PREMESSA CAPITOLO 10 CONCORDATO PREVENTIVO N. 58/2011 ESECUZIONE DEL PIANO: LA CONVENIENZA FONDAZIONE CENTRO SAN RAFFAELE DEL MONTE TABOR

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "10.1.- PREMESSA CAPITOLO 10 CONCORDATO PREVENTIVO N. 58/2011 ESECUZIONE DEL PIANO: LA CONVENIENZA FONDAZIONE CENTRO SAN RAFFAELE DEL MONTE TABOR"

Transcript

1 CAPITOLO 10 ESECUZIONE DEL PIANO: LA CONVENIENZA PREMESSA Nel panorama della nuova disciplina fallimentare e, in particolare, in quello del concordato preventivo, l importanza determinante del ruolo dei creditori ai fini dell approvazione della proposta (presupposto imprescindibile per la successiva omologazione) si esplica essenzialmente nella valutazione della convenienza della proposta stessa: tale valutazione, vigente la precedente normativa era rigorosamente sottoposta al vaglio anche dell Autorità giudiziaria, in tutte le fasi della procedura concordataria, mentre allo stato attuale della legislazione è prerogativa del ceto creditorio. È per questo che, all interno della relazione ex art. 172 L.F., le valutazioni espresse dai Commissari circa la convenienza rappresentano uno capisaldi del lavoro che essi sono chiamati a svolgere. Ciò perché, in sintesi: - le valutazioni sulla fattibilità del piano sono soggette al vaglio discrezionale (nei soli limiti della discrezionalità giurisdizionale) del Tribunale, in sede del giudizio di omologazione, - le valutazioni sulla convenienza sono oggetto di giudizio senza appello che si estrinseca nelle manifestazioni di voto dei creditori. RELAZIONE DEI COMMISSARI GIUDIZIALI EX ART. 172 LF - PAG. 378

2 Ora, per consentire ai creditori l esercizio del diritto di voto in piena consapevolezza ed informazione, è necessario che la relazione esprima, secondo il libero e cosciente convincimento del collegio dei Commissari (formato all esito di adeguato scrutinio e basato sulle informazioni e sui documenti messi a disposizione, da parte di Fondazione e dei suoi consulenti ed advisors), un quadro chiaro ed articolatamente rappresentato circa la sussistenza del requisito della convenienza della proposta concordataria. La presente procedura riguarda un numero significativo di creditori, rispetto a quanto di norma accade in un concordato preventivo e, probabilmente, molti di essi potrebbero non fare ricorso ad una assistenza tecnica per formarsi il suddetto convincimento circa la convenienza per i propri interessi della proposta concordataria: conseguentemente, per consentire ai creditori meno attrezzati, di esprimere la propria manifestazione di voto, si reputa utile dare una indicazione semplice e chiara del percorso valutativo che il creditore è chiamato a compiere per decidere se aderire o no alla proposta. Il riferimento normativo è l art. 180, 4 comma L.F., che, nel delineare il concetto normativo di convenienza (sia pure riferito ad altro contesto, ma certo di valore generale) lo individua nel giudizio secondo cui il credito possa risultare soddisfatto dal concordato in misura non inferiore alle alternative concretamente praticabili. La convenienza del concordato è dunque il risultato di un giudizio prognostico in forza del quale il creditore matura il convincimento che il grado di soddisfacimento del proprio diritto di credito per effetto della esecuzione del concordato sarà superiore rispetto a quello che si potrebbe realizzare laddove il concordato non fosse omologato. Per chiarire più precisamente il concetto e per delineare in maniera più puntuale il ruolo dei commissari appaiono ancora necessarie due ulteriori precisazioni. La prima, attiene alla necessità di illustrare gli effetti della mancata omologa (cioè la situazione che il legislatore con una formulazione molto neutra sintetizza nell espressione alternative concretamente praticabili, certo a voler sottolineare che, nel nuovo sistema, a differenza di quanto accadeva nella vigenza della legge del 1942, la mancata omologazione del concordato non comporta la pronuncia di diritto della sentenza dichiarativa di RELAZIONE DEI COMMISSARI GIUDIZIALI EX ART. 172 LF - PAG. 379

3 fallimento, o di quella dichiarativa dell insolvenza e prodromica all amministrazione straordinaria). Esclusivamente per chiarezza dei creditori che hanno minor dimestichezza tecnica con la materia fallimentare, appare forse opportuno puntualizzare che, nella fattispecie concreta, il percorso procedimentale sarebbe invece già segnato: ciò per la semplice ragione che, come viene illustrato in materia limpida nel decreto di ammissione alla presente procedura (cfr. specificamente par. 8.2, pag. 13), nella fattispecie concreta la proposta di concordato è intervenuta già pendente una istanza di fallimento, su iniziativa della Procura della Repubblica di Milano, e su detta istanza il Tribunale ha correttamente ritenuto di non potersi pronunciare, reputandola pregiudicata dalla sopravvenuta proposta concordataria. Sicché risulterebbe processualmente inevitabile che, ove mai la proposta concordataria dovesse decadere per mancata approvazione o per mancata omologazione, il Tribunale sarebbe chiamato a pronunciarsi sulla istanza di fallimento, con uno sbocco che ineluttabilmente sarebbe quello della dichiarazione di fallimento ovvero quello di dichiarazione di una procedura di amministrazione straordinaria (l illustrazione sul punto si ferma qui, poiché certo non compete ai Commissari giudiziali valutare né esprimere previsioni circa i possibili esiti della pronuncia del Tribunale sull istanza di fallimento presentata dalla Procura della Repubblica di Milano). Quel che invece preme sottolineare all esito di questa premessa è che, evidentemente, la mancata approvazione e/o la mancata omologazione della proposta concordataria di cui si discute aprirà inesorabilmente una procedura fallimentare o più probabilmente una amministrazione straordinaria. In entrambe le ipotesi (si trascurano per brevità e chiarezza espositiva le tematiche giuridiche procedurali) il rischio per i creditori è che (salvo conferma immediata da parte dell investitore della offerta già formulata anche in ipotesi di cambiamento di scenario procedurale) il prezzo di ben 405 milioni di euro, disponibile con l omologa all esito del trasferimento della NewCo, non sarebbe incamerato e, comunque, non sarebbe disponibile per una pronta ripartizione a loro favore, da parte del liquidatore. Francamente pare improbabile che un imprenditore accorto come l attuale offerente, che ha già manifestato preoccupazione in merito alla RELAZIONE DEI COMMISSARI GIUDIZIALI EX ART. 172 LF - PAG. 380

4 tenuta di una struttura così complessa ed articolata, da tempo soggetta alle tipiche tensioni di una lunga procedura concorsuale, proponendo una soluzione anticipata dell apporto del perimetro core in NewCo, con contestuale immissione nel possesso, possa sbilanciarsi nella conferma dell offerta effettuata anche per il caso in cui il presente concordato non venisse approvato ed omologato. La seconda precisazione attiene a quella che è (inevitabilmente) la differente ottica in cui i Commissari debbono porsi rispetto ai singoli creditori, nell effettuare una indagine sulla convenienza della proposta: il creditore, infatti, all interno di una procedura concorsuale così come peraltro in generale all interno di un qualsivoglia rapporto obbligatorio disciplinato dal codice civile è portatore esclusivamente del proprio egoistico interesse a vedere soddisfatto al meglio il credito di cui è titolare. Laddove, invece, i Commissari debbono inesorabilmente contemplare nelle proprie valutazioni sulla convenienza quello che è l interesse più generale della massa dei creditori, interesse che è, molto spesso (soprattutto nell ambito di un concordato che contempli la prosecuzione della attività della impresa in crisi), trascendente sotto diversi aspetti rispetto all interesse al soddisfacimento del credito: in un caso del genere, infatti, entrano inesorabilmente in gioco, anche nell interesse dei creditori, la convenienza alla prosecuzione dei rapporti commerciali con l impresa risanata e, soprattutto in una fattispecie come quella qui in esame, l interesse sociale alla prosecuzione della attività di un centro di riferimento imprescindibile per la sanità, per lo studio e per la ricerca, anche a livello internazionale. Posta la premessa che precede, è possibile fare luogo ad una valutazione più analitica degli elementi che rilevano ai fini della formulazione del giudizio di convenienza POTENZIALE ATTIVO RINVENIENTE DA AZIONI REVOCATORIE Una procedura fallimentare (in senso ampio) presenterebbe per i creditori concorsuali un unico teorico elemento di vantaggio rispetto alla soluzione concordataria: tale elemento è rappresentato dal fatto che l apertura di un fallimento (ovvero di una amministrazione straordinaria) RELAZIONE DEI COMMISSARI GIUDIZIALI EX ART. 172 LF - PAG. 381

5 renderebbe proponibili le azioni revocatorie ex art. 67 L.F., azioni revocatorie che, invece, non sarebbero esperibili in ambito concordatario, dal momento che la legge fallimentare non ne contempla la proponibilità se non in presenza della dichiarazione di fallimento. Non può sfuggire al ceto creditorio, peraltro, la difficoltà, la complessità, l onerosità e la durata di un contenzioso diretto a revocare pagamenti e per il recupero di quanto già corrisposto; l esperienza permette di affermare che sovente tali azioni si concludono con transazioni, all esito di un defatigante percorso, oltretutto con ricadute rilevanti sulla durata e costo della liquidazione fallimentare. Si è già chiarito nel capitolo introduttivo ed in altri passaggi della presente relazione che i termini apposti alla offerta sottesa alla proposta concordataria, nonché innumerevoli altri elementi (primi fra tutti la complessità del procedimento di apertura al mercato e la decapitazione dell organo gestorio di Fondazione che ne è conseguita, ma anche l enorme complessità di quello che potrebbe definirsi l universo San Raffaele ) hanno sostanzialmente determinato la impossibilità di un esaustivo scrutinio in materia, sia per i tempi tecnici necessari, che di sovraccarico della struttura amministrativa e degli ausiliari esterni della Fondazione. Una di queste incompiutezze è rappresentata proprio dalle valutazioni concernenti i risultati che potrebbero scaturire dall esperimento di azioni revocatorie: il concetto di incompiutezza è riferito al fatto che, sul tema delle revocatorie, il team di Deloitte Forensic è alacremente al lavoro ancora mentre si svolgono le operazioni di redazione della presente relazione, avendo dovuto attribuire priorità temporale, su mandato dell organo gestorio, ad altre incombenti attività, necessarie per il rispetto inderogabile dei tempi previsti negli adempimenti esecutivi della proposta concordaria. Sicché le valutazioni espresse nella presente parte debbono considerarsi il frutto di una conoscenza, da parte dei Commissari, ancora parziale e, comunque, molto schematica: vi è la concreta speranza che, in occasione della adunanza prevista per il 19 marzo 2012, il grado di conoscenza avrà raggiunto uno sviluppo, in termini di analisi, decisamente più progredito, sì da poter offrire elementi di valutazione più compiuti. RELAZIONE DEI COMMISSARI GIUDIZIALI EX ART. 172 LF - PAG. 382

6 Resta il fatto che, comunque, già allo stato attuale i Commissari sono in grado di offrire alcune valutazioni di massima, che offrono parametri sufficientemente interessanti (anche se certamente incompleti) per la formulazione del giudizio di convenienza. Il punto di partenza per tali riflessioni può essere individuato nella struttura generale della massa dei debiti chirografari 1 : struttura che, con riguardo al caso di Fondazione appare certamente peculiare. Ed infatti, a fronte di una massa (attuale e potenziale) di debiti chirografari per circa 750 milioni di euro, Fondazione registra debiti verso Banche e di natura finanziaria in generale per circa 22 milioni di euro, debiti chirografari verso fornitori per circa 525 milioni di euro 2 e debiti infragruppo per circa 58 milioni di euro 3. Orbene, se si prova a valutare indiscriminatamente (senza cioè procedere all esame analitico di ciascuna operazione solutoria, anche con riguardo ai presupposti soggettivi e oggettivi per fare luogo alla revocabilità in sede fallimentare) il quadro complessivo dei pagamenti effettuati da Fondazione nel semestre anteriore al deposito della proposta di concordato, cioè nel cd. periodo sospetto, a termini di previsione normativa (semestre che va, dunque, al 10 aprile al 10 ottobre 2011) si traggono le seguenti considerazioni di principio: - vi sarebbero pagamenti a fornitori per circa 154 milioni di euro (peraltro frazionati per oltre duemila destinatari); - vi sarebbero rientri dai debiti verso banche per circa 5,8 milioni di euro; - vi sarebbero privilegi speciali revocabili per circa 13 milioni di euro. I dati appena descritti sono molto eloquenti, poiché lasciano comprendere che: 1 Ovviamente il tema delle revocatorie tocca pressoché esclusivamente la massa del chirografo, sia in senso attivo, sia in senso passivo: in senso attivo perché, almeno nel caso qui in esame, il privilegio viene soddisfatto integralmente, sicché non esprime il voto e, soprattutto, non vi sono dubbi sul fatto che la proposta concordataria sia per definizione più conveniente di una soluzione fallimentare; in senso passivo perché, nel sistema delle esenzioni da revocatoria, introdotto con il nuovo art. 67, 3 comma, L.F., la revocatoria del pagamento di un credito privilegiato presuppone un percorso evidentemente molto complesso. 2 I debiti verso società di leasing sono stati inseriti tra i debiti verso fornitori, nonostante la natura finanziaria del rapporto, considerato che, nella previsione dell art. 72quater l. fall., proprio in materia revocatoria, il pagamento dei canoni di leasing riconosciuta ai fornitori. 3 Con l espressione debiti nel testo di cui alla presente nota si intende in senso ampio qualunque forma di passività, sia essa un debito liquido ed esigibile, sia essa un fondo rischi, sia essa anche solo una passività potenziale. RELAZIONE DEI COMMISSARI GIUDIZIALI EX ART. 172 LF - PAG. 383

7 - l impatto negativo di azioni revocatorie sarebbe tutto nei confronti del ceto dei fornitori, che sono quelli che hanno fruito di quasi tutti i pagamenti nel semestre; - l impatto sui creditori finanziari sarebbe minimo; - sarebbe minimo anche il recupero sui privilegi revocabili. Le considerazioni di sintesi che scaturiscono da tale elementi saranno rappresentate nel paragrafo di chiusura del presente capitolo POTENZIALE ATTIVO RIVENIENTE DA AZIONI RISARCITORIE BREVI CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE Nella procedura concordataria qui in esame, come si è già accennato più sopra, la valutazione della convenienza, in termini di comparazione tra attivo ricavabile in sede di esecuzione del concordato ed attivo ricavabile per effetto di una liquidazione in lato senso fallimentare, assume rilevanza esclusivamente con riguardo alle eventuali azioni revocatorie esperibili per effetto dell apertura di un procedimento fallimentare. Ciò perché, come anche si è già più sopra rammentato, sin con la proposta di concordato, Fondazione ha dichiarato di intendere mettere a disposizione del ceto creditorio tutti gli attivi eventualmente rivenienti da iniziative recuperatorie o risarcitorie eventualmente da intraprendersi (cfr. pag. 83 della proposta di concordato). Una simile dichiarazione potrebbe evidentemente legittimare i Commissari ad astenersi dall esaminare le questioni teorico-pratiche che, nella fattispecie concreta, assumono rilevanza nell ottica di un ipotetico recupero di ulteriore attivo per effetto di iniziative, appunto, risarcitorie o recuperatorie. E però convincimento del collegio commissariale che un informativa completa al ceto creditorio, soprattutto in un contesto tanto particolare, qual è quello del concordato preventivo di una fondazione, non possa prescindere quanto meno da una delineazione sia delle regole astrattamente applicabili alla fattispecie sia degli elementi concreti di valutazione che (nel pur breve arco di tempo di quattro mesi decorsi RELAZIONE DEI COMMISSARI GIUDIZIALI EX ART. 172 LF - PAG. 384

8 dall apertura della procedura) possono considerarsi emersi ai fini dell indagine che qui si compie CIRCOSCRIZIONE DEL CAMPO DI INDAGINE Nel precedente capitolo 3 si è rappresentata nella forma più schematica possibile l estrema articolazione del Gruppo societario al cui vertice si trova Fondazione 4, che svolge, a tutti gli effetti, la funzione ed il ruolo di una holding di partecipazioni. E di intuitiva chiarezza il fatto che, avendo la presente procedura ad oggetto la definizione dell insolvenza di Fondazione, il tema delle iniziative risarcitorie è stato valutato ed analizzato dai Commissari esclusivamente con riferimento a Fondazione stessa e non anche in un ottica ampliata alle società che fanno parte del Gruppo: ciò non esclude, all evidenza, che, all esito dell auspicato risanamento di Fondazione per effetto del concordato preventivo, l organo gestorio della stessa valuti la ricorrenza di eventuali profili di responsabilità in capo a coloro che, nel corso degli anni, abbiano gestito e/o controllato società facenti parte del Gruppo, assumendo le consequenziali iniziative risarcitorie. Ma questo, chiaramente, è tema che esula dalla presente trattazione. Dovrebbero così risultare chiarite le ragioni per cui la breve indagine che segue avrà ad oggetto esclusivamente la valutazione delle modalità con cui si potrebbe pervenire ad incrementare l attivo concordatario per effetto dell adozione di iniziative risarcitorie in relazione ad atti di mala gestio di cui si siano resi responsabili gli organi dell ente in concordato LA RESPONSABILITÀ GESTORIA DEGLI ORGANI DI UNA FONDAZIONE-IMPRESA Rappresenta un principio generale ormai ampiamente acquisito nell ordinamento che la fondazione, al pari delle associazioni (entrambe 4 In realtà, sul piano tecnico-giuridico sarebbe forse più proprio ritenere che l ente al vertice sia l Associazione Monte Tabor che, di fatto, essendo titolare esclusiva del potere di designazione dell intero organo di gestione (oltre che di quello di controllo) di Fondazione, in concreto dirige l intera catena di imprese. RELAZIONE DEI COMMISSARI GIUDIZIALI EX ART. 172 LF - PAG. 385

9 disciplinate nel capo II del titolo II del libro I del codice civile), possa legittimamente svolgere attività di impresa commerciale, come si è più ampiamente segnalato nel superiore capitolo 2. È altresì ormai pacifico, tanto in dottrina quanto in giurisprudenza, che lo svolgimento di fatto di attività di impresa commerciale da parte di enti che, nelle astratte previsioni del codice civile, sarebbero destinati a svolgere attività senza scopo di lucro, determina per ciò stesso la sottoposizione di quegli enti al così detto statuto dell imprenditore commerciale: tanto, soprattutto a tutela dei terzi che con l ente vengano in relazioni giuridico-economiche 5. Corollario consequenziale è la sottoposizione, degli enti no profit che di fatto svolgano attività di impresa, a tutte le regole normative che si applicano alle imprese commerciali: a titolo esemplificativo, dunque, obbligo di iscrizione nel registro delle imprese, applicabilità dello statuto dei lavoratori, applicabilità delle disposizioni sull azienda e sulla repressione della concorrenza sleale oltre che in generale applicabilità della disciplina antimonopolistica. Peraltro, proprio la presente vicenda concordataria è la concretizzazione più evidente dell applicabilità alla fondazione-impresa anche della normativa fallimentare o, in generale, concorsuale 6. Ma, come si è accennato, il tema che qui viene trattato, sia pure in forma molto superficiale e schematica, è quello concernente la applicabilità agli organi della fondazione-impresa delle regole di responsabilità sancite per gli organi di società di capitali 7. 5 I due fondamentali studi sul tema restano ancora oggi RESCIGNO, Fondazione e impresa, in Riv. Società, 1967, 812 e COSTI, Fondazione e impresa, in Riv. Dir. Civ., 1968, 1). 6 Peraltro, al medesimo ufficio giudiziario milanese è da ascrivere uno dei più noti casi di fallimento di una fondazione impresa, anche in quella circostanza operativa nel settore sanitario: ci si riferisce chiaramente al caso dell Istituto Sieroterapico Milanese Serafino Belfanti, oggetto di ampiamente note pronunce, prime fra tutte Trib. Milano 17 giugno 1994 e Trib. Milano 16 luglio Il riferimento omnicomprensivo alle società di capitali, all esito della riforma organica del 2003 potrebbe peraltro considerarsi improprio, nella misura in cui, allo stato attuale della normativa, l art c.c. segna un definitivo distacco, in termini di autonomia, della disciplina della responsabilità degli amministratori di s.r.l. rispetto a quella degli amministratori di S.p.A.: in realtà, in questa sede concorsuale il riferimento indiscriminato può forse considerarsi legittimo (attribuendosi peraltro un indiscutibile preminenza alla disciplina più analitica dettata per la S.p.A., per effetto della funzione unificante che, in ambito concorsuale, svolge l attuale previsione dell articolo 146 L.Fall., come di recente ha affermato in termini univoci risolvendo un ampio dibattito insorto in dottrina ed un conflitto registrato nella giurisprudenza di merito Cass. 21 luglio 2010, n RELAZIONE DEI COMMISSARI GIUDIZIALI EX ART. 172 LF - PAG. 386

10 Il problema si pone sotto due distinti aspetti che concernono: - da un lato, i limiti di operatività della disciplina specificamente dettata, per gli enti no profit, dal codice civile in materia di responsabilità degli amministratori di essi; - dall altro lato, la possibilità di estensione analogica agli amministratori di detti enti della disciplina, in materia di responsabilità, specificamente dettata per le società di capitali. Come è noto, gli artt. 18 e 38 c.c. fissano un sistema di responsabilità a carico degli amministratori degli enti no profit in forza del quale essi, in linea generale, rispondono secondo le norme del mandato e possono andare esenti da responsabilità solo dimostrando la propria estraneità all attività dannosa ovvero facendo constare il proprio dissenso; più specificamente, poi, essi (anche al di fuori della materia della responsabilità) rispondono, in solido con gli enti che rappresentano, delle obbligazioni assunte con il proprio operato. Il tema che presenta maggiori profili di problematicità, in presenza della responsabilità di un amministratore di fondazione-impresa, risiede nell individuazione della norma genetica di tale responsabilità. E ciò perché: - se si ritenesse di poter applicare esclusivamente la norma dell art. 18 c.c., inevitabilmente conseguirebbe il riferimento alla disciplina del mandato, con tutto quanto ne scaturirebbe anche in termini di prescrizione decennale del diritto, da parte dell ente, a richiedere all amministratore il risarcimento del danno cagionato con il proprio operato. Nel contempo, il creditore dell ente che sia risultato danneggiato da una gestione contraria a legge, non sarebbe evidentemente titolare di un azione speciale (se non quella, di natura negoziale, scaturente dall art. 38 c.c., in termini di responsabilità solidale dell amministratore-agente per i debiti contratti), ed avrebbe soltanto la possibilità di utilizzare il rimedio generale del azione per fatto illecito extracontrattuale regolata dall art c.c. (con tutto quanto ne conseguirebbe sia in termini di diversa ripartizione dell onere probatorio e di durata quinquennale della prescrizione); - se si ritenesse invece di applicare all amministratore della fondazioneimpresa anche la disciplina sulla responsabilità degli organi di società di RELAZIONE DEI COMMISSARI GIUDIZIALI EX ART. 172 LF - PAG. 387

11 capitali 8, ci si troverebbe al cospetto di un panorama regolamentare significativamente rispetto a quello appena descritto: poiché dovrebbero evidentemente trovare applicazione sia le regole sull azione sociale di responsabilità, sia le regole sull azione dei creditori sociali, sia le regole sull azione per il danno diretto al patrimonio del terzo o del creditore sociale. In questa eventualità, peraltro, si porrebbe la questione, di non agevole soluzione, circa l applicabilità anche della norma sulla sospensione della prescrizione sino al momento in cui l amministratore resti in carica, conformemente alla previsione dell art. 2941, n. 7 c.c. Non sfugge, peraltro, anche all osservatore meno attento, la difficoltà di applicare direttamente alla fondazione-impresa regole tipiche delle società di capitali. Si pensi, a titolo meramente esemplificativo, ala difficoltà di adeguare la disciplina sulle responsabilità conseguenti alla mancata rilevazione della perdita integrale del capitale sociale ad enti che, in linea di principio, non hanno un capitale sociale e sfuggono alle regole di liquidazione sancite per le società di capitali. Ci si rende conto che quanto sin qui esposto rischia di essere, sotto certi aspetti, più fonte di dubbi interpretativi che strumento informativo per i creditori: è però importante che gli stessi siano portati a piena conoscenza anche delle problematiche applicative che, in materia di responsabilità, la figura della fondazione-impresa pone nell ordinamento vigente AZIONI RISARCITORIE IPOTIZZABILI IN RELAZIONE AL DISSESTO DI FONDAZIONE Nel precedente capitolo 4 sono state esaminate, con il massimo grado di analisi possibile allo stato delle conoscenze dei Commissari, le cause del dissesto che ha condotto Fondazione a richiedere l ammissione alla procedura di concordato preventivo: in quella sede si è anche fatto cenno alle analisi condotte sul tema da Deloitte Forensic ed alle indagini (tuttora in corso e, dunque, dagli esiti molto incerti, a prescindere dalla 8 Il principio è stato peraltro oggetto di specifica applicazione da parte di Trib. Pavia 2 luglio 1987, in Giust. Civ., 1988, I, 263; il tema è stato specificamente affrontato in dottrina ampiamente da GUERRERA, Illecito e responsabilità nelle organizzazioni collettive, Milano RELAZIONE DEI COMMISSARI GIUDIZIALI EX ART. 172 LF - PAG. 388

12 diffusione di notizie giornalistiche spesso infondate) condotte dalla Procura della Repubblica di Milano. Queste tre diverse aree sono tutte, evidentemente, potenzialmente idonee a generare la esperibilità di iniziative risarcitorie nei confronti di coloro che, negli anni, hanno ricoperto la funzione di amministratori di Fondazione, oltre che più specificamente nei confronti di coloro che hanno agito in nome e per conto di Fondazione. Competerà dunque agli organi di Fondazione ed al liquidatore che sarà nominato all esito della auspicata omologazione del presente concordato, verificare la sussistenza dei presupposti per l esperibilità delle opportune azioni risarcitorie e per il recupero, in favore del ceto creditorio chirografario, di risorse idonee ad integrare l attivo concordatario. In linea teorica, per quanto si è potuto allo stato verificare, in forma estremamente schematica, le indagini future potrebbero lasciare emergere fatti generatori di responsabilità conseguenti: - alla violazione di principi di prudenza nell amministrazione dell ente, per avere gli amministratori perseguito per anni una politica di forte espansione dell attività di impresa, pur in presenza di una situazione finanziaria di tensione; - al correlato incremento del passivo patrimoniale, ulteriormente aggravato dai ritardi accumulati rispetto al regolare adempimento delle obbligazioni. Questo è il quadro che potrebbe scaturire come effetto quasi ordinario dell acclarata insolvenza e della sua (obiettivamente tardiva) rilevazione. L area residua resta tutta ancora da indagare, soprattutto perché fortemente condizionata dagli esiti che scaturiranno dalle indagini penali in corso, sulle quali è doveroso (nell interesse dei creditori e di Fondazione) che si conservi il più rigoroso riserbo POTENZIALE ATTIVO RIVENIENTE DA AZIONI RECUPERATORIE: CENNI La risonanza mediatica che la vicenda dell Ospedale San Raffaele ha avuto, ha portato in maniera pressoché sistematica alla ribalta delle cronache giornalistiche televisive una questione che potrebbe avere un RELAZIONE DEI COMMISSARI GIUDIZIALI EX ART. 172 LF - PAG. 389

13 significativo rilievo ai fini della ricostruzione dell attivo e che, dunque, i Commissari giudiziali avvertono il dovere di riferire, pur avendo simultaneamente l obbligo di chiarire che sulla stessa essi non sono in grado di formulare alcuna valutazione ed alcun giudizio, poiché ancora una volta ci si muove sul terreno delle indagini penali coperte da assoluto riserbo. Ci si riferisce, come è evidente, alle notizie secondo cui, nell ambito degli innumerevoli rapporti contrattuali intrattenuti da Fondazione con terzi, la cosiddetta attività di sovrafatturazione avrebbe assunto carattere di quasi normalità nell operato dei rappresentanti di Fondazione. Ove mai una simile ipotesi di lavoro dovesse risultare fondata, sotto il profilo civilistico scaturirebbero tre distinti ordini di conseguenze (che, è bene precisarlo in questa parte dedicata alla convenienza della proposta concordataria, risulterebbero operative ed efficaci sia nell ambito del concordato sia in ambito fallimentare, sicché anch esse risultano neutre ai fini della valutazione di convenienza della proposta): - la prima, avente ad oggetto l obbligo di restituzione a carico di coloro che risultino avere riscosso importi superiori rispetto a quelli effettivamente dovuti; - la seconda, avente ad oggetto la possibile riduzione di crediti che dovessero risultare esposti, in ambito concorsuale, in misura superiore rispetto al loro effettivo ammontare; - la terza, avente ad oggetto la responsabilità risarcitoria a carico degli amministratori di Fondazione e dei terzi contraenti con essi che avessero pattuito accordi di tal genere, danneggiando il patrimonio di Fondazione stessa. Allo stato non è possibile aggiungere altro sul piano informativo CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE IN MERITO AL PROFILO DELLA CONVENIENZA Alla luce di tutto quanto precede è possibile trarre, in forma schematica, le conclusioni cui il collegio dei Commissari è pervenuto con riguardo alla convenienza della proposta concordataria. RELAZIONE DEI COMMISSARI GIUDIZIALI EX ART. 172 LF - PAG. 390

14 Nei paragrafi che precedono si è tentato di chiarire che, nell ambito di una valutazione comparativa tra l ipotesi di esecuzione del piano concordatario oggetto della presente relazione e l ipotesi di liquidazione in senso ampio fallimentare: - le iniziative risarcitorie e recuperatorie non hanno alcun effetto differenziale sul piano della convenienza; - le iniziative revocatorie fallimentari, invece, avrebbero un effetto differenziale sul piano della convenienza quanto meno in termini teorici. Alla stregua però di quanto si è rilevato, sia pur molto schematicamente, con riguardo al panorama di siffatte iniziative revocatorie 9, l impatto astrattamente più favorevole della alternativa soluzione fallimentare risulterebbe significativamente attenuato (se non addirittura annullato) dalla circostanza che i soggetti passivi di siffatte iniziative revocatorie sarebbero proprio coloro che rappresentano, ampiamente, la maggioranza assoluta del ceto creditorio chirografario 10. Con la conseguenza che il maggiore attivo realizzabile dall attivazione dello strumento revocatorio, ove ne sussistessero in astratto i presupposti, risulterebbe certamente ad impatto negativo per il ceto chirografario il quale, per garantire la realizzazione del maggior attivo (con moneta fallimentare) sarebbe inevitabilmente costretto a rigurgitare in sede revocatoria, con moneta buona, ciò che aveva incassato da Fondazione nel semestre anteriore alla formulazione della proposta di concordato, in una situazione in cui certamente già conosceva lo stato di crisi in cui versava Fondazione stessa. Gli schematici rilievi che precedono forse potrebbero già essere in sé sufficienti a spiegare le ragioni per cui il collegio dei Commissari ha maturato il fermo convincimento che la proposta concordataria di cui si discute appare decisamente più conveniente per i creditori, rispetto ad una soluzione liquidatoria di tipo fallimentare. 9 Panorama che, come si è già precisato più sopra, è ancora in corso di formazione e, si spera, possa essere oggetto di strutturazione pressoché definitiva in occasione dell adunanza ex art. 174 L.Fall. che si terrà il prossimo 19 marzo Tanto, anche a non voler considerare il fatto che alcuni tra i soggetti passivi delle azioni revocatorie fallimentari (peraltro probabilmente proprio quelle di maggiore consistenza) parrebbero essere allo stato attuale della conoscenza dei Commissari proprio le società collegate a Fondazione, le quali molto difficilmente potrebbero sottrarsi all effetto di insolvenza a catena che scaturirebbe dal fallimento di Fondazione o dalla sottoposizione di essa a procedura di amministrazione straordinaria. RELAZIONE DEI COMMISSARI GIUDIZIALI EX ART. 172 LF - PAG. 391

15 Tanto, anche a voler prescindere dalle, pur rilevanti, considerazioni: - alla opportunità di una continuazione dei rapporti commerciali di molti creditori nell ambito di un gruppo sanitario leader; - in merito alla opportunità di conservare, in termini economicosociali, la continuità di una azienda di eccellenza ospedaliera, che presidia una area importante della Lombardia, attrae pazienti di tutte le provenienze ed è leader riconosciuto in Italia per la ricerca. Non si può, però, trascurare quello che, ad avviso dei sottoscritti, risulta l elemento assolutamente decisivo, nell ottica dei creditori, ai fini della formulazione del giudizio di convenienza, elemento strettamente collegato alla storia di questo concordato e, in particolare, agli effetti prodotti dalla cosiddetta apertura al mercato e, dunque, dal conseguimento, da parte di Fondazione, di un offerta migliorativa rispetto a quella sottesa alla originaria proposta concordataria. Il conseguimento e l accettazione dell offerta in questione, infatti, consentiranno a Fondazione di incassare, all esito dell omologazione della proposta concordataria (ovvero addirittura prima di detto evento, laddove si verificasse l ipotesi cui è fatto cenno nella memoria integrativa di Fondazione in data 2 marzo pag. 7 e all , di trasferimento anticipato all investitore dell attivo core), la somma in danaro contante di 405 milioni di euro, che risulterebbe immediatamente disponibile per fare luogo ad un riparto fra i creditori concorsuali. Non solo. Come è reso inconfutabilmente chiaro dalla offerta Velca S.p.A. (in perfetta corrispondenza con l offerta dell originario ipotizzato investitore), la riscossione effettiva del suddetto importo di 405 milioni di euro è imprescindibilmente connessa alla cessione, in favore di essa Velca S.p.A. dell attività ospedaliera secondo le previsioni della proposta concordataria; ciò significa che ove la proposta dovesse caducarsi, per mancata approvazione o per mancata omologazione, anteriormente alla esecuzione della cessione della suddetta attività, diventerebbe irrimediabilmente inefficace l impegno all acquisto assunto da Velca S.p.A. e, dunque, l obbligo della medesima di versare a vista l importo di 405 milioni di euro. Non è certo difficile immaginare che nello scenario che si aprirebbe di fronte ad una simile eventualità (sia esso quello di una dichiarazione di RELAZIONE DEI COMMISSARI GIUDIZIALI EX ART. 172 LF - PAG. 392

16 fallimento ovvero quello di apertura di una procedura di amministrazione straordinaria), pur a fronte di un inevitabile provvedimento di esercizio provvisorio dell impresa ospedaliera, è davvero improbabile che, nell ambito di una liquidazione fallimentare, possa immaginarsi la riscossione di un importo pari a quello a cui si è pervenuti per effetto dell apertura al mercato. Peraltro, anche ove mai fosse ipotizzabile la riscossione di quello stesso importo, tenuto conto dei tempi di avviamento dei meccanismi di liquidazione all interno di un fallimento e/o di un amministrazione straordinaria (che non possono prescindere da una procedura competitiva di evidenza pubblica, finalizzata all individuazione del miglior offerente sul mercato), certo quel risultato non sarebbe conseguibile prima del decorso almeno di un anno. Fosse, dunque, anche solo questa circostanza, la soluzione concordataria qui in discussione, per il ceto creditorio, è, ad avviso dei Commissari, indiscutibilmente più conveniente di una qualunque soluzione liquidatoria di tipo fallimentare, sia in termini economici per i creditori che per le ragioni macroeconomiche, sociali e scientifiche/di presidio sanitario sopraindicate. RELAZIONE DEI COMMISSARI GIUDIZIALI EX ART. 172 LF - PAG. 393

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B.1 (DELIBERAZIONI SULLE PERDITE DI SOCIETÀ SOGGETTA A CONCORDATO PREVENTIVO O AD ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI OMOLOGATI 1 pubbl.

Dettagli

LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA IL CONCORDATO PREVENTIVO

LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA IL CONCORDATO PREVENTIVO LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA STEP 1: presentazione della domanda Presentazione al Tribunale competente dell istanza per accedere alla procedura di concordato

Dettagli

Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase

Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase STRUMENTI DI SOLUZIONE DELLA CRISI D IMPRESA ALTERNATIVI AL FALLIMENTO Con la riforma del diritto fallimentare ad opera della l. n. 80 del

Dettagli

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO di Giorgio Tarzia, Avvocato e professore Sommario: 1. Premessa - 2. Quali sono le impugnative non esperibili nel successivo

Dettagli

BIOERA S.P.A. Assemblea Ordinaria

BIOERA S.P.A. Assemblea Ordinaria BIOERA S.P.A. Assemblea Ordinaria Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione sulle proposte concernenti le materie poste all ordine del giorno ai sensi dell articolo 125-ter del Decreto Legislativo

Dettagli

E. FRASCAROLI SANTI GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI Un nuovo procedimento concorsuale, CEDAM, Padova, 2009

E. FRASCAROLI SANTI GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI Un nuovo procedimento concorsuale, CEDAM, Padova, 2009 E. FRASCAROLI SANTI GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI Un nuovo procedimento concorsuale, CEDAM, Padova, 2009 Chiara Nappini Assegnista di ricerca in diritto commerciale nell Università di Siena

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO Tribunale di Roma, Sez. Lavoro, 4 febbraio 2013 TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO Il Giudice designato, Dott. E. FOSCOLO Nelle cause riunite 16964/12 e 16966/12 TRA M.V. e M.G.S. Domiciliati in Roma, presso

Dettagli

Le novità in materia di finanza interinale e concordato preventivo

Le novità in materia di finanza interinale e concordato preventivo Le novità in materia di finanza interinale e concordato preventivo Autore: Cristian Fischetti Categoria News: Fallimento e procedure concorsuali L ennesima mini riforma del diritto fallimentare ha visto

Dettagli

Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto

Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto (1) La causa di scioglimento della s.p.a. e della s.r.l. di cui all art. 2484 n. 4) c.c. non opera allorché, in presenza

Dettagli

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 Le modifiche introdotte dal DL Sviluppo bis in materia concorsuale riguardano:

Dettagli

La gestione delle crisi di Impresa

La gestione delle crisi di Impresa La gestione delle crisi di Impresa L'ottica della banca nella crisi d'impresa: valutazioni e rischi connessi ai crediti pregressi e alla "nuova finanza" Marco Cavazzutti Responsabile Restructuring Italy

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI

ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI (di Gianluca Tarantino) La legge fallimentare è stata negli ultimi anni oggetto di diversi interventi legislativi (si fa riferimento ai vari interventi operati dalla

Dettagli

LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO

LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO di Francesco Pedoja (Presidente del Tribunale di Pordenone) SOMMARIO: 1. La liquidazione post omologa ex art.182 L.F.. 2. I piani cd. Chiusi 3. Alcune

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 59-2006/I Acquisto di quote o azioni proprie da parte di un confidi operante in forma di società cooperativa Approvato dal Gruppo di Studio Consorzi Fidi il

Dettagli

LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI

LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI IL MANDATO IRREVOCABILE AD INCASSARE E A DISTRIBUIRE IL CREDITO ERARIALE ATTRIBUITO A UNA SOCIETA FIDUCIARIA: ESAME DI UN CASO PRATICO 1 Il problema - Le Procedure

Dettagli

Risoluzione n.279/e. Roma,12 agosto 2002

Risoluzione n.279/e. Roma,12 agosto 2002 Risoluzione n.279/e Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,12 agosto 2002 Oggetto: Acquisto pro-soluto credito IVA futuro e compensazione tra debiti tributari ante fallimento e crediti emergenti

Dettagli

L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA

L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA Pubblicità L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA PIANO ATTESTATO DI RISANAMENTO Il piano attestato di risanamento può essere pubblicato nel r.i. su richiesta del debitore. CONCORDATO PREVENTIVO

Dettagli

Cancellazione ed estinzione delle società: aspetti sostanziali e processuali

Cancellazione ed estinzione delle società: aspetti sostanziali e processuali avv. prof. Rolandino Guidotti : aspetti sostanziali e processuali Modena 10 ottobre 2013 10 ottobre 2013 1 Società in nome collettivo (non modificata riforma 2003) Art. 2311 c.c. (Bilancio finale di liquidazione

Dettagli

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori 7/2009 Il Caso Scelte gestionali e diligenza degli amministratori IN BREVE Una recentissima sentenza della Cassazione conferma il sistema della responsabilità degli amministratori di società delineato

Dettagli

L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione

L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione DOTT. ALBERTO GUIOTTO Bergamo, 5 febbraio 2013 STUDIO AGFM CONCORDATO PREVENTIVO E NUOVA

Dettagli

Testo Unico Ambientale: La disciplina transitoria sulla bonifica dei siti contaminati. Approfondimento. Diverse interpretazioni possibili

Testo Unico Ambientale: La disciplina transitoria sulla bonifica dei siti contaminati. Approfondimento. Diverse interpretazioni possibili Testo Unico Ambientale: La disciplina transitoria sulla bonifica dei siti contaminati. Approfondimento. Diverse interpretazioni possibili Federico Vanetti In un precedente commento sulle disposizioni transitorie

Dettagli

17.1.2013 L EQUO INDENNIZZO NEL CONTRATTO DI LEASING: UN APPROCCIO FINANZIARIO

17.1.2013 L EQUO INDENNIZZO NEL CONTRATTO DI LEASING: UN APPROCCIO FINANZIARIO 17.1.2013 L EQUO INDENNIZZO NEL CONTRATTO DI LEASING: UN APPROCCIO FINANZIARIO di Luciano Quattrocchio, Professore Sommario: 1. I riferimenti normativi - 2. La disciplina nel contesto fallimentare - 3.

Dettagli

*** L art. 182 l. fall., infatti, dispone quanto segue:

*** L art. 182 l. fall., infatti, dispone quanto segue: Quesito n. 299-2013/I-E - trasferimento posto in essere dal liquidatore di un concordato preventivo e normativa sulla conformità catastale, urbanistica ed edilizia Si pone i seguenti quesiti relativi all

Dettagli

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE Sommario: - 1. La natura dell istituto e i presupporti. 1.1. La natura dell istituto. 1.2. Rapporto con il concordato preventivo.

Dettagli

Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE

Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE Direttiva 2006/112/CE Insolvenza Procedura di concordato

Dettagli

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO?

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? regolazione SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? Raffaele Lener * Gli strumenti finanziari di tipo partecipativo, che il diritto societario ha consentito

Dettagli

soggetto partecipante propone l acquisto anche alternativo : di beni in blocco individuati; di singoli beni individuati; di un singolo bene

soggetto partecipante propone l acquisto anche alternativo : di beni in blocco individuati; di singoli beni individuati; di un singolo bene REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE IRREVOCABILI INERENTI L ACQUISTO DEI BENI INCLUSI NEL PATRIMONIO FALLIMENTARE SUDDIVISO NELLE CATEGORIE DI SEGUITO ELENCATE A) Con sentenza datata 2 agosto

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

Domanda di concordato. Introduzione. Concordato Preventivo

Domanda di concordato. Introduzione. Concordato Preventivo 21 giugno 2012 Modifiche apportate dal c.d. Decreto Legge Crescita alla disciplina del concordato preventivo e degli accordi di di Alberto Picciau, Andrea Pinto (A) Introduzione Il c.d. Decreto Legge Crescita,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 54/E. Oggetto: Istanza d interpello - Art. 87, comma 1, lettera a), del D.P.R. n. 917 del 1986 - Requisito dell ininterrotto possesso -

RISOLUZIONE N. 54/E. Oggetto: Istanza d interpello - Art. 87, comma 1, lettera a), del D.P.R. n. 917 del 1986 - Requisito dell ininterrotto possesso - RISOLUZIONE N. 54/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 20 febbraio 2008 Oggetto: Istanza d interpello - Art. 87, comma 1, lettera a), del D.P.R. n. 917 del 1986 - Requisito dell ininterrotto

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05

Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05 Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05 di Marco Giardetti* La tematica del silenzio della PA è di certo una delle più dibattute e problematiche del diritto amministrativo e questo non solo perché

Dettagli

INTRODUZIONE di Sido Bonfatti 13. PARTE PRIMA La composizione negoziale delle crisi d'impresa

INTRODUZIONE di Sido Bonfatti 13. PARTE PRIMA La composizione negoziale delle crisi d'impresa INTRODUZIONE INTRODUZIONE di Sido Bonfatti 13 ANALISI PARTE PRIMA La composizione negoziale delle crisi d'impresa CAPITOLO 1 LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO DI RISTRUTTURAZIONE AZIENDALE NELLE PROCEDURE DI

Dettagli

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita.

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. PILLOLE DI GIURISPRUDENZA Colaci.it Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. Sentenza n.1740 del

Dettagli

NOTE DI VARIAZIONE IVA NEI CONFRONTI DI DEBITORI IN PROCEDURE CONCORSUALI O PRECONCORSUALI

NOTE DI VARIAZIONE IVA NEI CONFRONTI DI DEBITORI IN PROCEDURE CONCORSUALI O PRECONCORSUALI NOTE DI VARIAZIONE IVA NEI CONFRONTI DI DEBITORI IN PROCEDURE CONCORSUALI O PRECONCORSUALI 24 Giugno 2015 Crisi di impresa di Giuliano Buffelli - Professore e Dottore Commercialista Tema di grande interesse

Dettagli

Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni)

Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni) Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni) 1. L oggetto delle attestazioni speciali L art. 182- quinquies, comma 1, l.f. stabilisce che, se l impresa debitrice

Dettagli

Concordato preventivo

Concordato preventivo Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre CONCORDATO PREVENTIVO 63 CAPITOLO 4 Concordato preventivo SOMMARIO I. Chi può proporlo e a quali condizioni. 324 II. Schema generale della procedura... 330 III. Piano di

Dettagli

LA SURROGA DELL ASSICURATORE

LA SURROGA DELL ASSICURATORE LA SURROGA DELL ASSICURATORE L ASSICURATORE CHE HA PAGATO L INDENNITÀ È SURROGATO, FINO ALLA CONCORRENZA DELL AMMONTARE DI ESSA NEI DIRITTI DELL ASSICURATO VERSO I TERZI RESPONSABILI. (Art. 1916 C.C.)

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

Il fallimento italiano delle società trasferite all estero

Il fallimento italiano delle società trasferite all estero Il fallimento italiano delle società trasferite all estero La globalizzazione, con l apertura delle frontiere, e l allargamento dei mercati, comporta contatti sempre più intensi con imprenditori esteri.

Dettagli

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati Roma, 15 febbraio 2013 Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità di intraprendere azioni legali in merito alle trattenute operate sull indennità giudiziaria in caso

Dettagli

Scheda introduttiva alle PROCEDURE DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

Scheda introduttiva alle PROCEDURE DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO ODCEC Torino Scheda introduttiva alle PROCEDURE DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO 1 PREMESSA Quanto segue rappresenta una prima analisi della normativa. Tale analisi è stata necessariamente

Dettagli

Relazione. Articolo 1

Relazione. Articolo 1 Disegno di legge concernente "Assesta " Assestamento alla manovra finanziaria per gli anni 2014/2016". Relazione Il presente disegno di legge, composto da 2 articoli, si rende necessario al fine di assestare

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

Piccolo imprenditore

Piccolo imprenditore Piccolo imprenditore Art. 2083 c.c.: «Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente

Dettagli

Prot. n 5632/p/ep Roma, 17 gennaio 2013

Prot. n 5632/p/ep Roma, 17 gennaio 2013 Prot. n 5632/p/ep Roma, 17 gennaio 2013 A tutte le Casse Edili e p.c. ai componenti il Consiglio di Amministrazione della CNCE Loro sedi Comunicazione n 508 Oggetto: rilascio Durc ad imprese in concordato

Dettagli

Le ultime riforme alla legge fallimentare: la legge n. 134/2012

Le ultime riforme alla legge fallimentare: la legge n. 134/2012 2 ottobre 2012 Practice Group: Restructuring & Bankruptcy Le ultime riforme alla legge fallimentare: la legge n. Di Andrea Pinto (A) Introduzione La Legge n. 134 del 7 agosto 2012, pubblicata sulla Gazzetta

Dettagli

Circolare n. 10. del 20 giugno 2014. Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE

Circolare n. 10. del 20 giugno 2014. Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE Circolare n. 10 del 20 giugno 2014 Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE 1 Premessa...2 2 Ambito applicativo...2 2.1 Decreto attuativo...2 2.2 Proroga al 30.6.2014...3 2.3 Intervento del

Dettagli

B.- LA POLIZZA TUTELA GIUDIZIARIA B1.- Assicuratrice Milanese spa rilascia una tutela legale con le seguenti caratteristiche:

B.- LA POLIZZA TUTELA GIUDIZIARIA B1.- Assicuratrice Milanese spa rilascia una tutela legale con le seguenti caratteristiche: B.- LA POLIZZA TUTELA GIUDIZIARIA B1.- Assicuratrice Milanese spa rilascia una tutela legale con le seguenti caratteristiche: 1) copertura delle spese giudiziali e stragiudiziali, sia civili che penali;

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VIGEVANO *************************************

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VIGEVANO ************************************* ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VIGEVANO ************************************* Verbale di riunione dei componenti della commissione del 14 maggio

Dettagli

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione (Tribunale di Bari, G.E. dott. N.Magaletti, ord. del 18.11.2013) MUTUO FONDIARIO CONCORDATO PREVENTIVO DIVIETO AZIONI ESECUTIVE La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione di Walter

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE DELIBERAZIONE 21 marzo 2007 Direttive recanti chiarimenti operativi circa l applicazione del decreto ministeriale del 30 gennaio 2007, adottato ai sensi dell

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO FATTO

COLLEGIO DI MILANO FATTO COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia - Prof. Avv. Emanuele Lucchini Guastalla

Dettagli

LE NOVITÀ IN TEMA DI CONCORDATO PREVENTIVO. RIFLESSI SULLA CLASSIFICAZIONE PER QUALITÀ DEL CREDITO DEI DEBITORI.

LE NOVITÀ IN TEMA DI CONCORDATO PREVENTIVO. RIFLESSI SULLA CLASSIFICAZIONE PER QUALITÀ DEL CREDITO DEI DEBITORI. VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA LE NOVITÀ IN TEMA DI CONCORDATO PREVENTIVO. RIFLESSI SULLA CLASSIFICAZIONE PER QUALITÀ DEL CREDITO DEI DEBITORI. DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE Eventuali osservazioni,

Dettagli

I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO PREVENTIVO

I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO PREVENTIVO I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO LE PRINCIPALI TAPPE DI UN PROCESSO DI RISTRUTTURAZIONE 2 CRISI DI IMPRESA: L ACQUISIZIONE DI NUOVE RISORSE FINANZIARIE In vista del risanamento

Dettagli

Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale

Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale La redazione del piano e la sua attestazione Masiani Consulting Consulenze di direzione 1. 2. 3. Perdite economiche costanti e/o rilevanti Insufficienza patrimoniale

Dettagli

Gli Accordi di Ristrutturazione dei debiti ex art. 182 BIS L.F. a cura di Avv. Giuseppe de Filippo Avv. Elena Garda Art. 182 bis L.F. I comma L imprenditore in stato di crisi può domandare, depositando

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VARESE

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VARESE ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VARESE CORSO DI FORMAZIONE La Riforma della Legge Fallimentare nei suoi aspetti pratici 3 a giornata Venerdì 19 Maggio 2006 Esercitazioni

Dettagli

La solidarietà tributaria passiva dei soci illimitatamente responsabili riceve lo stop della Cassazione.

La solidarietà tributaria passiva dei soci illimitatamente responsabili riceve lo stop della Cassazione. La solidarietà tributaria passiva dei soci illimitatamente responsabili riceve lo stop della Cassazione. di Enrico Larocca Dottore Commercialista e Revisore Contabile in Matera Una delle questioni più

Dettagli

RETI TELEMATICHE ITALIANE S.P.A. IN FORMA ABBREVIATA RETELIT S.P.A.

RETI TELEMATICHE ITALIANE S.P.A. IN FORMA ABBREVIATA RETELIT S.P.A. RETI TELEMATICHE ITALIANE S.P.A. IN FORMA ABBREVIATA RETELIT S.P.A. Sede in Milano, Viale F. Restelli n. 3/7 Registro delle Imprese di Milano n. 1595443 www.retelit.it Relazione illustrativa redatta dagli

Dettagli

Sommario Il perimetro delle operazioni con parti correlate

Sommario Il perimetro delle operazioni con parti correlate Sommario La Consob ha concluso l iter di approvazione della nuova disciplina sulle operazioni con parti correlate effettuate, direttamente o tramite società controllate, da società che fanno ricorso al

Dettagli

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO RISOLUZIONE N. 105/E Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Art. 19 bis 1,

Dettagli

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce PRELIMINARI DI PERMUTA E FALLIMENTO. IPOTESI SPECIFICHE PER LE AREE EDIFICABILI E GLI IMMOBILI DA COSTRUIRE. La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce fattispecie negoziali in

Dettagli

Indice sistematico. Parte I Il contratto di leasing. Introduzione

Indice sistematico. Parte I Il contratto di leasing. Introduzione Introduzione Parte I Il contratto di leasing 1 Premessa... 15 2 Il leasing nelle sue diverse forme... 16 3 Il leasing operativo e le sue principali caratteristiche... 17 4 Limiti soggettivi per le società

Dettagli

Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori DOCUMENTO DI LAVORO

Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori DOCUMENTO DI LAVORO PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori 26.10.2009 DOCUMENTO DI LAVORO relativo alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali

Dettagli

Deliberazione n.11/2003/p

Deliberazione n.11/2003/p Deliberazione n.11/2003/p REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti In Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato I Collegio *** Nell adunanza congiunta

Dettagli

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI di Viviana Cavarra Avvocato in Milano Il quadro normativo

Dettagli

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo 3/2009 Il Caso La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo IN BREVE La Cassazione è intervenuta per la prima volta sulla disciplina del concordato preventivo, di recente

Dettagli

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n.

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n. ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1): L art. 216, primo comma, n. 1, L. Fall. sanziona l imprenditore, dichiarato fallito, che prima della dichiarazione di fallimento

Dettagli

IL CONCORDATO PREVENTIVO CON FINALITÀ DI RISANAMENTO. Prof. Avv. Lorenzo STANGHELLINI

IL CONCORDATO PREVENTIVO CON FINALITÀ DI RISANAMENTO. Prof. Avv. Lorenzo STANGHELLINI IL CONCORDATO PREVENTIVO CON FINALITÀ DI RISANAMENTO Prof. Avv. Lorenzo STANGHELLINI Diretta 16 novembre 2009 IL CONCORDATO PREVENTIVO Strumento duttile, normalmente usato in forma liquidatoria Le statistiche

Dettagli

Pirelli & C. S.p.A. Integrazione al Documento informativo

Pirelli & C. S.p.A. Integrazione al Documento informativo Pirelli & C. S.p.A. Sede in Milano Viale Piero e Alberto Pirelli n. 25 Capitale sociale euro 1.345.380.534,66 Registro delle Imprese di Milano n. 00860340157 Repertorio Economico Amministrativo n. 1055

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO ANALISI DI DUE CASE STUDY

RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO ANALISI DI DUE CASE STUDY RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO ANALISI DI DUE CASE STUDY Milano, 21 settembre 2013 A cura dell Avv. Antonio Azzarà Strumenti per la gestione della crisi: generale Le ristrutturazioni sono realizzate principalmente

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

Rag. Fabio Mongiardini. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Rag. Fabio Mongiardini. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi NUOVO REGIME DELLE PERDITE SU CREDITI Rag. Fabio Mongiardini 1 Art. 33 DL 83/2012 (DECRETO SVILUPPO) Importanti novità in materia di perdite su crediti sia nell ambito di procedure concorsuali sia al di

Dettagli

Ritardi di Pagamento

Ritardi di Pagamento Ritardi di Pagamento Recepimento Direttiva Late Payments Direttiva 2011/7/UE (Late Payments) Recepita con decreto legislativo 9 novembre 2012, n. 192, recante Modifiche al decreto legislativo 9 ottobre

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna CIRCOLARE N. 8/2007 PROT. n. 49031 ENTE EMITTENTE: Direzione Agenzia del Territorio. OGGETTO: Contenzioso tributario - Riassunzione del giudizio a seguito di sentenze della Corte di Cassazione - Effetti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 175/E

RISOLUZIONE N. 175/E RISOLUZIONE N. 175/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma 28 aprile 2008 Oggetto: Operazioni finanziarie IVA Art. 10 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 Istanza di interpello 2007. Con istanza

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 SCUDO FISCALE E ATTIVITÀ ALL ESTERO DA PARTE DEI LAVORATORI DIPENDENTI IL QUESITO Nella circolare n. 48 del 2009 l Agenzia delle entrate

Dettagli

Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione. Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015

Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione. Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015 Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015 di Giuseppina Mattiello Pubblicato il 14/09/2015 Il creditore

Dettagli

RISOLUZIONE N. 234/E

RISOLUZIONE N. 234/E RISOLUZIONE N. 234/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 24 agosto 2009 provinciali OGGETTO:Istanza di interpello - trasmissione delazione ereditaria obbligo di presentazione della dichiarazione

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità aziendale Novembre 2013 Indice 1. Introduzione 2. La responsabilità della Direzione 3. La responsabilità del revisore 4. Gli indicatori per valutare la continuità

Dettagli

Circolare Informativa n 21/2013

Circolare Informativa n 21/2013 Circolare Informativa n 21/2013 DURC negativo ed intervento sostitutivo della stazione appaltante e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 6 INDICE Premessa pag.3 1) Intervento

Dettagli

I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI

I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI 28.6.2013 di Giovanni Sandrini, Commercialista Sommario: 1. Premesse - 2. I finanziamenti nelle imprese in crisi - 3. I finanziamenti suddivisi

Dettagli

Circolare n. 33 del 25 ottobre 2010

Circolare n. 33 del 25 ottobre 2010 5 Novembre 2010, ore 11:18 Circolare n. 33 e 34 di Assonime Fallimento e ristrutturazione delle imprese in difficoltà, le indicazioni di Assonime Assonime fornisce nelle Circolare n. 33 e 34 dello scorso

Dettagli

STUDIO MARNATI. Commercialisti Revisori legali www.studiomarnati.net STUDIO MARNATI

STUDIO MARNATI. Commercialisti Revisori legali www.studiomarnati.net STUDIO MARNATI Consulenza tributaria, societaria e crisi d impresa Commercialisti Revisori legali www.studiomarnati.net 1 Premesse A partire dal 2008 le mutate condizioni economico finanziarie, che hanno prodotto una

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO CENNI STORICI SUL CONCORDATO PREVENTIVO

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO CENNI STORICI SUL CONCORDATO PREVENTIVO INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... XIII CAPITOLO PRIMO CENNI STORICI SUL CONCORDATO PREVENTIVO Guida bibliografica... 3 1. Origini dell istituto.... 5 2. Il concordato preventivo

Dettagli

IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE DECRETO

IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE DECRETO Tribunale di Roma, Sez. Fall., 24 maggio 2012 così composto: IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE dott. Marco Vannucci dott. Giuseppe Di Salvo dott. Aldo Ruggiero Presidente Giudice Giudice rel. riunito

Dettagli

La sentenza del Tribunale di Bergamo, 28 aprile 2014, giudice Mauro Vitiello

La sentenza del Tribunale di Bergamo, 28 aprile 2014, giudice Mauro Vitiello La sentenza del Tribunale di Bergamo, 28 aprile 2014, giudice Mauro Vitiello di Giuseppe Rebecca Studio Rebecca & Associati Vicenza/Schio Finalmente pubblicata una nuova sentenza del giudice Mauro Vitiello,

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE FALLIMENTARE

TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE FALLIMENTARE Tribunale di Torino - sez. fallimentare - 4 novembre 2011, decr. TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE FALLIMENTARE In composizione collegiale nelle persone di Sigg.ri Magistrati Dott. Francesco DONATO Dott. Michela

Dettagli

RECESSO DEL SOCIO DI SOCIETA DI PERSONE. A cura di Andrea Silla e Flavia Silla

RECESSO DEL SOCIO DI SOCIETA DI PERSONE. A cura di Andrea Silla e Flavia Silla RECESSO DEL SOCIO DI SOCIETA DI PERSONE A cura di Andrea Silla e Flavia Silla Generalità I soci possono recedere dalla società di persone in qualsiasi momento: se la società è a tempo indeterminato; quando

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDE DI DIRITTO CONCORSUALE N. 01/2014

ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDE DI DIRITTO CONCORSUALE N. 01/2014 ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDE DI DIRITTO CONCORSUALE N. 01/2014 COMUNICAZIONI AI CREDITORI: I NUOVI ADEMPIMENTI TELEMATICI RIFERIMENTI NORMATIVI: PREMESSA: Art. 17 del D.L.

Dettagli

Gli accordi di ristrutturazione dei debiti (prima parte)

Gli accordi di ristrutturazione dei debiti (prima parte) Gli accordi di ristrutturazione dei debiti (prima parte) http://www.commercialistatelematico.com/nuoviarticoli/private/43517... 1 di 6 23/06/2010 12:39 A-PDF Merger DEMO : Purchase from www.a-pdf.com to

Dettagli

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014 PREVIDENZA SOCIALE Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico. a cura di Massimo Compagnino Il presupposto per l iscrizione nella gestione

Dettagli