programma Luisa Biazzi Fisica medica - Università degli Studi di Pavia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "programma Luisa Biazzi Fisica medica - Università degli Studi di Pavia luisa.biazzi@unipv.it"

Transcript

1 1 Repubblica di San Marino, 12 luglio 2010 RISCHI DA CAMPI ELETTRICI, MAGNETICI, ELETTROMAGNETICI: VALUTAZIONE E PROTEZIONE DEI LAVORATORI (D.Lgs.81/2008) seminario di aggiornamento professionale programma -Valutazione dei rischi per la protezione dei lavoratori dai campi elettromagnetici presenti nei luoghi di lavoro ai sensi del Capo IV del Titolo VIII Agenti fisici del D.Lgs.81/08 aggiornato dal D.Lgs.106/09. -Dir. 2004/40/CE e 2008/46/CE e norme tecniche armonizzate -Indicazioni applicative di Regioni e ISPESL del Il sistema di tutela dei lavoratori, delle popolazione, dell ambiente -Identificazione delle situazioni espositive e valutazione dei rischi nelle diverse applicazioni Luisa Biazzi Fisica medica - Università degli Studi di Pavia 1

2 2 D.Lgs. n.81 del 9 aprile 2008 Titolo VIII AGENTI FISICI Capo I Disposizioni generali Articolo 180 Definizioni e campo di applicazione 1. Ai fini del presente decreto legislativo per agenti fisici si intendono il rumore, gli ultrasuoni, gli infrasuoni, le vibrazioni meccaniche, i campi elettromagnetici, le radiazioni ottiche di origine artificiale, il microclima e le atmosfere iperbariche che possono comportare rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori. 2. Fermo restando quanto previsto dal presente capo, per le attività comportanti esposizione a: rumore si applica il capo II, vibrazioni si applica il capo III, campi elettromagnetici si applica il capo 1V, radiazioni ottiche artificiali si applica il capo V. 3. La protezione dei lavoratori dalle radiazioni ionizzanti è disciplinata unicamente dal D.Lgs. 17 marzo 1995, n. 230, e s.m.

3 3 Direttive sulla protezione dei lavoratori da rischi da agenti fisici e D.Lgs. n. 81/ /44/CE VIBRAZIONI =Titolo VIII Capo III 2003/10/CE RUMORE 2004/40/CE C.E.M. =Titolo VIII Capo II =Titolo VIII Capo IV (D.Lgs.257/07 modificato) v.nota 2006/25/CE RAD.OTTICHE ARTIF.(IR,VS,UV;laser) = Titolo VIII Capo V derivano dalla dir.quadro 391/89/CEE. In vigore da Nota: La Dir.2004/40/CE è stata modificata con Dir.2008/46/CE del (G.U.U.E. del n.l114) sulla base di proposta Comm.eur. ott.2007: proroga scadenza Dir.2004/40 da a (art.306c.2DLgs 81/08) Il Capo I è comunque in vigore e prevede la VdR da Agenti fisici

4 4 entro e allora??? occorre affermare il principio generale dell art.28 del Testo Unico e ribadito relativamente agli agenti fisici all art.181 che impegna il datore di lavoro alla valutazione di tutti i rischi per la salute e la sicurezza inclusi quelli derivanti da esposizioni a campi elettromagnetici, in relazione ai quali esiste quindi l obbligo (sanzionabile) alla valutazione ed all identificazione delle misure preventive e protettive per minimizzare il rischio. In pratica e per quanto riguarda i compiti di vigilanza, con lo slittamento al 30/04/2012, fino a tale data - NON saranno richiedibili nè sanzionabili le inottemperanze agli obblighi specificamente previsti dal Capo IV del Titolo VIII del DLgs.81/2008, - MA resteranno validi, richiedibili e sanzionabili i principi generali affermati nel Titolo I e nel Capo I del Titolo VIII.

5 5 CAMPI ELETTROMAGNETICI NON IONIZZANTI E IONIZZANTI Gamma delle frequenze interessate 0Hz

6 6 Spettro elettromagnetico: ionizzante e non lunghezze d onda 6

7 7 f= 1/T (hertz hz = s -1 ) λ = v T= v/f quindi λ f = v E = h f= h v/λ f = v/λ 7

8 8 Spettro elettromagnetico Denominazione Sigla Frequenza Lunghezza Freq. estremamente basse ELF 0-3 khz > 100 km Frequenze bassissime VLF 3-30 khz km Onde lunghe LF khz 10-1 km Radiazioni Non Ionizzanti Radiofrequenze (RF) Microonde (MO) Onde medie MF 300 khz-3 MHz 1 km m Alte freq. HF 3-30 MHz m Freq.altissime VHF MHz 10-1 m decimetriche UHF 300 MHz-3 GHz 1 m - 10 cm centimetriche SHF 3-30 GHz 10-1 cm millimetriche EHF GHz 1 cm - 1 mm Radiazioni Ionizzanti Infrarosso IR THz 1mm- 780 nm Luce visibile VS THz nm Ultravioletto UV THz nm Raggi X Raggi Gamma > 3000 THz < 100 nm 3 khz λ=100 km ELF 3MHz λ=100 m RF 3GHz λ=100 mm MW 8

9 9 CEM - NIR Spettro elettromagnetico NIR FREQUENZA DENOMINAZIONE ONDE ELETTROMAGNETICHE LUNGHEZZA D ONDA RADIAZIONI NON OTTICHE (CEM con frequenze da 0Hz a 300 GHz) 0 Hz 300 Hz Onde e.m. a frequenze estremamente basse (ELF) 300 Hz 300 khz Onde e.m. a frequenze basse (VLF - LF) 300 khz 300 MHz Radiofrequenze (RF) 300 MHz 300 GHz Microonde (MW) 1000 km 1000 km 1 km 1 km 1 m 1 m 1 mm RADIAZIONI OTTICHE (CEM con lungheza d onda da 1mm a 100 nm) 300 GHz 300 THz Infrarosso (IR) 1 mm (10 6 nm) 780 nm IRC 1mm nm IRB nm IRA nm 375 THz 750 THz Luce visibile (LV o VS) 780 (700) nm 380 (400) nm 750 THZ THz Ultravioletto (UV) 400 nm 100 nm UVA nm UVB nm UVC nm 9

10 10 Lunghezza d onda Frequenza m Hz RADIAZIONI IONIZZANTI x UV x x x x x 10 1 RADIAZIONI NON IONIZZANTI FREQUENZE OTTICHE FREQUENZE NON OTTICHE Vis Radiazione infrarossa Radiofrequenze Basse frequenze Microonde Diagnostica a raggi X Radioisotopi Sterilizzazione Laser Lampade Sorgenti termiche Telecomandi Impianti radar Radarterapia Telefonia cellulare Forni a microonde Ponti radio Emissioni radiotelevisive Marconiterapia Radioamatori Saldatura e incollaggio Riscaldamento a induzione Metal detector Videoterminali Magnetoterapia Elettrodomestici Linee elettriche Linee telefoniche λ 0 CAMPI STATICI RMN Elettrolisi

11 11 D.Lgs.81/08 Titolo VIII Capo V Esposizioni a radiazioni ottiche artificiali-1 Prescrizioni minime di protezione contro i rischi per salute e sicurezza dei lavoratori che possono derivare da esposizione alle radiazioni ottiche artificiali nella gamma di lunghezze d onda 100 nm 1mm durante il lavoro (art.214).

12 12 RADIAZIONE OTTICA Suddivisione della radiazione ottica CRITERIO FISICO Ultravioletto estremo 10 nm 180 nm Ultravioletto intermedio 180 nm 300 nm Ultravioletto vicino 300 nm 400 nm Luce 400 nm 700 nm Infrarosso vicino 700 nm 1200 nm Infrarosso intermedio 1,2 µm 7 µm Infrarosso lontano 7 µm 1 µm CRITERIO FOTOBIOLOGICO UV C 100 nm 280 nm UV B 280 nm 315 nm UV A 315 nm 400 nm Radiazioni visibili - Luce 380 nm 780 nm IR A 780 nm 1400 nm IR B 1400 nm 3000 nm IR C 3000 nm 1 mm

13 13 Esposizioni a radiazioni ottiche artificiali-2 Le disposizioni riguardano la protezione dai rischi dovuti agli effetti nocivi sugli occhi e sulla cute (art.213) in riferimento ai valori limite di esposizione riportati nel Capo V: nell allegato XXXVII-Parte1 per le radiazioni incoerenti nell allegato XXXVII-Parte2 per le radiazioni laser Sorveglianza sanitaria per esposizioni superiori ai valori limite con l obiettivo di prevenire e scoprire tempestivamente effetti negativi per la salute nonché effetti a lungo termine negativi per la salute e rischi di malattie croniche (art.218)

14 14 Valori limite di esposizione sono limiti di esposizione alle radiazioni ottiche che sono basati direttamente sugli effetti sulla salute accertati e su considerazioni biologiche. Il rispetto di questi limiti garantisce che i lavoratori esposti a sorgenti artificiali di radiazioni ottiche siano protetti contro tutti gli effetti nocivi sugli occhi e sulla cute conosciuti

15 15 D.Lgs.81/08 Titolo VIII Capo IV Esposizioni a campi elettromagnetici Prescrizioni minime di protezione contro i rischi per salute e sicurezza dei lavoratori che possono derivare da esposizione a campi elettromagnetici da 0 Hz a 300 GHz durante il lavoro (art.207). Le disposizioni riguardano la protezione dai rischi dovuti agli effetti nocivi a breve termine conosciuti nel corpo umano derivanti: A- dalla circolazione di correnti indotte dovute a CEM a bassa frequenza fino 10 MHz che possono indurre effetti negativi in particolare al sistema cardiovascolare (aritmie, fibrillazione, asistolia) e al sistema nervoso (contrazione neuromuscolare, magnetofosfeni). Infatti gli organi umani sono ricchi di cariche elettriche che con la loro distribuzione e moto regolano moltissimi processi fisiologici. Le cariche elettriche libere possono essere messe in moto da un campo E o B esterno creando correnti elettriche indotte che si sovrappongono a quelle endogene (generate dal organismo). Oppure i dipoli elettici endogeni (coppie di cariche legate di pari intensità ma segno opposto) sottoposti a un campo elettrico esterno

16 16 B- dall assorbimento di energia dovuta a CEM ad alta frequenza oltre 100 khz che possono indurre riscaldamento locale in organi o tessuti o in tutto il corpo (ustioni, colpo di calore, cataratta, sterilità temporanea). Infatti ad alta frequenza il movimento delle cariche è ostacolato dall attrito con le molecole vicine e l energia ceduta dal campo esterno è trasformata in moto disordinato delle molecole = effetti termici C- da correnti di contatto determinate dal contatto di una persona con oggetti metallici posti entro un campo CEM che possono determinare sensazioni negative (dolore, contrazioni muscolari, ustioni) Sono esclusi -gli effetti a lungo termine -i rischi derivanti dal contatto con i conduttori in tensione (disciplinati dalle disposizioni per la sicurezza elettrica)

17 17 Oltre agli effetti diretti per lo più acuti (contestuali all esposizione o ne sono la conseguenza certa anche se si manifestano tardivi, es. cataratta, sterilità maschile), vanno evitati gli effetti indiretti : -l interferenza con attrezzature e dispositivi medici elettronici (stimolatori cardiaci e altri dispositivi impiantati) -l azione propulsiva di oggetti ferromagnetici in presenza di intensi campi magnetici statici con induzione magnetica superiore a 3mT (es. Risonanza magnetica) -l innesco di dispositivi elettro-esplosivi (detonatori) -incendi ed esplosioni dovuti all'accensione di materiali infiammabili provocata da scintille prodotte da campi indotti, correnti di contatto o scariche elettriche nell ambiente

18 18 Meccanismi di interazione fisico-biologica dei CEM Fino a circa 1 MHz prevale l induzione di correnti elettriche nei tessuti elettricamente stimolabili (nervi e muscoli) All aumento della frequenza prevale l assorbimento di energia nei tessuti dovuto al rapido movimento oscillatorio di ioni e molecole d acqua che si manifesta sotto forma di calore per effetto Joule come fenomeno primario o secondario e conseguente aumento della temperatura corporea. Sopra 10 MHz questo è l unico effetto Sopra 10 GHz l assorbimento è solo superficiale

19 19 Profondità di penetrazione f1 < f2 < The antenna of a cellular telephone emits radio frequency electromagnetic fields that can penetrate 4 6 cm into the human brain. Dimbylow PJ Mann SM. SAR calculationin an anatomically realistic model of the head for 900 MHz and 1.8 GHz. Phys Med Biol 1994;39; f3

20 20 Infatti con l aumento della frequenza aumenta la potenza assorbita ma per contro diminuisce la profondità di penetrazione in quanto aumenta l attenuazione manifestata dalla materia attraversata nei confronti dei campi incidenti. Il meccanismo di interazione dell onda elettromagnetica incidente su un corpo prevede la riflessione di parte dell energia incidente (alle RF la potenza riflessa è circa il 50% di quella incidente) e la cessione ossia l assorbimento di parte dell energia incidente dell onda al corpo che quindi assorbe energia.

21 21 Direttiva e Capo IV del decreto riguardano i rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori dovuti agli effetti derivanti dalla circolazione di correnti indotte e dall'assorbimento di energia, nonché da correnti di contatto

22 22 Meccanismi di interazione fisico-biologica dei CEM - densità di corrente (A/m 2 ) nella testa e nel tronco dipendente dalla frequenza base temporale istantanea - assorbimento di energia (SAR, W/kg) mediato sul corpo intero e locale (testa e tronco, arti) indipendente dalla frequenza mediato su intervalli di 6 minuti - elevati fattori di riduzione tra le soglie di rischio e i limiti adottati - fattori di riduzione più elevati per la protezione della popolazione = maggior tutela rispetto ai lavoratori (esposizioni prolugate, inconsapevoli = no formazione, persone più sensibili-bambini, anziani, protesi)

23 23 RESTRIZIONI SULLE CORRENTI INDOTTE Bassa frequenza (4 Hz - 1 khz) Lavoratori J < 10 ma/m 2 Popolazione J < 2 ma/m 2 1. il limite di esposizione per i lavoratori incorpora un fattore di protezione pari a 10 rispetto agli effetti da prevenire (stimolazione dei nervi periferici) 2. il limite di esposizione per la popolazione incorpora un fattore di sicurezza aggiuntivo pari a 5 rispetto ai lavoratori (fattore 50 rispetto agli effetti da prevenire)

24 24 RESTRIZIONI SUL SAR Alta frequenza (RF) la sperimentazione su animale indica come soglia di danno alla salute un innalzamento costante della temperatura di 1 C ciò corrisponde a un valore SAR medio di 4 W/kg limite accettato per i lavoratori (fatt.10): 0,4 W/kg limite accettato per la popolazione (fatt.50): 0,08 W/kg per il SAR locale nella testa e nel tronco si accettano: 10 W/kg (lavoratori) 2 W/kg (popolazione) per il SAR locale negli arti si accettano: 20 W/kg (lavoratori) 4 W/kg (popolazione)

25 25 Esposizioni a campi elettromagnetici Il Titolo VIII Capo IV art.208 del D.Lgs.81/08 fa riferimento -all allegato XXXVI-lettera A, tabella 1- limiti di esposizione -all allegato XXXVI-lettera B, tabella 2- valori d azione in vigore da Sono comunque un buon riferimento per le VdR + misure Sorveglianza sanitaria (doc ): -per lavoratori particolarmente sensibili al rischio (art.183) per stabilire preventivamente l idoneità alla mansione -per lavoratori con esposizioni superiori ai valori d azione con rischio di superamento dei valori limite di esposizione per verificare l eventuale comparsa di effetti negativi (anche se l art.211 non è per ora in vigore).

26 26 art. 207 Definizioni 1. Campi elettromagnetici : campi magnetici statici e campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici variabili nel tempo di frequenza inferiore o pari a 300 GHz Non sono trattati i campi elettrici statici perché di scarso interesse protezionistico.

27 27 art. 207 Definizioni 2. Valori limite di esposizione : limiti all esposizione a CEM basati direttamente sugli effetti sulla salute accertati e su considerazioni biologiche. Il rispetto di questi limiti garantisce che i lavoratori esposti ai campi sono protetti contro tutti gli effetti nocivi a breve termine per la salute conosciuti.

28 28 2. Commento I valori limite di esposizione derivano dalle restrizioni di base ICNIRP e quindi Dir.2004/40/CE ( limiti di base ) in termini delle grandezze dosimetriche interne al corpo umano e non direttamente misurabili nei soggetti esposti: per basse frequenze: densità di corrente indotta nella testa e nel tronco - valore istantaneo per alte frequenze: SAR mediato sul corpo intero o e locale (testa e arti) - media temporale su periodi di sei minuti

29 29 art. 207 Definizioni 3. Valori di azione l entità dei parametri direttamente misurabili, espressi in termini di: -intensità del campo elettrico (E), -intensità del campo magnetico (H), -induzione magnetica (B) -densità di potenza (S), determina l obbligo di adottare una o più delle misure specifiche per proteggere il lavoratore. Il rispetto di questi valori assicura il rispetto dei pertinenti valori limite di esposizione.

30 commento I valori d azione derivano dai livelli di riferimento ICNIRP e quindi Dir.2004/40/CE in termini delle grandezze radiometriche (grandezze protezionistiche misurabili nell ambiente in cui il lavoratore si trova) campo elettrico campo magnetico densità di potenza i livelli di riferimento sono soggetti a criteri di media temporale e spaziale in funzione della frequenza considerata e della grandezza di base di interesse (foto: strumentazione di misura presso lab. CEM-NIR ISPESL ove si svolge il corso ANPEQ- ISPESL Campi elettromagnetici: misure e protezione )

31 commento i valori limite di esposizione non possono essere superati in nessun caso i valori di azione sono livelli soglia pratico-operativi: al superamento dei valori di azione il datore di lavoro deve intraprendere delle azioni sorveglianza sanitaria piano d azione per ridurre le esposizioni mezzi personali di protezione misure organizzative

32 commento I valori d azione: dipendono dalla frequenza garantiscono il rispetto dei limiti di base ma NON proteggono: dall assorbimento locale di energia (sono intesi come media spaziale sul volume occupato dal soggetto esposto) da scosse e ustioni per contatto

33 commento i valori d azione fanno riferimento alla prevenzione degli effetti accertati dell esposizione su individui sani, non su quelli particolarmente sensibili al rischio, es. i portatori di pacemakers cardiaci, di protesi metalliche e di dispositivi medici impiantati per i quali anche esposizioni inferiori ai livelli d azione fissati per la popolazione potrebbero comportare problemi.

34 commento: altri valori di azione restrizioni sulle correnti indotte (ma) negli arti ( MHz): garantiscono il rispetto delle restrizioni sul SAR locale negli arti restrizioni sulle correnti di contatto (ma) con oggetti conduttori (0 Hz MHz) (foto: strumentazione di misura presso lab. CEM-NIR ISPESL ove si svolge il corso ANPEQ- ISPESL Campi elettromagnetici: misure e protezione )

35 35 D.Lgs. n.81 del 9 aprile 2008 Titolo VIII AGENTI FISICI Capo I Disposizioni generali Articolo 181 Valutazione dei rischi 1. Nell ambito della valutazione di cui all articolo 28, il datore di lavoro valuta tutti i rischi derivanti da esposizione ad agenti fisici in modo da identificare e adottare le opportune misure di prevenzione e protezione con particolare riferimento alle norme di buona tecnica ed alle buone prassi. (Validità con sanzione!) 2. La valutazione dei rischi derivanti da esposizioni ad agenti fisici è programmata ed effettuata, con cadenza almeno quadriennale, da personale qualificato nell ambito del servizio di prevenzione e protezione in possesso di specifiche conoscenze in materia. (art. sanzionato DDL:quindi anche per la mancanza di conoscenza) La valutazione dei rischi è aggiornata ogniqualvolta si verifichino mutamenti che potrebbero renderla obsoleta ovvero quando i risultati della sorveglianza sanitaria rendano necessaria la sua revisione.

36 36 D.Lgs. n.81 del 9 aprile 2008 Titolo VIII AGENTI FISICI Capo I Disposizioni generali Articolo 181 Valutazione dei rischi 3. Il datore di lavoro nella valutazione dei rischi precisa quali misure di prevenzione e protezione devono essere adottate. La valutazione dei rischi è riportata sul documento di valutazione di cui all articolo 28, essa può includere una giustificazione del datore di lavoro secondo cui la natura e l entità dei rischi non rendono necessaria una valutazione dei rischi più dettagliata. (Valutazione semplificata ma documentata con riferimento alla normativa tecnica o a fonti accreditate, es. CENELEC, CEI,..)

37 37 D.Lgs. n.81 del 9 aprile 2008 Titolo I art.2 definizioni norme tecnica: specifica tecnica, approvata e pubblicata da un organizzazione internazionale, da un organismo europeo o da un organismo nazionale di normalizzazione, la cui osservanza non sia obbligatoria buone prassi: soluzioni organizzative o procedurali coerenti con la normativa vigente e con le norme di buona tecnica, adottate volontariamente e finalizzate a promuovere la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro attraverso la riduzione dei rischi e il miglioramento delle condizioni di lavoro, elaborate e raccolte da regioni, ISPESL, INAIL, Org.paritetici validate dalla Commissione consultiva permanente, previa istruttoria tecnica di ISPESL linee guida: atti di indirizzo e coordinamento per l applicazione della normativa sulla salute e sicurezza predisposti dai ministeri, regioni, ISPESL, INAIL e approvati in sede di Conferenza permanente per i rapporti con lo Stato, le regioni, le province autonome

38 38 D.Lgs. n.81 del 9 aprile 2008 Titolo VIII agenti fisici Art.181 La valutazione dei rischi derivanti da esposizioni ad agenti fisici è programmata ed effettuata, con cadenza almeno quadriennale, da personale qualificato nell ambito del servizio di prevenzione e protezione in possesso di specifiche conoscenze in materia. (art. sanzionato DDL:quindi anche per la mancanza di conoscenza) Documento: D.Lgs. 81/08 Titolo VIII Capo I, II, III, IV,V sulla prevenzione e protezione dai rischi dovuti all esposizione ad agenti fisici nei luoghi di lavoro. Prime indicazioni applicativa predisposto dal Coordinamento Tecnico per la sicurezza nei luoghi di lavoro delle Regioni e delle Province autonome in collaborazione con ISPESL e ISS, prodotto il 10 luglio 2008 e aggiornato al 18 dicembre 2008 relativamente ai campi elettromagnetici e all 11 marzo 2010 per le radiazioni ottiche artificiali.

39 39 DLgs.81/ CEM

40 40 D.Lgs. n.81 del 9 aprile 2008 il valutatore qualificato del rischio da agenti fisici Tale documento specifica: in questo contesto la dicitura PERSONALE QUALIFICATO definisce correntemente un operatore che abbia sostenuto un corso di qualificazione conclusosi con una valutazione positiva e documentabile dell apprendimento. In assenza di qualsiasi riferimento su durata, contenuto del corso, sui soggetti autorizzati alla valutazione e all espressione della certificazione finale, si suggerisce di giudicare il personale qualificato essenzialmente sulla base -del curriculum (specifico nel settore e in particolare sulla materia), -del rispetto delle norme di buona tecnica e di buona prassi (apparecchiature adeguate, modalità tecniche appropriate) -del prodotto finale del proprio lavoro (una relazione tecnica con tutti gli elementi richiesti dal Capo IV,Titolo VIII D.Lgs.81/08) secondo uno schema indicato dal documento stesso.

41 41 Valutazione del Rischio FREQUENZA E COMPETENZE TECNICHE la valutazione, la misurazione e/o i calcoli devono essere programmati ed effettuati almeno ogni 4 anni da personale qualificato nell ambito del SPP in possesso di specifiche conoscenze in materia (art.181) Utile riferimento in proposito il documento CIIP (www.ospedalesicuro.eu): Profilo professionale dell Esperto nella valutazione dei rischi derivanti da esposizione a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici (ECEM) (0Hz 300GHz)

42 42 Valutazione del Rischio FREQUENZA E COMPETENZE TECNICHE la valutazione, la misurazione e/o i calcoli devono essere programmati ed effettuati almeno ogni 4 anni da personale qualificato nell ambito del SPP in possesso di specifiche conoscenze in materia (art.181) Utile riferimento in proposito il documento CIIP (www.ospedalesicuro.eu): : Profilo professionale dell Esperto nella valutazione dei rischi derivanti da esposizioni alle radiazioni ottiche non coerenti (E.R.O.) e coerenti (A.S.L. e T.S.L.)

43 43 D.Lgs. n.81 del 9 aprile 2008 Titolo VIII AGENTI FISICI Capo I Disposizioni generali Articolo 182 Disposizioni miranti eliminare o ridurre i rischi Riduzione rischi alla fonte o ridotti al minimo in base ai principi generali di prevenzione del decreto. Divieto di esporre i lavoratori a valori superiori ai limiti di cui ai Capi II, III, IV. V. Articolo 183 Lavoratori particolarmente sensibili Le misure dell art.182 vanno adattate alle esigenze dei gruppi particolarmente sensibili al rischio (es. interferenze coi dispositivi medici attivi), incluse donne in stato di gravidanza e minori (esposizioni controllate; se no, indebite) Ciò conferma art.28 comma 1: Valutazione di tutti i rischi ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari.gravidanza,

44 44 D.Lgs. n.81 del 9 aprile 2008 Titolo VIII AGENTI FISICI Capo I Disposizioni generali Articolo 184 Informazione e formazione dei lavoratori Estensione obbligo di cui art. 36 e 37 ai lavoratori esposti e ai loro RLS sui risultati VdR in particolare su azioni, limiti, misure o calcoli, effetti negativi, sorveglianza sanitaria e obiettivi, procedure di lavoro sicure, uso corretto DPI e controindicazioni sanitarie all uso Art.sanzionato per DDL+dirigente

45 45 D.Lgs. n.81 del 9 aprile 2008 Titolo VIII AGENTI FISICI Capo I Disposizioni generali Articolo 185 Sorveglianza sanitaria Non per tutti, ma, per art , è per i sensibili: è specifica e effettuata da un MC sulla base della VdR Vanno fatte info+formazione a tutti i lavoratori spiegando se a una data esposizione ci può essere interferenza Se un lavoratore ha pacemaker, avrà diritto alla visita medica a richiesta del lavoratore (art.41 comma 1b) Obbligo di revisione VdR e misure se la sorv. sanit. rivela un alterazione apprezzabile dello stato di salute del lavoratore correlata ai rischi lavorativi DDL tiene conto del parere del MC nell attuare le misure necessarie per eliminare/ridurre rischio (art.25 c.1 Obblighi del MC : MC+VdR+misure soprattutto per i gruppi sensibili al rischio) Art. sanzionato per DDL, dirigente, MC

46 46 1.ILCONTESTO NORMATIVO E LE COMPETENZE DISTINTIVE Profili professionali Esperti : proposta CIIP Campi elettromagnetici Radiazione ottica 0 Hz-300 GHz non coerente UV-VS-IR coerente LASER Direttiva valutazione rischi lavorativi 2004/40/CE del 29/04/2004 Direttiva valutazione rischi lavorativi 2006/25/CE del 05/04/2006 E.C.E.M. E.R.O. A.S.L. Medicina T.S.L. Industr/Ricerca/ Sett.civili / amb 1.1. Livello di base 1.2. Livello specialistico 1.1. Livello di base 1.2 Livello specialistico Livello unico per A.S.L. e T.S.L. + Utilizzatore medico

47 47 2. COMPITI E RESPONSABILITA DELL ESPERTO ESPERTO Profili professionali Esperti : proposta CIIP Campi elettromagnetici Radiazione ottica 0 Hz-300 GHz non coerente UV-VS-IR coerente LASER E.C.E.M. E.R.O. A.S.L. T.S.L. 2.1 per Livello di base 2.1 per Livello di base 2.Livello unico 2.Livello unico IEC IEC per Livello specialistico 2.2 per Livello specialistico CEI 76-6 CEI 3849R CEI 3850R Guida utilizzatore Laser 3b,4 Guida utilizzatore Laser 3b,4

48 48 3 CONOSCENZE DELL ESPERTO ESPERTO Profili professionali Esperti : proposta CIIP Campi elettromagnetici 0 Hz-300 GHz non coerente UV-VS-IR Radiazione ottica coerente LASER E.C.E.M. E.R.O. A.S.L. T.S.L. 3.1 di base 3.1 di base 3.1 di base comuni 3.2 specialistiche 3.2 specialistiche 3.2 specialistiche 3.2 specialistiche

49 49 4 REQUISITI EDUCATIVO-FORMATIVI E DI ESPERIENZA Profili professionali Esperti : proposta CIIP Campi elettromagnetici Radiazione ottica 0 Hz-300 GHz non coerente UV-VS-IR coerente LASER E.C.E.M. E.R.O. A.S.L./ T.S.L. 4.1 requisiti livello base: a) Laurea tecnica 1 livello b) Corso formazione 25 ore 4.2 requisiti livello specialistico: c) Laurea tecnica 4 a/special. d) Attività documentabile 1 a equipollente a d) e) Corso formazione 40h (1/3 esercitazioni/lab) 4.1 requisiti livello base: a) Laurea tecnica 1 livello b) Corso formazione 25 ore 4.2 requisiti livello specialistico: c) Laurea tecnica 4 a/special. d) Attività documentabile 1 a equipollente a d) e) Corso formazione 40h (1/3 esercitazioni/lab) requisiti comuni: a) Laurea tecnica 1 livello b) Corso formazione 40h (1/3 esercitazioni/lab) c) Attività documentab. 1a

50 50 5. AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Profili professionali Esperti : proposta CIIP Campi elettromagnetici 0 Hz-300 GHz non coerente UV-VS-IR Radiazione ottica coerente LASER E.C.E.M. E.R.O. A.S.L. T.S.L. Corsi per almeno 10 ore nell arco di 5 anni Tutti i corsi devono essere organizzati da Università ovvero Associazioni scientifiche e/o professionali o enti pubblici di riconosciuta esperienza nel settore specifico con verifica finale dell apprendimento

51 51 6 SANATORIA Profili professionali Esperti : proposta CIIP Campi elettromagnetici 0 Hz-300 GHz non coerente UV-VS-IR Radiazione ottica coerente LASER E.C.E.M. E.R.O A.S.L. T.S.L. Competenze adeguate allo svolgimento dei compiti di ECEM Livello di base (2.1) se: -Personale strutturato -SPP/Fisica Sanitaria -Diploma tecnico/ TSRM -5 anni attività documentata ERO Livello di base (2.1) se: -Personale strutturato -SPP/Fisica Sanitaria -Diploma tecnico/ TSRM -5 anni attività documentata ASL/TSL Livello unico se: -5 anni attività documentata fatto salvo l aggiornamento quinquennale

52 52 art.212 Linee Guida Il Ministero della Salute, avvalendosi degli organi tecnicoscientifici del SSN, sentita la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le province autonome di Trento e Bolzano, entro 2 anni dall entrata in vigore del presente decreto, elabora le L.G. per l applicazione del presente Capo nello specifico settore in ambito sanitario delle attrezzature di Risonanza Magnetica.

53 53 D.Lgs.81/2008 CEM: che fare fino al ? Prime indicazioni applicative 1 con la pubblicazione della direttiva 2008/46/CE che rinvia al 30/04/2012 i termini di recepimento della direttiva 2004/40/CE, l Unione europea ha preannunciato una rivalutazione completa sull impatto sociale ed economico di tale direttiva, finalizzata all eventuale presentazione di una proposta di revisione. E pertanto possibile che il Capo IV, la cui entrata in vigore secondo l art.306 è prevista per il 30/04/2012, venga aggiornato alla luce delle nuove risultanze. In questo contesto il documento Regioni-ISPESL intende fornire una prima serie di indicazioni operative, suscettibili di perfezionamento, che orienti gli attori aziendali della sicurezza ad una risposta corretta all esigenza di valutazione del rischio comunque prevista dagli artt.28 e 181 del DLgs.81/2008 anche considerato che le indicazioni desumibili dal Capo IV del Titolo VIII sono in linea con gli orientamenti protezionistici internazionali maggiormente accreditati (ICNIRP, OMS).

54 54 D.Lgs.81/2008 CEM: che fare fino al ? Prime indicazioni applicative 2 Il Documento del Coord. Tecnico Regionale + ISPESL del suggerisce, per venire incontro all esigenza cogente, indifferibile e sanzionabile di valutazione del rischio CEM (ma l indicazione può valere anche per le radiazioni ottiche di cui il Capo V del Titolo VIII del D.Lgs.81/08 entra in vigore a fine aprile 2010), di riferirsi comunque al Capo IV stesso seppur al momento non cogente: sia perché le disposizioni ivi contenute sono in linea con gli orientamenti protezionistici internazionali maggiormente accreditati (ICNIRP, OMS) sia perché proprio l art.181 contiene il richiamo alle norme di buona tecnica e alle buone prassi Il documento si articola in varie FAQ

CEM: EFFETTI SULLA SALUTE E SORVEGLIANZA SANITARIA. dott. Pierantonio Zanon SPISAL ULSS n. 6 VICENZA 8 ottobre 2012

CEM: EFFETTI SULLA SALUTE E SORVEGLIANZA SANITARIA. dott. Pierantonio Zanon SPISAL ULSS n. 6 VICENZA 8 ottobre 2012 CEM: EFFETTI SULLA SALUTE E SORVEGLIANZA SANITARIA dott. Pierantonio Zanon SPISAL ULSS n. 6 VICENZA 8 ottobre 2012 D.Lgs. 81/08 Articolo 206 - Campo di applicazione 1. Il presente capo determina i requisiti

Dettagli

La direttiva europea 2004/40/CE per la protezione dei lavoratori dalle esposizioni ai campi elettromagnetici

La direttiva europea 2004/40/CE per la protezione dei lavoratori dalle esposizioni ai campi elettromagnetici La direttiva europea 2004/40/CE per la protezione dei lavoratori dalle esposizioni ai campi elettromagnetici Paolo Rossi Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro (ISPESL) Monte Porzio

Dettagli

AGENTI FISICI: Campi Elettromagnetici. Radiazioni Ottiche Artificiali

AGENTI FISICI: Campi Elettromagnetici. Radiazioni Ottiche Artificiali AGENTI FISICI: Campi Elettromagnetici Radiazioni Ottiche Artificiali Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo I: Disposizioni generali + Sanzioni Titolo I: da art. 1 a 61 Titolo II: Luoghi di lavoro

Dettagli

ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI NEI LUOGHI DI LAVORO

ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI NEI LUOGHI DI LAVORO Via Cassala 88 Brescia Tel. 030.47488 info@cbf.191.it ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI NEI LUOGHI DI LAVORO DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 TITOLO VIII CAPO IV Le onde elettromagnetiche sono un fenomeno

Dettagli

RASSEGNA SULLE PRINCIPALI MISURE DI RIDUZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETROMAGNETICI (0 300 GHz)

RASSEGNA SULLE PRINCIPALI MISURE DI RIDUZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETROMAGNETICI (0 300 GHz) RASSEGNA SULLE PRINCIPALI MISURE DI RIDUZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETROMAGNETICI (0 300 GHz) Iole Pinto Fisico Responsabile AUSL 7 di Siena Laboratorio Agenti Fisici Area Vasta Toscana Sud E-mail:

Dettagli

Campi elettromagnetici. Normativa e valutazione del rischio

Campi elettromagnetici. Normativa e valutazione del rischio Campi elettromagnetici. Normativa e valutazione del rischio Rosaria Falsaperla Paolo Rossi INAIL(Dipartimento Igiene del lavoro ) rosaria.falsaperla@ispesl.it paolo.rossi@ispesl.it Radiazioni Non Ionizzanti

Dettagli

Il ruolo del medico competente nella prevenzione degli effetti avversi dei CEM nei lavoratori

Il ruolo del medico competente nella prevenzione degli effetti avversi dei CEM nei lavoratori Il ruolo del medico competente nella prevenzione degli effetti avversi dei CEM nei lavoratori Prof. Fabriziomaria Gobba Cattedra di Medicina del Lavoro Dipartimento di Scienze di Sanità Pubblica Università

Dettagli

Fattori di rischio fisico le novità

Fattori di rischio fisico le novità Fattori di rischio fisico le novità Decreto Legislativo 09 aprile 2008 n 81n Attuazione dell articolo 1 della legge 03 agosto 2007, n 123 n in materia di tutela della salute della sicurezza nei luoghi

Dettagli

CONOSCERE I RISCHI, COME PREVENIRLI E CONTROLLARLI REGGIO EMILIA 4 DICEMBRE 2013. Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro

CONOSCERE I RISCHI, COME PREVENIRLI E CONTROLLARLI REGGIO EMILIA 4 DICEMBRE 2013. Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro CAMPI ELETTROMAGNETICI: CONOSCERE I RISCHI, COME PREVENIRLI E CONTROLLARLI REGGIO EMILIA 4 DICEMBRE 2013 Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro 1 Generalità sui campi elettromagnetici L evoluzione

Dettagli

Protezione dei lavoratori contro i rischi per la salute e la sicurezza derivanti dall esposizione ai campi elettromagnetici nelle fonderie

Protezione dei lavoratori contro i rischi per la salute e la sicurezza derivanti dall esposizione ai campi elettromagnetici nelle fonderie Protezione dei lavoratori contro i rischi per la salute e la sicurezza derivanti dall esposizione ai campi elettromagnetici nelle fonderie Fabio Baronio Laboratorio di Campi Elettromagnetici e Fotonica,

Dettagli

CAPO IV - PROTEZIONE DEI LAVORATORI DAI RISCHI DI ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

CAPO IV - PROTEZIONE DEI LAVORATORI DAI RISCHI DI ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI CAPO IV - PROTEZIONE DEI AVORATORI DAI RISCHI DI ESPOSIZIONE A CAMPI EETTROMAGNETICI Articolo 206 - Campo di applicazione 1. Il presente capo determina i requisiti minimi per la protezione dei lavoratori

Dettagli

CAMPI ELETTROMAGNETICI

CAMPI ELETTROMAGNETICI Riferimenti Normativi Decreto Legislativo 81/2008 come modificato da D. Lgs. 106/09 TITOLO VIII AGENTI FISICI Capo IV Protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a campi elettromagnetici Art. 207

Dettagli

La nuova direttiva europea 2004/40/CE sulla protezione dei lavoratori dalle esposizioni ai campi elettromagnetici: presentazione e contenuti

La nuova direttiva europea 2004/40/CE sulla protezione dei lavoratori dalle esposizioni ai campi elettromagnetici: presentazione e contenuti La nuova direttiva europea 2004/40/CE sulla protezione dei lavoratori dalle esposizioni ai campi elettromagnetici: presentazione e contenuti Paolo Rossi Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza

Dettagli

Sorgenti di campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici nelle attività lavorative

Sorgenti di campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici nelle attività lavorative Sorgenti di campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici nelle attività lavorative Gian Marco Contessa Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Lunghezza d onda Frequenza m Hz RADIAZIONI IONIZZANTI

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA. Le radiazioni laser e il d.lgs. 81/08

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA. Le radiazioni laser e il d.lgs. 81/08 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA AREA AMBIENTE E SICUREZZA Le radiazioni laser e il d.lgs. 81/08 Ing. Dante Milani Ufficio rischi fisici e tecnologici Tel. 0382 984887 E-mail: dante.milani@unipv.it Associazione

Dettagli

La valutazione del rischio

La valutazione del rischio RISCHI DA CAMPI ELETTROMAGNETICI IN AMBIENTE LAVORATIVO Auditorium Centro Famiglia di Nazareth Strada Formigina 319 Modena, 29 settembre 2009 La valutazione del rischio Paolo Rossi Istituto Superiore per

Dettagli

CEM: rischio o risorsa? Impieghi ed effetti biologici

CEM: rischio o risorsa? Impieghi ed effetti biologici A N P E Q -- Protezione dalle radiazioni ionizzanti Associazione Nazionale Professionale Esperti Mercoledì 14 ottobre 2015 ore 14:30 18:15 MILANO V.le G. D Annunzio, 15 Centro per la Cultura della Prevenzione

Dettagli

D. Lgs 81/08 titolo VIII AGENTI FISICI. A cura di Norberto Canciani

D. Lgs 81/08 titolo VIII AGENTI FISICI. A cura di Norberto Canciani D. Lgs 81/08 titolo VIII AGENTI FISICI A cura di Norberto Canciani Capo I: DISPOSIZIONI GENERALI - definizioni e campo di applicazione - Agenti fisici: rumore, ultrasuoni, infrasuoni, vibrazioni meccaniche,

Dettagli

Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni non ionizzanti

Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni non ionizzanti Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni non ionizzanti Per questo corso non si consiglia nessun libro di testo t pertanto t il file contiene sia pagine didattiche sia pagine di approfondimento messe a punto

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 19 novembre 2007, n. 257

DECRETO LEGISLATIVO 19 novembre 2007, n. 257 DECRETO LEGISLATIVO 19 novembre 2007, n. 257 Attuazione della direttiva 2004/40/CE sulle prescrizioni minime di sicurezza e di salute relative all esposizione dei lavoratori ai rischi derivanti dagli agenti

Dettagli

EFFETTI BIOLOGICI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI

EFFETTI BIOLOGICI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI EFFETTI BIOLOGICI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI In questo capitolo analizzeremo le problematiche legate agli effetti che i campi elettromagnetici a radiofrequenza possono avere nei confronti dell uomo. Verranno,

Dettagli

Unione di Comuni Valle del Samoggia

Unione di Comuni Valle del Samoggia Titolo: DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ALLEGATI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE ESPOSIZIONE A CAMPI E.M. Rif. doc.: DVR.CE Rev.: 0.0 Data: : Allegato n 3 Decreto Legislativo 9 Aprile

Dettagli

Lo sviluppo tecnologico, con il relativo aumento esponenziale del rischio da esposizione, non e stato seguito da adeguate misure preventive.

Lo sviluppo tecnologico, con il relativo aumento esponenziale del rischio da esposizione, non e stato seguito da adeguate misure preventive. AGENTI FISICI IL RUMORE INTRODUZIONE Il rumore negli ambienti di lavoro è ormai diventato uno dei problemi più importanti tra quelli compresi nell igiene del lavoro. La continua meccanizzazione della produzione

Dettagli

SOMMARIO GENERALE. Capitolo 3: Normative sui campi elettromagnetici, Luisa Biazzi Le raccomandazioni internazionali ed europee, le leggi italiane

SOMMARIO GENERALE. Capitolo 3: Normative sui campi elettromagnetici, Luisa Biazzi Le raccomandazioni internazionali ed europee, le leggi italiane SOMMARIO GENERALE INDICE SPECIFICO 2-4 Introduzione generale, Giovanni Bellenda, Rino Pavanello 5-48 Capitolo 1: Principi fisici-interazioni-effetti, Luisa Biazzi Premessa: quale elettrosmog?, fisica dei

Dettagli

COMUNE DI ERACLEA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA CAMPI ELETTROMAGNETICI

COMUNE DI ERACLEA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA CAMPI ELETTROMAGNETICI SEDE LEGALE: piazza Garibaldi, 54 30020 Eraclea (VE) DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI DA CAMPI ELETTROMAGNETICI Redatto ai sensi: Titolo VIII, Capitolo IV del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e s.m.i. Prot.

Dettagli

Campi Elettromagnetici in Alta Frequenza. Sorgenti, Misure, Effetti, Normativa

Campi Elettromagnetici in Alta Frequenza. Sorgenti, Misure, Effetti, Normativa Campi Elettromagnetici in Alta Frequenza Sorgenti, Misure, Effetti, Normativa Campi elettromagnetici ad alta frequenza I campi elettromagnetici non ionizzanti (sorgenti NIR) hanno una banda compresa tra

Dettagli

Belluno, 21 giugno 2012. RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI: aspetti prevenzionistici

Belluno, 21 giugno 2012. RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI: aspetti prevenzionistici Belluno, 21 giugno 2012 RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI: aspetti prevenzionistici Aspetti fisici: caratteristiche generali delle radiazioni ottiche artificiali e tipiche sorgenti occupazionali Definizione

Dettagli

Campi elettromagnetici: conoscenze attuali e misure a Pavia

Campi elettromagnetici: conoscenze attuali e misure a Pavia Campi elettromagnetici: conoscenze attuali e misure a Pavia Gli esseri viventi sono da sempre esposti alle radiazioni naturali prodotte dalla Terra, dall atmosfera e dal Sole: raggi cosmici, radiazioni

Dettagli

RISCHI DA CAMPI ELETTROMAGNETICI IN AMBIENTE LAVORATIVO. Alcune considerazioni sul ruolo del R-SPP e del RLS

RISCHI DA CAMPI ELETTROMAGNETICI IN AMBIENTE LAVORATIVO. Alcune considerazioni sul ruolo del R-SPP e del RLS RISCHI DA CAMPI ELETTROMAGNETICI IN AMBIENTE LAVORATIVO Alcune considerazioni sul ruolo del R-SPP e del RLS Omar Nicolini (o.nicolini@ausl.mo.it) 1 DLgs.81/2008 entrata in vigore: 15 maggio 2008 Principali

Dettagli

AGENTI FISICI TITOLO VIII - AGENTI FISICI CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI. 14.42.17 Ing. P. Pierannunzi - Medicina del lavoro 1/16

AGENTI FISICI TITOLO VIII - AGENTI FISICI CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI. 14.42.17 Ing. P. Pierannunzi - Medicina del lavoro 1/16 TITOLO VIII - AGENTI FISICI CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI 14.42.17 Ing. P. Pierannunzi - Medicina del lavoro 1/16 Articolo 180 - Definizioni e campo di applicazione 1. Ai fini del presente decreto legislativo

Dettagli

D.LGS.81/08 TITOLO VIII CAPO V RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI (ROA)

D.LGS.81/08 TITOLO VIII CAPO V RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI (ROA) D.LGS.81/08 TITOLO VIII CAPO V RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI (ROA) 1.1 Descrizione della fonte di rischio Le radiazioni ROA sono radiazioni elettromagnetiche che hanno la caratteristica di avere una lunghezza

Dettagli

Rischi da Agenti Fisici: Campi Elettromagnetici (CEM)

Rischi da Agenti Fisici: Campi Elettromagnetici (CEM) Università di Ferrara Insegnamento di Sicurezza nei luoghi di lavoro CdL Area Sanitaria A.A. 2011-2012 Rischi da Agenti Fisici: Campi Elettromagnetici (CEM) Dott. Salvatore Mìnisci Art. 180 DLgs 81/08-

Dettagli

Agenti Fisici Titolo VIII D. Lgs 81/2008 s.m.i.

Agenti Fisici Titolo VIII D. Lgs 81/2008 s.m.i. Agenti Fisici Titolo VIII D. Lgs 81/2008 s.m.i. Agenti fisici presenti nell Università Illuminazione e Microclima Rumore e Vibrazioni Radiazioni ionizzanti Radiazioni non ionizzanti Radiazioni ottiche

Dettagli

Caratterizzazione dell esposizione ai campi elettromagnetici in ambito ospedaliero F.Bonutti Fisica Sanitaria AOUSMM Udine NORMATIVA

Caratterizzazione dell esposizione ai campi elettromagnetici in ambito ospedaliero F.Bonutti Fisica Sanitaria AOUSMM Udine NORMATIVA Caratterizzazione dell esposizione ai campi elettromagnetici in ambito ospedaliero F.Bonutti Fisica Sanitaria AOUSMM Udine NORMATIVA Esposizione occupazionale ai campi elettromagnetici (cem) : direttiva

Dettagli

Sorgenti di campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici nelle attività lavorative

Sorgenti di campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici nelle attività lavorative Sorgenti di campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici nelle attività lavorative Rosaria Falsaperla Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro (ISPESL) Monte Porzio Catone - Roma

Dettagli

Esposizione ai campi elettromagnetici

Esposizione ai campi elettromagnetici Esposizione ai campi elettromagnetici Campi elettromagnetici I campi elettromagnetici si propagano sotto forma di onde elettromagnetiche, frequenza numero di oscillazioni che l'onda elettromagnetica compie

Dettagli

LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO

LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO Quando si parla di inquinamento elettromagnetico o più comunemente elettrosmog ci si riferisce alle alterazioni del campo magnetico naturale generate

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL E IL RUOLO DEL TECNICO SICUREZZA LASER

LA VALUTAZIONE DEL E IL RUOLO DEL TECNICO SICUREZZA LASER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO LASER E IL RUOLO DEL TECNICO SICUREZZA LASER Il presente articolo affronta il tema della valutazione dei rischi delle radiazioni laser ed è sostanzialmente diviso in due parti:

Dettagli

POLISTUDIO. Ing. Federica Riva

POLISTUDIO. Ing. Federica Riva Ing. Federica Riva Cosa sono le radiazioni Differenze da sorgenti coerenti ed incoerenti Effetti per la sicurezza e salute Normativa nazionale e norme tecniche Il termine luce (dal latino, lux, lucis)

Dettagli

Agenti fisici presenti nell Università

Agenti fisici presenti nell Università Agenti Fisici Agenti fisici presenti nell Università Illuminazione e Microclima Rumore e Vibrazioni Radiazioni ionizzanti Radiazioni non ionizzanti Radiazioni ottiche artificiali Rumore Comunemente identificato

Dettagli

Esposizioni ai campi elettromagnetici nelle attività sanitarie

Esposizioni ai campi elettromagnetici nelle attività sanitarie Esposizioni ai campi elettromagnetici nelle attività sanitarie Dr. R. Di Liberto r.diliberto@smatteo.pv.it Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia 1 Le

Dettagli

Protezione dei lavoratori

Protezione dei lavoratori VI Sessione : Gestione del rischio Protezione dei lavoratori Rosaria Falsaperla Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro (ISPESL) rosaria.falsaperla@ispesl.it grazie anche a Paolo

Dettagli

Principali attività lavorative a rischio

Principali attività lavorative a rischio Principali attività lavorative a rischio Rosaria Falsaperla Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro (ISPESL) Monte Porzio Catone - Roma rosaria.falsaperla@ispesl.it Seminario di

Dettagli

Valutazione e protezione dei rischi delle Radiazioni Ottiche Artificiali. Rischio laser in ambito medicale

Valutazione e protezione dei rischi delle Radiazioni Ottiche Artificiali. Rischio laser in ambito medicale Valutazione e protezione dei rischi delle Radiazioni Ottiche Artificiali Rischio laser in ambito medicale DLgs 81/2008 titolo VIII, capo V Indicazioni operative ISPESL www.ispesl.it Michele Saba Dipartimento

Dettagli

ALLEGATO XXXVI CAMPI ELETTROMAGNETICI

ALLEGATO XXXVI CAMPI ELETTROMAGNETICI ALLEGATO XXXVI CAMPI ELETTROMAGNETICI Le seguenti grandezze fisiche sono utilizzate per descrivere l'esposizione ai campi elettromagnetici: Corrente di contatto (I(base)C). La corrente che fluisce al contatto

Dettagli

ONDE ELETTROMAGNETICHE

ONDE ELETTROMAGNETICHE ONDE ELETTROMAGNETICHE ONDE ELETTROMAGNETICHE Sono parte integrante dell ambiente in cui viviamo e lavoriamo Di origine artificiale (per esempio le onde radio, radar e nelle telecomunicazioni) Di origine

Dettagli

Classificazione dei laser

Classificazione dei laser Classificazione dei laser ATTENZIONE: i criteri di classificazione sono cambiati Classi introdotte nel 1993 Classi introdotte nel 2007 1 1 1M 2 2 3A 3B 2M 3R 3B 4 4 Che cos è la coerenza (spaziale):

Dettagli

elettrosmog radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti frequenze.

elettrosmog radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti frequenze. Con il termine elettrosmog si intende l'inquinamento elettromagnetico derivante da radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti quali quelle prodotte dalle infrastrutture di telecomunicazioni come la radiodiffusione

Dettagli

Anno 1. ELETTROSMOG ( Inquinamento elettromagnetico )

Anno 1. ELETTROSMOG ( Inquinamento elettromagnetico ) Anno 1 ELETTROSMOG ( Inquinamento elettromagnetico ) Dispense preparate da : Tiziano Guerzoni In collaborazione con Sergio Berti ORGANIZZAZIONE DELLE DISPENSE Basi propedeutiche Effetti 1 BASI PROPEDEUTICHE

Dettagli

ONDE ELETTROMAGNETICHE: RISCHIO PER LA SALUTE? Il dibattito circa l influenza delle onde eletromagnetiche sulla nostra salute permane vivace e

ONDE ELETTROMAGNETICHE: RISCHIO PER LA SALUTE? Il dibattito circa l influenza delle onde eletromagnetiche sulla nostra salute permane vivace e ONDE ELETTROMAGNETICHE: RISCHIO PER LA SALUTE? Il dibattito circa l influenza delle onde eletromagnetiche sulla nostra salute permane vivace e controverso e provoca ricorrenti allarmismi nell opinione

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA D.Lgs. 19 Novembre 2007, n. 257 Attuazione della direttiva 2004/40/CE sulle prescrizioni minime di sicurezza e di salute relative all'esposizione dei lavoratori ai rischi derivanti dagli agenti fisici

Dettagli

Campi elettromagnetici: esposizione professionale, rischi e orientamenti per la sorveglianza sanitaria dei lavoratori. Parte 3: Orientamenti per la SS

Campi elettromagnetici: esposizione professionale, rischi e orientamenti per la sorveglianza sanitaria dei lavoratori. Parte 3: Orientamenti per la SS Campi elettromagnetici: esposizione professionale, rischi e orientamenti per la sorveglianza sanitaria dei lavoratori. Parte 3: Orientamenti per la SS Fabriziomaria Gobba Cattedra di Medicina del Lavoro

Dettagli

CAMPI ELETTROMAGNETICI

CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI Che cos è un campo elettromagnetico? Un campo elettromagnetico è una regione dello spazio in cui c è tensione elettrica. È il caso, ad esempio, della regione di spazio in cui vi

Dettagli

1 Ruolo di ARPA 2 Normativa di riferimento 3 Realizzazione di una misura 4 Strumentazione di misura

1 Ruolo di ARPA 2 Normativa di riferimento 3 Realizzazione di una misura 4 Strumentazione di misura CAMPI ELETTROMAGNETICI 1 Ruolo di ARPA 2 Normativa di riferimento 3 Realizzazione di una misura 4 Strumentazione di misura 5 Come si ottiene una misura 6 Comunicazione con il pubblico 7 Percezione del

Dettagli

Valutazione e protezione dei rischi delle Radiazioni Ottiche Artificiali

Valutazione e protezione dei rischi delle Radiazioni Ottiche Artificiali Valutazione e protezione dei rischi delle Radiazioni Ottiche Artificiali DLgs 81/2008 titolo VIII, capo V Indicazioni operative ISPESL www.ispesl.it Michele Saba Dipartimento di Fisica Università di Cagliari

Dettagli

La valutazione dei rischi da campi elettromagnetici in ambiente lavorativo

La valutazione dei rischi da campi elettromagnetici in ambiente lavorativo La valutazione dei rischi da campi elettromagnetici in ambiente lavorativo Generalità sui campi elettromagnetici (CEM) Campi elettromagnetici naturali Campo elettrico Campo magnetico Campi elettromagnetici

Dettagli

MISURE DI CAMPO ELETTROMAGNETICO E VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI ESPOSIZIONE

MISURE DI CAMPO ELETTROMAGNETICO E VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI ESPOSIZIONE MISURE DI CAMPO ELETTROMAGNETICO E VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI ESPOSIZIONE RILASCIATA A: Sena Facility Management Soc. Cons. a r.l. via A. Rosi, 58-53100 - Siena IDENTIFICAZIONE DEL SITO: Azienda Regionale

Dettagli

Campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici

Campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici Campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici Anna Maria Vandelli Dipartimento di Sanità Pubblica AUSL Modena SPSAL Sassuolo Campo Elettrico: si definisce campo elettrico il fenomeno fisico che conferisce

Dettagli

Campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici. Anna Maria Vandelli Dipartimento di Sanità Pubblica AUSL Modena SPSAL Sassuolo

Campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici. Anna Maria Vandelli Dipartimento di Sanità Pubblica AUSL Modena SPSAL Sassuolo Campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici Anna Maria Vandelli Dipartimento di Sanità Pubblica AUSL Modena SPSAL Sassuolo Campo Elettrico: si definisce campo elettrico il fenomeno fisico che conferisce

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA

EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA Fattori che hanno determinato l evoluzionel 1 Recepimento delle Direttive Comunitarie con conseguente passaggio dalla normativa nazionale a quella comunitaria Le Direttive sono

Dettagli

ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI

ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI Le seguenti grandezze fisiche sono utilizzate per descrivere l'esposizione ai campi elettromagnetici:

Dettagli

COMUNE DI SETTALA PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI SETTALA PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI SETTALA PROVINCIA DI MILANO Assessorato all Ambiente, Attività Produttive e SUAP Valutazione di impatto elettromagnetico generato da antenne di telefonia mobile e cabina ENEL sul territorio comunale

Dettagli

Esposizione a campi elettromagnetici e a radiazioni ottiche artificiali: gli effetti sulla salute Nicoletta De Marzo SPISAL ULSS 2 Feltre

Esposizione a campi elettromagnetici e a radiazioni ottiche artificiali: gli effetti sulla salute Nicoletta De Marzo SPISAL ULSS 2 Feltre Esposizione a campi elettromagnetici e a radiazioni ottiche artificiali: gli effetti sulla salute Nicoletta De Marzo SPISAL Feltre Radiazioni non ionizzanti - NIR includono: 1. Campi elettrici e magnetici

Dettagli

Radiazioni Ottiche Artificiali: gli adempimenti legislativi. Andrea Guerzoni SPSAL AUSL di Ferrara - 21/10/2010

Radiazioni Ottiche Artificiali: gli adempimenti legislativi. Andrea Guerzoni SPSAL AUSL di Ferrara - 21/10/2010 Radiazioni Ottiche Artificiali: gli adempimenti legislativi Andrea Guerzoni SPSAL AUSL di Ferrara - 21/10/2010 D.Lgs. 81/2008 Titolo VIII Capo V non sono previsti Valori di Azione, ma solo Valori Limite

Dettagli

Lunghezza d onda λ (metri)

Lunghezza d onda λ (metri) RISCHI DA CAMPI ELETTROMAGNETICI IN AMBIENTE LAVORATIVO Fonti : ISPESL, ISS, ELETTRA2000, ASL di Siena, Az.USL di Modena Coordinamento Tecnico per la sicurezza nei luoghi di lavoro delle Regioni e delle

Dettagli

TECNOLOGIE NEL CAMPO DEL BENESSERE

TECNOLOGIE NEL CAMPO DEL BENESSERE L AVVENTO DELLE Free Powerpoint Templates TECNOLOGIE NEL CAMPO DEL BENESSERE Dr. Daniele Dondarini Responsabile CNA Benessere e Sanità Emilia Romagna Free Powerpoint Templates Page 1 1990 Free Powerpoint

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

Un sistema libero, un sistema sano. 22. Prevenzione dei rischi da sorgenti di radiazioni non ionizzanti impiegate in ambito sanitario

Un sistema libero, un sistema sano. 22. Prevenzione dei rischi da sorgenti di radiazioni non ionizzanti impiegate in ambito sanitario Un sistema libero, un sistema sano. 22 Prevenzione dei rischi da sorgenti di radiazioni non ionizzanti impiegate in ambito sanitario Prevenzione dei rischi da sorgenti di radiazioni non ionizzanti impiegate

Dettagli

Viaggio tra le ONDE PER SAPERNE DI PIU

Viaggio tra le ONDE PER SAPERNE DI PIU PER SAPERNE DI PIU Su queste tematiche esiste una notevole pubblicistica, di seguito si segnalano alcuni siti web di valenza istituzionale, che si occupano di salute e di ambiente e quindi anche dell argomento

Dettagli

EFFETTI SULLA SALUTE E SORVEGLIANZA SANITARIA

EFFETTI SULLA SALUTE E SORVEGLIANZA SANITARIA Le Radiazioni Ottiche alla Luce del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.: Problematiche e Prospettive SEZIONE LAMUS EFFETTI SULLA SALUTE E SORVEGLIANZA SANITARIA Roma, 10/03/2010 Coordinamento Tecnico Interregionale

Dettagli

QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO

QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO CENNI STORICI UN SALTO DI QUALITÀ NELLA LEGISLAZIONE SULLA PREVENZIONE INFORTUNI E L IGIENE DEL LAVORO VIENE DATO DAL PROGRESSIVO CONSOLIDAMENTO DELLA COMUNITÀ EUROPEA,

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA Radiazioni Ottiche Artificiali

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA Radiazioni Ottiche Artificiali VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA Radiazioni Ottiche Artificiali Dr. Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo - Pavia 1 E possibile definire i passi

Dettagli

e le radiazioni ottiche naturali?

e le radiazioni ottiche naturali? e le radiazioni ottiche naturali? art. 17: il datore di lavoro deve compiere una valutazione di tutti i rischi; art. 28: la valutazione dei rischi deve riguardare tutti i rischi per le sicurezza e la salute

Dettagli

Normativa e compiti di ARPA nella valutazione delle SRB

Normativa e compiti di ARPA nella valutazione delle SRB ArpaInforma iniziative di informazione alla popolazione e di supporto tecnico agli Enti locali Comune di Scandiano Normativa e compiti di ARPA nella valutazione delle SRB Maurizio Poli, Paolo Zanichelli

Dettagli

I CAMPI AD ALTA FREQUENZA

I CAMPI AD ALTA FREQUENZA MERCOLEDÌ 14 OTTOBRE 2015 CAMPI ELETTROMAGNETICI (CEM) IN CASA, NELL AMBIENTE, NELLA SANITÀ, NELL INDUSTRIA: NOI IN UN MONDO DI ONDE I CAMPI AD ALTA FREQUENZA RELATORE: FEDERICO MOLINA DR.SSA ANNA MARIA

Dettagli

Art. 2 Apparecchiature non soggette ad autorizzazione. Art. 3 Apparecchiature soggette ad autorizzazione ministeriale

Art. 2 Apparecchiature non soggette ad autorizzazione. Art. 3 Apparecchiature soggette ad autorizzazione ministeriale Decreto del ministero della sanità del 03/08/1993 AGGIORNAMENTO DI ALCUNE NORME CONCERNENTI L'AUTORIZZAZIONE ALL'INSTALLAZIONE ED ALL'USO DI APPARECCHIATURE A RISONANZA MAGNETICA. Art. 1 Apparecchiature

Dettagli

Newsletter 11/2012. Introduzione. Definizione ROA e Laser. Codroipo, lì 11 ottobre 2012 Prot. 5712LM

Newsletter 11/2012. Introduzione. Definizione ROA e Laser. Codroipo, lì 11 ottobre 2012 Prot. 5712LM Codroipo, lì 11 ottobre 2012 Prot. 5712LM Newsletter 11/2012 Introduzione Per quanto riguarda il rischio fisico, le radiazioni ottiche artificiali (ROA) ed i laser rappresentano uno dei fattori di rischio

Dettagli

RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI

RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI Riferimenti Normativi Decreto Legislativo 81/08 come modificato da D. Lgs. 106/09 TITOLO VIII AGENTI FISICI CAPO V Protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a radiazioni ottiche artificiali Art.

Dettagli

CAMPI ELETTROMAGNETICI: LA TUTELA DEI LAVORATORI E DELLA POPOLAZIONE

CAMPI ELETTROMAGNETICI: LA TUTELA DEI LAVORATORI E DELLA POPOLAZIONE Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli Conversazioni CAMPI ELETTROMAGNETICI: LA TUTELA DEI LAVORATORI E DELLA POPOLAZIONE Napoli, 3 Febbraio 2012 Testimonianze dal mondo aziendale Ing. Maria

Dettagli

Un esperienza di valutazione rischio ROA in sanità

Un esperienza di valutazione rischio ROA in sanità Un esperienza di valutazione rischio ROA in sanità Marco Cirilli - RSPP ASL 12 di Viareggio - 1 Articolo 181 - Valutazione dei rischi 1... il datore di lavoro valuta tutti i rischi derivanti da esposizione

Dettagli

AERONAUTICA MILITARE ITALIANA

AERONAUTICA MILITARE ITALIANA AERONAUTICA MILITARE ITALIANA TECHNICAL REPORT SISTEMA DI MONITORAGGIO DELLE EMISSIONI E.M. IN BANDA RADAR E RADIO PRESENTAZIONE ED ANALISI DEI DATI Technical Report 2014-10-09 12:45:45 - Pagina 1/47 CONTESTO

Dettagli

Tecniche di Misura e Strumentazione per l adeguamento alle nuove

Tecniche di Misura e Strumentazione per l adeguamento alle nuove Tecniche di Misura e Strumentazione per l adeguamento alle nuove Normative Alessandro ROGOVICH Dept. of Information Engineering, Pisa University, Pisa, Italy Microwave & Radiation Laboratory alessandro.rogovich@iet.unipi.it

Dettagli

SEMINARIO Carmagnola,, 23 febbraio 2010 CHE FARE?

SEMINARIO Carmagnola,, 23 febbraio 2010 CHE FARE? SEMINARIO Carmagnola,, 23 febbraio 2010 Formazione, Consulenza, Gestione Ambiente e Sicurezza RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI CHE FARE? Relazione 6 Organizzazione di una campagna di misure Ing.. Anna BARAVALLE

Dettagli

I CAMPI ELETTROMAGNETICI NEI LUOGHI DI LAVORO

I CAMPI ELETTROMAGNETICI NEI LUOGHI DI LAVORO I CAMPI ELETTROMAGNETICI NEI LUOGHI DI LAVORO F.Garzia Ingegneria della Sicurezza - DICMMPM Università degli Studi di Roma La Sapienza Via Eudossiana, 18-00184 Roma tel. 0644585626, fax 06233207150, email

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08. La sicurezza LASER nei laboratori (ROA)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08. La sicurezza LASER nei laboratori (ROA) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 La sicurezza LASER nei laboratori (ROA) Articolazione Intervento Inquadramento normativo Danni fisiologici da ROA

Dettagli

Le grosse elettrocalamite per il sollevamento o la cernita di materiali ferrosi rientrano tra le sorgenti pericolose?

Le grosse elettrocalamite per il sollevamento o la cernita di materiali ferrosi rientrano tra le sorgenti pericolose? Un antenna WiFi posizionata nella tromba delle scale, che quindi fornisce il segnale a più piani, può causare danni alle persone e in particolare ai bambini? Non ci sono evidenze scientifiche di danni

Dettagli

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Esposizioni in condizioni complesse Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Valutazione dell esposizione a CEM La valutazione pratica dell esposizione ai campi elettrici

Dettagli

APPUNTI SULLE RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI (R.O.A.)

APPUNTI SULLE RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI (R.O.A.) APPUNTI SULLE RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI (R.O.A.) Ing. Euro Settimelli (HS lead auditor) Il 26 Aprile 2010 entreranno in vigore gli obblighi in merito alle Radiazioni Ottiche Artificiali previsti dal

Dettagli

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita Gentile Signore/a, desideriamo fornirle alcune informazioni circa l esame diagnostico cui andrà a sottoporsi: Come si svolge l esame Per procedere all esame sarà fatta coricare, prona, su apposito lettino

Dettagli

La valutazione dell esposizione dei lavoratori ai campi elettromagnetici

La valutazione dell esposizione dei lavoratori ai campi elettromagnetici La valutazione dell esposizione dei lavoratori ai campi elettromagnetici Sara Adda Arpa Piemonte Centro Regionale Radiazioni Ionizzanti e Non Ionizzanti LO SPETTRO DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI 0-300 Hz ELF

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Norme operative interne relative al rischio associato a campi elettromagnetici a radiofrequenza e microonde, campi magnetici statici, impianti a risonanza magnetica nucleare e sostanze criogene (D.Lgs.

Dettagli

La sicurezza negli impianti di Risonanza Magnetica

La sicurezza negli impianti di Risonanza Magnetica UNIVERSITA degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Principi di funzionamento di un Tomografo RM La sicurezza negli impianti di Risonanza Magnetica Dott. Gianni Gobbi S.C. di Fisica Sanitaria

Dettagli

CAMPI ELETTROMAGNETICI

CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI EFFETTI SANITARI Nembro 9 ottobre 2007 Dr. Pietro Imbrogno Dr.ssa Lucia Antonioli Area Dipartimentale SALUTE E AMBIENTE Esposizione ai campi elettromagnetici L umanità è sempre stata

Dettagli

Valutazione delle esposizioni. Valutazione delle esposizioni

Valutazione delle esposizioni. Valutazione delle esposizioni Convegno Nazionale Salute e campi elettromagnetici: dalla ricerca alla protezione I sessione Il quadro delle conoscenze: aspetti fisici Valutazione delle esposizioni Valutazione delle esposizioni Ing.

Dettagli

LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE

LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE IL TELEFONO CELLULARE. UNA FONTE DI RISCHIO PER LA NOSTRA SALUTE? LE RISPOSTE DELLA SCIENZA. IR 1 LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE IL TELEFONO CELLULARE. UNA

Dettagli

TITOLO VIII AGENTI FISICI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

TITOLO VIII AGENTI FISICI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI TITOLO VIII AGENTI FISICI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 180 Definizioni e campo di applicazione 1. Ai fini del presente decreto legislativo per agenti fisici si intendono il rumore, gli ultrasuoni,

Dettagli

LE RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE IN MEDICINA

LE RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE IN MEDICINA LE RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE IN MEDICINA Spettro elettromagnetico Radiazioni termiche: microonde infrarossi Radiazioni ionizzanti: ultravioletti raggi X raggi gamma pag.1 Spettro elettromagnetico (fermi)

Dettagli

Cellulare e pacemaker: vanno d accordo?

Cellulare e pacemaker: vanno d accordo? Cellulare e pacemaker: vanno d accordo? ASL Città di Milano Dipartimento di Prevenzione Unità Operativa Tossicologia ed Epidemiologia Ambientale A cura di: Simonetta Chierici - Marina Rampinini Si ringraziano:

Dettagli