COMUNICAZIONE PREVENTIVA DELL' ATTIVITA DI SPARGIMENTO DEI LIQUAMI ZOOTECNICI SU SUOLO AGRICOLO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNICAZIONE PREVENTIVA DELL' ATTIVITA DI SPARGIMENTO DEI LIQUAMI ZOOTECNICI SU SUOLO AGRICOLO"

Transcript

1 Cod. Mod. PAMRF22C.rtf 06/2003 COMUNICAZIONE PREVENTIVA DELL' ATTIVITA DI SPARGIMENTO DEI LIQUAMI ZOOTECNICI SU SUOLO AGRICOLO Art. 5 comma 3 e 5 Allegato D del P.R.R.A, modificato con D.G.R. n. 3733/92 (1) e D.G.R. 4954/98 e p.c. al Comune di (2) Alla Provincia di Treviso Il sottoscritto residente via in qualità di (3) dell'allevamento (Denominazione) ubicato a via sede legale in Codice ASL CODICE FISCALE Tel. COMUNICA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA' ai sensi dell' art. 5 dell' Allegato D del P.R.R.A., modificato con DGR 3733/92, i dati e le informazioni richieste tramite la compilazione dei seguenti allegati: Foglio 1 Foglio 2 Foglio 3 Foglio 4 Foglio 5 n atti di assenso; n fotocopie planimetrie catastali 1:2.000 e C.T.R 1: con evidenziati tutti i mappali oggetto di spandimento Il sottoscritto si impegna altresì a comunicare preventivamente ogni eventuale variazione in ordine a quanto dichiarato relativamente alle aree disponibili, alla tipologia dell'allevamento, al peso vivo allevato (4). Con osservanza Data Firma FOGLIO 1 - INFORMAZIONI SUL SISTEMA DI GESTIONE DEI LIQUAMI ZOOTECNICI Sede dell'allevamento - 1 -

2 Caratteristiche costruttive : Fabbricato chiuso Tettoia aperta Misto Superficie coperta delle strutture di allevamento m 2 Tipo di pavimentazione: Grigliato Fessurato Lettiera permanente Pavimentazione piena pulizia: Soglie di tracimazione Con acqua a bassa pressione Con cassoni ribaltabili Ricircolo di liquami Altri Con acqua ad alta pressione Asportazione meccanica stoccaggio: Vasche in cemento n m 3 Vasche sottogrigliato n m 3 Bacini di accumulo m 3 m 3 VOLUME TOT. DISPONIBILE m 3 Platee n m 2 separazione: Vaglio statico Vaglio relativo Vaglio vibrante Separatrice centrifuga Separatrice a pressa trattamento : Omogeneizzazione Sedimentazione Stabilizzazione aerobica Stabilizzazione anaerobica distribuzione : Spandiletame Carrobotte Autobotte Impianto di fertiirrigazione FOGLIO 2 - CALCOLO DEL ALLEVATO CATEGORIA ANIMALI (art. 4 Allegato D) AVICOLI - AVICUNICOLI PESO MEDIO Kg. Conigli riproduttori 3.5 Conigli da ingrasso oltre 3 mesi 1.8 N CAPI MEDIAMENTE PRESENTI (5) ALLEVATO - 2 -

3 CATEGORIA ANIMALI (art. 4 Allegato D) PESO MEDIO Kg. Conigli da carne 0-3 mesi o più 1.2 Galline ovaiole 1.8 Polli da carne 0-2 mesi 1 Pollastre 0-4 mesi 0.8 Tacchini da carne 0-5 mesi 7.5 Tacchine da carne 5 Faraone da carne 0.8 Quaglie 0-3 mesi 0.15 TOTALE AVICUNICOLI N CAPI MEDIAMENTE PRESENTI (5) ALLEVATO SUINI Lattonzoli 7-25 Kg. 15 Magroncelli Kg. 35 Magroni e scrofette da rimonta Kg. 70 Suini da macello Kg. 100 Suini grasso da mac Kg. 120 Scrofe 180 Suini da ingrasso 95 Verri 200 TOTALE SUINI BOVINI Bovini adulti (età superiore a 15 mesi) Vitelloni da 6 a 15 mesi Vitelli svezzati da 0 a 6 mesi TOTALE BOVINI

4 OVICAPRINI - EQUINI Pecore e Capre 50 Agnelli 0-3 mesi 15 EQUINI ( fattrici o Stalloni ) 550 Puledri da ingrasso 0-10 mesi TOTALE OVICAPRINI - EQUINI 170 Foglio 3 - TERRENI PROPRI (OVVERO CONDOTTI A QUALSIASI TITOLO) N (6) Comune Prov. Dati Catastali Sez. Fg. Map. ZONA A ZONA B ZONA C Foglio 4- TERRENI ALTRUI (8) N (7) Comune Prov. Dati Catastali Sez. Fg. Map. ZONA A ZONA B ZONA C - 4 -

5 N (7) Comune Prov. Dati Catastali Sez. Fg. Map. ZONA A ZONA B ZONA C Foglio 5 - VERIFICA DI CARICO ( PER ETTARO) (10) CARICO MASSIMO CONSENT. ZONA A 0 ALLEVAMENTI AVICUNICOLI Ha.a.ca. ALLEVABILE ZONA B (9) 15 ZONA C 15 ZONA D 25 Peso vivo allevato Tot. ql. Tot.ql. SUINI E VITELLI SVEZZATI CARICO MASSIMO CONSENT. ZONA A 0 Ha.a.ca. ALLEVABILE ZONA B (9) 24 ZONA C 24 ZONA D 35 Peso vivo allevato Tot. ql. Tot.ql. ALTRI : Specificare CARICO MASSIMO CONSENT. ZONA A 0 ZONA B (9) 30 Ha.a.ca. ALLEVABILE - 5 -

6 ZONA C 30 ZONA D 40 Peso vivo allevato Tot. ql. Tot.ql. NOTE ( 1 ) La comunicazione va presentata in carta semplice e con firma non autenticata. ( 2 ) Copia della comunicazione va inviata alla Provincia sede dell'allevamento, alla Provincia e ai comuni interessati allo spargimento. ( 3 ) Rappresentante legale, titolare, altro. ( 4 ) Per quanto riguarda il peso vivo allevato è ammessa una tolleranza del 5% in relazione ad eventi non programmabili nel contesto del normale ciclo aziendale. ( 5 ) Si intende il n di capi mediamente presenti nell'arco dell'anno; nel caso di allevamenti con più cicli produttivi la presenza media dovrà essere determinata moltiplicando il n di capi allevati durante ogni ciclo per la frazione di anno, in dodicesimi, di presenza in azienda. ( 6 ) Va indicato un n progressivo corrispondente alla numerazione riportata sulle planimetrie allegate. ( 7 ) Proprietà, Affitto, Cooperativa, Enfiteusi, Usufrutto, altro. ( 8 ) Per i terreni altrui, ossia non condotti direttamente dal titolare dell'allevamento è necessario allegare l'atto d'assenso secondo il modello definito nell'allegato 3. ( 9 ) Per i terreni ricadenti in bacino idrografico immediatamente sversanti in laguna di Venezia i carichi di peso vivo allevato devono essere conformi all'art. 4 punto 2 lettera a) b) c) della DGRV 33/92. ( 10 ) Nel caso l'azienda adotti un sistema di separazione solido-liquido con produzione di materiale non assimilabile al liquame, il peso vivo allevato va ridotto in relazione ai coefficienti riportati nella circolare esplicativa note all'art

7 allegato 3 ATTO DI ASSENSO ALLO SPARGIMANTO DI LIQUAMI ZOOTECNICI Io sottoscritto nato a residente a via in qualità di conduttore dell'azienda agricola ( sede e ragione sociale) il CODICE FISCALE DICHIARO di avere la disponibilità dei terreni così individuati : Comune Dati catastali Sup. Ha.a.ca rendere disponibili gli stessi per lo spargimento dei liquami esclusivamente prodotti, dall'allevamento di sito nel comune di La disponibilità dei terreni decorre dalla data di sottoscrizione del presente atto e avrà durata di anni ( massimo 5), salvo disdetta anticipata che sarà tempestivamente comunicata anche all'amministrazione provinciale, nel cui territorio è ubicato l'allevamento, e dove ricadono i terreni interessati allo spargimanto. Firma (concedente) Io sottoscritto nato a in qualità di titolare/responsabile dell'allevamento denominato Cod. Fiscale autorizzato allo spargimento dei liquami nei terreni sopra indicati il DICHIARO che la distribuzione del liquame verrà effettuata nel rispetto delle norme stabilite dell'allegato D del PRRA; che i fondi predetti non verranno interessati dallo spargimento di deiezioni zootecniche provenienti da altri allevamenti o da fanghi di depurazione. Data: Firma (allevatore - 7 -

MODULO A. e, p.c.: Ill.mo Signor Sindaco del Comune di. (copia in bollo alla Provincia, copia in carta semplice al Comune)

MODULO A. e, p.c.: Ill.mo Signor Sindaco del Comune di. (copia in bollo alla Provincia, copia in carta semplice al Comune) MODULO A. Spettabile Provincia di Torino Area Ambiente, Parchi, Risorse Idriche e tutela della Fauna Servizio Gestione Risorse Idriche Via Valeggio, 5 10128 Torino (copia in bollo alla Provincia, copia

Dettagli

Città di Fiumicino (Provincia di Roma

Città di Fiumicino (Provincia di Roma COMUNICAZIONE SEMPLIFICATA 1 per aziende con produzione/utilizzazione al campo di azoto da effluenti di allevamento compresa tra 3.001 e 6.000 Kg/anno e per le aziende di cui al D. Lgs. n. 152/2006, art.

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER INSEDIAMENTI ZOOTECNICI

SCHEDA INFORMATIVA PER INSEDIAMENTI ZOOTECNICI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE P.zza Europa 10 45100 ROVIGO SCHEDA INFORMATIVA PER INSEDIAMENTI ZOOTECNICI NOTIFICA INIZIO ATTIVITA (ART.48 D.P.R. 303/56) NUOVA COSTRUZIONE CONCESSIONE EDILIZIA PER: AMPLIAMENTO

Dettagli

PRESENTA DOMANDA PER LA VERIFICA DI COMPATIBILITA AMBIENTALE

PRESENTA DOMANDA PER LA VERIFICA DI COMPATIBILITA AMBIENTALE Modello per Sportello Unico DPR 447/98 Spett.le Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Piemonte Dipartimento di Cuneo OGGETTO: Richiesta verifica di compatibilità AMBIENTALE, con esclusione

Dettagli

Direttiva Nitrati. Linee guida Tutto quello che devono fare gli agricoltori lombardi a partire dal mese di settembre 2008

Direttiva Nitrati. Linee guida Tutto quello che devono fare gli agricoltori lombardi a partire dal mese di settembre 2008 Direttiva Nitrati www.tipograf.it Linee guida Tutto quello che devono fare gli agricoltori lombardi a partire dal mese di settembre 2008 www.agricoltura.regione.lombardia.it Sommario Premessa 1 POA e PUA

Dettagli

PROCEDURA APPLICATIVA DOCUME TAZIO E PRATICHE EDILIZIE I SEDIAME TI ZOOTEC ICI

PROCEDURA APPLICATIVA DOCUME TAZIO E PRATICHE EDILIZIE I SEDIAME TI ZOOTEC ICI PROCEDURA APPLICATIVA DOCUME TAZIO E PRATICHE EDILIZIE I SEDIAME TI ZOOTEC ICI Elaborati grafici in scala 1:2000 1:500 1:100 in duplice copia; Scheda sezione 1 - consistenza/capienza dell allevamento;

Dettagli

COSA SI PUO FARE PER LIMITARE I PROBLEMI CHE POSSONO SORGERE ALL ATTO DELLO SPANDIMENTO?

COSA SI PUO FARE PER LIMITARE I PROBLEMI CHE POSSONO SORGERE ALL ATTO DELLO SPANDIMENTO? COSA SI PUO FARE PER LIMITARE I PROBLEMI CHE POSSONO SORGERE ALL ATTO DELLO SPANDIMENTO? Al di là degli obblighi di legge, queste buone tecniche, consentono di limitare i principali problemi (cattivi odori,

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI

PROVINCIA DI VERCELLI PROVINCIA DI VERCELLI Piano Operativo Provinciale Anno 2007 LEGGE REGIONALE N. 63/78 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ART. 15/A CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE SULL ACQUISTO DI GIOVANE

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI

PROVINCIA DI VERCELLI PROVINCIA DI VERCELLI Piano Operativo Provinciale Anno 2002 LEGGE REGIONALE N. 63/78 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ART. 15/A: CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L ACQUISTO DI BESTIAME DA RIPRODUZIONE.

Dettagli

DECRETO n. 173 del 19/03/2015

DECRETO n. 173 del 19/03/2015 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli

L I S T I N O S E T T I M A N A L E D E I P R E Z Z I N 4 9

L I S T I N O S E T T I M A N A L E D E I P R E Z Z I N 4 9 Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Forlì Cesena C.so della Repubblica, 5 47100 Forlì tel. 0543 713111 C.C.P. n. 16559478 Sito web: http://www.fo.camcom.it e-mail: segreteria.generale@fo.camcom.it

Dettagli

Alla notifica destinata all Organismo di controllo devono essere allegati tutti i documenti specificati nelle presenti istruzioni.

Alla notifica destinata all Organismo di controllo devono essere allegati tutti i documenti specificati nelle presenti istruzioni. ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA SPEDIZIONE DEI MODULI RELATIVI ALLA NOTIFICA DI ATTIVITA PRODUTTIVE CON METODO BIOLOGICO (PRIMA NOTIFICA O NOTIFICA DI VARIAZIONE). PREMESSA Il presente modello deve

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DIREZIONE E REDAZIONE PRESSO LA PRESIDENZA DELLA REGIONE - VIALE ALDO MORO 52 - BOLOGNA Parte seconda - N. 102 Anno 43 23 luglio 2012 N. 130 DELIBERAZIONE DELLA

Dettagli

L I S T I N O S E T T I M A N A L E D E I P R E Z Z I N 1 7

L I S T I N O S E T T I M A N A L E D E I P R E Z Z I N 1 7 Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Forlì Cesena C.so della Repubblica, 5 47121 Forlì tel. 0543 713111 C.C.P. n. 16559478 Sito web: http://www.fc.camcom.gov.it e-mail: segreteria.generale@fc.camcom.it

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Comune di...

REGIONE PUGLIA. Comune di... REGIONE PUGLIA Comune di... --- DICHIARAZIONE ANNUALE dei consumi di carburante agevolato per l agricoltura per l anno precedente contestuale richiesta di assegnazione per l anno Modello Unico per Aziende

Dettagli

Fac-simile domanda All Organismo di garanzia

Fac-simile domanda All Organismo di garanzia Fac-simile domanda All Organismo di garanzia Alla Banca Domanda di contributo in regime de minimis ai sensi del Regolamento (CE) n. 1535/2007 della Commissione del 20 dicembre 2007, relativo all applicazione

Dettagli

L.R. 40/98 e s.m.i. tipologia progettuale 17 allegato A2 tipologia progettuale 1 allegato B2 INSEDIAMENTI ZOOTECNICI. (Versione 29.07.

L.R. 40/98 e s.m.i. tipologia progettuale 17 allegato A2 tipologia progettuale 1 allegato B2 INSEDIAMENTI ZOOTECNICI. (Versione 29.07. L.R. 40/98 e s.m.i. tipologia progettuale 17 allegato A2 tipologia progettuale 1 allegato B2 INSEDIAMENTI ZOOTECNICI (Versione 29.07.2004) 1 SOMMARIO Premessa pag. 4 1. Definizioni pag. 5 2. Area di insediamento

Dettagli

AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE MIS. 121 Bando ANNO 2013 SCADENZA : 30 MARZO 2013

AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE MIS. 121 Bando ANNO 2013 SCADENZA : 30 MARZO 2013 AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE MIS. 121 Bando ANNO 2013 SCADENZA : 30 MARZO 2013 La Regione del Veneto offre alle aziende agricole Venete che vogliono fare investimenti utili per ammodernare la

Dettagli

AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA

AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA COMUNE DI Prot. n. Data di presentazione AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA OGGETTO: D. Legislativi n. 99 del 29/3/2004 e n. 101/05 Domanda di accertamento del possesso dei requisiti di Imprenditore

Dettagli

Guida alla compilazione del Modello di comunicazione LZ REGIONE CAMPANIA. AGC Assistenza Sanitaria

Guida alla compilazione del Modello di comunicazione LZ REGIONE CAMPANIA. AGC Assistenza Sanitaria REGIONE CAMPANIA AGC Sviluppo Attività Settore Primario AGC Assistenza Sanitaria AGC Ecologia, Tutela dell Ambiente, Ciclo Integrato delle Acque, Protezione Civile Guida alla compilazione del Modello di

Dettagli

I substrati per la digestione anaerobica: effluenti zootecnici, sottoprodotti agro-industriali e colture dedicate

I substrati per la digestione anaerobica: effluenti zootecnici, sottoprodotti agro-industriali e colture dedicate I substrati per la digestione anaerobica: effluenti zootecnici, sottoprodotti agro-industriali e colture dedicate Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - RE BIOMASSE AVVIABILI A BIOGAS BIOMASSE

Dettagli

Allegato parte integrante della deliberazione della Giunta provinciale n. 895 di data 23 aprile 2004 ALLEGATO A

Allegato parte integrante della deliberazione della Giunta provinciale n. 895 di data 23 aprile 2004 ALLEGATO A Allegato parte integrante della deliberazione della Giunta provinciale n. 895 di data 23 aprile 2004 ALLEGATO A (Testo modificato con deliberazione n. 930 di data 11 aprile 2008) CRITERI, MODALITA E PROCEDIMENTI

Dettagli

Provincia di Forlì - Cesena

Provincia di Forlì - Cesena 1 Il settore avicolo si presenta Marzo 2013 Introduzione: il settore avicunicolo in carni avicole 19% carni ovicaprine 3% La produzione avicola italiana si compone per oltre il 57% da carne di pollo, per

Dettagli

CIRCOLARE n 23/2010. EMISSIONI IN ATMOSFERA scarsamente rilevanti Novità introdotte con il terzo correttivo al testo unico ambientale

CIRCOLARE n 23/2010. EMISSIONI IN ATMOSFERA scarsamente rilevanti Novità introdotte con il terzo correttivo al testo unico ambientale CIRCOLARE n 23/2010 Tecnolario DATA: 28/09/2010 A/TO CA: Titolare dell attività / Responsabile Ambiente DA/FROM: TECNOLARIO S.r.l.. TEL/FAX N : 0341 / 49.42.10 N PAG.: 2 + 1 allegato Oggetto: EMISSIONI

Dettagli

Il biogas negli allevamenti zootecnici

Il biogas negli allevamenti zootecnici Il biogas negli allevamenti zootecnici SEMINARIO Sostenibilità economica ed ambientale del biogas negli allevamenti Nicola Labartino CRPA SpA Martedì 10 giugno 2014 Agriturismo del Papa Pozza di Maranello

Dettagli

IL REGISTRO DI CARICO E SCARICO ALLEVAMENTI 18 bis del D.P.R. 600/73

IL REGISTRO DI CARICO E SCARICO ALLEVAMENTI 18 bis del D.P.R. 600/73 IL REGISTRO DI CARICO E SCARICO ALLEVAMENTI 18 bis del D.P.R. 600/73 Note operative ed Esempi Documento a cura di SEDI Srl - RIPRODUZIONE VIETATA 1 L articolo 18 bis del D.P.R. 600/73 prevede l obbligo

Dettagli

Provincia di Torino Servizio Agricoltura. Domanda di adesione alla Misura A del Piano di Sviluppo Rurale 2000/2006

Provincia di Torino Servizio Agricoltura. Domanda di adesione alla Misura A del Piano di Sviluppo Rurale 2000/2006 Provincia di Torino Servizio Agricoltura Domanda di adesione alla Misura A del Piano di Sviluppo Rurale 2000/2006 SPAZIO RISERVATO AL PROTOCOLLO DOMANDA PRESENTATA PER TRAMITE DI Data presentazione N.

Dettagli

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA Fertilizzazioni 17 aprile 2012 Introduzione Concimazione: apporto di elementi nutritivi direttamente utilizzabili dalla pianta fertilizzazione Ammendamento: apporto di sostanze

Dettagli

Modello di prima comunicazione per l utilizzazione agronomica delle acque di vegetazione e delle sanse umide dei frantoi oleari Campagna olearia./.

Modello di prima comunicazione per l utilizzazione agronomica delle acque di vegetazione e delle sanse umide dei frantoi oleari Campagna olearia./. Modello AV1 pagina 1 Protocollo dell Ufficio N del.... Al Sindaco del di.... Modello di prima comunicazione per l utilizzazione agronomica delle acque di vegetazione e delle sanse umide dei frantoi oleari

Dettagli

(indicare la/e casistica/e di interesse)

(indicare la/e casistica/e di interesse) Al Comune di. Via., n. CAP Comune E p. c. Provincia di Mantova Settore Ambiente Pianificazione Territoriale Autorità Portuale Servizio Inquinamento e Piano Rifiuti, Energia Via Don M. Maraglio, n. 4 46100

Dettagli

LE PRINCIPALI NORMATIVE DI RIFERIMENTO:

LE PRINCIPALI NORMATIVE DI RIFERIMENTO: LE PRINCIPALI NORMATIVE DI RIFERIMENTO: - D.P.R. 30 aprile 1996, n.317 Regolamento recante norme per l'attuazione dell direttiva 92/10/CEE relativa all'identifcazione e alla registrazione degli animali

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER CONDUCENTI DI VEICOLI STRADALI CHE TRASPORTANO ANIMALI VERTEBRATI VIVI Alessandria, 2-3 dicembre 2011 I PARTE

CORSO DI FORMAZIONE PER CONDUCENTI DI VEICOLI STRADALI CHE TRASPORTANO ANIMALI VERTEBRATI VIVI Alessandria, 2-3 dicembre 2011 I PARTE CORSO DI FORMAZIONE PER CONDUCENTI DI VEICOLI STRADALI CHE TRASPORTANO ANIMALI VERTEBRATI VIVI Alessandria, 2-3 dicembre 2011 I PARTE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE - S.O.C. SERVIZIO VETERINARIO AREA C Dr.

Dettagli

Progettazione di una borsa scambio degli effluenti di allevamento sul territorio

Progettazione di una borsa scambio degli effluenti di allevamento sul territorio Progettazione di una borsa scambio degli effluenti di allevamento sul territorio della provincia di Mantova Bigarello (MN), 26 maggio 2010 Giovanni Masotto Scheda del progetto TITOLO: Progettazione e sperimentazione

Dettagli

Relazioni del 30 Novembre 2007 BIOGAS: progressi ed esperienze innovative. Rota

Relazioni del 30 Novembre 2007 BIOGAS: progressi ed esperienze innovative. Rota Relazioni del 30 Novembre 2007 BIOGAS: progressi ed esperienze innovative Rota ROTA GUIDO è un azienda leader nella progettazione e realizzazione di impianti e tecnologie per la zootecnia - Strutture

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI-PROVINCIA DE CASTEDDU Settore Ecologia e Polizia Provinciale Servizio Inquinamento Atmosferico e Energia

PROVINCIA DI CAGLIARI-PROVINCIA DE CASTEDDU Settore Ecologia e Polizia Provinciale Servizio Inquinamento Atmosferico e Energia PROVINCIA DI CAGLIARI-PROVINCIA DE CASTEDDU Settore Ecologia e Polizia Provinciale Servizio Inquinamento Atmosferico e Energia Via Cadello, 9b 09121 Cagliari PARTE V DEL D.LGS. 152/2006 e s.m.i. - EMISSIONI

Dettagli

Premessa. Riferimenti normativi

Premessa. Riferimenti normativi Circolare esplicativa relativa alle attività con emissioni in atmosfera scarsamente rilevanti art. 272 c. 1 del d.lgs 152/06 come modificato dal d.lgs 128/2010. Premessa L entrata in vigore del d.lgs 128/2010

Dettagli

Condizionalità. Ambiente. Atto A4 AGRICOLA

Condizionalità. Ambiente. Atto A4 AGRICOLA Condizionalità Reg.(CE) 1782/03; DM 12541 del 21.12.06; DGRV n. 339 del 20.02.07 2007 Ambiente Atto A4 PROTEZIONE DALL INQUINAMENTO DA NITRATI DI PROVENIENZA AGRICOLA Criterio di Gestione Obbligatorio

Dettagli

CONFERENZA STAMPA DEL 5.3.2009 SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE LIQUAMI DI OLMETO

CONFERENZA STAMPA DEL 5.3.2009 SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE LIQUAMI DI OLMETO CONFERENZA STAMPA DEL 5.3.2009 SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE LIQUAMI DI OLMETO 1. PREMESSA L impianto di Olmeto è entrato in funzione nel 1987 ed è stato uno dei primi esempi in Italia di depurazione dei

Dettagli

Sintesi delle esigenze in agricoltura biologica 2015

Sintesi delle esigenze in agricoltura biologica 2015 Sintesi delle esigenze in agricoltura biologica 2015 Esigenze minime (Obio) OBio = ordinanza sull'agr. biologica DEFR-O = ordinanza del DEFR* Esigenze supplementari BS = Bio Suisse (Gemma e Migros-Bio)

Dettagli

LIFE + 2009 - Achieving good water QUality status in intensive Animal production areas

LIFE + 2009 - Achieving good water QUality status in intensive Animal production areas LIFE + 2009 - Achieving good water QUality status in intensive Animal production areas Action 6 : Evaluation of economic and environmental sustainability of improved management strategies Deliverable 6:

Dettagli

Persona fisica Legale rappresentante (Società:...) RESIDENZA O SEDE LEGALE Indirizzo e numero civico

Persona fisica Legale rappresentante (Società:...) RESIDENZA O SEDE LEGALE Indirizzo e numero civico All'Ufficio S.U.A.P. DEL COMUNE DI PONZA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL'ATTO DI NOTORIETA' (art. 47 del D.P.R. 28.12.2000, N. 445) - MODIFICA DELLE ATTIVITA AGRICOLE ED AGRITURISTICHE - (Legge Regionale

Dettagli

POLLINA e BIOMETANO: IL FUTURO E OGGI

POLLINA e BIOMETANO: IL FUTURO E OGGI POLLINA e BIOMETANO: IL FUTURO E OGGI Ravenna 26 settembre 2012 Austep SpA Via Mecenate, 76/45 20138 Milano Tel. +39 02 509 94 71 Fax. +39 02 580 194 22 E-mail: info@austep.com AUSTEP opera dal 1995 con

Dettagli

PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO

PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO CLAUDIO COCOZZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI La digestione anaerobica è un processo biologico per mezzo del quale, in assenza di ossigeno, la sostanza organica

Dettagli

ALLEVAMENTO AVICOLO. Gli allevamenti avicoli sono differenziati a seconda della carriera gli animali: - galline ovaiole - polli da carne

ALLEVAMENTO AVICOLO. Gli allevamenti avicoli sono differenziati a seconda della carriera gli animali: - galline ovaiole - polli da carne ALLEVAMENTI AVICOLI ALLEVAMENTO AVICOLO Gli allevamenti avicoli sono differenziati a seconda della carriera gli animali: - galline ovaiole - polli da carne Possono essere di tipo: -Tradizionale - Intensivo

Dettagli

Riproduzione animale: le regole in Lombardia

Riproduzione animale: le regole in Lombardia Riproduzione animale: le regole in Lombardia 1. Interventi di fecondazione artificiale La fecondazione artificiale può essere svolta esclusivamente da operatori iscritti all apposito albo regionale (sia

Dettagli

Allegato IV alla parte V del D.lgs. 152/06. (testo integrato con le modifiche apportata dal D.lgs. 29 giugno 2010, n. 128)

Allegato IV alla parte V del D.lgs. 152/06. (testo integrato con le modifiche apportata dal D.lgs. 29 giugno 2010, n. 128) Allegato IV alla parte V del D.lgs. 152/06 (testo integrato con le modifiche apportata dal D.lgs. 29 giugno 2010, n. 128) Impianti e attività in deroga. Parte I Impianti ed attività di cui all'articolo

Dettagli

Ordinanza concernente gli effettivi massimi per la produzione di carne e di uova

Ordinanza concernente gli effettivi massimi per la produzione di carne e di uova Ordinanza concernente gli effettivi massimi per la produzione di carne e di uova (Ordinanza sugli effettivi massimi, OEMas) 916.344 del 23 ottobre 2013 (Stato 1 gennaio 2014) Il Consiglio federale svizzero,

Dettagli

GAIA Note metodologiche

GAIA Note metodologiche GAIA Note metodologiche Questo documento tecnico, disponibile solo in formato elettronico sul sito internet di GAIA, è stato redatto A. Giampaolo sulla base di un documento di analisi di G. Seroglia 2008

Dettagli

La Camera di Commercio di Grosseto a sostegno della trasparenza dei prezzi

La Camera di Commercio di Grosseto a sostegno della trasparenza dei prezzi La Camera di Commercio di a sostegno della trasparenza dei prezzi Premessa metodologica La Newsletter muove dal listino settimanalmente prodotto dalla Camera di Commercio di per costruire un documento

Dettagli

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Agricoltura Biologica e Biodiversità Veneto Agricoltura, Corte Benedettina 20 febbraio 2013 Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica ricerca e sperimentazione in zootecnia biologica attività

Dettagli

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO VETERINARIO REGIONALE REGIONE LAZIO

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO VETERINARIO REGIONALE REGIONE LAZIO OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO VETERINARIO REGIONALE REGIONE LAZIO BRUCELLOSI BOVINA/BUFALINA SCHEDA DI RILEVAMENTO DATI IN UN FOCOLAIO La scheda debitamente compilata deve essere consegnata all'osservatorio

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE MODULO DI DOMANDA Allegato alla determinazione ARGEA Sardegna Area ispettiva n. 6492/2013 del 17/12/2013 All ARGEA Sardegna Area di coordinamento istruttorie e attività ispettive Viale Adua, 1 07100 SASSARI

Dettagli

COMUNE DI NOGAROLE ROCCA PROVINCIA DI VERONA

COMUNE DI NOGAROLE ROCCA PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI NOGAROLE ROCCA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZAZIONE AGRONOMICA DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO E DELLE ACQUE REFLUE - MISURE CONTRO LA PROLIFERAZIONE DEGLI INSETTI INFESTANTI

Dettagli

L Indennizzo degli animali

L Indennizzo degli animali L Indennizzo degli animali Linee Guida e Modulistica 1 Sommario Premessa..3 Documentazione indennizzo L. 218/88....4 Documentazione indennizzo L. 33/68....5 Modello delega riscossione indennizzo....6 Modello

Dettagli

AL COMUNE DI ORBETELLO Sportello Unico per le Attività Produttive Via Don Carlo Steeb, 1 58015 Orbetello (Gr) (spazio riservato al Protocollo)

AL COMUNE DI ORBETELLO Sportello Unico per le Attività Produttive Via Don Carlo Steeb, 1 58015 Orbetello (Gr) (spazio riservato al Protocollo) AL COMUNE DI ORBETELLO Sportello Unico per le Attività Produttive Via Don Carlo Steeb, 1 58015 Orbetello (Gr) (spazio riservato al Protocollo) OGGETTO: Programma Aziendale Pluriennale di Miglioramento

Dettagli

BonusBiogas: azoto e CAR

BonusBiogas: azoto e CAR BonusBiogas: azoto e CAR C.R.P.A. S.p.A. - Reggio Emilia Tecnologie per la concentrazione e la riduzione dell'azoto (Parte I) Verona, 21 marzo 2013 Claudio Fabbri, Sergio Piccinini Centro Ricerche Produzioni

Dettagli

Le potenzialità energetiche della filiera del biometano nella Provincia di Treviso. 7 febbraio 2014

Le potenzialità energetiche della filiera del biometano nella Provincia di Treviso. 7 febbraio 2014 Le potenzialità energetiche della filiera del biometano nella Provincia di Treviso 7 febbraio 2014 Indice Principali aspetti del decreto biometano Le potenzialità della filiera della provincia di Treviso

Dettagli

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Agricoltura Biologica e Biodiversità Corte Benedettina 27 febbraio 2012 ricerca e sperimentazione in zootecnia biologica attività dimostrative..? sperimentazione

Dettagli

GESTIONE DELLE DEIEZIONI ZOOTECNICHE

GESTIONE DELLE DEIEZIONI ZOOTECNICHE Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto AZIENDE ZOOTECNICHE GESTIONE DELLE DEIEZIONI ZOOTECNICHE E ADEMPIMENTI AMBIENTALI ARPAV Direttore Generale Carlo Emanuele Pepe Direttore

Dettagli

COMUNE DI VIADANA REGOLAMENTO LOCALE DI IGIENE

COMUNE DI VIADANA REGOLAMENTO LOCALE DI IGIENE COMUNE DI VIADANA REGOLAMENTO LOCALE DI IGIENE (Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale num. 27 dell 11/03/08) 1 INDICE TITOLO I (Omissis) TITOLO II 10 2.11.1. Campo di applicazione. 11 2.11.2.

Dettagli

Startec. ultrasuoni. tecnology and passion for excellence DENITREX. tecnologie innovative a tutela della popolazione e dell ambiente

Startec. ultrasuoni. tecnology and passion for excellence DENITREX. tecnologie innovative a tutela della popolazione e dell ambiente Startec ultrasuoni tecnology and passion for excellence DENITREX tecnologie innovative a tutela della popolazione e dell ambiente DEIEZIONI ORGANICHE CONTENENTI AZOTO bovini suini avicoli Kg. 2/3 di azoto

Dettagli

PROVINCIA DI RAVENNA Settore Politiche Agricole e Sviluppo Rurale V.le Della Lirica, 21 48124 RAVENNA

PROVINCIA DI RAVENNA Settore Politiche Agricole e Sviluppo Rurale V.le Della Lirica, 21 48124 RAVENNA Marca da bollo Se dovuta Modello Domanda Persone Fisiche PROVINCIA DI RAVENNA Settore Politiche Agricole e Sviluppo Rurale V.le Della Lirica, 21 48124 RAVENNA DATA DI ARRIVO SPAZIO RISERVATO ALL ENTE PROTOCOLLO

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SALUTE ORDINANZA 10 ottobre 2005 Modifiche ed integrazioni all'ordinanza del 26 agosto 2005 concernente misure di polizia veterinaria in materia di malattie infettive e diffusive dei volatili

Dettagli

Società agricola Mercuri

Società agricola Mercuri Società agricola Mercuri dove la tradizione guarda al futuro 1 L azienda agricola L azienda biologica, le cui origini risalgono al 1920, si trova a Casperia in provincia di Rieti; la conduzione è familiare

Dettagli

MANUALE PER LA GESTIONE DEI REFLUI ZOOTECNICI

MANUALE PER LA GESTIONE DEI REFLUI ZOOTECNICI MANUALE PER LA GESTIONE DEI REFLUI ZOOTECNICI 1. RIFERIMENTI NORMATIVI La gestione dei reflui zootecnici è da sempre un problema nella conduzione di un allevamento: ogni tipologia aziendale mostra delle

Dettagli

DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L ATTUAZIONE DELLA NORMATIVA UNIONALE E NAZIONALE IN MATERIA DI RIPRODUZIONE ANIMALE

DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L ATTUAZIONE DELLA NORMATIVA UNIONALE E NAZIONALE IN MATERIA DI RIPRODUZIONE ANIMALE ALLEGATO A DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L ATTUAZIONE DELLA NORMATIVA UNIONALE E NAZIONALE IN MATERIA DI RIPRODUZIONE ANIMALE 1.STRUTTURE/ATTIVITA DELLA RIPRODUZIONE ANIMALE OPERANTI IN AMBITO NAZIONALE 1.1

Dettagli

Modello 1 CHIEDE di essere autorizzato per il quinquennio 20 /20 a gestire una stazione di monta naturale pubblica per la specie bovina

Modello 1 CHIEDE di essere autorizzato per il quinquennio 20 /20 a gestire una stazione di monta naturale pubblica per la specie bovina Modello 1 Alla Regione Campania A.G.C. Sviluppo Attività Settore Primario - Settore Sperimentazione Informazione Ricerca e Consulenza in Agricoltura - Centro Direzionale - Isola A/6-80143 - Napoli Oggetto:

Dettagli

Registro classif: Allegati: 1 VIA FAX. OGGETTO: Piano Nazionale Benessere Animale (PNBA)

Registro classif: Allegati: 1 VIA FAX. OGGETTO: Piano Nazionale Benessere Animale (PNBA) Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEL FARMACO VETERINARIO Ufficio VI Benessere

Dettagli

Estratto dalle Linee Guida ARPA LG28/DT Criteri di applicazione DGR 286/05 e 1860/06 ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO

Estratto dalle Linee Guida ARPA LG28/DT Criteri di applicazione DGR 286/05 e 1860/06 ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO Estratto dalle Linee Guida ARPA LG28/DT Criteri di applicazione DGR 286/05 e 1860/06 ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO LINEE GUIDA 5.1 Definizioni Acque di prima pioggia Sono identificate nei primi 5 mm

Dettagli

Progetto MeetBull (per una filiera carne 100% italiana)

Progetto MeetBull (per una filiera carne 100% italiana) Progetto MeetBull (per una filiera carne 100% italiana) Per diminuire la dipendenza di ristalli dall estero, stringere una forte alleanza tra produttori di carne & latte e valorizzare il #madeinitaly!

Dettagli

ALLEGATO N. 1 Spett. Gestione Acqua SpA Sede Operativa Acos SpA C.so Italia 49 15067 Novi Ligure

ALLEGATO N. 1 Spett. Gestione Acqua SpA Sede Operativa Acos SpA C.so Italia 49 15067 Novi Ligure ALLEGATO N. 1 Spett. Gestione Acqua SpA Sede Operativa Acos SpA C.so Italia 49 15067 Novi Ligure Oggetto : Domanda di autorizzazione all allacciamento in pubblica fognatura Il/la sottoscritto/a nato/a

Dettagli

Allevali con le tue mani e sai cosa mangi

Allevali con le tue mani e sai cosa mangi Allevali con le tue mani e sai cosa mangi Linea Agri PRODOTTI LINEA AGRI Sani si cresce, gustosi si diventa Dichiarazione per i consumatori dei prodotti tutti i mangimi ZOOTECNICI e PETFOOD sono prodotti

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA DELLA CARNIA TOLMEZZO DOMANDA DI AIUTO

COMUNITÀ MONTANA DELLA CARNIA TOLMEZZO DOMANDA DI AIUTO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Protocollo CMC COMUNITÀ MONTANA DELLA CARNIA TOLMEZZO DOMANDA DI AIUTO Regolamento per l'adozione dei criteri e delle modalità di concessione dei contributi per la

Dettagli

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte CONTROLLI NELLA FILIERA ALIMENTARE PER LA RICERCA DI RESIDUI DI SOSTANZE INDESIDERATE DA PARTE DEI SERVIZI DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA DELLA REGIONE LAZIO Le diossine sono un gruppo di 210 sostanze

Dettagli

N.B.: - ALLEGARE MARCA DA BOLLO DA. 14,62 DA APPLICARE SU AUTORIZZAZIONE.- Assimilate non abitative in fognatura

N.B.: - ALLEGARE MARCA DA BOLLO DA. 14,62 DA APPLICARE SU AUTORIZZAZIONE.- Assimilate non abitative in fognatura N.B.: - ALLEGARE MARCA DA BOLLO DA. 14,62 DA APPLICARE SU AUTORIZZAZIONE.- Assimilate non abitative in fognatura ALLEGATO ALLA DOMANDA DI: (Ragione sociale) presentata all Ufficio Sportello Unico Attivita

Dettagli

1. Operatore del settore alimentare

1. Operatore del settore alimentare Spazio per apporre il timbro di protocollo Allegato 2 alla D.G.R. 79-7605 del 26/11/2007 Data Prot. Al Comune di.. Oggetto: Denuncia di inizio attività (D.I.A.) ai sensi art. 6 Reg. CE 852/2004 (da presentare

Dettagli

LE INFESTAZIONI DI MOSCHE

LE INFESTAZIONI DI MOSCHE ISTITUTO DI ENTOMOLOGIA AGRARIA UNIVERSITÀ DEGLI STU DI DI MILAN O I - 20133 MILANO Via G. Celoria, 2 Tel. 02/50316754 Fax 02/50316748 E-mail: luciano.suss@unimi.it http://users.unimi.it/~agra/entol.html

Dettagli

LINEE GUIDA SUI RIFIUTI SPECIALI

LINEE GUIDA SUI RIFIUTI SPECIALI PHARE TWINNING PROJECT RO2004/IB/EN-07 Implementation and enforcement of the environmental Acquis focussed on industrial waste management 3 LINEE GUIDA SUI RIFIUTI SPECIALI Allevamenti zootecnici Zootechnical

Dettagli

REGIONE CAMPANIA 1 SCHEDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO REGIONALE 2009

REGIONE CAMPANIA 1 SCHEDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO REGIONALE 2009 REGIONE CAMPANIA 1 SCHEDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO REGIONALE 2009 PROPEDEUTICA AI FINI DEGLI AUDIT MINISTERIALI SUI SISTEMI DI PREVENZIONE REGIONALI IN MATERIA DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA E SICUREZZA

Dettagli

Norme ed adempimenti di legge per la produzione zootenica secondo il metodo biologico

Norme ed adempimenti di legge per la produzione zootenica secondo il metodo biologico Progetto INFO(PAC)K: la PAC informa Norme ed adempimenti di legge per la produzione zootenica secondo il metodo biologico A cura di Vincenzo Vizioli Sommario Presentazione Prefazione Prefazione... 3 La

Dettagli

Da allegare alla SCHEDA CONOSCITIVA DELL AZIENDA AGRICOLA

Da allegare alla SCHEDA CONOSCITIVA DELL AZIENDA AGRICOLA COMUNE DI CESENA SETTORE SVILUPPO PRODUTTIVO E RESIDENZIALE SPORTELLO UNICO - SERVIZIO TECNICO RICHIESTA APPROVAZIONE DI PIANO DI RICONVERSIONE AZIENDALE (PRA) PRG 2000 NdA, art. 77 Regolamento Edilizio

Dettagli

L ESERCIZIO DELLA FIDA PASCOLO DEL COMUNE DI VICO DEL GARGANO

L ESERCIZIO DELLA FIDA PASCOLO DEL COMUNE DI VICO DEL GARGANO Regione Puglia Comune di Vico del Gargano (Provincia di Foggia) III SETTORE - Ufficio Tecnico Comunale Comunità Europea Largo Monastero, 6 - e-mail: ufficiotecnico@comune.vicodelgargano.fg.it tel. 0884_991007

Dettagli

Inventario regionale delle emissioni in atmosfera INEMAR Veneto Presentazione dei risultati dell edizione 2007/8 VERSIONE DEFINITIVA

Inventario regionale delle emissioni in atmosfera INEMAR Veneto Presentazione dei risultati dell edizione 2007/8 VERSIONE DEFINITIVA Inventario regionale delle emissioni in atmosfera INEMAR Veneto Presentazione dei risultati dell edizione 2007/8 VERSIONE DEFINITIVA Allegato B - INEMAR Veneto 2007/8 Elenco fonti indicatori e proxy modulo

Dettagli

Gestione e valorizzazione dei reflui zootecnici

Gestione e valorizzazione dei reflui zootecnici Gestione e valorizzazione dei reflui zootecnici P. BALSARI, E. Dinuccio Università degli Studi di Torino D.I.S.A.F.A - Meccanica Agraria e-mail: paolo.balsari@unito.it Il patrimonio zootecnico italiano

Dettagli

Consorzio Autorità d Ambito provincia di Brescia Pagina 1 di 6

Consorzio Autorità d Ambito provincia di Brescia Pagina 1 di 6 Al Gestore del servizio di Fognatura e Depurazione Via OGGETTO: Domanda di ammissione allo scarico di acque reflue assimilate alle domestiche in pubblica fognatura e/o allacciamento alla rete fognaria

Dettagli

COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO SPORTELLO UNICO SERVIZI PRODUTTIVI

COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO SPORTELLO UNICO SERVIZI PRODUTTIVI Segnalazione Certificata di Inizio Attività (S.C.I.A.) per attività di meccanico-carrozziere-gommista-elettrauto (attività ex L. 122/92) ed artigiani generici per apertura o trasferimento e altro (art..10

Dettagli

1. Di approvare la premessa quale parte integrante e sostanziale del presente atto.

1. Di approvare la premessa quale parte integrante e sostanziale del presente atto. omissis 1. Di approvare la premessa quale parte integrante e sostanziale del presente atto. 2. Di approvare, ai sensi e per gli effetti dell'art. 42, comma 2, lettera a, il Regolamento di Polizia Rurale

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Valutazione Impatto Ambientale

Determinazione del Dirigente del Servizio Valutazione Impatto Ambientale Determinazione del Dirigente del Servizio Valutazione Impatto Ambientale N. 37-24114/2010 OGGETTO: Progetto: Ampliamento porcilaia Proponente: Azienda Agricola Gerbino Sergio Comune: Carignano Procedura:

Dettagli

COMUNI DI: _l_ sottoscritt. nat_ a il / /, residente in n. civico (via, fraz., loc.) (c.a.p.) (comune) (prov.) CHIEDE

COMUNI DI: _l_ sottoscritt. nat_ a il / /, residente in n. civico (via, fraz., loc.) (c.a.p.) (comune) (prov.) CHIEDE Alla Provincia di Lecco Servizio Agricoltura Piazza L. Lombarda 4 23900 Lecco PEC provincia.lecco@lc.legalmail.camcom.it All Istituto di Credito Filiale di OGGETTO: D. Lgs 29 marzo 2004, n. 102 Interventi

Dettagli

OGGETTO: Decreto legislativo 29 marzo 2004, n.102 e succ. modifiche con D.lgs. n.82/2008. Istanza di ammissione ai benefici di legge.

OGGETTO: Decreto legislativo 29 marzo 2004, n.102 e succ. modifiche con D.lgs. n.82/2008. Istanza di ammissione ai benefici di legge. Modello n. 4 Spett PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE AGRICOLTURA ED EXPO VIA F.LLI CALVI 10 24100 BERGAMO OGGETTO: Decreto legislativo 29 marzo 2004, n.102 e succ. modifiche con D.lgs. n.82/2008. Istanza di

Dettagli

da Biogas Produzione di energia Sommario IL GAS DELLE DISCARICHE 2

da Biogas Produzione di energia Sommario IL GAS DELLE DISCARICHE 2 Produzione di energia da Biogas Sommario IL GAS DELLE DISCARICHE 2 SOGGETTI INTERESSATI ALLA PRODUZIONE DI BIOGAS DA REFLUI ZOOTECNICI E SCARTI AGROALIMENTARI 3 I VANTAGGI CONNESSI CON LA PRODUZIONE DI

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

BUSINESS PLAN. PER IMPRESE AGRICOLE START UP (incluse imprese nate da meno di 12 mesi)

BUSINESS PLAN. PER IMPRESE AGRICOLE START UP (incluse imprese nate da meno di 12 mesi) BUSINESS PLAN PER IMPRESE AGRICOLE START UP (incluse imprese nate da meno di 12 mesi) Sezione da compilare esclusivamente nel caso in cui il business plan sia stato redatto con la collaborazione di un

Dettagli

3. società cooperative agricole di conduzione e di servizi, nonché quelle di trasformazione dei prodotti zootecnici in

3. società cooperative agricole di conduzione e di servizi, nonché quelle di trasformazione dei prodotti zootecnici in Le proposte di candidatura al Premio e alla composizione della Giuria dovranno pervenire, entro le ore 16.30 del 10 settembre 2001 al Protocollo Generale della Regione Lombardia o al Protocollo degli Stap

Dettagli

ALLEVAMENTI. Manuale per la diffusione di tecnologie e sistemi di produzione più puliti nel settore zootecnico in Emilia-Romagna.

ALLEVAMENTI. Manuale per la diffusione di tecnologie e sistemi di produzione più puliti nel settore zootecnico in Emilia-Romagna. Manuale per la diffusione di tecnologie e sistemi di produzione più puliti nel settore zootecnico in Emilia-Romagna. ALLEVAMENTI SUINI - BOVINI - AVICOLI a cura di EMILIA-ROMAGNA VALORIZZAZIONE ECONOMICA

Dettagli

Giornate zootecniche di Fossano APS. 5 Aprile 2008. Azoto e dieta

Giornate zootecniche di Fossano APS. 5 Aprile 2008. Azoto e dieta Giornate zootecniche di Fossano APS 5 Aprile 2008 Tecnologie disponibili per il trattamento e la gestione degli effluenti zootecnici Claudio Fabbri Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia, www.crpa.it

Dettagli

ALIMENTI ZOOTECNICI AMPIA GAMMA DI PRODOTTI DI QUALITÀ PER GLI ANIMALI DA CORTILE E DA AFFEZIONE

ALIMENTI ZOOTECNICI AMPIA GAMMA DI PRODOTTI DI QUALITÀ PER GLI ANIMALI DA CORTILE E DA AFFEZIONE ALIMENTI ZOOTECNICI AMPIA GAMMA DI PRODOTTI DI QUALITÀ PER GLI ANIMALI DA CORTILE E DA AFFEZIONE MANGIMIFICIO VITAVERDE 1200 mq DI AREA COPERTA SEDE DI DISTRIBUZIONE 5000 mq DI AREA COPERTA E 23.000 mq

Dettagli

Prot. 1003 Potenza, 30 Luglio 2009. Ai Signori allevatori di bovini da latte LORO SEDI

Prot. 1003 Potenza, 30 Luglio 2009. Ai Signori allevatori di bovini da latte LORO SEDI Prot. 1003 Potenza, 30 Luglio 2009 Ai Signori allevatori di bovini da latte LORO SEDI OGGETTO: Sostegno al miglioramento genetico del patrimonio zootecnico lucano. Con la presente si ha il piacere di comunicare

Dettagli