In relazione alla tipologia dei terreni, alla configurazione morfologica e alle caratteristiche geomorfologiche dell area in dissesto, si è ritenuto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "In relazione alla tipologia dei terreni, alla configurazione morfologica e alle caratteristiche geomorfologiche dell area in dissesto, si è ritenuto"

Transcript

1 120 Comune di Piandimeleto - Pesaro Urbino In relazione alla tipologia dei terreni, alla configurazione morfologica e alle caratteristiche geomorfologiche dell area in dissesto, si è ritenuto di procedere con gli interventi ritenuti più idonei. È stata, quindi, realizzata una paratia tipo berlinese, avente uno sviluppo pari a ml. 120,00 con diametro di 80 cm. posti ad interasse di cm. 240, costituita da 51 pali ed un altezza minima di 11 metri, superiormente collegati da un cordolo armato, ammorsati nel substrato a base compatta (formazione costituita da marne compatte non fratturate) per uno spessore minimo di ml. 3,00. Si è proceduto, poi, all allargamento della sede stradale esistente, mediante preparazione del piano di posa e realizzazione della sovrastruttura stradale. Posa in opera di barriere stradali di protezione.

2 Sono stati, quindi, previsti interventi complementari quali: la sistemazione della scarpata, il rifacimento del tappetino di usura, lo spostamento di manufatti. I lavori sono stati realizzati nel rispetto di quanto previsto nel progetto originario e non si sono avuti impedimenti tecnici rilevanti che ne abbiano compromesso i tempi di realizzazione o modificato i costi economici, né si sono verificati incidenti e/o infortuni; la problematica maggiore che si è dovuta affrontare è stata quella della realizzazione dell impianto di cantiere per la collocazione della strumentazione meccanica per la perforazione dei pali. Tale difficoltà Comune di Piandimeleto - Pesaro Urbino 121

3 122 Comune di Piandimeleto - Pesaro Urbino è stata causata dalla notevole acclività della scarpata su cui si operava e dalla esigua dimensione del sito di appoggio, aggravata dalla presenza di fabbricati e di attività produttive presenti sul posto. La realizzazione dell intervento non ha comportato, comunque, alcun danneggiamento a cose e/o persone.

4 regione MOLISE COMUNE DI SAN PIETRO AVELLANA (IS) Sistemazione di dissesti idrogeologici nel centro abitato Uno dei maggiori problemi che attualmente riguarda il centro abitato del comune di San Pietro Avellana è quello della regimentazione e dell allontanamento verso valle di tutte le acque meteoriche provenienti dal versante di monte. Allo stato attuale sia il Fosso dei Mulini che il suo affluente Vallone San Rocco con le loro caratteristiche torrentizie vengono influenzati rapidamente, anche in corrispondenza di eventi di non ecceziona-

5 124 COMUNE DI SAN PIETRO AVELLANA - ISERNIA le portata, da notevoli apporti meteorici diretti che, proprio per via dell attuale sezione idrica e delle elevate pendenze, tendono ad amplificare l azione erosiva sia laterale che di fondo con conseguente trasporto a valle anche di materiale solido. Lo stesso Fosso dei Mulini presenta in asse al suo tratto iniziale una serie di ruderi in pietrame, testimonianza di veri e propri vecchi mulini che condizionano, peraltro, il regolare deflusso delle

6 acque meteoriche provenienti da monte soprattutto in situazioni di piena. Sono stati altresì rilevati dissesti puntuali anche nella rete viaria interna sia nel tratto compreso fra la strada comunale dei Prati e Fonte San Rocco con una evidente rotazione e scivolamento verso valle dell ossatura stradale che in via Duca degli Abruzzi con avvallamenti nella carreggiata (lungo il lato di valle) e sul marciapiede stesso nonché con lesioni longitudinali rappresentative del fatto che alcune opere non sono più idonee a contenere la stessa piattaforma stradale. Da una attenta ricognizione in sito sull intera area, ed anche sulla scorta delle indicazioni fornite dallo stesso studio geologico, gli interventi realizzati con i fondi dell otto per mille dell IRPEF a diretta gestione statale, sono stati diversificati per ciascuna delle aree interessate dai vari dissesti. È stata infatti prevista la sistemazione idraulica dell intero Fosso dei Mulini compreso il tratto dell affluente Vallone San Rocco mediante la ripulitura e la risagomatura delle varie sezioni dell alveo stesso, per una fascia della larghezza media COMUNE DI SAN PIETRO AVELLANA - ISERNIA 125

7 126 COMUNE DI SAN PIETRO AVELLANA - ISERNIA di m 9,00, con la realizzazione di nuove briglie in gabbionate di pietrame dell altezza utile di salto pari a m 2,00 nonché il consolidamento di quelle già esistenti, che attualmente evidenziano fenomeni di instabilità locale e di scalzamento al piede. Sono state inoltre realizzate, lungo il tratto del Vallone San Rocco, alcune gabbionate di contenimento spondale eseguite sempre in pietrame disposte su due file parallele dell altezza di m 1,00 cadauna. Tutti i ruderi dislocati in vario modo lungo il tratto iniziale del Fosso dei Mulini sono stati comunque consolidati ed i relativi giunti adeguatamente raschiati, puliti e successivamente stilati con malta cementizia.

8 Su entrambi i tratti iniziali sono state inoltre realizzate alcune trincee drenanti, con sezioni della larghezza di cm 80 e profondità di cm 12, successivamente riempite con pietrame di idonea pezzatura, al fine di intercettare le acque meteoriche sia di ruscellamento che di infiltrazione superficiale, convogliandole direttamente nei rispettivi alvei. Infine, nel tratto compreso tra la strada comunale dei Prati e Fonte San Rocco è stata eseguita una palificata continua sul lato di valle della carreggiata stradale della lunghezza complessiva di m 62,00 con pali disposti ad interasse di cm 120,00 del diametro di cm 80,00 e della profondità di cm 1200,00 con sovrastante cordolo di coronamento in c.a. delle dimensioni di cm 90,00 x 50,00 sul COMUNE DI SAN PIETRO AVELLANA - ISERNIA 127

9 128 COMUNE DI SAN PIETRO AVELLANA - ISERNIA quale poggia direttamente anche un ringhiera in ferro di protezione. Per l intero tratto è stata rimossa sia l attuale pavimentazione stradale che la relativa sottofondazione per una larghezza di m 3,00 sostituita con un getto continuo in cls. da cm 10 con annegata rete elettrosaldata nonché uno strato di misto granulare stabilizzato di fondazione successivamente finito con bynder e relativo tappetino. Tutti i vari interventi sono stati puntualmente scelti in maniera tale da creare il minimo impatto nel contesto ambientale circostante.

10 regione PIEMONTE COMUNE DI TASSAROLO (AL) Sistemazione idraulica e delle frane a monte dell abitato di Tassarolo I fenomeni alluvionali che hanno colpito il Piemonte e il territorio del comune di Tassarolo nel 1994, nel 2000 e nel 2002, hanno provocato gravi danni agli alvei e alle sponde dei corsi d acqua e ai loro versanti. Il territorio del comune di Tassarolo è un area collinare di pregio ambientale e paesaggistico con numerosi problemi di assetto idrogeologico, tanto che è sottoposta in gran parte al vincolo idrogeologico ai sensi del R.D. 30/12/1923 n e della legge regionale (Piemonte) 9/8/1989 n. 45.

11 130 COMUNE DI TASSAROLO - ALESSANDRIA La zona è costituita quasi esclusivamente da vigneti di pregio (fa parte della zona del Gavi DOC) e da boschi inseriti in un territorio collinare prossimo ad importanti centri abitati come Novi Ligure che attirano un numero importante di persone residenti. Con il progetto finanziato con i fondi dell otto per mille dell IRPEF a diretta gestione statale, è stato completato il quadro degli interventi per la messa in sicurezza del territorio, con lavori ed opere nel bacino del rio Campolasso: un corso d acqua che scorre a monte dell abitato di Tassarolo e che termina nello stesso attraversandolo in un tratto tombinato,

12 assai pericoloso durante gli eventi alluvionali per il rischio di occlusione della tombinatura e la possibile divagazione di acque e materiale solido attraverso le case. L intervento principale ha riguardato la sistemazione di un versante franoso lungo il rio Campolasso nella valle di Vaie, con la stabilizzazione di una frana che COMUNE DI TASSAROLO - ALESSANDRIA 131

13 132 COMUNE DI TASSAROLO - ALESSANDRIA interessava la parte alta del versante dove è stata realizzata una palificata a due pareti con ancoraggi al substato e drenaggi a monte. Nella parte più bassa dello stesso versante è stata sistemata una profonda erosione da parte di un corso d acqua laterale con la realizzazione di una rampa in legname e pietrame formata da una serie di brigliette a step-pool (una serie di piccole vasche concatenate) con il fondo in ciottoli che evitino ulteriori erosioni di fondo: lo scopo degli step-pool, infatti, è quello di ridurre l energia cinetica dell acqua in modo da limitare le erosioni e il trasporto solido e, nel complesso dell intervento, di evitare l intasamento della tombinatura che attraversa l abitato. A completamento dell intervento principale sono stati realizzati interventi diffusi sulle sponde e sul fondo del rio Campolasso, sempre volti a ridurre il trasporto solido dell acqua. Sono stati effettuati anche interventi

14 forestali per evitare il trasporto di tronchi e legname morto nell alveo che rappresentano un pericolo per l ostruzione della tombinatura. Per una efficace e duratura riuscita degli interventi realizzati, l amministrazione comunale ha predisposto accordi di manutenzione del territorio con le imprese agricole locali. Tutti gli interventi hanno tenuto conto della elevata naturalità e biodiversità del luogo, mettendo in atto i tagli degli alberi secondo criteri di selvicoltura naturalistica volti a favorire lo sviluppo delle piante autoctone e, per gli interventi sull alveo attivo, secondo modalità che favoriscano la libera circolazione delle specie tipiche di pesci e di crostacei. Nella valutazione delle diverse soluzioni progettuali è stata data, pertanto, la preferenza agli interventi di ingegneria naturalistica sia come soluzione quasi obbligata trattandosi di una zona ad alto valore ambientale, sia per i costi inferiori rispetto alla realizzazione di opere tradizionali in calcestruzzo. COMUNE DI TASSAROLO - ALESSANDRIA 133

15 134 COMUNE DI TASSAROLO - ALESSANDRIA Sono state quindi realizzate: una palificata a parete doppia per la stabilizzazione di una frana lunga m. 40 con sezione m. 2,5 x 2,5; una sistemazione di alveo di un corso d acqua laterale al rio Campolasso, proveniente dalla frana, mediante una serie di brigliette a step-pool per una lunghezza di 40 m.; una soglia di fondo lunga 8 m. sul rio Campolasso, appena dopo la confluenza col corso sopra accennato, seguita da difese spondali costituite da scogliere in ciottoli sovrastate da palizzate contro sponda per una lunghezza di 30 m. su entrambi i lati; difese spondali immediatamente a monte dell attraversamento della strada della Valletta sul rio Campolasso, costituite da scogliere in ciottoli, sovrastate da palizzate contro sponda per una lunghezza di 30 m. su entrambi i lati; una palificata a parete doppia per la

16 stabilizzazione del movimento franoso in zona San Rocco di m. 15 con sezione m. 2,0 x 2,0. Successivamente agli interventi realizzati, si sono verificati fenomeni di forte piovosità ma non si sono riscontrati più i problemi di intasamento e trasporto solido lungo i corsi d acqua prossimi all abitato. Inoltre, a distanza di tre anni dal termine dei lavori, le opere realizzate, interamente in legname, pietrame e vegetali vivi, risultano completamente inserite nel paesaggio naturale, conferendo allo stesso elementi di maggior pregio. COMUNE DI TASSAROLO - ALESSANDRIA 135

17 136 COMUNE DI LESEGNO - CUNEO COMUNE DI LESEGNO (CN) Consolidamento del pendio a valle dell abitato della frazione Prata Il comune di Lesegno sorge alla confluenza del torrente Mongia con il torrente Corsaglia e si estende per un territorio di 14,38 kmq su un altitudine che varia da 422 a 601 m. s.l.m. La conformazione dell abitato è caratteristica poiché presenta due borghi distinti in Villa (capoluogo del Comune) e Prata, situati l uno di fronte all altro sui rilievi prospicienti la valle. I settori urbanizzati sono disposti a ridosso dei bordi dei terrazzi morfologici sopraelevati di alcune decine di metri (50-60) rispetto al fondovalle. Gli eventi alluvionali del novembre 1994 e le successive intense piogge del maggio 1999 e del maggio 2000, che hanno colpito il Piemonte, hanno evidenziato la fragilità, dal punto di vista idrogeologico, del territorio. A seguito di tali eventi atmosferici, nel territorio comunale sono stati eseguiti diversi interventi relativi alla regimazione delle acque meteoriche e dei corsi d acqua, al consolidamento di versanti in frana a valle del capoluogo e di dissesti in varie località del comune. Le costruzioni più antiche della frazione Prata sono situate sul terrazzo morfologico prospiciente il torrente Corsaglia. Negli anni 90, a seguito di una consistente frana che aveva colpito il tratto iniziale del pendio, con conseguente arretramento del ciglio della scarpata, era stata realizzata una scogliera a lato del torrente Corsaglia ed il riempimento dell area in frana con materiale inerte, al fine di evitare ulteriori scivolamenti

18 dovuti ad infiltrazioni sia delle acque meteoriche che del torrente. La stabilità del versante in corrispondenza dell abitato, già compromessa dagli eventi alluvionali del novembre 1994, è stata ulteriormente pregiudicata dalle intense piogge del maggio 1999 che hanno evidenziato il progressivo arretramento del ciglio della scarpata in prossimità dei fabbricati. A seguito di tali fenomeni atmosferici, mediante l impiego di un contributo regionale, il Comune aveva realizzato dei micropali, lungo i due tratti del versante più dissestati. Tali opere non sono risultate, comunque, sufficienti a garantire la stabilità dell intero versante, per cui si è COMUNE DI LESEGNO - CUNEO 137

19 138 COMUNE DI LESEGNO - CUNEO reso necessario intervenire lungo tutto il pendio, al fine di assicurare la protezione dell abitato. Le cause del dissesto del pendio sono state essenzialmente di due tipologie: erosione spondale e scivolamenti rotazionali. L erosione spondale del torrente Corsaglia, che lambisce il pendio a valle della frazione Prata, ha causato negli anni dissesti di crollo e arretramento del piede della scarpata, con conseguente verticalizzazione della stessa. Dall esame e confronto tra la documentazione cartografica e il rilievo dello stato di fatto è emerso che il torrente ha variato con il tempo il suo corso, accentuando l ansa in corrispondenza della frazione Prata e che l arretramento della base della scarpata è in alcuni punti di una decina di metri.

20 In concomitanza delle piogge di elevata intensità, che hanno caratterizzato gli eventi alluvionali del 1994 e del 1999, l imbibizione e la saturazione dei terreni superficiali hanno determinato dissesti lungo il versante, quali scivolamenti rotazionali con evoluzione a colata e colate di terra che si mobilitano con movimento fluido ed hanno un evoluzione paragonabile a quella delle valanghe di neve, il cui materiale in frana aumenta progressivamente di volume in quanto coinvolge i terreni superficiali sui quali si sviluppa il movimento. COMUNE DI LESEGNO - CUNEO 139

Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico

Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico AUTORITA' di BACINO del RENO Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico art.1 c. 1 L. 3.08.98 n.267 e s. m. i. I RISCHIO DA FRANA E ASSETTO DEI VERSANTI Zonizzazione Aree a Rischio SCHEDA N. 62 Località:

Dettagli

SAI Progetti s.r.l. GeoTer

SAI Progetti s.r.l. GeoTer SAI Progetti s.r.l. GeoTer ALCUNI DATI DEL BACINO Area del bacino = 2,31 Km 2 Quota massima = 1.100 m Quota sezione di chiusura (Cherio) = 301,5 m Lunghezza asta principale = 2.370 m CALCOLO DELLA PORTATA

Dettagli

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA 5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA Il Comprensorio PIAGGE SAN SALVATORE si estende a Sud del centro urbano della Città, lungo

Dettagli

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A... 2 3. MURO IN C.A... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A... 2 3. MURO IN C.A... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3 INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A.... 2 3. MURO IN C.A.... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3 1. INTRODUZIONE Il piano di manutenzione dell opera è il documento complementare

Dettagli

COMUNE DI LESEGNO - CUNEO

COMUNE DI LESEGNO - CUNEO 140 COMUNE DI LESEGNO - CUNEO Tali fenomeni hanno causato l arretramento della sommità della scarpata con conseguente pericolo per la stabilità dei fabbricati e degli abitanti. Pertanto, si è reso necessario

Dettagli

Manutenzione straordinaria del Torrente Salsero

Manutenzione straordinaria del Torrente Salsero PREMESSA Il presente progetto prende le mosse da un finanziamento per complessivi 367.021,00 necessario la manutenzione straordinaria del Rio Salsero e cofinanziato dalla Regione Toscana, Provincia di

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo.

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo. RELAZIONE TECNICA Il Comune di Predosa ha conferito incarico ai sottoscritti ing. Italo BRUNO con recapito in Novi Ligure Via Manzoni n. 14. per la redazione del progetto di Consolidamento ponte e difesa

Dettagli

EDILIZIA BIOECOLOGICA PER UNO SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE. Il recupero ambientale in ambito urbano: l ingegneria naturalistica:

EDILIZIA BIOECOLOGICA PER UNO SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE. Il recupero ambientale in ambito urbano: l ingegneria naturalistica: Il recupero ambientale in ambito urbano: l ingegneria naturalistica: L Ingegneria Naturalistica è una disciplina tecnica in grado di conciliare le esigenze antropiche di intervento sul territorio con quelle

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 BARRIERE PARAMASSI... 3 3 CONSOLIDATORI MONOANCORAGGIO... 4 4 GABBIONI... 6 5 MURI A SECCO... 7

1 PREMESSA... 2 2 BARRIERE PARAMASSI... 3 3 CONSOLIDATORI MONOANCORAGGIO... 4 4 GABBIONI... 6 5 MURI A SECCO... 7 1 PREMESSA... 2 2 BARRIERE PARAMASSI... 3 2.1 PRESTAZIONI... 3 2.2 CONTROLLI... 3 2.3 INTERVENTI DI MANUTENZIONE... 4 3 CONSOLIDATORI MONOANCORAGGIO... 4 3.1 PRESTAZIONI... 4 3.2 CONTROLLI... 4 3.3 INTERVENTI

Dettagli

Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA. Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli

Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA. Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli PROGETTO ESECUTIVO INTERVENTI CONSERVATIVI ED INTEGRATIVI ALLA BRENNERO E DEGLI INTERVENTI DI Anno 2003-2004 Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli

Dettagli

IG INGEGNERIA GEOTECNICA

IG INGEGNERIA GEOTECNICA INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO DELLA TORRE DI BARBARESCO (CN) E DEL SOTTOSTANTE COSTONE ROCCIOSO Attività professionali svolte e/o in corso: Progetto esecutivo delle opere di sostegno e di fondazione Località:

Dettagli

CASE HISTORY DRENAGGIO VIGNETI- IDROSAC-MONTALCINO (SIENA)

CASE HISTORY DRENAGGIO VIGNETI- IDROSAC-MONTALCINO (SIENA) CASE HISTORY DRENAGGIO VIGNETI- IDROSAC-MONTALCINO (SIENA) 1 - Descrizione dell intervento a difesa del suolo1 Lo scopo dell intervento è quello di realizzare un drenaggio a bassa profondità in trincea

