Risultati ed esperienze. Questo progetto è realizzato attraverso il programma Central Europe, cofinanziato dal FESR

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Risultati ed esperienze. Questo progetto è realizzato attraverso il programma Central Europe, cofinanziato dal FESR"

Transcript

1 Soluzioni innovative per adattare la gestione delle infrastrutture pubbliche al cambiamento demografico nelle regioni dell Europa Centrale in fase di contrazione economica e sociale Risultati ed esperienze Questo progetto è realizzato attraverso il programma Central Europe, cofinanziato dal FESR

2 Intro 1 Quando il vento del cambiamento soffi a, alcuni erigono muri, altri costruiscono mulini a vento Negli ultimi 12 anni in Germania, la spesa per l assistenza a lungo termine è passata da 1,6 miliardi di euro a 4,3 miliardi di euro. Fino al 2030, il numero di persone bisognose di cure in Germania dovrebbe aumentare di un ulteriore 50%. L età media in Piemonte dovrebbe salire a 48 anni entro il Nell anno 2007 la Slovenia spendeva 22,9% del PIL in costi legati all invecchiamento della popolazione. Questo numero dovrebbe salire un altro 12,8 % entro il Negli ultimi 15 anni in Turingia il numero di scuole è stato ridotto di circa il 30%. Già oggi non è raro che i bambini debbano percorrere più di 10 chilometri per arrivare alla loro scuola, se vivono in aree rurali. Tutti questi numeri dimostrano che il cambiamento demografico ha un impatto significativo sulla vita quotidiana delle persone. Mostrano inoltre che questo cambiamento ha un impatto significativo sui governi perché devono finanziare tutte le infrastrutture necessarie. Dal momento che molte infrastrutture sono di responsabilità dei governi locali e regionali, un cambiamento nel numero di utenti delle infrastrutture - e un cambiamento nel numero dei contribuenti - può causare problemi gravi. Dal momento che molte regioni devono affrontare gli stessi problemi in Europa centrale, ha senso iniziare a dialogare sulle misure appropriate. Il progetto ADAPT2DC vuole fornire una piattaforma per il dialogo e individuare strategie trasferibili per affrontare problemi comuni. Il progetto ADAPT2DC si concentra su soluzioni convenienti per i servizi sociali e tecnici oltre che alle infrastrutture (sanità, alloggi, trasporti pubblici, assistenza sociale, fornitura di acqua) in regioni e città marginali dell Europa centrale (Germania, Repubblica Ceca, Ungheria, Italia, Polonia e Slovenia).

3 2 Intro Scheda progetto: Obiettivi: ADAPT 2DC assiste città e regioni nello sviluppo di soluzioni di servizi pubblici sostenibili ADAPT 2DC riunisce esperti sul Cambiamento Demografico, partner pubblici e investitori per il trasferimento delle conoscenze ADAPT 2DC aiuta le città e le regioni ad affrontare il cambiamento demografico Avanzamento: Cosa è stato fatto all interno del progetto? 1. Analisi degli indicatori demografici ed economici in Europa centrale 2. Azioni Pilota: dimostrare come le infrastrutture pubbliche possono essere adattate ai cambiamenti demografici a livello locale 3. Sviluppo di raccomandazioni politiche e il trasferimento delle migliori pratiche per garantire la sostenibilità delle infrastrutture necessarie in futuro Durata: il progetto va da novembre 2011 a ottobre 2014 Le seguenti istituzioni sono state Partner del progetto: Ministero delle Costruzioni, dello Sviluppo Regionale e del Trasporto della Turingia Istituto Leibniz per la Geografia Regionale Istituto di Sociologia dell Accademia delle Scienze della Repubblica Ceca Autorità Regionale della Regione Usti 5 Agenzia per lo Sviluppo Regionale dell Észak-alföld 9 UNCEM Piemonte 6 Università di Economia di Katowice Istituto di Pianificazione Urbana della Repubblica Slovena Regione Małopolska Ufficio per la Pianificazione Economica Nazionale Nelle pagine seguenti troverete una panoramica dei principali risultati del progetto. Se siete interessati a saperne di più, consultate le varie sezioni dedicate a tutti gli aspetti del progetto sul sito web di ADAPT2DC,

4 Background: Analisi degli indicatori demografici ed economici in Europa Centrale 3 La popolazione in Europa Centrale sta diminuendo e l età media sta crescendo Per decenni, i nostri sistemi economici e con essi i sistemi di welfare si sono concentrati esclusivamente sulla crescita, sia in termini di produzione che in termini di popolazione. Tuttavia, nel 21 secolo siamo arrivati ad un punto in cui la crescita non è più una realtà diffusa, almeno non dappertutto. In tutti i paesi dell Europa centrale i tassi di natalità sono significativamente al di sotto dell indice di sostituzione di 2,1 figli per donna, e, allo stesso tempo, una speranza di vita in continuo aumento è conseguente all invecchiamento della società. I cambiamenti demografici odierni, l invecchiamento della popolazione, il rallentamento della crescita della popolazione e la riduzione della popolazione in età lavorativa, sono tra le più gravi sfide che l Europa dovrà affrontare nei prossimi decenni. Regioni e città più isolate e meno popolose stanno diventando un fenomeno comune in tutta l UE, anche se con una grande diversità in termini di dinamiche demografiche e modelli. In generale: mentre le aree periferiche e scarsamente popolate stanno ulteriormente perdendo popolazione, le principali regioni metropolitane e di alcuni centri regionali mantengono interesse e quindi hanno popolazione stabile o in crescita. Secondo le proiezioni demografiche per il 2030 a livello nazionale, in Repubblica Ceca, Germania, Ungheria, Polonia, Slovacchia e Slovenia si attende un calo della popolazione. Questo sarà principalmente causato dal cambiamento naturale in negativo (un tasso di mortalità superiore al tasso di natalità). Questo avverrà insieme al previsto aumento della speranza di vita, ciò significa che il rapporto di dipendenza degli anziani aumenterà in tutti i paesi dell Europa centrale e, quindi, l onere economico e sociale aumenterà sulla popolazione in età lavorativa. Naturalmente questa affermazione generale offusca le differenze regionali: c è una fascia di regioni che continuano a crescere che vanno dall Italia del Nord, attraverso l Austria, fino al Sud della Germania. Queste regioni hanno un PIL pro capite più elevato e maggiore reddito disponibile rispetto ad altre regioni dell Europa centrale. Ma nel complesso il numero di regioni isolate aumenterà. Per quanto riguarda l invecchiamento, ci sono tre percorsi fondamentali inerenti lo sviluppo demografico: il primo gruppo è composto da Polonia, Repubblica Ceca e Slovacchia, che hanno meno esperienze con l invecchiamento della popolazione e la loro struttura sociale non ha un elevato numero di persone anziane finora. Il secondo gruppo comprende Austria, Slovenia e Ungheria, paesi caratterizzati da una popolazione nella media, né particolarmente giovane, né particolarmente anziana. Italia e Germania sono ca-

5 4 Background: Analisi degli indicatori demografici ed economici in Europa Centrale Background: Analysis of demographic and economic indicators in Central Europe ratterizzate da popolazioni più anziane e hanno alcune regioni con età media abbastanza elevata (l età media è superiore a 45 anni, ad esempio Savona, Genova e Alessandria in Italia, o la maggior parte delle regioni dell ex Germania Est). Mentre nel nord Italia e nel sud della Germania, i valori elevati di età media sono il risultato di un lungo invecchiamento, la situazione nella ex Germania Est è causata dalla elevatissima emigrazione della popolazione in età lavorativa avvenuta negli anni 90. Questo ha influenza sull indice di dipendenza della popolazione anziana: nelle regioni più giovani ci sono uno o due persone in età pensionabile (65 anni e più) ogni dieci persone in età lavorativa Cambiamento demografico Area Central Europe Regioni NUTS 2 NUTS 3 con Regioni Pilota Regioni NUTS 3 Confini nazionali Città selezionate Il cambiamento demografico tra il 1991 e il 2011 mostra la crescita e il declino della popolazione negli ultimi 20 anni. I valori al di sotto di 100 indicano contrazione demografica.

