Le azioni recuperatorie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le azioni recuperatorie"

Transcript

1 Capitolo 6 Le azioni recuperatorie Sommario 6.1 Le azioni recuperatorie, generalità L azione di responsabilità ex art. 146 l.f I tassi usurari. 6.1 Le azioni recuperatorie, generalità Le azioni recuperatorie sono tutte quelle attività che il curatore pone in essere nei confronti di terzi che hanno interagito con il soggetto fallito e che, attraverso determinati comportamenti, hanno contribuito a diminuire il valore del patrimonio arrecando quindi ai creditori concorsuali un danno. La funzione delle azioni recuperatorie attuate dal curatore è di ottenere un ristoro del danno e quindi sostanzialmente recuperare la perdita di valore che ha subito il patrimonio per tale causa. Tra queste azioni possiamo ricomprendere: a) l azione di responsabilità nei confronti degli amministratori, direttori generali, liquidatori, organi di controllo e dei soci delle società a responsabilità limitata ex art. 2467, 7 comma, c.c.; b) l azione di recupero delle somme indebitamente introitate dagli istituti bancari in violazione della legge sull usura. Non può essere collocata tra le azioni recuperatorie proponibili dal curatore quella relativa al risarcimento del danno subito dai creditori a seguito della concessione abusiva del credito. La concessione abusiva del credito si realizza nel comportamento del soggetto finanziatore di mantenere artificiosamente in vita un impresa insolvente suscitando sul mercato un errata percezione della reale situazione finanziaria ed economica dell impresa sovvenuta inducendo i terzi a contrattare o a continuare a contrattare

2 Parte I: Gli aspetti giuridici e procedurali con l impresa in crisi (1) cosa dalla quale si sarebbero astenuti e attivati per il recupero del credito maturato (2) se la situazione non fosse stata sostenuta in maniera artificiosa. La responsabilità che ne scaturisce è di natura extracontrattuale, quindi, l azione risarcitoria compete ad ogni terzo leso e non al curatore non essendo configurabile quale azione di massa (3). 6.2 L azione di responsabilità ex art. 146 l.f. Con la riforma, il secondo comma dell art. 146 l.f. individua due diversi gruppi di destinatari dell azione del curatore ed esattamente: a) gli amministratori, i componenti degli organi di controllo, i direttori generali e i liquidatori; b) i soci delle società a responsabilità limitata nei casi previsti dal settimo comma dell art c.c. L azione di responsabilità può essere esperita soltanto nei confronti dei soci delle società a responsabilità limitata (quindi mai nei confronti degli azionisti) quando si verificano le seguenti condizioni: 1. l intervento dei soci rappresenta un momento necessario alla formazione della volontà dell atto di gestione; 2. sussiste l elemento psicologico dell intenzionalità da parte del socio. Una volta accertate le predette condizioni, il socio risponde in solido con gli amministratori limitatamente al danno causato dai predetti atti. La limitazione trova una giustificazione nel sistema, poiché il compimento concreto dell atto deciso o autorizzato dai soci spetta comunque agli amministratori, che hanno il dovere di non dare esecuzione a quegli atti dannosi per la società, pena la loro responsabilità (anche solo per colpa) verso la stessa, i soci e i terzi (4). La previsione di cui al punto b) non sembra sia applicabile nei confronti dell amministratore di fatto o quando il socio sia anche amministratore (5). Un soggetto è qualificato amministratore di fatto quando, per un periodo determinato anche limitato ad alcuni mesi svolga l effettivo esercizio di funzioni gestorie con i requisiti di continuità e sistematicità richiesti dall art c.c. (6). (1) MARCINKIEWICZ A., Curatore fallimentare e danno dei creditori per abusiva concessione di credito, in Il Fallimento 2011, pag (2) Cass. SS.UU. n. 7029, 7030, 7031 del (3) FORTUNATO S., La concessione abusiva di credito dopo la riforma delle procedure concorsuali, in Il Fallimento 2010, 30 anni della rivista sita Il Fallimento, pag. 65; Cass. n del (4) PARRELLA F., (a cura di SANDULLI M. SANTORO V.), La riforma delle società, Vol. 3, Giappichelli 2003, pag. 133; ABETE L., La responsabilità degli organi di gestione, liquidazione e controllo nella riforma della legge fallimentare, in Il Fallimento 2006, pag. 5. (5) PICCININI G., Atti gestori dannosi: i «mobili confini» della responsabilità del socio, in Società 2005, pag (6) Cass. n del

3 Capitolo 6: Le azioni recuperatorie Il curatore può esercitare le azioni di responsabilità nei confronti dei soggetti elencati al punto a). La norma riformata non richiama più le azioni di cui all art e 2394 c.c. (che del resto dopo la riforma del diritto societario ex d.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 non ha più senso) ma richiama genericamente le «azioni di responsabilità». Per meglio inquadrare la responsabilità imputabile ad ogni singolo soggetto, richiamato alla lettera a) della norma, è opportuno individuare i diversi obblighi che la legge impone agli stessi per le società per azioni e a responsabilità limitata. Nelle spa, gli amministratori devono adempiere i doveri ad essi S.P.A. imposti dalla legge e dallo statuto sociale con la diligenza richiesta dalla natura dell incarico e dalle loro specifiche competenze. In caso di inadempienza, sono solidalmente responsabili verso la società per i danni derivanti dall inosservanza, salvo che tali funzioni non siano attribuite ad altri soggetti (art c.c.). Dopo la riforma del diritto societario, gli amministratori, nell espletamento del loro incarico, devono adempiere con la diligenza richiesta dalla natura dell incarico che è ben più qualificata di quella richiesta al buon padre di famiglia disciplinata dall art c.c. e si avvicina a quella di tipo professionale dell art c.c. (7). Ne discende che gli amministratori devono rispettare il divieto di concorrenza (art c.c.), devono comunicare ogni interesse personale o di terzi di cui siano portatori rispetto a una determinata operazione (art c.c.), devono rispettare il dovere generico di corretta gestione in relazione alla diligenza richiesta. Gli amministratori delle spa rispondono verso i creditori sociali per l inosservanza degli obblighi inerenti alla conservazione dell integrità del patrimonio sociale (art c.c.). I creditori possono agire anche nel caso in cui la società abbia rinunciato all azione sociale ai sensi dell art. 2393, comma 5, c.c. L art c.c. dispone che nel caso in cui occorra una causa di scioglimento, gli amministratori sono personalmente e solidalmente responsabili dei danni arrecati alla società, ai soci, ai creditori sociali ed ai terzi, per atti od omissioni compiuti che in violazione dell obbligo di conservazione devono compiere fino alla consegna ai liquidatori, rispondono, cioè, per gli atti non finalizzati al mantenimento dell integrità del patrimonio sociale. È necessario ricordare che gli amministratori sono tenuti ad iscrivere, nel registro delle imprese, la dichiarazione con cui accertano una causa di scioglimento senza indugio (art c.c.). A norma dell art c.c., che richiama la responsabilità degli amministratori, i direttori generali sono responsabili verso la società e nei confronti dei creditori sociali per i danni cagionati a seguito della loro attività. Ai liquidatori, per rinvio dell art c.c. si applicano le stesse norme previste per gli amministratori. A tal proposito, è necessario precisare che, per le società per azioni, l art. 2394bis c.c. prevede espressamente che, in caso di fallimento, le (7) ABETE L., La responsabilità degli organi di gestione, liquidazione e controllo nella riforma della legge fallimentare, in Il Fallimento 2006, pag

