Studio ed implementazione della tecnica MSPE per un controllo affidabile della convergenza nei modelli stocastici per il pricing di opzioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Studio ed implementazione della tecnica MSPE per un controllo affidabile della convergenza nei modelli stocastici per il pricing di opzioni"

Transcript

1 Studio ed implementazione della tecnica MSPE per un controllo affidabile della convergenza nei modelli stocastici per il pricing di opzioni Candidato: Ing. Pier Giuseppe Giribone Dipartimento di Ingegneria DIME - Università di Genova Middle Office - Amministrazione Finanza - Banca CARIGE Relatore: Chiar.mo Prof. Ing. Roberto Mosca Dottorato di Ricerca in Ingegneria Matematica e Simulazione Ciclo XXV

2 Hai guardato un uomo abile nel suo lavoro? Saprà porsi dinnanzi ai re Antico Testamento - Proverbi 22, 29

3 Ringraziamenti In primo luogo desidero rivolgere un sentito ringraziamento ai Docenti Universitari della Scuola di Dottorato in Ingegneria Matematica e Simulazione (DIMS) che mi hanno costantemente guidato e consigliato durante l approfondimento delle tematiche di ricerca scelte. In particolare il mio Relatore Chiar.mo Prof. Roberto Mosca e l Ing. Lucia Cassettari per avermi concesso l opportunità di intraprendere studi e ricerche di rilevante interesse scientifico e professionale, come è stato lo sviluppo di questo progetto di ricerca. Desidero porgere un particolare ringraziamento all Ufficio presso il quale ho avuto modo di approfondire e testare sperimentalmente le ricerche effettuate: il Middle Office del Reparto Amministrazione Finanza di Banca CARIGE. Cito preliminarmente i miei tutor aziendali, Dott. Matteo Ferrando, Dott. Alessandro Currao e l Ing. Simone Ventura per avermi seguito in tutte le fasi di sviluppo del lavoro con grande disponibilità ed esperienza, il dirigente Dott. Paolo Boretti, per essere promotore della mia formazione professionale nell ambito della ricerca e sviluppo. Desidero ringraziare in modo speciale Paolo Raviola, mio insuperabile Maestro dell Arte della Programmazione, per i suoi preziosi consigli informatici, oltre ad avermi messo a disposizione la necessaria potenza di calcolo per la verifica sperimentale delle metodologie trattate nell elaborato. Desidero personalizzare i ringraziamenti a tutti i componenti del Middle Office, citando nominalmente i miei colleghi, persone che hanno rappresentato per me costanti riferimenti, indirizzandomi e consigliandomi sempre in modo opportuno: Elena Corallo, Alessandra

4 Fusco, Fabio Ghiglione, Paolo Goldoni, Simone Ligato ed Elena Sommariva. Infine voglio dire un grazie di cuore e con profondo affetto ai miei genitori, Piero e Giuliana, perchè non potevo aspirare ad avere delle guide migliori nel complesso cammino della vita. Dedico questa tesi ad una persona speciale con la quale ho iniziato a dipingere un meraviglioso quadro e che il Destino non ci ha ancora reso noto come completarlo. Indipendentemente, grazie per i colori che mi hai prestato.

5 Abstract Nella determinazione del prezzo di derivati complessi, gli uffici di valorizzazione delle banche e degli istituti finanziari fanno riferimento, per pervenire ad un valore degli stessi, a modelli matematici involventi distribuzioni statistiche di frequenza. Per conseguenza l utilizzo del metodo Monte Carlo diventa una metodologia imprescindibile per la valorizzazione stocastica del derivato. Resta, tuttavia, per una corretta determinazione del valore finale, da stabilire il numero di iterazioni replicate sul modello che consentano di pervenire ad un livello accettabile dell errore sperimentale che affligge l output del modello stesso. In questo lavoro si propone come soluzione a questo problema l impiego della metodologia di studio dell evoluzione della Mean Square Pure Error nei lanci replicati. Le applicazioni ai modelli di pricing di derivati non quotati presentati in questo elaborato evidenziano da un lato la validità della metodologia proposta e dall altro evitano gli errori che si possono commettere affidandosi a numeri di lanci standard (da a ).

6 Indice Indice 5 1 Descrizione della metodologia MSPE L approccio metodologico Sviluppo teorico della metodologia MSPE Esempio di applicazione del metodo Le opzioni asiatiche Pricing analitico di un opzione asiatica Pricing numerico di un opzione asiatica Applicazione della metodologia MSPE Le opzioni barriera Pricing di una Standard Barrier Pricing di una Double Barrier Pricing di una Partial-Time Single-Asset Pricing di una Two-Asset Barrier Option Pricing di una Partial-Time Two-Asset Barrier Option Pricing di una Look-Barrier Option Pricing di una Discrete Barrier Option Pricing di una Soft Barrier Option Pricing di una Parisian Barrier Option Le opzioni Forward Start Pricing di un opzione Forward Start

7 INDICE 5 Le opzioni Cliquet Le opzioni Cliquet Europee Le opzioni Cliquet Asiatiche Le opzioni Lookback Le opzioni Floating-Strike Lookback Le opzioni Fixed-Strike Lookback Le opzioni Partial-Time Floating-Strike Lookback Le opzioni Partial-Time Fixed-Strike Lookback Le opzioni binarie Le opzioni Cash or Nothing Le opzioni Asset or Nothing Le opzioni Gap Validazione della metodologia MSPE Altre tipologie di opzioni esotiche Le opzioni Paylater Le opzioni Chooser Le opzioni Basket Le opzioni Quanto Le opzioni Rainbow Le opzioni Compound Le opzioni americane Le formule analitiche approssimate L esercizio anticipato nella metodologia Monte Carlo Conclusioni 145 Codice Matlab 150 Elenco delle figure 269 Bibliografia 272 6

8 149

9 Codice Matlab CAPITOLO 1: Descrizione della Metodologia MSPE 1.A - Generazione delle curve di stazionarietà MSPE - pag B - Formula analitica esatta per la valorizzazione di una call europea plainvanilla (Black-Scholes-Merton 1973) - pag C - Valorizzazione di una opzione europea plain-vanilla mediante il metodo Monte Carlo - pag. 156 CAPITOLO 2: Le opzioni asiatiche 2.A - Valorizzazione di un opzione geometrica asiatica di tipo APO con campionamento continuo mediante la formula di Kemna-Vorst (1990) - pag B - Valorizzazione di un opzione aritmetica asiatica di tipo APO mediante il modello di Vorst (1990) - pag C - Valorizzazione di un opzione aritmetica asiatica di tipo APO mediante il modello di Turnbull e Wakeman (1991) - pag D - Valorizzazione di un opzione aritmetica asiatica di tipo APO mediante il modello di Levy (1992) - pag E - Valorizzazione di un opzione aritmetica asiatica di tipo APO mediante il modello di Curran (1992) - pag F - Valorizzazione di una opzione asiatica con campionamento continuo mediante il metodo Monte Carlo - pag G - Valorizzazione di una opzione asiatica con campionamento discreto mediante il metodo Monte Carlo - pag

10 CAPITOLO 3: Le opzioni barriera 3.A - Valutazione analitica di una Standard Barrier Option - pag B - Approssimazione numerica alla distribuzione cumulativa normale - pag C - Valorizzazione di una opzione barriera standard mediante il classico schema di integrazione stocastica (Crude Monte Carlo) - pag D - Valorizzazione di una opzione barriera standard mediante il metodo Monte Carlo di El Babsiri e Noel (Conditional Monte Carlo) - pag E - Valutazione analitica di una Double Barrier Option - pag F - Valutazione numerica di una Double Barrier Option mediante il Crude Monte Carlo method - pag G - Valutazione numerica di una Double Barrier Option mediante il Conditional Monte Carlo method - pag H - Approssimazione numerica alla distribuzione cumulativa normale bivariata - pag I - Valutazione analitica di una Partial-Time Single-Asset Barrier Option - pag L - Valutazione numerica di una Partial-Time Single-Asset Barrier Option - pag M - Valutazione analitica di una Two-Asset Barrier Option - pag N - Valutazione numerica di una Two-Asset Barrier Option mediante il Crude Monte Carlo method - pag O - Valutazione numerica di una Two-Asset Barrier Option mediante il Conditional Monte Carlo method - pag P - Valutazione analitica di una Partial-Time Two-Asset Barrier Option - pag Q - Valutazione numerica di una Partial-Time Two-Asset Barrier Option - pag R - Valutazione numerica di una Look-Barrier Option - pag S - Correzione di Broadie - Glasserman - Kou (1995) per il monitoraggio discreto della barriera. - pag

11 3.T - Valutazione analitica di una Soft Barrier - pag U - Valutazione numerica di una Soft-Barrier Option - pag V - Valutazione numerica di una Parisian Barrier Option - pag. 208 CAPITOLO 4: Le opzioni Forward-Start 4.A - Valutazione analitica di una Forward Start Option - pag B - Valutazione numerica di una Forward Start Option mediante metodo Monte Carlo con variabili antitetiche - pag. 216 CAPITOLO 5: Le opzioni Cliquet 5.A - Valutazione analitica di una Cliquet Option Europea - pag B - Valutazione numerica di una Cliquet Option Europea con tecnica di riduzione della varianza - pag C - Valutazione analitica di una Cliquet Option Asiatica - pag D - Valutazione numerica di una Cliquet Option Asiatica con tecnica di riduzione della varianza - pag. 223 CAPITOLO 6: Le opzioni Lookback 6.A - Valutazione analitica di una Floating Strike Lookback - pag B - Valutazione numerica di una Floating Strike Lookback mediante il Crude Monte Carlo method - pag C - Valutazione numerica di una Floating Strike Lookback mediante il Conditional Monte Carlo method - pag D - Valutazione analitica di una Fixed Strike Lookback - pag E - Valutazione numerica di una Fixed Strike Lookback mediante il Crude Monte Carlo method - pag F - Valutazione numerica di una Fixed Strike Lookback mediante il Conditional Monte Carlo method - pag G - Valutazione analitica di una Partial-Time Floating-Strike Lookback - pag

12 6.H - Valutazione numerica di una Partial-Time Floating-Strike Lookback mediante Monte Carlo - pag I - Valutazione analitica di una Partial-Time Fixed-Strike Lookback - pag L - Valutazione numerica di una Partial-Time Fixed-Strike Lookback mediante Monte Carlo - pag. 237 CAPITOLO 7: Le opzioni Binarie 7.A - Valutazione analitica di una opzione binaria Cash-or-Nothing - pag B - Valutazione numerica di una opzione binaria Cash-or-Nothing mediante tecnica Monte Carlo. - pag C - Valutazione analitica di una opzione binaria Asset-or-Nothing - pag D - Valutazione numerica di una opzione binaria Asset-or-Nothing mediante tecnica Monte Carlo. - pag E - Valutazione analitica di una opzione binaria Gap - pag F - Valutazione numerica di una opzione binaria Gap mediante tecnica Monte Carlo. - pag. 240 CAPITOLO 8: Altre tipologie di opzioni esotiche 8.A - Valutazione analitica di una PayLater Option. - pag B - Valutazione numerica di una PayLater Option mediante tecnica Monte Carlo. - pag C - Valutazione analitica di una Simple Chooser Option. - pag D - Valutazione numerica di una Simple Chooser Option mediante tecnica Monte Carlo. - pag E - Valutazione analitica di una Complex Chooser Option. - pag F - Valutazione numerica di una Complex Chooser Option mediante tecnica Monte Carlo. - pag G - Valutazione numerica di una Basket Option mediante tecnica Monte Carlo. - pag H - Valutazione analitica di una Quanto Option. - pag I - Valutazione numerica di una Quanto Option mediante tecnica Monte Carlo. 153

13 - pag L - Valutazione analitica di una Rainbow Option. - pag M - Valutazione numerica di una Rainbow Option mediante tecnica Monte Carlo. - pag N - Valutazione analitica di una Compound Option. - pag O - Valutazione numerica di una Compound Option mediante tecnica Monte Carlo. - pag. 257 CAPITOLO 9: Le opzioni americane 9.A - Il modello di valutazione Roll-Geske-Whaley. - pag B - Il modello di valutazione Barone-Adesi-Whaley. - pag C - Il modello di valutazione Bjerksund-Stensland. - pag D - L algoritmo di Longstaff-Schwartz per il metodo Monte Carlo. - pag

14 Elenco delle figure 1.1 Curve di evoluzione MSPE MED e MSPE V AR Curve MSPE MED di quattro campagne sperimentali differenti a parità di condizioni iniziali Campionamento dei dati sperimentali Soluzione grafica della SDE descritta dal moto diffusivo (Eq.1.5) Grafico (i, MSPE MED ) con i = 1,..., per un opzione Call plain-vanilla Grafico (j, Price) con i = 1,...,10000 e j = 1,..., Grafico (j, Price) con i = 1,...,30000 e j = 1,..., Grafico (i, MSPE MED ) con i = 1,..., con soglia massima di errore accettabile Grafico (j, Price) con i = 1,..., e j = 1,..., Distribuzione discreta delle y Curve (i, MSPE MED ) con i = 1,..., Grafico M SP E per un opzione asiatica Put con media geometrica di tipo APO con campionamento continuo Distribuzione discreta delle y per un opzione asiatica Put con media geometrica di tipo APO con campionamento continuo Grafico (j, Price) con i = 1,..., e j = 1,...,2000 per un opzione asiatica Put con media geometrica di tipo APO con campionamento continuo

15 ELENCO DELLE FIGURE 2.4 Grafico (i, MSPE MED ) con i = 1,..., per un opzione asiatica Call con media aritmetica di tipo APO con campionamento continuo Grafico (i, MSPE MED ) con i = 1,..., per un opzione asiatica Call con media aritmetica di tipo ASO con campionamento continuo Distribuzione discreta delle y per un opzione asiatica Call con media geometrica di tipo APO con campionamento discreto Grafico (i, MSPE MED ) con i = 1,..., per un opzione asiatica Call con media aritmetica di tipo APO con campionamento discreto Grafico MSPE per un opzione barriera standard Grafico (j, P rice) per un opzione barriera standard Grafico MSPE per un opzione Double Barrier Grafico (j, Price) per un opzione Double Barrier Curve di stazionarietà per un opzione Partial-Time Single-Asset Barrier Grafico (j, Price) per un opzione Look Barrier Grafico MSPE per un opzione forward start Grafico (j, Price) per un opzione forward start Grafico (j, P rice) per un opzione Cliquet europea, N sim = Grafico (j, Price) per un opzione Cliquet europea, Nsim = Grafico (j, Price) per un opzione Cliquet asiatica, Nsim = Grafico (j, P rice) per un opzione Floating-Strike Lookback Put, Nsim = Curve (i, MSPE) con i = 1,..., per un opzione Floating- Strike Put Grafico (j, P rice) per un opzione Floating-Strike Lookback Put, Nsim = Grafico (j, P rice) per un opzione Fixed-Strike Lookback Call, N sim =

16 ELENCO DELLE FIGURE Curve (i, MSPE) con i = 1,..., per un opzione Fixed- Strike Lookback Call Grafico (j, P rice) per un opzione Fixed-Strike Lookback Call, N sim = Grafico (j, P rice) per un opzione Fixed-Strike Lookback Call, N sim = Curve (i, M SP E) con i = 1,..., per un opzione put digitale Grafico (j, P rice) per un opzione put digitale, N sim = Curve (i, M SP E) con i = 1,..., per un opzione put digitale Grafico (j, Price) per un opzione put digitale, Nsim = Grafico (j, Price) per un opzione put digitale, Nsim = Curva (i, MSPE) con i = 1,..., per un opzione Complex Chooser Grafico (j, y ) per una opzione Complex Chooser, i = 1,...,8 10 5, j = 1,..., Curva (i, MSPE) con i = 1,..., per un opzione Basket Grafico (j, y ) per una opzione Basket, i = 1,...,5 10 5, j = 1,..., Curve (i, M SP E) con i = 1,..., per un opzione Rainbow Grafico (j, y ) per una opzione Rainbow, i = 1,...,80.000, j = 1,..., Curve (i, MSPE) con i = 1,..., per un opzione Compound Put su Call Grafico (j, y ) per una opzione Compound Put su Call, i = 1,..., , j = 1,..., Curva (i, M SP E) con i = 1,..., per un opzione americana Grafico (j, y ) per un opzione americana, i = 1,...,38000, j = 1,...,

17 Bibliografia [1] R. Mosca, P. Giribone, Optimal Length in O.R. Simulation Experiments of Large Scale Production System, Proc. IASTED International Symposium Applied Modelling and Simulation, AMS 82, Paris, 78-82, [2] E.G. Haug, The complete guide to option pricing formulas, McGraw-Hill, New Jork, USA, ISBN , [3] D. C. Montgomery, Design and analysis of experiments, John Wiley and Sons, Inc., [4] A. Hacura, M. J. Hacura, A. Kocot, Risk analysis in investment appraisal based on Monte Carlo simulation technique, Eur. Phys. J. B 20, , [5] D. Nawrocki, The problems with simulation, Journal of Financial Planning, 14, 11:92-108, [6] C.F. Kelliher, L.S. Mahoney, Using Monte Carlo simulation to improve longterm investment decisions, The Appraisal Journal, vol. 68, pp , [7] M. Di Franco, F. Polimeni, M. Proietti, Opzioni e titoli strutturati, Il Sole 24 Ore, Milano, ISBN , [8] Fixed-Income Toolbox 1 User s Guide, The MathWorks, Natick, MA, USA, [9] Econometrics Toolbox 1 User s Guide, The MathWorks, Natick, MA, USA,

18 BIBLIOGRAFIA [10] J. Hull, Futures and other derivatives, Prentice-Hall, Englewood Cliffs, NJ, [11] H. T. Huynh, V. S. Lai, I. Soumaré, Stochastic simulation and applications in finance with Matlab programs, Wiley, Chichester, West Sussex, England [12] P. Glasserman, Monte Carlo Methods in Financial Engineering, Springer, New York, [13] M. Gabbrielli, S. De Bruno, Capire la finanza, Il Sole 24 ore, Milano, [14] L. Cassettari, P.G. Giribone, M. Mosca, R. Mosca, The Stochastic Analysis of Investments in Industrial Plants by Simulation Models with Control of Experimental Error: Theory and Application to a Real Business Case, Applied Mathematics Sciences, Vol. 4, [15] R. Mosca, L. Cassettari, P.G. Giribone, MSPE e Monte Carlo Pricing Method: tecniche di controllo della convergenza nei modelli finanziari, AIFIRM (Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers) Magazine, anno 5, numero 1, [16] P.G. Giribone, S. Ventura, Studio della convergenza dei modelli di pricing discreti multinomiali azionari: Teoria e applicazioni con tecniche di controllo dell errore, AIFIRM (Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers) Magazine, anno 6, numero 1, [17] P.G. Giribone, S. Ligato, Analisi critica delle metodologie di generazione di matrici di correlazione valide: Teoria e confronti nei sistemi di pricing basati sulla metodologia Monte Carlo, AIFIRM (Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers) Magazine, anno 7, numero 1, [18] P. Jäckel, Monte Carlo Methods in Finance, Wiley & Sons, New York, [19] D. J. Duffy, Finite Difference Method in Financial Engineering - A Partial Differential Approach, Wiley & Sons, West Sussex,

19 BIBLIOGRAFIA [20] A. Kemna, A. Vorst, A Pricing Method for Options based on Average Asset Values, Journal of Banking and Finance, 14, , [21] S. M. Turnbull, L. M. Wakeman, A Quick Algorithm for Pricing European Average Options, Journal of Financial and Quantitative Analysis, 26, , [22] E. Levy, Pricing European Average Rate Currency Options, Journal of International Money and Finance, 11, , [23] E. Levy, S. Turnbull Average Intelligence, Risk Magazine, 5(2), [24] M. Curran, Beyond Average Intelligence, Risk Magazine, 5(10), [25] E. Reiner, M. Rubinstein, Breaking Down the Barriers, Risk Magazine, 4(8), [26] M. El Babsiri, G. Noel, Simulating path-dependent options: a new approach, Journal of Derivatives, Winter, 65-83, [27] M. Ikeda, N. Kunitomo, Pricing Options with Curved Boundaries, Mathematical Finance, 2, , [28] R. S. Bhagavatula, P. P. Carr, Valuing Double Barrier Options with Time-Dependent Parameters, Discussion Paper, Cornell University: Johnson Graduate School of Management, [29] H. Geman, M. Yor, Pricing and Hedging Double-Barrier Options: a Probabilistic Approach, Mathematical Finance, 6(4), , [30] R. C. Heynen, H. M. Kat, Partial Barrier Options, Journal of Financial Engineering, 3, , [31] R. C. Heynen, H. M. Kat, Crossing Barriers, Risk Magazine, 7, [32] H. P. Bermin, Time and Path Dependent Options: The Case of Time Dependent Inside and Outside Barrier Options, Third Nordic Symposium on Contigent Claims Analysis in Finance, Iceland,

20 BIBLIOGRAFIA [33] M. Broadie, P. Glasserman, S. Kou, A Continuity Correction for Discrete Barrier Options, Working Paper, [34] I. Hart, M. Ross, Striking Continuity, Risk Magazine, 7(6), [35] J. Hart, Algorithm 5666 for the error function, Computer Approximations, Wiley, [36] M. Stegun, I. A. Abramowitz, Handbook of Mathematical Functions, with formulas, graphs and Mathematical Tables, Dover, [37] Z. Drezner, Computation of the bivariate normal integral, Mathematics of Computation, 32, , [38] Z. Drezner, G. Wesolowsky, On the computation of the bivariate normal integral, Journal of Statistics Computing and Simulation, 35, , [39] M. Chesney, M. Picqué, M. Yor, Brownian Excursions and Parisian Barrier Options, Journal of Advanced Applied Probability, [40] A. Basso, P. Pianca, Introduzione alla valutazione delle opzioni esotiche, Il Risparmio, n.6, novembre-dicembre [41] M. Rubinsten, Pay Now, Choose Later, Risk Magazine, [42] B. M. Goldman, H. B. Sosin, M. A. Gatto, Path Dependent Options: Buy at Low, Sell at the High, Journal of Finance, [43] M. B. Garman, Recollection in Tranquillity, Risk Magazine, 2(3), [44] A. Conze, Viswanathan, Path Dependent Options: The Case of Lookback Options, Journal of Finance, 46, [45] R. C. Heynen, H. M. Kat, Selective Memory, Risk Magazine, 7, 11, [46] E. Reiner, M. Rubinstein, Unscrambling the Binary Code, Risk Magazine, 4, 9, [47] J. C. Cox, M. Rubinstein, Innovations in Options Markets, Options Markets, Prentice-Hall, New Jersey,

21 BIBLIOGRAFIA [48] U. Cherubini, G. Della Lunga, S. Mulinacci, P. Rossi, Fourier transform methods in finance, Wiley Finance, [49] M. Rubinsten, Options for the Undecided, Risk Magazine, 4, [50] I. Nelken, Square Deals, Risk Magazine, 6, [51] E. Reiner, Quanto Mechanics, Risk Magazine, 5, [52] M. Rubinsten, Somewhere over the Rainbow, Risk Magazine, 4, [53] M. Rubinsten, Return to OZ, Risk Magazine, 7, [54] R. M. Stulz, Options on the Minimum or the Maximum of Two Risky Assets, Journal of Financial Economics, 10, [55] H. Johnson, Options on the Maximum or the Minimum of Several Assets, Journal of Financial and Quantitative Analysis, 22, [56] P. P. Boyle, J. Evnine, S. Gibbs, Numerical Evaluation of Multivariate Contingent Claims, Review of Financial Studies, 2, [57] P. P. Boyle, Y. K. Tse, An Algorithm for Computing Values of Options on the Maximum or Minimum of Several Assets, Journal of Financial and Quantitative Analysis, 25, [58] D. R. Rich, D. M. Chance, An Alternative Approach to the Pricing of Options on Multiple Assets, Journal of Financial Engineering, 2, [59] E. Kirk, Correlation in the Energy Markets, Managing Energy Price Risk, 71-78, [60] R. Geske, The Valuation of Corporate Liabilities as Compound Options, Journal of Financial and Quantitative Analysis, , [61] R. Geske, The Valuation of Compound Options, Journal of Financial Economics, 7, [62] S. D. Hodges, M. J. P. Selby, On the Evaluation of Compound Options, Management Science, 33,

22 BIBLIOGRAFIA [63] M. Rubinstein, Double Trouble, Risk Magazine, 5, 1991 [64] R. Roll, An Analytic Valuation Formula for Unprotected American Call Options on Stocks with Known Dividends, Journal of Financial Economics, 5, 1977 [65] R. Geske, A Note on an Analytical Formula for Unprotected American Call Options on Stocks with Known Dividends, Journal of Financial Economics, 7, 1979 [66] R. E. Whaley, On the Valuation of American Call Options on Stocks with Known Dividends, Journal of Financial Economics, 9, 1981 [67] G. Barone-Adesi, R. E. Whaley, Efficient Analityc Approximation of American Option Values, Journal of Finance, 42, 1987 [68] P. Bjerksund, G. Stensland, Closed-Form Approximation of American Options, Scandinavian Journal of Management, 9, 1993 [69] F. Longstaff, E. Schwartz, Valuing American Options by simulation: A simple least-squares approach, Review of Financial Studies, , 2001 [70] Middle Office CARIGE, Manuale di installazione ed utilizzo delle librerie di MATFIN 1.0, Procedure per la valorizzazione degli strumenti finanziari, 2011 [71] P.G. Giribone, S. Ligato, S. Ventura, La correzione del bias di simulazione mediante la tecnica del Monte Carlo condizionato: Analisi ed Implementazione in un sistema automatizzato di pricing, AIFIRM (Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers) Magazine, in fase di pubblicazione [72] O. Caligaris, P. A. Zanghì Equazioni Differenziali Stocastiche ed Applicazioni, Dispense del Corso di Dottorato in Ingegneria Matematica e Simulazione dell Università di Genova, 2010 [73] P. E. Kloeden, E. Platen Numerical Solution of Stochastic Differential Equations, Springer Verlang,

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI Testo di riferimento: Analisi finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill 2001 cap. 11 (dottor Alberto Lanzavecchia) Indice

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Principal Component Analysis

Principal Component Analysis Principal Component Analysis Alessandro Rezzani Abstract L articolo descrive una delle tecniche di riduzione della dimensionalità del data set: il metodo dell analisi delle componenti principali (Principal

Dettagli

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge ( www.economia.unimi.it/lda/adamss ) Facoltàdi Scienze, Università degli Studi di Milano 10 febbraio 2006 Coordinatore: Davide La Torre (Professore

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Determinanti dell avversione al rischio degli investitori: riscontri giornalieri dal mercato azionario tedesco 1

Determinanti dell avversione al rischio degli investitori: riscontri giornalieri dal mercato azionario tedesco 1 Martin Scheicher +43 1 40420 7418 martin.scheicher@oenb.at Determinanti dell avversione al rischio degli investitori: riscontri giornalieri dal mercato azionario tedesco 1 I prezzi azionari oscillano al

Dettagli

Corso di Alta Formazione in Finanza Quantitativa

Corso di Alta Formazione in Finanza Quantitativa Corso di Alta Formazione in Finanza Quantitativa 2 a EDIZIONE MILANO NOVEMBRE 2011 - MAGGIO 2012 In collaborazione con Corso di Alta Formazione in Finanza Quantitativa NOVEMBRE 2011 - MAGGIO 2012 orso

Dettagli

Rischio e Volatilità

Rischio e Volatilità 2 Meeting annuale SellaAdvice Trading Rho,, 20 novembre 2004 Rischio e Volatilità Relatore: Maurizio Milano Da dove deve partire un analisi tecnica operativa a supporto di un attività di trading? L elemento

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA SVILUPPO DI METODI DECONVOLUTIVI PER L INDIVIDUAZIONE DI SORGENTI INDIPENDENTI

Dettagli

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI I. Disposizioni generali 1. Le presenti Regole di esecuzione delle istruzioni dei clienti riguardanti i contratti di compensazione delle differenze (CFD) e gli strumenti

Dettagli

I laureati magistrali in Scienze Statistiche

I laureati magistrali in Scienze Statistiche http://www.safs.unifi.it I laureati magistrali in Scienze Statistiche I nostri testimonial Nota: la Laurea Magistrale in Statistica, Scienze Attuariali e Finanziarie è stata attivata nell a.a. 2012/2013

Dettagli

Il Metodo di analisi multicriterio Analitic Hierarchy Process (AHP) Corso di Analisi delle Decisioni Chiara Mocenni (mocenni@dii.unisi.

Il Metodo di analisi multicriterio Analitic Hierarchy Process (AHP) Corso di Analisi delle Decisioni Chiara Mocenni (mocenni@dii.unisi. Il Metodo di analisi multicriterio Analitic Hierarchy Process (AHP) Corso di Analisi delle Decisioni Chiara Mocenni (mocenni@dii.unisi.it) L analisi multicriterio e il processo decisionale L analisi multicriterio

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Knowlab Un Sistema Computerizzato per la Valutazione Adattiva della Conoscenza e dell'apprendimento

Knowlab Un Sistema Computerizzato per la Valutazione Adattiva della Conoscenza e dell'apprendimento Knowlab Un Sistema Computerizzato per la Valutazione Adattiva della Conoscenza e dell'apprendimento Debora de Chiusole PhD Candidate deboratn@libero.it Università degli Studi di Padova Dipartimento FISPPA

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E 2010 Redexe S.u.r.l., Tutti i diritti sono riservati REDEXE S.r.l., Società a Socio Unico Sede Legale: 36100 Vicenza, Viale Riviera Berica 31 ISCRITTA ALLA CCIAA

Dettagli

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

Tipologie di strumenti finanziari

Tipologie di strumenti finanziari Tipologie di strumenti finanziari PRINCIPALI TIPOLOGIE DI STRUMENTI FINANZIARI: Azioni Obbligazioni ETF Opzioni 1 Azioni: definizione L azione è un titolo nominativo rappresentativo di una quota della

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED ANALYTICS WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it ADVANCED ANALYTICS

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

Misurazione dei rendimenti: una rassegna delle tecniche più diffuse

Misurazione dei rendimenti: una rassegna delle tecniche più diffuse Misurazione dei rendimenti: una rassegna delle tecniche più diffuse L interesse principale di chi ha sottoscritto un fondo d investimento è quello di conoscere di quanto sia cresciuta la propria ricchezza,

Dettagli

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO è il resoconto di uno studio completo e originale, con struttura ben definita e costante: rappresenta il punto finale di una ricerca (in inglese: paper, article) STRUTTURA

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale D. Prattichizzo G.L. Mariottini F. Moneti M. Orlandesi M. Fei M. de Pascale A. Formaglio F. Morbidi S. Mulatto SIRSLab Laboratorio

Dettagli

Programma. Massimo Scolari, General Secretary, ASCOSIM and Member of Consultative Working Group - Investor Protection and Intermediaries, ESMA

Programma. Massimo Scolari, General Secretary, ASCOSIM and Member of Consultative Working Group - Investor Protection and Intermediaries, ESMA Programma 08:30 Registrazione e caffè di benvenuto 08:50 Osservazioni preliminari del presidente: Mauro Cesa, Technical Editor, RISK 09:10 DISCORSO DI APERTURA: Valutazione delle problematiche nazionali

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Orc Trading: tecnologia innovativa per far crescere il vostro business. Matteo Carcano Milano, 13 Aprile, 2010

Orc Trading: tecnologia innovativa per far crescere il vostro business. Matteo Carcano Milano, 13 Aprile, 2010 Orc Trading: tecnologia innovativa per far crescere il vostro business Matteo Carcano Milano, 13 Aprile, 2010 2 Agenda 17.00 17.15 Introduzione Matteo Carcano Orc Software 17.15 17.30 Le opportunità di

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese Introduzione Nell articolo vengono mostrate vari possibili legami tra la costante di Archimede (pi greco) e la sezione aurea (phi).

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

ESPERTI IN IMPORT EXPORT ITALIA USA

ESPERTI IN IMPORT EXPORT ITALIA USA ESPERTI IN IMPORT EXPORT ITALIA USA dal 14 ottobre 1999 al 10 luglio 2001 ITALIA Sassari Via P.ssa Iolanda n. 2 Tel. 079/292509 - Fax 079/295920 USA Stamford Sacred Heart University 12 Omega Drive USA

Dettagli

Universitá di Firenze. Che cosa é realmente successo ai colloqui di pace di Parigi fra Henry Kissinger e Le Duc Tho

Universitá di Firenze. Che cosa é realmente successo ai colloqui di pace di Parigi fra Henry Kissinger e Le Duc Tho Universitá di Firenze FACOLTÁ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Matematica Che cosa é realmente successo ai colloqui di pace di Parigi fra Henry Kissinger e Le Duc Tho What

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

10 ESEMPIO DI VALUTAZIONE IN BILANCIO DI UN OPZIONE

10 ESEMPIO DI VALUTAZIONE IN BILANCIO DI UN OPZIONE SOMMARIO 1 INTRODUZIONE ALLE OPZIONI 1.1 Teoria delle opzioni 1.2 Specifiche contrattuali delle opzioni su azioni 2 FORMALIZZAZIONI 3 PROPRIETA FONDAMENTALI DELLE OPZIONI SU AZIONI 3.1 Put-Call Parity

Dettagli

La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti

La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti Seminario Valutazione PON Roma, 29 marzo 2012 La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti Elena Meroni - Università di Padova e INVALSI Daniele Vidoni

Dettagli

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation 20 Dicembre 2002 1 L ABI ha esaminato con uno specifico

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Il nostro processo d investimento

Il nostro processo d investimento Il nostro processo d investimento www.moneyfarm.com Sommario Le convinzioni alla base della nostra strategia d investimento 2 Asset Allocation 3 La scelta di strumenti a basso costo gestionale 3 L approccio

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

I regolamenti europei EMIR e REMIT

I regolamenti europei EMIR e REMIT I regolamenti europei EMIR e REMIT Implementazione pratica per un azienda NFC- Sommario I. L EMIR ed i suoi obblighi II. REMIT e i suoi obblighi III. EMIR: l implementazione pratica in azienda Che cos

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT COMPETENZE SPECIALIZZATE E SOLIDITÀ DI UN GRANDE LEADER MONDIALE RISERVATO A INVESTITORI PROFESSIONALI 2 UN GRANDE GRUPPO AL VOSTRO SERVIZIO BNY Mellon Investment Management

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Così come le macchine meccaniche trasformano

Così come le macchine meccaniche trasformano DENTRO LA SCATOLA Rubrica a cura di Fabio A. Schreiber Il Consiglio Scientifico della rivista ha pensato di attuare un iniziativa culturalmente utile presentando in ogni numero di Mondo Digitale un argomento

Dettagli

Programma. Massimo Scolari, General Secretary, ASCOSIM and Member of Consultative Working Group - Investor Protection and Intermediaries, ESMA

Programma. Massimo Scolari, General Secretary, ASCOSIM and Member of Consultative Working Group - Investor Protection and Intermediaries, ESMA Programma 08:30 Registrazione e caffè di benvenuto 08:50 Osservazioni preliminari del presidente: Mauro Cesa, Technical Editor, RISK 09:10 DISCORSO DI APERTURA: Valutazione delle problematiche nazionali

Dettagli

CAMPIONAMENTO SPAZIALE A DUE PASSI PER INDAGINI VOLTE ALL IDENTIFICAZIONE DI AREE A MAGGIOR PRESENZA DI RADON INDOOR IN LOMBARDIA

CAMPIONAMENTO SPAZIALE A DUE PASSI PER INDAGINI VOLTE ALL IDENTIFICAZIONE DI AREE A MAGGIOR PRESENZA DI RADON INDOOR IN LOMBARDIA CAMPIONAMENTO SPAZIALE A DUE PASSI PER INDAGINI OLTE ALL IDENTIFICAZIONE DI AREE A MAGGIOR PRESENZA DI RADON INDOOR IN LOMBARDIA Riccardo Borgoni, Piero Quatto, Daniela de Bartolo 2, Angela Alberici 2

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità. Cristiana Brocchetti

Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità. Cristiana Brocchetti Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità Cristiana Brocchetti Milano, 17 dicembre 2012 1 Tradizionale o Alternativo? Due le principali aree che caratterizzano le tipologie di investimento: Tradizionali

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome/i nome/i Castelli Flavio Email flavio.castelli@gmail.com Sito web personale http://www.flavio.castelli.name Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

SciPy. Programmazione Orientata agli Oggetti e Scripting in Python

SciPy. Programmazione Orientata agli Oggetti e Scripting in Python SciPy Programmazione Orientata agli Oggetti e Scripting in Python SciPy: Informazioni di Base Libreria di algoritmi e strumenti matematici Fornisce: moduli per l'ottimizzazione, per l'algebra lineare,

Dettagli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Operativitàin derivati Marialaura Napoli 2 Agenda I contratti derivati nell attuale quadro normativo Novità introdotte dalla Dir. 2004/39 Le sedi

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

((e ita e itb )h(t)/it)dt. z k p(dz) + r n (t),

((e ita e itb )h(t)/it)dt. z k p(dz) + r n (t), SINTESI. Una classe importante di problemi probabilistici e statistici é quella della stima di caratteristiche relative ad un certo processo aleatorio. Esistono svariate tecniche di stima dei parametri

Dettagli

REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONN INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE

REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONN INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE Università degli studi di Catania Facoltà di Ingegneria 26 Gennaio 2009 Sommario 1 Introduzione 2 Middleware Middleware:

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd Workshop Career Management: essere protagonisti della propria storia professionale Torino, 27 febbraio 2013 L evoluzione del mercato del lavoro L evoluzione del ruolo del CFO e le competenze del futuro

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012.

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. 3 Michael Page Salary Survey 2012 - Banking 4 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. Michael Page, quale leader nella ricerca e selezione

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

Valutazione e Finanziamento dei Progetti terzo fascicolo (richiami ed approfondimenti)

Valutazione e Finanziamento dei Progetti terzo fascicolo (richiami ed approfondimenti) Valutazione e Finanziamento dei Progetti terzo fascicolo (richiami ed approfondimenti) Dimensioni Analitiche e Spazi Operativi della Finanza la struttura finanziaria dell impresa mercati, intermediari

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Metodi numerici per la risoluzione di equazioni. Equazioni differenziali ordinarie

Metodi numerici per la risoluzione di equazioni. Equazioni differenziali ordinarie Metodi numerici per la risoluzione di equazioni differenziali ordinarie Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ Lezione 5-31 ottobre 2005 Outline 1 Il problema di Cauchy Il problema

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance SALARY SURVEY 2015 Banking & Insurance Banking & Insurance Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it Banking & Insurance Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Acustica con una Bic e uno smartphone

Acustica con una Bic e uno smartphone 1 Acustica con una Bic e uno smartphone L. Galante #, 1, A. M. Lombardi*, 2 # LSS G. Bruno, Torino, Italy. * ITCS Primo Levi, Bollate (MI), Italy. Abstract. A smartphone, with its integrated sensors and

Dettagli