Risultati ed esperienze. Questo progetto è realizzato attraverso il programma Central Europe, cofinanziato dal FESR

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Risultati ed esperienze. Questo progetto è realizzato attraverso il programma Central Europe, cofinanziato dal FESR"

Transcript

1 Soluzioni innovative per adattare la gestione delle infrastrutture pubbliche al cambiamento demografico nelle regioni dell Europa Centrale in fase di contrazione economica e sociale Risultati ed esperienze Questo progetto è realizzato attraverso il programma Central Europe, cofinanziato dal FESR

2 Intro 1 Quando il vento del cambiamento soffi a, alcuni erigono muri, altri costruiscono mulini a vento Negli ultimi 12 anni in Germania, la spesa per l assistenza a lungo termine è passata da 1,6 miliardi di euro a 4,3 miliardi di euro. Fino al 2030, il numero di persone bisognose di cure in Germania dovrebbe aumentare di un ulteriore 50%. L età media in Piemonte dovrebbe salire a 48 anni entro il Nell anno 2007 la Slovenia spendeva 22,9% del PIL in costi legati all invecchiamento della popolazione. Questo numero dovrebbe salire un altro 12,8 % entro il Negli ultimi 15 anni in Turingia il numero di scuole è stato ridotto di circa il 30%. Già oggi non è raro che i bambini debbano percorrere più di 10 chilometri per arrivare alla loro scuola, se vivono in aree rurali. Tutti questi numeri dimostrano che il cambiamento demografico ha un impatto significativo sulla vita quotidiana delle persone. Mostrano inoltre che questo cambiamento ha un impatto significativo sui governi perché devono finanziare tutte le infrastrutture necessarie. Dal momento che molte infrastrutture sono di responsabilità dei governi locali e regionali, un cambiamento nel numero di utenti delle infrastrutture - e un cambiamento nel numero dei contribuenti - può causare problemi gravi. Dal momento che molte regioni devono affrontare gli stessi problemi in Europa centrale, ha senso iniziare a dialogare sulle misure appropriate. Il progetto ADAPT2DC vuole fornire una piattaforma per il dialogo e individuare strategie trasferibili per affrontare problemi comuni. Il progetto ADAPT2DC si concentra su soluzioni convenienti per i servizi sociali e tecnici oltre che alle infrastrutture (sanità, alloggi, trasporti pubblici, assistenza sociale, fornitura di acqua) in regioni e città marginali dell Europa centrale (Germania, Repubblica Ceca, Ungheria, Italia, Polonia e Slovenia).

3 2 Intro Scheda progetto: Obiettivi: ADAPT 2DC assiste città e regioni nello sviluppo di soluzioni di servizi pubblici sostenibili ADAPT 2DC riunisce esperti sul Cambiamento Demografico, partner pubblici e investitori per il trasferimento delle conoscenze ADAPT 2DC aiuta le città e le regioni ad affrontare il cambiamento demografico Avanzamento: Cosa è stato fatto all interno del progetto? 1. Analisi degli indicatori demografici ed economici in Europa centrale 2. Azioni Pilota: dimostrare come le infrastrutture pubbliche possono essere adattate ai cambiamenti demografici a livello locale 3. Sviluppo di raccomandazioni politiche e il trasferimento delle migliori pratiche per garantire la sostenibilità delle infrastrutture necessarie in futuro Durata: il progetto va da novembre 2011 a ottobre 2014 Le seguenti istituzioni sono state Partner del progetto: Ministero delle Costruzioni, dello Sviluppo Regionale e del Trasporto della Turingia Istituto Leibniz per la Geografia Regionale Istituto di Sociologia dell Accademia delle Scienze della Repubblica Ceca Autorità Regionale della Regione Usti 5 Agenzia per lo Sviluppo Regionale dell Észak-alföld 9 UNCEM Piemonte 6 Università di Economia di Katowice Istituto di Pianificazione Urbana della Repubblica Slovena Regione Małopolska Ufficio per la Pianificazione Economica Nazionale Nelle pagine seguenti troverete una panoramica dei principali risultati del progetto. Se siete interessati a saperne di più, consultate le varie sezioni dedicate a tutti gli aspetti del progetto sul sito web di ADAPT2DC,

4 Background: Analisi degli indicatori demografici ed economici in Europa Centrale 3 La popolazione in Europa Centrale sta diminuendo e l età media sta crescendo Per decenni, i nostri sistemi economici e con essi i sistemi di welfare si sono concentrati esclusivamente sulla crescita, sia in termini di produzione che in termini di popolazione. Tuttavia, nel 21 secolo siamo arrivati ad un punto in cui la crescita non è più una realtà diffusa, almeno non dappertutto. In tutti i paesi dell Europa centrale i tassi di natalità sono significativamente al di sotto dell indice di sostituzione di 2,1 figli per donna, e, allo stesso tempo, una speranza di vita in continuo aumento è conseguente all invecchiamento della società. I cambiamenti demografici odierni, l invecchiamento della popolazione, il rallentamento della crescita della popolazione e la riduzione della popolazione in età lavorativa, sono tra le più gravi sfide che l Europa dovrà affrontare nei prossimi decenni. Regioni e città più isolate e meno popolose stanno diventando un fenomeno comune in tutta l UE, anche se con una grande diversità in termini di dinamiche demografiche e modelli. In generale: mentre le aree periferiche e scarsamente popolate stanno ulteriormente perdendo popolazione, le principali regioni metropolitane e di alcuni centri regionali mantengono interesse e quindi hanno popolazione stabile o in crescita. Secondo le proiezioni demografiche per il 2030 a livello nazionale, in Repubblica Ceca, Germania, Ungheria, Polonia, Slovacchia e Slovenia si attende un calo della popolazione. Questo sarà principalmente causato dal cambiamento naturale in negativo (un tasso di mortalità superiore al tasso di natalità). Questo avverrà insieme al previsto aumento della speranza di vita, ciò significa che il rapporto di dipendenza degli anziani aumenterà in tutti i paesi dell Europa centrale e, quindi, l onere economico e sociale aumenterà sulla popolazione in età lavorativa. Naturalmente questa affermazione generale offusca le differenze regionali: c è una fascia di regioni che continuano a crescere che vanno dall Italia del Nord, attraverso l Austria, fino al Sud della Germania. Queste regioni hanno un PIL pro capite più elevato e maggiore reddito disponibile rispetto ad altre regioni dell Europa centrale. Ma nel complesso il numero di regioni isolate aumenterà. Per quanto riguarda l invecchiamento, ci sono tre percorsi fondamentali inerenti lo sviluppo demografico: il primo gruppo è composto da Polonia, Repubblica Ceca e Slovacchia, che hanno meno esperienze con l invecchiamento della popolazione e la loro struttura sociale non ha un elevato numero di persone anziane finora. Il secondo gruppo comprende Austria, Slovenia e Ungheria, paesi caratterizzati da una popolazione nella media, né particolarmente giovane, né particolarmente anziana. Italia e Germania sono ca-

5 4 Background: Analisi degli indicatori demografici ed economici in Europa Centrale Background: Analysis of demographic and economic indicators in Central Europe ratterizzate da popolazioni più anziane e hanno alcune regioni con età media abbastanza elevata (l età media è superiore a 45 anni, ad esempio Savona, Genova e Alessandria in Italia, o la maggior parte delle regioni dell ex Germania Est). Mentre nel nord Italia e nel sud della Germania, i valori elevati di età media sono il risultato di un lungo invecchiamento, la situazione nella ex Germania Est è causata dalla elevatissima emigrazione della popolazione in età lavorativa avvenuta negli anni 90. Questo ha influenza sull indice di dipendenza della popolazione anziana: nelle regioni più giovani ci sono uno o due persone in età pensionabile (65 anni e più) ogni dieci persone in età lavorativa Cambiamento demografico Area Central Europe Regioni NUTS 2 NUTS 3 con Regioni Pilota Regioni NUTS 3 Confini nazionali Città selezionate Il cambiamento demografico tra il 1991 e il 2011 mostra la crescita e il declino della popolazione negli ultimi 20 anni. I valori al di sotto di 100 indicano contrazione demografica.