4 Parte I: Gli aspetti giuridici e procedurali azioni di responsabilità (azione sociale di responsabilità, art c.c.; azione di responsabilità esercitata dai soci, art. 2393bis c.c.; azione di responsabilità dei creditori sociali, art c.c.) sono esercitate dal curatore fallimentare nei confronti degli amministratori, dei direttori generali, del liquidatore. Tipo di azione La previsione normativa, che si esaurisce con la chiusura del fallimento, tende a salvaguardare il principio della par condicio creditorum che sarebbe altrimenti compromessa qualora fosse consentito l esercizio ad altri soggetti anche se in concorrenza (8). Il curatore può proporre, ai sensi del secondo comma, lettera a), dell art. 146 l.f., sia l azione spettante ai soci sia quella riservata ai creditori ancorché di natura diversa (contrattuale la prima ed extracontrattuale la seconda), poiché la norma racchiude in maniera unitaria ed inscindibile le predette azioni, considerate inglobate tanto da essere definite un centauro (9). Art c.c. L art c.c. detta gli obblighi del collegio sindacale. Esso vigila sull osservanza della legge e dello statuto, sul rispetto dei principi di corretta amministrazione e in particolare sull adeguatezza dell assetto organizzativo, amministrativo e contabile adottato dalla società e sul concreto funzionamento e, ove previsto ai sensi dell art bis c.c. esercita il controllo contabile. Il collegio sindacale deve adempiere gli obblighi di legge con la professionalità e la diligenza richiesta dalla natura dell incarico da valutare in relazione alla previsione dell art c.c. I sindaci, oltre alla responsabilità diretta relativa alla violazione degli obblighi specifici del loro ufficio, rispondono in solido con gli amministratori per i fatti e le omissioni di questi ultimi quando il danno non si sarebbe prodotto se avessero vigilato in conformità agli obblighi della loro carica (art c.c.). All azione di responsabilità nei confronti dei sindaci di società per azioni si applicano gli articoli 2393, 2393bis, 2394, 2394bis, 2395 c.c. Ne consegue che il curatore pertanto può agire nei confronti degli stessi sia per la responsabilità verso la società che per quella verso i creditori sociali. Al preposto al controllo contabile, per espresso richiamo dell art. 2409sexies c.c., si applicano le disposizioni dell art c.c. Ne consegue che nelle spa il curatore è legittimato ad esperire nei confronti del predetto soggetto le azioni di responsabilità per i danni causati alla società e ai creditori sociali. Con la riforma del diritto societario, le società a responsabilità limitata sono state dotate di un ampia possibilità di regolamentarsi in maniera molto diversa dalle società per azioni, di cui in precedenza ricalcavano le regole, avvicinandosi molto (8) AUDINO A, (a cura di MAFFEI ALBERTI A.), Il nuovo diritto delle società, sub art. 2394bis c.c., Padova 2005, pag (9) ROCCO DI TORREPADULA N., La responsabilità degli amministratori nel fallimento delle società a responsabilità limitata, in Il Fallimento 2006, pag

5 Capitolo 6: Le azioni recuperatorie alle società di persone. Mentre prima della riforma del diritto societario era pacifico che il curatore, anche nel fallimento delle srl, fosse legittimato a cumulare le azioni spettanti alla società e quelle riservate ai creditori sociali, con la novella la cosa è controversa. L art c.c. dispone che gli amministratori sono solidalmente responsabili verso la società dei danni derivanti Art c.c. dall inosservanza dei doveri ad essi imposti dalla legge e dall atto costitutivo per l amministrazione della società; responsabilità che può essere esclusa per coloro che dimostrino di essere esenti da colpa o che abbiano fatto constare il loro dissenso al compimento dell atto. In materia di responsabilità, è necessario rilevare che per le società a responsabilità limitata manca una specifica previsione dell azione da parte dei creditori sociali (art c.c.), prevista per le spa dall art c.c. Il curatore è certamente legittimato ad esperire l azione sociale di responsabilità e quella del socio di cui al terzo comma dell art c.c. (10). Considerato, poi, che il curatore, essendo espressamente legittimato a esperire l azione di cui al settimo comma dell art c.c. che rinvia, a sua volta, al sesto comma disciplinante l azione del socio e del terzo direttamente danneggiato, si deve concludere che il curatore si sostituisce nell esercizio delle azioni dirette a ottenere il risarcimento dei danni cagionati al patrimonio del fallito (11). Del resto, se così non fosse, non sarebbe comprensibile una normativa che legittima i soci e i terzi ad agire in responsabilità per il risarcimento del danno che, in definitiva, risulta cagionato alla società, cui quale sarebbe precluso di agire per ottenere il risarcimento del danno subito (12). L art c.c. prevede che le società a responsabilità limitata possono prevedere, nell atto costitutivo, la nomina di un collegio sindacale o di un revisore determinandone le competenze e i poteri. Il medesimo articolo impone, invece, la nomina obbligatoria quando si verificano le condizioni previste. Nel caso di nomina obbligatoria al collegio sindacale si applicano le disposizioni valide in tema di società per azioni Il nesso di casualità nell azione di responsabilità ex art. 146 l.f. Una delle problematiche più complesse nell azione di responsabilità azionata ai sensi dell art. 146 l.f. è la quantificazione del Quantificazione del danno danno, elemento essenziale per esperire l azione. Ne consegue che il curatore deve dimostrare il nesso di causalità tra l atto e il danno, cioè dimostrare la riconducibilità del danno al comportamento del soggetto nei confronti del quale s intende agire e alla cui refusione sono tenuti in solido (10) SALVATO L., Azioni sociali di responsabilità ed iniziative nei confronti dei terzi danneggiati, in Il Fallimento 2009, pag (11) GUGLIELMUCCI L., Diritto fallimentare, Torino 2008, pag (12) SANTORO V., La nuova disciplina delle società a responsabilità limitata, Milano 2003, pag. 166; CARIDI V., (a cura di NIGRO A. SANDULLI M.), La riforma del diritto fallimentare, Torino 2006, pag

6 Parte I: Gli aspetti giuridici e procedurali e per l intero tutti coloro che hanno contribuito a cagionarlo, essendo la gradazione una problematica di regresso tra i coobbligati (13). Non basta, per esempio, affermare che gli amministratori non hanno tenuto le scritture contabili comportamento di sicuro non corretto ma è necessario che l inadempienza non abbia consentito di rilevare una causa di scioglimento con la conseguente prosecuzione dell attività. Il danno non è quantificato automaticamente dalla differenza tra il patrimonio netto alla data della perdita del capitale sociale e il patrimonio netto alla data del fallimento (qualora vi siano elementi per ritenere che alcune perdite si sarebbero comunque verificate anche in assenza della violazione dell obbligo) ma da quella parte che può essere attribuita alle operazioni non meramente conservative imposte agli amministratori al verificarsi di una causa di scioglimento. Il curatore, comunque, potrà determinare il danno quantificandolo nella differenza tra il valore del patrimonio netto al momento del verificarsi della causa di scioglimento e il valore del patrimonio netto alla data del fallimento, senza dover provare che il compimento di ogni singola operazione ha determinato un danno, ma, più genericamente, dimostrando che la gestione nel suo complesso, nonostante il verificarsi di una causa di scioglimento, non è stata improntata alla conservazione del patrimonio sociale ma, al contrario, è stata esposta al rischio caratteristico dell attività d impresa. Nel caso in cui gli amministratori dimostrino che una determinata perdita si sarebbe comunque prodotta, anche nel caso in cui l attività gestionale fosse stata esclusivamente conservativa, la stessa dovrà essere detratta ai fini della determinazione del danno risarcibile (14); in sostanza, l inadempienza comporta comunque l onere del risarcimento del danno, ma in misura limitata a quelli che non sono una logica conseguenza del comportamento (15). Per quanto riguarda la responsabilità concorrente dell organo di controllo, è necessario che vi sia stata un inadempienza da parte dell organo gestorio, con un conseguente danno, che i sindaci, a loro volta, non abbiano ottemperato i loro doveri e che vi sia un nesso di causalità tra quest ultimo comportamento e il danno subito dalla società. Pertanto, l organo di controllo, per andare esente da responsabilità in vigilando, deve adempiere i suoi doveri nel rispetto pedissequo di quelle che sono le specifiche regole di comportamento impartite dal Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili. «La responsabilità concorrente implica che i sindaci non abbiano vigilato sull operato degli organi amministrativi in conformità ai loro doveri. Non rispondendo quindi per il fatto in sé degli amministratori foriero di danni ma per il danno solo in quanto sia configurabile a loro carico la violazione di un obbligo inerente alla loro funzione ovvero all obbligo di vigilare sull ammi- (13) BARTALINI G., La responsabilità degli amministratori e dei direttori generali di società per azioni, Torino 2000, pag (14) PROTO C., L azione dei creditori sociali nella società a responsabilità limitata e la determinazione del danno, in Il Fallimento 2010, pag. 730; ZAMPERETTI G.M., La prova del danno da gestione non conservativa nella società disciolta per perdita del capitale, in Il Fallimento 2009, pag (15) BOSTICCO P., Responsabilità degli organi sociali, prevedibilità del danno e decorso del termine di prescrizione, in Il Fallimento 2006, pag

7 Capitolo 6: Le azioni recuperatorie nistrazione della società con la diligenza richiesta, di denunciare le irregolarità riscontrate e di assumere, se necessario, le iniziative sostitutive dell organo stesso. Qualora quindi i sindaci abbiano correttamente vigilato ma il danno si è ugualmente prodotto per il comportamento degli amministratori non potrà essere ravvisata alcuna responsabilità mancando il presupposto della stessa ovvero il comportamento negligente prima ancora che il nesso di causalità» (16). Affinché l organo di controllo sia chiamato a rispondere, è necessario fornire la prova «in ordine ad un aggravamento del dissesto, effettivamente dipendente da un esercizio dell attività d impresa indebitamente protratto, immediatamente e direttamente correlato, per nesso di causalità materiale, a comportamenti antidoverosi dei sindaci» (17). Non costituiscono motivo di esonero da responsabilità le mere dimissioni che determinano l impossibilità di prendere le opportune e necessarie iniziative in sostituzione degli amministratori inerti (18) La prescrizione dell azione di responsabilità ex art. 146 l.f. Il quarto comma dell art c.c. fissa in cinque anni, dalla cessazione della carica, il termine entro il quale può essere esercitata l azione di responsabilità nei confronti degli amministratori. Poiché al curatore, per espressa disposizione normativa, spetta anche la legittimazione attiva per esercitare le azioni di responsabilità riservata ai creditori sociali, e questa può essere proposta quando il patrimonio sociale non basta al soddisfacimento integrale dei loro crediti (19) e la stessa è percepibile dagli stessi (quindi all esterno) (20), momento che può essere anteriore o successivo alla dichiarazione di fallimento e che può essere eccepito dal convenuto (21), è necessario individuare con fondata certezza se la norma sia applicabile anche all organo di controllo e quindi anche per il medesimo operi la sospensione del termine finché rimane in carica ai sensi dell art. 2941, n. 7 c.c. Considerato che il secondo comma dell art c.c. dispone la prescrizione quinquennale dell azione di responsabilità dalla consumazione del fatto dannoso, tenendo conto della sospensione del termine prevista dall art. 2941, n. 7 c.c., e l ultimo comma dell art. 2409sexies c.c. ordina che l azione si prescrive nel termine di cinque anni dalla cessazione dell incarico, è da ritenere che la sospensione, per agire in responsabilità, sia applicabile anche all organo di controllo (22). (16) Trib. di Milano (17) C. App. di Torino , con commento FINARDI D., La responsabilità concorrente dei sindaci e i criteri di determinazione del danno risarcibile, in Il Fallimento 2010, pag. 35. (18) BOSTICCO P., Responsabilità degli organi sociali, prevedibilità del danno e decorso del termine di prescrizione, cit., pag (19) IOZZO F., Sulla decorrenza del termine di prescrizione dell azione ex art c.c. 146 legge fallimentare, in Giurisprudenza Commerciale 2004, II, pag (20) Cass. n del (21) Trib. di Marsala del (22) AULETTA F., (a cura di SANDULLI M. SANTORO V.), La riforma delle società, Vol. 3, Giappichelli 2003, pag. 482; BERNABAI R., Profili processuali delle azioni di responsabilità, in Le società 2005, pag

