CONSOLIDAMENTO FONDAZIONI CON RESINE ESPANDENTI E MICROPALI A PRESSIONE.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSOLIDAMENTO FONDAZIONI CON RESINE ESPANDENTI E MICROPALI A PRESSIONE. www.novatek.it"

Transcript

1 CONSOLIDAMENTO FONDAZIONI CON RESINE ESPANDENTI E MICROPALI A PRESSIONE

2 NOVATEK in europa GERMANIA AUSTRIA FRANCIA SPAGNA ITALIA Italia Spagna Francia Germania e Austria NOVATEK S.r.l. Via dell Artigianato, Bosco Chiesanuova Verona Tel Fax GEONOVATEK S.L. C/ Polvorín nº 5 B Paracuellos de Jarama (Madrid) Tel Fax: GEONOVATEK SARL Batiment Peps 2 rue Konrad Adenauer Beauvais Tel NOVATEK GmbH Fürstenrieder str. 279a München Tel: 089/ /

3 NOVATEK CONSOLIDAMENTO FONDAZIONI DA OLTRE 15 ANNI Novatek esegue interventi di consolidamento di fondazioni e pavimenti mediante l utilizzo di resine espandenti, micropali a pressione, minipali autoperforanti e pali in resina armata. Questi metodi sono stati appositamente studiati per essere poco invasivi e sono ampiamente collaudati e certificati. Il cedimento delle strutture di fondazione può provocare la formazione di crepe nei muri e, nei casi più gravi, l inclinazione degli edifici. Spesso accade anche che porte e finestre si chiudano a fatica per effetto dei movimenti del fabbricato o che i pavimenti sprofondino creando crepe e irregolarità nella planarità. Al verificarsi di un cedimento, al fine di evitare ulteriori danni al fabbricato, è necessario provvedere alla messa in sicurezza dell edificio rinforzando le fondazioni e aumentando la portanza del terreno. Al contrario degli interventi tradizionali, molto costosi e invasivi, che comportano quasi sempre la necessità di eseguire scavi ed opere in muratura, Novatek propone tecnologie all avanguardia. Le soluzioni proposte da Novatek permettono di risolvere velocemente e definitivamente i problemi di cedimento degli edifici civili e industriali e dei pavimenti. Novatek opera su tutto il territorio nazionale oltre che in Spagna, Francia, Austria e Germania.

4 Sopralluogo - particolare di fessurazioni sull esterno del edificio Sopralluogo - particolare di fessurazioni sull esterno del edificio Sopralluogo - particolare di monitoraggio cedimenti con fessurimetro Sopralluogo - fessurazioni visibili in facciata dell edificio Valutazione progettazione planimetria di intervento

5 valutazione DI UN INTERVENTO DI CONSOLIDAMENTO La valutazione di un intervento di consolidamento viene effettuata dall ufficio tecnico di Novatek dopo aver eseguito un sopralluogo preliminare nel corso del quale è consigliata la presenza di un tecnico di fiducia del committente. Per prima cosa è importante eseguire una attenta analisi del quadro fessurativo per determinare con precisione le dinamiche del cedimento. Segue la raccolta dei dati progettuali ed esecutivi relativi al fabbricato. In molti casi si rende necessario eseguire alcuni piccoli saggi per determinare profondità, larghezza e consistenza del piano fondale. Inoltre, è importantissimo acquisire le prove geologiche eseguite in sito per conoscere la caratterizzazione geotecnica del terreno di fondazione. Nel caso in cui tali indagini non fossero disponibili, dovranno essere commissionate ad un geologo, possibilmente del luogo. Spesso potrà essere opportuna una video ispezione e una mappatura dei sottoservizi. Nel corso di tale indagine sarà determinato il loro posizionamento e sarà verificata l integrità e funzionalità di condotte e tubazioni. Spesso, infatti, le perdite d acqua, causate dalla rottura di condotte, e il dilavamento del sottosuolo sono all origine dei cedimenti delle fondazioni e dei pavimenti. L ispezione e la mappatura preliminare consentono inoltre di ridurre al minimo il rischio di danneggiamento durante l intervento di consolidamento. Altre cause di cedimento possono essere le seguenti: Essiccazione del terreno dovuta a periodi di siccità; Presenza di alberi di alto fusto in prossimità dei fabbricati; Esecuzione di scavi in prossimità degli edifici; Presenza di terreni di riporto non sufficientemente costipati; Vibrazioni dovute al passaggio di veicoli o macchinari semoventi. Valutazione indagine e mappatura Valutazione risultanze prove geologiche Valutazione indagine penetrometrica

6 CONSOLIDAMENTO DI TERRENI RESINE ESPANDENTI Il consolidamento dei fabbricati mediante l utilizzo di resine espandenti HDR (Hight Density Resin) conduce a risultati di rilevante importanza: Consolidamento ed incremento della portanza e della rigidezza del terreno sottostante le fondazioni; Riempimento di cavità, fessurazioni e microvuoti eventualmente presenti; Ripristino della superficie di contatto tra terreno e fondazioni allo scopo di uniformare la distribuzione dei carichi; La fase esecutiva prevede la realizzazione di una serie di fori, aventi diametro variabile da 18 a 26 millimetri, che attraversano verticalmente la fondazione. L interasse tra un foro e l altro può variare da 80 centimetri ad un metro. In ogni foro viene inserito un tubo metallico attraverso il quale la resina viene iniettata allo stato liquido. Una volta iniettata a pressione nel terreno, la resina penetra le cavità, le fessurazioni ed i microvuoti presenti nel sottosuolo. Per reazione chimica il prodotto si espande passando dallo stato liquido a quello solido e crea uno strato sottofondale di elevata resistenza alla compressione. Le proprietà di reazione della resina garantiscono il suo confinamento evitando inutili dispersioni in zone limitrofe. Essa produce il riempimento delle cavità e il consolidamento del terreno fino a provocare il sollevamento della struttura soprastante. Tale sollevamento viene monitorato costantemente durante tutte le fasi dell intervento mediante un sensore laser applicato sul muro in elevazione. Le iniezioni vengono eseguite e testate una ad una al preciso scopo di creare una sovrapressione temporanea in ciascun punto di iniezione. In tal modo, per effetto della rigidezza della struttura soprastante e dell espansione della resina, si produce un sovraccarico temporaneo nella zona limitrofa al punto di iniezione. Aumentando puntualmente la pressione esercitata sul terreno, si giunge ad incrementare localmente lo stato di tensione e si innesca un processo di sopraconsolidazione che porta ad un potenziamento delle caratteristiche meccaniche del terreno stesso, soprattutto in termini di rigidezza. Per questo motivo il sollevamento dell edificio, anche se minimo, è garanzia del buon fine dell opera. Esecuzione dei fori alloggio delle cannette Fase di iniezione della resina

7 A seconda delle caratteristiche del terreno e della fondazione, possono essere utilizzati tre tipi di resina HDR: HDR1000 HDR300 STATICA HDR200 PAV DENSITÀ IN ESPANSIONE LIBERA kg/m³] 90 kg/m³] 45 kg/m³] COEFFICENTE DI ESPANSIONE 1:2 1:4 1:12 1:25 RESISTENZA A COMPRESSIONE MINIMA kpa 800 kpa 500 kpa TEMPO DI SEMISOLIDIFICAZIONE 3 s TEMPO DI REAZIONE DI ESPANSIONE > 30 s 40 s > 45 s FASI ESECUTIVE Iniezione singola di resina a libera diffusione 1 Esecuzione del foro passante la fondazione 2 Inserimento dei tubi di iniezione nel foro 3 Iniezione sotto il piano fondale di resina espandente 4 Taglio dei tubi di iniezione e chiusura del foro

