Comune di Alliste Provincia di Lecce PIANO DELLE ALIENAZIONI E VALORIZZAZIONI IMMOBILIARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Alliste Provincia di Lecce PIANO DELLE ALIENAZIONI E VALORIZZAZIONI IMMOBILIARI 2013-2015"

Transcript

1 Comune di Alliste Provincia di Lecce PIANO DELLE ALIENAZIONI E VALORIZZAZIONI IMMOBILIARI DECRETO-LEGGE 25/06/2008 n. 112, G.U. n. 147 del 25/06/2008 Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione Tributaria. LEGGE 06/08/2008 n. 133, G.U. n. 195 del 21/08/ Suppl. Ord. n. 196 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, recante disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria. Sentenza della Corte Costituzionale n. 340 del 16 dicembre 2009 Parziale illegittimità costituzionale dell'art. 58 del decreto legge 25 giugno 2008 n. 112, convertito con modificazioni in legge 6 agosto 2008 n. 133 Art. 17 L.R n. 5 Norme in materia di lavori pubblici e disposizioni diverse. Pubblicata nel B.U. Puglia 2 marzo 2010, n. 40 supp. L articolo 58 del D.L. 25/06/2008 n. 112 (convertito con la L. 06/08/2008 n. 133) prevede che i comuni, al fine di procedere al riordino, gestione e valorizzazione del proprio patrimonio immobiliare, provvedono con delibera del Consiglio Comunale ad individuare, redigendo apposito elenco, sulla base e nei limiti della documentazione esistente presso i propri archivi e uffici, i singoli beni immobili, ricadenti nel territorio comunale, non strumentali all'esercizio delle proprie funzioni istituzionali, suscettibili di valorizzazione ovvero di dismissione. Viene così redatto il piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari allegato al bilancio di previsione. L'inserimento degli immobili nel piano ne determina la conseguente classificazione come patrimonio disponibile e ne dispone espressamente la destinazione urbanistica. La Corte Costituzionale, con sentenza n. 340 del 16/12/2009, ha dichiarato la parziale illegittimità costituzionale del 2 comma del citato art. 58 (sopra perciò non riportato) laddove lo stesso articolato prevedeva la possibilità per i comuni di variare la destinazione urbanistica degli immobili individuati senza che tale variazione dovesse essere sottoposta alle verifiche di conformità agli eventuali atti di pianificazione sovraordinata di competenza delle Province o delle Regioni. L art. 17 della Legge Regionale Puglia n. 5 del 25/02/2010, proprio in considerazione della citata sentenza della Corte Costituzionale, ha così disciplinato (di fatto 1

2 ricostituendo l originario dettato della Legge 133/2008) il procedimento delle varianti ex articolo 58 L. 133/2008: «1. Le deliberazioni dei consigli comunali dei comuni della Puglia di approvazione del piano delle alienazioni e valorizzazioni ai sensi dell articolo 58 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112 (Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria), convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, costituiscono variante agli strumenti urbanistici generali. Tale variante, in quanto relativa a singoli immobili, non necessita di controllo regionale. 2. Ove le varianti di cui al comma 1 riguardino terreni classificati come agricoli dallo strumento urbanistico generale vigente, ovvero comportino variazioni volumetriche superiori al 10 per cento dei volumi previsti dal medesimo strumento urbanistico vigente, sono sottoposte a controllo di compatibilità rispetto agli atti di pianificazione sovraordinata, previa istruttoria del servizio competente, da parte della Giunta regionale, che si pronuncia entro sessanta giorni dalla data di ricevimento. Decorso tale termine, le varianti si intendono approvate. Qualora la Giunta regionale deliberi la non compatibilità delle varianti, si applicano le procedure di cui agli articoli 9, 10 e 11 della L.R. n. 20/2001 poste in capo al Comune e alla Regione, con i termini ridotti della metà. Le varianti sono pubblicate sul Bollettino ufficiale della Regione Puglia (BURP)». L elenco redatto, da pubblicare secondo le forme di legge, ha effetto dichiarativo della proprietà, in assenza di precedenti trascrizioni, e produce gli effetti previsti dall'art del codice civile 1, nonché gli effetti sostitutivi dell'iscrizione del bene in catasto. Il Comune può in ogni caso individuare forme di valorizzazione alternative, nel rispetto dei principi di salvaguardia dell'interesse pubblico e mediante l'utilizzo di strumenti competitivi. Il Comune può altresì conferire i propri beni immobili anche residenziali a fondi comuni di investimento immobiliare ovvero promuoverne la costituzione secondo le disposizioni degli articoli 4 e seguenti del decreto-legge 25 settembre 2001, n. 351, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 novembre 2001, n Alle dismissioni degli immobili inclusi nell elenco si applicano le disposizione dei commi 18 e 19 dell'art. 3 del decreto-legge 25 settembre 2001, n. 351, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 novembre 2001, n Al fine di operare il «riordino, la gestione e valorizzazione del patrimonio immobiliare», in modo da addivenire a una migliore economicità nell'impiego dei cespiti immobiliari di proprietà comunale, con conseguenti positivi effetti sul bilancio comunale, l ufficio tecnico ha proceduto alla formazione degli elenchi degli immobili da valorizzare o dimettere, redatti sulla base e nei limiti della documentazione esistente presso i propri archivi e uffici e dell inventario generale del patrimonio risultante al dicembre Art Codice Civile - Effetti della trascrizione. Gli atti enunciati nell'articolo precedente non hanno effetto riguardo ai terzi che a qualunque titolo hanno acquistato diritti sugli immobili in base a un atto trascritto o iscritto anteriormente alla trascrizione degli atti medesimi. Seguita la trascrizione, non può avere effetto contro colui che ha trascritto alcuna trascrizione o iscrizione di diritti acquistati verso il suo autore, quantunque l'acquisto risalga a data anteriore. 2 Art. 3 D.L. 25/09/2001 n Lo Stato e gli altri enti pubblici sono esonerati dalla consegna dei documenti relativi alla proprietà dei beni e alla regolarità urbanisticaedilizia e fiscale. Restano fermi i vincoli gravanti sui beni trasferiti. Con i decreti di cui al comma 1 può essere disposta in favore delle società benefìciarie del trasferimento la garanzia di un valore minimo dei beni ad esse trasferiti e dei canoni di affitto o locazione (34). 19. Per la rivendita dei beni immobili ad esse trasferiti, le società sono esonerate dalla garanzia per vizi e per evizione e dalla consegna dei documenti relativi alla proprietà dei beni e alla regolarità urbanistica-edilizia e fiscale. La garanzia per vizi e per evizione è a carico dello Stato ovvero dell'ente pubblico proprietario del bene prima del trasferimento a favore delle società. Le disposizioni di cui all'articolo 2, comma 59, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, si applicano alle rivendite da parte delle società di tutti i beni immobili trasferiti ai sensi del comma 1. Gli onorari notarili relativi alla vendita dei beni immobiliari di cui al presente articolo sono ridotti alla metà. La stessa riduzione si applica agli onorari notarili per la stipulazione di mutui collegati agli atti di vendita medesimi, anche fuori dalle ipotesi disciplinate dal testo unico di cui al decreto legislativo 1 settembre 1993, n In caso di cessione agli affittuari o ai conduttori detti onorari sono ridotti al 25 per cento. I notai, in occasione degli atti di rivendita, provvederanno a curare le formalità di trascrizione, di intavolazione e di voltura catastale relative ai provvedimenti e agli atti previsti dai commi 1 e 2 dell'articolo 1 e dai commi 1 e 1-bis del presente articolo se le stesse non siano state già eseguite (35). 2

3 Sul piano operativo è stata effettuata una rilevazione analitica del patrimonio, nelle sue differenti componenti, redigendo apposite schede contenenti i dati tecnici e catastali di ogni singolo immobile. Il patrimonio immobiliare comunale è stato quindi suddiviso in funzione della destinazione prevista, della potenziale alienabilità del bene e delle previsioni di valorizzazione dello stesso. Gli elenchi sono inseriti nel Piano delle alienazioni e delle valorizzazioni degli immobili comunali da allegarsi al Bilancio di Previsione e da approvarsi da parte del Consiglio Comunale, ai sensi delle disposizioni normative sopra richiamate (art. 58 D.L. n. 112/2008, convertito dalla Legge n. 133/2008). Con deliberazione della G.C. n. 13 del 02/03/2012 sono stati approvati gli elenchi degli immobili terreni e fabbricati inseriti nell inventario patrimoniale suscettibili di valorizzazione e/o dismissione per il triennio , da sottoporre all esame del Consiglio Comunale e da allegare al Bilancio di previsione Con Deliberazione n. 6 del 30 marzo 2012, immediatamente eseguibile, il Consiglio Comunale ha approvato il Piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari per il triennio , allegato alla Deliberazione di approvazione del Bilancio comunale n. 31 del 09/10/2012. Il P.A.V. così approvato è stato variato con deliberazioni del C.C. n. 25 del 09/10/2012 e n. 36 del 30/11/2012. Nell anno 2012 è stato alienato n. 1 immobile riportato al n. 28 dell Elenco n. 3 (Terreni da alienare) allegato alla citata deliberazione del C.C. n. 6/2012. Inoltre, in esecuzione della deliberazione del C.C. n. 16 del 30/06/2011 e come già avvenuto nelle ultime due annualità, è stata disposta l affrancazione di alcuni terreni in favore dei livellari aventi titolo e riportati nell Elenco n. 5 (Terreni concessi per livello) allegato alla citata deliberazione del C.C. n. 6/2012 e ss.mm.ii. Per tali immobili si precisa che, con determinazione R.S. n. 119 del 29/11/2012 (R.G. n. 576 del 04/12/2012), in seguito all aggiornamento della ricognizione sugli immobili già gravati da diritti reali in favore del Comune di Alliste, è stata accertata in ,37 la somma da prevedere in entrata per diritti di affrancazione con riferimento all esercizio di bilancio 2012, in funzione delle disposizioni sopra richiamate. Tale ricognizione è in continuo aggiornamento, anche per via delle indagini in corso di espletamento preso l Agenzia del Territorio di Lecce, con ricerca delle intestazioni delle partite originarie risultanti all impianto del Catasto Terreni. Pertanto l elenco n. 5 (Terreni concessi per livello) qui allegato contiene ulteriori immobili oltre a quelli già compresi negli allegati alla citata determinazione R.S. n. 119/2012. Nel mese di gennaio 2013 è stata accertata la mancata volturazione in favore del Comune di Alliste di alcuni terreni di fatto parte della sede stradale di Via Milite Ignoto, nel tratto finale della stessa all incrocio con Via Pozzonardo. Tali immobili risultano ancora in testa alla originaria proprietà e, per essi, occorrerà procedere alla volturazione in Catasto con la classificazione di strade pubbliche. Si tratta degli immobili riportati in Catasto al Foglio 2, particelle nn (intera), 165 (parte), 166 (parte), 168 (parte), 169 (intera), 170 (intera), 171 (intera), 172 (intera). Tali immobili sono stati inseriti nell elenco n. 1 (Generale Terreni) e nell elenco n. 2 (Terreni da valorizzare). Con relazione del Responsabile del 3 Settore in data 26/11/2012, in atti, è stato comunicato che il terreno individuato nel N.C.T. al Foglio n. 23, particella n. 1056, della superficie di mq ,00, già ceduta al Comune dalla società Il Giardino dei Pini S.r.l. quale area standard, risultando intercluso ed «in posizione marginale rispetto alla strada ed all area costiera, omissis non svolge in maniera adeguata la funzione propria di uno spazio a servizi facilmente fruibile dalla collettività». Pertanto non risulta funzionale all organizzazione della rete degli spazi a servizi del comune di Alliste. 3

4 Per ciò che concerne la stima del prezzo di alienazione si è considerato quanto rilevato dal Settore Gestione Risorse del Comune di Alliste, Servizio Tributi, che attribuisce a tali aree il valore di 14,60/mq. (anno 2007), rivalutato con calcolo delle variazione indici ISTAT ad 15,49/mq nell anno In assenza di determinazioni per l anno corrente tale valore è stato prudenzialmente incrementato e portato a 16,00/mq. In data 30/11/2012 il Commissario ad acta del Consorzio A.T.O. Lecce 3 ha decretato il finanziamento di ,55 in favore del Comune di Alliste per la realizzazione di un Centro Comunale di Raccolta e che il Responsabile del 3 Settore interessato ha individuato la localizzazione dell intervento presso l ex deposito automezzi del Comune, sito sulla S.P. 67 Alliste-Felline, già inserito nel P.A.V e che, quindi, occorre modificare tale previsione inserendo l immobile nell elenco n. 7 (Fabbricati da valorizzare), con conseguente variante della destinazione urbanistica (da zona B2a Insediamenti Residenziali Aperti a zona Sc2 Attrezzature Pubbliche di interesse comune ). Si precisa che per tale immobile, con l approvazione del P.A.V era stata variata la destinazione urbanistica da zona Sc2 (Attr. Pubbl. interesse comune) a zona B2a Insed. Resid. Aperti (variante senza variazioni volumetriche superiori al 10 per cento dei volumi previsti dalle previsioni allora vigenti per tale area come deliberate in seguito all approvazione del P.A.V con Deliberazione del C.C. n. 5 del 20/03/2009). Per quanto concerne gli immobili riportati negli elenchi n. 3 (terreni da alienare) e n. 8 (fabbricati da alienare) si propone una stima del valore di alienazione inferiore del 10% rispetto al valore risultante dall ultima asta pubblica del 19/04/2012 per gli immobili non alienati a causa di mancanza di offerte, e con le seguenti eccezioni per gli immobili di cui all elenco n. 3 (terreni da alienare): I terreni indicati ai nn. da 4 a 10, per i quali il valore di alienazione sarà oggetto di quantificazione nel Piano di Lottizzazione in corso di approvazione dai competenti organi comunali; I terreni indicati al n. 12, in quanto non ancora frazionati e, quindi, suscettibili di revisione della stima una volta definiti nei nuovi confini; I terreni indicati ai nn. 19, 22, 23 e 24, in quanto il valore già stimato appare congruo. Di seguito, per il triennio , si riportano i seguenti elenchi degli immobili terreni e fabbricati inseriti nell inventario patrimoniale suscettibili di valorizzazione e/o dismissione in quanto non strumentali all esercizio delle funzioni istituzionali. Gli elenchi costituiscono aggiornamento dei precedenti elenchi inseriti nel P.A.V. vigente, approvato con deliberazione del C.C. n. 6 del 30/03/ Generale Terreni: sono riportati tutti i terreni in cui l intestatario risulta essere il Comune di Alliste, compresi quelli gravati da concessione di livello. 2. Terreni da valorizzare: sono riportati i terreni strumentali all esercizio di funzioni istituzionali, i terreni demaniali, quelli concessi in diritto di superficie, i relitti stradali non alienabili e le aree destinate ad urbanizzazioni. 3. Terreni da alienare: sono riportati i terreni suscettibili di dismissione in quanto non strumentali all esercizio delle funzioni istituzionali. 4. Terreni da verificare: sono riportati i terreni per i quali occorre un approfondimento di indagine per accertarne o l effettiva intestazione o la consistenza, o per altre verifiche da espletare prima di deciderne la classificazione negli elenchi sopra riportati. 5. Terreni concessi per livello: sono riportati i terreni per i quali il Comune di Alliste risulta intestatario e sono concessi con diritto di livello a privati. Nell elenco sono inseriti anche i terreni per i quali è stata già disposta 4

5 l affrancazione negli anni 2011, 2012 ed in quello corrente, in attuazione al disposto della Deliberazione del C.C. n. 16 del 30/06/2011. Inoltre, rispetto all elenco riportato nel precedente P.A.V sono stati inseriti nuovi terreni risultanti dalle indagini ricognitive effettuate dall ufficio nell anno 2012 e tuttora in corso. 6. Generale Fabbricati: sono riportati tutti i fabbricati di proprietà comunale. Per alcuni di essi non risulta il frazionamento dell area di insistenza, il trasferimento della proprietà, la relativa voltura e l accatastamento dell immobile. 7. Fabbricati da valorizzare: sono riportati i fabbricati ritenuti strumentali all esercizio di funzioni istituzionali. 8. Fabbricati da alienare: sono riportati i fabbricati suscettibili di dismissione in quanto non strumentali all esercizio delle funzioni istituzionali. 9. Fabbricati da verificare: sono riportati i fabbricati per i quali occorre un approfondimento di indagine per accertarne o l effettiva intestazione o la consistenza, o per altre verifiche da espletare prima di deciderne la classificazione negli elenchi sopra riportati. Alliste, marzo 2013 Il Responsabile IV Settore Arch. Nicola Miglietta 5

Il Consiglio Comunale

Il Consiglio Comunale Oggetto: Approvazione del Piano delle Alienazioni e del Piano delle Valorizzazioni per il triennio 2011-13, ai sensi e per gli effetti dell art. 58 L. 133/2008 di conversione del D.L. 112/2008. Il Consiglio

Dettagli

L art. 58 della Legge 133/2008: due anni dopo

L art. 58 della Legge 133/2008: due anni dopo EXITone AdvancedFranchising System L art. 58 della Legge 133/2008: due anni dopo Alexandra MOGILATOVA, Direttore Generale La valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico quale leva di sviluppo del

Dettagli

Il Patrimonio immobiliare del Comune. Privatizzazioni, quali vantaggi per l'ente locale (a cura di Tecnologia e Territorio)

Il Patrimonio immobiliare del Comune. Privatizzazioni, quali vantaggi per l'ente locale (a cura di Tecnologia e Territorio) Palazzo delle Stelline Milano 27 novembre ore 14.30 17.30 ATTI DEL SEMINARIO Il Patrimonio immobiliare del Comune. Privatizzazioni, quali vantaggi per l'ente locale (a cura di Tecnologia e Territorio)

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA

PROVINCIA DI MANTOVA PROVINCIA DI MANTOVA Deliberazione della Giunta Provinciale Seduta n.1 del 21/11/2014 ore 10:30 delibera n. 153 OGGETTO: PIANO DELLE ALIENAZIONI E VALORIZZAZIONI IMMOBILIARI EX ART. 58 D.L. 112 DEL 25/06/2008

Dettagli

COMUNE DI GUARDAVALLE (PROVINCIA DI CATANZARO)

COMUNE DI GUARDAVALLE (PROVINCIA DI CATANZARO) COMUNE DI GUARDAVALLE (PROVINCIA DI CATANZARO) ORIGINALE/COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 57 Del 26 GIUGNO 2012 OGGETTO: ART. 58 COMMA 1 DECRETO LEGGE N. 112/2008. RICOGNIZIONE E

Dettagli

COMUNE di AZZATE PROVINCIA di VARESE

COMUNE di AZZATE PROVINCIA di VARESE Responsabile del Servizio: Geom. Lucio GORNO Responsabile del Procedimento: Prot.n. del Class. 6/3 COMUNE di AZZATE PROVINCIA di VARESE SERVIZIO TECNICO MANUTENTIVO L A V O R I P U B B L I C I RICOGNIZIONE

Dettagli

COMUNE DI VACONE PROVINCIA DI RIETI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI VACONE PROVINCIA DI RIETI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI VACONE PROVINCIA DI RIETI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ATTO NR. 119 DATA 12/11/2013 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO DELLE ALIENAZIONE E/O DELLE VALORIZZAZIONI DEGLI IMMOBILI DA ALLEGARSI AL

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 56

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 56 Copia conforme per uso amministrativo Comune di Garlenda PROVINCIA DI SAVONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 56 OGGETTO: ART.58 D.L. N. 112/2008 CONVERTITO IN LEGGE N. 133/2008 "PIANO

Dettagli

CITTÀ DI GALATINA PROV. DI LECCE. Copia Deliberazione della Giunta Comunale N. 337/2014

CITTÀ DI GALATINA PROV. DI LECCE. Copia Deliberazione della Giunta Comunale N. 337/2014 CITTÀ DI GALATINA PROV. DI LECCE Copia Deliberazione della Giunta Comunale N. 337/2014 OGGETTO: LEGGE 133/2008 E LEGGI 131/83 E D. LGS 267/2000 - PIANO COMUNALE DI ALIENAZIONE E VALORIZZAZIONE IMMOBILI

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 11 febbraio 2013 n. 40

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 11 febbraio 2013 n. 40 8600 16-3-2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA - Parti I e II - n. 6 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 11 febbraio 2013 n. 40 Approvazione Piano delle valorizzazioni ed alienazioni immobiliari

Dettagli

PIANO DELLE ALIENAZIONI E VALORIZZAZIONI IMMOBILIARI (art. 58 del D.L. n. 112/2008, convertito con modificazioni dalla L. 6.8.2008 n.

