SEMINARIO TECNICO INTERVENTI E METODI DI STABILIZZAZIONE PER RIDURRE IL RISCHIO LIQUEFAZIONE.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SEMINARIO TECNICO INTERVENTI E METODI DI STABILIZZAZIONE PER RIDURRE IL RISCHIO LIQUEFAZIONE."

Transcript

1 Associazione Geologi Messina Associazione Ingegneri per l Ambiente ed il Territorio Ordine degli Ingegneri della Provincia di Messina Ordine Regionale dei Geologi di Sicilia SEMINARIO TECNICO PROGETTARE INTERVENTI DI INGEGNERI A GEOTECNICA AMBIENTALE ALLA LUCE DELLE NTC INTERVENTI E METODI DI STABILIZZAZIONE PER RIDURRE IL RISCHIO LIQUEFAZIONE. Mercoledì 13 Giugno 2012 Sala delle Bandiere Palazzo Zanca MESSINA Relatore:Dott. Geologo Sebastiano MONACO

2 PERICOLOSITA SISMICA PER L INSORGERE DELLA LIQUEFAZIONE IL FENOMENO DELLA LIQUEFAZIONE DEI TERRENI È STATO IN PASSATO, LA CAUSA DI MOLTI DANNI ALLE STRUTTURE DURANTE IL MANIFESTARSI DI TERREMOTI, PERTANTO RAPPRESENTA UNA POSSIBILE MINACCIA INTERESSANDO IN GENERE I DEPOSITI SABBIOSI E/O SABBIOSO LIMOSI SCIOLTI, A GRANULOMETRIA UNIFORME, NORMALMENTE CONSOLIDATI E SATURI. E QUINDI INDISPENSABILE, ANALIZZARE E TENERE CONTO DI TUTTE QUELLE SITUAZIONI GEOLOGICHE, GEOMORFOLOGICHE, IDROGEOLOGICHE, CHE RICONDUCONO A STUDI SULLE STRUTTURE TETTONICHE, INSTABILITÀ DEI PENDII, FENOMENI DI LIQUEFAZIONE ECC OCCORRE QUINDI CHE: LA PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE PASSI ATTRAVERSO UNO STUDIO DI MICROZONAZIONE SISMICA, IN MODO DA AIUTARE I PROGETTISTI, DURANTE LA STESURA DEI PIANI REGOLATORI GENERALI AD ESCLUDERE O MENO AREE DI TERRITORIO ALTRIMENTI INDIRIZZATE A DESTINAZIONI URBANISTICHE DOTATE DI UN POTENZIALE RISCHIO (RESIDENZIALE, INDUSTRIALE, ECC., ). A TAL PROPOSITO SI DEVE TENER CONTO DELLA: PERICOLOSITÀ SISMICA DELL AREA. [D.M. DEL 14 GENNAIO 2008 NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI (G.U. N 29 DEL 04/02/08 SUPPL- ORD. N 30)]. LA PROBABILITÀ CHE UN DEPOSITO RAGGIUNGA LE CONDIZIONI DI LIQUEFAZIONE DIPENDE: dal grado di addensamento; dalla granulometria e forma dei granuli; dalle condizioni di drenaggio; dall andamento ciclico delle sollecitazioni sismiche e loro durata; dall età del deposito; dalla profondità della linea di falda (prossima alla superficie);

3 METODI Per valutare il potenziale di liquefazione sono stati proposti diversi metodi: TABELLARI: basati sul confronto tra i depositi sabbiosi in sito con il comportamento di analoghi depositi durante precedenti terremoti in varie parti della superficie terrestre in cui si sono verificati casi reali di liquefazione; METODI METODI SEMPLIFICATI: basati sulla valutazione delle sollecitazioni di taglio e di deformazione ciclica;

4 METODI TABELLARI Questi metodi si basano per lo più dal confronto con tabelle fornite da vari autori, basandosi esclusivamente sulla valutazione della suscettibilità della liquefazione in funzione: dell unità geomorfologica presente (Iwasaki et al., 1982); della profondità della falda (Youd et al., 1978); della granulometria (Sherif e Ishibashi, 1978); dell età del deposito (Youd e Perkins, 1978); Tali valutazioni sono state elaborate confrontando per similitudine le aree oggetto dell analisi ad altre aree a rischio in cui sono stati già accertati fenomeni di liquefazione. I metodi tabellari, utili soprattutto ai fini di una pianificazione iniziale, forniscono una valutazione di massima della vulnerabilità alla liquefazione di depositi costituiti da sedimenti sabbiosi saturi, e generalmente si limitano a valutare la suscettibilità dei depositi indipendentemente dall'entità dell evento sismico.

5 METODI SEMPLIFICATI I metodi semplificati, generalmente valutano la suscettibilità alla liquefazione dei depositi in funzione della profondità di falda, delle caratteristiche dell evento sismico (magnitudo ed accelerazione al suolo), dello stato di addensamento dei terreni sabbiosi [ricavati da prove SPT, CPT e Sismiche (Vs)], da prove granulometriche (valutazione della percentuale di fine presente). Seed e Idriss (1982); Iwasaki et al. (1978; 1984); Tokimatsu e Yoshimi (1983); Youd e Idriss (2001); Seed et al. (1985); Rauch (1998); Eurocodice 8; Yegian e Whitman (1978); Robertson e Wride (1997); Andrus e Stokoe (1998); Boulanger and Idriss (2004); Japanese Bridge Code (1984); Andrews and Martin (2000); Chinese Criteria(Wang 1979).

6 TERRENI SUSCETTIBILI ALLA LIQUEFAZIONE SECONDO IL D.M. 14 GENNAIO 2008 NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI Ai fini delle presenti norme, il termine "liquefazione" denota una diminuzione di resistenza a taglio e/o di rigidezza causata dall'aumento di pressione interstiziale in un terreno saturo non coesivo durante lo scuotimento sismico, tale da generare deformazioni permanenti significative o persino l'annullamento degli sforzi efficaci nel terreno. Deve essere verificata la suscettibilità alla liquefazione quando la falda freatica si trova in prossimità della superficie ed il terreno di fondazione comprende strati estesi o lenti spesse di sabbie sciolte sotto falda, anche se contenenti una frazione fine limo-argillosa. DI SEGUITO SI RIPORTA QUANTO STABILITO DAL D.M. 14/01/08 NEI CONFRONTI DELLA LIQUEFAZIONE [ ]: Se il terreno risulta suscettibile alla liquefazione e gli effetti conseguenti appaiono tali da influire sulle condizioni di stabilità di pendii o manufatti, occorre procedere ad interventi di consolidamento del terreno e/o a trasferire il carico a strati di terreno non suscettibili di liquefazione. In assenza di interventi di miglioramento del terreno, l impiego di fondazioni profonde richiede comunque la valutazione della riduzione della capacità portante e degli incrementi delle sollecitazioni indotte nei pali.

7 La verifica a liquefazione può essere omessa quando si manifesti almeno una delle seguenti circostanze: a. Eventi sismici attesi di magnitudo M inferiore a 5; b. accelerazioni massime attese al piano campagna in assenza di manufatti (condizioni di campo libero) minori di 0,1g; c. profondità media stagionale della falda superiore a 15 m dal piano campagna, per piano campagna sub-orizzontale e strutture con fondazioni superficiali; d. depositi costituiti da sabbie pulite con resistenza penetrometrica normalizzata (N 1 ) 60 > 30, oppure q c1n > 180 dove (N 1 ) 60 è il valore della resistenza determinata in prove penetrometriche dinamiche (Standard Penetration Test) normalizzata ad una tensione efficace verticale di 100 kpa e q c1n è il valore della resistenza determinata in prove penetrometriche statiche (Cone Penetration Test) normalizzata ad una tensione efficace verticale di 100 kpa; e. distribuzione granulometrica esterna alle zone indicate nella figura 1, nel caso di terreni con coefficiente di uniformità Uc < 3,5 ed in figura 2 nel caso di terreni con coefficiente di uniformità Uc > 3,5. [Con Uc =d 60 /d 10 ]. FUSI GRANULOMETRICI DI TERRENI SUSCETTIBILI ALLA LIQUEFAZIONE Fig. 1 Uc < 3,5 Fig. 2 Uc > 3,5

8 Quando le condizioni a) e b) non risultino soddisfatte, le indagini geotecniche devono essere finalizzate almeno alla determinazione dei parametri necessari per la verifica delle condizioni c), d) ed e). Qualora nessuna delle condizioni di cui sopra, risulti soddisfatta e il terreno di fondazione comprenda strati estesi o lenti spesse di sabbie sciolte sotto falda, occorre valutare il coefficiente di sicurezza alla liquefazione alle profondità in cui sono presenti i terreni parzialmente liquefacibili. Salvo utilizzare procedure di analisi avanzate, la verifica può essere effettuata con metodologie di tipo storico-empirico il cui coefficiente di sicurezza viene definito dal rapporto tra la resistenza disponibile alla liquefazione e la sollecitazione indotta dal terremoto di progetto. La resistenza alla liquefazione può essere valutata sulla base dei risultati di prove in sito o di prove cicliche di laboratorio. La sollecitazione indotta dall azione sismica è stimata attraverso la conoscenza dell accelerazione massima attesa alla profondità di interesse. L adeguatezza del margine di sicurezza nei confronti della liquefazione deve essere valutata e motivata dal progettista.

9 (N 1 ) 60 FATTORI CORRETTIVI PER LA STANDARDIZZAZIONE DELLA PROVA SPT CORREZIONI DI N SPT DOVUTE ALL INFLUENZA DELLA PROCEDURA DI ESECUZIONE A prescindere dalle condizioni del terreno su cui verrà eseguita la prova SPT, i risultati di tale prova risentono dell influenza di numerosi fattori. Infatti, la prova non è eseguita ovunque con la medesima tecnica e/o attrezzatura, si rende, quindi, necessario introdurre dei fattori correttivi. I fattori che possono influenzare la prova possono essere raggruppati nei seguenti gruppi : Tipologia di perforazione; Dimensioni del foro; Tipo di campionatore; Lunghezza delle aste; Dispositivo di battitura; Profondità della prova. Pertanto per la determinazione della verifica alla liquefazione si dovrà considerare (N 1 ) 60 calcolato nel modo seguente: (N 1 ) 60 = N SPT C N C E C B C R C S N SPT = numero di colpi della prova SPT; C N = coefficiente che tiene conto dell influenza della pressione verticale efficace alla profondità della prova; C E = coefficiente che tiene conto dell efficienza del sistema di battuta della prova; C B = coefficiente che tiene conto dell influenza dovuta al diametro del sondaggio; C R = coefficiente che tiene conto della lunghezza della batteria di aste utilizzate per la prova; = coefficiente che tiene conto del tipo di campionatore utilizzato. C S La resistenza alla liquefazione di un terreno sabbioso può essere espressa da un valore opportunamente corretto dell indice N SPT, normalizzato ad una pressione litostatica approssimativa di 100 kpa e per un energia efficace di battuta del 60% (coefficiente di efficienza).

10 INTERVENTI E METODI PER RIDURRE IL RISCHIO LIQUEFAZIONE QUANDO SI È ACCERTATO CHE IN UN DEPOSITO INCOERENTE SATURO, DURANTE UN EVENTO SISMICO, POSSONO VERIFICARSI FENOMENI DI LIQUEFAZIONE, CHE COMPORTANO QUINDI UNA DIMINUZIONE DELLA RESISTENZA AL TAGLIO PER IL CONSEGUENTE AUMENTO DI PRESSIONE NEI PORI, GLI EFFETTI CHE POSSONO MANIFESTARSI SUL TERRITORIO SONO DIVERSI IN FUNZIONE DELLA: A. DENSITÀ DELLE STRUTTURE PRESENTI ; B. DELLE CARATTERISTICHE GEOMORFOLOGICHE DEL DEPOSITO INVESTITO DALL INTENSITÀ DEL SISMA. CON CONSEGUENTE: PERDITA DI CAPACITÀ PORTANTE E AFFONDAMENTO DEGLI EDIFICI, CON CEDIMENTI DIFFERENZIALI E ASSOLUTI,OLTRE A POSSIBILI ROTAZIONI E/O RIBALTAMENTI; CROLLO E COLLASSI STRUTTURALI DI STRUTTURE (PONTI, EDIFICI ECC..); FRANE E MANIFESTAZIONI MORFOLOGICHE SULLA SUPERFICIE DEL DEPOSITO. PER RIDURRE IL RISCHIO LIQUEFAZIONE IN UN TERRITORIO SE SI È IN PRESENZA DI DEPOSITI LIQUEFACIBILI È GENERALMENTE CONSIGLIATO: SCEGLIERE ALTRI SITI ; ALTRIMENTI: PROGETTARE ADEGUATE STRUTTURE DI FONDAZIONE; MIGLIORARE LE CARATTERISTICHE DEL DEPOSITO.

11 TAB METODI DI CONSOLIDAMENTO PER TERRENI LIQUEFACIBILI.

12 LE CARATTERISTICHE DEI TERRENI CHE SI PRESTANO AD ESSERE MODIFICABILI CON LE METODOLOGIE ESISTENTI RIGUARDANO PRINCIPALMENTE LA DENSITÀ, LA PERMEABILITÀ E LA RESISTENZA ALLA COMPRESSIONE. INCREMENTANDO TALI CARATTERISTICHE SI MIGLIORANO I TERRENI. LA SCELTA DELLA METODOLOGIA DA IMPIEGARE PER RIDURRE GLI EFFETTI DELLA LIQUEFAZIONE LOCALE A LIVELLO DEL SINGOLO EDIFICIO O STRUTTURA, È MOLTO COMPLESSA ED OCCORRE CONSIDERARE I SEGUENTI FATTORI: a. L IMPORTANZA DELL OPERA; a. IL MIGLIORAMENTO DELLA CAPACITÀ PORTANTE DEL TERRENO; a. LA MOVIMENTAZIONE E DISPONIBILITÀ DELLE ATTREZZATURE RICHIESTE DALLA METODOLOGIA; a. COSTO DEL METODO DI TRATTAMENTO SCELTO; a. VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DELL INTERVENTO SCELTO; a. VERIFICHE FINALI SULLE CARATTERISTICHE DEI TERRENI TRATTATI.

13 METODI DI MIGLIORAMENTO DELLE CARATTERISTICHE DEL TERRENO -ADDENSAMENTO- I METODI DI COMPATTAZIONE PIÙ USATI PER RIDURRE IL RISCHIO DI LIQUEFAZIONE IN UN DEPOSITO CONSISTONO NELL AUMENTARE LA DENSITÀ RELATIVA DEI TERRENI INCOERENTI SCIOLTI SATURI. L AUMENTO DELLA DENSITÀ PUÒ ESSERE RAGGIUNTO APPLICANDO UNO DEI METODI DINAMICI SOTTO ELENCATI IN FUNZIONE DEI COSTI (DIMENSIONE DELL INTERVENTO) ED ALLA PROFONDITÀ DA RAGGIUNGERE : VIBROCOMPATTAZIONE/VIBROFLOTTAZIONE; PALI COMPATTATI; HEAVY TAMPING; ESPLOSIVI. VIBROFLOTTAZIONE PALI COMPATTATI HEAVY TAMPING

14 METODI DI MIGLIORAMENTO DELLE CARATTERISTICHE DEL TERRENO -ADDENSAMENTO- VIBROCOMPATTAZIONE COMPATTAZIONE PROFONDA DEI TERRENI, PERMETTE DI MIGLIORARE I TERRENI DI FONDAZIONE INCREMENTANDONE LE CARATTERISTICHE DI RESISTENZA E DEFORMABILITÀ. LA TECNICA CONSISTE NEL TRASFERIRE NEL SOTTOSUOLO, ATTRAVERSO L USO DI UN APPOSITO APPARECCHIO VIBRANTE A PUNTA CONICA, CON O SENZA RIEMPIMENTO DI MATERIALE, VIBRAZIONI IN GRADO DI ADDENSARE IL TERRENO CIRCOSTANTE ALLE PROFONDITÀ VOLUTE. LE VIBRAZIONI INDOTTE NEL TERRENO (TERRENI) INCOERENTI, GHIAIE, SABBIE E SABBIE LIMOSE), INDUCONO UN ADDENSAMENTO, CON L AUMENTO DEI VALORI DI DENSITÀ RELATIVA E DI CONSEGUENZA DEI VALORI DI DEFORMABILITÀ (MODULO ELASTICO E), OLTRE AD UNA RIDUZIONE DELLE PRESSIONI INTERSTIZIALI DOVUTE ALL ESPULSIONE DELL ACQUA DAI PORI. CON QUESTI METODI SI POSSONO RAGGIUNGERE NORMALMENTE PROFONDITÀ DI TRATTAMENTO DI M ECCEZIONALMENTE FINO A 30 M. PLANIMETRICAMENTE LA SPAZIATURA TRA I FORI PUÒ VARIARE TRA 1,5 E 3 M. NELLA FIGURA SEGUENTE SONO INDICATE LE FASCE GRANULOMETRICHE PER LE QUALI I METODI DI VIBROCOMPATTAZIONE RISULTANO PIÙ EFFICACI (MITCHELL E KATTI, 1981). TALE METODOLOGIA È PARTICOLARMENTE EFFICACE QUANDO SI È IN PRESENZA DI TERRENI INCOERENTI SATURI SOTTO FALDA CON MENO DEL 20% DI FINI. L ESECUZIONE CON QUESTA METODOLOGIA È UN OTTIMO COMPROMESSO TRA COSTI MEDIO-ALTI E TEMPI DI ESECUZIONE RAPIDI.

15 METODI DI MIGLIORAMENTO DELLE CARATTERISTICHE DEL TERRENO -ADDENSAMENTO- VIBROCOMPATTAZIONE Campo delle distribuzioni granulometriche per le quali risultano più efficaci i diversi metodi di vibrocompattazione ( da Mitchell e Katti, 1981).

16 METODI DI MIGLIORAMENTO DELLE CARATTERISTICHE DEL TERRENO -ADDENSAMENTO- PALI.COMPATTATI MOLTO SIMILE AL PRECEDENTE MA MENO COSTOSO. LA TECNICA CONSISTE NEL LASCIAR CADERE, SOPRA UN CILINDRO CAVO, DEL DIAMETRO MEDIO DI CM., UN MAGLIO. IL TERRENO IN QUESTO MODO SI ADDENSA PER SPOSTAMENTO LATERALE DOVUTO ALL INFISSIONE DEL PALO, CREANDO IL COSTIPAMENTO. NEL FORO D EL CILINDRO V IENE SUCCESSIVAMENTE INSERITI SABBIA O CALCESTRUZZO, OVE IN ALCUNI CASI PUÒ ESSERE POSIZIONATA UNA GABBIA D ARMATURA. CON QUESTO METODO SI POSSONO RAGGIUNGERE NORMALMENTE PROFONDITÀ DI TRATTAMENTO DI M., OTTENENDO GENERALMENTE DENSITÀ ELEVATE. LA SPAZIATURA TRA I PALI COMPATTATI PUÒ VARIARE TRA 1,0 E 2,5 M. TALE METODOLOGIA È EFFICACE I N TUTTI I TERRENI INCOERENTI SATURI SOTTO FALDA ANCHE CON FINI, MA PUÒ ESSERE USATO IN AREE DISTANTI DA ZONE DENSAMENTE POPOLATE PER GLI EFFETTI NOCIVI DELLE VIBRAZIONI ACUSTICHE DA ESSO GENERATE.

17 METODI DI MIGLIORAMENTO DELLE CARATTERISTICHE DEL TERRENO -ADDENSAMENTO- HEAVY TAMPING LA DENSIFICAZIONE DEL TERRENO VIENE OTTENUTA LASCIANDO CADERE IN CADUTA LIBERA DA M. GROSSI PESI COSTITUITI GENERALMENTE DA LASTRE DI ACCIAIO PESANTI FINO A TONNELLATE. AD OGNI IMPATTO DEL PESO CON IL TERRENO SI PRODUCE UN MICRO SIMA CHE CAUSA UN AUMENTO DELLA PRESSIONE DEI PORI, RIDUCENDO LA RESISTENZA AL TAGLIO E CREANDO DELLE LIQUEFAZIONI SUCCESSIVE. GENERALMENTE BASTA QUALCHE COLPO PER OGNI METRO QUADRATO PER OTTENERE UN INCREMENTO DELLA DENSITÀ RELATIVA. TALE METODOLOGIA È EFFICACE IN TUTTI I TERRENI INCOERENTI SATURI SOTTO FALDA ANCHE CON PICCOLE PERCENTUALI DI FINI (< 10%), MA PUÒ ESSERE USATO IN AREE DISTANTI DA ZONE DENSAMENTE POPOLATE PER GLI EFFETTI NOCIVI SIA DELLE VIBRAZIONI ACUSTICHE, SIA PER L EFFETTO CHE LE VIBRAZIONI PRODUCONO SULLE STRUTTURE ESISTENTI. L HEAVY TAMPING PRODUCE DEGLI EFFETTI BENEFICI FINO AD UNA PROFONDITÀ VALUTATA CON L EQUAZIONE EMPIRICA: DOVE: W = PESO DELLA MASSA CADENTE (T); D = PROFONDITÀ DI ADDENSAMENTO(M); H = ALTEZZA DI CADUTA (M). D = (0,65 0,80) W H CON QUESTA METODOLOGIA SI RAGGIUNGE UN OTTIMO COMPROMESSO TRA COSTI MEDIO-ALTI E TEMPI DI ESECUZIONE MOLTO RAPIDI.

18 METODI DI MIGLIORAMENTO DELLE CARATTERISTICHE DEL TERRENO -ADDENSAMENTO- ESPLOSIVI ANALOGHI EFFETTI ALL HEAVY TAMPING SI OTTENGONO CON L IMPIEGO DI ESPLOSIVI. IL RILASCIO IMMEDIATO E VIOLENTO DELL ENERGIA PRODUCE ONDE SISMICHE CHE PROVOCANO LA LIQUEFAZIONE DEL TERRENO, RENDENDO L AGGREGATO GRANULARE PIÙ STABILE ED ADDENSATO. TALE METODOLOGIA È EFFICACE IN TUTTI I TERRENI INCOERENTI SATURI SOTTO FALDA, CON PROFONDITÀ DI TRATTAMENTO ILLIMITATA, MA PUÒ ESSERE USATO IN AREE DENSAMENTE POPOLATE.

19 METODI DI MIGLIORAMENTO DELLE CARATTERISTICHE DEL TERRENO -STABILIZZAZIONE- DRENAGGIO PER POTER DRENARE UN TERRENO È NECESSARIO RIMUOVERE L ACQUA DAL SOTTOSUOLO E LE STRUTTURE CHE CONSENTONO DI ESEGUIRE TALE RIMOZIONE SONO APPUNTO DEFINITI DRENI. I DRENI POSSONO ESSERE COSTITUITI DA STRUTTURE APERTE, CHIUSE, SUB-ORIZZONTALI, VERTICALI, WELLPOINTS. LA SCELTA DELLA TIPOLOGIA DI STRUTTURA DA UTILIZZARE DIPENDE ESSENZIALMENTE DALLA GRANULOMETRIA DEL DEPOSITO. SI ESEGUE PRINCIPALMENTE PER OTTENERE: LA FUORIUSCITA DI ACQUA DA SCAVI O DA OPERE IN TERRA DURANTE LA LORO COSTRUZIONE DI STRUTTURE; L AUMENTO DELLA RESISTENZA A COMPRESSIONE DEL TERRENO; LA RIDUZIONE DELLA PRESSIONE NEUTRA. ESEMPIO: L INSTALLAZIONE DI PALI DRENANTI O PALI DI GHIAIA, È PARTICOLARMENTE EFFICACE SE NORMALMENTE ASSOCIATA ALLA VIBROCOMPATTAZIONE. LA SPAZIATURA FRA I PALI DRENANTI NECESSARIA PER PORTARE L INDICE DEI PORI DA UN VALORE INIZIALE e 0 A UN VALORE FINALE e, PUÒ ESSERE VALUTATA CON L ESPRESSIONE: S= [π ( 1 + e 0 ) / (e 0 - e)] 1/2 d (DRENI A MAGLIA QUADRATA) DOVE: d È IL DIAMETRO IN METRI DEL PALO DRENANTE (>0,8 M).

20 METODI DI MIGLIORAMENTO DELLE CARATTERISTICHE DEL TERRENO -STABILIZZAZIONE- DRENAGGIO Drenaggi da utilizzare in funzione della granulometria. 1) Drenaggio difficile a causa del flusso abbondante; controlli del flusso mediante drenaggi aperti trincee. 2) Ottimi risultati con dreni aperti, well points a gravità; possibili flussi abbondanti. 3) Buoni risultati con dreni aperti e well points. 4) Buoni o accettabili risultati con dreni aperti; utili well points con pompaggio efiltri in sabbia. 5) Drenaggio a gravità lento necessario il pompaggio ed il filtraggi dei well points per possibili asportazioni di particelle fini. 6) Drenaggio per gravità impossibile, eccetto che per fessurazioni o livelli sabbiosi. 7) Well points con sabbia e pompaggio talora efficaci; lelettrosmosi incrementa il drenaggio. 8) Drenaggio per consolidazione accelerato da strati e dreni verticali in sabbia o altri materiali artificiali permeabili.

21 METODI DI MIGLIORAMENTO DELLE CARATTERISTICHE DEL TERRENO -STABILIZZAZIONE- ABBASSAMENTO DELLA FALDA L ABBASSAMENTO DEL LIVELLO DI FALDA È UN ULTERIORE INTERVENTO PER LA S TABILIZZAZIONE DEI TERRENI LIQUEFACIBILI DI UN DEPOSITO CHE PUÒ ESSERE REALIZZATO. TALE METODO, RISERVATO A SITUAZIONI PARTICOLARI È APPLICABILE OVE NON SONO PRATICABILI ALTRI METODI DI STABILIZZAZIONE DEI TERRENI.

22 METODI DI MIGLIORAMENTO DELLE CARATTERISTICHE DEL TERRENO -STABILIZZAZIONE- INIEZIONI LA REALIZZAZIONE DI PRECONSOLIDAMENTO E STABILIZZAZIONE PROFONDA DI TERRENI INCOERENTI O COESIVI DI BASSA CONSISTENZA È GENERALMENTE EFFETTUATA MEDIANTE TECNICHE OPERATIVE CHE CONSENTONO L IMMISSIONE DI IDONEI FLUIDI NEL TERRENO AL FINE DI MIGLIORARNE LE PROPRIETÀ MECCANICHE (IMPERMEABILITÀ E RESISTENZA A COMPRESSIONE). CIÒ PUÒ AVVENIRE CON: INIEZIONI DI MISCELE CEMENTIZIE E/O CHIMICHE: A BASSA PRESSIONE: SFRUTTANDO LA POROSITÀ E LA PERMEABILITÀ DEL TERRENO; AD ALTA PRESSIONE: IN TERRENI A COMPORTAMENTO ELASTICO, CON DIMINUZIONE DELL INDICE DEI VUOTI PER L EFFETTO DELLA COMPRESSIONE ED IL CONSEGUENTE INTASAMENTO DEI NUOVI VOLUMI CON LA STESSA MISCELA DI INIEZIONE. LIMITI DI INIETTABILITÀ DEI DEPOSITI LIQUEFACIBILI IN FUNZIONE DELLE DIMENSIONI DELLE PARTICELLE.

23 METODI DI MIGLIORAMENTO DELLE CARATTERISTICHE DEL TERRENO -STABILIZZAZIONE- INIEZIONI JET-GROUTING: AD ALTISSIMA PRESSIONE ( ATM) DI MISCELA CEMENTIZIA, ATTRAVERSO UGELLI PREDISPOSTI ALLA BASE DI UNA BATTERIA DI PERFORAZIONE: NELL AMBITO DI QUESTA TECNOLOGIA SI DISTINGUONO DUE METODI: MONOFLUIDO : IN CUI LA STESSA MISCELA CHE OPERA L AZIONE DI ROTTURA E DI STABILIZZAZIONE; PLURIFLUIDO : IN CUI AD UN GETTO DI ACQUA O ARIA/ACQUA, CHE AD ALTISSIMA PRESSIONE PROVOCA LA DISGREGAZIONE ED IL LAVAGGIO DEL TERRENO, SEGUE IMMEDIATAMENTE UNA INIEZIONE DI MISCELA CEMENTIZIA. VERIFICHE: IN SINTESI SI PUÒ AFFERMARE CHE CON QUESTA METODOLOGIA, I RISULTATI DELL INTERVENTO SONO VERIFICABILI SOLO A POSTERIORI (PROVE PENETROMETRICHE, S ONDAGGI GEOFISICI, C AMPIONAMENTI MECCANICI, ECC. E SENZA NESSUNA GARANZIA CIRCA LA REGOLARITÀ ED OMOGENEITÀ VOLUMETRICA E GEOMECCANICA DEL TRATTAMENTO. TALI MEDOTI DI STABILIZZAZIONE SONO MOLTO COSTOSI E VANNO QUINDI LIMITATI A QUEI DEPOSITI CHE NON POSSONO ESSERE TRATTATI IN ALTRO MODO.

24 METODI DI MIGLIORAMENTO DELLE CARATTERISTICHE DEL TERRENO -STABILIZZAZIONE- RINFORZI DEL TERRENO CON METODI STRUTTURALI IN QUESTO CASO SI INCREMENTA LA RESISTENZA DEL TERRENO INTRODUCENDO DEGLI ELEMENTI RESISTENTI A TAGLIO E A TRAZIONE: - DIAFRAMMI; - TIRANTI; - MICROPALI; - PALI TRIVELLATI; - ANCORAGGI; - ALTRO TUTTI METODI INTERVENGONO A TRASFERIRE I CARICHI A STRATI PIÙ PROFONDI (NON LIQUEFACIBILI), OPPONENDO UNA BUONA RESISTENZA AGLI EFFETTI DELLE FORZE DI TAGLIO.

25 METODI DI MIGLIORAMENTO DELLE CARATTERISTICHE DEL TERRENO -STABILIZZAZIONE- PRINCIPALI METODI DI STABILIZZAZIONE DEI DEPOSITI LIQUEFACIBILI, PER DIVERSE TIPOLOGIE DI SUOLO.

26 Grazie a Tutti A.GEO.ME Associazione Geologi Messina Via Galileo Galilei, Milazzo (ME) codice fiscale sito web: Dott. Geologo Sebastiano Giovanni MONACO Via Santa Marta, 278/E Messina (ME) codice fiscale MNCSST61R15C351H

UNIVERSITÀ DI FIRENZE TECNICHE DI MIGLIORAMENTO DEI TERRENI

UNIVERSITÀ DI FIRENZE TECNICHE DI MIGLIORAMENTO DEI TERRENI UNIVERSITÀ DI FIRENZE TECNICHE DI MIGLIORAMENTO DEI TERRENI Corso di Geotecnica II Anno Accademico 2003-2004 ALTERNATIVE PROGETTUALI Nella progettazione o nella verifica di un opera (fondazione, rilevato,

Dettagli

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO 165 Introduzione Rispetto alle prove eseguite in laboratorio, quelle in sito presentano sia dei vantaggi che degli svantaggi. 1. Tra i vantaggi delle prove in sito di può dire che queste sono più rapide

Dettagli

Liquefazione dei terreni in condizioni sismiche

Liquefazione dei terreni in condizioni sismiche UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE e AMBIENTALE Sezione Geotecnica Liquefazione dei terreni in condizioni sismiche Prof. Ing. Claudia Madiai INTRODUZIONE Definizioni In

Dettagli

Geostru Software www.geostru.com, geostru@geostru.com. Sommario

Geostru Software www.geostru.com, geostru@geostru.com. Sommario Sommario LA LIQUEFAZIONE DEI TERRENI NON COESIVI SATURI... 1.0 - Introduzione....0 - Criteri empirici...4 3.0 - I metodi semplificati...6 4.0 - Interventi di consolidamento...17 Dreni di ghiaia... 17 Heavy

Dettagli

(riprendendo un trasparente mostrato a proposito di indagini e campionamento) MEZZI D INDAGINE PROFILO STRATIGRAFICO PROPRIETÀ MECCANICHE

(riprendendo un trasparente mostrato a proposito di indagini e campionamento) MEZZI D INDAGINE PROFILO STRATIGRAFICO PROPRIETÀ MECCANICHE (riprendendo un trasparente mostrato a proposito di indagini e campionamento) MEZZI D INDAGINE FINALITÀ MEZZI PROFILO STRATIGRAFICO POZZI TRINCEE CUNICOLI SONDAGGI DIRETTI INDIRETTI INDAGINI GEOFISICHE

Dettagli

REALIZZAZIONE DI FABBRICATO AD USO MAGAZZINI E PREDISPOSIZIONE POSA IMPIANTO PER GESTIONE E LAVORAZIONE INERTI. Merlet Fabrizio

REALIZZAZIONE DI FABBRICATO AD USO MAGAZZINI E PREDISPOSIZIONE POSA IMPIANTO PER GESTIONE E LAVORAZIONE INERTI. Merlet Fabrizio Regione Autonoma Valle d Aosta Comune di AYAS Région Autonome Vallée d Aoste Commune de AYAS Progetto REALIZZAZIONE DI FABBRICATO AD USO MAGAZZINI E PREDISPOSIZIONE POSA IMPIANTO PER GESTIONE E LAVORAZIONE

Dettagli

RELEO S.r.l. Sede Operativa: Via Ravenna, 562 Fossanova San Marco 44124 Ferrara Tel. +39 0532 740625 www.releo.it commerciale@releo.

RELEO S.r.l. Sede Operativa: Via Ravenna, 562 Fossanova San Marco 44124 Ferrara Tel. +39 0532 740625 www.releo.it commerciale@releo. RELEO S.r.l. Vai al sistema GEOPIER Vai al sistema IMPACT RELEO S.r.l. Il Sistema Geopier, attraverso l utilizzo di colonne di ghiaia compattata, è un valido ed efficace metodo di consolidamento di terreni

Dettagli

INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. DESCRIZIONE DEL SITO DI INTERESSE... 4. 2.1 Ubicazione del sito ed estratti cartografici... 4

INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. DESCRIZIONE DEL SITO DI INTERESSE... 4. 2.1 Ubicazione del sito ed estratti cartografici... 4 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. DESCRIZIONE DEL SITO DI INTERESSE... 4 2.1 Ubicazione del sito ed estratti cartografici... 4 2.1 Classificazione sismica... 6 3. MODELLAZIONE GEOLOGICA... 8 3.1. DESCRIZIONE

Dettagli

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati.

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati. 7. Pali UNITÀ I pali sono elementi strutturali utilizzati nelle opere di fondazione, nelle opere di contenimento della terra e dell acqua, negli interventi di miglioramento della stabilità dei pendii e

Dettagli

Piano generale di utilizzazione delle acque pubbliche

Piano generale di utilizzazione delle acque pubbliche D: Opere speciali Nelle opere speciali rientrano tutte quelle tipologie di opere che non appartengono specificatamente a categorie di intervento quali sistemazioni d alveo o di versante. Sono particolari

Dettagli

La verifica a liquefazione secondo le NTC 2008. Eros Aiello

La verifica a liquefazione secondo le NTC 2008. Eros Aiello La verifica a liquefazione secondo le NTC 2008 Eros Aiello 1 VERIFICA A LIQUEFAZIONE NELLE NTC 7.11.3.4.1 Generalità Il sito presso il quale è ubicato il manufatto deve essere stabile nei confronti della

Dettagli

TECNICHE DI MIGLIORAMENTO DEI TERRENI

TECNICHE DI MIGLIORAMENTO DEI TERRENI TECNICHE DI MIGLIORAMENTO DEI TERRENI Dott. Ing. Johann Facciorusso johannf@dicea.unifi.it DIREZIONE GENERALE AMBIENTE E DIFESA DEL SUOLO E DELLA COSTA Corso di aggiornamento in Geotecnica (1 giugno 2006)

Dettagli

Principali tipologie di terreno

Principali tipologie di terreno Principali tipologie di terreno Terreni derivati da rocce sedimentarie (NON COESIVI): Sabbie Ghiaie Terreni derivati da rocce scistose (COESIVI): Argille Limi Terreni di derivazione organica: Torbe Terreno

Dettagli

Pali in ghiaia - Progetto

Pali in ghiaia - Progetto Pali in ghiaia - Progetto K s : permeabilità orizzontale del terreno (cm/s) M v : coefficiente di compressibilità volumetrica del terreno (MPa -1 ) t d = numero dei cicli per raggiungere la liquefazione,

Dettagli

COSTRUIRE SU TERRENI DIFFICILI Romolo Di Francesco e dott. Geol. Vittorio Gennari www.romolodifrancesco.it

COSTRUIRE SU TERRENI DIFFICILI Romolo Di Francesco e dott. Geol. Vittorio Gennari www.romolodifrancesco.it COSTRUIRE SU TERRENI DIFFICILI Romolo Di Francesco e dott. Geol. Vittorio Gennari www.romolodifrancesco.it 1. INTRODUZIONE Pur considerato che le conoscenze teoriche, sperimentali e tecnologiche hanno

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI ACQUISTO LIBRO Fondazioni superficiali, profonde e speciali

OGGETTO: RICHIESTA DI ACQUISTO LIBRO Fondazioni superficiali, profonde e speciali Spett.le Studio GEO CANTIERI del Dr. Geol. Gian Pietro Frare Via Francesco Bomben 8/A 31100 - Treviso (TV) Fax 0422-30 25 67 e-mail: info@geologofrare.it OGGETTO: RICHIESTA DI ACQUISTO LIBRO Fondazioni

Dettagli

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE CORSO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI I ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE PROF. ING. BRUNO PALAZZO Prof. Bruno Palazzo - TIPOLOGIE: PALIFICATE Le fondazioni indirette sono un opzione quando:

Dettagli

Il Consolidamento è la tecnica ingegneristica finalizzata alla stabilizzazione e rinforzo dei terreni e delle fondazioni delle strutture.

Il Consolidamento è la tecnica ingegneristica finalizzata alla stabilizzazione e rinforzo dei terreni e delle fondazioni delle strutture. CONSOLIDAMENTI Il Consolidamento è la tecnica ingegneristica finalizzata alla stabilizzazione e rinforzo dei terreni e delle fondazioni delle strutture. Essa non può prescindere dai risultati di un accurata

Dettagli

Prova penetrometrica dinamica: SPT (Standard Penetration Test)

Prova penetrometrica dinamica: SPT (Standard Penetration Test) PROVE IN SITO Prova penetrometrica dinamica: SPT (Standard Penetration Test) Durante le fasi di perforazione si possono eseguire, oltre al prelievo di campioni indisturbati, prove SPT (Standard Penetration

Dettagli

' ) -.. 'v 1 c("t, _ (. Carlo Viggiani FONDAZIONI nuova edizione. ) r H E V E L I U S ED IZIONI

' ) -.. 'v 1 c(t, _ (. Carlo Viggiani FONDAZIONI nuova edizione. ) r H E V E L I U S ED IZIONI ' ) -.. Carlo Viggiani FONDAZIONI nuova edizione 'v 1 c("t, _ (. ) r H E V E L I U S ED IZIONI Indice 1. Requisiti generali di progetto l.l. Premessa l.2. Requisiti di progello l.3. Normative e raccomandazioni

Dettagli

'' ). INDICE. Parte I. Introduzione

'' ). INDICE. Parte I. Introduzione INDICE Parte I. Introduzione l l. Requisiti generali di progetto delle fondazioni 3 LI. Premessa 3 1.2. Requisiti di progetto 5 1.3. Normative e raccomandazioni 9 2. Richiami di Meccanica dei Terreni l3

Dettagli

Interpretazione delle prove in laboratorio

Interpretazione delle prove in laboratorio Interpretazione delle prove in laboratorio Condizioni al contorno controllate dallo sperimentatore Tensioni e deformazioni ( parametri) imposte o misurabili σ a σ v ε a ε v ε r =0 σ r ε v / u Prova edometrica

Dettagli

261 CAPITOLO 17: PALI DI FONDAZIONE CAPITOLO 17: PALI DI FONDAZIONE

261 CAPITOLO 17: PALI DI FONDAZIONE CAPITOLO 17: PALI DI FONDAZIONE 261 Generalmente i pali di fondazione vengono impiegati per abbassare il piano di posa dell edificio allo scopo di raggiungere degli strati di terreno con resistenza più elevata. In alcuni casi comunque

Dettagli

Lezione 9 GEOTECNICA

Lezione 9 GEOTECNICA Lezione 9 GEOTECNICA Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it - Lezione 9 A. Fondazioni su pali: requisiti di progetto B. Tecnologie esecutive nella realizzazione dei pali C. Pali

Dettagli

Norme Tecniche per le Costruzioni 2008 D.M. 14 gennaio 2008

Norme Tecniche per le Costruzioni 2008 D.M. 14 gennaio 2008 LA PROGRAMMAZIONE DELLE INDAGINI GEOTECNICHE Paola Monaco Università dell'aquila Dipartimento Ingegneria Strutture Acque e Terreno paola.monaco@univaq.it Convegno Associazione Geotecnica Italiana Programmazione

Dettagli

Lezione 6 GEOTECNICA. Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it

Lezione 6 GEOTECNICA. Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it Lezione 6 GEOTECNICA Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it - Lezione 6 A. Indagine Geotecnica: considerazioni generali B. Indagini in sito: Perforazioni di sondaggio e prelievo

Dettagli

GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO. Ing. Alessandra Nocilla

GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO. Ing. Alessandra Nocilla GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO Ing. Alessandra Nocilla 1 INTRODUZIONE SCOPO DELLE INDAGINI GEOTECNICHE 1) Gli ingegneri geotecnici non possono scegliere i materiali sui quali sono chiamati a costruire.

Dettagli

PALI TRIVELLATI A GRANDE DIAMETRO, CON ELICA CONTINUA E MICROPALI

PALI TRIVELLATI A GRANDE DIAMETRO, CON ELICA CONTINUA E MICROPALI PALI TRIVELLATI A GRANDE DIAMETRO, CON ELICA CONTINUA E MICROPALI Paolo Simonini Università degli Studi di Padova Dipartimento IMAGE PALI A TRIVELLATI A GRANDE DIAMETRO IN TERRENI GRANULARI PROGETTO DI

Dettagli

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella:

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella: 3. Azioni sismiche Per la norma le azioni sismiche devono essere valutare partendo dalla pericolosità sismica di base del sito di costruzione. Si ricorda che la pericolosità sismica, intesa in senso probabilistico,

Dettagli

1) non deve portare a rottura il terreno sottostante. 2) non deve indurre nel terreno cedimenti eccessivi

1) non deve portare a rottura il terreno sottostante. 2) non deve indurre nel terreno cedimenti eccessivi SICUREZZA e FUNZIONALITÀ delle strutture in elevazione (edificio in c.a., rilevato, etc.) sono garantite anche da alcuni requisiti che il SISTEMA FONDALE deve rispettare. In particolare il carico trasmesso

Dettagli

APPLICAZIONI SOFTWARE PER LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA CON LE NTC 2008

APPLICAZIONI SOFTWARE PER LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA CON LE NTC 2008 BELLUNO 8 Marzo 2012 APPLICAZIONI SOFTWARE PER LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA CON LE NTC 2008 Seminario tecnico Applicazioni software per la progettazione geotecnica con le NTC 2008 GEOSTRU SOFTWARE WWW.GEOSTRU.COM

Dettagli

ESECUZIONE DI UNA PROVA PENETROMETRICA STATICA CON PIEZOCONO SISMICO

ESECUZIONE DI UNA PROVA PENETROMETRICA STATICA CON PIEZOCONO SISMICO ESECUZIONE DI UNA PROVA PENETROMETRICA STATICA CON PIEZOCONO SISMICO INTRODUZIONE La seguente relazione descrive l esecuzione di un prova penetrometrica statica con piezocono sismico eseguita nel mese

Dettagli

Le opere di sostegno dei fronti di scavo

Le opere di sostegno dei fronti di scavo a cura dello Studio Associato Pilati Le opere di sostegno dei fronti di scavo Inauguriamo una collaborazione editoriale con lo Studio Associato Pilati di Costabissara (Vi). Al centro degli interventi,

Dettagli

Relazione Tecnica: allegato A

Relazione Tecnica: allegato A COMUNE DI BELLINZAGO LOMBARDO Regione Lombardia Provincia di Milano Relazione Tecnica: allegato A RELAZIONE GEOLOGICA e GEOTECNICA IL SINDACO IL SEGRETARIO IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO COMUNE DI BELLINZAGO

Dettagli

Azione sismica. Parte I 3.2 Azione sismica 1. Parte II 7.11 Opere e sistemi geotecnici 10

Azione sismica. Parte I 3.2 Azione sismica 1. Parte II 7.11 Opere e sistemi geotecnici 10 I Parte I 3.2 1 1 3.2.1 Stati limite... e relative probabilità di superamento 1 2 3.2.2 Categorie... di sottosuolo e condizioni topografiche 2 3 3.2.3 Valutazione... dell'azione sismica 4 Parte II 7.11

Dettagli

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni LABORATORIO DI COSTRUZIONI DELL ARCHITETTURA II MODULO DI GEOTECNICA E FONDAZIONI Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Dipartimento di Ingegneria Strutturale

Dettagli

Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche. Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche

Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche. Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche Brescia, Brescia, 28 28 Marzo Marzo 2009 2009 Dott. Ing. A. Sanzeni alex.sanzeni@ing.unibs.it

Dettagli

La presente relazione ha lo scopo di descrivere la struttura portante dell'edificio oggetto

La presente relazione ha lo scopo di descrivere la struttura portante dell'edificio oggetto 1. Premessa La presente relazione ha lo scopo di descrivere la struttura portante dell'edificio oggetto del Progetto definitivo del Piano Particolareggiato del Porto e variante connessa al P.U.C. Ed alla

Dettagli

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ]

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ] Idrogeologia Oltre alle proprietà indici del terreno che servono a classificarlo e che costituiscono le basi per utilizzare con facilità l esperienza raccolta nei vari problemi geotecnici, è necessario

Dettagli

Procedure automatiche per valutare il rischio di liquefazione dei terreni sabbiosi

Procedure automatiche per valutare il rischio di liquefazione dei terreni sabbiosi SISTEMA MICROZONAZIONE Collana per l individuazione del rischio sismico locale e la valutazione delle conseguenze LIQUESAB Procedure automatiche per valutare il rischio di liquefazione dei terreni sabbiosi

Dettagli

Tl Tale tecnologia può essere applicata nel caso di terreni aventi caratteristiche quali: suolo denso ma non coesivo (sabbia, ghiaia),

Tl Tale tecnologia può essere applicata nel caso di terreni aventi caratteristiche quali: suolo denso ma non coesivo (sabbia, ghiaia), FDP Full Displacement Piles Il Full Displacement Pile (FDP) è una metodologia di consolidamento del terreno in alternativa ai classici pali trivellati o CFA. In sostanza si sfrutta un apposito utensile,

Dettagli

4$5 (2% 1 (...* (.. ("2 2 (.." "")" ' 3 3.%.&( % ( (2%%.""".("2 % +.* %# ) <% "" " 3 3"". 0 %' 3'=..(' >6 6%4(5 ) <3 3"".

4$5 (2% 1 (...* (.. (2 2 (.. ) ' 3 3.%.&( % ( (2%%..(2 % +.* %# ) <%   3 3. 0 %' 3'=..(' >6 6%4(5 ) <3 3. 1 Premessa... 3 1.1 Normativa di riferimento... 5 2 Inquadramento dell area... 6 3 Inquadramento geologico e geomorfologico regionale... 8 4 Indagini geotecniche in situ... 17 4.1 Modalità d indagini...

Dettagli

Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti

Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti FONDAZIONI SU PALI Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti Si ricorre a fondazioni su pali quando:

Dettagli

D.M. 11.03.1988: NTC2008: 6.2.1. 6.2.2

D.M. 11.03.1988: NTC2008: 6.2.1. 6.2.2 D.M. 11.03.1988: [ ] la progettazione deve essere basata sulla caratterizzazione geotecnica dei terreni di fondazione, ottenuta a mezzo di rilievi, indagini e prove [ ] NTC2008: [ ] Le scelte progettuali

Dettagli

Indice. Calcolo fondazioni secondo NTC08. Parte III Comandi calcolo geotecnico. Capacità portante. 2012 S.T.A.DATA srl

Indice. Calcolo fondazioni secondo NTC08. Parte III Comandi calcolo geotecnico. Capacità portante. 2012 S.T.A.DATA srl 3 Indice Parte I Piano 2013 4 Parte II Calcolo fondazioni secondo NTC08 5 1 Travi... di fondazione 7 2 Plinti... di fondazione 8 3 Platee... di fondazione 16 Parte III Comandi calcolo geotecnico 17 1 Definizione...

Dettagli

Barre autoperforanti ed accessori, modalita di esecuzione, campi di impiego, problemi esecutivi e controlli in cantiere

Barre autoperforanti ed accessori, modalita di esecuzione, campi di impiego, problemi esecutivi e controlli in cantiere Incontro sul tema Autoperforanti: una tecnologia in evoluzione 7 Ottobre, 2010 Barre ed accessori, modalita di, campi di, problemi esecutivi e Con la collaborazione di: Con il patrocinio Dell Istittuto

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA DEI TERRENI SOTTO AZIONI DINAMICHE CON PROVE IN SITO E DI LABORATORIO

CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA DEI TERRENI SOTTO AZIONI DINAMICHE CON PROVE IN SITO E DI LABORATORIO < CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA DEI TERRENI SOTTO AZIONI DINAMICHE CON PROVE IN SITO E DI LABORATORIO #$$! "! " %&'()**) +,-./ ?@1 3>?@1 012 34561 75 ;33849: Dinamica dei Terreni Studia il comportamento

Dettagli

PALI CON COSTIPAMENTO LATERALE FDP

PALI CON COSTIPAMENTO LATERALE FDP Via Arni, 30 55032 Castelnuovo di Garfagnana (LU) OGGETTO: RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA Emissione : Castelnuovo di Garfagnana, lì 25/01/2012 Redatto Firme Intersonda srl INDICE 1. PALO CON COSTIPAMENTO

Dettagli

Mitigazione del rischio frana

Mitigazione del rischio frana Mitigazione del rischio frana Interventi sul versante. Il percorso del progetto Relazione geologica Analisi e descrizione del fenomeno di instabilità Studio delle cause e del meccanismo franoso Relazione

Dettagli

Applicazioni software per la progettazione geotecnica con le NTC 2008.

Applicazioni software per la progettazione geotecnica con le NTC 2008. GEOSTRU SOFTWARE WWW.GEOSTRU.COM Via C. Colombo 89 Bianco (RC) geostru@geostru.com PROGETTARE INTERVENTI DI INGEGNERIA GEOTECNICA AMBIENTALE ALLA LUCE DELLE NTC Bogogno - NOVARA, 27 novembre 2012 Applicazioni

Dettagli

RELAZIONE GEOTECNICA

RELAZIONE GEOTECNICA RELAZIONE GEOTECNICA GENERALITA La presente relazione ha come oggetto l analisi delle caratteristiche stratigrafiche e la determinazione dei parametrici geotecnici relativamente alle opere di allargamento

Dettagli

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a:

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a: (IMP) FOGNATURA Il tubo PE a.d. è particolarmente indicato per la realizzazione di impianti di scarico in edifici civili ed industriali, oppure in terreni particolarmente instabili dove altri materiali

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

Prescrizioni delle NTC (2008)

Prescrizioni delle NTC (2008) La progettazione di fondazioni di edifici in terreni ad alta instabilità Prescrizioni delle NTC (2008) Stefano Aversa Università degli studi di Napoli Parthenope Associazione Geotecnica Italiana Bologna

Dettagli

La Magnitudo di riferimento

La Magnitudo di riferimento La Magnitudo di riferimento La sua importanza è legata (oltre che alla possibile esclusione della verifica) alla determinazione del fattore scala che compare nella valutazione della pericolosità della

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 14. FONDAZIONI SUPERFICIALI. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 14. FONDAZIONI SUPERFICIALI. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 14. FONDAZIONI SUPERFICIALI INDICE DELLA SEZIONE GENERALITÀ METODI PER IL CALCOLO DEL CARICO LIMITE METODI PER IL CALCOLO DEI CEDIMENTI INTERAZIONE TERRENO STRUTTURA DEFINIZIONE (NTC 2008) GENERALITÀ

Dettagli

Normativa sismica Fondazioni ed opere di sostegno pagina 1/9 NORME TECNICHE PER IL PROGETTO SISMICO DI OPERE DI FONDAZIONE E DI SOSTEGNO DEI TERRENI

Normativa sismica Fondazioni ed opere di sostegno pagina 1/9 NORME TECNICHE PER IL PROGETTO SISMICO DI OPERE DI FONDAZIONE E DI SOSTEGNO DEI TERRENI Normativa sismica Fondazioni ed opere di sostegno pagina 1/9 NORME TECNICHE PER IL PROGETTO SISMICO DI OPERE DI FONDAZIONE E DI SOSTEGNO DEI TERRENI 1 OGGETTO DELLE NORME...2 2 REQUISITI DEL SITO DI COSTRUZIONE

Dettagli

engineering s.r.l. via del Rio, 2 56025 PONTEDERA PI tel. +39.0587.608233 fax +39.0587.606784

engineering s.r.l. via del Rio, 2 56025 PONTEDERA PI tel. +39.0587.608233 fax +39.0587.606784 05 04 03 02 01 08.11.2010 VARIANTE 1 00 14.03.2009 Prima emissione Rev. DATA: Motivo Il Direttore dei Lavori Piano di Lottizzazione UTOE Pontedera Est Comparto 12 OPERE DI URBANIZZAZIONE PONTEDERA PI Loc.tà

Dettagli

PROGRAM GEO CPT ver.3.4

PROGRAM GEO CPT ver.3.4 3) Teoria e Normativa. 3.1) Introduzione. L' interpretazione della prova penetrometrica statica (CPT) avviene generalmente in quattro fasi distinte: discretizzazione del terreno indagato in livelli caratterizzati

Dettagli

esercizio e le verifiche di durabilità.

esercizio e le verifiche di durabilità. Normativa: aspetti generali e di dettaglio FONDAZIONI PER EDIFICI Le scelte progettuali per le opere di fondazione devono essere effettuate t contestualmente e congruentemente con quelle delle strutture

Dettagli

Ing. Enzo LA MURA Via Ing. G. Messina n. 6-84012 Angri (SA) E-mail: enzolamura@libero.it

Ing. Enzo LA MURA Via Ing. G. Messina n. 6-84012 Angri (SA) E-mail: enzolamura@libero.it 1. PREMESSA Nelle operazioni di recupero e di manutenzione straordinaria capita sempre più spesso che un edificio abbia problemi di fondazioni tali da rendere necessario un loro consolidamento. Negli ultimi

Dettagli

GEOLOGICAL ENGINEERING SRL SERVICE- GEOLOGICAL-ARHEOLOGY-ENGINEERING. BREVE LETTERA DI PRESENTAZIONE DELLA SOCIETA GEOLOGICAL ENGINEERING S.r.l.

GEOLOGICAL ENGINEERING SRL SERVICE- GEOLOGICAL-ARHEOLOGY-ENGINEERING. BREVE LETTERA DI PRESENTAZIONE DELLA SOCIETA GEOLOGICAL ENGINEERING S.r.l. BREVE LETTERA DI PRESENTAZIONE DELLA SOCIETA GEOLOGICAL ENGINEERING S.r.l. La (Servizi - Archeologia - Geologia - Ingegneria) è una società multidisciplinare capace di coniugare le competenze in ambito

Dettagli

Committente: Comune di Flero. Cantiere: via Paine Flero (BS) Progetto: Riqualificazione e ampliamento della scuola materna in via Paine

Committente: Comune di Flero. Cantiere: via Paine Flero (BS) Progetto: Riqualificazione e ampliamento della scuola materna in via Paine Committente: Comune di Flero Cantiere: via Paine Flero (BS) Progetto: Riqualificazione e ampliamento della scuola materna in via Paine ------------------------------------------------------------------

Dettagli

Dicembre 2012 Ric. 12.30

Dicembre 2012 Ric. 12.30 M ILANOSPORT S.p.A. Indagini geotecniche e chimiche sui terreni di fondazione dei nuovi pali di illuminazione della pista di atletica c/o il Campo Sportivo XXV Aprile Via Cimabue 24 - Milano Dicembre 2012

Dettagli

CAPITOLO 17 TIPOLOGIA E CAPACITÀ PORTANTE DI FONDAZIONI PROFONDE

CAPITOLO 17 TIPOLOGIA E CAPACITÀ PORTANTE DI FONDAZIONI PROFONDE CAPITOLO 17 TIPOLOGIA E CAPACITÀ PORTANTE DI FONDAZIONI PROFONDE 17.1 Definizione, impiego e classificazione delle fondazioni profonde Terzaghi definisce profonda una fondazione per la quale il rapporto

Dettagli

Si può fare riferimento al modulo di reazione K r dato dal rapporto tra pressione e cedimento corrispondente: K r = p/s (kn/m 3 ) (7.

Si può fare riferimento al modulo di reazione K r dato dal rapporto tra pressione e cedimento corrispondente: K r = p/s (kn/m 3 ) (7. 124 7 Indagini e prove in situ 88-08-07273-8 contrasto manometro martinetto idraulico micrometro piastre sostegno del micrometro FIGURA 7.19 pressione unitaria a) cedimento il controllo della deformabilità

Dettagli

LAN Liquefazione Terreni. Aztec Informatica LAN. Liquefazione Terreni MANUALE OPERATIVO

LAN Liquefazione Terreni. Aztec Informatica LAN. Liquefazione Terreni MANUALE OPERATIVO Aztec Informatica LAN Liquefazione Terreni MANUALE OPERATIVO I II LAN Liquefazione Terreni Copyright 005, 015 Aztec Informatica s.r.l. Tutti i diritti riservati. Qualsiasi documento tecnico che venga reso

Dettagli

Lezione 9 GEOTECNICA

Lezione 9 GEOTECNICA Lezione 9 GEOTECNICA Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e mail: g.mitaritonna@poliba.it 1 Lezione 9 A. Fondazioni su pali: requisiti di progetto B. Tecnologie esecutive nella realizzazione dei pali C. Pali

Dettagli

CAPITOLO 17 TIPOLOGIA E CAPACITÀ PORTANTE DI FONDAZIONI PROFONDE

CAPITOLO 17 TIPOLOGIA E CAPACITÀ PORTANTE DI FONDAZIONI PROFONDE CAPITOLO 17 TIPOLOGIA E CAPACITÀ PORTANTE DI FONDAZIONI PROFONDE 17.1 Definizione, impiego e classificazione delle fondazioni profonde Terzaghi definisce profonda una fondazione per la quale il rapporto

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI INDICE 1. INTRODUZIONE pag. 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI pag. 2 3. STRUTTURA GEOLOGICA DEL SITO pag. 2 4. PROGETTO DELLE INDAGINI GEOGNOSTICHE pag. 3 5. RISULTATI PROVE DI LABORATORIO / IN SITO pag. 4 6.

Dettagli

COMMITTENTE: Regione Veneto Azienda ULSS 18 - Rovigo RELAZIONE GEOLOGICA

COMMITTENTE: Regione Veneto Azienda ULSS 18 - Rovigo RELAZIONE GEOLOGICA COMMITTENTE: Regione Veneto Azienda ULSS 18 - Rovigo RELAZIONE GEOLOGICA INDICE 1. NORMATIVA DI RIFERIMENTO... pag. 3 2. PREMESSA... " 4 3. INDAGINI GEOGNOSTICHE... " 5 4. GEOLOGIA E STRATIGRAFIA... "

Dettagli

PALO tipo SP VANTAGGI minima quantità di materiale di risulta Ridotto consumo di calcestruzzo

PALO tipo SP VANTAGGI minima quantità di materiale di risulta Ridotto consumo di calcestruzzo PALO tipo SP Il Soil Displacement (SP) è una metodologia di esecuzione del palo di fondazione eseguita senza asportazione di terreno, quindi alternativa ai pali battuti, vibroinfissi e trivellati. La tecnologia

Dettagli

Associazione Geotecnica Italiana

Associazione Geotecnica Italiana Associazione Geotecnica Italiana PROGRAMMAZIONE DELLE INDAGINI GEOTECNICHE COME ELEMENTO DELLA PROGETTAZIONE DI NUOVE OPERE E PER IL CONSOLIDAMENTO DI QUELLE ESISTENTI Il quadro normativo esistente e la

Dettagli

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Edilprogress Via Locatelli 21 24050 Cividate al Piano (BG) PROVINCIA DI BERGAMO Comune di Cividate al Piano SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Data emissione

Dettagli

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA 1 Via Arni, 30 55032 Castelnuovo di Garfagnana (LU) MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA DMW ( Deep Mixing Wall ) - monoelica RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA Emissione : Castelnuovo di Garfagnana,

Dettagli

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE 7. PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Questo capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove opere soggette anche all azione sismica. 7.1 REQUISITI NEI

Dettagli

Le misure piezometriche in sito

Le misure piezometriche in sito 1 Le misure piezometriche in sito Raccomandazioni AGI (1977): Finalità Profilo stratigrafico Proprietà fisico-meccaniche Misura pressione neutra Permeabilità Verifica impiego analisi e tecnologie Mezzi

Dettagli

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE INDICE 1. PREMESSA E SCOPO DEL LAVORO... 2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO GEOMORFOLOGICO... 3 3. INQUADRAMENTO IDROGEOLOGICO ED IDROLOGICO... 4 4. CLASSIFICAZIONE SISMICA... 5 4.1 OPCM 20 marzo 2003... 5 4.2

Dettagli

Grazie ai mezzi maneggevoli, si possono produrre pali inclinati in quasi ogni inclinazione e direzione.

Grazie ai mezzi maneggevoli, si possono produrre pali inclinati in quasi ogni inclinazione e direzione. Battitura di pali duttili Generalità: Grazie agli escavatori idraulici leggeri e maneggevoli, i lavori per fondazioni di pali possono essere eseguiti anche in condizioni difficili oppure quando lo spazio

Dettagli

Committente: E.Eco S.r.l., Roma, Via della Madonna dei Monti n 50 (P.Iva 10735421009)

Committente: E.Eco S.r.l., Roma, Via della Madonna dei Monti n 50 (P.Iva 10735421009) Dott. Geol. Gianluca Bianchi Fasani, Dottore di ricerca Via Mocenigo n 32, 00192 Roma e-mail: gianluca.bianchifasani@uniroma1.it Tel. 06/39744398 - Cell. 347/5226276 P.Iva 06 250 121 008 C.F. BNCGLC71L13L009P

Dettagli

FONDAZIONI SU SU PALI

FONDAZIONI SU SU PALI Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bergamo (Commissione Geotecnica) Università degli studi di Bergamo (Facoltà di Ingegneria) Corso Corso di di aggiornamento aggiornamento NUOVE NUOVE NORME NORME

Dettagli

Prova di verifica parziale N. 2 24 Nov 2008

Prova di verifica parziale N. 2 24 Nov 2008 Prova di verifica parziale N. 2 24 Nov 2008 Esercizio 1 Una prova triassiale CU è stata eseguita su tre provini preparati a partire da un campione indisturbato di argilla satura. Nella prima fase i tre

Dettagli

Ristrutturazione del complesso ENAV di Roma ACC - Ciampino Roma Progetto definitivo delle strutture - RELAZIONE GEOTECNICA

Ristrutturazione del complesso ENAV di Roma ACC - Ciampino Roma Progetto definitivo delle strutture - RELAZIONE GEOTECNICA INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 2 3 SISMICITA DELL AREA... 3 4 LE INDAGINI GEOGNOSTICHE... 3 5 ASPETTI IDROGEOLOGICI GENERALI... 5 6 ASPETTI GEOTECNICI DEL PROGETTO LE STRUTTURE FONDALI...

Dettagli

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni 1/58 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Corso di aggiornamento professionale Dott. Ing. Giulio Pandini IX Corso Università degli Studi di Bergamo - Facoltà di Ingegneria Dalmine 21 novembre

Dettagli

PALI TRIVELLATI CLASSICI 15

PALI TRIVELLATI CLASSICI 15 QUADERNO I Sistemi di fondazione PALI E MICROPALI Scheda N : PALI TRIVELLATI CLASSICI 15 1 Pali trivellati semplici La trivellazione è eseguita senza tubazione di sostegno delle pareti o con tubazione

Dettagli

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...2 2 IL NUOVO EDIFICIO DEL POLO TECNOLOGICO INTEGRATO...2 3 L ORGANISMO STRUTTURALE ED I CRITERI DI PROGETTO...2 4 LE PROBLEMATICHE GEOTECNICHE...3 4.1 Inquadramento geologico...3

Dettagli

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA 1 Via Arni, 30 55032 Castelnuovo di Garfagnana (LU) MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA SMW ( Soil Mixing Wall ) - trielica RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA Emissione : Castelnuovo di Garfagnana,

Dettagli

COMMITTENTE: comune di porto tolle RELAZIONE GEOTECNICA

COMMITTENTE: comune di porto tolle RELAZIONE GEOTECNICA COMMITTENTE: comune di porto tolle RELAZIONE GEOTECNICA PROVINCIA ROVIGO COMUNE DI PORTO TOLLE e mails: info@spgeo.it - spgeo@stargatenet.it r website: http://www.spgeo.it Pagina 1 di 15 1 NORMATIVA DI

Dettagli

Le strutture di FONDAZIONE

Le strutture di FONDAZIONE Le strutture di FONDAZIONE Laboratorio di Tecnologia dell Architettura Prof.ssa Paola Gallo A.A. 2012-2013 Strutture di fondazione Le fondazioni sono elementi strutturali che trasferiscono i carichi delle

Dettagli

ACQUARIO DI ROMA ROMA EUR, Via Cristoforo Colombo Mare Nostrum s.r.l. INDICE. 1) L OPERA. pag. 2. 2) LA TECNICA DI COSTRUZIONE. pag.

ACQUARIO DI ROMA ROMA EUR, Via Cristoforo Colombo Mare Nostrum s.r.l. INDICE. 1) L OPERA. pag. 2. 2) LA TECNICA DI COSTRUZIONE. pag. INDICE 1) L OPERA. pag. 2 2) LA TECNICA DI COSTRUZIONE. pag. 3 3) LE PROBLEMATICHE GEOTECNICHE.. pag. 5 4) LE INDAGINI GEOGNOSTICHE... pag. 7 5) IL PROFILO STRATIGRAFICO. pag. 8 6) LA FALDA... pag. 14

Dettagli

Lezione 7 GEOTECNICA. Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it

Lezione 7 GEOTECNICA. Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it Lezione 7 GEOTECNICA Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it - Lezione 7 A. Compressibilità dei terreni: considerazioni generali ed applicazioni B. L edometro C. La pressione di

Dettagli

GEOLOGIA APPLICATA E INGEGNERIA GEOTECNICA

GEOLOGIA APPLICATA E INGEGNERIA GEOTECNICA Giulio Riga GEOLOGIA APPLICATA E INGEGNERIA GEOTECNICA ESERCIZI SVOLTI GIULIO RIGA GEOLOGIA APPLICATA E INGEGNERIA GEOTECNICA ISBN 978-88-579-0019-3 2010 by Dario Flaccovio Editore s.r.l. - tel. 0916700686

Dettagli

GEOLOGIA APPLICATA E GEOTECNICA

GEOLOGIA APPLICATA E GEOTECNICA GEOLOGIA APPLICATA E GEOTECNICA 3 Direttore Luigi ESPOSITO Università degli Studi di Napoli Federico II Comitato scientifico Nicola SCIARRA Università degli Studi di Chieti Antonio PASCULLI Università

Dettagli

Le fondazioni profonde. I pali

Le fondazioni profonde. I pali Le fondazioni profonde I pali Definizioni Palo: elemento strutturale di fondazione, costruito in opera o infisso dalla superfice del terreno, in grado di trasmettere al sottosuolo, anche lungo la sua superficie

Dettagli

Corso di Geologia Applicata

Corso di Geologia Applicata Scienze e Tecnologie per i Beni Culturali Corso di Geologia Applicata Dott. Maria Chiara Turrini Ripartizione degli sforzi fra fase solida e fase liquida Poiché il terreno è un sistema multifase, il carico

Dettagli

Progetto ampliamento capannone industriale RELAZIONE GEOLOGICO-TECNICA

Progetto ampliamento capannone industriale RELAZIONE GEOLOGICO-TECNICA REGIONE LOMBARDIA... Progetto ampliamento capannone industriale Ottobre 2011 Provincia di MILANO Via Passavone Robecco S/N MI Proprietà RELAZIONE GEOLOGICO-TECNICA COSMOGRAFICA ALBERTINI S.p.A. Via Passavone,

Dettagli

Palificazioni e Consolidamenti

Palificazioni e Consolidamenti Palificazioni e Consolidamenti PALI TRIVELLATI Pali trivellati a secco, incamiciati e con utilizzo di fanghi bentonitici/polimeri. PALI C.F.A. Pali ad elica continua C.F.A. PALI VIBROINFISSI Pali vibroinfissi,

Dettagli

RELAZIONE. AOB2 srl Via XXV aprile n. 18 25038 Rovato (Bs)

RELAZIONE. AOB2 srl Via XXV aprile n. 18 25038 Rovato (Bs) AOB2 srl Via XXV aprile n. 18 2508 Rovato (Bs) Cedimenti differenziali e fessurazioni vasca di ossidazione linea 2 ed annesso magazzino Depuratore comunale acque reflue di Chiari (Bs) INDAGINE GEOLOGICA

Dettagli