6 Background: Analisi degli indicatori demografici ed economici in Europa Centrale 5 (età 20-65), mentre nelle regioni più vecchie ci sono tre o quattro persone in età pensionabile ogni dieci persone in età lavorativa. Gli effetti del cambiamento demografico diventeranno ancora più importanti nei prossimi anni. Pertanto è necessario avere (o sviluppare) strategie adeguate e strumenti politici per adeguare la fornitura, la gestione e il finanziamento di infrastrutture pubbliche e i servizi legati ai cambiamenti demografici, in quanto significa un minor numero di persone che vivono in una zona, mutevoli esigenze della popolazione e diminuzione di fondi pubblici per la fornitura di infrastrutture e servizi. Come previsto per il 2030, la dimensione regionale del cambiamento della popolazione mostra una prevalenza di calo sulle regioni in crescita in Europa centrale. Ci saranno anche altre regioni colpite dall invecchiamento della popolazione e altre regioni colpite dal simultaneo invecchiamento e calo demografico della popolazione. Per maggiori informazioni, consultare il paragrafo ( Il cambiamento demografico in Europa centrale - Una analisi background socio-economico ) Impatto del cambiamento demografico sulle infrastrutture La domanda di infrastrutture e servizi pubblici di base dipende dalla popolazione in un dato territorio. Una popolazione in calo e in invecchiamento può causare cambiamenti della domanda e un aumento dei costi. Un impatto tipico del cambiamento demografico è che un minor numero di utenti usufruiscono delle infrastrutture, ma visto che le regioni o i comuni sono legalmente obbligati a fornire una gamma di servizi, la possibilità di ridimensionare le infrastrutture sono limitate. Così lo stesso servizio viene fornito, ma i costi fissi sono divisi tra un minor numero di utenti, in tal modo il costo per utente aumenta. La pressione sui bilanci pubblici quindi cresce. Inoltre, l invecchiamento e la diminuzione della popolazione riduce le risorse disponibili per i servizi pubblici, in quanto porta a una riduzione del numero di contribuenti. La mancanza di risorse è ulteriormente aggravata dalla crisi economica mondiale dal Una riduzione del numero di utenti può quindi provocare l aumento dei costi pro-capite per servizi. Tuttavia, ci sono differenze tra i servizi in termini di sensibilità al cambiamento della struttura demografica. Alcuni costi delle infrastrutture sono direttamente collegati al numero della popolazione, essendo meno conveniente il loro mantenimento, in caso di numeri di popolazione inferiori, come i trasporti pubblici e la fornitura di acqua. In termini di trasporto pubblico, la diminuzione della popolazione provoca un abbassamento degli utenti, e quindi difficoltà economiche per i trasporti pubblici. Tuttavia, un sistema di trasporto pubblico funzionante è particolarmente importante nelle regioni scarsamente popolate, dove l assistenza sanitaria e servizi sociali non sono presenti in ogni luogo; quindi una buona connessione tra gli agglomerati urbani è fondamentale. Il cambiamento demografico porta ad una riduzione della domanda di approvvigionamento idrico e trattamento delle acque reflue. Ma l adattamento delle infrastrutture, a causa degli effet-

7 6 Background: Analisi degli indicatori demografici ed economici in Europa Centrale ti del cambiamento demografico, è impegnativo; la modifica delle infrastrutture tecniche come le reti di tubazioni è di solito molto costosa (in altre parole: i costi fissi sono elevati). Quando si parla delle costruzioni, la diminuzione della popolazione rischia di tradursi in una diminuzione della domanda di alloggi, quindi un numero crescente di posti vacanti. Questo a sua volta può portare ad una diminuzione di valore delle proprietà, e un immagine negativa per l area. Lo stesso vale per i rivenditori: molti negozi chiudono quando non vi è sufficiente clientela. Altre infrastrutture sono piuttosto legate all età della popolazione come per esempio le scuole, l assistenza sanitaria e le case di cura. La domanda di assistenza sanitaria e assistenza a lungo termine aumenterà a causa della maggiore aspettativa di vita. L'invecchiamento avrà prevedibilmente il maggiore impatto sulla spesa pubblica per pensioni, sanità e assistenza a lungo termine: per l'ue nel suo complesso, tali spese dovrebbero aumentare dal 4,1% al 29% del PIL tra il 2010 e il Scuole / bambini: quando ci sono meno bambini in età scolastica, questo può o portare a classi di dimensioni più piccole o (nella maggior parte dei casi) alla chiusura delle scuole. Tuttavia, la centralizzazione di scuole è possibile solo in misura limitata, poiché corse lunghe non sono ragionevoli per bambini. Altri tipi di costi delle infrastrutture sono meno sensibili all invecchiamento e all isolamento, ma sono piuttosto legati alla struttura insediativa dell area proposta, come la manutenzione stradale. I costi delle infrastrutture: analisi dei dati Il progetto ADAPT2DC si è quindi chiesto come realizzare un analisi di costo-efficacia di infrastrutture e servizi pubblici. Il primo passo è stato l analisi dei costi delle infrastrutture in tutti Europa centrale. Fino ad oggi, tale analisi macro-regionale in un contesto europeo centrale è stato fatta raramente. Una ragione potrebbe essere che i dati dei costi delle infrastrutture e dei servizi non sono disponibili in tutta Europa agli stessi livelli (locale e sub-regionale) e per tutte le infrastrutture. Poiché i dati richiesti non erano disponibili né su Eurostat, né su fonti statistiche nazionali, il partenariato ha deciso di basare l analisi su un database commerciale businnes intelligent (BI). Con l aiuto di un proxy cost ratio (PCR) (che mostra la media delle vendite di servizi specifici per abitante di un territorio) sono stati effettuati diversi confronti tra i paesi dell Europa centrale. Ad esempio, le regioni dell Europa centrale sono state raggruppate in cluster, in base alla loro spesa pro-capite per alcune infrastrutture. I risultati variano considerevolmente tra le singole infrastrutture. L unica dichiarazione che vale per tutti i tipi di infrastrutture è che spesa pro-capite è negativamente correlata con i cambiamenti di popolazione a lungo termine - questo significa che la spesa pro capite aumenta quando il numero complessivo di persone nella regione diminuisce. I risultati dell analisi sono stati supportati da studi di casi nelle regioni pilota. Anche in questo caso, differenze significative si possono notare tra le diverse regioni e tra i diversi tipi di infrastrutture. Tuttavia, per la maggior parte delle infrastrutture sembra tenere banco il fatto che i costi sono generalmente in aumento (anche se questo non è esclusivamente dovuto al cambiamento demografico, anche i miglioramenti sull inflazione e/o nei problemi tecnici svolgono la loro parte). Un filo comune che troviamo in tutte le analisi sulla fornitura di infrastrutture è che le differenze nei sistemi di welfare nazionali devono essere prese in considerazione. La distribuzione dei servi-

8 Background: Analisi degli indicatori demografici ed economici in Europa Centrale 7 zi sociali e delle infrastrutture è particolarmente radicata in quadri politici nazionali. Sarà possibile solo trasferire modalità di funzionamento di adattamento da una regione / paese all altro quando ci saranno conoscenze sufficienti circa le diverse responsabilità e le modalità di fornitura e di infrastrutture e servizi di finanziamento. Un altra lezione è che i dati comparabili sulle infrastrutture sull economia pubblica sono carenti in tutta l Unione europea. Per maggiori informazioni, consultare la sezione ( Analisi trasversale dei costi di infrastruttura e di servizio ) Analisi Delphi Al fine di sostenere l analisi statistica sui costi delle infrastrutture, un sondaggio Delphi è stato condotto tra esperti nei paesi dell Europa centrale. Le domande riguardavano diverse infrastrutture e sono state studiate le loro relazioni con i processi di cambiamento demografico. In generale, i partecipanti riconoscono le pressioni sui costi e sui settori tipicamente più colpiti; per esempio, si aspettano l aumento dei costi del sistema sanitario e per l approvvigionamento idrico in tutti i paesi, così come il cambiamento delle modalità dei trasporti. Nelle zone rurali è stato previsto un aumento significativo di edifici vuoti. Inoltre, sempre in ambito dello studio Delphi, sono state fornite da esperti alcune misure di adattamento. Uno di loro era il rappresentante dei servizi amministrativi e telematici in aree scarsamente popolate. Tuttavia, la grande maggioranza degli intervistati erano scettici nei confronti di questa idea, per motivi diversi (mancanza di connessione a banda larga sufficiente, mancanza di alfabetizzazione informatica degli anziani...). Questo dimostra che tutti i nuovi approcci possono funzionare solo con l accettazione o la cooperazione di tutte le parti interessate. Infine va detto che diversi esperti hanno insistito che le infrastrutture non dovrebbero essere l obiettivo principale quando si parla di cambiamenti demografici, ma il tema centrale dovrebbe essere portare nuove opportunità di lavoro: Se una regione non offre posti di lavoro, la gente tende ad allontanarsi, non importa se le strade e gli asili sono moderni o no. Per saperne di più sullo studio Delphi, consultare la sezione ( Position Paper - Una visione transnazionale comune per la futura fornitura di infrastrutture e servizi nelle regioni in declino e le città dell Europa centrale )

9 8 ADAPT2DC Azioni Pilota Azioni Pilota Il progetto ADAPT2DC mirava a rispondere alla domanda: come possono le infrastrutture pubbliche essere gestite in modo sostenibile in un contesto di cambiamento demografico? Al fine di trovare le risposte a questa domanda e per dimostrare alcuni buoni esempi, ogni paese partecipante ha attuato un azione pilota. Undici azioni sono state realizzate nell ambito del progetto ADAPT2DC, ognuna appartenente a un diverso tipo di infrastruttura. Action Topic Area Country Telemedicina Assistenza sanitaria North-western Małopolska (Miechów, Chrzanów, Olkusz and Proszowice counties) PL Servizi di assistenza per bambini Centro multi-servizi Costi di manutenzione degli edifici pubblici (inclusa l energia) Strumenti per gestire I costi di manutenzione delle infrastrutture pubbliche Demography Coaching (with sub-actions) Cura dei bambini Offerta di servizi a livello locale Jászság microregion in Észak- Alföld Ostana in Piemonte Edifici pubblici Vejprty in Usti Region CZ Edilizia degli edifici pubblici e delle strade Maribor - Saale-Orla-district and Oberfranken-Ost KombiBus Mobilità Saale-Orla-district DE Vacancy cadastre Sviluppo della città Remptendorf in Saale-Orla-district Cooperazione tra vigili del fuoco Prevenzione di disastri Saale-Orla-district Ambient Assisted Living Salute/alloggi Arzberg in Oberfranken DE Vacancy cadaster Sviluppo della città Bad Berneck in Oberfranken DE Integration pilots Social infrastructure Hof in Oberfranken DE Altre buone idee sono state raccolte nel catalogo best practice. Al suo interno, i partner del progetto hanno raccolto una serie di idee innovative provenienti da tutta Europa, come l uso di videoconferenze tra medici e pazienti in aree remote della Finlandia ( TelLappi ), una linea di autobus organizzata interamente da volontari ( bus cittadino Gransee ), un agglomerato di negozi e un luogo di incontri sociali a Krugzel, organizzato sotto forma di cooperativa, un dentista su mezzo mobile a Brandeburgo, un sistema di condivisione che combina il trasporto pubblico con il trasporto individuale ( Carlos ), una strategia di demolizione di edifici vuoti, un concetto attivo di energia per un impianto di depurazione, un ufficio di consulenza mobile per cittadini, e molti altri. Per maggiori informazioni, consultare la sezione ( Catalogo Best Practice ). HU IT SI DE DE DE

10 ADAPT2DC Azioni Pilota 9 Servizi di telemedicina per gli anziani come strumento per ottimizzare i costi sanitari Dove? Regione di Malopolska (Poviats Miechowski, Chrzanowski, Olkuski, e Proszowicki), Polonia Perché? L obiettivo dell azione pilota era quello di fornire un servizio di tele-medicina (tele-ecg) per esaminare lo stato di salute degli anziani, migliorare la loro qualità di vita e prevenire ulteriori rischi per la salute. In questo modo, il paziente può essere raggiunto anche se si trova in aree remote. Chi? L azione pilota nel nord-ovest Malopolska era destinata a un gruppo di anziani selezionati sulla base della loro condizione di salute e il luogo di residenza. I pazienti hanno ricevuto apparecchi per misurare l ECG anche a casa,hanno ricevuto assistenza medica, consulenza, e diagnosi sia su base remota sia di persona. Il servizio di tele-ecg è stato fornito ad un gruppo di 100 pazienti oltre i 55 anni di età. Kit Tele-ECG sono stati prestati ai pazienti gratuitamente, per un periodo di 1 mese. Ogni paziente è stato istruito sull utilizzo del kit a casa, in ufficio ecc. Inoltre, i pazienti hanno completato un sondaggio sulla qualità della vita. Successivamente, sono stati invitati a effettuare almeno 3 misurazioni dell ECG al giorno. Inoltre, sono state offerti consulti gratuiti da parte un dietologo all inizio e alla fine del periodo in esame. Alla fine del mese di esame ogni paziente ha ricevuto diagnosi, conclusioni e raccomandazioni formulate dal medico assegnato e dal dietista. Un totale di 97 partecipanti hanno completato l esame, concludendo che non vi erano gravi difficoltà (come ad esempio l utilizzo di apparecchiature TIC) tali da impedire la partecipazione delle persone.

11 10 ADAPT2DC Azioni Pilota I pazienti hanno avuto la possibilità di testare un controllo-ecg su base remota. Potendo rimanere tranquillamente a casa, non sono stati disturbati nella loro routine quotidiana e, allo stesso tempo, i dati relativi necessari alla salute sono stati trasmessi in ospedale. Il servizio di Tele-ECG è molto utile per diagnosticare alcuni disturbi. I partecipanti hanno riferito che sarebbero interessati a utilizzare nuovamente il servizio. In alcuni casi, la telemedicina è necessario per diagnosticare disturbi del ritmo cardiaco e malattie cardiovascolari; tuttavia, la disponibilità di questo tipo di servizi è ancora insufficiente. Mirosław Dróżdż MD, cardiologo, responsabile dell Ospedale St. Ann in Miechów Come si attua questo miglioramento? Il programma di tele-medicina ha fruttato benefici diretti e indiretti. Tra i vantaggi diretti: risparmi legati ad una migliore organizzazione del servizio, derivanti dalla diminuzione della necessità di trasporto (i pazienti sono stati visitati in casa, senza bisogno di recarsi presso un medico) e meno tempo speso da personale medico. Tutto ciò genera anche un risparmio indiretto, ovvero il contributo apportato al servizio di tele-medicina per ciò che concerne la diagnosi precoce delle malattie:se i pazienti vengono monitorati frequentemente, eventuali irregolarità nei loro dati sanitari possono essere identificati rapidamente, e questo porta alla diagnosi precoce di un problema. E ampiamente riconosciuto che più tardi una malattia viene diagnosticata, più i costi di trattamento aumentano. Pertanto, l uso della telemedicina può anche ridurre i costi del sistema sanitario globale nel lungo periodo. Per maggiori informazioni, consultare la Output (Telemedicina Relazione finale Azione Pilota in Malopolska) e/o la sezione ( Valutazione congiunta di azioni pilota ).

12 ADAPT2DC Azioni Pilota 11 Centro Multiservizi: un modo conveniente di erogare servizi di base in zone isolate e periferiche Dove? Ostana, Valle Po, Italia Perché? L azione pilota consiste nella creazione di un centro multi-servizi. Nella piccola comunità montana di Ostana, questo porta nuove offerte che in precedenza non erano disponibili e allo stesso tempo fornisce servizi già esistenti in modo più efficiente. Che cosa? Il centro è organizzato come un punto di incontro che raggruppa diversi servizi dedicati a residenti e visitatori. Esso offrirà la possibilità di acquistare prodotti regionali, e di fornire informazioni e strumenti complementari, lavorando anche come comunicazione e punto di incontro per persone di diverse generazioni. Il centro comprende i seguenti servizi: Un luogo stabile di incontro per le associazioni locali Una biblioteca Un negozio di prodotti alimentari locali Il coordinamento di un albergo diffuso, che collega i B&B della zona Un internet point Servizio di car sharing Il punto informazioni Convenzione delle Alpi Le attività che hanno fatto parte dell azione pilota sono state: designazione di un edificio adeguato, trovare un responsabile per il centro, la ristrutturazione del palazzo, l accordo con i produttori agricoli locali per la fornitura di frutta e verdura fresca, l apertura del centro, una campagna di comunicazione e promozione dei nuovi servizi. Tutto questo è stato attuato in stretta collaborazione con il Comune locale (per i lavori di ristrutturazione è stato disponibile un finanziamento esterno). Come si attua questo miglioramento? In primo luogo, il centro ora offre diversi servizi, precedentemente offerti separatamente. Ad esempio, la biblioteca e il punto informativo turistico erano precedentemente gestiti da dipendenti del comune, e ciascuno doveva essere finanziato separatamente. Non solo è più conveniente combinare questi servizi in un unico edificio (parola chiave: sinergia), ma ora anche l orario di apertura (e quindi disponibilità) di ogni servizio è aumentato. In secondo luogo, sono stati aggiunti alcuni servizi, che in precedenza non erano disponibili a tutti in Ostana. In questo modo, gli abitanti locali e i turisti hanno ora la possibilità di acquistare cibo di produzione locale, così come i giornali, medicinali, ecc.., direttamente a Ostana, invece di dover andare in un altra città. Questo permette non solo di risparmiare tempo e costi di carburante, ma anche diminuire le emissioni di CO 2. Per maggiori informazioni, consultare la sezione ( Centro Multiservizi Relazione finale Azione Pilota in Italia) e/o la sezione ( Valutazione congiunta di azioni pilota ). Anche se non è facile per i piccoli comuni mantenere un numero minimo di servizi vivi, le possibilità offerte dalla collaborazione di diversi soggetti in un centro comune può portare risultati sorprendenti. Giacomo Lombardo Sindaco di Ostana

13 12 ADAPT2DC Azioni Pilota Promuovere il ritorno delle donne nel mercato del lavoro, con il lancio di servizi di cura integrati per i bambini Dove? Microregione Jászság nella regione Észak-Alföld, Ungheria Perché? L obiettivo dell azione pilota è di razionalizzare i servizi di cura per bambini per lanciare attività di asilo nido che agiscono su bisogni specifici. In Ungheria, solo una piccola percentuale di donne ritorna al loro lavoro subito dopo il parto (rispetto ad altri paesi europei). Solo il 7% dei bambini sotto i tre anni di età frequenta asili nido. Un miglioramento delle offerte di assistenza all infanzia è considerato un passo importante per dare più opzioni alle donne. Che cosa? Il risultato principale dell azione pilota è stata la conduzione di uno studio di fattibilità proposto per tre città (Jánoshida, Jászfényszaru, Jászárokszállás) della regione pilota, considerando il contesto giuridico e locale. Lo studio si concentra sui servizi di asilo nido. In Ungheria ci sono asili nido tradizionali, che offrono un programma pedagogico per il quale è necessario un personale professionale, nonché alcuni edifici con spazio per gruppi di bambini; ma ci sono anche asili nido che possono essere istituiti in case private in quanto i gruppi sono molto più piccoli (fino a 7 bambini) e i requisiti legali sono meno severi. Pertanto questi asili nido sono meno costosi per i genitori. Essi possono essere considerati come una piccola impresa e il personale ha sì bisogno di una certa quantità di formazione, ma non tanto quanto un maestro d asilo effettivo. Un altro vantaggio è che i bambini possono essere distribuiti in modo uniforme nella regione, anche nei piccoli comuni, considerando che gli asili sono di solito in località centrali e quindi difficile da raggiungere per alcuni genitori. Lo studio offre tre modelli operativi per i bambini di asili nido. Esso è stato effettuato sulla base di un insieme ampio di dati, interviste con attori locali, e sulla base di un analisi del bilancio e delle spese necessarie per ciascuno dei tre modelli. Ciascuno dei tre modelli riflette una situazione diversa, con esigenze e opportunità differenti. Il modello 1 è considerato base, e comprende la supervisione di bambini per 8 ore / giorno. Il modello 2 si basa sulla supervisione dei bambini con orario uguale a quello dei comuni asili nido. Il modello 3 si adatta in base alle necessità dei genitori. Su questa base, le raccomandazioni politiche Un risultato diretto dell azione pilota di ADAPT2DC consiste nel fatto che otterremo un sussidio dal Comune. Con un po di fortuna, presenteremo un progetto che potrà ottenere supporto finanziario dalla provincia Jász-Nagykun- Szolnok, attraverso il Programma di Sviluppo Regionale. Grazie per il vostro aiuto! Ibolya Nyíri Asilo infantile Manósziget

14 ADAPT2DC Azioni Pilota 13 sono state stabilite sia per il livello micro sia per quello il livello macro. Queste sono state presentate ai politici in diverse conferenze, e le strategie raccomandate sono ora incluse in diversi piani di sviluppo nazionali e regionali. Come si attua questo miglioramento? L avvio di asili nido di questo tipo per bambini è finanziariamente più vantaggioso per i comuni locali che aprire asili nido tradizionali. Inoltre, lo studio ha stimato i possibili costi per ogni modello di asilo nido. Ciò dimostra che gli asili nido gestiti in collaborazione sono meno costosi di quelli singoli istituti e inoltre certifica che la cooperazione con la chiesa è vantaggiosa. Nel caso in cui le raccomandazioni dello studio vengano attuate, l offerta di assistenza all infanzia nella regione aumenterebbe e diverrebbe più efficiente, consentendo a sua volta a più donne di tornare al lavoro. A lungo termine questo sarà vantaggioso per l autosufficienza delle donne e il PIL complessivo. L inclusione di tali strategie in piani di sviluppo sono un primo passo verso questo obiettivo. Per maggiori informazioni, consultare la sezione (Relazione finale Azione Pilota Baby in Észak- Alföld) e/o la sezione ( Valutazione congiunta di azioni pilota ).

15 14 ADAPT2DC Azioni Pilota Strumenti innovativi per gestire il sovradimensionamento delle infrastrutture pubbliche (case popolari, strade), al fine di ridurre i costi di manutenzione delle stesse. Dove? Maribor, Slovenia Perché? Questa azione pilota mira a trovare soluzioni per ridurre le spese comunali per il mantenimento di edifici pubblici e strade. L approccio principale è quello di utilizzare diversi strumenti di riduzione dei costi sulla stessa area pilota (Maribor). La città deve affrontare una diminuzione della popolazione, e di conseguenza l esistenza di infrastrutture sovradimensionate. Che cosa? L azione pilota è iniziata con la mappatura geografica e l analisi delle infrastrutture di proprietà pubblica (case popolari, strade) a Maribor, al fine di individuare le potenzialità di riduzione dei costi di manutenzione. Nella fase successiva è stata effettuata la stima quantitativa dei possibili risparmi per i singoli edifici selezionati. Più specificatamente, sono stati sviluppati tre strumenti user friendly per i calcoli del risparmio e testati per l analisi dell area pilota di Maribor: intensificare l uso degli edifici pubblici: lo sviluppo del sottotetto di edifici con l obiettivo di ridurre i costi di manutenzione degli edifici per metro quadrato (m 2 ), introdurre un parcheggio con l obiettivo di ridurre i costi di manutenzione strade per m 2 e per generare reddito supplementare, risparmiare sui costi di energia elettrica per l illuminazione stradale, sostituendo le lampade con i LED. L algoritmo sviluppato è di facile utilizzo, e si basa su un analisi effettuata attraverso un foglio di calcolo. I fogli di calcolo consentono agli utenti di modificare facilmente i parametri di input e di utilizzare questo strumento senza limite. Lo strumento è semplice da usare in quanto si basa sull u-

16 ADAPT2DC Azioni Pilota 15 tilizzo di un foglio di calcolo, ma è anche innovativo in quanto applica un software GIS. Come si attua questo miglioramento? Lo strumento è stato testato nella città di Maribor e sono stati calcolati possibili risparmi sui costi: si è ottenuto circa il 14% in media di risparmio per metro quadrato nel caso dello sviluppo del sottotetto di edifici, una riduzione di circa il 28% dei costi di manutenzione per la strada nel caso in cui venga introdotto un parcheggio (più il reddito ottenuto dalle tasse di parcheggio), e circa il 68% di calo dei consumi di energia elettrica di illuminazione stradale nel caso in cui le lampade Il progetto ADAPT2DC ha sollevato la questione circa la necessità di adeguare la pianificazione comunale ai cambiamenti demografici. La strategia transnazionale è un contributo importante alla mitigazione degli effetti negativi della contrazione nella regione di Maribor. Comune di Maribor siano sostituite da LED (in questo caso anche 10 tonnellate di emissioni di CO2 sarebbero evitate ogni anno). Queste misure richiedono ovviamente degli investimenti, che verranno però ammortizzati nel tempo. Per maggiori informazioni, consultare la sezione ( Strumenti per gestire l infrastruttura sovradimensionato Relazione finale Pilot Action a Maribor) e/ o la sezione ( Valutazione congiunta di azioni pilota ).

17 16 ADAPT2DC Azioni Pilota Ridurre i costi di manutenzione degli edifici pubblici attraverso misure di efficienza energetica Dove? Vejprty in Ústí, Repubblica Ceca Perché? La spesa per gli edifici pubblici può essere un onere per il bilancio comunale, uno dei principali fattori per i quali stanno aumentando i costi. Anche un utilizzo più efficiente degli edifici sarebbe in grado di ridurre la spesa. L azione pilota in Ústí è stata la proposta di un modello di amministrazione per i comuni che consentisse una riduzione dei costi di manutenzione degli edifici pubblici. Il denaro risparmiato può essere utilizzato per investimenti in altre attività utili a tutta la comunità. Che cosa? Il modello di amministrazione proposto è un insieme di passi verso l efficienza degli edifici pubblici e dei fondi pubblici. Prima di tutto è stata effettuata un analisi dei documenti strategici ed è stata fornita un analisi dei costi di funzionamento e manutenzione, basata sulla gestione comunale degli ultimi 3 anni. Poi sono stati selezionati gli edifici che gravano di più sul bilancio pubblico (soprattutto in termini di spese di funzionamento). È stata quindi proposta una ottimizzazione generale, che riassume varie opzioni di misure di contenimento energetiche, a partire dall isolamento di base degli edifici per lo sviluppo dei cosiddetti edifici intelligenti. Sono stati selezionati tre edifici adibiti a scopi differenti. Per essere in grado di quantificare i risparmi, sono stati effettuate diagnosi energetiche per poter quantificare le spese e risparmi per gli edifici specifici. Ma il risparmio energetico non porta ad alcun effetto senza l uso concreto degli edifici. Pertanto, nell ambito dell azione pilota è stato valutato il possibile uso futuro degli edifici in questione. I tre edifici (su cui è stato testato il modello) sono stati i seguenti: istituto per disabili (l'edificio rimarrà una casa per le persone con disabilità in futuro); centro di salute Vejprty (l'edificio servirà in futuro da centro di salute e in parte da residenziale); edificio attualmente inutilizzato; originariamente utilizzato come un centro ricreativo della società (i locali potranno in futuro servire come un edificio amministrativo per conferenze).

18 ADAPT2DC Azioni Pilota 17 Le misure proposte sono state poi presentate al consiglio comunale. L'investimento in misure di ristrutturazione di efficienza energetica deve essere fatta dal comune, tuttavia l'azione pilota mostra il compromesso tra costi a breve e lungo termine. Come si attua questo miglioramento? Le misure per il risparmio energetico nella maggior parte dei casi consistono in misure di isolamento. Per ciascuna misura proposta, il risparmio energetico è stato calcolato in MWh/anno. Per i singoli edifici tra 4300 e 5900 possono essere risparmiati ogni anno in termini di costi energetici. Inoltre, la proposta di riutilizzo di edifici attualmente inutilizzati andrà a beneficio del bilancio comunitario per generare reddito supplementare attraverso gli affitti. Per maggiori informazioni, consultare la sezione (Relazione finale Pilot Action risparmio energetico negli edifici pubblici in Usti) e/o la sezione ( Valutazione congiunta di azioni pilota ). La questione del mantenimento degli edifici pubblici è strettamente collegata ad altri settori nella vita dei cittadini di Vejprty, quali l assistenza sociale e sanitaria. Credo che i risultati dell azione pilota di ADAPT2DC assicureranno la provvigione di adeguati servizi sociali e sanitari per i cittadini della città e dei suoi dintorni. Inoltre i costi di mantenimento degli edifici pubblici saranno effettivamente valutati. La città di Vejprty risparmierà risorse pubbliche grazie all implementazione delle misure di contenimento dei consumi energetici; tali risparmi saranno reinvestiti per lo sviluppo futuro della città. Jitka Gavdunová Sindaco di Vejprty

19 18 ADAPT2DC Azioni Pilota Demography Coaching Dove? Saale-Orla-Kreis in Turingia e Oberfranken-Ost in Baviera, Germania Perché? Le azioni pilota in Germania sono state differenti rispetto a quelle intraprese negli altri Paesi: le migliori idee sono state individuate attraverso un processo bottom-up (dal basso verso l alto). L obiettivo era quello di imparare dagli stakeholder locali quali sono i problemi più urgenti nelle loro aree, e di applicare le buone idee che erano già in discussione. Che cosa? Un esperto esterno (il coach ) è stato incaricato di lavorare con le figure istitutive più importanti di una regione particolare, al fine di individuare le misure necessarie. Le misure si concentrano sulle opportunità di risparmio di costi e su un efficiente fornitura di infrastrutture. Così, il coach ha in primo luogo avviato un processo di comunicazione con tutte le parti interessate, come i sindaci, il Landratsamt (ufficio distrettuale), le associazioni civili e i fornitori delle infrastrutture. In questo modo, sono state identificate le possibilità di azioni pilota su piccola scala. In ogni regione, sono state attuate tre azioni pilota di piccole dimensioni. Come si attua questo miglioramento? Il vantaggio di avere un coach esterno è dato dal fatto che questo esperto può occuparsi di questioni trasversali giorno per giorno che normalmente non sono in prima linea, come le attività di amministrazione, che sono spesso coinvolte solo in modo settoriale. Inoltre, il coach esterno può comunicare con tutti le figure istitutive rilevanti della regione senza relazioni precedenti (cioè senza preferenze preesistenti o avversioni nei confronti di qualsiasi istituzione). Nelle pagine seguenti troverete le descrizioni delle azioni che sono state attuate dai coach demografici in Germania Per maggiori informazioni, consultare la sezione (Relazione finale Pilot Action coaching demografico in Usti) e/o la sezione ( Valutazione congiunta di azioni pilota ).

20 ADAPT2DC Azioni Pilota 19 KombiBus (combinazione di trasporto pubblico con il trasporto merci) Dove? Distretto Saale-Orla in Turingia Perché? Per KombiBus si intende il trasporto di merci all interno del trasporto pubblico normale in autobus. E quindi una sorta di combinazione tra trasporto di merci e trasporto pubblico. Per esempio, attraverso questo servizio, un produttore regionale di latte potrebbe inviare alcune bottiglie di latte al mercato del contadino nella città vicina. L input per la realizzazione del KombiBus è dato dal declino della compagnie di autobus dovuto alla diminuzione del numero di passeggeri. Il KombiBus è un opportunità sia per la compagnia di autobus (che percepisce un reddito aggiuntivo) sia L idea di utilizzare i nostri bus per la consegna delle merci non è nuova. Ma fino all arrivo del coach ci mancava il tempo e l energia per poterlo attuare. Bert Hamm CEO di Kombus GmbH per le società regionali (chi possono utilizzare questo metodo poco costoso per il trasporto di merci). L idea in origine è stata pensata dalla compagnia di autobus regionale. Cosa è successo? Il coach ha avviato due studi con l aiuto di esperti: il primo riguardava la fattibilità giuridica (ci sono ragioni giuridiche che impediscono la KombiBus?), il secondo riguardava il potenziale di mercato (chi saranno tutti gli utenti di questo nuovo servizio?). Dopo i risultati di entrambi gli studi sono hanno dato esiti positivi, la compagnia di autobus ha deciso di distribuire una prima linea bus di questo tipo per verificare se l idea funzionasse anche nella pratica. A questo scopo, sono state effettuate ulteriori analisi dal punto della compagnia di autobus (acquistare di scatole idonee al trasporto, raggiungere un accordo con gli autisti, applicare un sistema di tariffazione, ecc.) Come si attua questo miglioramento? Si prevede che questo nuovo servizio genererà reddito supplementare per la compagnia di autobus, che è attualmente in perdita. In tal modo, la sostenibilità del trasporto pubblico è assicurato, la quale mantiene anche la qualità della vita per la popolazione. Allo stesso tempo, le aziende locali hanno la possibilità di trasportare le loro merci ad altri punti del distretto in modo economico e veloce, e ciò permette un ulteriore risparmio, evitando gli elevati costi di spedizione delle società apposite. Per maggiori informazioni, consultare la sezione (Relazione finale Azione Pilota Coaching Demografico nel Distretto Saale-Orla) e /o la sezione ( Valutazione congiunta di azioni pilota ).

progetto & metodologia

progetto & metodologia Smart locations for better liveability progetto & metodologia Partner Istituto di Pianificazione Regionale ed Edilizia di Salisburgo Studio di Ricerca ispace Dipartimento di Pianificazione Urbana di Monaco

Dettagli

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956)

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956) Allegato B BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956) In risposta all obiettivo dell UE di garantire a tutti i cittadini

Dettagli

I MERCATI DANNO VITA ALLE CITTA IN TUTTA EUROPA

I MERCATI DANNO VITA ALLE CITTA IN TUTTA EUROPA 2 I MERCATI DANNO VITA ALLE CITTA IN TUTTA EUROPA I MERCATI SONO UNO STRUMENTO CHIAVE DI SVILUPPO DELLA RIGENERAZIONE URBANA, DI STILI DI VITA SOSTENIBILI, DELL OCCUPAZIONE E IMPRENDITORIALITÀ NELLE CITTÀ.

Dettagli

Ti presento il POR FESR

Ti presento il POR FESR UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale CONCORSO ALLA SCOPERTA DEL POR LOMBARDIA. Seconda edizione Ti presento Guida alle tematiche del concorso Alla scoperta del POR Lombardia 1 1. La politica

Dettagli

EURES vi aiuta ad assumere in Europa

EURES vi aiuta ad assumere in Europa EURES vi aiuta ad assumere in Europa Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES vi aiuta ad assumere in Europa State cercando di formare una forza lavoro

Dettagli

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave MEMO/08/XXX Bruxelles, 16 ottobre 2008 La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave La Commissione europea pubblica oggi il resoconto annuale delle tendenze sociali negli Stati

Dettagli

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI?

