DOCUMENTAZIONE MINIMA PER PRATICHE EDILIZIE (Mod. 1)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTAZIONE MINIMA PER PRATICHE EDILIZIE (Mod. 1)"

Transcript

1 DOCUMENTAZIONE MINIMA PER PRATICHE EDILIZIE (Mod. 1) A) Documentazione Minima Istanza per Richiesta di Permesso di Costruire (PdC) RICEVUTA del versamento dei diritti di segreteria di.290,00 (N.B. per cubatura complessiva di progetto superiore a mc 500,00 consultare la Tabella A Diritti di Segreteria per Permesso a Costruire come da D.G.C. n. 3 del ) su c/c postale n intestato a: Comune di Melito di Napoli Serv. Tesoreria S.U.E. (avendo cura di indicare il nominativo del richiedente e la causale del versamento: Diritti di segreteria pratica P.d.C. immobile in Via civ. ); RICEVUTA del versamento dei diritti di istruttoria di.250,00 (N.B. per una volumetria geometrica complessiva superiore a mc 1000,00 l importo è di.500,00 come da D.G.C. n. 3 del ) c/c postale n intestato a: Comune di Melito di Napoli Serv. Tesoreria S.U.E. (avendo cura di indicare il nominativo del richiedente e la causale del versamento: Diritti di Istruttoria pratica P.d.C. immobile in Via civ. ); N.1 MARCA DA BOLLO di. 16,00 (da apporre sull istanza) N.3 COPIE ISTANZA del Permesso di Costruire su apposito modello (disponibile on line sul sito del Comune di Melito di Napoli), sottoscritta timbrata e firmata nei lembi di giunzione di ogni pagina dai soggetti legittimati e dal/dai tecnico/i incaricato/i; N.3 COPIE RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA ED ASSEVERATA contenente la descrizione particolareggiata dell intervento e delle opere da realizzare nonché il rispetto delle stesse alla normativa edilizia vigente. La stessa relazione deve essere corredata dell asseverazione, da parte del tecnico incaricato, circa la conformità dello stato dei luoghi (ante operam) al titolo abilitativo dell immobile oggetto di intervento. La suddetta relazione, corredata di frontespizio sintetico e documento di identità, deve recare timbro e firma a nome del tecnico, nei lembi di giunzione di tutte le pagine DOCUMENTO DI RICONOSCIMENTO (copia fronte\retro) in corso di validità, della DITTA RICHIEDENTE; DOCUMENTO DI RICONOSCIMENTO (copia fronte\retro) in corso di validità, del TECNICO INCARICATO; COPIA COMFORME TITOLO DI PROPRIETA e disponibilità dell immobile\area in oggetto oppure Autocertificazione laddove ritenuta sufficiente dal Responsabile del Procedimento (come riportato nel D.P.R. 445/2000 T.U. documentazione amministrativa) per il diritto a richiedere il permesso di costruire, nonché copia legale di eventuali convenzioni coi confinanti; VISURA CATASTALE STORICA ufficiale ed aggiornata dell immobile oggetto degli interventi; PLANIMETRIA CATASTALE ufficiale ed aggiornata dell immobile in oggetto; PROSPETTO ASSEVERATO, redatto dal tecnico, di determinazione del contributo di costruzione di cui agli articoli 16 e 19 del DPR n. 380/81, così come approvato con D.G.C. MODELLO ISTAT per gli interventi di nuova edificazione,di ampliamento e di ristrutturazione di cui all art. 3 lettera d), del D.P.R n. 380; DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA (interna/esterna) dell immobile e delle parti dell immobile oggetto di intervento (con indicazione dei punti di scatto in pianta) recante data su tutte le foto e timbro e firma a nome del tecnico, nei lembi di giunzione di tutte le pagine; Mod. 1 Documentazione minima v.01 pagina 1

2 ELABORATI GRAFICI (N.3 Copie) da redigere rigorosamente in tavola unica (ripiegata in formato A4 e riportante apposita mascherina di presentazione). I suddetti grafici devono consentire l immediata comparazione tra lo stato attuale e di progetto dell intervento riportato nelle planimetrie,piante, sezioni e prospetti. Gli stessi grafici devono contenere: 1. Stralcio Aerofotogrammetrico con indicazione specifica dell immobile in esame; 2. Stralcio del P.R.G. con l esatta individuazione dell area dove ricade l edificio in oggetto; 3. Stralcio Planimetria catastale con indicazione specifica della particella in esame; 4. Ortofoto (Facoltativo); 5. Planimetria in scala 1/500 e/o 1/200 con specifica indicazione dell orientamento con l indicazione del nord, confini del lotto edificabile, distanze dai confini, dalle strade e dai fabbricati limitrofi, altezza massima del fabbricato oggetto di intervento e di quelli circostanti, indicazione sui tracciati delle reti tecnologiche e relativi allacci; 6. Schema fognario in scala 1:500 o 1:200; 7. Piante, Prospetti e Sezioni dello Stato di Fatto in scala non inferiore a 1:100 con indicazione delle quote (interne ed esterne) e delle destinazioni d uso di tutti i locali (riportare indicazione degli estremi del titolo abilitativo dello stato di fatto: Stato di fatto come da C.E.\D.I.A.\PdC prot. n. del ) ed evidenziare le parti demolite e le aree di nuova realizzazione\ampliamento; 8. Piante, Prospetti e Sezioni di Progetto con indicazione delle misure interne ed esterne e della destinazione d uso dei vari locali; Mod. 1 Documentazione minima v.01 pagina 2

3 B) Documentazione Minima per Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) Le Istanze prive della seguente documentazione saranno ritenute IMPROCEDIBILI con conseguente ARCHIVIAZIONE della pratica ed INEFFICACIA per i lavori eseguiti o da eseguirsi. RICEVUTA DI VERSAMENTO (recante gli estremi del versamento ovvero timbro e data dell ufficio postale) per DIRITTI DI SEGRETERIA S.C.I.A. pari ad.175,00 (per S.C.I.A. non onerosa) o pari ad un minimo di.290,00 (S.C.I.A.onerosa), (D.G.C. n.3 del ) su c/c postale n intestato a: Comune di Melito di Napoli Serv. Tesoreria (avendo cura di indicare la causale del versamento: Diritti di Segreteria pratica S.C.I.A. (onerosa) immobile sito in via n. ); RICEVUTA DI VERSAMENTO (recante gli estremi del versamento ovvero timbro e data dell ufficio postale) per DIRITTI DI ISTRUTTORIA S.C.I.A. pari ad.150,00 (D.G.C. n.3 del ) su c/c postale n intestato a: Comune di Melito di Napoli Serv. Tesoreria (avendo cura di indicare la causale del versamento: Diritti di Istruttoria Pratica S.C.I.A. (onerosa) immobile sito in via n. ); ISTANZA S.C.I.A. redatta in duplice copia su apposito modello rilasciato dall Ente Comune di Melito di Napoli (disponibile on line sul sito istituzionale) ; RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA ASSEVERATA (n.3 Copie), a datata, timbrata e firmata da tecnico abilitato, contenente il riferimento al rispetto della disciplina normativa vigente dal punto di vista edilizio, urbanistico nonché dei vincoli vigenti, citando eventualmente l applicazione delle specifiche norme di regolamento e/o di legislazione Nazionale, Regionale e Comunale (R.E. ed N.T.A. del P.R.G.) cui si fa riferimento ai fini della conformità urbanistica edilizia dei singoli interventi e categorie di intervento richiesti. Alla asseverazione va allegata la copia del documento di riconoscimento in corso di validità del tecnico incaricato; DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA (interna ed esterna) in cui siano ben visibili le parti dell immobile soggette alle modifiche previste dal progetto (con indicazione dei punti di scatto in pianta obbligatoria) e recante data di scatto, timbro e firma a nome del tecnico, nei lembi di giunzione di tutte le pagine; (N.B.: Le CIL\CILA\SCIA protocollate, che risultano essere prive della documentazione fotografica così come richiesta, saranno ritenute IMPROCEDIBILI ed archiviate con effetto immediato per carenza documentale) VISURA CATASTALE STORICA ufficiale ed aggiornata dell immobile oggetto degli interventi; PLANIMETRIA CATASTALE ufficiale ed aggiornata dell immobile in oggetto; COPIA COMFORME TITOLO DI PROPRIETA e disponibilità dell immobile\area in oggetto oppure Autocertificazione laddove ritenuta sufficiente dal Responsabile del Procedimento (come riportato nel D.P.R. 445/2000 T.U. documentazione amministrativa) per il diritto a richiedere il permesso di costruire, nonché copia legale di eventuali convenzioni coi confinanti; CONTRATTO DI LOCAZIONE o copia conforme (in caso di comunicazione inoltrata dal locatario o comodatario); D.U.R.C. (Documento Unico di Regolarità Contributiva) in copia originale in corso di validità (le Richieste Telematiche provvisorie non saranno ritenute valide) ELABORATI GRAFICI (N.3 Copie) da redigere rigorosamente in tavola unica (ripiegata in formato A4 e riportante apposita mascherina di presentazione). I suddetti grafici devono consentire l immediata comparazione tra lo stato attuale e di progetto dell intervento riportato nelle planimetrie,piante, sezioni e prospetti. Gli stessi grafici devono contenere: 1. Stralcio Aerofotogrammetrico con indicazione specifica dell immobile in esame; 2. Stralcio del P.R.G. con l esatta individuazione dell area dove ricade l edificio in oggetto; Mod. 1 Documentazione minima v.01 pagina 3

4 3. Stralcio Planimetria catastale con indicazione specifica della particella in esame; 4. Ortofoto (Facoltativo); 5. Planimetria in scala 1/500 e/o 1/200 con specifica indicazione dell orientamento con l indicazione del nord, confini del lotto edificabile, distanze dai confini, dalle strade e dai fabbricati limitrofi, altezza massima del fabbricato oggetto di intervento e di quelli circostanti, indicazione sui tracciati delle reti tecnologiche e relativi allacci; 6. Schema fognario in scala 1:500 o 1:200; 7. Piante, Prospetti e Sezioni dello Stato di Fatto in scala non inferiore a 1:100 con indicazione delle quote (interne ed esterne) e delle destinazioni d uso di tutti i locali (riportare indicazione degli estremi del titolo abilitativo dello stato di fatto: Stato di fatto come da C.E.\D.I.A.\PdC prot. n. del ) ed evidenziare le parti demolite e le aree di nuova realizzazione\ampliamento; 8. Piante, Prospetti e Sezioni di Progetto con indicazione delle misure interne ed esterne e della destinazione d uso dei vari locali; Mod. 1 Documentazione minima v.01 pagina 4

5 C) Documentazione Minima per Comunicazione Inizio Lavori manutenzione ordinaria (CIL) Le Istanze prive della seguente documentazione saranno ritenute IMPROCEDIBILI con conseguente ARCHIVIAZIONE della pratica ed INEFFICACIA per i lavori eseguiti o da eseguirsi. COMUNICAZIONE, compilata in tutti i campi obbligatori indicati nell apposito modulo predisposto dall Amm. Comunale (disponibile on line sul sito del Comune di Melito di Napoli) e sottoscritta da tutti i soggetti aventi titolo; RICEVUTA del versamento dei diritti di Segreteria di.50,00 (D.G.C. n. 3 del ) su c/c postale n intestato a: Comune di Melito di Napoli Serv. Tesoreria - (avendo cura di indicare la causale del versamento: Diritti di Segreteria pratica C.I.L. immobile in via n. ); RICEVUTA del versamento dei diritti di Istruttoria di.50,00 (D.G.C. n. 3 del ) su c/c postale n intestato a: Comune di Melito di Napoli Serv. Tesoreria (avendo cura di indicare la causale del versamento: Diritti di istruttoria pratica C.I.L. immobile in via n. ); DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA (interna ed esterna) in cui siano ben visibili le parti dell immobile soggette alle modifiche previste dal progetto (con indicazione dei punti di scatto in pianta obbligatoria) e recante data di scatto, timbro e firma a nome del tecnico, nei lembi di giunzione di tutte le pagine; (N.B.: Le CIL\CILA\SCIA protocollate, che risultano essere prive della documentazione fotografica così come richiesta, saranno ritenute IMPROCEDIBILI ed archiviate con effetto immediato per carenza documentale) COPIA (fronte retro) DOCUMENTO DI IDENTITA del proprietario\richiedente in corso di validità. COPIA COMFORME DEL TITOLO DI PROPRIETA o altro titolo legalmente valido atto a rilevare il diritto di proprietà dell immobile oggetto di richiesta; identità Mod. 1 Documentazione minima v.01 pagina 5

6 D) Documentazione Minima per Comunicazione Inizio Lavori Asseverata (CILA) Le Istanze prive della seguente documentazione saranno ritenute IMPROCEDIBILI con conseguente ARCHIVIAZIONE della pratica ed INEFFICACIA per i lavori eseguiti o da eseguirsi. RICEVUTA DI VERSAMENTO (recante gli estremi del versamento ovvero timbro e data dell ufficio postale) per DIRITTI DI SEGRETERIA C.I.L.Asseverata pari ad.150,00 (ovvero di.300,00 in caso di CILA in sanatoria come previsto dalla D.G.C. n.3 del ) su c/c postale n intestato a: Comune di Melito di Napoli Serv. Tesoreria (avendo cura di indicare la causale del versamento: Diritti di Segreteria pratica C.I.L.A.sseverata immobile sito in via n. ); RICEVUTA DI VERSAMENTO (recante gli estremi del versamento ovvero timbro e data dell ufficio postale) per DIRITTI DI ISTRUTTORIA CILAsseverata pari ad.100,00 (D.G.C. n.3 del ) su c/c postale n intestato a: Comune di Melito di Napoli Serv. Tesoreria (avendo cura di indicare la causale del versamento: Diritti di Istruttoria pratica C.I.L.A.sseverata immobile in via n. ); RICEVUTA DI VERSAMENTO SANZIONE (nel caso di CILA in Sanatoria) per CILAsseverata in Sanatoria di.1000,00 (Art.6, comma 7 Dpr.380\2001 e s.m.i.) su c/c postale n intestato a: Comune di Melito di Napoli Serv. Tesoreria (avendo cura di indicare la causale del versamento: Sanzione pratica C.I.L.Asseverata in Sanatoria immobile in via n. ); N.3 COPIE MODELLO ISTANZA CILA (recanti data e protocollo di accettazione), compilate in ogni campo obbligatorio (secondo apposito modello rilasciato dall Ente Comune di Melito di Napoli) e timbrate e firmate dal tecnico incaricato; la suddetta istanza deve essere corredata dei documenti di identità di tutti gli aventi titolo, degli eventuali delegati, nonché del tecnico incaricato e del titolare dell impresa esecutrice dei lavori. N.3 COPIE RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA ED ASSEVERATA contenente la descrizione particolareggiata dell intervento e delle opere da realizzare nonché il rispetto delle stesse alla normativa edilizia vigente. La stessa relazione deve essere corredata dell asseverazione, da parte del tecnico incaricato, circa la conformità dello stato dei luoghi (ante operam) al titolo abilitativo dell immobile oggetto di intervento. La suddetta relazione, corredata di frontespizio sintetico e documento di identità, deve recare timbro e firma a nome del tecnico, nei lembi di giunzione di tutte le pagine. COPIA (fronte/retro) DOCUMENTO DI IDENTITA in corso di validità del Tecnico incaricato Del Richiedente Locatario Proprietario Titolare Impresa esecutrice dei lavori; COPIA COMFORME DEL TITOLO DI PROPRIETA o altro titolo legalmente valido atto a rilevare il diritto di proprietà dell immobile oggetto di richiesta ; COPIA DEL TITOLO ABILITATIVO URBANISTICO relativo all immobile oggetto di intervento; PLANIMETRIA CATASTALE (aggiornata); VISURA CATASTALE (aggiornata); COPIA DEL CONTRATTO DI LOCAZIONE o copia conforme (se la COMUNICAZIONE è stata inoltrata dal locatario o comodatario); DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA (interna ed esterna) in cui siano ben visibili le parti dell immobile soggette alle modifiche previste dal progetto (con indicazione dei punti di scatto in pianta obbligatoria) e recante data di scatto, timbro e firma a nome del tecnico, nei lembi di giunzione di tutte le pagine; (N.B.: Le CIL\CILA\SCIA protocollate, che risultano essere prive della documentazione Mod. 1 Documentazione minima v.01 pagina 6

7 fotografica così come richiesta, saranno ritenute IMPROCEDIBILI ed archiviate con effetto immediato per carenza documentale) N.3 COPIE ELABORATI GRAFICI da redigere rigorosamente in tavola unica (ripiegata in formato A4 e riportante apposita mascherina di presentazione). I suddetti grafici devono consentire l immediata comparazione tra lo stato attuale e di progetto dell intervento riportato nelle planimetrie,piante, sezioni e prospetti. Gli stessi grafici devono contenere: 1. Stralcio Aerofotogrammetrico con indicazione specifica dell immobile in esame; 2. Stralcio del P.R.G. con l esatta individuazione dell area dove ricade l edificio in oggetto; 3. Stralcio Planimetria catastale con indicazione specifica della particella in esame; 4. Ortofoto (Facoltativo); 5. Schema fognario in scala 1:500; 6. Piante, Prospetti e Sezioni significative dello Stato di Fatto in scala non inferiore a 1:100 con indicazione delle quote (interne ed esterne) e delle destinazioni d uso di tutti i locali (riportare indicazione degli estremi del titolo abilitativo dello stato di fatto: Stato di fatto dei locali come da C.E.\D.I.A.\PdC prot. n. del ); 7. Piante, Prospetti e Sezioni significative del Progetto con indicazione delle misure interne ed esterne e della destinazione d uso dei vari locali; D.U.R.C. (Documento Unico di Regolarità Contributiva) in copia originale in corso di validità Mod. 1 Documentazione minima v.01 pagina 7

8 E) Documentazione Minima per ATTESTAZIONE AGIBILITA N. 02 COPIE Dichiarazione di Fine Lavori e Attestazione di Agibilità (secondo il modello prestampato rilasciato dall Ente Comune di Melito di Napoli) recante firma e timbro del tecnico in tutte le pagine; N. 02 MARCA DA BOLLO da.16,00 (da appore sui modelli, una per copia); RICEVUTA ORIGINALE del versamento dei diritti di Segreteria di.235,00 (ovvero di.312,00 qualora la stessa dichiarazione avvenga successivamente al 15 giorno dalla data del certificato finale dei lavori) su c/c postale n intestato a: Comune di Melito di Napoli Serv. Tesoreria (avendo cura di indicare la causale del versamento: Diritti di Segreteria pratica Attestazione di Agibilità immobile sito in via n. ); COPIA DEL TITOLO ABILITATIVO EDILIZIO Pdc/ DIA/ SCIA/ CIL /CILA/ Altro TITOLO DI PROPIETA dell immobile oggetto di intervento; DOCUMENTO DI RICONOSCIMENTO (copia) in corso di validità, della DITTA DICHIRANTE: DOCUMENTO DI RICONOSCIMENTO (copia) in corso di validità, del TECNICO INCARICATO: DOCUMENTAZIONE CATASTALE (visura catastale aggiornata e planimetria catastale aggiornata dell immobile in oggetto, recante data e numero di protocollo); (N.2 Copie) DICHIARAZIONE resa ai sensi del D.M. 37/2008 (ex 46/90) dell'impresa installatrice che attesta la conformità degli impianti installati, alle condizioni di sicurezza, igiene, salubrità e risparmio energetico, comprensiva degli allegati tecnici obbligatori (Relazione circa i materiali impiegati, schema degli impianti e requisiti professionali); (A.P.E.) Attestato di Prestazione Energetica redatto ai sensi del D.L. 4 giugno 2013, n. 63 convertito nella Legge 90/2013; COPIA DEL CERTIFICATO DI COLLAUDO STATICO (di cui all art.25, comma 3 lettera a) e 67 del D.P.R. n.380/2001 e s.m.i ) munito del visto dell avvenuto deposito presso il competente ufficio del Genio Civile.; COPIA DEL CERTIFICATO DI IDONEITA SISMICA recante visto favorevole con prot. e data del Genio Civile di Napoli (nel caso di immobili oggetto di condono ai sensi delle Leggi 47/85; 724/94;326/2003); PARERE SANITARIO (ASL) (nel caso in cui non possa essere sostituito dalla dichiarazione resa ai sensi dell art. 20 comma 1) PERIZIA GIURATA ATTESTANTE L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE resa ai sensi dell art.82 comma 4 D.P.R. 380/2001 (nel di unità immobiliari adibite a locali pubblici o private aperte al pubblico) CERTIFICATO DI PREVENZIONE INCENDI da parte del Comandi Dei Vigili del Fuoco di Napoli (nel caso di attività soggette ai controlli di prevenzione incendi di cui al DPR 151/2011) COPIA RICEVUTA DI VERSAMENTO relativo alle acque reflue (se l immobile è regolarmente allacciato alla rete fognaria ); COPIA AUTORIZZAZIONE DI IMMISSIONE IN FOGNA (nel caso di nuove edificazioni); Mod. 1 Documentazione minima v.01 pagina 8

9 F) Documentazione Minima per DICHIARAZIONE FINE LAVORI E ATTESTAZIONE AGIBILITA N. 02 COPIE Dichiarazione di Fine Lavori e Attestazione di Agibilità (secondo il modello prestampato rilasciato dall Ente Comune di Melito di Napoli) recante firma e timbro del tecnico in tutte le pagine; N. 02 MARCA DA BOLLO da.16,00 (da appore sui modelli, una per copia); RICEVUTA ORIGINALE del versamento dei diritti di Segreteria di.235,00 (ovvero di.312,00 qualora la stessa dichiarazione avvenga successivamente al 15 giorno dalla data del certificato finale dei lavori) su c/c postale n intestato a: Comune di Melito di Napoli Serv. Tesoreria (avendo cura di indicare la causale del versamento: Diritti di Segreteria pratica Attestazione di Agibilità immobile sito in via n. ); Atto o documentazione attestante il titolo di proprietà dell immobile oggetto di intervento; DOCUMENTO DI RICONOSCIMENTO (copia) in corso di validità, della DITTA DICHIRANTE: DOCUMENTO DI RICONOSCIMENTO (copia) in corso di validità, del TECNICO INCARICATO: DOCUMENTAZIONE ATTESTANTE la VARIAZIONE CATASTALE avvenuta a seguito delle opere in oggetto (visura catastale aggiornata e planimetria catastale aggiornata dell immobile in oggetto, recante data e numero di protocollo); (N.2 Copie) DICHIARAZIONE resa ai sensi del D.M. 37/2008 (ex 46/90) dell'impresa installatrice che attesta la conformità degli impianti installati, alle condizioni di sicurezza, igiene, salubrità e risparmio energetico, comprensiva degli allegati tecnici obbligatori (Relazione circa i materiali impiegati, schema degli impianti e requisiti professionali); (A.P.E.) Attestato di Prestazione Energetica redatto ai sensi del D.L. 4 giugno 2013, n. 63 convertito nella Legge 90/2013; Copia Certificato di Collaudo Statico di cui all art.25, comma 3 lettera a) e 67 del D.P.R. n.380/2001 e s.m.i.; FORMULARIO attestante l'avvenuto smaltimento del materiale di risulta presso discarica autorizzata; Mod. 1 Documentazione minima v.01 pagina 9

10 G) Documentazione Minima per Istanza Di Concessione di Suolo Pubblico ISTANZA corredata di documento di identità del richiedente e compilata in ogni campo secondo apposito modello rilasciato dall Ente Comune di Melito disponibile on line al seguente link RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA timbrata e firmata, nei lembi di giunzione di tutte le pagine, dal tecnico incaricato di documento di identità del tecnico incaricato,compilata in ogni campo secondo apposito modello rilasciato dall Ente Comune di Melito disponibile on line al seguente link DOCUMENTO DI RICONOSCIMENTO (copia fronte\retro) in corso di validità, della DITTA RICHIEDENTE; DOCUMENTO DI RICONOSCIMENTO (copia fronte\retro) in corso di validità, del TECNICO INCARICATO; ELABORATI GRAFICI DESCRITTIVI a firma di tecnico abilitato all esercizio professionale, interamente quotati e riferiti sia allo stato di fatto che di progetto, comprensivi di: 1. Stralcio aerofotogrammetrico di zona con indicazione dell area; 2. Pianta non inferiore ad 1/100 dell area che si intende occupare, opportunamente quotata nelle parti significative; 3. Prospetti in scala non inferiore ad 1/100 frontale e laterale munito di relazione tecnica descrittiva con le attestazioni di cui ai requisiti ai sensi di legge. DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA a colori dello stato del luogo dove la struttura dovrà essere inserita (con indicazione dei coni ottici in pianta) recante data uguale a quella di asseverazione, timbrata e firmata da tecnico incarico e richiedente; DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA compilata in ogni campo secondo apposito modello rilasciato dall Ente Comune di Melito disponibile on line al seguente link: Il possesso del titolo per l esercizio dell attività commerciale; La presentazione della DIA sanitaria; La conformità degli impianti e delle attrezzature per la somministrazione alle normative vigenti; Rispetto delle norme in materia di smaltimento rifiuti e di raccolta differenziata; VERSAMENTI TRIBUTI COMUNALI relativi all ultimo anno precedente la richiesta di occupazione (Tassa Rifiuti, consumo acqua, eventuale IMU, IUC); In caso di richiesta di occupazione di suolo pubblico mediante l installazione di dehors e/o analoghe installazioni di rilevante impatto estetico la domanda dovrà inoltre essere corredata da: Progetto, in scala 1:50 opportunamente quotato, dell occupazione richiesta, completo di: Mod. 1 Documentazione minima v.01 pagina 10

11 1. pianta, prospetti e sezioni e viste prospettiche, 2. fotomontaggio dal quale si evidenzi lo stato di fatto dell area da occupare prima dell intervento, e la simulazione dell area con le installazioni di arredo dello spazio pubblico di uso pubblico di progetto. 3. dimensioni del marciapiede, della carreggiata carrabile, dei parcheggi, delle fermate e pensiline dei mezzi pubblici, chiusini per sottoservizi, scivoli per disabili, panchine, dissuasori di sosta, alberi, proprietà confinanti e loro accessi e/o pertinenze, passaggi pedonali ed ogni altra informazione utile; Relazione tecnica esplicativa, redatta ed asseverata da un tecnico abilitato, delle condizioni generali e particolari dello stato dei luoghi, del progetto di arredo degli spazi pubblici, dei materiali impiegati; Specificazioni di tutti gli elementi significativi di arredo e delle specie vegetali da piantare indicando specie e varietà; anche attraverso riproduzioni fotografiche o copie ed estratti di catalogo; Mod. 1 Documentazione minima v.01 pagina 11

12 H) Documentazione Minima per Istanza di Certificato di Destinazione Urbanistica RICEVUTA DI VERSAMENTO (recante gli estremi del versamento ovvero timbro e data dell ufficio postale) per DIRITTI DI SEGRETERIA per rilascio CERTIFICATO DESTINAZIONE URBANISTICA pari ad.70,00 (D.G.C. n.3 del ) su c/c postale n intestato a: Comune di Melito di Napoli Serv. Tesoreria (avendo cura di indicare la causale del versamento: Diritti di Segreteria per Rilascio Certificato Destinazione Urbanistica immobile riportato al F.gl Pll.a. ); Visura Catastale aggiornata; Mappa Catastale aggiornata; Documento di riconoscimento (in copia fronte retro e in corso di validità) del soggetto richiedente; Dichiarazione (resa ai sensi dell art. 47 DPR 28 Dicembre 2000 n.445) attestante l inesistenza di abusi edilizi e di provvedimenti giurisdizionali nell area oggetto di istanza; Marca da bollo da. 16,00 da apporre sulla domanda; Mod. 1 Documentazione minima v.01 pagina 12

13 I) Documentazione Minima per Dichiarazione di Fine Lavori ed Attestazione di Agibilità N. 02 COPIE del modello di Dichiarazione di Fine Lavori e Attestazione di Agibilità (Modello rilasciato dall Ente Comune di Melito di Napoli) recante firma e timbro del tecnico in tutte le pagine; N. 02 MARCA DA BOLLO da.16,00 (da appore sui modelli, una per copia); RICEVUTA ORIGINALE del versamento dei diritti di Segreteria di.235,00 (ovvero di.312,00 qualora la stessa dichiarazione avvenga successivamente al 15 giorno dalla data del certificato finale dei lavori) su c/c postale n intestato a: Comune di Melito di Napoli Serv. Tesoreria (avendo cura di indicare la causale del versamento: Diritti di Segreteria pratica Attestazione di Agibilità immobile sito in via n. ); Atto o documentazione attestante il titolo di proprietà dell immobile oggetto di intervento; DOCUMENTO DI RICONOSCIMENTO (copia) in corso di validità, della DITTA DICHIRANTE: DOCUMENTO DI RICONOSCIMENTO (copia) in corso di validità, del TECNICO INCARICATO: DOCUMENTAZIONE ATTESTANTE la VARIAZIONE CATASTALE avvenuta a seguito delle opere in oggetto (visura catastale aggiornata e planimetria catastale aggiornata dell immobile in oggetto, recante data e numero di protocollo); (N.2 Copie) DICHIARAZIONE resa ai sensi del D.M. 37/2008 (ex 46/90) dell'impresa installatrice che attesta la conformità degli impianti installati, alle condizioni di sicurezza, igiene, salubrità e risparmio energetico, comprensiva degli allegati tecnici obbligatori (Relazione circa i materiali impiegati, schema degli impianti e requisiti professionali); (A.P.E.) Attestato di Prestazione Energetica redatto ai sensi del D.L. 4 giugno 2013, n. 63 convertito nella Legge 90/2013; Copia Certificato di Collaudo Statico di cui all art.25, comma 3 lettera a) e 67 del D.P.R. n.380/2001 e s.m.i.; FORMULARIO attestante l'avvenuto smaltimento del materiale di risulta presso discarica autorizzata; Mod. 1 Documentazione minima v.01 pagina 13

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici Ufficio Condono Edilizio Ufficio Diritto di Accesso Agli Atti Mod. 10/E (10.06.2013 )

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

Accesso agli atti Ambiente e Gestione del Territorio / Tecnico e Sviluppo Locale

Accesso agli atti Ambiente e Gestione del Territorio / Tecnico e Sviluppo Locale Accesso agli atti Ambiente e Gestione del Territorio / Tecnico e Sviluppo Locale Il cittadino deve formulare istanza di accesso agli atti quando deve richiedere copie di atti raccolti negli archivi comunali,

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE COMUNE DI FAENZA SETTORE LAVORI PUBBLICI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI SCAVO SU SUOLO PUBBLICO Regolamento approvato con atto C.C. verbale n. 275 del 15/11/2010 - prot. n. 44926 del 19/11/2010

Dettagli

del (in caso di più titolari, la sezione è ripetibile nell allegato SOGGETTI COINVOLTI ) DATI DELLA DITTA O SOCIETA

del (in caso di più titolari, la sezione è ripetibile nell allegato SOGGETTI COINVOLTI ) DATI DELLA DITTA O SOCIETA Al Comune di Pratica edilizia Sportello Unico Attività Produttive Sportello Unico Edilizia del Protocollo SCIA SCIA con richiesta contestuale di atti presupposti Indirizzo PEC / Posta elettronica SEGNALAZIONE

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013 Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013 NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DPR N 380 DEL 06/06/2001 (TUE) Il Testo Unico per l Edilizia

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

Regol@mento edilizio ed urbanistico

Regol@mento edilizio ed urbanistico . Comune di Spoleto Direzione Pianificazione Urbanistica Regol@mento edilizio ed urbanistico.......... Il Regolamento edilizio ed urbanistico è stato adottato dal Consiglio comunale con la deliberazione

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO

REGOLAMENTO EDILIZIO IL REGOLAMENTO EDILIZIO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.182/2000 Modificato con delibera di Consiglio Comunale n.37/2007 Modificato con delibera di Consiglio Comunale n.16/2008 I INDICE

Dettagli

Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione COMUNICAZIONE DI ULTIMAZIONE LAVORI SU PERMESSO DI COSTRUIRE

Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione COMUNICAZIONE DI ULTIMAZIONE LAVORI SU PERMESSO DI COSTRUIRE CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione COMUNICAZIONE DI ULTIMAZIONE LAVORI SU PERMESSO DI COSTRUIRE Dati del titolare Cognome Nome Codice fiscale Data

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380 artt. 7, d.p.r. 7 settembre 2010, n. 160)

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380 artt. 7, d.p.r. 7 settembre 2010, n. 160) Al Comune di Pratica edilizia Sportello Unico Attività Produttive Sportello Unico Edilizia del Protocollo Indirizzo PEC / Posta elettronica RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE

ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE Il decreto legge 69/2013 ha introdotto significativi cambiamenti nel settore dell edilizia: nel presente dossier analizziamo le più importanti

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Comunicazione di inizio attività edilizia libera ai sensi del comma 2 dell art. 6 del DPR 380/2001

Comunicazione di inizio attività edilizia libera ai sensi del comma 2 dell art. 6 del DPR 380/2001 ORIGINALE/COPIA AL COMUNE DI MILANO SETTORE SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA SERVIZIO INTERVENTI EDILIZI MINORI Via Pirelli, 39 20124 Milano 2 piano corpo basso ART.6 DPR. 380/2001 - competenza SUE N ATTI

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità Direzione Centrale Catasto e Cartografia Modalità di aggiornamento relative alle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni di DOCFA e nelle Domande di Volture Prima iscrizione degli immobili

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE -

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - 1 2 Art. 1 - OGGETTO E DEFINIZIONI 1. Il presente regolamento disciplina la collocazione su suolo pubblico e privato delle strutture temporanee a servizio di locali ad

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE Dichiarazione del proponente/produttore in merito al rispetto

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE SISMICA E DELL ATTESTAZIONE DI DEPOSITO SISMICO

PROCEDURE OPERATIVE PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE SISMICA E DELL ATTESTAZIONE DI DEPOSITO SISMICO TAVOLO TECNICO DI COORDINAMENTO delle Provincie della Regione Abruzzo (L.R. n. 28/2011, art. 2, comma 4) c/o Direzione Protezione Civile e Ambiente via Salaria Antica Est 27 67100 L Aquila fax 0862.364615

Dettagli

Sportello Unico per l edilizia (SUE). Linee guida per l attuazione della fase sperimentale ai sensi della Delib.G.R. n. 37/17 del 12.9.2013.

Sportello Unico per l edilizia (SUE). Linee guida per l attuazione della fase sperimentale ai sensi della Delib.G.R. n. 37/17 del 12.9.2013. Allegato alla Delib.G.R. n. 52/20 del 23.12.2014 Sportello Unico per l edilizia (SUE). Linee guida per l attuazione della fase sperimentale ai sensi della Delib.G.R. n. 37/17 del 12.9.2013. Art. 1 Finalità

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale N. 87 DEL 14 MAGGIO 2015 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE Esente da bollo N.B.: presentare almeno 10 giorni prima dell inizio SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO COMUNALE Si consiglia di presentare in triplice copia di cui n.1 timbrata dall Ufficio PROTOCOLLO da

Dettagli

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM Ubicazione dell edificio sede del COM: Comune di : RIMINI Località : Padulli Indirizzo : Via Marecchiese n.193/195 Dati Generali Stralcio C.T.R.: 256113 Coordinate (lat. long.):

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

MOD. A DOMANDA TIPO. Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME)

MOD. A DOMANDA TIPO. Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME) MOD. A DOMANDA TIPO Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME) Il sottoscritto (cognome e nome)..., nato a..., prov...., il... codice fiscale..., partita I.V.A.... e residente a..., prov....,

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

Bando di concorso per opere d arte

Bando di concorso per opere d arte MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI PROVVEDITORATO INTERREGIONALE ALLE OO.PP. PER IL LAZIO ABRUZZO E SARDEGNA Bando di concorso per opere d arte Art. 1 Oggetto del concorso Il Provveditorato

Dettagli

COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA

COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA COMUNE DI MASER (TV) ESENTE da Marca da bollo COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA Il/La sottoscritto/a: DA COMPILARSI IN CASO DI PERSONA

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

Comunicazioni all'anagrafe Tributaria

Comunicazioni all'anagrafe Tributaria ISTRUZIONI E NOTE PERMESSO DI COSTRUIRE, CERTIFICATO DI AGIBILITA' O ALTRO ATTO DI ASSENSO DENCIA DI INIZIO ATTIVITA' (DIA) La comunicazione relativa alle DIA ed ai Permessi di costruire rilasciati dai

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

DICHIARA LA CORRETTA POSA IN OPERA

DICHIARA LA CORRETTA POSA IN OPERA mod. DICH. POSA OPERA-2004 pag. 1 Rif. Pratica VV.F. n. DICHIARAZIONE DI CORRETTA POSA IN OPERA DEI MATERIALI CLASSIFICATI AI FINI DELLA REAZIONE AL FUOCO (COMPRESI I PRODOTTI VERNICIANTI IGNIFUGHI), DELLE

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N.

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N. SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA E SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE A CONFRONTO Nell articolo vengono messe in luce le differenze radicali tra il procedimento disciplinato dal DPR 447/1998, per

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno).

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). Dati Schede 2 C - Mod. C enti non commerciali COMUNE DI... D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO ENTI NON COMMERCIALI E ATTIVITÀ SOCIALI Organizzazioni, fondazioni, associazioni

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

ALLEGATO II...2 MODULISTICA: DOCUMENTAZIONE PER PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI EDILIZI E TITOLI ABILITATIVI...

ALLEGATO II...2 MODULISTICA: DOCUMENTAZIONE PER PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI EDILIZI E TITOLI ABILITATIVI... ALLEGATO II...2 MODULISTICA: DOCUMENTAZIONE PER PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI EDILIZI E TITOLI ABILITATIVI... 2 PARTE I... 3 PIANI URBANISTICI ATTUATIVI... 3 PARTE II... 7 PROGRAMMI DI RICONVERSIONE E/O

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO)

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) Al Comune di BRUINO SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) OGGETTO: SCIA di subingresso nell'esercizio dell'attività di commercio su aree pubbliche ai sensi dell art. 28, comma 12, del D.Lgs. n. 114/1998

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

CITTA DI PALAZZOLO SULL OGLIO (Provincia di Brescia)

CITTA DI PALAZZOLO SULL OGLIO (Provincia di Brescia) CITTA DI PALAZZOLO SULL OGLIO (Provincia di Brescia) NUOVO REGOLAMENTO EDILIZIO (art. 4 D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 articoli 28 e 29 legge regionale 11 marzo 2005, n. 12) Adottato con D.C.C. n. 33 del

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli