CONSOLIDAMENTO FONDAZIONI CON RESINE ESPANDENTI E MICROPALI A PRESSIONE.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSOLIDAMENTO FONDAZIONI CON RESINE ESPANDENTI E MICROPALI A PRESSIONE. www.novatek.it"

Transcript

1 CONSOLIDAMENTO FONDAZIONI CON RESINE ESPANDENTI E MICROPALI A PRESSIONE

2 NOVATEK in europa GERMANIA AUSTRIA FRANCIA SPAGNA ITALIA Italia Spagna Francia Germania e Austria NOVATEK S.r.l. Via dell Artigianato, Bosco Chiesanuova Verona Tel Fax GEONOVATEK S.L. C/ Polvorín nº 5 B Paracuellos de Jarama (Madrid) Tel Fax: GEONOVATEK SARL Batiment Peps 2 rue Konrad Adenauer Beauvais Tel NOVATEK GmbH Fürstenrieder str. 279a München Tel: 089/ /

3 NOVATEK CONSOLIDAMENTO FONDAZIONI DA OLTRE 15 ANNI Novatek esegue interventi di consolidamento di fondazioni e pavimenti mediante l utilizzo di resine espandenti, micropali a pressione, minipali autoperforanti e pali in resina armata. Questi metodi sono stati appositamente studiati per essere poco invasivi e sono ampiamente collaudati e certificati. Il cedimento delle strutture di fondazione può provocare la formazione di crepe nei muri e, nei casi più gravi, l inclinazione degli edifici. Spesso accade anche che porte e finestre si chiudano a fatica per effetto dei movimenti del fabbricato o che i pavimenti sprofondino creando crepe e irregolarità nella planarità. Al verificarsi di un cedimento, al fine di evitare ulteriori danni al fabbricato, è necessario provvedere alla messa in sicurezza dell edificio rinforzando le fondazioni e aumentando la portanza del terreno. Al contrario degli interventi tradizionali, molto costosi e invasivi, che comportano quasi sempre la necessità di eseguire scavi ed opere in muratura, Novatek propone tecnologie all avanguardia. Le soluzioni proposte da Novatek permettono di risolvere velocemente e definitivamente i problemi di cedimento degli edifici civili e industriali e dei pavimenti. Novatek opera su tutto il territorio nazionale oltre che in Spagna, Francia, Austria e Germania.

4 Sopralluogo - particolare di fessurazioni sull esterno del edificio Sopralluogo - particolare di fessurazioni sull esterno del edificio Sopralluogo - particolare di monitoraggio cedimenti con fessurimetro Sopralluogo - fessurazioni visibili in facciata dell edificio Valutazione progettazione planimetria di intervento

5 valutazione DI UN INTERVENTO DI CONSOLIDAMENTO La valutazione di un intervento di consolidamento viene effettuata dall ufficio tecnico di Novatek dopo aver eseguito un sopralluogo preliminare nel corso del quale è consigliata la presenza di un tecnico di fiducia del committente. Per prima cosa è importante eseguire una attenta analisi del quadro fessurativo per determinare con precisione le dinamiche del cedimento. Segue la raccolta dei dati progettuali ed esecutivi relativi al fabbricato. In molti casi si rende necessario eseguire alcuni piccoli saggi per determinare profondità, larghezza e consistenza del piano fondale. Inoltre, è importantissimo acquisire le prove geologiche eseguite in sito per conoscere la caratterizzazione geotecnica del terreno di fondazione. Nel caso in cui tali indagini non fossero disponibili, dovranno essere commissionate ad un geologo, possibilmente del luogo. Spesso potrà essere opportuna una video ispezione e una mappatura dei sottoservizi. Nel corso di tale indagine sarà determinato il loro posizionamento e sarà verificata l integrità e funzionalità di condotte e tubazioni. Spesso, infatti, le perdite d acqua, causate dalla rottura di condotte, e il dilavamento del sottosuolo sono all origine dei cedimenti delle fondazioni e dei pavimenti. L ispezione e la mappatura preliminare consentono inoltre di ridurre al minimo il rischio di danneggiamento durante l intervento di consolidamento. Altre cause di cedimento possono essere le seguenti: Essiccazione del terreno dovuta a periodi di siccità; Presenza di alberi di alto fusto in prossimità dei fabbricati; Esecuzione di scavi in prossimità degli edifici; Presenza di terreni di riporto non sufficientemente costipati; Vibrazioni dovute al passaggio di veicoli o macchinari semoventi. Valutazione indagine e mappatura Valutazione risultanze prove geologiche Valutazione indagine penetrometrica

6 CONSOLIDAMENTO DI TERRENI RESINE ESPANDENTI Il consolidamento dei fabbricati mediante l utilizzo di resine espandenti HDR (Hight Density Resin) conduce a risultati di rilevante importanza: Consolidamento ed incremento della portanza e della rigidezza del terreno sottostante le fondazioni; Riempimento di cavità, fessurazioni e microvuoti eventualmente presenti; Ripristino della superficie di contatto tra terreno e fondazioni allo scopo di uniformare la distribuzione dei carichi; La fase esecutiva prevede la realizzazione di una serie di fori, aventi diametro variabile da 18 a 26 millimetri, che attraversano verticalmente la fondazione. L interasse tra un foro e l altro può variare da 80 centimetri ad un metro. In ogni foro viene inserito un tubo metallico attraverso il quale la resina viene iniettata allo stato liquido. Una volta iniettata a pressione nel terreno, la resina penetra le cavità, le fessurazioni ed i microvuoti presenti nel sottosuolo. Per reazione chimica il prodotto si espande passando dallo stato liquido a quello solido e crea uno strato sottofondale di elevata resistenza alla compressione. Le proprietà di reazione della resina garantiscono il suo confinamento evitando inutili dispersioni in zone limitrofe. Essa produce il riempimento delle cavità e il consolidamento del terreno fino a provocare il sollevamento della struttura soprastante. Tale sollevamento viene monitorato costantemente durante tutte le fasi dell intervento mediante un sensore laser applicato sul muro in elevazione. Le iniezioni vengono eseguite e testate una ad una al preciso scopo di creare una sovrapressione temporanea in ciascun punto di iniezione. In tal modo, per effetto della rigidezza della struttura soprastante e dell espansione della resina, si produce un sovraccarico temporaneo nella zona limitrofa al punto di iniezione. Aumentando puntualmente la pressione esercitata sul terreno, si giunge ad incrementare localmente lo stato di tensione e si innesca un processo di sopraconsolidazione che porta ad un potenziamento delle caratteristiche meccaniche del terreno stesso, soprattutto in termini di rigidezza. Per questo motivo il sollevamento dell edificio, anche se minimo, è garanzia del buon fine dell opera. Esecuzione dei fori alloggio delle cannette Fase di iniezione della resina

7 A seconda delle caratteristiche del terreno e della fondazione, possono essere utilizzati tre tipi di resina HDR: HDR1000 HDR300 STATICA HDR200 PAV DENSITÀ IN ESPANSIONE LIBERA kg/m³] 90 kg/m³] 45 kg/m³] COEFFICENTE DI ESPANSIONE 1:2 1:4 1:12 1:25 RESISTENZA A COMPRESSIONE MINIMA kpa 800 kpa 500 kpa TEMPO DI SEMISOLIDIFICAZIONE 3 s TEMPO DI REAZIONE DI ESPANSIONE > 30 s 40 s > 45 s FASI ESECUTIVE Iniezione singola di resina a libera diffusione 1 Esecuzione del foro passante la fondazione 2 Inserimento dei tubi di iniezione nel foro 3 Iniezione sotto il piano fondale di resina espandente 4 Taglio dei tubi di iniezione e chiusura del foro

8 CONSOLIDAMENTO DI TERRENI INIEZIONI MISTE SU PIù LIVELLI DI PROFONDITà Le iniezioni di resina espandente verticalmente sovrapposte si effettuano iniettando nel terreno, su più livelli di profondità, resine con grado d espansione, densità, resistenza alla compressione e proprietà meccaniche diverse a seconda delle necessità. Questa tecnologia è adatta per i casi in cui il terreno oggetto di consolidamento presenti scarsa portanza ed è particolarmente indicato per fabbricati aventi fondazioni disgregate, a sacco e in calcestruzzo non armato. L iniezione di resine espandenti su più livelli di profondità si esegue generalmente iniettando nel primo livello, posto sull interfaccia terreno-fondazione, una resina ad elevata densità (HDR1000), con un coefficiente di espansione molto basso, generalmente 1:4, ed un tempo di reazione di circa 30 secondi. L obiettivo dell iniezione di primo livello è quello di uniformare la superficie di appoggio della fondazione sul terreno e di riaggregare gli elementi fondali eventualmente disgregati. L alta densità del materiale consente di avere resistenze alla compressione molto elevate proprio nei punti in cui la pressione sul terreno è maggiore. Più in profondità viene utilizzata la resina HDR300 STATICA, ultimo ritrovato dei nostri laboratori di ricerca e attualmente esclusiva Novatek. Questo tipo di resina, con coefficiente di espansione 1:12, ha la pregevole caratteristica di modificare in pochi secondi il proprio stato fisico, passando da liquida a gelatinosa-semisolida, per poi aumentare molto lentamente il proprio volume e infine giungere allo stato solido. Viene così trattato interamente il bulbo delle pressioni, vale a dire tutta la parte di terreno che riceve il carico dell edificio. La reazione d espansione peculiare della resina HDR300 STATICA, caratterizzata dal passaggio preliminare ad uno stato gelatinoso e successivamente dalla graduale espansione allo stato solido, combina il grande pregio di una lenta reazione di espansione, molto efficace nel consolidamento in profondità, alla caratteristica di non disperdersi, in modo da evitare sprechi e costi inutili. Fase di perforazione della fondazione Posa delle cannette per l iniezione in profondità Iniezione della resina espandente

9 FASI ESECUTIVE Iniezioni miste su più livelli 1 1 Esecuzione del foro passante la fondazione 2 Inserimento dei tubi di iniezione nel foro 3 Iniezione sotto il piano fondale di resina HDR Iniezione in profondità della resina HDR 300 statica 5 Taglio dei tubi di iniezione e chiusura del foro

10 LIFT & BLOCK resine espandenti e micropali a pressione, una combinazione perfetta! Lift & Block, tecnologia fiore all occhiello di Novatek, consiste nel consolidamento, realizzato con resine espandenti HDR, abbinato all arresto del cedimento, tramite la trasmissione dei carichi in profondità con micropali a pressione MP/60 in acciaio rullato. Grazie alla versatilità e al ridotto ingombro dei propri macchinari, Novatek può intervenire in spazi angusti e all interno degli edifici senza particolari disagi per il cliente. Di seguito si riportano le fasi esecutive dell intervento con la tecnica Lift & Block. La prima fase consiste nel consolidare il terreno appena sotto il piano fondale mediante iniezioni di resine espandenti, fino ad ottenere un sollevamento dell edificio. Tale sollevamento può essere limitato ad alcuni millimetri o, in taluni casi, può anche essere di molti centimetri. La seconda fase, immediatamente successiva alla prima, consiste nel bloccare la fondazione trasferendo in profondità il carico dell edificio mediante la posa a pressione di micropali di piccolo diametro in acciaio ad aderenza migliorata. Per la posa in opera dei micropali MP/60 in acciaio rullato vengono realizzati dei fori del diametro di 6 centimetri che attraversano verticalmente,o con direzione leggermente inclinata, la fondazione superficiale. La perforazione viene interrotta non appena si raggiunge il terreno sottostante precedentemente consolidato con le resine.

11 Gli elementi componenti il MICROPALO MP/60, ovvero profili tubolari in acciaio S355 con moduli di lunghezza omogenea, vengono infissi a pressione attraverso il foro precedentemente realizzato, senza alcuna asportazione di terreno, utilizzando come aggancio per il martinetto idraulico idonei tasselli fissati alla fondazione. I moduli a sezione tubolare che costituiscono il micropalo MP/60 vengono posti in opera in sequenza, fissandoli gli uni agli altri mediante filetto conico. Il martinetto idraulico utilizzato per la posa in opera degli MP/60 è dotato di un manometro che permette di leggere la pressione esercitata durante l infissione di ogni singolo modulo nel terreno e conseguentemente di testare singolarmente la portata di ciascun micropalo. Quando il micropalo incontra una formazione stratigrafica che gli permette di resistere a una forza di infissione di circa tonnellate, il martinetto viene rimosso e il MICROPALO MP/60 viene cementato internamente e definitivamente alla fondazione mediante colata di uno speciale cemento per inghisaggi ad alta resistenza tipo Emaco S55. Fase di carotaggio della fondazione Fase di carotaggio della fondazione Fase di infissione del palo MP/60 Prova di portata con cella di carico (22,7 Ton)

12 MICROPALO MP/60 DESCRIZIONE TECNICA I micropali MP/60 ad aderenza migliorata sono costituiti da acciaio S355 (tensione di snervamento: 355 MPa; tensione a rottura: 510 MPa). Essi sono composti da tubi giuntabili generalmente della lunghezza di un metro. Il diametro dei tubi è di 61 mm con uno spessore di 8 mm. La giunzione dei diversi moduli avviene mediante filetto conico. All estremità inferiore, per una lunghezza di 28 mm, la sezione viene ridotta e filettata esternamente; all estremità superiore, invece, viene realizzata la filettatura conica, per una lunghezza di 28 mm, sulla superficie interna del tubo. Grazie a questo tipo di giunzione le estremità opposte dei moduli vengono progressivamente avvitate l una all altra, dando continuità al corpo del palo. Tale tipo di innesto, oltre ad assicurare il fissaggio solidale dei moduli, permette di rendere il più possibile continua la scabrezza sulla superficie esterna del palo. Il processo di rullatura esterno (a filetti trapezoidali) conferisce un maggiore coefficiente di attrito su tutta la lunghezza del palo che, una volta infisso nel terreno, aumenta considerevolmente la sua aderenza per attrito (resistenza) laterale. La rullatura è una tecnica di finitura che si esegue con corpi rotolanti, non produce trucioli e non prevede l asportazione dell acciaio. Dal momento che il materiale viene modellato plasticamente, portandolo a seguire i contorni della finitura, si ottiene un miglioramento delle caratteristiche tecniche. Infatti, si ha un aumento della resistenza a trazione, della resistenza a torsione e della resistenza a fatica. Il micropalo viene infisso a pressione sotto le fondazioni, senza asportazione di terreno, grazie all utilizzo di martinetti idraulici montati su macchinari di ingombro limitato. Una volta completata l infissione, viene eseguita la connessione della testa del micropalo con la fondazione tramite ausilio di una malta cementizia espansiva per ancoraggi di precisione tipo Emaco S55 con colata della stessa nel cilindro di perforazione e conseguente interposizione tra le pareti del cls e il palo stesso. Dati geometrici del micropalo a pressione standard Lunghezza del singolo modulo: 1 m Diametro esterno: 61,2 mm Spessore: 8,0 mm Passo della rullatura: 2,8 mm Incremento della superficie laterale di circa il 46% rispetto ad un palo delle stesse dimensioni non rullato. Particolare della filettatura e rullatura del micropalo MP/60

13

14 LIFT & BLOCK NEL DETTAGLIO FASI ESECUTIVE Infissione di micropali MP/ Esecuzione dei fori passanti la fondazione per le iniezioni di resina HDR 2 Posizionamento dei tubi di iniezione in metallo 3 Iniezione della resina espandente con riempimento delle cavità e compattazione del terreno 4 Esecuzione dei fori alloggio dei micropali 5 Infissione dei micropali, attraverso i fori in fondazione, con giunzioni progressive dei moduli di MP/60 6 Raggiungimento della profondità d infissione tale da raggiungere la pressione d infissione di progetto 7 Ancoraggio della sommità del palo alla fondazione con speciali malte cementizie per inghisaggi

15

16 CONSOLIDAMENTO E SOLLEVAMENTO DI PAVIMENTAZIONI MEDIANTE INIEZIONI DI RESINE ESPANDENTI LE CAUSE DEL CEDIMENTO Il cedimento delle pavimentazioni civili e industriali è la diretta conseguenza del degrado delle caratteristiche meccaniche del terreno. Il cedimento di una pavimentazione può essere imputato ad una singola causa o a più cause concomitanti. Le principali sono le seguenti: L assestamento del terreno non sufficientemente compattato e costipato in fase di realizzazione; Il dilavamento, le variazioni del grado di saturazione (contenuto d acqua); Le vibrazioni ambientali dovute al movimento di mezzi o all esercizio di macchinari pesanti. I cedimenti del terreno danno origine ad abbassamenti e sprofondamenti del pavimento con relativa formazione di crepe ed irregolarità sulla superficie. LA SOLUZIONE Il consolidamento del terreno è di fondamentale importanza nella risoluzione definitiva del problema. Consolidare, in termini geotecnici, significa migliorare il comportamento meccanico del volume di terreno oggetto di un incremento di tensione dovuto all applicazione di un carico in superficie. Con il consolidamento del terreno si interviene direttamente alla radice del problema, evitando ulteriori e pericolosi cedimenti della pavimentazione che possono compromettere, in alcuni casi, l agibilità stessa dell edificio. La migliore soluzione per il consolidamento delle pavimentazioni è rappresentata dall iniezione di resina espandente HDR 200 PAV che permette il consolidamento, il sollevamento ed il ripristino della planarità delle pavimentazioni. In casi particolarmente difficili la tecnica mista resina-micropali rappresenta un connubio perfetto per risolvere i problemi di cedimento. Le resine permettono di consolidare lo strato di terreno sotto il pavimento, riempiendo eventuali cavità, comprimendo il terreno sottostante e sollevando la pavimentazione anche di cm, fino a ripristinarne perfettamente la planarità. I micropali, invece, consentono di trasferire il carico strutturale dagli strati di terreno superficiali a quelli più profondi, più resistenti e meno compressibili. La fase esecutiva prevede la realizzazione di appositi fori del diametro di circa 12/14 millimetri, posti ad una distanza di lavorazione prestabilita. Attraverso i fori passanti la pavimentazione vengono inseriti nel terreno dei tubi in acciaio di sezione ridotta per mezzo dei quali viene iniettata la resina. In fase di iniezione la resina HDR200 PAV è allo stato liquido e, spinta in pressione dalle pompe d iniezione, penetra nel terreno Pavimentazione trattata con resine e micropali Iniezione di resina su piazzale dell interporto Iniezione della resina con monitoraggio

17 in pochi secondi. Per reazione chimica essa espande aumentando il proprio volume e provoca il riempimento dei vuoti, la compressione del terreno, la stabilizzazione del sottosuolo, il sollevamento e livellamento della pavimentazione. Una volta espansa, la resina HDR200 PAV si solidifica formando uno strato uniforme e compatto al di sotto della pavimentazione esistente. Durante la fase di iniezione è operativo il monitoraggio continuo del sollevamento mediante strumentazione laser. Al termine delle iniezioni i tubi di iniezione vengono tagliati a livello del pavimento, che diventa immediatamente agibile, in quanto il processo di espansione e solidificazione della resina dura pochi minuti. FASI ESECUTIVE Sollevamento di pavimentazioni 1 Esecuzione del foro passante la pavimentazione 2 Inserimento del tubo di iniezione nel foro 3 Iniezione della resina sotto al pavimentazione 4 Taglio del tubo a livello della pavimentazione

18 Intervento con Micropali MP/60 su platea di fondazione appena realizzata Intervento con Micropali MP/60 sulla platea di fondazione di un silos Infissione MP/60 su platea Fase di iniezione della resina con ausilio di martinetti idraulici Infissione MP/60 su platea Prova di carico sul singolo Micropalo MP/60

19 Consolidamento PLATEE IN CEMENTO ARMATO CON I MIcroPALI MP/60 Le platee, come opere di fondazione superficiale, sono spesso realizzate in presenza di terreni dalle scadenti caratteristiche geotecniche. In fase di progettazione è necessario verificare attentamente le caratteristiche del terreno sul quale verrà realizzata la platea, in quanto questi tipi di fondazione ne coinvolgono un volume significativamente ampio, sia in superficie che in profondità. In presenza di carichi non uniformi o di stratigrafie non omogenee è possibile che si verifichino dei cedimenti differenziali tali da pregiudicare la funzionalità in esercizio dell edificio in elevazione. In questi casi l edificio, o il manufatto soprastante, sia esso un silos, un macchinario pesante, una piscina, una vasca di contenimento o altro, può inclinarsi in corrispondenza di un lato o di un angolo, provocando, nel migliore dei casi, un forte deprezzamento economico dell opera e, nei casi più gravi, rendendola inutilizzabile o inagibile. Questi gravi problemi sono facilmente risolvibili, con costi relativamente contenuti, se in fase di progettazione e realizzazione della platea vengono previsti e posti in opera i micropali a pressione MP/60. La tecnologia Novatek è applicabile anche a fabbricati e manufatti esistenti per risolvere problemi derivanti da cedimenti differenziali in atto. Nella maggior parte dei casi non è necessario trasferire in profondità l intero carico dell edificio, ma solamente la parte necessaria a migliorare le condizioni di esercizio della struttura, riportando i cedimenti differenziali a valori accettabili in relazione alla tipologia di fabbricato. Manometro per la misurazione della pressione di infissione Cantiere con altre imprese, operazioni di infissione dei micropali

20 MINIPALI AUTOPERFORANTI PER L ANCORAGGIO DELLA FONDAZIONE SU TERRENI COESIVI Perfetti per piccoli interventi che riguardano pavimentazioni, terrazze, garage e ampliamenti. DESCRIZIONE TECNOLOGIA Il minipalo autoperforante AP è costituito da un tubo in acciaio rullato. L infissione nel terreno avviene per mezzo di un rotoinfissore che avvita i minipali in profondità, sino al raggiungimento dello strato rigido prefissato, sfruttando lo strumento fino alla massima potenza. Al termine dell infissione il minipalo viene cementato alla fondazione mediante colata di speciali malte cementizie. I minipali autoperforanti sono utilizzati con ottimi risultati in terreni coesivi (argillosi e limosi) e nelle marne. La loro infissione risulta più laboriosa nei terreni granulari, nei quali è da preferirsi l utilizzo dei micropali a pressione MP/60 in acciaio rullato. L uso degli AP è indicato, inoltre, nei casi in cui non è possibile realizzare un valido ancoraggio alla fondazione. I minipali autoperforanti AP possono essere abbinati, cosi come i micropali a pressione MP/60, alle iniezioni di resine HDR. DESCRIZIONE ESECUTIVA L infissione avviene per mezzo di un rotoinfissore, perforando la fondazione esistente con fori di diametro 7 cm circa e avvitando successivamente i pali in profondità nel terreno, fino al raggiungimento dello strato rigido utile al trasferimento del carico strutturale. L infissione può essere eseguita verticalmente o anche con un inclinazione di qualche grado, a seconda delle esigenze del singolo cantiere. Ogni minipalo, caratterizzato da una particolare rullatura della superficie esterna, è dotato di punta a perdere che gli consente di attraversare gli strati litologici di maggiore resistenza, senza asportazione di terreno. L avanzamento del palo attraverso il terreno stesso è assimilabile a quello di una vite. Gli elementi hanno una lunghezza di circa 1,2 m e un diametro di 4,5 cm e vengono agganciati fra loro mediante un tirante filettato. La strumentazione utilizzata è montata su un piccolo mezzo cingolato facilmente manovrabile anche in spazi angusti. Al termine dell infissione il minipalo viene cementato alla fondazione mediante colata di speciali malte cementizie. Come per i micropali a presso-infissione, anche per gli AP, soprattutto in terreni coesivi, si verifica un incremento di resistenza nei giorni successivi rispetto alla posa in opera. Fase di rotoinfissione del Minipalo AP Prove di trazione Particolare del Minipalo Autoperforante AP

21 Rotoinfissione all interno di civile abitazione Minipali infissi pronti per la cementazione Rotoinfissione su pavimentazine industriale

22 PALI IN RESINA ARMATA PER IL TRASFERIMENTO DEL CARICO STRUTTURALE A PROFONDITà MAGGIORI DEL BULBO DELLE PRESSIONI Permettono di confinare le iniezioni, evitando inutili dispersioni di resina espandente, e di intervenire in spazi ristretti anche senza l utilizzo di mezzi cingolati o macchinari semoventi. DESCRIZIONE TECNOLOGIA Per l esecuzione dei pali in resina armata è prevista la realizzazione di fori, senza asportazione di terreno, all interno dei quali viene inserita un armatura in acciaio che costituisce l anima del palo. Successivamente rispetto alla posa dell armatura in acciaio, viene eseguita l iniezione di resina HDR nello spazio tra armatura e terreno confinato nel foro. L espansione nella cavità della resina HDR crea la struttura colonnare definitiva del palo, inglobando al proprio interno l armatura. L utilizzo dei micropali in resina armata si rende necessario per trasferire al substrato rigido parte del carico cui è soggetta la fondazione. La profondità massima raggiungibile con questa tecnica si attesta sui 5-6 m dal piano campagna. Questo tipo di intervento permette di raggiungere più obiettivi: Confinare le iniezioni di resine espandenti, evitando inutili dispersioni; Avere grande flessibilità d impiego, potendo eseguire la lavorazione in luoghi angusti e con scarsa altezza operativa (cantine, sottoscala, interrati), senza l utilizzo di alcun mezzo I pali in resina sono stati oggetto di numerose prove di carico, campi prove e test eseguiti in collaborazione con l Università di Parma. I risultati di tali ricerche sono descritti in numerosi articoli che, qualora ne venga fatta richiesta, Novatek sarà lieta di mettere a disposizione. Battente idraulico per la realizzazione del foro nel terreno Particolare del palo con armatura in acciaio Particolare della fase di cementazione finale

23 FASI ESECUTIVE Pali in resina armata Esecuzione di un foro del diametro di 7 cm passante la fondazione, realizzato con perforatori di piccole dimensioni; Esecuzione di un pre-foro nel terreno sottostante la fondazione, con l utilizzo di un battente idraulico, fino al raggiungimento dello strato di terreno idoneo al trasferimento del carico strutturale; Inserimento nel foro appena realizzato della barra in acciaio che costituirà l armatura del palo in resina; Iniezione di resina espandente internamente al palo e nello spazio tra armatura e terreno In fase di iniezione, una volta riempito il foro, la resina si espande verso l alto, formando sotto il piano di posa della fondazione uno strato di alcuni centimetri. La dilatazione della resina iniettata nel terreno su cui posa la fondazione, oltre alla compattazione del suolo e al riempimento dei vuoti, può determinare, se necessario, il sollevamento della struttura soprastante.

24

25

26

27

28 NOTE

29 NOTE

30

31

32 ONSOLIDAMENTO ONDAZIONI ON RESINE ESPANDENTI MICROPALI A PRESSIONE Novatek è sempre disponibile per ogni richiesta di informazione, sopralluogo e preventivo gratuito. Novatek Srl Via dell Artigianato, BOSCO CHIESANUOVA (VR) Tel Fax

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2 MIT-SE Plus 300 e 400 Ancorante Chimico Strutturale Vinilestere/Epossiacrilato certificato ETA/CE DESCRIZIONE Mungo MIT-SE Plus è un ancorante chimico strutturale ad alte prestazioni e rapido indurimento,

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 ISOLATORI ELASTOMERICI ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 INTRODUZIONE CERTIFICAZIONI Nel 1992 FIP Industriale ha ottenuto la certificazione CISQ-ICIM per il Sistema di Assicurazione Qualità in conformità

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6 Sistema FS Uno Istruzione di montaggio CONTENUTO Pagina 1 Generalità 2 2 Palificazione 3 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4 4 Elenco dei componenti 6 5 Rappresentazione esplosa del sistema

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni 1/58 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Corso di aggiornamento professionale Dott. Ing. Giulio Pandini IX Corso Università degli Studi di Bergamo - Facoltà di Ingegneria Dalmine 21 novembre

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo

Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo EDIZIONE 1 / Volume 1 Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo Sezione Blocchi e Pavimenti Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

ALLEGATO R ELENCO PREZZI

ALLEGATO R ELENCO PREZZI A r c h i t e t t o R i n a l d i n i E t t o r e R a v e n n a, V i a l e d e l l a L i r i c a n. 4 3 T e l 0 5 4 4 405979 F a x 0 5 4 4 272644 comm. part. Emissione Spec foglio di Mar2014 COMMITTENTE:

Dettagli

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica 1 Ambito operativo e inquadramento normativo Tenuto conto del rilevante impatto che gli eventi sismici,

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE N NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI elastico e resistenza a trazione, per il riempimento degli scavi effettuati nel

Dettagli

INDAGINI IN SITO CAPITOLO 12. 12.1 Programmazione delle indagini

INDAGINI IN SITO CAPITOLO 12. 12.1 Programmazione delle indagini CAPITOLO 12 12.1 Programmazione delle indagini Ogni opera di ingegneria civile interagisce con una parte del sottosuolo, detta volume significativo. Il comportamento dell opera dipende, oltre che dai carichi

Dettagli

I prodotti da ancoraggio e fissaggio. secondo le norme europee UNI EN 15o4-6 ed ETA (European Technical Approval)

I prodotti da ancoraggio e fissaggio. secondo le norme europee UNI EN 15o4-6 ed ETA (European Technical Approval) I prodotti da ancoraggio secondo le norme europee UNI EN 15o4-6 I prodotti da ancoraggio C.P. MK 685410 (I) 09/11 Mapei, nell ambito della norma UNI EN 1504, edita un fascicolo dedicato ai prodotti da

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

LA TOMOGRAFIA DELLA RESISTIVITA' ELETTRICA NEI CONSOLIDAMENTI CON RESINE ESPANDENTI.

LA TOMOGRAFIA DELLA RESISTIVITA' ELETTRICA NEI CONSOLIDAMENTI CON RESINE ESPANDENTI. LA TOMOGRAFIA DELLA RESISTIVITA' ELETTRICA NEI CONSOLIDAMENTI CON RESINE ESPANDENTI. Federico FISCHANGER 1 - Marco OCCHI 2 1, Geostudi Astier s.r.l., Livorno - Italy 2, Geosec s.r.l., Parma - Italy 1.

Dettagli

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE TOP SOL TOP BRIDGE E S S E D I V I S I O N E INFRASTRUTTURE E D INF IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI giulianedmp SOLUZIONI COSTRUTTIVE PER L EDILIZIA giulianedmp TOP SOL / TOP BRIDGE Impalcati

Dettagli

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE 7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove opere soggette anche all azione sismica. Le sue indicazioni sono da considerare aggiuntive

Dettagli

Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE

Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE Il Ripristino DELLE Strutture Interrate NIDI DI GHIAIA E DISTANZIATORI PLASTICI RIPRESE DI GETTO Strutture Interrate RIPRESE

Dettagli

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA IT Sistema a soffitto Il rivoluzionario sistema a soffitto Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA Il rivoluzionario sistema a soffitto Resa certificata Adduzione inserita nella

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

Guide a sfere su rotaia

Guide a sfere su rotaia Guide a sfere su rotaia RI 82 202/2003-04 The Drive & Control Company Rexroth Tecnica del movimento lineare Guide a sfere su rotaia Guide a rulli su rotaia Guide lineari con manicotti a sfere Guide a sfere

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

kerabuild jet Code E591 2008/08 pagina 1/5

kerabuild jet Code E591 2008/08 pagina 1/5 recupero calcestruzzo MALTE TECNOLOGICHE STRUTTURALI ad alta resistenza chimica LINEA costruzioni kerabuild Malta tecnologica strutturale colabile monocomponente per inghisaggi a rapida messa in servizio.

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06 DESCRIZIONE IMPIANTO MOD. DP03 Sistema per il parcheggio di autoveicoli a comando elettrico con movimentazioni oleodinamiche con tre piattaforme singole sovrapposte idonee a parcheggiare in modo indipendente

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS. Membrane impermeabilizzanti

MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS. Membrane impermeabilizzanti MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS Membrane impermeabilizzanti L L ERFLEX HELASTO M INERAL LIGHTERFLEX HELASTO LIGHTERFLEX HPCP SUPER

Dettagli

Sistemi e attrezzature per la sicurezza

Sistemi e attrezzature per la sicurezza SISTEMI E ATTREZZATURE PER LA SICUREZZA Cavalletti di segnalazione...85 Segnalatore di sicurezza fisso...85 Over-The-Spill System...85 Coni di sicurezza e accessori...86 Barriere mobili...87 Segnalatore

Dettagli

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano www.mpmsrl.com pavimentazioni re sine materiali protettivi milano Tradizione, esperienza, innovazione tecnologica. Da oltre 50 anni MPM materiali protettivi milano s.r.l opera nel settore dell edilizia

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA SETTORE TECNICO UFFICIO PROGETTAZIONE INTERVENTI E.R.S. E M.O. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDILE ELENCO PREZZI UNITARI RESP. UFFICIO

Dettagli

Originali Bosch! La prima livella laser

Originali Bosch! La prima livella laser Originali Bosch! La prima livella laser per superfici al mondo NOVITÀ! La livella laser per superfici GSL 2 Professional Finalmente è possibile rilevare con grande facilità le irregolarità su fondi in

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

cimosa di sormonto autoadesiva

cimosa di sormonto autoadesiva Polietilene reticolato fisicamente sp. 8 mm nominale cimosa di sormonto autoadesiva. Massa elastoplastomerica Lato posa CARATTERISTICHE TECNICHE Acustic System 10, è un manto bistrato con cimosa adesiva,

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera Diffusore a pavimento modello SOL per convezione libera Indice Campo di impiego... 5 Panoramica sui prodotti.... 6 Descrizione dei prodotti Modello SOL96... 8 Modello SOL... 9 Modello SOL...10 Modello

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché?

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Klaus Pfitscher Relazione 09/11/2013 Marchio CE UNI EN 14351-1 Per finestre e porte pedonali Marchio CE UNI EN 14351-1

Dettagli

MapeWrap Resilient System

MapeWrap Resilient System C.P. MK707910 (I) 12/13 INNOVATIVO SISTEMA DI PROTEZIONE PASSIVA DEGLI EDIFICI NEI CONFRONTI DELLE AZIONI SISMICHE L unione delle tecnologie Mapei per la protezione in caso di sisma Applicazione di un

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A.

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. 10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. Il capitolo fa riferimento alla versione definitiva dell'eurocodice 2, parte 1.1, UNI EN 1992-1-1, recepito e reso applicabile in Italia dal DM del

Dettagli

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45 CUT 20 P CUT 30 P UNA SOLUZIONE COMPLETA PRONTA ALL USO 2 Sommario Highlights Struttura meccanica Sistema filo Generatore e Tecnologia Unità di comando GF AgieCharmilles 4 6 8 12 16 18 CUT 20 P CUT 30

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli