i cittadini che desiderino acquisire le conoscenze di base per un efficace e proficuo utilizzo del computer. Sarà inoltre previsto l utilizzo di software open source negli uffici comunali e nella scuola. Per i servizi ai cittadini, il miglioramento della qualità della vita e il decoro urbano Il centro storico di San Miniato sarà rivisto r i d o n a n d o s p a z i p e d o n a l i e c e n t r i d i aggregazione per i cittadini e per i turisti, con promozione del commercio, dei mercati a filiera corta e di arti e mestieri. Particolare attenzione verrà data agli spazi gioco per i cittadini più piccoli. Per le persone con meno dimestichezza nelle pratiche burocratiche. Creazione di uno sportello di ascolto e supporto, per orientare i cittadini verso il gestore del servizio necessario e per gli adempimenti di legge. Per gli animali. Creazione di aree di sgambatura per i cani, per dar loro la possibilità di potersi muovere senza guinzaglio in un area recintata sotto il sereno controllo dei proprietari.

13 Cultura e Turismo Premessa: L Italia, grazie alle sue bellezze culturali e architettoniche, la sua storia antica, l unicità delle sue meraviglie paesaggistiche, unitamente alla sana e tanto apprezzata cucina mediterranea, è un Paese si sa, che potrebbe abbondantemente vivere di solo turismo. Ovviamente ogni territorio ha le sue peculiarità ed anche il nostro non è da meno: panorami unici, monumenti e musei, luoghi di culto, storia medioevale e buon cibo (con la peculiarità del prezioso tartufo), sono le eccellenze del nostro Comune da promuovere e valorizzare. Per rimanere fedeli al suo motto e riportare la città delle XX miglia ai suoi antichi splendori, è necessaria una decisa inversione di rotta rispetto a quanto finora fatto nel settore turistico ricettivo nonché culturale. Noi crediamo che la diminuzione del flusso turistico registrata negli ultimi anni non sia da imputare esclusivamente alla crisi economica. Una della ragioni è che non esiste una strategia condivisa tra le varie realtà (e opportunità) locali e il prodotto San Miniato non viene proposto come pacchetto completo e uniforme mettendo in evidenza quelle che sono le sue caratteristiche principali, storia medievale, culto, arte e cibo. In concreto: Per la promozione turistica. I nuovi media (internet, social nectwork, reti civiche, ecc.) possono diventare il volano della ripresa del turismo grazie alla loro c a p a c i t à d i v e i c o l a r e c a p i l l a r m e n t e e istantaneamente le informazioni e la pubblicità. Tra questi internet costituisce il canale prioritario attraverso il quale cittadini di altri paesi accedono per attingere informazioni utili alla pianificazione fai da te dei propri viaggi ed escursioni. Perciò il Movimento 5 Stelle San Miniato è intenzionato a sfruttare le potenzialità di questo mezzo rivoluzionario nella promozione turistica delle offerte del territorio, utilizzando i social network, l indicizzazione e i principali siti turistici. In questa opera di creazione dell offerta turistica sarà utile mettere on-line un sito per la consultazione e la prenotazione delle strutture ricettive del territorio sullo stile di booking.com, che abbia la possibilità di essere letto in quante più lingue possibili.alla pubblicità su internet devono seguire sinergiche azioni concrete mirate alla valorizzazione, ampliamento e miglioramento del nostro prodotto turistico. In questo senso riteniamo che la creazione di percorsi d interesse turistico (storico-archeologico, faunistico, ambientale, gastronomico) anche fuori dal centro storico, percorribili alternativamente ed in base alle proprie esigenze e inclinazioni in auto, mountain bike o trekking costituisca un valido incentivo per i visitatori di ogni genere e di ogni fascia d età.

14 Cultura e Turismo Il turismo guidato è un altro aspetto complementare che deve far parte di una offerta turistica a tutto tondo: vogliamo creare un gruppo di guide turistiche che possano accompagnare i visitatori nei musei e nel territorio dando loro anche l opportunità di una prenotazione anticipata del servizio che può essere fatta su internet o per telefono. Il gruppo deve coprire più lingue possibili e in parte provenire dalla scuola, come tirocinio riconosciuto o come servizio civico di volontariato. Per quanto riguarda la ricezione turistica, alberghiera e di ristorazione, dovrà essere preparata una dettagliata mappatura dei luoghi di ristorazione e dei punti di appoggio (hotel, agriturismi,b&b, case vacanze) per evidenziare l ampia scelta a disposizione dei turisti. Sarà anche studiata la creazione di una rete sullo stile albergo diffuso una struttura che non si costruisce, ma che nasce mettendo in rete case pre-esistenti e che può costituire un valido ausilio per sfruttare le numerose strutture sfitte sparse per il territorio comunale. L attrazione turistica di San Miniato non deriva esclusivamente dalle sue rinomate virtù citate in premessa (storia, culto, arte e cibo). Esistono altri poli attrattivi che derivano dagli impianti sportivi di altissimo livello di cui dispone. Primo fra tutti il bacino remiero di Roffia, che ha le potenzialità, se giustamente valorizzato e migliorato, di assumere una valenza non solo nazionale ma internazionale che permetterebbe di portare sul nostro territorio migliaia di atleti con le loro famiglie (basti pensare che un meeting agonistico che si protrae per una settimana necessita di un adeguato supporto logistico, in termini di vitto, alloggio e attività nel tempo libero). Un altro impianto sportivo la cui giusta valorizzazione degli eventi agonistici nazionali può comportare, di riflesso, un beneficio al turismo locale, è l impianto di atletica leggera Fontevivo ; in questo senso, la riqualificazione della pista di atletica leggera rappresenta un passaggio fondamentale. Tendiamo una mano anche agli amanti del turismo itinerante che spesso non riescono a trovare appoggio (e spesso neanche tolleranza) nei luoghi scelti come loro meta. Prevediamo per questa nicchia di rispettabili turisti la realizzazione di una efficiente ed attrezzata sosta camper completa di servizi carico-scarico, energia elettrica e punti wi-fi. Per i turisti in transito con le loro automobili, italiani o stranieri che siano, sarà opportuno rivedere l attuale segnaletica stradale e turistica, evitando comunicazioni che possano risultare di difficile interpretazione o, nel peggiore dei casi, addirittura ambigue.

15 Cultura e Turismo Ci riferiamo ad esempio a cartelli di divieto di transito con date prefissate (riportate in piccola scrittura sotto il cartello principale) che possono generare interpretazioni equivoche e far cambiare inutilmente direzione al conducente-turista, condizionandone la visita. Le azioni sopradescritte per il decoro urbano, la semi-pedonalizzazione, il recupero di arti e mestieri, sono tutte finalizzate anche al recupero del turismo.

16 Lavoro Premessa: Non solo turismo: l agricoltura, il commercio, la produzione manifatturiera sono grandi eccellenze del nostro territorio da tutelare, promuovere ed agevolare, limitando il più possibile i percorsi burocratici e gli ostacoli per la richiesta di permessi e concessioni. Purtroppo è sotto gli occhi di tutti che sia il settore secondario che quello terziario stanno vivendo un momento di difficoltà senza precedenti. In tempi di crisi il consumatore in difficoltà si è rivolto per necessità alle merci a basso costo provenienti dai paesi in via di sviluppo, contribuendo, suo malgrado, ad alimentare la spirale economica recessiva nel nostro Paese. Il tessuto sociale italiano è sempre stato solido proprio grazie alla piccola media impresa che perciò deve essere vista come una risorsa da tutelare. Anche per questo devono essere incentivate le produzioni cosiddette a Km 0, sia alimentari che manifatturiere, dove i prodotti vengono commercializzati e venduti nella nostra zona di produzione. Il Movimento 5 Stelle, sin dalla sua nascita, promuove una politica economica che predilige l alimento locale garantito nella sua genuinità, in contrapposizione all alimento globale spesso di origine non adeguatamente certificata; ciò non solo comporta risparmi nelle spese di trasporto del prodotto, ma ne beneficia direttamente anche l ambiente in termini di riduzione dell inquinamento (la maggior parte delle merci viene trasportata con grossi TIR). Procurare incentivi all impresa giovane è un dovere civico di ogni amministratore, come ricorda lo stesso Art. 1 della nostra Costituzione (l Italia è una repubblica fondata sul lavoro). La crisi economica non è la sola responsabile. Fare impresa nel nostro territorio è diventata un impresa anche per altre ragioni. La tassazione tra le più alte in Europa, l eccessiva burocrazia e la difficoltà di ottenere un credito bancario, bloccano sul nascere l iniziativa di quei concittadini onesti e volenterosi che desiderano aprire una attività.

17 Lavoro In concreto: Per il commercio. Istituire un primo vero negozio permanente di prodotti sfusi a km 0, un punto di riferimento quotidiano per la compravendita di prodotti sfusi e/o genuini e freschi provenienti da aziende locali, quindi nel pieno rispetto del concetto di filiera corta. Favorire oltre alla produzione agricola locale anche l artigianato e le prestazioni d opera di qualsiasi settore lavorativo (edilizia, carpenteria, idraulica, giardinaggio ecc.) che riguardano gli interventi commissionati dalla pubblica amministrazione, attraverso l inserimento nelle gare di un punteggio che favorisca le aziende del territorio a parità (o quasi) di costi. Introdurre incentivi alla piccola e media impresa, agevolandone le pratiche amministrative per l apertura della partita IVA e adoperandosi per rendere accessibili i fondi regionali ed europei messi a disposizione per simili attività. Stipulare accordi e convenzioni con i principali istituti di credito. Realizzazione di un metodo efficace che consenta di limitare il più possibile i percorsi burocratici e rimuovere gli ostacoli che si frappongono tra le istituzioni e il cittadino una volta che questi si trovi a chiedere permessi o concessioni. Verrà favorito un welfare non più solo assistenziale ma cosiddetto generativo, improntato a principi di solidarietà, ove nel periodo di crisi attuale, giovani inoccupati potranno mettere a disposizione le proprie professionalità a favore di cittadini meno abbienti, dietro un sostegno economico del Comune. San Miniato centro storico come vetrina di arti e mestieri tipici. Creazione di un area del centro storico da dedicare ad una serie di botteghe di arti e mestieri dove si possa fare formazione ma anche vendita di prodotti artigianali locali, ricorrendo all utilizzo di molti dei locali sfitti. A tale progetto deve seguire, parallelamente, un nuovo studio della circolazione urbana che favorisca la semipedonalizzazione del centro nonché l aggregazione e il transito in sicurezza dei visitatori a piedi. Per l agricoltura. Realizzazione di orti urbani gratuiti, con terreni comunali e privati dati in uso gratuito a chi ne faccia richiesta. Questa attività, oltre che soddisfare un servizio sociale, favorisce anche una corretta manutenzione del territorio spesso preda dell incuria e dell abbandono (come già trattato al punto 2. Ambiente ). Per le aree collinari o pianeggianti di potenziale uso agricolo e non coltivate, saranno contattati i proprietari che non sono in grado di prendersi cura degli appezzamenti che possiedono e, con la mediazione dell ufficio tecnico del Comune, saranno ricercate soluzioni economiche che consentano la lavorazione del terreno alle piccole aziende agricole o a semplici cittadini dal pollice verde.

18 Mobilità, urbanistica e lavori pubblici Premessa: Mobilità, urbanistica e lavori pubblici sono tre t e m a t i c h e s t r e t t a m e n t e c o n n e s s e a l mantenimento dell integrità dell ambiente naturale. Alle già note conseguenze della cementificazione delle zone urbane tipiche delle grandi città (errato deflusso delle acque, eccessiva impermeabilizzazione del terreno, dissesti idrogeologici ecc.) per i comuni rurali di interesse turistico e naturalistico come San Miniato si aggiungono i danni paesaggistici e architettonici difficilmente quantificabili. Più che c o s t r u i re n u o v i a g g l o m e rati u r b a n i e, conseguentemente, ricadere in un nuovo consumo di suolo, per preservare il bene comune è necessario proporre nuove forme di organizzazione dello spazio urbano che prevedano incentivi nel riuso del patrimonio e d i l i z i o e s i s t e n t e. R i s t r u tturazioni c o n accorgimenti bioclimatici che mirino all obiettivo dell autosufficienza energetica grazie anche alle fonti rinnovabili (quindi il tutto all insegna del risparmio energetico) crediamo sia la strada da percorrere. Anche la mobilità con automezzi può rappresentare un ostacolo alla completa libertà di manovra dei trasportati soprattutto quando la conformazione del terreno e gli spazi ridotti, diventano un pericolo per i passanti. Ci riferiamo al centro storico che per la sua struttura e dislocazione non permette una agevole e sicura connivenza tra veicoli ruotati e pedoni. Anche per chi predilige i mezzi a propulsione umana, come le biciclette, la mobilità è resa difficoltosa dalla mancanza di piste ciclabili che consentano un agile collegamento con i punti di maggior interesse pubblico (scuole, stazione, campi sportivi ecc.). In concreto: Contro il consumo del suolo e urbanistica. E necessario provvedere ad una mappatura delle unità abitative e produttive sfitte, con lo scopo di razionalizzare l intervento di realizzazione di nuove strutture per limitare il consumo di suolo. Incrementare gli incentivi a chi adotta una edilizia ecosostenibile, bioedilizia, prevedendo, ove possibile, modifiche al piano regolatore ove queste verranno applicate. Per quanto sopra menzionato, ne consegue una riforma dello Sportello Edilizia e dell iter di approvazione delle pratiche edilizie, al fine di produrre un applicazione certa univoca e veloce delle domande soggette ad approvazione. A tutela della salute dei cittadini contro i rischi dei tumori da esposizione all amianto, si dovrà provvedere ad una dettagliata mappatura delle strutture contenenti Eternit (pubbliche e private), favorendone il controllo da parte del personale qualificato e, ove ritenuto necessario, provvedere alla rimozione e smaltimento. La raccolta delle acque piovane nelle strutture pubbliche è una predisposizione che permette di evitare sprechi idrici legati all utilizzo di acqua potabile anche quando non sarebbe necessario (pensiamo ad esempio all acqua utilizzata per i servizi igienici o nell irrigazione di orti e giardini). Oltre che un risparmio in bolletta per le strutture pubbliche, come ad esempio le scuole, il fatto di essere priva di calcare preserva tubazioni ed elettrodomestici.

19 Mobilità, urbanistica e lavori pubblici Mobilità e lavori pubblici. Crediamo che vada migliorato il servizio minibus nei collegamenti dalle frazioni e dal centro storico con la stazione, in particolar modo rimodulando gli orari in maniera da sincronizzarli con le partenze/arrivi dei treni, ed evitare che gli utenti rischino di perdere la coincidenza in stazione. Pensiamo altresì che vadano migliorati i collegamenti, attualmente inefficienti, tra le frazioni e gli altri Comuni (es. Ponte a Egola - S.Croce, ecc.). Il nostro territorio è privo di una rete di corsie ciclabili che consenta di raggiungere i punti di maggior interesse pubblico in sicurezza e senza interferire con il traffico veicolare. La via Tosco-Romagnola rappresenta una costante insidia per i ciclisti a causa del traffico intenso in gran parte della giornata. Una rete ciclabile sicura e facilmente percorribile può orientare i cittadini nella scelta di questo mezzo di locomozione non inquinante e che comporta un sano e raccomandabile eserciziofisico.daquestopuntodivistaritenia mochesiadaprogrammarela creazione di percorsi specifici per mountain bike e trekking nel nostro comprensorio, sia per il turismo fisicamente più impegnativo, ma anche per i cittadini che prediligono la pratica di questi sport all aria aperta. Viabilità e lavori pubblici si intersecano anche per altri due interessanti aspetti. La riqualificazione delle rotatorie mediante apposizione di ornamenti floreali e verde curato da aziende vivaistiche della zona mediante la formula appalto di lavoro in cambio di concessione di pubblicità. La messa in discussione dei contratti riguardanti il project financing con il Consorzio Etruria e Pisa Parcheggi, date le molte inadempienze circa le opere commissionate, a fronte dei notevoli benefici e compensi concessi dal Comune.

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3 non statuto REGOLAMENTO pagina 2 di 5 Articolo 1 Natura e Sede 3 Articolo 2 Durata. 3 Articolo 3 - Contrassegno 3 Articolo 4 Oggetto e finalità 3 Articolo 5 Adesione al MoVimento 4 Articolo 6 Finanziamento

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASQUALE DE BELLIS Indirizzo Via Piave, nr. 20-60027 Osimo Stazione (AN) ITALIA Telefono 347 8228478 071 7819651 Fax E-mail pasquale.de.bellis@regione.marche.it

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Art.1. Oggetto del regolamento

Art.1. Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GI ORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli