programma Luisa Biazzi Fisica medica - Università degli Studi di Pavia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "programma Luisa Biazzi Fisica medica - Università degli Studi di Pavia luisa.biazzi@unipv.it"

Transcript

1 1 Repubblica di San Marino, 12 luglio 2010 RISCHI DA CAMPI ELETTRICI, MAGNETICI, ELETTROMAGNETICI: VALUTAZIONE E PROTEZIONE DEI LAVORATORI (D.Lgs.81/2008) seminario di aggiornamento professionale programma -Valutazione dei rischi per la protezione dei lavoratori dai campi elettromagnetici presenti nei luoghi di lavoro ai sensi del Capo IV del Titolo VIII Agenti fisici del D.Lgs.81/08 aggiornato dal D.Lgs.106/09. -Dir. 2004/40/CE e 2008/46/CE e norme tecniche armonizzate -Indicazioni applicative di Regioni e ISPESL del Il sistema di tutela dei lavoratori, delle popolazione, dell ambiente -Identificazione delle situazioni espositive e valutazione dei rischi nelle diverse applicazioni Luisa Biazzi Fisica medica - Università degli Studi di Pavia 1

2 2 D.Lgs. n.81 del 9 aprile 2008 Titolo VIII AGENTI FISICI Capo I Disposizioni generali Articolo 180 Definizioni e campo di applicazione 1. Ai fini del presente decreto legislativo per agenti fisici si intendono il rumore, gli ultrasuoni, gli infrasuoni, le vibrazioni meccaniche, i campi elettromagnetici, le radiazioni ottiche di origine artificiale, il microclima e le atmosfere iperbariche che possono comportare rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori. 2. Fermo restando quanto previsto dal presente capo, per le attività comportanti esposizione a: rumore si applica il capo II, vibrazioni si applica il capo III, campi elettromagnetici si applica il capo 1V, radiazioni ottiche artificiali si applica il capo V. 3. La protezione dei lavoratori dalle radiazioni ionizzanti è disciplinata unicamente dal D.Lgs. 17 marzo 1995, n. 230, e s.m.

3 3 Direttive sulla protezione dei lavoratori da rischi da agenti fisici e D.Lgs. n. 81/ /44/CE VIBRAZIONI =Titolo VIII Capo III 2003/10/CE RUMORE 2004/40/CE C.E.M. =Titolo VIII Capo II =Titolo VIII Capo IV (D.Lgs.257/07 modificato) v.nota 2006/25/CE RAD.OTTICHE ARTIF.(IR,VS,UV;laser) = Titolo VIII Capo V derivano dalla dir.quadro 391/89/CEE. In vigore da Nota: La Dir.2004/40/CE è stata modificata con Dir.2008/46/CE del (G.U.U.E. del n.l114) sulla base di proposta Comm.eur. ott.2007: proroga scadenza Dir.2004/40 da a (art.306c.2DLgs 81/08) Il Capo I è comunque in vigore e prevede la VdR da Agenti fisici

4 4 entro e allora??? occorre affermare il principio generale dell art.28 del Testo Unico e ribadito relativamente agli agenti fisici all art.181 che impegna il datore di lavoro alla valutazione di tutti i rischi per la salute e la sicurezza inclusi quelli derivanti da esposizioni a campi elettromagnetici, in relazione ai quali esiste quindi l obbligo (sanzionabile) alla valutazione ed all identificazione delle misure preventive e protettive per minimizzare il rischio. In pratica e per quanto riguarda i compiti di vigilanza, con lo slittamento al 30/04/2012, fino a tale data - NON saranno richiedibili nè sanzionabili le inottemperanze agli obblighi specificamente previsti dal Capo IV del Titolo VIII del DLgs.81/2008, - MA resteranno validi, richiedibili e sanzionabili i principi generali affermati nel Titolo I e nel Capo I del Titolo VIII.

5 5 CAMPI ELETTROMAGNETICI NON IONIZZANTI E IONIZZANTI Gamma delle frequenze interessate 0Hz

6 6 Spettro elettromagnetico: ionizzante e non lunghezze d onda 6

7 7 f= 1/T (hertz hz = s -1 ) λ = v T= v/f quindi λ f = v E = h f= h v/λ f = v/λ 7

8 8 Spettro elettromagnetico Denominazione Sigla Frequenza Lunghezza Freq. estremamente basse ELF 0-3 khz > 100 km Frequenze bassissime VLF 3-30 khz km Onde lunghe LF khz 10-1 km Radiazioni Non Ionizzanti Radiofrequenze (RF) Microonde (MO) Onde medie MF 300 khz-3 MHz 1 km m Alte freq. HF 3-30 MHz m Freq.altissime VHF MHz 10-1 m decimetriche UHF 300 MHz-3 GHz 1 m - 10 cm centimetriche SHF 3-30 GHz 10-1 cm millimetriche EHF GHz 1 cm - 1 mm Radiazioni Ionizzanti Infrarosso IR THz 1mm- 780 nm Luce visibile VS THz nm Ultravioletto UV THz nm Raggi X Raggi Gamma > 3000 THz < 100 nm 3 khz λ=100 km ELF 3MHz λ=100 m RF 3GHz λ=100 mm MW 8

9 9 CEM - NIR Spettro elettromagnetico NIR FREQUENZA DENOMINAZIONE ONDE ELETTROMAGNETICHE LUNGHEZZA D ONDA RADIAZIONI NON OTTICHE (CEM con frequenze da 0Hz a 300 GHz) 0 Hz 300 Hz Onde e.m. a frequenze estremamente basse (ELF) 300 Hz 300 khz Onde e.m. a frequenze basse (VLF - LF) 300 khz 300 MHz Radiofrequenze (RF) 300 MHz 300 GHz Microonde (MW) 1000 km 1000 km 1 km 1 km 1 m 1 m 1 mm RADIAZIONI OTTICHE (CEM con lungheza d onda da 1mm a 100 nm) 300 GHz 300 THz Infrarosso (IR) 1 mm (10 6 nm) 780 nm IRC 1mm nm IRB nm IRA nm 375 THz 750 THz Luce visibile (LV o VS) 780 (700) nm 380 (400) nm 750 THZ THz Ultravioletto (UV) 400 nm 100 nm UVA nm UVB nm UVC nm 9

10 10 Lunghezza d onda Frequenza m Hz RADIAZIONI IONIZZANTI x UV x x x x x 10 1 RADIAZIONI NON IONIZZANTI FREQUENZE OTTICHE FREQUENZE NON OTTICHE Vis Radiazione infrarossa Radiofrequenze Basse frequenze Microonde Diagnostica a raggi X Radioisotopi Sterilizzazione Laser Lampade Sorgenti termiche Telecomandi Impianti radar Radarterapia Telefonia cellulare Forni a microonde Ponti radio Emissioni radiotelevisive Marconiterapia Radioamatori Saldatura e incollaggio Riscaldamento a induzione Metal detector Videoterminali Magnetoterapia Elettrodomestici Linee elettriche Linee telefoniche λ 0 CAMPI STATICI RMN Elettrolisi

11 11 D.Lgs.81/08 Titolo VIII Capo V Esposizioni a radiazioni ottiche artificiali-1 Prescrizioni minime di protezione contro i rischi per salute e sicurezza dei lavoratori che possono derivare da esposizione alle radiazioni ottiche artificiali nella gamma di lunghezze d onda 100 nm 1mm durante il lavoro (art.214).

12 12 RADIAZIONE OTTICA Suddivisione della radiazione ottica CRITERIO FISICO Ultravioletto estremo 10 nm 180 nm Ultravioletto intermedio 180 nm 300 nm Ultravioletto vicino 300 nm 400 nm Luce 400 nm 700 nm Infrarosso vicino 700 nm 1200 nm Infrarosso intermedio 1,2 µm 7 µm Infrarosso lontano 7 µm 1 µm CRITERIO FOTOBIOLOGICO UV C 100 nm 280 nm UV B 280 nm 315 nm UV A 315 nm 400 nm Radiazioni visibili - Luce 380 nm 780 nm IR A 780 nm 1400 nm IR B 1400 nm 3000 nm IR C 3000 nm 1 mm

13 13 Esposizioni a radiazioni ottiche artificiali-2 Le disposizioni riguardano la protezione dai rischi dovuti agli effetti nocivi sugli occhi e sulla cute (art.213) in riferimento ai valori limite di esposizione riportati nel Capo V: nell allegato XXXVII-Parte1 per le radiazioni incoerenti nell allegato XXXVII-Parte2 per le radiazioni laser Sorveglianza sanitaria per esposizioni superiori ai valori limite con l obiettivo di prevenire e scoprire tempestivamente effetti negativi per la salute nonché effetti a lungo termine negativi per la salute e rischi di malattie croniche (art.218)

14 14 Valori limite di esposizione sono limiti di esposizione alle radiazioni ottiche che sono basati direttamente sugli effetti sulla salute accertati e su considerazioni biologiche. Il rispetto di questi limiti garantisce che i lavoratori esposti a sorgenti artificiali di radiazioni ottiche siano protetti contro tutti gli effetti nocivi sugli occhi e sulla cute conosciuti

15 15 D.Lgs.81/08 Titolo VIII Capo IV Esposizioni a campi elettromagnetici Prescrizioni minime di protezione contro i rischi per salute e sicurezza dei lavoratori che possono derivare da esposizione a campi elettromagnetici da 0 Hz a 300 GHz durante il lavoro (art.207). Le disposizioni riguardano la protezione dai rischi dovuti agli effetti nocivi a breve termine conosciuti nel corpo umano derivanti: A- dalla circolazione di correnti indotte dovute a CEM a bassa frequenza fino 10 MHz che possono indurre effetti negativi in particolare al sistema cardiovascolare (aritmie, fibrillazione, asistolia) e al sistema nervoso (contrazione neuromuscolare, magnetofosfeni). Infatti gli organi umani sono ricchi di cariche elettriche che con la loro distribuzione e moto regolano moltissimi processi fisiologici. Le cariche elettriche libere possono essere messe in moto da un campo E o B esterno creando correnti elettriche indotte che si sovrappongono a quelle endogene (generate dal organismo). Oppure i dipoli elettici endogeni (coppie di cariche legate di pari intensità ma segno opposto) sottoposti a un campo elettrico esterno

16 16 B- dall assorbimento di energia dovuta a CEM ad alta frequenza oltre 100 khz che possono indurre riscaldamento locale in organi o tessuti o in tutto il corpo (ustioni, colpo di calore, cataratta, sterilità temporanea). Infatti ad alta frequenza il movimento delle cariche è ostacolato dall attrito con le molecole vicine e l energia ceduta dal campo esterno è trasformata in moto disordinato delle molecole = effetti termici C- da correnti di contatto determinate dal contatto di una persona con oggetti metallici posti entro un campo CEM che possono determinare sensazioni negative (dolore, contrazioni muscolari, ustioni) Sono esclusi -gli effetti a lungo termine -i rischi derivanti dal contatto con i conduttori in tensione (disciplinati dalle disposizioni per la sicurezza elettrica)

17 17 Oltre agli effetti diretti per lo più acuti (contestuali all esposizione o ne sono la conseguenza certa anche se si manifestano tardivi, es. cataratta, sterilità maschile), vanno evitati gli effetti indiretti : -l interferenza con attrezzature e dispositivi medici elettronici (stimolatori cardiaci e altri dispositivi impiantati) -l azione propulsiva di oggetti ferromagnetici in presenza di intensi campi magnetici statici con induzione magnetica superiore a 3mT (es. Risonanza magnetica) -l innesco di dispositivi elettro-esplosivi (detonatori) -incendi ed esplosioni dovuti all'accensione di materiali infiammabili provocata da scintille prodotte da campi indotti, correnti di contatto o scariche elettriche nell ambiente

18 18 Meccanismi di interazione fisico-biologica dei CEM Fino a circa 1 MHz prevale l induzione di correnti elettriche nei tessuti elettricamente stimolabili (nervi e muscoli) All aumento della frequenza prevale l assorbimento di energia nei tessuti dovuto al rapido movimento oscillatorio di ioni e molecole d acqua che si manifesta sotto forma di calore per effetto Joule come fenomeno primario o secondario e conseguente aumento della temperatura corporea. Sopra 10 MHz questo è l unico effetto Sopra 10 GHz l assorbimento è solo superficiale

19 19 Profondità di penetrazione f1 < f2 < The antenna of a cellular telephone emits radio frequency electromagnetic fields that can penetrate 4 6 cm into the human brain. Dimbylow PJ Mann SM. SAR calculationin an anatomically realistic model of the head for 900 MHz and 1.8 GHz. Phys Med Biol 1994;39; f3

20 20 Infatti con l aumento della frequenza aumenta la potenza assorbita ma per contro diminuisce la profondità di penetrazione in quanto aumenta l attenuazione manifestata dalla materia attraversata nei confronti dei campi incidenti. Il meccanismo di interazione dell onda elettromagnetica incidente su un corpo prevede la riflessione di parte dell energia incidente (alle RF la potenza riflessa è circa il 50% di quella incidente) e la cessione ossia l assorbimento di parte dell energia incidente dell onda al corpo che quindi assorbe energia.

21 21 Direttiva e Capo IV del decreto riguardano i rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori dovuti agli effetti derivanti dalla circolazione di correnti indotte e dall'assorbimento di energia, nonché da correnti di contatto

22 22 Meccanismi di interazione fisico-biologica dei CEM - densità di corrente (A/m 2 ) nella testa e nel tronco dipendente dalla frequenza base temporale istantanea - assorbimento di energia (SAR, W/kg) mediato sul corpo intero e locale (testa e tronco, arti) indipendente dalla frequenza mediato su intervalli di 6 minuti - elevati fattori di riduzione tra le soglie di rischio e i limiti adottati - fattori di riduzione più elevati per la protezione della popolazione = maggior tutela rispetto ai lavoratori (esposizioni prolugate, inconsapevoli = no formazione, persone più sensibili-bambini, anziani, protesi)

23 23 RESTRIZIONI SULLE CORRENTI INDOTTE Bassa frequenza (4 Hz - 1 khz) Lavoratori J < 10 ma/m 2 Popolazione J < 2 ma/m 2 1. il limite di esposizione per i lavoratori incorpora un fattore di protezione pari a 10 rispetto agli effetti da prevenire (stimolazione dei nervi periferici) 2. il limite di esposizione per la popolazione incorpora un fattore di sicurezza aggiuntivo pari a 5 rispetto ai lavoratori (fattore 50 rispetto agli effetti da prevenire)

24 24 RESTRIZIONI SUL SAR Alta frequenza (RF) la sperimentazione su animale indica come soglia di danno alla salute un innalzamento costante della temperatura di 1 C ciò corrisponde a un valore SAR medio di 4 W/kg limite accettato per i lavoratori (fatt.10): 0,4 W/kg limite accettato per la popolazione (fatt.50): 0,08 W/kg per il SAR locale nella testa e nel tronco si accettano: 10 W/kg (lavoratori) 2 W/kg (popolazione) per il SAR locale negli arti si accettano: 20 W/kg (lavoratori) 4 W/kg (popolazione)

25 25 Esposizioni a campi elettromagnetici Il Titolo VIII Capo IV art.208 del D.Lgs.81/08 fa riferimento -all allegato XXXVI-lettera A, tabella 1- limiti di esposizione -all allegato XXXVI-lettera B, tabella 2- valori d azione in vigore da Sono comunque un buon riferimento per le VdR + misure Sorveglianza sanitaria (doc ): -per lavoratori particolarmente sensibili al rischio (art.183) per stabilire preventivamente l idoneità alla mansione -per lavoratori con esposizioni superiori ai valori d azione con rischio di superamento dei valori limite di esposizione per verificare l eventuale comparsa di effetti negativi (anche se l art.211 non è per ora in vigore).

26 26 art. 207 Definizioni 1. Campi elettromagnetici : campi magnetici statici e campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici variabili nel tempo di frequenza inferiore o pari a 300 GHz Non sono trattati i campi elettrici statici perché di scarso interesse protezionistico.

27 27 art. 207 Definizioni 2. Valori limite di esposizione : limiti all esposizione a CEM basati direttamente sugli effetti sulla salute accertati e su considerazioni biologiche. Il rispetto di questi limiti garantisce che i lavoratori esposti ai campi sono protetti contro tutti gli effetti nocivi a breve termine per la salute conosciuti.

28 28 2. Commento I valori limite di esposizione derivano dalle restrizioni di base ICNIRP e quindi Dir.2004/40/CE ( limiti di base ) in termini delle grandezze dosimetriche interne al corpo umano e non direttamente misurabili nei soggetti esposti: per basse frequenze: densità di corrente indotta nella testa e nel tronco - valore istantaneo per alte frequenze: SAR mediato sul corpo intero o e locale (testa e arti) - media temporale su periodi di sei minuti

29 29 art. 207 Definizioni 3. Valori di azione l entità dei parametri direttamente misurabili, espressi in termini di: -intensità del campo elettrico (E), -intensità del campo magnetico (H), -induzione magnetica (B) -densità di potenza (S), determina l obbligo di adottare una o più delle misure specifiche per proteggere il lavoratore. Il rispetto di questi valori assicura il rispetto dei pertinenti valori limite di esposizione.

30 commento I valori d azione derivano dai livelli di riferimento ICNIRP e quindi Dir.2004/40/CE in termini delle grandezze radiometriche (grandezze protezionistiche misurabili nell ambiente in cui il lavoratore si trova) campo elettrico campo magnetico densità di potenza i livelli di riferimento sono soggetti a criteri di media temporale e spaziale in funzione della frequenza considerata e della grandezza di base di interesse (foto: strumentazione di misura presso lab. CEM-NIR ISPESL ove si svolge il corso ANPEQ- ISPESL Campi elettromagnetici: misure e protezione )

31 commento i valori limite di esposizione non possono essere superati in nessun caso i valori di azione sono livelli soglia pratico-operativi: al superamento dei valori di azione il datore di lavoro deve intraprendere delle azioni sorveglianza sanitaria piano d azione per ridurre le esposizioni mezzi personali di protezione misure organizzative

32 commento I valori d azione: dipendono dalla frequenza garantiscono il rispetto dei limiti di base ma NON proteggono: dall assorbimento locale di energia (sono intesi come media spaziale sul volume occupato dal soggetto esposto) da scosse e ustioni per contatto

33 commento i valori d azione fanno riferimento alla prevenzione degli effetti accertati dell esposizione su individui sani, non su quelli particolarmente sensibili al rischio, es. i portatori di pacemakers cardiaci, di protesi metalliche e di dispositivi medici impiantati per i quali anche esposizioni inferiori ai livelli d azione fissati per la popolazione potrebbero comportare problemi.

34 commento: altri valori di azione restrizioni sulle correnti indotte (ma) negli arti ( MHz): garantiscono il rispetto delle restrizioni sul SAR locale negli arti restrizioni sulle correnti di contatto (ma) con oggetti conduttori (0 Hz MHz) (foto: strumentazione di misura presso lab. CEM-NIR ISPESL ove si svolge il corso ANPEQ- ISPESL Campi elettromagnetici: misure e protezione )

35 35 D.Lgs. n.81 del 9 aprile 2008 Titolo VIII AGENTI FISICI Capo I Disposizioni generali Articolo 181 Valutazione dei rischi 1. Nell ambito della valutazione di cui all articolo 28, il datore di lavoro valuta tutti i rischi derivanti da esposizione ad agenti fisici in modo da identificare e adottare le opportune misure di prevenzione e protezione con particolare riferimento alle norme di buona tecnica ed alle buone prassi. (Validità con sanzione!) 2. La valutazione dei rischi derivanti da esposizioni ad agenti fisici è programmata ed effettuata, con cadenza almeno quadriennale, da personale qualificato nell ambito del servizio di prevenzione e protezione in possesso di specifiche conoscenze in materia. (art. sanzionato DDL:quindi anche per la mancanza di conoscenza) La valutazione dei rischi è aggiornata ogniqualvolta si verifichino mutamenti che potrebbero renderla obsoleta ovvero quando i risultati della sorveglianza sanitaria rendano necessaria la sua revisione.

36 36 D.Lgs. n.81 del 9 aprile 2008 Titolo VIII AGENTI FISICI Capo I Disposizioni generali Articolo 181 Valutazione dei rischi 3. Il datore di lavoro nella valutazione dei rischi precisa quali misure di prevenzione e protezione devono essere adottate. La valutazione dei rischi è riportata sul documento di valutazione di cui all articolo 28, essa può includere una giustificazione del datore di lavoro secondo cui la natura e l entità dei rischi non rendono necessaria una valutazione dei rischi più dettagliata. (Valutazione semplificata ma documentata con riferimento alla normativa tecnica o a fonti accreditate, es. CENELEC, CEI,..)

37 37 D.Lgs. n.81 del 9 aprile 2008 Titolo I art.2 definizioni norme tecnica: specifica tecnica, approvata e pubblicata da un organizzazione internazionale, da un organismo europeo o da un organismo nazionale di normalizzazione, la cui osservanza non sia obbligatoria buone prassi: soluzioni organizzative o procedurali coerenti con la normativa vigente e con le norme di buona tecnica, adottate volontariamente e finalizzate a promuovere la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro attraverso la riduzione dei rischi e il miglioramento delle condizioni di lavoro, elaborate e raccolte da regioni, ISPESL, INAIL, Org.paritetici validate dalla Commissione consultiva permanente, previa istruttoria tecnica di ISPESL linee guida: atti di indirizzo e coordinamento per l applicazione della normativa sulla salute e sicurezza predisposti dai ministeri, regioni, ISPESL, INAIL e approvati in sede di Conferenza permanente per i rapporti con lo Stato, le regioni, le province autonome

38 38 D.Lgs. n.81 del 9 aprile 2008 Titolo VIII agenti fisici Art.181 La valutazione dei rischi derivanti da esposizioni ad agenti fisici è programmata ed effettuata, con cadenza almeno quadriennale, da personale qualificato nell ambito del servizio di prevenzione e protezione in possesso di specifiche conoscenze in materia. (art. sanzionato DDL:quindi anche per la mancanza di conoscenza) Documento: D.Lgs. 81/08 Titolo VIII Capo I, II, III, IV,V sulla prevenzione e protezione dai rischi dovuti all esposizione ad agenti fisici nei luoghi di lavoro. Prime indicazioni applicativa predisposto dal Coordinamento Tecnico per la sicurezza nei luoghi di lavoro delle Regioni e delle Province autonome in collaborazione con ISPESL e ISS, prodotto il 10 luglio 2008 e aggiornato al 18 dicembre 2008 relativamente ai campi elettromagnetici e all 11 marzo 2010 per le radiazioni ottiche artificiali.

39 39 DLgs.81/ CEM

40 40 D.Lgs. n.81 del 9 aprile 2008 il valutatore qualificato del rischio da agenti fisici Tale documento specifica: in questo contesto la dicitura PERSONALE QUALIFICATO definisce correntemente un operatore che abbia sostenuto un corso di qualificazione conclusosi con una valutazione positiva e documentabile dell apprendimento. In assenza di qualsiasi riferimento su durata, contenuto del corso, sui soggetti autorizzati alla valutazione e all espressione della certificazione finale, si suggerisce di giudicare il personale qualificato essenzialmente sulla base -del curriculum (specifico nel settore e in particolare sulla materia), -del rispetto delle norme di buona tecnica e di buona prassi (apparecchiature adeguate, modalità tecniche appropriate) -del prodotto finale del proprio lavoro (una relazione tecnica con tutti gli elementi richiesti dal Capo IV,Titolo VIII D.Lgs.81/08) secondo uno schema indicato dal documento stesso.

41 41 Valutazione del Rischio FREQUENZA E COMPETENZE TECNICHE la valutazione, la misurazione e/o i calcoli devono essere programmati ed effettuati almeno ogni 4 anni da personale qualificato nell ambito del SPP in possesso di specifiche conoscenze in materia (art.181) Utile riferimento in proposito il documento CIIP (www.ospedalesicuro.eu): Profilo professionale dell Esperto nella valutazione dei rischi derivanti da esposizione a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici (ECEM) (0Hz 300GHz)

42 42 Valutazione del Rischio FREQUENZA E COMPETENZE TECNICHE la valutazione, la misurazione e/o i calcoli devono essere programmati ed effettuati almeno ogni 4 anni da personale qualificato nell ambito del SPP in possesso di specifiche conoscenze in materia (art.181) Utile riferimento in proposito il documento CIIP (www.ospedalesicuro.eu): : Profilo professionale dell Esperto nella valutazione dei rischi derivanti da esposizioni alle radiazioni ottiche non coerenti (E.R.O.) e coerenti (A.S.L. e T.S.L.)

43 43 D.Lgs. n.81 del 9 aprile 2008 Titolo VIII AGENTI FISICI Capo I Disposizioni generali Articolo 182 Disposizioni miranti eliminare o ridurre i rischi Riduzione rischi alla fonte o ridotti al minimo in base ai principi generali di prevenzione del decreto. Divieto di esporre i lavoratori a valori superiori ai limiti di cui ai Capi II, III, IV. V. Articolo 183 Lavoratori particolarmente sensibili Le misure dell art.182 vanno adattate alle esigenze dei gruppi particolarmente sensibili al rischio (es. interferenze coi dispositivi medici attivi), incluse donne in stato di gravidanza e minori (esposizioni controllate; se no, indebite) Ciò conferma art.28 comma 1: Valutazione di tutti i rischi ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari.gravidanza,

44 44 D.Lgs. n.81 del 9 aprile 2008 Titolo VIII AGENTI FISICI Capo I Disposizioni generali Articolo 184 Informazione e formazione dei lavoratori Estensione obbligo di cui art. 36 e 37 ai lavoratori esposti e ai loro RLS sui risultati VdR in particolare su azioni, limiti, misure o calcoli, effetti negativi, sorveglianza sanitaria e obiettivi, procedure di lavoro sicure, uso corretto DPI e controindicazioni sanitarie all uso Art.sanzionato per DDL+dirigente

45 45 D.Lgs. n.81 del 9 aprile 2008 Titolo VIII AGENTI FISICI Capo I Disposizioni generali Articolo 185 Sorveglianza sanitaria Non per tutti, ma, per art , è per i sensibili: è specifica e effettuata da un MC sulla base della VdR Vanno fatte info+formazione a tutti i lavoratori spiegando se a una data esposizione ci può essere interferenza Se un lavoratore ha pacemaker, avrà diritto alla visita medica a richiesta del lavoratore (art.41 comma 1b) Obbligo di revisione VdR e misure se la sorv. sanit. rivela un alterazione apprezzabile dello stato di salute del lavoratore correlata ai rischi lavorativi DDL tiene conto del parere del MC nell attuare le misure necessarie per eliminare/ridurre rischio (art.25 c.1 Obblighi del MC : MC+VdR+misure soprattutto per i gruppi sensibili al rischio) Art. sanzionato per DDL, dirigente, MC

46 46 1.ILCONTESTO NORMATIVO E LE COMPETENZE DISTINTIVE Profili professionali Esperti : proposta CIIP Campi elettromagnetici Radiazione ottica 0 Hz-300 GHz non coerente UV-VS-IR coerente LASER Direttiva valutazione rischi lavorativi 2004/40/CE del 29/04/2004 Direttiva valutazione rischi lavorativi 2006/25/CE del 05/04/2006 E.C.E.M. E.R.O. A.S.L. Medicina T.S.L. Industr/Ricerca/ Sett.civili / amb 1.1. Livello di base 1.2. Livello specialistico 1.1. Livello di base 1.2 Livello specialistico Livello unico per A.S.L. e T.S.L. + Utilizzatore medico

47 47 2. COMPITI E RESPONSABILITA DELL ESPERTO ESPERTO Profili professionali Esperti : proposta CIIP Campi elettromagnetici Radiazione ottica 0 Hz-300 GHz non coerente UV-VS-IR coerente LASER E.C.E.M. E.R.O. A.S.L. T.S.L. 2.1 per Livello di base 2.1 per Livello di base 2.Livello unico 2.Livello unico IEC IEC per Livello specialistico 2.2 per Livello specialistico CEI 76-6 CEI 3849R CEI 3850R Guida utilizzatore Laser 3b,4 Guida utilizzatore Laser 3b,4

48 48 3 CONOSCENZE DELL ESPERTO ESPERTO Profili professionali Esperti : proposta CIIP Campi elettromagnetici 0 Hz-300 GHz non coerente UV-VS-IR Radiazione ottica coerente LASER E.C.E.M. E.R.O. A.S.L. T.S.L. 3.1 di base 3.1 di base 3.1 di base comuni 3.2 specialistiche 3.2 specialistiche 3.2 specialistiche 3.2 specialistiche

49 49 4 REQUISITI EDUCATIVO-FORMATIVI E DI ESPERIENZA Profili professionali Esperti : proposta CIIP Campi elettromagnetici Radiazione ottica 0 Hz-300 GHz non coerente UV-VS-IR coerente LASER E.C.E.M. E.R.O. A.S.L./ T.S.L. 4.1 requisiti livello base: a) Laurea tecnica 1 livello b) Corso formazione 25 ore 4.2 requisiti livello specialistico: c) Laurea tecnica 4 a/special. d) Attività documentabile 1 a equipollente a d) e) Corso formazione 40h (1/3 esercitazioni/lab) 4.1 requisiti livello base: a) Laurea tecnica 1 livello b) Corso formazione 25 ore 4.2 requisiti livello specialistico: c) Laurea tecnica 4 a/special. d) Attività documentabile 1 a equipollente a d) e) Corso formazione 40h (1/3 esercitazioni/lab) requisiti comuni: a) Laurea tecnica 1 livello b) Corso formazione 40h (1/3 esercitazioni/lab) c) Attività documentab. 1a

50 50 5. AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Profili professionali Esperti : proposta CIIP Campi elettromagnetici 0 Hz-300 GHz non coerente UV-VS-IR Radiazione ottica coerente LASER E.C.E.M. E.R.O. A.S.L. T.S.L. Corsi per almeno 10 ore nell arco di 5 anni Tutti i corsi devono essere organizzati da Università ovvero Associazioni scientifiche e/o professionali o enti pubblici di riconosciuta esperienza nel settore specifico con verifica finale dell apprendimento

51 51 6 SANATORIA Profili professionali Esperti : proposta CIIP Campi elettromagnetici 0 Hz-300 GHz non coerente UV-VS-IR Radiazione ottica coerente LASER E.C.E.M. E.R.O A.S.L. T.S.L. Competenze adeguate allo svolgimento dei compiti di ECEM Livello di base (2.1) se: -Personale strutturato -SPP/Fisica Sanitaria -Diploma tecnico/ TSRM -5 anni attività documentata ERO Livello di base (2.1) se: -Personale strutturato -SPP/Fisica Sanitaria -Diploma tecnico/ TSRM -5 anni attività documentata ASL/TSL Livello unico se: -5 anni attività documentata fatto salvo l aggiornamento quinquennale

52 52 art.212 Linee Guida Il Ministero della Salute, avvalendosi degli organi tecnicoscientifici del SSN, sentita la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le province autonome di Trento e Bolzano, entro 2 anni dall entrata in vigore del presente decreto, elabora le L.G. per l applicazione del presente Capo nello specifico settore in ambito sanitario delle attrezzature di Risonanza Magnetica.

53 53 D.Lgs.81/2008 CEM: che fare fino al ? Prime indicazioni applicative 1 con la pubblicazione della direttiva 2008/46/CE che rinvia al 30/04/2012 i termini di recepimento della direttiva 2004/40/CE, l Unione europea ha preannunciato una rivalutazione completa sull impatto sociale ed economico di tale direttiva, finalizzata all eventuale presentazione di una proposta di revisione. E pertanto possibile che il Capo IV, la cui entrata in vigore secondo l art.306 è prevista per il 30/04/2012, venga aggiornato alla luce delle nuove risultanze. In questo contesto il documento Regioni-ISPESL intende fornire una prima serie di indicazioni operative, suscettibili di perfezionamento, che orienti gli attori aziendali della sicurezza ad una risposta corretta all esigenza di valutazione del rischio comunque prevista dagli artt.28 e 181 del DLgs.81/2008 anche considerato che le indicazioni desumibili dal Capo IV del Titolo VIII sono in linea con gli orientamenti protezionistici internazionali maggiormente accreditati (ICNIRP, OMS).

54 54 D.Lgs.81/2008 CEM: che fare fino al ? Prime indicazioni applicative 2 Il Documento del Coord. Tecnico Regionale + ISPESL del suggerisce, per venire incontro all esigenza cogente, indifferibile e sanzionabile di valutazione del rischio CEM (ma l indicazione può valere anche per le radiazioni ottiche di cui il Capo V del Titolo VIII del D.Lgs.81/08 entra in vigore a fine aprile 2010), di riferirsi comunque al Capo IV stesso seppur al momento non cogente: sia perché le disposizioni ivi contenute sono in linea con gli orientamenti protezionistici internazionali maggiormente accreditati (ICNIRP, OMS) sia perché proprio l art.181 contiene il richiamo alle norme di buona tecnica e alle buone prassi Il documento si articola in varie FAQ

Lunghezza d onda λ (metri)

Lunghezza d onda λ (metri) RISCHI DA CAMPI ELETTROMAGNETICI IN AMBIENTE LAVORATIVO Fonti : ISPESL, ISS, ELETTRA2000, ASL di Siena, Az.USL di Modena Coordinamento Tecnico per la sicurezza nei luoghi di lavoro delle Regioni e delle

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI

ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI Le seguenti grandezze fisiche sono utilizzate per descrivere l'esposizione ai campi elettromagnetici:

Dettagli

Radiazioni non ionizzanti

Radiazioni non ionizzanti 12. Da sempre sulla Terra è presente un fondo naturale di radiazione elettromagnetica non ionizzante dovuto ad emissioni del sole, della Terra stessa e dell atmosfera. Il progresso tecnologico ha aggiunto

Dettagli

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Esposizioni in condizioni complesse Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Valutazione dell esposizione a CEM La valutazione pratica dell esposizione ai campi elettrici

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

Cosa sono i campi elettromagnetici?

Cosa sono i campi elettromagnetici? Cosa sono i campi elettromagnetici? Definizioni e sorgenti I campi elettrici sono creati da differenze di potenziale elettrico, o tensioni: più alta è la tensione, più intenso è il campo elettrico risultante.

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi rapporti tecnici 2008 Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi Giuseppe Anania Sezione provinciale Bologna Campi elettromagnetici INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. LO STANDARD

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Raccomandazione del Consiglio relativa alla limitazione dell'esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici da 0 Hz a 300.

Raccomandazione del Consiglio relativa alla limitazione dell'esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici da 0 Hz a 300. Raccomandazione. 1999/512/CE del 12 luglio 1999 Pubblicata sulla G. U. C. E n. L199 del 30/07/1999 Raccomandazione del Consiglio relativa alla limitazione dell'esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

La legge quadro n.36/01 ed i nuovi limiti sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici

La legge quadro n.36/01 ed i nuovi limiti sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici La legge quadro n.36/01 ed i nuovi limiti sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici Elio Giroletti Divisione Igiene e Sicurezza Università degli Studi di Pavia

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA RADIAZIONI NON IONIZZANTI (RNI) Indice E ) BREVE DESCRIZIONE DELLE SORGENTI

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA RADIAZIONI NON IONIZZANTI (RNI) Indice E ) BREVE DESCRIZIONE DELLE SORGENTI LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA RADIAZIONI NON IONIZZANTI (RNI) Indice A ) PREMESSA B ) OBIETTIVO C ) INTRODUZIONE D ) ANALISI DELLA LEGISLAZIONE E ) BREVE DESCRIZIONE DELLE SORGENTI F ) VALUTAZIONE DEI

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

RILEVAMENTO DI CAMPI ELETTROMAGNETICI

RILEVAMENTO DI CAMPI ELETTROMAGNETICI facoltà di INGEGNERIA CORSO di LAUREA in INGEGNERIA ELETTRONICA RILEVAMENTO DI CAMPI ELETTROMAGNETICI Coordinatore: prof. Galli Giovanni Buttò Santina Calbo Giovanni Di Benedetto Luigi Mancuso Antonino

Dettagli

Saldatura ad arco Generalità

Saldatura ad arco Generalità Saldatura ad arco Saldatura ad arco Generalità Marchio CE: il passaporto qualità, conformità, sicurezza degli utenti 2 direttive europee Direttiva 89/336/CEE del 03 maggio 1989 applicabile dall 01/01/96.

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

hanno collaborato: Roberto Lo Sterzo Elia Marchetta Paolo Vecchia Salvatore Curcuruto Valeria Canè Fotografie: Paolo Orlandi

hanno collaborato: Roberto Lo Sterzo Elia Marchetta Paolo Vecchia Salvatore Curcuruto Valeria Canè Fotografie: Paolo Orlandi hanno collaborato: per l'iscti Roberto Lo Sterzo Elia Marchetta per l'iss Paolo Vecchia per l'ispra Salvatore Curcuruto Valeria Canè Fotografie: Paolo Orlandi Grafica di copertina e disegni: Franco Iozzoli

Dettagli

CORSO SU CAMPI E.M. E SALUTE UMANA Ing. Francesco Falà

CORSO SU CAMPI E.M. E SALUTE UMANA Ing. Francesco Falà CORSO SU CAMPI E.M. E SALUTE UMANA Ing. Francesco Falà Lezione n 1 Lezione n 2 Lezione n 3 Lezione n 4 Lezione n 1 EFFETTI DELLA CORRENTE SUL CORPO UMANO (Norma di riferimento CEI 64 Fasc.4985R) Considerazioni

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE d'intesa con IL MINISTRO DELLA SANITA' e IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE d'intesa con IL MINISTRO DELLA SANITA' e IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI Decreto Ministeriale n. 381 del 10/09/1998 Regolamento recante norme per la determinazione dei tetti di radiofrequenza compatibili con la salute umana. (Gazzetta Ufficiale n. 257 del 3/11/1998) IL MINISTRO

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

IFAC-TSRR vol. 1 (2009) 13-30

IFAC-TSRR vol. 1 (2009) 13-30 TSRR IFAC-TSRR vol. 1 (2009) 13-30 Procedura per la valutazione dell'emissione di campi EM da un apparato per ipetermia con componente diatermica a 434.0 MHz e verifica del rispetto degli standard A. Ignesti(

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE UMANA AI CAMPI ELETTROMAGNETICI GENERATI DA CABINE ELETTRICHE

VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE UMANA AI CAMPI ELETTROMAGNETICI GENERATI DA CABINE ELETTRICHE Generalità sui campi elettromagnetici UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRICA TESI DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTROTECNICA CLASSE 10 INGEGNERIA INDUSTRIALE

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI IL DATORE DI LAVORO DEVE VALUTARE TUTTI I RISCHI PRESENTI NEL LUOGO DI LAVORO con la collaborazione di: RSPP MEDICO COMPETENTE nei casi in cui c è obbligo di sorveglianza sanitaria PREVIA CONSULTAZIONE

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici Decreto Ministeriale del 18/05/1999 Norme armonizzate in materia di compatibilita' elettromagnetica. Doc. 499H18MG.900 di Origine Nazionale emanato/a da : Ministro per l'industria, il Commercio e l'artigianato

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Gentili Pazienti, desideriamo fornirvi alcune informazioni utili per affrontare in modo

Dettagli

Guida non vincolante alla buona prassi nell attuazione della direttiva 2006/25/CE «Radiazioni ottiche artificiali»

Guida non vincolante alla buona prassi nell attuazione della direttiva 2006/25/CE «Radiazioni ottiche artificiali» Guida non vincolante alla buona prassi nell attuazione della direttiva 2006/25/CE «Radiazioni ottiche artificiali» Questa pubblicazione è sostenuta dal programma dell Unione europea per l occupazione e

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

TENS; CORRENTE DI KOTZ CORRENTE NEOFARADICA

TENS; CORRENTE DI KOTZ CORRENTE NEOFARADICA I - PARAMETRI DELLA CORRENTE ELETTRICA I parametri che caratterizzano la corrente elettrica sono: 1 Intensità E così definita la quantità di cariche elettriche che passano attraverso un conduttore nell'unità

Dettagli

REGOLAMENTO DI SICUREZZA. Sito di RISONANZA MAGNETICA

REGOLAMENTO DI SICUREZZA. Sito di RISONANZA MAGNETICA REGOLAMENTO DI SICUREZZA Sito di RISONANZA MAGNETICA Il Medico Responsabile L Esperto Responsabile Prof.Andrea Giovagnoni Dott.ssa Stefania Maggi INDICE 1. Aree di rischio 2. Norme generali di sicurezza

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA NELL AZIENDA SANITARIA LOCALE Applicazione del D.Lgs. 81/08 IL RISCHIO ELETTRICO. Dr. Nicola Carriero

SALUTE E SICUREZZA NELL AZIENDA SANITARIA LOCALE Applicazione del D.Lgs. 81/08 IL RISCHIO ELETTRICO. Dr. Nicola Carriero SALUTE E SICUREZZA NELL AZIENDA SANITARIA LOCALE Applicazione del D.Lgs. 81/08 IL RISCHIO ELETTRICO Dr. Nicola Carriero IL RISCHIO ELETTRICO Per rischio elettrico si intende la probabilità che si verifichi

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Corrente elettrica e corpo umano

Corrente elettrica e corpo umano Corrente elettrica e corpo umano 1/68 Brevi richiami di elettrofisiologia 1790 Luigi Galvani effettuò esperimenti sulla contrazione del muscolo di rana per mezzo di un bimetallo: concluse che si trattava

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica Filtri e lenti per patologie oculari FIRENZE 19 GENNAIO 2014 Silvano Abati silvanoabati@tiscali.it Dr. Scuola Internazionale di Ottica Optometria Firenze Stazione di Santa Maria Novella Binario 1 A Perché

Dettagli

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano La vita è regolata a livello cerebrale, muscolare e biologico da impulsi di natura elettrica. Il cervello è collegato ai muscoli ed a tutti

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

NOTA APPLICATIVA IL METODO DEL PICCO PONDERATO NELLA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE UMANA AI CAMPI ELETTROMAGNETICI

NOTA APPLICATIVA IL METODO DEL PICCO PONDERATO NELLA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE UMANA AI CAMPI ELETTROMAGNETICI NOTA APPLICATIVA IL METODO DEL PICCO PONDERATO NELLA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE UMANA AI CAMPI ELETTROMAGNETICI Daniele Andreuccetti Alessandro Gandolfo Mario Monti Nicola Zoppetti Dicembre 2013 NOTA

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici. Gulisano Antonino

Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici. Gulisano Antonino Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici Infortuni Ogni giorno si verificano quasi quattro (4) infortuni mortali sul lavoro. Di questi uno (1) avviene per cause elettriche.

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

QUADERNI CORECOM PIEMONTE

QUADERNI CORECOM PIEMONTE ESPOSIZIONE UMANA A RADIOFREQUENZE. STUDIO SULL IMPATTO DELLA TELEFONIA CELLULARE E SULLE MODALITÀ DI UTILIZZO DEL TELEFONINO PER LA RIDUZIONE DEI RISCHI QUADERNI CORECOM PIEMONTE ESPOSIZIONE UMANA A RADIOFREQUENZE.

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi ai sensi dell articolo 6, comma 8, lettera

Dettagli

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico Illuminotecnica Introduzione al calcolo illuminotecnico 1 Illuminotecnica La radiazione luminosa Con il termine luce si intende l insieme delle onde elettromagnetiche percepibili dall occhio umano. Le

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities 1-32 28 giugno 2013 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Cambiano gli scenari europei Regolamento

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

rischio elettrico generale

rischio elettrico generale rischio elettrico generale In Italia si verificano mediamente 5 infortuni elettrici mortali ogni settimana (per folgorazione), un primato europeo fortunatamente in lenta ma continua diminuizione. I luoghi

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

D.M. 2 DICEMBRE 2014 entrato in vigore il 06 gennaio 2015

D.M. 2 DICEMBRE 2014 entrato in vigore il 06 gennaio 2015 D.M. 2 DICEMBRE 2014 entrato in vigore il 06 gennaio 2015 (Fonte Ministero Dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare) Linee guida, relative alla definizione delle modalità con cui gli operatori

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Onde e suono. Roberto Cirio. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica

Onde e suono. Roberto Cirio. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica Onde e suono Roberto Cirio Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica La lezione di oggi Oscillazioni e onde Sovrapposizione di onde L orecchio Fisica

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014 .. Arch. Cristina Maiolati Via U. Saba,72 Roma Via Ulisse 28 S. F. Circeo (LT) c. maiolati@tiscali.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI redatto ai sensi dell art. 26 C. 3 del D.Lgvo. 81/08 Febbraio 2014

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

Il rischio da rumore Informazione e formazione dei lavoratori

Il rischio da rumore Informazione e formazione dei lavoratori ISPESL Il rischio da rumore Informazione e formazione dei lavoratori DIPARTIMENTO DOCUMENTAZIONE INFORMAZIONE E FORMAZIONE L ISPESL favorisce la riproduzione di questa dispensa per la distribuzione a lavoratori

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO

RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO INDICE 1. Premessa 2. Infortuni da elettrocuzione 3. Pericolosità della corrente elettrica 4. Pericolosità della differenza di potenziale 5. Indicazione

Dettagli

Brushless. Brushless

Brushless. Brushless Motori Motori in in corrente corrente continua continua Brushless Brushless 69 Guida alla scelta di motori a corrente continua Brushless Riduttore 90 Riddutore Coppia massima (Nm)! 0,6,7 30 W 5,5 max.

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli