Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei."

Transcript

1 Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Alessia Amighini (Università del Piemonte Orientale) Versione preliminare Intervento al convegno Innovare per competere. Come finanziare l innovazione? Novara, maggio 2003

2 1. Introduzione. Questo lavoro confronta la capacità innovativa dell Italia con quella degli altri Paesi europei nei settori di specializzazione italiana, con l obiettivo di valutare la relazione tra attività innovativa e performance commerciale del Paese. Nella odierna società della conoscenza, l innovazione tecnologica è uno dei principali fattori di sviluppo sociale, industriale ed economico. In particolare, l innovazione tecnologica nell industria rappresenta una delle maggiori determinanti della produttività, della competitività e della crescita dei Paesi nell economia internazionale. E questo uno dei risultati fondamentali della nuova teoria della crescita (Barro e Sala-i-Martin, 1995) e dei più recenti studi empirici sulle determinanti della competitività internazionale dei Paesi (Aininger, 2001; Commissione Europea, 2001). L Italia ha maturato storicamente una specializzazione produttiva e commerciale e un pattern di innovatività 1 che la rendono unica tra tutti i Paesi industrializzati, con punti di forza in settori e tecnologie tradizionali (tessile, abbigliamento, pelli, calzature), nelle macchine utensili e nella meccanica strumentale (Onida, 1978; Modiano, 1982; de Nardis, 1997). In particolare, il settore meccanico-strumentale è l unico settore ad alta intensità di tecnologia in cui l Italia mostra una chiara specializzazione (Ferrari et al., 1995). Le ragioni di questa specializzazione sono fortemente collegate alle determinanti storiche del tessuto produttivo nazionale: le grandi imprese nazionali hanno operato in un mercato protetto con pochi stimoli all innovazione come fonte di competitività. Anche le politiche industriali hanno offerto poche opportunità tecnologiche provenienti dalla ricerca industriale. Al contrario, le piccole e medie imprese (Pmi), che competevano su un mercato meno protetto, hanno sfruttato maggiormente i vantaggi competitivi dell innovazione di prodotto e di processo anche in settori tradizionali. 1 Misurata prevalentemente in termini di brevetti depositati presso lo European Patent Office o lo US Patent Office. Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 2

3 Una delle conseguenze di questo sentiero di sviluppo industriale è la bassa intensità di ricerca che caratterizza da sempre il Sistema Innovativo Nazionale (Sin) italiano (Commissione Europea, 2000; tavv. 5-6). Questa caratteristica è il risultato di diverse determinanti 2, tra cui: l assenza di programmi militari di rilievo e il ridotto finanziamento pubblico alla ricerca civile; il basso livello del finanziamento privato alla ricerca industriale; il mancato decollo di alcuni settori ad alta tecnologia, il progressivo calo del peso di altri come informatica e chimica, e il basso livello di capacità tecnologiche accumulate dalle poche imprese in quei settori; infine, i ritardi e le debolezze della politica pubblica italiana sul coordinamento delle attività del Paese su alcune tecnologie chiave (Lissoni e Malerba, 2002). La bassa intensità di ricerca che caratterizza il sistema industriale italiano, unita alle caratteristiche del modello di specializzazione internazionale dell Italia, hanno sollevato dubbi circa la capacità del Paese di reggere la competizione internazionale nei confronti, da un lato, degli altri Paesi industrializzati i cui modelli di specializzazione sono più incentrati sui settori ad alta tecnologia e, dall altro, dei Paesi emergenti che da tempo guadagnano competitività nei settori tradizionali. Questo lavoro utilizza le informazioni tratte da un importante indagine sull innovazione delle imprese europee a livello settoriale, con l obiettivo di precisare il legame tra innovazione e competitività nei settori in cui l Italia ha una forte competitività internazionale. Il lavoro è organizzato come segue. Il paragrafo 2 riassume il recente dibattito sul modello di specializzazione internazionale dell Italia nei confronti dei Paesi industrializzati e dei Paesi emergenti. Il paragrafo 3 presenta la posizione dell Italia nel sistema innovativo europeo attraverso un confronto tra capacità innovativa e performance esportativa a livello settoriale. Il paragrafo 4 propone alcune considerazioni riguardo il ruolo dell innovazione nel modello di specializzazione italiano. 2 Diversi contributi hanno analizzato le determinanti del Sin italiano. Si veda in particolare Bussolati, Malerba e Torrisi (1996), Malerba (2000), Ferrari et al. (2001). Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 3

4 2. Il modello di specializzazione internazionale dell Italia nei confronti dei Paesi industrializzati e dei Paesi emergenti. Tutti gli studi sul modello di specializzazione dell Italia hanno confermato che il vantaggio comparato rivelato del Paese si concentra nei settori definiti tradizionali (tessile, pelli, abbigliamento, calzature) e nella meccanica strumentale (si veda tra gli altri Pietrobelli, 2002). Tale modello di specializzazione, sostanzialmente stabile negli ultimi 30 anni nonostante la forte crescita dei Paesi emergenti nei settori ad alta intensità di lavoro (si veda a questo proposito de Benedictis e Tamberi, 2001), mostra che il Paese ha saputo rafforzare i suoi vantaggi comparati sfruttando economie di scala, meccanismi di apprendimento e riposizionamento verso l alto di gamma. La specializzazione nei settori tradizionali avrebbe generato delle esternalità positive che spiegherebbero il vantaggio comparato a monte, nei settori a offerta specializzata, soprattutto produttori di macchinari e attrezzature per la produzione nei settori tradizionali (de Nardis, 1997; de Nardis e Malgarini, 1998). L Italia ha pertanto una struttura industriale caratterizzata da un marcato dualismo: da un lato, la quota di industrie ad alta intensità di lavoro e tradizionalmente classificati come industrie a bassa intensità di tecnologia 3 (tessile, abbigliamento e calzature) è maggiore rispetto agli altri Paesi industrializzati; dall altro lato, alcune industrie a monte ad alta intensità di tecnologia sono altrettanto forti (meccanica strumentale), nonostante il Paese sia sostanzialmente assente dagli altri settori al alto contenuto tecnologico. La specializzazione internazionale dell Italia ha suscitato preoccupazioni circa l anomalia italiana rispetto agli altri principali Paesi industrializzati e sollevato dubbi circa la sostenibilità di tale modello nei confronti dei Paesi emergenti. In primo luogo, è stato avanzato il timore che la persistente 3 La tradizionale classificazione dei settori tessile, abbigliamento, pelli e calzature come industrie a bassa intensità di tecnologia non considera però il valore della conoscenza contenuta nelle funzioni immateriali all interno di tali industrie (design) e il contenuto di tecnologia dei materiali innovativi utilizzati nelle produzioni cosiddette tradizionali. Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 4

5 specializzazione merceologica delle esportazioni italiane nei settori tradizionali abbia escluso l Italia dai prodotti che negli ultimi anni si sono dimostrati più dinamici, in particolare i prodotti legati al settore delle tecnologie dell informazione e della comunicazione. In secondo luogo, la specializzazione in settori ad alta intensità di lavoro espone l Italia a forti pressioni competitive da parte dei Paesi emergenti, soprattutto asiatici, i quali possono ambire a competere direttamente con le produzione italiane. Più recentemente, analisi dettagliate a livello settoriale hanno permesso di specificare la posizione competitiva dell Italia nel mondo, precisando che alle origini del vantaggio competitivo italiano sta una forte e crescente capacità di competere su fasce alte del mercato, cioè su prodotti e servizi di alta qualità. In particolare, dal confronto della specializzazione italiana rispetto ai Paesi emergenti emerge che la qualità della produzione italiana è notevolmente superiore a quella di quei Paesi (de Nardis e Traù, 1998; Chiarlone e Helg, 2002). Un importante precisazione di questo risultato emerge dal confronto del modello di specializzazione italiano rispetto ai Paesi industrializzati: la qualità dei prodotti italiani è inferiore a quella degli altri Paesi industrializzati, tranne nel settore tessile e abbigliamento, dove non solo la qualità italiana è superiore, ma cresce a un tasso superiore rispetto agli altri Paesi avanzati (Chiarlone, 2001) 4. Questi risultati suggeriscono che il modello di specializzazione italiano sia meno vulnerabile e rischioso di quanto non sia stato più volte sostenuto. Anche se l Italia ha un modello di specializzazione più simile a quelli delle economie emergenti asiatiche che gli altri Paesi industrializzati, l analisi dei vantaggi comparati a un elevato livello di disaggregazione settoriale mostra che l Italia si colloca su fasce di mercato molto più elevate dei Paesi emergenti negli stessi settori tradizionali, e di conseguenza non subisce la concorrenza diretta di questi ultimi. 4 Ciò significa che il vantaggio di qualità dei prodotti italiani di tali settori aumenta nel tempo, nonostante il gap tecnologico dell Italia misurato sull intero settore industriale sia in crescita. Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 5

6 Questo particolare modello di specializzazione caratterizzato dal rafforzamento dei vantaggi comparati attraverso il riposizionamento sull alto di gamma (differenziazione verticale del prodotto) conferma empiricamente alcuni importati risultati teorici nell ambito della teoria del commercio internazionale (Flam e Helpman, 1987), in particolare quello secondo cui i Paesi industrializzati fronteggiano la concorrenza dei Paesi emergenti producendo beni di alta qualità e lasciando ai Paesi emergenti le produzioni di qualità inferiore, dove la competitività dipende in gran parte da fattori di costo (Annachiarico e Quintieri, 1999; Petrucci e Quintieri, 2001). Tuttavia, la peculiarità della specializzazione italiana espone il Paese a una forte pressione competitiva seppur indiretta e potenziale da parte dei Paesi emergenti. Se finora il Paese è rimasto fortemente competitivo e ha guadagnato quote di mercato nei settori tradizionali, ciò non garantisce che tale modello possa essere sostenuto a lungo senza forti investimenti in innovazione. La capacità innovativa del sistema nei settori di vantaggio comparato, oltre alla differenziazione verticale del prodotto in termini di qualità, è infatti un fattore cruciale per sostenere efficacemente un modello che per condizioni storiche presenta elementi di anomalia rispetto alle altre principali economie industrializzate. A questo scopo è dedicato il prossimo paragrafo, che confronta la capacità innovativa dell Italia nei suoi settori di specializzazione, rispetto agli altri Paesi europei. 3. La posizione dell Italia nel sistema innovativo: confronto settoriale con gli altri Paesi europei. Questo paragrafo confronta la capacità innovativa dell Italia rispetto agli altri Paesi europei in due macrosettori nei quali il Paese ha da sempre un forte vantaggio comparato: il settore tessile-abbigliamento- pelli-calzature e il settore della meccanica strumentale. Per misurare la capacità innovativa si farà riferimento agli indicatori di innovazioni tratti dalla seconda indagine censuaria europea denomimata Community Innovation Survey (Cis2) pubblicata nel 1999 e condotta su Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 6

7 imprese dell industria e dei servizi in 14 Paesi europei su dati del periodo L indagine, condotta seguendo le indicazioni del Manuale di Oslo 6, considera imprese innovatrici quelle imprese che hanno introdotto prodotti e processi tecnologicamente innovativi. 7 Seguendo le indicazioni del Manuale, l indagine Cis si è basata su un particolare concetto di innovazione. Il concetto di nuovo è riferito all impresa, e non al prodotto, per cui il prodotto, il servizio o il processo produttivo non necessariamente devono essere nuovi per il mercato in cui l azienda opera. La definizione di migliorato si applica invece al miglioramento nelle prestazioni di un prodotto o servizio o nel modo in cui questo viene prodotto o reso. L atto innovativo dell impresa consiste dunque nel lanciare un prodotto o un servizio differente da quelli offerti precedentemente dall impresa stessa, o nell introduzione di un nuovo o modificato processo di produzione. Di conseguenza, l innovatore può semplicemente imitare o usare una tecnologia già conosciuta o applicata. Il concetto di innovazione è dunque usato nel senso ampio del termine per ricomprendere anche il processo di diffusione (e non solo di introduzione) di nuove tecnologie. Tale scelta è stata dettata dal fatto che in termini economici è interessante non solo individuare e misurare l atto innovativo, ma soprattutto i suoi effetti sull intero sistema produttivo (Sirilli, 2002) In particolare, le variabili considerate nel presente lavoro sono le seguenti: percentuale di imprese innovative sul totale delle imprese del settore; percentuale di innovatori di prodotto; percentuale di innovatori di 5 L indagine Cis2 è stata preceduta, all inizio degli anni Novanta, da una indagine sperimentale sul solo settore manifatturiero, la Cis1. 6 Il Manuale di Oslo (OECD-Eurostat 1997) è stato predisposto dall OCSE nel 1996 per la misurazione statistica dell innovazione tecnologica. Il Manuale si basa sul modello a catena dell innovazione e descrive le definizioni e le metodologie per la racconta dei dati sui seguenti aspetti: profilo dell impresa e delle sue prestazioni economiche, le attività innovative e il loro costo, gli output dell innovazione, le fonti informative per l innovazione, gli obiettivi dell innovazione, i fattori che promuovono e quello che ostacolano l introduzione dell innovazione, l uso di specifiche tecnologie, l impatto delle politiche pubbliche per l innovazione. 7 La valutazione è affidata alle imprese stesse, a cui vengono fornite le definizioni di innovazioni di prodotto e di processo, nonché esempi illustrativi di innovazioni in vari settori industriali. Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 7

8 processo; percentuale di fatturato proveniente da prodotti nuovi (per l impresa e/o per il mercato), da prodotti migliorati (innovazione incrementale), o da prodotti nuovi anche per il mercato (innovazione radicale). Il settore tessile-abbigliamento-pelli-calzature L indagine Cis2 conferma l immagine di un settore tradizionale fortemente innovativo, con un numero assoluto di imprese innovative di gran lunga superiore a quello dei Paesi europei più industrializzati (circa doppio rispetto alla Germania e alla Svezia, i Paesi europei che dopo l Italia hanno il maggior numero di imprese innovative nei settori tradizionali considerati nel presente lavoro) (Tabella 1). Per l Italia risulta confermato anche il maggior numero di innovatori di processo rispetto agli innovatori di prodotto: nel campione gli innovatori di prodotto sono poco meno di 2000 rispetto a meno di 1500 di Germania e Svezia; gli innovatori di processo sono invece oltre 2500, contro circa 1000 della Germania, poco meno di 1000 del Regno Unito e valori decisamente inferiori di tutti gli altri Paesi europei. La capacità innovativa dell Italia emerge con ancor più rilievo se si considerano le imprese che introducono innovazioni di prodotto nuove sia per l impresa stessa che le introduce, sia per il mercato (cioè innovazioni radicali e non semplice diffusione di innovazioni già esistenti sul mercato). In questo caso, l Italia supera largamente tutti gli altri Paesi europei con quasi 1300 imprese che hanno introdotto prodotti radicalmente nuovi, rispetto alla Germania (con un numero di innovatori radicali pari a poco più della metà rispetto all Italia). I risultati della Cis2 diventano più interessanti ma meno confortanti se li si legge in termini di percentuale di imprese innovative (nei sensi suddetti) rispetto al totale delle imprese. Questa seconda lettura non risparmia all Italia la reputazione di Paese che investe strutturalmente poco in innovazione, anche nei settori dove è più competitivo. Nel settore Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 8

9 tessile-abbigliamento-pelli-calzature, la percentuale di imprese innovative sul numero totale di imprese in Italia era pari solo al 32%, valore significativamente superiore solo a quelli di Spagna, Portogallo e Belgio (Tabella 1). La percentuale di imprese italiane che introducono innovazioni di prodotto e di processo è risultata largamente inferiore a quella di paesi europei che, al contrario dell Italia, non hanno una forte specializzazione in questi settori tradizionali (come Germania, Regno Unito, Austria, Danimarca, Olanda). Inoltre, l Italia figura a livelli abbastanza insoddisfacenti per quanto riguarda la percentuale di imprese che introducono innovazione radicali: solo il 14% rispetto al 34% della Danimarca, al 33% della Germania, e a valori superiori al 15% della maggior parte dei Paesi dell Europa centro-settentrionale. L Italia supera solo i Paesi latini e mediterranei (Belgio, Francia, Portogallo e Spagna), oltre all Irlanda. Inoltre, secondo l indagine, la percentuale di fatturato delle aziende italiane innovative relativa a prodotti nuovi sarebbe stata solo del 4% sul fatturato totale di tali imprese, valore largamente inferiore al 17% della Germania e al 9% di Austria, Belgio e Norvegia, e superiore solo ai valori di Portogallo, Danimarca e Finlandia (Tabella 1). La percentuale di fatturato relativa a prodotti migliorati è stata solo dell 11% rispetto, ad esempio, al 29% dell Irlanda. Diverso è invece lo scenario se si guarda alla percentuale di fatturato attribuibile ai prodotti nuovi anche per il mercato, cioè innovazioni radicali, che vede l Italia primeggiare con un 22%, notevolmente superiore a tutti gli altri Paesi europei. Da questi risultati emerge quindi uno scenario caratterizzato da molte imprese innovative, che introducono soprattutto innovazioni di processo, di tipo radicale, dalle quali ottengono un elevata percentuale di fatturato. Tuttavia, questo gruppo di imprese ha dimensioni modeste nel tessuto industriale italiano, come emerge dai dati in percentuale, dove invece la maggior parte delle imprese dei settori tradizionali è poco innovativa. Tale risultato dipende anche dall elevato numero di imprese operanti nel settore. A conferma della posizione dell Italia nel sistema innovativo nei settori Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 9

10 tradizionali considerati, anche i dati sulla spesa in Ricerca e Sviluppo in percentuale sul fatturato, sempre tratti dall indagine Cis2, secondo i quali l Italia ha una quota dell 1,3%, inferiore a quella della Germania (1,7%), del Regno Unito (3,2%), e di altri Paesi come la Danimarca (3%) o l Austria (2,2%) (Quadrio Curzio, Fortis e Galli, 2002). Tabella 1 Alcuni indicatori della Cis2 per il settore tessileabbigliamento-pelli-calzature (paesi UE, 1996) imprese innovative innovatori di prodotto innovatori di processo innovatori con prodotti nuovi per il mercato val. ass. % val. ass. % val. ass. % val. ass. % Belgio Danimarca Germania Spagna Francia Irlanda Italia Olanda na Austria Portogallo Finlandia Svezia Regno Unito Norvegia % attribuibile a prodotti nuovi sul fatturato delle imprese innovative % attribuibile a prodotti migliorati sul fatturato delle imprese innovative % attribuibile a prodotti nuovi anche per il mercato sul fatturato delle imprese innovative Belgio Danimarca Germania Spagna Francia Irlanda Italia Olanda Austria Portogallo Finlandia Lussemburgo Svezia Regno Unito Norvegia Fonte: elaborazioni su dati Eurostat New Cronos (2001) Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 10

11 Dal confronto tra l Italia e il resto dell Europa sulla relazione tra capacità innovativa e performance commerciale nei settori tradizionali emergono alcune interessanti relazioni per i vari Paesi UE. Si possono infatti identificare due gruppi di Paesi che corrispondono a due diverse aree geografiche: i Paesi latino-mediterranei (Francia, Belgio, Spagna, Portogallo) e i Paesi centro-settentionali (Austra, Danimarca, Germania, Norvegia, Olanda, Regno Unito, Svezia). Entrambi i gruppi hanno relazioni positive tra percentuale di imprese innovative e capacità esportativa, sebbene si collochino a livelli diversi: la capacità innovativa del primo gruppo è mediamente inferiore a parità di esportazioni. Rispetto a questo scenario, l Italia si colloca in una posizione del tutto particolare, con una percentuale di imprese innovative in linea con quella dei Paesi latinomediterranei, ma con una capacità esportativa di gran lunga superiore (Figura 1). Un risultato simile emerge anche dal confronto sulla base di altri indicatori di innovazione: l Italia presenta una percentuale relativamente bassa di innovatori di prodotto e di processo rispetto agli altri Paesi europei, pur essendo di gran lunga più competitiva sui mercati internazionali (Figure 2 e 3). Figura 1 Percentuale di imprese innovative nei settori tessile-abbigliamento-pelli-calzature dei paesi UE esportazioni (mld di $) IT DE FR UK BE NL AT ES PT FI SE IE DK NO % di imprese innovative Fonte: elaborazioni su dati Eurostat New Cronos (2001) e UNCOMTRADE Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 11

12 Figura 2 Percentuale di innovatori di prodotto nei settori tessile-abbigliamento-pelli-calzature dei paesi UE esportazioni (mld di $) IT DE FR UK PT ES BE NL SE AT DK FI NO IE % di innovatori di prodotto Fonte: elaborazioni su dati Eurostat New Cronos (2001) e UNCOMTRADE Figura 3 Percentuale di innovatori di processo nei settori tessile-abbigliamento-pelli-calzature dei paesi UE esportazioni (mld di $) IT DE FR UK PT BE ES UK AT IE FI SE NO % di innovatori di processo Fonte: elaborazioni su dati Eurostat New Cronos (2001) e UNCOMTRADE Il settore della meccanica strumentale Coerentemente con le informazioni e gli studi disponibili sul grado di innovazione misurato in termini di numero di brevetti depositati, l indagine Cis2 conferma l immagine di un settore meccanico-strumentale mediamente innovativo, con un numero assoluto di imprese innovative inferiore solo alla Germania e di gran lunga superiore a quello degli altri Paesi europei più industrializzati (circa doppio rispetto alla Francia) (Tabella 2). La posizione italiana di secondo Paese europeo più innovativo Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 12

13 nel settore considerato è confermata anche guardando al numero di innovatori di prodotto e di processo. Come nel caso dei settori tradizionali, la lettura dei dati in termini percentuali suggerisce ancora che le imprese innovative rappresentano una piccola percentuale del totale delle imprese del settore considerato. Anche i dati sulla percentuale di fatturato delle aziende italiane innovative relativa a prodotti nuovi o migliorati è inferiore a quella del resto dell Europa. Un risultato opposto vale invece per quanto riguarda il numero di imprese che introducono prodotti nuovi non solo per le imprese stesse, ma anche per il mercato, la posizione italiana è sempre seconda a quella tedesca, ma il divario è notevolmente inferiore rispetto a quello che si misura sulle variabili precedenti (2012 imprese italiane rispetto alle 2178 della Germania), e il peso percentuale sul totale delle imprese è superiore a quello tedesco (42% contro 39%) (Tabella 2). Questo suggerisce che il settore meccanico-strumentale italiano ha raggiunto elevati livelli di innovatività, soprattutto in termini di innovazioni radicali, come confermato anche dai dati sulla percentuale di fatturato attribuibile a tali innovazioni (18% in l Italia rispetto a percentuali talvolta notevolmente inferiori in tutti gli altri Paesi europei). Tabella 2 Alcuni indicatori della Cis2 per il settore della meccanica strumentale (paesi UE, 1996) imprese innovative innovatori di prodotto innovatori di processo innovatori con prodotti nuovi per il mercato val. ass. % val. ass. % val. ass. % val. ass. % Belgio Danimarca Germania Spagna Francia Irlanda Italia Olanda Austria Portogallo Finlandia Svezia Regno Unito Norvegia Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 13

14 % attribuibile a prodotti nuovi sul fatturato delle imprese innovative % attribuibile a prodotti migliorati sul fatturato delle imprese innovative % attribuibile a prodotti nuovi anche per il mercato sul fatturato delle imprese innovative Belgio Danimarca Germania Spagna Francia Irlanda Italia Olanda Austria Portogallo Finlandia Svezia Regno Unito Norvegia Fonte: elaborazioni su dati Eurostat New Cronos (2001) A differenza dei settori tradizionali, dove la capacità esportativa italiana è notevolmente più elevata degli altri Paesi europei, nel settore della meccanica strumentale l Italia è seguita da vicino dai tre Paesi europei più industrializzati (Francia, Germania, Regno Unito). Per quanto riguarda la percentuale di imprese innovative, Italia, Francia e Regno Unito presentano una percentuale simile, leggermente superiore al 60%, e inferiore a quella della Germania, superiore all 80%. La competitività italiana supera però quella degli altri tre Paesi. Anche nel settore delle macchine utensili e della meccanica strumentale, l Italia si colloca in una posizione vicina alla media europea, largamente inferiore alla capacità innovativa dei Paesi dell Europa centrosettentrionale. Come nel caso dei settori tradizionali, la posizione dell Italia nel sistema innovativo europeo non riesce a spiegare completamente l elevata performance esportativa della meccanica italiana, notevolmente superiore anche a quella dei Paesi tecnologicamente più avanzati come la Germania (Figure 4, 5, 6). Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 14

15 Figura 4 Percentuale di imprese innovative nel settore della meccanica strumentale nei paesi UE esportazioni (mld di $) PT FI ES IT FR UK SE AT NL NO DK DE IE % di imprese innovative Fonte: elaborazioni su dati Eurostat New Cronos (2001) e UNCOMTRADE Figura 5 Percentuale di innovatori di prodotto nel settore della meccanica strumentale nei paesi UE esportazioni (mld di $) PT IT UK FR DE ES AT SE NL FI NO DK IE % di innovatori di prodotto Fonte: elaborazioni su dati Eurostat New Cronos (2001) e UNCOMTRADE Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 15

16 Figura 6 Percentuale di innovatori di processo nel settore della meccanica strumentale nei paesi UE esportazioni (mld di $) IT UK FR DE SE AT FI 5000 NL ES DK IE 0 NO PT % di innovatori di processo Fonte: elaborazioni su dati Eurostat New Cronos (2001) e UNCOMTRADE 4. Osservazioni conclusive. Questo lavoro ha confrontato la capacità innovativa dell Italia rispetto agli altri Paesi europei nei settori in cui il Paese ha una forte performance esportativa. Abbiamo concentrato la nostra attenzione sui settori nei quali l Italia presenta tradizionalmente un vantaggio comparato rivelato rispetto agli altri paesi europei il settore tessile-abbigliamento-pelli-calzature e la meccanica strumentale con l obiettivo di valutare quanto innovativi siano tali settori e quindi quanto la competitività italiana nel mondo dipenda dalla sua capacità innovativa. I dati mostrano che, per quanto riguarda il settore tessile-abbigliamentopelli-calzature, esiste una buona capacità innovativa in quanto a capacità di introdurre nuovi prodotti sul mercato (innovazione radicale). Questo conferma che la capacità esportativa delle imprese italiane sui mercati internazionali è strettamente legata all attività innovativa delle stesse (su design, materiali, prodotti e reti distributive). Per quanto riguarda il settore della meccanica strumentale, le imprese italiane innovative sono meno numerose di quelle tedesche, ma molto più numerose del resto dell Europa. Nel caso invece delle imprese che introducono innovazioni radicali, l Italia supera la Germania in termini percentuali ed è seconda Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 16

17 solo all Olanda. Lo scenario appare meno confortante in seguito a una lettura basata sulla rilevanza percentuale delle imprese innovative all interno del tessuto industriale. L Italia presenta una bassa percentuale di imprese innovative rispetto agli altri Paesi dell Europa centro-settentionale, mentre supera soltanto i Paesi dell Europa latina e mediterranea. Questo risultato può essere interpretato alla luce della forte frammentazione produttiva che caratterizza il tessuto industriale italiano, con numerose imprese di piccole e medie dimensioni. In Italia, la prevalenza delle Pmi e la diffusione del fenomeno distrettuale hanno consentito nel tempo una efficace divisione del lavoro e il mantenimento di elevati margini di profitto anche in settori sensibili al prezzo, come quello dei beni tradizionali, che subiscono sempre di più la concorrenza dei paesi emergenti. E proprio la concorrenza potenziale dai paesi emergenti sugli stessi settori ha spinto in tempi più recenti le imprese italiane dei settori tradizionali a investire nella differenziazione e nel riposizionamento del prodotto su segmenti più elevati, nei quali è possibile beneficiare di una maggior disponibilità a pagare dei consumatori ad alto reddito con una preferenza per prodotti di alta qualità. Anche se nel tessuto industriale sono mancate quasi totalmente Pmi hightech e science-based e in generale le nuove imprese schumpeteriane, che tanto peso hanno avuto negli Stati Uniti e in minor misura in Europa (Lissoni e Malerba, 2002), il sistema delle Pmi ha conseguito notevoli risultati sia nei settori dei beni di consumo tradizionali sia in quello meccanico-strumentale. Nel primo, attraverso innovazioni incrementali di prodotto, legate al design, all impiego di materiali innovativi e in generale al miglioramento qualitativo dei manufatti e dei servizi accessori. Questo tipo di innovazioni ha consentito l emergere di fornitori specializzati (Pavitt, 1984) in grado di realizzare macchinari necessari a questo tipo di progresso tecnologico strumentale. Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 17

18 Oggi, il mantenimento dei livelli di competitività raggiunti dall Italia nel contesto dell economia globale dipende in gran parte dalla capacità del Paese di mantenere un grado di innovatività superiore a quello degli altri Paesi industrializzati nei settori tradizionali in cui è specializzato, e ad aumentare l investimento in innovazione nel settore meccanicostrumentale ad alta tecnologia. Solo innovando l Italia riuscirà a competere e a crescere, sfruttando al meglio le sue anomalie. Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 18

19 Bibliografia Aininger, K. (2001), The Impact of Innovation: Evidence on the Macro and Sector Level, Background Report, Enterprise DG, European Commission, Brussels. Annachiarico, B. e B. Quintieri (1999), Il Commercio intra-industriale verticale dell Italia nel tessile-abbigliamento, in Rapporto ICE, pp Barro, R. e X. Sala-i-Martin (1995), Economic Growth, McGraw Hill. Bussolati, C. Malerba, F. e S. Torrisi (a cura di) (1996), L evoluzione delle industrie ad alta tecnologia in Italia. Entrata tempestiva, declino e opportunità di recupero, il Mulino, Bologna. Chiarlone, S. (2001), Evidence of product differentiation and relative quality in Italian trade, Rivista Italiana degli Economisti, n. 2, agosto. Chiarlone, S. e R. Helg (2002), Il modello di specializzazione internazionale italiano e le economie emergenti dell Estremo Oriente, in Quadrio Curzio, A., Fortis, M. e G. Galli (a cura di), La Competitività dell Italia, vol.i (Scienza, Ricerca, Innovazione), Il Sole 24 ORE. Commissione Europea (2000), Statistics on Innovation in Europe. Data , Lussemburgo. Commissione Europea (2001), European Competitiveness Report 2001, Luxembourg. De Benedictis, L. e M. Tamberi (2001), Il modello di specializzazione italiano: normalità e asimmetria, Quaderni di ricerca n. 160, Dipartimento di Economia, Università di Ancona, in corso di pubblicazione su libro edito da F. Angeli. de Nardis, S. (1997), Fenomeni di persistenza e cambiamento nelle specializzazioni di Paesi industriali, Rivista di Politica Economica, vol. LXXXVIII, gennaio, pp de Nardis, S. e M. Malgarini (1998), Cambiamento, stabilità, rafforzamento. I vantaggi comparati dei Paesi europei nell era della globalizzazione, Quaderni di Ricerca Ice n. 8, novembre. de Nardis, S. e F. Traù (1999), Specializzazione settoriale e qualità dei prodotti: misure della pressione competitiva sull industria italiana, Rivista Italiana degli Economisti, VI, n. 2, agosto. Ferrari, S., Guerrieri, P., Malerba, F. Mariotti, S. e D. Palma (a cura di) (1995), L Italia nella competizione tecnologica internazionale. La meccanica Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 19

20 strumentale, III rapporto dell Osservatorio Enea-Università di Roma La Sapienza -Cespri-Politecnico di Milano, Franco Angeli, Milano. Flam, H. e H. Helpman (1987), Vertical product differentiation and North South trade, American Economic Review, 77, pp Lissoni, F. e F. Malerba (2002), Le caratteristiche fondamentali del sistema innovativo italiano, in Quadrio Curzio, A., Fortis, M. e G. Galli (a cura di), La Competitività dell Italia, vol.i (Scienza, Ricerca, Innovazione), Il Sole 24 ORE. Malerba, F. (2000), Il sistema innovativo italiano, in Malerba, F. (a cura di), Economia dell innovazione, Carocci, Roma. Modiano, P. (1982), Competitività e collocazione internazionale delle esportazioni italiane: il problema dei prodotti tradizionali, Economia e Politica Industriale, 33. Onida, F. (1978), Industria italiana e commercio internazionale, il Mulino, Bologna. Pavitt, K. (1984), Patterns of technological change: Towards a taxonomy and a theory, Research Policy, 13, pp Petrucci, A. e B. Quintieri (2001), Will Italy survive globalization? A specific factor model with vertical product differentiation, in Arndt S. e H. Kierzkowski (a cura di), Fragmentation. New Production Patterns in the World Economy, Oxford University Press, Oxford. Pietrobelli C. (2002), La competitività dell Italia nei confronti dei Paesi industrializzati: dinamiche settoriale e di mercato, in Quadrio Curzio, A., Fortis, M. e G. Galli (a cura di), La Competitività dell Italia, vol.ii (Le imprese), Il Sole 24 ORE. Quadrio Curzio, A., Fortis, M. e G. Galli (2002), Competitività, ricerca e innovazione in Italia: valutazioni di sintesi, in Quadrio Curzio, A., Fortis, M. e G. Galli (a cura di), La Competitività dell Italia, vol.i (Scienza, Ricerca, Innovazione), Il Sole 24 ORE. Sirilli, G. (2002), La posizione dell Italia nel sistema innovativo, in Quadrio Curzio, A., Fortis, M. e G. Galli (a cura di), La Competitività dell Italia, vol.i (Scienza, Ricerca, Innovazione), Il Sole 24 ORE. Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 20

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti una valutazione comparata della gestione dei rifiuti Parte una valutazione comparata della gestione dei rifiuti La Commissione europea nell Aprile del 01 ha presentato gli esiti di una ricerca eseguita

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Bambini e adolescenti ai margini

Bambini e adolescenti ai margini UNICEF Centro di Ricerca Innocenti Report Card 9 Bambini e adolescenti ai margini Un quadro comparativo sulla disuguaglianza nel benessere dei bambini nei paesi ricchi uniti per i bambini La Innocenti

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 28.11.214 COM(214) 94 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO Relazione

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 31.3.2015 COM(2015) 145 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO Relazione sull'applicazione del regolamento (UE) n. 211/2011 riguardante l'iniziativa

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Un economia sana e con buone prospettive di crescita deve saper cogliere i frutti del progresso tecnico, che solo adeguati investimenti in ricerca

Dettagli

I costi per mantenere e crescere un figlio/a da 0 a 18 anni

I costi per mantenere e crescere un figlio/a da 0 a 18 anni I costi per mantenere e crescere un figlio/a da 0 a 18 anni Premessa Il senso comune suggerisce che i figli non hanno prezzo ma l esperienza insegna che per farli diventare grandi e sperabilmente autonomi,

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7 Rapporto annuale n. 7 Direzione Studi e Ricerche Dicembre 214 Dicembre 214 Executive Summary 3 Introduzione 5 1. I bilanci dei distretti industriali italiani nel quinquennio 28-13 19 2. Internazionalizzazione,

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Ci serve davvero un industria farmaceutica nazionale?

Ci serve davvero un industria farmaceutica nazionale? Ci serve davvero un industria farmaceutica nazionale? Quali obiettivi e interventi di politica industriale per il settore farmaceutico italiano. Ci serve davvero un industria farmaceutica nazionale? 1

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE

VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE La contraffazione in cifre: NUOVA METODOLOGIA PER LA STIMA DEL VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE Roma, Giugno 2013 Giugno 2013-1 Il valore economico dei sequestri In questo Focus si approfondiscono alcune

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.3.2014 COM(2014) 150 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO Risultati degli esami approfonditi ai sensi del regolamento

Dettagli

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28 Ministero d e l l i s t r u z i o n e, d e l l università e della r i c e r c a (MIUR) Di r e z i o n e Ge n e r a l e p e r g l i Affari In t e r n a z i o n a l i INDIRE Un i t à It a l i a n a d i Eu

Dettagli

Un modello obsoleto? Crescita e specializzazione dell economia italiana

Un modello obsoleto? Crescita e specializzazione dell economia italiana Un modello obsoleto? Crescita e specializzazione dell economia italiana di Riccardo Faini (Università di Roma Tor Vergata e CEPR) e André Sapir (Université Libre de Bruxelles e CEPR) Maggio 2005 Questo

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE giugno 2013 Il presente rapporto è stato elaborato con le informazioni disponibili al 14 giugno 2013 da: Giulia

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Intervista a Giorgio Dal Fiume rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Presidente di World Fair Trade Organization Europe

Intervista a Giorgio Dal Fiume rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Presidente di World Fair Trade Organization Europe Intervista a Giorgio Dal Fiume rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Presidente di World Fair Trade Organization Europe Maggio 2015 L Europa è la culla del Fair Trade: come e quanto è diffuso?

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO

CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO 1 Prodotto, azienda, cliente Prodotto: bene che viene venduto da un azienda ad un cliente Impresa: attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio

Dettagli

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO n n u u m e r r o m o n o g r a nf i u c m o e r o m Sistemi scolastici europei Sistemi 2012 Sistemi di valutazione scolastici europei Sistemi sc dellõ istruzione in Europa2012 ALCUNI PAESI A CONFRONTO

Dettagli

Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici

Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici Libro verde Occupazione affari sociali Commissione europea Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti

Dettagli

Rapporto sull innovazione in Emilia-Romagna 2014

Rapporto sull innovazione in Emilia-Romagna 2014 Rapporto sull innovazione in Emilia-Romagna 2014 Rapporto sull innovazione in Emilia-Romagna 2014 Sommario 1. L Osservatorio Innovazione: struttura, obiettivi, metodologia e alcune definizioni 3 1.1. Metodologia,

Dettagli

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria A cura di NE Nomisma Energia Srl Responsabile di Ricerca: Davide Tabarelli (Presidente), Carlo Bevilacqua Ariosti

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Gli europei e le lingue: indagine speciale di Eurobarometro

Gli europei e le lingue: indagine speciale di Eurobarometro COMMISSIONE EUROPEA DG Istruzione e cultura Formazione professionale Politica linguistica Gli europei e le lingue: indagine speciale di Eurobarometro INDICE Introduzione...1 Conoscenze linguistiche degli

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo Chiara Saraceno

Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo Chiara Saraceno Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo Chiara Saraceno Chiara Saraceno Università di Torino Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo 1. Modelli

Dettagli

LA MOBILITÀ NELLA FORMAZIONE DEI DOCENTI IN EUROPA

LA MOBILITÀ NELLA FORMAZIONE DEI DOCENTI IN EUROPA la mobilità nella formazione dei docenti in europa LA MOBILITÀ NELLA FORMAZIONE DEI DOCENTI IN EUROPA MIUR Direzione Generale per gli Affari Internazionali Eurydice Direzione Generale per gli Affari Internazionali

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2015 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE COMUNE SULL'OCCUPAZIONE DELLA COMMISSIONE E DEL CONSIGLIO

PROGETTO DI RELAZIONE COMUNE SULL'OCCUPAZIONE DELLA COMMISSIONE E DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 28.11.2014 COM(2014) 906 final PROGETTO DI RELAZIONE COMUNE SULL'OCCUPAZIONE DELLA COMMISSIONE E DEL CONSIGLIO che accompagna la comunicazione della Commissione sull'analisi

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Breve storia della Cooperazione allo Sviluppo in Italia

Breve storia della Cooperazione allo Sviluppo in Italia Breve storia della Cooperazione allo Sviluppo in Italia L Italia entra nel settore della cooperazione allo sviluppo fondamentalmente per due fattori: le pressioni internazionali e i legami coloniali. L

Dettagli

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione.

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione. Il rapporto dell OCSE intitolato Education at a Glance: OECD Indicators è una fonte autorevole d informazioni accurate e pertinenti sullo stato dell istruzione nel mondo. Il rapporto presenta dati sulla

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

LE CONDIZIONI DI POVERTÀ TRA LE MADRI IN ITALIA

LE CONDIZIONI DI POVERTÀ TRA LE MADRI IN ITALIA Save the Children è la più grande organizzazione internazionale indipendente che lavora per migliorare concretamente la vita dei bambini in Italia e nel mondo. Esiste dal 1919 e opera in oltre 120 paesi

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA Bologna, 12 settembre 2008 Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità Denis Pantini Coordinatore di Area Agricoltura e Industria alimentare

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita?

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Mauro Caselli 1 Paolo Falco 2 1 School of Economics Australian School of Business The University of New South Wales m.caselli@unsw.edu.au

Dettagli

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Vs. richiesta su ZHEJIANG YUEJIN IMPORT CO LTD - Cina Recte ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina Cliente ALFA SPA Data evasione Redattore E.L./FC Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Zhejiang Yuejin

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

LOTTA A CONTRAFFAZIONE

LOTTA A CONTRAFFAZIONE LOTTA A CONTRAFFAZIONE ED ABUSIVISMO COMPRI FALSO? MA LO SAI CHE VADEMECUM2012 FEDERAZIONEMODAITALIA Via Durini, 14 20122 Milano www.federazionemodaitalia.it COMPRI FALSO? MA LO SAI CHE 1. Chi produce

Dettagli

molto più lontano Intelligent solutions for HGV drivers

molto più lontano Intelligent solutions for HGV drivers Servizi che vi portano molto più lontano Intelligent solutions for HGV drivers L innovazione al servizio dell autotrasporto: AS 24 apre la strada 1 a rete europea di stazioni dedicate ai mezzi pesanti,

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Evoluzione della fattura elettronica a livello internazionale e sua utilità

Evoluzione della fattura elettronica a livello internazionale e sua utilità Evoluzione della fattura elettronica a livello internazionale e sua utilità 6 settembre 2012 Bruno Koch Situazione iniziale tipica in una città campione Numero di abitanti: 100 000 Volume di fatture: ricevute

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

L Italia nell economia internazionale

L Italia nell economia internazionale Sistema Statistico Nazionale L Italia nell economia internazionale Rapporto ICE 2012-2013 ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Sistema Statistico

Dettagli