INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO IN PARETI ROCCIOSE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO IN PARETI ROCCIOSE"

Transcript

1 1. ANALISI DELLA STABILITA DEL VERSANTE: - Inquadramento geomorfologico e stratigrafico; - rilievo geostrutturale; - caratteristiche geotecniche (classifica beniaski) e analisi di stabilità. 2. SCELTA DEL SISTEMA DI CONSOLIDAMENTO E SUA VERIFICA I sistemi attivi (tiranti attivi, reti in acciaio elastiche) sono dimensionabili e pretensionabili e, in base alle caratteristiche dei materiali che li compongono, possono acquisire un energia tale che, ridistribuita sul terreno/roccia, impedisca ogni forma di alterazione (erosione), movimento (frana) e distacco (crollo).evitano che un dissesto accada. I sistemi passivi, sia rigidi (valli, gabbionate, reti a maglia esagonale, reti rinforzate con funi, muri, pannelli di rete in fune d acciaio, terre rinforzate, barriere tradizionali, opere di ingegneria naturalistica) che elastici (barriere elastiche e deformabili, briglie in acciaio) servono a dissipare le energie scaturite a seguito dei dissesti ed a contenere i materiali di risulta.intervengono a dissesto avvenuto per mitigarne i danni.

2 INTERVENTI PASSIVI: Sono considerati quegli interventi che non incidono sulla genesi del distacco dei massi, ma che si limitano a controllarne la caduta, evitando così il rischio per le infrastrutture viarie e per gli utenti. Reti in aderenza Barriere paramassi Rilevati paramassi INTERVENTI ATTIVI: Vengono attuati interventi mirati ad impedire il movimento delle masse rocciose in zona di distacco mediante opere di consolidamento sulla superficie e nel sottosuolo o con l impiego di sovrastrutture di contenimento.agiscono quindi in modo diretto sulle cause che hanno determinato il fenomeno bloccandolo all origine. Reti armate, cioè rivestimenti costituiti da ancoraggi abbinati a reti metalliche di vario tipo (in funi e fili di acciaio). Rilevati paramassi

3 RAFFORZAMENTI CORTICALI: interventi che hanno la funzione di consolidare la parte corticale dell'ammasso roccioso e di contenere eventuali distacchi (tendenzialmente fino a 1-1,5 m3). Interventi che possono essere considerati a metà strada fra gli interventi passivi e quelli attivi. Per chiarezza occorre fare subito una netta distinzione tra un rivestimento corticale e la stabilità globale del fronte roccioso o della pendice: quest'ultimo aspetto, se la stabilità è il problema da risolvere, va affrontato con interventi profondi (soil nailing) ai quali si può sicuramente abbinare un "rivestimento", anch'esso peraltro costituito da un insieme di ancoraggi e reti/funi combinate tra di loro.

4 Tipo intervento Scopo Applicazioni tipiche A T T I V E Trincee - valli al piede della parete Barriere paramassi ad elevata dissipazione di energia Strutture paramassi di rete realizzata in sito reti in aderenza Intercettare massi di piccole e grandi dimensioni Intercettare massi di varie dimensioni Intercettare ed arrestare i massi in caduta Controllare la caduta dei massi consentendone l'accumulo al piede della parete Protezione di strade situate al piede di scarpate di scavo Protezione di strade e insediamenti al piede di pendii naturali Chiusura di colatoi Protezione di scarpate stradali e insediamenti anche in abbinamento, con trincee - vallo P A S S I V E Rafforzamenti corticali Soil nail Consolidamenti profondi con chiodi e tiranti Consolidare la parte corticale dell'ammasso e contenere in parete eventuali distacchi Stabilizzazione globale della pendice Stabilizzazione di corpi rocciosi di grande proporzione, singoli o in gruppo, caratterizzati da cinematismo noto Protezione di scarpate stradali e insediamenti Sistemazione di fronti di scavo Pendici rocciose naturali, fronti di scavo

5 1. ANALISI DELLA STABILITA DEL VERSANTE: - Inquadramento geomorfologico e stratigrafico; - rilievo geostrutturale; - caratteristiche geotecniche (classifica beniaski) e analisi di stabilità. 2. SCELTA DEL SISTEMA DI CONSOLIDAMENTO E SUA VERIFICA

6 Scopo del RILIEVO GEOSTRUTTURALE è quello di descrivere in modo analitico e quantitativo le discontinuità, cioè i piani di debolezza, all interno dell ammasso roccioso. Giacitura: l orientazione delle discontinuità è stata espressa in termini di inclinazione (angolo in gradi tra la direzione di massima pendenza del piano e l orizzontale) e di immersione (angolo in gradi misurato in senso orario compreso tra la direzione del nord magnetico e la proiezione sul piano orizzontale della linea di massima pendenza); Tipologia della discontinuità (giunti deposizionali, discontinuità di origine indefinita); Litologia: Spaziatura: la distanza media fra discontinuità isoorientate misurata nel senso ortogonale ai piani; Persistenza (K): rapporto tra le aree discontinue e l area totale lungo un piano di discontinuità; Resistenza a compressione delle pareti delle discontinuità: tale parametro è stato rilevato mediante Martello di Schmidt. Apertura: distanza misurata perpendicolarmente tra le pareti adiacenti di una discontinuità espressa in millimetri; Riempimento: (detrito di riempimento, vegetazione.); Presenza d acqua sul versante e sua provenienza.

7 CLASSIFICAZIONE DI BENIAWSKI (1973): Consente, in funzione del problema in esame (realizzazione di gallerie, di scavi, stabilizzazione di frane o realizzazione di fondazioni), di definire le proprietà meccaniche equivalenti di un ammasso roccioso fratturato. Tali proprietà vengono ricavate assegnando un peso relativo ai seguenti parametri: 1. resistenza a compressione uniassiale della roccia integra; 2. RQD (rock quality designation); 3. spaziatura e orientamento delle discontinuità esistenti nell ammasso; 4. condizione attuale (riempimento, rugosità, apertura...) delle discontinuità; 5. condizioni della falda.

8

9 CLASSIFICA DI BENIAWSKI

10 CLASSIFICA DI BENIAWSKI rating < 20 Class No. I II III IV V description Very good rock Good rock Fair rock Poor rock Very poor rock Cohesion (kpa) > < 100 Friction angle ( ) > < 15

11 1. ANALISI DELLA STABILITA DEL VERSANTE: - Inquadramento geomorfologico e stratigrafico; - rilievo geostrutturale; - caratteristiche geotecniche (classifica beniaski) e analisi di stabilità. 2. SCELTA DEL SISTEMA DI CONSOLIDAMENTO E SUA VERIFICA

12 1. DISGAGGIO E DEMOLIZIONI : Pulizia delle pareti rocciosa da porzioni di roccia instabili, demolizione di grossi massi tramite esplosivo o cemento espansivo. 2. RIVESTIMENTI CON RETI METALLICHE: Reti metalliche rinforzate od armate con chiodature e maglia di funi metalliche stesa fra gli ancoraggi; il tutto per il consolidamento sistematico delle pareti rocciose. 3. RIVESTIMENTI CON PANNELLI IN FUNI DI ACCIAIO: Rivestimento di elevata resistenza ottenuto dalla cucitura di più pannelli in fune d'acciaio opportunamente vincolati al versante con ancoraggi in barra d'acciaio o ancoraggi in fune d'acciaio. 4. CHIODATURE: Esecuzione di consolidamenti puntuali tramite chiodature passive in barra d'acciaio ed acciai speciali ad alta resistenza, tiranti attivi in trafolo o barra, tiranti in fibra. 5. BARRIERE PARAMASSI 6. INIEZIONI DI MISCELE CONSOLIDANTI

13 RIVESTIMENTI CON RETI METALLICHE

14 RIVESTIMENTI CON RETI METALLICHE 1) Fune di sostegno in sommità; 2) Reticolo di rinforzo a maglia romboidale 3) Teli di rete a doppia torsione 4) Fune di contenimento al piede

15 RIVESTIMENTI CON RETI METALLICHE

16 1. ancoraggio DYWIDAG in acciaio 2. ancoraggio in fune zincata con anima metallica 1 capo libero con redancia stampata 3. ancoraggio in fune zincata con anima metallica a 2 capi liberi con redancia stampata 4. ancoraggio in fune zincata spiroidale a 2 capi liberi con redancia fusa 5. ancoraggio in fune zincata con anima metallica a 2 capi liberi con redancia fusa 6. chiodo per ancoraggio in FE44K piegato e saldato 7. chiodo per ancoraggio in FE44K filettato 8. chiodo per ancoraggio in FE44K piegato 9. ancoraggio DYWIDAG a barre a filettatura continua in acciaio 10. ancoraggio DYWIDAG a barre a filettatura continua in acciaio

17 Reti semplici in aderenza (sistema passivo) Controllare la caduta dei massi consentendone l'accumulo al piede della parete Proteggere strade (o centri abitati) situate direttamente adiacenti al piede di scarpate di scavo o pendii naturali Contenere il distacco di piccoli elementi rocciosi in pendii soggetti ad alterazione e degrado della roccia per azione delle piante, dilatazione termica, vento, gelodisgelo, spinte idrostatiche, ecc. La rete in acciaio a doppia torsione è la soluzione ideale sia per la flessibilità in ogni direzione, sia per la capacità di evitare smagliature della rete in caso della rottura accidentale di qualche filo.

18 Rafforzamenti Corticali (sistema attivo) Evitare la genesi del distacco migliorando la stabilità superficiale della parete Consolidare e stabilizzare la parte corticale dell'ammasso roccioso Proteggere strade (o centri abitati, ecc.) situate direttamente adiacenti al piede di scarpate di scavo o pendii naturali Contenere il distacco di grandi elementi rocciosi in pendii soggetti ad alterazione e degrado della roccia per azione delle piante, dilatazione termica, vento, gelodisgelo, spinte idrostatiche, ecc. Maccaferri ha sviluppato Steelgrid, un nuovo tipo di rete a doppia torsione che prevede la tessitura di funi in acciaio all'interno della rete al momento della produzione, sviluppando un nuovo prodotto in grado di collocarsi a metà strada tra le reti rinforzate con funi e i rivestimenti corticali armati con pannelli in fune. Steelgrid MO (mono oriented) presenta le funi in acciaio inserite longitudinalmente al rotolo come filo di bordatura ed al centro del rotolo stesso.

19 Barre di ancoraggio Si tratta di elementi strutturali connessi al terreno o alla roccia che in esercizio sono sollecitati a trazione ma sono in grado di assorbire anche eventuali sollecitazioni taglianti. Si tratta quindi di tiranti particolari, i cui elementi caratteristici sono: -armatura costituita da una singola barra -lunghezza in genere limitata -impiego prevalente in roccia -solidarizzazione, di norma, per semplice cementazione. E possibile operare distinzioni in base alle modalità di applicazione degli sforzi di trazione (attivi e passivi) ed in base alla durata di esercizio (provvisori e permanenti).

20 Ancoraggi in parete Sono costituiti da barre di acciaio ancorate al terreno che entrano in carico a seguito dei movimenti dell ammasso. Generalmente la miscela impiegata per la solidarizzazione con il foro è una miscela cementizia (con un rapporto acqua /cemento di 0.35). La miscela viene iniettata mediante un tubo che viene immesso nel foro prima di inserire la barra.

21 Threadbar Anchor Type CCB <> domed anchor nut anchor plate sheathing threadbar grout spacer cast compression bodies anchor foot type of bar nominal diameter steel grade yield load ultimate load [mm] [N/mm 2 ] [kn] [kn] THREADBAR with right-hand thread /1050WR /1050WR /1050WR /1050WR /1050WR

22 Per ridurre il rischio associato al distacco di elementi lapidei da versanti rocciosi sono utilizzate due tipologie di intervento: Gli interventi attivi, che provvedono ad impedire il distacco degli elementi lapidei dal versante; e passivi, per intercettare, deviare o arrestare i massi in movimento. Le barriere paramassi a rete si collocano tra gli interventi di difesa passivi. Le barriere paramassi a rete possono ulteriormente poi suddividersi a loro volta in due categorie in base al loro comportamento durante l'impatto con gli elementi lapidei: - le barriere a ridotta deformabilità (anche dette "rigide") progettate e costruite per arrestare i blocchi con deformazioni ridotte (comportamento in campo prevalentemente elastico); - le barriere a grande deformabilità (generalmente definite "deformabili"), concepite e realizzate per assorbire l'energia cinetica posseduta dai massi in caduta in regime di grandi deformazioni.

23 Una barriera paramassi a rete è formata da uno o più elementi modulari affiancati. Ciascun modulo funzionale può considerarsi costituito da una struttura di intercettazione, da una struttura di supporto, da una struttura di collegamento e da una struttura di fondazione. - la struttura di intercettazione, costituita da reti di funi d'acciaio (con maglie di forma quadrata, romboidale o circolare), ha la funzione di sostenere direttamente l'impatto del masso; trasmettendo le sollecitazioni alle strutture di collegamento, di supporto e di fondazione. - la struttura di supporto, costituita da montanti in acciaio tubolari o in profilo aperto o chiuso, mantiene dispiegata la struttura di intercettazione; può essere a quest'ultima collegata direttamente ovvero tramite la struttura di collegamento.

24 - la struttura di collegamento, costituita da funi d'acciaio, è disposta sulla superficie di intercettazione e fuori dal piano di questa per riportare le sollecitazioni in fondazione. - le fondazioni, possono essere presenti, a seconda dei casi, piastre di base per i montanti, micropali di sottofondazione delle stesse (in caso di terreno sciolto), plinti in calcestruzzo, tirafondi, tiranti. Le funi sono sempre, com'è ovvio, collegate al terreno tramite ancoraggi.

25 Una corretta progettazione deve considerare che gli impatti ai quali è assoggettata l'opera di difesa nella realtà possono essere assai differenti da quello sperimentale.

26 BARRIERE PARAMASSI Le case costruttrici delle reti metalliche forniscono le energie cinetiche di assorbimento: - Classe 1 : Ec < 10kJ verticali - Classe 2 : 10 < Ec <15 kj - Classe 3 : 15 < Ec<50kJ - Classe 4 : 50 < Ec < 150 kj a sacco - Classe 5 : 150 < Ec <200 kj METODO PER LA VERIFICA STRUTTURALE DELLE BARRIERE (Peila, 1996) Il metodo presuppone l adozione di un urto di progetto sulla base del quale viene espressa la forza massima agente (F max ) e la deformata corrispondente ed effettua quindi una analisi statica per la quantificazione delle forze sui vari elementi strutturali.

27 METODO PER LA VERIFICA STRUTTURALE DELLE BARRIERE (Peila, 1996) - la direzione dell impatto è ortogonale alla barriera; - l azione della gravità, durante l impatto, non è considerata; - il masso non ha moto rotatorio; - la deformata di calcolo (d) è quella misurata nelle prove in sito; - la forza di calcolo è pari a 2,5 la forza media teorica; F max = (1/2) m v i2 /d - la barriera è composta da tre campate. F max =2.5 Fmedia L analisi statica permette di determinare le forze agenti sulle funi, sui montanti e in fondazione.

28 RILEVATI PARAMASSI IN TERRA RINFORZATA Vengono messi in opera a protezione di strutture ed infrastrutture di notevole estensione. Lo sviluppo longitudinale può superare il centinaio di metri con altezze di 6-8 m e larghezze di m alla base. Il vantaggio di questo tipo di opera è la più facile manutenzione ed il minor impatto ambientale. La capacità di assorbimento di energia cinetica è maggiore di 3000 kj.

29 INIEZIONI DI MISCELE CONSOLIDANTI Le miscele adottate in rocce fratturate sono generalmente costituite da miscele cementizie (sospensioni). Le sospensioni si comportano come un mezzo alla Binghamian. La penetrabilità di una miscela d iniezione è influenzata dalle sue proprietà reologiche (η= viscosità plastica, C= coesione o rigidità iniziale).

30 INIEZIONI DI MISCELE CONSOLIDANTI Il processo di penetrazione di una miscela sotto pressione all interno di una frattura dipende da molti fattori. (geometria delle aperture, estensione e loro interconnessione). (Lombardi, 1985) Nel modello teorico semplificato, la distanza raggiunta dalla miscela (R): R = (p t) /C L eccessiva pressione può provocare l apertura di altri giunti preesistenti (hydro-jacking) o la formazione di nuove fratture (hydro-fracturing).

31 INIEZIONI DI MISCELE CONSOLIDANTI E noto che limitare la pressione o rallentare il fenomeno di indurimento della miscela non sono sufficienti ad evitare fenomeni di hydro-jacking o hydro-fracturing. (Lombardi, 1993) Si definisce Grouting Intensity Number (GIN, Lombardi, 1993) il prodotto fra la pressione di iniezione P ed il volume V misurato ogni volta che si interrompe l iniezione e la portata si annulla. L intensità di iniezione è una stima dell energia immessa nell ammasso roccioso. Il GIN-value è un indicatore della distanza media raggiunta dalla miscela (è proporzionale alla distanza al cubo)

32 INIEZIONI DI MISCELE CONSOLIDANTI Metodo GIN Il progetto dell iniezione prevede la definizione di : -P max = massima pressione d iniezione; -V max = massimo volume da iniettare; - GIN= massima intensità. Zona con pericolo di idrofratturazione

33 INIEZIONI DI MISCELE CONSOLIDANTI Metodo GIN Si nota che ciascuna distanza R corrisponde ad un determinato valore GIN indipendentemente dall apertura del giunto. Esempio di iniezione in una singola discontinuità. e = apertura del giunto; R = distanza raggiunta dalla miscela.

34 INIEZIONI DI MISCELE CONSOLIDANTI Metodo GIN

35 INIEZIONI DI MISCELE CONSOLIDANTI Metodo GIN Caratteristiche del metodo: - si fa uso di una sola miscela; - si registrano i valori della pressione, della portata e del volume iniettato. Vengono tenute sotto controllo due curve: - una esprime l energia spesa per l iniezione (proporzionale al prodotto P V, chiamato GIN); - una esprime la portata specifica Q/P in funzione del tempo e del volume iniettato; - l iniezione termina quando la curva di iniezione (2) interseca il bordo del campo definito dal GIN, da P max e V max.

36 L ESEMPIO DEL COSTONE DI CAPRI

37 L ESEMPIO DEL COSTONE DI CAPRI

38 L ESEMPIO DEL COSTONE DI CAPRI

39 L ESEMPIO DEL COSTONE DI CAPRI

40 L ESEMPIO DEL COSTONE DI CAPRI Geogriglia ancorata Copertura materiali sciolti Costone calcareo Rete metallica a doppia torsione fissata con ancoraggi di acciaio.

41 L ESEMPIO DEL COSTONE DI CAPRI Sistemazione del ciglio superiore Si ipotizzano meccanismi di scivolamento superficiali che, per la loro conformazione morfologica ed il ridotto spessore, ben si prestano ad essere interpretati con il metodo del pendio indefinito. Dimensionamento degli ancoraggi D h P C α A C b i/2 B

42 L ESEMPIO DEL COSTONE DI CAPRI Sistemazione del ciglio superiore Dimensionamento degli ancoraggi D h A P C b i/2 C α B Si ipotizza ancoraggi disposti con una maglia quadrata (i i). FS = C b cosα + ( P cosα ) tanφ P( senα + k cosα ) h P: peso del blocco di terreno ABCD nell intorno del singolo ancoraggio (P=γ h i 2 ); h: profondità della superficie di scorrimento analizzata; α: inclinazione del pendio e della superficie di scorrimento; φ: angolo di attrito del terreno (φ=35 ); γ: peso dell unità di volume del terreno (γ=15 kn/m3); C b : resistenza al taglio della barra (Cb=99.5 kn per barre di acciaio FeB44k di diametro 24 mm); k h : coefficiente sismico orizzontale (in questo caso, kh=0.04, perché secondo la nuova classificazione sismica nazionale Capri è definita zona di Terza Categoria).

43 L ESEMPIO DEL COSTONE DI CAPRI Sistemazione del ciglio superiore Imponendo un valore prefissato del coefficiente di sicurezza (FS = 1.5), è possibile ricavare il valore dell interasse i tra i singoli tiranti che lo soddisfi secondo la formula: i = γ h C cosα [( senα + k cosα ) FS cosα tanφ] h b Per garantire la profondità minima di ancoraggio nella roccia di base di 1.5 m, si prevedono quindi chiodi a lunghezza variabile in funzione dello spessore della coltre e della pendenza del ciglio. i (m) FS=1.5 h=1.5 m h=2.0 m h=3.0 m α ( )

44 L ESEMPIO DEL COSTONE DI CAPRI Sistemazione della parete sub-verticale - Chiodature puntuali; - Sistemazione in aderenza sulla parete calcarea di una rete metallica a doppia torsione zincata plastificata a maglia esagonale fissata al terreno con ancoraggi di acciaio tipo FEB 44K (diametro D=24 mm e resistenza allo snervamento pari a F yk = 440 N/mm 2 ), posizionati secondo una maglia quadrata (con interasse i pari a i v =i h =3.0 m).

45 L ESEMPIO DEL COSTONE DI CAPRI Sistemazione della parete sub-verticale Dimensionamento Chiodature puntuali Viene effettuato in funzione delle dimensioni dei blocchi da sostenere. Bisogna verificare sia che tali masse non superino con il loro peso la resistenza al taglio del chiodo (verifica al taglio del materiale costituente il chiodo), sia che il tratto di chiodo ancorato (Lc) sia tale da impedire lo sfilamento del chiodo stesso (verifica allo sfilamento all interfaccia elemento di rinforzo-roccia)

46 L ESEMPIO DEL COSTONE DI CAPRI Sistemazione della parete sub-verticale Dimensionamento Chiodature puntuali Viene effettuato in funzione delle dimensioni dei blocchi da sostenere. Bisogna verificare sia che tali masse non superino con il loro peso la resistenza al taglio del chiodo (verifica al taglio del materiale costituente il chiodo), sia che il tratto di chiodo ancorato (Lc) sia tale da impedire lo sfilamento del chiodo stesso (verifica allo sfilamento all interfaccia elemento di rinforzo-roccia) L c α s L b

47 L ESEMPIO DEL COSTONE DI CAPRI Sistemazione della parete sub-verticale Verifica a taglio Il contributo resistente a taglio (Cb) fornito dal singolo chiodo lungo un giunto dipende dalle caratteristiche geometriche e meccaniche del chiodo. C b =0.5 N u ; N u =A c F yk L c α L b N u = lo sforzo assiale ultimo per rottura a trazione della barra di acciaio; A c = area della barra; F yk = resistenza allo snervamento s FS = C b / T m = C b / P b P b = peso del masso P b *=P b (1+k v ) in presenza di sisma

48 L ESEMPIO DEL COSTONE DI CAPRI Sistemazione della parete sub-verticale FS = Cb / Tm = Cb / Pb Verifica a taglio: - Si Ipotizza di utilizzare barre di acciaio tipo Dywidag ø 26.5 ad alta resistenza con resistenza allo snervamento pari a F yk = 835 N/mm 2; si ottiene un contributo a taglio Cb=230 kn. - Si ipotizza un blocco parallelepipedo di volume L b L b s (con s=1 m). FS = C P b b = L 2 b C b s γ Verifica a taglio di 1 chiodo 12 FS Pb (t) Un masso di circa 7 t di peso ha un volume inferiore a 3 m 3. FS n C b = n chiodi P b

49 L ESEMPIO DEL COSTONE DI CAPRI Sistemazione della parete sub-verticale Verifica a sfilamento FS S = S ξ c P senα b D L c α -S è la superficie laterale del tratto connesso (pari al prodotto del perimetro del foro (D=100 mm) per la lunghezza del tratto ancorato Lc); - c è la coesione del terreno (pari a 200 kpa); - ξ un coefficiente riduttivo (in questo caso assunto pari a 0.5). - Pb è il peso del blocco che tende a sfilare il tirante; (in particolare si ipotizza un distacco di un masso di 4.0 m 3, e quindi Pb=9t); - α è l inclinazione del tirante sull orizzontale (10<α<20 ). P b s L b FS S = P b S ξ c [ senα ( 1+ k ) + K cosα ] v h In presenza di sisma

50 L ESEMPIO DEL COSTONE DI CAPRI Sistemazione della parete sub-verticale Verifica a sfilamento FS S = S ξ c P senα b D L c α P b L b s

51 L ESEMPIO DEL COSTONE DI CAPRI Sistemazione della parete sub-verticale Sistemazione in aderenza sulla parete calcarea di una rete metallica a doppia torsione zincata plastificata a maglia esagonale fissata al terreno con ancoraggi di acciaio tipo FEB 44K (diametro D=24 mm e resistenza allo snervamento pari a F yk = 440 N/mm 2 ), posizionati secondo una maglia quadrata (con interasse i pari a i v =i h =3.0 m). Rete a maglia esagonale α L=3.0 L b s P P P b /(2senα) Ancoraggi di acciaio FEB 44k P b /(2 senα) Figura 1: Rete metallica: schema di calcolo per distacco di un blocco dalla parete.

52 L ESEMPIO DEL COSTONE DI CAPRI Sistemazione della parete sub-verticale Dimensionamento degli ancoraggi della rete (in barra FEB 44K, diametro D=24 mm e interasse i=3 m) C T b FS = = m C P b br Verifica a taglio i h FS S = S ξ c P senα br Verifica a sfilamento i v P br = ¼ del peso del blocco di progetto

53 L ESEMPIO DEL COSTONE DI CAPRI Sistemazione della parete sub-verticale Verifica della rete lo scopo delle reti di protezione ancorate (rafforzamenti corticali) è duplice: innanzitutto, esse tendono a migliorare la connessione tra la parte fessurata superficiale di un versante in roccia e quella più integra in profondità; in secondo luogo, esse devono impedire la caduta massi al pari delle reti di protezione semplici non ancorate L=3.0 L b s P Rete a maglia esagonale Ancoraggi di acciaio FEB 44k Figura 1: Rete metallica: schema di calcolo per distacco di un blocco dalla parete. α P P b /(2 senα) P b /(2senα) La verifica più critica della rete deve essere fatta immaginando che essa debba essere in grado di sostenere il blocco di progetto (di volume pari a 4 m 3 e peso Pb=92 kn).

54 L ESEMPIO DEL COSTONE DI CAPRI Sistemazione della parete sub-verticale Si immagina in modo cautelativo che collaborino al sostegno solo i fili appartenenti ai lati superiore ed inferiore della rete circostante il masso (Nf =2 L/i). Evidentemente, per il modo in cui sono disposti i fili in queste reti, la sollecitazione in essi agente è massima proprio lungo il perimetro della massa considerata (quindi per L=L b ), pertanto, la verifica critica è quella relativa ad L=L b. Il coefficiente di sicurezza alla rottura del filo verticale della rete sarà pari al rapporto tra la massima tensione di trazione che tale filo può sopportare (σ max ) e lo stato tensionale σ in esso agente a causa del distacco del blocco. Rete a maglia esagonale FS = σ max σ L=3.0 L b s P α P P b /(2senα) Ancoraggi di acciaio FEB 44k P b /(2 senα) Figura 1: Rete metallica: schema di calcolo per distacco di un blocco dalla parete.

55 L ESEMPIO DEL COSTONE DI CAPRI Sistemazione della parete sub-verticale σ FS = max σ Pb N σ = = 2 senα A N A N i f i f L=3.0 L b s P Rete a maglia esagonale α P P b /(2senα) A i : sezione dei fili della maglia esagonale (diametro 2.7 mm); Ancoraggi di acciaio FEB 44k P b /(2 senα) P b : peso del blocco di dimensioni L b L b s (con s= spessore pari a 1 m); N f : numero di fili presenti lungo la direzione verticale (N f =2 L b /i); α: generica inclinazione del filo rispetto all orizzontale. FS alfa 40 alfa 60 σ max = resistenza a trazione della barra = 450 N/mm 2 ) L b (m)

Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO. (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207)

Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO. (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) OGGETTO: POS FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione

Dettagli

Dott. Ing. Francesca Santi PROVINCIA DI PRATO

Dott. Ing. Francesca Santi PROVINCIA DI PRATO PROVINCIA DI PRATO LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA DELLA PISTA CICLOPEDONALE PRATO- VAIANO NEL TRATTO A MONTE DELLA GALLERIA ESISTENTE IN LOCALITA CARTAIA E2 - RELAZIONE SPECIALISTICA DELLE STRUTTURE PRATO,

Dettagli

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO STUDIO DI GEOLOGIA ASSOCIATO -------------------------------------------------------------------------------------- oggetto: relazione geologico-tecnica per il progetto di consolidamento della Rupe di

Dettagli

Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA. Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli

Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA. Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli PROGETTO ESECUTIVO INTERVENTI CONSERVATIVI ED INTEGRATIVI ALLA BRENNERO E DEGLI INTERVENTI DI Anno 2003-2004 Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli

Dettagli

SISTEMA DI CONSOLIDAMENTO ATTIVO CON TELI DI RETE IN FILO

SISTEMA DI CONSOLIDAMENTO ATTIVO CON TELI DI RETE IN FILO INCOFIL Srl Via Degli Artigiani 52 ZI Pergine Valsugana (TN) SISTEMA DI CONSOLIDAMENTO ATTIVO CON TELI DI RETE IN FILO ISONET SYSTEM Mod. IS-A e IS-B Scheda tecnico-prestazionale Emissione: maggio 2007

Dettagli

CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO. NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008 Norme Tecniche per le costruzioni

CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO. NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008 Norme Tecniche per le costruzioni GENERALITA COMUNE DI PREDOSA Provincia di Alessandria CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO ZONA SISMICA: Zona 3 ai sensi dell OPCM 3274/2003 NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008

Dettagli

1 Relazione Generale sull Intervento...2. 2 Determinazione dei parametri geotecnici...2. 3 Normativa di riferimento...3. 4 Relazione sui materiali...

1 Relazione Generale sull Intervento...2. 2 Determinazione dei parametri geotecnici...2. 3 Normativa di riferimento...3. 4 Relazione sui materiali... 1 Relazione Generale sull Intervento... Determinazione dei parametri geotecnici... 3 Normativa di riferimento...3 4 Relazione sui materiali...3 5 Verifiche statiche...4 5.1 Formule di calcolo delle azioni...4

Dettagli

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati.

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati. 7. Pali UNITÀ I pali sono elementi strutturali utilizzati nelle opere di fondazione, nelle opere di contenimento della terra e dell acqua, negli interventi di miglioramento della stabilità dei pendii e

Dettagli

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma 1 Contenuti Metodologia di progettazione Valutazione della resistenza attuale (Capacità)

Dettagli

Interventi di tipo strutturale per la stabilizzazione dei pendii

Interventi di tipo strutturale per la stabilizzazione dei pendii Ciclo di Seminari Ricerca, Alta Formazione e Mitigazione del Rischio Idrogeologico in Calabria Interventi di tipo strutturale per la stabilizzazione dei pendii Prof. Ing. Enrico Conte La principale finalità

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA DELL AMMASSO ROCCIOSO

CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA DELL AMMASSO ROCCIOSO Dott. Claudio Depoli / 0343 20052 0343-21689 COMMITTENTE: Comune di VARENNA Provincia di Lecco PROGETTO: Costruzione di una nuova rotatoria all intersezione di viale Polvani con la strada provinciale 72

Dettagli

4 Azioni sulle costruzioni

4 Azioni sulle costruzioni 4 Azioni sulle costruzioni Classificazione delle azioni 1/2 Si definisce azione ogni causa o insieme di cause capace di indurre stati limite in una struttura. Si definisce sollecitazione ogni effetto interno

Dettagli

INTERVENTI DI STABILIZZAZIONE:

INTERVENTI DI STABILIZZAZIONE: COMUNE DI CAROLEI STATO DEI LUOGHI: In località Serrone si erge un imponente costone calcarenitico alla cui sommità è ubicata la proprietà Quintieri (V. planimetria allegata). Dalla parete esposta ad Est,

Dettagli

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 2/6 INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 5 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI TRAVE... 9 6 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI

Dettagli

LINEA FERROVIARIA GENOVA - LA SPEZIA MESSA IN SICUREZZA VERSANTE SOVRASTANTE FERMATA MANAROLA KM 78+692 (COMUNE DI RIOMAGGIORE)

LINEA FERROVIARIA GENOVA - LA SPEZIA MESSA IN SICUREZZA VERSANTE SOVRASTANTE FERMATA MANAROLA KM 78+692 (COMUNE DI RIOMAGGIORE) LINEA FERROVIARIA GENOVA - LA SPEZIA MESSA IN SICUREZZA VERSANTE SOVRASTANTE FERMATA MANAROLA KM 78+692 (COMUNE DI RIOMAGGIORE) INTRODUZIONE La parete rocciosa sovrastante la linea ferroviaria Genova -

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

Relazione calcolo struttura di supporto

Relazione calcolo struttura di supporto 1. PREMESSA La presente relazione di calcolo, è relativa al dimensionamento della struttura di supporto della barriera paramassi tipo, assumendo come valori di progetto, ipotetici valori delle azioni desunti

Dettagli

PALI TRIVELLATI CLASSICI 15

PALI TRIVELLATI CLASSICI 15 QUADERNO I Sistemi di fondazione PALI E MICROPALI Scheda N : PALI TRIVELLATI CLASSICI 15 1 Pali trivellati semplici La trivellazione è eseguita senza tubazione di sostegno delle pareti o con tubazione

Dettagli

www.unirock.it Documentazione fotografica lavori di consolidamento attivo e passivo di pareti rocciose

www.unirock.it Documentazione fotografica lavori di consolidamento attivo e passivo di pareti rocciose s 1 s www.unirock.it Documentazione fotografica lavori di consolidamento attivo e passivo di pareti rocciose 2 Ispezione da elicottero e con rocciatori per definire lo stato di suddivisione delle masse.

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

UTILIZZO DI STRUTTURE DI SOSTEGNO IN GABBIONI NELLE OPERE DI CONSOLIDAMENTO DEI TERRENI E NELL INGEGNERIA NATURALISTICA:

UTILIZZO DI STRUTTURE DI SOSTEGNO IN GABBIONI NELLE OPERE DI CONSOLIDAMENTO DEI TERRENI E NELL INGEGNERIA NATURALISTICA: UTILIZZO DI STRUTTURE DI SOSTEGNO IN GABBIONI NELLE OPERE DI CONSOLIDAMENTO DEI TERRENI E NELL INGEGNERIA NATURALISTICA: CARATTERISTICHE CAMPI DI APPLICAZIONE POTENZIALITA Dott. Geol. Massimo Salmi Ufficio

Dettagli

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE...

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... INDICE GENERALE PREMESSA... 1 OGGETTO... 2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI... 2.2 STATI LIMITE... 2.2.1 Stati Limite Ultimi (SLU)... 2.2.2 Stati Limite di Esercizio (SLE)...

Dettagli

Tecco stabilizza i pendii, impedisce le fuoriuscite di materiale e si mimetizza nella natura.

Tecco stabilizza i pendii, impedisce le fuoriuscite di materiale e si mimetizza nella natura. Tecco stabilizza i pendii, impedisce le fuoriuscite di materiale e si mimetizza nella natura. La rete Tecco in acciaio ad alta resistenza è una soluzione innovativa per le opere di contenimento ed è una

Dettagli

Generalità sui provvedimenti tecnici

Generalità sui provvedimenti tecnici 14 Problemi Strutturali dei Monumenti e dell Edilizia Storica Immagini lezioni 2012 Generalità sui provvedimenti tecnici fuori piano arch. Mariateresa Guadagnuolo 1 Sintesi schematica di dissesti da sisma

Dettagli

Le unioni. modulo D L acciaio. Unioni con chiodi

Le unioni. modulo D L acciaio. Unioni con chiodi 1 Le unioni Le unioni hanno la funzione di collegare i vari elementi strutturali per formare la struttura, oppure, se questa è di grandi dimensioni, di realizzare in officina i componenti principali che

Dettagli

STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2

STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2 STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2 I SISTEMI DI CONNESSIONE Tipologie di connettori Calcolo della sollecitazione nei connettori Connettori a totale ripristino di resistenza Connettori a parziale ripristino

Dettagli

Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it

Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it Università degli Studi di Cassino Progettazione Sostenibile bl di Strutture tt Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it

Dettagli

UNI EN 795: Protezione contro le cadute dall alto. Requisiti e prove dei dispositivi di ancoraggio

UNI EN 795: Protezione contro le cadute dall alto. Requisiti e prove dei dispositivi di ancoraggio UNI EN 795: Protezione contro le cadute dall alto. Requisiti e prove dei dispositivi di ancoraggio Ing. Salvatore LEANZA 22 Giugno 2012 - Fondazione Ordine degli Ingegneri - Catania UNI EN 795:2002 TITOLO

Dettagli

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI IL PROBLEMA DELLO SFONDELLAMENTO DEI SOLAI Con il termine sfondellame nto dei solai si indica la rottura e il distacco delle cartelle d intradosso delle pignatte (chiamate fondelle)

Dettagli

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE CORSO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI I ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE PROF. ING. BRUNO PALAZZO Prof. Bruno Palazzo - TIPOLOGIE: PALIFICATE Le fondazioni indirette sono un opzione quando:

Dettagli

ALL.9 - ANALISI PREZZI

ALL.9 - ANALISI PREZZI AP_01 muro rivestito prefabbricato c.re MURO DI SOSTEGNO IN C.A. voce a misura MURO DI SOSTEGNO IN C.A. Realizzato con Pannelli PREFABBRICATI rivestiti con pietra di vario genere. Possono essere realizzate

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO DI MESSA IN SICUREZZA DELL ABITATO DI ESCARRA

PROGETTO DEFINITIVO DI MESSA IN SICUREZZA DELL ABITATO DI ESCARRA PREMESSA Con la normativa vigente in materia di Lavori Pubblici viene riconosciuta l importanza della conservazione della qualità edilizia nel tempo, attraverso l introduzione del piano di manutenzione

Dettagli

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc 10.10.8 Esempi di progetti e verifiche di generiche sezioni inflesse o presso-tensoinflesse in conglomerato armato (rettangolari piene, circolari piene e circolari cave) Si riportano, di seguito, alcuni

Dettagli

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a:

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a: (IMP) FOGNATURA Il tubo PE a.d. è particolarmente indicato per la realizzazione di impianti di scarico in edifici civili ed industriali, oppure in terreni particolarmente instabili dove altri materiali

Dettagli

SINTESI DELLA NORMATIVA ETAG EOTA

SINTESI DELLA NORMATIVA ETAG EOTA SINTESI DELLA NORMATIVA ETAG EOTA Scopo del presente documento è riassumere in modo conciso e, nello stesso tempo, completo e dettagliato, le indicazioni fornite nella norma EOTA circa le modalità di svolgimento

Dettagli

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l..

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l.. SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO ART S.r.l.. 1 Generalità... 1 2 Carichi massimi sui pali... 3 2.1 Pile... 3 2.2 Spalle...

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 BARRIERE PARAMASSI... 3 3 CONSOLIDATORI MONOANCORAGGIO... 4 4 GABBIONI... 6 5 MURI A SECCO... 7

1 PREMESSA... 2 2 BARRIERE PARAMASSI... 3 3 CONSOLIDATORI MONOANCORAGGIO... 4 4 GABBIONI... 6 5 MURI A SECCO... 7 1 PREMESSA... 2 2 BARRIERE PARAMASSI... 3 2.1 PRESTAZIONI... 3 2.2 CONTROLLI... 3 2.3 INTERVENTI DI MANUTENZIONE... 4 3 CONSOLIDATORI MONOANCORAGGIO... 4 3.1 PRESTAZIONI... 4 3.2 CONTROLLI... 4 3.3 INTERVENTI

Dettagli

LANDMARK. Il muro che abbatte le difficoltà. L a n d m a r k. s.p.a PER LE CASE E LE PIAZZE PIÙ BELLE D ITALIA

LANDMARK. Il muro che abbatte le difficoltà. L a n d m a r k. s.p.a PER LE CASE E LE PIAZZE PIÙ BELLE D ITALIA s i s t e m i v e r t i c a l i LANDMARK s.p.a PER LE CASE E LE PIAZZE PIÙ BELLE D ITALIA premessa L idea: la connessione positiva Un surplus tecnologico Landmark razionalizza la quantità di geogriglie

Dettagli

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3 INDICE 1. Premesse pag. 2 2. Regime normativo pag. 3 3. Plinto di fondazione torre faro pag. 4 3.1 Sollecitazione massime di calcolo pag. 4 3.2 Determinazione massimi sforzi sui pali pag. 4 3.3 Dimensionamento

Dettagli

Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana

Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana Strada Statale Valsesia, 20-13035 Lenta (VC), Tel. (+39) 331 2696084 segreteria@ingegneriasismicaitaliana.it www.ingegneriasismicaitaliana.it Connessioni dissipative

Dettagli

Ancoraggio delle barre d armatura nel calcestruzzo

Ancoraggio delle barre d armatura nel calcestruzzo Monografia A Ancoraggio delle barre d armatura nel calcestruzzo A.1 Introduzione 1 A.2 Aderenza 2 A.3 Lunghezza di ancoraggio 4 A.4 Parametri che influenzano l aderenza 5 A.5 Progettazione secondo la normativa

Dettagli

Arch. Giuliano Moscon SERVIZIO TECNICO ASSOCIATO COMUNI DI FONDO E MALOSCO

Arch. Giuliano Moscon SERVIZIO TECNICO ASSOCIATO COMUNI DI FONDO E MALOSCO COMUNE DI MALOSCO Provincia di Trento PROGETTO INTERVENTO DI SOMMA URGENZA RECUPERO E CONSOLIDAMENTO STRUTTURALE DEL MURO DI SOSTEGNO SU P.F. 666 C.C. MALOSCO I IN VIA MIRAVALLE. Relazione di calcolo COMMITTENTE

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Progetto strutturale di una trave rovescia Alle travi di fondazioni

Dettagli

Barriere paramassi rigide ed elastiche

Barriere paramassi rigide ed elastiche GeoStru Sotware www.geostru.com Barriere paramassi rigie e elastiche Le barriere paramassi a rete sono generalmente composte a una struttura intercettazione, a una struttura i sostegno, a una struttura

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

TITOLARITÀ DEGLI INTERVENTI

TITOLARITÀ DEGLI INTERVENTI All D PREMESSA Con la normativa vigente in materia di Lavori Pubblici viene riconosciuta l importanza della conservazione della qualità edilizia nel tempo, attraverso l introduzione del piano di manutenzione

Dettagli

Mitigazione del rischio frana

Mitigazione del rischio frana Mitigazione del rischio frana Interventi sul versante. Il percorso del progetto Relazione geologica Analisi e descrizione del fenomeno di instabilità Studio delle cause e del meccanismo franoso Relazione

Dettagli

Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale e orizzontale

Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale e orizzontale CORSO DI LAUREA QUINQUENNALE a.a. 2012/13 MATERIALI PER L'ARCHITETTURA Prof. Alberto De Capua Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale

Dettagli

PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO

PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO 1 LEZIONE COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO ARGOMENTI 1. Introduzione Presentazione del corso 2.

Dettagli

SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE

SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE rev. 02 del 08/11 1. INTRODUZIONE In questo documento vengono illustrati gli elementi principali che compongono il sistema costruttivo Emmedue. Rev. 02 del 08/11

Dettagli

Gabbionata in rete metallica zincata rinverdita 31

Gabbionata in rete metallica zincata rinverdita 31 SINONIMI Descrizione sintetica Gabbie in rete metallica zincata a doppia torsione e maglia esagonale, riempite in loco con pietrisco di pezzatura minima 15 cm, disposti a file parallele sovrapposte. Talee

Dettagli

Fondazioni a platea e su cordolo

Fondazioni a platea e su cordolo Fondazioni a platea e su cordolo Fondazione a platea massiccia Una volta normalmente impiegata per svariate tipologie di edifici, oggi la fondazione a platea massiccia viene quasi esclusivamente adottata

Dettagli

Applicazioni di utilizzo Le terre rinforzate possono essere utilizzate per vari scopi come si vede dagli esempi sotto riportati:

Applicazioni di utilizzo Le terre rinforzate possono essere utilizzate per vari scopi come si vede dagli esempi sotto riportati: Terre rinforzate Nella costruzione di strutture in terra per realizzare scarpate con angolo di inclinazione maggiore di quello permesso dal rilevato vengono utilizzate armature in strati orizzontali che

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE

PIANO DI MANUTENZIONE PIANO DI MANUTENZIONE OGGETTO DEI LAVORI: "Interventi di mitigazione del rischio frana e idrogeologico in ambito urbano - I stralcio funzionale" COMMITTENTE: Comune di Berchidda Documenti: I. Relazione

Dettagli

COMUNE DI SAMBUCA PISTOIESE

COMUNE DI SAMBUCA PISTOIESE COMUNE DI SAMBUCA PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA Progetto preliminare, definitivo, esecutivo relativo all intervento di ripristino della viabilità della strada comunale Lentula-Torri interrotta a seguito

Dettagli

Le piastre Precompresse

Le piastre Precompresse Corso di Progetto di Strutture POTENZA, a.a. 2012 2013 Le piastre Precompresse Dott. Marco VONA Scuola di Ingegneria, Università di Basilicata marco.vona@unibas.it http://www.unibas.it/utenti/vona/ PIASTRE

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CADUTA MASSI SULLA VIABILITA

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CADUTA MASSI SULLA VIABILITA D.I.C. - Sezione Georisorse e Ambiente Università di Trieste LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CADUTA MASSI SULLA VIABILITA Eugenio Castelli, Ph.D. Docente di Ingegneria e sicurezza degli scavi presso l Università

Dettagli

MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207)

MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) Comune di Marineo Provincia di Palermo PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) OGGETTO: Lavori di completamento ed adeguamento degli impianti sportivi siti nel

Dettagli

BOZZA. Materiale muratura e verifiche per carichi verticali. Luca Salvatori. Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale. Università di Firenze

BOZZA. Materiale muratura e verifiche per carichi verticali. Luca Salvatori. Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale. Università di Firenze BOZZA Materiale muratura e verifiche per carichi verticali Luca Salvatori Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università di Firenze Materiale Muratura 1 Il materiale muratura Materiale complesso

Dettagli

i problemi e le soluzioni Opere di sostegno a gravità Soluzioni per l ambiente

i problemi e le soluzioni Opere di sostegno a gravità Soluzioni per l ambiente O p e r e s t r a d a l i i problemi e le soluzioni Opere di sostegno a gravità Soluzioni per l ambiente Opere di sostegno a gravità in gabbioni Nella letteratura tecnica si definisce struttura di sostegno

Dettagli

REALIZZAZIONE DI OPERE IN CEMENTO ARMATO CON TUBI IN GFRP TIPO ROCKWORM

REALIZZAZIONE DI OPERE IN CEMENTO ARMATO CON TUBI IN GFRP TIPO ROCKWORM REALIZZAZIONE DI OPERE IN CEMENTO ARMATO CON TUBI IN GFRP TIPO ROCKWORM 1 1. Premessa La presente relazione ha per oggetto lo studio delle strutture in cemento armato in cui il rinforzo interno, anzichè

Dettagli

Superficie di RETE METALLICA A DOPPIA TORSIONE. scorrimento potenziale Biostuoia O BIORETE. Chiodature

Superficie di RETE METALLICA A DOPPIA TORSIONE. scorrimento potenziale Biostuoia O BIORETE. Chiodature Approccio qualitativo per la definizione delle soluzioni integrate a protezione e rinverdimento di versanti stradali in erosione: Nuove soluzioni e ruolo della vegetazione Massimo Salmi Responsabile Ufficio

Dettagli

Grazie ai mezzi maneggevoli, si possono produrre pali inclinati in quasi ogni inclinazione e direzione.

Grazie ai mezzi maneggevoli, si possono produrre pali inclinati in quasi ogni inclinazione e direzione. Battitura di pali duttili Generalità: Grazie agli escavatori idraulici leggeri e maneggevoli, i lavori per fondazioni di pali possono essere eseguiti anche in condizioni difficili oppure quando lo spazio

Dettagli

TAVOLA TECNICA SUGLI SCAVI. Art. 100 comma 1 del D. Lgs. 81/2008

TAVOLA TECNICA SUGLI SCAVI. Art. 100 comma 1 del D. Lgs. 81/2008 TAVOLA TECNICA SUGLI SCAVI Art. 100 comma 1 del D. Lgs. 81/2008 D. Lgs. 81/2008: Art. 100 Piano di Sicurezza e Coordinamento comma 1: il Piano di Sicurezza e Coordinamento è corredato..da una tavola tecnica

Dettagli

Flessione orizzontale

Flessione orizzontale Flessione orizzontale Presso-flessione fuori piano Presso-flessione fuori piano Funzione dei rinforzi FRP nel piano trasmissione di sforzi di trazione all interno di singoli elementi strutturali o tra

Dettagli

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi Incontro di aggiornamento Edifici antisismici in calcestruzzo armato Aspetti strutturali e geotecnici secondo le NTC08 1 Esame visivo della struttura Orizzonte Hotel, Acireale 16-17 dicembre 2010 Aurelio

Dettagli

Azioni interne (definizione di tensione o sforzo)

Azioni interne (definizione di tensione o sforzo) 18/05/011 ES. Sforzo Una barra di acciaio AISI 304 a sezione tonda, di diametro pari a 10 mm, deve sorreggere una massa di t. Qual è lo sforzo a cui è soggetta la barra? Cosa accade se vengono aggiunti

Dettagli

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO PREMESSA DELLO STUDIO ESEGUITO L edificio oggetto d intervento (fig.1) è situato nel Comune di Vittoria in Provincia di Ragusa. Si tratta di un edificio esistente con struttura portante mista, telai in

Dettagli

Piano generale di utilizzazione delle acque pubbliche

Piano generale di utilizzazione delle acque pubbliche D: Opere speciali Nelle opere speciali rientrano tutte quelle tipologie di opere che non appartengono specificatamente a categorie di intervento quali sistemazioni d alveo o di versante. Sono particolari

Dettagli

Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti

Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti FONDAZIONI SU PALI Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti Si ricorre a fondazioni su pali quando:

Dettagli

Gli edifici in c.a. Prof. Ing. Aurelio Ghersi Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Catania

Gli edifici in c.a. Prof. Ing. Aurelio Ghersi Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Catania Gli edifici in c.a. Prof. Ing. Aurelio Ghersi Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Catania Il controllo della progettazione: i compiti del collaudatore. Forum della Tecnica delle

Dettagli

Università degli studi di Napoli Federico II

Università degli studi di Napoli Federico II Università degli studi di Napoli Federico II Scuola Politecnica e delle scienze di base Corso di Laurea Triennale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile ed

Dettagli

SP 97 DI CINZANO LAVORI PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLA SEDE STRADALE AL KM 10+700 IN COMUNE DI CINZANO INTERVENTO DEFINITIVO

SP 97 DI CINZANO LAVORI PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLA SEDE STRADALE AL KM 10+700 IN COMUNE DI CINZANO INTERVENTO DEFINITIVO SP 97 DI CINZANO LAVORI PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLA SEDE STRADALE AL KM 10+700 IN COMUNE DI CINZANO INTERVENTO DEFINITIVO VARIANTE IN CORSO D OPERA RELAZIONE DI CALCOLO VR010A - Relazione di calcolo.doc

Dettagli

MANUALE DI MANUTENZIONE

MANUALE DI MANUTENZIONE Comune di Lavello Provincia di Potenza PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE DI MANUTENZIONE (Articolo 38 D.P.R. 207/10) OGGETTO: Lavori di consolidamento a valle del fabbricato della Protezione Civile COMMITTENTE:

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

CALCOLO TEORICO DELLE CONNESSIONI

CALCOLO TEORICO DELLE CONNESSIONI CALCOLO TEORICO DELLE CONNESSIONI Relatore: INDICE: Connettori metallici a gambo cilindrico alle tensioni ammissibili Approccio di calcolo agli stati limite - Teoria di Johansen - Formule proposte dalle

Dettagli

RESISTENZA DEI MATERIALI TEST

RESISTENZA DEI MATERIALI TEST RESISTENZA DEI MATERIALI TEST 1. Nello studio della resistenza dei materiali, i corpi: a) sono tali per cui esiste sempre una proporzionalità diretta tra sollecitazione e deformazione b) sono considerati

Dettagli

11. Criteri di analisi e di verifica

11. Criteri di analisi e di verifica 11. Criteri di analisi e di verifica Il progetto dell edificio esistente riflette naturalmente lo stato delle conoscenze al tempo della costruzione e può contenere difetti di impostazione e di realizzazione,

Dettagli

FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI

FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI 1.0 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DEI PALI Il dimensionamento dei pali viene eseguito tenendo conto dei criteri appresso riportati. a) Inizialmente vengono determinati i carichi

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

Le opere di sostegno dei fronti di scavo

Le opere di sostegno dei fronti di scavo a cura dello Studio Associato Pilati Le opere di sostegno dei fronti di scavo Inauguriamo una collaborazione editoriale con lo Studio Associato Pilati di Costabissara (Vi). Al centro degli interventi,

Dettagli

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco L evento sismico che ha colpito la città de L Aquila ha messo in evidenza le debolezze dei diversi sistemi costruttivi, soprattutto

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZION PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì OPERE DI SOSTEGNO I

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZION PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì OPERE DI SOSTEGNO I Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZION PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì OPERE DI SOSTEGNO I AGGIORNAMENTO 24/01/2015 OPERE DI SOSTEGNO Conoscenze Programma Abilità

Dettagli

Lezione 9 GEOTECNICA

Lezione 9 GEOTECNICA Lezione 9 GEOTECNICA Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it - Lezione 9 A. Fondazioni su pali: requisiti di progetto B. Tecnologie esecutive nella realizzazione dei pali C. Pali

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE (Lauree di primo livello D.M. 509/99 e D.M. 270/04 e Diploma Universitario) SEZIONE B - Prima

Dettagli

INDICE. 2 Quadro normativo di riferimento 4. 3 Caratterizzazione sismica del sito 5

INDICE. 2 Quadro normativo di riferimento 4. 3 Caratterizzazione sismica del sito 5 RELAZIONE SISMICA INDICE 1 Introduzione 3 Quadro normativo di riferimento 4 3 Caratterizzazione sismica del sito 5 3.1 Valutazione pericolosità sismica 5 3. Valutazione tempo di ritorno Tr 6 3..1 Periodo

Dettagli

ASPETTI DELLA PROGETTAZIONE STRUTTURALE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

ASPETTI DELLA PROGETTAZIONE STRUTTURALE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ASPETTI DELLA PROGETTAZIONE STRUTTURALE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Pescara 13 Aprile 2011 Relatore Dott. Ing. Maria Angelucci Fattori che influenzano la progettazione strutturale Caratteristiche del pannello

Dettagli

Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2

Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2 Indice Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2 A1.1 Relazione generale illustrativa dell opera... 2 A1.2 Normativa di riferimento... 3 A1.3 Descrizione del modello strutturale... 4 A1.4 Valutazione

Dettagli

MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO. Geol. Fabio Garbin

MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO. Geol. Fabio Garbin MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO Geol. Fabio Garbin Preparazione all Esame di Stato, Roma 8 aprile 2011 Riferimenti Normativi essenziali D.M. 14.01.2009: Approvazione delle nuove Norme Tecniche sulle

Dettagli

Analisi sismica di edifici in muratura e misti

Analisi sismica di edifici in muratura e misti Analisi sismica di edifici in muratura e misti Parte 3 1 1. Verifiche meccanismi locali 2. Interventi locali (cerchiature, catene, rinforzo solai) 3. Collegamento 3Muri Axis VM per calcolo fondazioni ed

Dettagli

Via Emilia Ovest, 21/A 42048 Rubiera (R.E.) Tel. 0522/629909; fax. 626229 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 01207970359 C.F.

Via Emilia Ovest, 21/A 42048 Rubiera (R.E.) Tel. 0522/629909; fax. 626229 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 01207970359 C.F. Via Emilia Ovest, 1/A 4048 Rubiera (R.E.) Tel. 05/69909; fax. 669 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 0107970359 C.F. FLLPLA48L06I496U MONTANTE PER ANCORAGGIO DISPOSITIVI INDIVIDUALI CONTRO LA CADUTA DAI TETTI,

Dettagli

Normative di riferimento

Normative di riferimento Aztec Informatica CARL 9.0 Relazione di calcolo 1 RELAZIONE DI CALCOLO GEOTECNICO Normative di riferimento - Legge nr. 1086 del 05/11/1971. Norme per la disciplina delle opere in conglomerato cementizio,

Dettagli

TD13C. Betoncino strutturale di consolidamento e collaborazione statica

TD13C. Betoncino strutturale di consolidamento e collaborazione statica pag. 1 di 6 DESCRIZIONE è un betoncino pronto strutturale, reoplastico, antiritiro, ad alta resistenza meccanica, di calce idraulica naturale NHL 5 ed inerti selezionati. è ideale negli interventi di consolidamento,

Dettagli

1 PREMESSA 2 RIFERIMENTI LEGISLATIVI

1 PREMESSA 2 RIFERIMENTI LEGISLATIVI INDICE 1 PREMESSA 2 RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3 - DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI IN PROGETTO 4 BILANCIO DEI MATERIALI DI RISULTA 5 INDIVIDUAZIONE DELLE CAVE DI DEPOSITO 1 1 - PREMESSA La presente relazione

Dettagli

Palificazioni e Consolidamenti

Palificazioni e Consolidamenti Palificazioni e Consolidamenti PALI TRIVELLATI Pali trivellati a secco, incamiciati e con utilizzo di fanghi bentonitici/polimeri. PALI C.F.A. Pali ad elica continua C.F.A. PALI VIBROINFISSI Pali vibroinfissi,

Dettagli

SP 10 Padana Inferiore Intervento urgente di ricostruzione del viadotto al km 7+400 PROVINCIA DI TORINO

SP 10 Padana Inferiore Intervento urgente di ricostruzione del viadotto al km 7+400 PROVINCIA DI TORINO PROVINCIA DI TORINO INTERVENTO URGENTE DI RICOSTRUZIONE DEL VIADOTTO LUNGO LA S.P. 10 (EX S.R. 10) "PADANA INFERIORE" AL KM 7+400 RELAZIONE DI CALCOLO OPERE PROVVISIONALI R011A - Relazione di calcolo opere

Dettagli

TECCO sistema di consolidamento di versante

TECCO sistema di consolidamento di versante TECCO sistema di consolidamento di versante Il consolidamento di scarpate con il sistema flessibile TECCO per una soluzione verde, duratura, sicura e conveniente, che rappresenta un alternativa allo spritz

Dettagli

Le problematiche tecniche dei sistemi di installazione di impianti

Le problematiche tecniche dei sistemi di installazione di impianti Le problematiche tecniche dei sistemi di installazione di impianti Ing. Mariano Bruno www.hilti.it Seminario Tecnico Ordine degli Ingegneri della Provincia di Savona 18.09.2013 1 Agenda Introduzione La

Dettagli

12 PROGETTAZIONE. internet: www.isoplus.it

12 PROGETTAZIONE. internet: www.isoplus.it 12.1 Sistemi Bonded Tubo doppio 12.1.1 Generalità / Sistemi Bonded / Metodi di posa... 12 / 1-2 12.1.2 Prospetto dei vantaggi e degli svantaggi... 12 / 3 12.1.3 Lunghezze di installazione L max Tubo singolo...

Dettagli