AZIONI DI PIANO LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AZIONI DI PIANO LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE"

Transcript

1 TITOLO AZIONE PR3 - Valorizzazione di boschi ad elevato valore produttivo Descrizione generale PERIODICITA D INTERVENTO PRIORITA 2 B CATEGORIA Valorizzazione della funzione produttiva AMBITI TERRITORIALI DI PROGETTO Note Castagneti ad elevato valore produttivo ben serviti FINALITA Miglioramento forestale dei castagneti quali consorzi prevalentemente in stato di abbandono, ma con buona potenzialità produttiva nella fattispecie castagneti dei substrati carbonatici dei suoli mesici e mesoxerici con buona accessibilità

2 TIPOLOGIE DI INTERVENTO Descrizione delle tipologie di castagneto esistenti sul territorio I cedui di castagno presenti nell area di interesse appartengono alle seguenti tre tipologie forestali: - castagneto dei substrati carbonatici dei suoli xerici; - castagneto dei substrati carbonatici dei suoli meso-xerici; - castagneto dei substrati carbonatici dei suoli mesici. Per quanto riguarda le potenzialità produttive e la relativa convenienza ad intervenire, è da escludere la tipologia del castagneto dei substrati carbonatici dei suoli xerici per le condizioni di aridità e stress idrico in cui si trova a vegetare il castagno. Eventuali interventi di valorizzazione saranno da limitare alle altre due tipologie. In prevalenza i castagneti esistenti versano in stato di abbandono da qualche decennio. Ci si trova quindi di fronte a cedui invecchiati con notevole presenza di ceppaie con numerosi polloni (3-10) di cui la maggior parte morti in piedi e la restante parte con diametri variabili da 10 a 25 cm con una densità delle ceppaie variabile a seconda delle condizioni stazionali. Non sono disponibili studi specifici sullo stato fitosanitario di questi popolamenti dai quali si possa evincere la reale virulenza del cancro corticale del castagno (Cryphonectria parasitica Mur). L unica indagine (Nastasio,1986) evidenzia una situazione stazionaria non dissimile ad altri ambiti castanicoli maggiormente osservati. Allo stato attuale si constata come queste formazioni godano di condizioni fitosanitarie complessivamente buone o quantomeno è da escludere una involuzione dovuta ad una recente recrudescenza del patogeno suddetto. Indirizzi per la valorizzazione Le potenzialità produttive dei cedui di castagno sono legate alla valutazione di diversi fattori di seguito elencati, per i quali vengono sinteticamente forniti alcuni elementi di analisi: 1. l idoneità stazionale 2. lo stato fitosanitario e la qualità del legno 3. le condizioni evolutive 4. l accessibilità del popolamento 5. l assortimento che si vuole produrre 6. possibilità di avvantaggiarsi di contributi 7. le aspettative in termini di durata del turno, impegno e ritorno economico da parte del proprietario 1. L idoneità stazionale potrà essere verificata tramite il rilievo delle altezze del popolamento che per finalità produttive dovranno corrispondere ai seguenti valori minimi: Età dei polloni (anni) Statura (m)

3 2. Le condizioni fitosanitarie per considerarsi buone, significa che il popolamento dovrà dimostrare buona capacità di reazione agli attacchi. Dovrà essere verificata una ridotta presenza di disseccamenti per contro la presenza di forme ipovirulente del cancro corticale manifestate da una buona cicatrizzazione. La qualità del legno riguarda principalmente la presenza o meno di fenomeni di cipollatura del fusto, difetto che consiste nel distacco di una parte degli anelli, collegato a diversi fattori in particolare riscontrabile in soggetti con diametri ed età elevata, e accrescimenti irregolari. Si tratterà quindi di verificare se localmente questo difetto è presente e con quale frequenza esso si presenta. 3. Le scelte selvicolturali non potranno prescindere da una analisi delle condizioni evolutive ossia dello stadio evolutivo del soprassuolo, della densità delle ceppaie (ottimale 600/ha, tollerabile l intervallo /ha), dell area basimetrica, della composizione ossia della presenza o meno di specie secondarie di interesse (querce, robinia, frassino) valutando una loro valorizzazione o la necessità di un loro contenimento. 4. L accessibilità del popolamento è condizione essenziale per rendere economicamente vantaggioso un intervento selvicolturale. Le piste forestali quando vengono costruite con opportuni criteri e se giustificate dall entità e dall importanza del taglio, andrebbero realizzate secondo una densità da valutare caso per caso in relazione anche a possibili alternative di esbosco. Importante riferimento in tal senso è rappresentato dalla D.G.R. 8 agosto 2003, n. 7/14016 Direttiva relativa alla viabilità locale di servizio all attività agro-silvo-pastorale. 5. Altra valutazione iniziale è la scelta del prodotto che si vuole ottenere. Dal castagno gli assortimenti ritraibili sono i seguenti: Prodotto Dimensioni Caratteristiche Tronchi da sega o trancia: Tronchi da segati da falegnameria e industria del mobile Paleria da opera (pali tutori per viticoltura, verde ornamentale e forestazione; tondame per ingegneria naturalistica) Assortimenti da triturazione Legna da ardere diametro minimo in punta 18-20cm lunghezza 2,5-6m Diametro minimo in punta 18-20cm lunghezza 2-2,5m Diametro variabile da 8 cm a cm a seconda dell uso lunghezze più frequenti 2-4 m Dimensioni varie a seconda se provenienti da tagli intercalari, del ceduo a regime, da tagli di avviamento ad alto fusto ecc.. Dimensioni varie a seconda se provenienti da tagli intercalari, del ceduo a regime, da tagli di avviamento ad alto fusto ecc.. Da piante di cm di diametro e 40-50anni di età Assortimento di elevato pregio e valore senza difetti Da piante di cm di diametro e 30-40anni di età Assortimento di buon pregio e valore intermedio Da piante di anni di età Per estrazione del tannino, produzione di pannelli o biomassa a fini energetici. Basso valore. Scarsa qualità del materiale legnoso come legna da ardere per l elevato contenuto di tannini Da: Cedui di Castagno. Regione Piemonte e IPLA S.p.A., 2000, modificato.

4 6. Gli interventi in bosco sono periodicamente finanziati sulla base di incentivi previsti dalla L.R.7/2000. Tali finanziamenti privilegiano forme associate di gestione forestale (consorzi forestali) e proprietà dotate di Piano d Assestamento Forestale. Queste due condizioni rendono molto più conveniente e funzionale la gestione forestale. Altra opportunità è lo sgravio fiscale per i costi sostenuti per interventi forestali. 7. Il rapporto esistente tra la scelta di produrre un determinato assortimento, la durata del turno per ottenerla, e l impegno per l esecuzione delle operazioni colturali dovrà essere oggetto di una attenta analisi da parte del proprietà, al fine di valutare i costi e benefici in funzione degli obbiettivi prefissati. Di seguito vengono suggeriti alcuni interventi selvicolturali in relazione alle situazioni più frequenti che si riscontrano nel territorio in esame prospettando anche soluzioni in deroga alle prescrizioni di Massima vigenti che la Provincia in futuro potrà eventualmente considerare come possibili se riterrà opportuno. La situazione più frequente è quella dei cedui invecchiati di circa anni di età, epoca dell ultima utilizzazione, in soprassuoli più o meno densi con numerosi polloni per ceppaia di cui la maggior parte morti e/o deperienti. Premesso che le Prescrizioni di Massima e Polizia Forestale R.R. 23 febbraio 1993, n. 1 e successive modifiche, impongono, salvo deroghe motivate, per i castagneti che abbiano superato i 40 anni di età media, la conversione a fustaia, ciò significa che a fine turno non vi sarà la possibilità di tornate al ceduo, ma si dovrà mantenere il governo a fustaia. Essendo frequenti le situazioni che stanno superando questa età media, vi sarà la necessità di individuare quelle situazioni meno adatte alla fustaia in cui eventualmente prevedere una deroga per la conservazione del ceduo. Tali circostanze si verificano in genere nei castagneti dei suoli xerici dove il castagno si trova svantaggiato in quanto essendo specie tardiva, può soffrire di stress idrici nei periodi della primavera inoltrata. In queste situazioni che possono essere estese anche ai peggiori castagneti dei suoli mesoxerici, si potrebbe prevedere una conservazione del ceduo eventualmente con un allungamento del turno consuetudinario, evitando problemi di eccessiva scopertura del suolo che potrebbe innescare fenomeni di erosione spesso associati a questi ambiti. Nelle situazioni peggiori, ed età media inferiore ai 40 anni in cui è basso il numero di soggetti in condizioni buone, si consiglia la ceduazione anticipata per conservare il ceduo e riservare una gestione produttiva alla generazione di polloni successiva. Nelle situazioni migliori con età superiore ai 40 anni dovrà essere effettuata una conversione a fustaia. Questa potrà attuarsi tramite matricinatura intensiva laddove vi siano soggetti vitali che possano garantire materiale di qualità con prolungamento del turno a anni di età. Il taglio di avviamento ad alto fusto dovrà interessare i polloni deperienti, concorrenti e di cattivo portamento. Al termine del turno la rinnovazione dovrebbe essere garantita in parte da polloni affrancati, in parte da rinnovazione da seme che sarà agevolata nel proprio insediamento dal terreno smosso in seguito all esbosco e in relazione al grado di copertura erbaceo che si insedierà nel popolamento. L alternativa è quella di una conversione diretta con eliminazione fisica o chimica delle ceppaie e l impiego di rinnovazione artificiale (Pividori, 2002).

5 RIFERIMENTO AI DOCUMENTI DI PIANO CAPITOLI DESCRITTIVI CARTOGRAFIA DI INQUADRAMENTO [tavole e tematismi in legenda] Castagneti Destinazione produttiva Tav. 3a, Carta del valore della destinazione Produttiva CARTOGRAFIA DI PROGETTO [tavole e tematismi in legenda] Tav. 6, Carta degli ambiti di intervento per la valorizzazione delle dstinazioni Quadro economico di sintesi B - PREVISIONE DI SPESA PERIODICA E SALTUARIA Quantità Costo previsto [ ] Note - formazione e informazione - incentivi e contributi 492,5 ha - studi - progetti Disponibilità R.L. e U.E. - altri interventi 492,5 ha Totale Contributi per interventi di miglioramento e utilizzazione forestale Supporto tecnico amministrativo alla realizzazione degli interventi anche tramite diffusione delle indicazioni del PIF COSTO TOTALE PRESUNTO (A+B) SOGGETTI ATTUATORI Enti Parco, Provincia PARTNER ISTITUZIONALI ALTRI POSSIBILI PARTNER Imprese agricole singole o associate, Cooperative, Consorzi forestali

Elementi fondamentali del regolamento forestale della Regione Piemonte

Elementi fondamentali del regolamento forestale della Regione Piemonte Elementi fondamentali del regolamento forestale della Regione Piemonte Valerio Motta Fre (Regione Piemonte) valerio.mottafre@regione.piemonte.it Pierpaolo Brenta (IPLA S.p.A.) brenta@ipla.org Pier Giorgio

Dettagli

RELAZIONE FORESTALE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE FORESTALE TECNICO - DESCRITTIVA Settore Patrimonio e Beni Architettonici INTERVENTI DI COMPENSAZIONE FORESTALE NEI COMUNI DI LEGGIUNO, MARCHIROLO, CASTELSEPRIO, CASALZUIGNO E BRENTA ai sensi dell art. 15 del D.Lgs. 228/2001 LAVORI DI

Dettagli

PARCO REGIONALE DI MONTEVECCHIA E VALLE DEL CURONE *** PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE L.R. 05/12/2008 N. 31 *** MODELLI SELVICOLTURALI

PARCO REGIONALE DI MONTEVECCHIA E VALLE DEL CURONE *** PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE L.R. 05/12/2008 N. 31 *** MODELLI SELVICOLTURALI PARCO REGIONALE DI MONTEVECCHIA E VALLE DEL CURONE *** PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE L.R. 05/12/2008 N. 31 *** MODELLI SELVICOLTURALI MODELLI SELVICOLTURA GENERALI TIPOLOGIA DESTINAZIONE ASSETTO SUPERFICIE

Dettagli

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Dagli incentivi del prossimo P.S.R. al greening della nuova PAC Relatore: Dott. Alessandro Pasini Una nuova agricoltura compatibile con

Dettagli

FORESTALE I SESSIONE 2005. Prima prova

FORESTALE I SESSIONE 2005. Prima prova FORESTALE I SESSIONE 2005 Prima prova 1. Il candidato illustri le condizioni di un popolamento di sua conoscenza soggetto a un quadro di dissesto di origine animate o vegetale e dopo puntuale descrizione

Dettagli

SCHEDE AZIONI DI PIANO

SCHEDE AZIONI DI PIANO PARCO REGIONALE DI MONTEVECCHIA E VALLE DEL CURONE *** PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE L.R. 05/12/2008 N. 31 *** SCHEDE AZIONI DI PIANO AZIONI PER IL MIGLIORAMENTO DEI POPOLAMENTI FORESTALI AZIONE A MIGLIORAMENTI

Dettagli

Migliore valorizzazione economica delle foreste (Misura 122) Riferimento normativo Titolo IV, Capo I, Articolo 20, lettera b), punto ii) e Articolo

Migliore valorizzazione economica delle foreste (Misura 122) Riferimento normativo Titolo IV, Capo I, Articolo 20, lettera b), punto ii) e Articolo Migliore valorizzazione economica delle foreste (Misura 122) Riferimento normativo Titolo IV, Capo I, Articolo 20, lettera b), punto ii) e Articolo 27 del Reg. (CE) n. 1698/2005. Giustificazione logica

Dettagli

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Corso di formazione per guardie ecologiche volontarie Parco del Rio Vallone aprile 2011 LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Il bosco: unità ecologica e definizione della norma Il bosco:

Dettagli

LA FILIERA BOSCO LEGNO ENERGIA IN LOMBARDIA Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Roberto Carovigno Struttura Foreste. Milano 19 ottobre 2011

LA FILIERA BOSCO LEGNO ENERGIA IN LOMBARDIA Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Roberto Carovigno Struttura Foreste. Milano 19 ottobre 2011 LA FILIERA BOSCO LEGNO ENERGIA IN LOMBARDIA Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Roberto Carovigno Struttura Foreste Milano 19 ottobre 2011 I BOSCHI IN LOMBARDIA SUPERFICIE FORESTALE Il 26% della

Dettagli

FILIERA LEGNO-ENERGIA DALLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI BOSCHI DELLE COMUNALIE

FILIERA LEGNO-ENERGIA DALLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI BOSCHI DELLE COMUNALIE FILIERA LEGNO-ENERGIA DALLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI BOSCHI DELLE COMUNALIE ENERGIA E TURISMO DALLE FORESTE IN VALTARO CONTESTO TERRITORIALE La Valtaro è situata in provincia di Parma, negli Appennini

Dettagli

Criteri di selezione e modalità di presentazione delle domande a sensi artt 24 e 25 della Legge Regionale 7/2000

Criteri di selezione e modalità di presentazione delle domande a sensi artt 24 e 25 della Legge Regionale 7/2000 27057 VARZI (Pavia) - Piazza Umberto I n. 9 Tel. (0383) 54.58.11 - - Fax (0383) 54.58.50 Cod. Fisc. 95002050185 www.comunitamontanaoltrepo.it E-mail comunitamontanaoltrepo@cmop.it COMUNITA MONTANA OLTREPO

Dettagli

ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI

ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI L arboricoltura da legno ha come primo scopo la produzione di assortimenti di pregio utilizzati

Dettagli

Parco della Pineta Di Appiano Gentile e Tradate. Parco Pineta. di Appiano Gentile e Tradate

Parco della Pineta Di Appiano Gentile e Tradate. Parco Pineta. di Appiano Gentile e Tradate Parco Pineta di Appiano Gentile e Tradate piano di settore agro-forestale piano di indirizzo forestale per la tutela e la gestione delle aree boscate e la difesa dagli incendi boschivi MAGGIO 2002 1 Piano

Dettagli

Il piano di sviluppo rurale 2013-2020 in Italia

Il piano di sviluppo rurale 2013-2020 in Italia Il piano di sviluppo rurale 2013-2020 in Italia Il piano di sviluppo rurale 2013-2020 in Italia Un approccio Regionale in un quadro nazionale 21 piani regionali Le misure prevalenti per la castanicoltura

Dettagli

Caratteristiche del legno di larice e di altre specie piemontesi in relazione al recupero sostenibile degli edifici

Caratteristiche del legno di larice e di altre specie piemontesi in relazione al recupero sostenibile degli edifici IL LEGNO PER LA SOSTENIBILITÀ IN EDILIZIA Centro Congressi Lingotto, Torino 6 giugno 2007 Caratteristiche del legno di larice e di altre specie piemontesi in relazione al recupero sostenibile degli edifici

Dettagli

Progetto Bosco dei Dossi I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) 4 E a.s. 2012/13 LAVORO DI ESTIMO

Progetto Bosco dei Dossi I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) 4 E a.s. 2012/13 LAVORO DI ESTIMO Progetto Bosco dei Dossi I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) 4 E a.s. 2012/13 LAVORO DI ESTIMO INDICE INTRODUZIONE PREMESSA LA FINALITÀDEL PRESENTE LAVORO ÈSTATA QUELLA DI FORNIRE AGLI ALUNNI STRUMENTI E

Dettagli

R.D.M. Progetti S.r.l.

R.D.M. Progetti S.r.l. SCHEDA PROGETTO: Servizio META Monitoraggio Estensivo dei boschi della ToscanA a fini fitosanitari ha partecipato fin dalle fasi sperimentali iniziali al progetto META (anno 2000), un sistema informativo

Dettagli

INDICE DELLE DEFINIZIONI

INDICE DELLE DEFINIZIONI Dizionario forestale INDICE DELLE DEFINIZIONI 1. BOSCO 2. MASSA AD ETTARO (o consistenza o provvigione) 3. NUMERO DI PIANTE 4. GOVERNO (forma di governo) a) Ceduo b) Fustaia 5. STRUTTURA DEL BOSCO a) monoplana

Dettagli

PROGRAMMA PER IL RECUPERO E RIPRISTINO DELLA FUNZIONALITÀ DEI SISTEMI FORESTALI LITORANEI (II ATTO AGGIUNTIVO ALL ACCORDO QUADRO DEL 04.07.

PROGRAMMA PER IL RECUPERO E RIPRISTINO DELLA FUNZIONALITÀ DEI SISTEMI FORESTALI LITORANEI (II ATTO AGGIUNTIVO ALL ACCORDO QUADRO DEL 04.07. PROGRAMMI DI PREVENZIONE, DIFESA E GESTIONE INTEGRATA DELLA FASCIA COSTIERA DAI FENOMENI DI EROSIONE E DISSESTO IDROGEOLOGICO (DGR 35/9 DEL 30.08.2011). PROGRAMMA PER IL RECUPERO E RIPRISTINO DELLA FUNZIONALITÀ

Dettagli

Gestione forestale buone pratiche e valorizzazione dei prodotti legnosi quali strumenti per rilanciare l economia montana

Gestione forestale buone pratiche e valorizzazione dei prodotti legnosi quali strumenti per rilanciare l economia montana Gestione forestale buone pratiche e valorizzazione dei prodotti legnosi quali strumenti per rilanciare l economia montana 1 Tarvisio, 8 marzo 2013 Studio Tecnico Forestale Provincia di Trento 6.206 km2

Dettagli

Energia da Biomasse. Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili

Energia da Biomasse. Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili Energia da Biomasse Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili Accordo di Programma Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Regione Abruzzo Iris Flacco Energy Manager Regione

Dettagli

10.3.1.5 Piano di fattibilità per impianti che utilizzano biomasse. Comune: Comuni del P.I.S.L.

10.3.1.5 Piano di fattibilità per impianti che utilizzano biomasse. Comune: Comuni del P.I.S.L. P.I.S.L. N.A.Tu.R.A. Valorizzazione della rete ecologica del Parco Fluviale del Po (tratto vercellese/alessandrino) e dell Orba e del Monferrato casalese, tramite la riqualificazione ambientale e la promozione

Dettagli

SEZIONE II Prevenzione dei danni. Art. 33 Danni al soprassuolo arboreo e ai manufatti

SEZIONE II Prevenzione dei danni. Art. 33 Danni al soprassuolo arboreo e ai manufatti Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia Y 5 [BUR2007022] [5.3.0] Regolamento regionale 20 luglio 2007 - n. 5 SEZIONE II Prevenzione dei danni Norme forestali regionali, in attuazione dell articolo

Dettagli

Utilizzazioni forestali in Piemonte, analisi statistiche e spunti di riflessione. Simone Blanc, Filippo Brun, Angela Mosso

Utilizzazioni forestali in Piemonte, analisi statistiche e spunti di riflessione. Simone Blanc, Filippo Brun, Angela Mosso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO Utilizzazioni forestali in Piemonte, analisi statistiche e spunti di riflessione Simone Blanc, Filippo Brun, Angela Mosso simone.blanc@unito.it Dipartimento di Scienze

Dettagli

Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero.

Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero. Agenzia regionale per la ricerca in agricoltura Dipartimento della ricerca per il sughero e la silvicoltura Tempio Pausania Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero. Rilievi

Dettagli

Misure forestali e sistemazioni idraulico-forestali Legge regionale 7 febbraio 2000 n. 7, artt. 24 e 25

Misure forestali e sistemazioni idraulico-forestali Legge regionale 7 febbraio 2000 n. 7, artt. 24 e 25 Misure forestali e sistemazioni idraulico-forestali Legge regionale 7 febbraio 2000 n. 7, artt. 24 e 25 PREMESSA La Regione Lombardia, con deliberazione di Giunta regionale del 28 novembre 2003 n. 7/15276,

Dettagli

COMUNE DI CAGLI Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI CAGLI Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE DI CAGLI Provincia di Pesaro e Urbino SETTORE 3 - INFRASTRUTTURE TECNICHE ED URBANISTICHE U.O. Gestione e Manutenzione Patrimonio CAPITOLATO D ONERI All. B UTILIZZO PATRIMONIO BOSCHIVO COMUNE DI

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA RELATIVA A INTERVENTI SELVICOLTURALI

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA RELATIVA A INTERVENTI SELVICOLTURALI Regione Calabria Dipartimento 2 Presidenza - Settore Foreste e Forestaz. e difese del suolo. Vincolo Idrogeologico, Forestale e tagli boschivi Spazio riservato all ufficio SCIA (segnalazione certificata

Dettagli

NORME TECNICHE. Definizioni e ambiti di applicazione

NORME TECNICHE. Definizioni e ambiti di applicazione NORME TECNICHE Definizioni e ambiti di applicazione v I progetti ammessi a finanziamento devono ricadere nell ambito delle zone tartufigene individuate dalle carte regionali della potenzialità alla produzione

Dettagli

Misure forestali e sistemazioni idraulico-forestali Legge regionale 7 febbraio 2000 n. 7, artt. 24 e 25

Misure forestali e sistemazioni idraulico-forestali Legge regionale 7 febbraio 2000 n. 7, artt. 24 e 25 Misure forestali e sistemazioni idraulico-forestali Legge regionale 7 febbraio 000 n. 7, artt. 4 e 5 PREMESSA La Regione Lombardia, con deliberazione di Giunta regionale del 30 luglio 004 n. 7/8396 ha

Dettagli

GLI ALBERI IL BOSCO IL LEGNO

GLI ALBERI IL BOSCO IL LEGNO PARTE PRIMA GLI ALBERI IL BOSCO IL LEGNO Gli alberi forestali della nostra Provincia Gli alberi che formano i boschi della nostra Provincia sono comuni a tutto l arco alpino, e non solo. In questo manuale

Dettagli

Filiere a biomassa in Oltrepò Pavese. Potenzialità territoriali e valutazioni di pre-fattibilità di progetti dedicati

Filiere a biomassa in Oltrepò Pavese. Potenzialità territoriali e valutazioni di pre-fattibilità di progetti dedicati Filiere a biomassa in Oltrepò Pavese. Potenzialità territoriali e valutazioni di pre-fattibilità di progetti dedicati Autori: Stefano Oliveri. Ecometrics srl stefano.oliveri@ecometrics.it daniele@serviziterritorio.it

Dettagli

regionali per lo sviluppo della filiera biomassa legnosa

regionali per lo sviluppo della filiera biomassa legnosa Le linee d azione d regionali per lo sviluppo della filiera biomassa legnosa Dott. Elisabetta Gravano Settore Programmazione Forestale Direzione Generale Competitività del sistema regionale e sviluppo

Dettagli

Comunità Montana Valtellina di Sondrio PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE STUDIO DI INCIDENZA

Comunità Montana Valtellina di Sondrio PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE STUDIO DI INCIDENZA Comunità Montana Valtellina di Sondrio Provincia di Sondrio Regione Lombardia PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE (Periodo di validità 2010-2025) STUDIO DI INCIDENZA Comunità Montana Valtellina di Sondrio Federica

Dettagli

Regione Toscana. Direzione Generale dello Sviluppo Economico Area di coordinamento politiche per lo sviluppo rurale

Regione Toscana. Direzione Generale dello Sviluppo Economico Area di coordinamento politiche per lo sviluppo rurale Allegato A Regione Toscana Direzione Generale dello Sviluppo Economico Area di coordinamento politiche per lo sviluppo rurale Settore foreste e patrimonio agroforestale Tariffe orarie e tempi di esecuzione

Dettagli

LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE

LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE contenuto 1. attività della Forestale in Alto Adige 2. situazione boschiva 3. difficoltà di gestione 4. incentivi 5. cippato prezzi contratti 1. attività della Forestale

Dettagli

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA CONTRATTO DI PAESAGGIO FINALIZZATO ALLA DEFINIZIONE DI UNA STRATEGIA DI SVILUPPO TERRITORIALE E DI RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA DEI TERRITORI MONTANI DI COMUNANZA

Dettagli

Legname di Castagno ad Uso Strutturale

Legname di Castagno ad Uso Strutturale Legname di Castagno ad Uso Strutturale Dott. For. Luchetti Marco Ufficio Normativa Assolegno di FederlegnoArredo Tel. +39 02 80604 328; mob. +39 333 2763278 marco.luchetti@federlegnoarredo.it Introduzione:

Dettagli

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE AGRONOMO E DOTTORE FORESTALE SECONDA SESSIONE 2010

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE AGRONOMO E DOTTORE FORESTALE SECONDA SESSIONE 2010 ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE AGRONOMO E DOTTORE FORESTALE SECONDA SESSIONE 2010 PRIMA PROVA SCRITTA Per i candidati in possesso di Laurea Specialistica/Magistrale

Dettagli

Il sottoscritto, nato a il, nella sua qualità di dell'impresa, con sede in, Via, n., Cod. Fiscale e Partita IVA, tel. fax:, VISTI I LOTTI

Il sottoscritto, nato a il, nella sua qualità di dell'impresa, con sede in, Via, n., Cod. Fiscale e Partita IVA, tel. fax:, VISTI I LOTTI Allegato A) GARA PER LA VENDITA DI N 14 LOTTI DI BOSCO IN PIEDI E DI N. 1 LOTTO DI LEGNAME ALL IMPOSTO NEI COMPLESSI FORESTALI IN GESTIONE ALL UNIONE DI COMUNI VALDARNO-VALDISIEVE GARA DEL 17/10/2013 Il

Dettagli

REGIONE LAZIO ASSESSORATO AMBIENTE E COOPERAZIONE TRA I POPOLI DIREZIONE REGIONALE AMBIENTE E COOPERAZIONE TRA I POPOLI

REGIONE LAZIO ASSESSORATO AMBIENTE E COOPERAZIONE TRA I POPOLI DIREZIONE REGIONALE AMBIENTE E COOPERAZIONE TRA I POPOLI REGIONE LAZIO ASSESSORATO AMBIENTE E COOPERAZIONE TRA I POPOLI DIREZIONE REGIONALE AMBIENTE E COOPERAZIONE TRA I POPOLI PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DEL LAZIO 2007/2013 ATTUATIVO REG. (CE) N. 1698/05 Autorità

Dettagli

Quadro A - Azienda Sez. 0 - Tipo di dichiarazione

Quadro A - Azienda Sez. 0 - Tipo di dichiarazione Protocollo ARTEA Quadro A - Azienda Sez. 0 - Tipo di dichiarazione (Mod. A2) Settore forestale Dichiarazione di taglio ed opere connesse L.R. 39/00 e Regolamento Forestale Dichiarazione per interventi

Dettagli

Modalità di iscrizione e tenuta dell Albo regionale della imprese boschive

Modalità di iscrizione e tenuta dell Albo regionale della imprese boschive ALLEGATO A Modalità di iscrizione e tenuta dell Albo regionale della imprese boschive PREMESSA L Albo regionale delle imprese boschive, istituito con la delibera di giunta regionale 12 novembre 2008, n.

Dettagli

Pioppo bianco per la produzione di bioenergie

Pioppo bianco per la produzione di bioenergie Pioppo bianco per la produzione di bioenergie Laura Rosso, Lorenzo Vietto, Gianni Facciotto e Sara Bergante CRA Unità di ricerca per le produzioni legnose fuori foresta Research unit for Intensive wood

Dettagli

Linee guida per la redazione del progetto di investimento per l Azione 1. Il progetto per l azione 1 dovrà essere composto dai seguenti documenti:

Linee guida per la redazione del progetto di investimento per l Azione 1. Il progetto per l azione 1 dovrà essere composto dai seguenti documenti: ALLEGATO 1 MISURA 227 SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI NON PRODUTTIVI - FORESTE Azione 1 - Supporto alla rinaturalizzazione di boschi per finalità non produttive Linee guida per la redazione del progetto di

Dettagli

COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TAGLIO DELLA LEGNA DA ARDE IN TONDELLO

COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TAGLIO DELLA LEGNA DA ARDE IN TONDELLO REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TAGLIO DELLA LEGNA DA ARDE IN TONDELLO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL C.C. NR. 12 DEL 27.02.1997

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ALBRY LORENZO Indirizzo FRAZIONE FÈ N 2 - CERES (TO) Telefono 0123 53339 Fax 0123 53716 E-mail agricoltura.vallidilanzo@ruparpiemonte.it

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. 268 del 15/03/2011 pag. 1/3

ALLEGATO A Dgr n. 268 del 15/03/2011 pag. 1/3 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 268 del 15/03/2011 pag. 1/3 1. MODIFICHE ED INTEGRAZIONI ALLE NORME DI PIANIFICAZIONE FORESTALE DI CUI ALL DGR 158 del 21 gennaio 1997. Le Direttive e

Dettagli

PROGETTO DI TAGLIO. per utilizzazioni superiori ai 2,5 ettari nei boschi cedui e ai 100 mc. nei boschi d'altofusto non soggetti a pianificazione

PROGETTO DI TAGLIO. per utilizzazioni superiori ai 2,5 ettari nei boschi cedui e ai 100 mc. nei boschi d'altofusto non soggetti a pianificazione Mod. 3/A PROGETTO DI TAGLIO per utilizzazioni superiori ai 2,5 ettari nei boschi cedui e ai 100 mc. nei boschi d'altofusto non soggetti a pianificazione relativo al bosco di PROPRIETARI DIVERSI IN CONVENZIONE

Dettagli

"Tutela e valorizzazione delle superfici, del paesaggio e dell economia forestale".

Tutela e valorizzazione delle superfici, del paesaggio e dell economia forestale. LEGGE REGIONALE 28 ottobre 2004, N. 27 "Tutela e valorizzazione delle superfici, del paesaggio e dell economia forestale". (BURL n. 44, 1 suppl. ord. del 29 Ottobre 2004 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2004-10-28;27

Dettagli

SCHEMA DELLE AZIONI. Beneficiari Soggetti privati conduttori 2 delle superfici oggetto di intervento.

SCHEMA DELLE AZIONI. Beneficiari Soggetti privati conduttori 2 delle superfici oggetto di intervento. SCHEMA DELLE AZIONI 1. INTERVENTI SELVICOLTURALI FINALIZZATI AL MANTENIMENTO, MIGLIORAMENTO E RIPRISTINO DELLE FUNZIONI ECOLOGICHE, PROTETTIVE, RICREATIVE DELLE FORESTE, LA BIODIVERSITÀ E LA SANITÀ DELL

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 Misura 8 Investimenti nello sviluppo delle aree forestali e nel miglioramento della redditività delle foreste Sottomisura 8.3 Sostegno alla prevenzione dei danni arrecati

Dettagli

Testi ed elaborazioni a cura di: PROVINCIA DI CUNEO Settore Risorse Naturali Corso Nizza 21 12100 CUNEO www.provincia.cuneo.it

Testi ed elaborazioni a cura di: PROVINCIA DI CUNEO Settore Risorse Naturali Corso Nizza 21 12100 CUNEO www.provincia.cuneo.it Testi ed elaborazioni a cura di: PROVINCIA DI CUNEO Settore Risorse Naturali Corso Nizza 21 12100 CUNEO www.provincia.cuneo.it Coordinamento tecnico: Settore Risorse Naturali Dirigente: Dott. Ing. Fabrizio

Dettagli

La gestione agroforestale per produzione di energia. Modelli organizzativi e valutazione economica

La gestione agroforestale per produzione di energia. Modelli organizzativi e valutazione economica La gestione agroforestale per produzione di energia. Modelli organizzativi e valutazione economica Domenico Coaloa CRA - Istituto di Sperimentazione per la Pioppicoltura Casale Monferrato AL coaloa@populus.it

Dettagli

La formazione professionale forestale in Piemonte

La formazione professionale forestale in Piemonte La formazione professionale forestale in Piemonte V. Debrando 1, V. Motta Fre 1, P. Brenta 2 1 Regione Piemonte, Dir. Opere Pubbliche, Difesa del Suolo, Economia Montana e Foreste 2 Istituto per le Piante

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE DELL UMBRIA DIREZIONE REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE PRESSO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE - P E R U G I A

REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE DELL UMBRIA DIREZIONE REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE PRESSO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE - P E R U G I A Supplemento ordinario n. 2 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 31 dicembre 2002 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Perugia REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Aspetti della formazione forestale in Valle d Aosta L esperienza del settore pubblico e la realtà delle imprese private

Aspetti della formazione forestale in Valle d Aosta L esperienza del settore pubblico e la realtà delle imprese private Dipartimento risorse naturali e corpo forestale Lo stato dell arte della formazione forestale lungo l arco alpino Barzio 6 ottobre 2011 Direzione foreste e infrastrutture Aspetti della formazione forestale

Dettagli

Cloni di eucalitto per la produzione di biomassa in area mediterranea

Cloni di eucalitto per la produzione di biomassa in area mediterranea Cloni di eucalitto per la produzione di biomassa in area mediterranea Giovanni MUGHINI 1 L eucalitto è la pianta arborea da legno più coltivata al mondo 2 1 Il successo dell eucalitto nel mondo è dovuto

Dettagli

Piano di Gestione area psic Foresta di Monte Arcosu

Piano di Gestione area psic Foresta di Monte Arcosu Figura 4 Carta sentieri presenti nella Riserva WWF Monte Arcosu. 7.3 DITTA SANAI srl 7.3.1 Descrizione e ubicazione L azienda di proprietà della SANAI s.r.l. si estende su una superficie complessiva di

Dettagli

IL PERCORSO DELLA REGIONE TOSCANA IL PROGETTO DI FORMAZIONE DEGLI OPERAI FORESTALI PUBBLICI

IL PERCORSO DELLA REGIONE TOSCANA IL PROGETTO DI FORMAZIONE DEGLI OPERAI FORESTALI PUBBLICI FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO AL LAVORO IN BOSCO 10 ANNI DI ATTIVITA DEL CENTRO DI ADDESSTRAMENTO DI RINCINE IL PERCORSO DELLA REGIONE TOSCANA IL PROGETTO DI FORMAZIONE DEGLI OPERAI FORESTALI PUBBLICI Enrico

Dettagli

Nuovi modelli colturali per produrre energia e legno per l industrial

Nuovi modelli colturali per produrre energia e legno per l industrial Consiglio per la Ricerca e la sperimentazione in Agricoltura P.L.F. - Unità di Ricerca per le Produzioni Legnose Fuori Foresta St. Frassineto Po, 35-15033 Casale Monferrato (AL) - Italy 108 a FIERAGRICOLA

Dettagli

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio 1 Ambito della ricerca Nella primavera 2009 l Unità di Ricerca

Dettagli

VORREI TAGLIARE IL MIO BOSCO COSA DEVO FARE? Guida ai tagli boschivi secondo il nuovo regolamento forestale regionale

VORREI TAGLIARE IL MIO BOSCO COSA DEVO FARE? Guida ai tagli boschivi secondo il nuovo regolamento forestale regionale VORREI TAGLIARE IL MIO BOSCO COSA DEVO FARE? Guida ai tagli boschivi secondo il nuovo regolamento forestale regionale 1 1. COME SI CONSULTA QUESTA GUIDA Il Regolamento approvato dalla Giunta regionale

Dettagli

PRODUZIONE DI PELLET IN BOSNIA ERZEGOVINA

PRODUZIONE DI PELLET IN BOSNIA ERZEGOVINA PRODUZIONE DI PELLET IN BOSNIA ERZEGOVINA Potenzialità di sviluppo e di investimento 1. L INDUSTRIA DEL LEGNO IN PELLET Il pellet è un combustibile densificato costituito da biomassa legnosa; il suo utilizzo

Dettagli

SIFOR Sistema Informativo FOrestale Regionale

SIFOR Sistema Informativo FOrestale Regionale SEMINARIO INFORMATIVO SUGLI OPEN DATA Servizi cartografici e banche dati disponibili per il lavoro professionale SIFOR Sistema Informativo FOrestale Regionale Elisa Guiot Regione Piemonte, Direzione Opere

Dettagli

Richiesta di autorizzazione generica L.R. 21.03.2000, n.39 e successive modificazioni - Regolamento di attuazione D.P.G.R.08.08.2003, n.

Richiesta di autorizzazione generica L.R. 21.03.2000, n.39 e successive modificazioni - Regolamento di attuazione D.P.G.R.08.08.2003, n. Data/Prot. di presentazione Amministrazione Provinciale di Siena Ufficio Vincolo Idrogeologico Via Massetana, 106 53100 Siena BOLLO Richiesta di autorizzazione generica L.R. 21.03.2000, n.39 e successive

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART

DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART DELIBERAZIONE DI GIUNTA REGIONALE DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART. 25 E 26, 40 COMMA 5 LETTERA B), 55 COMMA 4 E ART 56 VISTA la

Dettagli

TESTO PER AUDIZIONI. TITOLO I - Disposizioni generali

TESTO PER AUDIZIONI. TITOLO I - Disposizioni generali TESTO PER AUDIZIONI PdL n. 30 - LEGGE FORESTALE REGIONALE TITOLO I - Disposizioni generali Art. 1 - Principi e finalità. 1. La Regione del Veneto, in conformità ai principi della gestione forestale sostenibile

Dettagli

Regolamento Regionale 20 luglio 2007, n. 5

Regolamento Regionale 20 luglio 2007, n. 5 Regolamento Regionale 20 luglio 2007, n. 5 Norme forestali regionali, in attuazione dell'articolo 50, comma 4, della legge regionale 5 dicembre 2008, n. 31 (testo unico delle leggi regionali in materia

Dettagli

Scenario Piemonte: foreste, stock di carbonio e gestione sostenibile

Scenario Piemonte: foreste, stock di carbonio e gestione sostenibile Scenario Piemonte: foreste, stock di carbonio e gestione sostenibile Franco Gottero Pier Giorgio Terzuolo Istituto per le Piante da Legno e l Ambiente - IPLA S.p.A Torino Mercati locali del carbonio e

Dettagli

5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli

5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli 5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (b) (i) e 43 del Reg. (CE) N 1698/2005 Articolo 31 e punto 5.3.2.2.1. dell Allegato II del Reg. (CE)

Dettagli

Richiesta di autorizzazione al taglio e opere connesse IL SOTTOSCRITTO

Richiesta di autorizzazione al taglio e opere connesse IL SOTTOSCRITTO Data/Prot. di presentazione Amministrazione Provinciale di Siena Ufficio Vincolo Idrogeologico Via Massetana, 106 53100 Siena BOLLO Richiesta di autorizzazione al taglio e opere connesse L.R. 21.03.2000,

Dettagli

IL LEGNO DI CASTAGNO, CONFRONTO CON ALTRI LEGNI

IL LEGNO DI CASTAGNO, CONFRONTO CON ALTRI LEGNI CICLO DI SERATE LE CASTAGNE OCCASIONE PER IL TERRITORIO IL LEGNO DI CASTAGNO, CONFRONTO CON ALTRI LEGNI Cassano Valcuvia 05 marzo 2014 Dott. Agronomo Massimo Raimondi Consulente Tecnico del Consorzio Castanicoltori

Dettagli

COMUNICAZIONE INTERVENTI SELVICOLTURALI PER SUPERFICI INFERIORI AD HA 2

COMUNICAZIONE INTERVENTI SELVICOLTURALI PER SUPERFICI INFERIORI AD HA 2 Regione Calabria Dipartimento 2 Presidenza - Settore Foreste e Forestazione Vincolo Idrogeologico, Forestale e tagli boschivi Spazio riservato all ufficio SCIA (segnalazione certificata di inizio attività)

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

RAFFORZARE LA FILIERA DEL LEGNO LOCALE: IL CASO PRATICO DELLE VALLI DI LANZO

RAFFORZARE LA FILIERA DEL LEGNO LOCALE: IL CASO PRATICO DELLE VALLI DI LANZO RAFFORZARE LA FILIERA DEL LEGNO LOCALE: IL CASO PRATICO DELLE VALLI DI LANZO Fernanda Giorda dottore forestale PREMESSA Le Valli di Lanzo sono situate in provincia di Torino, tra Valle di Susa e Canavese.

Dettagli

Lo Monaco Angela 2, Moretti Nicola 3, Picchio Rodolfo 1, Quartulli Stefano 2 Todaro Luigi 2

Lo Monaco Angela 2, Moretti Nicola 3, Picchio Rodolfo 1, Quartulli Stefano 2 Todaro Luigi 2 Caratteristiche tecnologiche del legno proveniente da una fustaia di pino e da un ceduo di roverella percorsi da incendio rispettivamente in località Calambrone (PI) e Umbertide (PG). 1 Lo Monaco Angela

Dettagli

Cancro della corteccia

Cancro della corteccia Cancro della corteccia Gli interventi fitosanitari Le metodologie da adottare per il recupero e la ricostituzione dei castagneti da frutto sono state accuratamente illustrate caso per caso, in alcuni manuali

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - MARTEDÌ, 24 LUGLIO 2007 1º SUPPLEMENTO ORDINARIO Sommario Anno XXXVII - N. 150 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b

Dettagli

LECCETE. Localizzazione e importanza

LECCETE. Localizzazione e importanza LECCETE Localizzazione e importanza L Inventario forestale della Regione Marche attribuisce al leccio (Quercus ilex L.) il 4% della composizione speci ca e il 2% del volume complessivo dei boschi. In base

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE TOSCANA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/2013 REGOLAMENTO (CE) 1698/2005

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE TOSCANA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/2013 REGOLAMENTO (CE) 1698/2005 Allegato 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE TOSCANA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/2013 REGOLAMENTO (CE) 1698/2005 Bando misura 122 Migliore valorizzazione economica delle foreste Febbraio

Dettagli

ad opera delle specie cacciabili ammesse nei rispettivi piani produttivi o di gestione, nei fondi inclusi nelle rispettive strutture; c) dei

ad opera delle specie cacciabili ammesse nei rispettivi piani produttivi o di gestione, nei fondi inclusi nelle rispettive strutture; c) dei STIME DANNI ALLE COLTURE AGRICOLE E FORESTALI CAUSATI DALLE PRINCIPALI SPECIE DI UNGULATI SELVATICI Dott. Agr. Giancarlo Ricci Una tipologia di stima piuttosto recente e quella relativa alla valutazione

Dettagli

Quanti'icazione e caratterizzazione energetica delle biomasse forestali in Ogliastra. E'isio A. Scano. Carbonia 6 maggio 2014

Quanti'icazione e caratterizzazione energetica delle biomasse forestali in Ogliastra. E'isio A. Scano. Carbonia 6 maggio 2014 Quanti'icazione e caratterizzazione energetica delle biomasse forestali in Ogliastra E'isio A. Scano Carbonia 6 maggio 2014 Valutazioni sull utilizzo delle biomasse forestali per la cogenerazione diffusa

Dettagli

2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO

2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO 2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO Responsabile: Mario Pividori - Dip. TESAF (UNIPD) 049 8272711

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

LEGGE REGIONALE 28 ottobre 2004, n. 27 «Tutela e valorizzazione delle superfici, del paesaggio e dell economia forestale».

LEGGE REGIONALE 28 ottobre 2004, n. 27 «Tutela e valorizzazione delle superfici, del paesaggio e dell economia forestale». LEGGE REGIONALE 28 ottobre 2004, n. 27 «Tutela e valorizzazione delle superfici, del paesaggio e dell economia forestale». Capo I Finalità e norme generali Art. 1. Finalità e obiettivi. 1. Le disposizioni

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE IN SICUREZZA DEGLI ALBERI FORESTALI IN PROVINCIA DI SONDRIO

GESTIONE E VALORIZZAZIONE IN SICUREZZA DEGLI ALBERI FORESTALI IN PROVINCIA DI SONDRIO GESTIONE E VALORIZZAZIONE IN SICUREZZA DEGLI ALBERI FORESTALI IN PROVINCIA DI SONDRIO Ideazione: Area Agricoltura della Comunità Montana Valtellina di Sondrio Testo e disegni - parte prima e parte terza:

Dettagli

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto CRA-PLF FUORI FORESTA Incontro tecnico sulla pioppicoltura Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno Gianni Facciotto Martedì 13 dicembre 201 Cremona Sommario La ramificazione

Dettagli

Redditività delle colture forestali energetiche a ciclo breve

Redditività delle colture forestali energetiche a ciclo breve Torna all indice Convegno di Studio: Le biomasse agricole e forestali nello scenario energetico nazionale Progetto Fuoco (Verona 18-19 Marzo 24) Redditività delle colture forestali energetiche a ciclo

Dettagli

Misure di lotta eco-compatibili contro il cancro e il mal dell inchiostro del castagno

Misure di lotta eco-compatibili contro il cancro e il mal dell inchiostro del castagno 34 AGRICOLTURA FITOPATOLOGIA Misure di lotta eco-compatibili contro il cancro e il mal dell inchiostro del castagno Giacomo Tamietti e Danila Valentino Università di Torino DI.VA.P.R.A., Settore Patologia

Dettagli

Bio Fuel Forest Progetto di filiera a Km zero dalla coltivazione di biomassa alla produzione di energia elettrica

Bio Fuel Forest Progetto di filiera a Km zero dalla coltivazione di biomassa alla produzione di energia elettrica Bio Fuel Forest Progetto di filiera a Km zero dalla coltivazione di biomassa alla produzione di energia elettrica www.biofuelforest.org Premessa La produzione di energia da fonti rinnovabili rappresenta

Dettagli

DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA (www.agricoltura.regione.lombardia.it)

DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA (www.agricoltura.regione.lombardia.it) DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA (www.agricoltura.regione.lombardia.it) Unità Sviluppo di sistemi forestali, agricoltura di montagna, uso e tutela del suolo agricolo Struttura Sviluppo e gestione forestale

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 8 DEL 30-06-2006 REGIONE VENETO INIZIATIVE DI SOSTEGNO ALLA PRODUZIONE E ALL UTILIZZO DI BIOMASSE LEGNOSE PER SCOPI ENERGETICI

LEGGE REGIONALE N. 8 DEL 30-06-2006 REGIONE VENETO INIZIATIVE DI SOSTEGNO ALLA PRODUZIONE E ALL UTILIZZO DI BIOMASSE LEGNOSE PER SCOPI ENERGETICI LEGGE REGIONALE N. 8 DEL 30-06-2006 REGIONE VENETO INIZIATIVE DI SOSTEGNO ALLA PRODUZIONE E ALL UTILIZZO DI BIOMASSE LEGNOSE PER SCOPI ENERGETICI Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE VENETO N. 60

Dettagli

14/10/2010. Turismo tematico; Recupero della cultura locale; Diffusione della cultura eco-compatibile.

14/10/2010. Turismo tematico; Recupero della cultura locale; Diffusione della cultura eco-compatibile. Nell'ambito dell'iniziativa Leader dell'unione Europea il GAL (Gruppo di Azione Locale) è una società mista pubblico/privata che si è costituita nell ottobre 2002 con lo scopo di promuovere nuove iniziative

Dettagli

Azienda Forestale Ambientale

Azienda Forestale Ambientale SA Azienda Forestale Ambientale Storia La Compul SA è nata in origine allo scopo di trattare e gestire gli scarti vegetali provenienti da boschi, giardini, frutteti e vigneti. Dal 2011 è stata costituita

Dettagli

Quadro A - Proprietario o Azienda

Quadro A - Proprietario o Azienda DICH-P Pagina 1 di 9 Settore Programmazione Forestale Quadro A - Proprietario o Azienda Sez. 00 - Documenti accessori Sez. 0 - Tipo di dichiarazione (barrare solo una casella) Settore Forestale Dichiarazione

Dettagli

PRODUZIONE E CARATTERISTICHE ENERGETICHE DI LEGNA, CIPPATO E PELLET

PRODUZIONE E CARATTERISTICHE ENERGETICHE DI LEGNA, CIPPATO E PELLET PRODUZIONE E CARATTERISTICHE ENERGETICHE DI LEGNA, CIPPATO E PELLET Massimo Negrin - AIEL Valter Francescato AIEL Foreste e prelievi in Italia (D. Pettenella, L. Secco dip. TeSAF Università di Padova)

Dettagli

La realtà forestale della Regione Toscana. Regione Toscana

La realtà forestale della Regione Toscana. Regione Toscana Auditorium Consiglio Regionale 22 Luglio 2009 La realtà forestale della Regione Toscana Dott. Giovanni Vignozzi Resp. Settore Programmazione Forestale Direzione Generale dello Sviluppo Economico Regione

Dettagli

AVVISO VENDITA LOTTO BOSCHIVO Sede IPLA C. Casale 476 Torino

AVVISO VENDITA LOTTO BOSCHIVO Sede IPLA C. Casale 476 Torino AVVISO VENDITA LOTTO BOSCHIVO Sede IPLA C. Casale 476 Torino L'Istituto per le Piante da Legno e l'ambiente (IPLA S.p.A.), in qualità di comodatario della "Tenuta Millerose" sede dell Istituto di Proprietà

Dettagli

www.regione.lombardia.it Dissesto idrogeologico e copertura forestale: il ruolo dei cedui di castagno abbandonati

www.regione.lombardia.it Dissesto idrogeologico e copertura forestale: il ruolo dei cedui di castagno abbandonati www.regione.lombardia.it Dissesto idrogeologico e copertura forestale: il ruolo dei cedui di castagno abbandonati Quaderni della Ricerca n. 152 - giugno 2013 Studio condotto nel Progetto di Ricerca Abbandono

Dettagli