COMUNE DI PADOVA AZIONI STRUTTURALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI PADOVA AZIONI STRUTTURALI"

Transcript

1 AZIONI STRUTTURALI Le azioni strutturali rappresentano l'impegno dell'amministrazione nel medio-lungo termine. Dal 2005 numerose sono le azioni avviate e realizzate anche nell'ottica di contenere le emissioni inquinanti derivanti dall'utilizzo dell'auto privata, a favore dei mezzi pubblici, di ridurre la congestione da traffico, di diminuire i consumi negli edifici e ricorrere a fonti di energia rinnovabile, nonché di promuovere degli stili di vita più attenti e meno energivori. INCENTIVAZIONE ALLA MOBILITA' SOSTENIBILE Metrotram E' attiva la linea SIR 1 con 16 vetture, direttrice nord-sud che passa per il centro, di una lunghezza di km 9,8 con 24 fermate. Nel 2013 i passeggeri sono stati con un andamento in leggera crescita rispetto al 2011 e Passeggeri trasportati all'anno con il metrotram numero passeggeri anni n passeggeri/anno Piano di azione, tutela e risanamento dell atmosfera della città di Padova aggiornamento 2014/

2 Ammodernamento trasporto pubblico Continua il processo di svecchiamento e metanizzazione degli autobus del trasporto pubblico urbano. E' previsto per il 2015 l'acquisto di n. 8 nuovi autobus a metano. Ad oggi il parco complessivo è costituito da 226 autobus urbani, di cui 127 a metano, il restante a gasolio. Progetto Cityporto L'iniziativa di consegna delle merci in città mediante mezzi ecologici ha registrato nel 2013 n consegne con un leggero incremento rispetto al dato del I mezzi utilizzati sono n. 11 alimentati a gas metano ed effettuano mediamente 60 Km/gg per mezzo, con consegne sia in aree urbane (prevalentemente in ZTL) sia in aree extraurbane quali Abano e Montegrotto. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito <http://www.cityporto.it/ >. Evoluzione autoparco comunale L'autoparco attuale è di 339 veicoli di cui 29 a metano (25 autoveicoli e 4 autocarri leggeri) e 65 a GPL (39 autoveicoli e 26 autocarri leggeri). Rispetto al 2005 l'autoparco è stato ridotto di 97 mezzi tra autoveicoli ed autocarri leggeri, passando da 436 a 339 veicoli. In alternativa all'auto l'amministrazione ha promosso anche per i propri dipendenti il servizio di bike sharing e car sharing. Piano di azione, tutela e risanamento dell atmosfera della città di Padova aggiornamento 2014/

3 Nuove infrastrutture Si evidenzia che nell'ultimo anno si è investito soprattutto in manutenzione straordinaria di marciapiedi e strade esistenti più che nella realizzazione di nuove infrastrutture. Tra gli interventi realizzati, mirati principalmente alla sicurezza stradale ed alla moderazione e fluidificazione del traffico automobilistico, si rilevano: - la Passerella ciclopedonale del lungargine Terranegra; - la nuova viabilità nell'area di intervento del PRUSST - Quadrante est ; - la realizzazione della Piazzetta Pescheria in Riviera dei Ponti Romani con aumento della capacità di fermata del tram. Varchi elettronici I varchi elettronici di accesso alla ZTL, dopo l'ultima integrazione, sono complessivamente 10: 6 nella zona a traffico limitato, 3 nelle corsie riservate e 1 di controllo dei veicoli pesanti lungo la direttrice principale. Si è attuato un nuovo ampliamento della zona a traffico limitato su via San Biagio. Si è proceduto all ampliamento dell area pedonale in via S. Francesco, con contestuale istituzione del doppio senso di marcia per i ciclisti e alla nuova ZTL in un tratto di via Ospedale. E' stata completata l'installazione di ulteriori nuovi 5 varchi elettronici per il controllo degli accessi alla ZTL. Rotatorie Il numero delle rotatorie con attraversamenti ciclopedonali è di n Le rotatorie hanno sostituito gli impianti semaforici consentendo di fluidificare il traffico in particolare nelle ore non di punta e di ridurre i consumi di energia elettrica legati agli impianti semaforici eliminati. Sono state realizzate le rotatorie sperimentali di: Via Chioggia sottopasso ferroviario; Via Tommaseo via Rismondo; Inoltre sono state realizzate le rotatorie definitive all'intersezione via Ognissanti via Orus e via Annibale da Bassano via Bernin - via Buonarroti e via Vianello - via Fasolato e via Avanzo.. Piano di azione, tutela e risanamento dell atmosfera della città di Padova aggiornamento 2014/

4 Parcheggi scambiatori In città sono presenti n. 14 parcheggi scambiatore che sono volti a ridurre la congestione da traffico: - S. Lazzaro - Capolinea nord e sud del metrotram - Fornace - Stazione - Bembo - Piovese - Rabin - Colli - Stadio - Fiera - Padova Est - Ponte di Brenta - Casello Padova Zona Industriale. Queste strutture sono dislocate, in luoghi strategici e facilmente raggiungibili, alcuni vicini all'anello delle tangenziali e collegati ad un servizio di bus navetta per i tragitti di attraversamento della città. In questo modo si possono ridurre i tragitti con l'auto privata a favore dei mezzi pubblici. Piste ciclabili Al 2013 sono 162 i km di piste ciclabili con percorsi su sede propria per 41 km, corsie riservate per 25 km, corsie promiscue bici e pedoni per 96 km. Sono stati realizzati numerosi itinerari ciclabili, che si sommano agli interventi realizzati in questi anni mirati principalmente alla sicurezza stradale di pedoni e ciclisti, alla moderazione del traffico automobilistico e alla dissuasione della velocità. Tra i più significativi si evidenziano: 1) Ampliamento della rete ciclabile con i seguenti itinerari: Collegamento ciclabile via Lungargine Piovego; Via Armistizio Romana Aponense 3,3 km; Via dei Colli 1,5 km Via A. Da Bassano 0,9 km Via Tommaseo-Venezia (campo Universitario) km 0,15 2) Messa in sicurezza degli attraversamenti pedonali e ciclabili di: via Cernaia; via S. Marco Piano di azione, tutela e risanamento dell atmosfera della città di Padova aggiornamento 2014/

5 Car sharing Car pooling E' attivo a Padova il Servizio pubblico di car sharing che consente ai cittadini di utilizzare un'auto, quando se ne ha il bisogno, prelevandola da uno dei parcheggi dedicati senza farsi carico delle spese di gestione e manutenzione che solitamente vengono sostenute dal proprietario dell'auto. Le autovetture a disposizione sono 10 (di cui 1 elettrica) e 9 le stazioni dislocate in punti strategici della città: Piazzale Boschetti, Corso Milano, Fiera, Ospedale Civile, Stazione, Prefettura/Piazzale Antenore, Prato della Valle, Piazza Garibaldi, via Rezzonico. Le stazioni di car sharing sono tutte in prossimità delle fermate degli autobus urbano e nella maggior parte dei casi anche delle fermate di linee dell'autobus extraurbane, inoltre 4 stazioni sono vicine alle fermate del tram. Per usufruire del servizio è necessario stipulare un abbonamento annuale che permette di ricevere una Smartcard personale, user e password per prenotare le auto e prelevarle da uno dei parcheggi dedicati su strada. Il cittadino che accede al car sharing non si deve preoccupare di spese di gestione e manutenzione che sono a carico del Gestore del servizio. Il servizio offre inoltre diversi vantaggi: accesso alla ZTL, nessuna limitazione durante il periodo di blocco della circolazione, parcheggio gratis lungo le strisce blu, transito consentito anche lungo le corsie preferenziali. Sul sito è possibile registrarsi e reperire tutte le informazioni utili. Gli abbonati al servizio sono n. 130 e, dall'attivazione del servizio, sono stati percorsi 71,883 km. Tra le iniziative di mobilità alternativa, Il Comune collabora per la diffusione di un servizio di car pooling, per i viaggi condivisi dai pendolari al fine di ridurre il numero dei veicoli circolanti e di conseguenza le emissioni. Bike sharing Piano di azione, tutela e risanamento dell atmosfera della città di Padova aggiornamento 2014/

6 Il servizio di bike sharing è stato attivato a luglio Il sistema di condivisione della bicicletta consente di noleggiare biciclette pubbliche per il tempo necessario agli spostamenti, usufruendo di 28 postazioni dislocate in zone strategiche della città e di maggior traffico, di cui 6 alimentate da pannelli fotovoltaici. E' possibile versare una tariffa oraria che scatta dopo la prima mezz'ora oppure usufruire di abbonamenti giornalieri, settimanali e mensili, a seconda delle esigenze dell'utente. I dati del primo anno di gestione del servizio risultano i seguenti: prelievi totali: n ; utenti attivi all'11/07/2014: n. 2049; prelievi/utente attivo in un anno: n. 89; prelievi/bici in un anno: n. 1074; prelievi/stazione in un anno: n Tutte le informazioni utili sul servizio sono disponibili all'indirizzo adova.it/default.aspx. Per coordinare tale attività ed altri programmi di mobilità sostenibile (quali il car sharing ed il car pooling), il Comune di Padova, nell ambito del settore Mobilità e Traffico e grazie al progetto europeo SEE MMS, ha attivato un servizio gratuito il Mobility Center che fornisce un utile servizio per chiunque deve muoversi a Padova attraverso l informazione sulle alternative all auto privata, sia con modalità front office che mediante la consultazione del sito web L'iniziativa vuole anche riequilibrare le modalità di ripartizione degli spostamenti delle persone attraverso i vari servizi di mobilità alternativi all auto (TPL, bicicletta, servizi innovativi, modifica dei comportamenti), favorire l efficiente integrazione fra le diverse modalità di trasporto in relazione al motivo ed alla destinazione dello spostamento, comunicare preventivamente criticità temporanee, a causa di lavori o manifestazioni. Recentemente è stata approvata l'adesione del Comune di Padova al progetto europeo "VeloCittà", un'iniziativa rivolta alla promozione del sistema di bike sharing e della ciclabilità,con i seguenti obiettivi: 1) utilizzo di tecniche di segmentazione del mercato per superare le barriere percettive e/o attitudinali; 2) Adozione delle più efficaci soluzioni operative per migliorare le prestazioni del sistema bike sharing. Nell'ambito del Progetto europeo QUEST (Quality Urban European Sustainable Tool) il Comune di Padova ha inoltre ottenuto la certificazione di qualità in materia di pianificazione sostenibile del trasporto urbano, in ragione di quanto Padova ha già attuato nell'ambito del sistema di mobilità e dell'impegno di continuare un percorso condiviso e di ulteriore miglioramento. INCENTIVAZIONE ALL'EFFICIENZA ENERGETICA Impianti semaforici a LED Piano di azione, tutela e risanamento dell atmosfera della città di Padova aggiornamento 2014/

7 Continua il processo di sostituzione delle lampade negli impianti semaforici da incandescenza a LED cominciato nel 2005, secondo quanto previsto dal Piano di interventi di risparmio energetico per l'amministrazione Comunale e dal PAES. Nel 2013 sono state sostituite n. 82 lanterne a incandescenza con lanterne a LED. Le lanterne semaforiche ancora funzionanti ad incandescenza sono n. 643, mentre le lanterne già a LED sono (circa il 71% sul totale). Progressivamente gli impianti saranno totalmente trasformati a LED. Impianti di illuminazione pubblica Prosegue la riqualificazione energetica degli impianti mediante l'installazione di lampade ad alta efficienza, (al sodio alta pressione e in parte a led), sia in sostituzione di lampade obsolete quali quelle a mercurio che su nuovi impianti, l'installazione di variatori di flusso sia in Bassa Tensione che in Media Tensione, l'installazione di interruttori astronomici per regolamentare l accensione e lo spegnimento, nonché interventi di adeguamento alla L.R. 17/09 sul contenimento dell'inquinamento luminoso. A quest'ultimo riguardo sono stati effettuati controlli sugli impianti maggiormente impattanti nel territorio, riposizionati e sostituiti i punti luce/fari orientando la luce verso il basso. Di seguito si citano alcune esemplificazioni di interventi compiuti: via Trieste, via Strampelli, via Lombroso, Via Novara e via Alessandria, il completamento delle opere di urbanizzazione di via Luxardo e la realizzazione della rotatoria su via Pontevigodarzere ingresso parcheggio Metrotram. Si è proceduto, seppure limitatamente ai casi idonei, con l istituzione di nuove linee con corpi illuminanti a led: dopo via A. da Bassano, sottopasso Monferrato e la Lottizzazione Monticano, Piazzale Stazione IV stralcio, concluso a fine 2013 e Piazza Eremitani. Al 31/12/2013 il numero di punti luce totali è pari a , quelli ancora a bassa efficienza (ad incandescenza e ai vapori di mercurio) è di mentre quelli ad alta efficienza (LED e sodio) è di Rispetto al 2012, nel corso del 2013 sono stati installati 488 nuovi punti luce, a più alto rendimento e basso consumo. Nonostante le nuove installazioni, i consumi, rispetto al 2012, sono in diminuzione, in tendenza con quanto stabilito dalla L.R. 17/2009. Piano di azione, tutela e risanamento dell atmosfera della città di Padova aggiornamento 2014/

8 Programma per l'efficientamento di edifici comunali Progetto 3L Nell'ambito del programma di efficientamento delle strutture comunali, sono proseguite le fasi preliminari del Progetto 3L - Less Energy, Less Cost, Less Impact, promosso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, che vede il coinvolgimento anche delle Province di Padova, Rovigo ed i Comuni di Rovigo e Padova con il supporto tecnico di Sinloc S.p.A. L iniziativa riguarda due filoni di intervento di efficienza energetica: su immobili pubblici comunali: edifici scolastici, palestre, municipio e altre sedi comunali, nonché altri edifici di proprietà pubblica di importanza rilevante per il territorio; su impianti di illuminazione pubblica stradale. L obiettivo del progetto 3L è quello di aggregare le diverse necessità relative al contenimento dei consumi energetici presenti a livello comunale, al fine di ottenere un livello di investimento rilevante (richiesto dalla Comunità europea) e di potersi candidare quindi all ottenimento di forme di finanziamento predisposte dalla Banca Europea degli investimenti (BEI), in particolare il fondo Elena che finanzia a fondo perduto il 90% delle spese di assistenza tecnica necessarie alla realizzazione di un progetto di efficienza energetica o risparmio energetico. L investimento previsto deve ammontare a circa 50 milioni di euro e il progetto deve essere concretamente realizzato entro tre anni dall ottenimento dei Fondi. Prerequisito è l aver sottoscritto il Patto dei Sindaci. Tutta la documentazione preliminare necessaria per l ottenimento dei fondi è stata spedita alla Banca Europea degli investimenti da parte della Provincia di Padova, capofila del progetto. La Commissione europea ha approvato il progetto ed è stato accettato il finanziamento del fondo Elena. Il Comune deve individuare nel dettaglio gli edifici da riqualificare e gli interventi sulla pubblica illuminazione. Proseguono gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria degli edifici comunali e degli impianti di climatizzazione invernale ed estiva in adeguamento agli standard minimi di efficienza energetica previsti dalla norma nazionale, nonché nuove costruzioni anche con tecniche di efficienza e risparmio energetico. Si citano a titolo esemplificativo: la scuola dell'infanzia Madonna di Lourdes in bioedilizia, l'ampliamento dell'edificio sede del CEOD (2 stralcio), il restauro della scuola secondaria 1 grado Stefanini via Vecchia, la costruzione della palestra annessa alla scuola primaria Lambruschini, la manutenzione straordinaria degli alloggi ERP. Piano di azione, tutela e risanamento dell atmosfera della città di Padova aggiornamento 2014/

9 Verifica impianti termici La legge 90/2013 ha modificato la definizione di impianto termico comprendendo, oltre che gli impianti di climatizzazione invernale, anche gli impianti di climatizzazione estiva degli ambienti. La normativa impone obblighi per i cittadini e per gli Enti controllori relativi alla gestione, al controllo, alla manutenzione e all'installazione degli impianti termici civili, con l'obiettivo di contenere il consumo di energia, ridurre l'inquinamento ambientale e aumentarne la sicurezza. Come previsto dalla normativa vigente (L. 10/91 e i decreti attuativi e L.R. 11/2001), l'ente controllore per il proprio territorio è il Comune. Poiché, ad oggi, non esiste una specifica normativa sugli impianti di climatizzazione estiva, gli impianti considerati nelle attività di controllo e presenti nella banca dati del Comune sono gli impianti di climatizzazione invernale e più precisamente gli impianti con generatore di calore a fiamma. Gli impianti di climatizzazione invernale censiti nel territorio del Comune di Padova sono n di cui il 95,9% a gas metano, il 1,06% a gasolio, il restante ripartito tra gli altri combustibili. Nel 2013 il Comune ha effettuato n. 502 verifiche degli impianti termici pubblici e privati, oltre che circa accertamenti sui rapporti di efficienza energetica. Nel periodo invernale vengono inoltre effettuati controlli sul rispetto dei limiti di temperatura interna negli immobili prescritti dalla normativa (DPR 412/93) e dall'ordinanza sindacale n.43/2014 che prevede la riduzione della temperatura di 1 C negli edifici riscaldati con impianti alimentati a combustibile non gassoso. Sono state organizzate 4 giornate di studio coinvolgendo anche tecnici e funzionari di varie Province ed esperti del Comitato Termotecnico sulle novità introdotte dal DPR 74/2013 per l ottimizzazione dei rendimenti energetici degli impianti termici. Per sensibilizzare la cittadinanza, promuovere la collaborazione con i portatori di interessi nel territorio ed informare sugli obblighi dei responsabili il Comune, già a partire dal 2000, ha sottoscritto un Accordo volontario per la manutenzione degli impianti termici con la Provincia, la Camera di Commercio di Padova, ENEA, le Associazioni provinciali maggiormente rappresentative degli impiantisti/manutentori (ASSISTAL, CNA, UPA) e le Associazioni provinciali di tutela dei consumatori maggiormente rappresentative (Adiconsum, Adoc, Adusbef, Federconsumatori e Lega Consumatori). Tale accordo vuole assicurare una maggiore professionalità, trasparenza ed un mercato dei prezzi calmierato. L Accordo, di seguito, è stato rinnovato nel 2005, nel 2008 e nel Alla luce della recente nuova normativa tale Accordo è in fase di rivisitazione. Piano di azione, tutela e risanamento dell atmosfera della città di Padova aggiornamento 2014/

10 Impianti fotovoltaici su strutture comunali L amministrazione comunale ha spinto in modo significativo verso le energie rinnovabili, in particolare gli impianti solari fotovoltaici. Nell ambito delle proprie strutture ha installato n. 66 impianti fotovoltaici su edifici scolastici, su palestre, nel parcheggi dello stadio Euganeo e del Palafabris, sulla copertura del Palaindoor, presso gli ex magazzini frigo, presso la sede degli uffici comunali di via Sarpi, la sede del Settore Verde e la sede del nuovo CEOD per un totale di potenza complessiva installata pari a kwp Accanto a tali installazioni, Padova vanta un impianto da kwp su coperture e parcheggi dell Interporto (nella zona industriale) e uno da kwp sopra il MAAP, oltre a numerosissimi impianti disseminati nel territorio installati anche da privati. Ad oggi in tutta Padova sono stati realizzati n impianti per un totale di kwp, equivalenti al fabbisogno di circa famiglie e ad una mancata emissione di circa tonnellate di CO 2. Piano di azione, tutela e risanamento dell atmosfera della città di Padova aggiornamento 2014/

11 PROGETTI EUROPEI IN CORSO Progetto Eco-courts Il progetto ECO-Courts (progetto LIFE+ finanziato dalla Commissione Europea) cortili ecologici parte dall idea che i condomini e le famiglie possono essere il luogo di aggregazione ideale per stimolare azioni collettive che favoriscano la riduzione degli impatti sull ambiente. Il progetto, avviato nel novembre 2011, è promosso dal Comune di Padova, in qualità di capofila (insieme a Finabita, Legacoop, ANCC-Coop, Regione Toscana e Regione Emilia-Romagna) con l obiettivo di razionalizzare i consumi energetici ed idrici nelle abitazioni e ridurre la produzione domestica di rifiuti: -15% di energia consumata in abitazioni/condomini, -15% di rifiuti prodotti dalle famiglie, -30% di consumo domestico di acqua favorire l interazione tra enti locali, cooperative di utenti e cittadini. Il fulcro del progetto è la creazione di comunità di persone che, unite dalla stessa idea di risparmio e dalle stesse esigenze di trovare soluzioni per ridurre i consumi nelle loro abitazioni, possono portare avanti un progetto insieme, per trarne un vantaggio economico, ambientale e sociale comune. Le comunità che possono sperimentare il sistema ECO-Courts per la gestione sostenibile delle abitazioni sono di due tipologie: una comunità virtuale che comprenderà tutti i cittadini e le famiglie che aderiranno sul sito alla web community ECO-Courts, le famiglie che attraverso incontri e assemblee definiranno i propri piani di risparmio. Gli utenti che si iscrivono alla comunità virtuale hanno la possibilità di compilare un breve questionario per valutare i propri consumi e, navigando in una casa virtuale, ricevere informazioni legate ai consumi domestici a livello di energia, acqua e rifiuti accompagnati da numerosi ecoconsigli su come risparmiare. Selezionando le soluzioni di risparmio più adatte alle proprie esigenze, l utente comporrà il proprio piano d azione che resterà memorizzato sulla propria pagina utente e potrà essere aggiornato in funzione delle soluzioni effettivamente adottate. Il progetto prevede anche la sperimentazione con singole unità abitative, gruppi di famiglie, interi condomini per l adozione di azioni che riducano i consumi di acqua ed energia e la produzione di rifiuti. Uno dei partner del progetto (Finabita) ha già individuato 4 siti pilota con i quali sta avviando la sperimentazione.il Comune di Padova ha iniziato a coinvolgere i cittadini mediante un percorso di sperimentazione che consiste nel sottoporre un questionario finalizzato a raccogliere informazioni su comportamenti ed eventuali ambiti di interesse. Dalle risposte del questionario emergeranno utili informazioni su comportamenti quotidiani e criticità che ci permetteranno di organizzare le attività future e incontri su specifici temi (es. la lettura della bolletta), di stimolare l'aggregazione dei partecipanti in base agli ambiti di interesse su azioni concrete quali ad es.: Azione dimostrativa per uno stile di vita sostenibile (es. pesare per un mese tutti gli imballaggi dei prodotti acquistati, comprare solo alimenti coltivati o prodotti entro 50 km, modificare le proprie abitudini di spostamento non usando l auto) per un tempo limitato; Condivisione di beni (trapano, tagliaerba, scala,...) tra cittadini; Scambio di oggetti (es. giocattoli o vestiti dei bambini) con la modalità del baratto; Mobilità condivisa a livello condominiale e/o di vicinato (Bike Sharing, Car Sharing, Car Pooling); Gruppi di acquisto di beni o servizi (es. gestione calore caldaie, acquisto collettivo di caldaie o elettrodomestici). Piano di azione, tutela e risanamento dell atmosfera della città di Padova aggiornamento 2014/

12 Progetto FIT Il Comune di Padova ha aderito al progetto europeo Padova FIT nell ambito del programma IEE (Intelligent Energy Europe) volto a contribuire allo sviluppo di politiche di risparmio ed efficienza energetica. L ambito di azione del progetto riguarda il miglioramento della qualità del costruito; la città di Padova ha scelto di avviare e supportare un processo virtuoso di riqualificazione del parco edilizio esistente, in particolare abitativo, realizzato in un epoca in cui non veniva posta alcuna attenzione all efficienza energetica e costituito prevalentemente da condomini, in linea con le politiche di riduzione degi sperchi energetici e delle emissioni di gas climalteranti. Il progetto, si concentra sugli immobili urbani residenziali, privati ed in parte pubblici, proponendo un azione in grado di determinare considerevoli risparmi energetici ed economici sugli edifici e di conseguenza su isolati o interi quartieri. La principale problematica nella realizzazione di interventi di efficienza energetica nei condomini è spesso dovuta alla difficoltà di trovare un accordo condiviso tra proprietari con idee diverse, alimentate dalla scarsa conoscenza della materia e dalla difficoltà di cogliere la convenienza economica che questi interventi comportano. È necessario elaborare un metodo in grado di persuadere l'utente ad investire in efficienza energetica, motivato dalla consapevolezza e dalla certezza del rientro dell'investimento in termini di benefici economici, ambientali e di qualità e comfort degli ambienti domestici. L'azione si sviluppa a partire dal ruolo del Comune che, in quanto promotore e coordinatore, intende mettere in atto politiche di facilitazione e incentivazione degli interventi. Le diverse azioni prevedono il coinvolgimento a livello locale dei vari portatori di interesse e dei beneficiari diretti dell'iniziativa: i proprietari e gli inquilini degli immobili, gli amministratori di condominio, le organizzazioni degli impresari edili, i professionisti e i tecnici del settore e le associazioni sensibili a tali tematiche. Il comune collabora con gli altri partners: Banca Popolare Etica, Fondazione ITS RED, Innesco Spa, Sogesca Srl. Banca Etica ed Innesco, con la collaborazione tecnica di Sogesca s.r.l., hanno il compito di mettere a punto un piano di investimenti per la riqualificazione energetica di una quota del parco residenziale urbano a partire dalla realizzazione di una linea di investimento dedicata a cui le E.S.Co. possono attingere per finanziare gli interventi sugli immobili di cui successivamente gestiranno i consumi energetici termici e/o elettrici. Si sono stimati circa 15 milioni di Euro di investimenti innescati. Piano di azione, tutela e risanamento dell atmosfera della città di Padova aggiornamento 2014/

13 PROGETTI CON LE SCUOLE Informambiente propone diversi progetti di educazione ambientale alle scuole di ogni ordine e grado legati alle tematiche della qualità dell'aria e dei cambiamenti climatici, nonchè all'efficienza energetica. Di seguito sono riportati di seguito alcune delle principali iniziative. Conoscere l'aria che respiriamo Il progetto approfondisce, gli aspetti relativi ai principali inquinanti presenti nell'aria e ai rischi per la salute e per l'ambiente ad essi connessi e fornisce utili suggerimenti per una mobilità sostenibile. Gli incontri possono essere integrati con la richiesta della visita alla cabina di monitoraggio della qualità dell'aria dell' ARPAV, con la richiesta di materiali appositi e con la mostra sulla qualità dell'aria. Per l'anno scolastico 2013/2014 hanno aderito l'i.t.g. Belzoni, con 1 classe prima di 29 alunni, l'i.s.i. Duca degli Abruzzi con 4 classi prime e un totale di 95 alunni e la scuola primaria Ricci Curbastro, con una classe terza di 22 alunni. Vado a scuola con gli amici L'esperienza dei percorsi casa-scuola si inserisce nell'ambito delle attività per una mobilità sostenibile che dal 2004 l'amministrazione Comunale sostiene, promuovendo nelle scuole primarie e secondarie di primo grado il progetto Vado scuola con gli amici. I percorsi sicuri casa-scuola permettono ai bambini di raggiungere la propria scuola con mezzi di trasporto non inquinanti in totale autonomia o accompagnati dai genitori, nonni o zii volontari. Nell'esperienza di Padova, il progetto, ha dato vita a due forme di percorsi sicuri: I piedibus sono formati da bambini che vanno a scuola a piedi, accompagnati da uno o più adulti volontari, i millepiedi invece sono formati da un gruppo di ragazzi che va a scuola insieme senza la presenza degli adulti. Nel progetto è previsto anche il concorso Raccogliamo Miglia Verdi, un viaggio-gioco immaginario per incentivare la mobilità sostenibile nei percorsi sicuri casa-scuola e altri comportamenti sostenibili. Attualmente 16 scuole primarie e 3 scuole secondarie di primo grado hanno attivato in maniera continuativa e formalizzata i percorsi sicuri casa-scuola per un totale di circa alunni. Piano di azione, tutela e risanamento dell atmosfera della città di Padova aggiornamento 2014/

14 Raccogliamo miglia verdi Il concorso Raccogliamo Miglia Verdi, prende spunto dal format Bambini a piedi attorno al mondo-raccogliamo miglia verdi lanciato nel 2003 da Alleanza per il clima della Commissione Europea in concomitanza con la 9 Conferenza Mondiale per il clima. Visto il successo delle precedenti edizioni, anche per il 2013 il Comune di Padova ha realizzato l'iniziativa dal 30 settembre al 26 ottobre Agli Istituti Comprensivi di Padova (scuole primarie e secondarie di primo grado) è stato proposto un viaggio immaginario fini a Kyoto e ritorno, percorrendo in modo sostenibile Miglia Verdi, la distanza, andata e ritorno, tra Padova e Kyoto(un modo per riportare il Protocollo di Kyoto nella propria città, nella propria classe e in famiglia attraverso piccole ma importanti scelte). Ogni alunno ha potuto dare il suo contributo concreto per ridurre la quantità di anidride carbonica immessa nell'atmosfera. Come nelle precedenti edizioni, il progetto richiede che gli alunni si impegnino a percorrere il tragitto casa-scuola e ritorno utilizzando un mezzo di trasporto ecocompatibile:a piedi, in bici, con mezzi pubblici o anche con la collaborazione di genitori disposti a organizzarsi per portare, con un'unica auto, più compagni di scuola (car-pooling). Per quest'anno le classi hanno avuto la possibilità di guadagnare punti aggiuntivi approfondendo il tema proposto dall'onu per il 2003, ovvero La cooperazione idrica. Al concorso 2013/2014 hanno partecipato 14 scuole primarie (Davila, Giovanni XXIII, Istituto Clair, Lambruschini, Leopardi, Leopardi-Zize, Manin, Mantegna, Morante, Reggia dei Carraresi, Ricci Curbastro, Santa Dorotea, Santa Rita, Volta) e 3 scuole secondarie di grado (Boito, Don Minzoni, Tartini) per un totale di 17 scuole, 88 classi e 1795 alunni; sono stati effettuati percorsi casascuola ecocompatibili (piedi, bici, autobus, car-pooling) che hanno comportato la mancata emissione di 24 tonnellate di CO2 oltre 7,5 kg di PM10. La premiazione del concorso Raccogliamo Miglia Verdi è avvenuta il giorno Domenica 6 Aprile 2014, in Prato della Valle, in occasione dell'iniziativa Yes, we bike!, nella giornata dedicata alla mobilità sostenibile promossa dal Comune di Padova. La premiazione ha coinvolto circa 100 persone tra studenti, insegnanti e genitori accompagnatori. Conoscere l'energia Questo percorso didattico, mira alla conoscenza delle varie fonti energetiche, rinnovabili e non, e a stimolare riflessioni sull'utilizzo dell'energia e sulle sue conseguenze, per contribuire al cambiamento del comportamento quotidiano degli alunni in relazione all'utilizzo delle risorse energetiche. Il percorso ha coinvolto l'i.t.i. Severi con 2 classi seconde per un totale di 47 alunni. Piano di azione, tutela e risanamento dell atmosfera della città di Padova aggiornamento 2014/

15 Ulteriori iniziative con le scuole hanno coinvolto il Liceo Nievo, l'istituto Severi, l'istituto Don Bosco con la visita alle cabine di monitoraggio della qualità dell'aria dell'arpav, l'i.t.g Belzoni con l'allestimento di una mostra sul Conoscere l'aria che respiriamo, un utile strumento per integrare le attività didattiche e i progetti degli insegnanti per introdurre o approfondire in modo più coinvolgente i vari temi, la scuola primaria Davila con Laboratorio teatrale e creativo sul tema delle energie rinnovabili, la scuola Lambruschini, l'istituto tecnico Marconi e l'istituto Barbarigo con lezioni sull'energia e le fonti rinnovabili e l'effetto serra. Nel corso di quest anno scolastico, altre ai progetti con le scuole si è collaborato all attuazione e alla promozione di ulteriori attività e progetti educativi: la Settimana europea della mobilità sostenibile, M illumino di meno, ecc... Piano di azione, tutela e risanamento dell atmosfera della città di Padova aggiornamento 2014/

16 ULTERIORI INIZIATIVE ED EVENTI Settimana europea della mobilità sostenibile Anche nel 2014 il Comune di Padova ha aderito alla Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 16 al 22 settembre L'iniziativa, promossa dalla Commissione Europea, è diventata negli anni un appuntamento internazionale con l'obiettivo di incoraggiare i cittadini all'utilizzo di mezzi di trasporto alternativi all'auto privata per gli spostamenti quotidiani. Lo slogan scelto per il 2014 "Our Streets, Our Choice" ("Le nostre strade, la nostra scelta") mira a sensibilizzare la cittadinanza sul legame tra le proprie scelte di mobilità e quindi il traffico motorizzato e l'inquinamento atmosferico nelle aree urbane, per una migliore fruizione degli spazi urbani. La campagna di quest'anno si è concentrata sulla necessità di riallocare gli spazi delle nostre città, al fine di renderle più piacevoli e vivibili, creando una migliore qualità della vita per tutti gli abitanti. Ciò è possibile attraverso l'utilizzo di sistemi di trasporto più sostenibili e la riduzione della dipendenza dalla macchina. Domenica 21 settembre 2014 è stato chiuso il traffico nel centro storico dalle ore 10 alle ore 18, su indicazione della Commissione Europea che ha invitato gli enti locali ad organizzare la giornata In città senza la mia auto. Le iniziative organizzate nel corso della settimana sono state molteplici e diversificate anche in collaborazione con FIAB e Amici della Bicicletta di Padova: campagna promozionale sui servizi di bike sharing, car sharing e car pooling via web sui siti: e dal 1 settembre al 22 settembre 2014: Interviste ad alcune organizzazioni nell ambito dell area centrale della città per rilevare il fabbisogno di ciclabilità e promuovere iniziative per aumentare l uso del servizio di bike sharing, nell'ambito del progetto europeo Velocittà; 19 settembre 2014: GIRETTO D ITALIA e BIKE TO WORK/PREMIA IL CICLISTA : L'iniziativa ha visto Padova monitorare, contestualmente ad altre 11 città in Italia, i transiti di biciclette dirette verso il centro città in 2 varchi (Via S. Francesco/Cesarotti/Ospedale e Bassanello/Lungargine Bassanello). Padova si è classificata seconda con 1541 biciclette monitorate, seguendo a brevissima distanza Bolzano che ha vinto con 1706 biciclette; dal 20 al 22 settembre 2014: EXPOBICI Fiera Internazionale della Bicicletta : Stand e attività interattive sulla mobilità sostenibile di Padova, i servizi innovativi di bike sharing, car sharing e car pooling (Ufficio Biciclette e Mobility Center); PREMIAZIONE LA SFIDA EUROPEA IN BICICLETTA 2014 ; CAMPAGNA CONTRO I FURTI DI BICICLETTA LA BICI E MIA GUAI A CHI LA RUBA :Servizio di marchiatura gratuita del codice fiscale sul telaio della propria bicicletta, in collaborazione con gli Amici della Bicicletta di Padova. Piano di azione, tutela e risanamento dell atmosfera della città di Padova aggiornamento 2014/

17 M'illumino di meno 2014 M illumino di meno, la Festa del Risparmio Energetico, è promossa fin dal 2004 dalla nota trasmissione radiofonica di Radio2 Caterpillar. In questi anni, accanto al consueto spegnimento delle luci in alcuni dei luoghi più significativi della città, per veicolare al contempo le politiche di sostenibilità e le azioni di risparmio ed efficienza energetica messe in atto dall Amministrazione, il Comune di Padova ha promosso attività diverse e originali, che affrontano da differenti punti di vista il tema del risparmio ed efficienza energetica e più in generale l adozione di azioni virtuose di razionalizzazione dei consumi. Ad esempio nel 2010 è stato realizzato un gioco a quiz sulle energie rinnovabili ( Energie in gioco ) che ha coinvolto in mattinata gli studenti di alcune scuole di Padova mentre in serata personaggi famosi, assessori e rappresentanti di associazioni sono stati chiamati a partecipare al quiz e a produrre energia elettrica attraverso una speciale bicicletta collegata ad un generatore. Nel 2011 è stato invece allestito il Set fotografico Uno "scatto" per rinnovare le energie - Diventa testimonial di M illumino di meno in cui i cittadini si sono fatti immortalare accanto ad un messaggio di sostenibilità energetica, sottoscrivendo così il loro impegno nel ridurre il consumo energetico e nel promuovere le energie alternative a Padova. Nell'edizione 2014 all appello di Caterpillar di investire sul cambiamento delle proprie abitudini, il Comune di Padova ha dato ampio risalto al progetto europeo ECO Courts Cortili Ecologici (di cui è capofila) organizzando in Sala Paladin l evento in cui è stata presentata ufficialmente la Green Orchestra, nata dalla collaborazione tra Scuola di Musica Gershwin e Comune di Padova che affronta la dimensione artistica e quella organizzativa con l'intento del minor spreco possibile, del risparmio energetico, dell'impatto sostenibile (repertorio musicale tutto declinato sulle tematiche ambientali, carta riciclata per spartiti e programmi di sala, veicoli ibridi per il trasporto dei musicisti e degli strumenti della band). Per l occasione è stato realizzato un collegamento radiofonico durante la trasmissione Caterpillar. Inoltre, grazie alla collaborazione con APS Holding e APS Advertising, per tutta la settimana (dall 11 al 16 febbraio) i cittadini che si sono spostati con i mezzi pubblici hanno potuto vedere sui monitor informativi a bordo dei bus ed alle fermate del tram dei brevi video realizzati per l occasione che forniscono, in meno di un minuto, suggerimenti e spunti di riflessione su uno stile di vita più attento all ambiente. Piano di azione, tutela e risanamento dell atmosfera della città di Padova aggiornamento 2014/

18 Iniziative sulla ciclabilità Oltre alle infrastrutture per la promozione della ciclabilità di Padova sono state organizzate iniziative ed eventi tra cui: Yes we bike Manifestazione che celebra la bicicletta in ogni sua forma ed espressione valorizzando gli spazi cittadini per una mobilità sostenibile, in collaborazione con le associazioni del mondo della bicicletta; La Sfida europea in bicicletta 2014 è una competizione tra 32 città europee, nata per promuovere l uso della bicicletta quale modalità di mobilità sostenibile alternativa all auto privata. Padova si è posizionata al 7 posto con km ; al 3 posto per km/abitante; al 5 posto per km/partecipante attivo; Exposcuola 2014 : con l'obiettivo di costruire la conoscenza e promuovere una evoluzione culturale per aumentare l uso del trasporto pubblico, della bicicletta, del bike sharing, del car pooling e del car sharing. Piano di azione, tutela e risanamento dell atmosfera della città di Padova aggiornamento 2014/

19 Attuazione del Piano d'azione per l'energia Sostenibile Per la città di Padova un primo passo del percorso verso la Padova smart city è rappresentato dalla sottoscrizione del Patto dei Sindaci avvenuta a maggio 2010 e dalla redazione del Piano di Azione per l'energia Sostenibile (PAES). Con la firma del Patto, le città si sono impegnate ad elaborare un proprio Piano composto da obiettivi e azioni pratiche, al fine di ridurre le emissioni del proprio territorio di oltre il 20%, dando così il loro contributo al contenimento dei cambiamenti climatici. Il PAES prevede, entro il 2020, una riduzione del 21% delle emissioni di CO2 rispetto al 2005, che corrispondono a un totale di tco2e. Si è deciso quindi di andare oltre l obiettivo minimo richiesto dalla Commissione Europea. Sono state pianificate 39 azioni, alcune da realizzare entro il 2013, altre entro il Le azioni sono state suddivise in 6 macroaree di intervento che si intrecciano con i sei ambiti della smart city proposti dall'europa: Piano di azione, tutela e risanamento dell atmosfera della città di Padova aggiornamento 2014/

20 E in corso il monitoraggio periodico del PAES che deve essere realizzato entro febbraio 2015; la revisione riguarderà le azioni inserite nel progetto già realizzate, in fase di realizzazione e anche eventuali nuovi progetti non inseriti nel PAES approvato nel Piano di azione, tutela e risanamento dell atmosfera della città di Padova aggiornamento 2014/

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA COMUNE DI RAVENNA Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA Anno scolastico 2007/2008 PREMESSA Il Piedibus è il modo più sano, sicuro, divertente ed ecologico per andare e tornare da scuola. E un autobus

Dettagli

uno sguardo d insieme Daniela Luise Project manager ECO Courts

uno sguardo d insieme Daniela Luise Project manager ECO Courts Il progetto ECO Courts: uno sguardo d insieme Daniela Luise Project manager ECO Courts IL PROGETTO IN BREVE ECO Courts è l acronimo di ECOlogical COurtyards United for Resources saving through smart Technologies

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE UNIVERSITA MEDITERRANEA DEGLI STUDI DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA IN PIANIFICAZIONE TERRITORIALE URBANISTICA ED AMBIENTALE CORSO DI FONDAMENTI DI PIANIFICAZIONE SETTORIALE

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale La Settimana dell Educazione all Energia Sostenibile Dal 6 al 12 novembre si è celebrata la Settimana Nazionale dell Educazione all Energia Sostenibile,

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Efficienza Capitale 1

Efficienza Capitale 1 Efficienza Capitale 1 Efficienza energetica, abbattimento Co2, risparmio e investimenti, controllo social PREMESSA Gli edifici pubblici devono essere i luoghi dove curare il nostro presente. Le scuole

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Piano di Azione per l'energia Sostenibile del Comune di Padova

Piano di Azione per l'energia Sostenibile del Comune di Padova Piano di Azione per l'energia Sostenibile del Comune di Padova Comune di Padova Settore Ambiente Capo Settore Patrizio Mazzetto Daniela Luise Simone Costantini Cinzia Rinzafri Ilaria Seresin Michele Zuin

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO. Assessorato Ecologia e Ambiente

I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO. Assessorato Ecologia e Ambiente punt energia I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO Assessorato Ecologia e Ambiente I nuovi regolamenti edilizi comunali Progetto a cura

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Andare a scuola da soli

Andare a scuola da soli Bollettino a cura del Progetto di Ricerca "La città dei bambini", Reparto di Psicopedagogia, Istituto Psicologia del CNR di Roma via U. Aldrovandi, 18-00197 Roma, Tel. 06 3221198, Fax 06 3217090, cittbamb@kant.irmkant.rm.cnr.it

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3988 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Sviluppo dell efficienza energetica e delle fonti rinnovabili per la salvaguardia del clima Presentata

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Interventi di miglioramento delle prestazioni energetiche degli involucri edilizi. MWh risparmiati MWh prodotti t CO2 rimosse Costi

Interventi di miglioramento delle prestazioni energetiche degli involucri edilizi. MWh risparmiati MWh prodotti t CO2 rimosse Costi URB 1.1 Interventi di miglioramento delle prestazioni energetiche degli involucri edilizi URB Le emissioni di CO2 prodotte dagli edifici rappresentano circa il 40% dello stock complessivo di emissioni

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa Progr. n. 156 Oggetto n. 3124: Approvazione atto di indirizzo e coordinamento sui requisiti di rendimento energetico e sulle procedure di certificazione energetica degli edifici. (Proposta della Giunta

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Progetto I-Bus Telecontrollo Bus Turistici e pagamento elettronico dei permessi Sintesi Roma Servizi per la mobilità ha messo a punto un sistema di controllo

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Concorso La scuola più riciclona

Concorso La scuola più riciclona Il futuro è nella nostra natura Concorso La scuola più riciclona Nell'ambito del Piano dell'offerta Formativa Territoriale (POFT) 2014/2015, il Comune di Bitonto indice il concorso La scuola più riciclona

Dettagli

L esperienza del Green Energy Audit

L esperienza del Green Energy Audit L esperienza del Green Energy Audit Arch. Ph.D. Annalisa Galante Adjunct Professor Research Associate - Dipartimento ABC - Politecnico di Milano Coordinamento corsi di formazione - Comunicazione e Marketing

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

DIALOGHI SUL COMPORRE

DIALOGHI SUL COMPORRE TORRI DELL ACQUA 2 workshop di composizione assistita da computer. Seminari, lezioni e concerti dal 28 al 30 dicembre presso le Torri dell'acqua di Budrio Il fondamentale ruolo interpretato dalle Torri

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

4. L ENERGIA. Informazioni ricavate dai dati di bilancio energetico nazionale. 60

4. L ENERGIA. Informazioni ricavate dai dati di bilancio energetico nazionale. 60 4. L ENERGIA 4.1. Premessa L 80% circa dell energia consumata nell UE deriva dai combustibili fossili: petrolio, gas naturale e carbone. Di questa percentuale, una parte considerevole, in costante aumento,

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico O9 P o l i c y A d v i C E n ot e s innovativi per il trasporto L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

magazine mobility press Audimob: alternative all'auto, osservatorio sui comportamenti della mobilità degli italiani

magazine mobility press Audimob: alternative all'auto, osservatorio sui comportamenti della mobilità degli italiani mobility press magazine Audimob: alternative all'auto, osservatorio sui comportamenti della mobilità degli italiani Art, le misure regolatorie per bandi di gara e convenzioni TPL Toscana: si pronuncia

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05. QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.2013 Il progetto QUEST Gli obiettivi Offrire supporto alle città

Dettagli