APPLICAZIONE DI MISCELE COMPATTATE TERRENO CALCE NELLA STABILIZZAZIONE DI UN PENDIO IN FRANA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APPLICAZIONE DI MISCELE COMPATTATE TERRENO CALCE NELLA STABILIZZAZIONE DI UN PENDIO IN FRANA"

Transcript

1 A.Di.S. Associazione Nazionale Difesa del Suolo "Difesa del suolo. Confronto di esperienze" Manoppello (PE), 2 dicembre 2006 APPLICAZIONE DI MISCELE COMPATTATE TERRENO CALCE NELLA STABILIZZAZIONE DI UN PENDIO IN FRANA Relatore: Dott. Ing. Francesco Massa Un ringraziamento particolare al Prof. Erio Pasqualini dell Università di Ancona e al Prof. Luigi Monterisi del Politecnico di Bari

2 OGGETTO DELLA RICERCA Interventi di consolidamento del versante Montagnolo (Ancona) interessato dal fenomeno franoso del 1982 Tra le opere di stabilizzazione (trincee, paratie e diaframmi) è stata prevista anche la realizzazione di un grosso rilevato di contenimento ( m 3 ) al piede del pendio

3 LA GRANDE FRANA DI ANCONA Edifici lesionati dopo l evento del 1982 Spostamento verso mare della strada e della linea ferroviaria

4 UBICAZIONE DELL AREA Zona dell intervento, interessata da antiche attività di cavatura

5 PROGETTO INIZIALE Realizzazione del rilevato di contenimento tramite materiale arido di cava Tout-venant: granulometria da 30 cm a limo sabbioso Materiale proveniente dalla demolizione degli edifici presenti nell area in oggetto

6 TRATTAMENTO IN SITO DEL TERRENO CON CALCE PROPOSTA DI VARIANTE fondata su due ordini di motivi: A) accresciuti problemi di viabilità connessi sia al trasporto del materiale di cava in cantiere, sia allo smaltimento in discarica del terreno argilloso-limoso presente in sito B) impatto ambientale connesso sia all estrazione dei materiali di cava, sia allo smaltimento in discarica del terreno in sito Necessità di soluzioni alternative, che prevedessero il riutilizzo del materiale presente, opportunamente additivato e compattato

7 TRATTAMENTO DI TERRENI CON CALCE Si ottengono significative economie, pur nel completo rispetto della qualità delle opere. Fino ad oggi in Italia le opere costruite con questa tecnica sono state: Rilevati stradali Rilevati ferroviari Rilevati per piste aeroportuali Opera di tipo massivo Prima applicazione in Italia su un versante in frana

8 LINEE PROGETTUALI Riprofilatura del pendio e riempimento tramite additivazione del terreno in posto con calce ed opportuna compattazione di esso Necessità di uno studio in laboratorio che indagasse sulle prestazioni meccaniche ed idrauliche del terreno additivato

9 OBIETTIVI Ottenere tramite l additivazione il miglioramento delle prestazioni meccaniche ed idrauliche del materiale Incremento del valore della k (conducibilità idraulica) Incremento dei valori di c e φ (resistenza) Elaborazione di un opportuno programma di prove

10 MATERIALI E METODOLOGIA DI RICERCA ANALISI DI LABORATORIO Materiali utilizzati: Terreno prelevato dall area del versante Montagnolo Calce Aerea Idrata Programma di prove: Classificazione del terreno (w n, analisi granulometrica, determinazione LL, LP, IP, determinazione γ s ) Prove di compattazione Prove di conducibilità idraulica Prove di taglio diretto

11 PRIMA SERIE DI PROVE DETERMINAZIONE DELLA QUANTITÀ DI CALCE DA ADDITIVARE OTTIMALE DA UN PUNTO DI VISTA PRESTAZIONALE ED ECONOMICO

12 CLASSIFICAZIONE DEL TERRENO RIASSUNTO GRANULOMETRIE passante (%) diametro (mm) SACCO 1 SACCO 2 SACCO 3 SACCO 4 SACCO 5 SACCO 6 SACCO 7 SACCO 8 Sacco 1-8: Limo con argilla sabbioso

13 CLASSIFICAZIONE DEL TERRENO campione Wn (%) LL (%) LP (%) IP (%) γ s (g/cm 3 ) % fine Argilla (%) Limo (%) Sabbia (%) sacco sacco sacco sacco sacco sacco sacco sacco Ghiaia (%) Elevata omogeneità del terreno in esame dall analisi analisi dei pesi specifici e delle % dei componenti

14 PROVE PROCTOR STANDARD γ d (g/cm 3 ) 1,70 1,65 1,60 1,55 1,50 CALCE 0% Proctor Standard CALCE 2% Proctor Standard CALCE 3% Proctor Standard CALCE 5% Proctor Standard 1,45 1,40 0,1 0,15 0,2 0,25 0,3 w (-) L additivazione con calce riduce il γ dmax e aumenta il w opt. Non c èc apprezzabile variazione in funzione della percentuale di calce aggiunta

15 PROVE DI PERMEABILITÀ w Calce k 7 (cm/sec) 20,9% 0% 1.2E-07 20,4% 2% 3.3E-06 21,2% 3% 5.6E-06 20,7% 5% 7.1E-06 Rispetto ai materiali di partenza il trattamento con calce induce un aumento della permeabilità. Questo perché la calce reagisce con i terreni fini provocando la flocculazione della frazione argillosa, con conseguente modificazione della granulometria della terra ed aumento dell indice dei vuoti.

16 PROVE DI TAGLIO DIRETTO % calce W di compattazione (%) Permeazione (gg) W iniziale (%) c (kpa) Φ ( ) 0 20,9 7 30, ,4 7 27, ,2 7 26, ,7 7 25, L additivazione con calce induce un incremento delle caratteristiche di resistenza del terreno. Notevoli incrementi della coesione e dell angolo d attrito rispetto al campione di terreno senza calce. La crescita di Φ è risultata più sensibile man mano che aumentano le percentuali di additivazione.

17 PROVE DI TAGLIO DIRETTO tau (kpa) spost trasv (mm) calce=0% calce=2% calce=3% calce=5% L additivazione del materiale con calce induce una variazione del suo comportamento da plastico, tipico dei materiali sciolti, a fragile, tipico dei materiali addensati

18 PRIMA SERIE DI PROVE CALCE 3% SECONDA SERIE DI PROVE : STUDIO DELL INFLUENZA DELL ENERGIA DI COMPATTAZIONE E DELLA STAGIONATURA

19 PROVE DI COMPATTAZIONE Compattazione - Prove Proctor Std, Mod, Rid 1.8 γd (g/cm 3 ) CALCE 0% Proctor Ridotta CALCE 0% Proctor Standard CALCE 0% Proctor Modificata CALCE 3% Proctor Ridotta CALCE 3% Proctor Standard CALCE 3% Proctor Modificata W (-) Le diverse energie racchiudono il range di compattazione applicabile in sito. La calce (3%) incrementa il Wopt e riduce γ dmax indipendentemente dall energia di compattazione

20 PROVE PROCTOR Energia Calce[%] w opt [%] γ dmax [g/cm 3 ] Ridotta Standard Modificata Ridotta Standard Modificata L aggiunta di calce al 3% provoca un aumento del w opt diminuzione di γdmax e una Il confronto per i campioni con energia Ridotta mostra che w opt cresce addirittura del 5% Ciò si traduce in una migliore lavorabilità del materiale additivato

21 PROGRAMMA PROVE DI PERMEABILITÀ ENERGIA Ridotta Standard Modificata CONTENUTO D ACQUA Wopt 4% Wopt Wopt + 4% TEMPO DI STAGIONATURA/PERMEAZIONE Fino a 28gg

22 CONFRONTO VALORI PERMEABILITÀ PER PROCTOR STANDARD Riepilogo Proctor Standard calce 0% e 3% 1,E-04 Calce 3% 1,E-05 k [cm/s] 1,E-06 1,E-07 Calce 0% W=18% W=22% W=26% W=16.5% W=20.5% W=24.5% 1,E-08 1,E tempo [giorni] Si osserva un incremento della conducibilità idraulica rispetto al terreno naturale; la variazione è trascurabile per elevati contenuti d acqua

23 CONFRONTO VALORI PERMEABILITÀ PER 1,E-04 PROCTOR MODIFICATA Riepilogo Proctor Modificate calce 0% e 3% 1,E-05 Calce 3% k [cm/s] 1,E-06 1,E-07 1,E-08 Calce 0% W=11% W=15% W=19% W=10% W=14% W=18% 1,E tempo [giorni] L aumento dell energia di compattazione produce una struttura chiusa sulla quale la calce ha un effetto minore

24 RISULTATI PROVE DI PERMEABILITÀ Energia W% di compattazione k calce 0% k 7 calce 3% k 28 calce 3% Ridotta 23,0 9,84E-07 1,37E-05 3,41E-06 Ridotta 27,0 1,50E-07 1,27E-07 6,75E-08 Ridotta 31,0 1,62E-08 2,71E-08 1,25E-08 Standard 18,0 4,06E-07 2,95E-05 1,28E-05 Standard 22,0 1,64E-07 9,50E-06 4,53E-06 Standard 26,0 1,96E-08 2,55E-08 4,59E-09 Modificata 11,0 6,84E-07 2,10E-06 1,07E-06 Modificata 15,0 4,39E-07 1,01E-06 2,83E-07 Modificata 19,0 1,12E-07 2,09E-07 8,91E-08 Ad alte energie di compattazione l influenza del W% è trascurabile: con una struttura chiusa l incremento di permeabilità è comunque modesto

25 PROVE DI PERMEABILITÀ: VALUTAZIONE EFFICIENZA Si introduce l indice: E k = k( Calce k( Calce 3%) 0%) Permette di valutare quanto è efficace il trattamento dal punto di vista delle prestazioni idrauliche E k > 1 Incremento delle prestazioni idrauliche

26 VALUTAZIONE EFFICIENZA 3.50 Proctor Modificata gg Ek Incremento Prestazioni Idrauliche 28gg W% Ek(7gg) Modificata Ek(28gg) Modificata Ad alte energie di compattazione l incremento di permeabilità o non si verifica o è modesto

27 VALUTAZIONE EFFICIENZA Proctor Standard Ek gg gg Incremento Prestazioni Idrauliche Ek(7gg) W% Ek(28gg) Alle medie energie di compattazione il trattamento risulta efficace anche ad elevati contenuti d acqua e dopo stagionatura

28 RISULTATI PROVE DI PERMEABILITÀ Nei test di conducibilità idraulica si osserva: Tendenza all incremento della conducibilità idraulica, a parità di contenuto d acqua e di energia di compattazione La posa in opera della miscela richiede un attenta valutazione dei contenuti d acqua e dell energia di compattazione: alti w o alte energie di compattazione bassa efficienza idraulica N.B. Il confronto non è significativo per i campioni con energia Ridotta, in quanto i valori di w opt sono molto diversi.

29 PROGRAMMA PROVE DI TAGLIO DIRETTO ENERGIA Ridotta Standard Modificata CONTENUTO D ACQUA Wopt TEMPO DI STAGIONATURA/PERMEAZIONE 7gg e 28gg

30 PROVE DI TAGLIO DIRETTO PROCTOR STANDARD st 28 gg resistenza al taglio di picco (kpa) c' = 14 kpa φ ' = 50 c' = 9 kpa φ ' = 49 c' = 16 kpa φ ' = 27 st 7 gg st nat pressione verticale (kpa) Incremento della resistenza dopo additivazione

31 PROVE DI TAGLIO DIRETTO PROCTOR MODIFICATA mod 28 gg resistenza al taglio di picco (kpa) c' = 56 kpa φ ' = 51 c' = 66 kpa φ ' = 45 c' = 25 kpa φ ' = 27 mod 7 gg mod nat pressione verticale (kpa) Incremento della resistenza dopo additivazione e stagionatura

32 PROVE DI TAGLIO DIRETTO E PERMEABILITÀ INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI È possibile ricorrere ad energie di compattazione medie (Proctor Standard) garantendo sia l incremento della conducibilità idraulica sia quello della resistenza. Ad alte energie di compattazione (Proctor Modificata) si ha un incremento della resistenza perdendo però efficienza dal punto di vista idraulico.

33 PROVE EFFETTUATE CON w nat ELIMINAZIONE IN SITO DELLA FASE DI BAGNATURA compattazione W (%) Standard 26,7 Calce (%) γ d (g/cm³) Modificata 26, Standard 26, Modificata 26, preparate. Elevato contenuto d acqua: zona wet of optimum i tratti terminali delle curve di compattazione Standard e Modificata tendono a sovrapporsi.

34 PROVE DI PERMEABILITÀ CON w nat Compattazione % calce Stagionatura (gg) k 7 (cm/sec) Standard 0 * <1.0E-07 Modificata 0 * <1.0E-07 Standard 3 7 <1.0E-07 Modificata 3 7 <1.0E-07 L additivazione con calce non apporta significative variazioni in termini di permeabilità ai campioni compattati: nella zona wet of optimum prevale l effetto dell elevata umidità di costipamento rispetto all additivazione con calce.

35 PROVE DI TAGLIO DIRETTO A w nat Compattazione W di compattazione (%) Calce (%) W iniziale (%) c (kpa) Φ ( ) Standard 26,7 0 28, Modificata 26,3 0 28, Standard 26,5 3 28, Modificata 26,8 3 28, Notevole aumento della coesione e dell angolo d attrito del materiale trattato. Elevato contenuto d acqua di compattazione si perde l effetto dell incremento di energia di costipamento: non ci sono apprezzabili differenze di resistenza tra le serie di campioni additivati.

36 CONCLUSIONI SULL ATTIVIT ATTIVITÀ DI LABORATORIO Le indagini sono state svolte secondo un ampio spettro di situazioni rappresentative della realtà per valutare la fattibilità e l idoneità dell intervento di stabilizzazione. Test di laboratorio dimostrano come il miglior compromesso tra prestazioni idrauliche e meccaniche si ottenga per energie di compattazione medie. Le difficoltà stanno proprio nel riprodurre in sito le condizioni ottimali per garantire l efficienza dell intervento Necessità di verificare i risultati mediante campi prova

37 INDAGINI DI LABORATORIO Compattazione, permeabilità e resistenza al taglio CALCE= 3% CAMPO PROVA

38 CAMPO PROVA Indispensabile per la messa a punto delle modalità esecutive per la miscelazione del terreno in sito con calce e per la sua compattazione In particolare, si è trattato di definire: Spessore dei singoli strati di terreno Numero di passaggi del compattatore Modalità di additivazione della calce al terreno In modo tale da ottenere in sito i valori di resistenza e permeabilità più vicini possibile a quelli ottenuti sui campioni confezionati in laboratorio

39 CAMPO PROVA Per la messa a punto delle fasi di miscelazione e compattazione si è proceduto verificando due diverse procedure. PRIMA PROCEDURA: Strati compattati da 15 cm l uno, fino all ottenimento di 60 cm di materiale lavorato. SECONDA PROCEDURA: Strati compattati da 30 cm l uno. Il campo prova ha interessato un volume di materiale compattato pari a circa 400 m 3, volume notevole e quindi rappresentativo delle modalità esecutive attese in fase di esecuzione dell opera.

40 CAMPO PROVA Stesura del terreno Additivazione del terreno con calce

41 CAMPO PROVA Fresatura della miscela terreno-calce Dimensione zolle dopo fresatura

42 CAMPO PROVA Compattazione Porzione del campo prova destinata al campionamento

43 CAMPO PROVA: Prove di taglio diretto 350 Confronto con i campioni preparati a w nat resistenza di taglio al picco (kpa) Laboratorio - insieme dei campioni con energia Standard e Modificata; Wn=27%; c'=52 kpa; φ'=39 campo prova 3B c'=48 kpa; φ'=36 campo prova 3A c'=50 kpa; φ'=35 laboratorio campo prova 3A campo prova 3B pressione verticale (kpa) campione Stagionatura (gg) w iniziale c (kpa) Φ ( ) In sito + in laboratorio 3A % B % 48 36

44 CAMPO PROVA: Prove di permeabilità 1.8 γd (g/cm 3 ) Mod Std L3 L1 A B L W (-) campione A B L1 L2 L3 k (cm/s) 5.96E E-07 <1.00E-07 <1.00E-07 9,50E-06 La procedura seguita ha consentito di ottenere in sito una buona omogeneizzazione.

45 CAMPO PROVA: RISULTATI FINALI In conclusione, dall esame dei risultati è scaturito quanto segue: a) la resistenza meccanica del terreno additivato col 3% di calce è risultata confrontabile con quella ipotizzata in progetto per il toutvenant di cava (c' = 50 kpa e Φ =35 a fronte di c' = 0 e Φ = 35 ); b) la permeabilità è risultata essere più bassa di quella ipotizzata in progetto e richiesta dal capitolato (k = cm/s a fronte di 10-5 cm/s).

46 BUONI ESITI DEL CAMPO PROVA Approvazione della variante di progetto Permeabilità minore del tout-venant del progetto originario Realizzazione di un sistema drenante

47 OPERAZIONI DI CANTIERE: FASI ESECUTIVE DI REALIZZAZIONE DEL RILEVATO A CALCE E PROVE DI CONTROLLO IN CORSO D OPERAD

48 SEZIONE DELLA RIPROFILATURA MISCELA COMPATTATA TERRENO-CALCE FASI DI REALIZZAZIONE DEL RILEVATO: scavo del ripiano e riempimento con miscela compattata terreno-calce posta in opera a strati finiti di 30 cm

49 STRATO DRENANTE TRINCEA DRENANTE COLLETTORI STESA STRATO DRENANTE

50 RACCOLTA DELLE ACQUE SUPERFICIALI CUNETTA DI GUARDIA LUNGO LA BANCA FOSSO DI GUARDIA PERIMETRALE

51 FASI ESECUTIVE 1) stesa di uno strato di terreno proveniente dagli scavi di sbancamento; eliminazione delle impurità

52 FASI ESECUTIVE 2) stesa di uno strato di calce pari al 3% in peso secco con spandicalce semovente

53 FASI ESECUTIVE 3) prima fresatura della miscela: disgregazione delle zolle e miscelazione con la calce

54 FASI ESECUTIVE 4) bagnatura (quando necessaria) con autobotte

55 FASI ESECUTIVE 5) seconda fresatura della miscela: ripartizione uniforme dell umidità lungo lo strato

56 FASI ESECUTIVE 6) compattazione con rullo dotato di protrusioni: 2 passaggi A/R in modalità vibrante; 1 A/R statico

57 PROVE DI CONTROLLO IN CORSO D OPERAD IN LABORATORIO: - Granulometria e limiti di Atterberg (d<0.002 mm : tra 25% e75% ; IN SITO: d>0.02 mm : minore di 30%) ogni 5000 m 3 - Prove di taglio diretto (Φ >35, c >0) ogni m 3 - Contenuto d acqua naturale (25%<w<30%) ogni 5000 m 3 - Densità in sito ( γ>1.90 g/cm 3 ; γ d >1.45 g/cm 3 ) ogni 5000 m 3 - Prova di carico su piastra (M d >200 kg/cm 2 ) a completamento di ogni gradone del rilevato

58 PROVE DI CONTROLLO IN CORSO D OPERAD RESISTENZA AL TAGLIO DI PICCO (kpa) TAGLIO DIRETTO PRESSIONE VERTICALE (kpa) prescrizioni di capitolato c' = 0 kpa φ' = 35 Ottima rispondenza dei valori ottenuti alle richieste di capitolato

59 PROVE DI CONTROLLO IN CORSO D OPERAD 1,800 1,700 1,600 DENSITÀ IN SITO γ d (g/cm 3 ) 1,500 1,400 1,300 1,200 1,100 prescrizioni di capitolato 1,000 29/05/ /07/ /09/ /10/ /12/ /02/2002 GIORNI Ottima rispondenza dei valori ottenuti alle richieste di capitolato, tranne che in una prima fase di messa a punto delle modalità

60 PROVE DI CONTROLLO IN CORSO D OPERAD CARICO SU PIASTRA incremento di carico 2-3 kg/cm2 incremento di carico 3-4 kg/cm2 M d (kg/cm 2 ) NUMERO BANCA prescrizioni di capitolato Ottima rispondenza dei valori ottenuti alle richieste di capitolato

61 INTERVENTO DI RINFORZO MEDIANTE SOIL-NAILING Prova di taglio con valori inferiori a quelli previsti dal capitolato esecuzione di ulteriori prove di controllo. Ritardo di restituzione dei risultati della prova di taglio (necessaria fase di maturazione dei provini ed effettiva durata della stessa) non è stato possibile effettuare altri campionamenti indisturbati sullo strato in questione, in quanto nel frattempo si era proceduto nella costruzione del rilevato.

62 INTERVENTO DI RINFORZO MEDIANTE SOIL-NAILING È stata prevista l esecuzione di 9 prove penetrometriche statiche (distanziate di 15 m l una dall altra) lungo tutta la banca di quota +15,5 m s.l.m., in grado di fornire indicazioni sugli strati di terreno sottostanti.

63 INTERVENTO DI RINFORZO MEDIANTE SOIL-NAILING verticale 8 - q c verticale 9 - q c q c (kg/cm 2 ) q c (kg/cm 2 ) z (m) ZONA NON CONFORME z (m) Difficoltà delle macchine di operare al meglio nelle zone di bordo

64 INTERVENTO DI RINFORZO MEDIANTE SOIL-NAILING Valutazioni a base dell intervento: volume di terreno non conforme: spessore di circa 3 m e larghezza pari alla banca; in direzione longitudinale si è verificato che la zona di terreno non conforme si estendeva per circa 25 m, a cavallo delle prove CPT n.8 e 9; limitato volume totale non conforme rispetto al totale (<1%). Rinforzo mediante chiodatura del riempimento non conforme, dimensionato in modo tale da sopperire alla carenza di resistenza meccanica evidenziata dalle prove di controllo

65 INTERVENTO DI RINFORZO MEDIANTE SOIL-NAILING Perforazione: Φ 140 mm ; profondità 12 m ; inclinazione di 15 rispetto alla verticale; Posizionamento di una barra di acciaio ad aderenza migliorata; Iniezione di malta cementizia; Posizionamento di una piastra e pretensionamento a 28 giorni Disposizione planimetrica delle 55 chiodature, a maglia 2 m x 3 m

66 INTERVENTO DI RINFORZO MEDIANTE SOIL-NAILING :: FASI ESECUTIVE Fasi di perforazione e posa in opera dell armatura

67 INTERVENTO DI RINFORZO MEDIANTE SOIL-NAILING :: FASI ESECUTIVE Iniezione della malta

68 INTERVENTO DI RINFORZO MEDIANTE SOIL-NAILING :: FASI ESECUTIVE Piastre di serraggio L intervento ha permesso di ripristinare in maniera non distruttiva la resistenza della zona non conforme

69 RINVERDIMENTO DELLE SCARPATE Posa in opera di uno strato di 20 cm di terreno vegetale sottoposto ad idrosemina

70 PIANO DI MONITORAGGIO DEL VERSANTE - Inclinometri (60 m); - Piezometri (20 m); - Capisaldi GPS

71 CONCLUSIONI (I) L additivazione del terreno in sito con calce ha consentito la soluzione di un problema che avrebbe avuto un notevole impatto sul traffico e sull ambiente La rispondenza delle prove di controllo ai valori di capitolato ha testimoniato la correttezza delle modalità operative messe in atto e la validità della soluzione di variante progettuale proposta

72 CONCLUSIONI (II) Soluzioni di questo tipo devono basarsi su: studio iniziale di laboratorio allestimento di un campo prova in vera grandezza Il successo dell intervento è correlato alla stretta osservanza delle procedure operative e da un accurato controllo in corso d opera

COSTRUZIONE DEL CORPO STRADALE materiali, modalità esecutive, prove di controllo

COSTRUZIONE DEL CORPO STRADALE materiali, modalità esecutive, prove di controllo DICEA Dipartimento di Ingegneria Mantova Civile, 17 aprile Edile 2015 e Architettura COSTRUZIONE DEL CORPO STRADALE materiali, modalità esecutive, prove di controllo Prof. Ing.Maurizio Bocci Università

Dettagli

STABILIZZAZIONE DELLE TERRE A CALCE STUDIO DI LABORATORIO DELLA MISCELA TERRA CALCE

STABILIZZAZIONE DELLE TERRE A CALCE STUDIO DI LABORATORIO DELLA MISCELA TERRA CALCE STUDIO DI LABORATORIO DELLA MISCELA TERRA CALCE INTERAZIONE CALCE TERRENO L aggiunta di calce in un terreno argilloso provoca: 1) la sostituzione degli ioni Na2+, K+, H+ con ioni Ca2+ (scambio ionico);

Dettagli

engineering s.r.l. via del Rio, 2 56025 PONTEDERA PI tel. +39.0587.608233 fax +39.0587.606784

engineering s.r.l. via del Rio, 2 56025 PONTEDERA PI tel. +39.0587.608233 fax +39.0587.606784 05 04 03 02 01 08.11.2010 VARIANTE 1 00 14.03.2009 Prima emissione Rev. DATA: Motivo Il Direttore dei Lavori Piano di Lottizzazione UTOE Pontedera Est Comparto 12 OPERE DI URBANIZZAZIONE PONTEDERA PI Loc.tà

Dettagli

Campi di impiego stabilizzazione per la realizzazione di strade bianche con maggiore durabilità e resistenza all usura

Campi di impiego stabilizzazione per la realizzazione di strade bianche con maggiore durabilità e resistenza all usura Levostab 99 stabilizzante naturale per la realizzazione di: piste ciclabili, viabilità rurale, viabilità in zone di vincolo Funzione Levostab 99 è un prodotto ecocompatibile, stabilizzante e consolidante,

Dettagli

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO 165 Introduzione Rispetto alle prove eseguite in laboratorio, quelle in sito presentano sia dei vantaggi che degli svantaggi. 1. Tra i vantaggi delle prove in sito di può dire che queste sono più rapide

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA 1 Via Arni, 30 55032 Castelnuovo di Garfagnana (LU) MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA DMW ( Deep Mixing Wall ) - monoelica RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA Emissione : Castelnuovo di Garfagnana,

Dettagli

GESTIONE E PRATICA DEI CANTIERI: SCHEMI DI LAVORAZIONE, ATTREZZATURE, LOGISTICA, COSTI E PRODUZIONE

GESTIONE E PRATICA DEI CANTIERI: SCHEMI DI LAVORAZIONE, ATTREZZATURE, LOGISTICA, COSTI E PRODUZIONE GESTIONE E PRATICA DEI CANTIERI: SCHEMI DI LAVORAZIONE, ATTREZZATURE, LOGISTICA, COSTI E PRODUZIONE FASI DI LAVORAZIONE La tecnica di stabilizzazione delle terre si realizza attraverso 5 fasi, ognuna delle

Dettagli

RELEO S.r.l. Sede Operativa: Via Ravenna, 562 Fossanova San Marco 44124 Ferrara Tel. +39 0532 740625 www.releo.it commerciale@releo.

RELEO S.r.l. Sede Operativa: Via Ravenna, 562 Fossanova San Marco 44124 Ferrara Tel. +39 0532 740625 www.releo.it commerciale@releo. RELEO S.r.l. Vai al sistema GEOPIER Vai al sistema IMPACT RELEO S.r.l. Il Sistema Geopier, attraverso l utilizzo di colonne di ghiaia compattata, è un valido ed efficace metodo di consolidamento di terreni

Dettagli

Proposta di variante al PGT, via Postale Vecchia COMPUTO METRICO ESTIMATIVO, LAVORI DI PUBBLICO INTERESSE

Proposta di variante al PGT, via Postale Vecchia COMPUTO METRICO ESTIMATIVO, LAVORI DI PUBBLICO INTERESSE Proposta di variante al PGT, via Postale Vecchia COMPUTO METRICO ESTIMATIVO, LAVORI DI PUBBLICO INTERESSE in colore nero i lavori da realizzare, senza possibilità di scomputo dagli oneri di urbanizzazione

Dettagli

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a:

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a: (IMP) FOGNATURA Il tubo PE a.d. è particolarmente indicato per la realizzazione di impianti di scarico in edifici civili ed industriali, oppure in terreni particolarmente instabili dove altri materiali

Dettagli

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati.

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati. 7. Pali UNITÀ I pali sono elementi strutturali utilizzati nelle opere di fondazione, nelle opere di contenimento della terra e dell acqua, negli interventi di miglioramento della stabilità dei pendii e

Dettagli

(riprendendo un trasparente mostrato a proposito di indagini e campionamento) MEZZI D INDAGINE PROFILO STRATIGRAFICO PROPRIETÀ MECCANICHE

(riprendendo un trasparente mostrato a proposito di indagini e campionamento) MEZZI D INDAGINE PROFILO STRATIGRAFICO PROPRIETÀ MECCANICHE (riprendendo un trasparente mostrato a proposito di indagini e campionamento) MEZZI D INDAGINE FINALITÀ MEZZI PROFILO STRATIGRAFICO POZZI TRINCEE CUNICOLI SONDAGGI DIRETTI INDIRETTI INDAGINI GEOFISICHE

Dettagli

Il miglioramento dei terreni nei rilevati stradali e ferroviari

Il miglioramento dei terreni nei rilevati stradali e ferroviari Pavimentazioni e Manti Il miglioramento dei terreni nei rilevati stradali e ferroviari Leggi i contenuti multimediali su www.stradeeautostrade.it Segui le istruzioni di pag. 4. SIDERCEM SRL - ISTITUTO

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria

Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria Geotecnica e Tecnica delle Fondazioni ESERCITAZIONE Docente: Daniela Giretti Studenti: Monica Bianchi Gabriele Gazzaniga Gabriele Ravizza Lorenzo

Dettagli

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA 1 Via Arni, 30 55032 Castelnuovo di Garfagnana (LU) MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA SMW ( Soil Mixing Wall ) - trielica RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA Emissione : Castelnuovo di Garfagnana,

Dettagli

Committente: Comune di Flero. Cantiere: via Paine Flero (BS) Progetto: Riqualificazione e ampliamento della scuola materna in via Paine

Committente: Comune di Flero. Cantiere: via Paine Flero (BS) Progetto: Riqualificazione e ampliamento della scuola materna in via Paine Committente: Comune di Flero Cantiere: via Paine Flero (BS) Progetto: Riqualificazione e ampliamento della scuola materna in via Paine ------------------------------------------------------------------

Dettagli

AGGREGATI DIRICICLO E POSSIBILI UTILIZZI

AGGREGATI DIRICICLO E POSSIBILI UTILIZZI AGGREGATI DIRICICLO E POSSIBILI UTILIZZI (DM 203/2003 CIRC. N 5205/05) IMPIANTO DI PRODUZIONE : Via Rinaldi n 101 Località Cavazzoli Reggio Emilia D.M. n 203/2003 Impone alle Pubbliche Amministrazioni

Dettagli

COME SI REALIZZA UNA STRADA IN TERRA STABILIZZATA UTILIZZANDO UNA VIBROFINITRICE STABILIZZANTE ECOLOGICO PER PAVIMENTAZIONI IN TERRA STABILIZZATA

COME SI REALIZZA UNA STRADA IN TERRA STABILIZZATA UTILIZZANDO UNA VIBROFINITRICE STABILIZZANTE ECOLOGICO PER PAVIMENTAZIONI IN TERRA STABILIZZATA STABILIZZANTE ECOLOGICO PER PAVIMENTAZIONI IN TERRA STABILIZZATA COME SI REALIZZA UNA STRADA IN TERRA STABILIZZATA UTILIZZANDO UNA VIBROFINITRICE COME SI REALIZZA UNA STRADA IN TERRA STABILIZZATA UTILIZZANDO

Dettagli

Prova di verifica parziale N. 2 24 Nov 2008

Prova di verifica parziale N. 2 24 Nov 2008 Prova di verifica parziale N. 2 24 Nov 2008 Esercizio 1 Una prova triassiale CU è stata eseguita su tre provini preparati a partire da un campione indisturbato di argilla satura. Nella prima fase i tre

Dettagli

4$5 (2% 1 (...* (.. ("2 2 (.." "")" ' 3 3.%.&( % ( (2%%.""".("2 % +.* %# ) <% "" " 3 3"". 0 %' 3'=..(' >6 6%4(5 ) <3 3"".

4$5 (2% 1 (...* (.. (2 2 (.. ) ' 3 3.%.&( % ( (2%%..(2 % +.* %# ) <%   3 3. 0 %' 3'=..(' >6 6%4(5 ) <3 3. 1 Premessa... 3 1.1 Normativa di riferimento... 5 2 Inquadramento dell area... 6 3 Inquadramento geologico e geomorfologico regionale... 8 4 Indagini geotecniche in situ... 17 4.1 Modalità d indagini...

Dettagli

D.M. 11.03.1988: NTC2008: 6.2.1. 6.2.2

D.M. 11.03.1988: NTC2008: 6.2.1. 6.2.2 D.M. 11.03.1988: [ ] la progettazione deve essere basata sulla caratterizzazione geotecnica dei terreni di fondazione, ottenuta a mezzo di rilievi, indagini e prove [ ] NTC2008: [ ] Le scelte progettuali

Dettagli

Principali tipologie di terreno

Principali tipologie di terreno Principali tipologie di terreno Terreni derivati da rocce sedimentarie (NON COESIVI): Sabbie Ghiaie Terreni derivati da rocce scistose (COESIVI): Argille Limi Terreni di derivazione organica: Torbe Terreno

Dettagli

UNIVERSITÀ DI FIRENZE TECNICHE DI MIGLIORAMENTO DEI TERRENI

UNIVERSITÀ DI FIRENZE TECNICHE DI MIGLIORAMENTO DEI TERRENI UNIVERSITÀ DI FIRENZE TECNICHE DI MIGLIORAMENTO DEI TERRENI Corso di Geotecnica II Anno Accademico 2003-2004 ALTERNATIVE PROGETTUALI Nella progettazione o nella verifica di un opera (fondazione, rilevato,

Dettagli

1) non deve portare a rottura il terreno sottostante. 2) non deve indurre nel terreno cedimenti eccessivi

1) non deve portare a rottura il terreno sottostante. 2) non deve indurre nel terreno cedimenti eccessivi SICUREZZA e FUNZIONALITÀ delle strutture in elevazione (edificio in c.a., rilevato, etc.) sono garantite anche da alcuni requisiti che il SISTEMA FONDALE deve rispettare. In particolare il carico trasmesso

Dettagli

PALO tipo SP VANTAGGI minima quantità di materiale di risulta Ridotto consumo di calcestruzzo

PALO tipo SP VANTAGGI minima quantità di materiale di risulta Ridotto consumo di calcestruzzo PALO tipo SP Il Soil Displacement (SP) è una metodologia di esecuzione del palo di fondazione eseguita senza asportazione di terreno, quindi alternativa ai pali battuti, vibroinfissi e trivellati. La tecnologia

Dettagli

STABILIZZAZIONE A CALCE PER REIMPIEGO DI SEDIMENTI MARINI DI DRAGAGGIO

STABILIZZAZIONE A CALCE PER REIMPIEGO DI SEDIMENTI MARINI DI DRAGAGGIO STABILIZZAZIONE A CALCE PER REIMPIEGO DI SEDIMENTI MARINI DI DRAGAGGIO Anastasia Capotosto a.capotosto@unicas.it Paolo Croce croce@unicas.it Giuseppe Modoni modoni@unicas.it Giacomo Russo giarusso@unicas.it

Dettagli

GEOLOGICAL ENGINEERING SRL SERVICE- GEOLOGICAL-ARHEOLOGY-ENGINEERING. BREVE LETTERA DI PRESENTAZIONE DELLA SOCIETA GEOLOGICAL ENGINEERING S.r.l.

GEOLOGICAL ENGINEERING SRL SERVICE- GEOLOGICAL-ARHEOLOGY-ENGINEERING. BREVE LETTERA DI PRESENTAZIONE DELLA SOCIETA GEOLOGICAL ENGINEERING S.r.l. BREVE LETTERA DI PRESENTAZIONE DELLA SOCIETA GEOLOGICAL ENGINEERING S.r.l. La (Servizi - Archeologia - Geologia - Ingegneria) è una società multidisciplinare capace di coniugare le competenze in ambito

Dettagli

Piano generale di utilizzazione delle acque pubbliche

Piano generale di utilizzazione delle acque pubbliche D: Opere speciali Nelle opere speciali rientrano tutte quelle tipologie di opere che non appartengono specificatamente a categorie di intervento quali sistemazioni d alveo o di versante. Sono particolari

Dettagli

Comune di Dolianova. Provincia di Cagliari COMPUTO METRICO

Comune di Dolianova. Provincia di Cagliari COMPUTO METRICO Comune di Dolianova Provincia di Cagliari pag. 1 COMPUTO METRICO OGGETTO: Intervento di ristrutturazione con ricostruzione a nuovo della pista di atletica dell'impianto sportivo Sant'Elena 1 stralcio COMMITTENTE:

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO SU LEGNANO 7 LOTTO DELL AMPLIAMENTO DEL CIMITERO TOMBE DI FAMIGLIA A POZZO (n 5 a 4 e n 2 a 6 posti) PROGETTO ESECUTIVO

COMUNE DI SAN GIORGIO SU LEGNANO 7 LOTTO DELL AMPLIAMENTO DEL CIMITERO TOMBE DI FAMIGLIA A POZZO (n 5 a 4 e n 2 a 6 posti) PROGETTO ESECUTIVO Dott. Ing. FRANCO VALLEGRA 20015 PARABIAGO - Via Mari, 23 Tel. e Fax. 0331-553387 COMUNE DI SAN GIORGIO SU LEGNANO 7 LOTTO DELL AMPLIAMENTO DEL CIMITERO TOMBE DI FAMIGLIA A POZZO (n 5 a 4 e n 2 a 6 posti)

Dettagli

ALL.9 - ANALISI PREZZI

ALL.9 - ANALISI PREZZI AP_01 muro rivestito prefabbricato c.re MURO DI SOSTEGNO IN C.A. voce a misura MURO DI SOSTEGNO IN C.A. Realizzato con Pannelli PREFABBRICATI rivestiti con pietra di vario genere. Possono essere realizzate

Dettagli

Università degli studi di Napoli Federico II

Università degli studi di Napoli Federico II Università degli studi di Napoli Federico II Scuola Politecnica e delle scienze di base Corso di Laurea Triennale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile ed

Dettagli

METROPOLITANA AUTOMATICA DI TORINO REALIZZAZIONE DELLE OPERE CIVILI DEL LOTTO 1 PORTA NUOVA-MARCONI LINEA 1 TRATTA PORTA NUOVA-LINGOTTO METODO PELIZZA

METROPOLITANA AUTOMATICA DI TORINO REALIZZAZIONE DELLE OPERE CIVILI DEL LOTTO 1 PORTA NUOVA-MARCONI LINEA 1 TRATTA PORTA NUOVA-LINGOTTO METODO PELIZZA METROPOLITANA AUTOMATICA DI TORINO REALIZZAZIONE DELLE OPERE CIVILI DEL LOTTO 1 PORTA NUOVA-MARCONI LINEA 1 TRATTA PORTA NUOVA-LINGOTTO METODO PELIZZA Prof. Ing. Sebastiano Pelizza Politecnico di Torino

Dettagli

2. REDAZIONE DI RELAZIONE TECNICA E GEOLOGICA FINALE

2. REDAZIONE DI RELAZIONE TECNICA E GEOLOGICA FINALE PREMESSA Con la presente si espone il programma dettagliato delle indagini geognostiche necessarie per la redazione della Relazione geologica e della relazione geotecnica relative agli interventi di Riqualificazione

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 03//04 COMUNE DI FABRIANO PIAZZA DEL COMUNE - FABRIANO (AN) LAVORI - Piani di Recupero Centro Storico-Borgo - studio di fattibilità - modifiche apportate dopo incontro del 07-0-2004 00 - Sistemazione torrente

Dettagli

DEFINIZIONE di FONDAZIONI

DEFINIZIONE di FONDAZIONI DEFINIZIONE di FONDAZIONI collegamento statico tra edificio e suolo trasmissione al terreno delle azioni dovute ai carichi delle strutture sovrastanti (peso proprio dell edificio + peso persone e cose

Dettagli

Materiali e tecnologie per il ripristino stradale 8 luglio 2009

Materiali e tecnologie per il ripristino stradale 8 luglio 2009 IEEE Giornata di studio su: Tecniche impiantistiche e tecnologie ottiche per l accesso di nuova generazione Materiali e tecnologie per il ripristino stradale 8 luglio 2009 Maurizio Crispino Maurizio Crispino

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO (Classe delle Lauree Specialistiche in Ingegneria per l Ambiente

Dettagli

Affidabilità del modello di Winkler

Affidabilità del modello di Winkler COMASTRI imp 14-09-2004 11:00 Pagina 50 Dal punto di vista fisico il mezzo alla Winkler può essere assimilato a un letto di molle elastiche mutuamente indipendenti, o meglio a un liquido di peso specifico

Dettagli

Indice. Premessa 11. 1.10.2 Permeabilità 37. 1.10.3 Trasmissività 40 1.11 La circolazione idrica nelle rocce 46 1.11.1 Gli acquiferi 48.

Indice. Premessa 11. 1.10.2 Permeabilità 37. 1.10.3 Trasmissività 40 1.11 La circolazione idrica nelle rocce 46 1.11.1 Gli acquiferi 48. Indice Indice Indice Premessa 11 1 Le acque sotterranee 13 1.1 Principali caratteristiche delle acque sotterranee 13 1.2 La circolazione idrica nelle terre sciolte 14 1.2.1 Gli acquiferi 14 1.2.2 Classificazione

Dettagli

Ristrutturazione del complesso ENAV di Roma ACC - Ciampino Roma Progetto definitivo delle strutture - RELAZIONE GEOTECNICA

Ristrutturazione del complesso ENAV di Roma ACC - Ciampino Roma Progetto definitivo delle strutture - RELAZIONE GEOTECNICA INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 2 3 SISMICITA DELL AREA... 3 4 LE INDAGINI GEOGNOSTICHE... 3 5 ASPETTI IDROGEOLOGICI GENERALI... 5 6 ASPETTI GEOTECNICI DEL PROGETTO LE STRUTTURE FONDALI...

Dettagli

Associazione Geotecnica Italiana

Associazione Geotecnica Italiana Associazione Geotecnica Italiana PROGRAMMAZIONE DELLE INDAGINI GEOTECNICHE COME ELEMENTO DELLA PROGETTAZIONE DI NUOVE OPERE E PER IL CONSOLIDAMENTO DI QUELLE ESISTENTI Il quadro normativo esistente e la

Dettagli

Lavorabilità definizioni

Lavorabilità definizioni Calcestruzzo fresco Lavorabilità definizioni attitudine di un calcestruzzo ad essere impastato, trasportato, posto in opera, compattato e rifinito senza che si verifichino segregazioni caratteristica che

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO (PROVINCIA DI MODENA) 41026 Pavullo n/f. - Piazza R. Montecuccoli, 1 AREA SERVIZI TECNICI - SERVIZIO LAVORI PUBBLICI Tel. 0536/29932 - Fax. 0536/324307 OGGETTO D.L. 1010/48

Dettagli

TD13C. Betoncino strutturale di consolidamento e collaborazione statica

TD13C. Betoncino strutturale di consolidamento e collaborazione statica pag. 1 di 6 DESCRIZIONE è un betoncino pronto strutturale, reoplastico, antiritiro, ad alta resistenza meccanica, di calce idraulica naturale NHL 5 ed inerti selezionati. è ideale negli interventi di consolidamento,

Dettagli

Griglia ad elevata portata per il consolidamento dei fondi. www.geoplast.it

Griglia ad elevata portata per il consolidamento dei fondi. www.geoplast.it Griglia ad elevata portata per il consolidamento dei fondi www.geoplast.it RUNFLOOR VANTAGGI Eliminazione del fango, grazie ad una permeabilità pari all 85% e alla realizzazione di un fondo di posa drenante.

Dettagli

SOLUZIONI TECNOLOGICHE ADOTTATE

SOLUZIONI TECNOLOGICHE ADOTTATE BONIFICA E MESSA IN SICUREZZA PERMANENTE DI AREE INDUSTRIALI DISMESSE: L ESPERIENZA DEL SITO EX SAIBI DI MARGHERITA DI SAVOIA SOLUZIONI TECNOLOGICHE ADOTTATE Prof. Ing. Antonio DI MOLFETTA Dott. Geol.

Dettagli

GEOSER S.r.l. - Via Basilicata 11-27100 Pavia - PIVA 01779010188 - www.geoser.com

GEOSER S.r.l. - Via Basilicata 11-27100 Pavia - PIVA 01779010188 - www.geoser.com Geoser offre da anni un servizio completo nel settore delle indagini geotecniche e geoambientali. A sostegno di questo servizio propone tutte le indagini finalizzate all individuazione dei parametri geotecnici

Dettagli

1 PREMESSA 2 RIFERIMENTI LEGISLATIVI

1 PREMESSA 2 RIFERIMENTI LEGISLATIVI INDICE 1 PREMESSA 2 RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3 - DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI IN PROGETTO 4 BILANCIO DEI MATERIALI DI RISULTA 5 INDIVIDUAZIONE DELLE CAVE DI DEPOSITO 1 1 - PREMESSA La presente relazione

Dettagli

Macchine per la stabilizzazione delle terre Napoli 18 aprile 2012

Macchine per la stabilizzazione delle terre Napoli 18 aprile 2012 Macchine per la stabilizzazione delle terre Napoli 18 aprile 2012 LE MACCHINE NECESSARIE Spandilegante Stabilizzatrice Rulli Grader Scegliere la stabilizzatrice adeguata per ogni situazione STABILIZZAZIONE

Dettagli

PALI TRIVELLATI CLASSICI 15

PALI TRIVELLATI CLASSICI 15 QUADERNO I Sistemi di fondazione PALI E MICROPALI Scheda N : PALI TRIVELLATI CLASSICI 15 1 Pali trivellati semplici La trivellazione è eseguita senza tubazione di sostegno delle pareti o con tubazione

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

1 Relazione Generale sull Intervento...2. 2 Determinazione dei parametri geotecnici...2. 3 Normativa di riferimento...3. 4 Relazione sui materiali...

1 Relazione Generale sull Intervento...2. 2 Determinazione dei parametri geotecnici...2. 3 Normativa di riferimento...3. 4 Relazione sui materiali... 1 Relazione Generale sull Intervento... Determinazione dei parametri geotecnici... 3 Normativa di riferimento...3 4 Relazione sui materiali...3 5 Verifiche statiche...4 5.1 Formule di calcolo delle azioni...4

Dettagli

CREPE NEI MURI? CON SYSTAB ELIMINO IL PROBLEMA ALLA BASE CONSOLIDANDO TERRENO E FONDAZIONE.

CREPE NEI MURI? CON SYSTAB ELIMINO IL PROBLEMA ALLA BASE CONSOLIDANDO TERRENO E FONDAZIONE. www.systab.it CREPE NEI MURI? CON SYSTAB ELIMINO IL PROBLEMA ALLA BASE CONSOLIDANDO TERRENO E FONDAZIONE. Le crepe nei muri sono un sintomo da non trascurare, spesso legato ad un cedimento del terreno

Dettagli

TAVOLA TECNICA SUGLI SCAVI. Art. 100 comma 1 del D. Lgs. 81/2008

TAVOLA TECNICA SUGLI SCAVI. Art. 100 comma 1 del D. Lgs. 81/2008 TAVOLA TECNICA SUGLI SCAVI Art. 100 comma 1 del D. Lgs. 81/2008 D. Lgs. 81/2008: Art. 100 Piano di Sicurezza e Coordinamento comma 1: il Piano di Sicurezza e Coordinamento è corredato..da una tavola tecnica

Dettagli

PREZZO DI APPLICAZIONE mc 3,00

PREZZO DI APPLICAZIONE mc 3,00 01 Oneri di discarica per materiali da demolizione, esclusi i tossico-nocivi. - Prezzo di mercato per scarico a discarica di materiali da demolizione edile: si considera che 1 mc equivale a circa 1,6 t

Dettagli

Inserimento di un nuovo solaio

Inserimento di un nuovo solaio Inserimento di un nuovo solaio DIRETTIVE TECNICHE Regioni Basilicata, Calabria e Campania, sisma del 9/9/1998 [ ] Cordoli in c.a.: verificare preliminarmente la fattibilità e l'efficienza di interventi

Dettagli

Fondazione Geometri Ferraresi In collaborazione con Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Ferrara

Fondazione Geometri Ferraresi In collaborazione con Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Ferrara Fondazione Geometri Ferraresi In collaborazione con Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Ferrara CONVEGNO ROCCE E TERRE DA SCAVO E LA GESTIONE DEI RIFIUTI NELLE SEDI E NEI CANTIERI

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

Il Consolidamento è la tecnica ingegneristica finalizzata alla stabilizzazione e rinforzo dei terreni e delle fondazioni delle strutture.

Il Consolidamento è la tecnica ingegneristica finalizzata alla stabilizzazione e rinforzo dei terreni e delle fondazioni delle strutture. CONSOLIDAMENTI Il Consolidamento è la tecnica ingegneristica finalizzata alla stabilizzazione e rinforzo dei terreni e delle fondazioni delle strutture. Essa non può prescindere dai risultati di un accurata

Dettagli

RELAZIONE GEOTECNICA

RELAZIONE GEOTECNICA RELAZIONE GEOTECNICA GENERALITA La presente relazione ha come oggetto l analisi delle caratteristiche stratigrafiche e la determinazione dei parametrici geotecnici relativamente alle opere di allargamento

Dettagli

Ing. Enzo LA MURA Via Ing. G. Messina n. 6-84012 Angri (SA) E-mail: enzolamura@libero.it

Ing. Enzo LA MURA Via Ing. G. Messina n. 6-84012 Angri (SA) E-mail: enzolamura@libero.it 1. PREMESSA Nelle operazioni di recupero e di manutenzione straordinaria capita sempre più spesso che un edificio abbia problemi di fondazioni tali da rendere necessario un loro consolidamento. Negli ultimi

Dettagli

GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO. Ing. Alessandra Nocilla

GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO. Ing. Alessandra Nocilla GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO Ing. Alessandra Nocilla 1 INTRODUZIONE SCOPO DELLE INDAGINI GEOTECNICHE 1) Gli ingegneri geotecnici non possono scegliere i materiali sui quali sono chiamati a costruire.

Dettagli

Formazione del corpo stradale e sottofondo I sottofondi

Formazione del corpo stradale e sottofondo I sottofondi Formazione del corpo stradale e sottofondo I sottofondi Corso di Costruzioni di strade Prof. Maurizio Bocci Dipartimento di Idraulica, Strade, Ambiente e Chimica Collaboratori: Ing. Andrea Graziani, a.graziani@univpm.it

Dettagli

ASPETTI INNOVATIVI DI RECENTI INTERVENTI SU INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI

ASPETTI INNOVATIVI DI RECENTI INTERVENTI SU INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI 7 CONVEGNO ORGANIZZATO DALL OSSERVATORIO SULLE ATTIVITÀ DI MANUTENZIONE DEGLI AEROPORTI ASPETTI INNOVATIVI DI RECENTI INTERVENTI SU INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI PROF. ING. MAURIZIO CRISPINO Professore Ordinario

Dettagli

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE CORSO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI I ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE PROF. ING. BRUNO PALAZZO Prof. Bruno Palazzo - TIPOLOGIE: PALIFICATE Le fondazioni indirette sono un opzione quando:

Dettagli

Principali campi di applicazione Iniezioni di consolidamento (anche armate) su: - paramenti murari; - volte ed archi; - fondazioni.

Principali campi di applicazione Iniezioni di consolidamento (anche armate) su: - paramenti murari; - volte ed archi; - fondazioni. ALBARIA INIEZIONE Boiacca di calce pozzolanica, priva di cemento, di colore bianco, per le iniezioni di consolidamento delle murature. Non rilascia sali idrosolubili e non induce formazione di efflorescenze

Dettagli

Dott. Ing. Francesca Santi PROVINCIA DI PRATO

Dott. Ing. Francesca Santi PROVINCIA DI PRATO PROVINCIA DI PRATO LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA DELLA PISTA CICLOPEDONALE PRATO- VAIANO NEL TRATTO A MONTE DELLA GALLERIA ESISTENTE IN LOCALITA CARTAIA E2 - RELAZIONE SPECIALISTICA DELLE STRUTTURE PRATO,

Dettagli

RTP AUTERI & C Cagliari vile L. Merello 87/a - 09123 Cagliari tel. 070288907 - fax 070288907 - email ricauteri@tiscali.it. Pagina2

RTP AUTERI & C Cagliari vile L. Merello 87/a - 09123 Cagliari tel. 070288907 - fax 070288907 - email ricauteri@tiscali.it. Pagina2 Pagina2 INDICE 1. PREMESSA... 4 2. DATI GENERALI DELL INTERVENTO... 4 3. ANALISI DEI PARAMETRI SISMICI D.M. 14.01.2008... 5 4. INDAGINI GEOGNOSTICHE E GEOTECNICHE... 6 5. ANALISI GEOTECNICA DEL SOTTOFONDO

Dettagli

Applicazioni di utilizzo Le terre rinforzate possono essere utilizzate per vari scopi come si vede dagli esempi sotto riportati:

Applicazioni di utilizzo Le terre rinforzate possono essere utilizzate per vari scopi come si vede dagli esempi sotto riportati: Terre rinforzate Nella costruzione di strutture in terra per realizzare scarpate con angolo di inclinazione maggiore di quello permesso dal rilevato vengono utilizzate armature in strati orizzontali che

Dettagli

PROFESSIONE EOLOGO. Notiziario dell Ordine dei Geologi del Lazio. Professione Geologo n.33

PROFESSIONE EOLOGO. Notiziario dell Ordine dei Geologi del Lazio. Professione Geologo n.33 PROFESSIONE EOLOGO Notiziario dell Ordine dei Geologi del Lazio Gottobre 2012 numero 33 Poste Italiane S.p.a. - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (cov. in L27/02/2004 n. 46) art. 1, comma

Dettagli

CITTÀ DI TORINO SETTORE PONTI E VIE D ACQUA. Indagini strutturali viadotto di Cavoretto. CAROTAGGI E PROVE DI COMPRESSIONE SU PROVINI IN CLS

CITTÀ DI TORINO SETTORE PONTI E VIE D ACQUA. Indagini strutturali viadotto di Cavoretto. CAROTAGGI E PROVE DI COMPRESSIONE SU PROVINI IN CLS CITTÀ DI TORINO SETTORE PONTI E VIE D ACQUA Indagini strutturali viadotto di Cavoretto. CAROTAGGI E PROVE DI COMPRESSIONE SU PROVINI IN CLS Protocollo GEOLAB DATA: marzo 2013 GEOLAB S.R.L. Corso Galileo

Dettagli

Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti

Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti FONDAZIONI SU PALI Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti Si ricorre a fondazioni su pali quando:

Dettagli

Prova penetrometrica dinamica: SPT (Standard Penetration Test)

Prova penetrometrica dinamica: SPT (Standard Penetration Test) PROVE IN SITO Prova penetrometrica dinamica: SPT (Standard Penetration Test) Durante le fasi di perforazione si possono eseguire, oltre al prelievo di campioni indisturbati, prove SPT (Standard Penetration

Dettagli

1.04 FONDAZIONI ETEROGENEE STABILITÀ DELLE FONDAZIONI. Descrizione sommaria dell opera

1.04 FONDAZIONI ETEROGENEE STABILITÀ DELLE FONDAZIONI. Descrizione sommaria dell opera FONDAZIONI ETEROGENEE 1.04 Edificio uso magazzino costituito da un mantello cilindrico periferico in calcestruzzo armato precompresso e da un silo centrale. Fondazioni del mantello mediante pali e con

Dettagli

- Livello elettronico di precisione - Stazione informatizzata robotizzata di altissima precisione

- Livello elettronico di precisione - Stazione informatizzata robotizzata di altissima precisione PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DEL MONITORAGGIO TOPOGRAFICO E GEOTECNICO DEL COSTRUENDO NUOVO CENTRO CONGRESSI ITALIA LA NUVOLA DI FUKSAS NEL QUARTIERE EUR DI ROMA II parte Ing. RICCI Paolo * Geom. BRILLANTE

Dettagli

a protezione di un ponte sul Crati Ing. M. Ponte Dipartimento di Difesa del Suolo V. Marone

a protezione di un ponte sul Crati Ing. M. Ponte Dipartimento di Difesa del Suolo V. Marone Interventi di sistemazione idraulica a protezione di un ponte sul Crati Ing. M. Ponte Dipartimento di Difesa del Suolo V. Marone Moti di filtrazione nei terreni H 2 1 H 1 2 H Ing. M. Ponte 2 Se il moto

Dettagli

Progettazione e Verifiche Geotecniche di Costruzioni di Terra Stabilizzata a Calce

Progettazione e Verifiche Geotecniche di Costruzioni di Terra Stabilizzata a Calce LA STABILIZZAZIONE A CALCE DEI TERRENI CONVEGNO ALIG - AGI Napoli 18 aprile 2012 Progettazione e Verifiche Geotecniche di Costruzioni di Terra Stabilizzata a Calce Paolo Croce Università di Cassino IMPIEGO

Dettagli

COMUNE DI OLBIA INTRODUZIONE INQUADRAMENTO GEOTENICO PROGETTO DI MONITORAGGIO DELLA STABILITA DEI VERSANTI DELLA DISCARICA

COMUNE DI OLBIA INTRODUZIONE INQUADRAMENTO GEOTENICO PROGETTO DI MONITORAGGIO DELLA STABILITA DEI VERSANTI DELLA DISCARICA COMUNE DI OLBIA PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO RETE DII MONIITORAGGIIO PER LA STABIILIITA DELLA DIISCARIICA DII SPIIRIITO SANTO IIN OLBIIA 2 COMUNE DI OLBIA RETE DI MONITORAGGIO PER LA STABILITA DELLA DISCARICA

Dettagli

Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali

Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali Corso di Riabilitazione Strutturale POTENZA, a.a. 2011 2012 Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali Dott. Marco VONA DiSGG, Università di Basilicata marco.vona@unibas.it http://www.unibas.it/utenti/vona/

Dettagli

COME SI REALIZZA UNA STRADA IN TERRA STABILIZZATA UTILIZZANDO UNA FRESA FRANGISASSI STABILIZZANTE ECOLOGICO PER PAVIMENTAZIONI IN TERRA STABILIZZATA

COME SI REALIZZA UNA STRADA IN TERRA STABILIZZATA UTILIZZANDO UNA FRESA FRANGISASSI STABILIZZANTE ECOLOGICO PER PAVIMENTAZIONI IN TERRA STABILIZZATA STABILIZZANTE ECOLOGICO PER PAVIMENTAZIONI IN TERRA STABILIZZATA COME SI REALIZZA UNA STRADA IN TERRA STABILIZZATA UTILIZZANDO UNA FRESA FRANGISASSI COME SI REALIZZA UNA STRADA IN TERRA STABILIZZATA UTILIZZANDO

Dettagli

STIMA INCIDENZA MANODOPERA

STIMA INCIDENZA MANODOPERA Comune di ROCCABRUNA Provincia di CUNEO pag. 1 STIMA INCIDENZA MANODOPERA OGGETTO: COMMITTENTE: DECRETO 6000 CAMPANILI LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE TRAMITE PAVIMENTAZIONE ARE BORGATE COMUNALI

Dettagli

LINEA MURI DI CONTENIMENTO

LINEA MURI DI CONTENIMENTO LINEA MURI DI CONTENIMENTO Costruisce il futuro Sistemi di contenimento dei pendii - Tipologie: I muri ottenuti tramite la posa in opera dei blocchi di contenimento della MA.CE.VI. in condizioni di : -

Dettagli

Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche. Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche

Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche. Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche Brescia, Brescia, 28 28 Marzo Marzo 2009 2009 Dott. Ing. A. Sanzeni alex.sanzeni@ing.unibs.it

Dettagli

Geotecnica e Laboratorio

Geotecnica e Laboratorio Corso di Laurea a ciclo Unico in Ingegneria Edile Architettura Geotecnica e Laboratorio PROVE DI COMPATTAZIONE Prof. Ing. Marco Favaretti e mail: marco.favaretti@unipd.it website: www.marcofavaretti.net

Dettagli

Palificazioni e Consolidamenti

Palificazioni e Consolidamenti Palificazioni e Consolidamenti PALI TRIVELLATI Pali trivellati a secco, incamiciati e con utilizzo di fanghi bentonitici/polimeri. PALI C.F.A. Pali ad elica continua C.F.A. PALI VIBROINFISSI Pali vibroinfissi,

Dettagli

CERTIFICATO DI COLLAUDO delle strutture in conglomerato cementizio armato (Legge 5.11.1971, n. 1086 - Legge 2.2.1974, n. 64 - Legge Regionale...

CERTIFICATO DI COLLAUDO delle strutture in conglomerato cementizio armato (Legge 5.11.1971, n. 1086 - Legge 2.2.1974, n. 64 - Legge Regionale... CERTIFICATO DI COLLAUDO delle strutture in conglomerato cementizio armato (Legge 5.11.1971, n. 1086 - Legge 2.2.1974, n. 64 - Legge Regionale...) Il progetto architettonico delle opere in collaudo per

Dettagli

Esplorazione del sottosuolo

Esplorazione del sottosuolo 1 Esplorazione del sottosuolo Finalità Profilo stratigrafico Raccomandazioni iagi (1977): Mezzi di indagine Diretti Indiretti Scavi accessibili (pozzi, trincee, cunicoli) Fori di o Prove geofisiche Prove

Dettagli

CASE HISTORY DRENAGGIO VIGNETI- IDROSAC-MONTALCINO (SIENA)

CASE HISTORY DRENAGGIO VIGNETI- IDROSAC-MONTALCINO (SIENA) CASE HISTORY DRENAGGIO VIGNETI- IDROSAC-MONTALCINO (SIENA) 1 - Descrizione dell intervento a difesa del suolo1 Lo scopo dell intervento è quello di realizzare un drenaggio a bassa profondità in trincea

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici Prezzario Regionale dei lavori pubblici Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 Anno: 2008 Indice Voci finite i Indice D.0001 - LAVORI STRADALI.........................................

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

CONSIDERAZIONI GENERALI

CONSIDERAZIONI GENERALI CONSIDERAZIONI GENERALI FUNZIONI DELLE FONDAZIONI La funzione delle fondazioni è quella di trasferire i carichi provenienti dalla struttura in elevazione al terreno sul quale l edificio poggia. La scelta

Dettagli

INTERVENTI DI STABILIZZAZIONE:

INTERVENTI DI STABILIZZAZIONE: COMUNE DI CAROLEI STATO DEI LUOGHI: In località Serrone si erge un imponente costone calcarenitico alla cui sommità è ubicata la proprietà Quintieri (V. planimetria allegata). Dalla parete esposta ad Est,

Dettagli

ALTO TREVIGIANO SERVIZI S.r.l. Pag. 1

ALTO TREVIGIANO SERVIZI S.r.l. Pag. 1 ALTO TREVIGIANO SERVIZI S.r.l. Pag. 1 CONDOTTA CORNUDA SALVATRONDA COLLETTORE PRIMARIO DEL BACINO SCOLANTE DELLA LAGUNA DI VENEZIA STRALCIO I PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GEOLOGICO - GEOTECNICA DATA FEBBRAIO

Dettagli

Localizzazione geografica. Anno 2003-2005. Committenti. Venezia. Importo Lavori 6.8 (milioni) Categoria Opere VII c

Localizzazione geografica. Anno 2003-2005. Committenti. Venezia. Importo Lavori 6.8 (milioni) Categoria Opere VII c Progetto Anno 2003-2005 Committenti Autorità Portuale Venezia Localizzazione geografica di Importo Lavori 6.8 (milioni) Categoria Opere VII c Attività Svolte PROGETTAZIONE GEOTECNICA Progettista Prof.

Dettagli

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE N NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI elastico e resistenza a trazione, per il riempimento degli scavi effettuati nel

Dettagli

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi 547 Analisi E.07.10.10.a con malta fine di calce e pozzolana, su superfici orizzontali m² 1,00 1) Regione Campania al 02/11/08 - Operaio comune o 1 livello - ora 0,130000 21,50 2,80 27,26 2) Regione Campania

Dettagli

La stabilizzazione delle terre con calce, una tecnologia da valorizzare

La stabilizzazione delle terre con calce, una tecnologia da valorizzare La stabilizzazione delle terre con calce, una tecnologia da valorizzare Soil stabilization with lime: a technology that should be exploited UGO DE GRANDIS Laboratorio Tecnologico Mantovano Srl Riassunto

Dettagli