PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione"

Transcript

1 1 PROBLEMI DI SCELTA Problemi di Scelta Campo di Scelta Funzione Obiettivo Modello Matematico Scelte in condizioni di Certezza Scelte in condizioni di Incertezza Effetti Immediati Effetti Differiti Effetti Immediati A Carattere Discreto A Carattere Continuo Ogni via da un risultato che è funzione di una sola variabile A più variabili d azione (Programmazione lineare) Effetti Differiti Ogni da un risultato unico Ogni da un risultato che è funzione di una sola variabile 1

2 Ogni giorno sia in campo economico che finanziario, l azienda, lo Stato o il singolo cittadino si trovano a dover risolvere problemi che prevedono la scelta tra più alternative per risolvere problemi di vario genere. La metodologia usata per risolvere tali problemi prende il nome di ricerca o- perativa, i problemi da risolvere prendono il nome di problemi di scelta. La Ricerca Operativa è una metodologia che con procedimenti matematici e statistici, si propone di individuare la condotta migliore per raggiungere un o- biettivo prefissato. L impostazione e risoluzione un problema di scelta prevede le seguenti fasi: Fase1: ricerca della funzione obiettivo. La funzione obiettivo traduce in termini matematici l obiettivo fissato e può essere un costo, un ricavo, un guadagno etc. La funzione obiettivo può dipendere da una o più variabili chiamate variabili d azioni. Risolvere un problema di scelta significa cercare il massimo o il minimo della funzione obiettivo (massimizzare o minimizzare la funzione obiettivo). Fase : individuazione del Campo di scelta. Il Campo di scelta è costituito dall insieme dei valori che possono assumere le variabili d azione. CLASSIFICAZIONE DEI PROBLEMI DI SCELTA I problemi di scelta possono essere classificati in base alle condizioni ed agli effetti. Le condizioni indicano i dati da cui si parte e possono essere di certezza o di incertezza. Gli effetti sono le conseguenze della scelta e possono essere immediati o differiti, a seconda del tempo che passa tra la scelta effettuata e le conseguenze. 1. problemi che comportano scelte in condizione di certezza con effetti immediati: gli effetti della scelta sono noti ed immediati. Es: Per spedire delle merci posso scegliere tra le seguenti alternative: a. 100 al quintale più 800 di spesa fissa.

3 3 b. 100 al quintale più 1000 di spesa fissa. Determinare qual è la scelta più favorevole. Problemi di scelta in condizioni di certezza con effetti differiti. Problemi incui le condizioni sono certi e gli effetti sono differiti nel tempo. Es. : per ammortizzare un debito posso scegliere tra le seguenti alternative: 1. In 10 anni col metodo progressivo al 10% annuo;. Rimborso unico del debito dopo 10 anni con rimborso annuo degli interessi al 9% annuo e con un versamento finale di Problemi di scelta in condizioni di incertezza: gli effetti della scelta dipendono dal verificarsi o meno di determinati eventi aleatori ( il reddito azionario, il risarcimento di un danno, l estrazione di un obbligazione, ecc). PROBLEMI DI SCELTA IN CONDIZIONE DI CERTEZZA ED IMMEDIATEZ- ZA I problemi di scelta in condizione di certezza possono essere a carattere continuo o discreto. A carattere continuo se il campo di scelta è costituito da infinite soluzioni date dai valori che la variabile d azione può assumere in un intervallo o nel campo reale (insieme dei numeri reali). A carattere discreto se il campo di scelta è costituito da un numero finite di alternative. SCELTA NEL CONTINUO Nel problema di scelta nel continuo, fissata la funzione obiettivo e le variabili d azione, bisogna individuare il campo di scelta cioè precisare se le variabili d azione d azione possono assumere qualsiasi valore nel campo di scelta oppure sono soggette a delle limitazioni. Le limitazioni possono essere espres- 3

4 4 se sotto forma di equazioni o sotto forma di disequazioni e vengono dette vincoli. I vincoli espressi da eguaglianza possono diminuire il numero delle variabili (una variabile può essere espressa come funzione delle altre), i vincoli sotto forma di eguaglianza limitano il campo di scelta e se si riferiscono solo al segno vengono detti vincoli di segno. Risolvere un problema di scelta nel continuo significa trovare il il valore da attribuire alla variabile d azione affinché il valore della funzione obiettivo sia un massimo oppure un minimo. RISOLUZIONE DI UN PROBLEMA DI SCELTA NEL CONTINUO Problema in una variabile risolvibile con una funzione lineare. PROBLEMA: un azienda è in possesso delle seguenti informazioni relative al costo di produzione di un certo prodotto: costo fisso mensile 1000, spese per le materie prime 5 al kg, spese di manodopera 3 al kg. Sapendo che mensilmente si possono produrre al massimo 4000 kg di prodotto e che il prezzo di vendita è di 0 al kg, determinare qual è la produzione minima per non lavorare in perdita e qual è la quantità che conviene produrre per avere il massimo guadagno. RISOLUZIONE: Primo metodo sia x la variabile d azione che indica la quantità di prodotto, rappresentiamo 1. Su una tabella mettiamo i dati noti Descrizione Valori Spese fisse 1000 al mese Costo unitario per materie prime 5 /kg Costo unitario per manodopera 3 /kg Prezzo di vendita 0 /kg Produzione massima 4000 kg 4

5 5. Troviamo la funzione obiettivo La funzione obiettivo è data da: funzione guadagno (y g ) funzione ricavo (y r ) - funzione costi (y c ) y r ricavi pervariabile d azione y r 0x y c costi variabili per variabile d azione +costi fissi y c 5x+3x+1000 y g 0x- (5x+3x+1000) y g 0x-5x-3x-1000 y g 1x Si rappresenta la funzione guadagno sul piano cartesiano x y D O B C A A(0;-10000) B(1000;0) C(4000;0) D(4000; 36000) 4. Discussione del diagramma di redditività Se x<1000 kg si ha una perdita e l area compresa nel triangolo OAB si chiama area di perdita. 5

6 6 Se x1000 i costi coincidono con i ricavi, il guadagno è 0, il punto B prende il nome di punto di equilibrio oppure punto di rottura (break even point) Se x>1000 si ha un guadagno, l area a partire da BC prende il nome di area di guadagno Se x4000 si ha il massimo ricavo che è di RISOLUZIONE: Secondo metodo sia x la variabile d azione che indica la quantità di prodotto, rappresentiamo 1. Su una tabella mettiamo i dati noti Descrizione Valori Spese fisse 1000 al mese Costo unitario per materie prime 5 /kg Costo unitario per manodopera 3 /kg Prezzo di vendita 0 /kg Produzione massima 4000 kg. Troviamo la funzione obiettivo In questo caso abbiamo due funzioni obiettivo da confrontare graficamente: funzione ricavo (y r ) e funzione costi (y c ) y r ricavi per variabile d azione y r 0x y c costi variabili per variabile d azione +costi fissi y c 5x+3x Si rappresentano le due funzioni, costi e ricavo sul piano cartesiano Per la funzione costi si hanno i seguenti valori x y Per la funzione ricavo si hanno i seguenti valori 6

7 7 x y C O A B A(1000;0) B(4000;0) C(4000; 36000) 4. Discussione del diagramma di redditività Se x<1000 kg si ha una perdita e l area compresa nel triangolo OAC si chiama area di perdita. Se x1000 i costi coincidono con i ricavi, il guadagno è 0, il punto C prende il nome di punto di equilibrio oppure punto di rottura (break even point) Se x>1000 si ha un guadagno, l area superiore a C prende il nome di area di guadagno Se x4000 si ha il massimo ricavo che è di

8 8 Riassumendo questo problema si può in due modi diversi, o considerando direttamente la funzione guadagno oppure intersecando la funzione costi con la funzione ricavi. Problema in una variabile risolvibile con una funzione non lineare, funzione quadratica. PROBLEMA Un industria che ha una capacità produttiva massima di 3000 kg, produce e vende in condizioni di monopolio un dato bene al prezzo unitario p, espresso dalla relazione p,5 0,0005x (il prezzo di vendita dipende dalla quantità di prodotto venduta e diminuisce aumentando la vendita), dove x è il numero di kg prodotti e offerti ogni giorno. Sapendo che i costi di produzione sono dati da: Costo fisso giornaliero pari 1000 ; Costi per kg di prodotto 0,6 Determinare quale quantità conviene produrre e vendere per realizzare il massimo utile e quale quantità per non lavorare in perdita. RISOLUZIONE: primo metodo 1. Su una tabella mettiamo i dati noti Descrizione Valori Costo fisso giornaliero 1000 Costo unitario 0,6 Prezzo unitario di vendita p,5 0,0005x Produzione massima 3000 kg 8

9 9. Troviamo la funzione obiettivo La funzione obiettivo è data da: funzione guadagno (y g ) funzione ricavo (y r ) - funzione costi (y c ) y r ricavi per variabile d azione y r px y r (,5 0,0005x)x y r,5x 0,0005x y c costi variabili per variabile d azione +costi fissi y c 0,6x+1000 y g,5x -0,0005x (0,6x+1000) y g,5x - 0,0005x -0,6x 1000 y g -0,0005x +1,9x La funzione obiettivo è una parabola con la concavità verso il basso, il coefficiente di x è negativo. Per rappresentare la funzione obiettivo bisogna trovare il vertice della parabola e le sue intersezioni con l asse delle ascisse e con l asse delle ordinate. b b Troviamo il vertice della parabola che è dato da: V( ; 4ac ) a 4a b -4ac (1,9) -4(-0,0005)(-1000) 3,61-1,61 b 1,9 a ( 0,0005) b 4ac 4a V(1900;805) 1,9 0, ( 1,9 ) 4( 0,0005)( 1000) 4( 0,0005) 3,61 0,00 1,61 0, Intersezione con l asse delle ascisse, si risolve il sistema costituito dall equazione della parabola e dall equazione dell asse delle ascisse che è y0 9

10 x 0 0,0005x 0 + 1,9 x ,9 x Cambiando il segno nella prima equazione e moltiplicando per per togliere la virgola al primo coefficiente, si ottiene: 5x 19000x Risolviamo l equazione di secondo grado completa con la formula b ± x b 4ac a ± ( 19000) * ± ± x1 631, x 3168,8 10 4*5* ± Da cui avremo i due punti A(631,;0) e B(3168,8;0) Intersechiamo la funzione con l asse delle ordinate che ha equazione x0 0,0005x x x 1000 Sostituendo 0 al posto di ogni x si ottiene 1000 x 0 Da cui otteniamo il punto C(0;-1000) 10

11 11 3. Rappresentiamola funzione sul piano cartesiano V O A B C 4. Discussione del diagramma di redditività Per x<631 si ha una perdita Per x631 il ricavo coincide con i costi e quindi è la produzione minima per non essere in perdita, il punto A rappresenta il Break even point (punto di equilibrio). 631<x<3000 si ha un guadagno che è massimo per x1900 e sarà di 805 X>3000 non può essere preso in considerazione in quanto la produzione massima è di 3000 kg. L area compresa tra i punti OAC si chiama area di perdita. L area compresa tra i punti AVC si chiama area di utile. 11

12 1 RISOLUZIONE: secondo metodo 1. Su una tabella mettiamo i dati noti Descrizione Valori Costo fisso giornaliero 1000 Costo unitario 0,6 Prezzo unitario di vendita p,5 0,0005x Produzione massima 3000 kg. Troviamo la funzione obiettivo In questo caso abbiamo due funzioni obiettivo da confrontare graficamente: funzione ricavo (y r ) e funzione costi (y c ) y r ricavi per variabile d azione y r (,5-0,0005x)x y r,5x-0,0005x y c costi variabili per variabile d azione +costi fissi y c 0,6x+1000 La funzione obiettivo è costituita di due parti, la funzione costi e la funzione ricavi che dobbiamo confrontare. Per rappresentare la prima funzione bisogna trovare il vertice della parabola e le sue intersezioni con l asse delle ascisse e con l asse delle ordinate. b b Troviamo il vertice della parabola che è dato da: V( ; 4ac ) a 4a b -4ac(,5) -4*(-0,0005)*0 6,5 *,5 ( 0,0005),5 0,

13 b 4ac 4a (,5) 4( 0,0005) 4( 0,0005) *0 6,5 0,00 Il vertice avrà coordinate V(500;315) Troviamo l intersezione con l asse delle ascisse 0,0005x 0 0,0005x 0 +,5x +,5x 0 ( 0,0005x +,5) x 0 0 x ,0005 y 0 x +,5 0 x,5 0, x Troviamo i punti O(0;0) A(5000;0) Troviamo l intersezione con l asse delle ordinate 0,0005x x 0 +,5x x 0 Ci da il punto O(0;0) 0 Cerchiamo i punti comuni alla retta dei costi ed alla curva dei ricavi 0,0005x +,5x 0,6x ,6x x 0,6x ,5x 0,6x ,6x ,0005x,5x + 0, ,0005x 1,9 x Risolviamo l equazione di secondo grado completa con la formula 13

14 14 b ± x b 4ac a ± ( 19000) * ± ± x1 631, x 3168,8 10 Sostituiamo nell altra equazione 4*5* ± x1 631, 1 0,6*361, x1 631, 1 116,7 x 3168,8 0,6*3168, x 3168,8 901,3 Otteniamo i punti A(631;117) e B(3169;901) Per x3000 il massimo della produzione abbiamo y0,6* D(3000;800) 3. Rappresentiamo la funzione sul piano cartesiano V B C A D O 14

15 15 4. Discussione del diagramma di redditività Per x<631 si ha una perdita Per x631 il ricavo coincide con i costi e quindi è la produzione minima per non essere in perdita, il punto A rappresenta il Break even point (punto di equilibrio). 631<x<3000 si ha un guadagno che è massimo per x500 X>3000 non può essere preso in considerazione in quanto la produzione massima è di 3000 kg. L area compresa tra i punti OAC si chiama area di perdita. L area compresa tra i punti AVBD si chiama area di utile. 15

16 16 PROBLEMI DI SCELTA FRA PIÙ ALTERNATIVE In molte occasioni il problema di scelta comporta la scelta tra due o più alternative possibili. Per esempio quando si deve far eseguire un lavoro oppure se si deve acquistare una nuova auto, si chiedono preventivi a più ditte, e, quindi, si deve scegliere tra varie proposte qual è quella più conveniente. Per effettuare la scelta, anche in questo caso, si deve individuare la funzione obiettivo che si deve analizzare ed ottimizzare, al variare della variabile d azione, per decidere quale sia la scelta migliore. In questo tipo di problema la scelta non è unica, ma dipende dal valore assunto dalla variabile. Ad esempio, se voglio depositare dei soldi e chiedo a più Banche qual è il tasso d interesse praticato, la prima cosa che le Banche mi chiederanno è qual è la somma che voglio depositare. Infatti, se la somma è bassa il tasso d interesse sarà più o meno uguale per ogni Banca, se, invece, la somma è più elevata il tasso varia in proporzione. ESEMPIO: Scelta fra tre alternative. PROBLEMA: Un impresa per il trasporto delle sue merci riceve tre offerte, che indicheremo con A, B e C. l offerta A richiede per ogni viaggio un compenso fisso di 50, più al quintale; l offerta B richiede un compenso fiso di 100 più 1,80 al quintale; l offerta C richiede un compenso fisso di 180, più 1,60 al quintale. Determinare l offerta che conviene scegliere, in funzione della quantità trasportata. 1. Su una tabella mettiamo i dati noti Offerta A Offerta B Offerta C Costi fissi Costi variabili 1,80 1,60 16

17 17. Scriviamo le funzioni dei tre costi Offerta A: y x+50 Offerta B: y 1,80x+100 Offerta C: y 1,60x Troviamo i punti in comune alle rette Intersezione delle rette A e B x ,80x y x + 50 x ,80 x x + 50 x 1,80x x ,x 50 x x 0, x 50 * x A(50;550) Intersezione delle rette A e C y y x + 1,60 50 x x + 50 x ,60x x + 50 x 1,60x x ,4x 130 x x 0,4 x 35 * x B(35;700) Intersezione delle rette B e C 1,80x ,60x ,80x ,80x ,60x ,80x ,80 1, ,80x ,x 0 1,80x x 0, x 100 1,80* x C(100;80) 17

18 18 4. Rappresentiamo le tre funzioni sul piano cartesiano a: y x+50 b: y 1,80x+100 c: y 1,60x+180 B C A b c a 5. Discussione del diagramma di redditività Se x< 50 è più conveniente l alternativa a (la retta a sta sotto le altre due rette ed indica il costo minore) Se x > 50 è più conveniente l alternativa b (la retta b sta sotto le altre due rette) 18

19 19 Per x 50 sono indifferenti l alternativa a e c, il punto A è il punto di equilibrio (Break even point) L alternativa c non è mai conveniente. PROBLEMA DELLE SCORTE È un problema di scelta in condizioni di certezza nel continuo. Questo problema si riferisce ad un impresa che per la sua produzione utilizza una determinata materia prima e deve stabilire la quantità ottimale da acquistare di volta in volta per avere il minimo costo. Per impostare questo problema dobbiamo fare alcune considerazioni iniziali: La quantità di materia prima richiesta sia costante in ogni unità di tempo; Non vi siano sconti di quantità, cioè il costo unitario è lo stesso quale che sia la quantità di merce acquistata; Non vi siano vincoli per l acquisto della merce; Le spese di magazzino siano direttamente proporzionali alla quantità media di merce di scorta. I costi che l azienda deve sostenere sono: Le spese di magazzino; Le spese fisse per ordinazione. L azienda deve decidere in merito alla quantità ottima di ciascuna ordinazione e la periodicità ottima di rinnovamento delle scorte. La funzione obiettivo è data dalla somma dei costi relativi ad un certo periodo. La variabile d azione x è il numero di unità per ogni ordinazione. Siano: Qla quantità complessiva di merce da ordinare in un determinato periodo di tempo ( anno, settimana, mese, ecc) C 1 il costo d ordine (indipendente dalla quantità di merce acquistata) C il costo unitario di magazzinaggio 19

20 0 numero di ordinazioni per anno (se il periodo di riferimento è l anno) è la giacenza media (quanto tempo in media la merce resta in magazzino) Costo di magazzinaggio (giacenza media per costo unitario di magazzinaggio al giorno per numero di giorni) Costo complessivo annuo Della funzione obiettivo si vuole cercare, essendo un costo, il minimo che si avrà quando 180 e cioè PROBLEMA Un impresa industriale impiega, con consumo uniforme nel tempo, nella sua produzione una certa quantità di materia prima, si hanno i seguenti dati: Consumo materia prima: 100 q-giorno; Costo fisso per ordinazione 50; Costo di magazzinaggio: 0,01 al q-giorno. Determinare la quantità ottimale di materia prima da ordinare ogni volta. 1. Calcolo della funzione obiettivo: la quantità di materia prima da ordinare in un anno è: (100*1*30) q (contando 1 mesi di 30 giorni in un anno) Se x è la quantità di un ordinazione la giacenza media è e il numero di ordinazioni è (Q 360*100 numero di giorni per quantità giornaliera) Il costo per ordinazione è 50 (costo di un ordinazione per numero di ordinazioni) Il costo di magazzinaggio è : 0

21 1 0, ,8 (giacenza media per costo di un giorno per numero di giorni) La funzione obiettivo è: 1, Ricerca del minimo costo Questa è una funzione in una sola variabile che si vuole minimizzare. Calcoliamo la derivata prima 1, ) Poiché il minimo si ha quando la funzione si annulla, poniamo Y 0 e avremo: 1, Risolviamo questa disequazione, facciamo il mcm e, poiché x >0 sempre, a- vremo 1, Risolviamo prima l equazione e, quindi la disequazione ± ,8 ± ± ±1000 Poiché l equazione è incompleta pura e abbiamo due radici reali ed opposte, y 0 per valori esterni all intervallo delle radici e cioè: Riportiamo i risultati sul grafico Max min I valori negativi non possono essere presi in considerazione perché i costi non possono essere negativi e, quindi, l unica soluzione accettabile è x 1000 dove si ha il minimo. 1

22 3. Risultati finali Quindi la scelta ottimale è di ordinare 1000q ad ogni ordinazione. Il costo totale sarà: 1, Il numero di ordinazioni per anno è dato da: 36 L intervallo tra un ordinazione e l altra è: 10 (giorni per anno/numero di ordinazioni) La giacenza media è: 500

PROBLEMI DI SCELTA IN CONDIZIONI DI CERTEZZA dipendenti da una sola variabile di scelta con effetti immediati

PROBLEMI DI SCELTA IN CONDIZIONI DI CERTEZZA dipendenti da una sola variabile di scelta con effetti immediati prof. Guida PROBLEMI DI SCELTA IN CONDIZIONI DI CERTEZZA dipendenti da una sola variabile di scelta con effetti immediati sono quei problemi nei quali gli effetti della scelta sono noti e immediati ESERCIZIO

Dettagli

PROGRAMMA CLASSE V I. T. C.

PROGRAMMA CLASSE V I. T. C. PROGRAMMA CLASSE V I. T. C. A.S 2009/10 Disciplina: Matematica Generale ed Applicata Titolo modulo Contenuti (suddivisi in unità didattiche) 1 Geometria analitica U.D.1 Equazione retta in forma esplicita

Dettagli

LA RICERCA OPERATIVA E I PROBLEMI DI SCELTA

LA RICERCA OPERATIVA E I PROBLEMI DI SCELTA LA RICERCA OPERATIVA E I PROBLEMI DI SCELTA La ricerca operativa può essere considerata: L applicazione del metodo scientifico da parte di gruppi interdisciplinari a problemi che implicano il controllo

Dettagli

RICERCA OPERATIVA RICERCA OPERATIVA RICERCA OPERATIVA (PROBLEMI

RICERCA OPERATIVA RICERCA OPERATIVA RICERCA OPERATIVA (PROBLEMI RICERCA OPERATIVA RICERCA OPERATIVA (PROBLEMI DI SCELTA) Il termine RICERCA OPERATIVA sembra sia stato usato per la prima volta nel 1939, ma già precedentemente alcuni scienziati si erano occupati di problemi

Dettagli

RICERCA OPERATIVA. Questi due tipi di costi contribuiscono a determinare il costo totale di produzione così definito:

RICERCA OPERATIVA. Questi due tipi di costi contribuiscono a determinare il costo totale di produzione così definito: RICERCA OPERATIVA Prerequisiti Rappresentazione retta Rappresentazione parabola Equazioni e disequazioni Ricerca Operativa Studio dei metodi e delle strategie al fine di operare scelte e prendere decisioni

Dettagli

Funzioni a 2 variabili

Funzioni a 2 variabili Funzioni a 2 variabili z = f(x, y) Relazione che associa ad ogni coppia di valori x,y (variabili indipendenti) uno ed un solo valore di z (variabile dipendente). Esempi: z = x 2y + 4 z = x 2 y 2 2x z =

Dettagli

LA RICERCA OPERATIVA

LA RICERCA OPERATIVA LA RICERCA OPERATIVA Il termine Ricerca Operativa, dall inglese Operations Research, letteralmente ricerca delle operazioni, fu coniato per esprimere il significato di determinazione delle attività da

Dettagli

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI 1 PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI La ricerca operativa nata durante la seconda guerra mondiale ed utilizzata in ambito militare, oggi viene applicata all industria, nel settore pubblico e nell

Dettagli

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI Capitolo I LE FUNZIONI A DUE VARIABILI In questo primo capitolo introduciamo alcune definizioni di base delle funzioni reali a due variabili reali. Nel seguito R denoterà l insieme dei numeri reali mentre

Dettagli

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI 1 PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI La ricerca operativa nata durante la seconda guerra mondiale ed utilizzata in ambito militare, oggi viene applicata all industria, nel settore pubblico e nell

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA CENNI DI RICERCA OPERATIVA ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA CENNI DI RICERCA OPERATIVA ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA CENNI DI RICERCA OPERATIVA ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 La ricerca operativa 2 1.1 Introduzione......................................... 2 1.2 Le fasi della ricerca operativa...............................

Dettagli

PIANO CARTESIANO: un problema di programmazione lineare

PIANO CARTESIANO: un problema di programmazione lineare PIANO CARTESIANO: un problema di programmazione lineare In un laboratorio sono disponibili due contatori A, B di batteri. Il contatore A può essere azionato da un laureato che guadagna 20 euro per ora.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE LINEARE:

PROGRAMMAZIONE LINEARE: PROGRAMMAZIONE LINEARE: Definizione:la programmazione lineare serve per determinare l'allocazione ottimale di risorse disponibili in quantità limitata, per ottimizzare il raggiungimento di un obiettivo

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS V ERSA RI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo LICEO TECNICO MATERIA M ATEMATICA APPLICATA ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROF PIZZILEO

Dettagli

2 y. 12) Studia e rappresenta le linee di livello ottenute intersecando con i piani di equazione z=0, z=2, z=4 la

2 y. 12) Studia e rappresenta le linee di livello ottenute intersecando con i piani di equazione z=0, z=2, z=4 la A - ANALISI INFINITESIMALE 1) Come si rappresentano i punti (-;0:3) (1,-,-1) (3,1,0) nello spazio cartesiano? Quali sono le equazioni, implicita ed esplicita, del piano da essi determinato? Quali sono

Dettagli

CLASSE TERZA - COMPITI DELLE VACANZE A.S. 2014/15 MATEMATICA

CLASSE TERZA - COMPITI DELLE VACANZE A.S. 2014/15 MATEMATICA Risolvere le seguenti disequazioni: 0 ) x x ) x x x 0 CLASSE TERZA - COMPITI DELLE VACANZE A.S. 04/ MATEMATICA x 6 x x x x 4) x x x x x 4 ) 6) x x x ( x) 0 x x x x x x 6 0 7) x x x EQUAZIONI CON I MODULI

Dettagli

Alcuni probelmi risolti

Alcuni probelmi risolti Alcuni probelmi risolti Esercizio 1: Svolgere l esempio 3 a p.115 del testo. Esercizio (Consideriamo nuovamente i dati dell esempio 3 p. 115 del testo.) Il prezzo P unitario ottenuto da un impresa nella

Dettagli

Modelli di Ottimizzazione

Modelli di Ottimizzazione Capitolo 2 Modelli di Ottimizzazione 2.1 Introduzione In questo capitolo ci occuperemo più nel dettaglio di quei particolari modelli matematici noti come Modelli di Ottimizzazione che rivestono un ruolo

Dettagli

1) Quali sono le equazioni, implicita ed esplicita, del piano determinato dai punti (-2;0:3) (1,-2,-1) (3,1,0) dello spazio cartesiano?

1) Quali sono le equazioni, implicita ed esplicita, del piano determinato dai punti (-2;0:3) (1,-2,-1) (3,1,0) dello spazio cartesiano? A - ANALISI INFINITESIMALE 1) Quali sono le equazioni, implicita ed esplicita, del piano determinato dai punti (-;0:3) (1,-,-1) (3,1,0) dello spazio cartesiano? ) Qual è l'equazione del piano passante

Dettagli

IL PROBLEMA DELLE SCORTE

IL PROBLEMA DELLE SCORTE IL PROBLEMA DELLE SCORTE Un problema di Ricerca Operativa, di notevole interesse pratico, è il problema della gestione delle scorte, detto anche di controllo delle giacenze di magazzino. Esso riguarda

Dettagli

Paperone e Rockerduck: a cosa serve l antitrust?

Paperone e Rockerduck: a cosa serve l antitrust? Paperone e Rockerduck: a cosa serve l antitrust? Paperone Anna Torre, Rockerduck Ludovico Pernazza 1-14 giugno 01 Università di Pavia, Dipartimento di Matematica Concorrenza Due imprese Pap e Rock operano

Dettagli

Funzione Una relazione fra due insiemi A e B è una funzione se a ogni elemento di A si associa uno e un solo elemento

Funzione Una relazione fra due insiemi A e B è una funzione se a ogni elemento di A si associa uno e un solo elemento TERIA CAPITL 9. ESPNENZIALI E LGARITMI. LE FUNZINI Non si ha una funzione se anche a un solo elemento di A non è associato un elemento di B, oppure ne sono associati più di uno. DEFINIZINE Funzione Una

Dettagli

.y 6. .y 4. .y 5. .y 2.y 3 B C C B. B f A B f -1

.y 6. .y 4. .y 5. .y 2.y 3 B C C B. B f A B f -1 Funzioni FUNZIONI Una funzione è una relazione fra due insiemi non vuoti e, che associa ad ogni elemento uno e un solo elemento. In simboli si scrive: = oppure. x 1. x..y B C.y 5 x 4..y 4 L elemento è

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Esercizi di Matematica. Funzioni e loro proprietà

Esercizi di Matematica. Funzioni e loro proprietà www.pappalardovincenzo.3.it Esercizi di Matematica Funzioni e loro proprietà www.pappalardovincenzo.3.it ESERCIZIO www.pappalardovincenzo.3.it ESERCIZIO ESERCIZIO www.pappalardovincenzo.3.it ESERCIZIO

Dettagli

Lezione 6 (16/10/2014)

Lezione 6 (16/10/2014) Lezione 6 (16/10/2014) Esercizi svolti a lezione Esercizio 1. La funzione f : R R data da f(x) = 10x 5 x è crescente? Perché? Soluzione Se f fosse crescente avrebbe derivata prima (strettamente) positiva.

Dettagli

ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT UNIFE A.A. 2015/2016. 1. Esercizi: lezione 24/11/2015

ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT UNIFE A.A. 2015/2016. 1. Esercizi: lezione 24/11/2015 ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT UNIFE A.A. 2015/2016 1. Esercizi: lezione 24/11/2015 Valutazioni di operazioni finanziarie Esercizio 1. Un operazione finanziaria

Dettagli

RDefinizione (Funzione) . y. . x CAPITOLO 2

RDefinizione (Funzione) . y. . x CAPITOLO 2 CAPITOLO 2 Funzioni reali di variabile reale Nel capitolo precedente è stata introdotta la nozione generale di funzione f : A B, con A e B insiemi arbitrari. Nel presente capitolo si analizzeranno più

Dettagli

IL BREAK EVEN E LA STRUTTURA DI COSTO

IL BREAK EVEN E LA STRUTTURA DI COSTO IL BREAK EVEN E LA STRUTTURA DI COSTO L analisi del punto di pareggio esprime, sia per via grafica che in termini matematici la relazione COSTI - VOLUME PROFITTO e dà un quadro immediato degli elementi

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

MATEMATICA TRIENNIO CORSO TURISTICO, AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

MATEMATICA TRIENNIO CORSO TURISTICO, AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI MATEMATICA TRIENNIO CORSO TURISTICO, AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Obiettivi del triennio: ; elaborando opportune soluzioni; 3) utilizzare le reti e gli strumenti informatici

Dettagli

MATEMATICA GENERALE - (A-D) Prova d esame del 7 febbraio 2012 - FILA A

MATEMATICA GENERALE - (A-D) Prova d esame del 7 febbraio 2012 - FILA A MATEMATICA GENERALE - (A-D) Prova d esame del 7 febbraio 2012 - FILA A Nome e cognome Matricola I Parte OBBLIGATORIA (quesiti preliminari: 1 punto ciascuno). Riportare le soluzioni su questo foglio, mostrando

Dettagli

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ES. 1 - Due treni partono da due stazioni distanti 20 km dirigendosi uno verso l altro rispettivamente alla velocità costante di v! = 50,00 km/h e v 2 = 100,00 km

Dettagli

LABORATORIO DI MATEMATICA I PROBLEMI DI SCELTA IN CONDIZIONI DI INCERTEZZA CON EXCEL

LABORATORIO DI MATEMATICA I PROBLEMI DI SCELTA IN CONDIZIONI DI INCERTEZZA CON EXCEL LABORATORIO DI MATEMATICA I PROBLEMI DI SCELTA IN CONDIZIONI DI INCERTEZZA CON EXCEL ESERCITAZIONE GUIDATA I problemi di scelta Problema. Una ditta produttrice di detersivi per lavatrice ha costi al litro

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

matematica per le quinte

matematica per le quinte istituto professionale versari-macrelli, cesena lorenzo pantieri matematica per le quinte corso serale Dipartimento di Matematica Anno scolastico 2015-2016 Questo lavoro spiega il programma di matematica

Dettagli

Esempi di funzione. Scheda Tre

Esempi di funzione. Scheda Tre Scheda Tre Funzioni Consideriamo una legge f che associa ad un elemento di un insieme X al più un elemento di un insieme Y; diciamo che f è una funzione, X è l insieme di partenza e X l insieme di arrivo.

Dettagli

I.T.C. Abba Ballini BS a.s. 2014 2015 cl 4^

I.T.C. Abba Ballini BS a.s. 2014 2015 cl 4^ MODULO 1: LE FUNZIONI- GRAFICI APPROSSIMATI UD 1.1 Saper analizzare le proprietà caratteristiche di una funzione razionale in una variabile Saper ipotizzare il grafico di una funzione razionale Dominio,

Dettagli

No (questo accadrebbe, all incirca, se l elasticità fosse pari a -2) 1.5.3. FALSO. Un aumento del prezzo dell 1%

No (questo accadrebbe, all incirca, se l elasticità fosse pari a -2) 1.5.3. FALSO. Un aumento del prezzo dell 1% Facoltà di Economia Test intermedio di Microeconomia A-K del 7/04/011 Turno A-C SOLUZIONI 1. Attenzione: in questo prototipo l ordine delle domande è diverso da quello di ciascuno dei vostri compiti; inoltre,

Dettagli

Il dimensionamento della produzione e dell impianto

Il dimensionamento della produzione e dell impianto Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di Laurea in INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ECONOMIA, GESTIONE E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE Prof. Fabio Musso A.A. 2007-08

Dettagli

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili I risultati principali della teoria dell ottimizzazione, il Teorema di Fermat in due variabili e il Test dell hessiana, si applicano esclusivamente

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Docente: DI LISCIA F. Materia: MATEMATICA CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Insiemi numerici: numeri naturali, proprietà delle operazioni aritmetiche; Potenze e loro proprietà; Criteri di divisibilità;

Dettagli

ESERCIZI PER LE VACANZE CLASSE 4^A anno scolastico 2011-2012

ESERCIZI PER LE VACANZE CLASSE 4^A anno scolastico 2011-2012 ESERCIZI PER LE VACANZE CLASSE ^A anno scolastico 011-01 PROBLEMI SULLA RETTA: 1. Scrivi l equazione della retta passante per i punti A(-;-) e B(6;10). Determina la distanza del punto C(-1;) da tale retta.

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

Chi non risolve esercizi non impara la matematica.

Chi non risolve esercizi non impara la matematica. 96 matematica per l economia Esercizio 65. Consideriamo ancora il problema 63 dell azienda vinicola, aggiungendo la condizione che l azienda non può produrre più di 200 bottiglie al mese. Soluzione. La

Dettagli

Lezione 3 Esercitazioni

Lezione 3 Esercitazioni Lezione 3 Esercitazioni Forlì, 26 Marzo 2013 Teoria della produzione Esercizio 1 Impiegando un fattore produttivo (input) sono stati ottenuti i livelli di produzione (output) riportati in tabella. Fattore

Dettagli

Anno 5 4 Funzioni reali. elementari

Anno 5 4 Funzioni reali. elementari Anno 5 4 Funzioni reali elementari 1 Introduzione In questa lezione studieremo alcune funzioni molto comuni, dette per questo funzioni elementari. Al termine di questa lezione sarai in grado di definire

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

Maths Challenge 2014

Maths Challenge 2014 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FOGGIA Dipartimento di Economia Largo Papa Giovanni Paolo II, 1-71100 Foggia - ITALY tel. 0881-781778 fax 0881-781752 Maths Challenge 2014 15 aprile 2014 1. La prova consiste

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete 1) Cosa intendiamo, esattamente, quando parliamo di funzione reale di due variabili reali? Quando esiste una relazione fra tre variabili reali

Dettagli

Università del Salento

Università del Salento Università del Salento Dipartimento di Matematica DAI SISTEMI DI DISEQUAZIONI LINEARI.. ALLA PROGRAMMAZIONE LINEARE Chefi Triki La Ricerca Operativa Fornisce strumenti matematici di supporto alle attività

Dettagli

VERIFICA DI MATEMATICA. CLASSI TERZE (3AS, 3BS, 3CS, 3DS, 3ES) 2 settembre 2013 COGNOME E NOME.. CLASSE.

VERIFICA DI MATEMATICA. CLASSI TERZE (3AS, 3BS, 3CS, 3DS, 3ES) 2 settembre 2013 COGNOME E NOME.. CLASSE. VERIFIC DI MTEMTIC CLSSI TERZE (S, BS, CS, DS, ES) settembre COGNOME E NOME.. CLSSE. Esercizio In un piano cartesiano ortogonale determinare: a) l equazione della parabola con asse parallelo all asse,

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

Didattiche disciplinari integrate SSIS A.A. 2008/2009 Modulo di Matematica Docente L. Parenti

Didattiche disciplinari integrate SSIS A.A. 2008/2009 Modulo di Matematica Docente L. Parenti Didattiche disciplinari integrate SSIS A.A. 2008/2009 Modulo di Matematica Docente L. Parenti SCHEDE DI LAVORO La seguente rassegna di esempi deve essere analizzata nella duplice chiave di lettura: - aspetti

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria

Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria Silvana Stefani Piazza dell Ateneo Nuovo 1-20126 MILANO U6-368 silvana.stefani@unimib.it 1 Unità 9 Contenuti della lezione Operazioni finanziarie, criterio

Dettagli

Programmazione lineare

Programmazione lineare Programmazione lineare Un modello matematico per un problema di programmazione lineare Problema 1. Un reparto di un azienda di elettrodomestici può produrre giornalmente non più di 6 lavatrici, delle quali

Dettagli

SOLUZIONI D = (-1,+ ).

SOLUZIONI D = (-1,+ ). SOLUZIONI. Data la funzione f() ( ) ln( ) a) trova il dominio di f b) indica quali sono gli intervalli in cui f() risulta positiva e quelli in cui risulta negativa c) determina le eventuali intersezioni

Dettagli

LEZIONE 7. Esercizio 7.1. Quale delle seguenti funzioni è decrescente in ( 3, 0) e ha derivata prima in 3 che vale 0? x 3 3 + x2. 2, x3 +2x +3.

LEZIONE 7. Esercizio 7.1. Quale delle seguenti funzioni è decrescente in ( 3, 0) e ha derivata prima in 3 che vale 0? x 3 3 + x2. 2, x3 +2x +3. 7 LEZIONE 7 Esercizio 7.1. Quale delle seguenti funzioni è decrescente in ( 3, 0) e ha derivata prima in 3 che vale 0? x 3 3 + x2 2 6x, x3 +2x 2 6x, 3x + x2 2, x3 +2x +3. Le derivate sono rispettivamente,

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. CLASSE quinta INDIRIZZO AFM-SIA-RIM-TUR UdA n. 1 Titolo: LE FUNZIONI DI DUE VARIABILI E L ECONOMIA Utilizzare le strategie del pensiero razionale negli aspetti dialettici e algoritmici per affrontare situazioni

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

Simulazione di una catena logistica

Simulazione di una catena logistica Simulazione di una catena logistica La logistica aziendale richiede l organizzazione di approvvigionamento e trasporto dei prodotti e dei servizi. La catena di distribuzione, supply chain, comprende il

Dettagli

Verifica di Matematica Classe V

Verifica di Matematica Classe V Liceo Scientifico Paritario R. Bruni Padova, loc. Ponte di Brenta, 22/03/2016 Verifica di Matematica Classe V Soluzione Problemi. Risolvi uno dei due problemi: 1. Sei stato assunto come economo da una

Dettagli

DOMINIO = R INTERSEZIONI CON ASSI

DOMINIO = R INTERSEZIONI CON ASSI STUDIO DELLA FUNZIONE CUBICA a cura di Maria Teresa Bianchi La funzione è razionale intera ed è espressa in forma normale da: #1: y = a x + b x + c x + d I coefficienti del polinomio di grado a secondo

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

3. La contabilità analitica nelle imprese industriali

3. La contabilità analitica nelle imprese industriali 3. La contabilità analitica nelle imprese industriali Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo la contabilità analitica delle imprese industriali, ripercorrendo le diverse tipologie di costo.

Dettagli

Generalità sulle funzioni

Generalità sulle funzioni Capitolo Concetto di funzione Generalità sulle funzioni Definizione di funzione Definizione Dato un sottoinsieme non vuoto D di R, si chiama funzione reale di variabile reale, una relazione che ad ogni

Dettagli

3 Le operazioni finanziarie 21 3.1 Criteri di scelta in condizioni di certezza... 22 3.1.1 Il criterio del VAN... 22 3.1.2 Il criterio del TIR...

3 Le operazioni finanziarie 21 3.1 Criteri di scelta in condizioni di certezza... 22 3.1.1 Il criterio del VAN... 22 3.1.2 Il criterio del TIR... Indice 1 I tassi di interesse 1 1.1 Tasso di interesse Semplice.................... 2 1.2 Tasso di interesse Composto................... 3 1.3 Esempi tasso semplice...................... 4 1.4 Esempi tasso

Dettagli

Corso di Analisi di bilancio II A.A. 2010-2011. L analisi dei costi. di Francesco Giunta

Corso di Analisi di bilancio II A.A. 2010-2011. L analisi dei costi. di Francesco Giunta Corso di Analisi di bilancio II A.A. 2010-2011 L analisi dei costi di Francesco Giunta I COSTI Il raggiungimento di condizioni di equilibrio economico impone di tenere sotto costante controllo i costi.

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

4. Funzioni elementari

4. Funzioni elementari ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 4. Funzioni elementari A. A. 2014-2015 L.Doretti 1 Funzioni elementari Sono dette elementari un insieme di funzioni dalle quali si ottengono, mediante

Dettagli

ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB

ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Legge di Coulomb Esercizio 1. Durante la scarica a terra di un fulmine scorre una corrente di.5 10 4 A per

Dettagli

Modello matematico PROGRAMMAZIONE LINEARE PROGRAMMAZIONE LINEARE

Modello matematico PROGRAMMAZIONE LINEARE PROGRAMMAZIONE LINEARE PRGRMMZIN LINR Problemi di P.L. in due variabili metodo grafico efinizione: la programmazione lineare serve per determinare l allocazione ottimale di risorse disponibili in quantità limitata, per ottimizzare

Dettagli

COSTI, RICAVI E PROFITTI

COSTI, RICAVI E PROFITTI COSTI, RICAVI E PROFITTI L obiettivo dell impresa è la massimizzazione dei profitti. I profitti sono dati dalla differenza tra i ricavi e i costi. Al variare della quantità prodotta, q, variano sia i costi

Dettagli

Istituto tecnico economico

Istituto tecnico economico PIANO DI LAVORO ANNUALE Istituto tecnico economico INSEGNANTE: CONSIGLIA MAZZONE MATERIA DI INSEGNAMENTO: MATEMATICA APPLICATA CLASSE V ITE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PARTE 1 LIVELLO COMPETENZE DISCIPLINARI

Dettagli

Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo

Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo Microeconomia, Esercitazione 2 (26/02/204) Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo Dott. Giuseppe Francesco Gori Domande a risposta multipla ) Antonio compra solo due beni, sigarette e banane.

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

4. Funzioni elementari algebriche

4. Funzioni elementari algebriche ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 4. Funzioni elementari algebriche A. A. 2013-2014 1 Funzioni elementari Sono dette elementari un insieme di funzioni dalle quali si ottengono, mediante

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 14 marzo 2013 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2013.html IL PARI O DISPARI I II S T S (-1, 1) (1, -1)

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica

Esercizi di Analisi Matematica Esercizi di Analisi Matematica CAPITOLO 1 LE FUNZIONI Exercise 1.0.1. Risolvere le seguenti disuguaglianze: (1) x 1 < 3 () x + 1 > (3) x + 1 < 1 (4) x 1 < x + 1 x 1 < 3 x + 1 < 3 x < 4 Caso: (a): x 1

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

a) Il campo di esistenza di f(x) è dato da 2x 0, ovvero x 0. Il grafico di f(x) è quello di una iperbole -1 1

a) Il campo di esistenza di f(x) è dato da 2x 0, ovvero x 0. Il grafico di f(x) è quello di una iperbole -1 1 LE FUNZIONI EALI DI VAIABILE EALE Soluzioni di quesiti e problemi estratti dal Corso Base Blu di Matematica volume 5 Q[] Sono date le due funzioni: ) = e g() = - se - se = - Determina il campo di esistenza

Dettagli

Marco Tolotti - Corso di Esercitazioni di Matematica 12 Cfu - A.A. 2010/2011 1

Marco Tolotti - Corso di Esercitazioni di Matematica 12 Cfu - A.A. 2010/2011 1 Marco Tolotti - Corso di Esercitazioni di Matematica 1 Cfu - A.A. 010/011 1 Esercitazione 1: 4/09/010 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni: log a) f() = 5 ( 1). b) g() = log 3 (3 6) log 13.

Dettagli

RICERCA OPERATIVA GRUPPO B prova scritta del 22 marzo 2007

RICERCA OPERATIVA GRUPPO B prova scritta del 22 marzo 2007 RICERCA OPERATIVA GRUPPO B prova scritta del 22 marzo 2007 Rispondere alle seguenti domande marcando a penna la lettera corrispondente alla risposta ritenuta corretta (una sola tra quelle riportate). Se

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Studio grafico analitico delle funzioni reali a variabile reale y = f(x)

Studio grafico analitico delle funzioni reali a variabile reale y = f(x) Studio grafico analitico delle funzioni reali a variabile reale y = f() 1 Ecco i passi utili allo studio di una funzione reale: Determinare il dominio della funzione Ricercare l eventuale intersezione

Dettagli

Note di matematica per microeconomia

Note di matematica per microeconomia Note di matematica per microeconomia Luigi Balletta Funzioni di una variabile (richiami) Una funzione di variabile reale ha come insieme di partenza un sottoinsieme di R e come insieme di arrivo un sottoinsieme

Dettagli

MD6 Formazione dei prezzi. Domanda e offerta Concorrenza perfetta Monopolio

MD6 Formazione dei prezzi. Domanda e offerta Concorrenza perfetta Monopolio MD6 Formazione dei prezzi Domanda e offerta Concorrenza perfetta Monopolio Domanda e Offerta In occasione delle festività natalizie, la tratta Milano-Londra è molto richiesta. Diverse compagnie Low Cost

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Sistemi di primo grado

Dettagli

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE Quando si studia una funzione! " #$%&' (funzione reale di variabile reale) è fondamentale conoscere il segno, in altre parole sapere per quali valori di &( #$%&'$è positiva,

Dettagli

Ipotesi sulle preferenze

Ipotesi sulle preferenze La teoria delle scelte del consumatore La teoria delle scelte del consumatore Descrive come i consumatori distribuiscono i propri redditi tra differenti beni e servizi per massimizzare il proprio benessere.

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli