Geotecnica e Laboratorio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Geotecnica e Laboratorio"

Transcript

1 Corso di Laurea a ciclo Unico in Ingegneria Edile Architettura Geotecnica e Laboratorio PROVE DI COMPATTAZIONE Prof. Ing. Marco Favaretti e mail: website: 1

2 Per modificazione meccanica di un terreno si intende l addensamento del terreno stesso prodotto mediante forze esterne. Spesso i termini modificazione meccanica e compattazione possono essere intesi come sinonimi. 2

3 L ingegnere geotecnico distingue chiaramente i seguenti tre termini: 1 compattazione 2 stabilizzazione 3 consolidazione 3

4 COMPATTAZIONE: si intende l addensamento di un terreno non saturo attraverso la riduzione dei vuoti (riempiti da aria) ed il sostanziale mantenimento dei volumi della frazione solida e liquida. sollecitazione esterna + acqua 4

5 La compattazione implica che i grani e le particelle che compongono il terreno vengano avvicinati l un lun l altro a causa dell applicazione di carichi (pesanti) improvvisi o forze dinamiche. L addensamento può a volte comportare la rottura di grani di terreno o particelle di roccia. 5

6 Qualora si passi dalla compattazione super- ficiale alla compattazione profonda la defi- nizione i testé té fatta va rivista i nel senso che i terreni coinvolti possono essere saturi ed essere interessati da iniezioni d acqua o da parziale sostituzione del terreno originario. 6

7 La compattazione può essere indotta anche da una liquefazione temporanea causata da forze di impatto o da vibrazioni. HEAVY TAMPING: compattazione dinamica DEEP COMPACTION: vibroflottazione 7

8 Per stabilizzazione si intende invece un incremento della resistenza al taglio (o della rigidezza) id )di un volume dit terra che viene ottenuto ad esempio nell ingegneria delle strade o geotecnica attraverso reazioni chimico-fisiche generate da additivi, jetgrouting, iniezioni, trattamenti termici. 8

9 Per consolidazione si intende invece un processo in cui la diminuzione del volume di un terreno saturo è causato dall espulsione dell acqua interstiziale. Il fenomeno può essere dovuto a carichi statici (precarico con o senza dreni), applicati per lungo tempo, o a forze di natura elettrica (elettrosmosi). 9

10 Obiettivi della compattazione aumentare la resistenza la taglio ridurre la compressibilità ridurre la permeabilità ridurre il potenziale di liquefazione i controllare il rigonfiamento e il ritiro prolungare la durabilità nel tempo 10

11 Strategie di compattazione Le strategie sviluppate per ottimizzare il processo di compattazione possono essere così elencate: nel caso di rilevati/riempimenti costruiti dall uomo specificare le condizioni di posa in opera (contenuto d acqua, densità, profondità degli strati, ecc.) scelta del mezzo di compattazione più idoneo (rullo, compattatore t vibrante, schema tamping, ecc.) definizione di adeguate procedure di controllo (tipo e numero di prove, valutazione statistiche, ecc.) 11

12 Si gioca su un fattore anziché l altro lt in funzione del: tipo di terra; proprietà che si desiderano esaltare. 12

13 Variando i fattori sopraindicati nella posa in opera si fanno variare anche le seguenti proprietà: (1) permeabilità, (2) compressibilità, (3) rigonfiamento, (4) resistenza (5) deformabilità 13

14 La variazione del contenuto d'acqua influenza specialmente i materiali a grana fine e quelli a grana grossa con percentuali di fine abbastanza elevate. 14

15 Compattazione in laboratorio Proctor (1933) eseguì per primo studi sistematici su questo argomento esaminando l'influenza del contenuto t in acqua w e dell'energia di compattazione E. Ideò una prova nella quale la terra, posta a strati in un recipiente metallico cilindrico, viene compattata per strati grazie all azione di un pestello a caduta libera. 15

16 Compattazione in laboratorio Nel compattare ogni tipo di terra si può variare: (1) contenuto in acqua (2) tipo di compattazione (3) energia di compattazione 16

17 17

18 18

19 primi 4 colpi colpi successivi 19

20 20

21 Compattazione in laboratorio L'energia E può essere variata modificando: (1)il peso del pestello, (2)l'altezza di caduta, (3)il numero di colpi per strato (4)lo spessore degli strati. 21

22 Variando il contenuto d acqua w e mantenendo costante l'energia di compattazione E si ottiene: i grani del terreno si addensano - elevata resistenza - elevata rigidezza - modesta permeabilità P. Colombo e F. Colleselli, Elementi di Geotecnica, 2004 dry tot 1 w 22

23 Per ogni terra l'optimum optimum, il maximum e la forma della curva variano con l'energia E e con i diversi metodi di compattazione. Per w > w opt la curva di compattazione è all'incirca parallela alla curva di saturazione; tale curva può essere facilmente individuata calcolando per ciascun valore di peso di volume secco il contenuto d'acqua necessario a saturare il materiale. d 1 G w G w d S S G w G w 23

24 d S S G w G w 24

25 Come variano le quantità relative delle tre fasi solida, liquida e gassosa all aumentare aumentare dell umidità del provino? Incrementando l umidità, lumidità, le particelle aumentano di volume a causa della pellicola d acqua che le circonda. 25

26 Come variano le quantità relative delle tre fasi solida, liquida e gassosa all aumentare aumentare dell umidità del provino? L azione lubrificante svolta dall acqua favorisce l addensamento. Quando l acqua diventa eccessiva si assiste alla sostituzione dei grani da parte dell acqua con diminuzio-ne della i 26 densità

27 Come variano le quantità relative delle tre fasi solida, liquida e gassosa all aumentare aumentare dell umidità del provino? 27

28 Usando lo stesso metodo di compattazione e variando la energia, si ottiene una famiglia di curve similari. Al crescere della energia aumenta γ dm e diminuisce w opt 28

29 La linea che congiunge i punti di optimum si dispone parallelamente alla curva di saturazio- ne e, per w > w opt, le curve corrispondenti alle diverse energie tendono a confondersi in un'unica linea. 29

30 Per una data apparecchiatura di compattazione e per un certo w c'è un grado di saturazione massimo che può essere ottenuto indipendentemente dall'energia di compattazione. Un aumento di energia di compattazione è più efficace quando si lavora con w < w opt. 30

31 La variazione di w influenza la densità secca maggiormente in alcuni tipi i di terra per i quali, con piccole variazioni i i di w si possono avere notevoli variazioni di densità. 31

32 La curva di compattazione è in genere più definita per i materiali coesivi che per i materiali granulari. 32

33 Aumentando la plasticità del provino aumenta pure il contenuto d'acqua optimum e diminuisce i i il peso di volume secco massimo (maximum). 33

34 prove kneading: il materiale è compattato in strati con un pistone che comprime il terreno con una pressione nota e per un certo tempo prove statiche: la terra è compattata t in strati ti sotto l'azione di un pistone con area eguale a quella del recipiente; prove per vibrazione: adoperano tavoli o altre apparecchiature vibranti. 34

35 Prove Proctor AASHTO standard (American Association of State Highway and Transportation Officials) AASHTO modificato. Le caratteristiche sottoindicate riguardano prove su passante al vaglio n.4 (4,75 mm). 35

36 36

37 37

38 Proctor standard: argilla limosa 38

39 39

40 40

41 E (standard) d) << E (modificata) I risultati della prova standard vengono utilizzati generalmente per lo studio dei rilevati di vario tipo. Quelli della prova modificata riguardano particolarmente t i terreni di sottofondo, i materiali per i rilevati e i materiali per le pavimentazioni stradali ed aeroportuali. 41

42 Prova California Bearing Ratio (CBR) (C.B.R.) Il terreno viene compattato t (AASHTO standard o modificato) in una fustella di dimensioni > di quella Proctor (6 di diametro e 8 di altezza). 42

43 Nella fustella si può compattare il materiale passante al vaglio da ¾ (19 mm). Si fa penetrare nel pro- vino un pistone cilindrico ( = 2 ) con v = 1,27 mm/min per 0,5" misurando la forza corrispondente. 43

44 Si raffrontano poi le forze misurate in corrispondenza degli affondamenti di 2,5 e 5,0 mm con i valori standard pari a 1360 kg e 2040 kg, relativi ad un campione della California compattato alla densità massima AASHTO modifi-cata; si assume come indice CBR il maggiore valore tra i due (in %). CBR F 1 F 2 ; max 44

45 Nella maggior parte dei casi la prova viene eseguita dopo aver imbibito il campione con l'immersione in acqua per 4 giorni; per il materiale coesivo si misura anche il rigonfiamento a seguito della imbibizione. P. Colombo e F. Colleselli, Elementi di Geotecnica, 2004 Nel caso di materiali granulari si hanno valori di CBR del tipo di quelli indicati in figura. 45

46 Con materiali coesivi le prove CBR vengono eseguite variando il contenuto d'acqua e la densità; risultati di prove eseguite su campioni di argilla limosa dopo imbibizione sono riportati in figura. P. Colombo e F. Colleselli, Elementi di Geotecnica,

47 Le prove AASHTO vengono eseguite nella fustella standard da 102 mm sul materiale passante al vaglio n. 4 (4,75 mm); possono però essere eseguite anche sul passante al vaglio da ¾ (19 mm). Il materiale trattenuto da quel vaglio viene scartato e la prova di compattazione viene eseguita sul materiale rimasto. Se però la percentuale di materiale trattenuto al vaglio da ¾ è significativa, i valori della dm e del w opt ottenuti in laboratorio non sono direttamente confrontabili con quelli che si ottengono sul posto. 47

48 Per ottenere valori più rappresentativi si può sostituire la percentuale di materiale trattenuto al vaglio ¾ (19 mm) con materiale compreso tra i vagli n. 4 (4,75 mm) e da ¾ (19 mm), oppure eseguire la prova di compattazione sulla fustella da 152 mm di diametro (come prova CBR) o ancora ricorrere ad altri metodi che tengono conto del materiale scartato facendo varie ipotesi sul contenuto d'acqua e sul peso specifico del materiale scartato. 48

49 È stata studiata (Yoder) la relazione tra i pesi di volume secco max, standard e modificato, per un gruppo di terre P. Colombo e F. Colleselli, Elementi di Geotecnica,

50 La densità massima standard varia tra l'85% e il 97% della densità massima modificata. Mentre per le terre granulari i valori sono abbastanza vicini, per quelle argillose il P. Colombo e F. Colleselli, Elementi di Geotecnica, 2004 massimo della prova modificata è notevolmente più elevato di quello della prova standard. 50

51 In cantiere è relativamente facile superare anche il 100% della densità modificata con le ghiaie mentre è presso- ché impossibile ibil raggiungere il 100% per quelle argillose. La compattazione permette di esaltare le proprietà p delle terre in accordo con le diverse esigenze. Aumentando la densità si aumenta la resistenza, diminuisce la compressibilità, si riduce la permeabilità e si riduce il potenziale di liquefazione. 51

52 Sorge però il problema del mantenimento nel tempo delle caratteristiche ottenute con la compattazione. I terreni granulari mantengono pressoché costanti le loro proprietà p nel tempo, mentre i coesivi spesso le modificano. Le terre coesive risentono delle variazioni di w e della conseguente variazione i del grado di saturazione dando d luogo a fenomeni di rigonfiamento e di ritiro con la conseguente variazione delle proprietà meccaniche e idrauliche. 52

53 Effetti della compattazione sulle terre coerenti La compattazione delle terre limose ed argillose è stato studiato specialmente da ricercatori americani. Sono stati ti esaminati gli effetti del compattazione sulla struttura e sulle varie caratteristiche che interessano dal punto di vista ingegneristico. La natura e l'entità della compattazione influenzano notevolmente le varie caratteristiche delle terre fini. 53

54 struttura w < w opt la struttura è flocculata ed indipendente dalla procedura di compattazione w>w w opt la struttura è dispersa o orientata, condizionata dalla procedura di compattazione, così come la resistenza e la compressibilità del terreno la struttura in C è molto più orientata che non in A aumentando la energia di compattazione l orientazione delle particelle si fa più rilevante anche per w < w opt (punto E più orientato di A, D più di B pur con densità secca minore) 54

55 permeabilità w < w opt all aumentare di w k diminuisce rapidamente fino a raggiungere un minimo per w opt w > w opt all aumentare di w k aumenta lievemente Aumentando E il k diminuisce riducendosi l indice dei vuoti 55

56 A compressibilità la compressibilità delle argille compattate dipende dal livello tensionale agente. (A): maggiore compressibilità per w > w opt B (B): minore compressibilità per w > w opt 56

57 resistenza Campioni compattati con w < wopt hanno maggiore resi resistenza e rigidezza di quelli compattati con w > wopt. 57 P. Colombo e F. Colleselli, Elementi di Geotecnica, 2004

58 resistenza w > w opt : la resistenza dipende dal tipo di compattazione che influenza la struttura del terreno prove kneading: argilla limosa sottoposta a 3 differenti energie di compattazione 58

59 resistenza resistenze simili per w > w opt, assai differenti per w < w opt. per w > w opt la tensione che produce una di 5% è minore nel caso di E maggiore 59

60 C.B.R. aumentando E il valore del CBR aumenta pure per w < w opt mentre per w > w opt il CBR diminuisce i i anche per E elevate. questo aspetto va tenuto in conto qualora si realizzi un rilevato di terra compattata. 60

61 61

62 ritiro il rigonfiamento è maggiore per le argille w < w opt a causa della maggiore deficienza iniziale di acqua. i terreni asciutti sono in generale più sensibili alla variazioni ambientali (es. contenuto t d acqua). opposto il ragionamento per il ritiro: più sensibili i terreni con w > w opt 62

63 Peso di volume secco e CBR di un'argilla limosa sono indicati i valori del CBR corrispondenti a campioni appena costipati e a campioni dopo imbibizione ed i valori di rigonfiamento per questi ultimi. P. Colombo e F. Colleselli, Elementi di Geotecnica,

64 Con l'imbibizione si ha una notevole riduzione di CBR mentre il rigonfiamento è quasi nullo per campioni con w > w opt Ci si deve preoccupare del comportamento della terra non solo appena compattata, ma anche per le condizioni che si avranno quando la struttura sarà completata e sottoposta alle sollecitazioni più pericolose. P. Colombo e F. Colleselli, Elementi di Geotecnica,

65 Compattazione in situ Attrezzature e tecniche di compattazione La compattazione in cantiere può essere eseguito con attrezzature che agiscono sulle terre con azioni: di tipo statico ti di compressione e taglio con azioni di tipo dinamico, di urto o vibrazione 65

66 Il lavoro fatto dalle forze esterne applicate sulla superficie del terreno con le macchine dà luogo alla compattazione. L'energia totale fornita dalle macchine può essere suddivisa in energia dispersa (calore, attriti, ecc.) e in energia utile spesa per ottenere spostamenti elastici e plastici del terreno. 66

67 Con la ripetizione dell'azione della macchina le deformazioni plastiche, incluse le rotture locali, tendono a ridursi mentre quelle elastiche aumentano a con l'aumentare a e dell'addensamento. e Per i terreni prevalentemente coesivi l'azione efficace è solo di tipo statico mentre per i terreni prevalentemente granulari e incoerenti l'azione efficace è anche di tipo dinamico. 67

68 Sul comportamento influiscono, oltre ai fattori legati all'azione della macchina, quelli legati alla situazione del terreno, quali resistenza al taglio, compressibilità, tensioni capillari, a condizioni o dell'aria e dell'acqua nei pori, ecc. Le attrezzature di compattazione, a seconda del prevalere di uno dei due tipi di azione, si possono suddividere in due classi costituite dai mezzi prevalentemente statici e dai mezzi prevalentemente dinamici. 68

69 Prima classe rulli lisci, i rulli o carrelli gommati e i rulli a punte. Seconda classe rulli lisci vibranti, le piastre vibranti e le piastre battenti. 69

70 I rulli lisci statici di peso 1,5-20 ton hanno valori delle pressioni, per centimetro di generatrice, variabili tra 30 e 100 kg/cm. Essi compattano principalmente con azione verticale e fanno sentire la loro azione specialmente in superficie agendo su spessori relativamente piccoli. Vengono usati per compattare massicciate, pietrisco o per rendere liscia la superficie della terra compattata con altri tipi di rullo. 70

71 Compattazione statica delle terre 71

72 Rullo liscio carico statico 72

73 I rulli gommati sono formati in genere da un cassone portato da un certo numero di ruote gommate e possono essere trainati o semoventi. Essi compattano sia con azione verticale che con azione tagliante a mezzo dei pneumatici e, in relazione alla distribuzione delle ruote e all'area rilevante di impronta, si fanno sentire più in profondità dei rulli lisci. Vengono adoperati con efficacia per tutti i tipi di terra. 73

74 Rullo gommato carico statico 74

75 I rulli a punte sono formati da un rullo d'acciaio munito di punte di varia forma o di segmenti mobili. Le punte esercitano un'azione di punzonamento e taglio nello spessore di terreno diret-tamente interessato e sono efficaci con terre coesive. Possono essere trainati o semoventi. 75

76 Rullo a punte carico statico 76

77 Le macchine vibranti provocano un'azione vibratoria che rende instabile la struttura delle terre granulari, modificandola verso strutture più stabili e quindi con maggiore densità. 77

78 Compattazione statica- dinamica delle terre 78

79 rulli vibranti: analoghi a quelli lisci, ma portano applicate, a uno o più dei loro cilindri, una o più coppie di masse ruotanti eccentricamente con velocità angolare eguale, ma di segno contrario, in modo da generare una forza risultante t verticale sinusoidale che mette in vibrazione il terreno. Talvolta nel rullo vibrante si possono far variare l'eccentricità e la velocità angolare in modo da variare l'ampiezza di vibrazione e la frequenza. Agiscono con azione statica e dinamica e sono efficaci sulle terre granulari. 79

80 Rulli vibranti atraino a spinta a tandem per trincea a doppio tamburo 80

81 Le piastre vibranti sono formate da una piastra d'acciaio generalmente a forma rettangolare, sulla quale a mezzo di molle poggia un motore che pone in rotazione una o più coppie di masse eccentriche applicate alla piastra dando luogo anche qui ad una forza risultante verticale cae sinusoidale. Il valore massimo della forza sinusoidale è superiore al peso della piastra che viene quindi periodicamente sollevata e lasciata ricadere. 81

82 Inclinando il piano di rotazione degli eccentrici o sfasandone le velocità angolari si hanno anche delle componenti orizzontali che danno luogo, durante il sollevamento, allo spostamento della piastra vibrante. Le piastre vibranti hanno gli stessi pregi e difetti dei rulli vibranti. 82

83 piastre battenti dette «mazzapicchi» o «rane» che agiscono sul terreno con un'azione dinamica. Una massa viene proiettata t verso l'alto con varie modalità e attrezzature e lasciata ricadere sul terreno, più o meno come accade nella prova di compattazione Proctor in laboratorio. 83

84 Vengono usate quando si devono compattare aree piccole per le quali risulta difficoltoso agire con gli altri tipi di mezzi costipanti. 84

85 Umidificazione del terreno da compattare 85

86 Qualunque sia il tipo di attrezzatura, la compattazione deve essere eseguito sul materiale, disteso in strati successivi di spessore variabile tra 20 e 50 cm, in relazione al tipo di materiale da compattare e di attrezzatura usata. Per i materiali a grana fine (<A-4) si adoperano, come già detto, i rulli gommati e/o quelli a punte. 86

87 Scelta un' attrezzatura le variabili in gioco sono peso, n di passaggi e spessore degli strati; la scelta è legata principalmente a I p e w 0 del materiale da compattare. Quando w 0 w sat è praticamente impossibile compattare poiché il materiale poco permeabile si deforma a volume costante. La compattazione quindi può essere ottenuta solo riducendo il contenuto d acqua w. 87

88 Per i materiali a grana grossa con percentuale elevata di fine (ghiaie e sabbie limo-argillose A- 2) valgono le indicazioni date per i materiali a grana fine; si può però agire con più facilità con rulli gommati o anche con rulli vibranti, poiché si può far variare w fino ad ottenere le condizioni più favorevoli di umidità. Per i materiali a grana grossa con poco fine (sabbie e ghiaie A-1, A-3) la compattazione si ottiene con rulli vibranti, piastre vibranti e rulli gommati ed è poco condizionata i dal w. 88

89 Compattazione in situ Controllo della compattazione (1) per opere di terra di notevole importanza per dimensioni, costo e per esigenze di sicurezza, si ricorre, dopo aver scelto il materiale da adoperare, alla costruzione di rilevati di prova al fine di determinare lo spessore degli strati, il tipo di macchina, il numero dei passaggi, il campo di contenuto d'acqua. E possibile anche fare riferimento a precedenti esperienze per lo stesso materiale e le stesse esigenze; in questa situazio- ne il controllo del compattazione riguarda la verifica del rispetto delle indicazioni precedentemente determinate. 89

90 (2) inserire nel capitolato alcune prescrizioni riguardanti principalmente la densità secca minima da raggiungere e talvolta la portanza da controllare con prove di carico con il rispetto, ad esempio, di valori minimi da raggiungere per il modulo svizzero M E. Si usa prescrivere una percentuale dell'ordine del 90% o del 95% della densità massima ottenuta in laboratorio con la prova AASHTO modificata (valore molto usato nel campo stradale). Il controllo del peso di volume in cantiere viene eseguito prelevando un campione di terra di cui si determina il contenuto d'acqua e la densità secca. 90

91 La maggiore difficoltà in questo controllo si ha nella determinazione del volume del campione specialmente quando si tratta di materiale ghiaioso. La determinazione del volume viene eseguita con il metodo della sabbia tarata metodo del palloncino. nucleodensimetro. 91

92 92

93 compattazione di uno strato di 30 cm di sabbia limosa con o senza vibrazione utilizzando un rullo da 7700 kg 93

94 variazione della frequenza di compattazione utilizzando un rullo liscio vibrante 94

95 effetto della velocità di avanzamento di un rullo vibrante sulla compattazione 95

96 rullo da 5670 kg operante a 27,5 Hz spessore terreno sabbioso 240 cm 96

97 D r iniziale 50%-60% densità varia con z nei primi 15 cm la sabbia è vibrata max densità a 45 cm 97

98 metodo approssimato per determinare lo spessore dello strato da sottoporre a compattazione al fine di conseguire una densità relativa del 75% con 5 passaggi 98

99 99

100 100

101 Compattazione di una terra sotto condizioni differenti. (1) compattazione statica di laboratorio (13,8 MPa); (2) Proctor modificato; (3) Proctor standard; (4) compattazione statica (1,38 MPa); (5) compattazione in situ carico rullo gommato 6 passate; (6) compattazione in situ rullo a piede di pecora - 6 passate 101

102 102

103 103

104 Laguna di Venezia Isola delle Tresse Per stimare l'entità dei volumi di fango stoccabili all'interno delle vasche di raccolta dell'isola l delle Tresse è necessario valutare la deformabilità dei fanghi stessi. Tale deformabilità può essere stimata secondo due ipotesi: (1) i fanghi consolidano sotto il proprio peso e sotto il peso di macchine operatrici, senza la definizione di un preciso piano di stabilizzazione meccanica (compattazione); (2) programmazione di fasi operative in successione, in cui il fango viene dapprima steso, poi fatto essiccare fino ad un contenuto d'acqua prossimo al proprio 'optimum' e infine compattato in strati con rulli. 104

105 105

106 106

107 107

108 108

109 109

110 110

111 111

112 112

113 Campi di variazione periodo di stoccaggio Campioni di SO S.O. W0 Wl Ip u d riferimento (%) (%) (%) (%) (kn/m 3 ) (kn/m 3 ) da pochi giorni da alcuni mesi 3/4N/4M 5.7/8.6 40/64 71/78 29/ / /10.3 da alcuni anni DSA/DSB /34 61/62 22/ / /14.0 Miscela A+B DSA/DSB Miscela 3+4 3/4N/4M Limiti di Atterberg compresi in campi di variazione ristretti: limite di liquidità w l compreso tra 61% e 78% indice di plasticità I p compreso tra 22% e 35%. 113

114 Il calcolo della deformazione verticale (edometrica) v per effetto di un carico applicato uniformemente distribuito può essere condotto utilizzando la seguente espressione: v H H 0 e e 0 1 e 1 e 0 1 e 0 H: diminuzione di spessore dello strato che consolida; H 0 : spessore iniziale dello strato considerato; e 0 : indice dei vuoti iniziale dello strato considerato; 0 e 1 : indice dei vuoti finale dello strato considerato. 114

115 Al fine di determinare i valori dell'indice dei vuoti ad inizio e fine consolidazione è stata impiegata la seguente espressione, valida per terreni saturi: e w d w a d w: contenuto d'acqua; a : peso di volume dell'acqua; d : peso di volume secco del fango. 115

116 L'indice dei vuoti iniziale e 0 risulta pertanto uguale a: e e a seconda che i dati di riferimento i siano quelli del campione 2 o 3. Il valore di e 0 è sostanzialmente identico nei due casi e può essere assunto pari a 2. Nell'ipotesi (1) che i fanghi vengano fatti consolidare senza predisporre specifiche operazioni di compattazione (vasca n.4 dove sono state eseguite le prove di densità in situ) l'indice dei vuoti risulta uguale a: e e

117 L'indice dei vuoti finale medio e 1 può essere stimato pari a 0.7. La deformazione verticale v può essere così calcolata: l v H e e1 1 e H Nel caso che i fanghi vengano accuratamente compattati l'indice lindice dei vuoti risulta uguale a: e e a seconda che i dati di riferimento siano quelli della miscela (A+B) o (3+4). L'indice dei vuoti finale in questo caso può essere stimato pari a

118 La deformazione verticale v può essere così calcolata: v H H H 0 e 0 1 e e Sulla base dei risultati sperimentali ottenuti la deformazione verticale a seconda delle procedure adottate può variare da 43% (soluzione che non prevede la compattazione finale del fango parzialmente essiccato) a 53% (soluzione con compattazione finale con rulli). 118

COSTRUZIONE DEL CORPO STRADALE materiali, modalità esecutive, prove di controllo

COSTRUZIONE DEL CORPO STRADALE materiali, modalità esecutive, prove di controllo DICEA Dipartimento di Ingegneria Mantova Civile, 17 aprile Edile 2015 e Architettura COSTRUZIONE DEL CORPO STRADALE materiali, modalità esecutive, prove di controllo Prof. Ing.Maurizio Bocci Università

Dettagli

Formazione del corpo stradale e sottofondo I sottofondi

Formazione del corpo stradale e sottofondo I sottofondi Formazione del corpo stradale e sottofondo I sottofondi Corso di Costruzioni di strade Prof. Maurizio Bocci Dipartimento di Idraulica, Strade, Ambiente e Chimica Collaboratori: Ing. Andrea Graziani, a.graziani@univpm.it

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO 165 Introduzione Rispetto alle prove eseguite in laboratorio, quelle in sito presentano sia dei vantaggi che degli svantaggi. 1. Tra i vantaggi delle prove in sito di può dire che queste sono più rapide

Dettagli

engineering s.r.l. via del Rio, 2 56025 PONTEDERA PI tel. +39.0587.608233 fax +39.0587.606784

engineering s.r.l. via del Rio, 2 56025 PONTEDERA PI tel. +39.0587.608233 fax +39.0587.606784 05 04 03 02 01 08.11.2010 VARIANTE 1 00 14.03.2009 Prima emissione Rev. DATA: Motivo Il Direttore dei Lavori Piano di Lottizzazione UTOE Pontedera Est Comparto 12 OPERE DI URBANIZZAZIONE PONTEDERA PI Loc.tà

Dettagli

Caratteristiche fisiche delle terre

Caratteristiche fisiche delle terre 1 Caratteristiche fisiche delle terre Peso volumico reale Il peso volumico reale di una terra è il rapporto tra il peso dei suoi granuli non considerando i vuoti dei pori, e il peso di un uguale volume

Dettagli

Si può fare riferimento al modulo di reazione K r dato dal rapporto tra pressione e cedimento corrispondente: K r = p/s (kn/m 3 ) (7.

Si può fare riferimento al modulo di reazione K r dato dal rapporto tra pressione e cedimento corrispondente: K r = p/s (kn/m 3 ) (7. 124 7 Indagini e prove in situ 88-08-07273-8 contrasto manometro martinetto idraulico micrometro piastre sostegno del micrometro FIGURA 7.19 pressione unitaria a) cedimento il controllo della deformabilità

Dettagli

UNIVERSITÀ DI FIRENZE TECNICHE DI MIGLIORAMENTO DEI TERRENI

UNIVERSITÀ DI FIRENZE TECNICHE DI MIGLIORAMENTO DEI TERRENI UNIVERSITÀ DI FIRENZE TECNICHE DI MIGLIORAMENTO DEI TERRENI Corso di Geotecnica II Anno Accademico 2003-2004 ALTERNATIVE PROGETTUALI Nella progettazione o nella verifica di un opera (fondazione, rilevato,

Dettagli

STABILIZZAZIONE DELLE TERRE A CALCE STUDIO DI LABORATORIO DELLA MISCELA TERRA CALCE

STABILIZZAZIONE DELLE TERRE A CALCE STUDIO DI LABORATORIO DELLA MISCELA TERRA CALCE STUDIO DI LABORATORIO DELLA MISCELA TERRA CALCE INTERAZIONE CALCE TERRENO L aggiunta di calce in un terreno argilloso provoca: 1) la sostituzione degli ioni Na2+, K+, H+ con ioni Ca2+ (scambio ionico);

Dettagli

PREMESSA. - INTERVENTI IN CANTIERE (prelievo dei campioni e prove in situ, organizzazione e gestione di laboratori di cantiere)

PREMESSA. - INTERVENTI IN CANTIERE (prelievo dei campioni e prove in situ, organizzazione e gestione di laboratori di cantiere) Via Trapezzoli n 49 San Gregorio 89134 Reggio Calabria Tel. e Fax 0965-642102 www.tecnosud.net laboratorio@tecnosud.net TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI FORNITE AI SENSI DEL D.P.R. n.380/2001 E DELLA Circ.

Dettagli

Geotecnica e Laboratorio

Geotecnica e Laboratorio Corso di Laurea a ciclo Unico in Ingegneria Edile Architettura Geotecnica e Laboratorio Distribuzione delle tensioni nel terreno per effetto di carichi in superficie Cedimenti e mail: Prof. Ing. Marco

Dettagli

Lezione 6 GEOTECNICA. Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it

Lezione 6 GEOTECNICA. Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it Lezione 6 GEOTECNICA Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it - Lezione 6 A. Indagine Geotecnica: considerazioni generali B. Indagini in sito: Perforazioni di sondaggio e prelievo

Dettagli

COMUNE DI MENTANA ROMA

COMUNE DI MENTANA ROMA COMUNE DI MENTANA ROMA di Abballe Laboratorio autorizzato dal Ministero Infrastrutture e Trasporti DPR 380/01 Art. 59 Circolare 7619/STC del 08/09/2010 Concessione per l'esecuzione e certificazione di

Dettagli

APPLICAZIONE DI MISCELE COMPATTATE TERRENO CALCE NELLA STABILIZZAZIONE DI UN PENDIO IN FRANA

APPLICAZIONE DI MISCELE COMPATTATE TERRENO CALCE NELLA STABILIZZAZIONE DI UN PENDIO IN FRANA A.Di.S. Associazione Nazionale Difesa del Suolo "Difesa del suolo. Confronto di esperienze" Manoppello (PE), 2 dicembre 2006 APPLICAZIONE DI MISCELE COMPATTATE TERRENO CALCE NELLA STABILIZZAZIONE DI UN

Dettagli

LABORATORIO GEOTECNICO LISTINO PREZZI 2010

LABORATORIO GEOTECNICO LISTINO PREZZI 2010 Certificazione Ufficiale Settore «A» Prove di Laboratorio sui terreni SOGEA srl AUTORIZZAZIONE MINISTERO INFRASTRUTTURE E TRASPORTI Decreto 57027 / 5-11-2007 DPR 246/1993 Circolare 349/STC/1999 Geologia

Dettagli

1) non deve portare a rottura il terreno sottostante. 2) non deve indurre nel terreno cedimenti eccessivi

1) non deve portare a rottura il terreno sottostante. 2) non deve indurre nel terreno cedimenti eccessivi SICUREZZA e FUNZIONALITÀ delle strutture in elevazione (edificio in c.a., rilevato, etc.) sono garantite anche da alcuni requisiti che il SISTEMA FONDALE deve rispettare. In particolare il carico trasmesso

Dettagli

PROFESSIONE EOLOGO. Notiziario dell Ordine dei Geologi del Lazio. Professione Geologo n.33

PROFESSIONE EOLOGO. Notiziario dell Ordine dei Geologi del Lazio. Professione Geologo n.33 PROFESSIONE EOLOGO Notiziario dell Ordine dei Geologi del Lazio Gottobre 2012 numero 33 Poste Italiane S.p.a. - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (cov. in L27/02/2004 n. 46) art. 1, comma

Dettagli

Affidabilità del modello di Winkler

Affidabilità del modello di Winkler COMASTRI imp 14-09-2004 11:00 Pagina 50 Dal punto di vista fisico il mezzo alla Winkler può essere assimilato a un letto di molle elastiche mutuamente indipendenti, o meglio a un liquido di peso specifico

Dettagli

GESTIONE E PRATICA DEI CANTIERI: SCHEMI DI LAVORAZIONE, ATTREZZATURE, LOGISTICA, COSTI E PRODUZIONE

GESTIONE E PRATICA DEI CANTIERI: SCHEMI DI LAVORAZIONE, ATTREZZATURE, LOGISTICA, COSTI E PRODUZIONE GESTIONE E PRATICA DEI CANTIERI: SCHEMI DI LAVORAZIONE, ATTREZZATURE, LOGISTICA, COSTI E PRODUZIONE FASI DI LAVORAZIONE La tecnica di stabilizzazione delle terre si realizza attraverso 5 fasi, ognuna delle

Dettagli

Figura 1 Planimetria schematica con indicazione della ubicazione dei sondaggi e delle prove CPT

Figura 1 Planimetria schematica con indicazione della ubicazione dei sondaggi e delle prove CPT ESERCITAZIONE n. 1 Ai fini della caratterizzazione e modellazione geologica e geotecnica di un sito che sarà interessato dalla realizzazione di un edificio, con quattro piani fuori terra, da adibire a

Dettagli

Prova di verifica parziale N. 2 24 Nov 2008

Prova di verifica parziale N. 2 24 Nov 2008 Prova di verifica parziale N. 2 24 Nov 2008 Esercizio 1 Una prova triassiale CU è stata eseguita su tre provini preparati a partire da un campione indisturbato di argilla satura. Nella prima fase i tre

Dettagli

Campi di impiego stabilizzazione per la realizzazione di strade bianche con maggiore durabilità e resistenza all usura

Campi di impiego stabilizzazione per la realizzazione di strade bianche con maggiore durabilità e resistenza all usura Levostab 99 stabilizzante naturale per la realizzazione di: piste ciclabili, viabilità rurale, viabilità in zone di vincolo Funzione Levostab 99 è un prodotto ecocompatibile, stabilizzante e consolidante,

Dettagli

Prova penetrometrica dinamica: SPT (Standard Penetration Test)

Prova penetrometrica dinamica: SPT (Standard Penetration Test) PROVE IN SITO Prova penetrometrica dinamica: SPT (Standard Penetration Test) Durante le fasi di perforazione si possono eseguire, oltre al prelievo di campioni indisturbati, prove SPT (Standard Penetration

Dettagli

SCELTA E DIMENSIONAMENTO DELLA SOVRASTRUTTURA

SCELTA E DIMENSIONAMENTO DELLA SOVRASTRUTTURA PREMESSA La presente relazione riguarda il dimensionamento della sovrastruttura che andrà a costituire la pavimentazione del piazzale da adibire a deposito dei mezzi ARST. S.p.A da realizzare nella zona

Dettagli

COME SI REALIZZA UNA STRADA IN TERRA STABILIZZATA UTILIZZANDO UNA VIBROFINITRICE STABILIZZANTE ECOLOGICO PER PAVIMENTAZIONI IN TERRA STABILIZZATA

COME SI REALIZZA UNA STRADA IN TERRA STABILIZZATA UTILIZZANDO UNA VIBROFINITRICE STABILIZZANTE ECOLOGICO PER PAVIMENTAZIONI IN TERRA STABILIZZATA STABILIZZANTE ECOLOGICO PER PAVIMENTAZIONI IN TERRA STABILIZZATA COME SI REALIZZA UNA STRADA IN TERRA STABILIZZATA UTILIZZANDO UNA VIBROFINITRICE COME SI REALIZZA UNA STRADA IN TERRA STABILIZZATA UTILIZZANDO

Dettagli

RTP AUTERI & C Cagliari vile L. Merello 87/a - 09123 Cagliari tel. 070288907 - fax 070288907 - email ricauteri@tiscali.it. Pagina2

RTP AUTERI & C Cagliari vile L. Merello 87/a - 09123 Cagliari tel. 070288907 - fax 070288907 - email ricauteri@tiscali.it. Pagina2 Pagina2 INDICE 1. PREMESSA... 4 2. DATI GENERALI DELL INTERVENTO... 4 3. ANALISI DEI PARAMETRI SISMICI D.M. 14.01.2008... 5 4. INDAGINI GEOGNOSTICHE E GEOTECNICHE... 6 5. ANALISI GEOTECNICA DEL SOTTOFONDO

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

(riprendendo un trasparente mostrato a proposito di indagini e campionamento) MEZZI D INDAGINE PROFILO STRATIGRAFICO PROPRIETÀ MECCANICHE

(riprendendo un trasparente mostrato a proposito di indagini e campionamento) MEZZI D INDAGINE PROFILO STRATIGRAFICO PROPRIETÀ MECCANICHE (riprendendo un trasparente mostrato a proposito di indagini e campionamento) MEZZI D INDAGINE FINALITÀ MEZZI PROFILO STRATIGRAFICO POZZI TRINCEE CUNICOLI SONDAGGI DIRETTI INDIRETTI INDAGINI GEOFISICHE

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni LABORATORIO DI COSTRUZIONI DELL ARCHITETTURA II MODULO DI GEOTECNICA E FONDAZIONI Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Dipartimento di Ingegneria Strutturale

Dettagli

CONTROLLARE LE VIBRAZIONI

CONTROLLARE LE VIBRAZIONI Le vibrazioni sono un fenomeno ondulatorio, della stessa natura di quello dei suoni; a differenza di questi, che si propagano nell aria, le vibrazioni diffondono le loro onde nelle strutture solide. Le

Dettagli

Il miglioramento dei terreni nei rilevati stradali e ferroviari

Il miglioramento dei terreni nei rilevati stradali e ferroviari Pavimentazioni e Manti Il miglioramento dei terreni nei rilevati stradali e ferroviari Leggi i contenuti multimediali su www.stradeeautostrade.it Segui le istruzioni di pag. 4. SIDERCEM SRL - ISTITUTO

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria

Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria Geotecnica e Tecnica delle Fondazioni ESERCITAZIONE Docente: Daniela Giretti Studenti: Monica Bianchi Gabriele Gazzaniga Gabriele Ravizza Lorenzo

Dettagli

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati.

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati. 7. Pali UNITÀ I pali sono elementi strutturali utilizzati nelle opere di fondazione, nelle opere di contenimento della terra e dell acqua, negli interventi di miglioramento della stabilità dei pendii e

Dettagli

0.00 m. 1,75 m. ghiaiosa); γ 3 = 14,5 kn/m 3 c = 0 kpa ϕ = 35. 10.00 m. 21.75 m

0.00 m. 1,75 m. ghiaiosa); γ 3 = 14,5 kn/m 3 c = 0 kpa ϕ = 35. 10.00 m. 21.75 m ESERCITAZIONE n. 5 Carico limite di un palo trivellato Si calcoli, con le formule statiche, il carico limite di un palo trivellato del diametro di 0,4 m e della lunghezza di 11 m, realizzato in un sito

Dettagli

2 - Relazione tecnica. Programma Ambiente Apuane S.p.a. Discarica per rifiuti non pericolosi loc. Porta Comuni di Montignoso e Pietrasanta

2 - Relazione tecnica. Programma Ambiente Apuane S.p.a. Discarica per rifiuti non pericolosi loc. Porta Comuni di Montignoso e Pietrasanta Programma Ambiente Apuane S.p.a. Discarica per rifiuti non pericolosi loc. Porta Comuni di Montignoso e Pietrasanta Risultati delle indagini geognostiche e delle analisi di laboratorio per la caratterizzazione

Dettagli

GEOLOGIA APPLICATA E INGEGNERIA GEOTECNICA

GEOLOGIA APPLICATA E INGEGNERIA GEOTECNICA Giulio Riga GEOLOGIA APPLICATA E INGEGNERIA GEOTECNICA ESERCIZI SVOLTI GIULIO RIGA GEOLOGIA APPLICATA E INGEGNERIA GEOTECNICA ISBN 978-88-579-0019-3 2010 by Dario Flaccovio Editore s.r.l. - tel. 0916700686

Dettagli

LE TERRE I TERRENI. se estratte dal terreno. se sono in sito. In laboratorio ho sempre terre!!

LE TERRE I TERRENI. se estratte dal terreno. se sono in sito. In laboratorio ho sempre terre!! I TERRENI LE TERRE se sono in sito se estratte dal terreno In laboratorio ho sempre terre!! Le Terre Prof. Pasquale Colonna A.A. 2004-2005 L estrazione di rocce sabbie e ghiaia rappresenta, in percentuale,

Dettagli

FONDAZIONI DIRETTE prof. Stefano Catasta

FONDAZIONI DIRETTE prof. Stefano Catasta La scelta ed il dimensionamento di una soluzione fondale di tipo diretto superficiale è legata oltre alle caratteristiche del terreno su cui sorgerà la costruzione anche dal tipo di soluzione strutturale

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

Normative di riferimento

Normative di riferimento Aztec Informatica CARL 9.0 Relazione di calcolo 1 RELAZIONE DI CALCOLO GEOTECNICO Normative di riferimento - Legge nr. 1086 del 05/11/1971. Norme per la disciplina delle opere in conglomerato cementizio,

Dettagli

Lavorabilità definizioni

Lavorabilità definizioni Calcestruzzo fresco Lavorabilità definizioni attitudine di un calcestruzzo ad essere impastato, trasportato, posto in opera, compattato e rifinito senza che si verifichino segregazioni caratteristica che

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

PROVE PER LA DETERMINAZIONE DEI MODULI DI DEFORMAZIONE M d E M d M PROVA DI CARICO A DOPPIO CICLO CON PIASTRA CIRCOLARE<

PROVE PER LA DETERMINAZIONE DEI MODULI DI DEFORMAZIONE M d E M d M PROVA DI CARICO A DOPPIO CICLO CON PIASTRA CIRCOLARE< 2.5.17 PROVA SU PIASTRA Md Pag. 1 di 4 PROVE PER LA DETERMINAZIONE DEI MODULI DI DEFORMAZIONE M d E M d M PROVA DI CARICO A DOPPIO CICLO CON PIASTRA CIRCOLARE< 1. Scopo Lo scopo della prova è quello di

Dettagli

Ing. Enzo LA MURA Via Ing. G. Messina n. 6-84012 Angri (SA) E-mail: enzolamura@libero.it

Ing. Enzo LA MURA Via Ing. G. Messina n. 6-84012 Angri (SA) E-mail: enzolamura@libero.it 1. PREMESSA Nelle operazioni di recupero e di manutenzione straordinaria capita sempre più spesso che un edificio abbia problemi di fondazioni tali da rendere necessario un loro consolidamento. Negli ultimi

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA' DI INGEGNERIA Corso di laurea in Ingegneria Civile Dipartimento di Ingegneria Idraulica, Marittima, Ambientale e Geotecnica TESI DI LAUREA Analisi numerico-sperimentale

Dettagli

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue 1 Pali di fondazione Si possono avere: a) pali in legno: oggi quasi totalmente abbandonati e impiegati solo per modeste costruzioni che trasmettono carichi limitati, per lo più in zone con abbondante legname,

Dettagli

Corso di Geologia Applicata

Corso di Geologia Applicata Scienze e Tecnologie per i Beni Culturali Corso di Geologia Applicata Dott. Maria Chiara Turrini Ripartizione degli sforzi fra fase solida e fase liquida Poiché il terreno è un sistema multifase, il carico

Dettagli

Principali tipologie di terreno

Principali tipologie di terreno Principali tipologie di terreno Terreni derivati da rocce sedimentarie (NON COESIVI): Sabbie Ghiaie Terreni derivati da rocce scistose (COESIVI): Argille Limi Terreni di derivazione organica: Torbe Terreno

Dettagli

MIX DESIGN DEL CALCESTRUZZO Parte I - Mix Design Semplice

MIX DESIGN DEL CALCESTRUZZO Parte I - Mix Design Semplice MIX DESIGN DEL CALCESTRUZZO Parte I - Mix Design Semplice Anno XIII - Numero 45-2009 Silvia Collepardi e Roberto Troli Enco srl, Ponzano Veneto (TV) - info@encosrl.it 1. PREMESSA Esistono fondamentalmente

Dettagli

Lezione 9 GEOTECNICA

Lezione 9 GEOTECNICA Lezione 9 GEOTECNICA Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it - Lezione 9 A. Fondazioni su pali: requisiti di progetto B. Tecnologie esecutive nella realizzazione dei pali C. Pali

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Verifica in itinere 3 dicembre 2014 TURNO 1

Corso di Laurea in Farmacia Verifica in itinere 3 dicembre 2014 TURNO 1 Corso di Laurea in Farmacia Verifica in itinere 3 dicembre 2014 TURNO 1 COMPITO A Un blocco di massa m 1 = 1, 5 kg si muove lungo una superficie orizzontale priva di attrito alla velocità v 1 = 8,2 m/s.

Dettagli

Interpretazione delle prove in laboratorio

Interpretazione delle prove in laboratorio Interpretazione delle prove in laboratorio Condizioni al contorno controllate dallo sperimentatore Tensioni e deformazioni ( parametri) imposte o misurabili σ a σ v ε a ε v ε r =0 σ r ε v / u Prova edometrica

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE (Lauree di primo livello D.M. 509/99 e D.M. 270/04 e Diploma Universitario) SEZIONE B - Prima

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 8. COMPORTAMENTO MECCANICO DEI TERRENI RESISTENZA DEI TERRENI

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 8. COMPORTAMENTO MECCANICO DEI TERRENI RESISTENZA DEI TERRENI GEOTECNICA 8. COMPORTAMENTO MECCANICO DEI TERRENI RESISTENZA DEI TERRENI PERCORSO TENSIONALE IN UNA PROVA TRIASSIALE DRENATA PROVA TRIASSIALE DRENATA TERRENO NC PRESSIONE NEUTRA NULLA COMPRESSIONE ISOTROPA

Dettagli

Neoweb sistema di stabilizzazione dei terreni

Neoweb sistema di stabilizzazione dei terreni sistema di stabilizzazione dei terreni Il problema L obiettivo principale della progettazione è quello di realizzare delle sovrastrutture in grado di possedere l adeguata resistenza alle sollecitazioni

Dettagli

Articolo 10 CONGLOMERATI BITUMINOSI RICICLATI A FREDDO PER LA FORMAZIONE DI STRATI DI BASE

Articolo 10 CONGLOMERATI BITUMINOSI RICICLATI A FREDDO PER LA FORMAZIONE DI STRATI DI BASE Articolo 10 CONGLOMERATI BITUMINOSI RICICLATI A FREDDO PER LA FORMAZIONE DI STRATI DI BASE Il conglomerato bituminoso riciclato a freddo, direttamente in sito o in impianto (fisso o mobile) viene realizzato

Dettagli

GEOLOGIA APPLICATA E GEOTECNICA

GEOLOGIA APPLICATA E GEOTECNICA GEOLOGIA APPLICATA E GEOTECNICA 3 Direttore Luigi ESPOSITO Università degli Studi di Napoli Federico II Comitato scientifico Nicola SCIARRA Università degli Studi di Chieti Antonio PASCULLI Università

Dettagli

Condotte in PVC: Qualità, Prestazioni e Impatto Ambientale

Condotte in PVC: Qualità, Prestazioni e Impatto Ambientale Condotte in PVC: Qualità, Prestazioni e Impatto Ambientale Fiera Accadueo - Ferrara Le interazioni terreno-tubazioni: la posa corretta e le soluzioni conformi Sergio Papiri Dipartimento di Ingegneria Idraulica

Dettagli

LISTINO G INDAGINI GEOGNOSTICHE

LISTINO G INDAGINI GEOGNOSTICHE CITTÀ DI IMOLA SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE PREZZIARIO DEL COMUNE DI IMOLA (ai sensi dell art. 133 D.Lgs. 163/2006) LISTINO G INDAGINI GEOGNOSTICHE Anno 2013 *** INDICE *** 1 INDAGINI

Dettagli

D.M. 11.03.1988: NTC2008: 6.2.1. 6.2.2

D.M. 11.03.1988: NTC2008: 6.2.1. 6.2.2 D.M. 11.03.1988: [ ] la progettazione deve essere basata sulla caratterizzazione geotecnica dei terreni di fondazione, ottenuta a mezzo di rilievi, indagini e prove [ ] NTC2008: [ ] Le scelte progettuali

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

COMPRESSIBILITÀ E CONSOLIDAZIONE

COMPRESSIBILITÀ E CONSOLIDAZIONE COMPRESSIBILITÀ E CONSOLIDAZIONE. Cedimenti nel caso di falda profonda e fondazione a p.c. 3 t δ 3 I cedimenti sono non lineari con il carico falda Al termine della fase di carico, i cedimenti sono trascurabili.

Dettagli

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA 1 Via Arni, 30 55032 Castelnuovo di Garfagnana (LU) MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA SMW ( Soil Mixing Wall ) - trielica RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA Emissione : Castelnuovo di Garfagnana,

Dettagli

esercizio e le verifiche di durabilità.

esercizio e le verifiche di durabilità. Normativa: aspetti generali e di dettaglio FONDAZIONI PER EDIFICI Le scelte progettuali per le opere di fondazione devono essere effettuate t contestualmente e congruentemente con quelle delle strutture

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L'AMBIENTE E IL TERRITORIO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE EDILE ED AMBIENTALE

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA DEI TERRENI SOTTO AZIONI DINAMICHE CON PROVE IN SITO E DI LABORATORIO

CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA DEI TERRENI SOTTO AZIONI DINAMICHE CON PROVE IN SITO E DI LABORATORIO < CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA DEI TERRENI SOTTO AZIONI DINAMICHE CON PROVE IN SITO E DI LABORATORIO #$$! "! " %&'()**) +,-./ ?@1 3>?@1 012 34561 75 ;33849: Dinamica dei Terreni Studia il comportamento

Dettagli

Fondazione Geometri Ferraresi In collaborazione con Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Ferrara

Fondazione Geometri Ferraresi In collaborazione con Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Ferrara Fondazione Geometri Ferraresi In collaborazione con Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Ferrara CONVEGNO ROCCE E TERRE DA SCAVO E LA GESTIONE DEI RIFIUTI NELLE SEDI E NEI CANTIERI

Dettagli

COSTRUIRE SU TERRENI DIFFICILI Romolo Di Francesco e dott. Geol. Vittorio Gennari www.romolodifrancesco.it

COSTRUIRE SU TERRENI DIFFICILI Romolo Di Francesco e dott. Geol. Vittorio Gennari www.romolodifrancesco.it COSTRUIRE SU TERRENI DIFFICILI Romolo Di Francesco e dott. Geol. Vittorio Gennari www.romolodifrancesco.it 1. INTRODUZIONE Pur considerato che le conoscenze teoriche, sperimentali e tecnologiche hanno

Dettagli

INTRODUZIONE 3 CARATTERIZZAZIONE DELLO STATO ATTUALE 3 TRAFFICO 3 FATTORI DI DIMENSIONAMENTO DEGLI INTERVENTI MANUTENTIVI 4

INTRODUZIONE 3 CARATTERIZZAZIONE DELLO STATO ATTUALE 3 TRAFFICO 3 FATTORI DI DIMENSIONAMENTO DEGLI INTERVENTI MANUTENTIVI 4 INTRODUZIONE 3 CARATTERIZZAZIONE DELLO STATO ATTUALE 3 TRAFFICO 3 FATTORI DI DIMENSIONAMENTO DEGLI INTERVENTI MANUTENTIVI 4 TRAFFICO DI PROGETTO 4 LE CONDIZIONI CLIMATICHE 5 IL SOTTOFONDO 5 CALCOLO DELLA

Dettagli

Lezione 7 GEOTECNICA. Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it

Lezione 7 GEOTECNICA. Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it Lezione 7 GEOTECNICA Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it - Lezione 7 A. Compressibilità dei terreni: considerazioni generali ed applicazioni B. L edometro C. La pressione di

Dettagli

PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI

PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI Patrizia Piro, Marco Carbone, Giovanni Tomei Dipartimento di Difesa del Suolo V. Marone Università degli Sudi della Calabria

Dettagli

PALI IN ACCIAIO IMMEDIATAMENTE ATTIVI. COSI REALIZZIAMO FONDAZIONI PROFONDE A BASSA INVASIVITÀ. Spesso ciò che non si vede è quello che conta.

PALI IN ACCIAIO IMMEDIATAMENTE ATTIVI. COSI REALIZZIAMO FONDAZIONI PROFONDE A BASSA INVASIVITÀ. Spesso ciò che non si vede è quello che conta. PALI IN ACCIAIO IMMEDIATAMENTE ATTIVI. COSI REALIZZIAMO FONDAZIONI PROFONDE A BASSA INVASIVITÀ. Spesso ciò che non si vede è quello che conta. CEDIMENTI NELLE FONDAZIONI? Crepe e fessurazioni sui muri

Dettagli

Verbale prove di carico Effettuate in data 02/09/2009

Verbale prove di carico Effettuate in data 02/09/2009 Piano di Lottizzazione Pegaso in località Vado. Permesso a costruire n. 2/U/2006 rilasciato in data 12.09.2006 prot. n. 3453/05 Inizio lavori del 20.07.2007 comunicato in data 23.07.2007 con prot. n. 7182

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale e orizzontale

Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale e orizzontale CORSO DI LAUREA QUINQUENNALE a.a. 2012/13 MATERIALI PER L'ARCHITETTURA Prof. Alberto De Capua Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale

Dettagli

TECNICHE DI MIGLIORAMENTO DEI TERRENI

TECNICHE DI MIGLIORAMENTO DEI TERRENI TECNICHE DI MIGLIORAMENTO DEI TERRENI Dott. Ing. Johann Facciorusso johannf@dicea.unifi.it DIREZIONE GENERALE AMBIENTE E DIFESA DEL SUOLO E DELLA COSTA Corso di aggiornamento in Geotecnica (1 giugno 2006)

Dettagli

Prove penetrometriche. - Dinamiche SPT standard penetration test DP dynamic penetration test

Prove penetrometriche. - Dinamiche SPT standard penetration test DP dynamic penetration test Prove penetrometriche - Dinamiche SPT standard penetration test DP dynamic penetration test - Statiche CPT cone penetration test 1 Prove Penetrometriche Dinamiche 2 Prove Penetrometriche Dinamiche - DP

Dettagli

Metodo di indagine che consente l ispezione diretta del terreno. Perforazione effettuata nel terreno mediante un attrezzatura denominata sonda

Metodo di indagine che consente l ispezione diretta del terreno. Perforazione effettuata nel terreno mediante un attrezzatura denominata sonda SONDAGGIO: Metodo di indagine che consente l ispezione diretta del terreno Perforazione effettuata nel terreno mediante un attrezzatura denominata sonda Utilizzato per: - Ricostruzione del profilo stratigrafico

Dettagli

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problema n. 1: Un corpo puntiforme di massa m = 2.5 kg pende verticalmente dal soffitto di una stanza essendo

Dettagli

Fax 0363.938688 issrl.it6 c 3 va 07 rl@ 3 s.93 is 63 c a l. 0 v et y t l i. a l ti r ) s g B s ( i o c v a o C v. 0 5 0 4 2

Fax 0363.938688 issrl.it6 c 3 va 07 rl@ 3 s.93 is 63 c a l. 0 v et y t l i. a l ti r ) s g B s ( i o c v a o C v. 0 5 0 4 2 AUTOBLOCCANTI I NOSTRI SERVIZI ART SERVICE SRL LA SOLUZIONE PER LA POSA DELLA PAVIMENTAZIONE Nel 2005 nasce Art Service Srl, società del gruppo Vacis specializzata nella posa di masselli autobloccanti

Dettagli

PARTS AND MORE COMPACT PARTI E COMPONENTI DEL RULLO

PARTS AND MORE COMPACT PARTI E COMPONENTI DEL RULLO PARTS AND MORE COMPACT PARTI E COMPONENTI DEL RULLO ROAD AND MINERAL TECHNOLOGIES www.wirtgen-group.com SOMMARIO PAG. 4 Rullo originale Hamm Pag. 4 FATTI PAG. 6 Principio della compattazione Pag. 6 Compattazione

Dettagli

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi Incontro di aggiornamento Edifici antisismici in calcestruzzo armato Aspetti strutturali e geotecnici secondo le NTC08 1 Esame visivo della struttura Orizzonte Hotel, Acireale 16-17 dicembre 2010 Aurelio

Dettagli

Grazie ai mezzi maneggevoli, si possono produrre pali inclinati in quasi ogni inclinazione e direzione.

Grazie ai mezzi maneggevoli, si possono produrre pali inclinati in quasi ogni inclinazione e direzione. Battitura di pali duttili Generalità: Grazie agli escavatori idraulici leggeri e maneggevoli, i lavori per fondazioni di pali possono essere eseguiti anche in condizioni difficili oppure quando lo spazio

Dettagli

4$5 (2% 1 (...* (.. ("2 2 (.." "")" ' 3 3.%.&( % ( (2%%.""".("2 % +.* %# ) <% "" " 3 3"". 0 %' 3'=..(' >6 6%4(5 ) <3 3"".

4$5 (2% 1 (...* (.. (2 2 (.. ) ' 3 3.%.&( % ( (2%%..(2 % +.* %# ) <%   3 3. 0 %' 3'=..(' >6 6%4(5 ) <3 3. 1 Premessa... 3 1.1 Normativa di riferimento... 5 2 Inquadramento dell area... 6 3 Inquadramento geologico e geomorfologico regionale... 8 4 Indagini geotecniche in situ... 17 4.1 Modalità d indagini...

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Macchine per la stabilizzazione delle terre Napoli 18 aprile 2012

Macchine per la stabilizzazione delle terre Napoli 18 aprile 2012 Macchine per la stabilizzazione delle terre Napoli 18 aprile 2012 LE MACCHINE NECESSARIE Spandilegante Stabilizzatrice Rulli Grader Scegliere la stabilizzatrice adeguata per ogni situazione STABILIZZAZIONE

Dettagli

Proprietà elastiche dei corpi

Proprietà elastiche dei corpi Proprietà elastiche dei corpi I corpi solidi di norma hanno una forma ed un volume non facilmente modificabili, da qui deriva la nozioni di corpo rigido come corpo ideale non deformabile. In realtà tutti

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Matteo Vecchi Lezione del n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Il Moto Esterno Con il termine moto esterno intendiamo quella branca della fluidodinamica che studia il moto dei fluidi attorno ad un

Dettagli

FONDAZIONI parte di struttura a diretto contatto con il terreno al quale vincola stabilmente la struttura stessa

FONDAZIONI parte di struttura a diretto contatto con il terreno al quale vincola stabilmente la struttura stessa DEFINIZIONE FONDAZIONI parte di struttura a diretto contatto con il terreno al quale vincola stabilmente la struttura stessa concepite per ripartire le sollecitazioni provenienti dalla struttura in elevazione

Dettagli

Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti

Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti FONDAZIONI SU PALI Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti Si ricorre a fondazioni su pali quando:

Dettagli

L'input geotecnico nella progettazione di. fondazioni speciali

L'input geotecnico nella progettazione di. fondazioni speciali 7-8 ottobre 2011 Palazzo Vermexio, Siracusa L'input geotecnico nella progettazione di Parte Seconda: la Definizione dei Parametri Ing. Umberto Arosio 1 Introduzione Problema Geotecnico: determinare l interazione

Dettagli

PROVE DI CARICO SU PIASTRA (Plate Load Test PLT)

PROVE DI CARICO SU PIASTRA (Plate Load Test PLT) Il progetto stradale principi e casi pratici 24 ottobre 2012 PROVE DI CARICO SU PIASTRA (Plate Load Test PLT) Dott. Geol. Diego Italiano Laboratorio ALTAIR s.r.l. 1 INDICE Introduzione Normativa Obiettivi

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

Angolo d attrito in termini di sforzi efficaci. Metodo NTH (Norvegian Institute of Technology) Sandven et al. (1995)

Angolo d attrito in termini di sforzi efficaci. Metodo NTH (Norvegian Institute of Technology) Sandven et al. (1995) Angolo d attrito in termini di sforzi efficaci Metodo NTH (Norvegian Institute of Technology) Sandven et al. (1995) Angolo d attrito La formula di Senneset e Janbu presenta il grande vantaggio di interpretare

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, EDILE E AMBIENTALE (DICEA) CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO CARATTERIZZAZIONE FISICO-MECCANICA

Dettagli