6 Background: Analisi degli indicatori demografici ed economici in Europa Centrale 5 (età 20-65), mentre nelle regioni più vecchie ci sono tre o quattro persone in età pensionabile ogni dieci persone in età lavorativa. Gli effetti del cambiamento demografico diventeranno ancora più importanti nei prossimi anni. Pertanto è necessario avere (o sviluppare) strategie adeguate e strumenti politici per adeguare la fornitura, la gestione e il finanziamento di infrastrutture pubbliche e i servizi legati ai cambiamenti demografici, in quanto significa un minor numero di persone che vivono in una zona, mutevoli esigenze della popolazione e diminuzione di fondi pubblici per la fornitura di infrastrutture e servizi. Come previsto per il 2030, la dimensione regionale del cambiamento della popolazione mostra una prevalenza di calo sulle regioni in crescita in Europa centrale. Ci saranno anche altre regioni colpite dall invecchiamento della popolazione e altre regioni colpite dal simultaneo invecchiamento e calo demografico della popolazione. Per maggiori informazioni, consultare il paragrafo ( Il cambiamento demografico in Europa centrale - Una analisi background socio-economico ) Impatto del cambiamento demografico sulle infrastrutture La domanda di infrastrutture e servizi pubblici di base dipende dalla popolazione in un dato territorio. Una popolazione in calo e in invecchiamento può causare cambiamenti della domanda e un aumento dei costi. Un impatto tipico del cambiamento demografico è che un minor numero di utenti usufruiscono delle infrastrutture, ma visto che le regioni o i comuni sono legalmente obbligati a fornire una gamma di servizi, la possibilità di ridimensionare le infrastrutture sono limitate. Così lo stesso servizio viene fornito, ma i costi fissi sono divisi tra un minor numero di utenti, in tal modo il costo per utente aumenta. La pressione sui bilanci pubblici quindi cresce. Inoltre, l invecchiamento e la diminuzione della popolazione riduce le risorse disponibili per i servizi pubblici, in quanto porta a una riduzione del numero di contribuenti. La mancanza di risorse è ulteriormente aggravata dalla crisi economica mondiale dal Una riduzione del numero di utenti può quindi provocare l aumento dei costi pro-capite per servizi. Tuttavia, ci sono differenze tra i servizi in termini di sensibilità al cambiamento della struttura demografica. Alcuni costi delle infrastrutture sono direttamente collegati al numero della popolazione, essendo meno conveniente il loro mantenimento, in caso di numeri di popolazione inferiori, come i trasporti pubblici e la fornitura di acqua. In termini di trasporto pubblico, la diminuzione della popolazione provoca un abbassamento degli utenti, e quindi difficoltà economiche per i trasporti pubblici. Tuttavia, un sistema di trasporto pubblico funzionante è particolarmente importante nelle regioni scarsamente popolate, dove l assistenza sanitaria e servizi sociali non sono presenti in ogni luogo; quindi una buona connessione tra gli agglomerati urbani è fondamentale. Il cambiamento demografico porta ad una riduzione della domanda di approvvigionamento idrico e trattamento delle acque reflue. Ma l adattamento delle infrastrutture, a causa degli effet-

7 6 Background: Analisi degli indicatori demografici ed economici in Europa Centrale ti del cambiamento demografico, è impegnativo; la modifica delle infrastrutture tecniche come le reti di tubazioni è di solito molto costosa (in altre parole: i costi fissi sono elevati). Quando si parla delle costruzioni, la diminuzione della popolazione rischia di tradursi in una diminuzione della domanda di alloggi, quindi un numero crescente di posti vacanti. Questo a sua volta può portare ad una diminuzione di valore delle proprietà, e un immagine negativa per l area. Lo stesso vale per i rivenditori: molti negozi chiudono quando non vi è sufficiente clientela. Altre infrastrutture sono piuttosto legate all età della popolazione come per esempio le scuole, l assistenza sanitaria e le case di cura. La domanda di assistenza sanitaria e assistenza a lungo termine aumenterà a causa della maggiore aspettativa di vita. L'invecchiamento avrà prevedibilmente il maggiore impatto sulla spesa pubblica per pensioni, sanità e assistenza a lungo termine: per l'ue nel suo complesso, tali spese dovrebbero aumentare dal 4,1% al 29% del PIL tra il 2010 e il Scuole / bambini: quando ci sono meno bambini in età scolastica, questo può o portare a classi di dimensioni più piccole o (nella maggior parte dei casi) alla chiusura delle scuole. Tuttavia, la centralizzazione di scuole è possibile solo in misura limitata, poiché corse lunghe non sono ragionevoli per bambini. Altri tipi di costi delle infrastrutture sono meno sensibili all invecchiamento e all isolamento, ma sono piuttosto legati alla struttura insediativa dell area proposta, come la manutenzione stradale. I costi delle infrastrutture: analisi dei dati Il progetto ADAPT2DC si è quindi chiesto come realizzare un analisi di costo-efficacia di infrastrutture e servizi pubblici. Il primo passo è stato l analisi dei costi delle infrastrutture in tutti Europa centrale. Fino ad oggi, tale analisi macro-regionale in un contesto europeo centrale è stato fatta raramente. Una ragione potrebbe essere che i dati dei costi delle infrastrutture e dei servizi non sono disponibili in tutta Europa agli stessi livelli (locale e sub-regionale) e per tutte le infrastrutture. Poiché i dati richiesti non erano disponibili né su Eurostat, né su fonti statistiche nazionali, il partenariato ha deciso di basare l analisi su un database commerciale businnes intelligent (BI). Con l aiuto di un proxy cost ratio (PCR) (che mostra la media delle vendite di servizi specifici per abitante di un territorio) sono stati effettuati diversi confronti tra i paesi dell Europa centrale. Ad esempio, le regioni dell Europa centrale sono state raggruppate in cluster, in base alla loro spesa pro-capite per alcune infrastrutture. I risultati variano considerevolmente tra le singole infrastrutture. L unica dichiarazione che vale per tutti i tipi di infrastrutture è che spesa pro-capite è negativamente correlata con i cambiamenti di popolazione a lungo termine - questo significa che la spesa pro capite aumenta quando il numero complessivo di persone nella regione diminuisce. I risultati dell analisi sono stati supportati da studi di casi nelle regioni pilota. Anche in questo caso, differenze significative si possono notare tra le diverse regioni e tra i diversi tipi di infrastrutture. Tuttavia, per la maggior parte delle infrastrutture sembra tenere banco il fatto che i costi sono generalmente in aumento (anche se questo non è esclusivamente dovuto al cambiamento demografico, anche i miglioramenti sull inflazione e/o nei problemi tecnici svolgono la loro parte). Un filo comune che troviamo in tutte le analisi sulla fornitura di infrastrutture è che le differenze nei sistemi di welfare nazionali devono essere prese in considerazione. La distribuzione dei servi-

8 Background: Analisi degli indicatori demografici ed economici in Europa Centrale 7 zi sociali e delle infrastrutture è particolarmente radicata in quadri politici nazionali. Sarà possibile solo trasferire modalità di funzionamento di adattamento da una regione / paese all altro quando ci saranno conoscenze sufficienti circa le diverse responsabilità e le modalità di fornitura e di infrastrutture e servizi di finanziamento. Un altra lezione è che i dati comparabili sulle infrastrutture sull economia pubblica sono carenti in tutta l Unione europea. Per maggiori informazioni, consultare la sezione ( Analisi trasversale dei costi di infrastruttura e di servizio ) Analisi Delphi Al fine di sostenere l analisi statistica sui costi delle infrastrutture, un sondaggio Delphi è stato condotto tra esperti nei paesi dell Europa centrale. Le domande riguardavano diverse infrastrutture e sono state studiate le loro relazioni con i processi di cambiamento demografico. In generale, i partecipanti riconoscono le pressioni sui costi e sui settori tipicamente più colpiti; per esempio, si aspettano l aumento dei costi del sistema sanitario e per l approvvigionamento idrico in tutti i paesi, così come il cambiamento delle modalità dei trasporti. Nelle zone rurali è stato previsto un aumento significativo di edifici vuoti. Inoltre, sempre in ambito dello studio Delphi, sono state fornite da esperti alcune misure di adattamento. Uno di loro era il rappresentante dei servizi amministrativi e telematici in aree scarsamente popolate. Tuttavia, la grande maggioranza degli intervistati erano scettici nei confronti di questa idea, per motivi diversi (mancanza di connessione a banda larga sufficiente, mancanza di alfabetizzazione informatica degli anziani...). Questo dimostra che tutti i nuovi approcci possono funzionare solo con l accettazione o la cooperazione di tutte le parti interessate. Infine va detto che diversi esperti hanno insistito che le infrastrutture non dovrebbero essere l obiettivo principale quando si parla di cambiamenti demografici, ma il tema centrale dovrebbe essere portare nuove opportunità di lavoro: Se una regione non offre posti di lavoro, la gente tende ad allontanarsi, non importa se le strade e gli asili sono moderni o no. Per saperne di più sullo studio Delphi, consultare la sezione ( Position Paper - Una visione transnazionale comune per la futura fornitura di infrastrutture e servizi nelle regioni in declino e le città dell Europa centrale )

9 8 ADAPT2DC Azioni Pilota Azioni Pilota Il progetto ADAPT2DC mirava a rispondere alla domanda: come possono le infrastrutture pubbliche essere gestite in modo sostenibile in un contesto di cambiamento demografico? Al fine di trovare le risposte a questa domanda e per dimostrare alcuni buoni esempi, ogni paese partecipante ha attuato un azione pilota. Undici azioni sono state realizzate nell ambito del progetto ADAPT2DC, ognuna appartenente a un diverso tipo di infrastruttura. Action Topic Area Country Telemedicina Assistenza sanitaria North-western Małopolska (Miechów, Chrzanów, Olkusz and Proszowice counties) PL Servizi di assistenza per bambini Centro multi-servizi Costi di manutenzione degli edifici pubblici (inclusa l energia) Strumenti per gestire I costi di manutenzione delle infrastrutture pubbliche Demography Coaching (with sub-actions) Cura dei bambini Offerta di servizi a livello locale Jászság microregion in Észak- Alföld Ostana in Piemonte Edifici pubblici Vejprty in Usti Region CZ Edilizia degli edifici pubblici e delle strade Maribor - Saale-Orla-district and Oberfranken-Ost KombiBus Mobilità Saale-Orla-district DE Vacancy cadastre Sviluppo della città Remptendorf in Saale-Orla-district Cooperazione tra vigili del fuoco Prevenzione di disastri Saale-Orla-district Ambient Assisted Living Salute/alloggi Arzberg in Oberfranken DE Vacancy cadaster Sviluppo della città Bad Berneck in Oberfranken DE Integration pilots Social infrastructure Hof in Oberfranken DE Altre buone idee sono state raccolte nel catalogo best practice. Al suo interno, i partner del progetto hanno raccolto una serie di idee innovative provenienti da tutta Europa, come l uso di videoconferenze tra medici e pazienti in aree remote della Finlandia ( TelLappi ), una linea di autobus organizzata interamente da volontari ( bus cittadino Gransee ), un agglomerato di negozi e un luogo di incontri sociali a Krugzel, organizzato sotto forma di cooperativa, un dentista su mezzo mobile a Brandeburgo, un sistema di condivisione che combina il trasporto pubblico con il trasporto individuale ( Carlos ), una strategia di demolizione di edifici vuoti, un concetto attivo di energia per un impianto di depurazione, un ufficio di consulenza mobile per cittadini, e molti altri. Per maggiori informazioni, consultare la sezione ( Catalogo Best Practice ). HU IT SI DE DE DE

10 ADAPT2DC Azioni Pilota 9 Servizi di telemedicina per gli anziani come strumento per ottimizzare i costi sanitari Dove? Regione di Malopolska (Poviats Miechowski, Chrzanowski, Olkuski, e Proszowicki), Polonia Perché? L obiettivo dell azione pilota era quello di fornire un servizio di tele-medicina (tele-ecg) per esaminare lo stato di salute degli anziani, migliorare la loro qualità di vita e prevenire ulteriori rischi per la salute. In questo modo, il paziente può essere raggiunto anche se si trova in aree remote. Chi? L azione pilota nel nord-ovest Malopolska era destinata a un gruppo di anziani selezionati sulla base della loro condizione di salute e il luogo di residenza. I pazienti hanno ricevuto apparecchi per misurare l ECG anche a casa,hanno ricevuto assistenza medica, consulenza, e diagnosi sia su base remota sia di persona. Il servizio di tele-ecg è stato fornito ad un gruppo di 100 pazienti oltre i 55 anni di età. Kit Tele-ECG sono stati prestati ai pazienti gratuitamente, per un periodo di 1 mese. Ogni paziente è stato istruito sull utilizzo del kit a casa, in ufficio ecc. Inoltre, i pazienti hanno completato un sondaggio sulla qualità della vita. Successivamente, sono stati invitati a effettuare almeno 3 misurazioni dell ECG al giorno. Inoltre, sono state offerti consulti gratuiti da parte un dietologo all inizio e alla fine del periodo in esame. Alla fine del mese di esame ogni paziente ha ricevuto diagnosi, conclusioni e raccomandazioni formulate dal medico assegnato e dal dietista. Un totale di 97 partecipanti hanno completato l esame, concludendo che non vi erano gravi difficoltà (come ad esempio l utilizzo di apparecchiature TIC) tali da impedire la partecipazione delle persone.

11 10 ADAPT2DC Azioni Pilota I pazienti hanno avuto la possibilità di testare un controllo-ecg su base remota. Potendo rimanere tranquillamente a casa, non sono stati disturbati nella loro routine quotidiana e, allo stesso tempo, i dati relativi necessari alla salute sono stati trasmessi in ospedale. Il servizio di Tele-ECG è molto utile per diagnosticare alcuni disturbi. I partecipanti hanno riferito che sarebbero interessati a utilizzare nuovamente il servizio. In alcuni casi, la telemedicina è necessario per diagnosticare disturbi del ritmo cardiaco e malattie cardiovascolari; tuttavia, la disponibilità di questo tipo di servizi è ancora insufficiente. Mirosław Dróżdż MD, cardiologo, responsabile dell Ospedale St. Ann in Miechów Come si attua questo miglioramento? Il programma di tele-medicina ha fruttato benefici diretti e indiretti. Tra i vantaggi diretti: risparmi legati ad una migliore organizzazione del servizio, derivanti dalla diminuzione della necessità di trasporto (i pazienti sono stati visitati in casa, senza bisogno di recarsi presso un medico) e meno tempo speso da personale medico. Tutto ciò genera anche un risparmio indiretto, ovvero il contributo apportato al servizio di tele-medicina per ciò che concerne la diagnosi precoce delle malattie:se i pazienti vengono monitorati frequentemente, eventuali irregolarità nei loro dati sanitari possono essere identificati rapidamente, e questo porta alla diagnosi precoce di un problema. E ampiamente riconosciuto che più tardi una malattia viene diagnosticata, più i costi di trattamento aumentano. Pertanto, l uso della telemedicina può anche ridurre i costi del sistema sanitario globale nel lungo periodo. Per maggiori informazioni, consultare la Output (Telemedicina Relazione finale Azione Pilota in Malopolska) e/o la sezione ( Valutazione congiunta di azioni pilota ).

12 ADAPT2DC Azioni Pilota 11 Centro Multiservizi: un modo conveniente di erogare servizi di base in zone isolate e periferiche Dove? Ostana, Valle Po, Italia Perché? L azione pilota consiste nella creazione di un centro multi-servizi. Nella piccola comunità montana di Ostana, questo porta nuove offerte che in precedenza non erano disponibili e allo stesso tempo fornisce servizi già esistenti in modo più efficiente. Che cosa? Il centro è organizzato come un punto di incontro che raggruppa diversi servizi dedicati a residenti e visitatori. Esso offrirà la possibilità di acquistare prodotti regionali, e di fornire informazioni e strumenti complementari, lavorando anche come comunicazione e punto di incontro per persone di diverse generazioni. Il centro comprende i seguenti servizi: Un luogo stabile di incontro per le associazioni locali Una biblioteca Un negozio di prodotti alimentari locali Il coordinamento di un albergo diffuso, che collega i B&B della zona Un internet point Servizio di car sharing Il punto informazioni Convenzione delle Alpi Le attività che hanno fatto parte dell azione pilota sono state: designazione di un edificio adeguato, trovare un responsabile per il centro, la ristrutturazione del palazzo, l accordo con i produttori agricoli locali per la fornitura di frutta e verdura fresca, l apertura del centro, una campagna di comunicazione e promozione dei nuovi servizi. Tutto questo è stato attuato in stretta collaborazione con il Comune locale (per i lavori di ristrutturazione è stato disponibile un finanziamento esterno). Come si attua questo miglioramento? In primo luogo, il centro ora offre diversi servizi, precedentemente offerti separatamente. Ad esempio, la biblioteca e il punto informativo turistico erano precedentemente gestiti da dipendenti del comune, e ciascuno doveva essere finanziato separatamente. Non solo è più conveniente combinare questi servizi in un unico edificio (parola chiave: sinergia), ma ora anche l orario di apertura (e quindi disponibilità) di ogni servizio è aumentato. In secondo luogo, sono stati aggiunti alcuni servizi, che in precedenza non erano disponibili a tutti in Ostana. In questo modo, gli abitanti locali e i turisti hanno ora la possibilità di acquistare cibo di produzione locale, così come i giornali, medicinali, ecc.., direttamente a Ostana, invece di dover andare in un altra città. Questo permette non solo di risparmiare tempo e costi di carburante, ma anche diminuire le emissioni di CO 2. Per maggiori informazioni, consultare la sezione ( Centro Multiservizi Relazione finale Azione Pilota in Italia) e/o la sezione ( Valutazione congiunta di azioni pilota ). Anche se non è facile per i piccoli comuni mantenere un numero minimo di servizi vivi, le possibilità offerte dalla collaborazione di diversi soggetti in un centro comune può portare risultati sorprendenti. Giacomo Lombardo Sindaco di Ostana

13 12 ADAPT2DC Azioni Pilota Promuovere il ritorno delle donne nel mercato del lavoro, con il lancio di servizi di cura integrati per i bambini Dove? Microregione Jászság nella regione Észak-Alföld, Ungheria Perché? L obiettivo dell azione pilota è di razionalizzare i servizi di cura per bambini per lanciare attività di asilo nido che agiscono su bisogni specifici. In Ungheria, solo una piccola percentuale di donne ritorna al loro lavoro subito dopo il parto (rispetto ad altri paesi europei). Solo il 7% dei bambini sotto i tre anni di età frequenta asili nido. Un miglioramento delle offerte di assistenza all infanzia è considerato un passo importante per dare più opzioni alle donne. Che cosa? Il risultato principale dell azione pilota è stata la conduzione di uno studio di fattibilità proposto per tre città (Jánoshida, Jászfényszaru, Jászárokszállás) della regione pilota, considerando il contesto giuridico e locale. Lo studio si concentra sui servizi di asilo nido. In Ungheria ci sono asili nido tradizionali, che offrono un programma pedagogico per il quale è necessario un personale professionale, nonché alcuni edifici con spazio per gruppi di bambini; ma ci sono anche asili nido che possono essere istituiti in case private in quanto i gruppi sono molto più piccoli (fino a 7 bambini) e i requisiti legali sono meno severi. Pertanto questi asili nido sono meno costosi per i genitori. Essi possono essere considerati come una piccola impresa e il personale ha sì bisogno di una certa quantità di formazione, ma non tanto quanto un maestro d asilo effettivo. Un altro vantaggio è che i bambini possono essere distribuiti in modo uniforme nella regione, anche nei piccoli comuni, considerando che gli asili sono di solito in località centrali e quindi difficile da raggiungere per alcuni genitori. Lo studio offre tre modelli operativi per i bambini di asili nido. Esso è stato effettuato sulla base di un insieme ampio di dati, interviste con attori locali, e sulla base di un analisi del bilancio e delle spese necessarie per ciascuno dei tre modelli. Ciascuno dei tre modelli riflette una situazione diversa, con esigenze e opportunità differenti. Il modello 1 è considerato base, e comprende la supervisione di bambini per 8 ore / giorno. Il modello 2 si basa sulla supervisione dei bambini con orario uguale a quello dei comuni asili nido. Il modello 3 si adatta in base alle necessità dei genitori. Su questa base, le raccomandazioni politiche Un risultato diretto dell azione pilota di ADAPT2DC consiste nel fatto che otterremo un sussidio dal Comune. Con un po di fortuna, presenteremo un progetto che potrà ottenere supporto finanziario dalla provincia Jász-Nagykun- Szolnok, attraverso il Programma di Sviluppo Regionale. Grazie per il vostro aiuto! Ibolya Nyíri Asilo infantile Manósziget

14 ADAPT2DC Azioni Pilota 13 sono state stabilite sia per il livello micro sia per quello il livello macro. Queste sono state presentate ai politici in diverse conferenze, e le strategie raccomandate sono ora incluse in diversi piani di sviluppo nazionali e regionali. Come si attua questo miglioramento? L avvio di asili nido di questo tipo per bambini è finanziariamente più vantaggioso per i comuni locali che aprire asili nido tradizionali. Inoltre, lo studio ha stimato i possibili costi per ogni modello di asilo nido. Ciò dimostra che gli asili nido gestiti in collaborazione sono meno costosi di quelli singoli istituti e inoltre certifica che la cooperazione con la chiesa è vantaggiosa. Nel caso in cui le raccomandazioni dello studio vengano attuate, l offerta di assistenza all infanzia nella regione aumenterebbe e diverrebbe più efficiente, consentendo a sua volta a più donne di tornare al lavoro. A lungo termine questo sarà vantaggioso per l autosufficienza delle donne e il PIL complessivo. L inclusione di tali strategie in piani di sviluppo sono un primo passo verso questo obiettivo. Per maggiori informazioni, consultare la sezione (Relazione finale Azione Pilota Baby in Észak- Alföld) e/o la sezione ( Valutazione congiunta di azioni pilota ).

15 14 ADAPT2DC Azioni Pilota Strumenti innovativi per gestire il sovradimensionamento delle infrastrutture pubbliche (case popolari, strade), al fine di ridurre i costi di manutenzione delle stesse. Dove? Maribor, Slovenia Perché? Questa azione pilota mira a trovare soluzioni per ridurre le spese comunali per il mantenimento di edifici pubblici e strade. L approccio principale è quello di utilizzare diversi strumenti di riduzione dei costi sulla stessa area pilota (Maribor). La città deve affrontare una diminuzione della popolazione, e di conseguenza l esistenza di infrastrutture sovradimensionate. Che cosa? L azione pilota è iniziata con la mappatura geografica e l analisi delle infrastrutture di proprietà pubblica (case popolari, strade) a Maribor, al fine di individuare le potenzialità di riduzione dei costi di manutenzione. Nella fase successiva è stata effettuata la stima quantitativa dei possibili risparmi per i singoli edifici selezionati. Più specificatamente, sono stati sviluppati tre strumenti user friendly per i calcoli del risparmio e testati per l analisi dell area pilota di Maribor: intensificare l uso degli edifici pubblici: lo sviluppo del sottotetto di edifici con l obiettivo di ridurre i costi di manutenzione degli edifici per metro quadrato (m 2 ), introdurre un parcheggio con l obiettivo di ridurre i costi di manutenzione strade per m 2 e per generare reddito supplementare, risparmiare sui costi di energia elettrica per l illuminazione stradale, sostituendo le lampade con i LED. L algoritmo sviluppato è di facile utilizzo, e si basa su un analisi effettuata attraverso un foglio di calcolo. I fogli di calcolo consentono agli utenti di modificare facilmente i parametri di input e di utilizzare questo strumento senza limite. Lo strumento è semplice da usare in quanto si basa sull u-

16 ADAPT2DC Azioni Pilota 15 tilizzo di un foglio di calcolo, ma è anche innovativo in quanto applica un software GIS. Come si attua questo miglioramento? Lo strumento è stato testato nella città di Maribor e sono stati calcolati possibili risparmi sui costi: si è ottenuto circa il 14% in media di risparmio per metro quadrato nel caso dello sviluppo del sottotetto di edifici, una riduzione di circa il 28% dei costi di manutenzione per la strada nel caso in cui venga introdotto un parcheggio (più il reddito ottenuto dalle tasse di parcheggio), e circa il 68% di calo dei consumi di energia elettrica di illuminazione stradale nel caso in cui le lampade Il progetto ADAPT2DC ha sollevato la questione circa la necessità di adeguare la pianificazione comunale ai cambiamenti demografici. La strategia transnazionale è un contributo importante alla mitigazione degli effetti negativi della contrazione nella regione di Maribor. Comune di Maribor siano sostituite da LED (in questo caso anche 10 tonnellate di emissioni di CO2 sarebbero evitate ogni anno). Queste misure richiedono ovviamente degli investimenti, che verranno però ammortizzati nel tempo. Per maggiori informazioni, consultare la sezione ( Strumenti per gestire l infrastruttura sovradimensionato Relazione finale Pilot Action a Maribor) e/ o la sezione ( Valutazione congiunta di azioni pilota ).

17 16 ADAPT2DC Azioni Pilota Ridurre i costi di manutenzione degli edifici pubblici attraverso misure di efficienza energetica Dove? Vejprty in Ústí, Repubblica Ceca Perché? La spesa per gli edifici pubblici può essere un onere per il bilancio comunale, uno dei principali fattori per i quali stanno aumentando i costi. Anche un utilizzo più efficiente degli edifici sarebbe in grado di ridurre la spesa. L azione pilota in Ústí è stata la proposta di un modello di amministrazione per i comuni che consentisse una riduzione dei costi di manutenzione degli edifici pubblici. Il denaro risparmiato può essere utilizzato per investimenti in altre attività utili a tutta la comunità. Che cosa? Il modello di amministrazione proposto è un insieme di passi verso l efficienza degli edifici pubblici e dei fondi pubblici. Prima di tutto è stata effettuata un analisi dei documenti strategici ed è stata fornita un analisi dei costi di funzionamento e manutenzione, basata sulla gestione comunale degli ultimi 3 anni. Poi sono stati selezionati gli edifici che gravano di più sul bilancio pubblico (soprattutto in termini di spese di funzionamento). È stata quindi proposta una ottimizzazione generale, che riassume varie opzioni di misure di contenimento energetiche, a partire dall isolamento di base degli edifici per lo sviluppo dei cosiddetti edifici intelligenti. Sono stati selezionati tre edifici adibiti a scopi differenti. Per essere in grado di quantificare i risparmi, sono stati effettuate diagnosi energetiche per poter quantificare le spese e risparmi per gli edifici specifici. Ma il risparmio energetico non porta ad alcun effetto senza l uso concreto degli edifici. Pertanto, nell ambito dell azione pilota è stato valutato il possibile uso futuro degli edifici in questione. I tre edifici (su cui è stato testato il modello) sono stati i seguenti: istituto per disabili (l'edificio rimarrà una casa per le persone con disabilità in futuro); centro di salute Vejprty (l'edificio servirà in futuro da centro di salute e in parte da residenziale); edificio attualmente inutilizzato; originariamente utilizzato come un centro ricreativo della società (i locali potranno in futuro servire come un edificio amministrativo per conferenze).

18 ADAPT2DC Azioni Pilota 17 Le misure proposte sono state poi presentate al consiglio comunale. L'investimento in misure di ristrutturazione di efficienza energetica deve essere fatta dal comune, tuttavia l'azione pilota mostra il compromesso tra costi a breve e lungo termine. Come si attua questo miglioramento? Le misure per il risparmio energetico nella maggior parte dei casi consistono in misure di isolamento. Per ciascuna misura proposta, il risparmio energetico è stato calcolato in MWh/anno. Per i singoli edifici tra 4300 e 5900 possono essere risparmiati ogni anno in termini di costi energetici. Inoltre, la proposta di riutilizzo di edifici attualmente inutilizzati andrà a beneficio del bilancio comunitario per generare reddito supplementare attraverso gli affitti. Per maggiori informazioni, consultare la sezione (Relazione finale Pilot Action risparmio energetico negli edifici pubblici in Usti) e/o la sezione ( Valutazione congiunta di azioni pilota ). La questione del mantenimento degli edifici pubblici è strettamente collegata ad altri settori nella vita dei cittadini di Vejprty, quali l assistenza sociale e sanitaria. Credo che i risultati dell azione pilota di ADAPT2DC assicureranno la provvigione di adeguati servizi sociali e sanitari per i cittadini della città e dei suoi dintorni. Inoltre i costi di mantenimento degli edifici pubblici saranno effettivamente valutati. La città di Vejprty risparmierà risorse pubbliche grazie all implementazione delle misure di contenimento dei consumi energetici; tali risparmi saranno reinvestiti per lo sviluppo futuro della città. Jitka Gavdunová Sindaco di Vejprty

19 18 ADAPT2DC Azioni Pilota Demography Coaching Dove? Saale-Orla-Kreis in Turingia e Oberfranken-Ost in Baviera, Germania Perché? Le azioni pilota in Germania sono state differenti rispetto a quelle intraprese negli altri Paesi: le migliori idee sono state individuate attraverso un processo bottom-up (dal basso verso l alto). L obiettivo era quello di imparare dagli stakeholder locali quali sono i problemi più urgenti nelle loro aree, e di applicare le buone idee che erano già in discussione. Che cosa? Un esperto esterno (il coach ) è stato incaricato di lavorare con le figure istitutive più importanti di una regione particolare, al fine di individuare le misure necessarie. Le misure si concentrano sulle opportunità di risparmio di costi e su un efficiente fornitura di infrastrutture. Così, il coach ha in primo luogo avviato un processo di comunicazione con tutte le parti interessate, come i sindaci, il Landratsamt (ufficio distrettuale), le associazioni civili e i fornitori delle infrastrutture. In questo modo, sono state identificate le possibilità di azioni pilota su piccola scala. In ogni regione, sono state attuate tre azioni pilota di piccole dimensioni. Come si attua questo miglioramento? Il vantaggio di avere un coach esterno è dato dal fatto che questo esperto può occuparsi di questioni trasversali giorno per giorno che normalmente non sono in prima linea, come le attività di amministrazione, che sono spesso coinvolte solo in modo settoriale. Inoltre, il coach esterno può comunicare con tutti le figure istitutive rilevanti della regione senza relazioni precedenti (cioè senza preferenze preesistenti o avversioni nei confronti di qualsiasi istituzione). Nelle pagine seguenti troverete le descrizioni delle azioni che sono state attuate dai coach demografici in Germania Per maggiori informazioni, consultare la sezione (Relazione finale Pilot Action coaching demografico in Usti) e/o la sezione ( Valutazione congiunta di azioni pilota ).

20 ADAPT2DC Azioni Pilota 19 KombiBus (combinazione di trasporto pubblico con il trasporto merci) Dove? Distretto Saale-Orla in Turingia Perché? Per KombiBus si intende il trasporto di merci all interno del trasporto pubblico normale in autobus. E quindi una sorta di combinazione tra trasporto di merci e trasporto pubblico. Per esempio, attraverso questo servizio, un produttore regionale di latte potrebbe inviare alcune bottiglie di latte al mercato del contadino nella città vicina. L input per la realizzazione del KombiBus è dato dal declino della compagnie di autobus dovuto alla diminuzione del numero di passeggeri. Il KombiBus è un opportunità sia per la compagnia di autobus (che percepisce un reddito aggiuntivo) sia L idea di utilizzare i nostri bus per la consegna delle merci non è nuova. Ma fino all arrivo del coach ci mancava il tempo e l energia per poterlo attuare. Bert Hamm CEO di Kombus GmbH per le società regionali (chi possono utilizzare questo metodo poco costoso per il trasporto di merci). L idea in origine è stata pensata dalla compagnia di autobus regionale. Cosa è successo? Il coach ha avviato due studi con l aiuto di esperti: il primo riguardava la fattibilità giuridica (ci sono ragioni giuridiche che impediscono la KombiBus?), il secondo riguardava il potenziale di mercato (chi saranno tutti gli utenti di questo nuovo servizio?). Dopo i risultati di entrambi gli studi sono hanno dato esiti positivi, la compagnia di autobus ha deciso di distribuire una prima linea bus di questo tipo per verificare se l idea funzionasse anche nella pratica. A questo scopo, sono state effettuate ulteriori analisi dal punto della compagnia di autobus (acquistare di scatole idonee al trasporto, raggiungere un accordo con gli autisti, applicare un sistema di tariffazione, ecc.) Come si attua questo miglioramento? Si prevede che questo nuovo servizio genererà reddito supplementare per la compagnia di autobus, che è attualmente in perdita. In tal modo, la sostenibilità del trasporto pubblico è assicurato, la quale mantiene anche la qualità della vita per la popolazione. Allo stesso tempo, le aziende locali hanno la possibilità di trasportare le loro merci ad altri punti del distretto in modo economico e veloce, e ciò permette un ulteriore risparmio, evitando gli elevati costi di spedizione delle società apposite. Per maggiori informazioni, consultare la sezione (Relazione finale Azione Pilota Coaching Demografico nel Distretto Saale-Orla) e /o la sezione ( Valutazione congiunta di azioni pilota ).

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956)

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956) Allegato B BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956) In risposta all obiettivo dell UE di garantire a tutti i cittadini

Dettagli

Una via sostenibile per raggiungere gli obiettivi economici e sociali dell UE

Una via sostenibile per raggiungere gli obiettivi economici e sociali dell UE Una via sostenibile per raggiungere gli obiettivi economici e sociali dell UE Gli strumenti finanziari co-finanziati dai Fondi Strutturali e di Investimento Europei permettono di investire, in modo sostenibile

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI?

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Il piano di investimenti per l Europa consisterà in un pacchetto di misure volte a sbloccare almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati

Dettagli

Terza sessione del corso di formazione. Incontro di partenariato

Terza sessione del corso di formazione. Incontro di partenariato Newsletter n.5 Promuovere lo sviluppo sociale regionale incoraggiando il NETworking tra stakeholder pubblici e volontari al fine di incentivare l innovazione nella fornitura di servizi di assistenza socio-sanitaria

Dettagli

30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5

30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5 30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5 REGOLAMENTO (UE) N. 1233/2010 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 dicembre 2010 che modifica il regolamento (CE) n. 663/2009 che istituisce

Dettagli

Iniziative a favore delle aziende per incrementare l uso del trasporto pubblico da parte dei propri dipendenti

Iniziative a favore delle aziende per incrementare l uso del trasporto pubblico da parte dei propri dipendenti Iniziative a favore delle aziende per incrementare l uso del trasporto pubblico da parte dei propri dipendenti Trasporto pubblico invece di auto private Il progetto BENEFIT sostiene le aziende pubbli-

Dettagli

IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA

IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA PERCORSI PER UN COMUNE ILLUMINATO L EFFICIENZA ENERGETICA, IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA, IL PATTO DEI SINDACI, IL PROGETTO ENEA LUMIERE, LE ESCO, E TANTO ALTRO ANCORA Spendiamo

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

EUROPA 2020. TRE priorità. conoscenza e sull'innovazione; profilo delle risorse, più verde e più competitiva;

EUROPA 2020. TRE priorità. conoscenza e sull'innovazione; profilo delle risorse, più verde e più competitiva; EUROPA 2020 TRE priorità crescita intelligente sviluppare un'economia basata sulla conoscenza e sull'innovazione; crescita sostenibile promuovere un'economia più efficiente sotto il profilo delle risorse,

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO 1. Caratteristiche dell impresa 2. Addetti e Fatturato 3. L impresa e il Territorio 4. L impresa e il Consorzio 1 -QUESTIONARIO

Dettagli

CONTRO LA CRISI ECONOMICA IN CAMPO AIUTI CONCRETI

CONTRO LA CRISI ECONOMICA IN CAMPO AIUTI CONCRETI CONTRO LA CRISI ECONOMICA IN CAMPO AIUTI CONCRETI 22 25 MILIONI DI EURO PER AIUTARE LE FAMIGLIE E I LAVORATORI IN DIFFICOLTà PERCHÉ L INTERVENTO Le difficoltà di cittadini e famiglie a stare al passo con

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Premessa Entro il 2050, la percentuale di cittadini europei residenti nelle aree urbane arriverà all 82%. La migrazione dalle città

Dettagli

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA NOTA ANCAb SUL PIANO CASA Il Piano Casa del Governo, istituito dall art. 11 della legge n 133 del 2008, rivolto all incremento del patrimonio immobiliare ad uso abitativo attraverso l offerta di abitazioni

Dettagli

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la Migranti nel mondo Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la popolazione immigrata periodo 2000/2001

Dettagli

Misura 321 Azione 4 Reti tecnologiche di informazione e comunicazione (ICT)

Misura 321 Azione 4 Reti tecnologiche di informazione e comunicazione (ICT) Misura 321 Motivazioni dell intervento Nel panorama regionale esistono alcune aree, soprattutto quelle più marginali, dove la copertura di banda larga non è ancora presente, o in larga parte insufficiente

Dettagli

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 PUC3 COMUNE DI PARRANO Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 Interventi per la rivitalizzazione e rifunzionalizzazione delle aree urbane e dei centri storici Riqualificazione dell insediato storico

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Il Programma MED 2014-2020

Il Programma MED 2014-2020 Il Programma MED 2014-2020 Obiettivo generale Promuovere una crescita sostenibile nel bacino mediterraneo favorendo pratiche innovative e un utilizzo ragionevole delle risorse (energia, acqua, risorse

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

Raccomandazione in favore del riconoscimento giuridico del lavoro di cura del familiare assistente

Raccomandazione in favore del riconoscimento giuridico del lavoro di cura del familiare assistente Raccomandazione in favore del riconoscimento giuridico del lavoro di cura del familiare assistente Preambolo Si intende per familiare assistente un membro della famiglia che si prende cura in via principale,

Dettagli

E2BEBIS Environmental and Economic Benefits from Blochar clusters in the Central Area

E2BEBIS Environmental and Economic Benefits from Blochar clusters in the Central Area E2BEBIS Environmental and Economic Benefits from Blochar clusters in the Central Area Protagonisti del cluster e caratteristiche BIOMASSA IN INGRESSO Imprese e produttori di biomassa (legno, residui agricoli,

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria

Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria INFORMA Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria Via Mario Angeloni, 1 06125 Perugia (PG) Tel: 075.5002953 Fax: 075.5002956 e-mail: umbria@cia.it - web: www.ciaumbria.it facebook

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

PROGRAMMI DI FORMAZIONE PER ADULTI DEDICATI ALLA MOBILITÀ CICLISTICA

PROGRAMMI DI FORMAZIONE PER ADULTI DEDICATI ALLA MOBILITÀ CICLISTICA Promozione Give Cycling a Push PROMOZIONE / FORMAZIONE e PROGRAMMI PROGRAMMI DI FORMAZIONE PER ADULTI DEDICATI ALLA MOBILITÀ CICLISTICA Visione d insieme Molti adulti accoglierebbero l'opportunità di muoversi

Dettagli

NEL MEZZO DEL CAMMIN : IL SOCIAL HOUSING, A CHE PUNTO SIAMO? Angela Airoldi

NEL MEZZO DEL CAMMIN : IL SOCIAL HOUSING, A CHE PUNTO SIAMO? Angela Airoldi NEL MEZZO DEL CAMMIN : IL SOCIAL HOUSING, A CHE PUNTO SIAMO? Angela Airoldi Responsabile Area Economia Urbana e Immobiliare CERTeT Università L. Bocconi Ricercatore senior Gruppo CLAS 8 giugno 2011, fieramilano

Dettagli

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015 Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria 16 novembre 2015 1 Vision La nuova maggioranza crede fermamente nello sviluppo sostenibile della propria economia e nella possibilità di portare

Dettagli

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Tiziana Dell Olmo Regione Piemonte, Settore Programmazione Macroeconomica Biella, 28 gennaio

Dettagli

Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani

Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani INNOVARE Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani STUDIARE TIROCINIO LAVORARE PARTECIPARE I TUOI DIRITTI APPRENDERE SPOSTARSI VOLONTARIO CREARE in EUROPA Né la Commissione europea né alcuna persona

Dettagli

EURES vi aiuta ad assumere in Europa

EURES vi aiuta ad assumere in Europa EURES vi aiuta ad assumere in Europa Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES vi aiuta ad assumere in Europa State cercando di formare una forza lavoro

Dettagli

Sfida del clima e crisi energetica Il ruolo degli Enti Locali. Giuseppe Gamba - Presidente AzzeroCO2

Sfida del clima e crisi energetica Il ruolo degli Enti Locali. Giuseppe Gamba - Presidente AzzeroCO2 Sfida del clima e crisi energetica Il ruolo degli Enti Locali Giuseppe Gamba - Presidente AzzeroCO2 Il livello locale Dimensione su cui incide l azione del Governo Locale e dei cittadini La dimensione

Dettagli

TRANSPORT LEARNING Corsi di formazione rivolti ad amministratori pubblici ed agenzie per l energia

TRANSPORT LEARNING Corsi di formazione rivolti ad amministratori pubblici ed agenzie per l energia TRANSPORT LEARNING Corsi di formazione rivolti ad amministratori pubblici ed agenzie per l energia istockphoto Contenuti Caro Lettore, Breve presentazione dei nostri servizi... 2 Creare una base di conoscenze

Dettagli

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno Progetto dall'iter alle reti: Implementazione Sportello Unico Rassegna delle principali possibilità di finanziamento a disposizione

Dettagli

Interreg MED 2014-2020

Interreg MED 2014-2020 Interreg MED 2014-2020 http://interreg-med.eu/en/first-call-for-project-proposals/ Lo scorso 23 giugno a Marsiglia si è aperto ufficialmente il programma di cooperazione transnazionale Interreg MED. Queste

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 1 Il quarto Quadro strategico del Fondo regioni, di insicurezza alimentare

Dettagli

LINEE GUIDA SULLA CONVENZIONE CON LYTE & LYTE PER LA FORNITURA DI SERVIZI E PRODOTTI VOLTI AL RISPARMIO ENERGETICO

LINEE GUIDA SULLA CONVENZIONE CON LYTE & LYTE PER LA FORNITURA DI SERVIZI E PRODOTTI VOLTI AL RISPARMIO ENERGETICO LINEE GUIDA SULLA CONVENZIONE CON LYTE & LYTE PER LA FORNITURA DI SERVIZI E PRODOTTI VOLTI AL RISPARMIO ENERGETICO Sommario 1 PREMESSA...2 2 OGGETTO DELLA CONVENZIONE...4 3 DESCRIZIONE DEI PRODOTTI E SERVIZI

Dettagli

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al

Dettagli

La situazione attuale dell illuminazione esterna a Lierna è la seguente:

La situazione attuale dell illuminazione esterna a Lierna è la seguente: PROPOSTA PER IL CONCORSO SINDACO PER UN GIORNO Per deformazione professionale sono un attento osservatore di quelli che in gergo tecnico si chiamano corpi illuminanti, ovvero lampade da interno e esterno

Dettagli

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio Fondi strutturali 2014-2020 Guida pratica Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio State progettando i Programmi Operativi che plasmeranno

Dettagli

BISOGNI E POTENZIALITA NELL EDILIZIA RESIDENZIALE

BISOGNI E POTENZIALITA NELL EDILIZIA RESIDENZIALE IL DECRETO DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 27/2012: Strategie e metodi per l efficienza energetica del patrimonio edilizio nazionale BISOGNI E POTENZIALITA NELL EDILIZIA RESIDENZIALE MARCO CORRADI Presidente

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare I prezzi relativi al mercato immobiliare residenziale, dopo un periodo di forte crescita (fig. 10.1), negli anni 90 hanno subito un decremento; poi, con la fine del decennio, la

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Associazione Nazionale Demolitori Italiani LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Parma, 26 novembre 2005 Trascrizione dell intervento dal titolo: IL MERCATO DELLE DEMOLIZIONI ANNI 2000: DAL RECUPERO ALLA

Dettagli

Nell efficienza la differenza

Nell efficienza la differenza Nell efficienza la differenza - Fotovoltaico - Installazioni elettriche - Impianti di sicurezza - Automazione - Illuminazione L impresa 2 Chi siamo Quello che offriamo Dal 1980 Wilhelm Holzmann è alla

Dettagli

Per o contro la Cooperazione allo. Autori: Patrick Gilliard & Fondazione Educazione e Sviluppo

Per o contro la Cooperazione allo. Autori: Patrick Gilliard & Fondazione Educazione e Sviluppo Per o contro la Cooperazione allo sviluppo? Autori: Patrick Gilliard & Fondazione Educazione e Sviluppo L aiuto è inefficace e costoso! (per il continente africano) Negli ultimi cinquanta anni i Paesi

Dettagli

il welfare fa bene include unifica e crea lavoro

il welfare fa bene include unifica e crea lavoro il welfare fa bene include unifica e crea lavoro 1 WELFARE, DI COSA SI TRATTA?. di servizi rivolti alle persone (gratuiti o no che siano). di trasferimenti in denaro (pubblici o privati). di agevolazioni

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI STEFANO SCALERA

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI STEFANO SCALERA EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI STEFANO SCALERA Direzione per la valorizzazione dell attivo e del patrimonio dello Stato, Dipartimento del Tesoro, Ministero dell economia e delle finanze INDICE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nuovi indici immobiliari ticinesi CAEX e APEX

COMUNICATO STAMPA. Nuovi indici immobiliari ticinesi CAEX e APEX Nuovi indici immobiliari ticinesi CAEX e APEX La Banca dello Stato del Cantone Ticino lancia, in collaborazione con CIFI SA, due nuovi indici immobiliari ticinesi: CAEX per le case unifamiliari e APEX

Dettagli

«Siamo una società che crede nell energia pulita, impegnata a diffondere soluzioni orientate al risparmio energetico per accrescere il

«Siamo una società che crede nell energia pulita, impegnata a diffondere soluzioni orientate al risparmio energetico per accrescere il «Siamo una società che crede nell energia pulita, impegnata a diffondere soluzioni orientate al risparmio energetico per accrescere il benessere dei nostri figli. Tutte le donne e gli uomini che lavorano

Dettagli

Guida agli investimenti

Guida agli investimenti 19 Ottobre 2012 Guida agli investimenti Cos è l ESMA? L ESMA è l Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati. È un autorità di regolamentazione indipendente dell Unione europea, con sede

Dettagli

Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico.

Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico. Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico. Nocera Torinese ( Cz ) Intervento di Luigi Sbarra Segretario Generale Cisl Calabria. Quando si osservano i dati statistici riguardanti la

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Fare di più con meno Iniziativa nell ambito della Strategia di Lisbona. Direzione generale Energia e trasporti 1

Fare di più con meno Iniziativa nell ambito della Strategia di Lisbona. Direzione generale Energia e trasporti 1 Libro verde sull efficienza energetica Fare di più con meno Iniziativa nell ambito della Strategia di Lisbona Direzione generale Energia e trasporti 1 Il precedente: Il Libro verde sulla sicurezza dell

Dettagli

A cura di Dott.ssa Marta Bonetti (Università di Pisa) PIU Contrastare il disagio per costruire il futuro

A cura di Dott.ssa Marta Bonetti (Università di Pisa) PIU Contrastare il disagio per costruire il futuro PIU- Contrastare il disagio per costruire il futuro A cura di Dott.ssa Marta Bonetti (Università di Pisa) 1 PIU Contrastare il disagio per costruire il futuro Ob1- Presentazione del progetto preliminare

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

Percorsi di Innovazione nelle Cure Primarie

Percorsi di Innovazione nelle Cure Primarie Percorsi di Innovazione nelle Cure Primarie Il punto di vista della Medicina Generale Giacomo Milillo Parma, 22 ottobre 2011 Intendiamoci sui termini Primary Care Assistenza Primaria Cure Primarie Assistenza

Dettagli

Studio Professionale AM Consulting

Studio Professionale AM Consulting La seguente scheda fornisce solo alcune informazioni di carattere generale e non è da considerarsi esaustiva, si rimandano gli approfondimenti a un momento successivo con le parti interessate. SALUTE 2008-2013

Dettagli

Indice p. 1. Introduzione p. 2. I Benefici quantificabili offerti dalle tariffe dell energia elettrica p. 3

Indice p. 1. Introduzione p. 2. I Benefici quantificabili offerti dalle tariffe dell energia elettrica p. 3 Energia elettrica: a quanto ammontano i risparmi aggiuntivi che derivano dai servizi accessori offerti con Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 I Benefici quantificabili offerti dalle tariffe dell energia

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA. Proposta di legge di iniziativa dei Consiglieri:

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA. Proposta di legge di iniziativa dei Consiglieri: CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA Proposta di legge di iniziativa dei Consiglieri: Lorenzo Pellerano Aldo Siri avente ad oggetto: Norme per la disciplina del servizio di tagesmutter

Dettagli

Techem. Il mondo dell energia intelligente e delle soluzioni per il risparmio di calore e acqua

Techem. Il mondo dell energia intelligente e delle soluzioni per il risparmio di calore e acqua Techem. Il mondo dell energia intelligente e delle soluzioni per il risparmio di calore e acqua Il nostro obiettivo: utilizzare l Energia con intelligenza La situazione Globale Ridurre le emissioni di

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 LE CONSIDERAZIONI STRATEGICHE DA FARE SUI FORNITORI... 4 CONCENTRARSI SUGLI OBIETTIVI... 4 RIDURRE

Dettagli

LE ANALISI E LE PROPOSTE DEL SIAP SUI PRESTITI AGEVOLATI, CON RELAZIONE ALLE POLITICHE ABITATIVE IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLA POLIZIA DI STATO

LE ANALISI E LE PROPOSTE DEL SIAP SUI PRESTITI AGEVOLATI, CON RELAZIONE ALLE POLITICHE ABITATIVE IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLA POLIZIA DI STATO LE ANALISI E LE PROPOSTE DEL SIAP SUI PRESTITI AGEVOLATI, CON RELAZIONE ALLE POLITICHE ABITATIVE IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLA POLIZIA DI STATO I PRESTITI AGEVOLATI SONO DELLE FORME DI FINANZIAMENTO (

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare I prezzi relativi al mercato immobiliare residenziale, dopo un periodo di forte crescita (fig. 10.1), negli anni 90 hanno subito un decremento; poi, con la fine del decennio, la

Dettagli

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI La Banca europea per gli investimenti (BEI) promuove gli obiettivi dell'unione europea fornendo finanziamenti, garanzie e consulenza a lungo termine in relazione a

Dettagli

SFRUTTARE LE OPPORTUNITA OFFERTE DALL EUROPA I FONDI EUROPEI

SFRUTTARE LE OPPORTUNITA OFFERTE DALL EUROPA I FONDI EUROPEI SFRUTTARE LE OPPORTUNITA OFFERTE DALL EUROPA I FONDI EUROPEI 1. IL CONTESTO 1.1 Flusso entrate/uscite: il saldo negativo per l Italia I progetti finanziati dalla Commissione Europea sono una risorsa preziosa

Dettagli

L INDAGINE TECNOBORSA 2011: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE NELLE SEI GRANDI CITTA INTERMEDIAZIONE E VALUTAZIONE

L INDAGINE TECNOBORSA 2011: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE NELLE SEI GRANDI CITTA INTERMEDIAZIONE E VALUTAZIONE L INDAGINE TECNOBORSA 2011: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE NELLE SEI GRANDI CITTA INTERMEDIAZIONE E VALUTAZIONE a cura di Alice Ciani Centro Studi sull Economia Immobiliare di Tecnoborsa

Dettagli

AT&S Aumenta l Efficienza e l Agilità del Business Tramite il Miglioramento della Gestione IT

AT&S Aumenta l Efficienza e l Agilità del Business Tramite il Miglioramento della Gestione IT CUSTOMER SUCCESS STORY Ottobre 2013 AT&S Aumenta l Efficienza e l Agilità del Business Tramite il Miglioramento della Gestione IT PROFILO DEL CLIENTE Settore: Manifatturiero Azienda: AT&S Dipendenti: 7500

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Le tipologie di finanziamento comunitario

Le tipologie di finanziamento comunitario Le tipologie di finanziamento comunitario Breve introduzione I Programmi Comunitari sono stati creati con l'obiettivo di coinvolgere, attraverso finanziamenti a fondo perduto, il settore pubblico e quello

Dettagli

Tabella 1 Costi unitari medi per l attestazione energetica degli edifici.

Tabella 1 Costi unitari medi per l attestazione energetica degli edifici. Relazione tecnica Schema di decreto-legge per il recepimento della Direttiva 2010/31/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 maggio 2010, sulla prestazione energetica nell'edilizia, per la definizione

Dettagli

Cura del Documento: Giuseppe Gargano. Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia

Cura del Documento: Giuseppe Gargano. Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia Cura del Documento: Giuseppe Gargano Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia Tipologia di cooperazione Area eleggibile Transfrontaliera Ai sensi dell art. 7(1) del reg. 1083/2006,

Dettagli

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century)

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) SCHEDA 6 La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) Quarta Conferenza Internazionale sulla Promozione

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

PUC3 PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO (D.G.R. N. 281 DEL 03/04/2013, art.4) Avviso pubblico

PUC3 PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO (D.G.R. N. 281 DEL 03/04/2013, art.4) Avviso pubblico PUC3 PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO (D.G.R. N. 281 DEL 03/04/2013, art.4) 1. Generalità Avviso pubblico La regione dell Umbria, con DGR 7 aprile 2013, n. 281, ha approvato l avviso per la presentazione

Dettagli

Workshop ST-ESCOs Barriere e potenziale: gli strumenti del progetto ST-ESCOs

Workshop ST-ESCOs Barriere e potenziale: gli strumenti del progetto ST-ESCOs Workshop ST-ESCOs Barriere e potenziale: gli strumenti del progetto ST-ESCOs 30 Novembre 2005, Napoli - Palazzo San Giacomo, Mario Motta, Luca Colasuonno Barriere e Potenziale 2 Tecnologie solari termiche:

Dettagli

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Comunicato Stampa FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Ieri sera l incontro con i cittadini cormanesi per parlare di territorio e residenza Cormano,

Dettagli

Manifesto per l investimento sostenibile: Investire in un futuro sostenibile

Manifesto per l investimento sostenibile: Investire in un futuro sostenibile BEE (Ufficio europeo per l Ambiente) Piattaforma Sociale Manifesto per l investimento sostenibile: Investire in un futuro sostenibile L Unione Europea e i suoi Stati membri si sono più volte impegnati

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. Prof. Gianpiero Dalla Zuanna Professore Straordinario facoltà di Scienze Statistiche Università di Padova 1) Cambiamento sociale-familriare

Dettagli

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2 La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui energetici ed emissioni di CO 2 Rapporto di Sostenibilità 2011 I benefici di BIOCASA su energetici e emissioni di CO 2 Il Progetto BIOCASA è la risposta di

Dettagli

COMUNI SPRECONI? SERVONO CIRCA 120 MILIONI DI EURO PER IL RISPARMIO ENERGETICO

COMUNI SPRECONI? SERVONO CIRCA 120 MILIONI DI EURO PER IL RISPARMIO ENERGETICO Comunicato stampa COMUNI SPRECONI? SERVONO CIRCA 120 MILIONI DI EURO PER IL RISPARMIO ENERGETICO Servono tra i 110 e i 120 milioni di euro per ridurre gli sprechi in campo energetico dei Comuni con meno

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE POLIDORI, VIGNALI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE POLIDORI, VIGNALI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 999 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI POLIDORI, VIGNALI Disposizioni per la razionalizzazione della gestione delle acque e istituzione

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione

Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione RUOLI NELLA RETE Quali sono i ruoli che un ente può interpretare nell ambito del progetto? Un ente può essere partner oppure

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica [14/03/2013 Prot. 647] Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica Programmazione 2014-2020 Tavolo tecnico B Valorizzazione, gestione e tutela dell ambiente

Dettagli

Ageing at home. Esperienze idee soluzioni. nella Regione Marche

Ageing at home. Esperienze idee soluzioni. nella Regione Marche Ageing at home Esperienze idee soluzioni nella Regione Marche Alcune caratteristiche della Regione La Regione Marche è caratterizzata: da un alto tasso di invecchiamento della popolazione da elevate aspettative

Dettagli

Promuovere gli investimenti per la crescita e l occupazione

Promuovere gli investimenti per la crescita e l occupazione Promuovere gli investimenti per la crescita e l occupazione Presentazione del VI rapporto sulla coesione economica, sociale e territoriale in Europa 6 ottobre2014 Massimo Sabatini Politiche regionali e

Dettagli

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave MEMO/08/XXX Bruxelles, 16 ottobre 2008 La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave La Commissione europea pubblica oggi il resoconto annuale delle tendenze sociali negli Stati

Dettagli

Servizio Volontario Europeo Linee Guida per l Accreditamento. Programma Gioventù in Azione

Servizio Volontario Europeo Linee Guida per l Accreditamento. Programma Gioventù in Azione Servizio Volontario Europeo Linee Guida per l Accreditamento Programma Gioventù in Azione Maggio 2011 1. Introduzione Il Servizio Volontario Europeo (SVE), facente parte del Programma dell Unione Europea

Dettagli

Il mercato italiano delle case in legno nel 2010

Il mercato italiano delle case in legno nel 2010 Il mercato italiano delle case in legno nel 2010 Analisi del mercato Previsioni fino al 2015 Analisi del Dott. Paolo Gardino Consulting per promo_legno In collaborazione con Assolegno di FederlegnoArredo

Dettagli

Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico.

Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico. Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico. Assumersi responsabilità. Con provvedimenti energeticamente efficienti. L efficienza energetica è una strategia efficace per la protezione

Dettagli