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Il piano di investimenti per l Europa consisterà in un pacchetto di misure volte a sbloccare almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati

Dettagli

Risoluzione delle regioni ARGE ALP sulla società dell informazione e la politica infrastrutturale

Risoluzione delle regioni ARGE ALP sulla società dell informazione e la politica infrastrutturale ARBEITSGEMEINSCHAFT ALPENLÄNDER COMUNITÀ DI LAVORO REGIONI ALPINE Risoluzione delle regioni ARGE ALP sulla società dell informazione e la politica infrastrutturale approvata dalla 40a Conferenza dei Capi

Dettagli

INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA

INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA Contributo di Claudio Garbelli La Commissione Europea ha recentemente proposto il Regolamento del Parlamento Europeo e del Consiglio sulla istituzione

Dettagli

NEWSLETTER N. 6 LUGLIO 2014

NEWSLETTER N. 6 LUGLIO 2014 NEWSLETTER N. 6 LUGLIO 2014 Caro lettore, La newsletter che hai nelle tue mani è l ultimo numero delle newsletter di MANERGY. Il progetto, iniziato nel Maggio del 2011, è infatti giunto al termine. Negli

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 1 Il quarto Quadro strategico del Fondo regioni, di insicurezza alimentare

Dettagli

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO. che accompagna il documento

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO. che accompagna il documento COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 30.1.2014 SWD(2014) 29 final DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO che accompagna il documento Proposta di REGOLAMENTO DEL

Dettagli

Terza sessione del corso di formazione. Incontro di partenariato

Terza sessione del corso di formazione. Incontro di partenariato Newsletter n.5 Promuovere lo sviluppo sociale regionale incoraggiando il NETworking tra stakeholder pubblici e volontari al fine di incentivare l innovazione nella fornitura di servizi di assistenza socio-sanitaria

Dettagli

L Agenda Sociale Europea

L Agenda Sociale Europea L Agenda Sociale Europea La politica sociale europea La politica sociale e per l'occupazione dell'unione Europea mira a promuovere l'occupazione, il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro,

Dettagli

GLI INDICATORI. 1. I dati del comune di Casal di Principe. Processo di Attivazione Agenda 21 Locale Casal di Principe

GLI INDICATORI. 1. I dati del comune di Casal di Principe. Processo di Attivazione Agenda 21 Locale Casal di Principe GLI INDICATORI 1. I dati del comune di Casal di Principe Il comune di Casal di Principe ha prodotto i dati necessari per l elaborazione dei seguenti Indicatori Comuni Europei: 1, 3, 4 e 6, per i quali

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE The New Climate Economy Report EXECUTIVE SUMMARY La Commissione Mondiale per l Economia ed il Clima fu istituita per esaminare se sia possible ottenere una crescita economica

Dettagli

Collaboriamo insieme per una visione comune

Collaboriamo insieme per una visione comune Collaboriamo insieme per una visione comune OTTOBRE 2015 Servizio Progetti Speciali e Politiche per l Innovazione Comune di Savona Resp. Geom. ENNIO ROSSI AVVIO DI UN PERCORSO NUOVO Cosa si intende per

Dettagli

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Udine Italy 15 Settembre 2015 Wania Moschetta Regione Friuli Venezia Giulia This programme

Dettagli

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità La spesa sociale dei Comuni Nel 2012 (ultimo dato disponibile) i Comuni italiani, singoli o associati, hanno speso per interventi e servizi sociali sui

Dettagli

STRATEGIA DELL'UNIONE EUROPEA PER LA REGIONE ALPINA (EUSALP) - CONSULTAZIONE PUBBLICA / QUESTIONARIO

STRATEGIA DELL'UNIONE EUROPEA PER LA REGIONE ALPINA (EUSALP) - CONSULTAZIONE PUBBLICA / QUESTIONARIO Case Id: 26c91486-b59d-4b3f-9ccd-ae0238a073a4 STRATEGIA DELL'UNIONE EUROPEA PER LA REGIONE ALPINA (EUSALP) - CONSULTAZIONE PUBBLICA / QUESTIONARIO Fields marked with are mandatory. L'obiettivo generale

Dettagli

Riepilogo del progetto

Riepilogo del progetto Riepilogo del progetto 1. Contesto e scopo della agenda strategica Le malattie neurodegenerative (MN) sono condizioni debilitanti e in gran parte incurabili, strettamente legate all'invecchiamento. Tra

Dettagli

EUROPA 2020. TRE priorità. conoscenza e sull'innovazione; profilo delle risorse, più verde e più competitiva;

EUROPA 2020. TRE priorità. conoscenza e sull'innovazione; profilo delle risorse, più verde e più competitiva; EUROPA 2020 TRE priorità crescita intelligente sviluppare un'economia basata sulla conoscenza e sull'innovazione; crescita sostenibile promuovere un'economia più efficiente sotto il profilo delle risorse,

Dettagli

Per una buona pratica nella gestione di progetti di connettività wireless in aree svantaggiate

Per una buona pratica nella gestione di progetti di connettività wireless in aree svantaggiate CARTA DI FIRENZE Per una buona pratica nella gestione di progetti di connettività wireless in aree svantaggiate Firenze, Palazzo Medici Sala Luca Giordano Giovedì 9 novembre 2006 CARTA DI FIRENZE per una

Dettagli

Innovazione tecnologica applicata. Autore Vincenzo Gullà. La telemedicina per la non Autosufficienza

Innovazione tecnologica applicata. Autore Vincenzo Gullà. La telemedicina per la non Autosufficienza Innovazione tecnologica applicata. Autore Vincenzo Gullà Vogliamo riprendere il nostro viaggio attraverso le tecnologie per andare a vedere come la telemedicina può essere di aiuto nella non autosufficienza

Dettagli

Il Manuale per gli Insegnanti Come organizzare il Gioco del Traffico nella tua scuola

Il Manuale per gli Insegnanti Come organizzare il Gioco del Traffico nella tua scuola Il Manuale per gli Insegnanti Come organizzare il Gioco del Traffico nella tua scuola Indice 1. INTRODUZIONE 3 1.1 Cos è il Gioco del Traffico? 3 1.2 Perché partecipare al Gioco del Traffico? 3 1.3 Tempistica

Dettagli

Project Cycle Management

Project Cycle Management CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 3 Project Cycle Management DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 Perché il Project Cycle Management? Esperienze pregresse -Quadro

Dettagli

Una storia di Telemedicina: il progetto di assistenza domiciliare agli anziani di Casorate Primo (PV)

Una storia di Telemedicina: il progetto di assistenza domiciliare agli anziani di Casorate Primo (PV) Una storia di Telemedicina: il progetto di assistenza domiciliare agli anziani di Casorate Primo (PV) Ing Vincenzo Gullà ADiTech Srl- L evoluzione in termini di crescita numerica della popolazione Europea

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI CITTADINI SULLA CITTÀ DEL FUTURO (Sintesi)

DICHIARAZIONE DEI CITTADINI SULLA CITTÀ DEL FUTURO (Sintesi) DICHIARAZIONE DEI CITTADINI SULLA CITTÀ DEL FUTURO (Sintesi) Siamo un gruppo di ventisei cittadini europei di età, professioni e paesi diversi. Non siamo degli specialisti in materia di sviluppo sostenibile

Dettagli

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA Agenda di Bologna 27 gennaio 2012 1. L area Padano-Alpino-Marittima è caratterizzata da una notevole varietà

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 24.6.2009 COM(2009) 282 definitivo RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO sull applicazione del regolamento (CEE) n. 259/93

Dettagli

Newsletter novità europee 4/2012

Newsletter novità europee 4/2012 (Documento1 / 10/07/12) Newsletter novità europee 4/2012 Indice Eurobarometro 2 Monitoraggio dell impatto sociale della crisi 2 Finanziamenti 2 Banca del Consiglio d'europa per abitazioni per persone a

Dettagli

6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE. Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro

6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE. Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Piano nazionale infrastrutturale per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica (PNire)

Piano nazionale infrastrutturale per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica (PNire) Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento per le Infrastrutture, i Sistemi Informativi e Statistici Direzione Generale per lo Sviluppo del territorio, la programmazione ed i progetti

Dettagli

Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition. Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005

Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition. Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005 Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition Summary in Italian Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005 Riassunto in italiano L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

Libro verde sulla coesione territoriale. Note in risposta alle domande per il dibattito. Autore: Alberto Cardino. Parma (Italia), 25 Febbraio 2009

Libro verde sulla coesione territoriale. Note in risposta alle domande per il dibattito. Autore: Alberto Cardino. Parma (Italia), 25 Febbraio 2009 Libro verde sulla coesione territoriale Note in risposta alle domande per il dibattito Autore: Alberto Cardino Parma (Italia), 25 Febbraio 2009 Il presente documento rappresenta un contributo personale

Dettagli

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione 44 FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI IL PACCHETTO DI INVESTIMENTI SOCIALI PER LA CRESCITA E LA COESIONE È LO STRUMENTO CREATO DALL UNIONE EUROPEA PER CONTRASTARE LA POVERTÀ E L EMARGINAZIONE SOCIALE. L ARTICOLO

Dettagli

3x3 buone ragioni per Emas. Incrementa le performance ambientali con il migliore standard di gestione ambientale

3x3 buone ragioni per Emas. Incrementa le performance ambientali con il migliore standard di gestione ambientale 3x3 buone ragioni per Emas Incrementa le performance ambientali con il migliore standard di gestione ambientale 1 2 3 4 5 6 7 8 9 INDICE INTRODUZIONE 3X3 BUONE RAGIONI PER EMAS INTRODUZIONE pag. 1 EMAS

Dettagli

POLITICHE PER LA FAMIGLIA

POLITICHE PER LA FAMIGLIA Segreteria Confederale Servizio Politiche di Cittadinanza e della Salute POLITICHE PER LA FAMIGLIA Documento in preparazione alla Conferenza sulla Famiglia 1 Premessa I provvedimenti del Governo sono serviti

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 3.3.2009 COM(2009) 103 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Migliorare l accesso alle tecnologie dell informazione

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO 1. Caratteristiche dell impresa 2. Addetti e Fatturato 3. L impresa e il Territorio 4. L impresa e il Consorzio 1 -QUESTIONARIO

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Indice p. 1. Introduzione p. 2. I Benefici quantificabili offerti dalle tariffe dell energia elettrica p. 3

Indice p. 1. Introduzione p. 2. I Benefici quantificabili offerti dalle tariffe dell energia elettrica p. 3 Energia elettrica: a quanto ammontano i risparmi aggiuntivi che derivano dai servizi accessori offerti con Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 I Benefici quantificabili offerti dalle tariffe dell energia

Dettagli

Una soluzione di collaborazione completa per aziende di medie dimensioni

Una soluzione di collaborazione completa per aziende di medie dimensioni Una soluzione di collaborazione completa per aziende di medie dimensioni La tua azienda è perfettamente connessa? È questa la sfida cruciale dell attuale panorama aziendale virtuale e mobile, mentre le

Dettagli

La Cooperativa Edilizia G. Di Vittorio a proprietà indivisa

La Cooperativa Edilizia G. Di Vittorio a proprietà indivisa La Cooperativa Edilizia G. Di Vittorio a proprietà indivisa giovedì, 27 febbraio piano strategico Massimo Rizzo SETTORE COSTRUZIONI IN PIEMONTE - LA CRISI è PIU DI UNA REALTA - Imprese storiche (e anche

Dettagli

Progetto per la costruzione e gestione di Farmacie sociali nelle zone periferiche della Provincia di Maputo Mozambico

Progetto per la costruzione e gestione di Farmacie sociali nelle zone periferiche della Provincia di Maputo Mozambico Progetto per la costruzione e gestione di Farmacie sociali nelle zone periferiche della Provincia di Maputo Mozambico Organizzazione proponente Africa ON onlus Viale Brigata Bisagno, 4/6 16129 Genova -

Dettagli

La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull

La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull innovazione. Sostenibile per promuovere un economia più efficiente

Dettagli

Consumo troppo? Cosa fare? L approccio del FM al tema dell energia negli immobili esistenti

Consumo troppo? Cosa fare? L approccio del FM al tema dell energia negli immobili esistenti Consumo troppo? Cosa fare? L approccio del FM al tema dell energia negli immobili esistenti Relatori: Emilio Giacomini Responsabile Area Operativa Ceg Facility Raffaele Tardi Energy Manager Ceg Facility

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 6. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 6. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 6 Angelo Bonomi ECONOMIA E AMBIENTE Il documento Draft Reference Document on Economics and Cross- Media Effects

Dettagli

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it Il piano generale di sviluppo 2010-2014 1 Cos è il piano generale di sviluppo Uno degli strumenti di programmazione e di rendicontazione finanziaria di mandato Citato (solamente citato) in due norme sull

Dettagli

TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi

TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi Gentili ospiti e convenuti, dopo un incontro così denso di interventi e ricco di stimoli cercare di tirare

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Territori competitivi Le leve dello sviluppo regionale

Territori competitivi Le leve dello sviluppo regionale Perché la crisi non diventi declino Idee e proposte per Veneto 2015 Territori competitivi Le leve dello sviluppo regionale Vicenza, 6 luglio 2013 Giancarlo Corò Sommario 1. Tendenze di lungo periodo dell

Dettagli

Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi

Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi Soluzioni per la gestione di risorse e servizi A supporto dei vostri obiettivi di business Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi Utilizzate

Dettagli

Interreg MED 2014-2020

Interreg MED 2014-2020 Interreg MED 2014-2020 http://interreg-med.eu/en/first-call-for-project-proposals/ Lo scorso 23 giugno a Marsiglia si è aperto ufficialmente il programma di cooperazione transnazionale Interreg MED. Queste

Dettagli

TRANSPORT LEARNING Corsi di formazione rivolti ad amministratori pubblici ed agenzie per l energia

TRANSPORT LEARNING Corsi di formazione rivolti ad amministratori pubblici ed agenzie per l energia TRANSPORT LEARNING Corsi di formazione rivolti ad amministratori pubblici ed agenzie per l energia istockphoto Contenuti Caro Lettore, Breve presentazione dei nostri servizi... 2 Creare una base di conoscenze

Dettagli

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Tiziana Dell Olmo Regione Piemonte, Settore Programmazione Macroeconomica Biella, 28 gennaio

Dettagli

Divisione. Modernisation & Development. Soluzioni innovative al passo con il mercato.

Divisione. Modernisation & Development. Soluzioni innovative al passo con il mercato. Divisione Modernisation & Development Soluzioni innovative al passo con il mercato. Come ricavare il massimo dal proprio portafoglio immobiliare? Puntando sullo sviluppo di nuovi progetti che rispondano

Dettagli

Master progettazione urbana sostenibile. L'organizzazione dell'impresa e del progetto Coopcasa a Brescia

Master progettazione urbana sostenibile. L'organizzazione dell'impresa e del progetto Coopcasa a Brescia Master progettazione urbana sostenibile L'organizzazione dell'impresa e del progetto Coopcasa a Brescia - Cooperativa e sostenibilità - Risorse umane e Coop casa Brescia Il bilancio sociale e il processo

Dettagli

Modelli di finanziamento innovativi per investimenti nell efficienza energetica: Progetto Europeo MARTE

Modelli di finanziamento innovativi per investimenti nell efficienza energetica: Progetto Europeo MARTE Modelli di finanziamento innovativi per investimenti nell efficienza energetica: Progetto Europeo MARTE Fabio Travagliati Regione Marche Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE Fondi Strutturali

Dettagli

l imprenditoria sociale

l imprenditoria sociale L iniziativa per l imprenditoria sociale della Commissione europea Mercato interno e servizi Per la versione elettronica di questo opuscolo, consultare: http://ec.europa.eu/internal_market/publications/docs/sbi-brochure/sbi-brochure-web_it.pdf

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL

MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL Utilizzare la Location Intelligence come vantaggio competitivo L O C AT I O N L O C AT I O N L O C AT I O N! MapInfo fornisce soluzioni per l analisi spaziale e la visualizzazione

Dettagli

Guida al dialogo civile per la promozione dell inclusione sociale delle persone anziane

Guida al dialogo civile per la promozione dell inclusione sociale delle persone anziane Dicembre 2010 Contenuti 1 1 2 2 3 7 8 9 10 12 12 14 16 17 17 19 20 Prefazione Contesto Definizione del dialogo civile I. Le buone pratiche del dialogo civile in materia di invecchiamento Il dialogo civile

Dettagli

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Dipartimento Politiche della Persona Venerdì 23 maggio 2014 Sala A Consiglio Regionale della Basilicata 1 9.3 Aumento/ consolidamento/qualificazione

Dettagli

Programma Spazio Alpino 2014+ Presentazione

Programma Spazio Alpino 2014+ Presentazione Programma Spazio Alpino 2014+ Presentazione Presentazione Attraverso questo documento si vuole offrire a una breve presentazione dei principali elementi del Programma di Cooperazione Territoriale Spazio

Dettagli

REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013. I servizi per l infanzia. Roma 27 ottobre 2011

REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013. I servizi per l infanzia. Roma 27 ottobre 2011 REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013 Politiche nel campo dell inclusione sociale I servizi per l infanzia Roma 27 ottobre 2011 1 LE PRIORITA DEL WELFARE PUGLIESE Rimettere le persone al centro delle politiche

Dettagli

LE STRATEGIE EUROPEE PER IL TURISMO 27 NOVEMBRE 2014

LE STRATEGIE EUROPEE PER IL TURISMO 27 NOVEMBRE 2014 LE STRATEGIE EUROPEE PER IL TURISMO 27 NOVEMBRE 2014 q Il Trattato di Lisbona riconosce espressamente l'importanza del turismo all'articolo 195. q L articolo 195 è stato inserito affinché l Unione europea

Dettagli

Introduzione. Si prevede che Internet of Everything generi almeno 613 miliardi di dollari di profitti aziendali globali nell'arco del 2013.

Introduzione. Si prevede che Internet of Everything generi almeno 613 miliardi di dollari di profitti aziendali globali nell'arco del 2013. Internet of Everything (IoE) I 10 risultati principali del sondaggio IoE Value Index di Cisco, condotto su un campione di 7.500 responsabili aziendali in 12 paesi Joseph Bradley Jeff Loucks Andy Noronha

Dettagli

Progetto MORECO. 1. Introduzione. 2. Descrizione del progetto Mobilità e costi residenziali. Ottobre 2011 Numero 1

Progetto MORECO. 1. Introduzione. 2. Descrizione del progetto Mobilità e costi residenziali. Ottobre 2011 Numero 1 Progetto MORECO Ottobre 2011 Numero 1 1. Introduzione MORECO è un co-finanziato dal FESR (Fondo Europeo di Sviluppo Regionale) e approvato dal Programma Spazio Alpino. Il ha avuto inizio il 1 luglio 2011

Dettagli

sistemapiemonte Una rete per il piccolo commercio locale sistemapiemonte.it

sistemapiemonte Una rete per il piccolo commercio locale sistemapiemonte.it sistemapiemonte Una rete per il piccolo commercio locale sistemapiemonte.it BACKGROUND La definizione di una metodologia di studio e l analisi di buone pratiche sull utilizzo delle ICT in ambito regionale

Dettagli

Protocollo di valutazione a scala urbana

Protocollo di valutazione a scala urbana Protocollo di valutazione a scala urbana Andrea Moro CONTESTO DI RIFERIMENTO Enti pubblici attori fondamentali nella promozione dell edilizia sostenibile Necessità di strumenti di valutazione/rating a

Dettagli

Crescita sostenibile e intelligente

Crescita sostenibile e intelligente Crescita sostenibile e intelligente per lo sviluppo locale Per la realizzazione di questo documento sono state utilizzate immagini di: Archivio Parlamento europeo Avete un tesoro verde. Approfittatene.

Dettagli

DATI STATISTICI 2009

DATI STATISTICI 2009 DATI STATISTICI 2009 2/20 3/20 4/20 5/20 6/20 7/20 8/20 ALLEGATO 2 - PROGETTO 'SICUREZZA' 9/20 1.1 PREMESSA Per una struttura di servizio come il Centro Residenziale, la soddisfazione dell utenza costituisce

Dettagli

Le Province, l e-government e le politiche di sviluppo

Le Province, l e-government e le politiche di sviluppo AtoB Piemonte AtoB Piemonte è il progetto di e-government che le Province piemontesi hanno ideato per aziende, utenza e territorio al fine di semplificare, velocizzare e rendere più trasparenti i procedimenti

Dettagli

Le principali evidenze empiriche

Le principali evidenze empiriche SINTESI Questo documento analizza e compara il costo di cittadinanza tra le 14 aree metropolitane individuate nel nostro paese. L obiettivo preliminare della ricerca è stato quello di dare una definizione

Dettagli

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative:

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative: L Immigrato La complessità dei problemi sociali degli immigrati, le caratteristiche, organizzative dei servizi sanitari e la mancanza di strumenti di rilevazione sistematici ad hoc hanno reso difficoltoso

Dettagli

La comparazione tra sistemi sanitari

La comparazione tra sistemi sanitari La comparazione tra sistemi sanitari Le diverse risposte possibili 3 diversi modelli Pubblico Privato Misto ELEMENTI DI DISTINZIONE: Strutture di offerta finanziamento Caratteristiche comuni: Aumento vita

Dettagli

collaborativo. Quando parlo di processo collaborativo faccio riferimento a un sistema di confronto e dialogo molto forte con il sistema regionale,

collaborativo. Quando parlo di processo collaborativo faccio riferimento a un sistema di confronto e dialogo molto forte con il sistema regionale, Lorenzo Broccoli Vista l ora, non voglio fare come Maramaldo e uccidere un uomo morto, quindi teniamo sullo schermo la slide numero 1 con il titolo, così ogni tanto destandovi vedrete di cosa sto parlando.

Dettagli

INVESTIRE NEL FUTURO

INVESTIRE NEL FUTURO EUROPEAN TRADE UNION COMMITTEE FOR EDUCATION COMITATO SINDACALE EUROPEO DEGLI INSEGNANTI EFEE THE EUROPEAN FEDERATION OF EDUCATION EMPLOYERS INVESTIRE NEL FUTURO Dichiarazione congiunta sull'istruzione,

Dettagli

ROMIT Roman Itineraries

ROMIT Roman Itineraries Community Initiative INTERREG III B ROMIT Roman Itineraries Centro Studi EUROPA INFORM Rimini (Italy) Dicembre 2004 INDICE Pag. ABSTRACT 3 INTRODUZIONE 6 CAP. 1 - LA CULTURA NELLE NUOVE TENDENZE DEL TURISMO

Dettagli

Oneri deducibili e detraibili

Oneri deducibili e detraibili UNICO 2011 Oneri deducibili e detraibili A cura della dott.ssa Lucia Campana ONERI DEDUCIBILI e DETRAIBILI Oneri deducibili: sono le spese che ai sensi dell art.10 D.P.R. 917/86 (T.U. Imposte Dirette)

Dettagli

PARCHEGGI PER BICICLETTE IN AREE RESIDENZIALI

PARCHEGGI PER BICICLETTE IN AREE RESIDENZIALI Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / PARCHEGGI PARCHEGGI PER BICICLETTE IN AREE RESIDENZIALI Visione d insieme Nelle zone residenziali tutti gli abitanti dovrebbero poter disporre di un

Dettagli

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre Commission européenne Comunicato stampa L autonomia scolastica in Europa Politiche e modalità attuative

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO "INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE"

PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO "INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE" CCI 2014IT05SFOP014 Titolo POR Sicilia FSE Versione 1.1 Primo anno 2014 Ultimo anno 2020 Ammissibile

Dettagli

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Milano, 8 Maggio 2014 Sala Pirelli Palazzo Pirelli Esperienze di telemedicina in Regione Lombardia e sanità elettronica

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2014 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2014 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2014 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE TRANSAZIONI EFFETTUATE E PREVISTE - MUTUI a cura del Centro Studi sull Economia Immobiliare - CSEI Tecnoborsa

Dettagli

Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI

Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI Perché un Osservatorio sul turismo scolastico? L Osservatorio Touring sul turismo scolastico

Dettagli

Migliori pratiche nei servizi sanitari per gli immigrati in Europa Analisi delle leggi e le politiche nei paesi europei partecipanti

Migliori pratiche nei servizi sanitari per gli immigrati in Europa Analisi delle leggi e le politiche nei paesi europei partecipanti Migliori pratiche nei servizi sanitari per gli immigrati in Europa L'obiettivo generale di EUGATE (Best Practice in Health Services for Inmigrants in Europe) è stato quello di individuare le buone pratiche

Dettagli

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA NOTA ANCAb SUL PIANO CASA Il Piano Casa del Governo, istituito dall art. 11 della legge n 133 del 2008, rivolto all incremento del patrimonio immobiliare ad uso abitativo attraverso l offerta di abitazioni

Dettagli

I sistemi sanitari nel contesto Europeo

I sistemi sanitari nel contesto Europeo I sistemi sanitari nel contesto Europeo Le caratteristiche finanziarie e organizzative della assistenza sanitaria sono molto variegate. In breve cercheremo di schematizzare alcuni aspetti dei sistemi sanitari,

Dettagli

La nostra visione del traffico transfrontaliero di merci e di viaggiatori è ben diversa! Per illustrarla vi abbiamo invitato a questo incontro.

La nostra visione del traffico transfrontaliero di merci e di viaggiatori è ben diversa! Per illustrarla vi abbiamo invitato a questo incontro. Signore e signori, questo cartello, fotografato alla stazione di confine di Domodossola, dice tutto sull attuale situazione nel traffico ferroviario tra l Italia e la Svizzera: Strutture obsolete Impianti

Dettagli

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche?

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? Sintesi dei risultati Premessa L internazionalizzazione del sistema produttivo italiano costituisce uno degli obiettivi

Dettagli

FORUM TELECONTROLLO 2013

FORUM TELECONTROLLO 2013 FORUM TELECONTROLLO 2013 Relazione Titolo: Sulla strada per la Smart City Tecnologie e soluzioni innovative per aumentare l efficienza delle Reti Idriche. Relazione: Le città si stanno trasformando in

Dettagli

Incrementare i profitti con una riduzione dei costi generali

Incrementare i profitti con una riduzione dei costi generali Incrementare i profitti con una riduzione dei costi generali La competizione generata dall economia globale continuerà ad imporre un abbassamento dei prezzi al cliente finale. Di conseguenza, controllare

Dettagli

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Tiziana Dell Olmo, Regione Piemonte PROGRAMMAZIONE 2014-2020 IN PIEMONTE Programmi regionali

Dettagli