Laboratorio di Sistemi Operativi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Laboratorio di Sistemi Operativi"

Transcript

1 Laboratorio di Sistemi Operativi Prof. Mario Di Raimondo Centro Ricerche IPPARI Comiso A.A Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 1 / 157

2 Parte I Bash Scripting Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 2 / 157

3 Breve storia di UNIX Introduzione Unix Negli anni 60, dominano i mainframe da milioni di $. Questi hanno sistemi operativi: enormi (milioni di righe assembler); quindi poco efficienti e pieni di errori (correggendoli se ne introducevano altri!). Alla fine degli anni 60, fallisce il progetto del mega S.O. MULTICS. Intanto compaiono i minicomputer: 50% prestazioni, 5% costo di un mainframe. Nel 1969 un ex progettista di MULTICS, Ken Thompson trova alla Bell Labs un minicomputer per cui scrive in assembler un SO. E una versione ridotta di MULTICS: UNIX. Più avanti, Thompson e Dennis Ritchie riscrivono UNIX in linguaggio C, linguaggio ad alto livello, molto conciso e potente. Essendo ad alto livello, il C è indipendente dall hardware. Ciò ha permesso di portare UNIX su pressoché ogni hardware: PC, workstation, mini e super computer. Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 3 / 157

4 Unix oggi Introduzione Unix Esistono varie versioni commerciali di UNIX: alcune commerciali, alcune libere. I sistemi UNIX, nonostante siano nati più di 40 anni fa, sono ancora una realtà. Costituiscono la base tecnologica della moderna Internet. La maggioranza dei server di rete, a livello planetario, gira su sistemi UNIX-like. Caratteristiche principali: disponibile su molte piattaforme; multi-utente e multi-programmato; ben strutturato e fortemente affidabile; pensato per la rete. Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 4 / 157

5 La filosofia di UNIX Introduzione Unix This is the Unix philosophy. Write programs that do one thing and do it well. Write programs to work together. Write programs to handle text streams, because that is a universal interface. - Doug Macllroy, a founder of Unix tradition Filosofia nella programmazione scrivi piccoli pezzi connessi da interfacce chiare e pulite; progetta programmi che possono comunicare facilmente con altri programmi; progetta le cose in modo semplice; aggiungi complessità solo quando indispensabile; prima crea un prototipo che funziona, poi lo si ottimizza. - da The Art of Unix Programming Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 5 / 157

6 Linux Introduzione Linux Tra le tante reincarnazioni di UNIX ne esiste una che ha acquisito una particolare rilevanza per le sue caratteristiche: Linux creata nel 1991 da Linus Torvalds all Università di Helsinki; un sistema UNIX-like ma non derivato dai sorgenti di UNIX; completamente riscritto da zero ma intenzionalmente compatibile ed interfacciabile con i sistemi UNIX originali; rilasciato sotto licenza GPL: codice sorgente aperto, liberamente accessibile e modificabile; grazie alla sua natura aperta, è nata una comunità di sviluppatori che ci lavora ormai da anni. I sistemi UNIX hanno sempre dominato sul lato server: oggi Linux sta rimpiazzando una buona parte delle installazioni UNIX commerciali. Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 6 / 157

7 Progetto GNU Introduzione Linux Il progetto Linux riguarda solo lo sviluppo del kernel del Sistema Operativo. Esso ha una struttura monolitica. In realtà l idea di ricreare un sistema UNIX ma a codice aperto era stato intrapreso qualche anno prima dal progetto GNU (GNU is Not Unix) fondato da Richard Stallman. Questi avevano ben presto riscritto dal nulla tutte le utility che un moderno sistema operativo UNIX-like doveva avere, il tutto sotto licenza GPL. Un sistema operativo necessita di un kernel: il loro kernel era Hurd: ha una struttura a micro-kernel; concezione moderna ma...; il progetto risultò particolarmente complesso da sviluppare e da correggere; sviluppo molto lento e stagnante. Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 7 / 157

8 Il progetto GNU/Linux Introduzione Linux L arrivo di Linux capito proprio al momento giusto: la congiunzione dei due progetti fece nascere il sistema operativo GNU/Linux. Oggi tale sistema viene erroneamente denominato dalla massa come Linux, ma in realtà Linux è solo il kernel del sistema. Queste imprecisioni fanno infuriare i puristi (soprattutto i fautori del progetto GNU). Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 8 / 157

9 Le interfacce grafiche Introduzione Linux I sistemi UNIX originali hanno da sempre avuto come unica interfaccia con il suo utente la cosiddetta linea di comando (o shell): uno spaventoso cursore lampeggiante su uno schermo desolatamente nero! Alcuni progetti Open Source si sono posti come obiettivo quello di creare interfacce grafiche user-friendly che ne permettessero l utilizzo anche all utente medio meno esperto. Inoltre bisogna considerare che: anche l occhio vuole la sua parte! Sono nati bei progetti come Gnome, KDE e XFCE che forniscono una interfaccia (compresa di programmi applicativi) che, ad oggi, non hanno nulla da invidiare rispetto ad altre interfacce commerciali... Avvertimento Per questo corso, scordatevi le interfacce grafiche! Non le utilizzeremo! Il nostro ambiente di lavoro sarà la linea di comando. Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 9 / 157

10 Le distribuzioni Introduzione Linux Oggi il sistema GNU/Linux è disponibile sotto forma di varie distribuzioni, ne esistono a centinaia: base comune: sono comunque sistemi GNU/Linux; metodi di installazione e configurazione diversi; organizzazione dei pacchetti diversa; target di utilizzo diverso: desktop, server e/o embedded. Tra le più famose ed evolute: Debian (comprese le sue varianti: Knoppix, Ubuntu, Mepis,...); Suse; RedHat; Mandriva (ex Mandrake); Gentoo;... Scegliete quella che preferite! Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 10 / 157

11 Altre varianti di UNIX Introduzione Linux Un altro ceppo derivante dal sistema UNIX originale è costituito dalla famiglia dei sistemi BSD. Ne esistono varie versioni: alcune prettamente commerciali, altre libere. In genere i sistemi BSD sono particolarmente apprezzati in ambienti server per la loro stabilità e sicurezza. Dalla base BSD è nato proprio un sistema operativo che sta rapidamente diffondendosi: Apple MAC OS X. Si tratta fondamentalmente di un sistema Unix con un kernel (chiamato Darwin) a codice aperto ed una interfaccia accattivante che dimostra come un sistema UNIX può diventare user-friendly e alla portata di tutti. Sfortunatamente alcune parti del sistema (prevalentemente l interfaccia) sono closed-source e non permetteno di considerarlo un vero sistema libero. Volendo, per il corso, potete anche sperimentare su un Apple recente: con qualche click in più, potete scovare dove è stata nascosta la shell. Si può pensare anche di impiegare altri sistemi UNIX-like (anche commerciali) come Solaris, AIX, XP-UX,... Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 11 / 157

12 Cos è questa shell?! Introduzione La shell Si tratta di una interfaccia testuale attraverso cui si possono impartire al S.O. una serie di comandi o lanciare interi programmi. I primi sistemi UNIX avevano solo la shell come possibile interfaccia dell utente. Erano altri tempi e l avvento delle nuove interfacce grafiche farebbe pensare che il loro utilizzo è completamente superato ed obsoleto. Falso! Ciò non è affatto vero. Nei sistemi UNIX-like l interfaccia da linea di comando rappresenta ancora il metodo migliore per gestire le installazioni. Le moderne distribuzioni mettono anche a disposizione interfacce e servizi di configurazioni abbastanza efficienti. Purtroppo, spesso risultano troppo rigide e macchinose e mal si adattano ad esigenze specifiche di alcuni sistemisti. In realtà anche i sistemi Microsoft Windows hanno una rudimentale shell che risale alle sue origini più nascoste (l MS-DOS). Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 12 / 157

13 Introduzione I pro e i contro della shell La shell Iniziamo con gli aspetti positivi: permettono una gestione delle macchine anche da remoto in modo del tutto naturale (telnet, ssh); attraverso la creazione di semplici script (raccolte di comandi) è possibile automatizzare dei compiti di routine in modo da risparmiare tempo e lavoro; sistema che vai, interfaccia grafica di configurazione che trovi : tutto ciò non vale per la shell che rimane invariante nei sistemi UNIX-like. Passiamo a quelli negativi: può incutere timore e diffidenza nei nuovi utenti; con la shell non si può improvvisare, bisogna prima studiarsi i suoi principi di funzionamento ed i vari comandi a disposizione; Obiettivo Uno degli obiettivi di questo corso è proprio quello di imparare ad utilizzare le shell dei sistemi UNIX ed imparare la programmazione scripting. Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 13 / 157

14 Il processo di avvio (1) Introduzione Concetti fondamentali Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 14 / 157

15 Il processo di avvio (2) Introduzione Concetti fondamentali Dopo il power on del sistema, il BIOS viene caricato dalla EPROM del computer e questo (attraverso il boot loader che sta nel settore di avvio del primo disco) carica il kernel del S.O.; una volta avviato il kernel, questo ha accesso alle risorse del computer, quale la RAM su cui è caricato esso stesso e su cui farà girare tutti i suoi processi, ed il filesystem, su cui risiedono tutti i file dei programmi; il primo processo avviato dal kernel è il cosiddetto processo init che provvede ad inizializzare il sistema e, dipendentemente da ciò che è configurato nel file /etc/inittab, lancia i processi di login; ci può essere più di un processo di login su più terminali fisici (cioè reali) o virtuali; il programma di login consente all utente del sistema di autenticarsi prima di accedere allo stesso. Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 15 / 157

