APPUNTI DI IDRONOMIA MONTANA parte prima

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APPUNTI DI IDRONOMIA MONTANA parte prima"

Transcript

1 APPUNTI DI IDRONOMIA MONTANA parte prima -1- IL MECCANISMO DEL LETTO FLUVIALE Poiché i fiumi scorrono generalmente entro alvei formati da materiale omogeneo e quindi facile da corrodersi, essi hanno per caratteristica un larghezza sempre maggiore della profondità. Se vengono mantenuti stretti entro argini, scavano, mentre se si lasciano larghi, si dividono in rami, alzano il fondo (depositano). A stabilizzare l alveo concorrono di regola, le tre seguenti cause: 1. la natura della materia di cui sono costituite le rive e il fondo (terreni sabbiosi cedono assai più facilmente alla forza di corrosione dell acqua, di quelli argillosi o rocciosi); 2. la configurazione del fondo (quanto più sarà declive, tanto più la forza dell acqua riuscirà a scavarlo; 3. la forza dell acqua (quanto maggiore è, tanto meno resistono il fondo e le rive, specie quando queste sono acclivi) Un alveo si dice stabilizzato quando esso conserva inalterata la forma e la sostanza. Erosione fluviale L erosione fluviale esercita tre azioni: 1. denudatrice, 2. trasportatrice, 3. accumulatrice Forza centrifuga dei vortici e nell asse delle curvature della corrente (si ha scavo nella parte esterna, mentre si ha spiaggia o arenile nella parte interna). Rapide e cascate si formano quando la pendenza è accentuata e la corrente si stacca dal letto del corso d acqua. Ruscellamento (erosione apparentemente superficiale operata dalle acque selvagge, cioè quelle acque che scorrono in alvei temporanei) Burronamento (erosione accentuata che porta sempre alla formazione di franamenti) Classificazione dei corsi d acqua La portata, ossia la quantità di acqua in mc/sec che passa attraverso una determinata sezione trasversale di un fiume, dipende, oltreché dalle condizioni climatiche e litologiche del bacino idrografico o d impluvio, anche dalla sua estensione. Più regolare portata hanno i corsi d acqua con grande bacino imbrifero rispetto a quelli con bacino più piccolo i quali ultimi risentono maggiormente dell alternarsi delle precipitazioni fino ad essiccarsi per lunghi periodi e gonfiarsi invece repentinamente al sopraggiungere delle piogge. Nel linguaggio comune questo diverso comportamento porta alla distinzione tra fiumi e torrenti. Per fiume si deve appunto intendere quel corso d acqua ad esteso bacino e a moderata pendenza in cui prevale la fase di trasporto e di sedimentazione (deposito) Per torrente, di contro, si deve intendere quel corso d acqua a ristretto bacino e a notevole pendenza in fase prevalentemente erosiva (scavo) Per convenzione si dice che un torrente, per essere definito tale, deve avere una pendenza maggiore del 35 per mille. La correzione di un alveo comprende modificazioni del fondo e delle sponde di corsi d acqua sia in zone montane che di pianura. Prof. LUIGI MARINI Pag. -1-

2 -2- CORREZIONE DEGLI ALVEI CORREZIONE DEGLI ALVEI STABILIZZATI La correzione degli alvei stabilizzati naturalmente, non ha alcuna ragione di farsi. Tutt al più si potrà provvedere a difendere l equilibrio così raggiunto. Lo scopo potrà ottenersi con soglie appena affioranti o comunque di pochissima altezza, o con rivestimenti e combinazioni di tutti e due questi mezzi. CORREZIONE DEGLI ALVEI NON STABILIZZATI IN FASE DI INTERRIMENTO Quando un alveo è in fase di interrimento, generalmente non vi è motivo di intervenire, poiché non si intravedono pericoli immediati. Tuttavia talvolta è necessario intervenire per provocare un acceleramento della stabilizzazione (né scavo, né deposito), per esempio per evitare la formazione di contropendenze e ristagni di acqua: a questo scopo si può ricorrere all abbassamento della soglia che condiziona lo svolgimento della circolazione nel tronco da correggere e susseguentemente alla profilatura dell alveo a monte della soglia medesima. L operazione è facilmente ottenibile, trattandosi di lavori in terra, ma comporta spesso un ribaltamento della situazione: abbassando la soglia si provoca quasi sempre uno scavo. E quindi necessario andare cauti nel forzare la mano alla natura stessa. Per impedire l interrimento di un tronco d alveo si può intervenire anche con il restringere la sezione trasversale del tratto (varice) mediante argini longitudinali: diminuendo infatti la sezione, aumentala velocità della circolazione e quindi la capacità della corrente liquida di trasportare la componente solida, anziché depositarla. CORREZIONE DEGLI ALVEI NON STABILIZZATI IN FASE DI SCAVO Per impedire lo scavo degli alvei e accelerare la stabilizzazione degli alvei stessi, si può ricorrere alla sopraelevazione delle soglie naturali, nonché alla costruzione di serre artificiali da intercalare fra quelle naturali esistenti. A differenza della correzione per abbassamento delle soglie degli alvei in fase di interrimento, queste operazioni non riescono mai dannose. Per effetto dell innalzamento dell alveo, gli interrimenti esercitano sui versanti laterali un effetto consolidante, tant è che proprio per questo si creano soglie artificiali. Tuttavia l effetto principale dell azione correttrice delle soglie è quella della stabilizzazione dell alveo e l effetto complementare riguarda il consolidamento dei versanti. La briglia rappresenta il tipo di soglia idonea per impedire lo scavo del fondo con effetto utile anche su tutto il tratto coperto, per l interrimento prodotto dal manufatto. Tuttavia è necessario tenere conto dell altezza delle opere e ciò si fa calcolando il pendio normativo sulla base del profilo longitudinale del corso d acqua nel tratto considerato e di quello teorico, necessario per impedire lo scavo. Una volta stabilita la pendenza del pendio normativo, l alveo viene diviso in tratti e si interviene procedendo da valle a monte (questa è la regola anche se possono esserci valide eccezioni). E sempre preferibile fare più manufatti di piccole dimensioni (l altezza in media può variare da m.1 a m. 6), che minori opere di dimensioni più grandi e ciò, sia per le difficoltà operative, sia per i maggiori costi richiesti in questo ultimo caso. I mezzi utilizzati per la difesa di sponda sono quindi la briglia, l argine, il repellente, il rivestimento vegetale andante o mediante terrazzamento. L effetto della briglia dipende dalla sua altezza che influenza l interrimento a monte. L effetto del repellente dipende dalla lunghezza di esso, ma in genere è modesto. L effetto dell argine: la quantità di difesa di sponda è uguale alla lunghezza dell argine stesso. Dal punto di vista tecnico, se la sezione trasversale del corso d acqua è maggiore della lunghezza della sponda da difendere, allora è preferibile l argine alla briglia. Di conseguenza nella pratica, la difesa di sponda si fa normalmente con le briglie in montagna e con gli argini o repellenti in pianura. Prof. LUIGI MARINI Pag. -2-

3 -3- STRUMENTI PRINCIPALI PER IL GOVERNO DEI CORSI D ACQUA MONTANI a) Opere paramassi e avvisatori automatici Consistono in muri, stecconate, fossi e piantagioni, aventi la funzione di arrestare i massi prima che arrivino nell area da difendere (strade, ferrovie, piazzole, ecc). Si possono usare anche gallerie artificiali (quando la quantità e l estensione dell area sono elevate). Si possono utilizzare avvisatori automatici (reti metalliche in cui vi è corrente a bassa tensione che si interrompe con la caduta del materiale e che attiva semafori o altro) b) Stabilizzazione ed assicurazione della superficie dei pendii e dei fronti Nei pendii in cui si sono distaccati frammenti di roccia, si può provvedere al rastrellamento se il materiale non si può fermare. Altrimenti si provvede con mensole, tiranti, ingabbionamenti, oppure con rinsaldamenti ottenuti mediante iniezioni cementizie oppure mediante bullonature nella roccia. Quest ultima consiste nel serraggio della parte superficiale del terreno con quella più interna e più salda, mediante chiodi di ferro (bulloni). c) Arginature e spostamenti delle opere ricadenti in distretti di deiezione di una frana Nel caso che il materiale franante non sia costituito da singoli massi o blocchi, ma possa raggiungere in massa l area da proteggere, bisogna allora ricorrere ad alti muri o ad argini in terra o a scogliere capaci di trattenere la massa detritica. Nel caso che tali opere non siano efficienti o non possano essere realizzabili, allora sarà necessario provvedere a spostare in zone sicure le opere in pericolo. d) Raddolcimento del pendio ed opere di sostegno Quando una pendice instabile è costituita da terreni sciolti, l instabilità può dipendere esclusivamente dall inclinazione eccessiva. Quando non è possibile provvedere allo sbancamento per ridurre la pendenza, si dovrà provvedere con opere di sostegno artificiali come speroni, contrafforti, banchettoni, muri, da realizzarsi in muratura di pietrame e malta, o in calcestruzzo e a secco, o anche a struttura mista. Tali opere dovranno essere ben fondate, cioè al di sotto della presumibile superficie potenziale di scorrimento, e dovranno essere munite di vespai, drenaggi e feritoie per alleggerire la spinta. e) Terreni lapidei stratificati a franapoggio I terreni lapidei stratificati a franapoggio possono essere stabili quando l angolo di scarpata della trincea con il piano di campagna è maggiore di quello di inclinazione degli strati stessi, quando i giunti di stratificazione non sono aperti (non vi sia la possibilità di scivolamento fra uno strato e l altro). Negli altri casi è necessario adottare provvedimenti come quelli dei casi a), b), d) e f). f) Terreni lapidei molto fratturati Se lo stato di fratturazione delle rocce assume quello di materiale sciolto, allora si ricorre ai criteri esposti alla lettera d). Se interessano grossi blocchi di roccia vale invece quanto esposto alla lettera i) g) Opere di rivestimento Si tratta di opere da effettuarsi su terreni in pendenza costituiti da materiale a basso grado di coesione (argille, marne, sabbie, tufi vulcanici, ecc), i quali sono di per sé stessi stabili, ma soggetti a lenta degradazione ad opera degli sbalzi termici e degli altri agenti climatici. Si interviene con murature a secco, a malta o a solette di calcestruzzo purché ben fondate e dotate di feritoie nonché di un conveniente strato di materiale sciolto a grossa grana con funzione di vespaio a monte. L esecuzione dell opera deve essere preceduta dalla ripulitura del fronte, asportando i blocchi di materiale già distaccati. h) Opere di sostegno nei terreni soggetti a scorrimento Prof. LUIGI MARINI Pag. -3-

4 Quando la pendenza del versante è troppo forte in rapporto alle caratteristiche geotecniche della formazione o ai carichi incombenti in prossimità del ciglio superiore della scarpa, s interviene, non più per proteggere la superficie del pendio, ma per contrastare l azione della forza-peso. Per assicurare la stabilità della massa si rende necessario asportare il prisma in eccesso o sostenerlo con opere resistenti a spinte orizzontali o servendosi di ambedue i sistemi. Si impiegano contrasti murari consistenti in muri di sostegno in pietrame a malta o in calcestruzzo (talora armato), o in gabbioni. Quando i terreni risultano compressibili o comunque instabili è necessario il ricorso ad opere deformabili (murature a secco e gabbioni). i) Singole discontinuità pendenti verso valle e separanti masse instabili di grandi dimensioni Si tratta di casi in cui il pericolo di una frana è reale. Nel caso in cui le condizioni statiche del masso instabile siano prossime a quelle dell abbandono di ogni resistenza, ne va allora provocata la caduta, regolandola opportunamente. Nel caso diverso si deve ricorrete ad opere di sostegno vere e proprie (muri, tiranti, intelaiature) dello stesso tipo di quelle accennate alla lettera b) ma di robustezza adeguata alle masse da sostenere e con cementazione (mediante iniezioni sotto pressione) tale da potere restituire la stabilità al sistema. l) Prosciugamento con drenaggi e con elettrosmosi I casi precedentemente esaminati, nei quali l acqua ha importanza irrilevante, sono i meno frequenti. Per lo più l acqua costituisce invece un fattore determinante del franamento. Salvo qualche caso particolare, il provvedimento principale consiste pertanto nella eliminazione di quest acqua (prosciugamento) per poi procedere alle opere già elencate alle lettere d) e) f) g) h) i). E necessario distinguere queste acque interne a seconda che esse siano localizzate o diffuse e che la zona d infiltrazione sia esterna oppure interna. Per acqua diffusa nella massa si intende quella che imbeve tutto il materiale sciolto, il quale pertanto si trasforma alla stato plastico o addirittura fluido. La stabilizzazione si può effettuare soltanto dopo avere ridotto il contenuto d acqua in tutti i punti della massa stessa. Per acqua localizzata o concentrata lungo una superficie consistente, si intende quella accumulatasi lungo l area di confine compresa fra due formazioni a permeabilità diversa e precisamente meno permeabile quella inferiore. L azione di questo tipo d acqua, detta lubrificante, può provocare la semplice plasticizzazione della striscia di terreno che ne è imbevuto, oppure arrivare a determinare il lavorio necessario al trascinamento delle particelle più piccole. I provvedimenti da adottare risultano i seguenti: raccogliere e allontanare le acque prima che penetrino nel terreno come detto alle lettere n) e p). intercettare le acque sotterranee a monte della massa da stabilizzare o comunque lungo il loro percorso mediante drenaggi in trincea o in galleria o anche a mezzo pozzi collegati da cunicoli (acque concentrate) richiamare le acque a valle mediante banchettoni drenanti o di pietrame (acque diffuse o concentrate) prosciugare uniformemente la massa mediante trincee, pozzi, gallerie drenanti e, se tali opere non fossero efficaci a causa di poca permeabilità del terreno, ricorrere all elettrosmosi (acque diffuse) m) Banchettoni permeabili L acqua sotterranea talvolta si incrosta, ma più spesso trascina le particelle del suolo sciolto che attraversa creando ingrottamenti che determinano poi il crollo degli strati compatti sovrastanti come generalmente accade nei terreni incoerenti. Si ricorre allora ai cosiddetti banchettoni di pietrame la cui stabilità e efficacia sono affidate al presupposto che la loro fondazione scenda al disotto della massa di terreno interessata dalla circolazione d acqua. n) Allontanamento delle acque superficiali dalla zona d infiltrazione Si deve impermeabilizzare il terreno per lo spessore necessario oppure ricoprirlo anche con pavimentazioni adatte allo scopo. Si può ricorrere inoltre a cunettoni o fossi di guardia che intercettino le acque superficiali provenienti da monte. L impermeabilizzazione si può ottenere con tecniche naturali provvedendo all inerbimento o rimboschimento e vietando in ogni caso le lavorazioni agricole del terreno. Prof. LUIGI MARINI Pag. -4-

5 o) Allontanamento delle acque dal ciglio superiore dei pendii e banchettoni di protezione degli strati più erodibili Contro l acqua che scorre su un pendio, erodendo gli strati più sensibili, i provvedimenti possono essere diretti ad evitare che l acqua scorra sul pendio stesso (mediante fossi di guardia a varie altezza), o che essa acquisti velocità (mediante interruzione del pendio con gradoni e cunette). E importante provvedere inoltre al rivestimento del pendio con zolle erbate, banchettoni in pietrame, muri a secco, ecc.. p) Disciplinamento delle acque superficiali Quanto si è esposto alle precedenti lettere (o) e (n) costituisce nell insieme ciò che si chiama disciplinamento delle acque selvagge scorrenti in superficie. Tale disciplina delle acque, nel caso che il pendio sia inciso da rigagnoli, rivi, torrenti è subordinata alla esecuzione di opere più specializzate come per esempio le briglie e rimboschimenti con terrazzamenti. q) Opere di difesa di pendii contro l erosione Contro l erosione della base di un pendio valgono le seguenti opere: argini longitudinali paralleli al corso d acqua: essendo paralleli al corso della corrente, contengono le piene e allontanano l acqua dal piede del pendio. Difese radenti: sono addossate alle sponde e costituite da muri, gabbioni, scogliere di massi o di pietrame, ecc. Difese trasversali: sono costituite dagli stessi materiali sopra esposti, ma disposte trasversalmente (repellenti o pennelli). Opere di sistemazione propriamente detta, che impegnano l intera sezione di un corso d acqua, sono costituite dalle briglie. Per i criteri di scelta, ubicazione, orientamento, conformazione e dimensionamento di queste opere, si rimanda alle successive lezioni di Idronomia e di Costruzioni. * * * * Prof. LUIGI MARINI Pag. -5-

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane

Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane Materiale tratto e adattato dalla presentazione di Massimiliano Bachis Protezione Civile Cesano Maderno Corso per Volontari Operativi Generici

Dettagli

Mitigazione del rischio frana

Mitigazione del rischio frana Mitigazione del rischio frana Interventi sul versante. Il percorso del progetto Relazione geologica Analisi e descrizione del fenomeno di instabilità Studio delle cause e del meccanismo franoso Relazione

Dettagli

Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale e orizzontale

Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale e orizzontale CORSO DI LAUREA QUINQUENNALE a.a. 2012/13 MATERIALI PER L'ARCHITETTURA Prof. Alberto De Capua Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale

Dettagli

Indice. Premessa 11. 1.10.2 Permeabilità 37. 1.10.3 Trasmissività 40 1.11 La circolazione idrica nelle rocce 46 1.11.1 Gli acquiferi 48.

Indice. Premessa 11. 1.10.2 Permeabilità 37. 1.10.3 Trasmissività 40 1.11 La circolazione idrica nelle rocce 46 1.11.1 Gli acquiferi 48. Indice Indice Indice Premessa 11 1 Le acque sotterranee 13 1.1 Principali caratteristiche delle acque sotterranee 13 1.2 La circolazione idrica nelle terre sciolte 14 1.2.1 Gli acquiferi 14 1.2.2 Classificazione

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4:

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4: ALLEGATO 4: STABILITÀ DEI VERSANTI: METODOLOGIA DA ADOTTARE COME STANDARD PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA DELLA STABILITÀ POTENZIALE INTEGRATA DEI VERSANTI AI SENSI DELLA DCR 94/85. Allegato

Dettagli

B.3: Opere di sostegno

B.3: Opere di sostegno B.3: Opere di sostegno Queste tipologie di opere riguardano il consolidamento e la stabilizzazione dei versanti attraverso opere di sostegno dei terreni. La scelta della tipologia da utilizzarsi nei singoli

Dettagli

ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE. INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO

ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE. INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO Classe 4^ - 3 ore settimanali Schede a cura del prof. Romano Oss Come tutti

Dettagli

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO STUDIO DI GEOLOGIA ASSOCIATO -------------------------------------------------------------------------------------- oggetto: relazione geologico-tecnica per il progetto di consolidamento della Rupe di

Dettagli

In relazione alla tipologia dei terreni, alla configurazione morfologica e alle caratteristiche geomorfologiche dell area in dissesto, si è ritenuto

In relazione alla tipologia dei terreni, alla configurazione morfologica e alle caratteristiche geomorfologiche dell area in dissesto, si è ritenuto 120 Comune di Piandimeleto - Pesaro Urbino In relazione alla tipologia dei terreni, alla configurazione morfologica e alle caratteristiche geomorfologiche dell area in dissesto, si è ritenuto di procedere

Dettagli

UTILIZZO DI SOLUZIONI TECNICHE A DOPPIA TORSIONE NEL CAMPO DELLA PROTEZIONE E CONSOLIDAMENTO IDRAULICO:

UTILIZZO DI SOLUZIONI TECNICHE A DOPPIA TORSIONE NEL CAMPO DELLA PROTEZIONE E CONSOLIDAMENTO IDRAULICO: UTILIZZO DI SOLUZIONI TECNICHE A DOPPIA TORSIONE NEL CAMPO DELLA PROTEZIONE E CONSOLIDAMENTO IDRAULICO: CARATTERISTICHE CAMPI DI APPLICAZIONE POTENZIALITA Dott. Geol. Massimo Salmi Ufficio Tecnico Borghi

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO (PROVINCIA DI MODENA) 41026 Pavullo n/f. - Piazza R. Montecuccoli, 1 AREA SERVIZI TECNICI - SERVIZIO LAVORI PUBBLICI Tel. 0536/29932 - Fax. 0536/324307 OGGETTO D.L. 1010/48

Dettagli

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane FENOMENI FRANOSI I fenomeni franosi o movimenti di versante sono movimenti di materiale (roccia, detrito, terra) lungo un versante. Essi rientrano nella categoria più generale dei movimenti di massa, ovvero

Dettagli

Gabbionata in rete metallica zincata rinverdita 31

Gabbionata in rete metallica zincata rinverdita 31 SINONIMI Descrizione sintetica Gabbie in rete metallica zincata a doppia torsione e maglia esagonale, riempite in loco con pietrisco di pezzatura minima 15 cm, disposti a file parallele sovrapposte. Talee

Dettagli

Per frana si intende il movimento di una massa di terreno, roccia o detrito lungo un versante sotto l azione predominante della gravità.

Per frana si intende il movimento di una massa di terreno, roccia o detrito lungo un versante sotto l azione predominante della gravità. Sono 236 i comuni marchigiani a rischio frane o alluvioni, ossia il 99% del totale. Il nostro territorio è talmente fragile che bastano ormai semplici temporali, per quanto intensi, per provocare, nel

Dettagli

Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche. Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche

Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche. Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche Brescia, Brescia, 28 28 Marzo Marzo 2009 2009 Dott. Ing. A. Sanzeni alex.sanzeni@ing.unibs.it

Dettagli

INTERVENTI DI STABILIZZAZIONE:

INTERVENTI DI STABILIZZAZIONE: COMUNE DI CAROLEI STATO DEI LUOGHI: In località Serrone si erge un imponente costone calcarenitico alla cui sommità è ubicata la proprietà Quintieri (V. planimetria allegata). Dalla parete esposta ad Est,

Dettagli

UNIVERSITÀ DI FIRENZE TECNICHE DI MIGLIORAMENTO DEI TERRENI

UNIVERSITÀ DI FIRENZE TECNICHE DI MIGLIORAMENTO DEI TERRENI UNIVERSITÀ DI FIRENZE TECNICHE DI MIGLIORAMENTO DEI TERRENI Corso di Geotecnica II Anno Accademico 2003-2004 ALTERNATIVE PROGETTUALI Nella progettazione o nella verifica di un opera (fondazione, rilevato,

Dettagli

Le strutture di FONDAZIONE

Le strutture di FONDAZIONE Le strutture di FONDAZIONE Laboratorio di Tecnologia dell Architettura Prof.ssa Paola Gallo A.A. 2012-2013 Strutture di fondazione Le fondazioni sono elementi strutturali che trasferiscono i carichi delle

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 BARRIERE PARAMASSI... 3 3 CONSOLIDATORI MONOANCORAGGIO... 4 4 GABBIONI... 6 5 MURI A SECCO... 7

1 PREMESSA... 2 2 BARRIERE PARAMASSI... 3 3 CONSOLIDATORI MONOANCORAGGIO... 4 4 GABBIONI... 6 5 MURI A SECCO... 7 1 PREMESSA... 2 2 BARRIERE PARAMASSI... 3 2.1 PRESTAZIONI... 3 2.2 CONTROLLI... 3 2.3 INTERVENTI DI MANUTENZIONE... 4 3 CONSOLIDATORI MONOANCORAGGIO... 4 3.1 PRESTAZIONI... 4 3.2 CONTROLLI... 4 3.3 INTERVENTI

Dettagli

Documentazione disponibilità Luogo di conservazione Provincia di Pistoia preliminare

Documentazione disponibilità Luogo di conservazione Provincia di Pistoia preliminare 1 te generali Il presente piano di manutenzione relativo alla realizzazione della Variante alla SR 66 Pistoiese in località Limestre (San Marcello P.se), è redatto tenendo conto delle specifiche norme

Dettagli

ALLEGATO I Flussi documentali

ALLEGATO I Flussi documentali ALLEGATI 1 ALLEGATO I Flussi documentali INTERVENTI SOGGETTI A PERMESSO A COSTRUIRE e DICHIARAZIONE DI VINCOLO IDROGEOLOGICO La Richiesta di Permesso a costruire all Edilizia Privata munita di ricevuta

Dettagli

SAI Progetti s.r.l. GeoTer

SAI Progetti s.r.l. GeoTer SAI Progetti s.r.l. GeoTer ALCUNI DATI DEL BACINO Area del bacino = 2,31 Km 2 Quota massima = 1.100 m Quota sezione di chiusura (Cherio) = 301,5 m Lunghezza asta principale = 2.370 m CALCOLO DELLA PORTATA

Dettagli

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI Ing. Irma Bonetto, Geol. Fabio Giuriato, Dott. Matteo Bisaglia Livenza, Piave, Brenta- Bacchiglione Ing. Nicola Gaspardo Regione del Veneto Alluvione

Dettagli

a protezione di un ponte sul Crati Ing. M. Ponte Dipartimento di Difesa del Suolo V. Marone

a protezione di un ponte sul Crati Ing. M. Ponte Dipartimento di Difesa del Suolo V. Marone Interventi di sistemazione idraulica a protezione di un ponte sul Crati Ing. M. Ponte Dipartimento di Difesa del Suolo V. Marone Moti di filtrazione nei terreni H 2 1 H 1 2 H Ing. M. Ponte 2 Se il moto

Dettagli

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati.

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati. 7. Pali UNITÀ I pali sono elementi strutturali utilizzati nelle opere di fondazione, nelle opere di contenimento della terra e dell acqua, negli interventi di miglioramento della stabilità dei pendii e

Dettagli

Le opere di sostegno dei fronti di scavo

Le opere di sostegno dei fronti di scavo a cura dello Studio Associato Pilati Le opere di sostegno dei fronti di scavo Inauguriamo una collaborazione editoriale con lo Studio Associato Pilati di Costabissara (Vi). Al centro degli interventi,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo.

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo. RELAZIONE TECNICA Il Comune di Predosa ha conferito incarico ai sottoscritti ing. Italo BRUNO con recapito in Novi Ligure Via Manzoni n. 14. per la redazione del progetto di Consolidamento ponte e difesa

Dettagli

Tracciamento dell opera e l attività di scavo

Tracciamento dell opera e l attività di scavo ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE Tracciamento dell opera e l attività di scavo Le operazioni di scavo, sbancamento e movimento terra possono comportare situazioni di pericolo di frane e seppellimenti, urti

Dettagli

Piano di manutenzione dell opera

Piano di manutenzione dell opera Piano di manutenzione dell opera I INDICE 1 NOTE D USO DEL PIANO... 1 1.1 NOTE GENERALI... 1 1.2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI DI PROGETTO... 2 1.3 CATEGORIE D OPERA E UNITA TECNOLOGICHE... 3 1.4 GRADO

Dettagli

SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 RELAZIONE TECNICA... 5. Consolidamento della strada comunale del Canalicchio

SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 RELAZIONE TECNICA... 5. Consolidamento della strada comunale del Canalicchio SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 RELAZIONE TECNICA... 5 2.1 INTERVENTI DI PROGETTO... 5 2.2 GESTIONE DELLE INTERFERENZE... 7 Progetto esecutivo 1 1 PREMESSA L Amministrazione Comunale di Montalcino, con l obiettivo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA GEOTECNICA TESI DI LAUREA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA GEOTECNICA TESI DI LAUREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA GEOTECNICA TESI DI LAUREA L uso dei Geosintetici nella Stabilizzazione dei pendii Relatore: Candidato: Ch.mo

Dettagli

Bio tecniche: opere in legname per il consolidamento e il sostegno dei versanti e per il controllo dell assetto dei corsi d acqua

Bio tecniche: opere in legname per il consolidamento e il sostegno dei versanti e per il controllo dell assetto dei corsi d acqua Verificadellastabilitàdiopereinlegname Capitolo3 Capitolo3: Biotecniche:opereinlegnameperilconsolidamentoeilsostegno deiversantieperilcontrollodell assettodeicorsid acqua 3.1Palificatedisostegno Tali opere

Dettagli

Uso in sicurezza delle PLE Guida alla valutazione delle condizioni del terreno

Uso in sicurezza delle PLE Guida alla valutazione delle condizioni del terreno Introduzione La condizioni ottimali del terreno su cui poggiano le PLE sono di capitale importanza per garantirne la stabilità. Lo stesso vale per le piattaforme dotate di martinetti e stabilizzatori e

Dettagli

Nuovo impianto fognario. Modifica impianto esistente

Nuovo impianto fognario. Modifica impianto esistente RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE DI ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 03-04-2006, e successive modifiche ed integrazioni. Immobile sito nella frazione

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov

Sistemi Informativi Territoriali. Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov Sistemi Informativi Territoriali Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov Nozioni di Cartografia Esempi di lettura di carte Tratto da La lettura delle carte geografiche di Aldo Sestini Firenze, 1967 1

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO DI MESSA IN SICUREZZA DELL ABITATO DI ESCARRA

PROGETTO DEFINITIVO DI MESSA IN SICUREZZA DELL ABITATO DI ESCARRA PREMESSA Con la normativa vigente in materia di Lavori Pubblici viene riconosciuta l importanza della conservazione della qualità edilizia nel tempo, attraverso l introduzione del piano di manutenzione

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

TU 81/08 art. 118-119 120 Scavi e Fondazioni Gli scavi si distinguono in: scavi a cielo aperto scavi in galleria o in cunicolo

TU 81/08 art. 118-119 120 Scavi e Fondazioni Gli scavi si distinguono in: scavi a cielo aperto scavi in galleria o in cunicolo TU 81/08 art. 118-119 120 Scavi e Fondazioni Gli scavi si distinguono in: scavi a cielo aperto scavi in galleria o in cunicolo scavi di sbancamento (o splateamento o in sezione ampia o sterri) sono quelli

Dettagli

Manutenzione straordinaria del Torrente Salsero

Manutenzione straordinaria del Torrente Salsero PREMESSA Il presente progetto prende le mosse da un finanziamento per complessivi 367.021,00 necessario la manutenzione straordinaria del Rio Salsero e cofinanziato dalla Regione Toscana, Provincia di

Dettagli

DI GABBIA ADOLFO E FIGLIO S.R.L. Via dello Struggino 24 loc. Picchianti 57121 Livorno (LI)

DI GABBIA ADOLFO E FIGLIO S.R.L. Via dello Struggino 24 loc. Picchianti 57121 Livorno (LI) DI GABBIA ADOLFO E FIGLIO S.R.L. Via dello Struggino 24 loc. Picchianti 57121 Livorno (LI) VERIFICHE GEOLOGICHE E IDROGEOLOGICHE A SUPPORTO DELLARICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE EX ART. 208 D.LGS. 152/06 SEDE:

Dettagli

TERRE RINFORZATE INGEGNERIA NATURALISTICA IDROSEMINA PARAVALANGHE PARAMASSI BARRIERE STRADALI DI SICUREZZA TUBAZIONI

TERRE RINFORZATE INGEGNERIA NATURALISTICA IDROSEMINA PARAVALANGHE PARAMASSI BARRIERE STRADALI DI SICUREZZA TUBAZIONI SICUREZZA AMBIENTE TERRE RINFORZATE INGEGNERIA NATURALISTICA IDROSEMINA PARAVALANGHE PARAMASSI BARRIERE STRADALI DI SICUREZZA TUBAZIONI / /////// ///// www.altaquotasrl.it LAVORIAMO PER L UOMO CON LA

Dettagli

1 Relazione Generale sull Intervento...2. 2 Determinazione dei parametri geotecnici...2. 3 Normativa di riferimento...3. 4 Relazione sui materiali...

1 Relazione Generale sull Intervento...2. 2 Determinazione dei parametri geotecnici...2. 3 Normativa di riferimento...3. 4 Relazione sui materiali... 1 Relazione Generale sull Intervento... Determinazione dei parametri geotecnici... 3 Normativa di riferimento...3 4 Relazione sui materiali...3 5 Verifiche statiche...4 5.1 Formule di calcolo delle azioni...4

Dettagli

Strutture murarie. Lezione 2 L02

Strutture murarie. Lezione 2 L02 Strutture murarie Lezione 2 1 Cenni preliminari Nel passato veniva usata praticamente sempre la cosiddetta muratura continua. Dai tempi dei Romani, ad anche prima, si è sempre utilizzata, quindi è stata

Dettagli

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo Valanga = massa di neve, piccola o grande che sia, in movimento lungo un pendio (definizione AINEVA). A. La zona di distacco è il luogo dove prende

Dettagli

UTILIZZO DI STRUTTURE DI SOSTEGNO IN GABBIONI NELLE OPERE DI CONSOLIDAMENTO DEI TERRENI E NELL INGEGNERIA NATURALISTICA:

UTILIZZO DI STRUTTURE DI SOSTEGNO IN GABBIONI NELLE OPERE DI CONSOLIDAMENTO DEI TERRENI E NELL INGEGNERIA NATURALISTICA: UTILIZZO DI STRUTTURE DI SOSTEGNO IN GABBIONI NELLE OPERE DI CONSOLIDAMENTO DEI TERRENI E NELL INGEGNERIA NATURALISTICA: CARATTERISTICHE CAMPI DI APPLICAZIONE POTENZIALITA Dott. Geol. Massimo Salmi Ufficio

Dettagli

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER:

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER: Legge Forestale della Toscana n. 39/2/R del 5/9/2001 - Regolamento di La L.R.T. n.1/2003, di modifica ed integrazione della L.R.T.39/2000 Legge forestale della Toscana ha attribuito ai Comuni il rilascio

Dettagli

13 LE FONDAZIONI. 13.1 L elemento costruttivo fondazione

13 LE FONDAZIONI. 13.1 L elemento costruttivo fondazione 13 LE FONDAZIONI 13.1 L elemento costruttivo fondazione Le strutture portanti di fondazione costituiscono l elemento di trasmissione al terreno dei carichi verticali ed orizzontali agenti sull edificio;

Dettagli

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO Marcello Benedini Giuseppe Gisotti Indice pag. 11 Introduzione Scopi e necessità della protezione idrogeologica 17 l. Parte prima.

Dettagli

La storia del dissesto idrogeologico è un problema antico per l Italia. Ed è proprio la storia che mette in risalto come i fenomeni si ripetano in

La storia del dissesto idrogeologico è un problema antico per l Italia. Ed è proprio la storia che mette in risalto come i fenomeni si ripetano in La storia del dissesto idrogeologico è un problema antico per l Italia. Ed è proprio la storia che mette in risalto come i fenomeni si ripetano in determinate aree, più sensibili ed esposte. L IDROGEOLOGIA

Dettagli

Tecco stabilizza i pendii, impedisce le fuoriuscite di materiale e si mimetizza nella natura.

Tecco stabilizza i pendii, impedisce le fuoriuscite di materiale e si mimetizza nella natura. Tecco stabilizza i pendii, impedisce le fuoriuscite di materiale e si mimetizza nella natura. La rete Tecco in acciaio ad alta resistenza è una soluzione innovativa per le opere di contenimento ed è una

Dettagli

APPENDICE A SCHEDE DI FATTIBILITA

APPENDICE A SCHEDE DI FATTIBILITA APPENDICE A Pagina 1 di 29 1 Capoluogo, via degli Imberti Tavola in scala 1:2.000 1 AT1 Area di trasformazione per nuova edificazione ad uso residenziale. calcareniti; suoli di copertura derivati dal disfacimento

Dettagli

strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato

strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato 1. PREMESSA In seguito alle forti piogge verificatesi negli ultimi due inverni un tratto di circa 30 m della strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato

Dettagli

DISEGNO dell ARCHITETTURA II

DISEGNO dell ARCHITETTURA II 1 DISEGNO dell ARCHITETTURA II Il disegno delle strutture portanti. Le diapositive costituiscono unicamente una base per lo sviluppo della lezione e, come tali, non sostituiscono in alcun modo i testi

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO (Classe delle Lauree Specialistiche in Ingegneria per l Ambiente

Dettagli

SCHEDA TECNICA : GEOTESSILE

SCHEDA TECNICA : GEOTESSILE COMPOSIZIONE: Mix di fibre sintetiche in fiocco (Poliestere 100%). CARATTERISTICHE: Tessuto non tessuto calandrato e termofissato.esente da collanti o leganti chimici. Prodotto ecologico completamente

Dettagli

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni Il rischio idraulico Giuseppe Simoni Servizio Tecnico Bacino Reno REGIONE EMILIA-ROMAGNA Il rischio da eventi naturali CONCETTI FONDAMENTALI 1) Il RISCHIO è il prodotto di più fattori : - PERICOLOSITA

Dettagli

COMUNE DI PRATO. Relazione specialistica delle strutture

COMUNE DI PRATO. Relazione specialistica delle strutture Gli interventi strutturali previsti sul Bastione delle Forche sono i seguenti: realizzazione di una nuova scala di accesso al Bastione in prossimità della scala esistente; realizzazione del parapetto lungo

Dettagli

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE Premesse La rete per l evacuazione delle acque meteoriche dal corpo stradale, viene progettata in maniera da captare la totalità delle acque piovane

Dettagli

Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quinquies

Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quinquies REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici Prezzario Regionale dei lavori pubblici Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quinquies Anno: 2008 Indice Voci finite i Indice D.0012 - RESTAURO..............................................

Dettagli

0.00 m. 1,75 m. ghiaiosa); γ 3 = 14,5 kn/m 3 c = 0 kpa ϕ = 35. 10.00 m. 21.75 m

0.00 m. 1,75 m. ghiaiosa); γ 3 = 14,5 kn/m 3 c = 0 kpa ϕ = 35. 10.00 m. 21.75 m ESERCITAZIONE n. 5 Carico limite di un palo trivellato Si calcoli, con le formule statiche, il carico limite di un palo trivellato del diametro di 0,4 m e della lunghezza di 11 m, realizzato in un sito

Dettagli

Parapetti provvisori. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili

Parapetti provvisori. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Parapetti provvisori Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Edizione 2014 Pubblicazione realizzata da INAIL Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti e insediamenti

Dettagli

2. Sistemazione movimento franoso loc. Rif. Rey/San Giusto: RELAZIONE SUL CONTO FINALE E CERTIFICATO DI REGOLARE ESECUZIONE (29 settembre 2008)

2. Sistemazione movimento franoso loc. Rif. Rey/San Giusto: RELAZIONE SUL CONTO FINALE E CERTIFICATO DI REGOLARE ESECUZIONE (29 settembre 2008) INDICE 1. Lavori di mitigazione dei fattori di rischio idrogeologico nel bacino del Rio San Giusto (Frana Rifugio Rey / Rio San Giusto) : RELAZIONE E CERTIFICATO DI COLLAUDO (13 aprile 2006) 2. Sistemazione

Dettagli

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DIRETTIVA PER LO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI SICUREZZA DEI CANALI DI GUARDIA ESISTENTI (ARTICOLO

Dettagli

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO 4 RISCHIO IDROGEOLOGICO Premessa Il rischio è dovuto all interazione di una somma di elementi diversi ed è conseguenza di fenomeni associati all assetto geologico, idrogeologico-idraulico e situazioni

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Analisi dei prezzi Volume 9

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Analisi dei prezzi Volume 9 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici Prezzario Regionale dei lavori pubblici Voci finite: Analisi dei prezzi Volume 9 Anno: 2008 Indice Voci finite i Indice D.0012 - RESTAURO..............................................

Dettagli

A: Opere di consolidamento dell alveo

A: Opere di consolidamento dell alveo A: Opere di consolidamento dell alveo Le opere di sistemazione idraulica sono interventi diretti alla stabilizzazione del fondo dell alveo e alla salvaguardia del territorio circostante lo stesso da esondazioni.

Dettagli

INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1

INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1 4 PIANO STRALCIO PER L'ASSETTO IDROGEOLOGICO... 2 4.1 NODO VALLONE CERNICCHIARA/RAFASTIA...

Dettagli

1. PREMESSE... 2 2. BARRIERA DI SUPERFICIE... 3 3. SISTEMAZIONE FINALE DELL AREA DI INTERRAMENTO... 6

1. PREMESSE... 2 2. BARRIERA DI SUPERFICIE... 3 3. SISTEMAZIONE FINALE DELL AREA DI INTERRAMENTO... 6 SOMMARIO 1. PREMESSE... 2 2. BARRIERA DI SUPERFICIE... 3 3. SISTEMAZIONE FINALE DELL AREA DI INTERRAMENTO... 6 4. INSERIMENTO PAESAGGISTICO DEL CAMPO FOTOVOLTAICO... 7 5. SIMULAZIONI FOTOGRAFICHE... 8

Dettagli

Principali tipologie di terreno

Principali tipologie di terreno Principali tipologie di terreno Terreni derivati da rocce sedimentarie (NON COESIVI): Sabbie Ghiaie Terreni derivati da rocce scistose (COESIVI): Argille Limi Terreni di derivazione organica: Torbe Terreno

Dettagli

Quadri fessurativi in situazioni particolari

Quadri fessurativi in situazioni particolari Seminario di Aggiornamento Professionale DIAGNOSI E MONITORAGGIO DEI DISSESTI DEGLI EDIFICI Matera 3 ottobre 2009 Quadri fessurativi in situazioni particolari Prof. Ing. Geol. Vincenzo Simeone Professore

Dettagli

Muretti a secco Un patrimonio da preservare

Muretti a secco Un patrimonio da preservare Istituto Tecnico Per Geometri V. Cardarelli Muretti a secco Un patrimonio da preservare Usai Giacomo Classe: 5 R 2009/2010 Indice 1. Introduzione 3 2. Le Sistemazioni artificiali dei pendii 5 2.1 Le tipologie

Dettagli

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l..

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l.. SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO ART S.r.l.. 1 Generalità... 1 2 Carichi massimi sui pali... 3 2.1 Pile... 3 2.2 Spalle...

Dettagli

7.c RISCHIO GEOLOGICO

7.c RISCHIO GEOLOGICO 7.c RISCHIO GEOLOGICO I- Introduzione In questo paragrafo viene analizzato il territorio sotto l aspetto della pericolosità geologica, intesa come l attitudine del territorio a manifestare eventi di dissesto

Dettagli

PROPOSTA PROGETTUALE D INTERVENTO

PROPOSTA PROGETTUALE D INTERVENTO PROGETTO E.N.E.A. - EVITARE NUOVE EMERGENZE AMBIENTALI A SARAJEVO - ( D.G.P. N.42 DEL 22 MARZO 2000 ) PROPOSTA PROGETTUALE D INTERVENTO settembre 2000 PROVINCIA DI LIVORNO - SETTORE 6 - Pagina 1 di 11

Dettagli

Relazione tecnico illustrativa delle opere di Ingegneria Naturalistica previste sulla strada di nuova costruzione.

Relazione tecnico illustrativa delle opere di Ingegneria Naturalistica previste sulla strada di nuova costruzione. Relazione tecnico illustrativa delle opere di Ingegneria Naturalistica previste sulla strada di nuova costruzione. I. Introduzione Si intende con il termine ingegneria naturalistica l insieme di tutte

Dettagli

Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA. Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli

Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA. Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli PROGETTO ESECUTIVO INTERVENTI CONSERVATIVI ED INTEGRATIVI ALLA BRENNERO E DEGLI INTERVENTI DI Anno 2003-2004 Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli

Dettagli

Accenniamo brevemente ai vari tipi di frese meccanizzate, utilizzate in accordo con le caratteristiche geomeccaniche del mezzo da scavare.

Accenniamo brevemente ai vari tipi di frese meccanizzate, utilizzate in accordo con le caratteristiche geomeccaniche del mezzo da scavare. Articolo su tecnologia TBM per rivista GALLERIE EARTH PRESSURE BALANCE MACHINE Breve cenno sull utilizzo dello scudo meccanizzato a pressione bilanciata nello scavo delle gallerie e sulla funzione della

Dettagli

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a:

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a: (IMP) FOGNATURA Il tubo PE a.d. è particolarmente indicato per la realizzazione di impianti di scarico in edifici civili ed industriali, oppure in terreni particolarmente instabili dove altri materiali

Dettagli

Interventi di tipo strutturale per la stabilizzazione dei pendii

Interventi di tipo strutturale per la stabilizzazione dei pendii Ciclo di Seminari Ricerca, Alta Formazione e Mitigazione del Rischio Idrogeologico in Calabria Interventi di tipo strutturale per la stabilizzazione dei pendii Prof. Ing. Enrico Conte La principale finalità

Dettagli

SOLUZIONI COSTRUTTIVE 2

SOLUZIONI COSTRUTTIVE 2 LIBRO I Fondazioni e sostegni FONDAZIONI Scheda N : SOLUZIONI COSTRUTTIVE 2 Libro I Casi particolari Fondazioni sotto pressione L incidenza dell acqua che non riesce a risalire liberamente al di sopra

Dettagli

Consiglio Nazionale Geologi.it Circolari. A tutti gli Ordini Regionali dei Geologi LORO SEDI. Roma, 28 giugno 2007 Rif. P/CR.c/2996 CIRCOLARE N 259

Consiglio Nazionale Geologi.it Circolari. A tutti gli Ordini Regionali dei Geologi LORO SEDI. Roma, 28 giugno 2007 Rif. P/CR.c/2996 CIRCOLARE N 259 Consiglio Nazionale Geologi.it Circolari A tutti gli Ordini Regionali dei Geologi LORO SEDI Roma, 28 giugno 2007 Rif. P/CR.c/2996 CIRCOLARE N 259 OGGETTO: Competenze del Geologo in materia di progettazione,

Dettagli

La presenza di ampie aree a rischio

La presenza di ampie aree a rischio Mitigazione del rischio di frana Gianfranco Urciuoli Gran parte del territorio italiano è interessato dalla presenza di ampie aree a rischio di frana che propongono rilevanti problemi di sicurezza per

Dettagli

Grazie ai mezzi maneggevoli, si possono produrre pali inclinati in quasi ogni inclinazione e direzione.

Grazie ai mezzi maneggevoli, si possono produrre pali inclinati in quasi ogni inclinazione e direzione. Battitura di pali duttili Generalità: Grazie agli escavatori idraulici leggeri e maneggevoli, i lavori per fondazioni di pali possono essere eseguiti anche in condizioni difficili oppure quando lo spazio

Dettagli

GEOROCCE snc di Tomasoni Angelo & F.lli

GEOROCCE snc di Tomasoni Angelo & F.lli L esperienza lavorativa maturata da Georocce relativamente alla realizzazione di opere specializzate, garantisce ai clienti del settore pubblico e privato la massima soddisfazione. La ditta mette a disposizione

Dettagli

C6. PROGETTAZIONE GEOTECNICA

C6. PROGETTAZIONE GEOTECNICA C6. PROGETTAZIONE GEOTECNICA Per progettazione geotecnica si intende l insieme delle attività progettuali che riguardano le costruzioni o le parti di costruzioni che interagiscono con il terreno, gli interventi

Dettagli

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Gli interventi sulle strutture ad arco o a volta possono essere realizzati

Dettagli

COMUNE DI GINOSA Provincia di Taranto Regione Puglia

COMUNE DI GINOSA Provincia di Taranto Regione Puglia COMUNE DI GINOSA Provincia di Taranto Regione Puglia Interventi di miglioramento sui recapiti finali costituiti da CISNS e dal suolo - Rinaturalizzazione del canale Galaso-Marinella, recapito finale dell'

Dettagli

QUADERNO DELLE OPER TIPO

QUADERNO DELLE OPER TIPO REGIONE CAMPANIA AUTORITA DI BACINO REGIONALE DESTRA SELE PROGETTO DI VARIANTE AGGIORNAMENTO DEL VIGENTE PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO PROGETTO DI PIANO PER L ASSETTO IDRO-GEOLOGICO QUADERNO

Dettagli

TECCO sistema di consolidamento di versante

TECCO sistema di consolidamento di versante TECCO sistema di consolidamento di versante Il consolidamento di scarpate con il sistema flessibile TECCO per una soluzione verde, duratura, sicura e conveniente, che rappresenta un alternativa allo spritz

Dettagli

DIGHE E uno sbarramento su un corso d acqua naturale che crea un invaso.

DIGHE E uno sbarramento su un corso d acqua naturale che crea un invaso. DIGHE E uno sbarramento su un corso d acqua naturale che crea un invaso. Diga di Ridracoli (FC) - h=103,5 m - Invaso circa 33 milioni di m 3 DIGHE IN ITALIA Il Registro Italiano Dighe provvede, ai fini

Dettagli

DATI, VERIFICHE ED ACCERTAMENTI NECESSARI PER LA REDAZIONE DEL CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA/SISMICA Edifici in cemento armato

DATI, VERIFICHE ED ACCERTAMENTI NECESSARI PER LA REDAZIONE DEL CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA/SISMICA Edifici in cemento armato DATI, VERIFICHE ED ACCERTAMENTI NECESSARI PER LA REDAZIONE DEL CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA/SISMICA Edifici in cemento armato Sezione n 1- Informazioni amministrative: In tale sezione devono essere

Dettagli

Normative di riferimento

Normative di riferimento Aztec Informatica CARL 9.0 Relazione di calcolo 1 RELAZIONE DI CALCOLO GEOTECNICO Normative di riferimento - Legge nr. 1086 del 05/11/1971. Norme per la disciplina delle opere in conglomerato cementizio,

Dettagli

Relazione tecnico-illustrativa

Relazione tecnico-illustrativa Relazione tecnico-illustrativa Premessa Gli interventi in progetto sono finalizzati a consolidare il tratto terminale della Valle dei Flaccadori, per circa 250 m, al fine di migliorarne la funzionalità

Dettagli

I PONTI TERMICI. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno. o Implementare le prestazioni dell edificio

I PONTI TERMICI. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno. o Implementare le prestazioni dell edificio ATOMO 1 I PONTI TERMICI Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno o Implementare le prestazioni dell edificio elementi opachi elementi vetrati PONTI TERMICI I ponti termici

Dettagli

Interventi di Ingegneria Naturalistica

Interventi di Ingegneria Naturalistica Interventi di Ingegneria Naturalistica Prof. Ing. Francesco Canestrari Interventi di ingegneria naturalistica - 1 Interferenze Naturalistiche dovute alla realizzazione di infrastrutture viarie : perdita

Dettagli

FONDAZIONI parte di struttura a diretto contatto con il terreno al quale vincola stabilmente la struttura stessa

FONDAZIONI parte di struttura a diretto contatto con il terreno al quale vincola stabilmente la struttura stessa DEFINIZIONE FONDAZIONI parte di struttura a diretto contatto con il terreno al quale vincola stabilmente la struttura stessa concepite per ripartire le sollecitazioni provenienti dalla struttura in elevazione

Dettagli

INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 "VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO"

INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 "VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO" LAVORI: Intervento n. 36: adeguamento idraulico attraversamenti Rio Galli, copertura ial km 0+000, ponticello

Dettagli

b. Discontinue o isolate zattere

b. Discontinue o isolate zattere Ordinarie o continue a.continue travi rovesce platee FONDAZIONI DIRETTE SUPERFICIALI plinti b. Discontinue o isolate zattere a.1 CONTINUE Quando il carico da trasmettere al terreno non è elevato e la struttura

Dettagli