PIANO DELLE ALIENAZIONI E VALORIZZAZIONI IMMOBILIARI (art. 58 del D.L. n. 112/2008, convertito con modificazioni dalla L. 6.8.2008 n. PIANO DELLE ALIENAZIONI E VALORIZZAZIONI IMMOBILIARI (art. 58 del D.L. n. 112/2008, convertito con modificazioni dalla L. 6.8.2008 n. 133) approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 20 dell'11.3.2011

Dettagli

V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 08

V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 08 ORIGINALE/COPIA C O M U N E D I M O R S A S C O (Provincia di Alessandria) V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 08 OGGETTO: APPROVAZIONE ELENCO IMMOBILI

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MORDANO Provincia di Bologna Cap. 40027, Via Bacchilega n. 6 Tel. 0542/56911 Fax 56900 E-Mail: urp@mordano.provincia.bologna.it Sito Internet: www.comunemordano.it DELIBERAZIONE N. 27 DEL 16/04/2015

Dettagli

PIANO DELLE ALIENAZIONI E VALORIZZAZIONI IMMOBILIARI (art. 58 del D.L. n. 112/2008, convertito con modificazioni dalla L. 6.8.2008 n.

PIANO DELLE ALIENAZIONI E VALORIZZAZIONI IMMOBILIARI (art. 58 del D.L. n. 112/2008, convertito con modificazioni dalla L. 6.8.2008 n. PIANO DELLE ALIENAZIONI E VALORIZZAZIONI IMMOBILIARI (art. 58 del D.L. n. 112/2008, convertito con modificazioni dalla L. 6.8.2008 n. 133) approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 28 del 10.5.2012

Dettagli

CITTA METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE SINDACO METROPOLITANO. (Estratto dal verbale del 14/09/2015) DECRETO N. 37 del 14/09/2015

CITTA METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE SINDACO METROPOLITANO. (Estratto dal verbale del 14/09/2015) DECRETO N. 37 del 14/09/2015 Decreto n. 37 del 14/09/2015 Riproduzione dell originale firmato digitalmente CITTA METROPOLITANA DI CAPITALE SINDACO METROPOLITANO (Estratto dal verbale del 14/09/2015) L anno duemilaquindici il giorno

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

competenza, non strumentali all'esercizio delle proprie funzioni istituzionali, suscettibili di valorizzazione ovvero di dismissione.

competenza, non strumentali all'esercizio delle proprie funzioni istituzionali, suscettibili di valorizzazione ovvero di dismissione. FINANZIAMENTO INVESTIMENTI Entrate derivanti da alienazione di beni e diritti patrimoniali da destinare agli investimenti (art. 199, comma 1, lett. c), D.Lgs. n. 267/2000 e art. 58, DL 112/2008, conv.

Dettagli

Documento scaricato dal sito internet del Comune di Santa Maria di Licodia (CT)

Documento scaricato dal sito internet del Comune di Santa Maria di Licodia (CT) (Ufficio del Patrimonio) DETERMINAZIONE N. 44 DEL 06.09.2012 OGGETTO: Immobili di proprietà comunale da alienare. Approvazione schema bando di vendita. IL RESPONSABILE DEL SETTORE VISTA la determina sindacale

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della L.R. 8/2014 COPIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA PROVINCIALE N. 53 03/10/2014 OGGETTO:

Dettagli

Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione del patrimonio edilizio ed urbanistico della Lombardia

Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione del patrimonio edilizio ed urbanistico della Lombardia Legge Regionale 16 luglio 2009, N. n. 13 Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione del patrimonio edilizio ed urbanistico della Lombardia (BURL n. 28 2 suppl. ord. del 17 Luglio 2009 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2009-07-16;13

Dettagli

DL sblocca Italia: le misure a favore dell edilizia

DL sblocca Italia: le misure a favore dell edilizia Ai gentili clienti Loro sedi DL sblocca Italia: le misure a favore dell edilizia (DL n. 133 del 12.09.2014) Premessa Con il DL n. 133 del 12.09.2014 sono state introdotte alcune nuove disposizioni in materia

Dettagli

SETTORE 5 - servizi di gestione del territorio e alle imprese

SETTORE 5 - servizi di gestione del territorio e alle imprese 1 SETTORE 5 - servizi di gestione del territorio e alle imprese DETERMINAZIONE N. 74 DEL 26 settembre 2011 N. Registro generale: 428 OGGETTO: Cessione in proprietà di aree già concesse in diritto di superficie.

Dettagli

Programma casa Housing sociale

Programma casa Housing sociale Segnalazioni Direzione Programmazione Strategica, Politiche Territoriali ed Edilizia giugno 2014 Programma casa Housing sociale LEGGE 23 maggio 2014, n. 80 Conversione in legge, con modificazioni, del

Dettagli

Segnalazioni Settore Attività amministrative e finanziarie per il Governo del territorio dicembre 2011. Catasto

Segnalazioni Settore Attività amministrative e finanziarie per il Governo del territorio dicembre 2011. Catasto Segnalazioni Settore Attività amministrative e finanziarie per il Governo del territorio dicembre 2011 Catasto LEGGE 22 dicembre 2011, n. 214 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 254/2013/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nella camera di consiglio del 3 luglio 2013 composta dai

Dettagli

COMUNE DI PONTINIA PROVINCIA DI LATINA

COMUNE DI PONTINIA PROVINCIA DI LATINA COMUNE DI PONTINIA PROVINCIA DI LATINA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE Numero 133 Del 09-08-2011 Prot. N. 14301 Del 31 agosto 2011 Oggetto: ALIENAZIONE (VENDITA) TERRENO DI PROPRIETA' DEL

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

CESSIONE IN PROPRIETA EX ART. 31 COMMI 45-47-48-49 DELLA LEGGE 23 DICEMBRE 1998 N.

CESSIONE IN PROPRIETA EX ART. 31 COMMI 45-47-48-49 DELLA LEGGE 23 DICEMBRE 1998 N. COMUNE DI BOFFALORA SOPRA TICINO REPERTORIO N. / CESSIONE IN PROPRIETA EX ART. 31 COMMI 45-47-48-49 DELLA LEGGE 23 DICEMBRE 1998 N. 448 DELLE AREE COMPRESE NEI PIANI DI ZONA DELIMITATI AI SENSI DELL'ART.

