CESI. A Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 1/25. Ricerca di Sistema (secondo periodo)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CESI. A4523456 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 1/25. Ricerca di Sistema (secondo periodo)"

Transcript

1 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 1/25 Cliente Ricerca di Sistema (secondo periodo) Oggetto Messa a punto di metodi sperimentali per la valutazione del contributo della vegetazione alla stabilizzazione dei versanti: prove di laboratorio per la valutazione dell incremento di resistenza al taglio Ordine L17946G Note SISET / SITER / workpackage 1 / milestone 1.8 La parziale riproduzione di questo documento è permessa solo con l'autorizzazione scritta del CESI. N. pagine 25 N. pagine fuori testo - Data 17 Dicembre 2004 Elaborato CESI PeC E. Crippa, C. Villa Verificato CESI PeC D. Cazzuffi CESI FAS L. Nigro Approvato CESI ING G. Mazzà CESI Via R. Rubattino 54 Capitale sociale Euro Registro Imprese di Milano Centro Elettrotecnico Milano - Italia interamente versato Sezione Ordinaria Sperimentale Italiano Telefono Codice fiscale e numero N. R.E.A Giacinto Motta SpA Fax iscrizione CCIAA P.I. IT

2 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 2/25 Indice SOMMARIO INTRODUZIONE PREMESSA DESCRIZIONE DELLE DIVERSE SPECIE DI GRAMINACEE OGGETTO DELL INDAGINE SPERIMENTALE SVILUPPO DELL INDAGINE SPERIMENTALE PRELIEVO IN SITO DI CAMPIONI INDISTURBATI PROVE DI TAGLIO DIRETTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE...24 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...25

3 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 3/25 SOMMARIO Il presente rapporto descrive le attività svolte durante l anno 2004, nell ambito dell attività di ricerca finalizzata alla messa a punto di metodi sperimentali per la valutazione del contributo della vegetazione alla stabilizzazione dei versanti. La programmazione triennale di questa specifica attività di ricerca prevedeva, tra l altro, la valutazione dell incremento di resistenza al taglio fornito dalle radici della vegetazione, mediante la realizzazione di prove di taglio diretto in laboratorio. Era previsto che le prove di taglio dovessero essere effettuate su campioni indisturbati, prelevati in sito, di terreno contenente apparati radicali e su campioni indisturbati di solo terreno. Il sito scelto per il prelievo è stato quello di Altomonte in Calabria, già ampiamente descritto nel precedente Rapporto, che ha riguardato l attività realizzata nel corso del Nel presente rapporto, dopo aver brevemente descritto le caratteristiche botaniche, pedoclimatiche ed agronomiche delle specie vegetali piantate in sito ed oggetto dell indagine (Elygrass, Eragrass, Pangrass e Vetiver), si rende conto delle operazioni di prelievo di campioni indisturbati, contenenti sia solo terreno che terreno radicato. In particolare, si presentano le valutazioni qualitative effettuate in precedenza all intervento di prelievo e le osservazioni emerse in sito al momento della realizzazione del prelievo stesso. I campioni di terreno, di forma cilindrica e dimensioni di un metro di altezza per un diametro di 0,2 m, sono stati prelevati mediante infissione a pressione di fustelle in acciaio dal piano campagna fino ad un metro di profondità, in modo da ottenere provini già confezionati, formati da terreno e apparati radicali per le prove di taglio diretto. Vengono altresì descritte le prove di taglio diretto effettuate in laboratorio sui campioni prelevati, mediante un apparecchiatura di grandi dimensioni opportunamente messa a punto. I risultati ottenuti dalle prove di taglio hanno evidenziato il contributo di resistenza al taglio fornito dagli apparati radicali delle specie in esame. In particolare, anticipando alcune delle interpretazioni dei risultati sperimentali che saranno il principale oggetto delle attività relative a questa ricerca nel corso del 2005, si è già potuto osservare come parametro fondamentale sia la resistenza a trazione delle radici: infatti, a valori elevati di resistenza a trazione da parte delle radici, corrispondono gli incrementi di resistenza al taglio più importanti. Inoltre, i valori registrati sono risultati in linea con quelli presenti in letteratura e dimostrano anche quantitativamente il contributo della vegetazione nella stabilizzazione di scivolamenti superficiali.

4 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 4/25 1 INTRODUZIONE 1.1 Premessa Numerosi studi in letteratura hanno confermato come l influenza delle radici sul comportamento meccanico dei pendii risulti significativa nei primi metri di sottosuolo, laddove la densità radicale è tale da costituire un vero e proprio rinforzo meccanico. Ben inferiore, invece, è il numero di ricerche che hanno cercato di quantificare, sia sperimentalmente che analiticamente, l effettivo contributo fornito dalla vegetazione alla resistenza meccanica del terreno circostante. La ricerca in corso al CESI nel triennio , sta cercando di fornire nuovi elementi di discussione scientifica riguardo all incremento di resistenza al taglio di un terreno radicato nei confronti di terreno omogeneo, vale a dire privo di materiale vegetale al suo interno. In particolare, il presente rapporto rende conto dell attività sperimentale realizzata nel corso del 2004 e va ad integrare il rapporto A3/044533, che invece descriveva le attività del 2003, nell ambito della milestone 7. Nel precedente rapporto venivano inoltre descritti gli aspetti basilari dell utilizzo della vegetazione nella stabilizzazione dei versanti e l intervento di ingegneria naturalistica di consolidamento delle scarpate nell area della centrale termoelettrica di cogenerazione Edison, in costruzione sul territorio di Altomonte (CS). L intervento aveva previsto la messa a dimora di circa graminacee perenni cespitose su un area superiore ai 40 m 2 ; alla piantumazione, aveva fatto seguito un programma di monitoraggio, effettuato mediante ispezioni in sito realizzate nell Agosto 2003 e nel Novembre Tali ispezioni avevano confermato la riuscita dell intervento, valutata mediante la misura della percentuale di piante attecchite, dell altezza della parte aerea delle piante e della profondità delle radici. Le specie di graminacee piantate sono state quattro e sono risultate il frutto di selezioni genetiche che hanno permesso di ottenere esemplari caratterizzati da radici in grado di raggiungere notevoli profondità e capaci di resistere in ambienti particolarmente difficili, da molto umidi a particolarmente secchi ed in presenza di terreni inquinati e a pronunciate caratteristiche di acidità o alcalinità. Le specie oggetto dell indagine sono state le seguenti: Elygrass (Elytrigia elymus spp.) Eragrass (Eragrostis curvala) Pangrass (Panicum virgatum) Vetiver (Vetiveria zizanioides) Nel seguito si riporta una breve descrizione delle caratteristiche di ogni singola specie. 1.2 Descrizione delle diverse specie di graminacee oggetto dell indagine sperimentale Elygrass (Elytrigia elymus spp.) Specie, originaria dell'europa sud-orientale e dell'asia Minore, è ormai diffusa in tutti gli altri continenti. Molto vigorosa e sempreverde anche d'inverno.

5 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 5/25 DESCRIZIONE BOTANICA Graminacea perenne cespitosa con rizoma producente stoloni e culmi con sviluppo aereo fino a 0,6-0,8 m. Ha foglie allungate, resistenti, erette, con culmi che possono raggiungere anche un metro e mezzo di altezza, con infiorescenza a spighe composte da spighette piuttosto grossi. Apparato radicale fascicolato con numerose radici cilindriche e fini in grado di raggiungere un approfondimento fino a 2 m. ESIGENZE PEDOCLIMATICHE Ha una elevata resistenza alla siccità estiva ed al freddo invernale e alla salinità. reazione del terreno: ph 5-12 temperature estreme: da -5 a + 50 C precipitazioni atmosferiche: mm/anno. CARATTERISTICHE AGRONOMICHE Possiede anche una elevata resistenza alla salinità. Svolge un ciclo autunno-vernino potendo, a volte, andare a fiore due volte all anno sia a fine primavera sia in autunno. Eragrass (Eragrostis curvala) Specie, di origine sudafricana, e ormai diffusa in tutti i Continenti. La più coltivata nel genere Eragrostis anche a scopo ornamentale. DESCRIZIONE BOTANICA Graminacea perenne cespitosa con rizoma producente culmi addensati con sviluppo aereo fino a 1,2 m. Guaine arrotolate, pubescenti alla base e verdi scuro; lamina fogliare lunga fino a 0,3 m, convoluta e ruvida sulla pagina superiore e di colore verde scuro. Apparato radicale fascicolato con numerose radici cilindriche, finissime e di elevata resistenza alla trazione con un massimo approfondimento fino a 3-4 m. Infiorescenze, in maturazione tra agosto e settembre, sono costituite da pannocchie molto lasse e aperte, lunghe anche 0,3 m, con spighette di color verdegrigio oliva scuro. ESIGENZE PEDOCLIMATICHE Predilige posizioni in pieno sole, con clima caldo e secco e terreno sabbioso. reazione del terreno: ph 5-8,2 temperature estreme: da -5 a + 40 C precipitazioni atmosferiche: mm/anno.

6 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 6/25 CARATTERISTICHE AGRONOMICHE Si propaga facilmente con semine in vaso, in condizioni controllate e più difficilmente in piena terra, date le minutissime dimensioni dei semi. La specie ha anche un discreto valore foraggiero. Produce stoloni e può anche propagarsi lateralmente. Pangrass (Panicum virgatum) Specie originaria del Nordamerica, presenta una ampia variabilità genetica sia per adattamenti climatici che per terreni e piovosità. DESCRIZIONE BOTANICA Graminacea perenne cespitosa con rizoma corto e di color scuro producente culmi alti fino a 0,2 m e sviluppo aereo di 0,6-0,8 m circa. Guaine fogliari persistenti, glabre e verdi; lamina fogliare lunga fino a 0,6 m e larga 2 cm, piana e glabra, ma a volte leggermente pubescente alla base. Apparato radicale fascicolato con numerose radici cilindriche e piuttosto grossolane con possibilità di approfondirsi fino a 3-4 m. Infiorescenze mature tra settembre e novembre e costituite da pannocchie molto lasse, più compatte all apice e molto aperte e piangenti verso la base, lunghe anche 0,5 m. ESIGENZE PEDOCLIMATICHE reazione del terreno: ph 4,5-7,6 temperature estreme: da -20 a + 45 C precipitazioni atmosferiche: mm/anno. CARATTERISTICHE AGRONOMICHE Messa a dimora con temperatura del terreno sopra i 15 Esige esposizioni soleggiate Adatta anche a terreni rocciosi Specie robusta, di discreto valore foraggiero (in primavera). Lo sviluppo ottimale avviene nel periodo estivo ed è particolarmente favorito da frequenti precipitazioni. La pianta dissecca durante il periodo invernale, per ricacciare in primavera. Si riproduce sia con semina in vasi e poi con trapianto (fornendo in pochi mesi un'ottima vegetazione) che direttamente sul terreno, purché in condizioni ottimali di umidità e temperatura. Vetiver (Vetiveria zizanioides) Il Vetiver, relativamente sconosciuto, fino agli anni 80, viene utilizzato, oltre che per l estrazione di oli essenziali dalle radici, per la stabilizzazione dei terreni e conservazione delle risorse idriche. La promozione da parte della

7 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 7/25 Banca Mondiale attraverso il Vetiver Network ha reso questa pianta come la pianta modello, di provata utilizzazione per interventi, a livello mondiale, di "ingegneria verde. Pianta di origine tropicale, proveniente dal Sud-est asiatico (Tailandia) che trova, nelle condizioni climatiche italiane, limiti nella sua applicazione soprattutto in Regioni a clima invernale molto freddo. DESCRIZIONE BOTANICA Graminacea perenne cespitosa con rizoma producente parecchi culmi con sviluppo aereo fino a 1,6 m, in condizioni ottimali. Foglie lineari con lamina distesa (piana) verde chiaro. Apparato radicale fascicolato con numerose radici fibrose, cilindriche e piuttosto grossolane con un approfondimento in gradi di raggiungere fino a 4-5 m. Non produce infiorescenza in quanto viene utilizzato un clone sterile, selezionato, attraverso il miglioramento genetico, per lo sviluppo radicale. ESIGENZE PEDOCLIMATICHE La pianta, grazie al ridotto numero di stomi ed allo sviluppo profondo delle radici, resiste molto bene sia alla siccità, sia all immersione in acqua, tollerando condizioni di asfissia radicale. reazione del terreno: ph 4-11 temperature estreme: da -5 a + 50 C precipitazioni atmosferiche: mm/anno. CARATTERISTICHE AGRONOMICHE Predilige l esposizione diretta alla luce del sole, ma tollera anche condizioni di ombra. Si adatta alle più svariate ed estreme condizioni pedologiche: dune sabbiose, o materiali argillosi, terreni acidi o alcalini (4<pH<11), aridi o acquitrinosi, torbosi o poveri in sostanza organica. Resiste a concentrazioni elevatissime di inquinanti e metalli pesanti, quali Cd, Pb, As, Al, Sn, Zn, Hg, Sb, Cr, Ni, ecc., presenti nei terreni, che concentra nella pianta, sottraendole al terreno stesso. Messa a dimora con temperatura del terreno sopra i 15. Le radici spugnose, fibrose e resistenti si accrescono verticalmente fino a profondità elevate, anche oltre i 5 metri, senza svilupparsi radialmente, per cui la pianta risulta poco competitiva con le coltivazioni adiacenti. 1.3 Sviluppo dell indagine sperimentale Le quattro specie di graminacee sono ormai da alcuni anni oggetto di studi in Italia e diverse sono le applicazioni in interventi di ingegneria naturalistica, sia di stabilizzazione superficiale di pendii e versanti che di protezione dall erosione. Importante è però cercare di valutare il reale contributo fornito dalle radici alla resistenza al taglio del terreno, se possibile mettendo a punto un metodo di indagine ripetibile, utilizzando opportune metodologie di campionamento e svolgendo tradizionali prove geotecniche. L attività di ricerca del 2004 ha dunque previsto il prelievo in sito di campioni indisturbati di terreno di grandi dimensioni contenenti anche apparati radicali e la realizzazione di prove di taglio diretto eseguite sugli stessi campioni mediante un apparecchiatura di grandi dimensioni, avendo come obiettivo l andamento della resistenza al taglio dei campioni a diverse profondità. Le diverse fasi dell attività realizzate nel corso dell anno sono descritte nei successivi capitoli del presente rapporto, dedicati rispettivamente al prelievo in sito di campioni indisturbati (Cap. 2) ed alle prove di taglio diretto (Cap. 3).

8 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 8/25 2 PRELIEVO IN SITO DI CAMPIONI INDISTURBATI Come affermato precedentemente e come ampiamente descritto nel rapporto sull attività di ricerca realizzata nel corso del 2003, il sito scelto per effettuare il prelievo di campioni indisturbati è ubicato nell Italia Meridionale, precisamente sul territorio del comune di Altomonte in Calabria. La scelta del sito è stata determinata da diversi fattori: in primo luogo, i versanti che circondano la costruenda centrale di Altomonte sono stati completamente piantumati con le specie vegetali oggetto dell indagine ed il periodo di messa a dimora ha permesso al personale del CESI di seguire l intervento e di monitorarlo nel tempo; in secondo luogo il terreno costituente i versanti è di tipo coesivo e ciò avrebbe dovuto più facilmente consentire il prelievo di campioni indisturbati di terreno. L analisi granulometrica realizzata su un campione del terreno in oggetto ha confermato infatti che si tratta di limo (63,30 %) con argilla (28,70 %), come si può anche osservare dalla curva riportata in Figura Diametro [mm] Figura 1: Analisi granulometrica di un campione di terreno prelevato presso il sito di Altomonte Al fine di meglio studiare l interazione terreno-radice e permettere il completo sviluppo del meccanismo di rottura al momento delle prove di taglio in laboratorio, è stato deciso di prelevare campioni di grandi dimensioni, non così usuali per i sondaggi geotecnici, da sottoporre poi direttamente alle prove di taglio diretto. I campioni prelevati dovevano avere un diametro pari a 200 mm ed un altezza di un metro, così da permettere l effettuazione delle prove in laboratorio a tre diverse profondità. E stato quindi deciso di prelevare tre campioni indisturbati di terreno contenenti ciascuno un apparato radicale, per ognuna delle quattro specie di graminacee considerate. Al fine di quantificare effettivamente l incremento di resistenza al taglio, è stato previsto di prelevare anche tre campioni di solo terreno. Dunque, complessivamente i campioni indisturbati da prelevare erano in numero pari a quindici. Al momento della fase di preparazione della ricerca sono state poi prese in esame le diverse tecniche di prelievo dei campioni, considerando la difficoltà nell estrarre campioni di tali dimensione e peso e la necessità di arrecare il minor disturbo possibile. La modalità di prelievo mediante trivellazione è stata accantonata in quanto avrebbe provocato un eccessivo disturbo al campione e ci si è quindi orientati sulla tecnica di infissione della fustella a pressione. Questo secondo metodo avrebbe garantito, almeno teoricamente, un estrazione senza disturbo del terreno e delle radici ed un maggior controllo della Passante [%]

9 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 9/25 perpendicolarità nella direzione di campionamento. Tale metodo, inoltre, è normalmente impiegato nelle fasi di controllo di sistemi barriera naturali per estrarre campioni indisturbati di argilla sui quali, ad esempio, realizzare prove di permeabilità. Il prelievo, infatti, doveva avvenire dal piano campagna fino ad un metro di profondità, in accordo con la misura del massimo affondamento delle radici registrata in sito nei mesi precedenti. Sono state dunque preparate quindici fustelle di acciaio di diametro interno pari a 200 mm, aventi spessore della parete di circa un millimetro e altezza di un metro. La scelta dello spessore della fustella ha rappresentato un ulteriore aspetto critico in quanto esso doveva essere sufficiente a garantire l infissione senza deformazioni della fustella stessa e doveva permetterne il taglio mediante flessibile al momento dell apertura dei campioni, prima della realizzazione della prova in laboratorio. Il prelievo in sito dei campioni è stato effettuato nei giorni 30 e 31 Marzo 2004, periodo scelto poiché coincidente con il risveglio vegetativo delle specie di graminacee perenni impiantate. Un immagine della centrale termoelettrica in costruzione con scorci dei versanti circostanti rinverditi viene presentata in Figura 3. Si segnala che il mese di Marzo 2004 è stato contraddistinto da piogge intense per diversi giorni: per questo motivo il terreno, prevalentemente limoso-argilloso, era diventato particolarmente fangoso e non ha consentito un agevole accesso ai mezzi di una certa stazza utilizzati per il prelievo. Pertanto, l estrazione dei campioni indisturbati è stata effettuata utilizzando un autocarro dotato di un sistema a pressione usualmente impiegato nella realizzazione di pozzi per acqua, in grado di spingere la fustella fino alla profondità desiderata (Figura 3). Figura 2: Centrale termoelettrica di Altomonte in costruzione, ripresa dai circostanti versanti rinverditi in data 30 Marzo 2004

10 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 10/25 Figura 3. Immagine del mezzo impiegato per il prelievo dei campioni indisturbati La messa a dimora delle piante aveva previsto l impiego contemporaneo delle quattro specie di graminacee perenni nelle stesse zone, con un sesto d impianto che permetteva un ottimale sinergia tra le diverse caratteristiche delle specie. E stata dunque identificata un area accessibile ai mezzi e si sono identificati preventivamente tre esemplari per ogni specie, al fine di prelevare campioni indisturbati di terreno contenenti ciascuno l apparato radicale. Nella medesima zona sono stati poi prelevati i tre campioni indisturbati contenenti esclusivamente terreno. Ciò ha permesso di avere campioni pressoché uniformi dal punto di vista della natura del terreno. Una volta identificati tre esemplari per ognuna delle quattro specie di graminacee, le parti aeree di ognuno sono state tagliate per permettere un migliore posizionamento del campionatore ed un infissione perpendicolare della fustella. Dopo aver posizionato il mezzo ed aver collegato al sistema pneumatico la fustella mediante bulloni si è proceduto all infissione in pressione dell intero sistema. Questa procedura di prelievo è stata ripetuta per ogni prelievo effettuato; l intera estrazione dei campioni indisturbati ha richiesto due giorni lavorativi. Nelle Figure 4, 5, 6 e 7 sono illustrate alcune fasi della procedura stessa.

11 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 11/25 Figura 4. Posizionamento del mezzo per l estrazione dei campioni indisturbati Figura 5: Posizionamento della fustella in direzione perpendicolare al terreno prima del fissaggio al sistema pneumatico

12 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 12/25 Figura 6: Fase di affondamento a pressione della fustella nel terreno Figura 7: Allentamento dei bulloni di fissaggio e recupero della fustella contenente il campione prelevato

13 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 13/25 Una volta prelevati, i campioni indisturbati sono stati sigillati mediante l applicazione di cera per mantenerne l umidità e sono stati trasportati al Laboratorio Geosintetici del CESI di Milano. I campioni sono stati quindi identificati con un codice alfanumerico costituito da tre lettere ed un numero compreso tra uno e tre, come riportato nella Tabella 1. SIGLA IDENTIFICATIVA DEL CAMPIONE Tabella 1: Identificazione dei campioni prelevati DESCRIZIONE DEL CAMPIONE PROFONDITA DEL PIANO DI TAGLIO Ter 1 Campione n.1 di solo terreno 0,2 m Ter 2 Campione n.2 di solo terreno 0,4 m Ter 3 Campione n.3 di solo terreno 0,6 m Ely 1 Campione n.1 di terreno contenente apparato radicale di Elygrass 0,2 m Ely 2 Campione n.2 di terreno contenente apparato radicale di Elygrass 0,4 m Ely 3 Campione n.3 di terreno contenente apparato radicale di Elygrass 0,6 m Era 1 Campione n.1 di terreno contenente apparato radicale di Eragrass 0,2 m Era 2 Campione n.2 di terreno contenente apparato radicale di Eragrass 0,4 m Era 3 Campione n.3 di terreno contenente apparato radicale di Eragrass 0,6 m Pan 1 Campione n.1 di terreno contenente apparato radicale di Pangrass 0,2 m Pan 2 Campione n.2 di terreno contenente apparato radicale di Pangrass 0,4 m Pan 3 Campione n.3 di terreno contenente apparato radicale di Pangrass 0,6 m Vet 1 Campione n.1 di terreno contenente apparato radicale di Vetiver 0,2 m Vet 2 Campione n.2 di terreno contenente apparato radicale di Vetiver 0,4 m Vet 3 Campione n.3 di terreno contenente apparato radicale di Vetiver 0,6 m In Tabella 1 si riporta poi la profondità alla quale è stato localizzato il piano, cioè la profondità alla quale è stata eseguita la prova di taglio diretto in laboratorio. L attività, infatti, ha previsto il trasporto in laboratorio dei campioni di terreno indisturbato in laboratorio e l esecuzione su ciascuno di essi di una prova di taglio realizzata rispettivamente alle profondità di 0,2 m, 0,4 m e 0,6 m, come verrà descritto nel Capitolo 3.

14 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 14/25 3 PROVE DI TAGLIO DIRETTO Una volta giunte al Laboratorio Geosintetici del CESI, le fustelle contenenti i campioni di terreno sono state aperte mediante flessibile, appena prima di effettuare la prova di taglio, prestando particolare cura che i campioni stessi non venissero danneggiati durante questa operazione. Una volta liberati della fustella, i campioni sono stati avvolti in un involucro trasparente per poter essere trasportati e quindi sono stati pesati e misurati. Immagini dell apertura di un campione indisturbato di terreno vengono rappresentate nelle Figure 8 e 9. Figura 8: Apertura in laboratorio di un campione indisturbato di terreno

15 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 15/25 Figura 9: Taglio della fustella in acciaio contenente il campione mediante flessibile Va segnalato che i campioni Ter 2 (profondità del piano di taglio: 0,4 m), Ely 3 (profondità del piano di taglio: 0,6 m), Era 2 (profondità del piano di taglio: 0,4 m) e Vet 1 (profondità del piano di taglio: 0,2 m) al momento dell apertura emanavano cattivo odore, probabilmente a causa dello svilupparsi di fenomeni di putrefazione della materia organica contenuta al loro interno e non sono stati dunque considerati. Nella Tabella 2 sono riportati i pesi e le altezze misurati per ognuno degli undici campioni poi sottoposti alle prove di taglio diretto. Tabella 2: Caratteristiche di peso e di altezza dei campioni prelevati SIGLA CAMPIONE PESO (kg) ALTEZZA (m) Ter 1 69,14 1,000 Ter 3 59,86 0,890 Ely 1 60,15 0,940 Ely 2 40,55 0,650 Era 1 45,20 0,450 Era 3 55,40 0,830 Pan 1 42,53 0,690 Pan 2 48,00 0,750 Pan 3 64,10 0,995 Vet 2 57,40 0,850 Vet 3 50,00 0,820

16 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 16/25 Ely 2 Figura 10: Allestimento di una prova di taglio e posizionamento del campione all interno della camicia di acciaio opportunamente realizzata Le prove di taglio diretto da effettuare sui campioni prelevati presso il sito di Altomonte sono state realizzate mediante un apparecchiatura di taglio di grandi dimensioni opportunamente modificata. Infatti, al fine di poter accogliere i cilindri di terreno alti all incirca 1 m, è stato necessario realizzare una particolare camicia di acciaio in grado di sostenere e serrare il campione durante la prova, in modo che non si verificassero flessioni del campione stesso. L apparecchiatura di taglio diretto è costituita da due blocchi: uno inferiore, fisso, che funge da fissaggio alla base del campione ed uno superiore, che ha la possibilità di scorrere, a cui è stata aggiunta la camicia cilindrica di sostegno. Per la realizzazione di queste prove, i piani di taglio sono stati localizzati rispettivamente a 0,2, 0,4 e 0,6 m di profondità del campione, senza che venissero applicati ulteriori carichi verticali, ma lasciando esclusivamente agire il peso naturale del terreno sovrastante, così da riprodurre, il più fedelmente possibile, scorrimenti superficiali in sito. Tra la parte superiore mobile e quella inferiore fissa è stato lasciata una distanza libera di 10 mm, in modo da localizzare il piano di taglio. Un immagine, ripresa dall alto, della zona in cui è stato localizzato il taglio per la prova realizzata sul campione Era 3 (profondità del piano di taglio: 0,6 m) viene riportata in Figura 11.

17 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 17/25 Figura 11: Immagine ripresa dall alto della prova di taglio effettuata sul campione Era 3 (profondità del piano di taglio: 0,6 m) La pellicola trasparente, con la quale era stato avvolto il campione di terreno in seguito all apertura della fustella e di cui si è detto precedentemente, è stata rimossa nella parte inferiore, mentre è stata lasciata nella parte superiore, in modo da rendere trascurabili gli attriti tra la parete interna della camicia di acciaio ed il campione di terreno posizionato all interno, durante la realizzazione della prova. Le prove di taglio diretto sono state eseguite fino ad uno spostamento massimo orizzontale pari a circa 35 mm, che rappresenta il limite dell apparecchiatura, imponendo una velocità di taglio di 0,2 mm/min. In questo modo, ogni prova poteva essere condotta in circa 5 ore consentendo di far completamente mobilizzare la resistenza del terreno e delle radici eventualmente presenti. Al termine di ogni prova il campione veniva smontato e veniva effettuata una misura del contenuto d acqua del campione stesso; a questo riguardo, i valori registrati sono risultati compresi tra 25% e 47%. Inizialmente era anche previsto una misura dell area radicata, cioè del rapporto tra l area delle radici e l area della sezione del campione nella zona di taglio; tuttavia tale misura si è rivelata poco significativa in quanto le specie oggetto dell indagine sono di tipo erbaceo e sono dunque caratterizzate da radici molto fini e ramificate ed al termine delle prove di taglio si presentavano strappate o traslate. E stato tuttavia possibile osservare come per tutti i campioni sottoposti a prova la radicazione fosse intensa per la profondità di 0,2 m, mentre a 0,4 e 0,6 m le radici andavano via via diminuendo fino a quasi scomparire, probabilmente per la natura coesiva del terreno che non permette un agevole affondamento all apparato radicale. Nella Figura 12 si riporta l immagine del campione Era 3 (profondità del piano di taglio: 0,6 m) al termine della prova.

18 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 18/25 Figura 12: Termine della prova e smontaggio del campione Era 3 (profondità del piano di taglio: 0,6 m) dall apparecchiatura di prova per il taglio diretto Nel seguito si riportano le curve sforzo di taglio τ - spostamento delle prove effettuate alle tre profondità (z = 0,2, 0,4 e 0,6 m) per i campioni di solo terreno e per quelli contenenti le radici delle quattro specie di graminacee perenni. Come si può notare, solo per i tre campioni contenenti radici di Pangrass è stato possibile presentare tutte le tre curve corrispondenti alle diverse profondità di taglio, a causa dei problemi di putrefazione della materia organica che hanno interessato i campioni di cui si è discusso in precedenza. Osservando le curve sforzo di taglio τ - spostamento, va sottolineato come buona parte di queste presentino un andamento crescente dello sforzo di taglio con lo spostamento fino ad un valore di picco ed in seguito un andamento decrescente. Tale osservazione non vale invece per le prove effettuate su Pan 1 (profondità del piano di taglio: 0,2 m), Pan 2 (profondità del piano di taglio: 0,4 m) e Vet 2 (profondità del piano di taglio: 0,4 m) in cui si ha un andamento crescente fino al raggiungimento del massimo ed in seguito un andamento costante fino al termine dell esecuzione della prova. Va inoltre rilevato che il raggiungimento del valore massimo si verifica in corrispondenza di spostamenti sempre superiori per le prove effettuate sui campioni di terreno radicato rispetto alle prove realizzate sui campioni di solo terreno.

19 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 19/ Sforzo di taglio τ [kpa] Ter 1 z = 0,2 m Ter 3 z = 0,6 m Spostamento [mm] Figura 13: Risultati delle prove di taglio diretto effettuate su campioni indisturbati di solo terreno Ely 1 z = 0,2 m Ely 2 z = 0,4 m Sforzo di taglio τ [kpa] Spostamento [mm] Figura 14: Risultati delle prove di taglio diretto effettuate su campioni indisturbati di terreno contenenti apparato radicale di Elygrass

20 Rapporto PeC Prove e Componenti Approvato Pag. 20/ Era 1 z = 0,2 m Era 3 z = 0,6 m Sforzo di taglio τ [kpa] Spostamento [mm] Figura 15: Risultati delle prove di taglio diretto effettuate su campioni indisturbati di terreno contenenti apparato radicale di Eragrass 45 Sforzo di taglio τ [kpa] Pan 1 z = 0,2 m Pan 2 z = 0,4 m Pan 3 z = 0,6 m Spostamento [mm] Figura 16: Risultati delle prove di taglio diretto effettuate su campioni indisturbati di terreno contenenti apparato radicale di Pangrass

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev.

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev. Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi Geom. Sara Moretti Progettazione; Elaborazioni grafiche. I INDICE INDICE... I

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Valore caratteristico EC7

Valore caratteristico EC7 Procedura da adottare - Azioni (E) Valore caratteristico EC7 Per le combinazioni delle azioni si rimanda a quanto detto ampiamente in precedenza. Resistenze (Rd) del sistema geotecnico Il valore di progetto

Dettagli

INDAGINI IN SITO CAPITOLO 12. 12.1 Programmazione delle indagini

INDAGINI IN SITO CAPITOLO 12. 12.1 Programmazione delle indagini CAPITOLO 12 12.1 Programmazione delle indagini Ogni opera di ingegneria civile interagisce con una parte del sottosuolo, detta volume significativo. Il comportamento dell opera dipende, oltre che dai carichi

Dettagli

Miscele da Sovescio Agri.Bio

Miscele da Sovescio Agri.Bio Miscele da Sovescio Agri.Bio Il sovescio è una pratica agronomica consistente nell'interramento di apposite colture allo scopo di mantenere o aumentare la fertilità del terreno. I risultati che si possono

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Gli interventi di ripristino vegetazionale rappresentano la fase conclusiva dei lavori

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT Progetto CORINAT Indagine Agronomica Obiettivi: Creazione di un sistema cartografico (GIS) per l analisi territoriale Valutazione della influenza della misura 214 azione i sui componenti della produzione

Dettagli

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio 1 Ambito della ricerca Nella primavera 2009 l Unità di Ricerca

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto Il sistema di recinzione elettrico consiste di: A) un

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Effetto reddito ed effetto sostituzione.

Effetto reddito ed effetto sostituzione. . Indice.. 1 1. Effetto sostituzione di Slutsky. 3 2. Effetto reddito. 6 3. Effetto complessivo. 7 II . Si consideri un consumatore che può scegliere panieri (x 1 ; ) composti da due soli beni (il bene

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO Fabrizio Battista, Federica Gaiotti, Davide Mosetti, Gilberto Bragato, Diego Tomasi CRA-VIT CENTRO DI RICERCA

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Graminacee e Interventi chimici: Glifosate 30.40 9 l/ha Consigliabili le applicazioni nel periodo autunnale. L'uso di diserbanti può

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 Piano di manutenzione della parte strutturale dell opera Pag. 1 SOMMARIO 1 MANUALE D USO...3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE...3

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo Danni insoliti da tripidi sul frutto melo L osservazione e lo studio di sintomi su piante o frutti fa parte delle attività della Sezione Difesa delle Piante presso il Centro per la Sperimentazione Agraria

Dettagli

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO SEMINARIO TECNICO ALBICOCCHE DI QUALITA :tecniche agronomiche, innovazione varietale e strategie di mercato APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO Sala Consiliare Comune di Scanzano

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

Rapporto CESI. Cliente: Oggetto: Ordine: Contratto CESI n. 71/00056. Note: N. pagine: 13 N. pagine fuori testo: Data: 30.05.2000.

Rapporto CESI. Cliente: Oggetto: Ordine: Contratto CESI n. 71/00056. Note: N. pagine: 13 N. pagine fuori testo: Data: 30.05.2000. A0/010226 Pag.1/13 Cliente: Ricerca di Sistema Oggetto: Determinazione della tenacità di acciai eserciti - Correlazioni per stime di FATT da prove Small Punch Ordine: Contratto CESI n. 71/00056 Note: DEGRADO/GEN04/003

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA.

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI /MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. Switzerland PNEUMATICI SU MISURA. Lo sviluppo di uno pneumatico originale /MINI ha inizio già

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Barriere flessibili contro le frane superficiali di versante: la soluzione vantaggiosa contro i pericoli naturali.

Barriere flessibili contro le frane superficiali di versante: la soluzione vantaggiosa contro i pericoli naturali. Barriere flessibili contro le frane superficiali di versante: la soluzione vantaggiosa contro i pericoli naturali. Barriere flessibili di protezione contro le frane superficiali in pendii instabili: -

Dettagli

John Ruskin (1819-1900) 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042. A1foro.

John Ruskin (1819-1900) 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042. A1foro. 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042 TRASPORTATORI LEGGERI Non è saggio pagare troppo. Ma pagare troppo poco è peggio. Quando si paga troppo si

Dettagli

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns ORTICOLE IN SERRA Preparazione del terreno Trapianto Post-Trapianto Inizio accrescimento vegetativo Accrescimento vegetativo Fioritura Allegagione Ingrossamento bacche frutti Invaiatura Maturazione Obiettivo/Problema

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Scheda Tecnica Edizione14.10.11 Sikadur -31CFNormal Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Indicazioni generali Descrizione Sikadur -31CFNormalèunamaltaepossidicabicomponente,contenenteaggregatispeciali,perincollaggieriparazionistrutturali,tolleral

Dettagli

OPERE DI SOSTEGNO determinare le azioni esercitate dal terreno sulla struttura di sostegno;

OPERE DI SOSTEGNO determinare le azioni esercitate dal terreno sulla struttura di sostegno; OPERE DI SOSTEGNO Occorre: determinare le azioni esercitate dal terreno sulla struttura di sostegno; regolare il regime delle acque a tergo del muro; determinare le azioni esercitate in fondazione; verificare

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

IRcCOS S.c.a r.l. Istituto di Ricerca e certificazione per le Costruzioni Sostenibili

IRcCOS S.c.a r.l. Istituto di Ricerca e certificazione per le Costruzioni Sostenibili IRcCOS S.c.a r.l. Istituto di Ricerca e certificazione per le Costruzioni Sostenibili Laboratorio di Prova Notificato ai sensi della Direttiva 89/106/CEE n. NB1994 RAPPORTO DI PROVA Numero: 1994-CPD-RP0742

Dettagli

Scotchcal serie 100 Pellicola autoadesiva decorativa per intaglio

Scotchcal serie 100 Pellicola autoadesiva decorativa per intaglio 3M Italia, Novembre 2010 Scotchcal serie 100 Pellicola autoadesiva decorativa per intaglio Bollettino Tecnico 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello Fax: 02 70058174 E-mail itgraphics@mmm.com

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni Condensatori per rifasamento industriale in Bassa Tensione: tecnologia e caratteristiche. Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni 1 Tecnologia dei condensatori Costruzione Com è noto, il principio costruttivo

Dettagli