INSEGNARE CATALANO. STANDARD, LINGUA LETTERARIA E ALTRI CONCETTI D'USO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INSEGNARE CATALANO. STANDARD, LINGUA LETTERARIA E ALTRI CONCETTI D'USO"

Transcript

1 GIUSEPPE GRILLI INSEGNARE CATALANO. STANDARD, LINGUA LETTERARIA E ALTRI CONCETTI D'USO Probabilmente il momento suggestivo di questo convegno è nella sua capacità propositiva; di scavalcamelo di spedalismi costruiti sulla dimensione accademica del lavoro intellettuale e di aggressione di un tema, angoscioso ormai, quello della professionalità e della nuova definizione di professionalità della vecchia figura dell'insegnante di lingua e letteratura straniera. Il mio intervento, in questa strategia, opera di fatto una difesa e una rivendicazione del binomio lingua e letteratura che diversi e opposti specialismi sembravano poter dissolvere o quel che è peggio costringere a una difesa corporativa di interessi di parte. Credo invece che una pratica didattica, che tenga conto ovviamente dei livelli e delle specificità, possa utilizzare utilmente le interferenze lingua/letteratura per quella ricomposizione del sapere cui si aspirava con veemenza e assolutismo in anni non troppo lontani quale finalità di ogni progetto di scolarizzazione democratica, o più genericamente di democratizzazione della cultura (si veda una testimonianza illustre, e significativa dell'estensione del fenomeno, in Corti, 1969). Utilizzerò come esemplificazione una lingua iberica il catalano scarsamente presente nelle università italiane, ma che forse proprio per questo è rimasta esente da vizi e pregiudì2ì (e purtroppo anche dalle necessarie esperienze difficili) che hanno ingabbiato spesso l'insegnamento delle altre lingue soprattutto del castigliano in compartimenti stagni chiusi alla problematizzazione sia dei postulati teorici di questo o quell'indirizzo della linguistica ipostatizzato come modello unico, sia da un provincialismo diffuso della didattica della letteratura, rivelatasi troppo spesso incapace di rastrellare nei territori del- 51

2 la linguistica contemporanea i segni in contraddizione con la pigrizia e la noia degli epigoni della tradizione critico-letteraria detta 'lo storicismo' (Terracini, 1980). Farò riferimento, cioè, a alcuni concetti d'uso che costituiscono gli strumenti istituzionali del catalanista e fanno parte del primo indispensabile bagaglio di conoscenze tanto di chi si interessa di letteratura catalana o appena intenda leggerla con un minimo di consapevolezza dei codici culturali che le sono propri, quanto del linguista, con relativa indipendenza dalla sua collocazione di scuola (funzionalista, generativista, ecc.) e di campo (fonologia, lessicologia, grammatica storica, ecc). Si tratta proprio di quei concetti capaci di offrire all'insegnante e allo studente di lingua e letteratura straniera spunti teorici e pratiche disciplinari di cui spesso si è costretti a lamentare la penuria o addirittura l'assenza. Innanzi tutto 'lingua'. Per il catalanista 'lingua catalana' non è mai stato un generico indistinto o scontato, né è possibile dare per scontati termini come standard o lingua letteraria. La ardua storicità del catalano, se impedisce l'identificazione idealista o semplicemente pigrona, non consente neppure facili schematismi di contrapposizione; addirittura una indagine di storia della linguistica catalana forse potrebbe notare che tra i catalani c'è sempre stata resistenza una resistenza che Fabra razionalizzò a accettare l'estremismo insito nel concetto di lingua nazionale e il suo inevitabile ideologismo (Rosiello, 1980), per cui si è a lungo preferito far uso della nozione di lingua comune, termine che a tutt'oggi mi pare ottenga, almeno sentimentalmente, maggiori adesioni di quanto non si possa supporre se si pensa all'accettazione universale e interdisciplinare della proposta avanzata dalla letteratura anglosassone di standard language (Vallverdú, 1973, p. 65). Tuttavia per una approssimazione sommaria al tema forse saranno sufficienti brevi cenni e basterà ricordare che il periodo medievale di formazione della lingua catalana sconta processi apparentemente divergenti. Da una parte sembra ormai accertato il carattere bicefalo del catalano, diviso in due grandi aree dialettali (orientale e occidentale) già a partire dal suo stato nascente anteriore al mille e in un ambito geografico ristretto, l'alt Urgell (Badia, 1979 e 1981). Qualche secolo dopo (XVII-XIV) osserviamo un 52

3 marcato bilinguismo letterario provenzale/catalano basato su opzioni di genere letterario che comunque sembrano attribuire al catalano funzioni di comunicazione più estesa, popolarità e minor prestigio letterario (Riquer, 1953 e ). D'altra parte è impossibile non rilevare il costante e progressivo consolidamento di una lingua comune basata sull'integrazione dei linguaggi utilizzati dai grandi cronisti, dagli umanisti, dai predicatori e soprattutto dall'amministrazione dello stato, la famosa Cancelleria barcellonese che era il cervello, e in vero anche il braccio esecutore, dell'intera corona catalano-aragonese. È una lingua comune che dimostra una forte capacità di normativizzazione sopradialettale e di normalizzazione dell'uso della lingua il cui effetto più appariscente è la fine del bilinguismo letterario catalano-provenzale, ma rivela anche volontà e possibilità di espansione durante tutto il XV secolo e oltre nell'area mediterranea. Di questa fase storica il testimone più congruo è costituito dall'enclave di Alghero (Sanchis Guarner, 1980, pp ), tuttora vivo (Grossmann, 1981). Complesse ragioni, prevalentemente esterne, secondo quasi tutta la letteratura sull'argomento (ma è un'ipotesi a mio parere da verificare ulteriormente e ridefinire con più moderne e agguerrite strumentazioni metodologiche), provocano nei secoli XVI e XVII un collasso nel processo di standardizzazione e, in parte conseguentemente, una crisi della competenza linguistica dei catalanoparlanti con effetti rovinosi rispetto alla difesa della lingua da interferenze di ogni tipo (fonetico, morfosintattico, lessicale), da volgarismi e dialettismi che frammentano e decompongono la lingua letteraria e la lingua scritta. Decade così il livello di correttezza della lingua amministrativa il cui prestigio è fortemente condizionato dalla riduzione degli stati della Corona catalano-aragonese a vicereami e capitanie generali del regno di Spagna/Castiglia. Nel settecento con l'uniformismo borbonico, e la perdita di ogni vestigia o simulacro di indipendenza poi, e ancor più nel XIX secolo con la crescita economica della Catalogna (e in misura minore del País Valencia) e le prime migrazioni interne allo stato spagnolo, l'inizio di una scolarizzazione se non di massa popolare, le concentrazioni urbane e l'affermarsi dei modelli culturali della grande industria, il catalano pare destinato a raffigurare il livello inferiore 53

4 di una situazione di bilinguismo diglossico castigliano/catalano estesa in Catalogna, Paese Valenziano e Isole Baleari, mentre nella Catalogna Nord il fenomeno corrispondente con il francese al posto della lingua A è ormai già stabilizzato. (Una discussione di questi problemi nodali nella storia della lingua catalana è presente in zone ampie della letteratura critica e investe campi di interesse e scelte metodologiche assai differenziate: cito solo per fare qualche esempio Rubió, 1958; Aramon, 1968; Coromines, 1972; Carbonell, 1979 e Grilli, 1979 per segnalare come un modello descrittivo diacronico sia ancora desiderio e bisogno in diversi settori della ricerca catalanistica). È noto, tuttavia, che con il movimento detto della Renaixenca a partire da una rivendicazione della lingua letteraria che è abitudine definire romantica, inizia un processo che tende a fare della ritrovata, e da ritrovare, unità e correttezza della lingua, la prima simbolica e cioè politica, richiesta di identità/diversità catalana (Molas, 1978; Grilli, 1979). Lungo questo processo si danno più di un miracolo, terribili arretramenti e forzate battute d'arresto, ma comunque si conferma tra rivendicazioni e realizzazioni una capacità catalana di autoriconoscimento linguistico che costituisce l'oggetto di una sezione nazionale della ricerca linguistica di proporzioni ormai ragguardevoli, con uno statuto scientifico solido e strumenti istituzionali non effimeri (Badia, 1976). Fatta questa sommaria premessa, è gioco forza ammettere che se è forse eccessivo escludere la possibilità di parlare oggi di standard a proposito del catalano come fa Aina Moli (Moli, 1979, p. 572), che è poi il Direttore Generale dei programmi linguistici del primo governo della Generalitat postfranchista risorta a stentata esistenza, lo standard non si può identificare con il catalano letterario attuale (Vallverdú, 1981a, p. 172). (Una posizione diversa e più estrema si trova in Aracil, 1975: «El català standard en la mesura en qué és efectivament reconegut i acceptat és una varietat quasi exclusivament escrita i llegida. El terme mateix "llengua literaria" insinua això.», p. 51). La lingua letteraria infatti non è soltanto il frutto di un complesso processo di normativizzazione della lingua e della cultura catalane emarginate e represse durante lunghi 54

5 periodi storici, ma è anche e soprattutto il risultato di una dialettica tra scrittura e tradizione: qui dominio o egemonia agiscono e ottengono risultati non omogenei a quelli che operano nel corpo sociale più esteso che esprime i comportamenti linguistici della comunità catalana. Si è già accennato implicitamente al fatto che la letteratura catalana dell'epoca classica o rinascimentale, così come quella della decadenza o più avanti ancora della renaixenga, non espressero mai un'opzione linguistica tanto univoca e sicura da proporsi come paradigma solitario, sia positivo che negativo. Il patrimonio sintattico della prosa classicista di Corella o la degradazione lessicale e i barbarismi dei barocchi, oppure il costumbrismo urbano di Emili Vilanova, non sono mai stati immagine, se non parziale, della lingua nel loro stesso momento di massima presa sociale e storica secondo un destino neppure tanto stravagante se si pensa alle vicende della lingua letteraria italiana e ai suoi rapporti con i 'dialetti' e gli stili dei suoi scrittori. Persino la biografia e la bibliografia del Grande Normalizzatore Pompeu Fabra sono prova di questa mobilità e curiosità che la lingua esprime e documenta negli scritti letterari. È davvero un peccato che nessuno abbia pensato all'opportunità di studiare l'opera di Fabra in modo serio: se si pensa a certi sprazzi di luce che sono stati fatti sul gruppo dewaveng di cui Fabra fu uno degli ispiratori (Pia, 1975) e all'utilità e alla produttività delle ricerche di storia della grammatica in un ambito come quello catalano (Sola, 1977) si può facilmente supporre quel che rappresenterebbe per vasti campi disciplinari poter disporre di un saggio complessivo sul linguista, sulla sua opera e sulla fortuna della riforma da lui promossa (cfr. i suggestivi cenni di Ferrater, 1978). D'altra parte il concetto di varietà linguistica che oggi torna prepotente all'attenzione dei linguisti di tutte le scuole (Silvestri, 1979), è sempre stato al centro degli interessi metodologici della catalanistica; basti pensare ai criteri ispiratori dei grandi repertori ideati da Alcover e Moli (DCVB) e Coromines (DCELC e DECLC). Viceversa un'attenzione allo standard inteso come svincolato, se non addirittura contrapposto alla lingua letteraria comune, è sentita come non congeniale non solo come è ovvio da parte degli studiosi di letteratura, 55

6 ma anche da parte dei linguisti. L'unità del catalano, la sua unità oltre le differenziazioni reali, oltre che di quelle indotte e interessate, e cioè il rigetto da parte dei catalani della situazione di diglossia imposta loro (Badia, 1977a, pp ), così come la sua unità e continuità nella storia (Coromines, 1972, pp ), sono testimoniate e garantite proprio dalla solidità della lingua comune letteraria, da Ramón Llull a Caries Riba (Aramon, 1968). È vero invece che ogni qual volta si è tentato di importare nella catalanistica rigide contrapposizioni del tipo standard vs dialetti vs linguaggi ristretti, esse si sono infrante al rapporto con la realtà. Se la lingua di Ausias March è inconcepibile e incomprensibile fuori da una conflittualità tra standard, dialetto e codice poetico nel XV secolo, la reidentificazione linguistica dei catalani la loro coscienza linguistica si affida periódicamente alla rilettura o all'adattamento della testualizzazione letteraria ausiasmarchiana: basterà citare i limiti, cronogicamente estremi, di Joan Pujol, epico cantore della battaglia di Lepanto, o di Raimon, cantautore degli anni della politicizzazione delle università. Anche in questo caso l'impossibilità di ridurre la storia della lingua a un suo spezzone oggi avvertita dagli studiosi (Varvaro, ) è per il catalanista una trasparente evidenza (e una difficoltà tuttora irrisolta). Analoghe considerazioni e forse più impegnative suggerisce un altro concetto, quello di norma, che è stato centrale nella stabilizzazione della cultura linguistica europea postsaussuriana (Rosiello, 1967, pp. 100 e ss.). Esso infatti è ben presente nella pratica didattica di cui ispira i criteri di valutazione e selezione, anche se, paradossalmente e con atteggiamento schizoide diffuso, viene relegato ai margini della coscienza scientifica e metodologica dell'insegnante di lingua e letteratura straniera. In vero anche i catalanísti hanno talvolta demonizzato la norma (o divinizzato, che è lo stesso in questo caso, almeno se si considerano i lunghi periodi), più spesso ne hanno però elaborato il desiderio e discusso l'utopia, cosicché nell'alternarsi degli atteggiamenti e dei programmi 'normativi', dal rigorismo accademico più settario nella sua solitudine e autocompiacimento, al lassismo e al particularismo più sfrenati nel propagandare libertà dialettali e anarchia ortografica, si è riusciti 56

7 almeno nei settori scientificamente più consapevoli a storicizzare quella norma che veniva invocata dagli uni come l'ancora di salvezza dell'unità della lingua e dagli altri come una coercizione grammaticale artificiosa. In questa direzione un contributo, che potremmo definire di critica della linguistica, la catalanistica lo ha già dato e con tratti potenti di originalità (Sola, 1977); ancora di più è possibile attendersi da una messa in relazione dei concetti di normativizzazione e di normalizzazione (Vallverdú, 1979a). Detto piuttosto grossolanamente la normativizzazione del catalano moderno è quel complesso processo che, iniziatosi con la pubblicazione delle Normes orfogràfiques dell'institut d'estudis Catalans nel 1913, cui segue la Gramática del 1918, si conclude (almeno provvisoriamente, nel senso che si conclude la tappa istituzionale) nel 1932 con la pubblicazione del Dicàonari General de la Uengua Catalana, noto come Diccionari Fabra o normatiu, il cui patrimonio è costantemente arricchito e precisato dalla Secció Filològica deltle.c.. Questa dinamica fu interrotta violentemente nel 1939 a seguito della sconfitta militare degli eserciti e delle milizie popolari che difendevano la Catalogna dalla aggressione franchista ed è ripresa con una qualche energia e successo solo negli anni sessanta, anche se una resistenza semiclandestina e tenace non è mancata neppure nel ventennio più buio della repressione (Benet, 1978). Obiettivo di tanti sforzi normativizzatori, e della accanita resistenza opposta a una nuova rovinosa dialettalizzazione della lingua letteraria, è quello di offrire al catalano una condizione grammaticale che gli alti e bassi della politica peninsulare hanno compromesso; codeste iniziative tendono dunque a garantire la tenuta di quello che potremmo chiamare il fronte interno della lingua. Analogamente sul fronte esterno la normalizzazione deve rappresentare la conquista/riconquista di tutte le capacità funzionali della lingua: dall'ufficialità pubblica a tutti i livelli istituzionali, alla scolarizzazione in catalano e all'integrazione degli immigrati, al controllo linguistico dei media e dell'informazione. Se osserviamo, poi, le cose più da vicino notiamo che normativizzazione e normalizzazione linguistica convivono anche ai livelli della descrizione linguistica e eluderli implica ormai costi piuttosto alti. Ad esempio prendendo in esame le descrizioni 57