8 CONSOLIDAMENTO DI TERRENI INIEZIONI MISTE SU PIù LIVELLI DI PROFONDITà Le iniezioni di resina espandente verticalmente sovrapposte si effettuano iniettando nel terreno, su più livelli di profondità, resine con grado d espansione, densità, resistenza alla compressione e proprietà meccaniche diverse a seconda delle necessità. Questa tecnologia è adatta per i casi in cui il terreno oggetto di consolidamento presenti scarsa portanza ed è particolarmente indicato per fabbricati aventi fondazioni disgregate, a sacco e in calcestruzzo non armato. L iniezione di resine espandenti su più livelli di profondità si esegue generalmente iniettando nel primo livello, posto sull interfaccia terreno-fondazione, una resina ad elevata densità (HDR1000), con un coefficiente di espansione molto basso, generalmente 1:4, ed un tempo di reazione di circa 30 secondi. L obiettivo dell iniezione di primo livello è quello di uniformare la superficie di appoggio della fondazione sul terreno e di riaggregare gli elementi fondali eventualmente disgregati. L alta densità del materiale consente di avere resistenze alla compressione molto elevate proprio nei punti in cui la pressione sul terreno è maggiore. Più in profondità viene utilizzata la resina HDR300 STATICA, ultimo ritrovato dei nostri laboratori di ricerca e attualmente esclusiva Novatek. Questo tipo di resina, con coefficiente di espansione 1:12, ha la pregevole caratteristica di modificare in pochi secondi il proprio stato fisico, passando da liquida a gelatinosa-semisolida, per poi aumentare molto lentamente il proprio volume e infine giungere allo stato solido. Viene così trattato interamente il bulbo delle pressioni, vale a dire tutta la parte di terreno che riceve il carico dell edificio. La reazione d espansione peculiare della resina HDR300 STATICA, caratterizzata dal passaggio preliminare ad uno stato gelatinoso e successivamente dalla graduale espansione allo stato solido, combina il grande pregio di una lenta reazione di espansione, molto efficace nel consolidamento in profondità, alla caratteristica di non disperdersi, in modo da evitare sprechi e costi inutili. Fase di perforazione della fondazione Posa delle cannette per l iniezione in profondità Iniezione della resina espandente

9 FASI ESECUTIVE Iniezioni miste su più livelli 1 1 Esecuzione del foro passante la fondazione 2 Inserimento dei tubi di iniezione nel foro 3 Iniezione sotto il piano fondale di resina HDR Iniezione in profondità della resina HDR 300 statica 5 Taglio dei tubi di iniezione e chiusura del foro

10 LIFT & BLOCK resine espandenti e micropali a pressione, una combinazione perfetta! Lift & Block, tecnologia fiore all occhiello di Novatek, consiste nel consolidamento, realizzato con resine espandenti HDR, abbinato all arresto del cedimento, tramite la trasmissione dei carichi in profondità con micropali a pressione MP/60 in acciaio rullato. Grazie alla versatilità e al ridotto ingombro dei propri macchinari, Novatek può intervenire in spazi angusti e all interno degli edifici senza particolari disagi per il cliente. Di seguito si riportano le fasi esecutive dell intervento con la tecnica Lift & Block. La prima fase consiste nel consolidare il terreno appena sotto il piano fondale mediante iniezioni di resine espandenti, fino ad ottenere un sollevamento dell edificio. Tale sollevamento può essere limitato ad alcuni millimetri o, in taluni casi, può anche essere di molti centimetri. La seconda fase, immediatamente successiva alla prima, consiste nel bloccare la fondazione trasferendo in profondità il carico dell edificio mediante la posa a pressione di micropali di piccolo diametro in acciaio ad aderenza migliorata. Per la posa in opera dei micropali MP/60 in acciaio rullato vengono realizzati dei fori del diametro di 6 centimetri che attraversano verticalmente,o con direzione leggermente inclinata, la fondazione superficiale. La perforazione viene interrotta non appena si raggiunge il terreno sottostante precedentemente consolidato con le resine.

11 Gli elementi componenti il MICROPALO MP/60, ovvero profili tubolari in acciaio S355 con moduli di lunghezza omogenea, vengono infissi a pressione attraverso il foro precedentemente realizzato, senza alcuna asportazione di terreno, utilizzando come aggancio per il martinetto idraulico idonei tasselli fissati alla fondazione. I moduli a sezione tubolare che costituiscono il micropalo MP/60 vengono posti in opera in sequenza, fissandoli gli uni agli altri mediante filetto conico. Il martinetto idraulico utilizzato per la posa in opera degli MP/60 è dotato di un manometro che permette di leggere la pressione esercitata durante l infissione di ogni singolo modulo nel terreno e conseguentemente di testare singolarmente la portata di ciascun micropalo. Quando il micropalo incontra una formazione stratigrafica che gli permette di resistere a una forza di infissione di circa tonnellate, il martinetto viene rimosso e il MICROPALO MP/60 viene cementato internamente e definitivamente alla fondazione mediante colata di uno speciale cemento per inghisaggi ad alta resistenza tipo Emaco S55. Fase di carotaggio della fondazione Fase di carotaggio della fondazione Fase di infissione del palo MP/60 Prova di portata con cella di carico (22,7 Ton)

12 MICROPALO MP/60 DESCRIZIONE TECNICA I micropali MP/60 ad aderenza migliorata sono costituiti da acciaio S355 (tensione di snervamento: 355 MPa; tensione a rottura: 510 MPa). Essi sono composti da tubi giuntabili generalmente della lunghezza di un metro. Il diametro dei tubi è di 61 mm con uno spessore di 8 mm. La giunzione dei diversi moduli avviene mediante filetto conico. All estremità inferiore, per una lunghezza di 28 mm, la sezione viene ridotta e filettata esternamente; all estremità superiore, invece, viene realizzata la filettatura conica, per una lunghezza di 28 mm, sulla superficie interna del tubo. Grazie a questo tipo di giunzione le estremità opposte dei moduli vengono progressivamente avvitate l una all altra, dando continuità al corpo del palo. Tale tipo di innesto, oltre ad assicurare il fissaggio solidale dei moduli, permette di rendere il più possibile continua la scabrezza sulla superficie esterna del palo. Il processo di rullatura esterno (a filetti trapezoidali) conferisce un maggiore coefficiente di attrito su tutta la lunghezza del palo che, una volta infisso nel terreno, aumenta considerevolmente la sua aderenza per attrito (resistenza) laterale. La rullatura è una tecnica di finitura che si esegue con corpi rotolanti, non produce trucioli e non prevede l asportazione dell acciaio. Dal momento che il materiale viene modellato plasticamente, portandolo a seguire i contorni della finitura, si ottiene un miglioramento delle caratteristiche tecniche. Infatti, si ha un aumento della resistenza a trazione, della resistenza a torsione e della resistenza a fatica. Il micropalo viene infisso a pressione sotto le fondazioni, senza asportazione di terreno, grazie all utilizzo di martinetti idraulici montati su macchinari di ingombro limitato. Una volta completata l infissione, viene eseguita la connessione della testa del micropalo con la fondazione tramite ausilio di una malta cementizia espansiva per ancoraggi di precisione tipo Emaco S55 con colata della stessa nel cilindro di perforazione e conseguente interposizione tra le pareti del cls e il palo stesso. Dati geometrici del micropalo a pressione standard Lunghezza del singolo modulo: 1 m Diametro esterno: 61,2 mm Spessore: 8,0 mm Passo della rullatura: 2,8 mm Incremento della superficie laterale di circa il 46% rispetto ad un palo delle stesse dimensioni non rullato. Particolare della filettatura e rullatura del micropalo MP/60

13

14 LIFT & BLOCK NEL DETTAGLIO FASI ESECUTIVE Infissione di micropali MP/ Esecuzione dei fori passanti la fondazione per le iniezioni di resina HDR 2 Posizionamento dei tubi di iniezione in metallo 3 Iniezione della resina espandente con riempimento delle cavità e compattazione del terreno 4 Esecuzione dei fori alloggio dei micropali 5 Infissione dei micropali, attraverso i fori in fondazione, con giunzioni progressive dei moduli di MP/60 6 Raggiungimento della profondità d infissione tale da raggiungere la pressione d infissione di progetto 7 Ancoraggio della sommità del palo alla fondazione con speciali malte cementizie per inghisaggi

15

16 CONSOLIDAMENTO E SOLLEVAMENTO DI PAVIMENTAZIONI MEDIANTE INIEZIONI DI RESINE ESPANDENTI LE CAUSE DEL CEDIMENTO Il cedimento delle pavimentazioni civili e industriali è la diretta conseguenza del degrado delle caratteristiche meccaniche del terreno. Il cedimento di una pavimentazione può essere imputato ad una singola causa o a più cause concomitanti. Le principali sono le seguenti: L assestamento del terreno non sufficientemente compattato e costipato in fase di realizzazione; Il dilavamento, le variazioni del grado di saturazione (contenuto d acqua); Le vibrazioni ambientali dovute al movimento di mezzi o all esercizio di macchinari pesanti. I cedimenti del terreno danno origine ad abbassamenti e sprofondamenti del pavimento con relativa formazione di crepe ed irregolarità sulla superficie. LA SOLUZIONE Il consolidamento del terreno è di fondamentale importanza nella risoluzione definitiva del problema. Consolidare, in termini geotecnici, significa migliorare il comportamento meccanico del volume di terreno oggetto di un incremento di tensione dovuto all applicazione di un carico in superficie. Con il consolidamento del terreno si interviene direttamente alla radice del problema, evitando ulteriori e pericolosi cedimenti della pavimentazione che possono compromettere, in alcuni casi, l agibilità stessa dell edificio. La migliore soluzione per il consolidamento delle pavimentazioni è rappresentata dall iniezione di resina espandente HDR 200 PAV che permette il consolidamento, il sollevamento ed il ripristino della planarità delle pavimentazioni. In casi particolarmente difficili la tecnica mista resina-micropali rappresenta un connubio perfetto per risolvere i problemi di cedimento. Le resine permettono di consolidare lo strato di terreno sotto il pavimento, riempiendo eventuali cavità, comprimendo il terreno sottostante e sollevando la pavimentazione anche di cm, fino a ripristinarne perfettamente la planarità. I micropali, invece, consentono di trasferire il carico strutturale dagli strati di terreno superficiali a quelli più profondi, più resistenti e meno compressibili. La fase esecutiva prevede la realizzazione di appositi fori del diametro di circa 12/14 millimetri, posti ad una distanza di lavorazione prestabilita. Attraverso i fori passanti la pavimentazione vengono inseriti nel terreno dei tubi in acciaio di sezione ridotta per mezzo dei quali viene iniettata la resina. In fase di iniezione la resina HDR200 PAV è allo stato liquido e, spinta in pressione dalle pompe d iniezione, penetra nel terreno Pavimentazione trattata con resine e micropali Iniezione di resina su piazzale dell interporto Iniezione della resina con monitoraggio

17 in pochi secondi. Per reazione chimica essa espande aumentando il proprio volume e provoca il riempimento dei vuoti, la compressione del terreno, la stabilizzazione del sottosuolo, il sollevamento e livellamento della pavimentazione. Una volta espansa, la resina HDR200 PAV si solidifica formando uno strato uniforme e compatto al di sotto della pavimentazione esistente. Durante la fase di iniezione è operativo il monitoraggio continuo del sollevamento mediante strumentazione laser. Al termine delle iniezioni i tubi di iniezione vengono tagliati a livello del pavimento, che diventa immediatamente agibile, in quanto il processo di espansione e solidificazione della resina dura pochi minuti. FASI ESECUTIVE Sollevamento di pavimentazioni 1 Esecuzione del foro passante la pavimentazione 2 Inserimento del tubo di iniezione nel foro 3 Iniezione della resina sotto al pavimentazione 4 Taglio del tubo a livello della pavimentazione

18 Intervento con Micropali MP/60 su platea di fondazione appena realizzata Intervento con Micropali MP/60 sulla platea di fondazione di un silos Infissione MP/60 su platea Fase di iniezione della resina con ausilio di martinetti idraulici Infissione MP/60 su platea Prova di carico sul singolo Micropalo MP/60

19 Consolidamento PLATEE IN CEMENTO ARMATO CON I MIcroPALI MP/60 Le platee, come opere di fondazione superficiale, sono spesso realizzate in presenza di terreni dalle scadenti caratteristiche geotecniche. In fase di progettazione è necessario verificare attentamente le caratteristiche del terreno sul quale verrà realizzata la platea, in quanto questi tipi di fondazione ne coinvolgono un volume significativamente ampio, sia in superficie che in profondità. In presenza di carichi non uniformi o di stratigrafie non omogenee è possibile che si verifichino dei cedimenti differenziali tali da pregiudicare la funzionalità in esercizio dell edificio in elevazione. In questi casi l edificio, o il manufatto soprastante, sia esso un silos, un macchinario pesante, una piscina, una vasca di contenimento o altro, può inclinarsi in corrispondenza di un lato o di un angolo, provocando, nel migliore dei casi, un forte deprezzamento economico dell opera e, nei casi più gravi, rendendola inutilizzabile o inagibile. Questi gravi problemi sono facilmente risolvibili, con costi relativamente contenuti, se in fase di progettazione e realizzazione della platea vengono previsti e posti in opera i micropali a pressione MP/60. La tecnologia Novatek è applicabile anche a fabbricati e manufatti esistenti per risolvere problemi derivanti da cedimenti differenziali in atto. Nella maggior parte dei casi non è necessario trasferire in profondità l intero carico dell edificio, ma solamente la parte necessaria a migliorare le condizioni di esercizio della struttura, riportando i cedimenti differenziali a valori accettabili in relazione alla tipologia di fabbricato. Manometro per la misurazione della pressione di infissione Cantiere con altre imprese, operazioni di infissione dei micropali

20 MINIPALI AUTOPERFORANTI PER L ANCORAGGIO DELLA FONDAZIONE SU TERRENI COESIVI Perfetti per piccoli interventi che riguardano pavimentazioni, terrazze, garage e ampliamenti. DESCRIZIONE TECNOLOGIA Il minipalo autoperforante AP è costituito da un tubo in acciaio rullato. L infissione nel terreno avviene per mezzo di un rotoinfissore che avvita i minipali in profondità, sino al raggiungimento dello strato rigido prefissato, sfruttando lo strumento fino alla massima potenza. Al termine dell infissione il minipalo viene cementato alla fondazione mediante colata di speciali malte cementizie. I minipali autoperforanti sono utilizzati con ottimi risultati in terreni coesivi (argillosi e limosi) e nelle marne. La loro infissione risulta più laboriosa nei terreni granulari, nei quali è da preferirsi l utilizzo dei micropali a pressione MP/60 in acciaio rullato. L uso degli AP è indicato, inoltre, nei casi in cui non è possibile realizzare un valido ancoraggio alla fondazione. I minipali autoperforanti AP possono essere abbinati, cosi come i micropali a pressione MP/60, alle iniezioni di resine HDR. DESCRIZIONE ESECUTIVA L infissione avviene per mezzo di un rotoinfissore, perforando la fondazione esistente con fori di diametro 7 cm circa e avvitando successivamente i pali in profondità nel terreno, fino al raggiungimento dello strato rigido utile al trasferimento del carico strutturale. L infissione può essere eseguita verticalmente o anche con un inclinazione di qualche grado, a seconda delle esigenze del singolo cantiere. Ogni minipalo, caratterizzato da una particolare rullatura della superficie esterna, è dotato di punta a perdere che gli consente di attraversare gli strati litologici di maggiore resistenza, senza asportazione di terreno. L avanzamento del palo attraverso il terreno stesso è assimilabile a quello di una vite. Gli elementi hanno una lunghezza di circa 1,2 m e un diametro di 4,5 cm e vengono agganciati fra loro mediante un tirante filettato. La strumentazione utilizzata è montata su un piccolo mezzo cingolato facilmente manovrabile anche in spazi angusti. Al termine dell infissione il minipalo viene cementato alla fondazione mediante colata di speciali malte cementizie. Come per i micropali a presso-infissione, anche per gli AP, soprattutto in terreni coesivi, si verifica un incremento di resistenza nei giorni successivi rispetto alla posa in opera. Fase di rotoinfissione del Minipalo AP Prove di trazione Particolare del Minipalo Autoperforante AP

21 Rotoinfissione all interno di civile abitazione Minipali infissi pronti per la cementazione Rotoinfissione su pavimentazine industriale

22 PALI IN RESINA ARMATA PER IL TRASFERIMENTO DEL CARICO STRUTTURALE A PROFONDITà MAGGIORI DEL BULBO DELLE PRESSIONI Permettono di confinare le iniezioni, evitando inutili dispersioni di resina espandente, e di intervenire in spazi ristretti anche senza l utilizzo di mezzi cingolati o macchinari semoventi. DESCRIZIONE TECNOLOGIA Per l esecuzione dei pali in resina armata è prevista la realizzazione di fori, senza asportazione di terreno, all interno dei quali viene inserita un armatura in acciaio che costituisce l anima del palo. Successivamente rispetto alla posa dell armatura in acciaio, viene eseguita l iniezione di resina HDR nello spazio tra armatura e terreno confinato nel foro. L espansione nella cavità della resina HDR crea la struttura colonnare definitiva del palo, inglobando al proprio interno l armatura. L utilizzo dei micropali in resina armata si rende necessario per trasferire al substrato rigido parte del carico cui è soggetta la fondazione. La profondità massima raggiungibile con questa tecnica si attesta sui 5-6 m dal piano campagna. Questo tipo di intervento permette di raggiungere più obiettivi: Confinare le iniezioni di resine espandenti, evitando inutili dispersioni; Avere grande flessibilità d impiego, potendo eseguire la lavorazione in luoghi angusti e con scarsa altezza operativa (cantine, sottoscala, interrati), senza l utilizzo di alcun mezzo I pali in resina sono stati oggetto di numerose prove di carico, campi prove e test eseguiti in collaborazione con l Università di Parma. I risultati di tali ricerche sono descritti in numerosi articoli che, qualora ne venga fatta richiesta, Novatek sarà lieta di mettere a disposizione. Battente idraulico per la realizzazione del foro nel terreno Particolare del palo con armatura in acciaio Particolare della fase di cementazione finale

23 FASI ESECUTIVE Pali in resina armata Esecuzione di un foro del diametro di 7 cm passante la fondazione, realizzato con perforatori di piccole dimensioni; Esecuzione di un pre-foro nel terreno sottostante la fondazione, con l utilizzo di un battente idraulico, fino al raggiungimento dello strato di terreno idoneo al trasferimento del carico strutturale; Inserimento nel foro appena realizzato della barra in acciaio che costituirà l armatura del palo in resina; Iniezione di resina espandente internamente al palo e nello spazio tra armatura e terreno In fase di iniezione, una volta riempito il foro, la resina si espande verso l alto, formando sotto il piano di posa della fondazione uno strato di alcuni centimetri. La dilatazione della resina iniettata nel terreno su cui posa la fondazione, oltre alla compattazione del suolo e al riempimento dei vuoti, può determinare, se necessario, il sollevamento della struttura soprastante.

24

25

26

27

28 NOTE

29 NOTE

30

31

32 ONSOLIDAMENTO ONDAZIONI ON RESINE ESPANDENTI MICROPALI A PRESSIONE Novatek è sempre disponibile per ogni richiesta di informazione, sopralluogo e preventivo gratuito. Novatek Srl Via dell Artigianato, BOSCO CHIESANUOVA (VR) Tel Fax

CREPE NEI MURI? CON SYSTAB ELIMINO IL PROBLEMA ALLA BASE CONSOLIDANDO TERRENO E FONDAZIONE.

CREPE NEI MURI? CON SYSTAB ELIMINO IL PROBLEMA ALLA BASE CONSOLIDANDO TERRENO E FONDAZIONE. www.systab.it CREPE NEI MURI? CON SYSTAB ELIMINO IL PROBLEMA ALLA BASE CONSOLIDANDO TERRENO E FONDAZIONE. Le crepe nei muri sono un sintomo da non trascurare, spesso legato ad un cedimento del terreno

Dettagli

PALI IN ACCIAIO IMMEDIATAMENTE ATTIVI. COSI REALIZZIAMO FONDAZIONI PROFONDE A BASSA INVASIVITÀ. Spesso ciò che non si vede è quello che conta.

PALI IN ACCIAIO IMMEDIATAMENTE ATTIVI. COSI REALIZZIAMO FONDAZIONI PROFONDE A BASSA INVASIVITÀ. Spesso ciò che non si vede è quello che conta. PALI IN ACCIAIO IMMEDIATAMENTE ATTIVI. COSI REALIZZIAMO FONDAZIONI PROFONDE A BASSA INVASIVITÀ. Spesso ciò che non si vede è quello che conta. CEDIMENTI NELLE FONDAZIONI? Crepe e fessurazioni sui muri

Dettagli

PALI IN ACCIAIO IMMEDIATAMENTE ATTIVI. COSI REALIZZIAMO FONDAZIONI PROFONDE A BASSA INVASIVITÀ. Spesso ciò che non si vede è quello che conta.

PALI IN ACCIAIO IMMEDIATAMENTE ATTIVI. COSI REALIZZIAMO FONDAZIONI PROFONDE A BASSA INVASIVITÀ. Spesso ciò che non si vede è quello che conta. PALI IN ACCIAIO IMMEDIATAMENTE ATTIVI. COSI REALIZZIAMO FONDAZIONI PROFONDE A BASSA INVASIVITÀ. Spesso ciò che non si vede è quello che conta. CEDIMENTI NELLE FONDAZIONI? Crepe e fessurazioni sui muri

Dettagli

www.kappazeta.it PALI IN ACCIAIO IMMEDIATAMENTE ATTIVI.

www.kappazeta.it PALI IN ACCIAIO IMMEDIATAMENTE ATTIVI. www.kappazeta.it PALI IN ACCIAIO IMMEDIATAMENTE ATTIVI. CREPE E CEDIMENTI NELLE FONDAZIONI? DA KAPPAZETA MATERIALI E TECNICHE AVANZATE PER LE VOSTRE ESIGENZE DI CONSOLIDAMENTO COME SI OTTIENE IL MIGLIOR

Dettagli

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati.

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati. 7. Pali UNITÀ I pali sono elementi strutturali utilizzati nelle opere di fondazione, nelle opere di contenimento della terra e dell acqua, negli interventi di miglioramento della stabilità dei pendii e

Dettagli

Principali tipologie di terreno

Principali tipologie di terreno Principali tipologie di terreno Terreni derivati da rocce sedimentarie (NON COESIVI): Sabbie Ghiaie Terreni derivati da rocce scistose (COESIVI): Argille Limi Terreni di derivazione organica: Torbe Terreno

Dettagli

Il Consolidamento è la tecnica ingegneristica finalizzata alla stabilizzazione e rinforzo dei terreni e delle fondazioni delle strutture.

Il Consolidamento è la tecnica ingegneristica finalizzata alla stabilizzazione e rinforzo dei terreni e delle fondazioni delle strutture. CONSOLIDAMENTI Il Consolidamento è la tecnica ingegneristica finalizzata alla stabilizzazione e rinforzo dei terreni e delle fondazioni delle strutture. Essa non può prescindere dai risultati di un accurata

Dettagli

Palificazioni e Consolidamenti

Palificazioni e Consolidamenti Palificazioni e Consolidamenti PALI TRIVELLATI Pali trivellati a secco, incamiciati e con utilizzo di fanghi bentonitici/polimeri. PALI C.F.A. Pali ad elica continua C.F.A. PALI VIBROINFISSI Pali vibroinfissi,

Dettagli

Ing. Enzo LA MURA Via Ing. G. Messina n. 6-84012 Angri (SA) E-mail: enzolamura@libero.it

Ing. Enzo LA MURA Via Ing. G. Messina n. 6-84012 Angri (SA) E-mail: enzolamura@libero.it 1. PREMESSA Nelle operazioni di recupero e di manutenzione straordinaria capita sempre più spesso che un edificio abbia problemi di fondazioni tali da rendere necessario un loro consolidamento. Negli ultimi

Dettagli

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE CORSO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI I ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE PROF. ING. BRUNO PALAZZO Prof. Bruno Palazzo - TIPOLOGIE: PALIFICATE Le fondazioni indirette sono un opzione quando:

Dettagli

Le opere di sostegno dei fronti di scavo

Le opere di sostegno dei fronti di scavo a cura dello Studio Associato Pilati Le opere di sostegno dei fronti di scavo Inauguriamo una collaborazione editoriale con lo Studio Associato Pilati di Costabissara (Vi). Al centro degli interventi,

Dettagli

RELEO S.r.l. Sede Operativa: Via Ravenna, 562 Fossanova San Marco 44124 Ferrara Tel. +39 0532 740625 www.releo.it commerciale@releo.

RELEO S.r.l. Sede Operativa: Via Ravenna, 562 Fossanova San Marco 44124 Ferrara Tel. +39 0532 740625 www.releo.it commerciale@releo. RELEO S.r.l. Vai al sistema GEOPIER Vai al sistema IMPACT RELEO S.r.l. Il Sistema Geopier, attraverso l utilizzo di colonne di ghiaia compattata, è un valido ed efficace metodo di consolidamento di terreni

Dettagli

1.04 FONDAZIONI ETEROGENEE STABILITÀ DELLE FONDAZIONI. Descrizione sommaria dell opera

1.04 FONDAZIONI ETEROGENEE STABILITÀ DELLE FONDAZIONI. Descrizione sommaria dell opera FONDAZIONI ETEROGENEE 1.04 Edificio uso magazzino costituito da un mantello cilindrico periferico in calcestruzzo armato precompresso e da un silo centrale. Fondazioni del mantello mediante pali e con

Dettagli

www.romolodifrancesco.it

www.romolodifrancesco.it PREMESSA Il caso trattato è relativo ad un progetto di consolidamento di un edificio residenziale sito nel comune di Giulianova (TE), in funzione del dissesto palesato riconducibile anche a cedimenti delle

Dettagli

Grazie ai mezzi maneggevoli, si possono produrre pali inclinati in quasi ogni inclinazione e direzione.

Grazie ai mezzi maneggevoli, si possono produrre pali inclinati in quasi ogni inclinazione e direzione. Battitura di pali duttili Generalità: Grazie agli escavatori idraulici leggeri e maneggevoli, i lavori per fondazioni di pali possono essere eseguiti anche in condizioni difficili oppure quando lo spazio

Dettagli

DEFINIZIONE di FONDAZIONI

DEFINIZIONE di FONDAZIONI DEFINIZIONE di FONDAZIONI collegamento statico tra edificio e suolo trasmissione al terreno delle azioni dovute ai carichi delle strutture sovrastanti (peso proprio dell edificio + peso persone e cose

Dettagli

Barre autoperforanti ed accessori, modalita di esecuzione, campi di impiego, problemi esecutivi e controlli in cantiere

Barre autoperforanti ed accessori, modalita di esecuzione, campi di impiego, problemi esecutivi e controlli in cantiere Incontro sul tema Autoperforanti: una tecnologia in evoluzione 7 Ottobre, 2010 Barre ed accessori, modalita di, campi di, problemi esecutivi e Con la collaborazione di: Con il patrocinio Dell Istittuto

Dettagli

1) non deve portare a rottura il terreno sottostante. 2) non deve indurre nel terreno cedimenti eccessivi

1) non deve portare a rottura il terreno sottostante. 2) non deve indurre nel terreno cedimenti eccessivi SICUREZZA e FUNZIONALITÀ delle strutture in elevazione (edificio in c.a., rilevato, etc.) sono garantite anche da alcuni requisiti che il SISTEMA FONDALE deve rispettare. In particolare il carico trasmesso

Dettagli

SABADELL (BARCELLONA - Spagna)

SABADELL (BARCELLONA - Spagna) www.pacchiosi.com ROCK-SOIL TECHNOLOGY AND EQUIPMENTS SABADELL (BARCELLONA - Spagna) SABADELL (BARCELLONA - SPAGNA) ROCK-SOIL TECHNOLOGY AND EQUIPMENTS PROGETTO: Consolidamento del muro strutturale della

Dettagli

Si può fare riferimento al modulo di reazione K r dato dal rapporto tra pressione e cedimento corrispondente: K r = p/s (kn/m 3 ) (7.

Si può fare riferimento al modulo di reazione K r dato dal rapporto tra pressione e cedimento corrispondente: K r = p/s (kn/m 3 ) (7. 124 7 Indagini e prove in situ 88-08-07273-8 contrasto manometro martinetto idraulico micrometro piastre sostegno del micrometro FIGURA 7.19 pressione unitaria a) cedimento il controllo della deformabilità

Dettagli

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO 165 Introduzione Rispetto alle prove eseguite in laboratorio, quelle in sito presentano sia dei vantaggi che degli svantaggi. 1. Tra i vantaggi delle prove in sito di può dire che queste sono più rapide

Dettagli

1 Relazione Generale sull Intervento...2. 2 Determinazione dei parametri geotecnici...2. 3 Normativa di riferimento...3. 4 Relazione sui materiali...

1 Relazione Generale sull Intervento...2. 2 Determinazione dei parametri geotecnici...2. 3 Normativa di riferimento...3. 4 Relazione sui materiali... 1 Relazione Generale sull Intervento... Determinazione dei parametri geotecnici... 3 Normativa di riferimento...3 4 Relazione sui materiali...3 5 Verifiche statiche...4 5.1 Formule di calcolo delle azioni...4

Dettagli

Lezione 9 GEOTECNICA

Lezione 9 GEOTECNICA Lezione 9 GEOTECNICA Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it - Lezione 9 A. Fondazioni su pali: requisiti di progetto B. Tecnologie esecutive nella realizzazione dei pali C. Pali

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Lavori di miglioramento sismico dell ex convento di San Biagio Importo intervento 120.000,00 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE

Dettagli

CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO. NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008 Norme Tecniche per le costruzioni

CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO. NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008 Norme Tecniche per le costruzioni GENERALITA COMUNE DI PREDOSA Provincia di Alessandria CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO ZONA SISMICA: Zona 3 ai sensi dell OPCM 3274/2003 NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008

Dettagli

Risanamento non Distruttivo RETI FOGNARIE

Risanamento non Distruttivo RETI FOGNARIE Risanamento non Distruttivo RETI FOGNARIE DESCRIZIONE Nell ambito della manutenzione e rispristino delle condutture, il sistema di lavorazione senza scavo, garantisce grandi vantaggi minimizzando costi

Dettagli

COSTRUIRE SU TERRENI DIFFICILI Romolo Di Francesco e dott. Geol. Vittorio Gennari www.romolodifrancesco.it

COSTRUIRE SU TERRENI DIFFICILI Romolo Di Francesco e dott. Geol. Vittorio Gennari www.romolodifrancesco.it COSTRUIRE SU TERRENI DIFFICILI Romolo Di Francesco e dott. Geol. Vittorio Gennari www.romolodifrancesco.it 1. INTRODUZIONE Pur considerato che le conoscenze teoriche, sperimentali e tecnologiche hanno

Dettagli

Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti

Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti FONDAZIONI SU PALI Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti Si ricorre a fondazioni su pali quando:

Dettagli

CAPITOLO I Modalità per la descrizione dell'opera e l'individuazione dei soggetti interessati.

CAPITOLO I Modalità per la descrizione dell'opera e l'individuazione dei soggetti interessati. Fascicolo dell opera Pagina 1 di 7 CAPITOLO I Modalità per la descrizione dell'opera e l'individuazione dei soggetti interessati. Scheda I Descrizione sintetica dell'opera ed individuazione dei soggetti

Dettagli

PALO tipo SP VANTAGGI minima quantità di materiale di risulta Ridotto consumo di calcestruzzo

PALO tipo SP VANTAGGI minima quantità di materiale di risulta Ridotto consumo di calcestruzzo PALO tipo SP Il Soil Displacement (SP) è una metodologia di esecuzione del palo di fondazione eseguita senza asportazione di terreno, quindi alternativa ai pali battuti, vibroinfissi e trivellati. La tecnologia

Dettagli

Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera

Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera (Ai sensi del D.M. 14.01.2008, art. 10.1) 1. Premessa Il presente Piano di manutenzione è relativo alle opere strutturali da eseguire per il ripristino

Dettagli

261 CAPITOLO 17: PALI DI FONDAZIONE CAPITOLO 17: PALI DI FONDAZIONE

261 CAPITOLO 17: PALI DI FONDAZIONE CAPITOLO 17: PALI DI FONDAZIONE 261 Generalmente i pali di fondazione vengono impiegati per abbassare il piano di posa dell edificio allo scopo di raggiungere degli strati di terreno con resistenza più elevata. In alcuni casi comunque

Dettagli

PALI TRIVELLATI A GRANDE DIAMETRO, CON ELICA CONTINUA E MICROPALI

PALI TRIVELLATI A GRANDE DIAMETRO, CON ELICA CONTINUA E MICROPALI PALI TRIVELLATI A GRANDE DIAMETRO, CON ELICA CONTINUA E MICROPALI Paolo Simonini Università degli Studi di Padova Dipartimento IMAGE PALI A TRIVELLATI A GRANDE DIAMETRO IN TERRENI GRANULARI PROGETTO DI

Dettagli

IMPIANTI WELLPOINT CAPITOLATO WELLPOINT CAPITOLATO POMPE

IMPIANTI WELLPOINT CAPITOLATO WELLPOINT CAPITOLATO POMPE PROFILO La ditta è stata fondata nel 1989 da Franco Rizzato. All iniziale attività di fornitura di impianti wellpoint e realizzazione di pozzi drenanti, se ne sono affiancate via via altre legate soprattutto

Dettagli

Strutture murarie. Lezione 2 L02

Strutture murarie. Lezione 2 L02 Strutture murarie Lezione 2 1 Cenni preliminari Nel passato veniva usata praticamente sempre la cosiddetta muratura continua. Dai tempi dei Romani, ad anche prima, si è sempre utilizzata, quindi è stata

Dettagli

b. Discontinue o isolate zattere

b. Discontinue o isolate zattere Ordinarie o continue a.continue travi rovesce platee FONDAZIONI DIRETTE SUPERFICIALI plinti b. Discontinue o isolate zattere a.1 CONTINUE Quando il carico da trasmettere al terreno non è elevato e la struttura

Dettagli

www.kappazeta.it IN OGNI PUNTO LA RESINA IDEALE.

www.kappazeta.it IN OGNI PUNTO LA RESINA IDEALE. IN OGNI PUNTO LA RESINA IDEALE. CREPE E CEDIMENTI NELLE FONDAZIONI? DA KAPPAZETA MATERIALI E TECNICHE AVANZATE PER LE VOSTRE ESIGENZE DI CONSOLIDAMENTO COME SI OTTIENE IL MIGLIOR CONSOLIDAMENTO Crepe e

Dettagli

Le strutture di FONDAZIONE

Le strutture di FONDAZIONE Le strutture di FONDAZIONE Laboratorio di Tecnologia dell Architettura Prof.ssa Paola Gallo A.A. 2012-2013 Strutture di fondazione Le fondazioni sono elementi strutturali che trasferiscono i carichi delle

Dettagli

Criteri per la scelta dell intervento

Criteri per la scelta dell intervento Edifici esistenti in c.a.: Esempi di intervento Giovanni Plizzari Università di Brescia plizzari@ing.unibs.it L Accademia del Costruire Gussago, 23 Marzo 2012 1/86 Criteri per la scelta dell intervento

Dettagli

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni LABORATORIO DI COSTRUZIONI DELL ARCHITETTURA II MODULO DI GEOTECNICA E FONDAZIONI Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Dipartimento di Ingegneria Strutturale

Dettagli

COMUNE DI MOTTOLA PROGETTO ESECUTIVO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Piano di manutenzione delle opere di calcestruzzo armato

COMUNE DI MOTTOLA PROGETTO ESECUTIVO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Piano di manutenzione delle opere di calcestruzzo armato COMUNE DI MOTTOLA Piano di Recupero per l intervento di ristrutturazione urbanistica consistente nella demolizione dell ex cinema Jonio, la realizzazione di un edificio con residenze ed attività culturali

Dettagli

Un metodo di calcolo della capacità portante di micropali realizzati con resina espandente in terreni superficiali

Un metodo di calcolo della capacità portante di micropali realizzati con resina espandente in terreni superficiali Un metodo di calcolo della capacità portante di micropali realizzati con resina espandente in terreni superficiali Roberto Valentino e Davide Stevanoni Introduzione La ditta Novatek ha recentemente intrapreso

Dettagli

G.B. RICAMBI S.p.A. Consolidamento pavimento per magazzino automatizzato NUOVA SEDE G.B. Logistic. Nonantola (MO)

G.B. RICAMBI S.p.A. Consolidamento pavimento per magazzino automatizzato NUOVA SEDE G.B. Logistic. Nonantola (MO) G.B. RICAMBI S.p.A. Consolidamento pavimento per magazzino automatizzato NUOVA SEDE G.B. Logistic. Nonantola (MO) IMPRESA Scianti S.n.c. Modena Superficie coperta mq 8.000 Struttura prefabbricata di grande

Dettagli

Arch. Giuliano Moscon SERVIZIO TECNICO ASSOCIATO COMUNI DI FONDO E MALOSCO

Arch. Giuliano Moscon SERVIZIO TECNICO ASSOCIATO COMUNI DI FONDO E MALOSCO COMUNE DI MALOSCO Provincia di Trento PROGETTO INTERVENTO DI SOMMA URGENZA RECUPERO E CONSOLIDAMENTO STRUTTURALE DEL MURO DI SOSTEGNO SU P.F. 666 C.C. MALOSCO I IN VIA MIRAVALLE. Relazione di calcolo COMMITTENTE

Dettagli

Emissione : Castelnuovo di Garfagnana, lì 25/01/2012. Intersonda srl

Emissione : Castelnuovo di Garfagnana, lì 25/01/2012. Intersonda srl Via Arni, 30 55032 Castelnuovo di Garfagnana (LU) OGGETTO: RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA Emissione : Castelnuovo di Garfagnana, lì 25/01/2012 Redatto Firme Intersonda srl INDICE 1. PALO TRIVELLATO AD ELICA

Dettagli

FONDAZIONI SUPERFICIALI E PROFONDE PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI

FONDAZIONI SUPERFICIALI E PROFONDE PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI FONDAZIONI SUPERFICIALI E PROFONDE PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI Pagina 1 di 23 introduzione La scelta della tipologia di fondazione da impiegare nell ambito della realizzazione di un impianto fotovoltaico

Dettagli

cede... IL TRASCORRERE DEL TEMPO E IL VARIARE DELLE CONDIZIONI AL CONTORNO POSSONO PORTARE

cede... IL TRASCORRERE DEL TEMPO E IL VARIARE DELLE CONDIZIONI AL CONTORNO POSSONO PORTARE Impresa & Cantiere FONDAZIONI CONSOLIDAMENTI Giacomo Cusmano Se la casa cede... IL TRASCORRERE DEL TEMPO E IL VARIARE DELLE CONDIZIONI AL CONTORNO POSSONO PORTARE NEL TEMPO ALLA NASCITA DI PROBLEMI EDILI.

Dettagli

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma 1 Contenuti Metodologia di progettazione Valutazione della resistenza attuale (Capacità)

Dettagli

Inserimento di un nuovo solaio

Inserimento di un nuovo solaio Inserimento di un nuovo solaio DIRETTIVE TECNICHE Regioni Basilicata, Calabria e Campania, sisma del 9/9/1998 [ ] Cordoli in c.a.: verificare preliminarmente la fattibilità e l'efficienza di interventi

Dettagli

LANDMARK. Il muro che abbatte le difficoltà. L a n d m a r k. s.p.a PER LE CASE E LE PIAZZE PIÙ BELLE D ITALIA

LANDMARK. Il muro che abbatte le difficoltà. L a n d m a r k. s.p.a PER LE CASE E LE PIAZZE PIÙ BELLE D ITALIA s i s t e m i v e r t i c a l i LANDMARK s.p.a PER LE CASE E LE PIAZZE PIÙ BELLE D ITALIA premessa L idea: la connessione positiva Un surplus tecnologico Landmark razionalizza la quantità di geogriglie

Dettagli

RECUPERO STATICO DI UN FABBRICATO

RECUPERO STATICO DI UN FABBRICATO INGEGNERIA INTEGRATA DI ING. DIEGO DELL ERBA RECUPERO STATICO DI UN FABBRICATO DOTT. ING. DIEGO DELL ERBA Obiettivi del progetto Il progetto di recupero delle costruzionivetuste si propone di ristabilire

Dettagli

QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione

QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione La società si impegna a fare uso riservato di queste notizie ed informazioni. E importante rispondere a tutte le domande

Dettagli

NUOVA TIPOLOGIA ANTISISMICA DI EDIFICI INDUSTRIALI

NUOVA TIPOLOGIA ANTISISMICA DI EDIFICI INDUSTRIALI ARCHITETTONICO NUOVA TIPOLOGIA ANTISISMICA DI EDIFICI INDUSTRIALI STRUTTURALE Pagina 1 di 9 Sommario SOLUZIONE TIPO :... 3 VANTAGGI RISPETTO AL SISTEMA USUALE DI CAPANNONI PREFABBRICATI :... 6 SCELTA TIPOLOGIA

Dettagli

PALI CON COSTIPAMENTO LATERALE FDP

PALI CON COSTIPAMENTO LATERALE FDP Via Arni, 30 55032 Castelnuovo di Garfagnana (LU) OGGETTO: RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA Emissione : Castelnuovo di Garfagnana, lì 25/01/2012 Redatto Firme Intersonda srl INDICE 1. PALO CON COSTIPAMENTO

Dettagli

Tl Tale tecnologia può essere applicata nel caso di terreni aventi caratteristiche quali: suolo denso ma non coesivo (sabbia, ghiaia),

Tl Tale tecnologia può essere applicata nel caso di terreni aventi caratteristiche quali: suolo denso ma non coesivo (sabbia, ghiaia), FDP Full Displacement Piles Il Full Displacement Pile (FDP) è una metodologia di consolidamento del terreno in alternativa ai classici pali trivellati o CFA. In sostanza si sfrutta un apposito utensile,

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZION PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì OPERE DI SOSTEGNO I

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZION PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì OPERE DI SOSTEGNO I Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZION PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì OPERE DI SOSTEGNO I AGGIORNAMENTO 24/01/2015 OPERE DI SOSTEGNO Conoscenze Programma Abilità

Dettagli

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE...

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... INDICE GENERALE PREMESSA... 1 OGGETTO... 2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI... 2.2 STATI LIMITE... 2.2.1 Stati Limite Ultimi (SLU)... 2.2.2 Stati Limite di Esercizio (SLE)...

Dettagli

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA DESIGNAZIONE DEI LAVORI par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE R I P O R T O LAVORI A MISURA

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA DESIGNAZIONE DEI LAVORI par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE R I P O R T O LAVORI A MISURA Num.Ord. DESIGNAZIONE DEI LAVORI D I M E N S I O N I Quantità pag. 1 R I P O R T O LAVORI A MISURA 1 Scavo a sezione obbligata eseguito a mano, all esterno di edifici, in 01.01.09 terre di qualsiasi natura

Dettagli

In trazione e compressione in ogni terreno

In trazione e compressione in ogni terreno In trazione e compressione in ogni terreno SYTEC Titan è un sistema di ancoraggio completo ed innovativo Micropali e chiodi per applicazioni temporanee e permanenti Esecuzione senza problemi anche nelle

Dettagli

Under Water Anchors S.r.l.

Under Water Anchors S.r.l. Cooperativa Muratori & Cementisti C.M.C. di Ravenna SAPIR ENGINEERING S.r.l. S.OPE.MAR. S.r.l. Under Water Anchors S.r.l. Realizzazione di Ancoraggi Subacquei Sub-Orizzontali secondo la tecnica U.W.A.

Dettagli

1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO...

1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO... SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO... 3 5 I CRITERI DEL PROGETTO STRUTTURALE... 4 6 LE FASI REALIZZATIVE...

Dettagli

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Gli interventi sulle strutture ad arco o a volta possono essere realizzati

Dettagli

Piano generale di utilizzazione delle acque pubbliche

Piano generale di utilizzazione delle acque pubbliche D: Opere speciali Nelle opere speciali rientrano tutte quelle tipologie di opere che non appartengono specificatamente a categorie di intervento quali sistemazioni d alveo o di versante. Sono particolari

Dettagli

Monitoring, Testing & Structural engineering

Monitoring, Testing & Structural engineering Monitoring, Testing & Structural engineering Indagini strutturali e prove diagnostiche Monitoraggio dinamico di edifici e infrastrutture Verifica di vulnerabilità sismica di edifici esistenti Analisi e

Dettagli

PALI TRIVELLATI CLASSICI 15

PALI TRIVELLATI CLASSICI 15 QUADERNO I Sistemi di fondazione PALI E MICROPALI Scheda N : PALI TRIVELLATI CLASSICI 15 1 Pali trivellati semplici La trivellazione è eseguita senza tubazione di sostegno delle pareti o con tubazione

Dettagli

Prof. Stefano Lonati 23/09/2013. Tipologie. Prof. Stefano Lonati. Prof. Stefano Lonati LE FONDAZIONI

Prof. Stefano Lonati 23/09/2013. Tipologie. Prof. Stefano Lonati. Prof. Stefano Lonati LE FONDAZIONI 23/09/2013 Tipologie LE FONDAZIONI? 1 23/09/2013 FUNZIONE DELLE FONDAZIONI Le strutture portanti di fondazione costituiscono l elemento di trasmissione al terreno dei carichi agenti sull edificio. Il sedime

Dettagli

COMUNE DI PRATO. Relazione specialistica delle strutture

COMUNE DI PRATO. Relazione specialistica delle strutture Gli interventi strutturali previsti sul Bastione delle Forche sono i seguenti: realizzazione di una nuova scala di accesso al Bastione in prossimità della scala esistente; realizzazione del parapetto lungo

Dettagli

ESEMPI DI ADEGUAMENTO SISMICO DI EDIFICI ESISTENTI

ESEMPI DI ADEGUAMENTO SISMICO DI EDIFICI ESISTENTI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI ESISTENTI: DIAGNOSI E CONSOLIDAMENTO ESEMPI DI ADEGUAMENTO SISMICO DI EDIFICI ESISTENTI ing. Giacomo Iannis (TECNOCHEM ITALIANA SpA) 210 210.000 compressive strength

Dettagli

Sistema di consolidamento di solai in legno, acciaio e calcestruzzo. Il nuovo indirizzo della ristrutturazione.

Sistema di consolidamento di solai in legno, acciaio e calcestruzzo. Il nuovo indirizzo della ristrutturazione. Sistema di consolidamento di solai in legno, acciaio e calcestruzzo. Il nuovo indirizzo della ristrutturazione. Nuovo sistema di interconnessione più calcestruzzi strutturali Leca. L unione fa il rinforzo.

Dettagli

SP 10 Padana Inferiore Intervento urgente di ricostruzione del viadotto al km 7+400 PROVINCIA DI TORINO

SP 10 Padana Inferiore Intervento urgente di ricostruzione del viadotto al km 7+400 PROVINCIA DI TORINO PROVINCIA DI TORINO INTERVENTO URGENTE DI RICOSTRUZIONE DEL VIADOTTO LUNGO LA S.P. 10 (EX S.R. 10) "PADANA INFERIORE" AL KM 7+400 RELAZIONE DI CALCOLO OPERE PROVVISIONALI R011A - Relazione di calcolo opere

Dettagli

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue 1 Pali di fondazione Si possono avere: a) pali in legno: oggi quasi totalmente abbandonati e impiegati solo per modeste costruzioni che trasmettono carichi limitati, per lo più in zone con abbondante legname,

Dettagli

13 LE FONDAZIONI. 13.1 L elemento costruttivo fondazione

13 LE FONDAZIONI. 13.1 L elemento costruttivo fondazione 13 LE FONDAZIONI 13.1 L elemento costruttivo fondazione Le strutture portanti di fondazione costituiscono l elemento di trasmissione al terreno dei carichi verticali ed orizzontali agenti sull edificio;

Dettagli

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA 1 Via Arni, 30 55032 Castelnuovo di Garfagnana (LU) MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA SMW ( Soil Mixing Wall ) - trielica RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA Emissione : Castelnuovo di Garfagnana,

Dettagli

INDAGINI DIAGNOSTICHE

INDAGINI DIAGNOSTICHE INDAGINI DIAGNOSTICHE ESEMPIO DI SCHEDE OPERATIVE 1. Report di sopralluogo 2. Minute: rilievo armature prove sclerometriche prelievo carote prelievo barre di armature indagini soniche diagnostica manufatti

Dettagli

1 INDAGINI PRELIMINARI E DURANTE L ESECUZIONE DEI LAVORI... - 4 - 1.1 Rilievo delle strutture interne alle volte sul Canal Grande...

1 INDAGINI PRELIMINARI E DURANTE L ESECUZIONE DEI LAVORI... - 4 - 1.1 Rilievo delle strutture interne alle volte sul Canal Grande... INDICE 1 INDAGINI PRELIMINARI E DURANTE L ESECUZIONE DEI LAVORI... - 4-1.1 Rilievo delle strutture interne alle volte sul Canal Grande... - 4-1.2 Indagini sulle murature... - 5-1.2.1 Martinetto piatto

Dettagli

PALI TRIVELLATI IN OPERA

PALI TRIVELLATI IN OPERA lezione di approfondimento PLI TRIVELLTI IN OPER n Pali trivellati in opera Si chiama trivellato quello che viene eseguito direttamente nel terreno con tecniche che variano in funzione delle caratteristiche

Dettagli

KAPPAZETA AKTIV CONSOLIDAMENTO FONDAZIONI

KAPPAZETA AKTIV CONSOLIDAMENTO FONDAZIONI 2013 Consolidamento fondazioni di un edificio di culto sito nel Comune di ROCCABIANCA (PR). KAPPAZETA S.P.A. ha consolidato e stabilizzato con la collaborazione dell Impresa Bolsi le fondazioni della Chiesa

Dettagli

AGIBILITA SISMICA DEGLI EDIFICI PREFABBRIATI

AGIBILITA SISMICA DEGLI EDIFICI PREFABBRIATI AGIBILITA SISMICA DEGLI EDIFICI PREFABBRIATI - MIGLIORAMENTO SISMICO; - VERIFICA GLOBALE DEGLI EDIFICI; - DETTAGLI STRUTTURALI; 01/10/2012 relatore DELDOSSI Ing. Angelo Amm.re DELDOSSI S.R.L. PREMESSA

Dettagli

IN OGNI PUNTO LA RESINA IDEALE. COSì OTTENIAMO UN MIGLIOR CONSOLIDAMENTO. Una nostra invenzione.

IN OGNI PUNTO LA RESINA IDEALE. COSì OTTENIAMO UN MIGLIOR CONSOLIDAMENTO. Una nostra invenzione. IN OGNI PUNTO LA RESINA IDEALE. COSì OTTENIAMO UN MIGLIOR CONSOLIDAMENTO. Una nostra invenzione. IL NOSTRO SERVIZIO: MATERIALI E TECNICHE AVANZATe PER LE VOSTRE ESIGENZE DI CONSOLIDAMENTO Le crepe sono

Dettagli

Il sistema per vespai ventilati da 70 a 250 cm. www.geoplast.it

Il sistema per vespai ventilati da 70 a 250 cm. www.geoplast.it Il sistema per vespai ventilati da 7 a 25 cm www.geoplast.it NUOVO ELEVETOR Il sistema per vespai ventilati da 7 a 25 cm NUOVO ELEVETOR è un sistema combinato di casseri con altezza 15 cm e basi di supporto

Dettagli

SCUOLA ELEMENTARE LEOPOLDO OTTINO VIA BRISSOGNE 32 TORINO

SCUOLA ELEMENTARE LEOPOLDO OTTINO VIA BRISSOGNE 32 TORINO CITTA DI TORINO SCUOLA ELEMENTARE LEOPOLDO OTTINO VIA BRISSOGNE 32 TORINO Novembre 2007 MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELLA SCUOLA ELEMENTARE L. OTTINO SITA IN VIA BRISSOGNE 32 OPERE DI CONSOLIDAMENTO II

Dettagli

Università degli studi di Napoli Federico II

Università degli studi di Napoli Federico II Università degli studi di Napoli Federico II Scuola Politecnica e delle scienze di base Corso di Laurea Triennale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile ed

Dettagli

SCHEDA INTERVENTO Chiesa di Sant Agata del Carmine Comune di Bergamo

SCHEDA INTERVENTO Chiesa di Sant Agata del Carmine Comune di Bergamo SCHEDA INTERVENTO Chiesa di Sant Agata del Carmine Comune di Bergamo Con l obiettivo di restituire all antico edificio le riserve di duttilità e di stabilità che i danni allora subiti le avevano fatto

Dettagli

PAC 3D Modellatore per il calcolo 3D delle paratie

PAC 3D Modellatore per il calcolo 3D delle paratie http://www.aztec.it/prodotto.aspx?cod=aztpac3d PAC 3D Modellatore per il calcolo 3D delle paratie Il calcolo delle paratie viene generalmente condotto nell ipotesi di deformazione piana, supponendo che

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo.

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo. RELAZIONE TECNICA Il Comune di Predosa ha conferito incarico ai sottoscritti ing. Italo BRUNO con recapito in Novi Ligure Via Manzoni n. 14. per la redazione del progetto di Consolidamento ponte e difesa

Dettagli

Le fondazioni profonde. I pali

Le fondazioni profonde. I pali Le fondazioni profonde I pali Definizioni Palo: elemento strutturale di fondazione, costruito in opera o infisso dalla superfice del terreno, in grado di trasmettere al sottosuolo, anche lungo la sua superficie

Dettagli

La presente relazione ha lo scopo di descrivere la struttura portante dell'edificio oggetto

La presente relazione ha lo scopo di descrivere la struttura portante dell'edificio oggetto 1. Premessa La presente relazione ha lo scopo di descrivere la struttura portante dell'edificio oggetto del Progetto definitivo del Piano Particolareggiato del Porto e variante connessa al P.U.C. Ed alla

Dettagli

TECNOLOGIE SOLES NON INVASIVE AL SERVIZIO DELLA REALIZZAZIONE DI PARCHEGGI INTERRATI IN AMBIENTE URBANO

TECNOLOGIE SOLES NON INVASIVE AL SERVIZIO DELLA REALIZZAZIONE DI PARCHEGGI INTERRATI IN AMBIENTE URBANO TECNOLOGIE SOLES NON INVASIVE AL SERVIZIO DELLA REALIZZAZIONE DI PARCHEGGI INTERRATI IN AMBIENTE URBANO Relatori: Ing. Roberto Zago, (Presidente Soles) Dott. Geol. Francesco Alberti, (Consulente Soles)

Dettagli

Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura FONDAZIONI SU PALI. ing. Nunziante Squeglia. ing. Nunziante Squeglia

Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura FONDAZIONI SU PALI. ing. Nunziante Squeglia. ing. Nunziante Squeglia FONDAZIONI SU PALI Cos è un Palo? DEFINIZIONE (Norme Tecniche, 2008) Elemento strutturale che trasferisce l azione proveniente dalla struttura in elevato agli strati profondi del terreno Perché si ricorre

Dettagli

PREZZO DI APPLICAZIONE mc 3,00

PREZZO DI APPLICAZIONE mc 3,00 01 Oneri di discarica per materiali da demolizione, esclusi i tossico-nocivi. - Prezzo di mercato per scarico a discarica di materiali da demolizione edile: si considera che 1 mc equivale a circa 1,6 t

Dettagli

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI]

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] 2014 PROGETTARE BIOEDILE Giovanni Tona [LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] Analisi delle cause delle più frequenti lesioni presenti negli edifici con struttura in cemento armato, e metodi di

Dettagli

Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol

Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol Gianfranco Righetti ASSOUNISOL, VERONA 1 - unisol : caratteristiche e prestazioni 1.1 - Caratteristiche generali Il solaio unisol è formato

Dettagli

CONSIDERAZIONI GENERALI

CONSIDERAZIONI GENERALI CONSIDERAZIONI GENERALI FUNZIONI DELLE FONDAZIONI La funzione delle fondazioni è quella di trasferire i carichi provenienti dalla struttura in elevazione al terreno sul quale l edificio poggia. La scelta

Dettagli

ALL.9 - ANALISI PREZZI

ALL.9 - ANALISI PREZZI AP_01 muro rivestito prefabbricato c.re MURO DI SOSTEGNO IN C.A. voce a misura MURO DI SOSTEGNO IN C.A. Realizzato con Pannelli PREFABBRICATI rivestiti con pietra di vario genere. Possono essere realizzate

Dettagli

SOLUZIONI COSTRUTTIVE 2

SOLUZIONI COSTRUTTIVE 2 LIBRO I Fondazioni e sostegni FONDAZIONI Scheda N : SOLUZIONI COSTRUTTIVE 2 Libro I Casi particolari Fondazioni sotto pressione L incidenza dell acqua che non riesce a risalire liberamente al di sopra

Dettagli

Generalità sui provvedimenti tecnici

Generalità sui provvedimenti tecnici 14 Problemi Strutturali dei Monumenti e dell Edilizia Storica Immagini lezioni 2012 Generalità sui provvedimenti tecnici fuori piano arch. Mariateresa Guadagnuolo 1 Sintesi schematica di dissesti da sisma

Dettagli

Ancoraggi autoperforanti Micropali e tiranti

Ancoraggi autoperforanti Micropali e tiranti w w w. s o i l n a i l i n g. i t Consolidamento frane e terreni Soil Nailing / Pareti Chiodate Bonifiche montane Ancoraggi autoperforanti Micropali e tiranti INTERVENTI di controllo e miglioramento statico

Dettagli

Articolo: 002 - con struttura portante in c.a., eseguita con mezzi meccanici, in qualsiasi condizione di altezza Prezzo a mc 13,80572

Articolo: 002 - con struttura portante in c.a., eseguita con mezzi meccanici, in qualsiasi condizione di altezza Prezzo a mc 13,80572 Firenze Codice regionale: 01 Tipologia: NUOVE COSTRUZIONI EDILI: I prezzi sono relativi a una nuova costruzione di edilizia civile di circa 5000 mc vuoto per pieno, e si riferiscono a lavori con normali

Dettagli

CAPITOLO 17 TIPOLOGIA E CAPACITÀ PORTANTE DI FONDAZIONI PROFONDE

CAPITOLO 17 TIPOLOGIA E CAPACITÀ PORTANTE DI FONDAZIONI PROFONDE CAPITOLO 17 TIPOLOGIA E CAPACITÀ PORTANTE DI FONDAZIONI PROFONDE 17.1 Definizione, impiego e classificazione delle fondazioni profonde Terzaghi definisce profonda una fondazione per la quale il rapporto

Dettagli

La Sistral risponde alle esigenze delle amministrazioni e delle imprese sulla manutenzione delle infrastrutture.

La Sistral risponde alle esigenze delle amministrazioni e delle imprese sulla manutenzione delle infrastrutture. La Sistral risponde alle esigenze delle amministrazioni e delle imprese sulla manutenzione delle infrastrutture. In particolare vengono progettati e realizzati interventi di ingegneria strutturale quali:

Dettagli