Biorisanamento di terreni contaminati da idrocarburi con addizione di substrati organici di poco pregio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Biorisanamento di terreni contaminati da idrocarburi con addizione di substrati organici di poco pregio"

Transcript

1 AMBIENTE. Biorisanamento di terreni contaminati da idrocarburi con addizione di substrati organici di poco pregio INFORMAZIONE 107 I RISULTATI MIGLIORI OTTENUTI CON L UTILIZZO DI SANSA E STABILIZZATO DA RIFIUTI URBANI 1. INTRODUZIONE Fino a relativamente pochi anni fa, nel descrivere i possibili trattamenti di risanamento dei terreni contaminati, i processi biologici venivano citati solo marginalmente, come tecnologie adatte a pochi casi particolari. Oggi, per alcuni tipi di contaminazione e grazie alla possibilità di ottenere un terreno biologicamente vivo (quindi di più facile riutilizzo, in linea con quanto previsto dalla vigente normativa) in tempi accettabili e con costi sensibilmente inferiori rispetto a quelli necessari per l applicazione di altre tecniche, è nato un considerevole interesse nei confronti della loro applicazione. Con il termine biorisanamento (bioremediation) si indica genericamente l insieme dei processi che tendono a rimuovere gli inquinanti per mezzo di processi degradativi promossi da organismi microbici. Molteplici fattori ambientali possono condizionare l efficacia di tali processi, e la bioremediation si propone appunto di ottimizzarli al fine di ottenere la più rapida e completa trasformazione dell inquinante in prodotti di natura più semplice e non pericolosi. Il potenziale successo di tali metodi risiede nella loro relativa semplicità; anche nel caso dei trattamenti on/off site, che comportano la rimozione del terreno dalla sua sede originaria, la degradazione infatti può avvenire in speciali reattori mobili, ai fini di un miglior controllo del processo, ma i microrganismi che la effettuano possono essere gli stessi autoctoni del terreno ai quali viene consentito di operare in condizioni ottimali. Anche se con la bioremediation possono essere teoricamente rimosse dal terreno numerose sostanze biodegradabili, le esperienze effettuate in Europa si stanno progressivamente concentrando sul recupero di siti contaminati da idrocarburi, provenienti, ad esempio, da perdite di oleodotti o da sversamenti accidentali da stazioni di servizio. In Germania negli ultimi anni la tecnica è stata applicata con un certo successo a molti casi di risanamento del terreno circostante le stazioni di servizio, i cui serbatoi di accumulo perdevano sistematicamente dopo un certo numero di anni di esercizio. Le tecniche di trattamento microbiologico, sia off-site che in situ, hanno, come detto, lo scopo di creare un ambiente favorevole allo sviluppo di batteri capaci di degradare i contaminanti, in modo concettualmente analogo a quello praticato nella depurazione biologica di liquami e nel compostaggio dei rifiuti solidi. Per i trattamenti in situ è essenziale che tali popolazioni batteriche siano autoctone del terreno da decontaminare, non essendo in tali casi opportuno o, come in Italia, essendo proibito ricorrere a microrganismi geneticamente modificati (MGM). GLI AUTORI. Il prof. Aldo Muntoni è docente di Bonifica dei siti contaminati e di Impianti di trattamento dei rifiuti solidi presso la Facoltà di Ingegneria dell Università di Cagliari telefono: L'ing. Giorgia De Gioannis è ricercatrice a contratto presso la Facoltà di Ingegneria dell Università di Cagliari. telefono: In quest ottica, e per far sì che la degradazione del contaminante avvenga in modo il più possibile completo e veloce, è necessario ottimizzare le condizioni nelle quali operano i batteri, essenzialmente aggiungendo nutrienti ed ossigeno, controllando il ph, l umidità e la temperatura. Nel suolo, infatti, sono già presenti microrganismi in grado di degradare i contaminanti, ma non potendo operare in condizioni ottimali o, addirittura, dovendo far fronte all azione di fattori inibenti (temperatura bassa, ph acido, carenza di ossigeno, presenza di sostanze tossiche, assenza di nutrienti, contenuto insufficiente di acqua), i tempi richiesti per questa degradazione spontanea sono incompatibili con le esigenze di risanamento. Una delle tecniche attualmente allo studio per l ottimizzazione delle condizioni operative dei batteri è quella che consiste nella addizione al terreno contaminato, in-situ od offsite, di un substrato organico biodegradabile (Hupe et al., 1996). La miscelazione del terreno contaminato con un adatto substrato organico può portare i seguenti vantaggi: facilitare l acclimatazione e lo sviluppo della biomassa in virtù della disponibilità di un substrato più facilmente biodegradabile del contaminante; fornire al terreno una popolazione batterica già acclimatata e nutrienti (azoto, fosforo ecc.); migliorare le caratteristiche strutturali del terreno, come ad esempio la porosità e, quindi, la circolazione di ossigeno, la capacità di campo e, quindi, il contenuto di acqua; tamponare condizioni di acidità. pagina 5

2 INFORMAZIONE 107 Ovviamente non è detto che tutti questi miglioramenti siano conseguibili con l addizione di un unico substrato. Il basso costo e la facile reperibilità sono caratteristiche sicuramente essenziali per ogni materiale candidabile a questo tipo di impiego, in considerazione del fatto che la relativa semplicità ed economicità dell intervento è in genere condizione basilare per la sua fattibilità. 2. OBIETTIVI Ambiente contenuto di azoto totale; contenuto di metalli pesanti; distribuzione granulometrica. Nelle tabelle 1 e 2 sono riportati i risultati ottenuti dalle analisi di caratterizzazione del terreno. Tabella 1 Caratterizzazione del terreno utilizzato per la sperimentazione Sulla base di quanto detto sopra, presso il Dipartimento di Geoingegneria e Tecnologie Ambientali dell Università degli studi di Cagliari è in corso un programma di ricerca nel cui ambito si colloca anche la sperimentazione della quale vengono presentati i risultati in questa memoria. Il programma generale ha lo scopo di sviluppare tecniche semplici ed affidabili in-situ ed off-site per l applicazione di processi biologici per il recupero di siti contaminati. Nello specifico della ricerca in oggetto, l obiettivo era rappresentato dalla verifica degli effetti positivi della aggiunta di substrati biodegradabili di scarso pregio e di facile reperibilità sulla degradazione di gasolio per autotrazione sversato su un terreno. 3. MATERIALI UTILIZZATI Di seguito sono riportate le caratteristiche dei materiali utilizzati durante la sperimentazione. Come substrati sono stati testati rifiuti solidi urbani stabilizzati biologicamente, sansa ed acque di vegetazione (questi ultimi rispettivamente i residui solidi e liquidi derivanti dal processo produttivo dell olio d oliva). Tutti i substrati considerati sono caratterizzati dall essere materiali di scarto e facilmente reperibili; la facile reperibilità di sansa ed acque di vegetazione è ovviamente limitata ai paesi dell area mediterranea produttori di olio d oliva (Italia, Spagna, Grecia ecc.). 3.1 Terreno Il terreno utilizzato proviene dall area degli impianti petrolchimici ubicati presso Sarroch (Cagliari). Al fine di ottenere un terreno il più omogeneo possibile e poiché, causa dell elevata superficie specifica, si è riscontrato che il gasolio, come in generale tutti i contaminanti, tende a concentrarsi preferenzialmente nelle frazioni granulometriche minori di 2 mm (fra gli altri Cookson, 1995), quest ultima frazione è stata separata mediante vagliatura ed utilizzata per costituire i campioni per la sperimentazione. La frazione minore di 2 mm è stata quindi contaminata artificialmente con del gasolio. Poiché la velocità di biodegradazione degli inquinanti presenti nel terreno è notevolmente influenzata dalle condizioni e dalle caratteristiche chimico-fisiche del suolo, sono state preliminarmente determinate le seguenti caratteristiche del medesimo: umidità; contenuto di solidi volatili; capacità di campo; ph; contenuto di fosforo totale; suolo caratteristiche umidità (% in peso) 6,84 solidi volatili (% in peso) 2,90 capacità di campo (% in peso) 41,35 ph 7,59 fosforo totale (mg/kg) 8,5 azoto totale (mg/kg) 397,6 Tabella 2 Contenuto di metalli pesanti nel terreno utilizzato per la sperimentazione metalli pesanti Zn Pb Cd Cu Cr Hg (mg/kg) < < Gasolio Il gasolio utilizzato è del tipo per autotrazione, facilmente reperibile in qualunque stazione di servizio. Si tratta, come noto, di un prodotto ottenuto per distillazione frazionata del petrolio, costituito dalle frazioni che a pressione atmosferica distillano ad una temperatura compresa tra i 250 e 350 C, ossia dopo il cherosene e prima delle frazioni utilizzate per la preparazione degli oli lubrificanti. Il contaminante risulta essere quindi una complessa miscela di idrocarburi paraffinici, cicloparaffinici ed aromatici, ha una composizione variabile in funzione del tipo di greggio dal quale è ottenuto. Con riferimento alla sperimentazione in oggetto, il gasolio utilizzato ha un ph pari a 5,2 ed una massa volumica di 814 g/l. 3.3 Rifiuto stabilizzato Lo stabilizzato utilizzato è stato prodotto dalla frazione secca residua di rifiuti urbani conferita ad un impianto inserito in un sistema integrato comprendente termo-utilizzatore e discarica di appoggio. La frazione definita secco residuo rappresenta il flusso non intercettato dalle raccolte differenziate di tipo secco-umido. Tale flusso, a dispetto della definizione, può contenere ancora quantità significative di sostanza organica putrescibile ( umido ), soprattutto se prodotto in contesti demograficamente rilevanti, laddove può essere più difficile raggiungere livelli di intercettazione molto elevata non potendo implementare sistemi di raccolta domiciliare integrale. La presenza residuale di sostanza organica putrescibile, se rilevante, può impedire lo smaltimento diretto in discarica del secco residuo o renderne poco conveniente la termovalorizzazione a causa del basso valore del potere calorifico. In questi casi una valida soluzione è rappresentata pagina 6

3 dal pre-trattamento meccanico biologico, diffusamente praticato in paesi quali Germania e Austria ed ampiamente studiato dagli autori, mediante il quale il rifiuto viene stabilizzato biologicamente (Cappai et al. 2003; Cappai et al., 2005; De Gioannis e Muntoni, 2007). Il materiale risultante dal pretrattamento meccanicobiologico (stabilizzato) non ha possibilità di essere commercializzato come compost a causa della scarsa qualità, con riferimento particolare al contenuto di inerti (soprattutto vetro) e altri materiali estranei (carta, plastica); viene quindi normalmente utilizzato come strato di copertura giornaliera in discarica o è utilizzabile, se rispetta determinati requisiti, per interventi di ripristino ambientale. Nell ambito della sperimentazione, lo stabilizzato è stato considerato un substrato potenzialmente adatto, in virtù della sua elevata capacità di campo, del ph alcalino, della presenza di popolazioni batteriche aerobiche già acclimatate. Nell ambito della nostra ricerca sono stati considerati uno stabilizzato grezzo ed uno raffinato, entrambi provenienti dallo stesso impianto. Lo stabilizzato raffinato, dopo le varie fasi che hanno portato alla sua maturazione, è stato sottoposto a una ulteriore vagliatura ed a trattamenti meccanici finalizzati alla riduzione del contenuto di sostanze estranee e contaminanti. Le tabelle 3 e 4 riportano rispettivamente i valori di alcuni parametri caratterizzanti i due materiali ed il contenuto di metalli pesanti. Tabella 3 - Caratteristiche principali degli stabilizzati da rifiuti urbani utilizzati come additivi stabilizzato stabilizzato grezzo raffinato Umidità (% in peso) 19,2 39,8 Solidi volatili (% in peso) 48,5 62,9 Capacità di campo (% in peso) 214,5 248,5 ph 8,4 8,0 C/N Tabella 4 Contenuto di metalli pesanti rilevato negli stabilizzati utilizzati come additivi contenuto di metalli pesanti (mg/kg) Zn Pb Cd Cu Cr Hg stabilizzato grezzo ,6 stabilizzato raffinato ,6 in alcuni casi il residuo secco viene utilizzato come combustibile di basso pregio, essendo ricco di cellulosa, oppure come alimento per il bestiame. La tabella 5 riassume le principali caratteristiche della sansa utilizzata. Tabella 5 - Caratteristiche principali delle sanse utilizzate come additivo Capacità di campo (% in peso) 61,94 Umidità (% in peso) 20,84 ph 6,6 Solidi volatili (% in peso) 97,81 Fosforo totale (mg/kg) 1,32 Azoto totale (mg/kg) 7762 Acidi volatili (mg/kg) 37,9 3.5 Acque di vegetazione Le acque di vegetazione sono un liquame caratterizzato da un considerevole carico organico, da ph acido, dalla presenza di sostanze non facilmente biodegradabili come i fenoli. La presenza di una frazione organica biorefrattaria è evidente osservando come il rapporto BOD/COD sia inferiore a 0,5, come è possibile notare dalla tabella 6 nella quale sono riportate le caratteristiche delle acque di vegetazione utilizzate durante la sperimentazione. In passato le acque di vegetazione venivano sparse in grandi quantità direttamente sul terreno, creando spesso problemi di eccessiva riduzione del contenuto di ossigeno del terreno dovuti sia alla degradazione della frazione biodegradabile carico organico sia alla formazione di un film oleoso all interfaccia terreno-atmosfera. Nel caso della ricerca in oggetto, le acque di vegetazione sono state addizionate in quantitativi sufficientemente ridotti da evitare i summenzionati problemi. Tabella 6 - Caratteristiche delle acque di vegetazione utilizzate come additivo BOD mg/l COD mg/l NH3 7,0 mg/l Acidi volatili 6349 mg/l Fenoli 0,777 mg/l ph 4,34 INFORMAZIONE Sansa La sansa, come le acque di vegetazione, è un sottoprodotto della spremitura delle olive ed è costituita da bucce, polpa esaurita e frammenti di noccioli. Da essa può essere estratto l olio residuo tramite un solvente (di solito solfuro di carbonio o esano). È di fatto un materiale di scarto; 4. METODOLOGIA Lo studio del processo autodepurativo è avvenuto in reattori statici di vetro, particolarmente adatti ad evidenziare e valutare l influenza di fattori chimico-fisici sulla degradazione, quali temperatura, ph, contenuto di acqua, capacità di campo e di nutrienti. L esperienza si è svolta in condizioni di temperatura pagina 7

4 INFORMAZIONE 107 costante, avendo allestito i reattori in un ambiente chiuso e termostatato a 20 C. Il terreno è stato contaminato artificialmente in modo uniforme miscelandolo con una quantità di gasolio pari all 1% in peso secco. Gli stabilizzati e le sanse sono stati addizionati al terreno contaminato in misura del 5 e 20% in peso secco, mentre il quantitativo di acque di vegetazione addizionato è stato limitato all 1% in peso secco sulla base delle considerazioni suesposte. L umidità del terreno all interno di ciascun reattore è stato portata fino ad un valore pari al 60% della capacità di campo. Tabella 7 Identificazione dei diversi reattori in funzione del tipo e della quantità di substrato addizionato Solo terreno contaminato Terreno contaminato + sansa (5% in peso secco) Terreno contaminato + sansa (20% in peso secco) Terreno contaminato + acque di vegetazione (1% in peso secco) Terreno contaminato + stabilizzato grezzo (5% in peso secco) Terreno contaminato + stabilizzato grezzo (20% in peso secco) Terreno contaminato + stabilizzato raffinato (5% in peso secco) Terreno contaminato + stabilizzato raffinato (20% in peso secco) Ambiente 4.1 Produzione di CO 2 La CO 2 viene prodotta dai microrganismi in seguito all attività di degradazione del contaminante organico. La sua quantificazione, quindi, rappresenta un indice significativo dell evoluzione del processo degradativo. La CO 2 sviluppata a seguito dell attività batterica è stata assorbita mediante una soluzione 1M di idrossido di sodio inserita nei reattori in un apposito contenitore. La determinazione della quantità di CO 2 assorbita in un dato periodo di tempo è stata effettuata mediante titolazione con acido cloridrico. I reattori sono a tenuta, pertanto ad intervalli regolari è necessario aprirli per consentire l ingresso dell ossigeno necessario per la prosecuzione della degradazione aerobica. Durante questa operazione, inevitabilmente della CO 2 presente nell aria viene assorbita dalla soluzione di idrossido di sodio. Per valutare questa quantità e quella assorbita direttamente dall aria ad inizio sperimentazione, sono stati allestiti, come detto in precedenza, degli appositi reattori di controllo contenenti solo la soluzione assorbente. 4.2 Determinazione del contenuto residuo di gasolio nel terreno reattore G reattore S5 reattore S20 reattore AV reattore CG5 reattore CG20 reattore CR5 reattore CR20 A complemento della determinazione della produzione di CO 2, per meglio valutare l evolvere del processo degradativo si è periodicamente determinato il contenuto di gasolio residuo nei campioni di suolo contenuti nei reattori. Tale determinazione avviene mediante preliminare estrazione con apposito solvente (in questo caso miscela di acetone e n- esano in rapporto 1:10) ed una successiva analisi al gascromatografo. La quantità di gasolio presente nel campione iniettato al GC è stata calcolata mediante un confronto diretto fra l area dei picchi del cartogramma relativo al campione e l area dei picchi del cartogramma ottenuto iniettando una miscela di gasolio a concentrazione nota. La valutazione dell evoluzione del processo degradativo è stata effettuata mediante determinazione nel tempo della produzione di anidride carbonica derivante dai processi degradativi aerobici. A ulteriore verifica del processo si è determinato il contenuto residuo di gasolio nel terreno periodicamente durante la sperimentazione ed al suo termine (107 giorno). Il sistema scelto per il monitoraggio della degradazione del gasolio (produzione di CO 2 ) ha richiesto l allestimento di diversi reattori di controllo contenenti, ad esempio, solo terreno contaminato, solo substrato o solo terreno non contaminato e substrato. Di seguito è brevemente descritta la metodologia adottata per la determinazione della produzione di CO 2 e del contenuto residuo di gasolio nel terreno. 5. RISULTATI E DISCUSSIONE Di seguito sono riportati e commentati i risultati relativi alle prove condotte sui campioni di terreno contaminato da gasolio al quale sono stati addizionati i diversi tipi di substrato organico in diversi dosaggi. Per una migliore comprensione dei risultati, i reattori caratterizzati da diverse tipologie e quantità di substrato addizionato sono identificati dalle sigle riportate in tabella Sansa ed acque di vegetazione In figura 1 sono rappresentati graficamente i dati relativi alla produzione cumulata di CO 2 derivante dalla degradazione del gasolio nei reattori in assenza ed in presenza rispettivamente del 5% e 20% in peso secco di sansa (S5 e S20). È immediato verificare come l addizione della sansa favorisce la degradazione del gasolio. La produzione cumulata di CO 2 derivante dal gasolio in assenza di substrato organico è nettamente inferiore (158.4 mg) rispetto al caso in cui venga addizionata una quantità di sansa pari al 5% o al 20% (rispettivamente 499,4 mg e 2265,9 mg CO 2 ). Questo risultato può essere interpretato considerando che l addizione di sansa comporta: considerevole e rapido sviluppo di biomassa in virtù dell elevato contenuto di sostanza organica degradabile; maggior apporto di nutrienti, in particolare di azoto; una buona capacità di campo, che incrementa la quantità d acqua che il suolo può trattenere. Si può osservare come i benefici siano nettamente superiori addizionando un quantitativo di sansa pari al 20% della sostanza secca del terreno. Il risultato può essere imputabile pagina 8

5 al fatto che il maggior quantitativo di substrato addizionato massimizza gli effetti positivi legati alla presenza del substrato stesso, consentendo, in particolare, un maggior sviluppo della biomassa. Nel caso in cui il quantitativo di sansa sia pari al 5% in peso, la biodegradazione, e quindi il recupero del suolo, potrebbero invece richiedere tempi più lunghi. In figura 2 sono rappresentati graficamente i dati relativi alla produzione giornaliera per gli stessi reattori considerati precedentemente in figura 1. I risultati evidenziano per il reattore S20 un elevata produzione giornaliera di CO 2 nel periodo compreso tra il 17 ed il 50 giorno ed una forte differenza nella degradazione del gasolio tra i primi 17 giorni, in cui si assiste a produzioni giornaliere che non superano i 30 mg/giorno, ed il periodo compreso tra il 33 e il 67 giorno, in cui tali produzioni sono sempre superiori ai 40 mg/giorno giungendo a superare i 100 mg/giorno. Una differenza così marcata non è invece riscontrabile per il reattore S5. I risultati di cui sopra possono spiegarsi, almeno parzialmente, considerando la figura 3, nella quale è riportato il confronto tra la produzione di CO 2 nel reattore S20 e quella di un reattore di controllo, identificato come reattore S nella figura, contenente terreno non contaminato e sansa in quantità pari a quella addizionata nel reattore S20. Il confronto fra questi due reattori consente di ipotizzare una distinzione tra produzione di CO 2 derivante dalla degradazione della sansa e quella dovuta alla degradazione del gasolio. Si può osservare come fino al 17 giorno la popolazione batterica sembrerebbe degradare prevalentemente la sansa. Successivamente la produzione di CO 2 relativa alla degradazione della sansa decresce in corrispondenza del periodo di massima degradazione del gasolio. In presenza di una quantità consistente di sansa quindi, è rilevabile una distinzione abbastanza netta tra la fase di degradazione del substrato aggiunto e quella di degradazione del gasolio. Il fenomeno non è stato invece rilevato nel reattore S5, dove la degradazione di substrato e gasolio sembra avvenire in contemporanea. Per quanto riguarda l influenza dell addizione di acque di vegetazione, come evidenziato nella figura 4, che riporta la produzione cumulata di CO 2 derivante dalla degradazione del gasolio in assenza ed in presenza di tale substrato, si può affermare che si tratta di un influenza senz altro negativa. Si constata infatti che l addizione di acque di vegetazione inibisce la degradazione del gasolio poiché la produzione di CO 2 risulta minore di quella relativa al solo terreno con gasolio. Questo risultato appare determinato da una o più delle seguenti cause: le acque di vegetazione possiedono un ph acido in grado di inibire l attività batterica; le acque di vegetazione contengono fenoli, tossici per i batteri al di sopra di determinate concentrazioni; l addizione di acque di vegetazione, per quanto limitata, può aver comunque determinato la formazione di un film oleoso in grado di limitare l interscambio di substrati, nutrienti ed ossigeno. L andamento della degradazione del gasolio evidenziato dalla produzione di CO 2 è confermato dai risultati della CO 2 prodotta (mg) Figura 1 - Produzione cumulata di CO 2 derivante dalla degradazione del gasolio nei reattori, in assenza ed in presenza del 5% e 20% in peso secco di sansa. CO 2 prodotta (mg/giorno) tempo (giorni) Figura 2 - Produzione giornaliera di CO 2 derivante dalla degradazione del gasolio nei reattori, in assenza ed in presenza del 5% e 20% in peso secco di sansa. CO 2 prodotta (mg/giorno) tempo (giorni) tempo (giorni) S20 Figura 3 - Confronto tra la produzione di CO 2 nel reattore S20 (20% in peso secco di sansa) e quella di un reattore di controllo contenente terreno non contaminato e sansa in quantità pari a quella addizionata nel reattore S20 (reattore S). INFORMAZIONE 107 pagina 9

6 INFORMAZIONE 107 CO 2 prodotta (mg) Figura 4 - Produzione cumulata di CO 2 derivante dalla degradazione del gasolio nei reattori in assenza ed in presenza di acque di vegetazione (1% in peso secco). g gasolio / 100 g suolo tempo (giorni) Ambiente determinazione del contenuto residuo di gasolio nel suolo. In figura 5 è riportata la quantità di gasolio residuo nei casi in cui come substrati addizionali siano stati utilizzati sansa o acque di vegetazione. Nei diversi casi si può osservare come la quantità di contaminante residuo sia pari rispettivamente a: 0.5 g gasolio/100 g di suolo nel caso del reattore S5 (sansa 5%); rimozione percentuale di gasolio del 44,4% rispetto alla quantità addizionata; 0,024 g gasolio/100 g di suolo nel caso del reattore S20 (sansa 20%); rimozione percentuale del 97,3%; 0.78 g gasolio/100 g di suolo nel caso di addizione di acque di vegetazione (reattore AV); rimozione percentuale del 13,3%; 0.60 g gasolio/100 g nel caso di solo gasolio senza nessun additivo (reattore G); rimozione percentuale del 33,3%. Questi risultati confermano come il risultato migliore sia quello relativo al reattore S20. In realtà la percentuale di rimozione non è data esclusivamente dalla quota parte di gasolio trasformata in CO 2, ma anche da quella volatilizzata o trasformata in nuova biomassa. La figura 6, nella quale a titolo d esempio è riportato il bilancio del carbonio relativo al gasolio per il reattore S20, mette in evidenza come al momento della conclusione dell esperienza esista una differenza tra il carbonio inizialmente presente e la somma di quello residuo e di quello gassificato; si potrebbe ipotizzare quindi che il 20% circa del contenuto iniziale di carbonio si sia volatilizzato o sia stato trasformato in biomassa, a meno degli errori di misura commessi durante le determinazioni analitiche. Carbonio (g) reattore Figura 5 - Confronto tra il contenuto di gasolio iniziale e finale (107 giorno) nei reattori nei quali sono stati addizionati come substrati sansa (S5 e S20) o acque di vegetazione (AV) e nel reattore contenente esclusivamente terreno contaminato con gasolio (G). tempo (giorni) Figura 6 - Bilancio del carbonio, relativamente al gasolio, per il reattore contenente sansa in percentuale del 20 % in peso (S20). 5.2 Stabilizzato da rifiuti solidi urbani Risultati analoghi a quelli illustrati in precedenza sono stati ottenuti utilizzando come substrato organico dello stabilizzato da rifiuti solidi urbani. In figura 7 è riportata la produzione cumulata di CO 2 derivante dalla degradazione del gasolio nei reattori in assenza ed in presenza di 5% e 20% di stabilizzato grezzo e raffinato. La degradazione del gasolio risente favorevolmente dell addizione di stabilizzato sia esso grezzo o raffinato, presumibilmente in relazione alle seguenti proprietà del materiale: ambiente favorevole allo sviluppo di biomassa; elevata capacità di campo; ph alcalino che consente di esercitare un azione tampone benefica per la degradazione. Si deve inoltre tenere conto del fatto che, come testimoniato dai valori del rapporto carbonio/azoto, gli stabilizzati utilizzati non avevano raggiunto un grado completo di maturazione ed erano quindi caratterizzati dalla presenza residua di sostanza organica biodegradabile in tempi relativamente brevi, fattore questo favorevole al rapido sviluppo di biomassa. Tali caratteristiche positive vengono esaltate, come per la sansa, nel caso in cui venga utilizzato un quantitativo di substrato pari al 20% in peso secco rispetto al suolo e, in particolare, quando venga utilizzato dello stabilizzato raffinato. Quest ultimo rispetto allo stabilizzato grezzo infatti è caratterizzato da: un maggior contenuto di sostanza organica; pagina 10

7 CO 2 prodotta (mg) Figura 7 - Produzione cumulata di CO 2 derivante dalla degradazione del gasolio nei reattori in assenza ed in presenza del 5% e 20% in peso secco di stabilizzato grezzo e raffinato. una minore presenza di metalli pesanti che possono inibire la popolazione batterica; una granulometria più fine, e perciò una maggiore superficie specifica disponibile; un maggior contenuto di nutrienti. Appare dunque vantaggioso addizionare quantitativi consistenti di stabilizzato raffinato. Negli esperimenti relativi a questo tipo di substrato, la produzione cumulata di CO 2 ha raggiunto un valore pari a 2075,59 mg in presenza di percentuali di stabilizzato del 20% (reattore CR20) contro, ad esempio, gli 867,8 mg riscontrati nel reattore nel quale si è addizionato solo 5% in peso secco del medesimo stabilizzato (reattore CR5). La figura 8 riporta l andamento della produzione giornaliera di CO 2 per tutti i quattro reattori nei quali è stato addizionato stabilizzato grezzo o raffinato in diverse proporzioni. Come già osservato per i reattori nei quali era stata addizionata sansa, nel caso in cui si utilizzi la massima quantità di stabilizzato raffinato, la degradazione del gasolio, misurata in termini di CO 2, risulta particolarmente intensa per CO 2 prodotta (mg/giorno) CO 2 prodotta (mg/giorno) CO 2 prodotta (mg/giorno) Figura 9 - Confronto tra la produzione di CO 2 nel reattore CR20 e quella di un reattore di controllo (reattore CR) contenente terreno non contaminato e stabilizzato raffinato in quantità pari a quella addizionata nel reattore CR20. un periodo limitato e ritardato rispetto all inizio della sperimentazione; tale ritardo risulta inoltre maggiore nel caso di stabilizzato grezzo. Le figure 9 e 10 confermano che anche in questo caso, ed anzi in misura più marcata che per la sansa, il ritardo sembrerebbe dovuto al fatto che inizialmente la popolazione batterica è dedita quasi esclusivamente alla degradazione dello stabilizzato. La degradazione del gasolio parte solo dopo il 20 giorno per lo stabilizzato raffinato e dopo il 40 giorno per lo stabilizzato grezzo. Il maggiore ritardo riscontrato per lo stabilizzato grezzo (vedi figura 10) è probabilmente imputabile a una possibile maggiore lunghezza del periodo necessario alla biomassa per degradare il substrato (probabilmente in relazione al più alto contenuto di metalli pesanti che esercitano un effetto inibente sul processo di degradazione). In figura 11 è riportata la quantità di gasolio residuo nei casi di utilizzo di stabilizzato grezzo o di stabilizzato raffinato come substrato. Nei vari casi la quantità di gasolio residuo è risultata INFORMAZIONE 107 Figura 8 - Produzione giornaliera di CO 2 derivante dalla degradazione del gasolio nei reattori in assenza ed in presenza del 5% e 20% in peso di stabilizzato grezzo e raffinato. Figura 10 - Confronto tra la produzione di CO 2 nel reattore CG20 e quella di un reattore di controllo (reattore CG) contenente terreno non contaminato e stabilizzato raffinato in quantità pari a quella addizionata nel reattore CG20. pagina 11

8 INFORMAZIONE 107 g gasolio / 100 g suolo Figura 11 - Confronto tra il contenuto iniziale e finale (107 giorno) di gasolio nei reattori nei quali sono stati addizionati stabilizzato grezzo (CG5 e CG20) e stabilizzato raffinato (CR5 e CR20) e nel reattore contenente esclusivamente terreno contaminato con gasolio (G). Carbonio (g) Tempo (giorni) gasolio iniziale gasolio residuo CO 2 Figura 12 - Bilancio del carbonio, relativamente al gasolio, per il reattore contenente stabilizzato raffinato in percentuale del 20% in peso (CR20). Ambiente pari rispettivamente a: 0,05 g gasolio/100 g di suolo nel caso di stabilizzato raffinato al 20% (reattore CR20); rimozione percentuale di gasolio del 94,5%; 0.07 g/100 g di suolo nel caso di stabilizzato grezzo (reattore CG20); rimozione percentuale del 91,9% ; g/100g di suolo nel caso di stabilizzato raffinato pari al 5% (reattore CR5); rimozione percentuale del 94%; 0.21 g gasolio/100 g suolo nel caso di stabilizzato grezzo pari al 5% (reattore CG5); rimozione percentuale del 76,9 %; 0.60 g gasolio/100 g nel caso di solo gasolio (reattore G); rimozione percentuale del 33,3%. La figura 11 mostra come il contenuto di gasolio residuo nel caso di addizione di stabilizzato grezzo nella misura del 20% sia quasi uguale a quello relativo al reattore contenente il 5% di stabilizzato raffinato, sebbene quest ultimo sia stato caratterizzato da una produzione di CO 2 inferiore. Questo risultato può essere giustificato dal possibile maggior sviluppo di biomassa nel reattore CR5. Come già fatto osservare in precedenza riguardo la sperimentazione con sansa ed acque di vegetazione, il bilancio del carbonio riferito al gasolio evidenzia il fatto che una quota parte del gasolio è persa per volatilizzazione o trasformata in biomassa (vedi figura 12 per il reattore CR20). 5.3 Confronto complessivo tra i diversi substrati In figura 13 sono riassunte le curve cumulate di produzione di CO 2 relative a tutti i reattori utilizzati durante la sperimentazione. Analogo confronto, ma riferito alla produzione giornaliera di CO 2, è riportato in figura 14. Dal confronto emerge chiaramente come i risultati migliori siano stati ottenuti per i reattori S20 e CR20, ovvero addizionando come substrato sansa e stabilizzato raffinato in misura del 20% in peso secco. Tra i due substrati, lo stabilizzato si fa preferire per la maggior capacità di campo, la maggior capacità di controllo del ph, mentre la sansa apporta un maggior contributo di sostanza organica degradabile che favorisce il rapido sviluppo della biomassa. CO 2 prodotta (mg) Figura 13 - Confronto tra le produzione cumulate di CO 2 relative ai vari reattori utilizzati. 6. CONCLUSIONI I risultati ottenuti hanno dimostrato come l aggiunta di sansa e stabilizzato da rifiuti urbani a terreni contaminati da gasolio per autotrazione incrementi in misura considerevole la capacità autodepurativa del terreno stesso. L utilizzo della sansa in misura del 20% in peso secco ha portato alla degradazione di una quantità complessiva di gasolio 14 volte superiore a quella misurata per i reattori contenenti esclusivamente il terreno contaminato. Analogamente, l utilizzo dello stabilizzato ha portato alla degradazione di una quantità di gasolio rispettivamente 12,5 (stabilizzato raffinato in misura del 20% in peso secco) e 7,8 (stabilizzato grezzo in misura del 20% in peso secco) volte superiore a quella misurata per i reattori contenenti esclusivamente il terreno contaminato. Risultati sempre positivi, ma inferiori ai precedenti, sono pagina 12

9 CO 2 prodotta (mg/giorno) Figura 14 - Confronto tra le produzione giornaliere di CO 2 relative ai vari reattori utilizzati. % di rimozione Figura 15 - Confronto tra le percentuali di rimozione del gasolio raggiunte nei diversi reattori. Figura 16 - Stima dei tempi di rimozione del 90% del gasolio nel caso di addizione di stabilizzato raffinato o grezzo e di sansa in proporzione del 20% in peso secco (temperatura costante di 20 C, contenuto di acqua del terreno pari al 60% della capacità di campo). stato ottenuti utilizzando sansa, stabilizzato raffinato o grezzo in quantità inferiori, pari al 5% in peso secco; in questo caso sono state conseguiti livelli di degradazione rispettivamente solo 3,1, 5,0 e 3,0 volte superiori a quelli relativi ai reattori contenenti esclusivamente il terreno contaminato. Il risultato è stato viceversa negativo per i reattori nei quali sono state addizionate acque di vegetazione; in questo caso la quantità complessiva di gasolio degradato è risultata essere addirittura inferiore (0,65) a quella misurata per i reattori contenenti esclusivamente il terreno contaminato. Le percentuali di rimozione del gasolio (vedi figura 15) sono state pari al 97,3%, 94,5% e 91,9% nei casi dei reattori contenenti rispettivamente sansa, stabilizzato raffinato e stabilizzato grezzo in misura del 20% in peso secco. Tali percentuali tengono conto anche della quota parte volatilizzata o convertita in nuova biomassa, che, sulla base dei bilanci del carbonio eseguiti in chiusura della sperimentazione, può essere quantificata intorno al 10-15% del contenuto iniziale di gasolio. Nel caso invece di addizione di sansa, stabilizzato raffinato e grezzo in misura del 5% in peso secco, le percentuali di rimozione sono risultate rispettivamente pari al 44,4, 94,0 e 76,9%. La percentuale di rimozione nel reattore nel quale non si è addizionato alcun substrato è stata pari al 33,3%. Sebbene la sperimentazione sia stata interrotta al 107 giorno, le curve di produzione cumulata di CO 2 sembrano aver raggiunto tutte un valore praticamente asintotico, pertanto i valori di rimozione rilevati possono essere considerati praticamente i massimi conseguibili alle condizioni operative adottate (temperatura di 20 C, umidità pari al 60% della capacità di campo). Mentre per i reattori nei quali è stata addizionata una quantità di substrato pari al 5% il processo degradativo ha avuto un andamento pressoché uniforme nel tempo, in quelli addizionati con quantitativi maggiori di substrato la produzione di CO 2 ha presentato un andamento caratterizzato da valori giornalieri elevati e concentrati in un periodo limitato, all incirca compreso tra il 20 ed il 50 giorno di sperimentazione. Dall esame comparato con la produzione di CO 2 avutasi nei reattori di controllo si evince che laddove viene addizionata una quantità di substrato pari al 20% in peso secco, durante i primi giorni del processo la popolazione batterica sembrerebbe dedicarsi prevalentemente alla degradazione del substrato, ritardando così la degradazione del gasolio. Quest ultima per altro, pur partendo in ritardo, si svolge successivamente con grande intensità, probabilmente in virtù dello sviluppo nei giorni precedenti di una numerosa e ben acclimatata popolazione batterica; in questo caso, una volta che la degradazione è partita, essa porta alla rimozione della maggior parte del gasolio in tempi relativamente brevi (circa 30 giorni). Anche per questo motivo, oltre che per i valori complessivi di rimozione maggiori, l addizione di una quantità di substrato pari al 20% in peso secco sembra essere più adatta ad ottenere risultati migliori ed in tempi inferiori. In figura 16 è riportata una stima, basata sui risultati della sperimentazione, dei tempi necessari alla rimozione del INFORMAZIONE 107 pagina 13

10 INFORMAZIONE % del gasolio nel caso di addizione di stabilizzato raffinato o grezzo e di sansa in proporzione del 20% in peso secco. Ovviamente i valori riportati vanno riferiti alle condizioni di sperimentazione, ovvero temperatura costante di 20 C e contenuto di acqua pari al 60% della capacità di campo del terreno. Gli effetti benefici della addizione dello stabilizzato sono da attribuire all apporto di sostanza organica e di nutrienti che favorisce lo sviluppo di biomassa aerobica in grado di degradare il gasolio, all elevata capacità di campo ed alla azione di controllo del ph su valori neutri o leggermente alcalini favorevoli alla degradazione. L utilizzo di stabilizzato grezzo porta a risultati inferiori, probabilmente dovuti al minore contenuto di sostanza organica ed al più elevato tenore di metalli pesanti; inoltre, la sostanza organica complessivamente presente nello stabilizzato grezzo è presumibilmente più ricca di frazioni caratterizzate da una degradabilità più lenta. Le sanse, pur avendo rispetto allo stabilizzato una minore capacità di campo e di controllo del ph, apportano considerevoli quantità di azoto e, soprattutto, di sostanza organica degradabile; l elevato contenuto di sostanza organica sarebbe addirittura un fattore da considerare con attenzione in sede di definizione dei dosaggi onde evitare rischi deficit di ossigeno nel terreno. I risultati negativi ottenuti nel reattore nel quale sono state addizionate acque di vegetazione sono probabilmente dovuti alla acidità (ph = 5,5) del substrato, al contenuto elevato di fenoli ed alla formazione sulle particelle del terreno di un film oleoso che ostacola la diffusione dell ossigeno. In conclusione, i risultati conseguiti con la sperimentazione sembrano indicare che l addizione di opportuni substrati organici ad un terreno contaminato da gasolio può portare ad un notevole incremento e ad una velocizzazione del naturale processo autodepurativo. I risultati andrebbero ovviamente confermati attraverso sperimentazioni su scala reale e le stesse eventuali modalità operative devono essere oggetto di un attenta valutazione. Si potrebbero a questo proposito prospettare due opzioni. La prima, attuabile nel caso in cui la contaminazione interessi solo gli strati superficiali del terreno, prevede un intervento in situ consistente nella movimentazione del terreno e nella ricollocazione previa miscelazione con il substrato prescelto. Data la grande influenza della temperatura sul processo degradativo, tale modalità operativa andrebbe applicata solo durante il periodo estivo. La seconda opzione, praticabile solo nel caso in cui l estensione in pianta della zona contaminata sia limitata, prevede la rimozione del terreno, il trasporto ad apposito impianto (off-site oppure on-site) dove, eventualmente all interno di ambienti chiusi di adeguate dimensioni, si procederebbe alla miscelazione con il substrato prescelto e, di fatto, ad una sorta di compostaggio in cumuli della miscela terreno-substrato con periodici rivoltamenti per consentire l apporto di ossigeno alla biomassa. Aldo Muntoni Giorgia De Gioannis Riferimenti bibliografici Ambiente J.T. Cookson Jr., Bioremediation Engineering: Design and Application, McGraw-Hill publisher, ISBN Cappai G., Carucci A., De Gioannis G., Muntoni A., Effects on leachate quality of different approaches to the concept of environmentally sustainable landfill. Atti Sardinia 2003, Ninth International Waste Management and Landfill Symposium, 6-10 ottobre 2003, S. Margherita di Pula (CA), Volume II, pp (book of abstracts), full paper su CD, 2003, CISA, Centro di Ingegneria Sanitaria Ambientale, Italy. Cappai G., Carucci A., De Gioannis G., Muntoni A., Further investigations on MBP and relative implications. Atti Sardinia 2005, Tenth International Waste Management and Landfill Symposium, 3-7 ottobre 2005, S. Margherita di Pula (CA), pp (book of abstracts), full paper su CD, 2005, CISA, Centro di Ingegneria Sanitaria Ambientale, Italy. De Gioannis G., Muntoni A., Dynamic transformations of nitrogen during mechanical-biological pre-treatment of municipal solid waste. Rivista internazionale Waste Management (Elsevier), 27, 11, K. Hupe, J.C. Loth, J. Heerenklage, R. Stegmann, Enhancement of biological degradation of soils contaminated with oil by the addition of compost. Acta Biotechnology, 16 (1996) 1, pagg pagina 14

BIO DIGESTORI. Elementi tecnologici per una scelta consapevole 2010

BIO DIGESTORI. Elementi tecnologici per una scelta consapevole 2010 BIO DIGESTORI Elementi tecnologici per una scelta consapevole 2010 Indice 1. Definizione di bio digestore 2. Un esempio per chiarire 3. Schemi i biodigestori 4. Tipi di impianti: classificazione 5. L alimentazione

Dettagli

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere.

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere. FOGNATURA IDEALE Acque nere Fognatura separata Impianto di depurazione Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99 Recapito cque bianche Eventuale trattamento In definitiva: FOGNATURA UNITARIA Acque

Dettagli

Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano

Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano PROGETTO ARETUSA Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano GENERALITÀ 1.1 Finalità ed Ubicazione dell impianto Aretusa

Dettagli

Classificazione dei rifiuti solidi

Classificazione dei rifiuti solidi I RIFIUTI Rifiuto solido Qualsiasi sostanza od oggetto, allo stato solido, derivante dall attività umana o dai cicli naturali Potenziale rischio di malattia e/o danno alla salute umana, che può essere

Dettagli

La caratterizzazione del rifiuto è solo una questione di analisi?

La caratterizzazione del rifiuto è solo una questione di analisi? La caratterizzazione del rifiuto è solo una questione di analisi? Dr Chimico Giuseppe Postorino Provincia di Reggio Calabria Reggio Calabria 30 maggio 2014 100 volume d affari dei servizi su base nazionale

Dettagli

ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST

ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della Provincia di Roma Roma, 20.09.2011

Dettagli

Tecnologie innovative di trattamento di fanghi di depurazione per la produzione di ammendanti compostati misti

Tecnologie innovative di trattamento di fanghi di depurazione per la produzione di ammendanti compostati misti PROGRAMMA DI MASSIMA DELL ATTIVITA DI DOTTORATO DI RICERCA IN TECNOLOGIE CHIMICHE ED ENERGETICHE INQUINAMENTO E DEPURAZIONE DELL AMBIENTE XXIII CICLO Dottoranda: Titolo dell attività di dottorato di ricerca:

Dettagli

Il Percorso al Biometano

Il Percorso al Biometano www.biogasmax.eu Biogasmax Training 1 Il Percorso al Biometano STEFANO PROIETTI ISTITUTO DI STUDI PER L INTEGRAZIONE DEI SISTEMI Biogasmax Training 2 Struttura della presentazione Raccolta dei rifiuti;

Dettagli

Biodegradabilità dei materiali per imballaggio Normativa di riferimento e metodi di test. PhD Elena Fortunati

Biodegradabilità dei materiali per imballaggio Normativa di riferimento e metodi di test. PhD Elena Fortunati Biodegradabilità dei materiali per imballaggio Normativa di riferimento e metodi di test PhD Elena Fortunati Definizione Ufficiale Biodegradabilità Biodegradabilità ultima: COMPLETA degradazione di un

Dettagli

Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento

Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento Consulta provinciale dei Geologi di Parma 22 Giugno 2011 Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento Dott. Geol. Giovanni Dondi (ECOVIVA S.a.s.).) ECOVIVA S.a.s. Via Passo della

Dettagli

Impianti per il trattamento chimico- fisico e biologico dei rifiuti liquidi

Impianti per il trattamento chimico- fisico e biologico dei rifiuti liquidi R IFIUTI PE R IC OLOS I Impianti per il trattamento chimico- fisico e biologico dei rifiuti liquidi Firenze, 13 dicembre 2007 R elazione a cura di: Dott. Chim. R enato Bargna CS A srl e-mai: r.bargna@

Dettagli

SCHEDA AMMENDANTI con riferimento alla Tabella 1 dell allegato 13 del D.lgs 75/2010:

SCHEDA AMMENDANTI con riferimento alla Tabella 1 dell allegato 13 del D.lgs 75/2010: SCHEDA AMMENDANTI con riferimento alla Tabella 1 dell allegato 13 del D.lgs 75/2010: TIPOLOGIE DI COMPOST Scheda 1 GREEN-LIFE AMMENDANTE COMPOSTATO VERDE - ACC Scheda 2 ECO-LIFE AMMENDANTE COMPOSTATO MISTO

Dettagli

Biogas Leachate Recovery. Progetto Life+ 2009

Biogas Leachate Recovery. Progetto Life+ 2009 S.p.A. www.gaia.at.it Biogas Leachate Recovery Progetto Life+ 2009 PROGETTO BIOLEAR : costruzione, coltivazione, chiusura e recupero ambientale della discarica Progetto BioLeaR: idea, obiettivi e risultati

Dettagli

ALLEGATO A BANDO DI GARA

ALLEGATO A BANDO DI GARA ALLEGATO A BANDO DI GARA SERVIZIO DI CAMPIONAMENTO E CONTROLLO ANALITICO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI IMPIANTI DI POTABILIZZAZIONE, DEPURAZIONE, NONCHÉ TRATTAMENTO E SMALTIMENTO RSU/RSA DI PROPRIETÀ DEL CONSORZIO

Dettagli

Impianti di selezione meccanica dei rifiuti

Impianti di selezione meccanica dei rifiuti Impianti di selezione meccanica dei rifiuti Gli impianti di selezione meccanica dei rifiuti solidi possono fare parte di un sistema integrato per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani. Essi producono:

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8 Angelo Bonomi LE TECNOLOGIE DI TRATTAMENTO Sono classificate secondo il tipo di flusso e precisamente: ACQUE

Dettagli

Cos è il Compostaggio

Cos è il Compostaggio Composabilità Milano, 23 gennaio 2008 Massimo Centemero Direttore Tecnico Consorzio Italiano Compostatori Il Consorzio Italiano Compostatori riunisce imprese, enti pubblici e privati produttori di compost

Dettagli

Processi bioslurry per la degradazione di idrocarburi policiclici aromatici e fenoli in suoli contaminati

Processi bioslurry per la degradazione di idrocarburi policiclici aromatici e fenoli in suoli contaminati Processi bioslurry per la degradazione di idrocarburi policiclici aromatici e fenoli in suoli contaminati M. Derudi, G. Nano *, R. Rota Politecnico di Milano - Dip. di Chimica, Materiali e Ingegneria Chimica

Dettagli

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA IL BIOGAS IN AGRICOLTURA CIB - Consorzio Italiano Biogas e Gassificazione G. Bezzi IL BIOGAS Biogas: prezioso combustibile gassoso naturale che nasce dalla fermentazione di materia organica e vegetale,

Dettagli

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI PREMESSA La caratterizzazione ambientale di un sito è identificabile con l insieme delle attività che permettono di ricostruire

Dettagli

Questo risultato viene raggiunto grazie ad una tecnologia innovativa: il pretrattamento ad umido e la digestione anaerobica del

Questo risultato viene raggiunto grazie ad una tecnologia innovativa: il pretrattamento ad umido e la digestione anaerobica del Biotec Sistemi è un azienda leader nel campo della protezione ambientale: sviluppa e costruisce apparecchiature per impianti di trattamento rifiuti, progetta e fornisce impianti chiavi in mano per il trattamento

Dettagli

INDAGINI ED INTERVENTI PER LA BONIFICA DELLE VECCHIE DISCARICHE. Dipartimento IMAGE, Università di Padova

INDAGINI ED INTERVENTI PER LA BONIFICA DELLE VECCHIE DISCARICHE. Dipartimento IMAGE, Università di Padova INDAGINI ED INTERVENTI PER LA BONIFICA DELLE VECCHIE DISCARICHE Dipartimento IMAGE, Università di Padova INTERVENTI DI BONIFICA O RISANAMENTO nessun intervento drenaggio del percolato e captazione del

Dettagli

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali dei ed industriali Impianti Meccanici 1 industriali Premesse Con il termine rifiuto solido si intende qualsiasi materiale od oggetto, normalmente allo stato solido, derivante da attività umane o naturali

Dettagli

Progetto sperimentale per un sistema integrato domiciliare di raccolta dei rifiuti urbani

Progetto sperimentale per un sistema integrato domiciliare di raccolta dei rifiuti urbani Comune di Giuliano Teatino Progetto sperimentale per un sistema integrato domiciliare di raccolta dei rifiuti urbani 100% compostaggio domestico ANALISI DELLE CRITICITÀ E PROPOSTE RISOLUTIVE PER LE UTENZE

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SETTORE AMBIENTE TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI

Dettagli

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO SCOPO DEGLI INCONTRI Fornire informazioni sulle modalità operative per la realizzazione del compostaggio domestico Fornire indicazioni sulle

Dettagli

STIMA DELLE EMISSIONI DI BIOGAS DALLA EX-CAVA MONTE ZACCON

STIMA DELLE EMISSIONI DI BIOGAS DALLA EX-CAVA MONTE ZACCON Gruppo di lavoro interdisciplinare per lo svolgimento di indagini ambientali nell'area in cui insiste l'ex cava Monte Zaccon (Roncegno Terme) RIPRISTINO AMBIENTALE EX CAVA MONTE ZACCON nel Comune di Roncegno

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

Massimo Centemero Direttore Tecnico Consorzio Italiano Compostatori centemero@compost.it zanardi@compost.it

Massimo Centemero Direttore Tecnico Consorzio Italiano Compostatori centemero@compost.it zanardi@compost.it Composabilità Milano, 23 gennaio 2008 Massimo Centemero Direttore Tecnico Consorzio Italiano Compostatori centemero@compost.it zanardi@compost.it Il Consorzio Italiano Compostatori riunisce imprese, enti

Dettagli

LE BONIFICHE AMBIENTALI rimedi ai danni generati dalla chimica

LE BONIFICHE AMBIENTALI rimedi ai danni generati dalla chimica Water & Soil Remediation Srl v. Donatori di Sangue, 13 Levata di Curtatone (MN) LE BONIFICHE AMBIENTALI rimedi ai danni generati dalla chimica Water & Soil Remediation Srl Relatore: Dott. Stefano Danini

Dettagli

DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA Teoria e pratica dei processi. Cap. I INTRODUZIONE ALLA TEORIA DELLA DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA

DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA Teoria e pratica dei processi. Cap. I INTRODUZIONE ALLA TEORIA DELLA DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA Teoria e pratica dei processi Cap. I INTRODUZIONE ALLA TEORIA DELLA DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA 11 12 DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA Teoria e pratica dei processi Premesse

Dettagli

Il recupero della frazione organica della raccolta differenziata. I numeri del sistema. Valeria Frittelloni Andrea M. Lanz

Il recupero della frazione organica della raccolta differenziata. I numeri del sistema. Valeria Frittelloni Andrea M. Lanz Il recupero della frazione organica della raccolta differenziata. I numeri del sistema Valeria Frittelloni Andrea M. Lanz Comunicazioni della Commissione Europea Comunicazione della Commissione al Consiglio

Dettagli

L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione

L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione TECNICA L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione Solo conoscendo le frazioni e le trasformazioni dell azoto organico nel terreno è possibile risparmiare, rispettare l ambiente e nutrire al

Dettagli

LA BIOFILTRAZIONE: TECNICA DI CONTROLLO DEGLI ODORI NEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE

LA BIOFILTRAZIONE: TECNICA DI CONTROLLO DEGLI ODORI NEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE LA BIOFILTRAZIONE: TECNICA DI CONTROLLO DEGLI ODORI NEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE 1. Formazione degli odori Le sostanze che causano diffusione di odori molesti, nell atmosfera circostante

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue dell industria agro-alimentare

Impianti di depurazione delle acque reflue dell industria agro-alimentare Impianti di depurazione delle acque reflue dell industria agro-alimentare La profonda conoscenza del ciclo produttivo del settore agro-alimentare, unita alla pluriennale esperienza acquisita, permettono

Dettagli

La filiera degli imballaggi compostabili

La filiera degli imballaggi compostabili IV Forum Interregionale sul Compostaggio 5 marzo 2008 Torino La filiera degli imballaggi compostabili Werner Zanardi Focus qualità dell ammendante compostato il problema delle plastiche nella FORSU standard

Dettagli

Materiali di riferimento, Armonizzazione di metodi ed Accreditamento dei laboratori

Materiali di riferimento, Armonizzazione di metodi ed Accreditamento dei laboratori Materiali di riferimento, Armonizzazione di metodi ed Accreditamento dei laboratori Roma 25-26 giugno 2009 Gli idrocarburi: aspetti critici e procedure di misura in matrici ambientali Patrizia Bolletti

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO Per fare la DIFFERENZA basta un piccolo gesto.

COMPOSTAGGIO DOMESTICO Per fare la DIFFERENZA basta un piccolo gesto. COMPOSTAGGIO DOMESTICO Per fare la DIFFERENZA basta un piccolo gesto. Dopo aver raggiunto elevate percentuali di Raccolta Differenziata Vi chiediamo di continuare a collaborare migliorando la qualità della

Dettagli

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA TAVOLO TECNICO INTERAGENZIALE GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE IDRICHE RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA Enio Decorte (Referente di ARPA Friuli Venezia Giulia nel Tavolo Tecnico) Quadro storico

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

DEPURAZIONE. Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti.

DEPURAZIONE. Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti. DEPURAZIONE Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti Impianti CASSANO TRUCCAZZANO VIMERCATE TRUCCAZZANO 175.000 ab eq per 45.000

Dettagli

PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO

PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO CLAUDIO COCOZZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI La digestione anaerobica è un processo biologico per mezzo del quale, in assenza di ossigeno, la sostanza organica

Dettagli

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari.

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari. Corso Per Addetto Antincendio pag. 15 CAPITOLO 3 LA COMBUSTIONE e L INCENDIO Per combustione si intende una reazione chimica di una sostanza combustibile con un comburente che da luogo allo sviluppo di

Dettagli

IL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

IL COMPOSTAGGIO DOMESTICO IL COMPOSTAGGIO DOMESTICO EMERGENZA RIFIUTI RACCOLTA DIFFERENZIATA IL PESO DEI RIFIUTI Le sostanze organiche rappresentano circa 1/3 dei rifiuti prodotti, aumentando così la già ingente quantità di rifiuti

Dettagli

Il digestato alla luce del nuovo decreto

Il digestato alla luce del nuovo decreto Rimini, 10-11-12 Il digestato alla luce del nuovo decreto Giorgia Zaffrani DIGESTATO 1. CARATTERISTICHE OGGETTIVE: - Valore agronomico 2. DEFINIZIONI NORMATIVE: - Possibilità d uso: - Esclusione dalla

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI RENATO GAVASCI

LA GESTIONE DEI RIFIUTI RENATO GAVASCI LA GESTIONE DEI RIFIUTI RENATO GAVASCI Università di Roma Tor Vergata Dip. di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica Professore di Ingegneria Sanitaria Ambientale IL CICLO BIOLOGICO In un ambiente

Dettagli

La Fitorimediazione integrata nelle attività di bonifica in situ

La Fitorimediazione integrata nelle attività di bonifica in situ La Fitorimediazione integrata nelle attività di bonifica in situ Water & Soil Remediation Srl v. Donatori di Sangue, 13 Levata di Curtatone (MN) - Italy Direttore Scientifico Dott. Stefano Danini Team

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

Linea Guida 13. Linee Guida per interventi di bonifica mediante biopile e landfarming

Linea Guida 13. Linee Guida per interventi di bonifica mediante biopile e landfarming Linea Guida 13 Linee Guida per interventi di bonifica mediante biopile e landfarming Presidente: Assessora all Ambiente e Parco Sud: A cura della: Direttore Centrale: Coordinamento: Supporto tecnico e

Dettagli

POLLINA e BIOMETANO: IL FUTURO E OGGI

POLLINA e BIOMETANO: IL FUTURO E OGGI POLLINA e BIOMETANO: IL FUTURO E OGGI Ravenna 26 settembre 2012 Austep SpA Via Mecenate, 76/45 20138 Milano Tel. +39 02 509 94 71 Fax. +39 02 580 194 22 E-mail: info@austep.com AUSTEP opera dal 1995 con

Dettagli

I RIFIUTI UN PROBLEMA GLOBALE NASCOSTO?

I RIFIUTI UN PROBLEMA GLOBALE NASCOSTO? I RIFIUTI UN PROBLEMA GLOBALE NASCOSTO? Le cause dell inquinamento del suolo Il suolo viene inquinato a causa di vari tipi di rifiuti: quelli solidi, liquidi e gassosi. I rifiuti solidi possono essere

Dettagli

Programma OK 02. Compostabilità domestica dei prodotti

Programma OK 02. Compostabilità domestica dei prodotti Data d applicaz.: 2012-03-01 Pagina : 1 / 5 Programma OK 02 Compostabilità domestica dei prodotti In caso di dubbio o discussione, solo la versione inglese è valida. 1. Scopo 3 Sono ammessi al presente

Dettagli

Dati delle prove effettuate e schema di processo. Processo Hydrowaste

Dati delle prove effettuate e schema di processo. Processo Hydrowaste Dati delle prove effettuate e schema di processo 2010 Processo Hydrowaste Premessa Il problema dello smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani è molto sentito in tutta Europa. Oltre ai tradizionali metodi

Dettagli

L'uso dell'anidride carbonica nella pulizia, nello sgrassaggio e nella preparazione delle superfici e dei manufatti industriali

L'uso dell'anidride carbonica nella pulizia, nello sgrassaggio e nella preparazione delle superfici e dei manufatti industriali Sabino Di Pierro Fismet Industriale S.r.l. L'uso dell'anidride carbonica nella pulizia, nello sgrassaggio e nella preparazione delle superfici e dei manufatti industriali FISMET INDUSTRIALE S.r.l. VIA

Dettagli

SCHEDA TECNICA. Liquido Biologico per le Acque.

SCHEDA TECNICA. Liquido Biologico per le Acque. SCHEDA TECNICA Liquido Biologico per le Acque. FASCICOLO TECNICO N 001 Gennaio 2014 1 R-Life E un prodotto di nuova concezione in forma liquida, costituito un pool di batteri eterotrofi, coltivati attraverso

Dettagli

Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio

Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio Sonde di qualità delle acque nel bacino del lago di Massaciuccoli 1 Da marzo 20 sono state attivate tre sonde per l analisi della qualità dell acqua presso

Dettagli

Luglio 2012. 10/07/2012 055-211342 segreteria@confservizitoscana.it 1

Luglio 2012. 10/07/2012 055-211342 segreteria@confservizitoscana.it 1 VALUTAZIONE DEL QUADRO EMISSIVO DELLE SEZIONI DI TRATTAMENTO FANGHI DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO ACQUE (IMPIANTI DI DEPURAZIONE IMPIANTI DI POTABILIZZAZIONE) (punto p. alla parte l dell all. IV alla parte

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2011 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Ottobre 2012 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI

Dettagli

E buona norma prevedere un doppio anello per separare il gas in base alla sua qualità (Figura 26)

E buona norma prevedere un doppio anello per separare il gas in base alla sua qualità (Figura 26) Figura 24: Zone di influenza dei pozzetti delle reti centrale, perimetrale e di controllo. Si può osservare che, per un maggiore controllo ambientale, i volumi di influenza delle reti perimetrale e quella

Dettagli

Il monitoraggio delle acque sotterranee in siti contaminati

Il monitoraggio delle acque sotterranee in siti contaminati Geofluid,, 4 ottobre 2012 Il monitoraggio delle acque sotterranee in siti contaminati Dott. Geol. Giovanni Dondi (ECOVIVA S.a.s.) ECOVIVA S.a.s. Via Passo della Cisa,, 7 43123 Parma Tel. 0521 486372 338

Dettagli

ESPERIENZE DI COMPOSTAGGIO DI PROSSIMITA : MONITORAGGIO QUALITATIVO E LINEE GUIDA

ESPERIENZE DI COMPOSTAGGIO DI PROSSIMITA : MONITORAGGIO QUALITATIVO E LINEE GUIDA ESPERIENZE DI COMPOSTAGGIO DI PROSSIMITA : MONITORAGGIO QUALITATIVO E LINEE GUIDA Claudia Bianco, Enrico Accotto Regione Piemonte - Direzione Ambiente, Governo e Tutela del territorio Torino, 11 marzo

Dettagli

Recupero di materia e di energia: il pretrattamento della FORSU e il b: UP (upgrading a biometano)

Recupero di materia e di energia: il pretrattamento della FORSU e il b: UP (upgrading a biometano) Recupero di materia e di energia: il pretrattamento della FORSU e il b: UP (upgrading a biometano) Dott.ssa Elena Andreoli Research and Development Manager AUSTEP SpA Prima delle attività specifiche parliamo

Dettagli

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi 1. Cos è Il compostaggio è il risultato di un nuovo modo di trattare i rifiuti organici e vegetali. È semplice: noi tutti produciamo una certa quantità di rifiuti ogni giorno. Parte dei rifiuti prodotti

Dettagli

UNIONPLAST. Unione Nazionale Industrie Trasformatrici Materie Plastiche. BIOPLASTICHE & Biodegradabilità. Domande & Risposte

UNIONPLAST. Unione Nazionale Industrie Trasformatrici Materie Plastiche. BIOPLASTICHE & Biodegradabilità. Domande & Risposte Federazione Gomma Plastica UNIONPLAST Unione Nazionale Industrie Trasformatrici Materie Plastiche Unione Produttori Materiali e Manufatti in Biopolimeri BIOPLASTICHE & Biodegradabilità Domande & Risposte

Dettagli

TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA

TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA SINTESI DEI DATI RELATIVI ALLE EMISSIONI IN ATMOSFERA - ANNO 2012 1 ANALISI DELLA TIPOLOGIA, QUANTITÀ E PROVENIENZA GEOGRAFICA DEI RIFIUTI TRATTATI NELL IMPIANTO Analisi della

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Gestione dei Rifiuti. Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Gestione dei Rifiuti. Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale I RIFIUTI SPECIALI so descritti da un codice a sei cifre (codice CER 1 ) che permette la loro identificazione su tutto

Dettagli

INDAGINE GEOGNOSTICA E BONIFICA DI UN SITO CONTAMINATO DA IDROCARBURI IN LOC. BORETTO (RE)

INDAGINE GEOGNOSTICA E BONIFICA DI UN SITO CONTAMINATO DA IDROCARBURI IN LOC. BORETTO (RE) INDAGINE GEOGNOSTICA E BONIFICA DI UN SITO CONTAMINATO DA IDROCARBURI IN LOC. BORETTO (RE) Agenda 21 locale Dott.ssa Laura Michela Spinetti Boretto, 29 Maggio 2003 Ecologia Soluzione Ambiente S.r.l. dal

Dettagli

CARATTERISTICHE GEOTECNICHE E COMPORTAMENTO MECCANICO DI TERRENI A GRANA FINA STABILIZZATI MEDIANTE DEEP MIXING

CARATTERISTICHE GEOTECNICHE E COMPORTAMENTO MECCANICO DI TERRENI A GRANA FINA STABILIZZATI MEDIANTE DEEP MIXING CARATTERISTICHE GEOTECNICHE E COMPORTAMENTO MECCANICO DI TERRENI A GRANA FINA STABILIZZATI MEDIANTE DEEP MIXING Vitale Enza Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale e.vitale@unicas.it

Dettagli

La gestione delle biomasse tra recupero energetico e valorizzazione agronomica

La gestione delle biomasse tra recupero energetico e valorizzazione agronomica La gestione delle biomasse tra recupero energetico e valorizzazione agronomica una valutazione delle diverse opzioni alla luce delle strategie di sostenibilità ambientale Enzo Favoino 1 e Luca Montanarella

Dettagli

PERCHE LA RACCOLTA DEL RIFIUTO ORGANICO

PERCHE LA RACCOLTA DEL RIFIUTO ORGANICO PERCHE LA RACCOLTA DEL RIFIUTO ORGANICO Il rifiuto organico costituisce circa il 30-40% in peso della quantità complessiva di rifiuti prodotti a livello domestico. L obiettivo che l AMV vuole raggiungere

Dettagli

SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A.

SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A. SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A. ALLEGATO E al capitolato d'oneri ELENCO PREZZI LOTTO 1 Matrice Parametro

Dettagli

AirClare. AirClare. www.demaeco.eu - info@demaeco.eu

AirClare. AirClare. www.demaeco.eu - info@demaeco.eu AirClare AirClare AirClare è un nuovo metodo per la purificazione dell aria in ambienti industriali e agricoli. Il sistema è stato ideato e brevettato per poter recuperare e riciclare le sostanze chimiche

Dettagli

INTERVENTI PER LA MINIMIZZAZIONE DEI DISTURBI OLFATTIVI NEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE

INTERVENTI PER LA MINIMIZZAZIONE DEI DISTURBI OLFATTIVI NEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE INTERVENTI PER LA MINIMIZZAZIONE DEI DISTURBI OLFATTIVI NEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE Prof. Ing. Fabio Conti 1 Gli odori negli impianti di depurazione delle acque reflue urbane La produzione di odori molesti

Dettagli

Depuratore di Milano Nosedo Aspetti Gestionali e Controlli

Depuratore di Milano Nosedo Aspetti Gestionali e Controlli Depuratore di Milano Nosedo Aspetti Gestionali e Controlli SEMINARIO: Sistema depurativo delle acque di rifiuto Impianto di Milano Nosedo 16 giugno 2014 1 Lo scopo delle attività di gestione e controllo

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEI LABORATORI EUROLAB S.R.L.

IL PUNTO DI VISTA DEI LABORATORI EUROLAB S.R.L. ORDINE DEI GEOLOGI DEL PIEMONTE SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO SU TERRE E ROCCE DA SCAVO IL PUNTO DI VISTA DEI LABORATORI EUROLAB S.R.L. Hotel Fortino (TO) 29 maggio 2013 1 ORDINE DEI GEOLOGI DEL PIEMONTE

Dettagli

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE - AIA

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE - AIA AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE - AIA Direttiva n. 96/61/CE Le finalità: prevenire fenomeni di inquinamento ridurre l inquinamento attuale evitare di trasferire l inquinamento da un comparto all altro

Dettagli

BIO-METHANE REGIONS. Brochure Tecnica per Progettisti ed Operatori del Settore

BIO-METHANE REGIONS. Brochure Tecnica per Progettisti ed Operatori del Settore BIO-METHANE REGIONS Brochure Tecnica per Progettisti ed Operatori del Settore Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la nostra Regione CHE COS E IL BIOMETANO? Il Biometano è un gas che

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Figura 4. Andamento della produzione di rifiuti speciali non pericolosi per macro CER.

Figura 4. Andamento della produzione di rifiuti speciali non pericolosi per macro CER. Capitolo 9 - Rifiuti 201 Figura 4. Andamento della produzione di rifiuti speciali non pericolosi per macro CER. Figura 5. Andamento della produzione di rifiuti speciali pericolosi per macro CER. Da un

Dettagli

IMPIANTI A RECUPERO E RICICLAGGIO

IMPIANTI A RECUPERO E RICICLAGGIO IMPIANTI A RECUPERO E RICICLAGGIO NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.Lgs. 22/1997 e s.m.i. (Applicazione delle Direttive 91/156/CEE sui rifiuti, 91/689/CEE sui rifiuti pericolosi, 94/62/CE sugli imballaggi e rifiuti

Dettagli

metodi di estrazione e preparazione

metodi di estrazione e preparazione metodi di estrazione e preparazione distillazione a vapore Estrazione per pressione a freddo (spremitura) Estrazione per enfleurage Estrazione per solventi Estrazione delle resine Estrazione con anidride

Dettagli

17 Tabella 1 Principali processi di degradazione del suolo e possibili conseguenze estreme. N. Processo* Danno grave o catastrofico

17 Tabella 1 Principali processi di degradazione del suolo e possibili conseguenze estreme. N. Processo* Danno grave o catastrofico 17 Tabella 1 Principali processi di degradazione del suolo e possibili conseguenze estreme N. Processo* Danno grave o catastrofico 1 Erosione 2 Alterazione da scorrimento superficiale delle acque Frane,

Dettagli

4 BIOGAS SRL www.4biogas.it NOI LO RENDIAMO FACILE. Impianti NOVA da 50 a 300 kwp

4 BIOGAS SRL www.4biogas.it NOI LO RENDIAMO FACILE. Impianti NOVA da 50 a 300 kwp NOI LO RENDIAMO FACILE Impianti NOVA da 50 a 300 kwp Nozioni processo biologico Formazione biogas Materiale organico batteri Calore, assenza di ossigeno Composizione: CH 4 : 46 68 Vol-% CO 2 : 30 50 Vol-%

Dettagli

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI. Lezione del 11/10/2005

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI. Lezione del 11/10/2005 LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI Lezione del 11/10/2005 Obiettivi della raccolta differenziata: riduzione rifiuti da smaltire; ottimizzazione raccolta ai fini del recupero;

Dettagli

Problematiche tecnologiche nella trasformazione dei materiali da raccolta differenziata

Problematiche tecnologiche nella trasformazione dei materiali da raccolta differenziata Problematiche tecnologiche nella trasformazione dei materiali da raccolta differenziata Flavio Deflorian Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e Tecnologie Industriali, Università di Trento, Via Mesiano

Dettagli

Relazione sull esito della sperimentazione della raccolta congiunta di scarti organico e cellulosici

Relazione sull esito della sperimentazione della raccolta congiunta di scarti organico e cellulosici Scuola Agraria del Parco di Monza 1 Relazione sull esito della sperimentazione della raccolta congiunta di scarti organico e cellulosici MASSIMO CENTEMERO, SANDRO DI SCERNI, MARCO RICCI, VALENTINA CAIMI

Dettagli

BIOSONATOR. La tecnologia ad Ultrasuoni applicata agli impianti di trattamento delle acque reflue urbane

BIOSONATOR. La tecnologia ad Ultrasuoni applicata agli impianti di trattamento delle acque reflue urbane BIOSONATOR La tecnologia ad Ultrasuoni applicata agli impianti di trattamento delle acque reflue urbane Principio di funzionamento Il BIOSONATOR è un sistema di trattamento ad ultrasuoni in grado di produrre

Dettagli

RISOLUZIONE OIV-OENO 487-2013 REVISIONE DELLA MONOGRAFIA SULLA MISURA DELL ATTIVITÀ DELLA CINNAMIL ESTERASI NEI PREPARATI ENZIMATICI (OIV-OENO 6-2007)

RISOLUZIONE OIV-OENO 487-2013 REVISIONE DELLA MONOGRAFIA SULLA MISURA DELL ATTIVITÀ DELLA CINNAMIL ESTERASI NEI PREPARATI ENZIMATICI (OIV-OENO 6-2007) RISOLUZIONE OIV-OENO 487-2013 REVISIONE DELLA MONOGRAFIA SULLA MISURA DELL ATTIVITÀ DELLA CINNAMIL ESTERASI NEI PREPARATI ENZIMATICI (OIV-OENO 6-2007) L ASSEMBLEA GENERALE, Visto l articolo 2, paragrafo

Dettagli

Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR

Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR Antonio D Alessio, Andrea D Anna Report RSE/29/97 Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente RICERCA

Dettagli

TERNI 8 settembre 2011. Relatore: Dr. Antonio Feola Project manager

TERNI 8 settembre 2011. Relatore: Dr. Antonio Feola Project manager TERNI 8 settembre 2011 Relatore: Dr. Antonio Feola Project manager Beneficiario: Ente Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano Partner: Provincia di Salerno Assessorato all Ambiente Università di L

Dettagli

Il recupero agricolo

Il recupero agricolo Il recupero agricolo Origine dei fanghi biologici A seguito dell entrata in vigore della legge n. 319/76 (Merli), finalizzata alla tutela delle acque dall inquinamento, si è dato l avvio alla costruzione

Dettagli

Determinazione della Stabilità Biologica per mezzo dell Indice di Respirazione Dinamico (Metodo Di.Pro.Ve.)

Determinazione della Stabilità Biologica per mezzo dell Indice di Respirazione Dinamico (Metodo Di.Pro.Ve.) ALLEGATO D Determinazione della Stabilità Biologica per mezzo dell Indice di Respirazione Dinamico (Metodo Di.Pro.Ve.) 1. Generalità La stabilità biologica è intesa come la misura del grado di decomposizione

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI 1. LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO COME SOTTOPRODOTTI 2. I SITI CONTAMINATI 3. LA GESTIONE IN IMPIANTO DI RECUPERO DEI RIFIUTI DA

Dettagli

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Produzione di energia termica P.8. Biomassa scarti organici P.8

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Produzione di energia termica P.8. Biomassa scarti organici P.8 Biomassa scarti organici 97 Situazione attuale Con il termine «scarti organici» ci si riferisce a sostanze di origine organica, animale o vegetale. È possibile classificare tali sostanze in funzione delle

Dettagli

Caratteristiche dei rifiuti organici

Caratteristiche dei rifiuti organici Il trattamento della frazione organica dei rifiuti solidi urbani Caratteristiche dei rifiuti organici frazione umida: componente dei rifiuti urbani costituita dagli scarti di cucina originati sia dall

Dettagli

Ing. Maurizio Volpe Saber Technology srl

Ing. Maurizio Volpe Saber Technology srl Ing. Maurizio Volpe Saber Technology srl Progetto Ecodens Progetto di filiera per lo sviluppo di un processo per la produzione di un combustibile ottenuto per co-densificazione di sanse con altre biomasse

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2012 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Giugno 2013 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI -

Dettagli

PROGRAMMA DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE NELLA REGIONE FINALIZZATO ALLA VERIFICA DELLA LORO FUNZIONALITA. ANNO 2002

PROGRAMMA DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE NELLA REGIONE FINALIZZATO ALLA VERIFICA DELLA LORO FUNZIONALITA. ANNO 2002 PROGRAMMA DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE NELLA REGIONE FINALIZZATO ALLA VERIFICA DELLA LORO FUNZIONALITA. ANNO 2002 IMPIANTO MASSA MARTANA COMUNE E LOCALITA MASSA MARTANA CAPOLUOGO (SARRIOLI)

Dettagli