La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari"

Transcript

1 La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari Tavole sinottiche a cura di Giulio Andreani Professore di diritto tributario alla Scuola Superiore dell Economia e delle Finanze di Roma dottore commercialista 1

2 I principi contabili nazionali OIC 20 Effetti in capo al creditore Assimilazione dell operazione alla rinuncia operata dal socio, relativamente a un credito verso la società partecipata, per aumentare il capitale di quest ultima Eliminazione del valore contabile del credito convertito Iscrizione della nuova partecipazione ricevuta Nessun effetto sul risultato economico dell esercizio valore contabile del credito convertito = aumento del valore contabile della partecipazione segue 2

3 I principi contabili nazionali OIC 15 Effetti in capo al creditore Tuttavia, i crediti incassabili con attività diverse dai fondi liquidi vanno valutati al valore corrente di tali attività (OIC n. 15). Ne deriva una sostanziale svalutazione della partecipazione (fermo restando che il suo valore fiscale è pari a quello del credito ante svalutazione). 3

4 I principi contabili nazionali - OIC 6 Effetti in capo al debitore Eliminazione del valore contabile del debito convertito Rilevazione dell aumento di capitale sociale e dell eventuale sovrapprezzo Nessun effetto sul risultato economico dell esercizio valore nominale dell aumento del capitale sociale e del sovrapprezzo = valore contabile del debito convertito 4

5 Disciplina fiscale per la generalità delle imprese Effetti in capo al creditore Assunzione di un costo fiscale della partecipazione = valore fiscale del credito (art. 94, comma 6, del Tuir) Nessuna ulteriore rilevanza fiscale Effetti in capo al debitore L operazione non ha natura reddituale. Del resto, si tratta di una sottoscrizione di capitale sociale a pagamento Nessuna rilevanza fiscale, poiché la riduzione del debito non è considerata sopravvenienza attiva ai fini fiscali (art. 88, comma 4, del Tuir) 5

6 I principi contabili internazionali - IAS 39 Effetti in capo al creditore Eliminazione del valore contabile del credito convertito Rilevazione delle partecipazioni ricevute al loro fair value Rilevazione, nel conto economico, dell utile o della perdita, corrispondente alla differenza fra il valore contabile del credito e il valore delle partecipazioni di nuova emissione valore contabile del credito convertito - Fair value delle partecipazioni ricevute = Differenziale positivo o negativo 6

7 I principi contabili internazionali - IAS 39 e IFRIC 19 Effetti in capo al debitore Eliminazione del valore contabile del debito convertito Rilevazione di un incremento di patrimonio netto pari al fair value delle partecipazioni emesse Rilevazione, nel conto economico, dell utile o della perdita, corrispondente alla differenza tra il fair value delle partecipazioni emesse e il valore contabile del debito estinto. Fair value delle partecipazioni emesse - valore contabile del debito convertito = Differenziale positivo o negativo 7

8 Disciplina fiscale per i soggetti IAS adopter La rilevanza fiscale dei componenti aventi natura economica secondo i principi contabili internazionali discende: dal principio di derivazione rafforzata di cui all art. 83, comma 1, del Tuir, in base al quale gli effetti concernenti la qualificazione, imputazione temporale e classificazione delle poste di bilancio secondo i criteri IAS compliant rilevano anche ai fini delle imposte sui redditi; dal principio della rilevanza anche per i soggetti IAS delle regole prettamente fiscali di cui all art. 2, comma 1, del Regolamento IAS, nei cui confronti si applicano, tra l altro, le disposizioni che esentano o escludono, parzialmente o totalmente, dalla formazione del reddito imponibile componenti positivi, comunque denominati. 8

9 Disciplina fiscale per i soggetti IAS adopter Effetti per il creditore Sulla base del principio di derivazione rafforzata, i differenziali positivi o negativi iscritti nel bilancio IAS compliant del creditore, a seguito della conversione del credito, assumono rilevanza fiscale. L eventuale differenza positiva costituisce un provento. L eventuale differenza negativa tra il fair value della partecipazione iscritta ed il valore contabile del credito sostituito rappresenta una perdita su crediti certa e precisa, deducibile ai sensi dell art. 101, comma 5, del Tuir. segue 9

10 Disciplina fiscale per i soggetti IAS adopter Effetti per il creditore Circolare n. 42/E del 3 agosto 2010, par. 5: per effetto della derivazione cd. rafforzata si ritiene che l'eventuale differenza (negativa) tra il fair value della partecipazione iscritta ed il valore contabile del credito sostituito rappresenti una rettifica di valore che si riferisce al credito sostituito. Ne consegue che, sotto un profilo fiscale, la sopra richiamata differenza assume rilevanza ai sensi dell'art. 101, comma 5 del Tuir, qualora ne sussistano le condizioni (requisiti di certezza e precisione), da ricondurre in primis al trasferimento dal cedente al cessionario di tutti i rischi e i benefici economici connessi. 10

11 Disciplina fiscale per i soggetti IAS adopter Effetti per il debitore Sulla base del principio di derivazione rafforzata, i differenziali positivi o negativi imputati al conto economico sembrano, prima facie, assumere rilevanza fiscale. Tuttavia, le regole IAS compliant prevalgono sulle regole del Tuir solo se le divergenze tra i due sistemi discendono da aspetti connessi alla qualificazione, classificazione e imputazione temporale delle operazioni poste in essere, ai sensi dell art. 83, comma 1, del Tuir. Le regole del Tuir, invece, prevalgono sui principi contabili internazionali se le divergenze discendono da fenomeni meramente valutativi. segue 11

12 Disciplina fiscale per i soggetti IAS adopter Effetti fiscali in capo al debitore Inapplicabilità del principio di derivazione rafforzata Ipotesi n. 1: inapplicabilità principio di derivazione In caso di inapplicabilità del principio di derivazione rafforzata, occorre chiedersi con quale criterio deve essere valutato, ai fini fiscali, il valore del conferimento: medesimo criterio utilizzato ai fini contabili; ovvero, se esistente: uno specifico criterio stabilito dalla legge fiscale. segue 12

13 Disciplina fiscale per i soggetti IAS adopter Effetti fiscali in capo al debitore Inapplicabilità del principio di derivazione rafforzata E a tal fine rilevante l art. 9, del Tuir? Tale norma (comma 2) stabilisce che i corrispettivi in natura sono valutati in base al valore normale dei beni da cui sono costituiti. Le partecipazioni non quotate (comma 4) sono valutate in proporzione al valore del patrimonio netto della società emittente. segue 13

14 Disciplina fiscale per i soggetti IAS adopter Effetti fiscali in capo al debitore Inapplicabilità del principio di derivazione rafforzata La società debitrice emette e trasferisce al creditore (in base allo schema della datio in solutum ) partecipazioni che devono essere valutate, ai sensi del comma 4 dell art. 9 del Tuir, in proporzione al valore del patrimonio della società emittente e quindi sostanzialmente al fair value. 14

15 Disciplina fiscale per i soggetti IAS adopter Effetti fiscali in capo al debitore Applicabilità del principio di derivazione rafforzata Ipotesi n. 2: applicabilità del principio di derivazione In caso di applicabilità, invece, del principio di derivazione rafforzata, ne discende la necessità di eseguire una valutazione delle partecipazioni al fair value quale diretta conseguenza della qualificazione come realizzativa dell operazione di conversione, da rilevare contabilmente alla stregua di una operazione intervenuta tra soggetti indipendenti. In questa ipotesi, la valutazione derivante dai criteri IAS compliant, essendo imposta dalla precipua qualificazione dell operazione, assume diretta rilevanza fiscale ai sensi dell art. 83 del Tuir. segue 15

16 Disciplina fiscale per i soggetti IAS adopter Effetti fiscali in capo al debitore Applicabilità del principio di derivazione rafforzata In entrambe le ipotesi il differenziale tra il valore del debito e il valore normale (o il fair value) delle partecipazioni emesse concorre a formare il reddito d impresa tassabile in capo alla società debitrice. Questa conclusione risulta, peraltro, simmetrica a quella già raggiunta dall Agenzia delle entrate con la circolare n. 42/E del 3 agosto 2010 con riguardo all entità creditrice IAS adopter. 16

17 Disciplina fiscale per i soggetti IAS adopter Effetti fiscali in capo al debitore Verifica dell applicabilità dell art. 88, comma 4 Tuttavia tali conclusioni sono corrette solo ove non risultasse applicabile l art. 88, comma 4, del Tuir, che nega rilevanza reddituale agli apporti di capitale eseguiti dai soci, anche sotto forma di rinuncia ai crediti. Questa disposizione può trovare invece applicazione per effetto dell art. 2, comma 2, del Regolamento IAS, secondo cui nei cui confronti si applicano, tra l altro, le disposizioni che esentano o escludono, parzialmente o totalmente, dalla formazione del reddito imponibile componenti positivi, comunque denominati. segue 17

18 Disciplina fiscale per i soggetti IAS adopter Effetti fiscali in capo al debitore Verifica dell applicabilità dell art. 88, comma 4 Ratio dell art. 88, comma 4, del Tuir è sia quella di trattare i versamenti a fondo perduto e le rinunce al credito da parte del socio in modo non diverso dal mero apporto di capitale, sia quella di salvaguardare l integrità dell apporto di capitale, evitando che la tassazione di quest ultimo possa ridurne l ammontare. Tale esigenza ricorre, evidentemente, a prescindere dal comportamento contabile adottato. Anche sotto il profilo letterale, l art. 88, comma 4, sembra prescindere del tutto dal comportamento contabile tenuto al riguardo. segue 18

19 Disciplina fiscale per i soggetti IAS adopter Conseguentemente: Effetti fiscali in capo al debitore in caso di inapplicabilità del principio di derivazione rafforzata e di applicazione del criterio valutativo di cui all art. 9 del Tuir, il differenziale positivo (costituito dalla differenza tra il valore contabile del debito estinto e il valore normale delle nuove partecipazioni emesse) non concorre alla formazione del reddito d impresa imponibile, giusta il disposto dell art. 88, comma 4, del Tuir; in caso di applicabilità del principio di derivazione rafforzata, il differenziale positivo (costituito dalla differenza tra il valore contabile del debito estinto e il fair value delle nuove partecipazioni emesse) non concorre ugualmente alla formazione del reddito d impresa imponibile, giusta il disposto dell art. 88, comma 4, del Tuir. 19

20 Analisi dei possibili profili elusivi Creditore IAS adopter Debitore IAS adopter Deduzione del differenziale negativo Detassazione del differenziale positivo Vantaggio fiscale potenzialmente disconoscibile ai sensi dell art. 37-bis del D.P.R. 600/1973 o per abuso del diritto segue 20

21 Analisi dei possibili profili elusivi Società debitrice credito Banca creditrice Socio società debitrice Cessione credito da banca creditrice a socio società debitrice ai fini della sicura applicazione dell art. 88, comma 4, del TUIR in capo a quest ultima 21

22 L art. 113, comma 1, del Tuir dispone che Gli enti creditizi possono chiedere all'agenzia delle entrate, secondo la procedura di cui all'articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212, recante lo statuto dei diritti del contribuente, che il regime di cui all'articolo 87 non si applichi alle partecipazioni acquisite nell'ambito degli interventi finalizzati al recupero di crediti o derivanti dalla conversione in azioni di nuova emissione dei crediti verso imprese in temporanea difficoltà finanziaria. 22

23 La ratio Evitare che l acquisizione delle partecipazioni per il recupero dei propri crediti possa essere disincentivata per effetto di un trattamento fiscale di sfavore; agevolare il risanamento delle imprese in crisi, mediante uno strumento che consente di recuperare i crediti, alternativo alle procedure concorsuali di tipo liquidatorio. 23

24 Il procedimento L applicazione della disciplina è condizionata all accoglimento da parte dell Agenzia delle Entrate dell istanza di interpello proposta dalla banca. Il carattere disapplicativo dell interpello implica che: a) l istanza sia presentata obbligatoriamente ai fini dell ottenimento di un parere favorevole all accesso ad un regime derogatorio e agevolativo rispetto a quello ordinariamente applicabile; segue 24

25 Il procedimento b) il comportamento non sia stato ancora posto in essere o non sia stata data ancora attuazione alla norma oggetto di interpello. (Preventività dell istanza) La richiesta deve essere presentata in tempo utile cioè almeno centoventi giorni prima della scadenza del termine ordinario di presentazione della dichiarazione dei redditi relativa al periodo d imposta in cui i crediti sono stati oggetto di conversione. 25

26 Il contenuto dell istanza Ai sensi dell art. 113 comma 2 lett. a) nel caso di interpello per acquisizione di partecipazioni in sostituzione dei crediti originari verso l impresa in difficoltà con partecipazioni detenute ovvero emesse dall impresa, l istanza deve contenere: l indicazione dei motivi di convenienza di tale procedura rispetto ad altre forme alternative di recupero dei crediti quali procedure concorsuali di carattere realizzativo; l indicazione delle recupero; modalità e dei tempi previsti per il segue 26

27 Il contenuto dell istanza ove si tratti di partecipazioni dirette nella società debitrice, la precisazione che l operatività di quest ultima sarà limitata agli atti connessi con il realizzo e la valorizzazione del patrimonio aziendale, oltre all indicazione delle attività che la società intende a tal fine porre in essere. Oggetto di acquisizione possono essere sia le partecipazioni dirette nella società debitrice sia le partecipazioni in altre società, non rappresentative del capitale della società debitrice. segue 27

28 Il contenuto dell istanza Ai sensi dell art. 113 comma 2 lett. b) nel caso di interpello per conversione in partecipazioni dei crediti verso l impresa debitrice con partecipazioni (anche di nuova emissione) della stessa società, l istanza deve contenere l indicazione: degli elementi che inducono a ritenere temporanea la situazione di difficoltà finanziaria del debitore; degli elementi sulla cui base è valutata la ragionevolezza delle prospettive di riequilibrio economico e finanziario nel medio periodo; segue 28

29 Il contenuto dell istanza della convenienza economica della conversione rispetto a forme alternative di recupero dei crediti; delle caratteristiche del piano di risanamento, predisposto da enti creditizi e finanziari rappresentanti una quota elevata dell esposizione debitoria dell impresa in difficoltà. 29

30 Il contenuto dell istanza Sia nell ipotesi sub lett. a) sia sub lett. b) la banca deve indicare nell istanza la rinuncia, in caso di accoglimento della stessa, ad avvalersi, nei confronti della società in cui acquisisce la partecipazione, fino all'esercizio in cui ne mantenga il possesso: del regime del consolidato nazionale (artt. 117 e ss del Tuir) e del consolidato mondiale (artt. 130 e ss del Tuir); della facoltà prevista dall articolo 115 del Tuir (trasparenza fiscale). Infatti, l esito positivo dell interpello fa sì che, sotto il profilo fiscale, la partecipazione perda la propria natura e venga equiparata a un credito estinto o convertito. 30

31 Effetti dell accoglimento dell istanza Disapplicazione del regime della partecipation exemption di cui all art. 87 del Tuir. Equiparazione delle partecipazioni acquisite ai crediti estinti o convertiti, ai fini dell applicazione degli artt. 101, comma 5 e 106 del Tuir, ossia: riconoscimento come svalutazioni, ex art. 106, comma 3, del Tuir, delle perdite di valore delle partecipazioni acquisite, nei limiti del valore fiscale del credito, trasferito sulla partecipazione; segue 31

32 Effetti dell accoglimento dell istanza deducibilità come perdita su crediti, ex art. 101, comma 5 del Tuir (sussistendone i requisiti di certezza e precisione), della minusvalenza maturata in sede di realizzo (civilistico) della partecipazione (es. cessione o dismissione); inclusione del valore della partecipazione nell ammontare di cui all art. 106, comma 3 del Tuir, ai fini della determinazione della svalutazione dei crediti fiscalmente deducibile. 32

33 Effetti dell accoglimento dell istanza Ai sensi dell art. 113, comma 3, del Tuir, per beneficiare degli effetti dell accoglimento dell interpello, la banca deve traslare l ultimo valore fiscale dei crediti estinti o convertiti (coincidente con il valore fiscale degli stessi all inizio del periodo d imposta), ai soli fini tributari, sul valore della partecipazione acquisita. Effetti sui soggetti IAS adopter l eventuale differenza negativa tra il fair value della partecipazione iscritta ed il valore contabile del credito sostituito non è deducibile ai sensi dell art. 101, comma 5, del Tuir ma ex art. 106, comma 3, del Tuir (quale svalutazione crediti) a fine esercizio (ciò al contrario di quanto accade in assenza dell applicazione dell art. 113 del Tuir). 33

34 Effetti dell accoglimento dell istanza con riguardo alla cessione delle partecipazioni oggetto di acquisizione o conversione Rilevano il valore nominale del credito, l ultimo valore fiscalmente riconosciuto della partecipazione al momento del realizzo, il prezzo di cessione della partecipazione Caso 1 Se il prezzo di cessione è < del valore nominale del credito e > dell ultimo valore fiscale della partecipazione (assimilata ad un credito) al momento della cessione La differenza fra il prezzo di cessione della partecipazione e l ultimo valore fiscale della stessa è una ripresa di valore tassata 34

35 Effetti dell accoglimento dell istanza con riguardo alla cessione delle partecipazioni oggetto di acquisizione o conversione Esempio caso 1 Credito di originario valore nominale pari a 100 Valore fiscale e contabile del credito: 80 Il valore fiscale della partecipazione, negli anni successivi alla conversione, è stato svalutato fino a 50 (svalutazioni dedotte per 30) Prezzo di cessione della partecipazione: 90 Differenza di 40 (da 50 a 90): ripresa di valore fiscalmente imponibile 35

36 Effetti dell accoglimento dell istanza con riguardo alla cessione delle partecipazioni oggetto di acquisizione o conversione Caso 2 Se il prezzo di cessione della partecipazione è > del valore nominale del credito La differenza fra il valore nominale del credito e l ultimo valore fiscale della partecipazione è una ripresa di valore tassata L eccedenza del prezzo rispetto al valore nominale del credito è una plusvalenza soggetta all art. 87 del Tuir, sussistendone i requisiti 36

37 Esempio caso 2 Conversione di crediti in capitale Effetti dell accoglimento dell istanza con riguardo alla cessione delle partecipazioni oggetto di acquisizione o conversione Credito di originario valore nominale pari a 100 Valore fiscale e contabile del credito: 80 Il valore fiscale della partecipazione, negli anni successivi alla conversione, è stato svalutato fino a 50 (svalutazioni dedotte per 30) Prezzo di cessione della partecipazione: 120 Differenza di 50 (da 50 a 100): ripresa di valore fiscalmente imponibile Differenza di 20 (da 100 a 120): plusvalenza in p.ex, ricorrendone i presupposti. 37

38 Effetti dell accoglimento dell istanza con riguardo alla cessione delle partecipazioni oggetto di acquisizione o conversione Caso 3 Se il prezzo di cessione è < sia del valore nominale del credito sia dell ultimo valore fiscale della partecipazione assimilata al credito, al momento della cessione La differenza fra l ultimo valore fiscale della partecipazione e il prezzo di cessione della stessa è una perdita su crediti, deducibile ex art. 101, comma 5, del Tuir 38

39 Esempio caso 3 Conversione di crediti in capitale Effetti dell accoglimento dell istanza con riguardo alla cessione delle partecipazioni oggetto di acquisizione o conversione Credito di originario valore nominale pari a 100 Valore fiscale e contabile del credito: 80 Il valore fiscale della partecipazione, negli anni successivi alla conversione, è stato svalutato fino a 50 (svalutazioni dedotte per 30) Prezzo di cessione della partecipazione: 30 Differenza di 20 (da 50 a 30): perdita su crediti deducibile 39

40 Effetti dell accoglimento dell istanza in caso di cessione della partecipazione preceduta dal rimborso parziale del credito Non rileva il valore nominale del credito ma il valore residuo ancora da recuperare Caso 4 Se il prezzo di cessione è > del valore nominale del credito diminuito del parziale rimborso La differenza fra il valore nominale del credito (al netto del rimborso) e l ultimo valore fiscale della partecipazione è una ripresa di valore tassata L eccedenza del prezzo rispetto al valore nominale del credito (al netto del rimborso) è una plusvalenza soggetta all art. 87 del Tuir, sussistendone i requisiti 40

41 Esempio caso 4 Conversione di crediti in capitale Effetti dell accoglimento dell istanza in caso di cessione della partecipazione preceduta dal rimborso parziale del credito Credito di originario valore nominale pari a 100 Rimborso parziale del credito: 20 Valore nominale del credito diminuito del parziale rimborso già conseguito: 80 Valore fiscale e contabile del credito: 70 Il valore fiscale della partecipazione, negli anni successivi alla conversione, è stato svalutato fino a 50 (svalutazioni dedotte per 20) Prezzo di cessione della partecipazione: 90 Differenza di 30 (da 50 a 80): ripresa di valore fiscalmente imponibile Differenza di 10 (da 80 a 90): plusvalenza in p.ex. 41

42 Effetti dell accoglimento dell istanza Se successivamente all acquisizione delle partecipazioni o della conversione dei crediti in partecipazione nei confronti del debitore si istauri una delle procedure concorsuali, la perdita può essere integralmente dedotta dalla data: della sentenza dichiarativa del fallimento, dal provvedimento che ordina la liquidazione coatta amministrativa, dal decreto di ammissione al concordato preventivo, dal decreto che dispone la procedura di amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi, dal decreto di omologa di un accordo di ristrutturazione dei debiti ex art. 182-bis l.f. 42

43 Applicabilità dell art. 113 del Tuir agli strumenti finanziari partecipativi E possibile l emissione di strumenti finanziari partecipativi diversi dalle azioni a fronte dell acquisizione o conversione di crediti dato che l art. 113 del Tuir si riferisce a partecipazioni acquisite nell ambito degli interventi finalizzati al recupero di crediti o derivanti dalla conversione in azioni di nuova emissione dei crediti? Sotto il profilo civilistico gli strumenti finanziari partecipativi sono disciplinati dall art. 2346, comma 6, del c.c. segue 43

44 Applicabilità dell art. 113 del Tuir agli strumenti finanziari partecipativi Sotto il profilo fiscale, l art. 44, comma 2 lett. a), del Tuir indica le condizioni per l assimilazione degli strumenti finanziari partecipativi ( la remunerazione è costituita totalmente dalla partecipazione ai risultati economici della società emittente o di altre società appartenenti allo stesso gruppo o dell'affare in relazione al quale i titoli e gli strumenti finanziari sono stati emessi ). L art. 113 del Tuir è applicabile quando gli strumenti finanziari partecipativi sono assimilabili alle azioni. Es. quando la remunerazione degli strumenti finanziari è costituita dalla partecipazione all eventuale ripartizione dell attivo in sede di scioglimento della società (circ. n. 42/E del 2010, par. 3.3.). 44

Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi

Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi dott. Giovanni Mercanti Milano, 17 giugno 2014 Contenuto della relazione Rinuncia parziale al credito Emissione SFP Distinzione

Dettagli

Tassazione delle sopravvenienze attive

Tassazione delle sopravvenienze attive Tassazione delle sopravvenienze attive Sopravvenienze attive Art. 88, comma 4, del TUIR (sostituito) Non si considerano sopravvenienze attive i versamenti in denaro o in natura fatti a fondo perduto o

Dettagli

Disciplina fiscale Lezione 4 I titoli

Disciplina fiscale Lezione 4 I titoli Disciplina fiscale Lezione 4 I titoli Titoli non costituenti immobilizzazioni (Attivo Circolante) Art. 94 c. 3 DPR 917/86 I titoli vanno raggruppati in categorie omogenee per natura, intendendo della stessa

Dettagli

RISOLUZIONE N. 70/E. Roma, 29 febbraio 2008

RISOLUZIONE N. 70/E. Roma, 29 febbraio 2008 RISOLUZIONE N. 70/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 febbraio 2008 Oggetto: Istanza di interpello - ALFA S.p.a. - Cessione di crediti pro soluto - Deducibilità delle perdite - Articolo

Dettagli

Bilancio di esercizio Dichiarazione dei Redditi. Relazione tra. Risultato ante imposte reddito imponibile. Si pongono diversi problemi:

Bilancio di esercizio Dichiarazione dei Redditi. Relazione tra. Risultato ante imposte reddito imponibile. Si pongono diversi problemi: Relazione tra Bilancio di esercizio Dichiarazione dei Redditi Risultato ante imposte reddito imponibile Si pongono diversi problemi: Che relazione esiste tra bilancio d esercizio e dichiarazione dei redditi?

Dettagli

NOTE DI VARIAZIONE IVA NEI CONFRONTI DI DEBITORI IN PROCEDURE CONCORSUALI O PRECONCORSUALI

NOTE DI VARIAZIONE IVA NEI CONFRONTI DI DEBITORI IN PROCEDURE CONCORSUALI O PRECONCORSUALI NOTE DI VARIAZIONE IVA NEI CONFRONTI DI DEBITORI IN PROCEDURE CONCORSUALI O PRECONCORSUALI 24 Giugno 2015 Crisi di impresa di Giuliano Buffelli - Professore e Dottore Commercialista Tema di grande interesse

Dettagli

RISOLUZIONE N. 236/E

RISOLUZIONE N. 236/E RISOLUZIONE N. 236/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 agosto 2009 Oggetto: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - Mancato rinnovo dell opzione per il consolidato

Dettagli

Rag. Fabio Mongiardini. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Rag. Fabio Mongiardini. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi NUOVO REGIME DELLE PERDITE SU CREDITI Rag. Fabio Mongiardini 1 Art. 33 DL 83/2012 (DECRETO SVILUPPO) Importanti novità in materia di perdite su crediti sia nell ambito di procedure concorsuali sia al di

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

Le perdite su crediti

Le perdite su crediti Il bilancio 2013 : novità e criticità Le perdite su crediti dott. Paolo Farinella Commissione Principi Contabili ODCEC Milano Milano 28 febbraio 2014 sede corso Europa 11 0. Introduzione Sintesi argomenti

Dettagli

PERDITE SU CREDITI E CRISI DI IMPRESA: LE NOVITÀ DEL DECRETO

PERDITE SU CREDITI E CRISI DI IMPRESA: LE NOVITÀ DEL DECRETO PERDITE SU CREDITI E CRISI DI IMPRESA: LE NOVITÀ DEL DECRETO INTERNAZIONALIZZAZIONE DI LUCA GAIANI DOTTORE COMMERCIALISTA 1. Competenza delle perdite su crediti Il decreto legislativo sulla internazionalizzazione

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE dei DEBITI

RISTRUTTURAZIONE dei DEBITI Società RISTRUTTURAZIONE dei DEBITI RIFLESSI FISCALI sul SOGGETTO EMITTENTE di Emanuele Rossi QUADRO NORMATIVO Nel corso di aprile 2010 è stata diffusa da parte dell Organismo italiano di contabilità (Oic),

Dettagli

Disciplina fiscale Lezione 5 I crediti

Disciplina fiscale Lezione 5 I crediti Disciplina fiscale Lezione 5 I crediti Perdite su crediti Le perdite su crediti, sia nazionali che esteri, sono deducibili solo se risultano da elementi certi e precisi. Sono in ogni caso deducibili quando

Dettagli

Concordato preventivo: trattamento contabile e fiscale del bonus e delle plusvalenze derivanti dalla liquidazione dei beni

Concordato preventivo: trattamento contabile e fiscale del bonus e delle plusvalenze derivanti dalla liquidazione dei beni Pratica di bilancio Il caso del mese di Fabio Giommoni * Concordato preventivo: trattamento contabile e fiscale del bonus e delle plusvalenze derivanti dalla liquidazione dei beni Nell ambito della disciplina

Dettagli

La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti

La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Fabio Giommoni * La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti Il presente contributo

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI

DICHIARAZIONE DEI REDDITI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI Massimiliano Sironi 25.05.2015 - Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Svalutazione e perdite su crediti: problematiche

Dettagli

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani 1 Profili fiscali e opportunità in vista di Basilea 2 Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani Scuola Superiore Economia e

Dettagli

Perdite relative a crediti Regime ex D.L. n. 83/2012

Perdite relative a crediti Regime ex D.L. n. 83/2012 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Perdite relative a crediti Regime ex D.L. n. 83/2012 DOTT. FILIPPO MARIA FERRUTA 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso Venezia,

Dettagli

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli

DEDUCIBILITÀ PERDITE SU CREDITI E ACCANTONAMENTI

DEDUCIBILITÀ PERDITE SU CREDITI E ACCANTONAMENTI DEDUCIBILITÀ PERDITE SU CREDITI E ACCANTONAMENTI iscritti a valore nominale da esporre in bilancio a valore di realizzo VALUTAZIONE CREDITI «I crediti devono essere valutati al loro valore di presumibile

Dettagli

RISOLUZIONE N. 54/E. Oggetto: Istanza d interpello - Art. 87, comma 1, lettera a), del D.P.R. n. 917 del 1986 - Requisito dell ininterrotto possesso -

RISOLUZIONE N. 54/E. Oggetto: Istanza d interpello - Art. 87, comma 1, lettera a), del D.P.R. n. 917 del 1986 - Requisito dell ininterrotto possesso - RISOLUZIONE N. 54/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 20 febbraio 2008 Oggetto: Istanza d interpello - Art. 87, comma 1, lettera a), del D.P.R. n. 917 del 1986 - Requisito dell ininterrotto

Dettagli

Risoluzione n. 89/E. Roma,18 marzo 2002

Risoluzione n. 89/E. Roma,18 marzo 2002 Risoluzione n. 89/E Roma,18 marzo 2002 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Termini per l emissione di una nota credito dopo la chiusura del fallimento. Interpello - articolo 11 legge 27

Dettagli

La correzione degli errori in bilancio

La correzione degli errori in bilancio La correzione degli errori in bilancio trattamento fiscale alla luce dei chiarimenti forniti nella circolare n. 31/E del 24 settembre 2013 Francesca Roselli 1 Normativa e soggetti interessati Normativa:

Dettagli

Circolare n. 16 del 7 ottobre 2015. Novità per sopravvenienze attive da riduzione dei debiti e perdite su crediti

Circolare n. 16 del 7 ottobre 2015. Novità per sopravvenienze attive da riduzione dei debiti e perdite su crediti Circolare n. 16 del 7 ottobre 2015 Novità per sopravvenienze attive da riduzione dei debiti e perdite su crediti Indice 1. Premessa 2. Rinuncia del socio al credito 3. Sopravvenienze attive da riduzione

Dettagli

Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati

Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati LEGALE E TRIBUTARIO Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati Partecipazioni ancora in attesa di chiarimenti. Sono intervenuti in questa Circolare: Dr. Gaetano De Vito, Dr.

Dettagli

Misure per la crescita e l internazionalizzazione delle imprese (DLgs. 14.9.2015 n. 147) - Disposizioni di rilevanza interna

Misure per la crescita e l internazionalizzazione delle imprese (DLgs. 14.9.2015 n. 147) - Disposizioni di rilevanza interna Studio Menichini Dottori Commercialisti Misure per la crescita e l internazionalizzazione delle imprese (DLgs. 14.9.2015 n. 147) - Disposizioni di rilevanza interna 1 1 PREMESSA Sulla Gazzetta Ufficiale

Dettagli

SOMMARIO. a fiscalità privilegiata... 25. Schema n. 10 - Remunerazioni corrisposte da società non residenti in Paesi

SOMMARIO. a fiscalità privilegiata... 25. Schema n. 10 - Remunerazioni corrisposte da società non residenti in Paesi Sezione prima IN SINTESI Capitolo I - Gli utili da partecipazione e i proventi equiparati Normativa civilistica... 3 Normativa fiscale... 7 Prassi amministrativa... 12 Schema n. 1 - Il regime dei dividendi:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 301/E

RISOLUZIONE N. 301/E RISOLUZIONE N. 301/E Roma, 18 ottobre 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello Art. 109 TUIR, approvato con D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, come modificato dal d.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 251/E

RISOLUZIONE N. 251/E RISOLUZIONE N. 251/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 settembre 2007 Oggetto: Interpello - Alfa S.p.a. - Disciplina applicabile, ai fini IRES e IRAP, agli indennizzi assicurativi spettanti

Dettagli

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta Dott. Pasquale SAGGESE LA CESSIONE DI NON DETENUTE NELL ESERCIZIO DI IMPRESA QUALIFICATE E FATTISPECIE ASSIMILATE Partecipazioni che rappresentano

Dettagli

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI Dott. Pasquale Saggese IMPOSTE SUI REDDITI Art. 182 TUIR In caso di liquidazione dell impresa o della società il reddito di impresa

Dettagli

Problematiche comuni al regime del risparmio amministrato e al regime del risparmio gestito

Problematiche comuni al regime del risparmio amministrato e al regime del risparmio gestito Risoluzione dell'agenzia delle Entrate (RIS) n. 120 /E del 24 luglio 2001 OGGETTO: Problematiche connesse al decesso dell intestatario di rapporti per i quali sono state esercitate le opzioni di cui agli

Dettagli

La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di finanziamento dell impresa

La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di finanziamento dell impresa La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano SAF Scuola di Alta Formazione Luigi Martino Convegno del 16 gennaio 2012 Relatore:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 98/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 98/E QUESITO RISOLUZIONE N. 98/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 dicembre 2013 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento fiscale della svalutazione civilistica di beni materiali

Dettagli

ULTIMI INTERVENTI DI PRASSI IN TEMA DI REDDITO D IMPRESA

ULTIMI INTERVENTI DI PRASSI IN TEMA DI REDDITO D IMPRESA ULTIMI INTERVENTI DI PRASSI IN TEMA DI REDDITO D IMPRESA Prof. ssa Loredana CARPENTIERI Diretta 17 maggio 2010 CIRCOLARE N. 46/E DEL 3 NOVEMBRE 2009 Adempimenti dichiarativi per costi da operazioni con

Dettagli

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE Chiarimenti sulla disciplina fiscale del d. lgs. n. 252/2005 (c.d. Testo Unico della previdenza complementare) Circolare dell

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

10/09 Cliente X a Diversi 600 Merci c/vendite 500 Iva c/vendite 100

10/09 Cliente X a Diversi 600 Merci c/vendite 500 Iva c/vendite 100 Nel normale svolgimento della propria attività, l impresa si trova talvolta, per scelta o per il verificarsi di determinate circostanze, a dover gestire particolari adempimenti contabili relativi alla

Dettagli

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare n. 27 del 4 settembre 2014 LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 ART. 3 e 4 D.L. N. 66/2014 Circolare Agenzia Entrate 27.6.2014, n. 19/E In breve:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 56/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 56/E QUESITO RISOLUZIONE N. 56/E Roma, 22 giugno 2010 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 - Articolo 6, comma 9, del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446

Dettagli

Il trasferimento della sede dall estero all Italia

Il trasferimento della sede dall estero all Italia Il trasferimento della sede dall estero all Italia Trasferimento di sede della società estera in Italia L ordinamento giuridico-societario di provenienza può prevedere che il trasferimento di sede all

Dettagli

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004 SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI DEFINIZIONE DI UTILI ASPETTI GENERALI TRATTAMENTO FISCALE TRATTAMENTO CONTABILE TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004 Art. 40 D.L. 30.09.2003, n. 269 conv. con L. 24.11.2003, n.

Dettagli

Periodico informativo n. 26/2014. Perdite su crediti: nuova disciplina fiscale

Periodico informativo n. 26/2014. Perdite su crediti: nuova disciplina fiscale Periodico informativo n. 26/2014 Perdite su crediti: nuova disciplina fiscale Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo informarla che la Legge di stabilità 2014 è intervenuta

Dettagli

Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari

Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari Filodiritto.it Premessa La disciplina fiscale del leasing finanziario ha visto, nel tempo, importanti variazioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 41/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2002

RISOLUZIONE N. 41/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2002 RISOLUZIONE N. 41/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2002 Oggetto: Interpello n../2001 - Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Deducibilità degli ammortamenti relativi a

Dettagli

Perdite derivanti dalla cessione di crediti: soggetti IAS e non IAS

Perdite derivanti dalla cessione di crediti: soggetti IAS e non IAS Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Fabio Giommoni * Perdite derivanti dalla cessione di crediti: soggetti IAS e non IAS In un precedente intervento su questa stessa rivista

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 07 11.02.2014 Il leasing per le auto A cura di Devis Nucibella Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette La disposizione di riferimento per l individuazione

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE E IRES

SOCIETA COOPERATIVE E IRES FISCALITÀ PER LE COOPERATIVE: NOVITÀ INTRODOTTE DALLA MANOVRA FINANZIARIA Brescia 5 Novembre 2011 1 SOCIETA COOPERATIVE E IRES Art. 73, comma 1, lettera a) del Tuir Sono soggetti all imposta sul reddito

Dettagli

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Convegno OIC 6: Ristrutturazione del debito e informativa di bilancio Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE Dott. Luca Magnano San Lio Senior

Dettagli

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI ALTRI INTERESSI SU IMMOBILI PATRIMONIO SU VEICOLI A MOTORE SOGGETTI IRPEF SOGGETTI IRES BANCHE ASSICURAZIONI

Dettagli

STUDIO SERVIDIO VIA SANTO STEFANO, 11 40125 BOLOGNA ITALY TEL. (+39) 051 26.06.20 FAX (+39) 051 22.16.19. Bologna, 28 Ottobre 2013

STUDIO SERVIDIO VIA SANTO STEFANO, 11 40125 BOLOGNA ITALY TEL. (+39) 051 26.06.20 FAX (+39) 051 22.16.19. Bologna, 28 Ottobre 2013 DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 28 Ottobre 2013 Oggetto: Circolare n. 35/2013 del 28 Ottobre

Dettagli

CIRCOLARE N.17/E. OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16

CIRCOLARE N.17/E. OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 CIRCOLARE N.17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 maggio 2013 OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 INDICE Premessa... 3 1 La nuova disciplina fiscale dei

Dettagli

NUOVA DISCIPLINA DEL RIPORTO DELLE PERDITE

NUOVA DISCIPLINA DEL RIPORTO DELLE PERDITE 1 NUOVA DISCIPLINA DEL RIPORTO DELLE PERDITE 2 Decreto legge n. 98/2011 ARTICOLO 23, COMMA 9 DEL DECRETO LEGGE N. 98/2011 HA MODIFICATO LE MODALITA DEL RIPORTO DELLE PERDITE DISCIPLINATA DALL ARTICOLO

Dettagli

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DEFINIZIONE E CARATTERISTICHE L'emissione di prestiti obbligazionari è un'operazione con la quale una società contrae un debito a lunga scadenza con una pluralità di soggetti.

Dettagli

Decreto Crescita e internalizzazione: le novità

Decreto Crescita e internalizzazione: le novità Periodico informativo n. 131/2015 OGGETO: Decreto Crescita e internalizzazione: le novità Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che è stato

Dettagli

FISCALITA DIFFERITA E ANTICIPATA OIC 25

FISCALITA DIFFERITA E ANTICIPATA OIC 25 FISCALITA DIFFERITA E ANTICIPATA OIC 25 PREVALENZA DELLA SOSTANZA SULLA FORMA Compravendita con obbligo di retrocessione Il lavoro interinale Operazioni di retrolocazione (Lease Back) 1 FISCALITA DIFFERITA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 83/E. Oggetto: Interpello - Componenti di reddito in valuta estera - Articoli 9, 109 e 110 del TUIR

RISOLUZIONE N. 83/E. Oggetto: Interpello - Componenti di reddito in valuta estera - Articoli 9, 109 e 110 del TUIR RISOLUZIONE N. 83/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 30 marzo 2009 A tutte le Direzioni Oggetto: Interpello - Componenti di reddito in valuta estera - Articoli 9, 109 e 110 del TUIR La

Dettagli

Università La Sapienza di Roma Le imposte sul reddito. La doppia imposizione soci/società. Cenni al principio di trasparenza.

Università La Sapienza di Roma Le imposte sul reddito. La doppia imposizione soci/società. Cenni al principio di trasparenza. Università La Sapienza di Roma Le imposte sul reddito. La doppia imposizione soci/società. Cenni al principio di trasparenza. Diritto Tributario Prof.ssa Rossella Miceli Il sistema delle imposte sul reddito

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

DECRETO CRESCITA E INTERNALIZZAZIONE

DECRETO CRESCITA E INTERNALIZZAZIONE INFORMAZIONE FLASH N. 35 17/11/2015 Gentili clienti Loro sedi DECRETO CRESCITA E INTERNALIZZAZIONE Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che

Dettagli

Risoluzione n.279/e. Roma,12 agosto 2002

Risoluzione n.279/e. Roma,12 agosto 2002 Risoluzione n.279/e Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,12 agosto 2002 Oggetto: Acquisto pro-soluto credito IVA futuro e compensazione tra debiti tributari ante fallimento e crediti emergenti

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Roma, 24 gennaio 2014 Gent.li CLIENTI Loro Sedi Via mail Oggetto: Circolare n. 2/2014 principali novità fiscali 2014 1 Gentili Clienti, La legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 1473), in vigore dall

Dettagli

SOCIETA NON OPERATIVE DOPO LE NOVITA DELLA FINANZIARIA 2007

SOCIETA NON OPERATIVE DOPO LE NOVITA DELLA FINANZIARIA 2007 SOCIETA NON OPERATIVE DOPO LE NOVITA DELLA FINANZIARIA 2007 La legge Finanziaria 2007 è nuovamente intervenuta sulla disciplina delle società non operative, già oggetto di modifiche da parte del Decreto

Dettagli

Circolare informativa area tributaria. La comunicazione dei beni ai soci/familiari, la comunicazione dei finanziamenti e delle capitalizzazioni

Circolare informativa area tributaria. La comunicazione dei beni ai soci/familiari, la comunicazione dei finanziamenti e delle capitalizzazioni Circolare informativa area tributaria La comunicazione dei beni ai soci/familiari, la comunicazione dei finanziamenti e delle capitalizzazioni Nel mese di ottobre sono in scadenza 2 adempimenti riguardanti

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. Roma 14 gennaio

RISOLUZIONE N. 10/E. Roma 14 gennaio RISOLUZIONE N. 10/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso 2008 Roma 14 gennaio Oggetto: Istanza di interpello - Alfa - Rilevazione dei ricavi e dei costi relativi all attività di raccolta e accettazione

Dettagli

Corso di ragioneria generale ed applicata Prof. Paolo Congiu A. A. 2013-2014 IMPOSTE DIRETTE SOCIETÀ DI CAPITALI IRES

Corso di ragioneria generale ed applicata Prof. Paolo Congiu A. A. 2013-2014 IMPOSTE DIRETTE SOCIETÀ DI CAPITALI IRES Corso di ragioneria generale ed applicata Prof. Paolo Congiu A. A. 2013-2014 1 IMPOSTE DIRETTE SOCIETÀ DI CAPITALI IRES Imposta proporzionale sui redditi complessivi delle società. Risultato di bilancio

Dettagli

PROSPETTO DELLE SOCIETÀ DI COMODO. Dott. Enrico ZANETTI

PROSPETTO DELLE SOCIETÀ DI COMODO. Dott. Enrico ZANETTI PROSPETTO DELLE SOCIETÀ DI COMODO Dott. Enrico ZANETTI Lavoro autonomo, impresa e altre criticità delle dichiarazioni dei redditi PROFILI INTRODUTTIVI PROSPETTO NEL QUADRO RF 2 AMBITO DI APPLICAZIONE ESCLUSIONE

Dettagli

730, Unico 2013 e Studi di settore

730, Unico 2013 e Studi di settore 730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 12 06.05.2014 Riporto delle perdite fiscali Disciplina Ires Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico Società di capitali Ai fini Ires

Dettagli

Gli aspetti fiscali del recesso nelle societàdi capitali

Gli aspetti fiscali del recesso nelle societàdi capitali S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Gli aspetti fiscali del recesso nelle societàdi capitali Massimiliano Sironi 23 Settembre 2015 Milano Premessa L inquadramento fiscale del recesso del socio

Dettagli

OGGETTO: Istanza di interpello - ALFA snc - Somme corrisposte al socio a seguito di recesso. - Trattamento fiscale.

OGGETTO: Istanza di interpello - ALFA snc - Somme corrisposte al socio a seguito di recesso. - Trattamento fiscale. RISOLUZIONE N. 64/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 febbraio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ALFA snc - Somme corrisposte al socio a seguito di recesso. - Trattamento fiscale.

Dettagli

CHIARIMENTI ALLA DISCIPLINA SULLA DEDUCIBILITA DELLE PERDITE SU CREDITI Circolare 26/E 2013

CHIARIMENTI ALLA DISCIPLINA SULLA DEDUCIBILITA DELLE PERDITE SU CREDITI Circolare 26/E 2013 Montesilvano, 9 dicembre 2013 CHIARIMENTI ALLA DISCIPLINA SULLA DEDUCIBILITA DELLE PERDITE SU CREDITI Circolare 26/E 2013 Dr. Pasquale Di Giulio INQUADRAMENTO GENERALE DEL REGIME FISCALE DEI CREDITI PRE

Dettagli

Roma, 18 marzo 2015. OGGETTO: Interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Adozione IFRS 11 e relativi effetti fiscali

Roma, 18 marzo 2015. OGGETTO: Interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Adozione IFRS 11 e relativi effetti fiscali RISOLUZIONE N. 29/E Roma, 18 marzo 2015 OGGETTO: Interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Adozione IFRS 11 e relativi effetti fiscali Con l interpello specificato in oggetto, concernente l

Dettagli

Fiscal News N. 186. Bonus investimenti. La circolare di aggiornamento professionale 10.07.2014

Fiscal News N. 186. Bonus investimenti. La circolare di aggiornamento professionale 10.07.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 186 10.07.2014 Bonus investimenti Investimenti da effettuare nel periodo 25.06.2014 30.06.2015 Categoria: Agevolazioni Sottocategoria: Varie L

Dettagli

Le norme tributarie disciplinanti la liquidazione

Le norme tributarie disciplinanti la liquidazione Le norme tributarie disciplinanti la liquidazione Art. 182 Tuir: regole di determinazione del reddito d impresa durante la fase di liquidazione; Art. 17 e 21 Tuir: condizioni e modalità per la tassazione

Dettagli

Giugno 2013. I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate sulla deduzione dei canoni di leasing ai fini delle imposte dirette

Giugno 2013. I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate sulla deduzione dei canoni di leasing ai fini delle imposte dirette Giugno 2013 I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate sulla deduzione dei canoni di leasing ai fini delle imposte dirette Avv. Prof. Stefano Loconte e Avv. Gabriella Antonaci, Studio Legale e Tributario

Dettagli

Nuova disciplina della tassazione dei dividendi

Nuova disciplina della tassazione dei dividendi L Imposta sul Reddito delle Società (IRES) Rimini, 7 febbraio 2004 Nuova disciplina della tassazione dei dividendi Dott. Giorgio Nerpiti Studio Combattelli e Nerpiti - Dottori Commercialisti Associati

Dettagli

? INQUADRAMENTO NORMATIVO. Aspetti generali QUADRO RL. Inquadramento normativo. Redditi di capitale

? INQUADRAMENTO NORMATIVO. Aspetti generali QUADRO RL. Inquadramento normativo. Redditi di capitale Tratto da: Collana Dichiarazioni Fiscali 2009, Unico Persone Fisiche, a cura di: R. Artina V. Artina P. Monarca G. Cremona N. Tarantino Aspetti generali Inquadramento normativo Il quadro RL del modello

Dettagli

LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE

LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE SOCIETÀ DI PERSONE La base imponibile Irap delle imprese individuali e delle società di persone, secondo quanto stabilito dall

Dettagli

PrevAer Fondo Pensione

PrevAer Fondo Pensione Pagina 1 di 5 Documento sul Regime Fiscale aggiornato al 27 marzo 2015 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi

Dettagli

RISOLUZIONE n. 222/E. Roma, 5 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE n. 222/E. Roma, 5 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE n. 222/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 5 dicembre 2003 Oggetto: Trattamento fiscale delle operazioni di cartolarizzazione. Ritenute sugli interessi corrisposti su depositi

Dettagli

OGGETTO: Eventi sismici del 6 aprile 2009 Ulteriori chiarimenti

OGGETTO: Eventi sismici del 6 aprile 2009 Ulteriori chiarimenti CIRCOLARE N. 50/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 novembre 2011 OGGETTO: Eventi sismici del 6 aprile 2009 Ulteriori chiarimenti La presente circolare intende fornire alcuni chiarimenti in ordine

Dettagli

Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati.

Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati. RISOLUZIONE N. 139/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 7 maggio 2002 Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati. Con nota del 4 aprile 2002,

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Focus di pratica professionale di Norberto Villa. Le società di comodo in Unico 2011

Focus di pratica professionale di Norberto Villa. Le società di comodo in Unico 2011 Focus di pratica professionale di Norberto Villa Le società di comodo in Unico 2011 Il prospetto del quadro RF Il quadro RF del modello Unico SC 2011 contiene le informazioni necessarie per verificare

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

RISOLUZIONE N. 54/E. Roma, 16 marzo 2007. Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l.

RISOLUZIONE N. 54/E. Roma, 16 marzo 2007. Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l. RISOLUZIONE N. 54/E Roma, 16 marzo 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l. La Direzione Regionale ha trasmesso un istanza

Dettagli

COSTI PLURIENNALI: L IMPATTO SUL BILANCIO DI ESERCIZIO

COSTI PLURIENNALI: L IMPATTO SUL BILANCIO DI ESERCIZIO Circolare N. 28 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 14 aprile 2009 COSTI PLURIENNALI: L IMPATTO SUL BILANCIO DI ESERCIZIO Una tra le più ricorrenti problematiche inerenti la chiusura di bilancio

Dettagli

Settimanale di Aggiornamento Fiscale del 28 Febbraio 2014. Premessa

Settimanale di Aggiornamento Fiscale del 28 Febbraio 2014. Premessa Settimanale di Aggiornamento Fiscale del 28 Febbraio 2014 DEDUCIBILITA DELLE PERDITE SU CREDITI Premessa La deducibilità fiscale degli oneri derivanti dalla inesigibilità definitiva dei crediti è disciplinata,

Dettagli

aggiornato al 31 luglio 2014

aggiornato al 31 luglio 2014 aggiornato al 31 luglio 2014 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi versati, a partire dal 1 gennaio 2007, dai

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

INDICE. Premessa... pag. 11

INDICE. Premessa... pag. 11 INDICE Premessa... pag. 11 CAPITOLO PRIMO LA CESSIONE DELLE PARTECIPAZIONI NEL REDDITO DI IMPRESA 1. La cessione delle partecipazioni nel reddito d impresa... pag. 13 1.1 I diversi regimi fiscali applicabili

Dettagli

LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA

LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA INCONTRO FORMATIVO LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA Recenti novità normative art. 33, comma 5, D.L. Crescita riconoscimento dell Accordo di Ristrutturazione dei debiti tra le procedure che consentono

Dettagli

RISOLUZIONE N. 26/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 26/E. Quesito RISOLUZIONE N. 26/E Roma, 07 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello - Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Assegnazione azioni proprie a titolo di dividendo Articolo 94, comma

Dettagli

RISOLUZIONE N. 409/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 409/E QUESITO RISOLUZIONE N. 409/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 30 ottobre 2008 OGGETTO: Interpello Ammissione al regime del consolidato fiscale nazionale nell ipotesi di società estera fiscalmente

Dettagli

L impatto in bilancio delle operazioni di ristrutturazione

L impatto in bilancio delle operazioni di ristrutturazione L impatto in bilancio delle operazioni di ristrutturazione Alberto Tron Presidente Comitato Financial Reporting Standards ANDAF Crisi di impresa e informazione finanziaria: scenario di riferimento In questi

Dettagli

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 Circolare Numero 10/2014 Oggetto LEGGE STABILITÀ 2014 NOVITÀ IN TEMA DI REDDITO D IMPRESA Contenuto La Legge di stabilità 2014, ovvero la

Dettagli

Modello UNICO SOCIETA DI CAPITALI: modalità di compilazione del quadro TN

Modello UNICO SOCIETA DI CAPITALI: modalità di compilazione del quadro TN Stampa Modello UNICO SOCIETA DI CAPITALI: modalità di compilazione del quadro TN admin in Quadro normativo - L art. 115, co. 1, del D.P.R. 917/1986 é relativo all opzione per il regime della trasparenza

Dettagli