Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei."

Transcript

1 Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Alessia Amighini (Università del Piemonte Orientale) Versione preliminare Intervento al convegno Innovare per competere. Come finanziare l innovazione? Novara, maggio 2003

2 1. Introduzione. Questo lavoro confronta la capacità innovativa dell Italia con quella degli altri Paesi europei nei settori di specializzazione italiana, con l obiettivo di valutare la relazione tra attività innovativa e performance commerciale del Paese. Nella odierna società della conoscenza, l innovazione tecnologica è uno dei principali fattori di sviluppo sociale, industriale ed economico. In particolare, l innovazione tecnologica nell industria rappresenta una delle maggiori determinanti della produttività, della competitività e della crescita dei Paesi nell economia internazionale. E questo uno dei risultati fondamentali della nuova teoria della crescita (Barro e Sala-i-Martin, 1995) e dei più recenti studi empirici sulle determinanti della competitività internazionale dei Paesi (Aininger, 2001; Commissione Europea, 2001). L Italia ha maturato storicamente una specializzazione produttiva e commerciale e un pattern di innovatività 1 che la rendono unica tra tutti i Paesi industrializzati, con punti di forza in settori e tecnologie tradizionali (tessile, abbigliamento, pelli, calzature), nelle macchine utensili e nella meccanica strumentale (Onida, 1978; Modiano, 1982; de Nardis, 1997). In particolare, il settore meccanico-strumentale è l unico settore ad alta intensità di tecnologia in cui l Italia mostra una chiara specializzazione (Ferrari et al., 1995). Le ragioni di questa specializzazione sono fortemente collegate alle determinanti storiche del tessuto produttivo nazionale: le grandi imprese nazionali hanno operato in un mercato protetto con pochi stimoli all innovazione come fonte di competitività. Anche le politiche industriali hanno offerto poche opportunità tecnologiche provenienti dalla ricerca industriale. Al contrario, le piccole e medie imprese (Pmi), che competevano su un mercato meno protetto, hanno sfruttato maggiormente i vantaggi competitivi dell innovazione di prodotto e di processo anche in settori tradizionali. 1 Misurata prevalentemente in termini di brevetti depositati presso lo European Patent Office o lo US Patent Office. Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 2

3 Una delle conseguenze di questo sentiero di sviluppo industriale è la bassa intensità di ricerca che caratterizza da sempre il Sistema Innovativo Nazionale (Sin) italiano (Commissione Europea, 2000; tavv. 5-6). Questa caratteristica è il risultato di diverse determinanti 2, tra cui: l assenza di programmi militari di rilievo e il ridotto finanziamento pubblico alla ricerca civile; il basso livello del finanziamento privato alla ricerca industriale; il mancato decollo di alcuni settori ad alta tecnologia, il progressivo calo del peso di altri come informatica e chimica, e il basso livello di capacità tecnologiche accumulate dalle poche imprese in quei settori; infine, i ritardi e le debolezze della politica pubblica italiana sul coordinamento delle attività del Paese su alcune tecnologie chiave (Lissoni e Malerba, 2002). La bassa intensità di ricerca che caratterizza il sistema industriale italiano, unita alle caratteristiche del modello di specializzazione internazionale dell Italia, hanno sollevato dubbi circa la capacità del Paese di reggere la competizione internazionale nei confronti, da un lato, degli altri Paesi industrializzati i cui modelli di specializzazione sono più incentrati sui settori ad alta tecnologia e, dall altro, dei Paesi emergenti che da tempo guadagnano competitività nei settori tradizionali. Questo lavoro utilizza le informazioni tratte da un importante indagine sull innovazione delle imprese europee a livello settoriale, con l obiettivo di precisare il legame tra innovazione e competitività nei settori in cui l Italia ha una forte competitività internazionale. Il lavoro è organizzato come segue. Il paragrafo 2 riassume il recente dibattito sul modello di specializzazione internazionale dell Italia nei confronti dei Paesi industrializzati e dei Paesi emergenti. Il paragrafo 3 presenta la posizione dell Italia nel sistema innovativo europeo attraverso un confronto tra capacità innovativa e performance esportativa a livello settoriale. Il paragrafo 4 propone alcune considerazioni riguardo il ruolo dell innovazione nel modello di specializzazione italiano. 2 Diversi contributi hanno analizzato le determinanti del Sin italiano. Si veda in particolare Bussolati, Malerba e Torrisi (1996), Malerba (2000), Ferrari et al. (2001). Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 3

4 2. Il modello di specializzazione internazionale dell Italia nei confronti dei Paesi industrializzati e dei Paesi emergenti. Tutti gli studi sul modello di specializzazione dell Italia hanno confermato che il vantaggio comparato rivelato del Paese si concentra nei settori definiti tradizionali (tessile, pelli, abbigliamento, calzature) e nella meccanica strumentale (si veda tra gli altri Pietrobelli, 2002). Tale modello di specializzazione, sostanzialmente stabile negli ultimi 30 anni nonostante la forte crescita dei Paesi emergenti nei settori ad alta intensità di lavoro (si veda a questo proposito de Benedictis e Tamberi, 2001), mostra che il Paese ha saputo rafforzare i suoi vantaggi comparati sfruttando economie di scala, meccanismi di apprendimento e riposizionamento verso l alto di gamma. La specializzazione nei settori tradizionali avrebbe generato delle esternalità positive che spiegherebbero il vantaggio comparato a monte, nei settori a offerta specializzata, soprattutto produttori di macchinari e attrezzature per la produzione nei settori tradizionali (de Nardis, 1997; de Nardis e Malgarini, 1998). L Italia ha pertanto una struttura industriale caratterizzata da un marcato dualismo: da un lato, la quota di industrie ad alta intensità di lavoro e tradizionalmente classificati come industrie a bassa intensità di tecnologia 3 (tessile, abbigliamento e calzature) è maggiore rispetto agli altri Paesi industrializzati; dall altro lato, alcune industrie a monte ad alta intensità di tecnologia sono altrettanto forti (meccanica strumentale), nonostante il Paese sia sostanzialmente assente dagli altri settori al alto contenuto tecnologico. La specializzazione internazionale dell Italia ha suscitato preoccupazioni circa l anomalia italiana rispetto agli altri principali Paesi industrializzati e sollevato dubbi circa la sostenibilità di tale modello nei confronti dei Paesi emergenti. In primo luogo, è stato avanzato il timore che la persistente 3 La tradizionale classificazione dei settori tessile, abbigliamento, pelli e calzature come industrie a bassa intensità di tecnologia non considera però il valore della conoscenza contenuta nelle funzioni immateriali all interno di tali industrie (design) e il contenuto di tecnologia dei materiali innovativi utilizzati nelle produzioni cosiddette tradizionali. Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 4

5 specializzazione merceologica delle esportazioni italiane nei settori tradizionali abbia escluso l Italia dai prodotti che negli ultimi anni si sono dimostrati più dinamici, in particolare i prodotti legati al settore delle tecnologie dell informazione e della comunicazione. In secondo luogo, la specializzazione in settori ad alta intensità di lavoro espone l Italia a forti pressioni competitive da parte dei Paesi emergenti, soprattutto asiatici, i quali possono ambire a competere direttamente con le produzione italiane. Più recentemente, analisi dettagliate a livello settoriale hanno permesso di specificare la posizione competitiva dell Italia nel mondo, precisando che alle origini del vantaggio competitivo italiano sta una forte e crescente capacità di competere su fasce alte del mercato, cioè su prodotti e servizi di alta qualità. In particolare, dal confronto della specializzazione italiana rispetto ai Paesi emergenti emerge che la qualità della produzione italiana è notevolmente superiore a quella di quei Paesi (de Nardis e Traù, 1998; Chiarlone e Helg, 2002). Un importante precisazione di questo risultato emerge dal confronto del modello di specializzazione italiano rispetto ai Paesi industrializzati: la qualità dei prodotti italiani è inferiore a quella degli altri Paesi industrializzati, tranne nel settore tessile e abbigliamento, dove non solo la qualità italiana è superiore, ma cresce a un tasso superiore rispetto agli altri Paesi avanzati (Chiarlone, 2001) 4. Questi risultati suggeriscono che il modello di specializzazione italiano sia meno vulnerabile e rischioso di quanto non sia stato più volte sostenuto. Anche se l Italia ha un modello di specializzazione più simile a quelli delle economie emergenti asiatiche che gli altri Paesi industrializzati, l analisi dei vantaggi comparati a un elevato livello di disaggregazione settoriale mostra che l Italia si colloca su fasce di mercato molto più elevate dei Paesi emergenti negli stessi settori tradizionali, e di conseguenza non subisce la concorrenza diretta di questi ultimi. 4 Ciò significa che il vantaggio di qualità dei prodotti italiani di tali settori aumenta nel tempo, nonostante il gap tecnologico dell Italia misurato sull intero settore industriale sia in crescita. Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 5

6 Questo particolare modello di specializzazione caratterizzato dal rafforzamento dei vantaggi comparati attraverso il riposizionamento sull alto di gamma (differenziazione verticale del prodotto) conferma empiricamente alcuni importati risultati teorici nell ambito della teoria del commercio internazionale (Flam e Helpman, 1987), in particolare quello secondo cui i Paesi industrializzati fronteggiano la concorrenza dei Paesi emergenti producendo beni di alta qualità e lasciando ai Paesi emergenti le produzioni di qualità inferiore, dove la competitività dipende in gran parte da fattori di costo (Annachiarico e Quintieri, 1999; Petrucci e Quintieri, 2001). Tuttavia, la peculiarità della specializzazione italiana espone il Paese a una forte pressione competitiva seppur indiretta e potenziale da parte dei Paesi emergenti. Se finora il Paese è rimasto fortemente competitivo e ha guadagnato quote di mercato nei settori tradizionali, ciò non garantisce che tale modello possa essere sostenuto a lungo senza forti investimenti in innovazione. La capacità innovativa del sistema nei settori di vantaggio comparato, oltre alla differenziazione verticale del prodotto in termini di qualità, è infatti un fattore cruciale per sostenere efficacemente un modello che per condizioni storiche presenta elementi di anomalia rispetto alle altre principali economie industrializzate. A questo scopo è dedicato il prossimo paragrafo, che confronta la capacità innovativa dell Italia nei suoi settori di specializzazione, rispetto agli altri Paesi europei. 3. La posizione dell Italia nel sistema innovativo: confronto settoriale con gli altri Paesi europei. Questo paragrafo confronta la capacità innovativa dell Italia rispetto agli altri Paesi europei in due macrosettori nei quali il Paese ha da sempre un forte vantaggio comparato: il settore tessile-abbigliamento- pelli-calzature e il settore della meccanica strumentale. Per misurare la capacità innovativa si farà riferimento agli indicatori di innovazioni tratti dalla seconda indagine censuaria europea denomimata Community Innovation Survey (Cis2) pubblicata nel 1999 e condotta su Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 6

7 imprese dell industria e dei servizi in 14 Paesi europei su dati del periodo L indagine, condotta seguendo le indicazioni del Manuale di Oslo 6, considera imprese innovatrici quelle imprese che hanno introdotto prodotti e processi tecnologicamente innovativi. 7 Seguendo le indicazioni del Manuale, l indagine Cis si è basata su un particolare concetto di innovazione. Il concetto di nuovo è riferito all impresa, e non al prodotto, per cui il prodotto, il servizio o il processo produttivo non necessariamente devono essere nuovi per il mercato in cui l azienda opera. La definizione di migliorato si applica invece al miglioramento nelle prestazioni di un prodotto o servizio o nel modo in cui questo viene prodotto o reso. L atto innovativo dell impresa consiste dunque nel lanciare un prodotto o un servizio differente da quelli offerti precedentemente dall impresa stessa, o nell introduzione di un nuovo o modificato processo di produzione. Di conseguenza, l innovatore può semplicemente imitare o usare una tecnologia già conosciuta o applicata. Il concetto di innovazione è dunque usato nel senso ampio del termine per ricomprendere anche il processo di diffusione (e non solo di introduzione) di nuove tecnologie. Tale scelta è stata dettata dal fatto che in termini economici è interessante non solo individuare e misurare l atto innovativo, ma soprattutto i suoi effetti sull intero sistema produttivo (Sirilli, 2002) In particolare, le variabili considerate nel presente lavoro sono le seguenti: percentuale di imprese innovative sul totale delle imprese del settore; percentuale di innovatori di prodotto; percentuale di innovatori di 5 L indagine Cis2 è stata preceduta, all inizio degli anni Novanta, da una indagine sperimentale sul solo settore manifatturiero, la Cis1. 6 Il Manuale di Oslo (OECD-Eurostat 1997) è stato predisposto dall OCSE nel 1996 per la misurazione statistica dell innovazione tecnologica. Il Manuale si basa sul modello a catena dell innovazione e descrive le definizioni e le metodologie per la racconta dei dati sui seguenti aspetti: profilo dell impresa e delle sue prestazioni economiche, le attività innovative e il loro costo, gli output dell innovazione, le fonti informative per l innovazione, gli obiettivi dell innovazione, i fattori che promuovono e quello che ostacolano l introduzione dell innovazione, l uso di specifiche tecnologie, l impatto delle politiche pubbliche per l innovazione. 7 La valutazione è affidata alle imprese stesse, a cui vengono fornite le definizioni di innovazioni di prodotto e di processo, nonché esempi illustrativi di innovazioni in vari settori industriali. Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 7

8 processo; percentuale di fatturato proveniente da prodotti nuovi (per l impresa e/o per il mercato), da prodotti migliorati (innovazione incrementale), o da prodotti nuovi anche per il mercato (innovazione radicale). Il settore tessile-abbigliamento-pelli-calzature L indagine Cis2 conferma l immagine di un settore tradizionale fortemente innovativo, con un numero assoluto di imprese innovative di gran lunga superiore a quello dei Paesi europei più industrializzati (circa doppio rispetto alla Germania e alla Svezia, i Paesi europei che dopo l Italia hanno il maggior numero di imprese innovative nei settori tradizionali considerati nel presente lavoro) (Tabella 1). Per l Italia risulta confermato anche il maggior numero di innovatori di processo rispetto agli innovatori di prodotto: nel campione gli innovatori di prodotto sono poco meno di 2000 rispetto a meno di 1500 di Germania e Svezia; gli innovatori di processo sono invece oltre 2500, contro circa 1000 della Germania, poco meno di 1000 del Regno Unito e valori decisamente inferiori di tutti gli altri Paesi europei. La capacità innovativa dell Italia emerge con ancor più rilievo se si considerano le imprese che introducono innovazioni di prodotto nuove sia per l impresa stessa che le introduce, sia per il mercato (cioè innovazioni radicali e non semplice diffusione di innovazioni già esistenti sul mercato). In questo caso, l Italia supera largamente tutti gli altri Paesi europei con quasi 1300 imprese che hanno introdotto prodotti radicalmente nuovi, rispetto alla Germania (con un numero di innovatori radicali pari a poco più della metà rispetto all Italia). I risultati della Cis2 diventano più interessanti ma meno confortanti se li si legge in termini di percentuale di imprese innovative (nei sensi suddetti) rispetto al totale delle imprese. Questa seconda lettura non risparmia all Italia la reputazione di Paese che investe strutturalmente poco in innovazione, anche nei settori dove è più competitivo. Nel settore Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 8

9 tessile-abbigliamento-pelli-calzature, la percentuale di imprese innovative sul numero totale di imprese in Italia era pari solo al 32%, valore significativamente superiore solo a quelli di Spagna, Portogallo e Belgio (Tabella 1). La percentuale di imprese italiane che introducono innovazioni di prodotto e di processo è risultata largamente inferiore a quella di paesi europei che, al contrario dell Italia, non hanno una forte specializzazione in questi settori tradizionali (come Germania, Regno Unito, Austria, Danimarca, Olanda). Inoltre, l Italia figura a livelli abbastanza insoddisfacenti per quanto riguarda la percentuale di imprese che introducono innovazione radicali: solo il 14% rispetto al 34% della Danimarca, al 33% della Germania, e a valori superiori al 15% della maggior parte dei Paesi dell Europa centro-settentrionale. L Italia supera solo i Paesi latini e mediterranei (Belgio, Francia, Portogallo e Spagna), oltre all Irlanda. Inoltre, secondo l indagine, la percentuale di fatturato delle aziende italiane innovative relativa a prodotti nuovi sarebbe stata solo del 4% sul fatturato totale di tali imprese, valore largamente inferiore al 17% della Germania e al 9% di Austria, Belgio e Norvegia, e superiore solo ai valori di Portogallo, Danimarca e Finlandia (Tabella 1). La percentuale di fatturato relativa a prodotti migliorati è stata solo dell 11% rispetto, ad esempio, al 29% dell Irlanda. Diverso è invece lo scenario se si guarda alla percentuale di fatturato attribuibile ai prodotti nuovi anche per il mercato, cioè innovazioni radicali, che vede l Italia primeggiare con un 22%, notevolmente superiore a tutti gli altri Paesi europei. Da questi risultati emerge quindi uno scenario caratterizzato da molte imprese innovative, che introducono soprattutto innovazioni di processo, di tipo radicale, dalle quali ottengono un elevata percentuale di fatturato. Tuttavia, questo gruppo di imprese ha dimensioni modeste nel tessuto industriale italiano, come emerge dai dati in percentuale, dove invece la maggior parte delle imprese dei settori tradizionali è poco innovativa. Tale risultato dipende anche dall elevato numero di imprese operanti nel settore. A conferma della posizione dell Italia nel sistema innovativo nei settori Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 9

10 tradizionali considerati, anche i dati sulla spesa in Ricerca e Sviluppo in percentuale sul fatturato, sempre tratti dall indagine Cis2, secondo i quali l Italia ha una quota dell 1,3%, inferiore a quella della Germania (1,7%), del Regno Unito (3,2%), e di altri Paesi come la Danimarca (3%) o l Austria (2,2%) (Quadrio Curzio, Fortis e Galli, 2002). Tabella 1 Alcuni indicatori della Cis2 per il settore tessileabbigliamento-pelli-calzature (paesi UE, 1996) imprese innovative innovatori di prodotto innovatori di processo innovatori con prodotti nuovi per il mercato val. ass. % val. ass. % val. ass. % val. ass. % Belgio Danimarca Germania Spagna Francia Irlanda Italia Olanda na Austria Portogallo Finlandia Svezia Regno Unito Norvegia % attribuibile a prodotti nuovi sul fatturato delle imprese innovative % attribuibile a prodotti migliorati sul fatturato delle imprese innovative % attribuibile a prodotti nuovi anche per il mercato sul fatturato delle imprese innovative Belgio Danimarca Germania Spagna Francia Irlanda Italia Olanda Austria Portogallo Finlandia Lussemburgo Svezia Regno Unito Norvegia Fonte: elaborazioni su dati Eurostat New Cronos (2001) Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 10

11 Dal confronto tra l Italia e il resto dell Europa sulla relazione tra capacità innovativa e performance commerciale nei settori tradizionali emergono alcune interessanti relazioni per i vari Paesi UE. Si possono infatti identificare due gruppi di Paesi che corrispondono a due diverse aree geografiche: i Paesi latino-mediterranei (Francia, Belgio, Spagna, Portogallo) e i Paesi centro-settentionali (Austra, Danimarca, Germania, Norvegia, Olanda, Regno Unito, Svezia). Entrambi i gruppi hanno relazioni positive tra percentuale di imprese innovative e capacità esportativa, sebbene si collochino a livelli diversi: la capacità innovativa del primo gruppo è mediamente inferiore a parità di esportazioni. Rispetto a questo scenario, l Italia si colloca in una posizione del tutto particolare, con una percentuale di imprese innovative in linea con quella dei Paesi latinomediterranei, ma con una capacità esportativa di gran lunga superiore (Figura 1). Un risultato simile emerge anche dal confronto sulla base di altri indicatori di innovazione: l Italia presenta una percentuale relativamente bassa di innovatori di prodotto e di processo rispetto agli altri Paesi europei, pur essendo di gran lunga più competitiva sui mercati internazionali (Figure 2 e 3). Figura 1 Percentuale di imprese innovative nei settori tessile-abbigliamento-pelli-calzature dei paesi UE esportazioni (mld di $) IT DE FR UK BE NL AT ES PT FI SE IE DK NO % di imprese innovative Fonte: elaborazioni su dati Eurostat New Cronos (2001) e UNCOMTRADE Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 11

12 Figura 2 Percentuale di innovatori di prodotto nei settori tessile-abbigliamento-pelli-calzature dei paesi UE esportazioni (mld di $) IT DE FR UK PT ES BE NL SE AT DK FI NO IE % di innovatori di prodotto Fonte: elaborazioni su dati Eurostat New Cronos (2001) e UNCOMTRADE Figura 3 Percentuale di innovatori di processo nei settori tessile-abbigliamento-pelli-calzature dei paesi UE esportazioni (mld di $) IT DE FR UK PT BE ES UK AT IE FI SE NO % di innovatori di processo Fonte: elaborazioni su dati Eurostat New Cronos (2001) e UNCOMTRADE Il settore della meccanica strumentale Coerentemente con le informazioni e gli studi disponibili sul grado di innovazione misurato in termini di numero di brevetti depositati, l indagine Cis2 conferma l immagine di un settore meccanico-strumentale mediamente innovativo, con un numero assoluto di imprese innovative inferiore solo alla Germania e di gran lunga superiore a quello degli altri Paesi europei più industrializzati (circa doppio rispetto alla Francia) (Tabella 2). La posizione italiana di secondo Paese europeo più innovativo Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 12

13 nel settore considerato è confermata anche guardando al numero di innovatori di prodotto e di processo. Come nel caso dei settori tradizionali, la lettura dei dati in termini percentuali suggerisce ancora che le imprese innovative rappresentano una piccola percentuale del totale delle imprese del settore considerato. Anche i dati sulla percentuale di fatturato delle aziende italiane innovative relativa a prodotti nuovi o migliorati è inferiore a quella del resto dell Europa. Un risultato opposto vale invece per quanto riguarda il numero di imprese che introducono prodotti nuovi non solo per le imprese stesse, ma anche per il mercato, la posizione italiana è sempre seconda a quella tedesca, ma il divario è notevolmente inferiore rispetto a quello che si misura sulle variabili precedenti (2012 imprese italiane rispetto alle 2178 della Germania), e il peso percentuale sul totale delle imprese è superiore a quello tedesco (42% contro 39%) (Tabella 2). Questo suggerisce che il settore meccanico-strumentale italiano ha raggiunto elevati livelli di innovatività, soprattutto in termini di innovazioni radicali, come confermato anche dai dati sulla percentuale di fatturato attribuibile a tali innovazioni (18% in l Italia rispetto a percentuali talvolta notevolmente inferiori in tutti gli altri Paesi europei). Tabella 2 Alcuni indicatori della Cis2 per il settore della meccanica strumentale (paesi UE, 1996) imprese innovative innovatori di prodotto innovatori di processo innovatori con prodotti nuovi per il mercato val. ass. % val. ass. % val. ass. % val. ass. % Belgio Danimarca Germania Spagna Francia Irlanda Italia Olanda Austria Portogallo Finlandia Svezia Regno Unito Norvegia Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 13

14 % attribuibile a prodotti nuovi sul fatturato delle imprese innovative % attribuibile a prodotti migliorati sul fatturato delle imprese innovative % attribuibile a prodotti nuovi anche per il mercato sul fatturato delle imprese innovative Belgio Danimarca Germania Spagna Francia Irlanda Italia Olanda Austria Portogallo Finlandia Svezia Regno Unito Norvegia Fonte: elaborazioni su dati Eurostat New Cronos (2001) A differenza dei settori tradizionali, dove la capacità esportativa italiana è notevolmente più elevata degli altri Paesi europei, nel settore della meccanica strumentale l Italia è seguita da vicino dai tre Paesi europei più industrializzati (Francia, Germania, Regno Unito). Per quanto riguarda la percentuale di imprese innovative, Italia, Francia e Regno Unito presentano una percentuale simile, leggermente superiore al 60%, e inferiore a quella della Germania, superiore all 80%. La competitività italiana supera però quella degli altri tre Paesi. Anche nel settore delle macchine utensili e della meccanica strumentale, l Italia si colloca in una posizione vicina alla media europea, largamente inferiore alla capacità innovativa dei Paesi dell Europa centrosettentrionale. Come nel caso dei settori tradizionali, la posizione dell Italia nel sistema innovativo europeo non riesce a spiegare completamente l elevata performance esportativa della meccanica italiana, notevolmente superiore anche a quella dei Paesi tecnologicamente più avanzati come la Germania (Figure 4, 5, 6). Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 14

15 Figura 4 Percentuale di imprese innovative nel settore della meccanica strumentale nei paesi UE esportazioni (mld di $) PT FI ES IT FR UK SE AT NL NO DK DE IE % di imprese innovative Fonte: elaborazioni su dati Eurostat New Cronos (2001) e UNCOMTRADE Figura 5 Percentuale di innovatori di prodotto nel settore della meccanica strumentale nei paesi UE esportazioni (mld di $) PT IT UK FR DE ES AT SE NL FI NO DK IE % di innovatori di prodotto Fonte: elaborazioni su dati Eurostat New Cronos (2001) e UNCOMTRADE Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 15

16 Figura 6 Percentuale di innovatori di processo nel settore della meccanica strumentale nei paesi UE esportazioni (mld di $) IT UK FR DE SE AT FI 5000 NL ES DK IE 0 NO PT % di innovatori di processo Fonte: elaborazioni su dati Eurostat New Cronos (2001) e UNCOMTRADE 4. Osservazioni conclusive. Questo lavoro ha confrontato la capacità innovativa dell Italia rispetto agli altri Paesi europei nei settori in cui il Paese ha una forte performance esportativa. Abbiamo concentrato la nostra attenzione sui settori nei quali l Italia presenta tradizionalmente un vantaggio comparato rivelato rispetto agli altri paesi europei il settore tessile-abbigliamento-pelli-calzature e la meccanica strumentale con l obiettivo di valutare quanto innovativi siano tali settori e quindi quanto la competitività italiana nel mondo dipenda dalla sua capacità innovativa. I dati mostrano che, per quanto riguarda il settore tessile-abbigliamentopelli-calzature, esiste una buona capacità innovativa in quanto a capacità di introdurre nuovi prodotti sul mercato (innovazione radicale). Questo conferma che la capacità esportativa delle imprese italiane sui mercati internazionali è strettamente legata all attività innovativa delle stesse (su design, materiali, prodotti e reti distributive). Per quanto riguarda il settore della meccanica strumentale, le imprese italiane innovative sono meno numerose di quelle tedesche, ma molto più numerose del resto dell Europa. Nel caso invece delle imprese che introducono innovazioni radicali, l Italia supera la Germania in termini percentuali ed è seconda Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 16

17 solo all Olanda. Lo scenario appare meno confortante in seguito a una lettura basata sulla rilevanza percentuale delle imprese innovative all interno del tessuto industriale. L Italia presenta una bassa percentuale di imprese innovative rispetto agli altri Paesi dell Europa centro-settentionale, mentre supera soltanto i Paesi dell Europa latina e mediterranea. Questo risultato può essere interpretato alla luce della forte frammentazione produttiva che caratterizza il tessuto industriale italiano, con numerose imprese di piccole e medie dimensioni. In Italia, la prevalenza delle Pmi e la diffusione del fenomeno distrettuale hanno consentito nel tempo una efficace divisione del lavoro e il mantenimento di elevati margini di profitto anche in settori sensibili al prezzo, come quello dei beni tradizionali, che subiscono sempre di più la concorrenza dei paesi emergenti. E proprio la concorrenza potenziale dai paesi emergenti sugli stessi settori ha spinto in tempi più recenti le imprese italiane dei settori tradizionali a investire nella differenziazione e nel riposizionamento del prodotto su segmenti più elevati, nei quali è possibile beneficiare di una maggior disponibilità a pagare dei consumatori ad alto reddito con una preferenza per prodotti di alta qualità. Anche se nel tessuto industriale sono mancate quasi totalmente Pmi hightech e science-based e in generale le nuove imprese schumpeteriane, che tanto peso hanno avuto negli Stati Uniti e in minor misura in Europa (Lissoni e Malerba, 2002), il sistema delle Pmi ha conseguito notevoli risultati sia nei settori dei beni di consumo tradizionali sia in quello meccanico-strumentale. Nel primo, attraverso innovazioni incrementali di prodotto, legate al design, all impiego di materiali innovativi e in generale al miglioramento qualitativo dei manufatti e dei servizi accessori. Questo tipo di innovazioni ha consentito l emergere di fornitori specializzati (Pavitt, 1984) in grado di realizzare macchinari necessari a questo tipo di progresso tecnologico strumentale. Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 17

18 Oggi, il mantenimento dei livelli di competitività raggiunti dall Italia nel contesto dell economia globale dipende in gran parte dalla capacità del Paese di mantenere un grado di innovatività superiore a quello degli altri Paesi industrializzati nei settori tradizionali in cui è specializzato, e ad aumentare l investimento in innovazione nel settore meccanicostrumentale ad alta tecnologia. Solo innovando l Italia riuscirà a competere e a crescere, sfruttando al meglio le sue anomalie. Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 18

19 Bibliografia Aininger, K. (2001), The Impact of Innovation: Evidence on the Macro and Sector Level, Background Report, Enterprise DG, European Commission, Brussels. Annachiarico, B. e B. Quintieri (1999), Il Commercio intra-industriale verticale dell Italia nel tessile-abbigliamento, in Rapporto ICE, pp Barro, R. e X. Sala-i-Martin (1995), Economic Growth, McGraw Hill. Bussolati, C. Malerba, F. e S. Torrisi (a cura di) (1996), L evoluzione delle industrie ad alta tecnologia in Italia. Entrata tempestiva, declino e opportunità di recupero, il Mulino, Bologna. Chiarlone, S. (2001), Evidence of product differentiation and relative quality in Italian trade, Rivista Italiana degli Economisti, n. 2, agosto. Chiarlone, S. e R. Helg (2002), Il modello di specializzazione internazionale italiano e le economie emergenti dell Estremo Oriente, in Quadrio Curzio, A., Fortis, M. e G. Galli (a cura di), La Competitività dell Italia, vol.i (Scienza, Ricerca, Innovazione), Il Sole 24 ORE. Commissione Europea (2000), Statistics on Innovation in Europe. Data , Lussemburgo. Commissione Europea (2001), European Competitiveness Report 2001, Luxembourg. De Benedictis, L. e M. Tamberi (2001), Il modello di specializzazione italiano: normalità e asimmetria, Quaderni di ricerca n. 160, Dipartimento di Economia, Università di Ancona, in corso di pubblicazione su libro edito da F. Angeli. de Nardis, S. (1997), Fenomeni di persistenza e cambiamento nelle specializzazioni di Paesi industriali, Rivista di Politica Economica, vol. LXXXVIII, gennaio, pp de Nardis, S. e M. Malgarini (1998), Cambiamento, stabilità, rafforzamento. I vantaggi comparati dei Paesi europei nell era della globalizzazione, Quaderni di Ricerca Ice n. 8, novembre. de Nardis, S. e F. Traù (1999), Specializzazione settoriale e qualità dei prodotti: misure della pressione competitiva sull industria italiana, Rivista Italiana degli Economisti, VI, n. 2, agosto. Ferrari, S., Guerrieri, P., Malerba, F. Mariotti, S. e D. Palma (a cura di) (1995), L Italia nella competizione tecnologica internazionale. La meccanica Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 19

20 strumentale, III rapporto dell Osservatorio Enea-Università di Roma La Sapienza -Cespri-Politecnico di Milano, Franco Angeli, Milano. Flam, H. e H. Helpman (1987), Vertical product differentiation and North South trade, American Economic Review, 77, pp Lissoni, F. e F. Malerba (2002), Le caratteristiche fondamentali del sistema innovativo italiano, in Quadrio Curzio, A., Fortis, M. e G. Galli (a cura di), La Competitività dell Italia, vol.i (Scienza, Ricerca, Innovazione), Il Sole 24 ORE. Malerba, F. (2000), Il sistema innovativo italiano, in Malerba, F. (a cura di), Economia dell innovazione, Carocci, Roma. Modiano, P. (1982), Competitività e collocazione internazionale delle esportazioni italiane: il problema dei prodotti tradizionali, Economia e Politica Industriale, 33. Onida, F. (1978), Industria italiana e commercio internazionale, il Mulino, Bologna. Pavitt, K. (1984), Patterns of technological change: Towards a taxonomy and a theory, Research Policy, 13, pp Petrucci, A. e B. Quintieri (2001), Will Italy survive globalization? A specific factor model with vertical product differentiation, in Arndt S. e H. Kierzkowski (a cura di), Fragmentation. New Production Patterns in the World Economy, Oxford University Press, Oxford. Pietrobelli C. (2002), La competitività dell Italia nei confronti dei Paesi industrializzati: dinamiche settoriale e di mercato, in Quadrio Curzio, A., Fortis, M. e G. Galli (a cura di), La Competitività dell Italia, vol.ii (Le imprese), Il Sole 24 ORE. Quadrio Curzio, A., Fortis, M. e G. Galli (2002), Competitività, ricerca e innovazione in Italia: valutazioni di sintesi, in Quadrio Curzio, A., Fortis, M. e G. Galli (a cura di), La Competitività dell Italia, vol.i (Scienza, Ricerca, Innovazione), Il Sole 24 ORE. Sirilli, G. (2002), La posizione dell Italia nel sistema innovativo, in Quadrio Curzio, A., Fortis, M. e G. Galli (a cura di), La Competitività dell Italia, vol.i (Scienza, Ricerca, Innovazione), Il Sole 24 ORE. Amighini, A. Innovazione e competitività: un confronto settoriale 20

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale

Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale di Giuseppe D Aloia 1 L inflazione Negli anni scorsi tutto il dibattito sul potere d acquisto delle retribuzioni si è

Dettagli

Le aree di Innovazione per la crescita

Le aree di Innovazione per la crescita Le aree di Innovazione per la crescita I Sistemi nazionali di Innovazione vengono caratterizzati dal grado di specializzazione tecnologica dei diversi settori produttivi: la capacità di sviluppare innovazione

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Ricerca, brevetti e nuove tecnologie in Italia: ragioni e conseguenze di un declino

Ricerca, brevetti e nuove tecnologie in Italia: ragioni e conseguenze di un declino Ricerca, brevetti e nuove tecnologie in Italia: ragioni e conseguenze di un declino Alessandro Sterlacchini UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE Dipartimento di Scienze Economiche e Sociali a.sterlacchini@univpm.it

Dettagli

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico OBIETTIVO CRESCITA Impresa, banca, territorio Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale

Dettagli

Mercato lavoro, orari, produttività, salari

Mercato lavoro, orari, produttività, salari Mercato lavoro, orari, produttività, salari Roberto Romano 22 marzo 2012 Sommario Premessa... 2 Rigidità della protezione dell'occupazione... 2 Italia, paese dai bassi salari... 4 Ore lavorate... 5 Costo

Dettagli

Innovazione e imprese

Innovazione e imprese Innovazione e imprese Prof. Sandro Trento Facoltà di Economia, Università di Trento Roma, 15 settembre, Innovazione Italia Innovazione Innovazione è sinonimo di nuovo? La novità deve raggiungere il mercato

Dettagli

Stabilità o mutamento dei modelli di specializzazione industriale? Un confronto tra i principali paesi europei nel periodo 1985-2002

Stabilità o mutamento dei modelli di specializzazione industriale? Un confronto tra i principali paesi europei nel periodo 1985-2002 Stabilità o mutamento dei modelli di specializzazione industriale? Un confronto tra i principali paesi europei nel periodo - Introduzione La preoccupazione per la debole crescita che ha caratterizzato

Dettagli

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino.

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Specializzazione produttiva o SP., competitività internazionale e crescita economica o SP.,

Dettagli

Claudio GAGLIARDI. Rapporto PIQ 2011. Una nuova misura dell economia per leggere l Italia e affrontare la crisi. Segretario Generale Unioncamere

Claudio GAGLIARDI. Rapporto PIQ 2011. Una nuova misura dell economia per leggere l Italia e affrontare la crisi. Segretario Generale Unioncamere Claudio GAGLIARDI Segretario Generale Unioncamere Rapporto PIQ 2011 Una nuova misura dell economia per leggere l Italia e affrontare la crisi Roma, 10 dicembre 2012 Perché puntare l obiettivo sulla qualità?

Dettagli

L industria farmaceutica in Italia: un patrimonio per la crescita e l occupazione che il Paese deve valorizzare

L industria farmaceutica in Italia: un patrimonio per la crescita e l occupazione che il Paese deve valorizzare L industria farmaceutica in Italia: un patrimonio per la crescita e l occupazione che il Paese deve valorizzare Massimo Scaccabarozzi, Presidente Farmindustria Milano, 16 Gennaio 2015 Per informazioni:

Dettagli

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 Secondo i dati forniti dall Eurostat, il valore della produzione dell industria agricola nell Unione Europea a 27 Stati Membri nel 2008 ammontava a circa 377 miliardi

Dettagli

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Alessandro Nova Università L. Bocconi Roma, 18 febbraio 2014 Filiera della carta 2014 - Alessandro Nova 1 La Filiera della

Dettagli

Responsabilità sociale d impresa e performance aziendale. Dicembre 2013

Responsabilità sociale d impresa e performance aziendale. Dicembre 2013 Responsabilità sociale d impresa e performance aziendale Dicembre 2013 Sommario Premessa e sintesi dei risultati Il lavoro svolto Risultati aziende italiane Risultati aziende europee 2 Premessa L obiettivo

Dettagli

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Con il rapporto di ricerca presentato dalla Filtea al direttivo del 6 maggio

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 7 ottobre 2005 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 L Istat presenta i principali risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros 1 (R&S) in Italia, riferiti alle imprese,

Dettagli

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni di Antonio Ricciardi (*) Nell attuale scenario competitivo, caratterizzato da una profonda crisi strutturale, dalla globalizzazione dei

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

FEM, Gruppo di lavoro Macchine

FEM, Gruppo di lavoro Macchine FEM, Gruppo di lavoro Macchine Il settore delle macchine industriali, o dei Beni strumentali, si compone di 10 comparti organizzati nella Federazione nazionale delle Associazioni dei produttori di Beni

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

Il made in Italy nel commercio con l estero dei prodotti agroalimentari

Il made in Italy nel commercio con l estero dei prodotti agroalimentari L agroalimentare italiano nel commercio mondiale: Specializzazione, competitività e dinamiche Il made in Italy nel commercio con l estero dei prodotti agroalimentari Roberto Henke (Inea) Gruppo di lavoro:

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita. Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007

Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita. Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007 Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007 1 % 40 35 30 25 20 15 10 5 0 % Ripartizione per classi dimensionali di fatturato

Dettagli

INDICOD Istituto per le imprese di beni di consumo

INDICOD Istituto per le imprese di beni di consumo INDICOD Istituto per le imprese di beni di consumo 1 IL RILANCIO DELLA DOMANDA Roberto Ravazzoni, CERMES Bocconi Scenari economici e prospettive per i consumi Assemblea Annuale Indicod Teatro Manzoni Milano,

Dettagli

Attrezzature e componenti di arredo per retail e GDO

Attrezzature e componenti di arredo per retail e GDO marketing highlights Attrezzature e componenti di arredo per retail e GDO A cura di: Marino Serafino Identificazione del settore Produzione e distribuzione di attrezzature, soluzioni e componenti di arredo

Dettagli

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma Sistema paese e sicurezza economica Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma I nostri temi Invece di un sistema-paese, un paese diviso e gravato da varie forme di insicurezza economica In che senso

Dettagli

Ricerca e innovazione

Ricerca e innovazione CAPITOLO 11 Ricerca e innovazione Alla base del progresso Ricerca e innovazione costituiscono una determinante indiretta del benessere. Sono alla base del progresso sociale ed economico e danno un contributo

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Quest anno, 2014, il messaggio è più positivo. Tutta l'unione registra un miglioramento. Enterprise and Industry DG

Quest anno, 2014, il messaggio è più positivo. Tutta l'unione registra un miglioramento. Enterprise and Industry DG Enterprise and Industry DG Vice-President Antonio TAJANI Speaking Point Ogni anno, il Quadro di valutazione dell'unione dell'innovazione (Innovation Union Scoreboard) misura la temperatura dell'innovazione

Dettagli

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese BIELLA Associazione Provinciale Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121- Fax: 015 351426 Internet: www.biella.cna.it email: mailbox@biella.cna.it Certificato n IT07/0030 Energia, bolletta molto

Dettagli

LA SPESA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

LA SPESA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LA SPESA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE PER INVESTIMENTI FISSI: CONFRONTO EUROPEO ESTRATTO DALL OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI GIUGNO

Dettagli

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue Rapporto annuale 2012 3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, la contrazione della domanda interna nonostante la tenuta di quella estera ha determinato un calo dell

Dettagli

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI E LORO ACCESSORI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO IL SETTORE DEI BENI

Dettagli

Un analisi storica e comparativa dell apertura internazionale delle imprese venete

Un analisi storica e comparativa dell apertura internazionale delle imprese venete Il modello di internazionalizzazione del Veneto Gli argomenti trattati Il commercio estero le esportazioni e le importazioni Gli investimenti diretti esteri le partecipazioni delle imprese venete all estero

Dettagli

IX. APPROFONDIMENTI DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA 2008-2011 EQUITÀ SOCIALE

IX. APPROFONDIMENTI DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA 2008-2011 EQUITÀ SOCIALE IX. APPROFONDIMENTI IX.1 EQUITÀ SOCIALE L equità sociale continua ad essere un obiettivo prioritario della strategia politica del Governo. Le trasformazioni di carattere economico e sociale che hanno interessato

Dettagli

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave MEMO/08/XXX Bruxelles, 16 ottobre 2008 La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave La Commissione europea pubblica oggi il resoconto annuale delle tendenze sociali negli Stati

Dettagli

Liberalizzazione del mercato dei capitali

Liberalizzazione del mercato dei capitali Liberalizzazione del mercato dei capitali euros euros Curve del prodotto marginale del capitale K Capital flow Esportazione di capitale r o r MPK* A MPK r r* o K o K*o * K o +K* o 1 Effetti di benessere

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

II OSSERVATORIO EUROPEO DEGLI INTERMEDIARI ASSICURATIVI

II OSSERVATORIO EUROPEO DEGLI INTERMEDIARI ASSICURATIVI II OSSERVATORIO EUROPEO DEGLI INTERMEDIARI ASSICURATIVI Un confronto tra Italia e resto d Europa alla luce dei cambiamenti del modello di distribuzione Milano, 29 giugno 2015 Contenuti Osservatorio 2015

Dettagli

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche?

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? Sintesi dei risultati Premessa L internazionalizzazione del sistema produttivo italiano costituisce uno degli obiettivi

Dettagli

Commissione Europea Eurobarometro DONAZIONI E TRASFUSIONI DI SANGUE

Commissione Europea Eurobarometro DONAZIONI E TRASFUSIONI DI SANGUE Commissione Europea Eurobarometro DONAZIONI E TRASFUSIONI DI SANGUE L'obiettivo di questa ricerca speciale sugli atteggiamenti degli europei nei confronti della donazione e della trasfusione di sangue

Dettagli

STRUTTURA DELL ECONOMIA ITALIANA: IL LATO DELL OFFERTA

STRUTTURA DELL ECONOMIA ITALIANA: IL LATO DELL OFFERTA STRUTTURA DELL ECONOMIA ITALIANA: IL LATO DELL OFFERTA Il Pil pro capite Per meglio misurare il tenore di vita. Per rendere confrontabili le dimensioni relative in termini di reddito effettivo e grado

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Struttura di mercato e incentivi a investire

Dettagli

L innovazione logistica. Un industria in formazione tra territorio, ambiente e sistema economico

L innovazione logistica. Un industria in formazione tra territorio, ambiente e sistema economico Seminario I fondamenti concettuali della Logistica Economica Politecnico di Milano, Dipartimento di Architettura e Pianificazione Aula I.1.2, 29 maggio 2003 L innovazione logistica. Un industria in formazione

Dettagli

Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali ente bilaterale lavanderie industriali fra AUIL FEMCA-CISL FILTEA-CGIL UILTA-UIL Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali Sintesi Dati di scenario: 600 imprese per 15 addetti

Dettagli

SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA

SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA Sulle retribuzioni più basse meno tasse fino a 1.700 euro all anno ================================================= Il cuneo fiscale in Italia è in discesa.

Dettagli

PROPOSTE DI SPENDING REVIEW E SOSTENIBILITÀ DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

PROPOSTE DI SPENDING REVIEW E SOSTENIBILITÀ DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PROPOSTE DI SPENDING REVIEW E SOSTENIBILITÀ DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE NOTA A CURA DELLA DIVISIONE SALUTE, ORGANIZZAZIONE PER LA COOPERAZIONE E LO SVILUPPO ECONOMICO (OCSE), A SEGUITO DI RICHIESTA

Dettagli

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia)

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia) L Italia in Russia I numeri della presenza italiana in Russia Esportazioni (2008): 10, miliardi (3% del totale export Italia) La Russia è il 7 paese cliente dell Italia (dopo Germania, Francia, Spagna,

Dettagli

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita Facoltàdi Economia, Università degli studi di Trento 19 novembre 2009 Anagni, Istituto Tecnico Commerciale G. Marconi IL MONDO E CAMBIATO

Dettagli

Osservatorio Non Food I Ediz. Anno 2003 (dati anno solare 2002)

Osservatorio Non Food I Ediz. Anno 2003 (dati anno solare 2002) Osservatorio Non Food I Ediz. Anno 2003 (dati anno solare 2002) Abstract A cura di Marco Cuppini, Direttore Studi e Ricerche Indicod-Ecr The global language of business www.gs1.org In collaborazione con

Dettagli

I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia. Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche

I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia. Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche Ascoli Piceno, 24 ottobre 2014 Agenda 1 L identikit delle

Dettagli

Il modello di specializzazione internazionale italiano e le economie emergenti dell Estremo Oriente* Stefano Chiarlone. Rodolfo Helg.

Il modello di specializzazione internazionale italiano e le economie emergenti dell Estremo Oriente* Stefano Chiarlone. Rodolfo Helg. Il modello di specializzazione internazionale italiano e le economie emergenti dell Estremo Oriente* Stefano Chiarlone UNCTAD, Ginevra Rodolfo Helg Università C.Cattaneo LIUC, Castellanza Novembre 2001

Dettagli

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009 LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 9 "Non importa quante volte cadi. Quello che conta è la velocità con cui ti rimetti

Dettagli

Il Commercio Internazionale: nuove evidenze e sviluppi teorici*

Il Commercio Internazionale: nuove evidenze e sviluppi teorici* Il Commercio Internazionale: nuove evidenze e sviluppi teorici* Nicola D. Coniglio (1,2) (1) Dip.to di Scienze Economiche - Università degli Studi di Bari (Italy); (2) NHH Norwegian School of Economics

Dettagli

3.2 La propensione a investire e innovare nella manifattura italiana

3.2 La propensione a investire e innovare nella manifattura italiana CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA Scenari industriali n. 6, Novembre 2015 3.2 La propensione a investire e innovare nella manifattura italiana È sempre alta la propensione all investimento La dinamica degli investimenti

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Il sostegno pubblico alle famiglie con figli: ragioni teoriche e nuova evidenza

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE Sintesi dei risultati della seconda edizione dell Osservatorio Realizzato da: In collaborazione con: RISKGOVERNANCE 1 INDICE DEI CONTENUTI Copyright

Dettagli

sviluppo dell umbria

sviluppo dell umbria L internet economy e il suo contributo allo sviluppo dell umbria Mauro Casavecchia l internet economy crea valore e occupazione Contributo diretto di Internet al PIL 2009 Contributo di Internet alla crescita

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 17 giugno 2015 Aprile 2015 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di aprile 2015 l indice dei prezzi all importazione dei prodotti industriali aumenta dello 0,5% rispetto al mese precedente

Dettagli

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Strettamente riservato Roma, 10 novembre 2015 Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Valerio De Molli 2015 The European House - Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITT I RISERVAT I. Questo documento

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

SPIN OFF: un impresa possibile

SPIN OFF: un impresa possibile SPIN OFF: un impresa possibile L innovazione come principale fattore di competitività nelle PMI A cura di Giovanni Tremante AGENDA Cos è l innovazione tecnologica Gli indicatori del processo di sviluppo

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 17 febbraio 2015 Dicembre 2014 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di dicembre 2014 l indice dei prezzi all importazione dei prodotti industriali diminuisce dell 1,8% rispetto al

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese

Internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione delle imprese italiane: contesto ed opportunità 3 Marzo 2015 Business Analysis Pio De Gregorio, Responsabile Anna Tugnolo, Senior Analyst Dopo un 2013 difficile, le esportazioni

Dettagli

OFFERTA DI COMPETENZE

OFFERTA DI COMPETENZE IT LA FUTURA OFFERTA DI COMPETENZE IN EUROPA PREVISIONI A MEDIO TERMINE FINO AL RISULTATI CHIAVE Oltre Lisbona: verso una societá basata sulla conoscenza L evoluzione della struttura delle qualifiche Le

Dettagli

APERTURA INTERNAZIONALE

APERTURA INTERNAZIONALE 3CAPITOLO 3 APERTURA INTERNAZIONALE E POTENZIALITÀ DI CRESCITA DEL SISTEMA PRODUTTIVO ITALIANO Nel 2011 la domanda estera netta ha ripreso, dopo molti anni, il ruolo di principale motore della crescita.

Dettagli

EFFETTI DELLA RIDUZIONE DELL IVA NEI

EFFETTI DELLA RIDUZIONE DELL IVA NEI Le pillole di Notizie, commenti, istruzioni ed altro Direttore responsabile: Edi Sommariva Numero 35-09 EFFETTI DELLA RIDUZIONE DELL IVA NEI PUBBLICI ESERCIZI A cura di L. Sbraga e G. Erba Il processo

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it)

ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Fino anni '70 modello basato su standardizzazione

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

Onere fiscale elevato in Svizzera

Onere fiscale elevato in Svizzera SCHEDA D INFORMAZIONE N 4: QUESTIONI SULLA RIDISTRIBUZIONE Onere fiscale elevato in Svizzera Nel confronto internazionale, la Svizzera viene regolarmente considerata un paradiso fiscale. Le cifre dell

Dettagli

Dove finisce tutto il denaro? Rendere operativa l assegnazione dei finanziamenti della politica regionale

Dove finisce tutto il denaro? Rendere operativa l assegnazione dei finanziamenti della politica regionale Dove finisce tutto il denaro? Rendere operativa l assegnazione dei finanziamenti della politica regionale Sintesi Questa relazione è stata preparata per il ventottesimo incontro del Consorzio per la ricerca

Dettagli

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte EDIZIONE 16 prima parte SETTEMBRE La voce di Databank 2012 Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata ABBIGLIAMENTO INFANTILE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE

Dettagli

Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali

Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali Massimo Scaccabarozzi, Presidente Farmindustria 52 Simposio AFI -1 giugno 2012 La farmaceutica è la prima industria hi-tech per

Dettagli

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco della vita svolgono un ruolo capitale nello sviluppo

Dettagli

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Maggio 2015 L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Presentazione Rapporto UNIDI definitivo sul mercato 2013 e stima 2014 Il progetto KEY-STONE Presentazione rapporto sul periodo

Dettagli

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA L OSSERVATORIO 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA LAUREATI, DISOCCUPATI E SCORAGGIATI 14 Aprile 2014 Nella prima metà degli anni Cinquanta, per le strade circolavano poco più di 400mila

Dettagli

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 6 febbraio 2007 L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673.3106 Informazioni

Dettagli

The AR Factor. Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee

The AR Factor. Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee The AR Factor Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee Media Executive Summary Lo scopo di questa ricerca è valutare

Dettagli

LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA

LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA NUMERI IN PILLOLE Roma - 08 maggio 2014 Sommario Il valore delle imprese che creano valore 3 Le piccole e medie imprese, esploratrici del mondo 8 Il dualismo del credito

Dettagli

LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA. Fondazione per la Sicurezza Stradale

LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA. Fondazione per la Sicurezza Stradale LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA Fondazione per la Sicurezza Stradale LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 SIMONE CAPECCHI * Cresce ancora la domanda di credito da parte delle imprese ma si raffredda negli ultimi 2 trimestri. Al

Dettagli

Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento

Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento Da dieci anni, ACTE, Associazione delle Comunità Tessili Europee, ha operato per la difesa e

Dettagli

Introduzione. Economie di scala e commercio internazionale. Economia Internazionale Corso di Laurea in Internazionalizzazione delle Imprese

Introduzione. Economie di scala e commercio internazionale. Economia Internazionale Corso di Laurea in Internazionalizzazione delle Imprese Economia Internazionale Corso di Laurea in Internazionalizzazione delle Imprese Lezione del 15/3/2005 Davide Castellani castellani@uniurb.it Introduzione Le teorie di Ricardo ed HO spiegano il commercio

Dettagli

I RISULTATI DELLE RICERCHE BOCCONI E XING PER ASSOLOMBARDA

I RISULTATI DELLE RICERCHE BOCCONI E XING PER ASSOLOMBARDA I RISULTATI DELLE RICERCHE BOCCONI E XING PER ASSOLOMBARDA Introduzione Milano capitale del lavoro, dell economia e della tecnologia innovativa è una metropoli che sa attrarre e integrare intelligenze,

Dettagli