8 Parte I: Gli aspetti giuridici e procedurali L autorizzazione a promuovere l azione di responsabilità ex art. 146 l.f. Nessuna novità è stata introdotta dalla riforma per quanto riguarda l autorizzazione che il curatore deve acquisire prima di agire ai sensi dell art. 146 l.f. L autorizzazione viene concessa dal giudice delegato su specifica e motivata richiesta del curatore sentito il comitato dei creditori. Il comitato dei creditori in questa circostanza non ha il potere autorizzativo, ma soltanto una funzione consultiva. La mancata consultazione del comitato dei creditori costituisce un irregolarità nel procedimento di autorizzazione con ricaduta sull autorizzazione medesima. Il giudice delegato autorizza o respinge la richiesta. Il provvedimento con il quale il giudice delegato non autorizza l azione di responsabilità ex art. 146 l.f. è reclamabile ai sensi dell art. 26 l.f. (v. Formule nn. 79 e 80) La rinuncia all azione di responsabilità In presenza dei presupposti per agire ai sensi dell art. 146 l.f., è opportuno che il curatore, nella fase antecedente, effettui alcune indagini sulla consistenza patrimoniale e, più in generale, sulla solvibilità dei soggetti da aggredire. Qualora dagli accertamenti emerga che i soggetti nei confronti dei quali si dovrebbe agire non sono titolari di beni facilmente aggredibili (immobili, mobili registrati, quote di società ecc.), ed anzi sono soggetti che presentano evidenti problematicità nel recupero della somma da richiedere, è opportuno valutare se abbandonare o meno la predetta azione. La valutazione è necessaria al fine di non arrecare un danno alla massa dei creditori e procastinare, inutilmente, la chiusura della procedura. Se, dopo tali accertamenti, il curatore ritiene opportuno di non esperire l azione di responsabilità ex art. 146 l.f. è conveniente, per evitare di dover rispondere per non aver attivato l azione, che si faccia formalmente autorizzare a non proporre l azione o a proporla per un importo minore, al fine di non gravare inutilmente di costi la procedura, poiché l esito favorevole della lite non porterebbe alcun vantaggio ai creditori (v. Formule nn. 81 e 82). 6.3 I tassi usurari Come previsto dall art. 4 della l. 7 marzo 1996, n. 108, il secondo comma dell art c.c. recita: «Se sono convenuti interessi usurari, la clausola è nulla e non sono dovuti interessi». Prima della modifica apportata all art c.c. in presenza di tassi usurari (del resto misura non stabilita per legge) era dovuta la restituzione dell eccedenza rispetto a quelli determinati al tasso legale. L art. 2, comma 4 della l. 108/1996 fissa la soglia oltre la quale, a mente dell art. 644, comma 3 c.p.p., il tasso è sempre usurario: vale a dire quando è superiore a quello medio relativo alla categoria 174

9 Capitolo 6: Le azioni recuperatorie di operazioni cui è riferito, per il trimestre di rilevazione (risultante dall ultima pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale), aumentato della metà. L applicazione del tasso usurario comporta la nullità degli interessi e la conseguente restituzione delle somme percepite in violazione dell art c.c.; il curatore dovrà, pertanto, controllare che il tasso effettivo globale applicato dalle banche sia entro la soglia di usura. Nel caso in cui il TEG determinato sia usurario, dovrà agire per recuperare quanto la banca ha indebitamente percepito. Ai fini della determinazione del TEG, le commissioni di massimo TEG scoperto devono essere sommate agli interessi, costituendo vera e propria integrazione, nonché onere aggiuntivo (23), del tasso nominale di interesse, priva di una specifica giustificazione economico/tecnica. Non considerare le commissioni di massimo scoperto alla stessa stregua degli interessi sarebbe contro lo spirito della ratio della legge sull usura, poiché permetterebbe una maliziosa manovra attraverso la quale realizzare un usura lecita (24). La commissione di massimo scoperto è applicabile solo quando il saldo risulti a debito per un periodo continuativo minimo di trenta giorni e non potrà superare a pena di nullità del patto di remunerazione lo 0,5%, per trimestre, dell importo dell affidamento (art. 2bis, d.l. 185/2008 convertito con modificazioni dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2), sempre a condizione che vi sia un accordo scritto tra le parti non rinnovabile automaticamente. La commissione, anche se applicata con le modalità innovative, continua, pertanto, a rientrare nella determinazione del tasso globale effettivo ai fini della quantificazione del tasso usura. Da ultimo, la Banca D Italia ha chiarito che ogni e qualsiasi costo/spesa addebitata al correntista entra nella quantificazione del tasso effettivo globale. Il curatore, ove dai controlli effettuati rilevi che la banca ha applicato un tasso usurario deve agire per il recupero della somma indebitamente introitata. A tal fine, prima di agire in sede giudiziale, è opportuno avanzare una richiesta formale alla banca di retrocessione della predetta somma (v. Formula n. 83). Esempio Per procedere alla determinazione del TEG si parte dall estratto conto nel quale sono riportati i dati necessari: i numeri l importo degli interessi addebitati l importo delle commissioni addebitate Il TEG si determina come segue. TEG = (INTERESSI + COMMISSIONI) : numeri (23) Cass. penale n. 262 del ; Trib. di Lecce del ; GdP di Palermo del (24) BONORA C., La nuova legge sull usura, Padova 1998, pag

10 Parte I: Gli aspetti giuridici e procedurali DETERMINAZIONE DEGLI INTERESSI ADDEBITATI CON L APPLICAZIONE DEL TASSO USURARIO BANCA.. c/c n.. Anno.. Numeri da c/c Interessi da c/c C.M.S. da c/c T.E.G. Tasso Soglia Somma da richiedere 1 trim ,00 681,14 354,57 21,25 14, ,71 2 trim , ,92 604,4 20,69 14, ,32 3 trim ,00 448,75 199,35 20,04 14,59 648,10 4 trim ,00 192,49 33,08 15,88 14,06 225, La concessione abusiva del credito Secondo l insegnamento della Suprema Corte di Cassazione (25), la concessione di fidi a soggetti incapaci di assicurare una normale restituzione delle somme ottenute a causa delle insufficienti condizioni patrimoniali, insolventi o potenzialmente insolventi, configura, per la banca, una concessione abusiva del credito. La banca che sovvenziona il soggetto con tali caratteristiche commette un illecito aquiliano, illecito potenzialmente idoneo non solo a danneggiare coloro che, tratti in errore dall apparente solvibilità dell impresa continuano a fornire merci e servizi all imprenditore poi dichiarato fallito, ma anche ad alterare l equilibrio di tutto il sistema (26). La domanda cui è necessario rispondere è se il curatore sia o meno legittimato a chiedere il risarcimento del danno alla banca per il danno che i creditori hanno subito per il comportamento illecito della banca. La risposta non è semplice. La Corte di Cassazione, con due sentenze, ha fornito insegnamenti nettamente diversi. Con la prima sentenza (27), gli Ermellini hanno affermato che il curatore, per il combinato disposto degli art. 146 l.f. e 2393 c.c., è legittimato ad agire nei confronti della banca in quanto terzo solidalmente responsabile del danno cagionato alla società per effetto dell abusivo ricorso al redito da parte degli amministratori. Con la seconda sentenza, emessa a pochi giorni di distanza dalla prima, i giudici del Palazzaccio (28), richiamando la posizione delle SS.UU. (29), hanno negato al curatore la legittimazione ad agire in rappresentanza dei creditori, poiché la legge fallimentare la limita alle cosiddette azioni di massa ossia finalizzate alla ricostituzione del patrimonio del debitore nella sua funzione di garanzia generica ed (25) Cass. n. 343 del (26) MARCINKIEWICZ A., Curatore fallimentare e danno dei creditori per abusiva concessione di credito, in Il fallimento 211, pag (27) Cass. n del (28) Cass. n del (29) Cass. SS.UU. n del

11 Capitolo 6: Le azioni recuperatorie aventi carattere indistinto quanto ai possibili beneficiari del loro esito positivo in cui non si può annoverare l azione in esame, che, analogamente a quella prevista dall art cc, costituisce strumento di reintegrazione del patrimonio del singolo creditore, giacché, per certi aspetti, il danno derivante dall attività di sovvenzione abusiva deve essere valutato caso per caso nella sua esistenza e entità. 177

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori 7/2009 Il Caso Scelte gestionali e diligenza degli amministratori IN BREVE Una recentissima sentenza della Cassazione conferma il sistema della responsabilità degli amministratori di società delineato

Dettagli

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI Iscritta nel registro Prefettizio del Governo al n. 166 codice fiscale: 91102990404 La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari

Dettagli

INDICE CAPITOLO 1 POSIZIONE SOSTANZIALE E PROCESSUALE DEL CURATORE FALLIMENTARE

INDICE CAPITOLO 1 POSIZIONE SOSTANZIALE E PROCESSUALE DEL CURATORE FALLIMENTARE INDICE 1 PREMESSA CAPITOLO 1 POSIZIONE SOSTANZIALE E PROCESSUALE DEL CURATORE FALLIMENTARE 9 1. Il nuovo volto e ruolo del curatore 17 2. (Segue): i rapporti del curatore con gli altri organi 22 3. Posizione:

Dettagli

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore 4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore Testo in vigore Art. 8 Contenuto dell accordo o del piano del consumatore 1. La proposta di accordo o di piano del consumatore prevede la ristrutturazione

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE Diritto commerciale 2013/14. INIZIO DELL ATTIVITA D IMPRESA (acquisto della qualità di imprenditore)

UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE Diritto commerciale 2013/14. INIZIO DELL ATTIVITA D IMPRESA (acquisto della qualità di imprenditore) UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE Diritto commerciale 2013/14 INIZIO DELL ATTIVITA D IMPRESA (acquisto della qualità di imprenditore) PRINCIPIO DI EFFETTIVITA VS CRITERIO FORMALE Il principio di effettività può

Dettagli

LUCA PAGLIOTTA Dottore Commercialista Revisore dei conti. Dopo aver descritto, nel nostro precedente intervento, il funzionamento giuridico e

LUCA PAGLIOTTA Dottore Commercialista Revisore dei conti. Dopo aver descritto, nel nostro precedente intervento, il funzionamento giuridico e 1. Introduzione Dopo aver descritto, nel nostro precedente intervento, il funzionamento giuridico e contabile del rapporto di conto corrente, dedichiamo il presente al tema della pattuizione del tasso

Dettagli

LEZIONE 20 dicembre 2013

LEZIONE 20 dicembre 2013 1 LEZIONE 20 dicembre 2013 Società per azioni (S.P.A.) > è una persona giuridica, cioè un soggetto di diritto autonomo, dotato di capacità giuridica e di agire e di autonomia patrimoniale perfetta. La

Dettagli

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RECENTI ORIENTAMENTI DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI IN ARGOMENTO DI RESPONSABILITA SANITARIA Responsabilità contrattuale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012 Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO Quale è il trattamento fiscale delle somme riconosciute

Dettagli

LEZIONE 10 GENNAIO 2014

LEZIONE 10 GENNAIO 2014 LEZIONE 10 GENNAIO 2014 SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA> Come noto, è un ente dotato di personalità giuridica che rientra nel novero delle società di capitali. La riforma ha portato un integrale revisione

Dettagli

QUESITI IN TEMA BANCARIO

QUESITI IN TEMA BANCARIO QUESITI IN TEMA BANCARIO SEZIONE CIVILE - TRIBUNALE DI LIVORNO VERSIONE DEL 21.12.2014 1) COMMISSIONE DI MASSIMO SCOPERTO. Se il rapporto è costituito ANTE 29.01.2009 12. Se il rapporto è costituito POST

Dettagli

LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE. Avv. Sibilla Santoni

LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE. Avv. Sibilla Santoni LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE Avv. Sibilla Santoni Società sempre più complessa e problematica necessità degli assistenti sociali di conoscere i rischi giuridici a cui vanno incontro

Dettagli

LA SURROGA DELL ASSICURATORE

LA SURROGA DELL ASSICURATORE LA SURROGA DELL ASSICURATORE L ASSICURATORE CHE HA PAGATO L INDENNITÀ È SURROGATO, FINO ALLA CONCORRENZA DELL AMMONTARE DI ESSA NEI DIRITTI DELL ASSICURATO VERSO I TERZI RESPONSABILI. (Art. 1916 C.C.)

Dettagli

La solidarietà tributaria passiva dei soci illimitatamente responsabili riceve lo stop della Cassazione.

La solidarietà tributaria passiva dei soci illimitatamente responsabili riceve lo stop della Cassazione. La solidarietà tributaria passiva dei soci illimitatamente responsabili riceve lo stop della Cassazione. di Enrico Larocca Dottore Commercialista e Revisore Contabile in Matera Una delle questioni più

Dettagli

Autoimprenditorialità

Autoimprenditorialità Autoimprenditorialità Aspetti giuridici e burocratici dell impresa Febbraio 2012 La figura giuridica dell imprenditore L art. 2082 del Codice Civile definisce imprenditore chi esercita professionalmente

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) LAPERTOSA (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTARELLI Membro

Dettagli

2. La responsabilità dell amministratore è solo verso i condomini o si riverbera anche nei confronti dei terzi?

2. La responsabilità dell amministratore è solo verso i condomini o si riverbera anche nei confronti dei terzi? LE RESPONSABILITÀ DELL AMMINISTRATORE A cura di: Avv. Salvatore Chiacchio Unioncasa 1. In cosa si sostanzia la responsabilità dell amministratore? 2. La responsabilità dell amministratore è solo verso

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario CIRCOLARE N. 28/E Settore Fiscalità Generale e Indiretta Roma, 27 marzo 2008 OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario 2 1. Premessa 3 2. Il nuovo ambito

Dettagli

LEZIONE 4 DICEMBRE 2013

LEZIONE 4 DICEMBRE 2013 LEZIONE 4 DICEMBRE 2013 Società in nome collettivo ( s.n.c. ) La società in nome collettivo (s.n.c.) costituisce il modello di organizzazione societaria che si presume normalmente adottato per l esercizio

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c.

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. Sommario 1. PREMESSA... 1 2. ART. 528 NOMINA CURATORE... 1 3. ATTIVITÀ DEL CURATORE DELL EREDITÀ GIACENTE: POTERI ED OBBLIGHI... 2 4. ART. 529 OBBLIGHI DEL CURATORE...

Dettagli

Rag. Fabio Mongiardini. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Rag. Fabio Mongiardini. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi NUOVO REGIME DELLE PERDITE SU CREDITI Rag. Fabio Mongiardini 1 Art. 33 DL 83/2012 (DECRETO SVILUPPO) Importanti novità in materia di perdite su crediti sia nell ambito di procedure concorsuali sia al di

Dettagli

Piccolo imprenditore

Piccolo imprenditore Piccolo imprenditore Art. 2083 c.c.: «Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO Tribunale di Roma, Sez. Lavoro, 4 febbraio 2013 TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO Il Giudice designato, Dott. E. FOSCOLO Nelle cause riunite 16964/12 e 16966/12 TRA M.V. e M.G.S. Domiciliati in Roma, presso

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

MASSIME PENALE. Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato

MASSIME PENALE. Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato MASSIME PENALE Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. De Roberto; Rel. Aprile) Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato di violazione degli obblighi di

Dettagli

COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) OLIVIERI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) OLIVIERI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MARZIALE (RM) DE CAROLIS (RM) LEPROUX Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) OLIVIERI Membro designato da

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che qualunque fatto doloso o colposo che cagioni ad altri un danno ingiusto obbliga colui

Dettagli

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014 NEwSLETTER Del 17 marzo 2014 La giurisprudenza a seguito delle novità Introdotte con il d.l. 150/2012 (c.d. decreto balduzzi), convertito con modificazioni dalla l. 189/2012 In considerazione delle problematiche

Dettagli

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO RISOLUZIONE N. 105/E Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Art. 19 bis 1,

Dettagli

E. FRASCAROLI SANTI GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI Un nuovo procedimento concorsuale, CEDAM, Padova, 2009

E. FRASCAROLI SANTI GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI Un nuovo procedimento concorsuale, CEDAM, Padova, 2009 E. FRASCAROLI SANTI GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI Un nuovo procedimento concorsuale, CEDAM, Padova, 2009 Chiara Nappini Assegnista di ricerca in diritto commerciale nell Università di Siena

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

Indice sistematico. Parte I Il contratto di leasing. Introduzione

Indice sistematico. Parte I Il contratto di leasing. Introduzione Introduzione Parte I Il contratto di leasing 1 Premessa... 15 2 Il leasing nelle sue diverse forme... 16 3 Il leasing operativo e le sue principali caratteristiche... 17 4 Limiti soggettivi per le società

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI PERUGIA UFFICIO REGISTRO IMPRESE LE PROCEDURE CONCORSUALI DOPO LA RIFORMA DELLA LEGGE

CAMERA DI COMMERCIO DI PERUGIA UFFICIO REGISTRO IMPRESE LE PROCEDURE CONCORSUALI DOPO LA RIFORMA DELLA LEGGE www.pg.camcom.gov.it CAMERA DI COMMERCIO DI PERUGIA UFFICIO REGISTRO IMPRESE LE PROCEDURE CONCORSUALI DOPO LA RIFORMA DELLA LEGGE MANUALE OPERATIVO PER GLI ADEMPIMENTI REGISTRO IMPRESE IN MATERIA DI FALLIMENTO,

Dettagli

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n.

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n. ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1): L art. 216, primo comma, n. 1, L. Fall. sanziona l imprenditore, dichiarato fallito, che prima della dichiarazione di fallimento

Dettagli

L Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ai sensi e per gli effetti di tutela dei consumatori di cui all articolo 47 della legge 23 luglio

L Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ai sensi e per gli effetti di tutela dei consumatori di cui all articolo 47 della legge 23 luglio L Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ai sensi e per gli effetti di tutela dei consumatori di cui all articolo 47 della legge 23 luglio 2009, n. 99, intende formulare alcune osservazioni in

Dettagli

Indebitamento sottostante

Indebitamento sottostante Indebitamento sottostante Copertura Specifica Copertura Generica Alta correlazione con sottostante Bassa correlazione con sottostante Annullamento rischio di mercato (es. tasso) Persistono rischi di mercato

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Tribunale di Verona Sentenza 21.7.2011 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Verbale dell udienza del 21.7.11 della causa iscritta al numero 14501 del ruolo generale

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) RONDINONE Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) RONDINONE Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) RONDINONE Membro designato

Dettagli

CIRCOLARE N. 17/E. Roma, 06 maggio 2011

CIRCOLARE N. 17/E. Roma, 06 maggio 2011 CIRCOLARE N. 17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 06 maggio 2011 OGGETTO: IVA Rimborsi Procedura ordinaria e semplificata Omessa prestazione delle garanzie Sospensione dei termini di decadenza dell

Dettagli

Periodico informativo n. 20/2011. Finanziamento soci

Periodico informativo n. 20/2011. Finanziamento soci Periodico informativo n. 20/2011 Finanziamento soci Gentile cliente, alla luce delle difficoltà finanziarie che stanno attraversando in questo periodo le imprese, sovente per garantire il funzionamento

Dettagli

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N.

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Visto il decreto

Dettagli

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 Misure per la semplificazione e razionalizzazione delle norme in materia di riscossione LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI RISCOSSIONE

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DELL AQUILA E L ISTITUTO DI CREDITO...

CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DELL AQUILA E L ISTITUTO DI CREDITO... SCHEMA DI CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DELL AQUILA E GLI ISTITUTI DI CREDITO CHE VI ADERIRANNO PER L ATTIVAZIONE DEL FONDO A FAVORE DEI LAVORATORI COINVOLTI IN PROCESSI DI CRISI AZIENDALE CONVENZIONE TRA

Dettagli

Variazione in senso sfavorevole delle condizioni economiche (tassi di interesse, commissioni e spese) ove contrattualmente previsto.

Variazione in senso sfavorevole delle condizioni economiche (tassi di interesse, commissioni e spese) ove contrattualmente previsto. Foglio informativo relativo all' APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE Sezione I - Informazioni sulla Banca Banca di Credito Cooperativo di Tarsia (CS) soc. coop. Sede legale e amministrativa: Tarsia (CS),

Dettagli

ATTIVITA DELLA GUARDIA DI FINANZA A RICHIESTA DELLA CORTE DEI CONTI

ATTIVITA DELLA GUARDIA DI FINANZA A RICHIESTA DELLA CORTE DEI CONTI ATTIVITA DELLA GUARDIA DI FINANZA A RICHIESTA DELLA CORTE DEI CONTI Sezioni Accertamento Danni Erariali Dette articolazioni, svolgono l attività operativa a favore della Procura Regionale della Corte dei

Dettagli

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO di Giorgio Tarzia, Avvocato e professore Sommario: 1. Premessa - 2. Quali sono le impugnative non esperibili nel successivo

Dettagli

www.lascalaw.com www.iusletter.com

www.lascalaw.com www.iusletter.com LaScala studio legale in association with Field Fisher Waterhouse Focus on L INERZIA DEI COMMISSARI GIUDIZIALI E LIQUIDATORI DEL CONCORDATO PREVENTIVO: POSSIBILI RIMEDI Aprile 2013 www.lascalaw.com www.iusletter.com

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma,10 aprile 2009

CIRCOLARE N. 14/E. Roma,10 aprile 2009 CIRCOLARE N. 14/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,10 aprile 2009 OGGETTO: Transazione fiscale Articolo 32, comma 5 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte RISOLUZIONE N. 56/E Roma, 30 maggio 2014 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte Pervengono alla scrivente quesiti circa il trattamento

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 59-2006/I Acquisto di quote o azioni proprie da parte di un confidi operante in forma di società cooperativa Approvato dal Gruppo di Studio Consorzi Fidi il

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE

CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE Schema di proposta di legge Norme per la semplificazione degli adempimenti connessi all obbligo di deposito e iscrizione

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La responsabilità del revisore

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La responsabilità del revisore LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La responsabilità del revisore marzo 2013 1. Norme etiche I principi di revisione internazionali prevedono che i professionisti contabili osservino le norme etiche stabilite

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE E di pochi giorni fa la circolare n. 51/E emessa dall Agenzia delle Entrate, con la quale si chiariscono i requisiti

Dettagli

CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO

CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO L anno, il giorno del mese di in Roma Via TRA La FONDAZIONE ENASARCO, con sede in Roma, Via Antoniotto Usodimare

Dettagli

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B.1 (DELIBERAZIONI SULLE PERDITE DI SOCIETÀ SOGGETTA A CONCORDATO PREVENTIVO O AD ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI OMOLOGATI 1 pubbl.

Dettagli

1. DATI GENERALI DEL RAPPORTO DI CONTO CORRENTE...3 2. PREMESSA...3 3. METODOLOGIA DI CALCOLO...5 4. RISULTATI DEI CONTEGGI SUI C/C...

1. DATI GENERALI DEL RAPPORTO DI CONTO CORRENTE...3 2. PREMESSA...3 3. METODOLOGIA DI CALCOLO...5 4. RISULTATI DEI CONTEGGI SUI C/C... Relazione finale 26 ottobre 2010 Cliente: Pippo S.r.l. Istituto bancario: Banca S.p.A. C/C n.4177739 2 SOMMARIO 1. DATI GENERALI DEL RAPPORTO DI CONTO CORRENTE...3 2. PREMESSA...3 3. METODOLOGIA DI CALCOLO...5

Dettagli

Decreto 13 maggio 1999, n. 219. Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato.

Decreto 13 maggio 1999, n. 219. Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato. Decreto 13 maggio 1999, n. 219 Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato. IL MINISTRO DEL TESORO DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA Visto il decreto legislativo 24 febbraio 1998,

Dettagli

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili di Giorgio Gentili 1.1 Novità introdotte dal d.lgs. n. 39/2010 Il d.lgs. 27 gennaio 2010, n. 39, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 23 marzo 2010, n. 68, recepisce la direttiva n. 2006/43/Ce, relativa

Dettagli

LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA IL CONCORDATO PREVENTIVO

LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA IL CONCORDATO PREVENTIVO LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA STEP 1: presentazione della domanda Presentazione al Tribunale competente dell istanza per accedere alla procedura di concordato

Dettagli

LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Come noto, a decorrere dall 1.1.2011, è stato introdotto, ad opera dell art. 31, comma

Dettagli

Contributo di Altroconsumo

Contributo di Altroconsumo Contributo di Altroconsumo Disegno di Legge 3221 di conversione del decreto-legge integrativo dei decreti liberalizzazioni e consolidamento conti pubblici X Commissione Senato Industria Commercio e turismo

Dettagli

Risoluzione n.279/e. Roma,12 agosto 2002

Risoluzione n.279/e. Roma,12 agosto 2002 Risoluzione n.279/e Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,12 agosto 2002 Oggetto: Acquisto pro-soluto credito IVA futuro e compensazione tra debiti tributari ante fallimento e crediti emergenti

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese Assolombarda - CdS slides 1 1 Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese CHIARA SOMARE Avvocato STUDIO LEGALE I - 20122 MILANO - VIA CURTATONE,

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

Legge federale sul trasporto di merci per ferrovia o idrovia

Legge federale sul trasporto di merci per ferrovia o idrovia Legge federale sul trasporto di merci per ferrovia o idrovia (Legge sul trasporto di merci, LTM) Avamprogetto del XX. xxx 2006 L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 87

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ORGANISMO DI VIGILANZA PER L ATTUAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE GALILEO GALILEI CREMA (CR) Nomina componenti OdV edizione dicembre

Dettagli

ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA

ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA 11 UN OBBLIGO O UN OPPORTUNITA? LINEE GUIDA PER UNA SCELTA CONSAPEVOLE Vicenza, 13 giugno 2012 AGENDA DELL INCONTRO 22 NOVITA LEGISLATIVE IL NUOVO OBBLIGO DI

Dettagli

TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria)

TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria) TESTO UNICO BANCARIO TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria) 1. È agente in attività finanziaria il soggetto che

Dettagli

Direttore generale e responsabilità da amministratore

Direttore generale e responsabilità da amministratore 2/2009 Il Caso Direttore generale e responsabilità da amministratore IN BREVE L inquadramento della figura del direttore generale di S.p.A. rimane una questione aperta, che non è stata del tutto risolta

Dettagli

Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori. stranieri non accompagnati e di giovani migranti

Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori. stranieri non accompagnati e di giovani migranti Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori stranieri non accompagnati e di giovani migranti MODALITA DI ATTUAZIONE Art. 1 NORME REGOLATRICI La partecipazione

Dettagli

Il mantenimento dei figli maggiorenni

Il mantenimento dei figli maggiorenni Il mantenimento dei figli maggiorenni Di Germano Palmieri L articolo 30 della Costituzione italiana sancisce che è dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori

Dettagli

DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II)

DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II) DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II) CODICE CIVILE Artt. 14-42 CAPO II Delle associazioni e delle fondazioni Art. 14. Atto costitutivo Art. 15.Revoca dell atto costitutivo della

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI DAGLI ISCRITTI ALL ALBO DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI DAGLI ISCRITTI ALL ALBO DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI DAGLI ISCRITTI ALL ALBO DEI CONSULENTI DEL LAVORO Approvato con delibera n. 314 del 25 settembre 2014 Indice

Dettagli

Esami di Stato di abilitazione all'esercizio professionale per Esperto contabile Elenco delle tracce sorteggiate nelle sessioni precedenti

Esami di Stato di abilitazione all'esercizio professionale per Esperto contabile Elenco delle tracce sorteggiate nelle sessioni precedenti Esami di Stato di abilitazione all'esercizio professionale per Esperto contabile Elenco delle tracce sorteggiate nelle sessioni precedenti I^ sessione 2012 Materie aziendali: Il candidato illustri i principi

Dettagli

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI di Viviana Cavarra Avvocato in Milano Il quadro normativo

Dettagli

Allegato 3. Indice generale 1. OGGETTO DEL SERVIZIO... 3 2. SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO... 5 3. OBBLIGHI DEL BROKER... 5 4. OBBLIGHI DI ANSF...

Allegato 3. Indice generale 1. OGGETTO DEL SERVIZIO... 3 2. SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO... 5 3. OBBLIGHI DEL BROKER... 5 4. OBBLIGHI DI ANSF... AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA DELLE FERROVIE CAPITOLATO SPECIALE Procedura aperta per l affidamento del servizio di brokeraggio assicurativo per le esigenze dell Agenzia Nazionale per la Sicurezza

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 Gli indici della natura subordinata del rapporto di lavoro Relazione dell Avv. Paolo Valla * * * Traccia dei casi da trattare Controversia

Dettagli

Decisione N. 1362 del 07 marzo 2014

Decisione N. 1362 del 07 marzo 2014 COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) DE CAROLIS (RM) SIRENA (RM) SILVETTI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) MACCARONE Membro designato da

Dettagli

IL CONTO CORRENTE IL TASSO DI INTERESSE

IL CONTO CORRENTE IL TASSO DI INTERESSE IL CONTO CORRENTE IL TASSO DI INTERESSE CONTENUTO DEL CONTRATTO DI CONTO CORRENTE L'art. 117 del Testo Unico Bancario (T.U.B.), impone la forma scritta del contratto di conto corrente Inoltre ai commi

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI DI RICALCOLO PIU FREQUENTI

GUIDA ALLE OPZIONI DI RICALCOLO PIU FREQUENTI 1 GUIDA ALLE OPZIONI DI RICALCOLO PIU FREQUENTI Per l illustrazione delle opzioni di ricalcolo ex Cass. SU 24418/10 si veda l apposita guida Per ricevere assistenza, segnalare eventuali malfunzionamenti

Dettagli

Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto

Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto (1) La causa di scioglimento della s.p.a. e della s.r.l. di cui all art. 2484 n. 4) c.c. non opera allorché, in presenza

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Avv. Bruno de Carolis Presidente Avv. Alessandro Leproux Prof. Avv. Andrea Gemma Prof. Avv. Gustavo Olivieri Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CARATELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

IL COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CARATELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MARZIALE (RM) DE CAROLIS (RM) LEPROUX Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) CARATELLI Membro designato

Dettagli

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.)

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.) Responsabilità da fatto illecito (art. 2043 c.c.) Qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno Responsabilità extra-contrattuale

Dettagli

Le fasi iniziali del processo esecutivo

Le fasi iniziali del processo esecutivo Capitolo 4 Le fasi iniziali del processo esecutivo Caso 4.1 Come si procede alla stima dei beni pignorati? A norma dell art. 569, comma 1, c.p.c. il giudice nomina l esperto per procedere alla stima del

Dettagli

OIC 26 Operazioni, attività e passività in valuta estera bozza in consultazione fino al 31 ottobre 2012. Codice civile, art. 2426, 2427 c.c.

OIC 26 Operazioni, attività e passività in valuta estera bozza in consultazione fino al 31 ottobre 2012. Codice civile, art. 2426, 2427 c.c. OIC 26: revisione anche per operazioni, le attività e le passività in valuta estera della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO L Organismo Italiano di Contabilità ha dettato regole più chiare anche

Dettagli

TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE

TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE di Roberto Camera 1 - funzionario del Ministero del Lavoro Al fine di una maggiore trasparenza sulla assoggettabilità (o meno)

Dettagli

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Circolare numero 9 del 17-1-2008.htm legge 24 dicembre 2007, n. 247. Nuove disposizioni in materia di totalizzazione dei periodi contributivi. Direzione centrale

Dettagli

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA Uno degli aspetti più problematici connessi alla crisi dell impresa riguarda la gestione dei rapporti di lavoro. L imprenditore in crisi dispone di diversi

Dettagli

Appello contro il decreto di approvazione o di reiezione del Concordatoù L appello è previsto e disciplinato dall art 183 LF che non è stato modificato dalla riforma. Esso stabilisce che: contro la sentenza

Dettagli