COMUNE DI CASTENASO PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO RELAZIONE A CONSUNTIVO AL

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI CASTENASO PIANO TRIENNALE 2013 2015 DI RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO RELAZIONE A CONSUNTIVO AL 31.12."

Transcript

1 COMUNE DI CASTENASO La Legge Finanziaria 2008 (L. n. 244/2007) prevede all'art. 2, commi 594 e successivi che, ai fini del contenimento delle spese di funzionamento delle proprie strutture, le amministrazioni pubbliche, adottino piani triennali per l'individuazione di misure finalizzate alla razionalizzazione dell'utilizzo: 1) delle dotazioni strumentali, anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell'automazione d'ufficio; 2) delle autovetture di servizio, attraverso il ricorso, previa verifica di fattibilità, a mezzi alternativi di trasporto, anche cumulativo; 3) dei beni immobili ad uso abitativo o di servizio con esclusione dei beni infrastrutturali; La Legge 15 luglio 2011, n. 111, recante disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria, con l' art. 16, comma 4, ha ampliato la normativa esistente disponendo che:..."i Comuni possono adottare entro il 31 marzo di ogni anno piani triennali di razionalizzazione e riqualificazione della spesa, di riordino e ristrutturazione amministrativa, di semplificazione e digitalizzazione, di riduzione dei costi della politica e di funzionamento, ivi compresi gli appalti di servizio, gli affidamenti alle partecipate e il ricorso alle consulenze attraverso persone giuridiche. Detti piani indicano la spesa sostenuta a legislazione vigente per ciascuna delle voci di spesa interessate e i correlati obiettivi in termini fisici e finanziari"... Il piano che segue sintetizza sia gli interventi posti in essere al sia le azioni programmate per il triennio 2013/2015 e consta di: a) Relazione razionalizzazione delle spese - Area Tecnica; b) Relazione razionalizzazione delle spese - Area Controllo di Gestione e Tributi; c) Relazione razionalizzazione delle spese - Area Affari Generali; d) Relazione razionalizzazione delle spese - Area Bilancio; e) Relazione razionalizzazione delle spese - Area Servizi alla Persona; f) Relazione razionalizzazione delle spese - Corpo Polizia Municipale; g) Relazione razionalizzazione delle spese - Istituzione Sister; h) Allegato Personale esplicativo riepiloghi; i) Quadro riepilogativo risultati ottenuti al 31/12/2012, in termini di risparmi economici; l) Quadro riepilogativo dei risultati attesi nel 2013, in termini di risparmi economici.

2 Area Tecnica AZIONI PROGRAMMATE PER IL AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI RISULTATI OTTENUTI AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI P n. 1 ) Pubblica illuminazione Obiettivo: ridurre i costi per la manutenzione dell impianto di pubblica illuminazione e in parallelo ridurre anche i costi per la fornitura di energia elettrica. Il punto di partenza è stato una attenta analisi della normativa di settore e uno studio dell andamento dei costi per la fornitura di energia elettrica sostenuti negli ultimi anni.successivamente si provvederà ad individuare la convenienza o meno dell eventuale affidamento a terzi della manutenzione e dei costi dell energia elettrica a fronte di un adeguamento e ammodernamento di tutta l impiantistica. Si tratterebbe in sostanza di affidare a terzi l intero sistema di pubblica illuminazione, compreso il contratto per la fornitura di energia elettrica.in alternativa, qualora non si ravvisasse la convenienza di tale soluzione, verrà predisposto un piano di investimenti volto alla sostituzione delle lampade della pubblica illuminazione con lampade a basso consumo energetico. Nel corso dell'esercizio 2012 si procederà a eseguire analisi di mercato al fine di verificare l'economicità di un eventuale affidamento a ditta esterna della gestione della pubblica illuminazione, confrontandola con le soluzioni di intervento interno già ipotizzate Con il D.L. 6/7/2012, n. 95 (Disposizioni urgenti per la revisione della spesa pubblica con invarianza dei servizi ai cittadini), lo scenario relativo all affidamento a terzi del servizio di pubblica illuminazione, compresa l esternalizzazione del contratto dell energia elettrica, è variato. In base ai c. 7, 8 dell Art. 1 (Riduzione della spesa per l acquisto di beni e servizi), tutte le valutazioni dovranno essere riparametrate in base a alla convenzione Consip S.p.A. per il servizio luce 2, dove il Lotto 3 Emilia Romagna è aggiudicato ad Enel Sole. 7. Fermo restando quanto previsto con riferimento alle amm. statali all art. 1, c. 1, c. 449 e c. 450 della legge 27/12/2006, n. 296 e all articolo 2, c. 574 della legge 24/12/2007, n. 244, quale misura di coordinamento della finanza pubblica, le amministrazioni pubbliche e le società inserite nel conto economico consolidato della pubblica amministrazione, come individuate dall'istituto nazionale di statistica (ISTAT) ai sensi dell art.1,legge 31/12/2009, n.196, a Le azioni programmate per il triennio sono relative alla valutazione dell'opzione più conveniente tra le seguenti: 1) verifica contratto Enel Sole (affidamento per 5 o 9 anni del contratto di approvvigionamento di energia elettrica e manutenzione degli impianti di pubblica illuminazione) 2) verifica opzione fornitura di energia elettrica da Edison in quanto aggiudicatario della convenzione Consip + affidamento in appalto esterno a seguito di gara del servizio di manutenzione degli impianti; 3) - verifica dell'esistenza sul libero mercato dell'energia elettrica di fornitori alternativi che applichino Finchè non si è completata l'analisi comparativa delle diverse opzioni non è possibile quantificare in termini economici il risparmio atteso prezzi inferiori a quelli di Consip totale partecipazione pubblica diretta o indiretta, sono tenute ad approvvigionarsi di beni e di servizi attraverso gli strumenti di acquisto e di negoz 8. I contratti stipulati in violazione del c. 7 sono nulli, costituiscono illecito disciplinare e sono causa di responsabilità amministrativa; ai fini della determinazione del danno erariale si tiene anche conto della differenza tra il prezzo, ove indicato, degli strumenti di acquisto di cui al precedente comma 7 e quello indicato nel contratto.

3 Area Tecnica AZIONI PROGRAMMATE PER IL AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI RISULTATI OTTENUTI AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI P. n. 2) Immobili comunali - Elenco immobili oggetto di rilevazione: P. n. 3) - Immobili comunali - costi di funzionamento per utenze energia elettrica (UFFICIO TECNICO) DA SITUAZIONE AL Residenza Nessuna per le ragioni Municipale p. Bassi Sede uffici comunali- economiche già espresse Casa Bondi via XXI Ottobre uffici area servizi alla persona- Sede Polizia Municipale via Nasica 11 Sede uffici P.M.- Magazzini Comunali via Caduti Libertà 3 - Biblioteca- Cucina Comunale via Rossini 2 Immobili comunali Obiettivo: studio fattibilità della progettazione di una modifica impiantistica che permetta una razionalizzazione dei consumi energetici, valutando le seguenti possibilità:1. sostituzione dei corpi illuminanti degli edifici con corpi illuminanti a basso consumo energetico 2. sistemi di timer che spengano e accendano gli impianti sia di riscaldamento che di illuminazione negli orari in cui non vengono utilizzati. 3. meccanismo a tessera per cui l ultima persona che esce dall edificio spegne tutti gli impianti illuminanti E' stato terminato lo studio conoscitivo relativo alla situazione esistente. Al momento si è interrotta ogni ulteriore azione in quanto non esistono finanziamenti per le modifiche impiantistiche necessarie Lo studio di fattibilità relativamente alla soluzione n 3 di installazione di un meccanismo a tessera ha evidenziato la mancanza di convenienza economica nel medio periodo, in quanto gli interventi avrebbero un costo troppo elevato rispetto al risparmio che ne deriverebbe nel breve e medio periodo. Mentre per quanto riguarda la soluzione n 1, vista la scarsità di risorse a disposizione si è deciso di provvedere alla sostituzione dei corpi illuminanti con lampadine a basso consumo man mano che si esauriscono quelli tradizionali. La soluzione n. 2 era già in essere da tempo in tutti gli edifici comunali, pertanto è impossibile quantificare il risparmio.

4 Area Tecnica AZIONI PROGRAMMATE PER IL AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI RISULTATI OTTENUTI AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI P. n. 4) - Immobili comunali- Ristrutturazione e manutenzione straordinaria edifici comunali (UFFICIO TECNICO) DA SITUAZIONE AL Ristrutturazione e manutenzione straordinaria edifici comunali Scuola Primaria Fresu: è stato realizzato un impianto fotovoltaico di complessivi 13 kw come produzione di punta sul tetto dell edificio che ospita la Scuola Primaria Fresu. Tale impianto fornisce energia elettrica per il funzionamento sia della scuola materna che della scuola primaria. Nell ambito della ristrutturazione totale dell edificio suddetto, sono stati inoltre effettuati una serie di interventi volti al conseguimento del risparmio energetico, quali: sostituzione degli infissi con infissi ad alto isolamento termico, realizzazione di un cappotto esterno di 9 cm di spessore e impermeabilizzazione del tetto per migliorare l isolamento termico dell edificio; sostituzione della vecchia caldaia a basso rendimento termico con una moderna a condensazione Si rimanda all'ufficio Economato per il calcolo del risparmio ottenuto a consuntivo sulle utenze e per l'introito relativo all'impianto fotovoltaico

5 Area Tecnica AZIONI PROGRAMMATE PER IL AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI RISULTATI OTTENUTI AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI P. n 5) Riorganizzazione sedi Comunali Entro giugno 2012 verrà Risparmio 2012: A seguito del trasloco degli uffici nella nuova sede, eseguito il trasloco ,00 anni nell'esercizio 2012 sono stati risparmiati ,62 dell'area Tecnica succ.: dall'attuale sede in affitto ad una nuova sede di proprietà comunale. Questa azione comporterà per il 2012 il risparmio di per le sei mensilità non più da corrispondere, per gli anni successivi l'intera annualità pari a circa l'anno Per l'esercizio 2013 si prevede un risparmio di ,62

6 Area Tecnica AZIONI PROGRAMMATE PER IL AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI RISULTATI OTTENUTI AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI P. n 6) Razionalizzazione spese gestione sfalci e potature presso SEA Riduzione delle spese 2012: risparmio relative alla gestione atteso 5.000,00 degli sfalci e potature presso la stazione ecologica, passando da gestione Hera a gestione diretta/cooperativa sociale e in loco. Tale azione per adesso è solo in fase di studio di fattibilità, pertanto non se ne conoscono ancora le potenzialità di applicazione in concreto. Non è stato conseguito il risultato atteso in quanto la formula contrattuale attuale non ha permesso modifiche nel servizio. Sarà individuato e proposto al gestore HERA un fornitore alternativo all'attuale (Nuova Geovis). E' atteso un risparmio sullo smaltimento degli sfalci e potature di circa 17 + IVA 10% alla tonnellata 2013: risparmio atteso 17 /t x 800 t/anno + IVA 10% = /anno

7 Area Tecnica AZIONI PROGRAMMATE PER IL AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI RISULTATI OTTENUTI AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI P. n. 7) Servizio Ambiente: Gestione verde pubblico OBIETTIVO: ridurre i costi di gestione delle aree verdi che dal 2009 al 2011 sono aumentate passando da mq a mq Ridurre i costi di gestione delle aree verdi. Per il triennio si prevede di mantenere la stessa azione proposta nel Si stima un risparmio non inferiore a Euro ,88 Il giardiniere pensionato nel 2011 non è stato sostituito con risparmio quantificato per l'anno 2012 nell'ambito dell'allegato "Personale" Si stima che le superfici a verde gestite dalla squadra giardinieri nel 2012 ammontino a circa 20 Ha, con un risparmio rispetto ad eventuale affidamento in appalto pari a 20 Ha x /Ha + IVA 21% = Con le risorse attuali, si prevede di ridurre a 15 Ha le aree gestite dalla squadra giardinieri a causa dell'impegno comune dei giardinieri nei lavori di manutenzione territoriale. Si prevede una spesa evitata per circa 15Ha x /Ha +IVA 21% = P. n. 8) Razionalizzazione spesa servizio lotta biologica ed integrata alle zanzare Nell'anno 2012 si continuerà sulla stessa linea d'intervento Si prevede un risparmio economico non inferiore a 5.786,14 Si sono effettuati soltanto 4 turni di trattamenti antilarvali nelle caditoie pubbliche e solo un turno nelle caditoie private (anziché 5 turni di cui 2 anche su caditoie private) come nel Rispetto al 2011 si sono risparmiati ulteriori 945,66 euro, con risparmio totale rispetto al 2010 di 4.220,48. La Direzione lavori nel 2012 è costata 17,55 in meno che nel 2011, con risparmio complessivo annuale rispetto al 2010 di 4.172,95 Il risparmio totale conseguito rispetto al 2010 è pertanto di 8.393,43 Si prevede di proseguire con 4 turni di trattamenti antilarvali sulle caditoie pubbliche, di cui 1 comprensivo anche di caditoie private e di mantenere gli stessi livelli di spesa del 2012 per la direzione tecnica Si prevede un risparmio rispetto all'anno 2010 pari a circa

8 Area Tecnica AZIONI PROGRAMMATE PER IL AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI RISULTATI OTTENUTI AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI P. n. 9) Ottimizzazione raccolte differenziate dei rifiuti urbani Sono in corso di attuazione alcuni Si prevede un risparmio correttivi quali: Riduzione della rispetto all'anno 2012 pari a frequenza di raccolta RSU (circa circa , ); Riduzione della frequenza della raccolta carta (circa ); Ottimizzazione delle raccolte Target (Circa ). A questo si deve però sottrarre l'effetto dell'aumento ISTAT pari a circa , per un totale atteso di =

9 Area Controllo di Gestione e Tributi AZIONI PROGRAMMATE PER IL AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI RISULTATI OTTENUTI AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI P. n. 1) RAZIONALIZZA ZIONE DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IMBUSTAMENT O/TRASMISSION E DELLE LETTERE/FATT URE TARSU E DELLA GESTIONE DEGLI INCASSI TRAMITE FLUSSO INFORMATICO Nel corso del triennio 2011/2013 si intende continuare ad avvalersi del servizio integrato di Poste Italiane, a parità di condizioni (o migliori condizioni) dando continuità alle politiche di razionalizzazione della spesa di gestione della riscossione delle entrate comunali. Nell'anno 2012 si continuerà con la riscossione diretta delle entrate comunali. Ciò potrebbe comportare un risparmio di ,00 derivante dalla differenza tra il costo che si sosterrebbe se la riscossione fosse effettuata tramite Equitalia pari a ,24 determinato sulla base dell applicazione della commissione dell 1,4% alla tassa rifiuti solidi urbani (cap. 1210/1211/1220) e dell offerta formulata da Equitalia per la riscossione ICI (ordinaria e violazioni), implicante il pagamento da parte dell Ente di. 0,70 a bollettino per riscossione tramite F24, 1,20 per riscossione tramite altri canali e 1,55 per riscossione delle violazioni, oltre ad un rimborso spese sostenuto per la stampa e la postalizzazione dei fascicoli informativi e il costo derivante dalla riscossione in economia pari a ,74 così determinato: spese postali per solleciti tarsu + spese postali per invio lettera contribuenti rid : 2.746,70, Il relativo risparmio previsto per l'anno 2012 ammonta a ,00 circa; per il periodo 2013/2014 ammonta per ciascun anno a un importo non inferiore a 6.250,00 Il risparmio ottenuto nell'anno 2012 è pari a 7.009,22 e deriva dal ricorso al "servizio Bene Comune" offerto da Poste Italiane anzichè al normale canale postale. Il costo del servizio Bene Comune consistente nell'invio con Postel di Lettera/fattura con allegati 3 bollettini - gestione degli incassi con restituzione di File di coloro che hanno pagato sul circuito Poste è stato infatti di 4.918,81 (dato rilevato dagli estratti conto del ccp TARSU periodo gennaio dicembre 2012). Tale costo è pari a 0,75 x bollettino riscosso (comprensivo del costo delle buste, della stampa, del francobollo per la spedizione di 1,40 + la commissione di incasso per ogni bollettino accreditato che è 0,34 (oltre al costo per l inserimento del bollettino). Il ruolo del 2012 (considerando esclusivamente i soggetti che non hanno la domiciliazione bancaria) è costituito da posizioni che hanno generato n riscossioni sul circuito Poste (versamenti effettuati sia con bollettini postali sia tramite internet o bancoposta). Se tale attività fosse stata effettuata in economia Per il triennio , allo stato attuale, non è possibile avvalersi del servizio "bene comune" in quanto la normativa sulla TARES prevede che qs tributo venga pagato con l'utilizzo dell'f24 e/o con apposito bollettino di ccp il cui modello non risulta ancora emanato.

10 Area Controllo di Gestione e Tributi AZIONI PROGRAMMATE PER IL AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI RISULTATI OTTENUTI AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI costo personale in percentuale: ,51 (15% del tempo complessivo), spese per servizio bene comune tarsu + spese bollo + tenuta conto + commissioni d incasso bollettini ici e tarsu 5.955,53. Nel biennio 2013/2014 si intende continuare ad avvalersi del servizio integrato di Poste Italiane, a parità di condizioni (o migliori condizioni) dando continuità alle politiche di razionalizzazione della spesa di gestione della riscossione delle entrate comunali il costo sostenuto sarebbe stato di ,03 così determinato: costo francobollo 1,40 x 6411 buste + commissione di incasso per ogni bollettino accreditato 0,34 x bollettini + costo buste 0,014 oltre IVA 21% x costo Fg A/4 0,0039 oltre IVA 21% x n. 2 fg. x costo bollettino 0,014 oltre IVA 21% x n bollettini

11 Area Controllo di Gestione e Tributi AZIONI PROGRAMMATE PER IL AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI RISULTATI OTTENUTI AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI P. n. 2) RIDUZIONE COSTI DI FUNZIONAMEN TO DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI, DELL'ACCERTA MENTO E RISCOSSIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ, DEI DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Con determinazione n. 618 del si è preso atto dell'aggiudicazione definitiva del servizio delle pubbliche affissioni, dell accertamento e riscossione dell imposta comunale sulla pubblicità, del diritto sulle pubbliche affissioni, a favore della Società ICA srl, all aggio annuale del 9% limitatamente al Comune di Castenaso. Si è quindi ottenuto un considerevole miglioramento delle condizioni economiche in vigore fino al , passando dall' 11% al 9% di aggio. Come azioni programmate per il triennio , questa Amministrazione, in sinergia con gli altri Comuni partecipanti alla convenzione, intende sfruttare le clausole del nuovo Capitolato d oneri, in particolare quelle riferite al sistema del cash pooling (o sistema sostitutivo) alle rendicontazioni contabili e alle relazioni periodiche, per addivenire a un controllo analogo della gestione dei tributi in esame. Ciò sempre in un ottica di economicità, trasparenza, chiarezza del procedimento, e di progressiva omogeneizzazione di azioni amministrative su scala sovra comunale Nel corso del triennio 2012/2014 si continuerà ad avere un risparmio derivante dalla differenza tra il vecchio e il nuovo aggio annuale (vecchio 11% - nuovo 9%) a favore della società concessionaria del servizio delle pubbliche affissioni, dell accertamento e riscossione dell imposta comunale sulla pubblicità, del diritto sulle pubbliche affissioni, che potrà essere variabile nel tempo in base al gettito di entrata a titolo di imposta sulla pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni Il relativo risparmio previsto per il periodo 2012/2014 ammonta per ciascun anno a un importo non inferiore a 5.000,00 Il risparmio ottenuto nell'anno 2012 è di 5.356,66 derivante dall'avere ottenuto un aggio annuale da parte del concessionario della riscossione del 9% anziché dell'11% come nel precedente contratto (su una entrata di ,22 a titolo di imposta sulla pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni, infatti l'aggio del 9% è pari a ,99 (al netto di IVA al 21%) contro ,65 in caso di aggio invariato all'11%) Il 31/12/2013 termina il Il contratto di concessione con l'ica srl. Nel caso in cui, al non dovesse entrare in relativo risparmio previsto per il periodo 2013/2015 ammonta per vigore l'imu ciascun anno a un secondaria e/o importo non dovessero essere inferiore a prorogate l'imposta 5.000,00 comunale sulla pubblicità e i diritti sulle pubbliche affissioni, si ritiene opportuno concedere una proroga triennale all'ica, con conseguente risparmio annuale non inferiore a 5.000,00.

12 Area Affari Generali AZIONI PROGRAMMATE PER IL AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI RISULTATI OTTENUTI AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI P. n 1) A partire dal luglio 2011, in seguito ad espletamento di procedura di gara, è stato aggiudicato alla ditta Galletti il servizio di realizzazione del periodico comunale e ideazione di materiale di comunicazione istituzionale Vedere triennio 2011/2013 per l'anno Risparmio per l'incarico non affidato Introiti derivanti da pubblicità sul di addetto stampa 9.900,00 per 2012 periodico Castrum 1.930,67 - (Introiti derivanti dalle sponsorizzazioni pari al 15% come da capitolato 1.142,10 anno ,67 per 2013) P. n 2) Revisione e aggiornamento Diminuzione del contributo annuale Risparmio: 5.500,00 per il 2012 Vedere triennio 2012/ per il 2013 convenzione con per l'attività istituzionale: per gli Associazione Turistica Pro anni 2012 e 2013 Spesa Loco Castenaso/Comune prevista 2012 : 4.500,00 Castenaso Spesa prevista 2013: 4.500,00 Risparmio: 5.500,00 per il per il 2013 P. n 3) A fronte della cessazione per Vedere triennio 2011/2013 Il risparmio corrisponde al costo Il risparmio corrisponde al costo pensionamento di un istruttore quantificato dal Servizio Personale quantificato dal Servizio Personale amministrativo da aprile 2010 le relative competenze sono state attribuite e redistribuite all'interno del servizio segreteria con utilizzo del personale già presente P. n. 4) Riduzione indennità Risparmio 2478,99 cap. 1133/10 amministratori per il 2013 pari al - risparmio 210,72 cap.1278,10 10% irap

13 Area Bilancio AZIONI PROGRAMMATE PER IL AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI RISULTATI OTTENUTI AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI P. n 1) RAZIONALI ZZAZIONE DELL UTILI ZZO DELLE RISORSE STRUMENTA LI Nel triennio si prevede di continuare le azioni di contenimento e razionalizzazione nell'utilizzo delle dotazioni strumentali in particolare sul versante del consumo di carta, anche attraverso l adozione di misure pratiche orientate al risparmio, quali l utilizzo di carta già stampata per i fax, l utilizzo del fronte/retro. Tale azione dovrebbe essere facilitata anche dal fatto che sono state collegate con adsl le sedi remote (cimitero,asilo nido picolo blu, asilo nido piccolo giallo, cucina centralizzata, magazzino, Muv), pertanto si potranno scambiare informazioni via mail anziché via fax ed è partito il mandato informatico in luogo di quello cartaceo. Nel triennio si prevede di continuare le azioni di contenimento e razionalizzazione nell'utilizzo delle dotazioni strumentali in particolare sul versante del consumo di carta, attraverso quei comportamenti virtuosi quali l utilizzo di carta già stampata per i fax, l utilizzo del fronte/retro già consolidati. Da un numero di risme pari a 1187 del 2010 si è passati a un numero di risme nel 2011 di Si prevede di continuare anche per il 2012 tale comportamento virtuoso con analoghi livelli di risparmio.in termini economici quindi si prevede un risparmio non inferiore a 386,20 Il numero di risme anno 2012 è pari a il risparmio ottenuto rispetto al 2011 è pari a 53,00. Accanto a qs. occorre considerare, contenimento e razionalizzazione delle dotazioni strumentali, il risparmio ottenuto con l'approvvigionamento al mercato elttronico di consip (MEPA) per i toner, sia in termini di prezzo che di approvvigionamento just in time e quindi di minori giacenze di magazzino con esborsi anticipati rispetto all'utilizzo. L'esperienza, iniziata nell'estate del 2012, ha portato ad un risparmio di 2.052,68 rispetto alla spesa sostenuta nel Nel triennio si prevede di continuare le azioni di contenimento e come motivo di razionalizzazione nell'utilizzo delle dotazioni strumentali in particolare sul versante del consumo di carta, attraverso quei comportamenti virtuosi quali l utilizzo di carta già stampata per i fax, l utilizzo del fronte/retro già consolidati. Si prevede inoltre di confermare il risparmio ottenuto attraverso l'acquisto presso il mepa per quanto riguarda i toner. Risparmio presunto 2.500,00

14 Area Bilancio AZIONI PROGRAMMATE PER IL AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI RISULTATI OTTENUTI AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI P. n. 2) UTILIZZO E GESTIONE MEZZI 1. Politiche di incentivazione della moblità tramite velocipedi ossia possibile utilizzo di biciclette per brevi spostamenti tra le sedi in alternativa all uso dell auto. 2. Consolidamento dell utilizzo per ogni singolo automezzo del libretto di utilizzo, finalizzato a rendere identificabile con sufficiente certezza l utilizzatore del mezzo in ogni momento.3. Prosecuzione della Convenzione con Atc per lo svolgimento del servizio di car sharing 4. Dismissione mezzi obsoleti. Nel 2011 è stato ceduto a una ditta una macchina agricola non più utilizzata.

15 Area Bilancio AZIONI PROGRAMMATE PER IL AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI RISULTATI OTTENUTI AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI P. n. 3) - costi di gestione - ENERGIA ELETTRICA E GAS 1. Espletamento procedure finalizzate all ottenimento di migliori condizioni economiche ai fini della riduzione dei costi dell energia elettrica, del gas 2. Dismissione n. 5 utenze energia elettrica non più utilizzate a seguito ricognizione ufficio tecnico GAS: La determina di adesione al nuovo piano tariffario è datata , pertanto il beneficio derivante dai nuovi prezzi si avvertirà sul Nel corso del 2012 verrà espletata nuova gara. ENERGIA ELETTRICA Nel corso del 2012 verrà espletata nuova gara. In entrambi i casi, il risparmio evidenziato nella colonna successiva è di tipo economico e non fisico, cioè calcolato sulla base del presupposto di una parità di consumi. GAS: prima dell'adesione al nuovo piano tariffario la spesa era di circa successivamente si è passati ad un costo di circa. Il risparmio previsto è di ENERGIA ELETTRICA: per quanto riguarda i risparmi a seguito rinegoziazione tariffe: prima la spesa era circa, dopo circa. dato riferito al solo consumo di energia, escluso le parti fisse che non sono oggetto di negoziazione.si presume quindi un risparmio non inferiore a GAS:Con l'adesione al nuovo piano tariffario con Hera si è ottenuto un risparmio di ,12. ENERGIA ELETTRICA: conferma, come già per il 2011, delle tariffe ottenute a seguito di rinegoziazione quindi mantenimento del risparmio di ,91.Qs. Risparmi sono già stati considerati in sede di predisposizione del Bilancio ENERGIA /ALTRE UTENZE: insieme all'ufficio tecnico è stato organizzato un piano di lavoro per cui, tramite lettura dei contatori prima e dopo, vengono chieste a rimborso ai soggetti organizzatori dei vari eventi che si svolgono presso la zona degli impianti sportivi, l'energia elettrica e l'acqua consumate ELETTRICA Risparmio presunto 4.000,00, oltre a quelli evidenziati dall'area Servizi alla Persona al P. n. 4. P. n. 4) TELEFONIA FISSA: Dismissione di linee telefoniche obsolete e inutilizzate con cancellazione anche di circuiti diretti analogici

16 Area Bilancio AZIONI PROGRAMMATE PER IL AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI RISULTATI OTTENUTI AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI P. n. 5) - costi di gestione - TELEFONIA MOBILE Sono in corso verifiche per l ottenimento di tariffe più convenienti, compatibilmente con le esigenze di servizio. La determina di adesione al nuovo piano tariffario è datata , pertanto il beneficio derivante dai nuovi prezzi si avvertirà sul Si precisa che il risparmio evidenziato nella colonna successiva è di tipo economico e non fisico, cioè calcolato sulla base del presupposto di una parità di consumi. Dal vecchio piano tariffario di un costo telefonico di al nuovo di 1.900,00 si evince un risparmio di tipo economico presunto di 1.800,00, già considerato in sede di bilancio di previsione Risparmio derivante dal passaggio a nuovo piano tariffario pari a 1.586,00 già considerato nel bilancio di previsione P.n. 6)- AGGIORNA MENTO INVENTARI O IN ECONOMIA ANZICHE' CON RICORSO A DITTA ESTERNA L'ente ha scelto, a partire dal 2012, di effettuare l'aggiornamento annuale dell'inventario dei beni mobili in economia anziché tramite una ditta esterna.considerando il costo dell'intervento della ditta esterna limitato alla chiusura dei dati ai fini dell'eleborazione del conto del patrimonio e alla manutenzione del software+le ore di lavoro ordinario e straordinario delle dipendenti Minardi e Clemente nel caso di aggiornamento in economia confrontato con la spesa che si sarebbe sostenuta affidando in toto l'aggiornamento dell'inventario alla ditta esterna emerge un risparmio. A fronte di una spesa proposta dalla ditta per aggiornamento annuale dell'inventario pari a 9.680,00, si definisce in 3.993,19 il costo della gestione in economia. Pertanto, si stima in 5.686,81 il risparmio per l'anno Realizzazione di un risparmio per l'ente di 5.686,81 per l'anno 2012, pari alla differenza tra la spesa sostenuta per l'intervento svolto in economia ( 3.993,19) e la spesa che si sarebbe sostenuta affidando l'incarico in toto alla ditta gies ( 9.680,00)

17 Area Bilancio AZIONI PROGRAMMATE PER IL AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI RISULTATI OTTENUTI AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI P. n. 7) - costi di gestione - SPESE POSTALI Sono in corso verifiche per Risparmio presunto l ottenimento di tariffe più 2.000,00 convenienti per quanto riguarda l'affrancatura e la spedizione della posta, anche attraverso l'esternalizzazione di parte del servizio.

18 Area Servizi alla Persona AZIONI PROGRAMMATE PER IL AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI RISULTATI OTTENUTI AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI P. n 1) Mantenimento del livello di efficienza/efficaci a del Servizio Nido P. n. 2) Mantenimento del livello di efficienza/efficaci a del Servizio di Assistenza Domiciliare Mantenimento del livello di efficienza/efficacia del Servizio Nido in presenza di n. 2 educatori cessati dall' e non sostitutiti. A seguito pensionamento di n. 2 educatori occupati presso il Nido Piccolo Blu, si è provveduto ad una riorganizzazione complessiva dei 2 servizi storici (Piccolo Nido e Piccolo Giallo), trasferendo al Piccolo Blu 2 educatori comunali ancora presenti al Giallo nell'ambito di un servizio completamente in appalto da alcuni anni e rivedendo l'organizzazione più complessiva, come meglio specificato in sede di rendicontazione Mantenimento del livello di efficienza/efficacia del Servizio di Assistenza Domiciliare nel passaggio da servizio in appalto, conferito all'asp a servizio accreditato in base alla direttiva regionale n. 514/2009 a partire dall' Mantenimento del livello di efficienza/efficacia del Servizio Nido con prosecuzione del modello organizzativo avviato nel Mantenimento del livello di efficienza/efficacia del Servizio di Assistenza Domiciliare nel passaggio da servizio in appalto, conferito all'asp a servizio accreditato in base alla direttiva regionale n. 514/2009. La spesa annua 2012, con la situazione organizzativa esistente fino al , ammonterebbe a ,48, mentre a seguito dell'applicazione del nuovo modello organizzativo a decorrere dall' , è stimata in ,19, determinandosi così un risparmio economico di ,29. L'adozione del nuovo modello organizzativo determinerà un risparmio annuo di ,29 fino alla vigenza dell'attuale appalto (a.s. 2012/13) La spesa annua senza accreditamento è stimata in ,00, mentre quella presunta con accreditamento ammonta a ,00(*). Pertanto, si ipotizza che l'adozione del nuovo modello organizzativo determinerà un risparmio annuo di ,00 Si conferma il risparmio di circa, in quanto negli ultimi 2 anni di appalto (2011/ /13) è stato applicato il nuovo modello organizzativo, senza ulteriori variazioni. Ciò ha consentito di assorbire la revisione contrattuale, accordata dal gennaio 2012, a seguito dell'applicazione del rinnovo contrattuale delle coop. Sociali e pari ad (per il nido Piccolo Giallo e serv. Ausiliari Piccolo Blu). Tale risparmio, si manterrà almeno fino a luglio 2012, data di scadenza dell'attuale appalto. Si segnala inoltre che, in relazione all'eccezionale nevicata del febbraio 2013, il personale dei servizi in appalto non ha svolto n. 225 h di servizio, già comprese nel canone (importo stimato 4.680). Al fine di non disperdere tale tempo-lavoro è stata effettuata l'apertura di una settimana aggiuntiva di servizio estivo e la sperimentazione di una sezione aperta durante le vacanze natalizie. In relazione all'incremento degli utenti assistiti (+ 2) e soprattutto al modificarsi della tipologia (n. 12 non autosufficienti in più) la spesa effettiva è stata di 50,289,26. Di conseguenza il risparmio a consuntivo ammonta ad ,74. Tale risparmio, a parità di utenti in carico, si manterrà anche negli anni futuri, pur non rilevandosi più nel Bilancio comunale. In occasione del nuovo appalto (sett 2013-luglio 2016) è stato rivisto il capitolato e l'organizzazione dei servizi appaltati, adeguando la dotazione organica del personale educatore ed i servizi ausiliari alla nuova direttiva regionale. Si prevede il consolidamento del modello di gestione legato all'accreditamento del soggetto gestore, quindi sono confermati i benefici già evidenziati precedente nell'anno Dal nuovo modello organizzativo, si prevede un risparnio di circa Non si prevedono ulteriori risparmi.

19 Area Servizi alla Persona AZIONI PROGRAMMATE PER IL AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI RISULTATI OTTENUTI AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI P. n. 3) Servizio di Assistenza Handicap Si segnala che, in relazione all'eccezionale nevicata Trattandosi di economie del febbraio 2012, il personale di tale servizio in riferite ad un evento appalto non ha svolto n. 237 h già comprese straordinario, non si nell'impegno di spesa. (importo stimato 4.930). Al prevedono negli anni fine di non disperdere tale tempo-lavoro, è stata successivi. utilizzata questa disponibilità per interventi straordinari quali l'assistenza durante le gite -anche plurigiornaliere- di fine anno scolastico e l'assistenza nei centri estivi. Ciò ha consentito di erodere in misura minore il budget a disposizione per i nuovi casi dell'anno scolastico 2012/13. Tale risparmio non è effettivo in quanto non costituisce un risparmio di spesa finanziario. P. n. 4) Impianti sportivi comunali in concessione Nel corso del 2013 sono state Nel complesso, le approvate le nuove nuove convenzioni concessioni per 7 impianti porteranno un sportivi di proprietà comunale. risparmio annuo per In occasione della tutta la durata delle predisposizione delle nuove stesse ( )- convenzioni, i corrispettivi calcolato sia sui sono stati rivalutati e resi corrispettivi, ma maggiormente equilibrati fra i soprattutto sulla diversi impianti e le diverse minore spesa riferita associazioni concessionarie. all'utenza elettrica Per quattro di loro, che della cabina ricevono energia elettrica sopracitata e previsto dalla cabina unica di Via dello in ,00 circa. Sport, intestata al Comune, è stato previsto il rimborso al Comune dei consumi effettivi.

20 Area Servizi alla Persona AZIONI PROGRAMMATE PER IL AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI RISULTATI OTTENUTI AZIONI PROGRAMMATE PER IL RISULTATI P. n. 5) Centro estivo fascia 3-5 anni Dall'estate 2014, al termine Tale nuova modalità dell'appalto in corso, si gestionale determinerà prevede di affidare il servizio un risparmio di di centro estivo per i bambini circa, che in età di materna tramite dovrebbe tradursi in concessione, al soggetto già un pari minor affidatario dei servizi per contributo comunale l'infanzia. all'istituzione SISTeR. P. n. 6) Personale servizi amministrativi dell'area Nell'anno 2013 nell'area Si può prevedere un Servizi alla Persona si risparmio, per l'anno verificheranno diverse assenze 2013, relativo alla straordinarie di personale: mancata sostituzione l'assistente sociale dello dell'assistente sociale e Sportello Sociale all'assenza per (dimissionaria per vincita maternità non concorso dall' e la cui sostituita. ll risparmio sostituzione è prevista dalla relativo alla spesa per fine 2013), la l'assistente sociale è videoterminalista (assente per da intendersi maternità). Tali assenze non compreso nella saranno sostituite con quantificazione personale a tempo generale del Servizio determinato, ma le funzioni Personale ; quello delle stesse saranno relativo alla redistribuite fra il personale maternità non dell'area presente in servizio. sostituita ammonta presuntivamente a ,43 (*) Nel bilancio di previsione assestato in realtà l'impegnato era di ,21

SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI ED ACQUISTI U. O. Provveditorato

SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI ED ACQUISTI U. O. Provveditorato COMUNE DI RAVENNA Lett. b. SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI ED ACQUISTI U. O. Provveditorato Misure finalizzate al contenimento della spesa (Art. 2 commi 594-599 della L. 244/2007 Legge Finanziaria 2008) La

Dettagli

MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI

MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI Premessa Ai sensi dell art. 2 comma 594 e 598 della Legge n.244/2007 (Legge Finanziaria 2008),

Dettagli

Comune di Bagni di Lucca Provincia di Lucca

Comune di Bagni di Lucca Provincia di Lucca Comune di Bagni di Lucca Provincia di Lucca Relazione a consuntivo anno 2014 del piano triennale di razionalizzazione di alcune spese di funzionamento. Deliberazione G.C. n. 109 del 29/09/2015 1 RELAZIONE

Dettagli

COMUNE DI CASTEL SAN PIETRO TERME Provincia di Bologna

COMUNE DI CASTEL SAN PIETRO TERME Provincia di Bologna COMUNE DI CASTEL SAN PIETRO TERME Provincia di Bologna Deliberazione n. 75 COPIA Cat._4_ Cl. _4_ Fasc. _1_ Prot. n._0010628_ del _29/04/2009 /Cg VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO:

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO

PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO (art. 2,commi 594 e seguenti, L.244/2007 Legge Finanziaria 2008) PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO

Dettagli

4 CONTABILITA' E FINANZE. Nr. Servizio RAGIONERIA E PROGRAMMAZIONE

4 CONTABILITA' E FINANZE. Nr. Servizio RAGIONERIA E PROGRAMMAZIONE Settore CENTRO RESPONSABILITA' Categoria TEOLDI SILVIA D3G RAGIONERIA E PROGRAMMAZIONE ordinaria PROGRAMMAZIONE: BILANCIO/PEG/PDO 2 GESTIONE: INVENTARIO 3 GESTIONE: BILANCIO/PEG/PDO RENDICONTAZIONE: RENDICONTO

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE E RIQUALIFICAZIONE DELLA SPESA

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE E RIQUALIFICAZIONE DELLA SPESA SETTORE FINANZE PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE E RIQUALIFICAZIONE DELLA SPESA 2012 2014 finalizzato al contenimento delle spese di funzionamento ed alla razionalizzazione delle strutture organizzative

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO

PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO (art. 2,commi 594 e seguenti, L.244/2007 Legge Finanziaria 2008) PREMESSA La Legge finanziaria 2008 detta numerose ed importanti

Dettagli

COMUNE DI RUBIERA Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI RUBIERA Provincia di Reggio Emilia Allegato n. 2 alla deliberazione di Giunta comunale n. 124 del 10 settembre 2014 PIANO TRIENNALE 2014-2016 PER L'INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO

Dettagli

PUNTO 1 CRITERI DI GESTIONE E RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI DI TELEFONIA

PUNTO 1 CRITERI DI GESTIONE E RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI DI TELEFONIA Piano triennale di razionalizzazione delle spese di funzionamento di cui all art. 2, commi dal 594 al 599 della legge finanziaria 2008 (L. 244/2007) per il triennio 2011-2013. Premessa In un apparato amministrativo

Dettagli

Provincia di Ravenna

Provincia di Ravenna Allegato A) Provincia di Ravenna PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E RIQUALIFICAZIONE DELLA SPESA, RIORDINO E RISTRUTTURAZIONE AMMINISTRATIVA, DI SEMPLIFICAZIONE E DIGITALIZZAZIONE, DI RIDUZIONE

Dettagli

P I A N O D E G L I S T A N D A R D A N N O 2 0 1 2

P I A N O D E G L I S T A N D A R D A N N O 2 0 1 2 Numero : 01 Settore: AFFARI GENERALI E PIANIFICAZIONE SEGRETERIA E ORGANI COLLEGIALI Predisposizione informatizzata e relativa trasmissione agli uffici competenti delle proposte di delibere di giunta e

Dettagli

SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO

SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO COMUNE DI DERUTA SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO ANALISI ECONOMICHE DEI SERVIZI REPORT PARZIALE ANNO 2013 CONFRONTO CON ANNI 2010-2011-2012 Servizi monitorati: Igiene urbana Asilo nido 1 COMUNE

Dettagli

SEZIONE 6 CONSIDERAZIONI FINALI SULLA COERENZA DEI PROGRAMMI RISPETTO AI PIANI REGIONALI DI SVILUPPO, AI PIANI REGIONALI DI SETTORE, AGLI ATTI

SEZIONE 6 CONSIDERAZIONI FINALI SULLA COERENZA DEI PROGRAMMI RISPETTO AI PIANI REGIONALI DI SVILUPPO, AI PIANI REGIONALI DI SETTORE, AGLI ATTI SEZIONE 6 CONSIDERAZIONI FINALI SULLA COERENZA DEI PROGRAMMI RISPETTO AI PIANI REGIONALI DI SVILUPPO, AI PIANI REGIONALI DI SETTORE, AGLI ATTI PROGRAMMATICI DELLA REGIONE 6.1 - Valutazioni finali della

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2010-2012 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO

PIANO TRIENNALE 2010-2012 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO PIANO TRIENNALE 2010-2012 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO Premessa La Legge n. 244 del 24.12.2007 (legge finanziaria 2008) all articolo 2, commi 594 e seguenti, prevede

Dettagli

Piano delle misure finalizzate alla razionalizzazione e riqualificazione delle sedi provinciali ad uso uffici

Piano delle misure finalizzate alla razionalizzazione e riqualificazione delle sedi provinciali ad uso uffici Provincia di Ravenna Settore Bilancio, Programmazione Finanziaria e Politiche Sociali Settore Lavori Pubblici Servizio Informatica Piano delle misure finalizzate alla razionalizzazione e riqualificazione

Dettagli

SERVIZIO BILANCIO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

SERVIZIO BILANCIO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SERVIZIO BILANCIO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 15 DEL 23/01/2015 OGGETTO SERVIZIO DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI UFFICI DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA (C.I.G. 607697BED). AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA.

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE E CONTABILITÀ

REGOLAMENTO DI GESTIONE E CONTABILITÀ Istituto nazionale di statistica REGOLAMENTO DI GESTIONE E CONTABILITÀ Approvato con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 11 novembre 2002, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 95 del 24

Dettagli

1 RAPPORTO DI MONITORAGGIO. Piano d Azione Energia Sostenibile Comune di Teolo. -Marzo 2014-

1 RAPPORTO DI MONITORAGGIO. Piano d Azione Energia Sostenibile Comune di Teolo. -Marzo 2014- 1 RAPPORTO DI MONITORAGGIO Piano d Azione Energia Sostenibile Comune di Teolo -Marzo 2014- COMUNE DI TEOLO SUPPORTO TECNICO: CONSORZIO UNIVERSITARIO DI RICERCA APPLICATA C/O UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

Dettagli

a) DOTAZIONI STRUMENTALI

a) DOTAZIONI STRUMENTALI ' ()!"" #$$%$& La legge Finanziario 2008 (L. 244/2007) ha previsto alcuni adempimenti di verifica delle dotazioni strumentali degli enti pubblici fra cui anche i seguenti commi:594. Ai fini del contenimento

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE COMUNE DI MACERATA FELTRIA PU PIANO TRIENNALE 2014-2016 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 42 DEL 27/08/2014 Ai sensi dell art. 2 comma

Dettagli

Oggetto: Piano triennale di razionalizzazione delle dotazioni strumentali, delle autovetture e dei beni immobili ad uso abitativo e di servizio.

Oggetto: Piano triennale di razionalizzazione delle dotazioni strumentali, delle autovetture e dei beni immobili ad uso abitativo e di servizio. Q:\\PIANO TRIENNALE DOTAZIONI\VERIFICA RISULTATI 2009\RELAZIONE FINALE.DOC Zola Predosa, 16 aprile 2010 Alla Sezione Regionale della Corte dei Conti Agli organi di controllo interni Oggetto: Piano triennale

Dettagli

Allegato a) Relazione al Piano triennale del fabbisogno di personale 2014-2016

Allegato a) Relazione al Piano triennale del fabbisogno di personale 2014-2016 Allegato a) Relazione al Piano triennale del fabbisogno di personale 2014-2016 La programmazione triennale del fabbisogno di personale, da deliberarsi ed aggiornarsi annualmente in coerenza con le indicazioni

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLA SPESA RELATIVA ALLE DOTAZIONI STRUMENTALI TRIENNIO

PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLA SPESA RELATIVA ALLE DOTAZIONI STRUMENTALI TRIENNIO COMUNE DI ORGIANO ALLEGATO PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLA SPESA RELATIVA ALLE DOTAZIONI STRUMENTALI TRIENNIO 2011 2012-2013 ai sensi dell art. 2 commi da 594 a 595 Legge n. 244 del 24.12.2007

Dettagli

COMUNE DI CASSANO VALCUVIA Provincia di VARESE

COMUNE DI CASSANO VALCUVIA Provincia di VARESE INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE AL CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO (Art. 2, commi 594/598 della legge 24/12/2007 n. 244) PIANO TRIENNALE 2011 2013 Vista la Legge 244/2007 (Finanziaria 2008)

Dettagli

Allegato Deliberazione Giunta Provinciale nr. /2013 del / /2013

Allegato Deliberazione Giunta Provinciale nr. /2013 del / /2013 Piano triennale di razionalizzazione dell utilizzo delle dotazioni strumentali delle autovetture e degli immobili ad uso abitativo e di servizio - anni 2014-2016 (art. 2 Commi 594-599 della Legge 244/2007

Dettagli

SETTORE RISORSE E CONTROLLO U.O. FINANZE E BENI MOBILI

SETTORE RISORSE E CONTROLLO U.O. FINANZE E BENI MOBILI SETTORE RISORSE E CONTROLLO U.O. FINANZE E BENI MOBILI RELAZIONE IN MERITO AI RISPARMI CONSEGUITI SU PROCEDURE DI ACQUISTO DI BENI E SERVIZI (ART.26 c.4 L.23/12/99 n. 488). Nel corso dell anno 2012 l attività

Dettagli

COMUNE DI PONZANO VENETO SETTORE PUBBLICA ISTRUZIONE

COMUNE DI PONZANO VENETO SETTORE PUBBLICA ISTRUZIONE COMUNE DI PONZANO VENETO SETTORE PUBBLICA ISTRUZIONE SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO PER LE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALI ANNI SCOLASTICI 2015/2016, 2016/2017, 2017/2018 CAPITOLATO

Dettagli

C O M U N E D I S O R B O L O (Provincia di Parma)

C O M U N E D I S O R B O L O (Provincia di Parma) C O M U N E D I S O R B O L O (Provincia di Parma) PIANO TRIENNALE DI PREVISIONE 2014/2016 ai sensi dell art. 2 commi da 594 a 595 Legge n. 244 del 24.12.2007 PREMESSA La Legge Finanziaria per il 2008

Dettagli

Esercizio delle funzioni di sorveglianza e controllo in materia di acquisto di beni e servizi

Esercizio delle funzioni di sorveglianza e controllo in materia di acquisto di beni e servizi Esercizio delle funzioni di sorveglianza e controllo in materia di acquisto di beni e servizi (art. 26, comma 4, L. n. 488/99 Legge Finanziaria 2000 e successive modificazioni e integrazioni) RELAZIONE

Dettagli

ECONOMICO FINANZIARIO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE N. 156 DEL 25/05/2010

ECONOMICO FINANZIARIO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE N. 156 DEL 25/05/2010 Comune di Castelleone Provincia di Cremona SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE N. 156 DEL 25/05/2010 Oggetto: RICHIESTA SOMMINISTRAZIONE ENERGIA ELETTRICA PER PUBBLICA

Dettagli

Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino

Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI ANCHE INFORMATICHE, DELLE AUTOVETTURE

Dettagli

COMUNE DI ROTA D IMAGNA P R O V I N C I A D I B E R G A M O

COMUNE DI ROTA D IMAGNA P R O V I N C I A D I B E R G A M O ORIGINALE COPIA COMUNE DI ROTA D IMAGNA P R O V I N C I A D I B E R G A M O SETTORE TECNICO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO N. 26 DEL 12.06.2015 OGGETTO: ADESIONE CONVENZIONE CONSIP "CARBURANTI

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI. Misure finalizzate al contenimento della spesa (art. 2 Commi 594-599 della Legge 244/2007 - Legge Finanziaria 2008)

UNIONE DEI COMUNI. Misure finalizzate al contenimento della spesa (art. 2 Commi 594-599 della Legge 244/2007 - Legge Finanziaria 2008) ALLEGATO B) UNIONE DEI COMUNI Misure finalizzate al contenimento della spesa (art. 2 Commi 594-599 della Legge 244/2007 - Legge Finanziaria 2008) Misure di contenimento delle spese per autoveicoli e fotocopiatori

Dettagli

Comune di Mogliano Veneto PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLA SPESA

Comune di Mogliano Veneto PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLA SPESA Comune di Mogliano Veneto PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLA SPESA Triennio 2012/2014 Piano triennale di razionalizzazione della spesa In ottemperanza al disposto dell art. 2, commi da 594 a 599,

Dettagli

COMUNE DI TICINETO RELAZIONE SULLE PERFORMANCE

COMUNE DI TICINETO RELAZIONE SULLE PERFORMANCE COMUNE DI TICINETO RELAZIONE SULLE PERFORMANCE Anno 2013 La presente relazione, redatta dal Segretario comunale in qualità di Responsabile del servizio personale, evidenzia a consuntivo, con riferimento

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO Legge 244 del 24.12.2007 art. 2 comma 594

PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO Legge 244 del 24.12.2007 art. 2 comma 594 Approvato con delibera G.C. n. 101 del 26/10/2009 PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO Legge 244 del 24.12.2007 art. 2 comma 594 Premessa La legge n. 244 del 24.12.2007

Dettagli

PROVINCIA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA LEGGE N. 244/2007 - ART. 2 COMMI 594 E 595 - PIANO TRIENNALE 2008-2010

PROVINCIA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA LEGGE N. 244/2007 - ART. 2 COMMI 594 E 595 - PIANO TRIENNALE 2008-2010 LEGGE N. 244/2007 - ART. 2 COMMI 594 E 595 - PIANO TRIENNALE 2008-2010 PER L INDIVIDUAZIONE DELLE MISURE DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DI BENI MOBILI ED IMMOBILI FINALIZZATO AL CONTENIMENTO DELLE

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2010 / 2012 PER LA RAZIONALIZZAZIONE

PIANO TRIENNALE 2010 / 2012 PER LA RAZIONALIZZAZIONE Comune di Carlino PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO E DI SERVIZIO PIANO TRIENNALE 2010 / 2012 PER LA RAZIONALIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI COPPARO Provincia di Ferrara

COMUNE DI COPPARO Provincia di Ferrara PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DOTAZIONI STRUMENTALI, ANCHE INFORMATICHE, DELLE AUTOVETTURE DI SERVIZIO E DEI BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO O DI SERVIZIO TRIENNIO 2015 2017 Approvato con Delibera

Dettagli

PIANO DI EFFICIENZA ENERGETICA DEL COMUNE DI PADOVA

PIANO DI EFFICIENZA ENERGETICA DEL COMUNE DI PADOVA PIANO DI EFFICIENZA ENERGETICA DEL COMUNE DI PADOVA Ente Locale Promotore Comune di Padova - Settore Ambiente Ufficio Agenda 21 c/o Informambiente via vlacovich 4-35126 Padova Tel. 049 8022488 Fax. 049

Dettagli

COMUNE DI CALTABELLOTTA

COMUNE DI CALTABELLOTTA COMUNE DI CALTABELLOTTA Provincia di Agrigento *********** DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Num. 20 del Registro - Seduta del 17/03/2015 Oggetto: Piano di razionalizzazione delle spese di funzionamento

Dettagli

Elementi di Valutazione per l affidamento del servizio di cassa dell Università di Pisa

Elementi di Valutazione per l affidamento del servizio di cassa dell Università di Pisa Allegato 1 alla Convenzione ELEMENTI DI VALUTAZIONE DELL OFFERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA DELL UNIVERSITÀ DI PISA Il concorrente dovrà presentare un offerta relativamente agli elementi e

Dettagli

COMUNE DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO E DI SERVIZIO (art. 2, commi 594-599, Legge

Dettagli

COMUNE DI REGGIOLO. Provincia di REGGIO EMILIA

COMUNE DI REGGIOLO. Provincia di REGGIO EMILIA COMUNE DI REGGIOLO Provincia di REGGIO EMILIA PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLO SCHEMA DI RENDICONTO PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2010 E DOCUMENTI ALLEGATI IL REVISORE Dott. Valerio Fantini Comune di

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FINANZIAMENTO

PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FINANZIAMENTO PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FINANZIAMENTO Premessa La Legge n. 244 del 24.12.2007 (legge finanziaria 2008)all articolo 2, commi 594 e seguenti, prevede

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI MODENA

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI MODENA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI MODENA PIANO PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI E DEI BENI IMMOBILI TRIENNIO 2014 2016 Art.

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze

Comune di Signa Provincia di Firenze Prot. 13693 Signa li 13/10/2015 Al Sindaco Assessore al Bilancio Segretario Generale SEDE OGGETTO: RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI AI SENSI DELL ART. 147-ter DEL D.LGS 267/2000. UFFICIO

Dettagli

Provincia di Ravenna

Provincia di Ravenna Allegato A) Provincia di Ravenna PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E RIQUALIFICAZIONE DELLA SPESA, RIORDINO E RISTRUTTURAZIONE AMMINISTRATIVA, DI SEMPLIFICAZIONE E DIGITALIZZAZIONE, DI RIDUZIONE

Dettagli

PROJECT FINANCING SERVIZI ENERGETICI INTEGRATI - COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO (PI)

PROJECT FINANCING SERVIZI ENERGETICI INTEGRATI - COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO (PI) Sommario 1. Canone per attività manutentive e gestionali:...3 1.1. Canone per quota assistenza, gestione e manutenzione impianti di climatizzazione e FER...3 1.2. Canone per quota assistenza, gestione

Dettagli

COMUNE DI CAPRAIA ISOLA Provincia di Livorno

COMUNE DI CAPRAIA ISOLA Provincia di Livorno COMUNE DI CAPRAIA ISOLA Provincia di Livorno DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ATTO N. 9 SEDUTA DEL 25/03/2011. C O P I A OGGETTO: Approvazione piano triennale 2011-2013 per razionalizzazione utilizzo

Dettagli

Provincia di Firenze. Premesso che:

Provincia di Firenze. Premesso che: Oggetto: Affidamento in Concessione dei servizi cimiteriali comunali, ai sensi dell art. 30 del D. Lgs. 163/2006 - Relazione ai sensi dell art. 34, comma 20, D.L. 179/2012 convertito in Legge 221/2012.

Dettagli

Relazione dell organo di revisione

Relazione dell organo di revisione COMUNE DI COSTA MASNAGA Provincia di LECCO Relazione dell organo di revisione - sulla proposta di deliberazione consiliare del rendiconto della gestione 2011 - sullo schema di rendiconto per l esercizio

Dettagli

4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Stato: Definitivo 4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PARCO AUTO CENSITO AL 2012 Tabella 1 - Disponibilità di autovetture al 31/12/2012 - La disponibilità di

Dettagli

(approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 101 in data 3 agosto 2010)

(approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 101 in data 3 agosto 2010) PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO E DI SERVIZIO - ANNI 2010-2012 (art. 2, commi 594-599, Legge 24 dicembre 2007, n.

Dettagli

L anno 2011 il giorno.. del mese di., nelle sede dell Unione Pratiarcati ubicata ad Albignasego in Via Roma n. 224 TRA

L anno 2011 il giorno.. del mese di., nelle sede dell Unione Pratiarcati ubicata ad Albignasego in Via Roma n. 224 TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DEL SERVIZIO DI GESTIONE GLOBALE DEL CICLO DELLE VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA IVI COMPRESA LA RISCOSSIONE DELLE STESSE. L anno 2011 il giorno.. del mese

Dettagli

Comune di Bologna. Alcuni elementi di conoscenza sul bilancio 2011

Comune di Bologna. Alcuni elementi di conoscenza sul bilancio 2011 Comune di Bologna Alcuni elementi di conoscenza sul bilancio 2011 20 dicembre 2010 Confronto delle previsioni di entrata 2011 (stimate nel mese di Dicembre 2010) rispetto al Bilancio 2010 Previsione Entrate

Dettagli

DOTAZIONI STRUMENTALI

DOTAZIONI STRUMENTALI PROTOCOLLO N. 61643/2015 RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, ANCHE INFORMATICHE, DELLE AUTOVETTURE DI SERVIZIO E DEI BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO O DI SERVIZIO (legge 244/2007,

Dettagli

STATUTO DELL AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI

STATUTO DELL AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI STATUTO DELL AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI approvato in occasione della seduta del Consiglio

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI MODENA

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI MODENA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI MODENA PIANO PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI E DEI BENI IMMOBILI TRIENNIO 2011 2013 Art.2

Dettagli

Martedì 7 settembre. Venerdì 10 settembre

Martedì 7 settembre. Venerdì 10 settembre SETTEMBRE 2010 Rendiconto 2009 Termine per la trasmissione alla sezione autonomie della Corte dei Conti del rendiconto di gestione 2009 da parte di comuni e province mediante modelli in formato XML (art.

Dettagli

COMUNE DI AGAZZANO PROVINCIA DI PIACENZA

COMUNE DI AGAZZANO PROVINCIA DI PIACENZA PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DEI BENI E DELLE STRUTTURE COMUNALI 2010 2012 Art. 2 commi 594 e seguenti della Legge 244/2007 ( Legge Finanziaria 2008

Dettagli

4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Stato: Definitivo 4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PARCO AUTO CENSITO AL 2012 Tabella 1 Disponibilità di autovetture al 31/12/2012 La disponibilità di autovetture

Dettagli

NOTA ILLUSTRATIVA AL BILANCIO PREVENTIVO

NOTA ILLUSTRATIVA AL BILANCIO PREVENTIVO NOTA ILLUSTRATIVA AL BILANCIO PREVENTIVO Premessa L'attività del Consorzio Intercomunale Smaltimento Rifiuti consisteva originariamente nello smaltimento dei rifiuti solidi urbani, provenienti dai comuni

Dettagli

SETTORE RISORSE UMANE ECONOMICHE E STRUMENTALI SERVIZIO FINANZE E BENI MOBILI

SETTORE RISORSE UMANE ECONOMICHE E STRUMENTALI SERVIZIO FINANZE E BENI MOBILI SETTORE RISORSE UMANE ECONOMICHE E STRUMENTALI SERVIZIO FINANZE E BENI MOBILI RELAZIONE IN MERITO AI RISPARMI CONSEGUITI SU PROCEDURE DI ACQUISTO DI BENI E SERVIZI (ART.26 c.4 L.23/12/99 n. 488). Nel corso

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Comune di Casalecchio di Reno Via dei Mille,9 40033 Casalecchio di Reno (BO) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Deliberazione n. 34 del 03/05/2011 OGGETTO: PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 15 IN DATA 06.02.2015

DETERMINAZIONE N. 15 IN DATA 06.02.2015 CONSORZIO SERVIZI ECOLOGIA ED AMBIENTE C.S.E.A. Sede legale: Via Macallè n. 9 Sede operativa:p.zza Risorgimento n. 2-12037 SALUZZO (CN) C.C.I.A.A. Cuneo Cod. Fiscale n.94010350042 P.I.V.A. 02787760046

Dettagli

Fondazione Franco Demarchi Regolamento contabile

Fondazione Franco Demarchi Regolamento contabile Fondazione Franco Demarchi Regolamento contabile Disposizioni in materia di contabilità e contratti Art. 1 Esercizio finanziario L esercizio finanziario della Fondazione coincide con l anno solare, 1 gennaio

Dettagli

VERIFICHE PRELIMINARI

VERIFICHE PRELIMINARI COMUNE DI TAGGIA PROVINCIA DI IMPERIA **** PARERE DEL REVISORE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E DOCUMENTI ALLEGATI **** REVISORE UNICO Marco Rossi Commercialista Revisore Contabile Pubblicista

Dettagli

49.32.10 - Trasporto con taxi 49.32.20 - Trasporto mediante noleggio di autovetture da rimessa con conducente

49.32.10 - Trasporto con taxi 49.32.20 - Trasporto mediante noleggio di autovetture da rimessa con conducente 0 Modello VG7A 49..0 - Trasporto con taxi 49..0 - Trasporto mediante noleggio di autovetture da rimessa con conducente barrare la casella corrispondente al codice di attività prevalente (vedere istruzioni)

Dettagli

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO Provincia di Monza e Brianza A LLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. N. 103 DEL 05.08.2008 PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTRE E DEI

Dettagli

NEWSLETTER N. 6/2013 DEL 7 OTTOBRE 2013

NEWSLETTER N. 6/2013 DEL 7 OTTOBRE 2013 NEWSLETTER N. 6/2013 DEL 7 OTTOBRE 2013 IN QUESTA NEWSLETTER: Contributo ai Comuni per il minor gettito IMU Certificazione patto di stabilità: il test firma digitale sospensione dell IMU: il decreto sospensione

Dettagli

Piano triennale di razionalizzazione delle dotazioni strumentali

Piano triennale di razionalizzazione delle dotazioni strumentali COMUNE DI MAGNAGO Piazza Italia, 1-20020 Magnago (MI) SERVIZIO FINANZIARIO Piano triennale di razionalizzazione delle dotazioni strumentali Autovetture, telefonia mobile, fotoriproduttori, fax e strumenti

Dettagli

Città di Bassano del Grappa

Città di Bassano del Grappa PIANO TRIENNALE per l individuazione di misure finalizzate alla razionalizzazione dell utilizzo delle dotazioni strumentali Art 2 comma 594 e segg. L. 244/2007 Indice del documento 1. Premessa... 3 2.

Dettagli

COMUNE DI VEGLIE (Provincia di Lecce)

COMUNE DI VEGLIE (Provincia di Lecce) COMUNE DI VEGLIE (Provincia di Lecce) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE COPIA DEL SETTORE SERVIZI FINANZIARI SERVIZIO SETTORE SERVIZI FINANZIARI Numero 15 del 08/08/2014 Numero 419 Reg. Generale del 08/08/2014

Dettagli

AREA FINANZA E CONTROLLI SERVIZIO PROVVEDITORATO ECONOMATO. Piano di riforma del parco auto

AREA FINANZA E CONTROLLI SERVIZIO PROVVEDITORATO ECONOMATO. Piano di riforma del parco auto R E G I O N E P U G L I A AREA FINANZA E CONTROLLI SERVIZIO PROVVEDITORATO ECONOMATO Piano di riforma del parco auto Quadro normativo - L art.5, comma 2, del d.l. 6 luglio 2012, n.95 convertito in legge

Dettagli

Silvia Scozzese - Direttore Scientifico IFEL

Silvia Scozzese - Direttore Scientifico IFEL - Direttore Scientifico IFEL Torino, 20 febbraio 2012 Attualmente il contributo dei singoli comparti della PA alla manovra è calcolato in base al criterio del peso di ognuno in relazione alla spesa totale

Dettagli

4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Stato: Definitivo 4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PARCO AUTO CENSITO AL 2012 Tabella 1 Disponibilità di autovetture al 31/12/2012 La disponibilità di autovetture

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Schema di bilancio e Piano dei Conti dei Consorzi di Bonifica Contabilità finanziaria

Schema di bilancio e Piano dei Conti dei Consorzi di Bonifica Contabilità finanziaria Allegato A alla Delib.G.R. n. 3/31 del 31.1.2014 Schema di bilancio e Piano dei Conti dei Consorzi di Bonifica Contabilità finanziaria 1/15 Sommario 1. Premessa... 3 2. Schema di bilancio... 3 3. Piano

Dettagli

COMUNE DI CENTO PROVINCIA DI FERRARA. Determinazione n. 462 del 28/04/2014

COMUNE DI CENTO PROVINCIA DI FERRARA. Determinazione n. 462 del 28/04/2014 COMUNE DI CENTO PROVINCIA DI FERRARA Via Marcello Provenzali, 15-44042 Cento (FE) www.com une.cento.fe.it - comune.cento@cert.comune.cento.fe.it SETTORE LAVORI PUBBLICI ED ASSETTO DEL TERRITORIO Determinazione

Dettagli

Comune di Bassano del Grappa

Comune di Bassano del Grappa Comune di Bassano del Grappa DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Registro Unico 117 / 2013 Area A1 - Area Risorse, Sviluppo OGGETTO: ADESIONE CONVENZIONE MINISTERIALE CONSIP "CARBURANTI RETE - FUEL CARD 5" PER

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Stato: Definitivo 4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PARCO AUTO CENSITO AL 2012 Tabella 1 Disponibilità di autovetture al 31/12/2012 La disponibilità di autovetture

Dettagli

CITTA di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI

CITTA di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI CITTA di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO (art. 2, commi 594-599, Legge 24 dicembre 2007, n. 244)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA GENERALE DELLE ENTRATE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA GENERALE DELLE ENTRATE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA GENERALE DELLE ENTRATE DELIBERA C.C. N. 89 DEL 21.11.2000 DELIBERA C.C. N. 15 DEL 30.03.2010 DELIBERA C.C. N. 22 DEL 14.04.2014 Regolamento per la disciplina generale delle

Dettagli

AGGIORNAMENTO anno 2010

AGGIORNAMENTO anno 2010 Allegato alla delibera di G.C. n. 117 del 21/12/2010 PIANO TRIENNALE 2009-2011 PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE

Dettagli

il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha provveduto:

il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha provveduto: DELIBERAZIONE 22 GENNAIO 2015 10/2015/A ADESIONE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO ALLA CONVENZIONE STIPULATA DALLA SOCIETÀ CONSIP S.P.A. PER IL NOLEGGIO DI UNA AUTOVETTURA

Dettagli

Art.1 (Finalità) Art. 2 (Piani di razionalizzazione degli spazi ad uso ufficio)

Art.1 (Finalità) Art. 2 (Piani di razionalizzazione degli spazi ad uso ufficio) Consiglio Regionale Adeguamento delle procedure per la razionalizzazione del patrimonio pubblico e la riduzione dei costi per le locazioni passive all ordinamento della Regione Abruzzo nel rispetto dei

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO

PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO Premessa La Legge n. 244 del 24.12.2007 (legge finanziaria 2008) all articolo 2, commi 594 e seguenti, prevede

Dettagli

CONSORZIO DI BONIFICA VENETO ORIENTALE

CONSORZIO DI BONIFICA VENETO ORIENTALE CONSORZIO DI BONIFICA VENETO ORIENTALE Portogruaro - San Donà di Piave CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI INCASSO DELLA CONTRIBUENZA CONSORZIALE PARTE 1^ : SERVIZIO DI

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017

BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) www.comune.rosignano.livorno.it BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 ALLEGATO N. 15: Piano triennale 2015/2017 per la razionalizzazione dell utilizzo delle

Dettagli

COMUNE DI COMABBIO PROVINCIA DI VARESE CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

COMUNE DI COMABBIO PROVINCIA DI VARESE CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO COMUNE DI COMABBIO PROVINCIA DI VARESE Piazza Marconi, 1/1-21020 COMABBIO - P. IVA 00261830129 Tel. 0331.968.572 int.6 - fax. 0331.968.808 e- mail: poliziamunicipale@comune.comabbio.va.it CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

L analisi del sistema energetico comunale e Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Paolo Fabbri Alberto Rossini

L analisi del sistema energetico comunale e Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Paolo Fabbri Alberto Rossini L analisi del sistema energetico comunale e Piano d Azione per l Energia Sostenibile Paolo Fabbri Alberto Rossini Il Patto dei Sindaci L Unione Europea guida la lotta contro il cambiamento climatico e

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA Piazza Matteotti, n.17 C.A.P. 41054 Tel. 059-705.711 Fax 059-705.158 Cod. Fisc. / P.

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA Piazza Matteotti, n.17 C.A.P. 41054 Tel. 059-705.711 Fax 059-705.158 Cod. Fisc. / P. COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA Piazza Matteotti, n.17 C.A.P. 41054 Tel. 059-705.711 Fax 059-705.158 Cod. Fisc. / P. IVA 00675950364 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE N. generale 112 data

Dettagli

U.O. Sistema Informativo e Automazione. Misure finalizzate al contenimento della spesa (Art. 2 commi 594-599 della L. 244/2007 Legge Finanziaria 2008)

U.O. Sistema Informativo e Automazione. Misure finalizzate al contenimento della spesa (Art. 2 commi 594-599 della L. 244/2007 Legge Finanziaria 2008) COMUNE DI RAVENNA U.O. Sistema Informativo e Automazione Lett. a. Misure finalizzate al contenimento della spesa (Art. 2 commi 594-599 della L. 244/2007 Legge Finanziaria 2008) La Legge Finanziaria 2008

Dettagli

1. MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI (Art. 2, lettera a), comma 594, legge 244/07)

1. MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI (Art. 2, lettera a), comma 594, legge 244/07) ALLEGATO C Relazione al "piano triennale 2008-2010 per l individuazione di misure finalizzate alla razionalizzazione dell utilizzo delle dotazioni strumentali, delle autovetture di servizio, dei beni immobili"

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Comune di LEVERANO Provincia di LECCE. BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2011

Comune di LEVERANO Provincia di LECCE. BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2011 Provincia di LECCE BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2011 PARTE I - ENTRATA 22/06/2011 9:15 Pag. 1 Risorsa Accertamenti Previsioni PREVISIONI DI COMPETENZA AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 314.100,35 34.790,99

Dettagli

Comune di Gangi Provincia di Palermo Regolamento del Servizio di Provveditorato

Comune di Gangi Provincia di Palermo Regolamento del Servizio di Provveditorato Comune di Gangi Provincia di Palermo Regolamento del Servizio di Provveditorato Approvato con delibera G.M. n. 165 del 16/11/2007 1 Titolo I Ordinamento generale ed attribuzioni Articolo 1 Normativa 1.

Dettagli