Dettagli

COMUNE DI BOLSENA UFFICIO PATRIMONIO PRPPOSTA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI BOLSENA UFFICIO PATRIMONIO PRPPOSTA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI BOLSENA UFFICIO PATRIMONIO PRPPOSTA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: approvazione elenco beni suscettibili di o valorizzazione (art. 58 D.L. 25 giugno 2008 n.112) Premesso: - che

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi DL sblocca Italia: le misure a favore dell edilizia (DL n. 133 del 12.09.2014) Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con

Dettagli

Distributori di carburanti

Distributori di carburanti Segnalazioni Direzione Ambiente, Governo e Tutela del Territorio marzo 2015 Distributori di carburanti Criteri semplificati per la caratterizzazione, messa in sicurezza e bonifica dei suoli e delle acque

Dettagli

Senato della Repubblica - Commissione 6ª (Finanze e tesoro) Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio

Senato della Repubblica - Commissione 6ª (Finanze e tesoro) Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Disegno di legge n. 1164 Autorizzazione a cedere alla Cooperativa terreni demaniali di Punta Sabbioni a responsabilità limitata ed al comune di Cavallino Treporti il compendio immobiliare appartenente

Dettagli

PROGETTO DI LEGGE N. 0392. di iniziativa del Presidente della Giunta regionale

PROGETTO DI LEGGE N. 0392. di iniziativa del Presidente della Giunta regionale REGIONE LOMBARDIA VIII LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 15996 PROGETTO DI LEGGE N. 0392 di iniziativa del Presidente della Giunta regionale Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione

Dettagli

COPIA Deliberazione n 3 Anno 2014. Comune di Ronchis. Provincia di Udine. Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale

COPIA Deliberazione n 3 Anno 2014. Comune di Ronchis. Provincia di Udine. Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale COPIA Deliberazione n 3 Anno 2014 Comune di Ronchis Provincia di Udine Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: Individuazione degli immobili da inserire nel piano delle valorizzazioni del

Dettagli

Art. 1 - Finalità... 2. Art. 2 - Interventi edilizi... 2. Art. 3 - Interventi per favorire il rinnovamento del patrimonio edilizio esistente...

Art. 1 - Finalità... 2. Art. 2 - Interventi edilizi... 2. Art. 3 - Interventi per favorire il rinnovamento del patrimonio edilizio esistente... REGIONE VENETO Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 1 INTERVENTO REGIONALE A SOSTEGNO DEL SETTORE EDILIZIO E PER FAVORIRE L UTILIZZO DELL EDILIZIA SOSTENIBILE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 12 LUGLIO

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Segnalazioni Settore Attività amministrative e finanziarie per il Governo del territorio aprile 2012. Parcheggi

Segnalazioni Settore Attività amministrative e finanziarie per il Governo del territorio aprile 2012. Parcheggi Segnalazioni Settore Attività amministrative e finanziarie per il Governo del territorio aprile 2012 Parcheggi Vi sono tre categorie di parcheggi, soggetti a discipline diverse: 1) i parcheggi "liberi",

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE VIABILITA' STRADALE Espropriazione

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE VIABILITA' STRADALE Espropriazione REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE VIABILITA' STRADALE Espropriazione Proposta nr. 91 del 19/08/2014 - Determinazione nr. 2223 del 19/08/2014 OGGETTO: Lavori di realizzazione della Circonvallazione

Dettagli

Provincia di Foggia Settore Gestione economica, finanziaria e patrimoniale Ufficio Patrimonio

Provincia di Foggia Settore Gestione economica, finanziaria e patrimoniale Ufficio Patrimonio Provincia di Foggia Settore Gestione economica, finanziaria e patrimoniale Ufficio Patrimonio Aggiornamento degli inventari e costruzione Stato patrimoniale finale al 31.12.2011 (art. 230 comma 7 D.Lgs.267/2000)

Dettagli

1.05. bilancio e contabilita' l.r. 40/2013 1

1.05. bilancio e contabilita' l.r. 40/2013 1 1.05. bilancio e contabilita' l.r. 40/2013 1 Legge regionale 23 dicembre 2013, n. 40 DISPOSIZIONI COLLEGATE ALLA LEGGE FINANZIARIA 2014. (Bollettino Ufficiale n. 23, del 27.12.2013 ) Art. 1. (Oggetto e

Dettagli

COMUNE DI BIBBIENA (Provincia di Arezzo)

COMUNE DI BIBBIENA (Provincia di Arezzo) SERVIZIO: U.O. N. 6 TECNICO LL.PP. (allegato 1) COMUNE DI BIBBIENA (Provincia di Arezzo) Protocollo n. 7572 del 14/04/2015 allegati n.: (da citare eventualmente nella corrispondenza) Responsabile del procedimento:

Dettagli

Imposta Unica Comunale IMU e TASI Anno 2016. ALIQUOTE E DETRAZIONI Anno 2016

Imposta Unica Comunale IMU e TASI Anno 2016. ALIQUOTE E DETRAZIONI Anno 2016 COMUNE DI BOSCO CHIESANUOVA Provincia di Verona Imposta Unica Comunale e Anno 2016 ALIQUOTE E DETRAZIONI Anno 2016 Con deliberazioni del Consiglio Comunale n. 6 e n. 7 del 29-04-2016 sono state determinate

Dettagli

GESTIONE DEL TERRITORIO

GESTIONE DEL TERRITORIO COMUNE DI TURATE Provincia di Como AREA GESTIONE DEL TERRITORIO Via Vittorio Emanuele n. 2, 22078 Turate - Tel. 02964251 - Fax. 0296480491 - C.F. 00520110131 E-Mail urbanistica@comune.turate.co.it REGOLAMENTO

Dettagli

CITTA DI CERNUSCO SUL NAVIGLIO

CITTA DI CERNUSCO SUL NAVIGLIO CITTA DI CERNUSCO SUL NAVIGLIO AREA TECNICA CRITERI PER LA TRASFORMAZIONE DEL DIRITTO DI SUPERFICIE IN PROPRIETA E PER L ELIMINAZIONE DEL VINCOLO DEL PREZZO DI CESSIONE E/O LOCAZIONE maggio 2013 1 2 Normativa

Dettagli

CONCESSIONI DI VALORIZZAZIONE

CONCESSIONI DI VALORIZZAZIONE CONCESSIONI DI VALORIZZAZIONE Art. 3-bis D.L. n. 351/2001 convertito dalla L. n. 410/2001 e s.m.i. come recentemente modificato e integrato dal comma 308 dell art. 1, L. 24 dicembre 2012, n. 228 GENNAIO

Dettagli

Tariffa PARTE PRIMA Atti soggetti a registrazione in termine fisso

Tariffa PARTE PRIMA Atti soggetti a registrazione in termine fisso D.P.R. 26 aprile 1986, n. 131: Approvazione del Testo unico delle disposizioni concernenti l'imposta di registro. (Gazzetta Ufficiale n. 99 del 30 aprile 1986 Supplemento Ordinario) Tariffa PARTE PRIMA

Dettagli

C O N S O R Z I O A T T I V I T A' P R O D U T T I V E - A R E E E S E R V I Z I -

C O N S O R Z I O A T T I V I T A' P R O D U T T I V E - A R E E E S E R V I Z I - C O N S O R Z I O A T T I V I T A' P R O D U T T I V E - A R E E E S E R V I Z I - OGGETTO N. 85: Società EURO BAR Srl, proprietaria superficiaria del lotto di terreno, relativo al fabbricato ubicato nel

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI CARPEGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO C O P I A

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI CARPEGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO C O P I A DELIBERAZIONE DEL CONIGLIO COMUNALE COMUNE DI CARPEGNA PROVINCIA DI PEARO E URBINO C O P I A Affissa all'albo Pretorio il 14/11/2013 al nr. 322 PIANO DELLE VALORIZZAZIONI E DIMIIONI DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA'

Dettagli

COMPROMESSO DI COMPRAVENDITA. Con la presente scrittura privata, redatta in triplice originale da valere ad ogni TRA

COMPROMESSO DI COMPRAVENDITA. Con la presente scrittura privata, redatta in triplice originale da valere ad ogni TRA COMPROMESSO DI COMPRAVENDITA Con la presente scrittura privata, redatta in triplice originale da valere ad ogni effetto di legge, TRA, in persona del legale rappresentante pro tempore, (nato/a a, il /

Dettagli

TITOLO I PRINCIPI. Art. 1. (Finalità)

TITOLO I PRINCIPI. Art. 1. (Finalità) Legge Vigente Anno 2001 Numero 20 Data 27/07/2001 Materia Titolo Note Urbanistica - edilizia pubblica Norme generali di governo e uso del territorio. (*) La Corte Costituzionale, con sentenza 5 maggio

Dettagli

REGISTRO DELLE CESSIONI DEI DIRITTI EDIFICATORI DISPOSIZIONI APPLICATIVE ALLEGATO B

REGISTRO DELLE CESSIONI DEI DIRITTI EDIFICATORI DISPOSIZIONI APPLICATIVE ALLEGATO B REGISTRO DELLE CESSIONI DEI DIRITTI EDIFICATORI DISPOSIZIONI APPLICATIVE ALLEGATO B INDICE Articolo 1 Oggetto e riferimenti normativi... 3 Articolo 2 Origine dei diritti edificatori... 3 Articolo 3 Struttura

Dettagli

COMUNE DI RIO MARINA PROVINCIA DI LIVORNO

COMUNE DI RIO MARINA PROVINCIA DI LIVORNO COMUNE DI RIO MARINA PROVINCIA DI LIVORNO PIAZZA SALVO D'ACQUISTO, 7-57038 - RIO MARINA (LI) C.F. 82001270493 - P.I. 00418180493 TEL 0565/925511 - FA 0565/925536 www.comuneriomarina.li.it Verbale di deliberazione

Dettagli

CESSIONI di IMMOBILI NOVITÀ

CESSIONI di IMMOBILI NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 4/2011 del 03 marzo 2011 CESSIONI di IMMOBILI NOVITÀ In questa Circolare 1. Immobili abitativi 2. Immobili strumentali 1 A seguito delle disposizioni introdotte

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' (SCIA) (Ai sensi degli artt. 13 14 15 16 della Legge Regionale 30/07/2013 n. 15)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' (SCIA) (Ai sensi degli artt. 13 14 15 16 della Legge Regionale 30/07/2013 n. 15) Protocollo di arrivo U.T.A. - Ufficio Tecnico Associato Settore Urbanistica, Edilizia, SUE, SUAP e Ambiente Borgo Tossignano Casalfiumanese Castel Guelfo di Bologna P.zza Unità d Italia 7 P.zza A. Cavalli

Dettagli

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA AL FINE DELL ISTRUTTORIA DELLA PRATICA : SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INZIO ATTIVITA

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA AL FINE DELL ISTRUTTORIA DELLA PRATICA : SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INZIO ATTIVITA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA AL FINE DELL ISTRUTTORIA DELLA PRATICA : SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INZIO ATTIVITA DOCUMENTAZIONE PER PROCEDURA ORDINARIA PRESENTAZIONE DEL MODELLO COMUNALE, COMPILATO IN TUTTE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE VIABILITA' STRADALE Espropriazione I L D I R I G E N T E

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE VIABILITA' STRADALE Espropriazione I L D I R I G E N T E REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE VIABILITA' STRADALE Espropriazione Proposta nr. 25 del 25/02/2014 - Determinazione nr. 501 del 26/02/2014 OGGETTO: Riqualificazione ed allargamento della

Dettagli

Provincia di Pesaro e Urbino

Provincia di Pesaro e Urbino Comune di Gradara Provincia di Pesaro e Urbino OGGETTO: VENDITA DI LOTTI EDIFICABILI UBICATI NELL AREA DI PROPRIETÀ COMUNALE DESTINATA DALLO STRUMENTO URBANISTICO VIGENTE AD UN AREA PROGETTO PREVALENTEMENTE

Dettagli

STUDIO URBANISTICO DEL TERRITORIO

STUDIO URBANISTICO DEL TERRITORIO 1 STUDIO URBANISTICO DEL TERRITORIO In attuazione del comma 2, lett. d) art. 6 della L.R. n. 14 del 30.07.2009 Misure straordinarie ed urgenti a sostegno dell attività edilizia e per il miglioramento della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI TARVISIO

REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI TARVISIO REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI TARVISIO Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. Le alienazioni di beni immobili del patrimonio comunale sono disciplinate dalle norme stabilite

Dettagli

Studio Associato di Consulenza Aziendale

Studio Associato di Consulenza Aziendale Studio Associato di Consulenza Aziendale Dottori Commercialisti Dott. Gianpiero Perissinotto Dott.ssa Monica Lacedelli Via degli Agricoltori n. 11 32100 Belluno tel: 0437/932080 fax: 0437/932095 E-mail:

Dettagli

TASSAZIONE ATTI IMMOBILIARI e SUCCESSIONI

TASSAZIONE ATTI IMMOBILIARI e SUCCESSIONI TASSAZIONE ATTI IMMOBILIARI e SUCCESSIONI A cura di Elena Galeotti Direzione Regionale Toscana Versione gennaio 2010 ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

PARERE GLI ONERI FISCALI INERENTI LA VENDITA DELLA VILLA MAGIERA 1) I PRINCIPALI RIFERIMENTI DELLA NORMATIVA VIGENTE

PARERE GLI ONERI FISCALI INERENTI LA VENDITA DELLA VILLA MAGIERA 1) I PRINCIPALI RIFERIMENTI DELLA NORMATIVA VIGENTE PARERE PROT.int. A3/PAT/A n. 13 del 18.01.2010 GLI ONERI FISCALI INERENTI LA VENDITA DELLA VILLA MAGIERA 1) I PRINCIPALI RIFERIMENTI DELLA NORMATIVA VIGENTE In sintesi e limitatamente a quanto di interesse

Dettagli

AVVISO D'ASTA PUBBLICA PER LA VENDITA PER I SEGUENTI LOTTI DISGIUNTI E SUCCESSIVI:

AVVISO D'ASTA PUBBLICA PER LA VENDITA PER I SEGUENTI LOTTI DISGIUNTI E SUCCESSIVI: COMUNE DI MAGIONE PROVINCIA DI PERUGIA - P.zza Frà Giovanni da Pian di Carpine, 16-06063 Magione C.F./P.I. 00349480541 Tel. 0758477011 Fax 0758477041 AREA LAVORI PUBBLICI P.zza A. Simoncini, 2-06063 Magione

Dettagli

Ordinanza n. 32 del 28 aprile 2014

Ordinanza n. 32 del 28 aprile 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 32 del 28 aprile 2014 Criteri e modalità

Dettagli

DETERMINAZIONE SETTORE TECNICO. Numero 65 Del 06-02-12

DETERMINAZIONE SETTORE TECNICO. Numero 65 Del 06-02-12 DETERMINAZIONE SETTORE TECNICO Numero 65 Del 06-02-12 Oggetto: L.R. 34794. COMPRENSORIO DI BONIFICA N. 29. "VAL DI CECINA". PROGRAMMA DI BONIFICA 2011. DETERMINA= ZIONE INDICI DI CONTRIBUENZA E APPROVAZIONE

Dettagli

TRIBUNALE DI SULMONA AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO DELEGATA A PROFESSIONISTA. (artt. 569, 576, e 591 bis c.p.c.)

TRIBUNALE DI SULMONA AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO DELEGATA A PROFESSIONISTA. (artt. 569, 576, e 591 bis c.p.c.) ESECUZIONE N. 29/09 TRIBUNALE DI SULMONA AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO DELEGATA A PROFESSIONISTA (artt. 569, 576, e 591 bis c.p.c.) Il sottoscritto Avv. Vincenza Giannantonio, con studio in Sulmona,

Dettagli

Contratto-tipo preliminare di compravendita immobiliare

Contratto-tipo preliminare di compravendita immobiliare Contratto-tipo preliminare di compravendita immobiliare Con la presente scrittura privata, da valere a ogni effetto di legge, i signori: - (Tizio) nato a il giorno, residente a, via n., codice fiscale,

Dettagli

L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1)

L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1) L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1) SOMMARIO Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 - Opere abusive suscettibili di sanatoria Art. 3 -

Dettagli

IMPOSTE DI REGISTRO, IPOTECARIE E CATASTALI: NOVITÀ 2014

IMPOSTE DI REGISTRO, IPOTECARIE E CATASTALI: NOVITÀ 2014 IMPOSTE DI REGISTRO, IPOTECARIE E CATASTALI: NOVITÀ 2014 REGISTRO SUI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI Ordinaria 9% Prima casa 2% Terreni agricoli 12% Minimo 1.000 euro Ipotecarie e catastali 50+ 50 euro Assorbiti

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE CESSIONI A TITOLO GRATUITO AL COMUNE, DI AREE ED OPERE DI URBANIZZAZIONE

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE CESSIONI A TITOLO GRATUITO AL COMUNE, DI AREE ED OPERE DI URBANIZZAZIONE Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE CESSIONI A TITOLO GRATUITO AL COMUNE, DI AREE ED OPERE DI URBANIZZAZIONE Disposizione tecnico-organizzativa

Dettagli

Disposizioni regolamentari in materia di Imposta Municipale Propria (I.M.U.)

Disposizioni regolamentari in materia di Imposta Municipale Propria (I.M.U.) Allegato A) Disposizioni regolamentari in materia di Imposta Municipale Propria (I.M.U.) Art. 1 Oggetto del Regolamento Le presenti disposizioni regolamentano le modalità di applicazione dell Imposta Municipale

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria Schema di convenzione in applicazione dell'art. 31, commi 45 e seguenti, della legge 23.12.1998 n. 448, per la cessione in diritto di proprietà di aree comprese

Dettagli

SETTORE 7 Servizi di gestione dei Tributi, del Patrimonio Immobiliare, Gare e Contratti Ufficio Tributi DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE

SETTORE 7 Servizi di gestione dei Tributi, del Patrimonio Immobiliare, Gare e Contratti Ufficio Tributi DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI GREVE IN CHIANTI Provincia di Firenze SETTORE 7 Servizi di gestione dei Tributi, del Patrimonio Immobiliare, Gare e Contratti Ufficio Tributi DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE N 056 del 11.07.2013

Dettagli

COMUNE DI GROSSETO AVVISO DI ASTA PUBBLICA PER ALIENAZIONE DI BENI IMMOBILI

COMUNE DI GROSSETO AVVISO DI ASTA PUBBLICA PER ALIENAZIONE DI BENI IMMOBILI COMUNE DI GROSSETO AVVISO DI ASTA PUBBLICA PER ALIENAZIONE DI BENI IMMOBILI IL DIRIGENTE SETTORE TRIBUTI PATRIMONIO SERVIZIO PATRIMONIO - In esecuzione della Deliberazione del Consiglio Comunale n. 54

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 04 agosto 2006

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 04 agosto 2006 CIRCOLARE N. 27/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 04 agosto 2006 OGGETTO:Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006, - Revisione del regime fiscale delle cessioni e locazioni di fabbricati

Dettagli

COMUNE DI BIBBIENA (Provincia di Arezzo)

COMUNE DI BIBBIENA (Provincia di Arezzo) COMUNE DI BIBBIENA (Provincia di Arezzo) Via Berni, 25 52011 BIBBIENA (Arezzo) 0575/5305 - FAX 0575/530667 www.comune.bibbiena.ar.it Partita IVA 00137130514 Conto corrente postale n. 124529 SERVIZIO: U.O.

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione del Consiglio Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione del Consiglio Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del IL SINDACO Proposta N. 10 del 31/01/2014 SERVIZIO --Pianificazione Urbanistica Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Comune di Treviso. Tribunale di Treviso sezione II civile. GIUDICE dott. A. VALLE. Procedura Esecutiva Immobiliare

Comune di Treviso. Tribunale di Treviso sezione II civile. GIUDICE dott. A. VALLE. Procedura Esecutiva Immobiliare Architetto Stefano Roma Studio via Verdi, 63 31015 Conegliano TV tel. fax: 0438 412885 e-mail: archi.roma@tiscali.it Comune di Treviso Tribunale di Treviso sezione II civile GIUDICE dott. A. VALLE Procedura

Dettagli

Recenti evoluzioni del quadro normativo in materia di patrimonio immobiliare pubblico

Recenti evoluzioni del quadro normativo in materia di patrimonio immobiliare pubblico Recenti evoluzioni del quadro normativo in materia di patrimonio immobiliare pubblico Ottobre 2013 - Integrazione ifel Fondazione ANCI Leggi e Decreti Testi e pubblicazione a cura di IFEL Dipartimento

Dettagli

CITTA' di GARDONE VAL TROMPIA

CITTA' di GARDONE VAL TROMPIA CITTA' di GARDONE VAL TROMPIA (Provincia di Brescia) Regolamento Procedura e criteri per la trasformazione in proprieta delle aree concesse in diritto di superficie e per la soppressione dei limiti di

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA Allegato PR PROVINCIA DI SAVONA BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA Dott.ssa Patrizia Gozzi A cura del Servizio Bilancio e Programmazione Finanziaria Il Dirigente

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

CITTA DI VIGEVANO. Regolamento per l assegnazione di beni immobili di proprietà del Comune di Vigevano

CITTA DI VIGEVANO. Regolamento per l assegnazione di beni immobili di proprietà del Comune di Vigevano CITTA DI VIGEVANO Regolamento per l assegnazione di beni immobili di proprietà del Comune di Vigevano Approvato con Deliberazione di C.C. n. 9 dell11/02/2010 Regolamento per l assegnazione di beni immobili

Dettagli

PIANO PARTICELLARE DI ESPROPRIO

PIANO PARTICELLARE DI ESPROPRIO STAZIONE DI CAPODICHINO PIANO PARTICELLARE DI ESPROPRIO 1. PREMESSA 2. MAPPA CATASTALE 3. LA GEOREFERENZIAZIONE 4. LE TAVOLE GRAFICHE DEL PIANO PARTICELLARE 4.1. LA SIMBOLOGIA DEI TITOLI DI OCCUPAZIONE

Dettagli

Agenzia delle Entrate

Agenzia delle Entrate Agenzia delle Entrate DIREZIONE CENTRALE NORMATIVA E CONTENZIOSO Circolare del 04/08/2006 n. 27 Oggetto: Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006, - Revisione del regime fiscale delle cessioni e locazioni

Dettagli

OSSERVATORIO ENTI LOCALI Giugno 2015

OSSERVATORIO ENTI LOCALI Giugno 2015 OSSERVATORIO ENTI LOCALI Giugno 2015 PATRIMONIO P.A. a cura di Mara Oliverio Consiglieri Delegati CNDCEC Marcello Marchetti Giovanni Gerardo Parente Sommario: 1. Brevi riferimenti normativi 2. Gli inventari

Dettagli

Capitolo III IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE

Capitolo III IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE 1. IMPOSTA IPOTECARIA IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE Vi sono soggette le formalità di trascrizione, iscrizione, rinnovazione ed annotazione eseguite nei pubblici registri immobiliari. Per quanto riguarda

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIB. C.C. 32/2009

ALLEGATO B ALLA DELIB. C.C. 32/2009 ALLEGATO B ALLA DELIB. C.C. 32/2009 SCHEMA DI CONVENZIONE IN APPLICAZIONE DELL'ART. 31 DELLA LEGGE 23.12.1998 N. 448, PER LA CESSIONE IN DIRITTO DI PROPRIETÀ DI AREE COMPRESE NEI PIANI DI ZONA EX LEGGE

Dettagli

DECRETO-LEGGE 13 maggio 1991, n. 152

DECRETO-LEGGE 13 maggio 1991, n. 152 DECRETO-LEGGE 13 maggio 1991, n. 152 Art. 18. 1. Per favorire la mobilita' del personale e' avviato un programma straordinario di edilizia residenziale da concedere in locazione o in godimento a dipendenti

Dettagli

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DEI CORRISPETTIVI E ACCESSO ALLA PROCEDURA

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DEI CORRISPETTIVI E ACCESSO ALLA PROCEDURA COMUNE DI SASSARI (Provincia di Sassari) PIANI PER L EDILIZIA ECONOMICA e POPOLARE (piani di zona ai sensi della legge 18 maggio 1962 n.167) TRASFORMAZIONE IN PROPRIETA DELLE AREE CONCESSE IN DIRITTO DI

Dettagli

IV) CONDIZIONI REGOLANTI LA VENDITA

IV) CONDIZIONI REGOLANTI LA VENDITA COMUNE DI OFFIDA (Provincia di Ascoli Piceno) ----------ooo---------- Area Gestione del Territorio Prot. N. 7426 A V V I S O D I A S T A P U B B L I C A PER LA VENDITA DELLE RETI E IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

Il Decreto del Fare : le novità per il settore privato

Il Decreto del Fare : le novità per il settore privato Direzione Legislazione Mercato Privato Il Decreto del Fare : le novità per il settore privato Pesaro, 10 dicembre 2013 Semplificazioni in materia edilizia Semplificazioni in materia di paesaggio (Decreto

Dettagli

Proposta di Deliberazione alla GIUNTA COMUNALE. IL DIRIGENTE SETTORE A9 PIANIFICAZIONE URBANISTICA-EDILIZIA PRIVATA - Dr.

Proposta di Deliberazione alla GIUNTA COMUNALE. IL DIRIGENTE SETTORE A9 PIANIFICAZIONE URBANISTICA-EDILIZIA PRIVATA - Dr. Proposta di Deliberazione alla GIUNTA COMUNALE IL DIRIGENTE SETTORE A9 PIANIFICAZIONE URBANISTICA-EDILIZIA PRIVATA - Dr. NORBERTO CARBONI Propone alla Giunta Comunale l approvazione della seguente delibera:

Dettagli

RELAZIONE DI STIMA. 3. Piani per Insediamenti produttivi in Loc.Pian Cerreto.

RELAZIONE DI STIMA. 3. Piani per Insediamenti produttivi in Loc.Pian Cerreto. PROPOSTA DI TRASFORMAZIONE DEL DIRITTO DI SUPERFICIE IN DIRITTO DI PROPRIETA DELLE AREE COMPRESE NEL PIANO PER INSEDIAMENTI PRODUTTIVI IN LOCALITA PIAN CERRETO 1. Premesse RELAZIONE DI STIMA La legge 23

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche di cui alle LL.RR. 26 agosto 1992, n. 18, 16 gennaio 1995, n. 2 e 2 maggio 2001, n. 7)

(Testo coordinato con le modifiche di cui alle LL.RR. 26 agosto 1992, n. 18, 16 gennaio 1995, n. 2 e 2 maggio 2001, n. 7) LEGGE REGIONALE 12 aprile 1990, n. 21 Norme in materia di edilizia di culto e disciplina urbanistica dei servizi religiosi. (BUR n. 31 del 14 aprile 1990) (Testo coordinato con le modifiche di cui alle

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 giugno 2006 Oggetto: Fondi comuni di investimento immobiliare. Modificazioni al regime tributario dei partecipanti. Articolo 1, comma

Dettagli

Circolare N. 151 del 18 Novembre 2014

Circolare N. 151 del 18 Novembre 2014 Circolare N. 151 del 18 Novembre 2014 DL Sblocca Italia: le novita dopo la conversione in legge (DL n. 133/2014 convertito con legge n. 16/2014) Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli