La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari"

Transcript

1 La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari Tavole sinottiche a cura di Giulio Andreani Professore di diritto tributario alla Scuola Superiore dell Economia e delle Finanze di Roma dottore commercialista 1

2 I principi contabili nazionali OIC 20 Effetti in capo al creditore Assimilazione dell operazione alla rinuncia operata dal socio, relativamente a un credito verso la società partecipata, per aumentare il capitale di quest ultima Eliminazione del valore contabile del credito convertito Iscrizione della nuova partecipazione ricevuta Nessun effetto sul risultato economico dell esercizio valore contabile del credito convertito = aumento del valore contabile della partecipazione segue 2

3 I principi contabili nazionali OIC 15 Effetti in capo al creditore Tuttavia, i crediti incassabili con attività diverse dai fondi liquidi vanno valutati al valore corrente di tali attività (OIC n. 15). Ne deriva una sostanziale svalutazione della partecipazione (fermo restando che il suo valore fiscale è pari a quello del credito ante svalutazione). 3

4 I principi contabili nazionali - OIC 6 Effetti in capo al debitore Eliminazione del valore contabile del debito convertito Rilevazione dell aumento di capitale sociale e dell eventuale sovrapprezzo Nessun effetto sul risultato economico dell esercizio valore nominale dell aumento del capitale sociale e del sovrapprezzo = valore contabile del debito convertito 4

5 Disciplina fiscale per la generalità delle imprese Effetti in capo al creditore Assunzione di un costo fiscale della partecipazione = valore fiscale del credito (art. 94, comma 6, del Tuir) Nessuna ulteriore rilevanza fiscale Effetti in capo al debitore L operazione non ha natura reddituale. Del resto, si tratta di una sottoscrizione di capitale sociale a pagamento Nessuna rilevanza fiscale, poiché la riduzione del debito non è considerata sopravvenienza attiva ai fini fiscali (art. 88, comma 4, del Tuir) 5

6 I principi contabili internazionali - IAS 39 Effetti in capo al creditore Eliminazione del valore contabile del credito convertito Rilevazione delle partecipazioni ricevute al loro fair value Rilevazione, nel conto economico, dell utile o della perdita, corrispondente alla differenza fra il valore contabile del credito e il valore delle partecipazioni di nuova emissione valore contabile del credito convertito - Fair value delle partecipazioni ricevute = Differenziale positivo o negativo 6

7 I principi contabili internazionali - IAS 39 e IFRIC 19 Effetti in capo al debitore Eliminazione del valore contabile del debito convertito Rilevazione di un incremento di patrimonio netto pari al fair value delle partecipazioni emesse Rilevazione, nel conto economico, dell utile o della perdita, corrispondente alla differenza tra il fair value delle partecipazioni emesse e il valore contabile del debito estinto. Fair value delle partecipazioni emesse - valore contabile del debito convertito = Differenziale positivo o negativo 7

8 Disciplina fiscale per i soggetti IAS adopter La rilevanza fiscale dei componenti aventi natura economica secondo i principi contabili internazionali discende: dal principio di derivazione rafforzata di cui all art. 83, comma 1, del Tuir, in base al quale gli effetti concernenti la qualificazione, imputazione temporale e classificazione delle poste di bilancio secondo i criteri IAS compliant rilevano anche ai fini delle imposte sui redditi; dal principio della rilevanza anche per i soggetti IAS delle regole prettamente fiscali di cui all art. 2, comma 1, del Regolamento IAS, nei cui confronti si applicano, tra l altro, le disposizioni che esentano o escludono, parzialmente o totalmente, dalla formazione del reddito imponibile componenti positivi, comunque denominati. 8

9 Disciplina fiscale per i soggetti IAS adopter Effetti per il creditore Sulla base del principio di derivazione rafforzata, i differenziali positivi o negativi iscritti nel bilancio IAS compliant del creditore, a seguito della conversione del credito, assumono rilevanza fiscale. L eventuale differenza positiva costituisce un provento. L eventuale differenza negativa tra il fair value della partecipazione iscritta ed il valore contabile del credito sostituito rappresenta una perdita su crediti certa e precisa, deducibile ai sensi dell art. 101, comma 5, del Tuir. segue 9

10 Disciplina fiscale per i soggetti IAS adopter Effetti per il creditore Circolare n. 42/E del 3 agosto 2010, par. 5: per effetto della derivazione cd. rafforzata si ritiene che l'eventuale differenza (negativa) tra il fair value della partecipazione iscritta ed il valore contabile del credito sostituito rappresenti una rettifica di valore che si riferisce al credito sostituito. Ne consegue che, sotto un profilo fiscale, la sopra richiamata differenza assume rilevanza ai sensi dell'art. 101, comma 5 del Tuir, qualora ne sussistano le condizioni (requisiti di certezza e precisione), da ricondurre in primis al trasferimento dal cedente al cessionario di tutti i rischi e i benefici economici connessi. 10

11 Disciplina fiscale per i soggetti IAS adopter Effetti per il debitore Sulla base del principio di derivazione rafforzata, i differenziali positivi o negativi imputati al conto economico sembrano, prima facie, assumere rilevanza fiscale. Tuttavia, le regole IAS compliant prevalgono sulle regole del Tuir solo se le divergenze tra i due sistemi discendono da aspetti connessi alla qualificazione, classificazione e imputazione temporale delle operazioni poste in essere, ai sensi dell art. 83, comma 1, del Tuir. Le regole del Tuir, invece, prevalgono sui principi contabili internazionali se le divergenze discendono da fenomeni meramente valutativi. segue 11

12 Disciplina fiscale per i soggetti IAS adopter Effetti fiscali in capo al debitore Inapplicabilità del principio di derivazione rafforzata Ipotesi n. 1: inapplicabilità principio di derivazione In caso di inapplicabilità del principio di derivazione rafforzata, occorre chiedersi con quale criterio deve essere valutato, ai fini fiscali, il valore del conferimento: medesimo criterio utilizzato ai fini contabili; ovvero, se esistente: uno specifico criterio stabilito dalla legge fiscale. segue 12

13 Disciplina fiscale per i soggetti IAS adopter Effetti fiscali in capo al debitore Inapplicabilità del principio di derivazione rafforzata E a tal fine rilevante l art. 9, del Tuir? Tale norma (comma 2) stabilisce che i corrispettivi in natura sono valutati in base al valore normale dei beni da cui sono costituiti. Le partecipazioni non quotate (comma 4) sono valutate in proporzione al valore del patrimonio netto della società emittente. segue 13

14 Disciplina fiscale per i soggetti IAS adopter Effetti fiscali in capo al debitore Inapplicabilità del principio di derivazione rafforzata La società debitrice emette e trasferisce al creditore (in base allo schema della datio in solutum ) partecipazioni che devono essere valutate, ai sensi del comma 4 dell art. 9 del Tuir, in proporzione al valore del patrimonio della società emittente e quindi sostanzialmente al fair value. 14

15 Disciplina fiscale per i soggetti IAS adopter Effetti fiscali in capo al debitore Applicabilità del principio di derivazione rafforzata Ipotesi n. 2: applicabilità del principio di derivazione In caso di applicabilità, invece, del principio di derivazione rafforzata, ne discende la necessità di eseguire una valutazione delle partecipazioni al fair value quale diretta conseguenza della qualificazione come realizzativa dell operazione di conversione, da rilevare contabilmente alla stregua di una operazione intervenuta tra soggetti indipendenti. In questa ipotesi, la valutazione derivante dai criteri IAS compliant, essendo imposta dalla precipua qualificazione dell operazione, assume diretta rilevanza fiscale ai sensi dell art. 83 del Tuir. segue 15

16 Disciplina fiscale per i soggetti IAS adopter Effetti fiscali in capo al debitore Applicabilità del principio di derivazione rafforzata In entrambe le ipotesi il differenziale tra il valore del debito e il valore normale (o il fair value) delle partecipazioni emesse concorre a formare il reddito d impresa tassabile in capo alla società debitrice. Questa conclusione risulta, peraltro, simmetrica a quella già raggiunta dall Agenzia delle entrate con la circolare n. 42/E del 3 agosto 2010 con riguardo all entità creditrice IAS adopter. 16

17 Disciplina fiscale per i soggetti IAS adopter Effetti fiscali in capo al debitore Verifica dell applicabilità dell art. 88, comma 4 Tuttavia tali conclusioni sono corrette solo ove non risultasse applicabile l art. 88, comma 4, del Tuir, che nega rilevanza reddituale agli apporti di capitale eseguiti dai soci, anche sotto forma di rinuncia ai crediti. Questa disposizione può trovare invece applicazione per effetto dell art. 2, comma 2, del Regolamento IAS, secondo cui nei cui confronti si applicano, tra l altro, le disposizioni che esentano o escludono, parzialmente o totalmente, dalla formazione del reddito imponibile componenti positivi, comunque denominati. segue 17

18 Disciplina fiscale per i soggetti IAS adopter Effetti fiscali in capo al debitore Verifica dell applicabilità dell art. 88, comma 4 Ratio dell art. 88, comma 4, del Tuir è sia quella di trattare i versamenti a fondo perduto e le rinunce al credito da parte del socio in modo non diverso dal mero apporto di capitale, sia quella di salvaguardare l integrità dell apporto di capitale, evitando che la tassazione di quest ultimo possa ridurne l ammontare. Tale esigenza ricorre, evidentemente, a prescindere dal comportamento contabile adottato. Anche sotto il profilo letterale, l art. 88, comma 4, sembra prescindere del tutto dal comportamento contabile tenuto al riguardo. segue 18

19 Disciplina fiscale per i soggetti IAS adopter Conseguentemente: Effetti fiscali in capo al debitore in caso di inapplicabilità del principio di derivazione rafforzata e di applicazione del criterio valutativo di cui all art. 9 del Tuir, il differenziale positivo (costituito dalla differenza tra il valore contabile del debito estinto e il valore normale delle nuove partecipazioni emesse) non concorre alla formazione del reddito d impresa imponibile, giusta il disposto dell art. 88, comma 4, del Tuir; in caso di applicabilità del principio di derivazione rafforzata, il differenziale positivo (costituito dalla differenza tra il valore contabile del debito estinto e il fair value delle nuove partecipazioni emesse) non concorre ugualmente alla formazione del reddito d impresa imponibile, giusta il disposto dell art. 88, comma 4, del Tuir. 19

20 Analisi dei possibili profili elusivi Creditore IAS adopter Debitore IAS adopter Deduzione del differenziale negativo Detassazione del differenziale positivo Vantaggio fiscale potenzialmente disconoscibile ai sensi dell art. 37-bis del D.P.R. 600/1973 o per abuso del diritto segue 20

21 Analisi dei possibili profili elusivi Società debitrice credito Banca creditrice Socio società debitrice Cessione credito da banca creditrice a socio società debitrice ai fini della sicura applicazione dell art. 88, comma 4, del TUIR in capo a quest ultima 21

22 L art. 113, comma 1, del Tuir dispone che Gli enti creditizi possono chiedere all'agenzia delle entrate, secondo la procedura di cui all'articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212, recante lo statuto dei diritti del contribuente, che il regime di cui all'articolo 87 non si applichi alle partecipazioni acquisite nell'ambito degli interventi finalizzati al recupero di crediti o derivanti dalla conversione in azioni di nuova emissione dei crediti verso imprese in temporanea difficoltà finanziaria. 22

23 La ratio Evitare che l acquisizione delle partecipazioni per il recupero dei propri crediti possa essere disincentivata per effetto di un trattamento fiscale di sfavore; agevolare il risanamento delle imprese in crisi, mediante uno strumento che consente di recuperare i crediti, alternativo alle procedure concorsuali di tipo liquidatorio. 23

24 Il procedimento L applicazione della disciplina è condizionata all accoglimento da parte dell Agenzia delle Entrate dell istanza di interpello proposta dalla banca. Il carattere disapplicativo dell interpello implica che: a) l istanza sia presentata obbligatoriamente ai fini dell ottenimento di un parere favorevole all accesso ad un regime derogatorio e agevolativo rispetto a quello ordinariamente applicabile; segue 24

25 Il procedimento b) il comportamento non sia stato ancora posto in essere o non sia stata data ancora attuazione alla norma oggetto di interpello. (Preventività dell istanza) La richiesta deve essere presentata in tempo utile cioè almeno centoventi giorni prima della scadenza del termine ordinario di presentazione della dichiarazione dei redditi relativa al periodo d imposta in cui i crediti sono stati oggetto di conversione. 25

26 Il contenuto dell istanza Ai sensi dell art. 113 comma 2 lett. a) nel caso di interpello per acquisizione di partecipazioni in sostituzione dei crediti originari verso l impresa in difficoltà con partecipazioni detenute ovvero emesse dall impresa, l istanza deve contenere: l indicazione dei motivi di convenienza di tale procedura rispetto ad altre forme alternative di recupero dei crediti quali procedure concorsuali di carattere realizzativo; l indicazione delle recupero; modalità e dei tempi previsti per il segue 26