8 del sistema fonologico delle vocali atone a partire dalle formalizzazioni saussuriane di Pompeu Fabra (Fabra, 1968a), passando a quelle di Alarcos Lorach (Alarcos, 1953); Badia Margarit (Badia, 1951 e 1968), Cerdà (Cerdà, 1968) fino alle più recenti ricerche di indirizzo trasformazionale (Wheeler, 1979), raramente esse dimenticano più o meno esplicitamente i problemi posti dalla coppia normativa/normalizzazione, mentre hanno avuto e hanno una valenza didattica accentuata. Questo ordine di considerazioni risulta ancor più evidente dalla lettura di un'opera di divulgazione come è il manuale di introduzione alla lingua e alla letteratura di Terry e Rafel ove, se adottiamo lo stesso modello di esemplificazione richiamato sopra, il sistema delle vocali atone viene presentato con l'ausilio del concetto di arcifonema, richiamandosi esplicitamente alla scuola di Praga (Rafel, 1977, p. 27) e si potrebbe fare altrettanto utilizzando un diasistema. Ovviamente questi paradigmi descrittivi, che pure appaiono e sono più potenti di quelli tramandatici dalla grammatica tradizionale, non sono neutrali (Varvaro, 1971), implicano infatti prima o poi una scelta che è possibile radicalizzare: si tratta dello stesso fonema, oppure di un altro fonema? I fonemi appartengono a uno stesso sistema, oppure a sistemi contrapposti? Finalmente risulta impossibile preservare i concetti stessi di sistema, di discretezza e di continuità del linguaggio. Ma se l'approdo, o almeno uno degli approdi possibili, di un'analisi descrittiva didatticamente operante com'è quella indicata, viene a essere il concetto di continuum linguistico, così come è stato formalizzato da DeCamp a partire certo non a caso da un esempio come quello giamaicano, in cui il conflitto linguistico opera secondo tracciati di apparente evidentissima distribuzione funzionale diglossica (Varvaro, 1978, pp ), possiamo dire che la descrizione sincronica della lingua non può prescindere da un'informazione sufficiente su quello che sono i suoi condizionamenti sociali: le categorie della sociolinguistica svolgono dunque un ruolo preciso e non secondario nella didattica e assolvono al compito importantissimo di rendere evidente la storicità delle grammatiche. Si vedano, per ottenere un effetto di immediata visualizzazione di quanto qui esposto, alcuni dei paradigmi richia- 58

9 mati nella Tabella n. 1 : tutti descrivono la stessa realtà linguistica, ma con strumenti concettuali non identici. Il catalanista, ma a questo punto anche lo studente di catalano, sono pertanto consapevoli che normalizzazione e normativizzazione sono indissolubilmente legati (in questa consapevolezza lo studioso di letteratura catalana scopre ragioni non effimere dell'antitolosismo della poesia quattrocentesca, così come dell'antifelibrismo dell'ottocento (Tavani, 1979 e Grilli, 1979); sanno anche che esse non sono che aspetti di una stessa realtà: quella dell'identità linguistica di etnie escluse o marginalizzate dai processi di centralizzazione e dall'imperialismo linguistico. Mi riferisco ai problemi posti alle lingue di cultura Vocali atone - modelli descrittivi Tab. 1 anteriors o palatals mitjanes altes tancades obertes baixes i \ \ \ : \ extrema mitjes \ è 1! ó/ 3 Ò' ^ /! O tí ' ' r/5 Ò i 'a U extrema Fonte: Fabra 1968 (ma 1933), p. 7 59

10 Clásico Á, À" L A T 1 N Vulgar Ejemplos CANTABAT A LENGUA LITERARIA Ejemplos cantava Vocal DIALECTO CENTRAL Ejemplos k? ntáb 9 E E, ì E e E LEGUMEN SECURU PÌSCABE llegum segur pescar e BfgÚ P?8ká I I LÌMITABE Mudar i linda Ó 5, u O e o MÓBIBE TÒBNABE CÌJBABE morir tornar covar u mori tiirna knbá ü u DÜBAEE durar dura Fonte: Badia 1951, p. 122 Catalán occidental Catalán oriental i U i /u Esquema pleno Esquema reducido e O Fonte: Rafel 1977, p. 27 a Leggenda tabella n. 1 Modelli diversi, storicamente datati, rispondono a momenti differenziati della ricerca linguistica, ma descrivono tutti un medesimo fenomeno, mentre costituiscono tappe didatticamente ancora operative nell'approssimazione a una conoscenza scientifica del catalano. 60

11 all'affermarsi di modelli di comunicazione verbale e non verbale che hanno origine in comportamenti linguistici dell'inglese (Els Marges. 1979). Su come vive, resiste o sopravvive, tema o rischi di morire una lingua sottoposta all'impero dei codici di comunicazione di massa elaborati e trasmessi in un'altra lingua, dominante, il catalano può dire molto e non solo si tratta di vani piagnistei e romantiche nostalgie del passato: è qui che l'esperienza catalanistica si fa viatico a una conoscenza più estesa e combattiva. (Si veda, per non fare che un solo esempio, l'estensione politicologica a livello areale iberico dell'esperienza catalana testimoniata da López del Castillo-Riera, In questo caso la datazione del contributo all'indomani della stabilizzazione costituzionale del Portogallo e della morte di Franco in Spagna è rilevante. Un'altra attestazione, già di una fase storica successiva, ma ugualmente paradigmática, è offerta dal documento del PSUC (Partit Socialista Unificat de Catalunya) del luglio 1980: Criteris per a un Estatuí de la llengua catalana, primo sintomo di come la politica linguistica alla fine della transizione postfranchista diventi una delle articolazioni fondamentali delle istituzioni democratiche spagnole, osservazione questa che ovviamente non vuole entrare nel merito delle valutazioni o delle proposte contenute nel documento.) Su di un altro piano, e sempre in relazione con la tematica normativa, l'apprendimento del catalano si offre come esperienza paradigmática. Mi riferisco a quella interdipendenza e storicità del rapporto tra statuto esterno della lingua e sue leggi interne. In questa direzione ai livelli elementari eppure inelusi dell'insegnamento quelli del giusto/sbagliato per l'insegnante di catalano è doveroso trasmettere l'informazione e allo stesso tempo problematizzarla, praticando sia pur modestamente, quella coscienza della lingua integrata di teoria e prassi che è stata la filigrana utopistica di tutte le grandi costruzioni teoriche sulla lingua. Anche in relazione ai concetti di lingua e dialetto, gergo, idioletto, ecc. l'apprendimento del catalano rende immediatamente operativi strumenti di indagine e teorie non convenzionali; tuttavia piuttosto che accennare alle ulteriori potenzialità didattiche che si offrirebbero in questa direzione, vorrei segna- 61

12 lare il ruolo che il catalano e la calatanistica hanno avuto e hanno in due campi di ricerca tanto ampi e attuali quali sono l'etnolinguistica e la sociolinguistica (Veny, 1965 e 1980). In entrambi i casi l'esperienza del catalano è servita a smitizzare molte panacee e modelli descrittivi tendenziosi e consolatori, a contribuire a consegnare quel che spetta a ciascuna branca disciplinare, chiarendo l'autonomia e delineando le finalità di un sapere a mezza strada tra la ricerca scientifica e la gestione del potere come è la politica linguistica, ecc. Basterà qui accennare alla discussione cui Aracil ha sottoposto il concetto di bilinguismo, criticandone le molte ambiguità e l'escamotage che opera su molte realtà conflittive; oppure alla polemica che Vallverdú mantiene nei confronti del diglossocentrismo, che il continuo sovrapporsi di lingua A e lingua B può offrire il fianco a paradossali capovolgimenti e travisamenti di concreti e ben reali conflitti linguistici; finalmente come ha chiarito Badia Margarit le lingue in contatto connotano di affettività i loro rapporti e nei portatori di una varietà linguistica determinata (nel nostro caso: i catalanoparlanti) si fa esplicita una non accettazione della condizione diglossica che si tende a imporre loro divenendo coscienza linguistica della differenza, una differenza che immediatamente e continuamente intende scavalcarsi e straripare nel sociale. (Aracil, 1966; Vallverdú, 1973 e 1979a; Badia, 1977a e b). A questo punto credo che si possa affermare che la storia recente delle alterne vicende della lingua catalana rende consapevole lo studioso o lo studente che parlare di bilinguismo castigliano/catalano è in realtà fornire copertura democratica alla situazione di diglossia: lingua A castigliano/lingua B catalano; che però la diglossia non può di nuovo essere invocata se non in presenza di un vero rapporto di lingue in contatto descritto nella sua concreta entità conflittiva. Scopertamente: non è corretto capovolgere il discorso e ai primi cenni di normalizzazione linguistica del catalano cioè di lotta antidiglossica efficace accusare la lingua B di costituirsi in lingua A ai danni del castigliano. La minaccia di morte per il castigliano e le sorti della popolazione immigrata in Catalogna sono strumenti atti alla retorica politica, ma non possono legittimarsi in altri ambiti. Sappiamo ormai troppo bene che la scienza non è neu- 62

13 trale e sappiamo anche che l'umanità è giunta a uno stadio di evoluzione che rende ineludibile una certa divisione del lavoro intellettuale; ebbene questo è uno dei casi in cui il sapere scientifico specialistico può dimostrare di non essere inerte e operare la verifica dei poteri; la sociolinguistica catalana non ha eluso questi problemi. Risulta infatti di immediata evidenza il rilievo di codesto contributo per la più generale comprensione di complesse fenomenologie linguistiche, perché indica con chiarezza i meccanismi con cui opera l'oppressione linguistica, un'oppressione che appare spesso celata nei paesi in via di sviluppo da diverse barriere, comprese le barriere della fame e della sopravvivenza fisica di intere etnie. Tuttavia non è di minore importanza che l'esperienza del catalano renda esplicita una richiesta di un certo tasso di resistenza alle lingue che non vogliono morire che le differenzi dalle infinite minoranze sparse per la galassia, affinchè la morte naturale di queste non giustifichi il genocidio di quelle. Il senso e il peso della differenza, così come la richiesta ultimativa di giustizia, sono stati indicati assai bene da Salvi 1973 e 1975, anche se qualche correzione al suo discorso si rende necessaria se si vuole evitare una proposta in chiave di 'minoranze' dei vecchi populismi sorti nel XIX secolo al riparo, o addirittura come supporto, dei nazionalismi imperialistici. Cosa significhi questo richiamo, che a taluni potrebbe anche apparire eccessivamente realistico e privo di quella carica utópica che pare connaturale a quanti si occupano di campi disciplinari ridotti, potrà essere facilmente spiegato con l'ausilio di un contributo che Francese Vallverdú ha in corso di pubblicazione in un suo libro miscellaneo di sociolinguistica catalana che stamperà la casa editrice Península (cfr. la Tabella 2). In esso attraverso il campione offerto dall'attività delle case editrici in lingua catalana è possibile notare l'effetto immediato della fine della dittatura (1975/1976) e delle aperture propiziate dalla transizione (1977/1980) nella crescita costante e ininterrotta della porzione di mercato libraio guadagnata dalla lingua catalana (Vallverdú, 1981). Né è da trascurare il valore che l'osservazione e la comprensione dei fenomeni cui ho accennato possono rivestire per rileggere intere pagine della storia linguistica del passato, una storia che, almeno in parte, dovette svolgersi 63

14 Tab r / 1.132/ 1.015/ A 700? 740Ì L J 300 L I 1 I : l 100 -_ i II 1 1 li*m4 ro in o.. fm l'~ 5Q \ Fonte: Vallverdú 1981b, p. 104 l l l l t l f l O»Ó IO >O / 855/ / J 413 / A [426/ / 370 \ 294/ / --' II \ O IO O in o O\ NO O\ \o r- r~- oo O\ Os O^ Leggenda tabella n. 2. La morte del Dittatore e la crisi del sistema istituzionale franchista imprimono un'impennata alla produzione editoriale in catalano, benché i vecchi condizionamenti culturali e sociali negativi continuino a operare oltre i cambiamenti della scena politica. /

15 secondo processi in qualche modo simili, come di recente ha suggerito Alberto Varvaro (Varvaro, 1979). Probabilmente più d'uno si sarà accorto che il superficialissimo itinerario che abbiamo percorso ha già smontato qualsiasi pretesa di neutralità sia della ricerca linguistica, sia dell'insegnamento anche pratico di una lingua storico-naturale. La linguistica catalana non è mai stata neutrale, né ha permesso mascheramenti: da Meyer-Liibke a Menéndez Pidal, da Gerhard Rohfs a Mossèn Alcover, da Polripeu Fabra a Joan Coromines, fino ai più giovani linguisti della mia generazione (Joan Sarda, Maria Grossmann, Max Wheeler, Sebastià Serrano, Joan Argente e tanti altri), è stata sempre schierata, a volte addirittura con compromissioni politiche militanti eccessive, fossero esse ingenue o interessate. Tuttavia alla fine tra il dare e l'avere è risultato che quell'impegno, o quella affettività, risultavano ampiamente produttivi anche a livello squisitamente scientifico (Badia, 1977). Dell'insegnamento del catalano, poi, condotto più volte nella storia in condizioni abituali per la propaganda settaria o la cospirazione, forse vai meglio tacere pudicamente A questo punto, però, e senza false modestie, è pur giusto riconoscere che gli studiosi di letteratura catalana non hanno mai fatto orecchio da mercante ai risultati e alle ipotesi di lavoro dei colleghi linguisti, né in vero avrebbero potuto se, come ho accennato sopra, una delle caratteristiche specifiche della ricerca sociolinguistica e linguistica in generale di area catalana è stata quella di negare rigide contrapposizioni tra linguaggi, compresa quella tra standard e lingua letteraria. È anzi accaduto che i letterati abbiano usato perìfrasi linguistiche per formulare programmi di poetica che ritenevano tatticamente di dover presentare analogicamente: è il caso di Caries Riba negli anni trenta (Grilli, 1974). Naturalmente è altrettanto vero che i linguisti hanno sempre reso il prestito: così Badia Margarit negli anni sessanta ha ripreso (cioè ha preso per buona) la metafora di Riba con evidenti e omologhe finalità di schermo (Badia, 1964, pp ). Non vorrei, però, che alla fine si avesse un'idea di collaborazione a bassi livelli e di uno scambio di opportunismi, storicamente motivati e finalizzati, ma pur sempre opportunismi: l'estremismo degli esempi addotti aveva scopertissime intenzio- 65

16 ni didattiche e non esclude altre e più ricche interferenze. Sappiamo tutti come e quanto negli ultimi venti anni la linguistica abbia contribuito a innovare con suggestioni, metodologie, modelli di ricerca e paradigmi interpretativi la scienza della letteratura; oggi comincia a prospettarsi un nuovo fronte che dovrebbe condurre all'incontro con la cosiddetta 'nuova storia'. Anche in questa attualissima direzione la linguistica catalana ha svolto, e più ancora può svolgere, un ruolo importante nel riempire (almeno nel desiderio di riempire) i tanti buchi neri di una conoscenza che cominciamo a riconoscere come ancora fortemente condizionata da pregiudizi e ideologie caduchi. BIBLIOGRAFIA E. ALARCOS LLORACH, El sistema fonemàtico del catalán, in «Archiviimi» n. 3 (1953), pp R. ARAMON I SERRA, Problèmes d'bistoire de la langue catalane, in La Linguistique Catalane. Colloque International... Strasbourg Actes publiés par A. Badia Margarit et Georges Straka, Paris 1973, pp L. V. ARACIL, Un dilema valencia. A valencian dilemma, in «Identity Magazine» n. 24 (1966). L. V. ARACIL, Calala standard i didectes, in «Sant Joan i Barres». Publicació trimestral del Grup Rossellonès d'estudis Gatalans, n. 51 (tardor 1975), pp L. V. ARACIL, Conflit linguistique et normdisation linguistique dans l'europe nouvelle, Perpinyà A. M. BADIA I MARGARIT, Gramática histórica catalana, Noguer, Barcelona A. M. BADIA I MARGARET, Llengua i cultura ds Pasps Caldani, Edicions 62, Barcelona A. M. BADIA I MARGARET, Phonétique et phondogie catalane*, in La Linguistique Caldane, ót., pp A. M. BADIA I MARGARIT, Cap a una sockongúísfica caldana, Instituto de Estudios Herdenses, Lleida A. M. BADIA I MARGARIT, Vint-i-dnc anys d'estudis sobre la llengua i la literatura catdanes ( ). La llengua, Publkacions de l'abadda de Montserrat, Montserrat A. M. BADIA I MARGARIT, Ciencia i pasmó dìns la cultura caldana, Publicacions de l'abadia de Montserrat, Montserrat A. M. BADIA I MARGARIT, Lenguas en contacto: bilingüismo, diglossia, lenguas en convivencia (con especial aplicación al catalán), in Comunicaáón y lenguaje, Karpos, Madrid

17 A. M. BADIA I MARGARIT, L'Alt Urgell i d calda ocàdentd nmxent, in Actes del Ve Colloqui internacional de llengua i Oliatura catdanes. Andorra 1979, Montserrat 1980, pp A. M. BADIA I MARGARIT, La formado de la llengua caldana, Publicacions de l'abadia de Montserrat, Montserrat J. BENET, Catalunya sota el regim franquista, Blume, Barcelona J. CARBONELL, Elementi di storia sodale e politica della lingua catalana, in «La grotta della vipera», n. 15 (estate-autunno 1979), pp J. CARBONELL, Gli studi di lingua e letteratura catalana in lidia (dd sec. IX dia fine del XVII) fra il 1945 e U 1977, in II contributo italiano agli studi catalani Atti dei convegni dell'associazione italiana di studi catalani, Roma 1981, pp R. CERDA MASSO, L'esttudura vocàlica del calda comii moiern, in «Estudis Romànics» XII ( ), pp ELS MARGES Editorial, Una nadó sense estai, un pohe sense llengua?, in «Els Marges» n. 15 (gener 1979), pp. 3-13; trad. it. in Spagna tuttifrutti, a cura di G. Grilli, Pironti, Napoli 1981, pp J. COROMINES, El que s'ha de saber de la llengua caldana, Moli, Mallorca 1972 (1> 1954). M. CORTI, Metodi e fantasmi, Feltrinelli, Milano P. FABRA, U» cursillo de fonética catalana, Colegio Oficial de Arquitectos de Cataluña y Baleares, Barcelona 1968 (ma appunti di un corso tenuto nel maggio del 1933). P. FABRA, Introdúcelo a la gramática caldana, Edicions 62, Barcelona (ed. a cura di R. Aramon i Serra). P. FABRA, La llengua caldana i la seva normditwàó, Edidions 62, Barcelona 1980 (ed. a cura di F. VaHverdú). G. FERRATER, Les gramàtiques de Potnpeu Fabra, in «Serra d'or» X (1968), pp J. A. FISHMAN, La sociologia del linguaggio, Officina, Roma G. GRILLI, Poetica e lingua comune in Catdogna da Caries Riba a oggi, in Atti del XIV Congresso Internazionde di Linguistica e filologia Romanza. Napoli 1974, Napol-Amsterdam 1981, voi. V, pp G. GRILLI, La letteratura catalana. La diversità oulturde nella Spagna moderna, Guida, Napoli M. GROSSMANN, Sistema lexied deis noms de color en catdà, in «Estudis Romànics» XVI ( ), pp M. GROSSMANN, Gli studi sulla lingua catalana: il contributo italiano dopo il 1945, in II contributo Itdiano, cit., pp M. GROSSMANN, Anàlisi socialingüística de la poblado escolar de l'alguer, in Actes del Ve Colloqui, cit., pp L. LOPEZ DEL CASTILLO, Llengua standard i nivetts de llenguatge, Laia, Barcelona L. LOPEZ DEL CASTILLO - IGNASI RIERA, El debot pplitic a l'entorn de la llengua, in «Taula de canvi», n. 2 (no.-dic. 1976), pp J. MOLAS. La cultura durant el segle XIX, in Historia de Catalunya, V, Salvat, Barcelona 1978, pp

18 A. MOLL, Problemàtica del caída esl&ndard, in Acfes del Ve Colloqui, cit, pp R. LL. ÑINYOLES, Cuatro idiomas para un Estado. El castellano y los conflictos lirigüísticos en la España perférica, Cambio 16, Madrid R. PLA I ARE, «L'avene» ( ): la modernització de la Renaixenca, in «Els Marges» n. 4 (maig 1975), pp PARTIT SOCIALISTA UNIFICAT DE CATALUNYA, Criteris per a un Estatuí de la llengua catalana, Barcelona M. DE RIQUER, La llengua de los poetas catalanes medievales, in VHème Congrès ìnternational de Linguistique romane. Adfes et mémoìres, Barcelona 1953, Barcelona 1955, I, pp M. DE RIQUER, Historia de la literatura catalana, w. I, II, III, Ariel, Barcelona L. ROSIELLO, Struttura, uso e funzioni della lingua, Valleccfoi, Firenze L. ROSIELLO, La lingua. Voce áe&'enciclopediia Einaudi, v. 8, Torino 1979, pp J. RUBIO, Literatura catalana in Historia General del las Literaturas Hispánicas, <a cura di G. Diaz-Plaja), Vergara, Barcelona 1958, v. III. S. SALVI, Le nazioni proibite, Vallecehi, Firenze S. SALVI, Le lingue tagliate, Rizzali, Milano M. SANCHIS GUARNER, Aproximado a la historia del la llengua catalana, SaWat, Barcelona D. SILVESTRI, La varietà linguìstica nel motido antico, in «AIcoN», 1 (1979), pp J. SOLA, Del calala incorrecte al cátala correóte. Historia deis criteris de correcció lingüística, Edicions 62, Bardelona G. TAVANI, Literatura i societat a Barcelona entre la fi del segle XIV i el comencament del XV, in Actes del Ve Colloqui, cit., pp L. TERRACINI, 1 segni e la scuola. Didattica della letteratura come pratica sociale, La Rosa, Torino A. TERRY - J. RAFAEL FONTANALS, Introducción a la llengua y la literatura catalanas, Ariel, Barcelona F. VALLVERDU, Ensayos sobre bilingüismo, Ariel, Barcelona F. VALLVERDU, El fet lingüístic com a fet social. Asiaig de lingüística institucional, Edicions 62, Barcelona F. VALLVERDU, La normditzadó lingüística a Catdunya, Laia, Barcelona F. VALLVERDU, Algunes aportacions tebriques deis mvestigadors catdans a la sociolingüística, in Actes del Ve Colloqui, cit., pp F. VALLVERDU, Estandard i Uenguatge literari en les dues edicions de «Bearn», in «Randa» n. 11 (1980), Homenatge a Francese de B. Moli. 3, pp F. VALLVERDU, Aproximado crítica a la sódolingüística catalana, Edicions 62, Barcelona F. VALLVERDU, El conflicto lingüístico en Catdunya. Historia y presente, Península, Barcelona

19 A. VARVARO, DiasisAemi e storia delle lingue di cultura, in Actes du XIII Congrès International de Unguistique et de Pbilologie Romanes. Quebec 1971, Quebec 1977, pp A. VARVARO, Storia della lingua: passato e prospettive di una categoria controversa, in «Romance PMlology» XXVI (1972), pp e XXVII (1973) A. VARVARO, La lingua e la società. Le riàerche sociolinguistiche, Guida, Napoli A. VARVARO, Capitoli per la storia linguistica dell'italia meridionale e della Sicilia, in «Medioevo romanzo», VI (1980), pp A. VARVARO, Intervento alla tavola rotonda: Sociolingiitstica i lingüística romànica, in XV Congrès Internacional de Lingüística i Filologia Romàniques, Ciutat de Mallorca 7-12 d'abril de 1980, Mallorca (in stampa). J. VENY, L'estudi actual de la llengua catalana: homes i obres ( ), in D. A., La llengua catdana, Editorial Franciscana, Barcelona 1965, pp J. VENY, Esiudis de geolingulstica catalana. Edicions 62, Barcelona M. W. WHEELER, Vhonology of Catdan, Publioatìons of thè Philological Society, Oxford

20

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Fulco Lanchester Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Lezioni di Diritto costituzionale comparato.-,->'j.*v-;.j.,,* Giuffre Editore INDICE SOMMARIO Premessa Capitolo I LA COMPARAZIONE GIUSPUBBLICISTICA 1. L'ambito

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Rispetto alle altre scienze sociali Soluzione gerarchica Soluzione residuale Soluzione formale Soluzione gerarchica A. Comte

Dettagli

Insieme con gli altri nella città degli uomini. La lezione di Bruno Schettini. di Rocco Pititto

Insieme con gli altri nella città degli uomini. La lezione di Bruno Schettini. di Rocco Pititto Insieme con gli altri nella città degli uomini La lezione di Bruno Schettini di Rocco Pititto Brevi vivens tempore, explevit tempora multa Sap 4,13 1. Tra biografia e storia: il profilo umano di uno studioso

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

si riunisce telematicamente il giorno 13 maggio 2015 alle ore 17.30 per la stesura della relazione finale.

si riunisce telematicamente il giorno 13 maggio 2015 alle ore 17.30 per la stesura della relazione finale. PROCEDUM VALUTATIVA DI CHIAMATA RISERVATA PER I.A COPERTUM DI N. 1 POSTO DI PROFESSORE ORDINARIO AI SENSI DELL',ART. 24 CO. 6 DEL -A LEGGE N.240l2010 - PER IL SETTORE CONCORSUALE 10/G1, SETTORE SCIENTIFICO

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione?

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Scrive Thomas Eliot: Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Interrogativi integrati da: Dov è l informazione che abbiamo perso nei dati?

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Ministero, dell'istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero, dell'istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. n. 612 Spedito il 30/3/2010 All On.le Ministro SEDE OGGETTO: Valutazione della ricerca. Adunanza del 25.03.2010 IL CONSIGLIO UNIVERSITARIO NAZIONALE APPROVA IL SEGUENTE DOCUMENTO: Introduzione Ogni

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

Un'altra difesa è possibile

Un'altra difesa è possibile Un'altra difesa è possibile Campagna per il disarmo e la difesa civile. Se vuoi la PACE prepara la PACE... fiscale in sede di dichiarazione dei redditi. Obiettivo L obiettivo è quello della costituzione

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

2. La struttura formale del problema dell essere.

2. La struttura formale del problema dell essere. Indice Introduzione... 7 2. La struttura formale del problema dell essere.... 9 7. Il metodo fenomenologico della ricerca.... 14 7(c). Il concetto preliminare di fenomenologia... 16 8. Schema dell opera...

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli