MaturitaÁ Il vero bene eá la virtuá (Epistulae morales ad Lucilium 74, 10-13) Seneca Epistulae morales ad Lucilium

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MaturitaÁ 2011. Il vero bene eá la virtuá (Epistulae morales ad Lucilium 74, 10-13) Seneca Epistulae morales ad Lucilium"

Transcript

1 1 Il vero bene eá la virtuá (Epistulae morales ad Lucilium 74, 10-13) 10. Quicumque beatus esse constituet, unum esse bonum putet quod honestum est; nam si ullum aliud existimat, primum male de providentia iudicat, quia multa incommoda iustis viris accidunt, et quia quidquid nobis dedit breve est et exiguum si compares mundi totius aevo. 11. Ex hac deploratione nascitur ut ingrati divinorum interpretes simus: querimur quod non semper, quod et pauca nobis et incerta et abitura contingant. Inde est quod nec vivere nec mori volumus: vitae nos odium tenet, timor mortis. Natat omne consilium nec implere nos ulla felicitas potest. Causa autem est quod non pervenimus ad illud bonum immensum et insuperabile ubi necesse est resistat voluntas nostra quia ultra summum non est locus. 12. Quaeris quare virtus nullo egeat? Praesentibus gaudet, non concupiscit absentia; nihil non illi magnum est quod satis. Ab hoc discede iudicio: non pietas constabit, non fides; multa enim utramque praestare cupienti patienda sunt ex iis quae mala vocantur, multa inpendenda ex iis quibus indulgemus tamquam bonis. 13. Perit fortitudo, quae periculum facere debet sui; perit magnanimitas, quae non potest eminere nisi omnia velut minuta contempsit quae pro maximis vulgus optat; perit gratia et relatio gratiae si timemus laborem, si quicquam pretiosius fide novimus, si non optima spectamus. 10. Chiunque voglia essere felice, consideri la virtuá come l'unico bene possibile. Se ritiene che ne esistano altri, innanzitutto valuta la provvidenza in maniera impropria, dal momento che incorrono in molti guai della sorte persino gli uomini giusti e qualunque dono essa ci abbia fornito risulta effimero e di poco conto, se lo paragoni alla durata dell'universo. 11. Ed eá da questa sfiducia che deriva la nostra ingrata valutazione dei segni divini; ci lamentiamo allora della fugacitaá della fortuna che ci tocca, della sua esiguitaá, della sua indeterminatezza e della sua inevitabile tendenza a svanire. Ne consegue che in realtaá non vogliamo neâ vivere neâ morire: ci pervade l'avversione per la vita e il timore della morte; in tal modo, ogni pensiero rimane incerto e nessuna circostanza favorevole ci puoá appagare pienamente. Ma la vera causa di questo atteggiamento eá che non abbiamo raggiunto quel bene infinito e insuperabile dove eá necessario che la nostra volontaá si arresti, poicheâ non esiste un luogo ancor piuá elevato oltre la vetta. 12. Ti domandi il motivo per cui la virtuá non manca di nulla? Perche si rallegra dei beni che ha a disposizione e non aspira a quelli che non possiede: per essa eá grande cioá che le basta. Abbandona questo principio: verraá a mancare ogni senso religioso e ogni lealtaá, poicheâ chi intende osservare questi due valori eá destinato a patire molti dei cosiddetti mali e a sacrificare molti di quei piaceri che pure accettiamo come veri beni; 13. si perde poi la fermezza, che deve mettere se stessa alla prova; si perde la grandezza d'animo, che non puoá emergere se prima non ha disprezzato come insignificanti tutte le cose che la gente comune desidera piuá di ogni altra; si perdono la benevolenza e la gratitudine, se ci spaventa l'idea delle difficoltaá, se conosciamo qualcosa di piuá prezioso della lealtaá, se non manteniamo lo sguardo fisso al sommo bene. Seneca Epistulae morales ad Lucilium MaturitaÁ

2 Note di commento Le Epistole a Lucilio sono la piuá importante delle opere filosofiche di Seneca, scritta negli anni del ritiro dalla vita politica. Nella forma breve della lettera sono affrontati i temi privilegiati della riflessione dell'autore. In questa epistola, la 74, eá ribadita la centralitaá nella filosofia senecana della virtus, la sola in grado di assicurare la vera felicitaá elalibertaá dai capricci della sorte. Essa permette infatti al sapiens di differenziarsi dal senso comune nel valutare cioá che eá davvero un bene e cioá che non lo eá. 10. Quicumque... constituet: proposizione relativa introdotta dal relativo indefinito quicumque. ± putet: congiuntivo esortativo. ± unum esse bonum putet quod honestum est: eá il tema dell'epistola, la virtuá (honestum) come unico bene. Soltanto esso infatti assicura all'uomo la possibilitaá di non essere in fortunae potestatem, come eá detto al par. 1. ± si... existimat... iudicat: periodo ipotetico del primo tipo (oggettivitaá). ± de providentia... accidunt: come conciliare l'esistenza della provvidenza divina con la presenza del male, e in particolare con le disgrazie che toccano anche agli uomini virtuosi, eá oggetto di un dialogo specifico di Seneca, il De providentia.±quia... accidunt et quia... breve est et exiguum: proposizioni causali. ± si compares: protasi al congiuntivo (periodo ipotetico misto). Il soggetto del congiuntivo eá un ``tu'' generico di tipo retorico. Quest'uso trova ulteriore giustificazione nella presenza di un lettore interno al testo, quel Lucilio cui sono indirizzate le lettere di Seneca. 11. ut ingrati... simus: proposizione sostantiva che constata un fatto. ± querimur quod: queror eá costruito con una proposizione sostantiva introdotta da quod; il modo richiesto sarebbe l'indicativo, qui sostituito dal congiuntivo obliquo contingat, che presenta il fatto secondo il punto di vista del soggetto. ± abitura: participio futuro con valore di predestinazione (``destinati a perire''). ± quod... volumus: proposizione dichiarativa introdotta da quod con il modo all'indicativo. ± vitae... odium, timor mortis: vitae e mortis sono genitivi oggettivi; si noti il chiasmo, che segue il polisindeto nec vivere, nec mori. ± Natat omne consilium: l'espressione ha valore metaforico, ``ogni decisione nuota'' nell'incertezza. ± quod non pervenimus: proposizione epesegetica, riferita a causa (``il motivo eá che''). ± bonum immensum et insuperabile: appunto la virtuá. Si noti l'allitterazione. ± resistat: il congiuntivo (senza ut) eá retto da necesse est; in alternativa all''infinitiva. 12. virtus nullo egeat: l'autosufficienza come uno dei caratteri fondamentali della virtus eá uno dei temi privilegiati nella produzione di Seneca. ± egeat: congiuntivo dell'interrogativa indiretta introdotta da quare; egeo si costruisce con l'ablativo. ± Praesentibus... absentia: i due participi, in forte antitesi, si riferiscono ai beni. ± nihil non: le due negazioni si elidono: ``ogni cosa'' (letteralmente ``non c'eá niente che non''). ± quod satis: proposizione relativa, il quod si riferisce a nihil. ± discede: si tratta di un imperativo che sostituisce la protasi di un periodo ipotetico all'indicativo futuro, legata paratatticamente all'apodosi (``allontanati da questa principio: la pietaá verraá a mancare'', cioeá ``se ti allontani... verraá a mancare''). Per il soggetto dell'imperativo vedi nota a si compares.±non pietas... non fides: pietas ``indica lo stato dell'uomo che ha compiuto i suoi doveri verso i membri defunti e viventi, divini e umani della propria famiglia'' (A. Traina, Poeti latini e neolatini, Bologna 1975, p. 112; cfr. anche dello stesso Traina la voce pietas in Enciclopedia Virgiliana, IV, 1988, pp ). Fides, virtuá tipicamente romana, eá ``l'abbandono, al tempo stesso fiducioso e completo, di una persona a un'altra'' (M. Meslin, L'uomo romano, Milano 1981, p. 216). ± multa... bonis: altro tema ricorrente in Seneca, il ribaltamento della prospettiva del vulgus nel giudicare cioá che eá davvero un bene e cioá che non lo eá; questo punto eá ripreso piuá sotto, al par. 13 velut minuta contempsit quae pro maximis vulgus optat. ±utramque: oggetto di praestare, a sua volta retto da cupienti, si riferisce alle due virtuá della pietas e della fides. ± cupienti: dativo d'agente della perifrastica passiva multa... patienda sunt. ± ex iis quae: si riferisce a multa (``molti di quelli che sono chiamati mali''). ± multa inpendenda: altra perifrastica passiva, con l'ellissi del verbo sum. ± ex iis quibus: riferito a multa. Si noti il parallelismo con la frase precedente. ± tamquam bonis: tamquam introduce una comparativa-suppositiva, in cui eá sottinteso il verbo essere: ``come se fossero beni''. 13. Perit... perit... perit: si noti la triplice anafora, e il parallelismo perit... quae nei primi due membri del periodo, poi variato nel terzo membro in perit... si.ilsi a sua volta eá ripetuto in anafora nelle tre protasi che costituiscono il terzo e ultimo membro del periodo. ± fortitudo: come le successive magnanimitas e gratia, mantiene il proprio valore solo se si assume la virtus come unico bene. ± sui: genitivo oggettivo del pronome riflessivo, riferito al soggetto della frase (``la forza d'animo, che deve dare prova di seâ''). ± velut minuta: indica la motivazione soggettiva (``come se fossero piccolezze'', cioeá ``ritenendo piccolezze''). ± vulgus: in antitesi polemica con l'elitaria saggezza del sapiens. ± quicquam: il pronome indefinito quisquam mette in dubbio l'esistenza di qualcosa: non esiste quindi qualcosa piuá prezioso della fides. MATURITAÁ 2011 (Traduzione e commento a cura di Gianluca CaneÁ e Fabio Nanni) 2

3 Testi senecani a confronto. Sul tema del male che affligge gli uomini buoni nonostante la provvidenza (" 74, 10): De providentia, 1,1;1,4;2,1;4,8;6,1. Sul concetto di ``odio per la vita'' (" 74, 11): Epistulae morales ad Lucilium, 24, 26; 65, 18. Sull'autosufficienza della virtuá (" 74, 12): De providentia, 6,5. Sull'atteggiamento del sapiens nei confronti delle sventure, da considerare come ``esercizio di virtuá'' (" 74, 13): De providentia, 2, 3-4; 4, 1-4; 5, 4 Seneca Epistulae morales ad Lucilium MaturitaÁ

4 La vita e le opere Seneca La scuola del Portico dipinto La Scuola stoica si formò ad Atene alla fine del IV secolo a.c. Fondatore fu Zenone, nato a Cipro verso il 332 a.c. e secondo la tradizione fermatosi ad Atene a causa di un naufragio nel a.c. La scuola fu denominata Stoà dal portico dipinto (stoà poikíle) in cui il filosofo teneva le sue lezioni. La storia della Stoà è divisa in tre momenti: l antica Stoà (III-II secolo a.c.) di Zenone e dei suoi successori Cleante e Crisippo; la media Stoà (II-I secolo a.c.) di Panezio e Posidonio; la nuova Stoà, cioè lo stoicismo romano (I e II secolo d.c.). Gli scritti originali dei filosofi dell antica e media stoà sono andati quasi del tutto perduti. Conosciamo il loro pensiero dalle citazioni nelle opere di autori posteriori, soprattutto dello stoicismo romano. La filosofia stoica è divisa in tre parti: la logica, la fisica e l etica. Connessioni profonde legano le tre parti, come suggestivamente suggerisce l immagine che gli stoici davano della loro filosofia, paragonata ad un frutteto, di cui la logica costituisce il muro di cinta, la fisica gli alberi e l etica i frutti. La logica e la fisica, come nella dottrina epicurea, sono dunque finalizzate all etica. La logica Come per gli epicurei, per gli stoici l atto conoscitivo si basa sulle sensazioni, cioè sulle conoscenze fornite dai sensi. Il soggetto prova le sensazioni perché gli oggetti lasciano delle impronte sull anima. Queste impronte o impressioni, fissate dalla memoria, prendono il nome di rappresentazioni (phantasíai). Il soggetto non può non accogliere le sensazioni, ma è libero di dare loro o meno il suo assenso (synkatáthesis). L assenso è dunque il criterio di verità, messo in atto dalla ragione (lógos), che garantisce la corrispondenza tra gli oggetti e le rappresentazioni, allora definite catalettiche (katálepsis). L errore nasce da un assenso sbagliato. Dalla rappresentazione catalettica si passa al concetto, quando il lógos elabora i dati dell esperienza. La fisica L universo è infinito e costituito dal vuoto e dal cosmo. Il cosmo è un organismo vivente (ilozoismo) immenso ma finito e comprende il cielo, la terra, gli uomini, gli dei e le cose. La terra si trova al centro, circondata dall aria e poi dalla sfera del fuoco, delimitata dalla sfera celeste delle stelle fisse, che ruota da oriente ad approfondimento occidente. I vari pianeti ruotano sotto la sfera delle stelle fisse. Gli astri, che hanno natura di fuoco, sono considerati viventi e divini. L elemento primario è il fuoco, che si distingue in terra, aria e acqua. La nascita del cosmo ha quindi origine dal fuoco. La materia si differenzia grazie alle ragioni seminali, i semi generatori di tutte le cose. Se il mondo è formato dal fuoco, nel ciclo cosmico si arriva ad un punto critico, in cui il fuoco prende il sopravvento e distrugge il cosmo stesso in una conflagrazione universale (ekpýrosis), a cui però segue una rinascita o palingenesi: il nuovo cosmo avrà le stesse forme, strutture ed individui di quello precedente perché resta sempre uguale il lógos, la legge che lo dirige. Il cosmo dunque, sebbene la sua forma cambi nel tempo perché sottoposta a cicli di nascita e distruzione, è eterno nella sostanza. Per gli stoici tutto ciò che esiste è corpo, perché è reale solo ciò che può produrre o subire un azione. Sono dunque corpi anche gli dei, l anima, le qualità morali. È corpo anche il principio attivo, il pneuma, il soffio infuocato che riscalda e dà vita alla realtà. Il pneuma può penetrare il cosmo, che pure è materia, per il principio della commistione totale dei corpi: i corpi sono divisibili all infinito e le parti di un corpo possono penetrare in quelle di un altro. Ogni parte del cosmo è concatenata alle altre (simpatia cosmica). Il principio attivo coincide con Dio, che forma e dispone le cose. Si tratta della prima formulazione esplicita di panteismo (identificazione del cosmo con Dio). Ma se esiste un piano d ordine necessario e finalizzato, una provvidenza divina (prónoia) che è destino ineluttabile, anche l uomo ne è coinvolto. La sua volontà non è dunque libera. Seneca, nell Oedipus, farà dire al coro: è il fato che ci trascina, cedete al fato. La vera libertà, quella del saggio, è sapersi uniformare alla volontà del lógos. L etica Lo scopo della vita è la felicità, che si raggiunge vivendo secondo natura. Seneca affermerà l equivalenza tra vivere felicemente e vivere secondo natura (De vita beata, 8,2). Per vivere felici va attuato il principio di conservazione (oikéiosis), che porta l uomo ad evitare ciò che lo danneggia (il male) e ad appropriarsi di ciò che gli giova (il bene). Come affermava Zenone, la virtù è una disposizione coerente. La virtù va cercata per se stessa perché è nella virtù che consiste la felicità. Copyright 2010 Zanichelli editore S.p.A., Bologna [9308] Questo file è una estensione online del corso A. Perutelli, G. Paduano, E. Rossi, Storia e testi della letteratura latina, Zanichelli

5 L età giulio-claudia Il bene e il male sono il bene e il male morali. Tutto ciò che non porta né vantaggio né danno è indifferente (adiáphoron). Il male nasce dalle passioni, che sono malattie dell anima, che vanno sradicate. Il saggio saprà annientare le passioni sul nascere e per questo il suo animo non proverà turbamento. Crisippo affermava che l anima del sapiente non è mai turbata. Il sapiente è forte perché non può provare dolore, essendo il dolore un turbamento dell anima. La condizione di impassibilità del saggio è detta apatia (apátheia). La felicità consiste nell apatia. Il saggio è felice perché sa che le cose esterne non possono costituire impedimenti al suo stato di beatitudine. Seneca individuerà proprio nel ricorso alla filosofia il mezzo attraverso il quale l uomo può conquistare una libertà interiore, grazie anche alla sua volontà. Nei comportamenti umani si distinguono le azioni morali perfette, le azioni medie e le azioni viziose. Solo i saggi e i filosofi sono capaci di azioni perfette. La maggior parte degli uomini è capace di azioni medie, di azioni cioè convenienti perché possono assolvere i doveri. L esercizio del dovere (kathékon) nel saggio dà luogo ad un azione morale perfetta mentre negli uomini ad azioni convenienti (rispettare i genitori, onorare la patria, etc.). Ancora Crisippo sosteneva che il saggio fa bene ogni cosa perché sa servirsi convenientemente delle esperienze della vita. I doveri sociali rendono l uomo un animale comunitario: l istinto di conservazione non si limita solo all individuo ma si allarga alla famiglia e alla collettività. La saggezza e l ignoranza sono i parametri per definire un uomo libero o schiavo. La schiavitù diventa un aspetto relativo all interiorità. La schiavitù come istituto è dunque superata, in nome dell uguaglianza strutturale degli uomini. 78 Copyright 2010 Zanichelli editore S.p.A., Bologna [9308] Questo file è una estensione online del corso A. Perutelli, G. Paduano, E. Rossi, Storia e testi della letteratura latina, Zanichelli 2010

Dal Cinismo al Neoplatonismo Volume 2 sk 2.5.4 Lo Stoicismo antico pag. 1

Dal Cinismo al Neoplatonismo Volume 2 sk 2.5.4 Lo Stoicismo antico pag. 1 Lo Stoicismo antico pag. 1 Il logos come fondamento dell etica La parte più significativa e più viva della filosofia del Portico è l etica: infatti con il loro messaggio morale gli Stoici, per oltre mezzo

Dettagli

CHE COS E LO STOICISMO

CHE COS E LO STOICISMO CHE COS E LO STOICISMO La Scuola stoica Le origini dello stoicismo risalgono all inizio del III secolo a.c., quando un fenicio, Zenone di Cizio (333-263 a.c.), dopo aver frequentato ad Atene filosofi accademici,

Dettagli

PUNTI CHIAVE IN ORDINE CRONOLOGICO- DELLA FILOSOFIA E DEI SUOI MAGGIORI ESPONENTI UNA SORTA DI RIASSUNTO DEL PROGRAMMA DELLA 4 LICEO

PUNTI CHIAVE IN ORDINE CRONOLOGICO- DELLA FILOSOFIA E DEI SUOI MAGGIORI ESPONENTI UNA SORTA DI RIASSUNTO DEL PROGRAMMA DELLA 4 LICEO www.aliceappunti.altervista.org PUNTI CHIAVE IN ORDINE CRONOLOGICO- DELLA FILOSOFIA E DEI SUOI MAGGIORI ESPONENTI UNA SORTA DI RIASSUNTO DEL PROGRAMMA DELLA 4 LICEO 1) CUSANO: (DA CUSANO A KANT) Conoscenza

Dettagli

Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13

Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13 Liceo Scientifico di Stato G. BATTAGLINI 74100 TARANTO C.so Umberto I,106 Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13 Testo in adozione: Abbagnano Fornero La ricerca del pensiero, 2B, Paravia

Dettagli

filosofia minima 2014 2015 conoscenza, etica, estetica

filosofia minima 2014 2015 conoscenza, etica, estetica filosofia minima 2014 2015 conoscenza, etica, estetica EPICURO 341-271 etica: note preliminari al termine diversa etimologia: etica (ethos greco ) morale (mos latino ) identico significato: studio di azioni,

Dettagli

Epicuro LETTERA A MENECEO

Epicuro LETTERA A MENECEO Epicuro LETTERA A MENECEO Meneceo, Non si è mai troppo giovani o troppo vecchi per la conoscenza della felicità. A qualsiasi età è bello occuparsi del benessere dell'anima. Chi sostiene che non è ancora

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

La nascita della filosofia in Grecia

La nascita della filosofia in Grecia La nascita della filosofia in Grecia Zenone di Elea o di Cizio Socrate Platone Aristotele Anassimandro Parmenide Empedocle Pitagora Filosofi PRESOCRATICI??? Eraclito Filosofi PRESOFISTI?? Filosofi PREPLATONICI???

Dettagli

La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno. La Riforma protestante e il principio del libero esame delle Scritture

La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno. La Riforma protestante e il principio del libero esame delle Scritture Programma di Filosofia Classe IV A A.S. 2012/2013 La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno All alba della modernità Che cos è l Umanesimo? Che cos è il Rinascimento? La Riforma

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA ASSISTEST 2015 ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA Di cosa ci occuperemo? 2 Saperi essenziali richiesti dal bando: - Elementi di storia del pensiero filosofico: Glossario - Scetticismo - Kant - Marxismo

Dettagli

V INCONTRO. L atto di FEDE

V INCONTRO. L atto di FEDE V INCONTRO L atto di FEDE Siamo al quinto incontro. Come per tutte le altre volte vogliamo fare un riassunto delle puntate precedenti. Per questo lavoro chiediamo l aiuto di un personaggio conosciuto a

Dettagli

TEMA 9: L'IMMORTALITÀ. Tema 9/2: Immortalità, reincarnazione, perpetuità. Platone, Fedone 66b 1-68b 8. Rusconi, Milano 1997, pp. 113-119.

TEMA 9: L'IMMORTALITÀ. Tema 9/2: Immortalità, reincarnazione, perpetuità. Platone, Fedone 66b 1-68b 8. Rusconi, Milano 1997, pp. 113-119. TEMA 9: L'IMMORTALITÀ Tema 9/2: Immortalità, reincarnazione, perpetuità Platone, Fedone 66b 1-68b 8. Rusconi, Milano 1997, pp. 113-119. , PLATONE FEDONE Prefazione, saggio introduttivo, traduzione, note,

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: V B Indirizzo:

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

ITALIANO, STORIA E GEOGRAFIA, LATINO E GRECO ITALIANO

ITALIANO, STORIA E GEOGRAFIA, LATINO E GRECO ITALIANO ITALIANO, STORIA E GEOGRAFIA, LATINO E GRECO PRIMO BIENNIO ITALIANO OBIETTIVI -Conoscenza delle strutture fondamentali della lingua italiana e delle sue relazioni con le altre lingue oggetto di studio,

Dettagli

Senecio. Direttore Emilio Piccolo. Redazione Sergio Audano, Gianni Caccia, Maria Grazia Caenaro Claudio Cazzola, Lorenzo Fort, Letizia Lanza

Senecio. Direttore Emilio Piccolo. Redazione Sergio Audano, Gianni Caccia, Maria Grazia Caenaro Claudio Cazzola, Lorenzo Fort, Letizia Lanza Senecio Direttore Emilio Piccolo Redazione Sergio Audano, Gianni Caccia, Maria Grazia Caenaro Claudio Cazzola, Lorenzo Fort, Letizia Lanza Saggi, enigmi, apophoreta Senecio www.senecio.it mc7980@mclink.it

Dettagli

L impostazione dottrinaria del De rerum natura

L impostazione dottrinaria del De rerum natura L impostazione dottrinaria del De rerum natura LA LIBERAZIONE DALLA PAURA E DAL DOLORE: l obiettivo principale del poeta è quello di aiutare gli uomini ad ottenere un bene inestimabile, la serenità interiore

Dettagli

Contratto Formativo Individuale

Contratto Formativo Individuale Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2010 2011 Contratto Formativo Individuale Classe: 1ª Sez: F Materia: Latino Docente: Annalisa Campanaro Capacità 1.ANALISI DELLA CLASSE: sufficienti

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

Teorie Etiche - Kant

Teorie Etiche - Kant Teorie Etiche - Kant Gianluigi Bellin January 27, 2014 Tratto dalla Stanford Encyclopedia of Philosophy online alle voce Kant s Moral Philosophy. La filosofia morale di Immanuel Kant Immanuel Kant, visse

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI LATINO (SCIENTIFICO)

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI LATINO (SCIENTIFICO) Pagina 1 di 6 DIPARTIMENTO DI LETTERE MATERIA LATINO CLASSE II CLASSI SECONDE SCIENTIFICO Testo adottato: N. Flocchini et al., Lingua e cultura latina, Bompiani 2012 DOCENTE *Le lezioni indicate fan riferimento

Dettagli

Il risarcimento equitativo.

Il risarcimento equitativo. Il risarcimento equitativo. Firenze, 26 novembre 2013. Corso di Diritto civile Prof. Giuseppe Vettori Mario Mauro Abstract Rapporto tra risarcimento equitativo e principio di integrale riparazione del

Dettagli

www.stephankampowski.com/corsi.html

www.stephankampowski.com/corsi.html Introduzione alla teologia moral fondamentale Prof. Stephan Kampowski Email: kampowski@istitutogp2.it Ufficio: 06 698 95 539 Dopo la lezione le diapositive saranno disponibile qui: www.stephankampowski.com/corsi.html

Dettagli

Cosimo Costa L UMANO RIUSCITO. Una ermeneusi dei Ricordi di Marco Aurelio

Cosimo Costa L UMANO RIUSCITO. Una ermeneusi dei Ricordi di Marco Aurelio Cosimo Costa L UMANO RIUSCITO Una ermeneusi dei Ricordi di Marco Aurelio Presentazione Firmo, ancora una volta, una breve presentazione ad un lavoro fuori registro per la corrente letteratura pedagogica.

Dettagli

I PROGETTI PROGETTO MUSICA

I PROGETTI PROGETTO MUSICA I PROGETTI I progetti di lavoro fanno parte dei programmi rivolti ai bambini da tre a sei anni. Progetto di lavoro per indicare gli studi approfonditi che, piccoli gruppi di bambini, portano avanti su

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

Le filosofie ellenistiche. Sintesi

Le filosofie ellenistiche. Sintesi Le filosofie ellenistiche. Sintesi A) Contesto socio-politico e culturale. Età ellenistica = periodo dopo la morte di Alessandro Magno (323 a.c.), il quale aveva unificato il mondo antico sotto la cultura

Dettagli

M. Heidegger, Che cosa significa pensare (1954), Sugarco, Milano, 1988, pp. 77-78

M. Heidegger, Che cosa significa pensare (1954), Sugarco, Milano, 1988, pp. 77-78 M. Heidegger, Che cosa significa pensare (1954), Sugarco, Milano, 1988, pp. 77-78 Gli ultimi uomini ammiccano. Che cosa significa? Ammiccare ha a che fare con scintillare, splendere, apparire. Ammiccare

Dettagli

Liceo Scientifico Statale. Leonardo da Vinci. Vairano Scalo

Liceo Scientifico Statale. Leonardo da Vinci. Vairano Scalo Liceo Scientifico Statale Leonardo da Vinci Vairano Scalo Programmazione didattica ed educativa A.S. 2015-16 Docente: De Sisto Annamaria Materia : Latino Classe II B 1) Profilo della classe e situazione

Dettagli

Il solo male che in questa terra possa

Il solo male che in questa terra possa Vincere la passione e fuggire le occasioni Il solo male che in questa terra possa veramente meritare questo nome è il peccato. Se potessimo vedere lo stato di un anima in peccato, sarebbe impossibile per

Dettagli

DISAGIO E DIPENDENZA

DISAGIO E DIPENDENZA DISAGIO E DIPENDENZA Scuola media di Selvino anno scolastico 2008-2009 Dott. Gian Battista Marchesi Presentazione del corso Tre incontri di due ore per ogni singola classe Primo incontro: Linee di confine

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

I.I.S. SEVERI-CORRENTI

I.I.S. SEVERI-CORRENTI I.I.S. SEVERI-CORRENTI Indirizzo Liceo Scientifico Via Alcuino, 4 Milano Anno scolastico 2014/ 2015 CLASSE 2^ SEZIONE D PROGRAMMA DI LATINO Testi in adozione: Grammatica: N. Flocchini, P. Guidotti Bacci,

Dettagli

12. Gli epitomatori di Livio

12. Gli epitomatori di Livio 12. Gli epitomatori di Livio Il racconto di Valerio Massimo I nove libri di exempla di Valerio Massimo (I secolo d.c.) erano un vasto prontuario di episodi significativi, ripartiti in molte rubriche, ad

Dettagli

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA Nella redazione degli elaborati di esame è di fondamentale importanza porre molta attenzione alla scrittura, sotto tutti i profili: grafico, ortografico, semantico e stilistico.

Dettagli

Individui che conservano, individui che trasformano

Individui che conservano, individui che trasformano Lettura 7 Georg Wilhelm Friedrich Hegel Individui che conservano, individui che trasformano G.W.F. Hegel, Lezioni sulla filosofia della storia, trad. di G. Calogero e C. Fatta, vol. I, Firenze, La Nuova

Dettagli

LABORATORI DI GENOVA 2015/2016

LABORATORI DI GENOVA 2015/2016 LABORATORI DI GENOVA 2015/2016 Introduzione Quest anno, i laboratori organizzati dall AISTAP avranno una specifica finalità e saranno rivolti agli studenti appassionati dei diversi argomenti proposti.

Dettagli

1Pt 1,3-2,3: Santi ad immagine del Santo che ci ha chiamati

1Pt 1,3-2,3: Santi ad immagine del Santo che ci ha chiamati 1Pt 1,3-2,3: Santi ad immagine del Santo che ci ha chiamati 3 Benedetto (sia) Dio e Padre del Signore nostro, Gesù Cristo, che nella sua grande misericordia ci ha rigenerati per una speranza vivente mediante

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO SCIENTIFICO. da conseguire alla fine del II anno relativamente all asse culturale:

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO SCIENTIFICO. da conseguire alla fine del II anno relativamente all asse culturale: PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO SCIENTIFICO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA LINGUA E LETTERE LATINE Competenze da conseguire alla fine del II anno relativamente all

Dettagli

IL PENSIERO SOCRATICO NEL COACHING. «Primum vivere, deinde philosophari»

IL PENSIERO SOCRATICO NEL COACHING. «Primum vivere, deinde philosophari» IL PENSIERO SOCRATICO NEL COACHING «Primum vivere, deinde philosophari» «PASSIONE» : ciò che è stato scritto senza passione, verrà letto senza piacere «SOCRATE» Per questa occupazione non ho tempo di fare

Dettagli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Parrocchia S.Maria della Clemenza e S. Bernardo COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Si consiglia una lettura graduale, riflettendo su una o due domande

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO

ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO NO SI REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO Per cominciare Che cosa è un dibattito argomentativo 1. Un dibattito argomentativo è un dialogo

Dettagli

La bioetica tra fede e ragione

La bioetica tra fede e ragione La bioetica tra fede e ragione PROF. ANDREA PORCARELLI D o c e n t e d i P e d a g o g i a g e n e r a l e e s o c i a l e a l l U n i v e r s i t à d i P a d o v a D o c e n t e d i E t i c a g e n e

Dettagli

OPPOSITORI HEGELISMO. Arthur Schopenhauer (1788-1861) ELVIRA VALLERI 2010-11

OPPOSITORI HEGELISMO. Arthur Schopenhauer (1788-1861) ELVIRA VALLERI 2010-11 OPPOSITORI HEGELISMO Arthur Schopenhauer (1788-1861) 1 Arthur Schopenhauer Danzica, il padre era un banchiere, la madre una scrittrice 1818 pubblica Il mondo come volontà e rappresentazione 1851 pubblica

Dettagli

VII. DELLA FILOSOFIA SECONDO GLI STOICI. LA LOGICA

VII. DELLA FILOSOFIA SECONDO GLI STOICI. LA LOGICA VII. DELLA FILOSOFIA SECONDO GLI STOICI. LA LOGICA 1. Oggetto della Filosofia e sue parti - 2. La Logica: il criterio della verità - 3. Concetti ontologici degli Stoici. 1. - La Filosofia è la ricerca

Dettagli

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16 Paternità di Dio Provvidenza San Giovanni Calabria, prendendo alla lettera il vangelo, ha vissuto e ci ha trasmesso uno

Dettagli

La felicità consumata di Zygmunt Bauman

La felicità consumata di Zygmunt Bauman La felicità consumata di Zygmunt Bauman Il paper si propone di analizzare Il pensiero di Bauman sulla felicità individuale e sociale attraverso gli scritti dell ultimo decennio, cercando di coglierne gli

Dettagli

Ramón Lucas Lucas SPIEGAMI. la persona

Ramón Lucas Lucas SPIEGAMI. la persona Ramón Lucas Lucas SPIEGAMI la persona 2012 Edizioni ART Titolo originale dell opera Explícame la persona 2ª edizione 2012 Via dei Del Balzo, 10-00165 ROMA Tel. 06 66 52 77 84 Fax 06 66 52 79 07 E- mail:

Dettagli

Cominciamo a comprendere che ciò che intende la Parola di Dio per elemosina ha poco a che vedere con ciò che spesso intendiamo noi.

Cominciamo a comprendere che ciò che intende la Parola di Dio per elemosina ha poco a che vedere con ciò che spesso intendiamo noi. L'elemosina o la misericordia verso gli uomini Secondo la Bibbia l'elemosina è gesto di bontà dell'uomo per il suo fratello, essa è imitazione degli atti di Dio che, per primo ha mostrato bontà verso l'uomo.

Dettagli

Servizio Sanitario della Toscana GUIDA PER IL PERSONALE DEDICATO AI RAPPORTI CON IL PUBBLICO URP. Ufficio Relazioni col Pubblico Tutela del Cittadino

Servizio Sanitario della Toscana GUIDA PER IL PERSONALE DEDICATO AI RAPPORTI CON IL PUBBLICO URP. Ufficio Relazioni col Pubblico Tutela del Cittadino Servizio Sanitario della Toscana GUIDA PER IL PERSONALE DEDICATO AI RAPPORTI CON IL PUBBLICO URP Ufficio Relazioni col Pubblico Tutela del Cittadino PER IL PERSONALE DEDICATO AI RAPPORTI CON IL PUBBLICO

Dettagli

FILOSOFIA ELLENISTICA

FILOSOFIA ELLENISTICA FILOSOFIA ELLENISTICA 323 a.c. morte di Alessandro Magno inizio età ellenistica 322 a.c. morte di Aristotele Perché l impresa di Alessandro Magno (sottomissione delle polis e formazione di un impero che

Dettagli

apertamente, scambiarsi idee, ragionare sui valori, allargare i propri orizzonti, raccontare la propria giornata e perché no? anche pregare tutti

apertamente, scambiarsi idee, ragionare sui valori, allargare i propri orizzonti, raccontare la propria giornata e perché no? anche pregare tutti Presentazione Diventare genitori è sicuramente un immenso dono di Dio, da accogliere con partecipazione e buona volontà. Purtroppo nessuno insegna ad una coppia di neo-genitori come educare i propri figli;

Dettagli

Giovanni Paolo II. MeMorIa e IdentItà. Introduzione di. Joseph ratzinger Benedetto XVI

Giovanni Paolo II. MeMorIa e IdentItà. Introduzione di. Joseph ratzinger Benedetto XVI Giovanni Paolo II MeMorIa e IdentItà Introduzione di Joseph ratzinger Benedetto XVI Proprietà letteraria riservata 2005 Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2005 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN

Dettagli

LA QUERCIA CADUTA. FRA GRAMMATICA E SIMBOLI IN UNA POESIA DI GIOVANNI PASCOLI. di Gaetano Chiappini

LA QUERCIA CADUTA. FRA GRAMMATICA E SIMBOLI IN UNA POESIA DI GIOVANNI PASCOLI. di Gaetano Chiappini LA QUERCIA CADUTA. FRA GRAMMATICA E SIMBOLI IN UNA POESIA DI GIOVANNI PASCOLI di Gaetano Chiappini La vecchia grande quercia è stata abbattuta e ora non darà più ombra né sfiderà la forza del vento e dei

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A LICEO SCIENTIFICO STATALE "Donato Bramante" Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) MPI: MIPS25000Q - Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97290566 Sito: www.liceobramante.gov.it - E-mail: mips25000qistruzione.it

Dettagli

Schopenhauer. a cura di Pietro Gavagnin www.pgava.net

Schopenhauer. a cura di Pietro Gavagnin www.pgava.net Schopenhauer 1788 1860 a cura di Pietro Gavagnin www.pgava.net Per una definizione di irrazionalismo: Per irrazionalismo si intende un atteggiamento di pensiero che esalta unicamente le facoltà extra-razionali

Dettagli

Breve storia dell ottica

Breve storia dell ottica Breve storia dell ottica E. Modica erasmo@galois.it Istituto Provinciale di Cultura e Lingue Ninni Cassarà A.S. 2010/2011 Osservazioni La Genesi In principio Dio creò il cielo e la terra. La terra era

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE 11 November 2014 COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Ti sei mai chiesto perché alcune persone falliscono in tutto quello che

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandria d Egitto, dove i suoi genitori, che erano originari di Lucca, si erano trasferiti in quanto il padre lavorava alla realizzazione del

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento)

PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE P. LEVI PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento) LINGUA E CULTURA LATINA / Primo biennio / Secondo biennio / Quinto anno

Dettagli

RELIGIOSITA', RELIGIONE, FEDE

RELIGIOSITA', RELIGIONE, FEDE RELIGIOSITA', RELIGIONE, FEDE Quando discutiamo di religione a volte si ha l'impressione di non esserci spiegati abbastanza e di non capirci. Spesso le premesse dei nostri discorsi su Dio, sulle diverse

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BIOETICA

INTRODUZIONE ALLA BIOETICA INTRODUZIONE ALLA BIOETICA Nel presentare il tema introduzione alla bioetica che ho tenuto il 18 maggio scorso presso la Comunità dei Padri Camilliani di Macchia-Monte Sant Angelo, ho iniziato parlando

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

COME (NON) SI FA UNA TESINA PER L ESAME DI STATO

COME (NON) SI FA UNA TESINA PER L ESAME DI STATO COME (NON) SI FA UNA TESINA PER L ESAME DI STATO MAURIZIO LAZZARINI DIRIGENTE SCOLASTICO LICEO FERMI BOLOGNA La normativa (O.M.42/2011) ART. 16 COLLOQUIO 1. Il colloquio deve svolgersi in un'unica soluzione

Dettagli

FORMAZIONE DELL UOMO E EDUCAZIONE COSMICA (Dalle conferenze tenute da M.M. al congresso di San Remo del 1949 e da alcuni saggi pubblicati dal 1949 al 1951 e riportati nel quaderno del Consiglio Regionale

Dettagli

BIOETHICA Collana di Studi e testi 6

BIOETHICA Collana di Studi e testi 6 BIOETHICA Collana di Studi e testi 6 Ai miei genitori e ai miei fratelli e sorelle, con grande affetto José María Antón, L.C. LA FECONDAZIONE IN VITRO, CONTRO NATURA? Alcune riflessioni etiche IF PRESS

Dettagli

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Dio e il dolore Può Dio soffrire? Particolare risalto nell imminenza del Pasqua. Un vero problema

Dettagli

INDICE. Lettera da Eugenio Corti. Insieme per costruire. Una responsabilità di tutti. Il nome e il logo della Fondazione.

INDICE. Lettera da Eugenio Corti. Insieme per costruire. Una responsabilità di tutti. Il nome e il logo della Fondazione. 1 INDICE 5 Lettera da Eugenio Corti 7 Insieme per costruire 9 Una responsabilità di tutti 11 Il nome e il logo della Fondazione 14 La nostra Mission 15 I nostri obiettivi 17 Istituto Culturale Don Carlo

Dettagli

e r i v a c l I www.madremisericordia.it/finestre/3stelle.asp

e r i v a c l I www.madremisericordia.it/finestre/3stelle.asp a c l I s l te lo dei tuoi an n i v e r d i ARCHIVIO www.madremisericordia.it/finestre/3stelle.asp 1 Stai per addentrarti in un affascinante viaggio alla scoperta di 3 Stelle. Come in ogni favola non può

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Caspar David Friedrich

Caspar David Friedrich Caspar David Friedrich Friedrich (1774-1840) è il pittore tedesco che per primo entrò nel clima del romanticismo tedesco. La Germania ebbe un ruolo fondamentale nella definizione delle teorie romantiche

Dettagli

E il Signore ci dice:

E il Signore ci dice: E il Signore ci dice: mettetevi sulla strada buona (Paolo VI) Itinerario quaresimale con i Papi del Concilio Vaticano II: Giovanni XXIII e Paolo VI A cura di Mons. Battista Rinaldi Consulenza redazionale

Dettagli

soggettive.notebook November 20, 2014

soggettive.notebook November 20, 2014 PROPOSIZIONI SOGGETTIVE sono dette anche completive, perché completano il senso della frase reggente. L'informazione contenuta nella proposizione soggettiva è il soggetto della frase reggente COMPONI due

Dettagli

la sacralità del cadavere, anche a costo di non garantire il trapianto degli organi in tutti i casi in cui esso sia tecnicamente possibile.

la sacralità del cadavere, anche a costo di non garantire il trapianto degli organi in tutti i casi in cui esso sia tecnicamente possibile. I TRAPIANTI Diversamente dall eutanasia, il tema dei trapianti ha una storia più recente. Esso è anzi legato alle prospettive aperte dalla cultura medica nella nostra contemporaneità. Oggi è possibile

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

Giornata internazionale della Donna

Giornata internazionale della Donna Giornata internazionale della Donna ( venerdì 8 marzo 2013 ) «Tutto ciò che si fa alla Natura, si fa alle donne, e tutto ciò che si fa alla donne, si fa alla Natura. La donna e la Natura sono un tutt uno.»

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

studi superiori / 1006 studi storici

studi superiori / 1006 studi storici Giangiulio_stampa_CS5.indd 1 04/09/15 16:30 Giangiulio_stampa_CS5.indd 2 04/09/15 16:30 studi superiori / 1006 studi storici Giangiulio_stampa_CS5.indd 3 04/09/15 16:30 I lettori che desiderano informazioni

Dettagli

ETICA AMBIENTALE. UNA PANORAMICA Università degli Studi di Bergamo 23 Maggio 2015, Bergamo. Matteo Andreozzi, PhD Università degli Studi di Milano

ETICA AMBIENTALE. UNA PANORAMICA Università degli Studi di Bergamo 23 Maggio 2015, Bergamo. Matteo Andreozzi, PhD Università degli Studi di Milano ETICA AMBIENTALE. UNA PANORAMICA Università degli Studi di Bergamo 23 Maggio 2015, Bergamo Matteo Andreozzi, PhD Università degli Studi di Milano COS È L ETICA? PRINCIPI E REGOLE DI COMPORTAMENTO ADOTTATE

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia Preghiere di Benedizione e di Liberazione per la famiglia Collana: La Santa Famiglia Testi: Padre Felice Traversa Editrice Shalom - 9.3.2000 Santa Francesca Romana Disegni: Padre Gianfranco Verri ISBN

Dettagli

CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI

CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI SOMMARIO: 1. I soggetti religiosi. Premessa 2. Le persone fisiche 3. Gli enti religiosi (rinvio) 4. Le confessioni religiose *** 1. I SOGGETTI RELIGIOSI. PREMESSA I soggetti

Dettagli

Docente: massimo gomiero Testi in adozione: N. Abbagnano G. Fornero, Itinerari di Filosofia, Milano 2003

Docente: massimo gomiero Testi in adozione: N. Abbagnano G. Fornero, Itinerari di Filosofia, Milano 2003 PROGRAMMA DI FILOSOFIA Classe II liceo classico Docente: massimo gomiero Testi in adozione: N. Abbagnano G. Fornero, Itinerari di Filosofia, Milano 2003 IL NEOPLATONISMO Plotino Dai molti all Uno, dall

Dettagli

Amare il rischio Amare gli altri. Amare l amato. Amare la vita Amare il mondo

Amare il rischio Amare gli altri. Amare l amato. Amare la vita Amare il mondo Amare il rischio Amare gli altri Amare l amato Amare la vita Amare il mondo Amare l amato In ognuno di noi è forte il desiderio di amore: la fame e la sete di amicizia, di intimità, di unione e di comunione

Dettagli

Che barba che noia, che noia che barba

Che barba che noia, che noia che barba Che barba che noia, che noia che barba Quali messaggi nella noia dei nostri figli Scuola Materna Regina Pacis - San Martino in Rio RE 10 aprile 2013 O assenza contemporanea di dolore come di piacere O

Dettagli

L'ETÀ ELLENISTICA ED IL NEOPLATONISMO

L'ETÀ ELLENISTICA ED IL NEOPLATONISMO L'ETÀ ELLENISTICA ED IL NEOPLATONISMO Argomenti L'età ellenistica Lo Stoicismo Epicuro e l'epicureismo Lo scetticismo Plotino ed il neoplatonismo L'ETÀ ELLENISTICA Influssi della cultura orientale sul

Dettagli

Hegel, La famiglia. Hegel, La storia è manifestazione di Dio

Hegel, La famiglia. Hegel, La storia è manifestazione di Dio Hegel, La famiglia La famiglia è il primo momento dell eticità, cioè della condivisione oggettiva di valori morali. l eticità nel suo momento immediato e naturale ; è la prima forma della negazione dell

Dettagli

GIACOMO LEOPARDI. LEOPARDI.notebook

GIACOMO LEOPARDI. LEOPARDI.notebook GIACOMO LEOPARDI una famiglia di rango nobiliare da...(nasce)... a Recanati nel 1798 PADRE il conte Monaldo Leopardi: uomo molto colto; aveva messo insieme una notevole biblioteca; l'orientamento politico

Dettagli

1. una scelta responsabile

1. una scelta responsabile 1.a tappa : preparazione al Battesimo Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 1. una scelta responsabile Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Coloro che li sentivano raccontare

Dettagli

Programmazione annuale IRC a.s. 2015-2016 Insegnante: Davide Russo

Programmazione annuale IRC a.s. 2015-2016 Insegnante: Davide Russo Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Croce Coperta e Dozza Programmazione annuale IRC a.s. 2015-2016 Insegnante: Davide Russo Classi 1A, 1B; 2A, 2B; 3A, 3B; 4A, 4B; 5A, 5B Croce Coperta

Dettagli

UN LIBRO PER DUE RELIGIONI

UN LIBRO PER DUE RELIGIONI UN LIBRO PER DUE RELIGIONI La Bibbia è un libro il cui contenuto è considerato sacro sia dalla religione ebraica sia dalla religione cristiana. Le prime comunità cristiane conoscevano come libro sacro

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO: IRC

PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO: IRC INDIRIZZO: TUTTI GLI INDIRIZZI MODULI o UNITA DIDATTICHE: 1. LA RELIGIONE A SCUOLA (Introduzione all IRC) Riconoscere l universalità della esperienza religiosa come componente importante nella storia e

Dettagli

Centro studi Hermeneia. Dispense di lingua. Analisi, costruzione e traduzione di un testo latino

Centro studi Hermeneia. Dispense di lingua. Analisi, costruzione e traduzione di un testo latino Dispense di lingua latina I Analisi, costruzione e traduzione di un testo latino Centro studi Hermeneia 1 Sommario Esempio di traduzione di un testo latino... 3 Lettura: Marcello viene sconfitto duramente

Dettagli