27 Il contenuto dell istanza ove si tratti di partecipazioni dirette nella società debitrice, la precisazione che l operatività di quest ultima sarà limitata agli atti connessi con il realizzo e la valorizzazione del patrimonio aziendale, oltre all indicazione delle attività che la società intende a tal fine porre in essere. Oggetto di acquisizione possono essere sia le partecipazioni dirette nella società debitrice sia le partecipazioni in altre società, non rappresentative del capitale della società debitrice. segue 27

28 Il contenuto dell istanza Ai sensi dell art. 113 comma 2 lett. b) nel caso di interpello per conversione in partecipazioni dei crediti verso l impresa debitrice con partecipazioni (anche di nuova emissione) della stessa società, l istanza deve contenere l indicazione: degli elementi che inducono a ritenere temporanea la situazione di difficoltà finanziaria del debitore; degli elementi sulla cui base è valutata la ragionevolezza delle prospettive di riequilibrio economico e finanziario nel medio periodo; segue 28

29 Il contenuto dell istanza della convenienza economica della conversione rispetto a forme alternative di recupero dei crediti; delle caratteristiche del piano di risanamento, predisposto da enti creditizi e finanziari rappresentanti una quota elevata dell esposizione debitoria dell impresa in difficoltà. 29

30 Il contenuto dell istanza Sia nell ipotesi sub lett. a) sia sub lett. b) la banca deve indicare nell istanza la rinuncia, in caso di accoglimento della stessa, ad avvalersi, nei confronti della società in cui acquisisce la partecipazione, fino all'esercizio in cui ne mantenga il possesso: del regime del consolidato nazionale (artt. 117 e ss del Tuir) e del consolidato mondiale (artt. 130 e ss del Tuir); della facoltà prevista dall articolo 115 del Tuir (trasparenza fiscale). Infatti, l esito positivo dell interpello fa sì che, sotto il profilo fiscale, la partecipazione perda la propria natura e venga equiparata a un credito estinto o convertito. 30

31 Effetti dell accoglimento dell istanza Disapplicazione del regime della partecipation exemption di cui all art. 87 del Tuir. Equiparazione delle partecipazioni acquisite ai crediti estinti o convertiti, ai fini dell applicazione degli artt. 101, comma 5 e 106 del Tuir, ossia: riconoscimento come svalutazioni, ex art. 106, comma 3, del Tuir, delle perdite di valore delle partecipazioni acquisite, nei limiti del valore fiscale del credito, trasferito sulla partecipazione; segue 31

32 Effetti dell accoglimento dell istanza deducibilità come perdita su crediti, ex art. 101, comma 5 del Tuir (sussistendone i requisiti di certezza e precisione), della minusvalenza maturata in sede di realizzo (civilistico) della partecipazione (es. cessione o dismissione); inclusione del valore della partecipazione nell ammontare di cui all art. 106, comma 3 del Tuir, ai fini della determinazione della svalutazione dei crediti fiscalmente deducibile. 32

33 Effetti dell accoglimento dell istanza Ai sensi dell art. 113, comma 3, del Tuir, per beneficiare degli effetti dell accoglimento dell interpello, la banca deve traslare l ultimo valore fiscale dei crediti estinti o convertiti (coincidente con il valore fiscale degli stessi all inizio del periodo d imposta), ai soli fini tributari, sul valore della partecipazione acquisita. Effetti sui soggetti IAS adopter l eventuale differenza negativa tra il fair value della partecipazione iscritta ed il valore contabile del credito sostituito non è deducibile ai sensi dell art. 101, comma 5, del Tuir ma ex art. 106, comma 3, del Tuir (quale svalutazione crediti) a fine esercizio (ciò al contrario di quanto accade in assenza dell applicazione dell art. 113 del Tuir). 33

34 Effetti dell accoglimento dell istanza con riguardo alla cessione delle partecipazioni oggetto di acquisizione o conversione Rilevano il valore nominale del credito, l ultimo valore fiscalmente riconosciuto della partecipazione al momento del realizzo, il prezzo di cessione della partecipazione Caso 1 Se il prezzo di cessione è < del valore nominale del credito e > dell ultimo valore fiscale della partecipazione (assimilata ad un credito) al momento della cessione La differenza fra il prezzo di cessione della partecipazione e l ultimo valore fiscale della stessa è una ripresa di valore tassata 34

35 Effetti dell accoglimento dell istanza con riguardo alla cessione delle partecipazioni oggetto di acquisizione o conversione Esempio caso 1 Credito di originario valore nominale pari a 100 Valore fiscale e contabile del credito: 80 Il valore fiscale della partecipazione, negli anni successivi alla conversione, è stato svalutato fino a 50 (svalutazioni dedotte per 30) Prezzo di cessione della partecipazione: 90 Differenza di 40 (da 50 a 90): ripresa di valore fiscalmente imponibile 35

36 Effetti dell accoglimento dell istanza con riguardo alla cessione delle partecipazioni oggetto di acquisizione o conversione Caso 2 Se il prezzo di cessione della partecipazione è > del valore nominale del credito La differenza fra il valore nominale del credito e l ultimo valore fiscale della partecipazione è una ripresa di valore tassata L eccedenza del prezzo rispetto al valore nominale del credito è una plusvalenza soggetta all art. 87 del Tuir, sussistendone i requisiti 36

37 Esempio caso 2 Conversione di crediti in capitale Effetti dell accoglimento dell istanza con riguardo alla cessione delle partecipazioni oggetto di acquisizione o conversione Credito di originario valore nominale pari a 100 Valore fiscale e contabile del credito: 80 Il valore fiscale della partecipazione, negli anni successivi alla conversione, è stato svalutato fino a 50 (svalutazioni dedotte per 30) Prezzo di cessione della partecipazione: 120 Differenza di 50 (da 50 a 100): ripresa di valore fiscalmente imponibile Differenza di 20 (da 100 a 120): plusvalenza in p.ex, ricorrendone i presupposti. 37

38 Effetti dell accoglimento dell istanza con riguardo alla cessione delle partecipazioni oggetto di acquisizione o conversione Caso 3 Se il prezzo di cessione è < sia del valore nominale del credito sia dell ultimo valore fiscale della partecipazione assimilata al credito, al momento della cessione La differenza fra l ultimo valore fiscale della partecipazione e il prezzo di cessione della stessa è una perdita su crediti, deducibile ex art. 101, comma 5, del Tuir 38

39 Esempio caso 3 Conversione di crediti in capitale Effetti dell accoglimento dell istanza con riguardo alla cessione delle partecipazioni oggetto di acquisizione o conversione Credito di originario valore nominale pari a 100 Valore fiscale e contabile del credito: 80 Il valore fiscale della partecipazione, negli anni successivi alla conversione, è stato svalutato fino a 50 (svalutazioni dedotte per 30) Prezzo di cessione della partecipazione: 30 Differenza di 20 (da 50 a 30): perdita su crediti deducibile 39

40 Effetti dell accoglimento dell istanza in caso di cessione della partecipazione preceduta dal rimborso parziale del credito Non rileva il valore nominale del credito ma il valore residuo ancora da recuperare Caso 4 Se il prezzo di cessione è > del valore nominale del credito diminuito del parziale rimborso La differenza fra il valore nominale del credito (al netto del rimborso) e l ultimo valore fiscale della partecipazione è una ripresa di valore tassata L eccedenza del prezzo rispetto al valore nominale del credito (al netto del rimborso) è una plusvalenza soggetta all art. 87 del Tuir, sussistendone i requisiti 40

41 Esempio caso 4 Conversione di crediti in capitale Effetti dell accoglimento dell istanza in caso di cessione della partecipazione preceduta dal rimborso parziale del credito Credito di originario valore nominale pari a 100 Rimborso parziale del credito: 20 Valore nominale del credito diminuito del parziale rimborso già conseguito: 80 Valore fiscale e contabile del credito: 70 Il valore fiscale della partecipazione, negli anni successivi alla conversione, è stato svalutato fino a 50 (svalutazioni dedotte per 20) Prezzo di cessione della partecipazione: 90 Differenza di 30 (da 50 a 80): ripresa di valore fiscalmente imponibile Differenza di 10 (da 80 a 90): plusvalenza in p.ex. 41

42 Effetti dell accoglimento dell istanza Se successivamente all acquisizione delle partecipazioni o della conversione dei crediti in partecipazione nei confronti del debitore si istauri una delle procedure concorsuali, la perdita può essere integralmente dedotta dalla data: della sentenza dichiarativa del fallimento, dal provvedimento che ordina la liquidazione coatta amministrativa, dal decreto di ammissione al concordato preventivo, dal decreto che dispone la procedura di amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi, dal decreto di omologa di un accordo di ristrutturazione dei debiti ex art. 182-bis l.f. 42

43 Applicabilità dell art. 113 del Tuir agli strumenti finanziari partecipativi E possibile l emissione di strumenti finanziari partecipativi diversi dalle azioni a fronte dell acquisizione o conversione di crediti dato che l art. 113 del Tuir si riferisce a partecipazioni acquisite nell ambito degli interventi finalizzati al recupero di crediti o derivanti dalla conversione in azioni di nuova emissione dei crediti? Sotto il profilo civilistico gli strumenti finanziari partecipativi sono disciplinati dall art. 2346, comma 6, del c.c. segue 43

44 Applicabilità dell art. 113 del Tuir agli strumenti finanziari partecipativi Sotto il profilo fiscale, l art. 44, comma 2 lett. a), del Tuir indica le condizioni per l assimilazione degli strumenti finanziari partecipativi ( la remunerazione è costituita totalmente dalla partecipazione ai risultati economici della società emittente o di altre società appartenenti allo stesso gruppo o dell'affare in relazione al quale i titoli e gli strumenti finanziari sono stati emessi ). L art. 113 del Tuir è applicabile quando gli strumenti finanziari partecipativi sono assimilabili alle azioni. Es. quando la remunerazione degli strumenti finanziari è costituita dalla partecipazione all eventuale ripartizione dell attivo in sede di scioglimento della società (circ. n. 42/E del 2010, par. 3.3.). 44

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES

ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES Circolare Monografica 12 maggio 2014 n. 1971 DICHIARAZIONI ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES Le istruzioni per i soggetti IRES di Ivan Cemerich Il 2014 è un anno di svolta per l'applicazione dell'aiuto

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000 ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE L'INSERTO 2 Analisi della rilevanza ai fini IRAP delle voci del Conto Economico A cura

Dettagli

Le regole di deducibilità degli interessi passivi in base all articolo 96 del Tuir

Le regole di deducibilità degli interessi passivi in base all articolo 96 del Tuir N. 11 del 23.03.2012 I Focus A cura di Ennio Vial e Gioacchino De Pasquale Le regole di deducibilità degli interessi passivi in base all articolo 96 del Tuir Lo scopo del presente lavoro è illustrare la

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Crediti Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Gli interessi moratori, il principio della compentenza ed il bilancio di esercizio

Gli interessi moratori, il principio della compentenza ed il bilancio di esercizio Gli interessi moratori, il principio della compentenza ed il bilancio di esercizio di Tiziano Sesana (*) Gli interessi legali di mora ex D.Lgs. n. 231/2002 così come modificato dal D.Lgs. n. 192/2012 sono

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di TRANI

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di TRANI Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di TRANI COMMISSIONE DI STUDIO FISCALITA, CONTENZIOSO E RAPPORTI CON L AMMINISTRAZIONE FINANZIARIA L UTILIZZO DELLE PERDITE D IMPRESA NELLA NORMATIVA

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Risposte alle domande più frequenti (FAQ)

Risposte alle domande più frequenti (FAQ) COMUNICAZIONE DEI DATI DEI BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI DELL IMPRENDITORE E DEI FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL IMPRESA

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su:

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su: Pag. 5030 n. 43/98 21/11/1998 I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell su: regolarizzazione degli omessi o insufficienti versamenti relativi al primo acconto modifiche recate dal decreto legislativo

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Bilateralità e fiscalità di Eugenio della Valle

Bilateralità e fiscalità di Eugenio della Valle Bilateralità e fiscalità di Eugenio della Valle 1) Premessa. Con le lenti del tributarista il tema della bilateralità può essere affrontato avendo riguardo ai seguenti tre aspetti: (i) la natura, commerciale

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10 genzia ntrate UNICO Enti non commerciali ed equiparati 2014 Dichiarazione degli enti non commerciali residenti e delle società ed enti non residenti equiparati soggetti all Ires - Periodo d imposta 2013

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Finance Law Alert. Le modifiche apportate dal decreto legge "Destinazione Italia" alla legge sulla cartolarizzazione dei crediti

Finance Law Alert. Le modifiche apportate dal decreto legge Destinazione Italia alla legge sulla cartolarizzazione dei crediti Finance Law Alert GENNAIO 14 Le modifiche apportate dal decreto legge "Destinazione Italia" alla legge sulla cartolarizzazione dei crediti In data 23 dicembre 2013, è stato pubblicato in G.U. n. 300 il

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli