SEMINARIO TECNICO INTERVENTI E METODI DI STABILIZZAZIONE PER RIDURRE IL RISCHIO LIQUEFAZIONE.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SEMINARIO TECNICO INTERVENTI E METODI DI STABILIZZAZIONE PER RIDURRE IL RISCHIO LIQUEFAZIONE."

Transcript

1 Associazione Geologi Messina Associazione Ingegneri per l Ambiente ed il Territorio Ordine degli Ingegneri della Provincia di Messina Ordine Regionale dei Geologi di Sicilia SEMINARIO TECNICO PROGETTARE INTERVENTI DI INGEGNERI A GEOTECNICA AMBIENTALE ALLA LUCE DELLE NTC INTERVENTI E METODI DI STABILIZZAZIONE PER RIDURRE IL RISCHIO LIQUEFAZIONE. Mercoledì 13 Giugno 2012 Sala delle Bandiere Palazzo Zanca MESSINA Relatore:Dott. Geologo Sebastiano MONACO

2 PERICOLOSITA SISMICA PER L INSORGERE DELLA LIQUEFAZIONE IL FENOMENO DELLA LIQUEFAZIONE DEI TERRENI È STATO IN PASSATO, LA CAUSA DI MOLTI DANNI ALLE STRUTTURE DURANTE IL MANIFESTARSI DI TERREMOTI, PERTANTO RAPPRESENTA UNA POSSIBILE MINACCIA INTERESSANDO IN GENERE I DEPOSITI SABBIOSI E/O SABBIOSO LIMOSI SCIOLTI, A GRANULOMETRIA UNIFORME, NORMALMENTE CONSOLIDATI E SATURI. E QUINDI INDISPENSABILE, ANALIZZARE E TENERE CONTO DI TUTTE QUELLE SITUAZIONI GEOLOGICHE, GEOMORFOLOGICHE, IDROGEOLOGICHE, CHE RICONDUCONO A STUDI SULLE STRUTTURE TETTONICHE, INSTABILITÀ DEI PENDII, FENOMENI DI LIQUEFAZIONE ECC OCCORRE QUINDI CHE: LA PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE PASSI ATTRAVERSO UNO STUDIO DI MICROZONAZIONE SISMICA, IN MODO DA AIUTARE I PROGETTISTI, DURANTE LA STESURA DEI PIANI REGOLATORI GENERALI AD ESCLUDERE O MENO AREE DI TERRITORIO ALTRIMENTI INDIRIZZATE A DESTINAZIONI URBANISTICHE DOTATE DI UN POTENZIALE RISCHIO (RESIDENZIALE, INDUSTRIALE, ECC., ). A TAL PROPOSITO SI DEVE TENER CONTO DELLA: PERICOLOSITÀ SISMICA DELL AREA. [D.M. DEL 14 GENNAIO 2008 NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI (G.U. N 29 DEL 04/02/08 SUPPL- ORD. N 30)]. LA PROBABILITÀ CHE UN DEPOSITO RAGGIUNGA LE CONDIZIONI DI LIQUEFAZIONE DIPENDE: dal grado di addensamento; dalla granulometria e forma dei granuli; dalle condizioni di drenaggio; dall andamento ciclico delle sollecitazioni sismiche e loro durata; dall età del deposito; dalla profondità della linea di falda (prossima alla superficie);

3 METODI Per valutare il potenziale di liquefazione sono stati proposti diversi metodi: TABELLARI: basati sul confronto tra i depositi sabbiosi in sito con il comportamento di analoghi depositi durante precedenti terremoti in varie parti della superficie terrestre in cui si sono verificati casi reali di liquefazione; METODI METODI SEMPLIFICATI: basati sulla valutazione delle sollecitazioni di taglio e di deformazione ciclica;

4 METODI TABELLARI Questi metodi si basano per lo più dal confronto con tabelle fornite da vari autori, basandosi esclusivamente sulla valutazione della suscettibilità della liquefazione in funzione: dell unità geomorfologica presente (Iwasaki et al., 1982); della profondità della falda (Youd et al., 1978); della granulometria (Sherif e Ishibashi, 1978); dell età del deposito (Youd e Perkins, 1978); Tali valutazioni sono state elaborate confrontando per similitudine le aree oggetto dell analisi ad altre aree a rischio in cui sono stati già accertati fenomeni di liquefazione. I metodi tabellari, utili soprattutto ai fini di una pianificazione iniziale, forniscono una valutazione di massima della vulnerabilità alla liquefazione di depositi costituiti da sedimenti sabbiosi saturi, e generalmente si limitano a valutare la suscettibilità dei depositi indipendentemente dall'entità dell evento sismico.

5 METODI SEMPLIFICATI I metodi semplificati, generalmente valutano la suscettibilità alla liquefazione dei depositi in funzione della profondità di falda, delle caratteristiche dell evento sismico (magnitudo ed accelerazione al suolo), dello stato di addensamento dei terreni sabbiosi [ricavati da prove SPT, CPT e Sismiche (Vs)], da prove granulometriche (valutazione della percentuale di fine presente). Seed e Idriss (1982); Iwasaki et al. (1978; 1984); Tokimatsu e Yoshimi (1983); Youd e Idriss (2001); Seed et al. (1985); Rauch (1998); Eurocodice 8; Yegian e Whitman (1978); Robertson e Wride (1997); Andrus e Stokoe (1998); Boulanger and Idriss (2004); Japanese Bridge Code (1984); Andrews and Martin (2000); Chinese Criteria(Wang 1979).

6 TERRENI SUSCETTIBILI ALLA LIQUEFAZIONE SECONDO IL D.M. 14 GENNAIO 2008 NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI Ai fini delle presenti norme, il termine "liquefazione" denota una diminuzione di resistenza a taglio e/o di rigidezza causata dall'aumento di pressione interstiziale in un terreno saturo non coesivo durante lo scuotimento sismico, tale da generare deformazioni permanenti significative o persino l'annullamento degli sforzi efficaci nel terreno. Deve essere verificata la suscettibilità alla liquefazione quando la falda freatica si trova in prossimità della superficie ed il terreno di fondazione comprende strati estesi o lenti spesse di sabbie sciolte sotto falda, anche se contenenti una frazione fine limo-argillosa. DI SEGUITO SI RIPORTA QUANTO STABILITO DAL D.M. 14/01/08 NEI CONFRONTI DELLA LIQUEFAZIONE [ ]: Se il terreno risulta suscettibile alla liquefazione e gli effetti conseguenti appaiono tali da influire sulle condizioni di stabilità di pendii o manufatti, occorre procedere ad interventi di consolidamento del terreno e/o a trasferire il carico a strati di terreno non suscettibili di liquefazione. In assenza di interventi di miglioramento del terreno, l impiego di fondazioni profonde richiede comunque la valutazione della riduzione della capacità portante e degli incrementi delle sollecitazioni indotte nei pali.

7 La verifica a liquefazione può essere omessa quando si manifesti almeno una delle seguenti circostanze: a. Eventi sismici attesi di magnitudo M inferiore a 5; b. accelerazioni massime attese al piano campagna in assenza di manufatti (condizioni di campo libero) minori di 0,1g; c. profondità media stagionale della falda superiore a 15 m dal piano campagna, per piano campagna sub-orizzontale e strutture con fondazioni superficiali; d. depositi costituiti da sabbie pulite con resistenza penetrometrica normalizzata (N 1 ) 60 > 30, oppure q c1n > 180 dove (N 1 ) 60 è il valore della resistenza determinata in prove penetrometriche dinamiche (Standard Penetration Test) normalizzata ad una tensione efficace verticale di 100 kpa e q c1n è il valore della resistenza determinata in prove penetrometriche statiche (Cone Penetration Test) normalizzata ad una tensione efficace verticale di 100 kpa; e. distribuzione granulometrica esterna alle zone indicate nella figura 1, nel caso di terreni con coefficiente di uniformità Uc < 3,5 ed in figura 2 nel caso di terreni con coefficiente di uniformità Uc > 3,5. [Con Uc =d 60 /d 10 ]. FUSI GRANULOMETRICI DI TERRENI SUSCETTIBILI ALLA LIQUEFAZIONE Fig. 1 Uc < 3,5 Fig. 2 Uc > 3,5

8 Quando le condizioni a) e b) non risultino soddisfatte, le indagini geotecniche devono essere finalizzate almeno alla determinazione dei parametri necessari per la verifica delle condizioni c), d) ed e). Qualora nessuna delle condizioni di cui sopra, risulti soddisfatta e il terreno di fondazione comprenda strati estesi o lenti spesse di sabbie sciolte sotto falda, occorre valutare il coefficiente di sicurezza alla liquefazione alle profondità in cui sono presenti i terreni parzialmente liquefacibili. Salvo utilizzare procedure di analisi avanzate, la verifica può essere effettuata con metodologie di tipo storico-empirico il cui coefficiente di sicurezza viene definito dal rapporto tra la resistenza disponibile alla liquefazione e la sollecitazione indotta dal terremoto di progetto. La resistenza alla liquefazione può essere valutata sulla base dei risultati di prove in sito o di prove cicliche di laboratorio. La sollecitazione indotta dall azione sismica è stimata attraverso la conoscenza dell accelerazione massima attesa alla profondità di interesse. L adeguatezza del margine di sicurezza nei confronti della liquefazione deve essere valutata e motivata dal progettista.

9 (N 1 ) 60 FATTORI CORRETTIVI PER LA STANDARDIZZAZIONE DELLA PROVA SPT CORREZIONI DI N SPT DOVUTE ALL INFLUENZA DELLA PROCEDURA DI ESECUZIONE A prescindere dalle condizioni del terreno su cui verrà eseguita la prova SPT, i risultati di tale prova risentono dell influenza di numerosi fattori. Infatti, la prova non è eseguita ovunque con la medesima tecnica e/o attrezzatura, si rende, quindi, necessario introdurre dei fattori correttivi. I fattori che possono influenzare la prova possono essere raggruppati nei seguenti gruppi : Tipologia di perforazione; Dimensioni del foro; Tipo di campionatore; Lunghezza delle aste; Dispositivo di battitura; Profondità della prova. Pertanto per la determinazione della verifica alla liquefazione si dovrà considerare (N 1 ) 60 calcolato nel modo seguente: (N 1 ) 60 = N SPT C N C E C B C R C S N SPT = numero di colpi della prova SPT; C N = coefficiente che tiene conto dell influenza della pressione verticale efficace alla profondità della prova; C E = coefficiente che tiene conto dell efficienza del sistema di battuta della prova; C B = coefficiente che tiene conto dell influenza dovuta al diametro del sondaggio; C R = coefficiente che tiene conto della lunghezza della batteria di aste utilizzate per la prova; = coefficiente che tiene conto del tipo di campionatore utilizzato. C S La resistenza alla liquefazione di un terreno sabbioso può essere espressa da un valore opportunamente corretto dell indice N SPT, normalizzato ad una pressione litostatica approssimativa di 100 kpa e per un energia efficace di battuta del 60% (coefficiente di efficienza).

10 INTERVENTI E METODI PER RIDURRE IL RISCHIO LIQUEFAZIONE QUANDO SI È ACCERTATO CHE IN UN DEPOSITO INCOERENTE SATURO, DURANTE UN EVENTO SISMICO, POSSONO VERIFICARSI FENOMENI DI LIQUEFAZIONE, CHE COMPORTANO QUINDI UNA DIMINUZIONE DELLA RESISTENZA AL TAGLIO PER IL CONSEGUENTE AUMENTO DI PRESSIONE NEI PORI, GLI EFFETTI CHE POSSONO MANIFESTARSI SUL TERRITORIO SONO DIVERSI IN FUNZIONE DELLA: A. DENSITÀ DELLE STRUTTURE PRESENTI ; B. DELLE CARATTERISTICHE GEOMORFOLOGICHE DEL DEPOSITO INVESTITO DALL INTENSITÀ DEL SISMA. CON CONSEGUENTE: PERDITA DI CAPACITÀ PORTANTE E AFFONDAMENTO DEGLI EDIFICI, CON CEDIMENTI DIFFERENZIALI E ASSOLUTI,OLTRE A POSSIBILI ROTAZIONI E/O RIBALTAMENTI; CROLLO E COLLASSI STRUTTURALI DI STRUTTURE (PONTI, EDIFICI ECC..); FRANE E MANIFESTAZIONI MORFOLOGICHE SULLA SUPERFICIE DEL DEPOSITO. PER RIDURRE IL RISCHIO LIQUEFAZIONE IN UN TERRITORIO SE SI È IN PRESENZA DI DEPOSITI LIQUEFACIBILI È GENERALMENTE CONSIGLIATO: SCEGLIERE ALTRI SITI ; ALTRIMENTI: PROGETTARE ADEGUATE STRUTTURE DI FONDAZIONE; MIGLIORARE LE CARATTERISTICHE DEL DEPOSITO.

11 TAB METODI DI CONSOLIDAMENTO PER TERRENI LIQUEFACIBILI.

12 LE CARATTERISTICHE DEI TERRENI CHE SI PRESTANO AD ESSERE MODIFICABILI CON LE METODOLOGIE ESISTENTI RIGUARDANO PRINCIPALMENTE LA DENSITÀ, LA PERMEABILITÀ E LA RESISTENZA ALLA COMPRESSIONE. INCREMENTANDO TALI CARATTERISTICHE SI MIGLIORANO I TERRENI. LA SCELTA DELLA METODOLOGIA DA IMPIEGARE PER RIDURRE GLI EFFETTI DELLA LIQUEFAZIONE LOCALE A LIVELLO DEL SINGOLO EDIFICIO O STRUTTURA, È MOLTO COMPLESSA ED OCCORRE CONSIDERARE I SEGUENTI FATTORI: a. L IMPORTANZA DELL OPERA; a. IL MIGLIORAMENTO DELLA CAPACITÀ PORTANTE DEL TERRENO; a. LA MOVIMENTAZIONE E DISPONIBILITÀ DELLE ATTREZZATURE RICHIESTE DALLA METODOLOGIA; a. COSTO DEL METODO DI TRATTAMENTO SCELTO; a. VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DELL INTERVENTO SCELTO; a. VERIFICHE FINALI SULLE CARATTERISTICHE DEI TERRENI TRATTATI.

13 METODI DI MIGLIORAMENTO DELLE CARATTERISTICHE DEL TERRENO -ADDENSAMENTO- I METODI DI COMPATTAZIONE PIÙ USATI PER RIDURRE IL RISCHIO DI LIQUEFAZIONE IN UN DEPOSITO CONSISTONO NELL AUMENTARE LA DENSITÀ RELATIVA DEI TERRENI INCOERENTI SCIOLTI SATURI. L AUMENTO DELLA DENSITÀ PUÒ ESSERE RAGGIUNTO APPLICANDO UNO DEI METODI DINAMICI SOTTO ELENCATI IN FUNZIONE DEI COSTI (DIMENSIONE DELL INTERVENTO) ED ALLA PROFONDITÀ DA RAGGIUNGERE : VIBROCOMPATTAZIONE/VIBROFLOTTAZIONE; PALI COMPATTATI; HEAVY TAMPING; ESPLOSIVI. VIBROFLOTTAZIONE PALI COMPATTATI HEAVY TAMPING

14 METODI DI MIGLIORAMENTO DELLE CARATTERISTICHE DEL TERRENO -ADDENSAMENTO- VIBROCOMPATTAZIONE COMPATTAZIONE PROFONDA DEI TERRENI, PERMETTE DI MIGLIORARE I TERRENI DI FONDAZIONE INCREMENTANDONE LE CARATTERISTICHE DI RESISTENZA E DEFORMABILITÀ. LA TECNICA CONSISTE NEL TRASFERIRE NEL SOTTOSUOLO, ATTRAVERSO L USO DI UN APPOSITO APPARECCHIO VIBRANTE A PUNTA CONICA, CON O SENZA RIEMPIMENTO DI MATERIALE, VIBRAZIONI IN GRADO DI ADDENSARE IL TERRENO CIRCOSTANTE ALLE PROFONDITÀ VOLUTE. LE VIBRAZIONI INDOTTE NEL TERRENO (TERRENI) INCOERENTI, GHIAIE, SABBIE E SABBIE LIMOSE), INDUCONO UN ADDENSAMENTO, CON L AUMENTO DEI VALORI DI DENSITÀ RELATIVA E DI CONSEGUENZA DEI VALORI DI DEFORMABILITÀ (MODULO ELASTICO E), OLTRE AD UNA RIDUZIONE DELLE PRESSIONI INTERSTIZIALI DOVUTE ALL ESPULSIONE DELL ACQUA DAI PORI. CON QUESTI METODI SI POSSONO RAGGIUNGERE NORMALMENTE PROFONDITÀ DI TRATTAMENTO DI M ECCEZIONALMENTE FINO A 30 M. PLANIMETRICAMENTE LA SPAZIATURA TRA I FORI PUÒ VARIARE TRA 1,5 E 3 M. NELLA FIGURA SEGUENTE SONO INDICATE LE FASCE GRANULOMETRICHE PER LE QUALI I METODI DI VIBROCOMPATTAZIONE RISULTANO PIÙ EFFICACI (MITCHELL E KATTI, 1981). TALE METODOLOGIA È PARTICOLARMENTE EFFICACE QUANDO SI È IN PRESENZA DI TERRENI INCOERENTI SATURI SOTTO FALDA CON MENO DEL 20% DI FINI. L ESECUZIONE CON QUESTA METODOLOGIA È UN OTTIMO COMPROMESSO TRA COSTI MEDIO-ALTI E TEMPI DI ESECUZIONE RAPIDI.

15 METODI DI MIGLIORAMENTO DELLE CARATTERISTICHE DEL TERRENO -ADDENSAMENTO- VIBROCOMPATTAZIONE Campo delle distribuzioni granulometriche per le quali risultano più efficaci i diversi metodi di vibrocompattazione ( da Mitchell e Katti, 1981).

16 METODI DI MIGLIORAMENTO DELLE CARATTERISTICHE DEL TERRENO -ADDENSAMENTO- PALI.COMPATTATI MOLTO SIMILE AL PRECEDENTE MA MENO COSTOSO. LA TECNICA CONSISTE NEL LASCIAR CADERE, SOPRA UN CILINDRO CAVO, DEL DIAMETRO MEDIO DI CM., UN MAGLIO. IL TERRENO IN QUESTO MODO SI ADDENSA PER SPOSTAMENTO LATERALE DOVUTO ALL INFISSIONE DEL PALO, CREANDO IL COSTIPAMENTO. NEL FORO D EL CILINDRO V IENE SUCCESSIVAMENTE INSERITI SABBIA O CALCESTRUZZO, OVE IN ALCUNI CASI PUÒ ESSERE POSIZIONATA UNA GABBIA D ARMATURA. CON QUESTO METODO SI POSSONO RAGGIUNGERE NORMALMENTE PROFONDITÀ DI TRATTAMENTO DI M., OTTENENDO GENERALMENTE DENSITÀ ELEVATE. LA SPAZIATURA TRA I PALI COMPATTATI PUÒ VARIARE TRA 1,0 E 2,5 M. TALE METODOLOGIA È EFFICACE I N TUTTI I TERRENI INCOERENTI SATURI SOTTO FALDA ANCHE CON FINI, MA PUÒ ESSERE USATO IN AREE DISTANTI DA ZONE DENSAMENTE POPOLATE PER GLI EFFETTI NOCIVI DELLE VIBRAZIONI ACUSTICHE DA ESSO GENERATE.

17 METODI DI MIGLIORAMENTO DELLE CARATTERISTICHE DEL TERRENO -ADDENSAMENTO- HEAVY TAMPING LA DENSIFICAZIONE DEL TERRENO VIENE OTTENUTA LASCIANDO CADERE IN CADUTA LIBERA DA M. GROSSI PESI COSTITUITI GENERALMENTE DA LASTRE DI ACCIAIO PESANTI FINO A TONNELLATE. AD OGNI IMPATTO DEL PESO CON IL TERRENO SI PRODUCE UN MICRO SIMA CHE CAUSA UN AUMENTO DELLA PRESSIONE DEI PORI, RIDUCENDO LA RESISTENZA AL TAGLIO E CREANDO DELLE LIQUEFAZIONI SUCCESSIVE. GENERALMENTE BASTA QUALCHE COLPO PER OGNI METRO QUADRATO PER OTTENERE UN INCREMENTO DELLA DENSITÀ RELATIVA. TALE METODOLOGIA È EFFICACE IN TUTTI I TERRENI INCOERENTI SATURI SOTTO FALDA ANCHE CON PICCOLE PERCENTUALI DI FINI (< 10%), MA PUÒ ESSERE USATO IN AREE DISTANTI DA ZONE DENSAMENTE POPOLATE PER GLI EFFETTI NOCIVI SIA DELLE VIBRAZIONI ACUSTICHE, SIA PER L EFFETTO CHE LE VIBRAZIONI PRODUCONO SULLE STRUTTURE ESISTENTI. L HEAVY TAMPING PRODUCE DEGLI EFFETTI BENEFICI FINO AD UNA PROFONDITÀ VALUTATA CON L EQUAZIONE EMPIRICA: DOVE: W = PESO DELLA MASSA CADENTE (T); D = PROFONDITÀ DI ADDENSAMENTO(M); H = ALTEZZA DI CADUTA (M). D = (0,65 0,80) W H CON QUESTA METODOLOGIA SI RAGGIUNGE UN OTTIMO COMPROMESSO TRA COSTI MEDIO-ALTI E TEMPI DI ESECUZIONE MOLTO RAPIDI.

18 METODI DI MIGLIORAMENTO DELLE CARATTERISTICHE DEL TERRENO -ADDENSAMENTO- ESPLOSIVI ANALOGHI EFFETTI ALL HEAVY TAMPING SI OTTENGONO CON L IMPIEGO DI ESPLOSIVI. IL RILASCIO IMMEDIATO E VIOLENTO DELL ENERGIA PRODUCE ONDE SISMICHE CHE PROVOCANO LA LIQUEFAZIONE DEL TERRENO, RENDENDO L AGGREGATO GRANULARE PIÙ STABILE ED ADDENSATO. TALE METODOLOGIA È EFFICACE IN TUTTI I TERRENI INCOERENTI SATURI SOTTO FALDA, CON PROFONDITÀ DI TRATTAMENTO ILLIMITATA, MA PUÒ ESSERE USATO IN AREE DENSAMENTE POPOLATE.

