Simulazione rigorosa su colonna - SCDS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Simulazione rigorosa su colonna - SCDS"

Transcript

1 Simulazione rigorosa su colonna - SCDS Esposizione del problema e principio di risoluzione: Una rettifica può essere rappresentata in modo realistico con una rigorosa simulazione su colonna. È possibile simulare miscele ideali e reali. Con un bilancio piatto per piatto avviene un calcolo dettagliato della colonna di rettifica che fornisce risultati precisi. In CHEMCAD sono disponibili due tipi di colonne rigorose: TOWR e SCDS. Di seguito viene presentata la colonna SCDS. In questo tutorial viene analizzata una miscela a tre componenti costituita da benzene, acetone e cicloesano. Questa miscela deve essere separata mediante rettifica per ottenere quindi benzene puro a circa il 99% molare. Inoltre si deve riottenere almeno il 99 % molare del benzene introdotto nel feed. Nella colonna viene data una miscela costituita dal 64% molare di acetone, 18% molare di benzene e cicloesano. La simulazione viene eseguita con una colonna SCDS in CHEMCAD. Figura 1: Diagramma di flusso colonna SCDS Seite1 von 16

2 Trasferimento della simulazione SCDS in CHEMCAD: La simulazione viene eseguita con CHEMCAD Steady State. Prima della simulazione devono essere selezionati i componenti e il modello termodinamico. Sotto "Thermophysical:Select Components" vengono selezionati i componenti benzene (CAS-Nr.: ) e acetone (CAS-Nr.: ) e cicloesano (CAS-Nr.: ). Il "wizard termodinamico" che si apre successivamente, propone un modello idoneo secondo la specifica della pressione e della temperatura. CHEMCAD consiglia per l'esempio indicato il modello di valore k (k-value Model) NRTL. Come modello di entalpia (Enthalpy Model) viene proposto LATE (Latent Heat). Questa selezione è una decisione preliminare del programma e dovrebbe essere sempre verificata dall'utente o definita con un albero di decisione ([3], Figure 8/9]. Dopo aver chiuso il wizard termodinamico si apre la finestra di NRTL Parameter (figura 2). Qui vengono elencati i parametri di interazione (BIP: Binary Interaction Parameter) di ogni possibile miscela a due componenti dei componenti precedentemente selezionati. Per l esempio indicato vengono elencate miscele a due componenti benzene/cicloesano e acetone/cicloesano. Mancano i dati per la miscela acetone/benzene. I dati NRTL mancanti devono essere forniti successivamente, in quanto altrimenti si suppone che il coefficiente di attività sia uno e avviene un calcolo ideale della rispettiva coppia di materiali [6, capitolo VLE]. I valori mancanti possono essere calcolati mediante UNIFAC e riportati successivamente. A tal fine vi sono tre opzioni diverse: UNIFAC VLE, UNIFAC LLE e modified UNIFAC. Figura 2: Finestra NRTL Parameter Set Per l esempio indicato vengono calcolati i dati mancanti mediante UNIFAC VLE e riportati successivamente. Se si ha una lacuna della miscela, è necessario selezionare UNIFAC LLE. Modified UNIFAC dovrebbe essere scelto per pressioni elevate e temperature elevate. Pagina 2 di 16

3 Prima di ogni simulazione è necessario analizzare il comportamento della miscela in maggior dettaglio per identificare possibili limiti della rettifica (es.: azeotropi, limiti di distillazione, lacune di miscibilità). Per identificare le lacune di miscibilità, si dovrebbe dapprima analizzare per ogni miscela binaria sotto Plot:TPXY il diagramma di equilibrio. Si stabilisce che non è presente alcuna lacuna di miscibilità. Una stima a grandi linee in riferimento alla miscibilità può essere effettuata anche attraverso la struttura molecolare. Se dovesse emergere una lacuna di miscibilità, si deve tuttavia scegliere sotto Global Phase Option (Thermodynamic Settings) l equilibrio vapore-liquido-liquido (opzione: Vapor/Liquid/Liquid/Solid). Sotto Plot: Residue Curves viene creata la curva residua (figura 3). Figura 3: Curva residua di una miscela a tre sostanze benzene, acetone e cicloesano La curva residua fornisce informazioni sugli azeotropi presenti e sui punti di ebollizione di questi e dei componenti puri. Nella figura 3 si può vedere che nella miscela a tre componenti vi sono due azeotropi e quindi sono riconoscibili i possibili limiti di distillazione. Nell esempio analizzato tra gli azeotropi binari si trova un limite di distillazione che non può essere superato con una rettifica. In seguito si formano due aree di distillazione, nelle quali possono essere ottenuti diversi prodotti di coda in funzione della composizione del feed. Il feed fornito (punto rosso) si trova nell area destra di distillazione. In quest area il bassobollente è l azeotropo costituito da cicloesano e acetone con una temperatura di ebollizione di 53,85 C. L azeotropo viene atteso come prodotto di testa. Il benzene è l altobollente (temperatura di ebollizione di 80,09 C) e viene estratto come prodotto di coda. Con la curva residua è possibile già a priori stimare il prodotto di testa e di coda e quindi scegliere parametri di rettifica sensati. Pagina 3 di 16

4 Tabella 1: Dati rilevanti per la simulazione Unità Componenti Termodinamica Flussi di feed SI Benzene Acetone Cicloesano Unit Operation K: NRTL, H: LATE 1 colonna SCDS 1 flusso di feed 2 flussi di prodotti Nel diagramma di flusso viene aggiunta la UnitOp (Unit Operation) per la colonna SCDS e questa viene dotata di un flusso di feed e di due flussi di prodotto. Il flusso di feed viene impostato liquido e in ebollizione con i dati indicati nella tabella 1 (figura 4). Figura 4: Finestra di impostazione feed Pagina 4 di 16

5 Come passo successivo viene inizializzata la colonna di rettifica. Sono necessari, oltre al numero di stadi e il piatto di alimentazione, anche i parametri di rettifica. Generalmente, all inizio il numero di stadi e il piatto di alimentazione non sono noti ma devono essere stimati in questa sede. Nel decorso successivo possono essere ottimizzati tramite un Sensitivity Study. In questo esempio viene preimpostato un numero di stadi di 30 e il piatto di alimentazione deve trovarsi alla metà, N=14 (figura 5). In CHEMCAD il condensatore e l'evaporatore contano di volta in volta come stadio indipendente. Si conta a scendere dalla testa verso la coda. Figura 5: Finestra di impostazione colonna SCDS Sulla base della curva residua è stato già stabilito che cosa attendersi per un prodotto di testa o di coda. Per verificare questa supposizione, è consigliabile dapprima simulare la colonna con riflusso infinito e valutare il comportamento della colonna di rettifica. Tra le specifiche viene posto come criterio di testa il rapporto di riflusso pari a Come criterio di coda viene scelto il flusso massico. A causa del rapporto di riflusso infinito, vengono estratti 1000 kg/h sul fondo. L impostazione del rapporto di riflusso sulla testa e di un flusso massico di coda in uscita sono le condizioni standard, con le quali si dovrebbe analizzare il comportamento di una colonna. In figura 6 sono mostrate le impostazioni. Pagina 5 di 16

6 Figura 6: Impostazioni della colonna di rettifica con riflusso infinito La colonna SCDS dovrebbe convergere per le impostazioni selezionate. Sotto Format: Add Stream Box è possibile far produrre da parte del programma una tabella di valori con le caratteristiche dei flussi (figura 7). Figura 7: Tabella dei valori dei flussi con rapporto di riflusso infinito Si può riconoscere che, come atteso, la testa (distillato) della colonna imposta l azeotropo. La frazione di benzene nella testa è assai bassa e viene quindi posta pari a zero. Poiché sulla testa non viene rimosso alcun prodotto, la composizione della coda (Bottom) è uguale alla composizione del feed. I risultati attesi che erano visibili già dalla curva residua, vengono confermati. Pagina 6 di 16

7 Nella fase successiva viene eseguita la simulazione con i parametri di rettifica desiderati. L obiettivo è ottenere un benzene quasi puro con il 99% molare e questo con una percentuale di recupero del 99%. Figura 8: Impostazione della colonna di rettifica per i criteri desiderati Per il criterio di coda viene indicata la frazione molare richiesta del benzene (bottom component mole fraction). Il 99% del benzene deve essere recuperato. In testa viene posta la percentuale di recupero (distillate component fraction recovery) del benzene pari all 1% (figura 8). La simulazione viene riavviata e i risultati presentati nella Streambox e nella UnitOpBox (figura 9). Si può riconoscere che viene raggiunta la purezza desiderata nella coda e più del 99% del benzene usato viene rimosso. In testa viene rimossa la miscela azeotropica. Con i parametri di rettifica indicati si calcolano un rapporto di riflusso di 3,26 e una potenza dell'evaporatore di 1595,77 MJ/h. Pagina 7 di 16

8 Figura 9: Caratteristiche dei flussi e della colonna dopo la simulazione Il numero di stadi e il piatto di alimentazione vengono stimati all'inizio. Tramite un Sensitivity Study è possibile calcolare il numero di stadi ottimale e il piatto di alimentazione ottimale. Per calcolare il numero di stadi ottimale viene riportata la potenza dell evaporatore rispetto al numero di stadi e individuato un minimo. Il numero di stadi viene variato da 5 a 50 calcolando per ogni stadio la potenza dell evaporatore (figura 10). Pagina 8 di 16

9 Figura 10: Impostazioni del Sensitivity Study per il numero di stadi ottimale Dopo l esecuzione del Sensitivity Study è possibile riportare i dati in un diagramma. Nella figura 11 è riportata la potenza dell evaporatore rispetto al numero di stadi. Tra gli stadi 5 e 16 si evidenziano problemi di convergenza. Dallo stadio 24 la potenza dell evaporatore assume un minimo costante. Figura 11: Influsso del numero di stadi sulla potenza dell evaporatore (Sensitivtiy Study 1) Pagina 9 di 16

10 Nelle caratteristiche della colonna il numero di stadi viene modificato ad essere pari a 24 e la simulazione viene riavviata. Come passo successivo viene stabilito il piatto di alimentazione ottimale. A tal fine viene creato un secondo Sensitivity Study. Il piatto di alimentazione cambia con l altezza della colonna e si analizza l influsso sul rapporto di riflusso. Come variabile viene scelto il piatto di alimentazione che varia dallo stadio 4 al 20. Come variabile dipendente viene impostato il rapporto di riflusso che viene calcolato per ogni stadio. In figura 12 è mostrata la relazione. Figura 12: Influsso dello stadio di alimentazione sul rapporto di riflusso È possibile riconoscere che il rapporto di riflusso assume un minimo intorno al numero di stadio 10. Minore è il rapporto di riflusso, minore è anche il consumo energetico della colonna. Per questo motivo l alimentazione del feed avviene allo stadio 10. Le impostazioni della colonna vengono riadattate e la simulazione avviata. È consigliabile verificare l entità dell influsso dello stadio di alimentazione sullo stadio di equilibrio all interno della colonna. Sotto Plot: UnitOp Plots: Column Profils è possibile tracciare l andamento della temperatura rispetto agli stadi (figura 13). Pagina 10 di 16

11 Figura 13: Andamento della temperatura all interno della colonna Allo stadio 10 si può riconoscere che lo stadio del piatto di alimentazione con la composizione del feed, ha un influsso ridotto sul profilo della temperatura all'interno della colonna. Lo stadio del feed viene quindi considerato ottimale. Pagina 11 di 16

12 Nella tabella 2 viene riassunta ancora una volta la procedura per inizializzare una colonna di rettifica rigorosa (colonna SCDS). Tabella 2: Riepilogo simulazione di una colonna SCDS Fasi di lavoro -Selezionare i componenti e il modello termodinamico [Thermophysical [Select Components]& [Themodynamics Wizard] -Tracciare la curva residua [Plot] [ResidueCurve] -Realizzazione del diagramma di flusso -Supposizione: numero di stadi e piatto di alimentazione -Impostazione di un rapporto di riflusso infinito ed estrazione completa sul fondo -Impostazione dei parametri di rettifica -Ottimizzare il numero di stadi con un Sensitivity Study [Run] [Sensitivity] -Determinazione del piatto di alimentazione con un Sensitivity Study [Run] [Sensitivity] Utilità/ Informazioni -Impostazione delle basi di calcolo -La scelta del modello termodinamico ha un influsso sostanziale sul calcolo -Visualizzazione di possibili azeotropi e limiti di distillazione -Determinazione del prodotto di testa e di coda atteso -Analizzare il comportamento della colonna -Calcolo della concentrazione di testa attesa -se il parametro di rettifica è ad esempio un azeotropo, è sensata una successiva approssimazione -sotto Convergence nella finestra di impostazione della colonna, è possibile usare l opzione Reload Column Profile per facilitare la successiva approssimazione -Ottimizzazione del numero di stadi con determinazione dell interazione tra la potenza dell evaporatore e il numero di stadi -Numero di stadi ottimale dal punto di vista economico a fronte di una potenza minima dell evaporatore -Determinazione della posizione del piatto di alimentazione calcolando la correlazione tra rapporto di riflusso e piatto di alimentazione -Piatto di alimentazione ottimale dal punto di vista economico a fronte di un rapporto di riflusso minimo Pagina 12 di 16

13 Valutazione Una rappresentazione delle caratteristiche dei flussi e della colonna è riportata in Format: Add Stream Box und Add UnitOp Box (figura 14). Figura 14: Risultati dopo la simulazione della colonna rigorosa Si può riconoscere che in testa viene separato l azeotropo formato da cicloesano e acetone. Il benzene viene prelevato solo in quantità molto ridotte. Sul fondo si ottiene benzene quasi puro. Dai risultati emerge che la potenza dell evaporatore poteva essere ridotta a 1355,03 MJ/h. Anche il rapporto di riflusso poteva essere ridotto a 2,58. Pagina 13 di 16

14 Basi di processo In questo tutorial viene analizzata la simulazione della colonna rigorosa SCDS in CHEMCAD. Nel calcolo delle colonne rigorose non vengono effettuate semplificazioni, come nel metodo Shortcut. Ogni piatto della colonna viene bilanciato singolarmente, per cui si crea un sistema di equazioni complesso che deve essere risolto con algoritmi numerici. La simulazione di colonna rigorosa è dispendiosa in termini di calcoli rispetto al metodo Shortcut, ma offre risultati chiaramente più precisi e meglio rispondenti alla realtà. Con la colonna Shortcut è possibile rappresentare in modo approssimativamente rapido le miscele ideali. Il problema tuttavia, è che tale metodo è inutilizzabile per le miscele non ideali, come ad esempio le miscele azeotropiche, in quanto non rispecchia la realtà nel calcolo a causa delle forti semplificazioni. Per questo motivo per le miscele non ideali viene utilizzata la simulazione rigorosa. La colonna SCDS è una delle colonne rigorose, utilizzabile in CHEMCAD. SCDS sta per Simultaneous Correction Distillation System. È un modello di colonna molto versatile che si adatta a tutti i processi di rettifica. Nel calcolo della colonna SCDS rigorosa, per ogni piatto di colonna si suppone uno stato stazionario tra la fase liquido-vapore o la fase liquido-liquido. Si considerano le seguenti supposizioni: 1) ogni piatto di colonna viene definito come area di bilancio in cui si imposta l equilibrio di fase. 2) non si verificano reazioni chimiche. 3) l'assorbimento di gocce di liquido nella fase gas e l inclusione delle bolle di gas nella fase liquida non vengono tenuti in considerazione. In figura 15 è mostrata l area di bilancio di uno stadio. con : flusso di vapore : flusso di liquido Stadio j Feed Figura 15: Area di bilancio semplificata di uno stadio all interno della colonna Pagina 14 di 16

15 Per quest area di bilancio vengono riassunte secondo il metodo MESH le equazioni di bilancio necessarie, rilevanti per la progettazione. MESH sta per Material balance (bilancio di materiale), Equilibrium (equilibrio), Summation condition (condizioni di somma) e Heat balance (bilancio termico). Per ogni piatto di colonna si ha quindi un complesso sistema di equazioni. Il calcolo matematico è molto dispendioso e per la soluzione sono necessari algoritmi di convergenza. Nella letteratura è disponibile un ampia scelta di proposte risolutive iterative per risolvere questi sistemi di equazioni algebriche non lineari. Algoritmi risolutivi generali che non hanno alcuna limitazione e sono sempre applicabili, sono il metodo Simultaneous Correction e il metodo Inside-Out. Essi possono essere applicati per tutti i tipi di colonne e tutte le composizioni del feed. Entrambi gli algoritmi vengono usati in CHEMCAD. Con il metodo Simultaneous Correction (SC) tutte le equazioni MESH e anche le loro combinazioni vengono risolte contemporaneamente con l ausilio del metodo iterativo di Newton-Raphson. Altre possibili applicazioni di SCDS sono: Simulazione di colonna con impaccamenti Simulazione di colonna con piatti speciali Processi di adsorbimento o assorbimento Pagina 15 di 16

16 La presente simulazione è stata creata in CHEMCAD Per ricevere ulteriori informazioni su tutorial, seminari o soluzioni inerenti CHEMCAD consultate il sito web. Oppure inviare una mail all'indirizzo: oppure telefonare al numero : +49 (0) Autori: Lisa Weise Fonti: [1] Kister, Henry Z.: Distillation design. McGraw-Hill, 1992 [2] Gmehling, Jürgen: Kolbe, Bärbel: Kleiber, Micheal: Rarey, Jürgen: Chemical Thermodynamics for Process Simulation. Wiley-VCH Verlag, 2012 [3] Edwards, John: Process Modeling Selection of Thermodynamic Methods [4] Schmidt, Wolfgang: USER NRTL BIPS, 2011 [5] Sattler, Klaus: Thermische Trennverfahren: Grundlagen, Auslegung, Apparate. Wiley-VCH Verlag, S [6] CHEMCAD Hilfe [7] Seader; Siirola; Barnicki: Perry's Chemical Engineers' Handbook, Section 13 Distillation, 7th edition.mcgraw-hill, New York, (1997) [8] Kontogeorgis, Folas: Thermodynamic Models for Industrial Apllications, Wiley-VCH Verlag, 2010 Pagina 16 di 16

Simulazione di scambiatore di calore

Simulazione di scambiatore di calore Simulazione di scambiatore di calore Presentazione del problema In questo tutorial viene mostrata la simulazione di uno scambiatore di calore ricorrendo a un esempio. L acqua (1,5 bar, 20 m³/h) deve essere

Dettagli

Studio concettuale del processo di distillazione per le miscele ternarie

Studio concettuale del processo di distillazione per le miscele ternarie Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Chimica Studio concettuale del processo di distillazione per le miscele ternarie Relatore Prof. Nader Jand Studente

Dettagli

Struttura generale di un processo chimico

Struttura generale di un processo chimico 1. Introduzione Struttura generale di un processo chimico Preparazione delle materie prime Reazione Purificazione dei prodotti Operazioni Unitarie: - Riscaldamento - ComminuzioneSize reduction - Miscelazione

Dettagli

Operazioni Unitarie della Tecnologia Alimentare

Operazioni Unitarie della Tecnologia Alimentare Docente Dott.ssa Teresa De Pilli Tel. 0881/589245 e-mail e t.depilli@unifg.it Corso di Operazioni Unitarie della Tecnologia Alimentare DISTILLAZIONE La distillazione è l operazione unitaria che permette

Dettagli

Evaporazione e Distillazione

Evaporazione e Distillazione Principi Chimico-Fisici alla base degli Impianti Industriali Chimici Evaporazione e Distillazione Appunti di lezione Indice Evaporazione 2 Equilibrio liquido-vapore. Equazione di Clapeyron 2 Regola di

Dettagli

IC18DV/92 /C - Impianto Distillazione Multifunzionale Computerizzato

IC18DV/92 /C - Impianto Distillazione Multifunzionale Computerizzato CHIMICA INDUSTRIALE IC18DV/92/C - Impianto Distillazione Multifunzionale Computerizzato - Cod. 991210 IC18DV/92 /C - Impianto Distillazione Multifunzionale Computerizzato DIDACTA Italia S.r.l. - Strada

Dettagli

Temi per la prova orale di Fisica Tecnica 2014-2015

Temi per la prova orale di Fisica Tecnica 2014-2015 I temi elencati nel seguito vogliono essere una guida alla preparazione della prova orale dell esame di Fisica Tecnica cosicché gli allievi possano raggiungere una preparazione completa sugli argomenti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA TESI DI LAUREA IN INGEGNERIA CHIMICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA TESI DI LAUREA IN INGEGNERIA CHIMICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Principi e Impianti di Ingegneria Chimica I. Sorgato TESI DI LAUREA IN INGEGNERIA CHIMICA (Laurea Triennale DM 509/99) RECUPERO DI

Dettagli

GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG

GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG Il ciclo frigorifero Esempio di ciclo frigorifero ad assorbimento con generatore a fiamma diretta Il principio di funzionamento /informazioni utili La termodinamica

Dettagli

Il trasporto di materia. Principi di Ingegneria Chimica Ambientale

Il trasporto di materia. Principi di Ingegneria Chimica Ambientale Il trasporto di materia Principi di Ingegneria Chimica Ambientale 1 Considerazioni preliminari Il nostro studio sarà limitato a: miscele binarie miscele diluite (ossia in cui la frazione molare di uno

Dettagli

EQUILIBRI ETEROGENEI

EQUILIBRI ETEROGENEI EQUILIBRI ETEROGENEI Finora abbiamo implicitamente considerato di aver a che fare con equilibri omogenei gassosi. I sistemi eterogenei, ovvero costituiti da più di una fase, sono coinvolti in una grande

Dettagli

3 Dimensionamento dell essiccatore

3 Dimensionamento dell essiccatore 3 Dimensionamento dell essiccatore Il progetto termodinamico dell essiccatore porta oltre che alla definizione dei parametri termodinamici di esercizio, anche alla parallela definizione delle dimensioni

Dettagli

I DIAGRAMMA DI MOLLIER E TABELLE DEL VAPOR D'ACQUA

I DIAGRAMMA DI MOLLIER E TABELLE DEL VAPOR D'ACQUA I DIAGRAMMA DI MOLLIER E TABELLE DEL VAPOR D'ACQUA DIAGRAMMA DI MOLLIER DEL VAPORE D'ACQUA RAPPRESENTA I VALORI DELLE VARIABILI TERMODINAMICHE DEL VAPOR D'ACQUA IN UN PIANO h (ASSE Y) / s (ASSE X) h =

Dettagli

Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro

Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro Gli stati di aggregazione della materia sono tre: solido, liquido e gassoso, e sono caratterizzati dalle seguenti grandezze: Quantità --->

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

I QUADERNI DEL FREDDO Materiale Didattico per il Conseguimento del Patentino per il Trattamento dei Gas Effetto Serra

I QUADERNI DEL FREDDO Materiale Didattico per il Conseguimento del Patentino per il Trattamento dei Gas Effetto Serra Materiale Didattico per il Conseguimento del Patentino per il Trattamento dei Gas Effetto Serra Parte 1 I Processi di Refrigerazione Chiariamo i concetti di base La refrigerazione è un aspetto particolare

Dettagli

PINCH TECHNOLOGY. Il target può essere: minima area degli scambiatori minimo consumo di energia minimo costo annuo totale

PINCH TECHNOLOGY. Il target può essere: minima area degli scambiatori minimo consumo di energia minimo costo annuo totale PINCH TECHNOLOGY Obiettivo => ottimizzare i flussi energetici nel sistema i.e. trovare la migliore disposizione degli scambiatori di calore (energia) necessari per ottenere le temperature finali richieste.

Dettagli

Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti.

Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti. Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti. Solvente (componente presente in maggior quantità) SOLUZIONE Soluti

Dettagli

BILANCI DI ENERGIA. Capitolo 2 pag 70

BILANCI DI ENERGIA. Capitolo 2 pag 70 BILANCI DI ENERGIA Capitolo 2 pag 70 BILANCI DI ENERGIA Le energie in gioco sono di vario tipo: energia associata ai flussi entranti e uscenti (potenziale, cinetica, interna), Calore scambiato con l ambiente,

Dettagli

Università telematica Guglielmo Marconi. Chimica

Università telematica Guglielmo Marconi. Chimica Università telematica Guglielmo Marconi Chimica 1 Termodinamica 1 Argomenti Nell unità didattica dedicata alla termodinamica verranno affrontati i seguenti argomenti: L energia interna di un sistema Le

Dettagli

Sistemi ad adsorbimento

Sistemi ad adsorbimento Sistemi ad adsorbimento Il ciclo in oggetto impiega un solido capace di adsorbire su uno strato superficiale il fluido frigorigeno. Sostanze che presentano tali caratteristiche sono ad esempio zeolite

Dettagli

Chimica. Ingegneria Meccanica, Elettrica e Civile Simulazione d'esame

Chimica. Ingegneria Meccanica, Elettrica e Civile Simulazione d'esame Viene qui riportata la prova scritta di simulazione dell'esame di Chimica (per meccanici, elettrici e civili) proposta agli studenti alla fine di ogni tutoraggio di Chimica. Si allega inoltre un estratto

Dettagli

POMPA DI CALORE CICLO FRIGORIFERO A COMPRESSIONE DI VAPORE

POMPA DI CALORE CICLO FRIGORIFERO A COMPRESSIONE DI VAPORE POMPA DI CALORE CONDENSATORE = + L T = + L C ORGANO DI ESPANSIONE LIQUIDO COMPRESSORE T COND. E D T 1 VAPORE T EVAP. A B T 2 Schema a blocchi di una macchina frigorifera EVAPORATORE Dal punto di vista

Dettagli

Advertorial. Tramite distillazione molecolare e a film sottile. Tecniche di separazione

Advertorial. Tramite distillazione molecolare e a film sottile. Tecniche di separazione Gli impianti VTA vengono impiegati per la purificazione, la concentrazione, la rimozione dei residui di solventi, la decolorazione e l essiccazione di prodotti in diversi settori industriali: chimico,

Dettagli

Al Prof. Mario Beccari, professore ordinario di Impianti Chimici, va il mio ringraziamento per aver elaborato gli argomenti riportati qui.

Al Prof. Mario Beccari, professore ordinario di Impianti Chimici, va il mio ringraziamento per aver elaborato gli argomenti riportati qui. Al Prof. Mario Beccari, professore ordinario di Impianti Chimici, va il mio ringraziamento per aver elaborato gli argomenti riportati qui. Nota per gli studenti. Sono stati usati simboli diversi da quelli

Dettagli

FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria

FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria Katia Gallucci Spesso è necessario variare il contenuto di vapore presente in una corrente gassosa. Lo studio di come si possono realizzare queste variazioni

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

an environmental high tech shuttle structure

an environmental high tech shuttle structure an environmental high tech shuttle structure Sereco Biotest S.n.c. di Luca Poletti Tel. +39-75-5837549 /335 7029166 /335 387068 Fax +39-75-5835084 C.F. / P.IVA 00289900540 Via C. BALBO,7 06121 PERUGIA

Dettagli

RICHIAMI DI TERMOCHIMICA

RICHIAMI DI TERMOCHIMICA CAPITOLO 5 RICHIAMI DI TERMOCHIMICA ARIA TEORICA DI COMBUSTIONE Una reazione di combustione risulta completa se il combustibile ha ossigeno sufficiente per ossidarsi completamente. Si ha combustione completa

Dettagli

2014 2015 CCS - Biologia CCS - Fisica I gas e loro proprietà. I liquidi e loro proprietà

2014 2015 CCS - Biologia CCS - Fisica I gas e loro proprietà. I liquidi e loro proprietà 2014 2015 CCS - Biologia CCS - Fisica I gas e loro proprietà 1 I liquidi e loro proprietà 2 Proprietà Generali dei Gas I gas possono essere espansi all infinito. I gas occupano i loro contenitori uniformemente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi)

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi) DISCIPLINA: IMPIANTI TERMOTECNICI A.S. 2012-2013 di dipartimento individuale del/i docente/i...... per la/e classe/i 5^ TSE 1) PREREQUISITI Avere acquisito gli obiettivi dichiarati per il corso della stessa

Dettagli

FACOLTÀ DI INGEGNERIA. 2. Exergia. Roberto Lensi

FACOLTÀ DI INGEGNERIA. 2. Exergia. Roberto Lensi Roberto Lensi 2. Exergia Pag. 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA 2. Exergia Roberto Lensi DIPARTIMENTO DI ENERGETICA Anno Accademico 2002-03 Roberto Lensi 2. Exergia Pag. 2 REVERSIBILITÀ

Dettagli

Leggi dei gas. PV = n RT SISTEMI DI PARTICELLE NON INTERAGENTI. perché le forze tra le molecole sono differenti. Gas perfetti o gas ideali

Leggi dei gas. PV = n RT SISTEMI DI PARTICELLE NON INTERAGENTI. perché le forze tra le molecole sono differenti. Gas perfetti o gas ideali Perché nelle stesse condizioni di temperatura e pressione sostanze differenti possono trovarsi in stati di aggregazione differenti? perché le forze tra le molecole sono differenti Da che cosa hanno origine

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DI DIPARTIMENTO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DI DIPARTIMENTO ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE ALESSANDRO ROSSI - VICENZA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DI DIPARTIMENTO ANNO SCOLASTICO 2014-15 VICENZA 10/10/2014 CLASSE 5 ACH DIPARTIMENTO DI CHIMICA DIPARTIMENTO

Dettagli

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2 46 Tonzig La fisica del calore o 6 R/2 rispettivamente per i gas a molecola monoatomica, biatomica e pluriatomica. Per un gas perfetto, il calore molare a pressione costante si ottiene dal precedente aggiungendo

Dettagli

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA CLASSE A Velocità - Equilibrio - Energia Regionali 2010 36. Se il valore della costante di equilibrio di una reazione chimica diminuisce al crescere della temperatura,

Dettagli

CORSO%DI%% FISICA%TECNICA%1% A.A.%201322014% Sezione%03c%

CORSO%DI%% FISICA%TECNICA%1% A.A.%201322014% Sezione%03c% 1 FISICA TECNICA 1 CORSO%DI%% FISICA%TECNICA%1% A.A.%201322014% Sezione%03c%!! Prof. Ing. Sergio Montelpare! Dipartimento INGEO! Università G. d Annunzio Chieti-Pescara" Termodinamica dell aria umida"

Dettagli

Soluzione di equazioni quadratiche

Soluzione di equazioni quadratiche Soluzione di equazioni quadratiche Soluzione sulla Retta Algebrica Inseriamo sulla Retta Algebrica le seguenti espressioni polinomiali x e x 3 e cerchiamo di individuare i valori di x per i quali i punti

Dettagli

DISTILLAZIONE: PREMESSE

DISTILLAZIONE: PREMESSE DISTILLAZIONE: PREMESSE PROCESSO DI ELEZIONE NELLA PREPARAZIONE DI ACQUA PER PREPARAZIONI INIETTABILI PROCESSO GENERALMENTE APPLICATO COME STADIO FINALE DI PURIFICAZIONE AD UN ACQUA GIA TRATTATA IL TIPO

Dettagli

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi:

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi: LA COGENERAZIONE TERMICA ED ELETTRICA 1. Introduzione 2. Turbine a Gas 3. Turbine a vapore a ciclo combinato 4. Motori alternativi 5. Confronto tra le diverse soluzioni 6. Benefici ambientali 7. Vantaggi

Dettagli

Tecnologie avanzate e modelli matematici a garanzia della sicurezza equivalente negli edifici storici

Tecnologie avanzate e modelli matematici a garanzia della sicurezza equivalente negli edifici storici Tecnologie avanzate e modelli matematici a garanzia della sicurezza equivalente negli edifici storici Due sono le esigenze che la relazione tenterà di conciliare: da un lato l obbligo di garantire la protezione

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA MODELLAZIONE ENERGETICA IN REGIME DINAMICO

INTRODUZIONE ALLA MODELLAZIONE ENERGETICA IN REGIME DINAMICO Dipartimento di Ingegneria Industriale MODELLAZIONE ENERGETICA IN REGIME DINAMICO La parola ai software Verona - 9 ottobre 2013 INTRODUZIONE ALLA MODELLAZIONE ENERGETICA IN REGIME DINAMICO Roberto Zecchin

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, EDILE E AMBIENTALE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, EDILE E AMBIENTALE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, EDILE E AMBIENTALE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL

Dettagli

Applicazioni della Termochimica: Combustioni

Applicazioni della Termochimica: Combustioni CHIMICA APPLICATA Applicazioni della Termochimica: Combustioni Combustioni Il comburente più comune è l ossigeno dell aria Aria secca:! 78% N 2 21% O 2 1% gas rari Combustioni Parametri importanti:! 1.Potere

Dettagli

Strumenti per la misura dell umidità

Strumenti per la misura dell umidità Lezione XVIII - /04/00 ora 8:0-0:0 - Misure igrometrice; esercizio miscele aria-vapore; condizionatore d'aria - Originale di Cammi ndrea. Strumenti per la misura dell umidità ) Igrometro a capello Figura

Dettagli

Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X

Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X ESERCITAZIONI DI CHIMICA FISICA A.A 2010/2011 I MODULO 6 crediti (Anna Corrias) Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X Analisi Termica Cenni teorici Descrizione esperienze di laboratorio

Dettagli

La raffinazione del petrolio

La raffinazione del petrolio La raffinazione del petrolio Approfondimento sulla distillazione per la I^ Itis Prof. Maurizi Franco Itis Einstein Roma ( foto ed immagini reperiti da internet, eventuali detentori di diritti sono pregati

Dettagli

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

Impianti motori termici

Impianti motori termici Impianti motori termici Classificazione: impianto motore termico con turbina a vapore il fluido evolvente nell impianto è acqua in diversi stati di aggregazione impianto motore termico con turbina a gas

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN. PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA: FISICA CLASSI: TERZE CORSO: LICEO SCIENTIFICO AS 2014-2015 Linee generali dell insegnamento della fisica nel liceo scientifico, da indicazioni ministeriali In particolare

Dettagli

ESSICCAZIONE E COTTURA DI PIASTRELLE CERAMICHE

ESSICCAZIONE E COTTURA DI PIASTRELLE CERAMICHE ESSICCAZIONE E COTTURA DI PIASTRELLE CERAMICHE Indice Premessa Nota degli autori PARTE PRIMA ESSICCAZIONE E COTTURA: NOZIONI FONDAMENTALI Capitolo 1. INTRODUZIONE Capitolo 2. IL CALORE 1. I principali

Dettagli

X Figura 1. Ciclo termodinamico. >0 il calore assorbito e con Q 1 (3)

X Figura 1. Ciclo termodinamico. >0 il calore assorbito e con Q 1 (3) CICLI TERMODINAMICI Un ciclo termodinamico è un insieme di trasformazioni tali che lo stato iniziale del sistema coincide con lo stato finale. Un ciclo termodinamico è indivaduato nel diagramma XY generico

Dettagli

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco DIPARIMENTO DEI VIGLI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVULE Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile,

Dettagli

La combustione ed i combustibili

La combustione ed i combustibili La combustione ed i combustibili Concetti di base Potere calorifico Aria teorica di combustione Fumi: volume e composizione Temperatura teorica di combustione Perdita al camino Combustibili Gassosi Solidi

Dettagli

> SVILUPPO SOFTWARE PER IL CALCOLO IMPIANTI DI POTENZA

> SVILUPPO SOFTWARE PER IL CALCOLO IMPIANTI DI POTENZA Località Piacenza Doc. n. R 4.1/1 CONSORZIO LEAP Laboratorio Energia Ambiente Piacenza Progetto ECATE Rev. 0 Progetto E.C.A.T.E. Efficienza e Compatibilità Ambientale delle Tecnologie Energetiche > SVILUPPO

Dettagli

RELAZIONE FINALE II ANNO

RELAZIONE FINALE II ANNO RELAZIONE FINALE II ANNO Dottorato in Ingegneria delle Macchine (DRIMA) XXIII Ciclo Politecnico Di Bari Fabio De Bellis Relatore: Prof. L.A. Catalano Simulazione CFD ed ottimizzazione di turbine eoliche

Dettagli

I fosfolipidi. Figura 3: tipica struttura di un fosfolipide. Schema 1. Struttura del fosfolipide POPE.

I fosfolipidi. Figura 3: tipica struttura di un fosfolipide. Schema 1. Struttura del fosfolipide POPE. Proprietà chimico-fisiche di modelli di sistemi biologici Materiale didattico per lo stage presso il laboratorio NanoBioLab Abstract L attività è basata sull utilizzo di tecniche sperimentali avanzate

Dettagli

LABORATORIO DI ANALISI DEI SISTEMI

LABORATORIO DI ANALISI DEI SISTEMI LABORATORIO DI ANALISI DEI SISTEMI Si utilizzerà, come strumento di lavoro, un foglio elettronico, il più diffuso Excel o anche quello gratuito di OpenOffice (www.openoffice.org). Tale scelta, pur non

Dettagli

Schemi di sistemi di controllo. Davide Manca Strumentazione e Controllo di Impianti Chimici Politecnico di Milano

Schemi di sistemi di controllo. Davide Manca Strumentazione e Controllo di Impianti Chimici Politecnico di Milano L8 Schemi di sistemi di controllo Davide Manca Strumentazione e Controllo di Impianti Chimici Politecnico di Milano L8 Controllo di singole apparecchiature Come discusso nelle lezioni precedenti, si rammenta

Dettagli

IL RECUPERO DI SOLVENTI E ALTRI CHEMICALS NEL CICLO ENERGETICO

IL RECUPERO DI SOLVENTI E ALTRI CHEMICALS NEL CICLO ENERGETICO IL RECUPERO DI SOLVENTI E ALTRI CHEMICALS NEL CICLO ENERGETICO 1 a CONFERENZA NAZIONALE SU CHIMICA ED ENERGIA Milano, 19 Ottobre 2010 A cura: ING. ANGELO FORESTAN FORTOM CHIMICA Srl RACCOLTA, TRASPORTO,

Dettagli

Capitolo 3 Flussaggio Stazionario di una Valvola Formula 1

Capitolo 3 Flussaggio Stazionario di una Valvola Formula 1 Capitolo 3 Flussaggio Stazionario di una Valvola Formula 1 3.1 Introduzione al problema In questa simulazione si vuole verificare il comportamento del fluido nel passaggio attraverso una valvola motoristica

Dettagli

Sistemi di separazione per miscugli omogenei

Sistemi di separazione per miscugli omogenei Sistemi di separazione per miscugli omogenei I sistemi di separazione per i miscugli omogenei riguardano principalmente la distillazione in tutte le varie declinazioni, la separazione mediante cromatografia

Dettagli

FUNZIONALITÀ DI REPORTISTICA DEL PROGRAMMA Gestione Negozi Benetton

FUNZIONALITÀ DI REPORTISTICA DEL PROGRAMMA Gestione Negozi Benetton FUNZIONALITÀ DI REPORTISTICA DEL PROGRAMMA Gestione Negozi Benetton SOMMARIO CENNI GENERALI... 3 STAMPA ORDINI... 18 STAMPA PACKING LIST... 21 STAMPA SCONTRINI... 24 STAMPA ARTICOLI VENDUTI... 30 STAMPA

Dettagli

Electrical motor Test-bed

Electrical motor Test-bed EM_Test_bed Page 1 of 10 Electrical motor Test-bed 1. INTERFACCIA SIMULINK... 2 1.1. GUI CRUSCOTTO BANCO MOTORE... 2 1.2. GUIDE... 3 1.3. GUI PARAMETRI MOTORE... 3 1.4. GUI VISUALIZZAZIONE MODELLO 3D MOTORE...

Dettagli

PROPRIETÀ DEI FLUIDI TECNICI

PROPRIETÀ DEI FLUIDI TECNICI Materiale didattico di supporto al corso di COMPLEMENTI DI MACCHINE PROPRIETÀ DEI FLUIDI TECNICI ultimo aggiornamento: 9 ottobre 2012 Michele Manno Dipartimento di Ingegneria Industriale Università degli

Dettagli

IL CICLO FRIGORIFERO. Ing. Giancarlo Sormani

IL CICLO FRIGORIFERO. Ing. Giancarlo Sormani C A P I T O L O 9 IL CICLO FRIGORIFERO Ing. Giancarlo Sormani CAPITOLO 9 Introduzione: Per alcuni processi tipici del condizionamento dell aria (raffreddamento e deumidificazione), nonchè per applicazioni

Dettagli

L E L E G G I D E I G A S P A R T E I

L E L E G G I D E I G A S P A R T E I L E L E G G I D E I G A S P A R T E I Variabili di stato Equazioni di stato Legge di Boyle Pressione, temperatura, scale termometriche Leggi di Charles/Gay-Lussac Dispense di Chimica Fisica per Biotecnologie

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

I PROBLEMI ALGEBRICI

I PROBLEMI ALGEBRICI I PROBLEMI ALGEBRICI La risoluzione di problemi è una delle attività fondamentali della matematica. Una grande quantità di problemi è risolubile mediante un modello algebrico costituito da equazioni e

Dettagli

Sistemi di separazione di miscele omogenee

Sistemi di separazione di miscele omogenee Sistemi di separazione di miscele omogenee Sistemi di separazione di miscele omogenee I sistemi di separazione delle miscele omogenee riguardano la separazione di un soluto da un solvente (come nel caso

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

MIGLIORAMENTO DI UN PROCESSO DI SMALTATURA MEDIANTE L APPLICAZIONE DI TECNICHE DOE

MIGLIORAMENTO DI UN PROCESSO DI SMALTATURA MEDIANTE L APPLICAZIONE DI TECNICHE DOE PRESENTATO AL CONVEGNO AIAS ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L ANALISI DELLE SOLLECITAZIONI XXXVII CONVEGNO NAZIONALE, 10-13 SETTEMBRE 2008, UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA MIGLIORAMENTO DI UN PROCESSO DI SMALTATURA

Dettagli

È una grandezza fisica FONDAMENTALE, SCALARE UNITÀ DI MISURA NEL S.I. : K (KELVIN)

È una grandezza fisica FONDAMENTALE, SCALARE UNITÀ DI MISURA NEL S.I. : K (KELVIN) È una grandezza fisica FONDAMENTALE, SCALARE UNITÀ DI MISURA NEL S.I. : K (KELVIN) È STRETTAMENTE LEGATA ALLA VELOCITÀ DI VIBRAZIONE DELLE MOLECOLE IN UN CORPO: SE LA TEMPERATURA DI UN CORPO AUMENTA LE

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

La Densità dei Liquidi

La Densità dei Liquidi La Densità dei Liquidi A) Alcuni valori di densità di Liquidi Valori della densità di liquidi sono riportati sul Perry, Kern, Gallant B) Metodi di Predizione 1) Metodo addittivo di Schroeder Tra i metodi

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

p atm 1. V B ; 2. T B ; 3. W A B 4. il calore specifico a volume costante c V

p atm 1. V B ; 2. T B ; 3. W A B 4. il calore specifico a volume costante c V 1 Esercizio (tratto dal Problema 13.4 del Mazzoldi 2) Un gas ideale compie un espansione adiabatica contro la pressione atmosferica, dallo stato A di coordinate, T A, p A (tutte note, con p A > ) allo

Dettagli

3.1 Igrometria. 3.1.1 Umidità assoluta, di saturazione e relativa

3.1 Igrometria. 3.1.1 Umidità assoluta, di saturazione e relativa Capitolo n 3 3.1 Igrometria L igrometria è lo studio del sistema aria-acqua. Il sistema aria-acqua è importante in numerose applicazioni: - essiccamento di materiali solidi umidi - umidificazione e condizionamento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI TECNOLOGIE CHIMICHE INDUSTRIALI, PRINCIPI DI AUTOMAZIONE E DI ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE

PROGRAMMAZIONE DI TECNOLOGIE CHIMICHE INDUSTRIALI, PRINCIPI DI AUTOMAZIONE E DI ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE PROGRAMMAZIONE DI TECNOLOGIE CHIMICHE INDUSTRIALI, PRINCIPI DI AUTOMAZIONE E DI ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE IV A chimica a.s. 2012/2013 ITIS PASCAL sede Via dei Robilant Teorico: Prof.ssa Mirabelli Gaetana

Dettagli

VENDITE E MAGAZZINO. Gestione Prezzi Sconti e Listini. Release 5.20 Manuale Operativo

VENDITE E MAGAZZINO. Gestione Prezzi Sconti e Listini. Release 5.20 Manuale Operativo Release 5.20 Manuale Operativo VENDITE E MAGAZZINO Gestione Prezzi Sconti e Listini La gestione dei prezzi può essere personalizzata, grazie ad una serie di funzioni apposite per l impostazione di diversi

Dettagli

AD HOC Servizi alla Persona

AD HOC Servizi alla Persona Software per la gestione dell amministrazione AD HOC Servizi alla Persona GESTIONE PASTI RESIDENZIALE Le principali funzioni del modulo pasti si possono suddividere nei seguenti punti: gestire le prenotazioni

Dettagli

I software FACILI. Manuale d uso

I software FACILI. Manuale d uso I software FACILI IL CONTROLLO DEL CONTO CORRENTE Manuale d uso I software FACILI IL CONTROLLO DEL CONTO CORRENTE Manuale d uso Copyright 2013 by Maggioli S.p.A. Maggioli Editore è un marchio di Maggioli

Dettagli

Approfondimenti La dinamica nel modello Is-Lm

Approfondimenti La dinamica nel modello Is-Lm Approfondimenti La dinamica nel modello Is-Lm 1. Aggiungiamo la dinamica Negli approfondimenti dedicati al mercato dei beni abbiamo aggiunto considerazioni dinamiche alla nostra descrizione del mercato

Dettagli

Computing-ANalysis-Technologies ENErgy Saving CASE STUDIES

Computing-ANalysis-Technologies ENErgy Saving CASE STUDIES Computing-ANalysis-Technologies ENErgy Saving CASE STUDIES MUSEO SCIENZE NATURALI TRENTO COMMITTENTE: RPBW S.P.A (RENZO PIANO BUILDING WORKSHOP) L'attività di CANTENE è stata svolta con il contributo dell'ing.giuseppe

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Introduzione all'ottimizzazione con il Risolutore di Excel

Università degli Studi di Firenze. Introduzione all'ottimizzazione con il Risolutore di Excel Università degli Studi di Firenze Facoltà di Ingegneria C.d.L.S. Ingegneria dell Ambiente e del Territorio A.A. 2004-2005 Introduzione all'ottimizzazione con il Risolutore di Excel Docente Prof.ssa M.G.

Dettagli

Le opportunità dell accumulo nel Quinto Conto Energia

Le opportunità dell accumulo nel Quinto Conto Energia Le opportunità dell accumulo nel Quinto Conto Energia Sottotitolo: Il contributo degli accumuli per aumentare la quota di autoconsumo dei consumatori con impianto di generazione FV Autori: Renato Urban,

Dettagli

9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI

9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI 9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI 9. Introduzione I processi termodinamici che vengono realizzati nella pratica devono consentire la realizzazione di uno scambio di energia termica o di energia

Dettagli

Prefazione...III. 2.2.6 Impianto idrico con o senza serbatoio di compenso...18 2.2.7 Macchine e attrezzature produttive di riserva...

Prefazione...III. 2.2.6 Impianto idrico con o senza serbatoio di compenso...18 2.2.7 Macchine e attrezzature produttive di riserva... Indice Prefazione...III CAPITOLO 1 GENERALITÀ SUGLI IMPIANTI MECCANICI DI SERVIZIO PER L INDUSTRIA 1.1 Contenuti e finalità...2 1.2 Definizione e classificazione degli impianti industriali...2 1.3 Definizione

Dettagli

Progettazione e calcolo di

Progettazione e calcolo di Nicola Taraschi Progettazione e calcolo di * Calcolo delle reti aerauliche con il software CANALI * Le trasformazioni dell aria umida ed il software PSICRO * I ventilatori * Le batterie alettate ed il

Dettagli

GAS PERFETTO M E M B R A N A CONCENTRAZIONI IONICHE ALL'EQUILIBRIO INTERNO ESTERNO. K + 400 mm/l. K + 20 mm/l. Na + 440 mm/l.

GAS PERFETTO M E M B R A N A CONCENTRAZIONI IONICHE ALL'EQUILIBRIO INTERNO ESTERNO. K + 400 mm/l. K + 20 mm/l. Na + 440 mm/l. GAS PERFETTO Usando il principio di semplicità, si definisce il sistema termodinamico più semplice: il gas perfetto composto da molecole che non interagiscono fra loro se non urtandosi. Sfere rigide che

Dettagli

Ripasso sulla temperatura, i gas perfetti e il calore

Ripasso sulla temperatura, i gas perfetti e il calore Ripasso sulla temperatura, i gas perfetti e il calore Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia La temperatura Fenomeni non interpretabili con le leggi della meccanica Dilatazione

Dettagli

4029 Sintesi del dodecil fenil etere da bromododecano e fenolo

4029 Sintesi del dodecil fenil etere da bromododecano e fenolo 4029 Sintesi del dodecil fenil etere da bromododecano e fenolo OH C 12 H 25 Br (249.2) Br + NaOH (40.0) Adogen 464 C 25 H 54 ClN (404.2) C 6 H 6 O (94.1) C 18 H 30 O (262.4) O + NaBr (102.9) Classificazione

Dettagli

Le Macchine Frigorifere. Termodinamica dell Ingegneria Chimica

Le Macchine Frigorifere. Termodinamica dell Ingegneria Chimica Le Macchine Frigorifere Termodinamica dell Ingegneria Chimica 1 Le macchine frigorifere Le macchine refrigeranti realizzano il trasporto di calore da un ambiente freddo ad un ambiente utilizzando lavoro

Dettagli

NUOVO PROGRAMMA POMPE DI CALORE MASSIMA EFFICIENZA, MASSIMO COMFORT, RISPETTO DELL AMBIENTE. www.rehau.it. Edilizia Automotive Industria

NUOVO PROGRAMMA POMPE DI CALORE MASSIMA EFFICIENZA, MASSIMO COMFORT, RISPETTO DELL AMBIENTE. www.rehau.it. Edilizia Automotive Industria NUOVO PROGRAMMA POMPE DI CALORE MASSIMA EFFICIENZA, MASSIMO COMFORT, RISPETTO DELL AMBIENTE www.rehau.it Edilizia Automotive Industria NUOVO PROGRAMMA POMPE DI CALORE PERCHE SCEGLIERE UNA POMPA DI CALORE

Dettagli

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE: TERMODINAMICA DEI CICLI FRIGORIFERI AD ARIA ED ACQUA. Ing. Attilio Pianese (commissione Energia e Impianti)

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE: TERMODINAMICA DEI CICLI FRIGORIFERI AD ARIA ED ACQUA. Ing. Attilio Pianese (commissione Energia e Impianti) IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE: TERMODINAMICA DEI CICLI FRIGORIFERI AD ARIA ED ACQUA Ing. Attilio Pianese (commissione Energia e Impianti) SCOPO DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Gli impianti di condizionamento

Dettagli

LEZIONE 2. a cura di Simone Laprovitera e-mail: slaprovitera@trevispa.com tel.: 340.46.87.850

LEZIONE 2. a cura di Simone Laprovitera e-mail: slaprovitera@trevispa.com tel.: 340.46.87.850 LEZIONE 2 Aspetti impiantistici di un sistema geotermico integrato a pompa di calore. Principio di funzionamento delle pompe di calore geotermiche. Esempi di schemi funzionali di centrale. a cura di Simone

Dettagli

TEST DI PERMEAZIONE MISCELE GASSOSE SIMULANTI CON MODULO A MEMBRANE CERAMICHE TUBOLARI MODIFICATE

TEST DI PERMEAZIONE MISCELE GASSOSE SIMULANTI CON MODULO A MEMBRANE CERAMICHE TUBOLARI MODIFICATE Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO TEST DI PERMEAZIONE MISCELE GASSOSE SIMULANTI CON MODULO A MEMBRANE CERAMICHE TUBOLARI

Dettagli

Lezione2 Ricerca di zeri. http://idefix.mi.infn.it/~palombo/didattica/lab-tnds/corsolab/lezionifrontali. Fernando Palombo

Lezione2 Ricerca di zeri. http://idefix.mi.infn.it/~palombo/didattica/lab-tnds/corsolab/lezionifrontali. Fernando Palombo Lezione2 Ricerca di zeri http://idefix.mi.infn.it/~palombo/didattica/lab-tnds/corsolab/lezionifrontali Fernando Palombo Aritmetica Finita nel Computer Nel computer l aritmetica è a precisione finita cioè

Dettagli

2.1 Aspetti generali. 2.2 Tipi di evaporatore

2.1 Aspetti generali. 2.2 Tipi di evaporatore Capitolo n 2 2.1 Aspetti generali La concentrazione è una operazione unitaria che ha lo scopo di ottenere una soluzione più concentrata a partire da una soluzione più diluita mediante evaporazione del

Dettagli