APPLICAZIONE DI MISCELE COMPATTATE TERRENO CALCE NELLA STABILIZZAZIONE DI UN PENDIO IN FRANA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APPLICAZIONE DI MISCELE COMPATTATE TERRENO CALCE NELLA STABILIZZAZIONE DI UN PENDIO IN FRANA"

Transcript

1 A.Di.S. Associazione Nazionale Difesa del Suolo "Difesa del suolo. Confronto di esperienze" Manoppello (PE), 2 dicembre 2006 APPLICAZIONE DI MISCELE COMPATTATE TERRENO CALCE NELLA STABILIZZAZIONE DI UN PENDIO IN FRANA Relatore: Dott. Ing. Francesco Massa Un ringraziamento particolare al Prof. Erio Pasqualini dell Università di Ancona e al Prof. Luigi Monterisi del Politecnico di Bari

2 OGGETTO DELLA RICERCA Interventi di consolidamento del versante Montagnolo (Ancona) interessato dal fenomeno franoso del 1982 Tra le opere di stabilizzazione (trincee, paratie e diaframmi) è stata prevista anche la realizzazione di un grosso rilevato di contenimento ( m 3 ) al piede del pendio

3 LA GRANDE FRANA DI ANCONA Edifici lesionati dopo l evento del 1982 Spostamento verso mare della strada e della linea ferroviaria

4 UBICAZIONE DELL AREA Zona dell intervento, interessata da antiche attività di cavatura

5 PROGETTO INIZIALE Realizzazione del rilevato di contenimento tramite materiale arido di cava Tout-venant: granulometria da 30 cm a limo sabbioso Materiale proveniente dalla demolizione degli edifici presenti nell area in oggetto

6 TRATTAMENTO IN SITO DEL TERRENO CON CALCE PROPOSTA DI VARIANTE fondata su due ordini di motivi: A) accresciuti problemi di viabilità connessi sia al trasporto del materiale di cava in cantiere, sia allo smaltimento in discarica del terreno argilloso-limoso presente in sito B) impatto ambientale connesso sia all estrazione dei materiali di cava, sia allo smaltimento in discarica del terreno in sito Necessità di soluzioni alternative, che prevedessero il riutilizzo del materiale presente, opportunamente additivato e compattato

7 TRATTAMENTO DI TERRENI CON CALCE Si ottengono significative economie, pur nel completo rispetto della qualità delle opere. Fino ad oggi in Italia le opere costruite con questa tecnica sono state: Rilevati stradali Rilevati ferroviari Rilevati per piste aeroportuali Opera di tipo massivo Prima applicazione in Italia su un versante in frana

8 LINEE PROGETTUALI Riprofilatura del pendio e riempimento tramite additivazione del terreno in posto con calce ed opportuna compattazione di esso Necessità di uno studio in laboratorio che indagasse sulle prestazioni meccaniche ed idrauliche del terreno additivato

9 OBIETTIVI Ottenere tramite l additivazione il miglioramento delle prestazioni meccaniche ed idrauliche del materiale Incremento del valore della k (conducibilità idraulica) Incremento dei valori di c e φ (resistenza) Elaborazione di un opportuno programma di prove

10 MATERIALI E METODOLOGIA DI RICERCA ANALISI DI LABORATORIO Materiali utilizzati: Terreno prelevato dall area del versante Montagnolo Calce Aerea Idrata Programma di prove: Classificazione del terreno (w n, analisi granulometrica, determinazione LL, LP, IP, determinazione γ s ) Prove di compattazione Prove di conducibilità idraulica Prove di taglio diretto

11 PRIMA SERIE DI PROVE DETERMINAZIONE DELLA QUANTITÀ DI CALCE DA ADDITIVARE OTTIMALE DA UN PUNTO DI VISTA PRESTAZIONALE ED ECONOMICO

12 CLASSIFICAZIONE DEL TERRENO RIASSUNTO GRANULOMETRIE passante (%) diametro (mm) SACCO 1 SACCO 2 SACCO 3 SACCO 4 SACCO 5 SACCO 6 SACCO 7 SACCO 8 Sacco 1-8: Limo con argilla sabbioso

13 CLASSIFICAZIONE DEL TERRENO campione Wn (%) LL (%) LP (%) IP (%) γ s (g/cm 3 ) % fine Argilla (%) Limo (%) Sabbia (%) sacco sacco sacco sacco sacco sacco sacco sacco Ghiaia (%) Elevata omogeneità del terreno in esame dall analisi analisi dei pesi specifici e delle % dei componenti

14 PROVE PROCTOR STANDARD γ d (g/cm 3 ) 1,70 1,65 1,60 1,55 1,50 CALCE 0% Proctor Standard CALCE 2% Proctor Standard CALCE 3% Proctor Standard CALCE 5% Proctor Standard 1,45 1,40 0,1 0,15 0,2 0,25 0,3 w (-) L additivazione con calce riduce il γ dmax e aumenta il w opt. Non c èc apprezzabile variazione in funzione della percentuale di calce aggiunta

15 PROVE DI PERMEABILITÀ w Calce k 7 (cm/sec) 20,9% 0% 1.2E-07 20,4% 2% 3.3E-06 21,2% 3% 5.6E-06 20,7% 5% 7.1E-06 Rispetto ai materiali di partenza il trattamento con calce induce un aumento della permeabilità. Questo perché la calce reagisce con i terreni fini provocando la flocculazione della frazione argillosa, con conseguente modificazione della granulometria della terra ed aumento dell indice dei vuoti.

16 PROVE DI TAGLIO DIRETTO % calce W di compattazione (%) Permeazione (gg) W iniziale (%) c (kpa) Φ ( ) 0 20,9 7 30, ,4 7 27, ,2 7 26, ,7 7 25, L additivazione con calce induce un incremento delle caratteristiche di resistenza del terreno. Notevoli incrementi della coesione e dell angolo d attrito rispetto al campione di terreno senza calce. La crescita di Φ è risultata più sensibile man mano che aumentano le percentuali di additivazione.

17 PROVE DI TAGLIO DIRETTO tau (kpa) spost trasv (mm) calce=0% calce=2% calce=3% calce=5% L additivazione del materiale con calce induce una variazione del suo comportamento da plastico, tipico dei materiali sciolti, a fragile, tipico dei materiali addensati

18 PRIMA SERIE DI PROVE CALCE 3% SECONDA SERIE DI PROVE : STUDIO DELL INFLUENZA DELL ENERGIA DI COMPATTAZIONE E DELLA STAGIONATURA

19 PROVE DI COMPATTAZIONE Compattazione - Prove Proctor Std, Mod, Rid 1.8 γd (g/cm 3 ) CALCE 0% Proctor Ridotta CALCE 0% Proctor Standard CALCE 0% Proctor Modificata CALCE 3% Proctor Ridotta CALCE 3% Proctor Standard CALCE 3% Proctor Modificata W (-) Le diverse energie racchiudono il range di compattazione applicabile in sito. La calce (3%) incrementa il Wopt e riduce γ dmax indipendentemente dall energia di compattazione

20 PROVE PROCTOR Energia Calce[%] w opt [%] γ dmax [g/cm 3 ] Ridotta Standard Modificata Ridotta Standard Modificata L aggiunta di calce al 3% provoca un aumento del w opt diminuzione di γdmax e una Il confronto per i campioni con energia Ridotta mostra che w opt cresce addirittura del 5% Ciò si traduce in una migliore lavorabilità del materiale additivato

21 PROGRAMMA PROVE DI PERMEABILITÀ ENERGIA Ridotta Standard Modificata CONTENUTO D ACQUA Wopt 4% Wopt Wopt + 4% TEMPO DI STAGIONATURA/PERMEAZIONE Fino a 28gg

22 CONFRONTO VALORI PERMEABILITÀ PER PROCTOR STANDARD Riepilogo Proctor Standard calce 0% e 3% 1,E-04 Calce 3% 1,E-05 k [cm/s] 1,E-06 1,E-07 Calce 0% W=18% W=22% W=26% W=16.5% W=20.5% W=24.5% 1,E-08 1,E tempo [giorni] Si osserva un incremento della conducibilità idraulica rispetto al terreno naturale; la variazione è trascurabile per elevati contenuti d acqua

23 CONFRONTO VALORI PERMEABILITÀ PER 1,E-04 PROCTOR MODIFICATA Riepilogo Proctor Modificate calce 0% e 3% 1,E-05 Calce 3% k [cm/s] 1,E-06 1,E-07 1,E-08 Calce 0% W=11% W=15% W=19% W=10% W=14% W=18% 1,E tempo [giorni] L aumento dell energia di compattazione produce una struttura chiusa sulla quale la calce ha un effetto minore

24 RISULTATI PROVE DI PERMEABILITÀ Energia W% di compattazione k calce 0% k 7 calce 3% k 28 calce 3% Ridotta 23,0 9,84E-07 1,37E-05 3,41E-06 Ridotta 27,0 1,50E-07 1,27E-07 6,75E-08 Ridotta 31,0 1,62E-08 2,71E-08 1,25E-08 Standard 18,0 4,06E-07 2,95E-05 1,28E-05 Standard 22,0 1,64E-07 9,50E-06 4,53E-06 Standard 26,0 1,96E-08 2,55E-08 4,59E-09 Modificata 11,0 6,84E-07 2,10E-06 1,07E-06 Modificata 15,0 4,39E-07 1,01E-06 2,83E-07 Modificata 19,0 1,12E-07 2,09E-07 8,91E-08 Ad alte energie di compattazione l influenza del W% è trascurabile: con una struttura chiusa l incremento di permeabilità è comunque modesto

25 PROVE DI PERMEABILITÀ: VALUTAZIONE EFFICIENZA Si introduce l indice: E k = k( Calce k( Calce 3%) 0%) Permette di valutare quanto è efficace il trattamento dal punto di vista delle prestazioni idrauliche E k > 1 Incremento delle prestazioni idrauliche

26 VALUTAZIONE EFFICIENZA 3.50 Proctor Modificata gg Ek Incremento Prestazioni Idrauliche 28gg W% Ek(7gg) Modificata Ek(28gg) Modificata Ad alte energie di compattazione l incremento di permeabilità o non si verifica o è modesto

27 VALUTAZIONE EFFICIENZA Proctor Standard Ek gg gg Incremento Prestazioni Idrauliche Ek(7gg) W% Ek(28gg) Alle medie energie di compattazione il trattamento risulta efficace anche ad elevati contenuti d acqua e dopo stagionatura

28 RISULTATI PROVE DI PERMEABILITÀ Nei test di conducibilità idraulica si osserva: Tendenza all incremento della conducibilità idraulica, a parità di contenuto d acqua e di energia di compattazione La posa in opera della miscela richiede un attenta valutazione dei contenuti d acqua e dell energia di compattazione: alti w o alte energie di compattazione bassa efficienza idraulica N.B. Il confronto non è significativo per i campioni con energia Ridotta, in quanto i valori di w opt sono molto diversi.

29 PROGRAMMA PROVE DI TAGLIO DIRETTO ENERGIA Ridotta Standard Modificata CONTENUTO D ACQUA Wopt TEMPO DI STAGIONATURA/PERMEAZIONE 7gg e 28gg

30 PROVE DI TAGLIO DIRETTO PROCTOR STANDARD st 28 gg resistenza al taglio di picco (kpa) c' = 14 kpa φ ' = 50 c' = 9 kpa φ ' = 49 c' = 16 kpa φ ' = 27 st 7 gg st nat pressione verticale (kpa) Incremento della resistenza dopo additivazione

31 PROVE DI TAGLIO DIRETTO PROCTOR MODIFICATA mod 28 gg resistenza al taglio di picco (kpa) c' = 56 kpa φ ' = 51 c' = 66 kpa φ ' = 45 c' = 25 kpa φ ' = 27 mod 7 gg mod nat pressione verticale (kpa) Incremento della resistenza dopo additivazione e stagionatura

32 PROVE DI TAGLIO DIRETTO E PERMEABILITÀ INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI È possibile ricorrere ad energie di compattazione medie (Proctor Standard) garantendo sia l incremento della conducibilità idraulica sia quello della resistenza. Ad alte energie di compattazione (Proctor Modificata) si ha un incremento della resistenza perdendo però efficienza dal punto di vista idraulico.

33 PROVE EFFETTUATE CON w nat ELIMINAZIONE IN SITO DELLA FASE DI BAGNATURA compattazione W (%) Standard 26,7 Calce (%) γ d (g/cm³) Modificata 26, Standard 26, Modificata 26, preparate. Elevato contenuto d acqua: zona wet of optimum i tratti terminali delle curve di compattazione Standard e Modificata tendono a sovrapporsi.

34 PROVE DI PERMEABILITÀ CON w nat Compattazione % calce Stagionatura (gg) k 7 (cm/sec) Standard 0 * <1.0E-07 Modificata 0 * <1.0E-07 Standard 3 7 <1.0E-07 Modificata 3 7 <1.0E-07 L additivazione con calce non apporta significative variazioni in termini di permeabilità ai campioni compattati: nella zona wet of optimum prevale l effetto dell elevata umidità di costipamento rispetto all additivazione con calce.

35 PROVE DI TAGLIO DIRETTO A w nat Compattazione W di compattazione (%) Calce (%) W iniziale (%) c (kpa) Φ ( ) Standard 26,7 0 28, Modificata 26,3 0 28, Standard 26,5 3 28, Modificata 26,8 3 28, Notevole aumento della coesione e dell angolo d attrito del materiale trattato. Elevato contenuto d acqua di compattazione si perde l effetto dell incremento di energia di costipamento: non ci sono apprezzabili differenze di resistenza tra le serie di campioni additivati.

36 CONCLUSIONI SULL ATTIVIT ATTIVITÀ DI LABORATORIO Le indagini sono state svolte secondo un ampio spettro di situazioni rappresentative della realtà per valutare la fattibilità e l idoneità dell intervento di stabilizzazione. Test di laboratorio dimostrano come il miglior compromesso tra prestazioni idrauliche e meccaniche si ottenga per energie di compattazione medie. Le difficoltà stanno proprio nel riprodurre in sito le condizioni ottimali per garantire l efficienza dell intervento Necessità di verificare i risultati mediante campi prova

37 INDAGINI DI LABORATORIO Compattazione, permeabilità e resistenza al taglio CALCE= 3% CAMPO PROVA

38 CAMPO PROVA Indispensabile per la messa a punto delle modalità esecutive per la miscelazione del terreno in sito con calce e per la sua compattazione In particolare, si è trattato di definire: Spessore dei singoli strati di terreno Numero di passaggi del compattatore Modalità di additivazione della calce al terreno In modo tale da ottenere in sito i valori di resistenza e permeabilità più vicini possibile a quelli ottenuti sui campioni confezionati in laboratorio

39 CAMPO PROVA Per la messa a punto delle fasi di miscelazione e compattazione si è proceduto verificando due diverse procedure. PRIMA PROCEDURA: Strati compattati da 15 cm l uno, fino all ottenimento di 60 cm di materiale lavorato. SECONDA PROCEDURA: Strati compattati da 30 cm l uno. Il campo prova ha interessato un volume di materiale compattato pari a circa 400 m 3, volume notevole e quindi rappresentativo delle modalità esecutive attese in fase di esecuzione dell opera.

40 CAMPO PROVA Stesura del terreno Additivazione del terreno con calce

41 CAMPO PROVA Fresatura della miscela terreno-calce Dimensione zolle dopo fresatura

42 CAMPO PROVA Compattazione Porzione del campo prova destinata al campionamento

43 CAMPO PROVA: Prove di taglio diretto 350 Confronto con i campioni preparati a w nat resistenza di taglio al picco (kpa) Laboratorio - insieme dei campioni con energia Standard e Modificata; Wn=27%; c'=52 kpa; φ'=39 campo prova 3B c'=48 kpa; φ'=36 campo prova 3A c'=50 kpa; φ'=35 laboratorio campo prova 3A campo prova 3B pressione verticale (kpa) campione Stagionatura (gg) w iniziale c (kpa) Φ ( ) In sito + in laboratorio 3A % B % 48 36

44 CAMPO PROVA: Prove di permeabilità 1.8 γd (g/cm 3 ) Mod Std L3 L1 A B L W (-) campione A B L1 L2 L3 k (cm/s) 5.96E E-07 <1.00E-07 <1.00E-07 9,50E-06 La procedura seguita ha consentito di ottenere in sito una buona omogeneizzazione.

45 CAMPO PROVA: RISULTATI FINALI In conclusione, dall esame dei risultati è scaturito quanto segue: a) la resistenza meccanica del terreno additivato col 3% di calce è risultata confrontabile con quella ipotizzata in progetto per il toutvenant di cava (c' = 50 kpa e Φ =35 a fronte di c' = 0 e Φ = 35 ); b) la permeabilità è risultata essere più bassa di quella ipotizzata in progetto e richiesta dal capitolato (k = cm/s a fronte di 10-5 cm/s).

46 BUONI ESITI DEL CAMPO PROVA Approvazione della variante di progetto Permeabilità minore del tout-venant del progetto originario Realizzazione di un sistema drenante

47 OPERAZIONI DI CANTIERE: FASI ESECUTIVE DI REALIZZAZIONE DEL RILEVATO A CALCE E PROVE DI CONTROLLO IN CORSO D OPERAD

48 SEZIONE DELLA RIPROFILATURA MISCELA COMPATTATA TERRENO-CALCE FASI DI REALIZZAZIONE DEL RILEVATO: scavo del ripiano e riempimento con miscela compattata terreno-calce posta in opera a strati finiti di 30 cm

49 STRATO DRENANTE TRINCEA DRENANTE COLLETTORI STESA STRATO DRENANTE

50 RACCOLTA DELLE ACQUE SUPERFICIALI CUNETTA DI GUARDIA LUNGO LA BANCA FOSSO DI GUARDIA PERIMETRALE

51 FASI ESECUTIVE 1) stesa di uno strato di terreno proveniente dagli scavi di sbancamento; eliminazione delle impurità

52 FASI ESECUTIVE 2) stesa di uno strato di calce pari al 3% in peso secco con spandicalce semovente

53 FASI ESECUTIVE 3) prima fresatura della miscela: disgregazione delle zolle e miscelazione con la calce

54 FASI ESECUTIVE 4) bagnatura (quando necessaria) con autobotte

55 FASI ESECUTIVE 5) seconda fresatura della miscela: ripartizione uniforme dell umidità lungo lo strato

56 FASI ESECUTIVE 6) compattazione con rullo dotato di protrusioni: 2 passaggi A/R in modalità vibrante; 1 A/R statico

57 PROVE DI CONTROLLO IN CORSO D OPERAD IN LABORATORIO: - Granulometria e limiti di Atterberg (d<0.002 mm : tra 25% e75% ; IN SITO: d>0.02 mm : minore di 30%) ogni 5000 m 3 - Prove di taglio diretto (Φ >35, c >0) ogni m 3 - Contenuto d acqua naturale (25%<w<30%) ogni 5000 m 3 - Densità in sito ( γ>1.90 g/cm 3 ; γ d >1.45 g/cm 3 ) ogni 5000 m 3 - Prova di carico su piastra (M d >200 kg/cm 2 ) a completamento di ogni gradone del rilevato

58 PROVE DI CONTROLLO IN CORSO D OPERAD RESISTENZA AL TAGLIO DI PICCO (kpa) TAGLIO DIRETTO PRESSIONE VERTICALE (kpa) prescrizioni di capitolato c' = 0 kpa φ' = 35 Ottima rispondenza dei valori ottenuti alle richieste di capitolato

59 PROVE DI CONTROLLO IN CORSO D OPERAD 1,800 1,700 1,600 DENSITÀ IN SITO γ d (g/cm 3 ) 1,500 1,400 1,300 1,200 1,100 prescrizioni di capitolato 1,000 29/05/ /07/ /09/ /10/ /12/ /02/2002 GIORNI Ottima rispondenza dei valori ottenuti alle richieste di capitolato, tranne che in una prima fase di messa a punto delle modalità

60 PROVE DI CONTROLLO IN CORSO D OPERAD CARICO SU PIASTRA incremento di carico 2-3 kg/cm2 incremento di carico 3-4 kg/cm2 M d (kg/cm 2 ) NUMERO BANCA prescrizioni di capitolato Ottima rispondenza dei valori ottenuti alle richieste di capitolato

61 INTERVENTO DI RINFORZO MEDIANTE SOIL-NAILING Prova di taglio con valori inferiori a quelli previsti dal capitolato esecuzione di ulteriori prove di controllo. Ritardo di restituzione dei risultati della prova di taglio (necessaria fase di maturazione dei provini ed effettiva durata della stessa) non è stato possibile effettuare altri campionamenti indisturbati sullo strato in questione, in quanto nel frattempo si era proceduto nella costruzione del rilevato.

62 INTERVENTO DI RINFORZO MEDIANTE SOIL-NAILING È stata prevista l esecuzione di 9 prove penetrometriche statiche (distanziate di 15 m l una dall altra) lungo tutta la banca di quota +15,5 m s.l.m., in grado di fornire indicazioni sugli strati di terreno sottostanti.

63 INTERVENTO DI RINFORZO MEDIANTE SOIL-NAILING verticale 8 - q c verticale 9 - q c q c (kg/cm 2 ) q c (kg/cm 2 ) z (m) ZONA NON CONFORME z (m) Difficoltà delle macchine di operare al meglio nelle zone di bordo

64 INTERVENTO DI RINFORZO MEDIANTE SOIL-NAILING Valutazioni a base dell intervento: volume di terreno non conforme: spessore di circa 3 m e larghezza pari alla banca; in direzione longitudinale si è verificato che la zona di terreno non conforme si estendeva per circa 25 m, a cavallo delle prove CPT n.8 e 9; limitato volume totale non conforme rispetto al totale (<1%). Rinforzo mediante chiodatura del riempimento non conforme, dimensionato in modo tale da sopperire alla carenza di resistenza meccanica evidenziata dalle prove di controllo

65 INTERVENTO DI RINFORZO MEDIANTE SOIL-NAILING Perforazione: Φ 140 mm ; profondità 12 m ; inclinazione di 15 rispetto alla verticale; Posizionamento di una barra di acciaio ad aderenza migliorata; Iniezione di malta cementizia; Posizionamento di una piastra e pretensionamento a 28 giorni Disposizione planimetrica delle 55 chiodature, a maglia 2 m x 3 m

66 INTERVENTO DI RINFORZO MEDIANTE SOIL-NAILING :: FASI ESECUTIVE Fasi di perforazione e posa in opera dell armatura

67 INTERVENTO DI RINFORZO MEDIANTE SOIL-NAILING :: FASI ESECUTIVE Iniezione della malta

68 INTERVENTO DI RINFORZO MEDIANTE SOIL-NAILING :: FASI ESECUTIVE Piastre di serraggio L intervento ha permesso di ripristinare in maniera non distruttiva la resistenza della zona non conforme

69 RINVERDIMENTO DELLE SCARPATE Posa in opera di uno strato di 20 cm di terreno vegetale sottoposto ad idrosemina

70 PIANO DI MONITORAGGIO DEL VERSANTE - Inclinometri (60 m); - Piezometri (20 m); - Capisaldi GPS

71 CONCLUSIONI (I) L additivazione del terreno in sito con calce ha consentito la soluzione di un problema che avrebbe avuto un notevole impatto sul traffico e sull ambiente La rispondenza delle prove di controllo ai valori di capitolato ha testimoniato la correttezza delle modalità operative messe in atto e la validità della soluzione di variante progettuale proposta

72 CONCLUSIONI (II) Soluzioni di questo tipo devono basarsi su: studio iniziale di laboratorio allestimento di un campo prova in vera grandezza Il successo dell intervento è correlato alla stretta osservanza delle procedure operative e da un accurato controllo in corso d opera

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE N NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI elastico e resistenza a trazione, per il riempimento degli scavi effettuati nel

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 n ordine codice descrizione un. mis. quantità pr. unit. importo 1 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

ALLEGATO R ELENCO PREZZI

ALLEGATO R ELENCO PREZZI A r c h i t e t t o R i n a l d i n i E t t o r e R a v e n n a, V i a l e d e l l a L i r i c a n. 4 3 T e l 0 5 4 4 405979 F a x 0 5 4 4 272644 comm. part. Emissione Spec foglio di Mar2014 COMMITTENTE:

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

INDAGINI IN SITO CAPITOLO 12. 12.1 Programmazione delle indagini

INDAGINI IN SITO CAPITOLO 12. 12.1 Programmazione delle indagini CAPITOLO 12 12.1 Programmazione delle indagini Ogni opera di ingegneria civile interagisce con una parte del sottosuolo, detta volume significativo. Il comportamento dell opera dipende, oltre che dai carichi

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo

Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo EDIZIONE 1 / Volume 1 Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo Sezione Blocchi e Pavimenti Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni 1/58 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Corso di aggiornamento professionale Dott. Ing. Giulio Pandini IX Corso Università degli Studi di Bergamo - Facoltà di Ingegneria Dalmine 21 novembre

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA Progettista: VISTO: Comune di Rombiolo Via

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA Progettista: VISTO: Comune di Rombiolo Via

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

1 INDAGINI GEOGNOSTICHE ED ANALISI DIAGNOSTICHE DELLE STRUTTURE

1 INDAGINI GEOGNOSTICHE ED ANALISI DIAGNOSTICHE DELLE STRUTTURE 1 INDAGINI GEOGNOSTICHE ED ANALISI DIAGNOSTICHE DELLE STRUTTURE A 1.01. SONDAGGI GEOGNOSTICI A ROTAZIONE A 1.01.1. Trasporto dell attrezzatura di perforazione a rotazione. Sono compresi: il trasporto di

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 Piano di manutenzione della parte strutturale dell opera Pag. 1 SOMMARIO 1 MANUALE D USO...3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE...3

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale Edizione Agosto 2006 Il grande cerchio per una protezione naturale FERRONDO -Innovazione astuto dinamico di valore Con un unico profilo FERRONDO GRANDE combina protezione dai rumori e Design. La sua forma

Dettagli

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA IT Sistema a soffitto Il rivoluzionario sistema a soffitto Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA Il rivoluzionario sistema a soffitto Resa certificata Adduzione inserita nella

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 22 E. P_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 22 E. P_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori completamento opere urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 22 E. P_ SCALA Progettista: VISTO: Comune Rombiolo Via Karl Marx

Dettagli

Il ripristino. delle facciate

Il ripristino. delle facciate Il ripristino delle facciate C.P. MK 715110 (I) 10/10 Il ripristino delle facciate SEDE MAPEI SpA Via Cafiero, 22-20158 Milano Tel. +39-02-37673.1 Fax +39-02-37673.214 Internet: www.mapei.com E-mail: mapei@mapei.it

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

kerabuild jet Code E591 2008/08 pagina 1/5

kerabuild jet Code E591 2008/08 pagina 1/5 recupero calcestruzzo MALTE TECNOLOGICHE STRUTTURALI ad alta resistenza chimica LINEA costruzioni kerabuild Malta tecnologica strutturale colabile monocomponente per inghisaggi a rapida messa in servizio.

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE

Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE Il Ripristino DELLE Strutture Interrate NIDI DI GHIAIA E DISTANZIATORI PLASTICI RIPRESE DI GETTO Strutture Interrate RIPRESE

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

MapeWrap Resilient System

MapeWrap Resilient System C.P. MK707910 (I) 12/13 INNOVATIVO SISTEMA DI PROTEZIONE PASSIVA DEGLI EDIFICI NEI CONFRONTI DELLE AZIONI SISMICHE L unione delle tecnologie Mapei per la protezione in caso di sisma Applicazione di un

Dettagli

Valore caratteristico EC7

Valore caratteristico EC7 Procedura da adottare - Azioni (E) Valore caratteristico EC7 Per le combinazioni delle azioni si rimanda a quanto detto ampiamente in precedenza. Resistenze (Rd) del sistema geotecnico Il valore di progetto

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA EDIFICI CON STRUTTURA IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA EDIFICI CON STRUTTURA IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO «Quello Quello che per un uomo è "magia", per un altro è ingegneria». Robert Anson Heinlein ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA Corso di aggiornamento sulle Norme

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI ELENCO PREZZI UNITARI - pag.1- N. Codice Descrizione U.M. Prezzo/Euro 1 A.01 Rimozione di pavimentazione di pietrini di cemento, compreso cordoli, malta sottostante, ponti di servizio, massetto cementizio

Dettagli

23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIVERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO

23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIVERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO v 23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO Un campione di terreno viene considerato come un sistema multifase,

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit Sifoni per vasca da bagno Geberit. Sistema.............................................. 4.. Introduzione............................................. 4.. Descrizione del sistema.................................

Dettagli

Gli impianti di depurazione. I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti

Gli impianti di depurazione. I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti from Master Builders Solutions I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti Indice : schema generale Tipo e grado di aggressione

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Cornedo Vic.no lì 08 aprile 2013

COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Cornedo Vic.no lì 08 aprile 2013 S T U D I O D I P R O G E T T A Z I O N E C I V I L E E D I N D U S T R I A L E D O T T. I N G. P R E T T O F L A V I O COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA Oggetto: SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

CHE COS E IL CALCESTRUZZO

CHE COS E IL CALCESTRUZZO Il calcestruzzo e le strutture armate Che cos'è il calcestruzzo INDICE 1. CHE COS'È IL CALCESTRUZZO 1.1 DEFINIZIONE DEL CALCESTRUZZO 1.3 IL LEGANTE 1.5 L'ACQUA 1.7 IL CALCESTRUZZO ARMATO 1.2 LA RICETTA

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto Il sistema di recinzione elettrico consiste di: A) un

Dettagli

Università degli Studi di Firenze DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA

Università degli Studi di Firenze DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA Università degli Studi di Firenze DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA Autorità di Bacino del Fiume Arno PROGRAMMA COMUNE PER L INTEGRAZIONE E L AGGIORNAMENTO DELLA CARTOGRAFIA DEL RISCHIO DA FRANA DEL

Dettagli

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano www.mpmsrl.com pavimentazioni re sine materiali protettivi milano Tradizione, esperienza, innovazione tecnologica. Da oltre 50 anni MPM materiali protettivi milano s.r.l opera nel settore dell edilizia

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

Capitolato prestazionale di progetto OPERE STRADALI

Capitolato prestazionale di progetto OPERE STRADALI Capitolato prestazionale di progetto OPERE STRADALI Layout Giulio Andreolli Studio Massimo Zuani Grafica digitale Pierluigi Moschini Stampa Tipoffset Moschini Ordine degli Ingegneri della Provincia di

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

175 CAPITOLO 14: ANALISI DEI PROBLEMI GEOTECNICI IN CONDIZIONI LIMITE

175 CAPITOLO 14: ANALISI DEI PROBLEMI GEOTECNICI IN CONDIZIONI LIMITE 175 ntroduzione all analisi dei problemi di collasso. L analisi del comportamento del terreno potrebbe essere fatta attraverso dei modelli di comportamento elasto plastici, ma questo tipo di analisi richiede

Dettagli

Titolo I NORME TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE, ESECUZIONE E COLLAUDO DEGLI EDIFICI IN MURATURA

Titolo I NORME TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE, ESECUZIONE E COLLAUDO DEGLI EDIFICI IN MURATURA D.M.LL.PP. del 20/11/1987 Norme tecniche per la progettazione, esecuzione e collaudo degli edifici in muratura e per il loro consolidamento. Art. 1. Sono approvate le integrazioni e le rettifiche apportate

Dettagli

Effetto reddito ed effetto sostituzione.

Effetto reddito ed effetto sostituzione. . Indice.. 1 1. Effetto sostituzione di Slutsky. 3 2. Effetto reddito. 6 3. Effetto complessivo. 7 II . Si consideri un consumatore che può scegliere panieri (x 1 ; ) composti da due soli beni (il bene

Dettagli

Barriere flessibili contro le frane superficiali di versante: la soluzione vantaggiosa contro i pericoli naturali.

Barriere flessibili contro le frane superficiali di versante: la soluzione vantaggiosa contro i pericoli naturali. Barriere flessibili contro le frane superficiali di versante: la soluzione vantaggiosa contro i pericoli naturali. Barriere flessibili di protezione contro le frane superficiali in pendii instabili: -

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Guarnizioni per oleodinamica e pneumatica

Guarnizioni per oleodinamica e pneumatica Raschiatori NBR/FPM DAS, DP6, DP, DP, DRS, DWR Guarnizioni a labbro NBR/FPM /, /M, /M, M, H, C Bonded seal NBR-metallo Guarnizioni a pacco in goa-tela TO, TG, TEO Guarnizioni per pistoni in poliuretano,

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni Condensatori per rifasamento industriale in Bassa Tensione: tecnologia e caratteristiche. Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni 1 Tecnologia dei condensatori Costruzione Com è noto, il principio costruttivo

Dettagli

sistema raugeo per lo sfruttamento del calore terrestre

sistema raugeo per lo sfruttamento del calore terrestre sistema raugeo per lo sfruttamento del calore terrestre Informazione tecnica 827600 Valido da marzo 2008 Salvo modifiche tecniche www.rehau.com Edilizia Automotive Industria INDICE Pag. 1......Campo di

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Le applicazioni della Dome Valve originale

Le applicazioni della Dome Valve originale Le applicazioni della Dome Valve originale Valvole d intercettazione per i sistemi di trasporto pneumatico e di trattamento dei prodotti solidi Il Gruppo Schenck Process Tuo partner nel mondo Il Gruppo

Dettagli

ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003

ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003 ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003 Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Gli interventi di ripristino vegetazionale rappresentano la fase conclusiva dei lavori

Dettagli

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05 NORME TECNICHE PER IL PROGETTO, LA VALUTAZIONE E L ADEGUAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI 1 OGGETTO DELLE NORME...7 2 REQUISITI DI SICUREZZA E CRITERI DI VERIFICA...8 2.1 SICUREZZA NEI CONFRONTI DELLA STABILITÀ

Dettagli