19 METODI DI MIGLIORAMENTO DELLE CARATTERISTICHE DEL TERRENO -STABILIZZAZIONE- DRENAGGIO PER POTER DRENARE UN TERRENO È NECESSARIO RIMUOVERE L ACQUA DAL SOTTOSUOLO E LE STRUTTURE CHE CONSENTONO DI ESEGUIRE TALE RIMOZIONE SONO APPUNTO DEFINITI DRENI. I DRENI POSSONO ESSERE COSTITUITI DA STRUTTURE APERTE, CHIUSE, SUB-ORIZZONTALI, VERTICALI, WELLPOINTS. LA SCELTA DELLA TIPOLOGIA DI STRUTTURA DA UTILIZZARE DIPENDE ESSENZIALMENTE DALLA GRANULOMETRIA DEL DEPOSITO. SI ESEGUE PRINCIPALMENTE PER OTTENERE: LA FUORIUSCITA DI ACQUA DA SCAVI O DA OPERE IN TERRA DURANTE LA LORO COSTRUZIONE DI STRUTTURE; L AUMENTO DELLA RESISTENZA A COMPRESSIONE DEL TERRENO; LA RIDUZIONE DELLA PRESSIONE NEUTRA. ESEMPIO: L INSTALLAZIONE DI PALI DRENANTI O PALI DI GHIAIA, È PARTICOLARMENTE EFFICACE SE NORMALMENTE ASSOCIATA ALLA VIBROCOMPATTAZIONE. LA SPAZIATURA FRA I PALI DRENANTI NECESSARIA PER PORTARE L INDICE DEI PORI DA UN VALORE INIZIALE e 0 A UN VALORE FINALE e, PUÒ ESSERE VALUTATA CON L ESPRESSIONE: S= [π ( 1 + e 0 ) / (e 0 - e)] 1/2 d (DRENI A MAGLIA QUADRATA) DOVE: d È IL DIAMETRO IN METRI DEL PALO DRENANTE (>0,8 M).

20 METODI DI MIGLIORAMENTO DELLE CARATTERISTICHE DEL TERRENO -STABILIZZAZIONE- DRENAGGIO Drenaggi da utilizzare in funzione della granulometria. 1) Drenaggio difficile a causa del flusso abbondante; controlli del flusso mediante drenaggi aperti trincee. 2) Ottimi risultati con dreni aperti, well points a gravità; possibili flussi abbondanti. 3) Buoni risultati con dreni aperti e well points. 4) Buoni o accettabili risultati con dreni aperti; utili well points con pompaggio efiltri in sabbia. 5) Drenaggio a gravità lento necessario il pompaggio ed il filtraggi dei well points per possibili asportazioni di particelle fini. 6) Drenaggio per gravità impossibile, eccetto che per fessurazioni o livelli sabbiosi. 7) Well points con sabbia e pompaggio talora efficaci; lelettrosmosi incrementa il drenaggio. 8) Drenaggio per consolidazione accelerato da strati e dreni verticali in sabbia o altri materiali artificiali permeabili.

21 METODI DI MIGLIORAMENTO DELLE CARATTERISTICHE DEL TERRENO -STABILIZZAZIONE- ABBASSAMENTO DELLA FALDA L ABBASSAMENTO DEL LIVELLO DI FALDA È UN ULTERIORE INTERVENTO PER LA S TABILIZZAZIONE DEI TERRENI LIQUEFACIBILI DI UN DEPOSITO CHE PUÒ ESSERE REALIZZATO. TALE METODO, RISERVATO A SITUAZIONI PARTICOLARI È APPLICABILE OVE NON SONO PRATICABILI ALTRI METODI DI STABILIZZAZIONE DEI TERRENI.

22 METODI DI MIGLIORAMENTO DELLE CARATTERISTICHE DEL TERRENO -STABILIZZAZIONE- INIEZIONI LA REALIZZAZIONE DI PRECONSOLIDAMENTO E STABILIZZAZIONE PROFONDA DI TERRENI INCOERENTI O COESIVI DI BASSA CONSISTENZA È GENERALMENTE EFFETTUATA MEDIANTE TECNICHE OPERATIVE CHE CONSENTONO L IMMISSIONE DI IDONEI FLUIDI NEL TERRENO AL FINE DI MIGLIORARNE LE PROPRIETÀ MECCANICHE (IMPERMEABILITÀ E RESISTENZA A COMPRESSIONE). CIÒ PUÒ AVVENIRE CON: INIEZIONI DI MISCELE CEMENTIZIE E/O CHIMICHE: A BASSA PRESSIONE: SFRUTTANDO LA POROSITÀ E LA PERMEABILITÀ DEL TERRENO; AD ALTA PRESSIONE: IN TERRENI A COMPORTAMENTO ELASTICO, CON DIMINUZIONE DELL INDICE DEI VUOTI PER L EFFETTO DELLA COMPRESSIONE ED IL CONSEGUENTE INTASAMENTO DEI NUOVI VOLUMI CON LA STESSA MISCELA DI INIEZIONE. LIMITI DI INIETTABILITÀ DEI DEPOSITI LIQUEFACIBILI IN FUNZIONE DELLE DIMENSIONI DELLE PARTICELLE.

23 METODI DI MIGLIORAMENTO DELLE CARATTERISTICHE DEL TERRENO -STABILIZZAZIONE- INIEZIONI JET-GROUTING: AD ALTISSIMA PRESSIONE ( ATM) DI MISCELA CEMENTIZIA, ATTRAVERSO UGELLI PREDISPOSTI ALLA BASE DI UNA BATTERIA DI PERFORAZIONE: NELL AMBITO DI QUESTA TECNOLOGIA SI DISTINGUONO DUE METODI: MONOFLUIDO : IN CUI LA STESSA MISCELA CHE OPERA L AZIONE DI ROTTURA E DI STABILIZZAZIONE; PLURIFLUIDO : IN CUI AD UN GETTO DI ACQUA O ARIA/ACQUA, CHE AD ALTISSIMA PRESSIONE PROVOCA LA DISGREGAZIONE ED IL LAVAGGIO DEL TERRENO, SEGUE IMMEDIATAMENTE UNA INIEZIONE DI MISCELA CEMENTIZIA. VERIFICHE: IN SINTESI SI PUÒ AFFERMARE CHE CON QUESTA METODOLOGIA, I RISULTATI DELL INTERVENTO SONO VERIFICABILI SOLO A POSTERIORI (PROVE PENETROMETRICHE, S ONDAGGI GEOFISICI, C AMPIONAMENTI MECCANICI, ECC. E SENZA NESSUNA GARANZIA CIRCA LA REGOLARITÀ ED OMOGENEITÀ VOLUMETRICA E GEOMECCANICA DEL TRATTAMENTO. TALI MEDOTI DI STABILIZZAZIONE SONO MOLTO COSTOSI E VANNO QUINDI LIMITATI A QUEI DEPOSITI CHE NON POSSONO ESSERE TRATTATI IN ALTRO MODO.

24 METODI DI MIGLIORAMENTO DELLE CARATTERISTICHE DEL TERRENO -STABILIZZAZIONE- RINFORZI DEL TERRENO CON METODI STRUTTURALI IN QUESTO CASO SI INCREMENTA LA RESISTENZA DEL TERRENO INTRODUCENDO DEGLI ELEMENTI RESISTENTI A TAGLIO E A TRAZIONE: - DIAFRAMMI; - TIRANTI; - MICROPALI; - PALI TRIVELLATI; - ANCORAGGI; - ALTRO TUTTI METODI INTERVENGONO A TRASFERIRE I CARICHI A STRATI PIÙ PROFONDI (NON LIQUEFACIBILI), OPPONENDO UNA BUONA RESISTENZA AGLI EFFETTI DELLE FORZE DI TAGLIO.

25 METODI DI MIGLIORAMENTO DELLE CARATTERISTICHE DEL TERRENO -STABILIZZAZIONE- PRINCIPALI METODI DI STABILIZZAZIONE DEI DEPOSITI LIQUEFACIBILI, PER DIVERSE TIPOLOGIE DI SUOLO.

26 Grazie a Tutti A.GEO.ME Associazione Geologi Messina Via Galileo Galilei, Milazzo (ME) codice fiscale sito web: Dott. Geologo Sebastiano Giovanni MONACO Via Santa Marta, 278/E Messina (ME) codice fiscale MNCSST61R15C351H

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni 1/58 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Corso di aggiornamento professionale Dott. Ing. Giulio Pandini IX Corso Università degli Studi di Bergamo - Facoltà di Ingegneria Dalmine 21 novembre

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

INDAGINI IN SITO CAPITOLO 12. 12.1 Programmazione delle indagini

INDAGINI IN SITO CAPITOLO 12. 12.1 Programmazione delle indagini CAPITOLO 12 12.1 Programmazione delle indagini Ogni opera di ingegneria civile interagisce con una parte del sottosuolo, detta volume significativo. Il comportamento dell opera dipende, oltre che dai carichi

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05 NORME TECNICHE PER IL PROGETTO, LA VALUTAZIONE E L ADEGUAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI 1 OGGETTO DELLE NORME...7 2 REQUISITI DI SICUREZZA E CRITERI DI VERIFICA...8 2.1 SICUREZZA NEI CONFRONTI DELLA STABILITÀ

Dettagli

Nei casi in cui si consideri significativa l interazione tra il terreno

Nei casi in cui si consideri significativa l interazione tra il terreno 6.4.3 FONDAZIONI SU PALI Il progetto di una fondazione su pali deve comprendere la scelta del tipo di palo e delle relative tecnologie e modalità di esecuzione, il dimensionamento i dei pali e delle relative

Dettagli

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico T. Sanò e B. Quadrio Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico Roma, 3 dicembre 2010 Descrizione del fenomeno Impostazione del problema del calcolo dell amplificazione locale Codici

Dettagli

Valore caratteristico EC7

Valore caratteristico EC7 Procedura da adottare - Azioni (E) Valore caratteristico EC7 Per le combinazioni delle azioni si rimanda a quanto detto ampiamente in precedenza. Resistenze (Rd) del sistema geotecnico Il valore di progetto

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003

ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003 ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003 Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

SOMMARIO: LEGGI SU CUI SI BASANO LE ATTUALI NORME LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI E L AZIONE SISMICA

SOMMARIO: LEGGI SU CUI SI BASANO LE ATTUALI NORME LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI E L AZIONE SISMICA LEGGI FONDAMENTALI DELLE NORMESISMICHE SOMMARIO: LEGGI SU CUI SI BASANO LE ATTUALI NORME SISMICHE LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI E L AZIONE SISMICA Giacomo Di Pasquale, Dipartimento della Protezione

Dettagli

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti Convegno CRITICITÀ DELLA PROGETTAZIONE TERMICA E ACUSTICA DEGLI EDIFICI IN RAPPORTO ALLE PRESCRIZIONI STRUTTURALI ANTISISMICHE Saie 2009, Sala Topazio, Sabato 31 ottobre ore 9.00 PRESCRIZIONI ANTISISMICHE

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

Gruppo di Lavoro dell AGI per gli Edifici Industriali

Gruppo di Lavoro dell AGI per gli Edifici Industriali Linee di indirizzo per interventi su edifici industriali monopiano colpiti dal terremoto della pianura padana emiliana del maggio 2012 non progettati con criteri antisismici: aspetti geotecnici La redazione

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE 7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove opere soggette anche all azione sismica. Le sue indicazioni sono da considerare aggiuntive

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO

SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO 1 (Ridis. con modifiche da M. De Stefano, 2009) 2 3 Concetto di duttilità 4 5 6 7 E necessario avere i valori di q dallo strutturista ( ma anche qo). Per

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo

Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo EDIZIONE 1 / Volume 1 Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo Sezione Blocchi e Pavimenti Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Calcolo semplificato agli stati limite

Calcolo semplificato agli stati limite CARLO SIGMUND Calcolo semplificato agli stati limite PER STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO ACCIAIO LEGNO MURATURA @ SERVIZI GRATUITI ON LINE Questo libro dispone dei seguenti servizi gratuiti disponibili on

Dettagli

La progettazione delle fondazioni su pali alla luce degli Eurocodici

La progettazione delle fondazioni su pali alla luce degli Eurocodici La progettazione delle fondazioni su pali alla luce degli Eurocodici Stefano Aversa e Rosa Maria Stefania Maiorano Università di Napoli Parthenope, Napoli, Italy Alessandro Mandolini Seconda Università

Dettagli

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 ISOLATORI ELASTOMERICI ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 INTRODUZIONE CERTIFICAZIONI Nel 1992 FIP Industriale ha ottenuto la certificazione CISQ-ICIM per il Sistema di Assicurazione Qualità in conformità

Dettagli

LA TOMOGRAFIA DELLA RESISTIVITA' ELETTRICA NEI CONSOLIDAMENTI CON RESINE ESPANDENTI.

LA TOMOGRAFIA DELLA RESISTIVITA' ELETTRICA NEI CONSOLIDAMENTI CON RESINE ESPANDENTI. LA TOMOGRAFIA DELLA RESISTIVITA' ELETTRICA NEI CONSOLIDAMENTI CON RESINE ESPANDENTI. Federico FISCHANGER 1 - Marco OCCHI 2 1, Geostudi Astier s.r.l., Livorno - Italy 2, Geosec s.r.l., Parma - Italy 1.

Dettagli

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER ANALISI PUSHOVER - Analisi sismica Statica Lineare - Analisi sismica Dinamica Lineare - Analisi sismica Statica Non Lineare - Analisi sismica Dinamica Non Lineare Con il nome di analisi PUSH-OVER si indica

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata LEADER EUROPEO Blocchi e Solai in Legno Cemento Struttura antisismica testata e collaudata Come da Linee Guida del Ministero LLPP Luglio 2011 TERREMOTO IN EMILIA 2012 Asilo a Ganaceto (MO) Intervento a

Dettagli

CAPI P T I O T L O O 1. OGGETTO

CAPI P T I O T L O O 1. OGGETTO CAPITOLO 1. OGGETTO 2 CAPITOLO 1 1. OGGETTO Le presenti Norme tecniche per le costruzioni definiscono i principi per il progetto, l esecuzione e il collaudo delle costruzioni, nei riguardi delle prestazioni

Dettagli

Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M.

Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. 14 gennaio 2008 Con decreto ministeriale 14 gennaio 2008, pubblicato nella

Dettagli

Edifici in muratura in zona sismica

Edifici in muratura in zona sismica Collegio dei Geometri e dei Geometri Laureati Reggio Emilia - 26 novembre 2010 Edifici in muratura in zona sismica Dott. Ing. Nicola GAMBETTI, Libero Professionista EDIFICI IN MURATURA IN ZONA SISMICA

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIVERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO

23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIVERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO v 23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO Un campione di terreno viene considerato come un sistema multifase,

Dettagli

1 INDAGINI GEOGNOSTICHE ED ANALISI DIAGNOSTICHE DELLE STRUTTURE

1 INDAGINI GEOGNOSTICHE ED ANALISI DIAGNOSTICHE DELLE STRUTTURE 1 INDAGINI GEOGNOSTICHE ED ANALISI DIAGNOSTICHE DELLE STRUTTURE A 1.01. SONDAGGI GEOGNOSTICI A ROTAZIONE A 1.01.1. Trasporto dell attrezzatura di perforazione a rotazione. Sono compresi: il trasporto di

Dettagli

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6 Sistema FS Uno Istruzione di montaggio CONTENUTO Pagina 1 Generalità 2 2 Palificazione 3 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4 4 Elenco dei componenti 6 5 Rappresentazione esplosa del sistema

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

2.2.8 Spettri di progetto

2.2.8 Spettri di progetto 2.2.8 Spettri di progetto Passando alla fase progettuale si dà per scontato che per gli Stati Limite Ultimi (SLV e SLC) la struttura vada largamente in campo plastico. Si devono quindi utilizzare metodi

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A.

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270 Relazione di fine tirocinio A.A. 2013-2014 Analisi Strutturale tramite il Metodo agli Elementi Discreti Relatore:

Dettagli

Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica

Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GEOLOGI 18 19 Ottobre 2011 STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA E APPLICAZIONI Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica Dott. Geol. Roberto De Ferrari Dip.Te.Ris.-

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

175 CAPITOLO 14: ANALISI DEI PROBLEMI GEOTECNICI IN CONDIZIONI LIMITE

175 CAPITOLO 14: ANALISI DEI PROBLEMI GEOTECNICI IN CONDIZIONI LIMITE 175 ntroduzione all analisi dei problemi di collasso. L analisi del comportamento del terreno potrebbe essere fatta attraverso dei modelli di comportamento elasto plastici, ma questo tipo di analisi richiede

Dettagli

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE CAPITOLO 7. 7. PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE BOZZA DI LAVORO Ottobre 2014 278 [BOZZA DI LAVORO OTTOBRE 2014] CAPITOLO 7 Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

OPERE DI SOSTEGNO determinare le azioni esercitate dal terreno sulla struttura di sostegno;

OPERE DI SOSTEGNO determinare le azioni esercitate dal terreno sulla struttura di sostegno; OPERE DI SOSTEGNO Occorre: determinare le azioni esercitate dal terreno sulla struttura di sostegno; regolare il regime delle acque a tergo del muro; determinare le azioni esercitate in fondazione; verificare

Dettagli

Corso di Laurea a ciclo Unico in Ingegneria Edile Architettura. Geotecnica e Laboratorio. Opere di sostegno

Corso di Laurea a ciclo Unico in Ingegneria Edile Architettura. Geotecnica e Laboratorio. Opere di sostegno Corso di Laurea a ciclo Unico in Ingegneria Edile Architettura Geotecnica e Laboratorio Opere di sostegno Prof. Ing. Marco Favaretti e mail: marco.favaretti@unipd.it website: www.marcofavaretti.net OBIETTIVI

Dettagli

Barriere flessibili contro le frane superficiali di versante: la soluzione vantaggiosa contro i pericoli naturali.

Barriere flessibili contro le frane superficiali di versante: la soluzione vantaggiosa contro i pericoli naturali. Barriere flessibili contro le frane superficiali di versante: la soluzione vantaggiosa contro i pericoli naturali. Barriere flessibili di protezione contro le frane superficiali in pendii instabili: -

Dettagli

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE N NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI elastico e resistenza a trazione, per il riempimento degli scavi effettuati nel

Dettagli

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 Piano di manutenzione della parte strutturale dell opera Pag. 1 SOMMARIO 1 MANUALE D USO...3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE...3

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

Eurocodice 8: valutazione delle azioni sismiche al suolo ed effetti sulla spinta dei terreni

Eurocodice 8: valutazione delle azioni sismiche al suolo ed effetti sulla spinta dei terreni Eurocodice 8: valutazione delle azioni sismiche al suolo ed effetti sulla spinta dei terreni Armando Lucio Simonelli Sommario In questa nota si illustrano i criteri per la determinazione delle azioni sismiche

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 1. Descrizione della struttura portante Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 terrazzamenti delimitati da preesistenti muri di sostegno. L edificio è suddiviso

Dettagli

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog.

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. MASSA) Davide Damato, Michele Morelli, Luca Lanteri, Daniele Bormioli, Rocco

Dettagli

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE TOP SOL TOP BRIDGE E S S E D I V I S I O N E INFRASTRUTTURE E D INF IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI giulianedmp SOLUZIONI COSTRUTTIVE PER L EDILIZIA giulianedmp TOP SOL / TOP BRIDGE Impalcati

Dettagli

1 Introduzione alla dinamica dei telai

1 Introduzione alla dinamica dei telai 1 Introduzione alla dinamica dei telai 1.1 Rigidezza di un telaio elementare Il telaio della figura 1.1 ha un piano solo e i telai che hanno un piano solo, sono chiamati, in questo testo, telai elementari.

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

Montaggio su tetto piano

Montaggio su tetto piano Montaggio su tetto piano Avvertenze generali Con la crescente diffusione dei sistemi fotovoltaici, oltre a dimensioni elettriche, durata, tempi di garanzia ecc., anche i dettagli di montaggio assumono

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA Studio G E O E C O S Dott. Geol. G. MENZIO Programmazione Territoriale-Geotecnica-Idrogeologia Sede : Via Cavour 34 - SAMPEYRE (CN) Tel0175977186-Fax1782737211-Cel.3402572786-mail:geoecos@libero.it Indirizzo

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

strutture legate non autoportanti

strutture legate non autoportanti Il comportamento sotto sisma delle strutture metalliche dedicate a vano corsa ascensore, legate ad edifici esistenti: problemi e soluzioni. - 1 a parte - abstract Le strutture metalliche che costituiscono

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

11 LE SCALE. 11.1 Le scale a soletta rampante

11 LE SCALE. 11.1 Le scale a soletta rampante 11 LE SCALE Le scale rappresentano quelle parti di struttura che consentono il collegamento tra i vari piani. A seconda dello schema strutturale che le caratterizzano si differenziano in: Scale a soletta

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ]

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ] ezione n. 6 e strutture in acciaio Verifica di elementi strutturali in acciaio Il problema della stabilità dell equilibrio Uno degli aspetti principali da tenere ben presente nella progettazione delle

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche

www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche ANALISI CINEMATICA DEI CORPI RIGIDI 8.7.1 COSTRUZIONI IN MURATURA (D.M. 14/01/2008) Nelle costruzioni

Dettagli

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico I Parte I Introduzione 1 1 Introduzione... 1 2 Editor di... stile 1 Parte II Modello grafico 4 1 Intestazione... 4 2 Colonna... metrica 4 3 Litologia... 5 4 Descrizione... 5 5 Quota... 6 6 Percentuale...

Dettagli