Dettagli

Bozza - Dispense lezioni Infrastruttuure per il territoio agricolo e forestale AA 2007-2008 dott. G. Modica. Silvo-Pastorale

Bozza - Dispense lezioni Infrastruttuure per il territoio agricolo e forestale AA 2007-2008 dott. G. Modica. Silvo-Pastorale Viabilità Agro-Silvo Silvo-Pastorale Elementi specifici nella progettazione della viabilità agro-silvo silvo-pastorale 1 Allargamento della carreggiata in curva p: passo del veicolo; a: distanza tra l

Dettagli

DESCRIZIONE GENERALE INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO PREVISTI

DESCRIZIONE GENERALE INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO PREVISTI Servizio Lavori Pubblici U.O. Strade P.O.R. 2007-2013 Attività 2.4 "Realizzazione di interventi di mitigazione e di messa in sicurezza del territorio per la riduzione del rischio idraulico, di frana e

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

Indice. Premessa 11. 1.10.2 Permeabilità 37. 1.10.3 Trasmissività 40 1.11 La circolazione idrica nelle rocce 46 1.11.1 Gli acquiferi 48.

Indice. Premessa 11. 1.10.2 Permeabilità 37. 1.10.3 Trasmissività 40 1.11 La circolazione idrica nelle rocce 46 1.11.1 Gli acquiferi 48. Indice Indice Indice Premessa 11 1 Le acque sotterranee 13 1.1 Principali caratteristiche delle acque sotterranee 13 1.2 La circolazione idrica nelle terre sciolte 14 1.2.1 Gli acquiferi 14 1.2.2 Classificazione

Dettagli

Regione Piemonte. Provincia di Biella COMUNE DI CAMANDONA

Regione Piemonte. Provincia di Biella COMUNE DI CAMANDONA Regione Piemonte Provincia di Biella COMUNE DI CAMANDONA Regione Piemonte Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Asse IV Leader Programma di Sviluppo Locale DAL TESSILE AL TERRITORIO, LE SPECIFICITA TERRITORIALI

Dettagli

Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane

Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane Materiale tratto e adattato dalla presentazione di Massimiliano Bachis Protezione Civile Cesano Maderno Corso per Volontari Operativi Generici

Dettagli

2. Sistemazione movimento franoso loc. Rif. Rey/San Giusto: RELAZIONE SUL CONTO FINALE E CERTIFICATO DI REGOLARE ESECUZIONE (29 settembre 2008)

2. Sistemazione movimento franoso loc. Rif. Rey/San Giusto: RELAZIONE SUL CONTO FINALE E CERTIFICATO DI REGOLARE ESECUZIONE (29 settembre 2008) INDICE 1. Lavori di mitigazione dei fattori di rischio idrogeologico nel bacino del Rio San Giusto (Frana Rifugio Rey / Rio San Giusto) : RELAZIONE E CERTIFICATO DI COLLAUDO (13 aprile 2006) 2. Sistemazione

Dettagli

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO 4 RISCHIO IDROGEOLOGICO Premessa Il rischio è dovuto all interazione di una somma di elementi diversi ed è conseguenza di fenomeni associati all assetto geologico, idrogeologico-idraulico e situazioni

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA **** 1. PREMESSA Gli interventi previsti dal presente progetto sono inseriti nei finanziamenti di cui al Decreto del Presidente della Giunta Regionale n 2012 del 27/11/2012,

Dettagli

Localizzazione geografica. Anno 2003-2005. Committenti. Venezia. Importo Lavori 6.8 (milioni) Categoria Opere VII c

Localizzazione geografica. Anno 2003-2005. Committenti. Venezia. Importo Lavori 6.8 (milioni) Categoria Opere VII c Progetto Anno 2003-2005 Committenti Autorità Portuale Venezia Localizzazione geografica di Importo Lavori 6.8 (milioni) Categoria Opere VII c Attività Svolte PROGETTAZIONE GEOTECNICA Progettista Prof.

Dettagli

SCHEDA PER IL CENSIMENTO DELLE FRANE

SCHEDA PER IL CENSIMENTO DELLE FRANE SCHEDA PER IL CENSIMENTO DELLE FRANE 1 - DATI GENERALI N di riferimento (1) 001-Sv-d Data di compilazione 12/10/02 Rilevatore Tipo di rilevamento (2) Diretto Coordinate Gauss-Boaga da CTR Latitudine 1478867.53

Dettagli

HAZARD pericolosità. Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio e di Scienze della Terra

HAZARD pericolosità. Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio e di Scienze della Terra HAZARD pericolosità Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio e di Scienze della Terra Aspetti principali Alla luce di quanto detto l aspetto classificato come Riduzione del rischio fa parte

Dettagli

INDICE PREMESSA... 2 OPERE DI CAPTAZIONE E REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 8 OPERE DI RIPRISTINO DEL TERRENO E SISTEMAZIONE A VERDE...

INDICE PREMESSA... 2 OPERE DI CAPTAZIONE E REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 8 OPERE DI RIPRISTINO DEL TERRENO E SISTEMAZIONE A VERDE... 1 INDICE PREMESSA... 2 ELEMENTI DEL PIANO DI MANUTENZIONE... 3 PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA... 3 MANUALE D USO... 3 MANUALE DI MANUTENZIONE... 3 PROGRAMA DI MANUTENZIONE... 3 CORPI D OPERA PREVISTI

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 RELAZIONE TECNICA... 5. Consolidamento della strada comunale del Canalicchio

SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 RELAZIONE TECNICA... 5. Consolidamento della strada comunale del Canalicchio SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 RELAZIONE TECNICA... 5 2.1 INTERVENTI DI PROGETTO... 5 2.2 GESTIONE DELLE INTERFERENZE... 7 Progetto esecutivo 1 1 PREMESSA L Amministrazione Comunale di Montalcino, con l obiettivo

Dettagli

INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1

INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1 4 PIANO STRALCIO PER L'ASSETTO IDROGEOLOGICO... 2 4.1 NODO VALLONE CERNICCHIARA/RAFASTIA...

Dettagli

Bio tecniche: opere in legname per il consolidamento e il sostegno dei versanti e per il controllo dell assetto dei corsi d acqua

Bio tecniche: opere in legname per il consolidamento e il sostegno dei versanti e per il controllo dell assetto dei corsi d acqua Verificadellastabilitàdiopereinlegname Capitolo3 Capitolo3: Biotecniche:opereinlegnameperilconsolidamentoeilsostegno deiversantieperilcontrollodell assettodeicorsid acqua 3.1Palificatedisostegno Tali opere

Dettagli

Parti simili. Noli escavatore cingolato per demolizione h 0,060 0,060 99,240 5,95

Parti simili. Noli escavatore cingolato per demolizione h 0,060 0,060 99,240 5,95 AP01 Disfacimento di vecchi gabbioni e materassi metallici con pietrame, danneggiati o dissestati o crollati in alveo, di qualsiasi forma e dimensione, compreso la movimentazione nell ambito del cantiere,

Dettagli

Dr ENRICO MARVELLI. IPERWOOD S.r.l. Work Shop

Dr ENRICO MARVELLI. IPERWOOD S.r.l. Work Shop DIFESE DI SPONDA E REGIMAZIONI IDRAULICHE NELL OTTICA DELLA TUTELA E DELLA RIQULIFICAZIONE AMBIENTALE ATTRAVERSO L UTILIZZO DI ESSENZE LIGNEE DUREVOLI. ALCUNI ESEMPI. Dr ENRICO MARVELLI IPERWOOD S.r.l.

Dettagli

Bureau d études TSE3 Gruppo di progetto TSE3 BG-AMBERG LOMBARDI-ARCADIS-TECNIMONT-STUDIO QUARANTA-SEA CONSULTING-ITALFERR-INEXIA-SYSTRA

Bureau d études TSE3 Gruppo di progetto TSE3 BG-AMBERG LOMBARDI-ARCADIS-TECNIMONT-STUDIO QUARANTA-SEA CONSULTING-ITALFERR-INEXIA-SYSTRA SOMMAIRE INDICE RESUME / RIASSUNTO 3 1. INTRODUZIONE 4 2. CARRIÈRE DU PARADIS 4 2.1 DESCRIZIONE 4 2.2 TRASPORTO DEI MATERIALI A DEPOSITO 4 2.3 MODALITÀ DI POSA A DEPOSITO 4 2.4 OPERE IDRAULICHE 4 3. SITO

Dettagli

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento La Relazione Geologica è allegata al presente progetto ed il suo contenuto ha approfondito le notizie generali di carattere geologico,

Dettagli

SISTEMAZIONI IDRAULICO - FORESTALI. LAVORO ESEGUITO DA: Colombo G. Conte S. Cozzani L. Negri S. Negri V. Santonastaso M. Vivenzi P.

SISTEMAZIONI IDRAULICO - FORESTALI. LAVORO ESEGUITO DA: Colombo G. Conte S. Cozzani L. Negri S. Negri V. Santonastaso M. Vivenzi P. SISTEMAZIONI IDRAULICO - FORESTALI LAVORO ESEGUITO DA: Colombo G. Conte S. Cozzani L. Negri S. Negri V. Santonastaso M. Vivenzi P. Il termine SIF, è relativo ad un insieme di basi scientifiche e applicazioni

Dettagli

CRITERI DI INTERVENTO SCHEDA 1 SCHEDA 2

CRITERI DI INTERVENTO SCHEDA 1 SCHEDA 2 CRITERI DI INTERVENTO SCHEDA 1 SCHEDA 2 CRITERI E OBIETTIVI DI INTERVENTO VV Manutenzione ordinaria del sistema viario minore (piste, sentieri, ) L obiettivo dell intervento VV è quello di migliorare l

Dettagli

COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8

COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8 COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8 1. UBICAZIONE TOPOGRAFICA L Area AP 8 è sita in località Monticelli, a monte dell Ospedale Mazzoni e della zona edificata di via delle

Dettagli

Gabbioni e Gabbioni drenanti

Gabbioni e Gabbioni drenanti 1 Gabbioni e Gabbioni drenanti Utilizzo dei Gabbioni Come vengono utilizzati oggi I gabbioni: In edilizia per la costruzione di muri di recinzione, complessi residenziali, industrie, muri di sostegno,

Dettagli

MONITORAGGIO DELLE OPERE E PROGRAMMA DI MANUTENZIONE

MONITORAGGIO DELLE OPERE E PROGRAMMA DI MANUTENZIONE MONITORAGGIO DELLE OPERE E PROGRAMMA DI MANUTENZIONE Ad integrazione del Piano di Manutenzione (All.C7) del Progetto Esecutivo, si produce la presente relazione ai fini delle prescrizioni vigenti nelle

Dettagli

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni Il rischio idraulico Giuseppe Simoni Servizio Tecnico Bacino Reno REGIONE EMILIA-ROMAGNA Il rischio da eventi naturali CONCETTI FONDAMENTALI 1) Il RISCHIO è il prodotto di più fattori : - PERICOLOSITA

Dettagli

Locarno, 8 marzo 2012. Al Consiglio Comunale. L o c a r n o

Locarno, 8 marzo 2012. Al Consiglio Comunale. L o c a r n o M.M. no. 90 concernente la richiesta di un credito di Fr. 25'000.00 per lavori di consolidamento delle scarpate e delle opere murarie a secco del terreno al mappale 049 RFD Locarno, quale il vigneto a

Dettagli

FRANA SULLA STRADA PROVINCIALE N. 24 SCILLATO-CALTAVUTURO

FRANA SULLA STRADA PROVINCIALE N. 24 SCILLATO-CALTAVUTURO REGIONE SICILIANA ASSESSORATO INDUSTRIA CORPO REGIONALE DELLE MINIERE SERVIZIO GEOLOGICO E GEOFISICO FRANA SULLA STRADA PROVINCIALE N. 24 SCILLATO-CALTAVUTURO Dr. Geol. Daniela Alario - Dr. Geol. Ambrogio

Dettagli

INDICE. 1 - Premessa...2. 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3. 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4

INDICE. 1 - Premessa...2. 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3. 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4 1 INDICE 1 - Premessa...2 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4 4 - Studio idraulico dei tratti interessati...6 4.1 - Tratto 1: a monte dell

Dettagli

Per frana si intende il movimento di una massa di terreno, roccia o detrito lungo un versante sotto l azione predominante della gravità.

Per frana si intende il movimento di una massa di terreno, roccia o detrito lungo un versante sotto l azione predominante della gravità. Sono 236 i comuni marchigiani a rischio frane o alluvioni, ossia il 99% del totale. Il nostro territorio è talmente fragile che bastano ormai semplici temporali, per quanto intensi, per provocare, nel

Dettagli

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER:

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER: Legge Forestale della Toscana n. 39/2/R del 5/9/2001 - Regolamento di La L.R.T. n.1/2003, di modifica ed integrazione della L.R.T.39/2000 Legge forestale della Toscana ha attribuito ai Comuni il rilascio

Dettagli

INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 "VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO"

INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 "VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO" LAVORI: Intervento n. 36: adeguamento idraulico attraversamenti Rio Galli, copertura ial km 0+000, ponticello

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

2 STATO ATTUALE E LINEE GUIDA DI INTERVENTO

2 STATO ATTUALE E LINEE GUIDA DI INTERVENTO 1 PREMESSA La A.S.P. San Domenico (altrimenti nota come Casa di Riposo San Domenico) intende procedere alla sistemazione della aree esterne dello stesso Istituto al fine di ricavarvi la strada interna

Dettagli

Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone

Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone INDAGINI GEOLOGICHE INTEGRATIVE A cura di Diego TALOZZI Geologo e Ingegnere libero professionista. Gennaio 2009 1 INDAGINI

Dettagli

COMPATIBILITÀ IDROGEOLOGICA E IDRAULICA

COMPATIBILITÀ IDROGEOLOGICA E IDRAULICA COMUNE DI MONDOVÌ Progetto dei lavori di adeguamento e potenziamento dell impianto di depurazione acque reflue del Comune di Mondovì località Longana analisi di compatibilità idraulica e idrogeologica

Dettagli

Dighe di competenza regionale Interventi di riabilitazione e messa in sicurezza

Dighe di competenza regionale Interventi di riabilitazione e messa in sicurezza ENEL Produzione Sicurezza Dighe e Opere Idrauliche Nord Ovest Dighe di competenza regionale Interventi di riabilitazione e messa in sicurezza Relatore: Giovanna de Renzis Enel Produzione - ICI-SDOI Nord-Ovest

Dettagli

Relazione tecnico-illustrativa

Relazione tecnico-illustrativa Relazione tecnico-illustrativa Premessa Gli interventi in progetto sono finalizzati a consolidare il tratto terminale della Valle dei Flaccadori, per circa 250 m, al fine di migliorarne la funzionalità

Dettagli

VICENZA. Altissimo. Frana in più comuni. ex Cod. PAI. Nome. Autorità di bacino nazionale del Fiume Adige -Aree in dissesto da versante- VARIANTE

VICENZA. Altissimo. Frana in più comuni. ex Cod. PAI. Nome. Autorità di bacino nazionale del Fiume Adige -Aree in dissesto da versante- VARIANTE - 572 - Nome Cod. IFFI ex Cod. PAI P1 P2 P3 P4 Frana in più comuni VICENZA Altissimo Toldo 240149200 Nuova Autorità di bacino nazionale del Fiume Adige -Aree in dissesto da versante- VARIANTE - 573 - -

Dettagli

UTILIZZO DI STRUTTURE DI SOSTEGNO IN GABBIONI NELLE OPERE DI CONSOLIDAMENTO DEI TERRENI E NELL INGEGNERIA NATURALISTICA:

UTILIZZO DI STRUTTURE DI SOSTEGNO IN GABBIONI NELLE OPERE DI CONSOLIDAMENTO DEI TERRENI E NELL INGEGNERIA NATURALISTICA: UTILIZZO DI STRUTTURE DI SOSTEGNO IN GABBIONI NELLE OPERE DI CONSOLIDAMENTO DEI TERRENI E NELL INGEGNERIA NATURALISTICA: CARATTERISTICHE CAMPI DI APPLICAZIONE POTENZIALITA Dott. Geol. Massimo Salmi Ufficio

Dettagli

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA GREEN ENERGY S.r.l. Vicolo del Divino Amore n 2/C, 00047 Marino (RM) IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA Comune di Acquapendente (VT) DOMANDA DI CONCESSIONE DI DERIVAZIONE Ai sensi

Dettagli

Il Manuale si articola in: - Manuale d uso - Manuale di manutenzione - Programma di Manutenzione

Il Manuale si articola in: - Manuale d uso - Manuale di manutenzione - Programma di Manutenzione Premessa Con la normativa vigente in materia di Lavori Pubblici viene riconosciuta l importanza della conservazione della qualità edilizia nel tempo, attraverso l introduzione del piano di manutenzione

Dettagli

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO SECONDA SESSIONE 2012 PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 Aspetti geologici, minero-petrografici e normativi relativi alle attività

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 03//04 COMUNE DI FABRIANO PIAZZA DEL COMUNE - FABRIANO (AN) LAVORI - Piani di Recupero Centro Storico-Borgo - studio di fattibilità - modifiche apportate dopo incontro del 07-0-2004 00 - Sistemazione torrente

Dettagli

2.1 Generalità. 2.2 Uso del suolo. 2.3 Caratteri ambientali

2.1 Generalità. 2.2 Uso del suolo. 2.3 Caratteri ambientali INDICE 1.PREMESSE...3 2.CRITERI DI ANALISI E DI PROGETTAZIONE...4 2.1 Generalità...4 2.2Uso del suolo... 4 2.3Caratteri ambientali... 4 2.4Caratteri geomorfologici del versante e descrizione del dissesto...5

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO Settore Viabilità e Grandi Infrastrutture PIANO DI MANUTENZIONE

PROVINCIA DI LECCO Settore Viabilità e Grandi Infrastrutture PIANO DI MANUTENZIONE Generalità Il presente documento viene redatto con lo specifico scopo di programmare gli interventi di manutenzione, di carattere ordinario, da attuare successivamente alla realizzazione delle opere previste

Dettagli

www.raccoltaacquapiovana.it

www.raccoltaacquapiovana.it DRENAGGIO IL DRENAGGIO Drenaggio è un termine tecnico derivato dal verbo inglese to drain prosciugare. Il drenaggio sottosuperficiale o drenaggio, in idraulica agraria, è il complesso dei sistemi naturali

Dettagli

COMUNITA MONTANA VALLI GRANA E MAIRA

COMUNITA MONTANA VALLI GRANA E MAIRA REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI ACCEGLIO E CANOSIO COMUNITA MONTANA VALLI GRANA E MAIRA LAVORI DI REALIZZAZIONE DI OPERE DI MANUTENZIONE IDRAULICO-FORESTALE E DI TUTELA DELLE RISORSE IDRICHE

Dettagli

ALLEGATO I Flussi documentali

ALLEGATO I Flussi documentali ALLEGATI 1 ALLEGATO I Flussi documentali INTERVENTI SOGGETTI A PERMESSO A COSTRUIRE e DICHIARAZIONE DI VINCOLO IDROGEOLOGICO La Richiesta di Permesso a costruire all Edilizia Privata munita di ricevuta

Dettagli

B.3: Opere di sostegno

B.3: Opere di sostegno B.3: Opere di sostegno Queste tipologie di opere riguardano il consolidamento e la stabilizzazione dei versanti attraverso opere di sostegno dei terreni. La scelta della tipologia da utilizzarsi nei singoli

Dettagli

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Come previsto dalle norme tecniche del Piano stralcio (autorità Bacini Romagnoli) l area è soggetta al rispetto del principio di invarianza

Dettagli

Regione Abruzzo. - Provincia di L Aquila -

Regione Abruzzo. - Provincia di L Aquila - Regione Abruzzo Comune di ROCCARASO - Provincia di L Aquila - OGGETTO: SISTEMAZIONE ED ADEGUAMENTO AREA DA ADIBIRE A CENTRO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI AI SENSI DEL D.M. 08-04-2008 E S.M.I. -

Dettagli

la bonifica definitiva del sito valanghivo.

la bonifica definitiva del sito valanghivo. Le opere di difesa dalle valanghe realizzate dalla Regione del Veneto: TIPOLOGIA - EFFICACIA - STATO DI CONSERVAZIONE dr Francesco SOMMAVILLA 1 Nell'ambito delle specifiche attività del Servizio Neve e

Dettagli

Il Consorzio di Bonifica delle Marche

Il Consorzio di Bonifica delle Marche Il Consorzio di Bonifica delle Marche CONSORZIO DI BONIFICA DELLE MARCHE Caratteri generali Costituito e regolato dalla L.R. 17 giugno 2013 n. 13, di «riordino degli interventi in materia di bonifica e

Dettagli

UTILIZZO DI SOLUZIONI TECNICHE A DOPPIA TORSIONE NEL CAMPO DELLA PROTEZIONE E CONSOLIDAMENTO IDRAULICO:

UTILIZZO DI SOLUZIONI TECNICHE A DOPPIA TORSIONE NEL CAMPO DELLA PROTEZIONE E CONSOLIDAMENTO IDRAULICO: UTILIZZO DI SOLUZIONI TECNICHE A DOPPIA TORSIONE NEL CAMPO DELLA PROTEZIONE E CONSOLIDAMENTO IDRAULICO: CARATTERISTICHE CAMPI DI APPLICAZIONE POTENZIALITA Dott. Geol. Massimo Salmi Ufficio Tecnico Borghi

Dettagli

LINEA MURI DI CONTENIMENTO

LINEA MURI DI CONTENIMENTO LINEA MURI DI CONTENIMENTO Costruisce il futuro Sistemi di contenimento dei pendii - Tipologie: I muri ottenuti tramite la posa in opera dei blocchi di contenimento della MA.CE.VI. in condizioni di : -

Dettagli

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 Pagina 1 di 7 1.PREMESSE La presente relazione illustra i lavori previsti nel progetto definitivo per la Ristrutturazione

Dettagli

PROVINCIA DI VARESE 81

PROVINCIA DI VARESE 81 80 PROVINCIA DI VARESE più a rischio infiltrazione costituita dall innesto del muro nell argine. I diaframmi, dello spessore di 0,50 m. e della profondità di 4,0 m. dal piano campagna, sono realizzati

Dettagli

Progetto Ex HOTEL EUROPA MARINA DI AURISINA LOC. LE GINESTRE DUINO AURISINA (TS)

Progetto Ex HOTEL EUROPA MARINA DI AURISINA LOC. LE GINESTRE DUINO AURISINA (TS) Anno 2008-2009 Importo Lavori 2 500 000,00 euro Categoria Opere IX c Consulente Prof. Ing. F.Colleselli DESCRIZIONE: Committente: Impresa Monti Attività Svolte CONSULENZA E PROGETTAZIONE GEOTECNICA Collaboratori

Dettagli

Gabbionata in rete metallica zincata rinverdita 31

Gabbionata in rete metallica zincata rinverdita 31 SINONIMI Descrizione sintetica Gabbie in rete metallica zincata a doppia torsione e maglia esagonale, riempite in loco con pietrisco di pezzatura minima 15 cm, disposti a file parallele sovrapposte. Talee

Dettagli

RICOSTRUZIONE DEL NUOVO PONTE IN LOCALITA' BERTENGA NEL COMUNE DI TORRE PELLICE

RICOSTRUZIONE DEL NUOVO PONTE IN LOCALITA' BERTENGA NEL COMUNE DI TORRE PELLICE COMUNE D TORRE PELLCE Area Territorio, Trasporti e Protezione Civile SERVZO NFRASTRUTTURE E ASSSTENZA TECNCA ENT LOCAL RCOSTRUZONE DEL NUOVO PONTE N LOCALTA' BERTENGA NEL COMUNE D TORRE PELLCE l Comune

Dettagli

MANUALE DI MANUTENZIONE

MANUALE DI MANUTENZIONE Comune di Lavello Provincia di Potenza PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE DI MANUTENZIONE (Articolo 38 D.P.R. 207/10) OGGETTO: Lavori di consolidamento a valle del fabbricato della Protezione Civile COMMITTENTE:

Dettagli

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO STUDIO DI GEOLOGIA ASSOCIATO -------------------------------------------------------------------------------------- oggetto: relazione geologico-tecnica per il progetto di consolidamento della Rupe di

Dettagli

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE Premesse La rete per l evacuazione delle acque meteoriche dal corpo stradale, viene progettata in maniera da captare la totalità delle acque piovane

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO (PROVINCIA DI MODENA) 41026 Pavullo n/f. - Piazza R. Montecuccoli, 1 AREA SERVIZI TECNICI - SERVIZIO LAVORI PUBBLICI Tel. 0536/29932 - Fax. 0536/324307 OGGETTO D.L. 1010/48

Dettagli

PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO

PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO Prot. n. 5991 del 29 Novembre 2001 Oggetto : Servizio autorizzativo al cittadino: Linee guida per progetti riguardanti la viabilità montana e rurale Al Presidente della COMUNITA' DEL PARCO VALLO DELLA

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE. P01. Recupero del versante franoso del percorso ciclopedonale sotto le mura Comune di Penna in Teverina (TR)

PIANO DI MANUTENZIONE. P01. Recupero del versante franoso del percorso ciclopedonale sotto le mura Comune di Penna in Teverina (TR) PIANO DI MANUTENZIONE P01. Recupero del versante franoso del percorso ciclopedonale sotto le mura Comune di Penna in Teverina (TR) 1 SOMMARIO PIANO DI MANUTENZIONE... 1 MANUALE D'USO... 3 Gabbionate...

Dettagli

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento...

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento... INDICE 0 SOMMARIO... 2 FINALITÀ DELL'INTERVENTO E SCELTA DELLE ALTERNATIVE PROGETTUALI:... 3. Descrizione delle motivazioni giustificative della necessità dell'intervento e delle finalità che si prefigge

Dettagli

ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE

ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE Atlantis produce una serie di prodotti geosintetici in polipropilene (PP) pressofuso ad alta resistenza, anche rivestiti con geotessile, che trovano applicazione

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Premessa Il presente progetto esecutivo è relativo alla realizzazione del secondo lotto delle opere di protezione spondale del Torrente Armea, in Comune di Sanremo (IM), nel tratto

Dettagli

TERRE RINFORZATE INGEGNERIA NATURALISTICA IDROSEMINA PARAVALANGHE PARAMASSI BARRIERE STRADALI DI SICUREZZA TUBAZIONI

TERRE RINFORZATE INGEGNERIA NATURALISTICA IDROSEMINA PARAVALANGHE PARAMASSI BARRIERE STRADALI DI SICUREZZA TUBAZIONI SICUREZZA AMBIENTE TERRE RINFORZATE INGEGNERIA NATURALISTICA IDROSEMINA PARAVALANGHE PARAMASSI BARRIERE STRADALI DI SICUREZZA TUBAZIONI / /////// ///// www.altaquotasrl.it LAVORIAMO PER L UOMO CON LA

Dettagli

SOMMARIO. 1. OPERA DI PRESA...2 1.1 Breve descrizione dell'opera...2 1.2 Mappali interessati e vincoli ablativi richiesti...2

SOMMARIO. 1. OPERA DI PRESA...2 1.1 Breve descrizione dell'opera...2 1.2 Mappali interessati e vincoli ablativi richiesti...2 SOMMARIO 1. OPERA DI PRESA...2 1.1 Breve descrizione dell'opera...2 1.2 Mappali interessati e vincoli ablativi richiesti...2 2. CONDOTTA FORZATA...3 2.1 Percorso della condotta forzata...3 2.2 Mappali

Dettagli

MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207)

MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) Comune di Marineo Provincia di Palermo PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) OGGETTO: Lavori di completamento ed adeguamento degli impianti sportivi siti nel

Dettagli

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Insieme integrato di opere idrauliche atte a raccogliere, convogliare e allontanare dalle zone urbanizzate le acque reflue domestiche ed industriali,

Dettagli

QUADERNO DELLE OPER TIPO

QUADERNO DELLE OPER TIPO REGIONE CAMPANIA AUTORITA DI BACINO REGIONALE DESTRA SELE PROGETTO DI VARIANTE AGGIORNAMENTO DEL VIGENTE PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO PROGETTO DI PIANO PER L ASSETTO IDRO-GEOLOGICO QUADERNO

Dettagli

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione...

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... Sommario 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... 4 Pagina 1 di 6 1. Premessa Il recupero funzionale della conca di navigazione

Dettagli

ALL.9 - ANALISI PREZZI

ALL.9 - ANALISI PREZZI AP_01 muro rivestito prefabbricato c.re MURO DI SOSTEGNO IN C.A. voce a misura MURO DI SOSTEGNO IN C.A. Realizzato con Pannelli PREFABBRICATI rivestiti con pietra di vario genere. Possono essere realizzate

Dettagli

Risanamento dell'organismo Strutturale della Strada Alzaia del Naviglio Martesana a Vaprio D'Adda Relazione Tecnica

Risanamento dell'organismo Strutturale della Strada Alzaia del Naviglio Martesana a Vaprio D'Adda Relazione Tecnica Risanamento dell'organismo Strutturale della Strada Alzaia del Naviglio Martesana a Vaprio D'Adda Relazione Tecnica L intervento in progetto si compone delle seguenti opere: 1. Realizzazione di una pista

Dettagli

La riqualificazione idrogeologica dei fontanili nell area milanese

La riqualificazione idrogeologica dei fontanili nell area milanese La riqualificazione idrogeologica dei fontanili nell area milanese Candidato: Cirone Gianpaolo (777261) Relatore: Prof. Bischetti Gian Battista Correlatore: Prof. Lassini Paolo Tutor: Dott. Besozzi Marco

Dettagli

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati.

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati. 7. Pali UNITÀ I pali sono elementi strutturali utilizzati nelle opere di fondazione, nelle opere di contenimento della terra e dell acqua, negli interventi di miglioramento della stabilità dei pendii e

Dettagli

QUADRO ECONOMICO 53.927,88 112.412,73 A.II TOTALE ONERI SICUREZZA NON SOGGETTI A RIBASSO

QUADRO ECONOMICO 53.927,88 112.412,73 A.II TOTALE ONERI SICUREZZA NON SOGGETTI A RIBASSO QUADRO ECONOMICO A-LAVORI A.I TOTALE IMPORTO LAVORI + SICUREZZA 4.825.078,93 Di cui oneri diretti della sicurezza (All. al computo sommario della spesa) Di cui oneri speciali della sicurezza (All. al computo

Dettagli

DISMISSIONE DELL IMPIANTO

DISMISSIONE DELL IMPIANTO PREMESSA Nell ambito del progetto dell impianto fotovoltaico da 2,5 MWp da realizzare in località Ottaduna nella tipologia di installazione a campo solare, il seguente studio ha per oggetto il progetto

Dettagli

Mitigazione del rischio frana

Mitigazione del rischio frana Mitigazione del rischio frana Interventi sul versante. Il percorso del progetto Relazione geologica Analisi e descrizione del fenomeno di instabilità Studio delle cause e del meccanismo franoso Relazione

Dettagli

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof 1 Localizzazione ecografica: Localizzazione catastale: Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof Foglio 43 Mappali 63, 65, 67, 71, 73, 75, 114. Foglio 44 Mappali 23, 24, 25, 59, 62. Foglio 45 Mappali

Dettagli

La forma dei corsi d acqua

La forma dei corsi d acqua La forma dei corsi d acqua L acqua in movimento è in grado di trasportare corpi solidi anche di grosse dimensioni e di elevato peso specifico. All aumentare della velocità di scorrimento aumenta anche

Dettagli

Piano generale di utilizzazione delle acque pubbliche

Piano generale di utilizzazione delle acque pubbliche D: Opere speciali Nelle opere speciali rientrano tutte quelle tipologie di opere che non appartengono specificatamente a categorie di intervento quali sistemazioni d alveo o di versante. Sono particolari

Dettagli

A) RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

A) RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA A) RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSE Nell ambito della programmazione all art. 31 della L.183/89 e dell art. 9 della L. 253/90 il Ministero delle LL.PP. assegnava alla Regione dell Umbria la somma

Dettagli