16 Cos é l autenticazione? Introduzione Concetti fondamentali A differenza del sistema MS-DOS e dei primi sistemi Windows, i sistemi UNIX sono stati da sempre multi-utente. La stessa macchina può essere utilizzata da più utenti contemporaneamente (localmente e/o in remoto). Ad ogni utente è associato un username ed una password che permettono di identificarlo al momento del login. I dati di tutti gli utenti del sistema sono memorizzati all interno del file /etc/passwd. Tutto il sistema è basato sui diritti di accesso: ogni oggetto (file, periferica, processo) ha delle strutture di accesso che decidono quali operazioni un dato utente è abilitato a fare. Queste strutture prevedono la suddivisione in gruppi logici (con intersezioni) per una maggiore flessibilità. Ogni utente ha un proprio ambiente di lavoro perfettamente isolato dagli altri. Un utente, in genere, non può interferire nel lavoro degli altri utenti. Esiste un utente particolare, chiamato root, che ha i massimi privilegi sul sistema: può fare quello che vuole. In genere è l account dell amministratore di sistema. Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 16 / 157

17 Ambiente iniziale Introduzione Concetti fondamentali Una volta effettuato il login correttamente ci si ritrova all interno del proprio spazio utente. A secondo di come è configurato il nostro sistema ci possiamo ritrovare in due diverse situazioni: se il login è stato effettuato in modalità testuale, allora ci ritroveremo direttamente difronte ad una shell (sempre testuale); alcuni sistemi (sopratutto quelli meno recenti) utilizzano l interfaccia testuale per default; il login viene effettuato attraverso una interfaccia grafica (desktop manager)che ci permette di introdurre le nostre credenziali (username/password) e quello che ci viene presentato dopo è un terminale grafico con una interfaccia user-friendly tipo Gnome o KDE; in questo caso, bisogna aprire manualmente un terminale per permetterci di lavorare con la shell. Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 17 / 157

18 Eccoci nella shell Introduzione Concetti fondamentali Quello che ci viene presentato è un prompt che ci indica che il sistema è pronto a ricevere comandi da noi. Esempio di prompt dei comandi A questo punto possiamo inserire i comandi che vengono poi mandati in esecuzione premendo il tasto di invio (o enter ). Finché il comando non viene inviato in esecuzione, abbiamo la possibilità di modificarne la sintassi correggendolo. Infatti questo viene mantenuto in un buffer di input fino all invio. Alcuni tasti utili Ctrl-C: interrompe l esecuzione di un comando; Ctrl-S: blocca l output che scorre sullo schermo; Ctrl-Q: sblocca lo stesso output. Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 18 / 157

19 Il filesystem Introduzione Concetti fondamentali Si tratta di una struttura (tipicamente ad albero) mantenuta su disco che contiene tutti i dati del S.O. e dei suoi utenti. Il filesystem contiene i seguenti tipi di oggetti: file: unità di base di memorizzazione dei dati; directory: meccanismo di raggruppamento di altri oggetti in modo annidato, dando origine a strutture ad albero; altro. Ogni filesystem ha un directory speciale che contiene tutti gli altri oggetti del filesystem (direttamente o indirettamente): root (o radice). Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 19 / 157

20 Esempio di filesystem Introduzione Concetti fondamentali Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 20 / 157

21 I path (1) Introduzione Concetti fondamentali Per lavorare con gli oggetti del filesystem ci serve poterli identificare in un modo ben preciso. Vengono utilizzati due metodi principali: Percorso assoluto Il percorso assoluto (o absolute path ) di un file è il percorso che va dalla radice del filesystem allo stesso. Il percorso parte dalla root quindi inizia con il carattere / e ogni elemento del path è separato dal precedente da un altro carattere /. Esempio: /home/utente/file.txt Percorso relativo Fissando logicamente una particolare directory (in genere quella corrente) è possibile identificare un file attraverso il percorso relativo (o relative path ) che va da tale directory ad esso. Un percorso relativo non inizia mai con il carattere /. Esempio: utente/documenti/cv.pdf Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 21 / 157

22 I path (2) Introduzione Concetti fondamentali Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 22 / 157

23 I path (3) Introduzione Concetti fondamentali Osservazione In effetti il percorso assoluto di un file è il suo percorso relativo rispetto alla root. Nella costruzione dei percorsi possiamo utilizzare due cartelle virtuali che esistono in ogni directory: la cartella.: indica la cartella stessa ( auto-referenziamento ); la cartella..: indica la cartella genitore. La cartella speciale.. risulterà molto utile per navigare all interno del nostro filesystem. Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 23 / 157

24 I path (4) Introduzione Concetti fondamentali Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 24 / 157

25 File speciali Introduzione Concetti fondamentali In ambiente UNIX esistono dei file speciali chiamati file di dispositivo: identificano una particolare periferica del sistema ed attraverso esso il S.O. e i programmi possono interagire con tale periferica. In genere risiedono nella cartella predefinita /dev/. Ne esistono di due tipi: a caratteri: le operazioni sul dispositivo vengono fatte per flussi di input/output con il carattere come unità di base. Esempio: tastiera, stampante, scheda audio; a blocchi: si opera con modalità ad accesso casuale e si agisce per blocchi. In genere riguarda i dischi fissi ed i CD/DVD. Esempi: dischi ATA (/dev/hda,/dev/hdb,...), partizioni all interno dei dischi (/dev/hda1,/dev/hda2,...), floppy disk (/dev/fd0), terminali testuali (/dev/tty1), schede audio (/dev/dsp). Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 25 / 157

26 Più di un filesystem Introduzione Concetti fondamentali In genere in un sistema esistono più di un filesystem: ne necessita uno per un eventuale CD-ROM inserito nel lettore, uno per ogni partizione sul disco, ecc. Sui sistemi MS-DOS/Windows siamo abituati ad identificare ogni possibile filesystem con una diversa lettere dell alfabeto: A:, C:,... Nei sistemi UNIX tutto questo viene evitato montando i filesystem in cascata. Esiste un filesystem principale (in genere quello da cui viene caricato il S.O.) e la sua radice sarà la root di tutto il sistema. Ogni filesystem secondario viene montato come se fosse un ramo dell albero principale. In questo modo si viene a creare un unico grande albero ed ogni file del sistema può essere identificato con un path assoluto che parta dalla root del sistema /. In genere i filesystem secondari vengono montati della cartella standard /mnt/ e quelli delle unità removibili (tipo floppy-disk o chiavette USB) in /media/. Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 26 / 157

27 Esempio di mount Introduzione Concetti fondamentali Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 27 / 157

28 Introduzione Un tipico filesystem UNIX Concetti fondamentali Ecco alcune directory standard che si trovano su tutti i sistemi UNIX: /home/: ogni utente ha una propria home directory in cui i propri dati e le sue configurazioni dei programmi vengono mantenute (separatamente da quelli degli altri utenti); tutte le home degli utenti stanno in /home/; /etc/: vi risiedono tutti i file di configurazione dei programmi installati compresi gli script di avvio del sistema; /bin/: contiene i file eseguibili di buona parte delle utility del sistema; /sbin/: contiene le utility destinate all amministrazione che solo l amministratore può utilizzare; /lib/: contiene le librerie di sistema; /proc/: una directory virtuale che rappresenta alcuni aspetti interni del S.O., tipo processi, periferiche, ecc. /usr/: contiene gli eseguibili e i dati di tutto il resto dei programmi installati; /var/: contiene alcuni database, cache e dati temporanei. Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 28 / 157

29 La shell bash La shell ed i suoi comandi La shell Esistono varie shell sui sistemi UNIX: sh: Bourne Shell bash: Bourne Again Shell csh: C Shell tcsh: Teach C Shell ksh: Korn Shell Noi utilizzeremo come riferimento la bash (poiché è la più diffusa e completa), ma la maggior parte delle nozioni introdotte in questo corso si potranno impiegare anche su altri sistemi. Si trova sulla maggior parte dei sistemi UNIX moderni (volendo si può installare anche su Windows!) e fa parte del progetto GNU. Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 29 / 157

30 I comandi La shell ed i suoi comandi La shell I comandi che si possono invocare da una shell sono di due tipi: comandi esterni: si tratta di applicazioni indipendenti dalla shell che sono memorizzate all interno del filesystem ed eseguite indipendentemente dal processo della shell; possono andare dalla semplice utility testuale ad vere e proprie applicazioni grafiche complete; comandi builtin: vengono eseguiti dalla shell stessa senza coinvolgere processi aggiuntivi. Tipicamente questi comandi vengono usati per manipolare le impostazioni interne della shell e per aumentare l efficienza dei comandi usati più frequentemente. Fanno parte dei comandi builtin, inoltre, anche tutti i costrutti del linguaggio di scripting della shell. Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 30 / 157

31 I parametri La shell ed i suoi comandi La shell Tipicamente un comando può richiedere dei parametri. Si inseriscono dopo il nome del comando separati da uno spazio. Questi parametri possono essere: file: il percorso (assoluto o relativo) al/ai file su cui il comando deve lavorare; dati: identificano dei dati da passare ed in genere sono passato sotto forma di stringa con una formattazione opportuna; switch o opzioni: sono dei parametri che, usualmente, iniziano con un carattere -. Danno al comando alcune indicazioni sull esecuzione del suo compito. Spesso la stessa opzione ha più di una sintassi: una breve ed una lunga. Quella breve è in genere del tipo -h (dove h è un singolo carattere). Quella lunga inizia con un doppio trattino -- ed ha in genere un nome più mnemonico, tipo --help. Spesso le opzioni si possono collassare: al posto di due opzioni -a -b, si può spesso utilizzare -ab. Alcuni parametri sono opzionali e nella sintassi vengono indicati tra parentesi quadre [-]. Esempio: cal [[mese] anno]. Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 31 / 157

32 La shell ed i suoi comandi Cerchiamo un po di aiuto La shell I comandi UNIX sono tanti e le opzioni sono centinaia. Generalmente ogni comando è capace di fornire una breve descrizione delle sue funzionalità e delle sue principali opzioni quando viene impiegata l opzione -h o --help. Per avere più aiuto ci sono altri metodi: apropos: Sintassi: apropos stringa Visualizza la lista di tutti i comandi che contengono la stringa passata per parametro nella loro descrizione sintetica; whatis: Sintassi: whatis nome comando Visualizza la descrizione sintetica del comando passato come parametro; man: Sintassi: man nome comando Visualizza la pagina del manuale in linea relativa al comando passato come parametro. La lingua in cui le informazioni vengono fornite dipende dal sistema. Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 32 / 157

33 History list (1) La shell ed i suoi comandi La shell La history list è uno strumento messo a disposizione dalla shell bash che consente di evitare all utente di digitare più volte gli stessi comandi: bash memorizza, di default, nella history gli ultimi 500 comandi inseriti dall utente; la lista viene memorizzata nel file nascosto.bash history nella home directory dell utente al momento del logout e viene riletta in fase di login; il comando history visualizza tutta la lista: $ history pwd 512 ls -al 513 cd / etc 514 more passwd 515 history ogni riga prodotta è detto evento ed è preceduto da un numero di evento; si può rieseguire l ultimo comando usando la sintassi!!. Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 33 / 157

34 History list (2) La shell ed i suoi comandi La shell si può reinvocare un comando usando la sintassi!###, dove ### è il numero di evento: $!515 history ls -al 513 cd / etc 514 more passwd 515 history 516 history in modo molto più utile è possibile scorrere la lista degli eventi già eseguiti con i tasti freccia su e giù; è possibile anche effettuare ricerche all interno dell history: prima si avvia la ricerca utilizzando la combinazione di tasti CTRL-R e poi si inizia a digitare la stringa da ricercare; la ricerca avviene dall evento più recente in su e il risultato parziale viene visualizzato a schermo: $ (reverse -i- search ) pass : more passwd Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 34 / 157

35 La shell ed i suoi comandi Command completion (1) La shell Una caratteristica molto utile della shell bash è la sua abilità di tentare di completare ciò che stiamo digitando al prompt dei comandi (nel seguito indica la pressione del tasto tabulazione). $ pass<tab> La pressione del tasto fa in modo che la shell, sapendo che vogliamo impartire un comando, cerchi quelli che iniziano con la stringa pass. Siccome l unica scelta possibile è data da passwd, questo sarà il comando che ritroveremo automaticamente nel prompt. Se il numero di caratteri digitati è insufficiente per la shell al fine di determinare univocamente il comando, avviene quanto segue: viene prodotto un suono di avvertimento al momento della pressione del tasto tabulazione; alla seconda pressione del tasto tabulazione la shell visualizza una lista delle possibili alternative; digitando ulteriori caratteri, alla successiva pressione del tasto tabulazione, la lunghezza della lista diminuirà fino ad individuare un unico comando. Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 35 / 157

36 La shell ed i suoi comandi Command completion (2) La shell Oltre a poter completare i comandi, la shell bash può anche completare i nomi dei filele usati come argomento: $ ls / etc /p<tab ><tab > pam. conf papersize php4 / profile pam.d/ passwd pmount. allow protocols pango / pcmcia / ppp / proxychains. conf paper. config perl / printcap python2.3/ $ ls / etc /pa<tab ><tab > pam. conf pango / papersize pam.d/ paper. config passwd $ ls / etc /pas <tab > /etc / passwd In questo caso alla prima doppia pressione del tasto tabulazione, la shell presenta tre possibili alternative; digitando una a e premendo due volte il tasto tabulazione, la shell ha una quantità di informazione sufficiente per determinare in modo univoco il completamento del nome di file. Il completamento funziona anche con i nomi di directory e risulta molto utile per attraversare velocemente il filesystem. Esiste anche una versione più avanzata (opzionale) della bash completion che permette di completare automaticamente anche le opzioni dei comandi e di contestualizzare il completamento dei file passati per argomento. Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 36 / 157

37 E qui cosa c è? La shell ed i suoi comandi I primi comandi ls Sintassi (semplificata): ls [-l] [-a] [-R] [pathname...] -l: visualizza informazioni dettagliate -a: visualizza anche i file nascosti -R: visualizza anche il contenuto delle cartelle ricorsivamente pathname: oggetto del filesystem sul quale visualizzare le informazioni Il comando ls consente di visualizzare informazioni sugli oggetti presenti nel filesystem. Mediante il parametro pathname è possibile identificare l oggetto sul quale reperire le informazioni. Se pathname è una directory allora viene visualizzato tutto il contenuto di quest ultima. ls lanciato senza parametri assume come pathname la directory corrente. E possibile specificare più pathname sulla stessa linea di comando, il comando visualizzerà informazioni per ciascuno di essi. Ci sono tante altre opzioni. Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 37 / 157

38 I dettagli sui file La shell ed i suoi comandi I primi comandi Quando viene utilizzata l opzione -l con ls, questo riporta una lista in cui per ogni riga ci sono i dettagli su un file o directory. La tipica riga potrebbe essere la seguente: -rwxr-xr-x 1 utente gruppo :12 script.sh i permessi di accesso dell utente, gruppo e degli altri; il numero di hard link (lo vedremo dopo); il proprietario ed il gruppo; le dimensioni del file; la data e l ora di creazione del file; il nome del file. Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 38 / 157

39 I permessi di accesso La shell ed i suoi comandi I primi comandi -rwxr-xr-x 1 utente gruppo :12 script.sh Si possono vedere come tre triple di permessi. I permessi sono quelli di: r: lettura; w: scrittura; x: esecuzione. Le triple riguardano: il proprietario del file, gli appartenenti al gruppo, tutti gli altri. Il prima carattere è destinato a contenere dei flag speciali: d: si tratta di una directory; l: si tratta di un soft link (lo vedremo dopo). Per le directory il simbolo x indica il permesso di attraversamento. Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 39 / 157

40 Esempio di uso di ls La shell ed i suoi comandi I primi comandi $ ls cartella esempio2. txt esempio. txt script.sh $ ls -la drwxr -xr -x 3 mario mario :30. drwxr -xr -x 3 mario mario :28.. drwxr -xr -x 2 mario mario :30 cartella -rw -r--r-- 1 mario mario :30 esempio2. txt -rw -r--r-- 1 mario mario :29 esempio. txt -rwxr -xr -x 1 mario mario :30 script.sh $ ls -R.: cartella esempio2. txt esempio. txt script.sh./ cartella : agenda. txt eseguimi.sh $ ls -l cartella / -rw -r--r-- 1 mario mario :33 agenda. txt -rwxr -xr -x 1 mario mario :33 eseguimi.sh Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 40 / 157

41 I metacaratteri La shell ed i suoi comandi I primi comandi Per abbreviare il nome di un file da specificare o per specificarne più di uno si possono utilizzare i metacaratteri: *: rappresenta una qualunque stringa di 0 o più caratteri;?: rappresenta un qualunque carattere; [ ]: singolo carattere tra quelli elencati; { }: stringa tra quelle elencate. $ ls esempio2. txt esempio3. txt esempio. txt script.sh scheda. pdf documento. pdf prova.sh $ ls esempio *. txt esempio2. txt esempio3. txt esempio. txt $ ls esempio?. txt esempio2. txt esempio3. txt $ ls *.{ txt, pdf } documento. pdf esempio2. txt esempio3. txt esempio. txt scheda. pdf $ ls / dev / tty [ acd ][2-5] /dev / ttya2 /dev / ttya4 /dev / ttyc2 /dev / ttyc4 /dev / ttyd2 /dev / ttyd4 /dev / ttya3 /dev / ttya5 /dev / ttyc3 /dev / ttyc5 /dev / ttyd3 /dev / ttyd5 Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 41 / 157

42 Cambiamo directory La shell ed i suoi comandi I primi comandi cd Sintassi : cd [pathname] pathname: nuova directory corrente Il comando cd consente di navigare all interno del filesystem cambiando di volta in volta la directory corrente. Se si omette il parametro pathname la directory corrente viene impostata alla home directory per l utente attuale (in genere /home/nomeutente). Si possono usare sia i pathname assoluti che relativi, compresa l utilissima directory virtuale... Prof. Mario Di Raimondo (Centro IPPARI) Laboratorio di Sistemi Operativi 42 / 157

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

I Metacaratteri della Shell Unix

I Metacaratteri della Shell Unix I Metacaratteri della Shell Unix La shell Unix riconosce alcuni caratteri speciali, chiamati metacaratteri, che possono comparire nei comandi. Quando l utente invia un comando, la shell lo scandisce alla

Dettagli

L'ambiente UNIX: primi passi

L'ambiente UNIX: primi passi L'ambiente UNIX: primi passi Sistemi UNIX multiutente necessità di autenticarsi al sistema procedura di login Login: immissione di credenziali username: nome identificante l'utente in maniera univoca password:

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

DEFT Zero Guida Rapida

DEFT Zero Guida Rapida DEFT Zero Guida Rapida Indice Indice... 1 Premessa... 1 Modalità di avvio... 1 1) GUI mode, RAM preload... 2 2) GUI mode... 2 3) Text mode... 2 Modalità di mount dei dispositivi... 3 Mount di dispositivi

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 (marzo 2009) ultimo aggiornamento aprile 2009 Easy Peasy è una distribuzione

Dettagli

Installazione LINUX 10.0

Installazione LINUX 10.0 Installazione LINUX 10.0 1 Principali passi Prima di iniziare con l'installazione è necessario entrare nel menu di configurazione del PC (F2 durante lo start-up) e selezionare nel menu di set-up il boot

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT Introduzione Un file batch è un file di testo di tipo ASCII che contiene una sequenza di comandi DOS. I file batch devono avere estensione.bat I comandi DOS all interno dei programmi batch sono eseguiti

Dettagli

I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED

I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED SED è un programma in grado di eseguire delle trasformazioni elementari in un flusso di dati di ingresso,

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed

Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed 1 Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed Laboratorio di Sistemi Operativi I Anno Accademico 2008-2009 Copyright 2005-2007 Francesco Pedullà, Massimo Verola Copyright 2001-2005 Renzo Davoli,

Dettagli

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi alternative: function nome { lista-comandi } oppure nome ( ) {

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Manuale di KDE su Geert Jansen Traduzione del documento: Dario Panico Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione del documento: Daniele Micci

Manuale di KDE su Geert Jansen Traduzione del documento: Dario Panico Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione del documento: Daniele Micci Geert Jansen Traduzione del documento: Dario Panico Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione del documento: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Usare KDE su 6 3 Funzionamento interno 8

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Il Sistema Operativo: il File System

Il Sistema Operativo: il File System Il Sistema Operativo: il File System Il File System è quella parte del S.O. che si occupa di gestire e strutturare le informazioni memorizzate su supporti permanenti (memoria secondaria) I file vengono

Dettagli

Lezione 15 File System

Lezione 15 File System Lezione 15 File System Sistemi Operativi (9 CFU), CdL Informatica, A. A. 2014/2015 Dipartimento di Scienze Fisiche, Informatiche e Matematiche Università di Modena e Reggio Emilia http://weblab.ing.unimo.it/people/andreolini/didattica/sistemi-operativi

Dettagli

Editor vi. Editor vi

Editor vi. Editor vi Editor vi vi 1 Editor vi Il vi è l editor di testo standard per UNIX, è presente in tutte le versioni base e funziona con qualsiasi terminale a caratteri Permette di visualizzare una schermata alla volta

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

sed: editor non interattivo di file di testo (1974 nei Bell Labs come evoluzione di grep, Lee E. McMahon)

sed: editor non interattivo di file di testo (1974 nei Bell Labs come evoluzione di grep, Lee E. McMahon) Sed & Awk Sed e Awk sed: editor non interattivo di file di testo (1974 nei Bell Labs come evoluzione di grep, Lee E. McMahon) awk: linguaggio per l'elaborazione di modelli orientato ai campi (1977, Bell

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Guida pratica di base

Guida pratica di base Adolfo Catelli Guida pratica di base Windows XP Professional Dicembre 2008 Sommario Accedere a Windows XP 4 Avviare Windows XP 4 Uscire da Windows XP 5 L interfaccia utente di Windows XP 6 Il desktop di

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale.

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale. l Editor vi Negli ambienti Unix esistono molti editor di testo diversi; tuttavia vi è l unico che siamo sicuri di trovare in qualsiasi variante di Unix. vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

RSYNC e la sincronizzazione dei dati

RSYNC e la sincronizzazione dei dati RSYNC e la sincronizzazione dei dati Introduzione Questo breve documento intende spiegare come effettuare la sincronizzazione dei dati tra due sistemi, supponendo un sistema in produzione (master) ed uno

Dettagli

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema Software 2 Insieme di istruzioni e programmi che consentono il funzionamento del computer Il software indica all hardware quali sono le operazioni da eseguire per svolgere determinati compiti Valore spesso

Dettagli

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM SPOSTARE un file o una sottodirectory da una directory ad un altra COPIARE un file o una directory da una directory all altra RINOMINARE un file o una directory CANCELLARE un file o una directory CREARE

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. "Generate debugging information"

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. Generate debugging information FASE DEBUGGING: Prima della compilazione, si devono inserire 1 nel progetto informazioni per il debug cioè si devono visualizzare le opzioni di progetto seguendo il percorso: controllando che la voce Genera

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Programma di gestione per service audio, luci, video Manuale operativo

Programma di gestione per service audio, luci, video Manuale operativo Programma di gestione per service audio, luci, video Manuale operativo Presentazione ServiceControl è l evoluzione del primo programma, scritto per gestire il mio service circa 12 anni fa. Il programma

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

1) Le Espressioni regolari

1) Le Espressioni regolari ESPRESSIONI REGOLARI e FILTRI SED, GREP e AWK 1) Le Espressioni regolari Un'espressione regolare è un modello che descrive un insieme di stringhe. Le espressioni regolari sono costruite, in maniera analoga

Dettagli

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma Dev C++ Note di utilizzo 1 Prerequisiti Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma 2 1 Introduzione Lo scopo di queste note è quello di diffondere la conoscenza

Dettagli

Amministrazione di un Sistema UNIX in Rete

Amministrazione di un Sistema UNIX in Rete UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Amministrazione di un Sistema UNIX in Rete A cura di Giuseppe Anastasi Andrea Passarella Anno Accademico 2006-07 1 Indice 1 I sistemi UNIX... 7 1.1 Componenti del

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Marco Giorgi Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Post mortem (Dopo lo spegnimento del sistema) Si smonta il dispositivo e lo si collega ad un PC dedicato all'acquisizione Live forensics (Direttamente

Dettagli

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Appunti di Sistemi Operativi Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Indice 1 Cenni su alcuni algoritmi del Kernel di Unix 1 1.1 Elementi di Unix Internals.................................

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 2: Sistema Operativo 2 Modulo 2 Il sistema operativo Windows

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

ipod shuffle Manuale Utente

ipod shuffle Manuale Utente ipod shuffle Manuale Utente 1 Indice Capitolo 1 3 Informazioni su ipod shuffle Capitolo 2 5 Nozioni di base di ipod shuffle 5 Panoramica su ipod shuffle 6 Utilizzare i controlli di ipod shuffle 7 Collegare

Dettagli

Analisi di sistemi compromessi (ricerca di rootkit, backdoor,...)

Analisi di sistemi compromessi (ricerca di rootkit, backdoor,...) Analisi di sistemi compromessi (ricerca di rootkit, backdoor,...) Massimo Bernaschi Istituto per le Applicazioni del Calcolo Mauro Picone Consiglio Nazionale delle Ricerche Viale del Policlinico, 137-00161

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

Lezione 1. 1 All inizio di ogni capitolo vengono indicati gli obiettivi della lezione sotto forma di domande la cui risposta è lo scopo

Lezione 1. 1 All inizio di ogni capitolo vengono indicati gli obiettivi della lezione sotto forma di domande la cui risposta è lo scopo Lezione 1 Obiettivi della lezione: 1 Cos è un calcolatore? Cosa c è dentro un calcolatore? Come funziona un calcolatore? Quanti tipi di calcolatori esistono? Il calcolatore nella accezione più generale

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente 1 Sommario 1 Introduzione... 3 1.1 Accesso al Self Care Web di Rete Unica... 4 2 Servizi Aziendali... 6 2.1 Centralino - Numero

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Operativi

Laboratorio di Sistemi Operativi II Semestre - Marzo/Giugno 2008 Matricole congr. 0 mod 3 File & Directory #include #include stat,fstat e lstat int stat (const char *pathname, struct stat *buf); int fstat (int

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it Il linguaggio C 1972-Dennis Ritchie 1978-Definizione 1990-ANSI C 1966 Martin Richars (MIT) Semplificando CPL usato per sviluppare

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it PROCEDURA E-COMMERCE BUSINESS TO BUSINESS Guida alla Compilazione di un ordine INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it INDICE 1. Autenticazione del nome utente

Dettagli

Zeroshell su vmware ESXi 4.1

Zeroshell su vmware ESXi 4.1 Zeroshell su vmware ESXi 4.1 Introduzione Vediamo come installare Zeroshell su Vmware ESXi 4.1 usando come immagine quella per IDE,SATA e USB da 1GB. Cosa ci serve prima di iniziare: Una distro Live io

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

Setup e installazione

Setup e installazione Setup e installazione 2 Prima di muovere i primi passi con Blender e avventurarci nel vasto mondo della computer grafica, dobbiamo assicurarci di disporre di due cose: un computer e Blender. 6 Capitolo

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Progettisti dentro e oltre l impresa MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Pag 1 di 31 INTRODUZIONE Questo documento ha lo scopo di illustrare le modalità di installazione e configurazione dell

Dettagli

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti APRS su Linux con Xastir Installazione dai sorgenti L installazione di Xastir Per installare Xastir non è richiesto essere un guru di Linux, anche se una conoscenza minima della piattaforma è necessaria.

Dettagli

1.1.1 ATLAS Postazione Studente : CONFIGURAZIONE DI ATLAS CON CLIENT LINUX

1.1.1 ATLAS Postazione Studente : CONFIGURAZIONE DI ATLAS CON CLIENT LINUX 1.1.1 ATLAS Postazione Studente : CONFIGURAZIONE DI ATLAS CON CLIENT LINUX Configurazione di Atlas con client Linux DESCRIZIONE Di seguito sono descritte le operazioni da effettuare per configurare correttamente

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli