CESI. A Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 1/25. Ricerca di Sistema (secondo periodo)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CESI. A4523456 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 1/25. Ricerca di Sistema (secondo periodo)"

Transcript

1 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 1/25 Cliente Ricerca di Sistema (secondo periodo) Oggetto Messa a punto di metodi sperimentali per la valutazione del contributo della vegetazione alla stabilizzazione dei versanti: prove di laboratorio per la valutazione dell incremento di resistenza al taglio Ordine L17946G Note SISET / SITER / workpackage 1 / milestone 1.8 La parziale riproduzione di questo documento è permessa solo con l'autorizzazione scritta del CESI. N. pagine 25 N. pagine fuori testo - Data 17 Dicembre 2004 Elaborato CESI PeC E. Crippa, C. Villa Verificato CESI PeC D. Cazzuffi CESI FAS L. Nigro Approvato CESI ING G. Mazzà CESI Via R. Rubattino 54 Capitale sociale Euro Registro Imprese di Milano Centro Elettrotecnico Milano - Italia interamente versato Sezione Ordinaria Sperimentale Italiano Telefono Codice fiscale e numero N. R.E.A Giacinto Motta SpA Fax iscrizione CCIAA P.I. IT

2 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 2/25 Indice SOMMARIO INTRODUZIONE PREMESSA DESCRIZIONE DELLE DIVERSE SPECIE DI GRAMINACEE OGGETTO DELL INDAGINE SPERIMENTALE SVILUPPO DELL INDAGINE SPERIMENTALE PRELIEVO IN SITO DI CAMPIONI INDISTURBATI PROVE DI TAGLIO DIRETTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE...24 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...25

3 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 3/25 SOMMARIO Il presente rapporto descrive le attività svolte durante l anno 2004, nell ambito dell attività di ricerca finalizzata alla messa a punto di metodi sperimentali per la valutazione del contributo della vegetazione alla stabilizzazione dei versanti. La programmazione triennale di questa specifica attività di ricerca prevedeva, tra l altro, la valutazione dell incremento di resistenza al taglio fornito dalle radici della vegetazione, mediante la realizzazione di prove di taglio diretto in laboratorio. Era previsto che le prove di taglio dovessero essere effettuate su campioni indisturbati, prelevati in sito, di terreno contenente apparati radicali e su campioni indisturbati di solo terreno. Il sito scelto per il prelievo è stato quello di Altomonte in Calabria, già ampiamente descritto nel precedente Rapporto, che ha riguardato l attività realizzata nel corso del Nel presente rapporto, dopo aver brevemente descritto le caratteristiche botaniche, pedoclimatiche ed agronomiche delle specie vegetali piantate in sito ed oggetto dell indagine (Elygrass, Eragrass, Pangrass e Vetiver), si rende conto delle operazioni di prelievo di campioni indisturbati, contenenti sia solo terreno che terreno radicato. In particolare, si presentano le valutazioni qualitative effettuate in precedenza all intervento di prelievo e le osservazioni emerse in sito al momento della realizzazione del prelievo stesso. I campioni di terreno, di forma cilindrica e dimensioni di un metro di altezza per un diametro di 0,2 m, sono stati prelevati mediante infissione a pressione di fustelle in acciaio dal piano campagna fino ad un metro di profondità, in modo da ottenere provini già confezionati, formati da terreno e apparati radicali per le prove di taglio diretto. Vengono altresì descritte le prove di taglio diretto effettuate in laboratorio sui campioni prelevati, mediante un apparecchiatura di grandi dimensioni opportunamente messa a punto. I risultati ottenuti dalle prove di taglio hanno evidenziato il contributo di resistenza al taglio fornito dagli apparati radicali delle specie in esame. In particolare, anticipando alcune delle interpretazioni dei risultati sperimentali che saranno il principale oggetto delle attività relative a questa ricerca nel corso del 2005, si è già potuto osservare come parametro fondamentale sia la resistenza a trazione delle radici: infatti, a valori elevati di resistenza a trazione da parte delle radici, corrispondono gli incrementi di resistenza al taglio più importanti. Inoltre, i valori registrati sono risultati in linea con quelli presenti in letteratura e dimostrano anche quantitativamente il contributo della vegetazione nella stabilizzazione di scivolamenti superficiali.

4 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 4/25 1 INTRODUZIONE 1.1 Premessa Numerosi studi in letteratura hanno confermato come l influenza delle radici sul comportamento meccanico dei pendii risulti significativa nei primi metri di sottosuolo, laddove la densità radicale è tale da costituire un vero e proprio rinforzo meccanico. Ben inferiore, invece, è il numero di ricerche che hanno cercato di quantificare, sia sperimentalmente che analiticamente, l effettivo contributo fornito dalla vegetazione alla resistenza meccanica del terreno circostante. La ricerca in corso al CESI nel triennio , sta cercando di fornire nuovi elementi di discussione scientifica riguardo all incremento di resistenza al taglio di un terreno radicato nei confronti di terreno omogeneo, vale a dire privo di materiale vegetale al suo interno. In particolare, il presente rapporto rende conto dell attività sperimentale realizzata nel corso del 2004 e va ad integrare il rapporto A3/044533, che invece descriveva le attività del 2003, nell ambito della milestone 7. Nel precedente rapporto venivano inoltre descritti gli aspetti basilari dell utilizzo della vegetazione nella stabilizzazione dei versanti e l intervento di ingegneria naturalistica di consolidamento delle scarpate nell area della centrale termoelettrica di cogenerazione Edison, in costruzione sul territorio di Altomonte (CS). L intervento aveva previsto la messa a dimora di circa graminacee perenni cespitose su un area superiore ai 40 m 2 ; alla piantumazione, aveva fatto seguito un programma di monitoraggio, effettuato mediante ispezioni in sito realizzate nell Agosto 2003 e nel Novembre Tali ispezioni avevano confermato la riuscita dell intervento, valutata mediante la misura della percentuale di piante attecchite, dell altezza della parte aerea delle piante e della profondità delle radici. Le specie di graminacee piantate sono state quattro e sono risultate il frutto di selezioni genetiche che hanno permesso di ottenere esemplari caratterizzati da radici in grado di raggiungere notevoli profondità e capaci di resistere in ambienti particolarmente difficili, da molto umidi a particolarmente secchi ed in presenza di terreni inquinati e a pronunciate caratteristiche di acidità o alcalinità. Le specie oggetto dell indagine sono state le seguenti: Elygrass (Elytrigia elymus spp.) Eragrass (Eragrostis curvala) Pangrass (Panicum virgatum) Vetiver (Vetiveria zizanioides) Nel seguito si riporta una breve descrizione delle caratteristiche di ogni singola specie. 1.2 Descrizione delle diverse specie di graminacee oggetto dell indagine sperimentale Elygrass (Elytrigia elymus spp.) Specie, originaria dell'europa sud-orientale e dell'asia Minore, è ormai diffusa in tutti gli altri continenti. Molto vigorosa e sempreverde anche d'inverno.

5 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 5/25 DESCRIZIONE BOTANICA Graminacea perenne cespitosa con rizoma producente stoloni e culmi con sviluppo aereo fino a 0,6-0,8 m. Ha foglie allungate, resistenti, erette, con culmi che possono raggiungere anche un metro e mezzo di altezza, con infiorescenza a spighe composte da spighette piuttosto grossi. Apparato radicale fascicolato con numerose radici cilindriche e fini in grado di raggiungere un approfondimento fino a 2 m. ESIGENZE PEDOCLIMATICHE Ha una elevata resistenza alla siccità estiva ed al freddo invernale e alla salinità. reazione del terreno: ph 5-12 temperature estreme: da -5 a + 50 C precipitazioni atmosferiche: mm/anno. CARATTERISTICHE AGRONOMICHE Possiede anche una elevata resistenza alla salinità. Svolge un ciclo autunno-vernino potendo, a volte, andare a fiore due volte all anno sia a fine primavera sia in autunno. Eragrass (Eragrostis curvala) Specie, di origine sudafricana, e ormai diffusa in tutti i Continenti. La più coltivata nel genere Eragrostis anche a scopo ornamentale. DESCRIZIONE BOTANICA Graminacea perenne cespitosa con rizoma producente culmi addensati con sviluppo aereo fino a 1,2 m. Guaine arrotolate, pubescenti alla base e verdi scuro; lamina fogliare lunga fino a 0,3 m, convoluta e ruvida sulla pagina superiore e di colore verde scuro. Apparato radicale fascicolato con numerose radici cilindriche, finissime e di elevata resistenza alla trazione con un massimo approfondimento fino a 3-4 m. Infiorescenze, in maturazione tra agosto e settembre, sono costituite da pannocchie molto lasse e aperte, lunghe anche 0,3 m, con spighette di color verdegrigio oliva scuro. ESIGENZE PEDOCLIMATICHE Predilige posizioni in pieno sole, con clima caldo e secco e terreno sabbioso. reazione del terreno: ph 5-8,2 temperature estreme: da -5 a + 40 C precipitazioni atmosferiche: mm/anno.

6 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 6/25 CARATTERISTICHE AGRONOMICHE Si propaga facilmente con semine in vaso, in condizioni controllate e più difficilmente in piena terra, date le minutissime dimensioni dei semi. La specie ha anche un discreto valore foraggiero. Produce stoloni e può anche propagarsi lateralmente. Pangrass (Panicum virgatum) Specie originaria del Nordamerica, presenta una ampia variabilità genetica sia per adattamenti climatici che per terreni e piovosità. DESCRIZIONE BOTANICA Graminacea perenne cespitosa con rizoma corto e di color scuro producente culmi alti fino a 0,2 m e sviluppo aereo di 0,6-0,8 m circa. Guaine fogliari persistenti, glabre e verdi; lamina fogliare lunga fino a 0,6 m e larga 2 cm, piana e glabra, ma a volte leggermente pubescente alla base. Apparato radicale fascicolato con numerose radici cilindriche e piuttosto grossolane con possibilità di approfondirsi fino a 3-4 m. Infiorescenze mature tra settembre e novembre e costituite da pannocchie molto lasse, più compatte all apice e molto aperte e piangenti verso la base, lunghe anche 0,5 m. ESIGENZE PEDOCLIMATICHE reazione del terreno: ph 4,5-7,6 temperature estreme: da -20 a + 45 C precipitazioni atmosferiche: mm/anno. CARATTERISTICHE AGRONOMICHE Messa a dimora con temperatura del terreno sopra i 15 Esige esposizioni soleggiate Adatta anche a terreni rocciosi Specie robusta, di discreto valore foraggiero (in primavera). Lo sviluppo ottimale avviene nel periodo estivo ed è particolarmente favorito da frequenti precipitazioni. La pianta dissecca durante il periodo invernale, per ricacciare in primavera. Si riproduce sia con semina in vasi e poi con trapianto (fornendo in pochi mesi un'ottima vegetazione) che direttamente sul terreno, purché in condizioni ottimali di umidità e temperatura. Vetiver (Vetiveria zizanioides) Il Vetiver, relativamente sconosciuto, fino agli anni 80, viene utilizzato, oltre che per l estrazione di oli essenziali dalle radici, per la stabilizzazione dei terreni e conservazione delle risorse idriche. La promozione da parte della

7 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 7/25 Banca Mondiale attraverso il Vetiver Network ha reso questa pianta come la pianta modello, di provata utilizzazione per interventi, a livello mondiale, di "ingegneria verde. Pianta di origine tropicale, proveniente dal Sud-est asiatico (Tailandia) che trova, nelle condizioni climatiche italiane, limiti nella sua applicazione soprattutto in Regioni a clima invernale molto freddo. DESCRIZIONE BOTANICA Graminacea perenne cespitosa con rizoma producente parecchi culmi con sviluppo aereo fino a 1,6 m, in condizioni ottimali. Foglie lineari con lamina distesa (piana) verde chiaro. Apparato radicale fascicolato con numerose radici fibrose, cilindriche e piuttosto grossolane con un approfondimento in gradi di raggiungere fino a 4-5 m. Non produce infiorescenza in quanto viene utilizzato un clone sterile, selezionato, attraverso il miglioramento genetico, per lo sviluppo radicale. ESIGENZE PEDOCLIMATICHE La pianta, grazie al ridotto numero di stomi ed allo sviluppo profondo delle radici, resiste molto bene sia alla siccità, sia all immersione in acqua, tollerando condizioni di asfissia radicale. reazione del terreno: ph 4-11 temperature estreme: da -5 a + 50 C precipitazioni atmosferiche: mm/anno. CARATTERISTICHE AGRONOMICHE Predilige l esposizione diretta alla luce del sole, ma tollera anche condizioni di ombra. Si adatta alle più svariate ed estreme condizioni pedologiche: dune sabbiose, o materiali argillosi, terreni acidi o alcalini (4<pH<11), aridi o acquitrinosi, torbosi o poveri in sostanza organica. Resiste a concentrazioni elevatissime di inquinanti e metalli pesanti, quali Cd, Pb, As, Al, Sn, Zn, Hg, Sb, Cr, Ni, ecc., presenti nei terreni, che concentra nella pianta, sottraendole al terreno stesso. Messa a dimora con temperatura del terreno sopra i 15. Le radici spugnose, fibrose e resistenti si accrescono verticalmente fino a profondità elevate, anche oltre i 5 metri, senza svilupparsi radialmente, per cui la pianta risulta poco competitiva con le coltivazioni adiacenti. 1.3 Sviluppo dell indagine sperimentale Le quattro specie di graminacee sono ormai da alcuni anni oggetto di studi in Italia e diverse sono le applicazioni in interventi di ingegneria naturalistica, sia di stabilizzazione superficiale di pendii e versanti che di protezione dall erosione. Importante è però cercare di valutare il reale contributo fornito dalle radici alla resistenza al taglio del terreno, se possibile mettendo a punto un metodo di indagine ripetibile, utilizzando opportune metodologie di campionamento e svolgendo tradizionali prove geotecniche. L attività di ricerca del 2004 ha dunque previsto il prelievo in sito di campioni indisturbati di terreno di grandi dimensioni contenenti anche apparati radicali e la realizzazione di prove di taglio diretto eseguite sugli stessi campioni mediante un apparecchiatura di grandi dimensioni, avendo come obiettivo l andamento della resistenza al taglio dei campioni a diverse profondità. Le diverse fasi dell attività realizzate nel corso dell anno sono descritte nei successivi capitoli del presente rapporto, dedicati rispettivamente al prelievo in sito di campioni indisturbati (Cap. 2) ed alle prove di taglio diretto (Cap. 3).

8 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 8/25 2 PRELIEVO IN SITO DI CAMPIONI INDISTURBATI Come affermato precedentemente e come ampiamente descritto nel rapporto sull attività di ricerca realizzata nel corso del 2003, il sito scelto per effettuare il prelievo di campioni indisturbati è ubicato nell Italia Meridionale, precisamente sul territorio del comune di Altomonte in Calabria. La scelta del sito è stata determinata da diversi fattori: in primo luogo, i versanti che circondano la costruenda centrale di Altomonte sono stati completamente piantumati con le specie vegetali oggetto dell indagine ed il periodo di messa a dimora ha permesso al personale del CESI di seguire l intervento e di monitorarlo nel tempo; in secondo luogo il terreno costituente i versanti è di tipo coesivo e ciò avrebbe dovuto più facilmente consentire il prelievo di campioni indisturbati di terreno. L analisi granulometrica realizzata su un campione del terreno in oggetto ha confermato infatti che si tratta di limo (63,30 %) con argilla (28,70 %), come si può anche osservare dalla curva riportata in Figura Diametro [mm] Figura 1: Analisi granulometrica di un campione di terreno prelevato presso il sito di Altomonte Al fine di meglio studiare l interazione terreno-radice e permettere il completo sviluppo del meccanismo di rottura al momento delle prove di taglio in laboratorio, è stato deciso di prelevare campioni di grandi dimensioni, non così usuali per i sondaggi geotecnici, da sottoporre poi direttamente alle prove di taglio diretto. I campioni prelevati dovevano avere un diametro pari a 200 mm ed un altezza di un metro, così da permettere l effettuazione delle prove in laboratorio a tre diverse profondità. E stato quindi deciso di prelevare tre campioni indisturbati di terreno contenenti ciascuno un apparato radicale, per ognuna delle quattro specie di graminacee considerate. Al fine di quantificare effettivamente l incremento di resistenza al taglio, è stato previsto di prelevare anche tre campioni di solo terreno. Dunque, complessivamente i campioni indisturbati da prelevare erano in numero pari a quindici. Al momento della fase di preparazione della ricerca sono state poi prese in esame le diverse tecniche di prelievo dei campioni, considerando la difficoltà nell estrarre campioni di tali dimensione e peso e la necessità di arrecare il minor disturbo possibile. La modalità di prelievo mediante trivellazione è stata accantonata in quanto avrebbe provocato un eccessivo disturbo al campione e ci si è quindi orientati sulla tecnica di infissione della fustella a pressione. Questo secondo metodo avrebbe garantito, almeno teoricamente, un estrazione senza disturbo del terreno e delle radici ed un maggior controllo della Passante [%]

9 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 9/25 perpendicolarità nella direzione di campionamento. Tale metodo, inoltre, è normalmente impiegato nelle fasi di controllo di sistemi barriera naturali per estrarre campioni indisturbati di argilla sui quali, ad esempio, realizzare prove di permeabilità. Il prelievo, infatti, doveva avvenire dal piano campagna fino ad un metro di profondità, in accordo con la misura del massimo affondamento delle radici registrata in sito nei mesi precedenti. Sono state dunque preparate quindici fustelle di acciaio di diametro interno pari a 200 mm, aventi spessore della parete di circa un millimetro e altezza di un metro. La scelta dello spessore della fustella ha rappresentato un ulteriore aspetto critico in quanto esso doveva essere sufficiente a garantire l infissione senza deformazioni della fustella stessa e doveva permetterne il taglio mediante flessibile al momento dell apertura dei campioni, prima della realizzazione della prova in laboratorio. Il prelievo in sito dei campioni è stato effettuato nei giorni 30 e 31 Marzo 2004, periodo scelto poiché coincidente con il risveglio vegetativo delle specie di graminacee perenni impiantate. Un immagine della centrale termoelettrica in costruzione con scorci dei versanti circostanti rinverditi viene presentata in Figura 3. Si segnala che il mese di Marzo 2004 è stato contraddistinto da piogge intense per diversi giorni: per questo motivo il terreno, prevalentemente limoso-argilloso, era diventato particolarmente fangoso e non ha consentito un agevole accesso ai mezzi di una certa stazza utilizzati per il prelievo. Pertanto, l estrazione dei campioni indisturbati è stata effettuata utilizzando un autocarro dotato di un sistema a pressione usualmente impiegato nella realizzazione di pozzi per acqua, in grado di spingere la fustella fino alla profondità desiderata (Figura 3). Figura 2: Centrale termoelettrica di Altomonte in costruzione, ripresa dai circostanti versanti rinverditi in data 30 Marzo 2004

10 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 10/25 Figura 3. Immagine del mezzo impiegato per il prelievo dei campioni indisturbati La messa a dimora delle piante aveva previsto l impiego contemporaneo delle quattro specie di graminacee perenni nelle stesse zone, con un sesto d impianto che permetteva un ottimale sinergia tra le diverse caratteristiche delle specie. E stata dunque identificata un area accessibile ai mezzi e si sono identificati preventivamente tre esemplari per ogni specie, al fine di prelevare campioni indisturbati di terreno contenenti ciascuno l apparato radicale. Nella medesima zona sono stati poi prelevati i tre campioni indisturbati contenenti esclusivamente terreno. Ciò ha permesso di avere campioni pressoché uniformi dal punto di vista della natura del terreno. Una volta identificati tre esemplari per ognuna delle quattro specie di graminacee, le parti aeree di ognuno sono state tagliate per permettere un migliore posizionamento del campionatore ed un infissione perpendicolare della fustella. Dopo aver posizionato il mezzo ed aver collegato al sistema pneumatico la fustella mediante bulloni si è proceduto all infissione in pressione dell intero sistema. Questa procedura di prelievo è stata ripetuta per ogni prelievo effettuato; l intera estrazione dei campioni indisturbati ha richiesto due giorni lavorativi. Nelle Figure 4, 5, 6 e 7 sono illustrate alcune fasi della procedura stessa.

11 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 11/25 Figura 4. Posizionamento del mezzo per l estrazione dei campioni indisturbati Figura 5: Posizionamento della fustella in direzione perpendicolare al terreno prima del fissaggio al sistema pneumatico

12 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 12/25 Figura 6: Fase di affondamento a pressione della fustella nel terreno Figura 7: Allentamento dei bulloni di fissaggio e recupero della fustella contenente il campione prelevato

13 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 13/25 Una volta prelevati, i campioni indisturbati sono stati sigillati mediante l applicazione di cera per mantenerne l umidità e sono stati trasportati al Laboratorio Geosintetici del CESI di Milano. I campioni sono stati quindi identificati con un codice alfanumerico costituito da tre lettere ed un numero compreso tra uno e tre, come riportato nella Tabella 1. SIGLA IDENTIFICATIVA DEL CAMPIONE Tabella 1: Identificazione dei campioni prelevati DESCRIZIONE DEL CAMPIONE PROFONDITA DEL PIANO DI TAGLIO Ter 1 Campione n.1 di solo terreno 0,2 m Ter 2 Campione n.2 di solo terreno 0,4 m Ter 3 Campione n.3 di solo terreno 0,6 m Ely 1 Campione n.1 di terreno contenente apparato radicale di Elygrass 0,2 m Ely 2 Campione n.2 di terreno contenente apparato radicale di Elygrass 0,4 m Ely 3 Campione n.3 di terreno contenente apparato radicale di Elygrass 0,6 m Era 1 Campione n.1 di terreno contenente apparato radicale di Eragrass 0,2 m Era 2 Campione n.2 di terreno contenente apparato radicale di Eragrass 0,4 m Era 3 Campione n.3 di terreno contenente apparato radicale di Eragrass 0,6 m Pan 1 Campione n.1 di terreno contenente apparato radicale di Pangrass 0,2 m Pan 2 Campione n.2 di terreno contenente apparato radicale di Pangrass 0,4 m Pan 3 Campione n.3 di terreno contenente apparato radicale di Pangrass 0,6 m Vet 1 Campione n.1 di terreno contenente apparato radicale di Vetiver 0,2 m Vet 2 Campione n.2 di terreno contenente apparato radicale di Vetiver 0,4 m Vet 3 Campione n.3 di terreno contenente apparato radicale di Vetiver 0,6 m In Tabella 1 si riporta poi la profondità alla quale è stato localizzato il piano, cioè la profondità alla quale è stata eseguita la prova di taglio diretto in laboratorio. L attività, infatti, ha previsto il trasporto in laboratorio dei campioni di terreno indisturbato in laboratorio e l esecuzione su ciascuno di essi di una prova di taglio realizzata rispettivamente alle profondità di 0,2 m, 0,4 m e 0,6 m, come verrà descritto nel Capitolo 3.

14 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 14/25 3 PROVE DI TAGLIO DIRETTO Una volta giunte al Laboratorio Geosintetici del CESI, le fustelle contenenti i campioni di terreno sono state aperte mediante flessibile, appena prima di effettuare la prova di taglio, prestando particolare cura che i campioni stessi non venissero danneggiati durante questa operazione. Una volta liberati della fustella, i campioni sono stati avvolti in un involucro trasparente per poter essere trasportati e quindi sono stati pesati e misurati. Immagini dell apertura di un campione indisturbato di terreno vengono rappresentate nelle Figure 8 e 9. Figura 8: Apertura in laboratorio di un campione indisturbato di terreno

15 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 15/25 Figura 9: Taglio della fustella in acciaio contenente il campione mediante flessibile Va segnalato che i campioni Ter 2 (profondità del piano di taglio: 0,4 m), Ely 3 (profondità del piano di taglio: 0,6 m), Era 2 (profondità del piano di taglio: 0,4 m) e Vet 1 (profondità del piano di taglio: 0,2 m) al momento dell apertura emanavano cattivo odore, probabilmente a causa dello svilupparsi di fenomeni di putrefazione della materia organica contenuta al loro interno e non sono stati dunque considerati. Nella Tabella 2 sono riportati i pesi e le altezze misurati per ognuno degli undici campioni poi sottoposti alle prove di taglio diretto. Tabella 2: Caratteristiche di peso e di altezza dei campioni prelevati SIGLA CAMPIONE PESO (kg) ALTEZZA (m) Ter 1 69,14 1,000 Ter 3 59,86 0,890 Ely 1 60,15 0,940 Ely 2 40,55 0,650 Era 1 45,20 0,450 Era 3 55,40 0,830 Pan 1 42,53 0,690 Pan 2 48,00 0,750 Pan 3 64,10 0,995 Vet 2 57,40 0,850 Vet 3 50,00 0,820

16 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 16/25 Ely 2 Figura 10: Allestimento di una prova di taglio e posizionamento del campione all interno della camicia di acciaio opportunamente realizzata Le prove di taglio diretto da effettuare sui campioni prelevati presso il sito di Altomonte sono state realizzate mediante un apparecchiatura di taglio di grandi dimensioni opportunamente modificata. Infatti, al fine di poter accogliere i cilindri di terreno alti all incirca 1 m, è stato necessario realizzare una particolare camicia di acciaio in grado di sostenere e serrare il campione durante la prova, in modo che non si verificassero flessioni del campione stesso. L apparecchiatura di taglio diretto è costituita da due blocchi: uno inferiore, fisso, che funge da fissaggio alla base del campione ed uno superiore, che ha la possibilità di scorrere, a cui è stata aggiunta la camicia cilindrica di sostegno. Per la realizzazione di queste prove, i piani di taglio sono stati localizzati rispettivamente a 0,2, 0,4 e 0,6 m di profondità del campione, senza che venissero applicati ulteriori carichi verticali, ma lasciando esclusivamente agire il peso naturale del terreno sovrastante, così da riprodurre, il più fedelmente possibile, scorrimenti superficiali in sito. Tra la parte superiore mobile e quella inferiore fissa è stato lasciata una distanza libera di 10 mm, in modo da localizzare il piano di taglio. Un immagine, ripresa dall alto, della zona in cui è stato localizzato il taglio per la prova realizzata sul campione Era 3 (profondità del piano di taglio: 0,6 m) viene riportata in Figura 11.

17 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 17/25 Figura 11: Immagine ripresa dall alto della prova di taglio effettuata sul campione Era 3 (profondità del piano di taglio: 0,6 m) La pellicola trasparente, con la quale era stato avvolto il campione di terreno in seguito all apertura della fustella e di cui si è detto precedentemente, è stata rimossa nella parte inferiore, mentre è stata lasciata nella parte superiore, in modo da rendere trascurabili gli attriti tra la parete interna della camicia di acciaio ed il campione di terreno posizionato all interno, durante la realizzazione della prova. Le prove di taglio diretto sono state eseguite fino ad uno spostamento massimo orizzontale pari a circa 35 mm, che rappresenta il limite dell apparecchiatura, imponendo una velocità di taglio di 0,2 mm/min. In questo modo, ogni prova poteva essere condotta in circa 5 ore consentendo di far completamente mobilizzare la resistenza del terreno e delle radici eventualmente presenti. Al termine di ogni prova il campione veniva smontato e veniva effettuata una misura del contenuto d acqua del campione stesso; a questo riguardo, i valori registrati sono risultati compresi tra 25% e 47%. Inizialmente era anche previsto una misura dell area radicata, cioè del rapporto tra l area delle radici e l area della sezione del campione nella zona di taglio; tuttavia tale misura si è rivelata poco significativa in quanto le specie oggetto dell indagine sono di tipo erbaceo e sono dunque caratterizzate da radici molto fini e ramificate ed al termine delle prove di taglio si presentavano strappate o traslate. E stato tuttavia possibile osservare come per tutti i campioni sottoposti a prova la radicazione fosse intensa per la profondità di 0,2 m, mentre a 0,4 e 0,6 m le radici andavano via via diminuendo fino a quasi scomparire, probabilmente per la natura coesiva del terreno che non permette un agevole affondamento all apparato radicale. Nella Figura 12 si riporta l immagine del campione Era 3 (profondità del piano di taglio: 0,6 m) al termine della prova.

18 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 18/25 Figura 12: Termine della prova e smontaggio del campione Era 3 (profondità del piano di taglio: 0,6 m) dall apparecchiatura di prova per il taglio diretto Nel seguito si riportano le curve sforzo di taglio τ - spostamento delle prove effettuate alle tre profondità (z = 0,2, 0,4 e 0,6 m) per i campioni di solo terreno e per quelli contenenti le radici delle quattro specie di graminacee perenni. Come si può notare, solo per i tre campioni contenenti radici di Pangrass è stato possibile presentare tutte le tre curve corrispondenti alle diverse profondità di taglio, a causa dei problemi di putrefazione della materia organica che hanno interessato i campioni di cui si è discusso in precedenza. Osservando le curve sforzo di taglio τ - spostamento, va sottolineato come buona parte di queste presentino un andamento crescente dello sforzo di taglio con lo spostamento fino ad un valore di picco ed in seguito un andamento decrescente. Tale osservazione non vale invece per le prove effettuate su Pan 1 (profondità del piano di taglio: 0,2 m), Pan 2 (profondità del piano di taglio: 0,4 m) e Vet 2 (profondità del piano di taglio: 0,4 m) in cui si ha un andamento crescente fino al raggiungimento del massimo ed in seguito un andamento costante fino al termine dell esecuzione della prova. Va inoltre rilevato che il raggiungimento del valore massimo si verifica in corrispondenza di spostamenti sempre superiori per le prove effettuate sui campioni di terreno radicato rispetto alle prove realizzate sui campioni di solo terreno.

19 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 19/ Sforzo di taglio τ [kpa] Ter 1 z = 0,2 m Ter 3 z = 0,6 m Spostamento [mm] Figura 13: Risultati delle prove di taglio diretto effettuate su campioni indisturbati di solo terreno Ely 1 z = 0,2 m Ely 2 z = 0,4 m Sforzo di taglio τ [kpa] Spostamento [mm] Figura 14: Risultati delle prove di taglio diretto effettuate su campioni indisturbati di terreno contenenti apparato radicale di Elygrass

20 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 20/ Era 1 z = 0,2 m Era 3 z = 0,6 m Sforzo di taglio τ [kpa] Spostamento [mm] Figura 15: Risultati delle prove di taglio diretto effettuate su campioni indisturbati di terreno contenenti apparato radicale di Eragrass 45 Sforzo di taglio τ [kpa] Pan 1 z = 0,2 m Pan 2 z = 0,4 m Pan 3 z = 0,6 m Spostamento [mm] Figura 16: Risultati delle prove di taglio diretto effettuate su campioni indisturbati di terreno contenenti apparato radicale di Pangrass

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO 165 Introduzione Rispetto alle prove eseguite in laboratorio, quelle in sito presentano sia dei vantaggi che degli svantaggi. 1. Tra i vantaggi delle prove in sito di può dire che queste sono più rapide

Dettagli

PRATI ARMATI Srl SOCIETA DI RICERCA BIOINGEGNERIA TECNOLOGIE AMBIENTALI

PRATI ARMATI Srl SOCIETA DI RICERCA BIOINGEGNERIA TECNOLOGIE AMBIENTALI PRATI ARMATI Srl SOCIETA DI RICERCA BIOINGEGNERIA TECNOLOGIE AMBIENTALI Rinforzo meccanico dei terreni con il VETIVER e calcolo del fattore di sicurezza Scopo dell intervento La tecnologia del VETIVER

Dettagli

Lezione 6 GEOTECNICA. Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it

Lezione 6 GEOTECNICA. Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it Lezione 6 GEOTECNICA Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it - Lezione 6 A. Indagine Geotecnica: considerazioni generali B. Indagini in sito: Perforazioni di sondaggio e prelievo

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria

Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria Geotecnica e Tecnica delle Fondazioni ESERCITAZIONE Docente: Daniela Giretti Studenti: Monica Bianchi Gabriele Gazzaniga Gabriele Ravizza Lorenzo

Dettagli

SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE

SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE La Serra Nuova dedicata ad alcuni ambienti del Sud Africa rappresenta una delle sfide più ardue per chi lavora nell Orto Botanico di Torino. Su una superficie di

Dettagli

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA 1 Via Arni, 30 55032 Castelnuovo di Garfagnana (LU) MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA DMW ( Deep Mixing Wall ) - monoelica RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA Emissione : Castelnuovo di Garfagnana,

Dettagli

engineering s.r.l. via del Rio, 2 56025 PONTEDERA PI tel. +39.0587.608233 fax +39.0587.606784

engineering s.r.l. via del Rio, 2 56025 PONTEDERA PI tel. +39.0587.608233 fax +39.0587.606784 05 04 03 02 01 08.11.2010 VARIANTE 1 00 14.03.2009 Prima emissione Rev. DATA: Motivo Il Direttore dei Lavori Piano di Lottizzazione UTOE Pontedera Est Comparto 12 OPERE DI URBANIZZAZIONE PONTEDERA PI Loc.tà

Dettagli

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni LABORATORIO DI COSTRUZIONI DELL ARCHITETTURA II MODULO DI GEOTECNICA E FONDAZIONI Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Dipartimento di Ingegneria Strutturale

Dettagli

PIANO DI COLTIVAZIONE 1 DESCRIZIONE DEL PROGETTO

PIANO DI COLTIVAZIONE 1 DESCRIZIONE DEL PROGETTO PIANO DI COLTIVAZIONE 1 DESCRIZIONE DEL PROGETTO Le caratteristiche topografiche e geometriche delle aree interessate dal piano di coltivazione si possono rilevare mediante l esame delle planimetrie, delle

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

INDAGINI SU TERRE E ROCCE MONITORAGGI AMBIENTALI PROVE SPECIALI IN SITO

INDAGINI SU TERRE E ROCCE MONITORAGGI AMBIENTALI PROVE SPECIALI IN SITO INDAGINI SU TERRE E ROCCE MONITORAGGI AMBIENTALI PROVE SPECIALI IN SITO CAMPIONATORE IDRAULICO A PISTONE FISSO VICENZETTO 1. GENERALITA' Il campionatore Vicenzetto è un campionatore idraulico a pistone

Dettagli

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA 1 Via Arni, 30 55032 Castelnuovo di Garfagnana (LU) MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA SMW ( Soil Mixing Wall ) - trielica RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA Emissione : Castelnuovo di Garfagnana,

Dettagli

RELAZIONE CONCLUSIVA SULL ATTIVITÀ DI SVOLTA RELATIVA AL PRO- GETTO DI RICERCA :

RELAZIONE CONCLUSIVA SULL ATTIVITÀ DI SVOLTA RELATIVA AL PRO- GETTO DI RICERCA : RELAZIONE CONCLUSIVA SULL ATTIVITÀ DI SVOLTA RELATIVA AL PRO- GETTO DI RICERCA : Metodologie a basso impatto ambientale per il miglioramento della qualità dei suoli e delle produzioni agricole oggetto

Dettagli

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado ECOLOGIA A MIRABILANDIA Gli organismi delle comunità di un ambiente naturale non vivono isolati. Ciascuno

Dettagli

Figura 1 Planimetria schematica con indicazione della ubicazione dei sondaggi e delle prove CPT

Figura 1 Planimetria schematica con indicazione della ubicazione dei sondaggi e delle prove CPT ESERCITAZIONE n. 1 Ai fini della caratterizzazione e modellazione geologica e geotecnica di un sito che sarà interessato dalla realizzazione di un edificio, con quattro piani fuori terra, da adibire a

Dettagli

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati.

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati. 7. Pali UNITÀ I pali sono elementi strutturali utilizzati nelle opere di fondazione, nelle opere di contenimento della terra e dell acqua, negli interventi di miglioramento della stabilità dei pendii e

Dettagli

PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO

PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO R. Pucinotti, C. Siciliano Dipartimento di Meccanica e Materiali Facoltà di Ingegneria -Università degli Studi Mediterranea di

Dettagli

PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI

PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI Patrizia Piro, Marco Carbone, Giovanni Tomei Dipartimento di Difesa del Suolo V. Marone Università degli Sudi della Calabria

Dettagli

PRESEMINATO CARATTERISTICHE COMUNI

PRESEMINATO CARATTERISTICHE COMUNI PRESEMINATO è il biotessile preseminato, interamente biodegradabile, contenente sementi di prima qualità, fornito in rotoli, che consente la realizzazione di inerbimenti in varie situazioni a seguito della

Dettagli

L'INTERAZIONE PENDIO ATMOSFERA: PIANTE ERBACEE A RADICAZIONE PROFONDA PER LA PROTEZIONE DEI VERSANTI IN CASO DI FENOMENI METEOROLOGICI INTENSI.

L'INTERAZIONE PENDIO ATMOSFERA: PIANTE ERBACEE A RADICAZIONE PROFONDA PER LA PROTEZIONE DEI VERSANTI IN CASO DI FENOMENI METEOROLOGICI INTENSI. L'INTERAZIONE PENDIO ATMOSFERA: PIANTE ERBACEE A RADICAZIONE PROFONDA PER LA PROTEZIONE DEI VERSANTI IN CASO DI FENOMENI METEOROLOGICI INTENSI. I cambiamenti climatici, con piogge sempre più intense e

Dettagli

Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE

Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE CERTIFICATO n 41-002 PNEUMATICI PER TRATTORI AGRICOLI: RADIAL

Dettagli

CARATTERISTICHE GEOTECNICHE E COMPORTAMENTO MECCANICO DI TERRENI A GRANA FINA STABILIZZATI MEDIANTE DEEP MIXING

CARATTERISTICHE GEOTECNICHE E COMPORTAMENTO MECCANICO DI TERRENI A GRANA FINA STABILIZZATI MEDIANTE DEEP MIXING CARATTERISTICHE GEOTECNICHE E COMPORTAMENTO MECCANICO DI TERRENI A GRANA FINA STABILIZZATI MEDIANTE DEEP MIXING Vitale Enza Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale e.vitale@unicas.it

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO (Classe delle Lauree Specialistiche in Ingegneria per l Ambiente

Dettagli

Gabbionata in rete metallica zincata rinverdita 31

Gabbionata in rete metallica zincata rinverdita 31 SINONIMI Descrizione sintetica Gabbie in rete metallica zincata a doppia torsione e maglia esagonale, riempite in loco con pietrisco di pezzatura minima 15 cm, disposti a file parallele sovrapposte. Talee

Dettagli

La forma dei corsi d acqua

La forma dei corsi d acqua La forma dei corsi d acqua L acqua in movimento è in grado di trasportare corpi solidi anche di grosse dimensioni e di elevato peso specifico. All aumentare della velocità di scorrimento aumenta anche

Dettagli

Università degli studi di Napoli Federico II

Università degli studi di Napoli Federico II Università degli studi di Napoli Federico II Scuola Politecnica e delle scienze di base Corso di Laurea Triennale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile ed

Dettagli

Affidabilità del modello di Winkler

Affidabilità del modello di Winkler COMASTRI imp 14-09-2004 11:00 Pagina 50 Dal punto di vista fisico il mezzo alla Winkler può essere assimilato a un letto di molle elastiche mutuamente indipendenti, o meglio a un liquido di peso specifico

Dettagli

Planta. Sementi e Soluzioni per l Agricoltura

Planta. Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Una nuova gamma di prodotti per l agricoltura italiana Ibridi di mais IBRIDO Classe FAO Giorni GDM 437 300 105 SNH 9402 400 115

Dettagli

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015 1 Giochi d ombra [Punti 10] Una sorgente di luce rettangolare, di lati b e c con b > c, è fissata al soffitto di una stanza di altezza L = 3.00 m. Uno schermo opaco quadrato di lato a = 10cm, disposto

Dettagli

LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA E LA NORMATIVA

LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA E LA NORMATIVA LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA E LA NORMATIVA L. Mongiovì Università di Trento Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Strutturale Via Mesiano 77, 38050 Trento, Italia Sommario. Si fanno preliminarmente alcune

Dettagli

Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile

Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile Gentile utente, grano.net e granoduro.net sono servizi web interattivi sviluppati da Horta e nati con la funzione di fornire supporti

Dettagli

La determinazione del ph

La determinazione del ph La determinazione del ph Claudio Marzadori, Claudio Ciavatta Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali (DiSTA) Università di Bologna Bologna 31/03/2011 La revisione dei metodi ufficiali di analisi

Dettagli

1.04 FONDAZIONI ETEROGENEE STABILITÀ DELLE FONDAZIONI. Descrizione sommaria dell opera

1.04 FONDAZIONI ETEROGENEE STABILITÀ DELLE FONDAZIONI. Descrizione sommaria dell opera FONDAZIONI ETEROGENEE 1.04 Edificio uso magazzino costituito da un mantello cilindrico periferico in calcestruzzo armato precompresso e da un silo centrale. Fondazioni del mantello mediante pali e con

Dettagli

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE CORSO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI I ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE PROF. ING. BRUNO PALAZZO Prof. Bruno Palazzo - TIPOLOGIE: PALIFICATE Le fondazioni indirette sono un opzione quando:

Dettagli

GRAMINACEE FORAGGERE

GRAMINACEE FORAGGERE GRAMINACEE FORAGGERE CARATTERISTICHE BOTANICHE Radici: fascicolate, non molto profonde, che si rinnovano annualmente. Culmi: costituiti da nodi e internodi; intenso accestimento; in alcune specie fungono

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5

1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5 DI UN SISTEMA DI FISSAGGIO PER FACCIATE CONTINUE 2 INDICE 1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5 3.1 STRUMENTAZIONE UTILIZZATA...

Dettagli

STABILIZZAZIONE DELLE TERRE A CALCE STUDIO DI LABORATORIO DELLA MISCELA TERRA CALCE

STABILIZZAZIONE DELLE TERRE A CALCE STUDIO DI LABORATORIO DELLA MISCELA TERRA CALCE STUDIO DI LABORATORIO DELLA MISCELA TERRA CALCE INTERAZIONE CALCE TERRENO L aggiunta di calce in un terreno argilloso provoca: 1) la sostituzione degli ioni Na2+, K+, H+ con ioni Ca2+ (scambio ionico);

Dettagli

2.5.1 CAROTE PRELIEVO, ESAME E PROVA DI COMPRESSIONE

2.5.1 CAROTE PRELIEVO, ESAME E PROVA DI COMPRESSIONE Pag. 1 di 1 PROVE SUL CALCESTRUZZO NELLE STRUTTURE CAROTE PRELIEVO, ESAME E PROVA DI COMPRESSIONE 1. Scopo La presente prova è specifica nel prelievo di carote di calcestruzzo indurito e contempla l esame,

Dettagli

1) non deve portare a rottura il terreno sottostante. 2) non deve indurre nel terreno cedimenti eccessivi

1) non deve portare a rottura il terreno sottostante. 2) non deve indurre nel terreno cedimenti eccessivi SICUREZZA e FUNZIONALITÀ delle strutture in elevazione (edificio in c.a., rilevato, etc.) sono garantite anche da alcuni requisiti che il SISTEMA FONDALE deve rispettare. In particolare il carico trasmesso

Dettagli

GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO. Ing. Alessandra Nocilla

GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO. Ing. Alessandra Nocilla GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO Ing. Alessandra Nocilla 1 INTRODUZIONE SCOPO DELLE INDAGINI GEOTECNICHE 1) Gli ingegneri geotecnici non possono scegliere i materiali sui quali sono chiamati a costruire.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE (Lauree di primo livello D.M. 509/99 e D.M. 270/04 e Diploma Universitario) SEZIONE B - Prima

Dettagli

Inquadramento geografico e geologico

Inquadramento geografico e geologico RELAZIONE Premessa Nell ambito del progetto di rinaturazione e ripascimento di un tratto di costa compreso tra La Maddalena Spiaggia e Cala d Orri, lungo il litorale di Capoterra (Ca), è stata eseguita

Dettagli

VERIFICA Climi e biomi I/1 I/2 I/3. Vero o Falso? Vero o Falso? Indica tra quelli elencati quali sono gli elementi che determinano il clima.

VERIFICA Climi e biomi I/1 I/2 I/3. Vero o Falso? Vero o Falso? Indica tra quelli elencati quali sono gli elementi che determinano il clima. ERIICA Climi e biomi Cognome Nome Classe Data I/1 ero o also? Il clima della fascia mediterranea è caratterizzato da estati calde e siccitose La regione della vite corrisponde all incirca alla fascia climatica

Dettagli

Impareremo come trattare i vostri fiori o le vostre piante col passare delle stagioni. Preservarle dai freddi invernali e dal forte caldo estivo.

Impareremo come trattare i vostri fiori o le vostre piante col passare delle stagioni. Preservarle dai freddi invernali e dal forte caldo estivo. Impareremo come trattare i vostri fiori o le vostre piante col passare delle stagioni. Preservarle dai freddi invernali e dal forte caldo estivo. sul balcone o terrazzo. Di Fiorita Dino Il giardiniere

Dettagli

Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE

Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE Oggetto e scopo della ricerca Le attività svolte hanno avuto l obiettivo di caratterizzare le prestazioni

Dettagli

0.00 m. 1,75 m. ghiaiosa); γ 3 = 14,5 kn/m 3 c = 0 kpa ϕ = 35. 10.00 m. 21.75 m

0.00 m. 1,75 m. ghiaiosa); γ 3 = 14,5 kn/m 3 c = 0 kpa ϕ = 35. 10.00 m. 21.75 m ESERCITAZIONE n. 5 Carico limite di un palo trivellato Si calcoli, con le formule statiche, il carico limite di un palo trivellato del diametro di 0,4 m e della lunghezza di 11 m, realizzato in un sito

Dettagli

PROPRIETÀ DEI MATERIALI

PROPRIETÀ DEI MATERIALI ESERCITAZIONE 1 PROPRIETÀ DEI MATERIALI SONO LE GRANDEZZE IL CUI VALORE DESCRIVE IL COMPORTAMENTO DEL MATERIALE IN PRESENZA DELLE DIVERSE SOLLECITAZIONI E CONDIZIONI DI SERVIZIO COSTITUISCONO L ELEMENTO

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma 1 Contenuti Metodologia di progettazione Valutazione della resistenza attuale (Capacità)

Dettagli

Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti

Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti FONDAZIONI SU PALI Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti Si ricorre a fondazioni su pali quando:

Dettagli

COMUNE DI OLBIA INTRODUZIONE INQUADRAMENTO GEOTENICO PROGETTO DI MONITORAGGIO DELLA STABILITA DEI VERSANTI DELLA DISCARICA

COMUNE DI OLBIA INTRODUZIONE INQUADRAMENTO GEOTENICO PROGETTO DI MONITORAGGIO DELLA STABILITA DEI VERSANTI DELLA DISCARICA COMUNE DI OLBIA PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO RETE DII MONIITORAGGIIO PER LA STABIILIITA DELLA DIISCARIICA DII SPIIRIITO SANTO IIN OLBIIA 2 COMUNE DI OLBIA RETE DI MONITORAGGIO PER LA STABILITA DELLA DISCARICA

Dettagli

Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 INDAGINI GEOGNOSTICHE E RICOSTRUZIONE IDROGEOLOGICA... 3 3 RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ E DEWATERING...

Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 INDAGINI GEOGNOSTICHE E RICOSTRUZIONE IDROGEOLOGICA... 3 3 RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ E DEWATERING... DIMENSIONAMENTO DI UN INTERVENTO DI DEWATERING CON RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ A cura di Giovanni Formentin, Loris Colombo, Vincenzo Francani Giovanni.Formenti@tethys-geco.it, Loris.colombo@polimi.it,

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Linee Guida per l Installazione e la Movimentazione dei Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur

Protezione dal Fuoco. Linee Guida per l Installazione e la Movimentazione dei Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Protezione dal Fuoco Linee Guida per l Installazione e la Movimentazione dei Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Indice 1.0 Informazioni Generali sul Prodotto pag. 3 2.0 Sistemi

Dettagli

TAVOLA TECNICA SUGLI SCAVI. Art. 100 comma 1 del D. Lgs. 81/2008

TAVOLA TECNICA SUGLI SCAVI. Art. 100 comma 1 del D. Lgs. 81/2008 TAVOLA TECNICA SUGLI SCAVI Art. 100 comma 1 del D. Lgs. 81/2008 D. Lgs. 81/2008: Art. 100 Piano di Sicurezza e Coordinamento comma 1: il Piano di Sicurezza e Coordinamento è corredato..da una tavola tecnica

Dettagli

APPLICAZIONE DI MISCELE COMPATTATE TERRENO CALCE NELLA STABILIZZAZIONE DI UN PENDIO IN FRANA

APPLICAZIONE DI MISCELE COMPATTATE TERRENO CALCE NELLA STABILIZZAZIONE DI UN PENDIO IN FRANA A.Di.S. Associazione Nazionale Difesa del Suolo "Difesa del suolo. Confronto di esperienze" Manoppello (PE), 2 dicembre 2006 APPLICAZIONE DI MISCELE COMPATTATE TERRENO CALCE NELLA STABILIZZAZIONE DI UN

Dettagli

LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA. Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it. www.entecra.it. Badoere di Morgano 20 settembre 2013

LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA. Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it. www.entecra.it. Badoere di Morgano 20 settembre 2013 1 www.entecra.it LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it Badoere di Morgano 20 settembre 2013 21/09/2013 CRA-Unità di Ricerca per l Orticoltura (Montanaso

Dettagli

RESISTENZA A TAGLIO DI TERRENI PIROCLASTICI STABILIZZATI A CALCE

RESISTENZA A TAGLIO DI TERRENI PIROCLASTICI STABILIZZATI A CALCE RESISTENZA A TAGLIO DI TERRENI PIROCLASTICI STABILIZZATI A CALCE Andrea Ferretti Università degli Studi di Perugia andreaferretti84@gmail.com Manuela Cecconi Università degli Studi di Perugia ceccon@unipg.it

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI INDICE 1. INTRODUZIONE pag. 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI pag. 2 3. STRUTTURA GEOLOGICA DEL SITO pag. 2 4. PROGETTO DELLE INDAGINI GEOGNOSTICHE pag. 3 5. RISULTATI PROVE DI LABORATORIO / IN SITO pag. 4 6.

Dettagli

Lezioni di Meccanica del Volo 2 - Modello dell atmosfera. L. Trainelli

Lezioni di Meccanica del Volo 2 - Modello dell atmosfera. L. Trainelli Lezioni di Meccanica del Volo 2 - Modello dell atmosfera L. Trainelli 1 2 Indice 1 INTRODUZIONE.......................... 3 1.1 Caratteristiche dell atmosfera.................... 3 1.2 Regioni dell atmosfera........................

Dettagli

MICRODOCHIUM NIVALIS TYPHULA INCARNATA LAETISARIA FUCIFORMIS (FILO ROSSO)

MICRODOCHIUM NIVALIS TYPHULA INCARNATA LAETISARIA FUCIFORMIS (FILO ROSSO) MICRODOCHIUM NIVALIS Dopo un prolungato periodo di condizioni atmosferiche fredde e umide si possono formare macchie circolari depresse di circa 5 cm. O inferiori che cambiano rapidamente di colore dal

Dettagli

Contenuti Perché comprare un Carrier Drill Particolari tecnici I cantieri lavorativi del Carrier Drill Concetto Regolazione Evoluzione

Contenuti Perché comprare un Carrier Drill Particolari tecnici I cantieri lavorativi del Carrier Drill Concetto Regolazione Evoluzione Contenuti Perché comprare un Carrier Drill Particolari tecnici I cantieri lavorativi del Carrier Drill Concetto Regolazione Evoluzione Perché comprare un Carrier Drill? Flessibilità per eseguire 2 operazioni,

Dettagli

Studio dei trattamenti termici per acciai speciali

Studio dei trattamenti termici per acciai speciali Università degli Studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea in ingegneria dei materiali Studio dei trattamenti termici per acciai speciali Relatore: Ing. Marcello Gelfi Correlatore: Ing. Annalisa

Dettagli

Geotecnica profonda. Geotecnica superficiale. Attività speciali

Geotecnica profonda. Geotecnica superficiale. Attività speciali Geotecnica profonda Geotecnica superficiale Attività speciali RCT srl - via Primo Maggio 6 bis Peschiera Borromeo (MI) Tel 02-9542001 1 Pedemontana Lombarda 2 Nell ambito della costruzione dell autostrada

Dettagli

Prova di verifica parziale N. 2 24 Nov 2008

Prova di verifica parziale N. 2 24 Nov 2008 Prova di verifica parziale N. 2 24 Nov 2008 Esercizio 1 Una prova triassiale CU è stata eseguita su tre provini preparati a partire da un campione indisturbato di argilla satura. Nella prima fase i tre

Dettagli

UTILIZZO DI STRUTTURE DI SOSTEGNO IN GABBIONI NELLE OPERE DI CONSOLIDAMENTO DEI TERRENI E NELL INGEGNERIA NATURALISTICA:

UTILIZZO DI STRUTTURE DI SOSTEGNO IN GABBIONI NELLE OPERE DI CONSOLIDAMENTO DEI TERRENI E NELL INGEGNERIA NATURALISTICA: UTILIZZO DI STRUTTURE DI SOSTEGNO IN GABBIONI NELLE OPERE DI CONSOLIDAMENTO DEI TERRENI E NELL INGEGNERIA NATURALISTICA: CARATTERISTICHE CAMPI DI APPLICAZIONE POTENZIALITA Dott. Geol. Massimo Salmi Ufficio

Dettagli

Misurazione della portata, rumorosità e lay-out impiantistico degli impianti di aspirazione

Misurazione della portata, rumorosità e lay-out impiantistico degli impianti di aspirazione ALLEGATO 6 Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Lombardia -------------------------------- Documento d inquadramento per le cappe chimiche nei Dipartimenti Provinciali dell ARPA Lombardia.

Dettagli

MANUALE DI MANUTENZIONE

MANUALE DI MANUTENZIONE Comune di Lavello Provincia di Potenza PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE DI MANUTENZIONE (Articolo 38 D.P.R. 207/10) OGGETTO: Lavori di consolidamento a valle del fabbricato della Protezione Civile COMMITTENTE:

Dettagli

A.A. 2014-2015 03.11.2014. Determinazione della resistenza dei terreni

A.A. 2014-2015 03.11.2014. Determinazione della resistenza dei terreni Determinazione della resistenza dei terreni RESISTENZA = MASSIMO VALORE DELLO SFORZO DI TAGLIO CHE IL TERRENO PUÒ SOSTENERE Le caratteristiche di resistenza di un terreno sono studiate sperimentalmente

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI ED ELIPORTUALI LECTURE 08 METEOROLOGIA NELLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Alcune malattie fungine dell olivo

Alcune malattie fungine dell olivo Alcune malattie fungine dell olivo Massimo Pilotti CRA- Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale ROMA Malattia fungina nota già nel dopoguerra nelle zone di coltivazione meridionali. Segnalazioni del

Dettagli

La luce proveniente dalla parte immersa dell asticciola viene parzialmente riflessa dalla superficie dell acqua.

La luce proveniente dalla parte immersa dell asticciola viene parzialmente riflessa dalla superficie dell acqua. QUESITO 1 Il grafico rappresenta l andamento della velocità di una palla al passare del tempo. Dalle tre situazioni seguenti quali possono essere state rappresentate nel grafico? I- La palla rotola giù

Dettagli

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi Incontro di aggiornamento Edifici antisismici in calcestruzzo armato Aspetti strutturali e geotecnici secondo le NTC08 1 Esame visivo della struttura Orizzonte Hotel, Acireale 16-17 dicembre 2010 Aurelio

Dettagli

I processi di tempra sono condotti sul manufatto finito per generare sforzi residui di compressione in superficie. Vengono sfruttate allo scopo

I processi di tempra sono condotti sul manufatto finito per generare sforzi residui di compressione in superficie. Vengono sfruttate allo scopo I processi di tempra sono condotti sul manufatto finito per generare sforzi residui di compressione in superficie. Vengono sfruttate allo scopo diverse metodologie. 1 La tempra termica (o fisica) si basa

Dettagli

INDAGINI GEOGNOSTICHE PROSPETTO ECONOMICO DEI LAVORI. NR art. descrizione u.m. p.u. lung. larg. H quantità

INDAGINI GEOGNOSTICHE PROSPETTO ECONOMICO DEI LAVORI. NR art. descrizione u.m. p.u. lung. larg. H quantità COMUNE DI CASTELLUCCIO DEI SAURI (FG) PROGETTO DI INDAGINE PRELIMINARE PER LA DEFINIZIONE DELLO STATO AMBIENTALE DEI SITI DI LOCALITÀ LA VERITÀ E VIGNALI PROSPETTO ECONOMICO DEI LAVORI NR art. descrizione

Dettagli

(riprendendo un trasparente mostrato a proposito di indagini e campionamento) MEZZI D INDAGINE PROFILO STRATIGRAFICO PROPRIETÀ MECCANICHE

(riprendendo un trasparente mostrato a proposito di indagini e campionamento) MEZZI D INDAGINE PROFILO STRATIGRAFICO PROPRIETÀ MECCANICHE (riprendendo un trasparente mostrato a proposito di indagini e campionamento) MEZZI D INDAGINE FINALITÀ MEZZI PROFILO STRATIGRAFICO POZZI TRINCEE CUNICOLI SONDAGGI DIRETTI INDIRETTI INDAGINI GEOFISICHE

Dettagli

LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO

LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO Perché si abbia la formazione del truciolo deve esserci un moto relativo utensile pezzo Sforzo di compressione dell utensile sul pezzo

Dettagli

M E T O D O L O G I A D I A N A L I S I

M E T O D O L O G I A D I A N A L I S I SEDE OPERATIVA STRADA CAVEDOLE 12/C 41126 PORTILE (MO) STUDIO GEOLOGICO E AMBIENTALE TEL E FAX +39 059 784335 CELL +39 339 8179913 DOTT.SSA CLAUDIA BORELLI e mail c.borelli@studio-borelli.191.it P. IVA

Dettagli

Moduli di processo a CN. Moduli di processo ad alto rendimento per produzione, montaggio e trasformazione

Moduli di processo a CN. Moduli di processo ad alto rendimento per produzione, montaggio e trasformazione Moduli di processo a CN Moduli di processo ad alto rendimento per produzione, montaggio e trasformazione Integrazione perfetta Trasporto dei materiali, maschiatura per rullatura, avvitatura, saldatura

Dettagli

COMUNE DI MENTANA ROMA

COMUNE DI MENTANA ROMA COMUNE DI MENTANA ROMA di Abballe Laboratorio autorizzato dal Ministero Infrastrutture e Trasporti DPR 380/01 Art. 59 Circolare 7619/STC del 08/09/2010 Concessione per l'esecuzione e certificazione di

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

FONDAZIONI SUPERFICIALI E PROFONDE PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI

FONDAZIONI SUPERFICIALI E PROFONDE PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI FONDAZIONI SUPERFICIALI E PROFONDE PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI Pagina 1 di 23 introduzione La scelta della tipologia di fondazione da impiegare nell ambito della realizzazione di un impianto fotovoltaico

Dettagli

TARIFFARIO PROVE CONTO TERZI

TARIFFARIO PROVE CONTO TERZI Seconda Università degli Studi di Napoli DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, DESIGN, EDILIZIA E AMBIENTE TARIFFARIO PROVE CONTO TERZI (Approvato dal C.d.A. con delibera n 28 del 07/06/2002) Laboratorio

Dettagli

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo Valanga = massa di neve, piccola o grande che sia, in movimento lungo un pendio (definizione AINEVA). A. La zona di distacco è il luogo dove prende

Dettagli

Campi di impiego stabilizzazione per la realizzazione di strade bianche con maggiore durabilità e resistenza all usura

Campi di impiego stabilizzazione per la realizzazione di strade bianche con maggiore durabilità e resistenza all usura Levostab 99 stabilizzante naturale per la realizzazione di: piste ciclabili, viabilità rurale, viabilità in zone di vincolo Funzione Levostab 99 è un prodotto ecocompatibile, stabilizzante e consolidante,

Dettagli

FONDAZIONI SU SU PALI

FONDAZIONI SU SU PALI Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bergamo (Commissione Geotecnica) Università degli studi di Bergamo (Facoltà di Ingegneria) Corso Corso di di aggiornamento aggiornamento NUOVE NUOVE NORME NORME

Dettagli

La macchia mediterranea. Creato da Francesco e Samuele.

La macchia mediterranea. Creato da Francesco e Samuele. La macchia mediterranea Creato da Francesco e Samuele. La macchia mediterranea La macchia mediterranea si chiama così perché é formata da vegetazione che ama i terreni asciutti, il sole, molta luce, un

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Scuola Politecnica delle Scienze di Base Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL

Dettagli

Tubi di Drenaggio. con flangiatura elicoidale continua sull intera lunghezza.

Tubi di Drenaggio. con flangiatura elicoidale continua sull intera lunghezza. Tubi di Drenaggio DRENAGGIO dei TERRENI L adozione dei tubi Spirodrain è la miglior soluzione per risolvere qualsiasi problema di drenaggio dei terreni e di raccolta delle acque sotterranee. I tubi Spirodrain

Dettagli

Caratterizzazione morfologica e chimica di polveri fini in alcune realtà umbre

Caratterizzazione morfologica e chimica di polveri fini in alcune realtà umbre Caratterizzazione morfologica e chimica di polveri fini in alcune realtà umbre Progetto Ottobre 2007 1 Pag / indice 03 / INTRODUZIONE 03 / OBIETTIVI DEL PROGETTO 04 / PROGRAMMA ATTIVITÀ Gruppo di Lavoro

Dettagli

PROFESSIONE EOLOGO. Notiziario dell Ordine dei Geologi del Lazio. Professione Geologo n.33

PROFESSIONE EOLOGO. Notiziario dell Ordine dei Geologi del Lazio. Professione Geologo n.33 PROFESSIONE EOLOGO Notiziario dell Ordine dei Geologi del Lazio Gottobre 2012 numero 33 Poste Italiane S.p.a. - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (cov. in L27/02/2004 n. 46) art. 1, comma

Dettagli

DISMISSIONE DELL IMPIANTO

DISMISSIONE DELL IMPIANTO PREMESSA Nell ambito del progetto dell impianto fotovoltaico da 2,5 MWp da realizzare in località Ottaduna nella tipologia di installazione a campo solare, il seguente studio ha per oggetto il progetto

Dettagli

GEOLOGIA APPLICATA E GEOTECNICA

GEOLOGIA APPLICATA E GEOTECNICA GEOLOGIA APPLICATA E GEOTECNICA 3 Direttore Luigi ESPOSITO Università degli Studi di Napoli Federico II Comitato scientifico Nicola SCIARRA Università degli Studi di Chieti Antonio PASCULLI Università

Dettagli

COMMITTENTE: Regione Veneto Azienda ULSS 18 - Rovigo RELAZIONE GEOLOGICA

COMMITTENTE: Regione Veneto Azienda ULSS 18 - Rovigo RELAZIONE GEOLOGICA COMMITTENTE: Regione Veneto Azienda ULSS 18 - Rovigo RELAZIONE GEOLOGICA INDICE 1. NORMATIVA DI RIFERIMENTO... pag. 3 2. PREMESSA... " 4 3. INDAGINI GEOGNOSTICHE... " 5 4. GEOLOGIA E STRATIGRAFIA... "

Dettagli

CAPITOLO 10. Controllo di qualità. Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione

CAPITOLO 10. Controllo di qualità. Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione CAPITOLO 10 Controllo di qualità Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione STRUMENTI PER IL CONTROLLO E LA GESTIONE DELLA QUALITÀ - DIAGRAMMI CAUSA/EFFETTO - DIAGRAMMI A BARRE - ISTOGRAMMI

Dettagli

IL TABACCO ENERGETICO Nuove prospettive di sfruttamento del tabacco. Novembre 2012

IL TABACCO ENERGETICO Nuove prospettive di sfruttamento del tabacco. Novembre 2012 IL TABACCO ENERGETICO Nuove prospettive di sfruttamento del tabacco Novembre 2012 Il tabacco come coltura alternativa! (N.Tabacum come coltura Fitodepurativa) Perché TABACCO grande versatilità elevata

Dettagli

3.2 CARATTERIZZAZIONE MECCANICA DELLE FIBRE DI JUTA

3.2 CARATTERIZZAZIONE MECCANICA DELLE FIBRE DI JUTA 3.2 CARATTERIZZAZIONE MECCANICA DELLE FIBRE DI JUTA La caratterizzazione meccanica delle fibre di juta è stata effettuata in collaborazione con il Dott. S. S. Tripathy [21], sia per la conduzione sperimentale

Dettagli

Lo specialistà dei prati

Lo specialistà dei prati Lo specialistà dei prati 13 13 13 15 16 17 19 23 24 25 26 27 28 29 29 30 14 Introduzione L erba del vicino è sempre più verde. E proprio vero? Blumen ha pensato di sfatare questo detto. Realizzare un bellissimo

Dettagli

Prova penetrometrica dinamica: SPT (Standard Penetration Test)

Prova penetrometrica dinamica: SPT (Standard Penetration Test) PROVE IN SITO Prova penetrometrica dinamica: SPT (Standard Penetration Test) Durante le fasi di perforazione si possono eseguire, oltre al prelievo di campioni indisturbati, prove SPT (Standard Penetration

Dettagli