INFLUENZA DELLA CHIMICA DELL ACQUA DI POROSITA SULLE CARATTERISTICHE FISICHE DEI TERRENI TRATTATI A CALCE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INFLUENZA DELLA CHIMICA DELL ACQUA DI POROSITA SULLE CARATTERISTICHE FISICHE DEI TERRENI TRATTATI A CALCE"

Transcript

1 INFLUENZA DELLA CHIMICA DELL ACQUA DI POROSITA SULLE CARATTERISTICHE FISICHE DEI TERRENI TRATTATI A CALCE Enza Vitale Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Anastasia Capotosto Department of Civil and Environmental Engineering University of Strathclyde, Glasgow, UK Giacomo Russo, Paolo Croce, Giuseppe Modoni Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Sommario Nella presente nota si riportano i risultati di un indagine sperimentale finalizzata alla valutazione dell influenza della chimica dell acqua di porosità sulle caratteristiche fisiche dei terreni trattati a calce. Lo studio si inserisce in una più ampia attività di ricerca mirata all approfondimento dei meccanismi di interazione di natura chimico-fisica che si sviluppano a livello particellare al fine di indagare gli effetti indotti sullo stato di aggregazione (microstruttura) e sulle caratteristiche fisiche dei terreni trattati. 1. Introduzione La stabilizzazione a calce è una tecnica ampiamente utilizzata per il miglioramento delle proprietà fisiche e meccaniche di terreni. L addizione della calce al terreno altera profondamente la chimica dell acqua di porosità sia in termini di ph che di concentrazione e valenza delle specie ioniche favorendo lo sviluppo di una serie di reazioni fisico chimiche responsabili della modifica dello stato di aggregazione e delle proprietà fisiche e meccaniche dei terreni trattati. Tali reazioni si sviluppano contemporaneamente ma con scale dei tempi molto differenti. Nel breve termine, fenomeni di scambio cationico fra gli ioni calcio provenienti dalla dissociazione della calce e i minerali argillosi, causano la flocculazione della frazione fina producendo cambiamenti immediati in termini di plasticità e lavorabilità del terreno; nel contempo, l ambiente fortemente alcalino generato dall addizione della calce determina il passaggio in soluzione degli allumino silicati costituenti i minerali argillosi con la conseguente formazione di composti stabili quali i calcio-silicati idrati e gli allumino silicati idrati, responsabili dello sviluppo di legami di cementazione e del conseguente miglioramento della risposta meccanica del terreno (Croce P. & Russo G., , Keller, 1964, Bell, 1996). Lo studio dell influenza della chimica dell acqua di porosità rappresenta, pertanto un aspetto di notevole rilevanza per la comprensione dei fenomeni di natura fisico chimica alla base delle modifiche microstrutturali indotte dal trattamento (Russo & Modoni, 2013). Nella presente nota si riportano i risultati di un indagine sperimentale finalizzata all analisi dei principali fattori che influenzano nel breve termine i meccanismi di interazione elettro chimica a livello particellare.

2 2. Attività sperimentale 2.1. Materiale Al fine di garantire un maggior controllo sui fattori che influenzano le interazioni elettro-chimiche a livello particellare, l indagine sperimentale è stata condotta su un argilla di nota composizione mineralogica e con caratteristiche chimiche tali da influire in maniera esclusiva sui comportamenti osservati. In particolare, nell ambito dell attività sperimentale è stato utilizzato il Caolino Speswhite, un argilla artificiale reperita presso la Imerys Minerals Ldt, UK, costituita principalmente dal minerale argilloso della caolinite le cui caratteristiche sono sintetizzate in Tabella 1. Tabella 1: Proprietà fisiche e composizione mineralogica del Caolino Speswhite 2.2. Procedure Sperimentali Per l analisi degli effetti che la chimica dell acqua di porosità induce sullo stato di aggregazione delle particelle e di conseguenza sulle proprietà fisiche, sono state condotte una serie di prove di sedimentazione su campioni trattati con additivi di diversa natura, quali KOH, CaCl 2 e CaO al fine di indagare, nel breve termine, il ruolo del ph, della valenza, della concentrazione e della provenienza delle specie ioniche sui meccanismi fondamentali di interazione elettrochimica. L influenza dei processi di interazione indotti dalle modifiche chimiche subite dal materiale a seguito del trattamento, è stata indagata anche attraverso la determinazione dei limiti di Atterberg e attraverso una valutazione diretta delle reazioni avvenute mediante osservazioni al microscopio elettronico a scansione (SEM). Si riporta di seguito il programma sperimentale delle prove eseguite. Tabella 2: Programma sperimentale

3 3. Risultati Nelle figure 1 a), b), c), d) sono riportati gli andamenti delle curve di sedimentazione determinate su campioni di caolino non trattato e trattato con KOH, CaCl 2 a diversi valori di ph. I risultati sono stati ottenuti diagrammando l altezza della sospensione in funzione del tempo. a) b) b) c) d) Fig 1. Prove di sedimentazione su caolino non trattato e trattato: a) effetto della valenza, b) effetto del ph in presenza di Ca ++, c) effetto della concentrazione, d) effetto della provenienza dello ione Ca ++ In particolare un tipico andamento della curva di sedimentazione è riportato in Figura 2 (Palomino et al. 2008). Il periodo di induzione (induction period) e la velocità iniziale di sedimentazione a sono parametri rappresentativi dei meccanismi di mutua interazione tra le particelle e pertanto indicativi del tipo di comportamento esibito dal sistema. Per ciò che riguarda l altezza finale della sospensione H, in un sistema in cui predomina la mutua associazione delle particelle, H cresce all aumentare del grado di flocculazione. Fig 2. Curva di sedimentazione caratteristica (Palomino et al. 2008, modificato)

4 Dai risultati riportati in figura 1 si può notare come a ph 12.4, in presenza di soli ioni monovalenti il periodo di induzione della sospensione sia notevolmente esteso con una velocità iniziale di sedimentazione decisamente bassa; di contro l aggiunta di ioni divalenti determina una significativa riduzione del periodo di induzione con un conseguente incremento della velocità iniziale di sedimentazione. In presenza di ioni divalenti, il valore di ph della sospensione non induce effetti significativi in termini di velocità iniziale di sedimentazione a ma influenza la rapidità con cui si sviluppano i meccanismi di mutua interazione delle particelle e pertanto il grado di flocculazione raggiunto dal sistema, che nel caso di ph 12.4 risulta essere massimo. A parità di ph, (Figura 1c), l effetto indotto dalla concentrazione di ioni Ca ++ derivanti dalla dissociazione ionica del cloruro di calcio influenza solo l estensione del periodo di induzione senza determinare modifiche né in termini di velocità iniziale né di altezza finale del sedimentato. La provenienza dello ione Ca ++ di contro sembra avere un ruolo determinante nel favorire lo sviluppo di un fenomeno di flocculazione più spinto dato il significativo aumento dell altezza finale del sedimentato registrato a parità di ph e di concentrazione delle specie ioniche coinvolte. In Tabella 3 sono infine riportati i risultati derivanti dalla determinazione dei limiti di consistenza. Tabella 3: Limiti di Atterberg I risultati ottenuti mettono in evidenza come il comportamento osservato dipenda dalla composizione chimica dell acqua di porosità. In un ambiente fortemente alcalino, gli ioni monovalenti non neutralizzano la carica negativa presente sulle particelle argillose, e pertanto le forze di repulsione predominano tra particelle con cariche dello stesso segno (Figura 1 a). La presenza di ioni divalenti, di contro, determina un fenomeno di flocculazione che si sviluppa per ciascun valore del ph indagato (4,12.4) ma con diverse velocità di reazione inducendo una riduzione del tempo di induzione misurato (figura 1b). Una diretta conferma di quanto riscontrato si è ottenuta anche attraverso osservazioni eseguite al microscopio elettronico a scansione (Figura 3) che consentono di estrapolare chiaramente informazioni sulla morfologia e la struttura dei campioni analizzati. a) b) c) Fig 3. Immagini SEM del terreno naturale ph=4.6 a); KOH ph=12.4 b); CaCl 2 ph=12.4 c) Dall esame delle immagini SEM si osserva come l addizione di KOH determini una significativa modifica dello stato di aggregazione delle particelle legato sia all aumento di ph che all effetto degli

5 ioni monovalenti sulla neutralizzazione della carica presente sulle superfici del minerale argilloso. Il sistema presenta una struttura dispersa (Figura 3 b) a differenza di quanto accade a parità di ph in presenza di ioni Ca ++ in cui le particelle sono orientate tra loro a formare aggregati a loro volta disposti secondo una struttura aperta e dotata di una certa porosità (Figura 3c). Il terreno non trattato (Figura 3 a) è anch esso costituito da particelle disposte secondo una configurazione flocculata, ma in tal caso ciò è legato esclusivamente alla carica presente sulla superficie delle particelle. L aggiunta di piccole o moderate concentrazioni di ioni divalenti a parità di ph non induce rilevanti cambiamenti dell altezza finale della sospensione, come evidenziato dalle curve in Figura 1.c. Un significativo aumento di tale altezza al contrario si riscontra nel caso in cui la presenza degli ioni Ca ++ deriva dall addizione di calce (Figura 1d). In particolare si osserva come la diversa provenienza dello ione calcio, pur non alterando la velocità con cui si sviluppano i meccanismi di mutua interazione tra le particelle, determini un aumento della porosità del sistema, caratterizzato da particelle disposte nello spazio con struttura più aperta rispetto a quella determinata a seguito dell addizione di cloruro di calcio. a) b) c) d) Fig 4. Immagini SEM del caolino trattato con 3%CaO a) 500X; b)1250x e 3%CaCl 2 ph=12.4 c)500x; d)1250x Le modifiche chimiche indotte dal trattamento influenzano lo stato di aggregazione delle particelle e conseguentemente anche le proprietà fisiche. In particolare, in accordo con quanto riscontrato dalle prove di sedimentazione in termini di altezza finale della sospensione, nessuna variazione dei limiti di consistenza si riscontra per piccole e medie percentuali di CaCl 2 a ph=12.4 (Tabella 3) a testimonianza del fatto che probabilmente in entrambi i casi il tipo di aggregazione delle particelle è caratterizzato da una stessa porosità e pertanto da stesse caratteristiche in termini di lavorabilità. Al contrario, nel caso di diversa provenienza dello ione calcio, le differenze riscontrate nelle prove di sedimentazione sono state confermate anche dai diversi valori assunti dai limiti di consistenza rispetto a quanto riscontrato in presenza di CaCl 2. La configurazione che è indotta dall addizione di calce è probabilmente imputabile ad un fenomeno di flocculazione più spinto, che favorisce l aggregazione delle particelle in fiocchi disposti in una configurazione ad elevata porosità e pertanto in grado di includere grandi quantità di molecole d acqua. Da ciò deriva il significativo aumento del limite liquido registrato nel corso delle prove e pertanto la modifica della lavorabilità del sistema.

6 4. Osservazioni conclusive L indagine sperimentale condotta ha consentito l analisi dei fattori che influenzano i meccanismi di interazione elettrochimica alla base delle modifiche microstrutturali indotte dal trattamento dei terreni. L aggiunta di additivi al terreno altera profondamente la chimica dell acqua di porosità in termini di concentrazione e di valenza delle specie ioniche oltre che di ph favorendo, quindi, nel breve termine lo sviluppo di reazioni di scambio ionico e di flocculazione che alterano completamente la microstruttura del materiale e di conseguenza la sua risposta fisica e meccanica. I risultati ottenuti hanno messo in evidenza gli effetti che ph, concentrazione e valenza delle specie ioniche KOH e CaCl 2 inducono sullo sulla riorganizzazione del sistema a seguito dello sviluppo dei fenomeni di flocculazione. Notevoli differenze in termini di aggregazione delle particelle si riscontrano a seguito dell addizione della calce, responsabile non solo della formazione di una struttura caratterizzata da maggiore porosità ma anche di una significativa alterazione della plasticità e della lavorabilità del terreno. Per meglio caratterizzare i processi chimico-fisici osservati, i risultati ottenuti sono stati integrati con osservazioni al microscopio elettronico a scansione (SEM). Bibliografia Bell, F.G. (1996), Lime stabilization of clay minerals and soils. Engineering Geology, 42, Croce P., Russo G. (2002). Reimpiego dei terreni di scavo mediante stabilizzazione a calce - Atti del XXI Convegno Nazionale di Geotecnica, L Aquila, 2002, , Patron Editore. Croce P., Russo G. (2003). Soil-water characteristic curves of lime stabilised soil. Proc. Int. Workshop on Geotechnics of Soft Soils, Noordwijkerhout (Vermeer P.A., Schweiger H.F., Karstunen M. and Cudny M. editors): Herrington, T.M., Clarke, A.Q., Watts, J.C., The surface charge of kaolin. Colloids Surf. 68, Keller, W. D. (1964). The origin of high-alumina clay minerals. Clay and Clay Minerals, Proc. of the 20 th National Conference, Monograph No.,19 Earth Science Series, Pergamon Press, New York, 19, Melton, I.E., Rand, B., Particle interactions in aqueous kaolinite suspensions: II. Comparison of some laboratory and commercial kaolinite samples. J. Colloid Interface Sci. 60, 321. Palomino A. M., Burns S. E., Santamarina J. C. (2008): Mixtures of fine grained minerals kaolinite and carbonate grains. Clays and Clay Minerals, Vol. 56, No. 6, Russo, G. and Modoni, G. (2013): Fabric changes induced by lime addition on a compacted alluvial soil, Géotechnique Letters, Volume 3, Issue 2 Van Olphen, H. (1977). Clay Colloid Chemistry: For Clay Technologists, Geologists and Soil Scientists, John Wiley. Wang, Y.-H. and W.-K. Siu (2006), Strcture characteristics and mechanical properties of kaolinite soils. i. surface charges and structural characterizations. Canadian Geotechnical Journal, 43,

EFFETTI DI BREVE TERMINE SULLA MICROSTRUTTURA DI UN TERRENO STABILIZZATO A CALCE

EFFETTI DI BREVE TERMINE SULLA MICROSTRUTTURA DI UN TERRENO STABILIZZATO A CALCE EFFETTI DI BREVE TERMINE SULLA MICROSTRUTTURA DI UN TERRENO STABILIZZATO A CALCE Enza Vitale Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale e.vitale@unicas.it

Dettagli

STABILIZZAZIONE A CALCE PER REIMPIEGO DI SEDIMENTI MARINI DI DRAGAGGIO

STABILIZZAZIONE A CALCE PER REIMPIEGO DI SEDIMENTI MARINI DI DRAGAGGIO STABILIZZAZIONE A CALCE PER REIMPIEGO DI SEDIMENTI MARINI DI DRAGAGGIO Anastasia Capotosto a.capotosto@unicas.it Paolo Croce croce@unicas.it Giuseppe Modoni modoni@unicas.it Giacomo Russo giarusso@unicas.it

Dettagli

RESISTENZA A TAGLIO DI TERRENI PIROCLASTICI STABILIZZATI A CALCE

RESISTENZA A TAGLIO DI TERRENI PIROCLASTICI STABILIZZATI A CALCE RESISTENZA A TAGLIO DI TERRENI PIROCLASTICI STABILIZZATI A CALCE Andrea Ferretti Università degli Studi di Perugia andreaferretti84@gmail.com Manuela Cecconi Università degli Studi di Perugia ceccon@unipg.it

Dettagli

CARATTERISTICHE GEOTECNICHE E COMPORTAMENTO MECCANICO DI TERRENI A GRANA FINA STABILIZZATI MEDIANTE DEEP MIXING

CARATTERISTICHE GEOTECNICHE E COMPORTAMENTO MECCANICO DI TERRENI A GRANA FINA STABILIZZATI MEDIANTE DEEP MIXING CARATTERISTICHE GEOTECNICHE E COMPORTAMENTO MECCANICO DI TERRENI A GRANA FINA STABILIZZATI MEDIANTE DEEP MIXING Vitale Enza Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale e.vitale@unicas.it

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA ROCCE MINERALI Classe Alogenuri Solfati Solfuri Ossidi ed idrossidi (Al, Fe, Mn, Ti) Carbonati Nitrati Fosfati Silicati (fillosilicati) Minerale Cloruro di sodio Gesso Pirite

Dettagli

Marcello Romagnoli Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e dell Ambiente Università di Modena e Reggio Emilia, Via Vignolese 905, 41100 Modena

Marcello Romagnoli Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e dell Ambiente Università di Modena e Reggio Emilia, Via Vignolese 905, 41100 Modena Marcello Romagnoli Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e dell Ambiente Università di Modena e Reggio Emilia, Via Vignolese 905, 41100 Modena (Italy) Email: marcello.romagnoli@unimore.it Tel. 059 2056234

Dettagli

Indice Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni Capitolo 2 Il cemento Portland, le aggiunte minerali e i cementi comuni

Indice Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni Capitolo 2 Il cemento Portland, le aggiunte minerali e i cementi comuni Indice Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni 1.1 Introduzione 1.2 Leganti aerei e idraulici 1.3 Il gesso 1.4 La calce aerea 1.5 Le calci idrauliche 1.6 Dalle calci idrauliche

Dettagli

Terre plastiche stabilizzate a calce: valutazione delle caratteristiche meccaniche

Terre plastiche stabilizzate a calce: valutazione delle caratteristiche meccaniche Giornale di Geologia Applicata 2 (2005) 278 284, doi: 10.1474/GGA.2005 02.0 40.0066 Terre plastiche stabilizzate a calce: valutazione delle caratteristiche meccaniche Ugo Sergio Orazi 1, Michele Orazi

Dettagli

MODELLAZIONE DEGLI EFFETTI DEL CONSOLIDAMENTO IN ZONA PASSIVA NELLE OPERE DI SOSTEGNO FLESSIBILI

MODELLAZIONE DEGLI EFFETTI DEL CONSOLIDAMENTO IN ZONA PASSIVA NELLE OPERE DI SOSTEGNO FLESSIBILI MODELLAZIONE DEGLI EFFETTI DEL CONSOLIDAMENTO IN ZONA PASSIVA NELLE OPERE DI SOSTEGNO FLESSIBILI Università Politecnica delle Marche, GES s.r.l. Spin-Off dell Università Politecnica delle Marche e-mail:

Dettagli

STABILIZZAZIONE DELLE TERRE A CALCE STUDIO DI LABORATORIO DELLA MISCELA TERRA CALCE

STABILIZZAZIONE DELLE TERRE A CALCE STUDIO DI LABORATORIO DELLA MISCELA TERRA CALCE STUDIO DI LABORATORIO DELLA MISCELA TERRA CALCE INTERAZIONE CALCE TERRENO L aggiunta di calce in un terreno argilloso provoca: 1) la sostituzione degli ioni Na2+, K+, H+ con ioni Ca2+ (scambio ionico);

Dettagli

Indice. Presentazione

Indice. Presentazione ROMANE 28-02-2007 16:20 Pagina VII Prefazione Presentazione XIII XVIII Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni 1.1 Introduzione 1 1.2 Leganti aerei e idraulici 2 1.3 Il gesso

Dettagli

COSTRUZIONE DEL CORPO STRADALE materiali, modalità esecutive, prove di controllo

COSTRUZIONE DEL CORPO STRADALE materiali, modalità esecutive, prove di controllo DICEA Dipartimento di Ingegneria Mantova Civile, 17 aprile Edile 2015 e Architettura COSTRUZIONE DEL CORPO STRADALE materiali, modalità esecutive, prove di controllo Prof. Ing.Maurizio Bocci Università

Dettagli

CAPITOLO 1 ORIGINE E STRUTTURA DEI TERRENI

CAPITOLO 1 ORIGINE E STRUTTURA DEI TERRENI 1.1 Origine dei terreni CAITOLO 1 I terreni derivano dai processi di alterazione fisica e chimica delle rocce. I processi di alterazione di natura fisica o meccanica producono una disgregazione delle rocce

Dettagli

MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI POZZI DRENANTI PER LA STABILIZZAZIONE DEI PENDII

MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI POZZI DRENANTI PER LA STABILIZZAZIONE DEI PENDII MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI POZZI DRENANTI PER LA STABILIZZAZIONE DEI PENDII F. Aloi Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale Università degli Studi di Napoli Federico II ferdinando.aloi@unina.it

Dettagli

Capitolo 12. Gestione delle analisi chimiche di acqua irrigua. Copyright 1991-2007 A.D.M. srl Tutti i diritti riservati

Capitolo 12. Gestione delle analisi chimiche di acqua irrigua. Copyright 1991-2007 A.D.M. srl Tutti i diritti riservati Capitolo 12 Gestione delle analisi chimiche di acqua irrigua Copyright 1991-2007 A.D.M. srl Tutti i diritti riservati INSERIMENTO/MODIFICA ANALISI DELLE ACQUE Questa opzione consente di ottenere un giudizio

Dettagli

STUDIO SPERIMENTALE DI TERRENI TRATTATI CON LA TECNICA DEL CUTTER SOIL MIXING

STUDIO SPERIMENTALE DI TERRENI TRATTATI CON LA TECNICA DEL CUTTER SOIL MIXING STUDIO SPERIMENTALE DI TERRENI TRATTATI CON LA TECNICA DEL CUTTER SOIL MIXING Diego Bellato Università di Padova diego.bellato.1@studenti.unipd.it Alberto Dalle Coste BAUER Macchine Italia S.r.l. Alberto.DalleCoste@bauer.de

Dettagli

Per contribuire alla comprensione degli effetti

Per contribuire alla comprensione degli effetti Caratterizzazione morfologica e chimica delle polveri sottili in alcune realtà umbre Luca Barcherini, David Cappelletti, Laura Cartechini, Fabio Marmottini, Beatrice Moroni, Francesco Scardazza Lo studio

Dettagli

CLASSE 12/A - CHIMICA AGRARIA. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi

CLASSE 12/A - CHIMICA AGRARIA. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 12/A - CHIMICA AGRARIA Programma d'esame CLASSE 12/A - CHIMICA AGRARIA Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 12/A - CHIMICA AGRARIA Programma d'esame Classe 12/A CHIMICA AGRARIA L'esame

Dettagli

Incremento delle rese e della produttività del suolo. Migliore infiltrazione dell acqua

Incremento delle rese e della produttività del suolo. Migliore infiltrazione dell acqua ACIDO CARBOSSILICO CARBOSOIL PROMOTORE DELLA RADICAZIONE E DELLO SVILUPPO DELLE PIANTE A BASE DI ACIDI CARBOSSILICI STIMOLA LA DIVISIONE CELLULARE PRODUCE LA FORMAZIONE DI GERMOGLI RALLENTA L INVECCHIAMENTO

Dettagli

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10 5.1 Introduzione Tra gli interventi finanziati dalla Regione Emilia Romagna per il 2004, ai fini della messa a punto di strumenti conoscitivi utili per

Dettagli

Dissociazione elettrolitica

Dissociazione elettrolitica Dissociazione elettrolitica Le sostanze ioniche si solubilizzano liberando ioni in soluzione. La dissociazione elettrolitica è il processo con cui un solvente separa ioni di carica opposta e si lega ad

Dettagli

CHIARIFLOCCULAZIONE 1

CHIARIFLOCCULAZIONE 1 CHIARIFLOCCULAZIONE 1 Nelle acque sono presenti diversi tipi di particelle: 2 TORBIDITÀ, parametro fondamentale SISTEMA RIVELATORE LUCE INCIDENTE campione d'acqua cella cilindrica portacampione Nefelometro

Dettagli

La conducibilità elettrica nelle soluzioni di elettroliti forti.

La conducibilità elettrica nelle soluzioni di elettroliti forti. La conducibilità elettrica nelle soluzioni di elettroliti forti. Salvatore Regalbuto e Sonia Formica 8 Istituto Statale di Istruzione Secondaria Superiore Quintiliano Siracusa Misurazione della conducibilità

Dettagli

Campi di impiego stabilizzazione per la realizzazione di strade bianche con maggiore durabilità e resistenza all usura

Campi di impiego stabilizzazione per la realizzazione di strade bianche con maggiore durabilità e resistenza all usura Levostab 99 stabilizzante naturale per la realizzazione di: piste ciclabili, viabilità rurale, viabilità in zone di vincolo Funzione Levostab 99 è un prodotto ecocompatibile, stabilizzante e consolidante,

Dettagli

Idratazione dei singoli composti del clinker

Idratazione dei singoli composti del clinker Idratazione dei singoli composti del clinker il clinker finemente macinato reagisce con acqua formando prodotti di idratazione con proprietà leganti che conferiscono resistenza meccanica all impasto indurito

Dettagli

MICROSCOPIA A FORZA ATOMICA (AFM)

MICROSCOPIA A FORZA ATOMICA (AFM) MICROSCOPIA A FORZA ATOMICA (AFM) Binnig and Rohrer (1982, STM, Nobel prize in 1986) Binnig, Quate and Gerber (1986, AFM) Anno 2001-2002 1 Principio di funzionamento di un AFM A B C D Rivelatore Specchio

Dettagli

STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO

STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO UNIVERSITA CA FOSCARI VENEZIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE AMBIENTALI STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO Prof. Rampazzo Giancarlo CHE COS E LA GEOCHIMICA 1.La geochimica studia la composizione chimica

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL DEL RCUITO USO (parte 2) FOCUS TECNICO I PROBLEMI NELL IMPIANTO trattamenti Problemi quali corrosioni ed incrostazioni nel circuito dell impianto di riscaldamento / raffrescamento

Dettagli

ANALISI CHIMICA DELLA CERAMICA, DELLE MALTE e DEGLI INTONACI

ANALISI CHIMICA DELLA CERAMICA, DELLE MALTE e DEGLI INTONACI ANALISI CHIMICA DELLA CERAMICA, DELLE MALTE e DEGLI INTONACI In questa sede verranno esaminati 11 campioni provenienti dallo scavo archeologico del Mastio e della Chiesa nell sito di Castel Pagano Apricena,

Dettagli

IL SISTEMA MAPEI HPSS PER IL TRATTAMENTO E LA BONIFICA DEI TERRENI E DEI SEDIMENTI CONTAMINATI

IL SISTEMA MAPEI HPSS PER IL TRATTAMENTO E LA BONIFICA DEI TERRENI E DEI SEDIMENTI CONTAMINATI IL SISTEMA MAPEI HPSS PER IL TRATTAMENTO E LA BONIFICA DEI TERRENI E DEI SEDIMENTI CONTAMINATI www.mapintec.mapei.it MATERIALI & TECNOLOGIE SOSTENIBILI IL SISTEMA MAPEI HPSS PER IL TRATTAMENTO E LA BONIFICA

Dettagli

Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli

Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli la composizione e quindi le proprietà intensive sono le stesse in ogni parte del sistema La composizione e le proprietà intensive variano da una

Dettagli

LA GRANULOMETRIA DEL SUOLO. Terribile Fabio (DISSPAPA UNINA) Basile Angelo (ISAFOM CNR) Minieri Luciana (DISSPAPA UNINA)

LA GRANULOMETRIA DEL SUOLO. Terribile Fabio (DISSPAPA UNINA) Basile Angelo (ISAFOM CNR) Minieri Luciana (DISSPAPA UNINA) LA GRANULOMETRIA DEL SUOLO Terribile Fabio (DISSPAPA UNINA) Basile Angelo (ISAFOM CNR) De Mascellis Roberto (ISAFOM CNR) Minieri Luciana (DISSPAPA UNINA) LA GRANULOMETRIA DEL SUOLO 1. Introduzione Generale

Dettagli

https://bioslab.unile.it/courses.html

https://bioslab.unile.it/courses.html https://bioslab.unile.it/courses.html dal Brisi-Borlera (pg. 172-267) LEGANTI: Conglomerati Cementizi CONGLOMERATI CEMENTIZI LEGANTI: Conglomerati Cementizi CALCESTRUZZO (CLS) ARMATO L unione di questi

Dettagli

GEOLOGIA APPLICATA E GEOTECNICA

GEOLOGIA APPLICATA E GEOTECNICA GEOLOGIA APPLICATA E GEOTECNICA 3 Direttore Luigi ESPOSITO Università degli Studi di Napoli Federico II Comitato scientifico Nicola SCIARRA Università degli Studi di Chieti Antonio PASCULLI Università

Dettagli

Studio sperimentale sulle miscele coal water (CWF)

Studio sperimentale sulle miscele coal water (CWF) Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Studio sperimentale sulle miscele coal water (CWF) R. Ciccu, G. Mei, C. Tilocca Dipartimento

Dettagli

PROFESSIONE EOLOGO. Notiziario dell Ordine dei Geologi del Lazio. Professione Geologo n.33

PROFESSIONE EOLOGO. Notiziario dell Ordine dei Geologi del Lazio. Professione Geologo n.33 PROFESSIONE EOLOGO Notiziario dell Ordine dei Geologi del Lazio Gottobre 2012 numero 33 Poste Italiane S.p.a. - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (cov. in L27/02/2004 n. 46) art. 1, comma

Dettagli

CONCETTI BASE SULLA SALINITA DEI SUOLI. Quando parliamo di salinità dei suoli o mezzi di coltura ci incamminiamo in un concetto molto vasto

CONCETTI BASE SULLA SALINITA DEI SUOLI. Quando parliamo di salinità dei suoli o mezzi di coltura ci incamminiamo in un concetto molto vasto CONCETTI BASE SULLA SALINITA DEI SUOLI Quando parliamo di salinità dei suoli o mezzi di coltura ci incamminiamo in un concetto molto vasto con diverse sfumature, per incominciare definiamo che cosa si

Dettagli

La bagnatura nella stampa offset Informazioni importanti sull impiego degli additivi di bagnatura

La bagnatura nella stampa offset Informazioni importanti sull impiego degli additivi di bagnatura Informazioni tecniche 25.01 IT 09.2003 Offset da bobina Additivi di bagnatura La bagnatura nella stampa offset Informazioni importanti sull impiego degli additivi di bagnatura Informazioni tecniche hubergroup

Dettagli

REATTIVITA DI PASTE DI CEMENTO E CENERI VOLANTI

REATTIVITA DI PASTE DI CEMENTO E CENERI VOLANTI CAPITOLO 5 REATTIVITA DI PASTE DI CEMENTO E CENERI VOLANTI In questa ultima fase del lavoro è stata studiata la reattività delle miscele di cemento Portland e ceneri volanti a breve e a lungo termine.

Dettagli

SOIL MIXING CONFRONTI APPLICATIVI TRA MISCELAZIONE IN LABORATORIO E IN SITO

SOIL MIXING CONFRONTI APPLICATIVI TRA MISCELAZIONE IN LABORATORIO E IN SITO SOIL MIXING CONFRONTI APPLICATIVI TRA MISCELAZIONE IN LABORATORIO E IN SITO M. Grisolia, I. P. Marzano Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale, Sapienza Università di Roma massimo.grisolia@uniroma1.it;

Dettagli

3. Descrizione dei materiali

3. Descrizione dei materiali Descrizione dei materiali 3. Descrizione dei materiali L individuazione della tipologia di argilla che rispondesse meglio ai criteri di indagine è stato il primo passo nello svolgimento della ricerca.

Dettagli

Stefano Rossi, Università Trento, Cor Ten..., Orio Serio,7 feb 2013

Stefano Rossi, Università Trento, Cor Ten..., Orio Serio,7 feb 2013 Comportamento a corrosione di strutture ed infrastrutture in cor-ten nel mondo dei trasporti S. Rossi Dipartimento di Ingegneria Industriale - Università di Trento Stefano.rossi@ing.unitn.it 1 2 Acciaio

Dettagli

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3.

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Atomi e molecole Ipotesi di Dalton (primi dell 800) 1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Gli atomi dei

Dettagli

REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE

REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE OSSIDORIDUTTIVA SECONDO IL METODO DELLO IONE-ELETTRIONE. 1) Si individuano le coppie di atomi il cui numero di ossidazione cambia

Dettagli

2.13 TITOLAZIONI POTENZIOMETRICHE CON IL METODO DI GRAN

2.13 TITOLAZIONI POTENZIOMETRICHE CON IL METODO DI GRAN 2 Analisi chimica strumentale 47 Lo stesso accade per le titolazioni conduttimetriche. 48 Queste misure, fra l altro, risultano anche più veloci di quelle effettuate vicino al punto di equivalenza perché

Dettagli

STUDIO SPERIMENTALE DELLE TERRE STABILIZZATE CON LEGANTI IDRAULICI: PROGETTAZIONE PRESTAZIONALE DELLE MISCELE

STUDIO SPERIMENTALE DELLE TERRE STABILIZZATE CON LEGANTI IDRAULICI: PROGETTAZIONE PRESTAZIONALE DELLE MISCELE ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÁ DI BOLOGNA FACOLTÁ DI INGEGNERIA Corso di laurea specialistica in Ingegneria Civile Insegnamento: Inserimento e Compatibilità delle Infrastrutture Viarie nel Territorio

Dettagli

H H 3 E H H 2 E 2 E 2 H HE 3

H H 3 E H H 2 E 2 E 2 H HE 3 DETERMINAZIONE COMPLESSOMETRICA DELLA DUREZZA DI UN'ACQUA. Cenno ai complessi. I cationi metallici sono specie chimiche assimilabili ad atomi che hanno perso 1 o più elettroni acquistando nel contempo

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO Debora Fino, Guido Saracco, Nunzio Russo

POLITECNICO DI TORINO Debora Fino, Guido Saracco, Nunzio Russo Spett.: Ecoservice Office S.r.l. C.F./P.I 01474030416, Borgo S. Maria n. 43, Pesaro c.a. Sig. G. Simoncelli Torino, 20/11/2006 Oggetto: Relazione finale attività svolte per Ecoservice Office S.r.l Introduzione

Dettagli

Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012)

Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012) CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012) 1) Bilanciare la seguente ossidoriduzione: KMnO 4 + H 2 O 2 + H 2 SO 4 MnSO 4 + K 2 SO 4 + O 2 + H

Dettagli

Conoscere l'arte per conservare l'arte:

Conoscere l'arte per conservare l'arte: Conoscere l'arte per conservare l'arte: Indagini diagnostiche per i Beni Culturali Le opere d'arte sono oggetti unici e irripetibili e come tali vanno trattate. Conoscerne le fenomenologie di degrado e

Dettagli

LA REVISIONE DEI METODI UFFICIALI DI ANALISI CHIMICHE DEL SUOLO: ASPETTI CHIMICI, AMBIENTALI ED INTERPRETAZIONE AGRONOMICA LA GRANULOMETRIA

LA REVISIONE DEI METODI UFFICIALI DI ANALISI CHIMICHE DEL SUOLO: ASPETTI CHIMICI, AMBIENTALI ED INTERPRETAZIONE AGRONOMICA LA GRANULOMETRIA ASSOCIAZIONE ITALIANA DEI LABORATORI PUBBLICI AGROCHIMICI SocietàItaliana di Scienza del Suolo LA REVISIONE DEI METODI UFFICIALI DI ANALISI CHIMICHE DEL SUOLO: ASPETTI CHIMICI, AMBIENTALI ED INTERPRETAZIONE

Dettagli

Capitolo n. 4 - Metodi elettrochimici

Capitolo n. 4 - Metodi elettrochimici Capitolo n. 4 - Metodi elettrochimici 4.3.1 - Conducibilità elettrica delle soluzioni La conduttimetria è una tecnica analitica basata sulla misura della conducibilità elettrica delle soluzioni elettrolitiche

Dettagli

Elettrolisi del solfato di rame

Elettrolisi del solfato di rame Elettrolisi del solfato di rame Calcolo dell equivalente equivalente elettrochimico del rame Calcolo del valore della carica elementare Un po di storia 1800 - Invenzione della pila di Volta 1807 - Davy,,

Dettagli

Produzione ed utilizzo dei carboni attivi

Produzione ed utilizzo dei carboni attivi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Scuola Politecnica e della Scienze di Base Tesi di Laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Dipartimento di Ingegneria Chimica, dei Materiali e della

Dettagli

La geologia per la ricerca el'utilizzo delle materie prime nel rispetto dell'ambiente

La geologia per la ricerca el'utilizzo delle materie prime nel rispetto dell'ambiente Raw Materials University day 6th December 2013 Sapienza University, Rome Sala del Chiostro Faculty of Civil and Industrial Engineering La geologia per la ricerca el'utilizzo delle materie prime nel rispetto

Dettagli

COMUNICAZIONE PER IL GEOFLUID PIACENZA 4 OTTOBRE 2000 CONSOLIDAMENTO E RECUPERO DI CEDIMENTI DI TERRENI COESIVI MEDIANTE ELETTROSMOSI

COMUNICAZIONE PER IL GEOFLUID PIACENZA 4 OTTOBRE 2000 CONSOLIDAMENTO E RECUPERO DI CEDIMENTI DI TERRENI COESIVI MEDIANTE ELETTROSMOSI 1 COMUNICAZIONE PER IL GEOFLUID PIACENZA 4 OTTOBRE 2000 CONSOLIDAMENTO E RECUPERO DI CEDIMENTI DI TERRENI COESIVI MEDIANTE ELETTROSMOSI CONSOLIDATION AND SUBSIDIND S RECOVERY IN COHESIVE SOILS BY ELECTROSMOSIS

Dettagli

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO 165 Introduzione Rispetto alle prove eseguite in laboratorio, quelle in sito presentano sia dei vantaggi che degli svantaggi. 1. Tra i vantaggi delle prove in sito di può dire che queste sono più rapide

Dettagli

Accenniamo brevemente ai vari tipi di frese meccanizzate, utilizzate in accordo con le caratteristiche geomeccaniche del mezzo da scavare.

Accenniamo brevemente ai vari tipi di frese meccanizzate, utilizzate in accordo con le caratteristiche geomeccaniche del mezzo da scavare. Articolo su tecnologia TBM per rivista GALLERIE EARTH PRESSURE BALANCE MACHINE Breve cenno sull utilizzo dello scudo meccanizzato a pressione bilanciata nello scavo delle gallerie e sulla funzione della

Dettagli

Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR

Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR Antonio D Alessio, Andrea D Anna Report RSE/29/97 Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente RICERCA

Dettagli

Giusto CEM II/B-LL 32,5 R

Giusto CEM II/B-LL 32,5 R Giusto CEM II/B-LL 32,5 R CEMENTO PER APPLICAZIONI STRUTTURALI Come si utilizza Giusto è un prodotto che si consiglia per la confezione di calcestruzzi con resistenza caratteristica inferiore a 30 C25/30

Dettagli

C. Airò Farulla *, M. Rosone *

C. Airò Farulla *, M. Rosone * Uniersità degli Studi di Palermo Meccanica dei Materiali e delle Strutture Vol. 4 (2014), no.1, pp. 13-30 ISSN: 2035-679X Dipartimento di Ingegneria Ciile, Ambientale, Aerospaziale, dei Materiali - DICAM

Dettagli

Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio,

Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio, Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio, quasi mai) si può parlare di H 2 O molecolare; piuttosto

Dettagli

Il calcestruzzo Auto-Riparante

Il calcestruzzo Auto-Riparante Il calcestruzzo Auto-Riparante Self-Healing Concrete Dr. Sandro Moro, Responsabile Laboratorio Tecnologico, BASF Construction Chemicals Italia Introduzione La necessità di utilizzare calcestruzzi più durevoli

Dettagli

Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi Infrastrutturali per l Agricoltura

Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi Infrastrutturali per l Agricoltura Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi Infrastrutturali per l Agricoltura 1 Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi

Dettagli

RADIOATTIVITÁ NEI MATERIALI DA COSTRUZIONE

RADIOATTIVITÁ NEI MATERIALI DA COSTRUZIONE PROGETTO CLUSTER: RADIOATTIVITÁ NEI MATERIALI DA COSTRUZIONE Piano di lavoro Soggetto attuatore: Sardegna Ricerche Sede locale Sulcis Iglesiente Soggetto esecutore: Dipartimenti di Fisica Università degli

Dettagli

ENERGIA DA BIOMASSA. sistemi di combustione e problematiche connesse Bologna 11 novembre 2011. Ing. Francesco Gallucci. Ing.

ENERGIA DA BIOMASSA. sistemi di combustione e problematiche connesse Bologna 11 novembre 2011. Ing. Francesco Gallucci. Ing. ENERGIA DA BIOMASSA sistemi di combustione e problematiche connesse Bologna 11 novembre 2011 Ing. Francesco Gallucci CRA-ING Monterotondo (RM) Ing. Fulvio Palmieri DIMI ROMA TRE Per informazioni, francesco.gallucci@entecra.it

Dettagli

Liceo Scientifico CORTINA D'AMPEZZO POLO SCOLASTICO VAL BOITE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

Liceo Scientifico CORTINA D'AMPEZZO POLO SCOLASTICO VAL BOITE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO: 2008/09 CLASSE: IV A MATERIA:Chimica Liceo Scientifico CORTINA D'AMPEZZO POLO SCOLASTICO VAL BOITE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DOCENTE: Benedet Giuseppe SITUAZIONE DI PARTENZA DELLA CLASSE NELLA

Dettagli

Campi di impiego per i prodotti della 5ª divisione PROBLEMA

Campi di impiego per i prodotti della 5ª divisione PROBLEMA Campi di impiego per i prodotti della 5ª divisione PROBLEMA II calcestruzzo è senza dubbio il materiale più usato in edilizia, grazie alla sua economicità, alla facilità e velocità della messa in opera,

Dettagli

Microstruttura e reologia del bitume Microstructure and rheology of bitumen

Microstruttura e reologia del bitume Microstructure and rheology of bitumen B. Hofko, R. Blab, L. Eberhardsteiner, J. Fussl, H. Grothe, F. Handle, M. Hospodka, D. Grossenger - Vienna University of Technology S. N. Nahar, A. J. M. Schmets, A. Scarpas - Delft University of Technology

Dettagli

Energia nelle reazioni chimiche. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti

Energia nelle reazioni chimiche. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti Energia nelle reazioni chimiche Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti VIDEO Introduzione (I) L energia chimica è dovuta al particolare arrangiamento degli atomi nei composti chimici e le varie forme di

Dettagli

VIPCLEAN Via Goretta 96/A Mappano di Caselle (TO) Tel 011.2207783 Fax 011.2207927 e- mail info@vipclean.it

VIPCLEAN Via Goretta 96/A Mappano di Caselle (TO) Tel 011.2207783 Fax 011.2207927 e- mail info@vipclean.it VIPCLEAN Via Goretta 96/A Mappano di Caselle (TO) Tel 011.2207783 Fax 011.2207927 e- mail info@vipclean.it INTRODUZIONE VIP Clean, acronimo di Very Important Purewater, è l'esclusiva ed innovativa linea

Dettagli

CURRICULUM. Dirigente di II fascia del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

CURRICULUM. Dirigente di II fascia del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti CURRICULUM Vincenzo Chieppa, ingegnere civile sez. idraulica, dottore di ricerca in ingegneria geotecnica, nato a Roma il 9/5/1962 dal 2008: Ministero delle infrastrutture e dei trasporti dirigente di

Dettagli

Analisi del ciclo produttivo e tipologie di residui prodotti

Analisi del ciclo produttivo e tipologie di residui prodotti CONSIDERAZIONI SULLA PRESENZA DI COMPOSTI DI ZINCO E RAME IN RIFIUTI COSTITUITI DA CENERI PESANTI DA TERMOVALORIZZATORE RSU. VALUTAZIONI SU CLASSE H8/H4. Analisi del ciclo produttivo e tipologie di residui

Dettagli

Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento:

Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: CONCENTRAZIONE DEGLI IONI IDROGENO (PH) E' la misura della quantità di ioni idrogeno presenti nell'acqua, e ne fornisce di conseguenza

Dettagli

GESTIONE E PRATICA DEI CANTIERI: SCHEMI DI LAVORAZIONE, ATTREZZATURE, LOGISTICA, COSTI E PRODUZIONE

GESTIONE E PRATICA DEI CANTIERI: SCHEMI DI LAVORAZIONE, ATTREZZATURE, LOGISTICA, COSTI E PRODUZIONE GESTIONE E PRATICA DEI CANTIERI: SCHEMI DI LAVORAZIONE, ATTREZZATURE, LOGISTICA, COSTI E PRODUZIONE FASI DI LAVORAZIONE La tecnica di stabilizzazione delle terre si realizza attraverso 5 fasi, ognuna delle

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo. DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA, DELLA VITA E DELL AMBIENTE (DiSTeVA) TARIFFARIO

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo. DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA, DELLA VITA E DELL AMBIENTE (DiSTeVA) TARIFFARIO Università degli Studi di Urbino Carlo Bo DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA, DELLA VITA E DELL AMBIENTE (DiSTeVA) TARIFFARIO In vigore dal 21 aprile 2011 1 ANALISI QUALITATIVE-QUANTITATIVE SU CAMPIONI

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI DEFINIZIONE DI VETRO LO STATO VETROSO È QUELLO DI UN SOLIDO BLOCCATO NELLA STRUTTURA DISORDINATA DI UN LIQUIDO (FASE AMORFA) SOLIDO:ORDINE A LUNGO RAGGIO

Dettagli

SAFE - SCUOLA DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI, ALIMENTARI ED AMBIENTALI

SAFE - SCUOLA DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI, ALIMENTARI ED AMBIENTALI Programma di insegnamento per l anno accademico 2013/2014 Programma dell insegnamento di IDRAULICA E SISTEMAZIONI IDRAULICO-FORESTALI (italiano) Course title: HYDRAULICS AND FORESTRY SOIL PROTECTION (inglese)

Dettagli

CONSIDERAZIONI SUI PROBLEMI LEGATI AI TERRENI DI FONDAZIONE COSTITUITI DA ARGILLE RIGONFIANTI

CONSIDERAZIONI SUI PROBLEMI LEGATI AI TERRENI DI FONDAZIONE COSTITUITI DA ARGILLE RIGONFIANTI Dott. ANGELO ANGELI geologo - Studio Geologia Tecnica Impresa Geotecnica Via Padre Genocchi n.222-angolo-via Dossetti 47521 CESENA Tel.0547-27682 Fax. 21128 P.IVA: 00163540404 - C.F.: NGL NGL 34D13 F139U

Dettagli

I fosfolipidi. Figura 3: tipica struttura di un fosfolipide. Schema 1. Struttura del fosfolipide POPE.

I fosfolipidi. Figura 3: tipica struttura di un fosfolipide. Schema 1. Struttura del fosfolipide POPE. Proprietà chimico-fisiche di modelli di sistemi biologici Materiale didattico per lo stage presso il laboratorio NanoBioLab Abstract L attività è basata sull utilizzo di tecniche sperimentali avanzate

Dettagli

Influenza dell esecuzione sul comportamento di solai in laterizio

Influenza dell esecuzione sul comportamento di solai in laterizio Renato Capozucca, Nicola Del Ciotto, Giorgio Zanarini Tecnologia Influenza dell esecuzione sul comportamento di solai in laterizio Nell articolo si presentano i risultati di un ricerca sperimentale condotta

Dettagli

LE MATERIE PRIME LE MATERIE PRIME PER PRODURRE CARTA. La carta è un prodotto costituito sostanze di carica minerali

LE MATERIE PRIME LE MATERIE PRIME PER PRODURRE CARTA. La carta è un prodotto costituito sostanze di carica minerali LE MATERIE PRIME PER PRODURRE CARTA La carta è un prodotto costituito fibre vegetali sostanze di carica minerali fibre lunghe, provenienti in massima parte da legni di resinoso (pino, abete, larice); fibre

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

ΔT<0 materie prime decomposizione e fusione vetro

ΔT<0 materie prime decomposizione e fusione vetro Fusione del vetro Produzione di vetro: per via chimica (Physical Vapour Deposition - PVD, Chemical Vapour Deposition - CVD) da soluzione (sol-gel) da polvere (sinterizzazione) da fuso ΔT>0 ΔT

Dettagli

COMUNE DI PRATO - PROGETTO ESECUTIVO -

COMUNE DI PRATO - PROGETTO ESECUTIVO - COMUNE DI PRATO Servizio Ambiente e Qualità dei Luoghi di Lavoro Via Manassei, 23-59100 PRATO Responsabile della ricerca: PROF. ARCH. GIUSEPPE A. CENTAURO Gruppo di ricerca: DOTT. ARCH. ROBERTO TAZIOLI

Dettagli

CHIEDI ALLA POLVERE. cosa può dire la diffrazione di raggi X. Isabella Natali Sora

CHIEDI ALLA POLVERE. cosa può dire la diffrazione di raggi X. Isabella Natali Sora CHIEDI ALLA POLVERE cosa può dire la diffrazione di raggi X Isabella Natali Sora Le tecniche di diffrazione Le tecniche basate sulla diffrazione di raggi X non sono distruttive e sono ampiamente applicate

Dettagli

Applicazioni di Ingegneria delle Superfici al settore mobile/elettrodomestico

Applicazioni di Ingegneria delle Superfici al settore mobile/elettrodomestico Applicazioni di Ingegneria delle Superfici al settore mobile/elettrodomestico Carlo Paternoster 1, Paolo Serenellini 2, Stefano Spigarelli 1, Raimondo Cecchini 1, Alberto Fabrizi 1, Massimo Pettinari 3

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

ELENCO DELLE PUBBLICAZIONI agg. Agosto 2014

ELENCO DELLE PUBBLICAZIONI agg. Agosto 2014 ELENCO DELLE PUBBLICAZIONI agg. Agosto 2014 TESI DI DOTTORATO [T1] Vassallo R. 2003. Comportamento di terreni costipati non saturi a piccole, medie e grandi deformazioni. Consorzio tra le Università di

Dettagli

Capitolo 3 ( Conoscenza base dei materiali ) Cemento

Capitolo 3 ( Conoscenza base dei materiali ) Cemento ... cenni storici: Solitamente Aspdin 1 è considerato come l inventore del cemento Portland (1824) ma questo cemento Aspdin non è stato prodotto a una temperatura alta abbastanza per essere il precursore

Dettagli

Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente

Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente Soluzioni Sistema Omogeneo (presenta le stesse proprietà in qualsiasi sua porzione) Monofasico Nella fase omogenea

Dettagli

PROTOCOLLO PER IL CAMPIONAMENTO DEI PARAMETRI FISICO-CHIMICI A SOSTEGNO DEGLI ELEMENTI BIOLOGICI NEI CORSI D ACQUA SUPERFICIALI

PROTOCOLLO PER IL CAMPIONAMENTO DEI PARAMETRI FISICO-CHIMICI A SOSTEGNO DEGLI ELEMENTI BIOLOGICI NEI CORSI D ACQUA SUPERFICIALI PROTOCOLLO PER IL CAMPIONAMENTO DEI PARAMETRI FISICO-CHIMICI A SOSTEGNO DEGLI ELEMENTI BIOLOGICI NEI CORSI D ACQUA SUPERFICIALI La realizzazione dei metodi per il campionamento e l analisi degli elementi

Dettagli

Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici

Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici 1. L Analisi di restrizione di frammenti o RFLP (Restriction Fragment Lenght Polymorphism) di DNA comporta lo studio delle dimensioni dei frammenti di DNA

Dettagli

L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione

L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione TECNICA L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione Solo conoscendo le frazioni e le trasformazioni dell azoto organico nel terreno è possibile risparmiare, rispettare l ambiente e nutrire al

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI Cos è un vetro? COS È UN VETRO? SOLIDO? LIQUIDO? ALTRO? GLI STATI DELLA MATERIA Volume specifico Liquido Vetro Tg CAMBIAMENTO DI VOLUME Tf Tf =TEMPERATURA

Dettagli

LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ

LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ Giovanni Dalerci, Rossella Bovolenta Università degli Studi di Genova Dipartimento

Dettagli

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE Sono solidi cristallini, di origine inorganica, caratterizzati da una precisa formula chimica. Una sostanza è un minerale se: si presenta come solido cristallino, cioè

Dettagli

Trattamenti delle acque primarie. Impianti Meccanici 1

Trattamenti delle acque primarie. Impianti Meccanici 1 Trattamenti delle acque primarie Impianti Meccanici 1 IMPUREZZE DELL ACQUA PRIMARIA Classificazione Per corpo idrico si intende una massa d acqua che presenti proprie caratteristiche idrologiche, fisiche,chimiche,

Dettagli

Iniezioni di consolidamento ed impermeabilizzazione con miscele cementizie microfini e miscele minerali

Iniezioni di consolidamento ed impermeabilizzazione con miscele cementizie microfini e miscele minerali Iniezioni di consolidamento ed impermeabilizzazione con miscele cementizie microfini e miscele minerali Si definisce iniezione l introduzione a pressione di un materiale in un terreno o in una struttura

Dettagli