La scelta della forma giuridica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La scelta della forma giuridica"

Transcript

1 La scelta della forma giuridica Classe quarta A IGEA Prof. Luigi Trojano 1

2 Introduzione Quando si intraprende una attività aziendale, il primo passo da compiere è quello relativo alla scelta se avviare un impresa individuale oppure costituire una società con altre persone. In questo secondo caso bisogna esaminare le varie forme giuridiche previste dal nostro ordinamento ed individuare la più adatta alle proprie esigenze. La valutazione di convenienza va fatta alla luce di numerosi fattori, di natura non esclusivamente economica. Gli aspetti più importanti da valutare sono: se provvedere individualmente al totale finanziamento del capitale necessario per la costituzione dell azienda o conferirlo unitamente ad altri soci se farsi totalmente carico della responsabilità civile e di ogni altro rischio aziendale o condividerli con altri se assumere ogni decisione per la gestione aziendale in piena autonomia o condividere scelte e proposte di altre persone. Prof. Luigi Trojano 2

3 Ditta individuale 1/3 È ideale per chi non ha soci e soprattutto ha l esigenza e la volontà di lavorare in piena autonomia. Solitamente viene scelta per imprese di dimensioni limitate, con volume di affari contenuti, come ad esempio le attività artigianali. Prof. Luigi Trojano 3

4 Ditta individuale 2/3 Vantaggi Per l avvio dell attività è sufficiente iscriversi alla Camera di Commercio e ottenere una partita IVA, senza dover ricorrere ad un notaio. Gli oneri fiscali, amministrativi e contabili sono ridotti al minimo. Non è necessario tenere libri sociali e la costituzione o lo scioglimento dell impresa non sono tassati. Per liquidare l attività bisogna chiudere la partita IVA e comunicare la cessazione alla Camera di Commercio, all INPS e INAIL. È obbligatorio tenere i libri previsti dalla normativa fiscale e cioè libri IVA e libri contabili. Prof. Luigi Trojano 4

5 Ditta individuale 3/3 Svantaggi Il problema si pone nella denuncia dei redditi, in quanto i redditi dell impresa si sommano a quelli personali e quindi tassati a loro volta con le aliquote progressive previste dall Irpef. In questo modo più è alto il guadagno più lieviteranno le imposte. Inoltre il rischio dell impresa coinvolge tutto il patrimonio personale dell imprenditore. Prof. Luigi Trojano 5

6 Impresa Familiare 1/4 È una particolare forma dell impresa individuale dove oltre al titolare partecipano uno o più familiari (il coniuge, i parenti fino al terzo grado, gli affini entro il secondo grado). Particolarmente indicata per volumi di affari ridotti, quindi attività artigianali e commerciali. Vantaggi Oltre a quelli già indicati per l impresa individuale c è un vantaggio di natura fiscale, legato al fatto che il reddito viene distribuito anche sui familiari (risparmio Irpef). Prof. Luigi Trojano 6

7 Impresa Familiare 2/4 Attenzione.. qualche volta l imprenditore birichino utilizza illecitamente l istituto dell impresa familiare per: 1. ottenere vantaggi fiscali (pagando meno Irpef), attribuendo una quota di utile al collaboratore familiare anche se quest ultimo non presta la propria opera nell impresa; 2. ottenere vantaggi contributivi (per es. pensione) a favore del collaboratore familiare, assicurandolo anche se quest ultimo non presta la propria opera nell impresa. Prof. Luigi Trojano 7

8 Impresa Familiare 3/4 Il caso: dato un reddito della ditta di euro, calcolare il carico fiscale lordo di una impresa familiare in cui la moglie ha una quota del 49%. Confrontare poi con il carico fiscale lordo di una ditta individuale senza collaboratore familiare. Calcolo irpef lorda impresa familiare: Reddito titolare = X 51% = Reddito moglie = X 49% = Irpef titolare = X 23% = Irpef moglie = X 23% = Irpef totale = Calcolo irpef lord ditta senza collaboratore familiare: Irpef lorda = X23% X33% X39% = Prof. Luigi Trojano 8

9 Impresa Familiare 4/4 Conclusioni: abbiamo un risparmio fiscale lordo di = In questo calcolo di convenienza occorre ricordare che il titolare (marito) rinuncia alle detrazioni fiscali per la moglie a carico e che il collaboratore familiare dovrà essere assicurato all INPS e all INAIL con il conseguente versamento dei contributi previdenziali. Prof. Luigi Trojano 9

10 Società di persone 1/3 Queste società hanno caratteristiche simili alle ditte individuali, in quanto dal punto di vista fiscale viene pagata prima l Irap, dopodiché viene ripartito l utile tra i soci (in base alle diverse quote di partecipazione), ed infine si somma ciascun utile al reddito personale dei soci determinando così la propria quota Irpef. Questa formula è particolarmente consigliata per imprese di piccole dimensioni con un numero ridotto di soci e di capitali, ad esempio per attività agricole, commerciali o di servizi. Prof. Luigi Trojano 10

11 Società di persone 2/3 Vantaggi I costi di costituzione e della gestione ordinaria sono sufficientemente contenuti e i giovani possono trarre beneficio in quanto possono avvalersi di finanziamenti e contributi regionali. Inoltre le procedure fiscali, contabili e tributarie sono agevolate. Non è previsto un capitale minimo per la loro costituzione. Prof. Luigi Trojano 11

12 Società di persone 3/3 Svantaggi Il rischio maggiore deriva dal fatto che tutti i soci (ad eccezione degli accomandanti delle Sas) hanno responsabilità illimitata quindi in caso di fallimento i creditori possono avvalersi anche sul patrimonio privato dei membri della società; non solo, se un socio non copre i debiti, saranno gli altri a doverne rispondere. È fondamentale la scelta di soci onesti, leali e professionali. Prof. Luigi Trojano 12

13 Il caso Birichino S.A.S. La S.a.s. da alcuni anni a questa parte viene anche utilizzata per impiegare persone come «dipendenti di fatto», risparmiando i costi e gli oneri previdenziali previsti per i dipendenti a tutti gli effetti: a tal fine i soci in accomandita, anziché assumere regolarmente una persona la fanno entrare in società come socio «accomandante d opera», che conferisce il proprio lavoro invece del capitale. Questa soluzione va utilizzata con estrema cautela, potendo debordare da un lato nel rapporto di lavoro subordinato e dall altro in rapporto di fatto di Società in nome collettivo, in entrambi i casi con conseguenze molto sgradevoli Prof. Luigi Trojano 13

14 Associazione in partecipazione 1/2 Col contratto di Associazione in partecipazione l associante - che è l imprenditore, sia questo individuale o collettivo - attribuisce all associato una partecipazione agli utili (dell impresa in generale o di uno o più affari); l associato in cambio fornisce all associante del capitale o del lavoro. In questo rapporto l associato non diventa socio dell imprenditore: quest ultimo conserva interamente la disponibilità dell azienda e la responsabilità della gestione. Se il risultato dell attività è negativo, l associato partecipa alle perdite entro e non oltre i limiti del conferimento eseguito. Prof. Luigi Trojano 14

15 Associazione in partecipazione 2/2 Negli ultimi anni l istituto dell Associazione in partecipazione è stato spesso usato in forma non appropriata per ottenere prestazioni di lavoro senza stabilire un regolare rapporto d impiego con il prestatore d opera. Se il rapporto reale è quello di lavoro subordinato, il ricorso a questa soluzione può essere molto pericoloso sia per l associante che per l associato. Prof. Luigi Trojano 15

16 Società di capitali 1/4 Vantaggi La responsabilità dei soci dipende dalle quote di capitale che hanno investito e soprattutto non è personale, perciò i creditori non possono avvalersi sul loro patrimonio privato Ci sono enormi vantaggi a livello fiscale in quanto gli utili dell azienda sono liberamente gestibili, possono essere accumulati e distribuiti ai soci nei momenti fiscalmente più convenienti. La gestione aziendale può essere conferita anche a chi non è socio. Il ruolo dei soci passa in secondo piano rispetto ai capitali che loro stessi hanno investito. Prof. Luigi Trojano 16

17 Società di capitali 2/4 Vantaggi Per le SpA, la possibilità di : 1 - autofinanziarsi attraverso l emissione di nuove azioni. In questo caso il neo azionista entra a titolo di proprietario all interno della società 2 ricorrere al finanziamento esterno attraverso l emissione di obbligazioni. In questo caso l obbligazionista entra a titolo di finanziatore della società assumendosi meno rischi ma rinunciando ad una eventuale maggiore distribuzione di utili rispetto al rendimento del prestito obbligazionario Prof. Luigi Trojano 17

18 Società di capitali 3/4 Svantaggi Elevate spese di costituzione che, oltre alle spese notarili comprendono imposte di registro proporzionali al capitale sociale e alla natura dei conferimenti. Visto che le società di capitali hanno un capitale sociale minimo, a differenza delle società di persone, verseranno maggiori imposte. Elevate spese di gestione in quanto gli aspetti burocratici e fiscali sono complessi. Si pensi alla gestione degli organi societari: convocare l assemblea di una SpA con numerosi azionisti comporta il sostenimento di costi per la pubblicazione della convocazione, spese affitto locale ecc; costi da sostenere per le consulenze del collegio sindacale o del comitato di controllo. Prof. Luigi Trojano 18

19 Società di capitali 4/4 Svantaggi Il conferimento in natura è soggetto a perizia con il conseguente sostenimento di oneri In caso in cui non vengano rispettate le norme contabili e fiscali i soci sono esposti in termini di responsabilità. Fondamentale quindi affidare la conduzione dell impresa a persone fidate ed esperte Prof. Luigi Trojano 19

20 Confronto tra forme societarie CARATTERISTICHE Capitale sociale minimo Numero minimo dei soci Modalità di costituzione Responsabilità dei soci Collegio sindacale Amministratori Vantaggi Svantaggi SOCIETA DI PERSONE Nessun limite 2 Scrittura privata autenticata o atto notarile Illimitata e solidale (limitata al capitale per i soci accomandanti delle sas) Non previsto Solo soci (accomandatari per le sas) Limitate formalità giuridiche, organi sociali limitati, contabilità semplificata, tassazione progressiva, deduzione perdite da reddito dei soci Responsabilità illimitata, reddito anche senza distribuzione, modifica atto per trasferimento quote SOCIETA DI CAPITALI Spa/sapa > Srl > Atto notarile Limitata al capitale (illimitata per i soci accomandatari delle sapa) Obbligatorio (escluse le srl con c.s. < Soci e non (accomandatari per le sapa) Responsabilità limitata, tassazione sul socio dei soli utili distribuiti, facile trasferimento quote/azioni, possibilità emissione prestiti obbligazionari Tassazione fissa, maggiore burocrazia, organi sociali, esclusione contabilità semplificata Prof. Luigi Trojano 20

21 E attività di impresa? (art C.C) Il titolare intende SI E impresa con E impresa Il titolare è una limitare la propria fini di lucro? SI commerciale? SI sola persona? SI responsabilità? SI (art C.C) S.r.l. unipersonale NO NO NO NO NO Il titolare si avvale della collaborazione dei familiari? SI NO Impresa familiare Impresa individuale nessuno S.r.l. o S.p.A. I soci accettano la responsabilità illimitata? alcuni S.a.s. o S.a.p.a. tutti S.n.c. nessuno S.r.l. o S.p.A. E impresa agricola? (art C.C.) SI I soci accettano la responsabilità illimitata? alcuni S.a.s. o S.a.p.a. tutti S.s. o S.n.c. NO Varie figure giuridiche (Associazioni, ecc) Impresa artigiana* (art C.C. L. 443/85) * Caso particolare di piccola impresa Imp. Ind., S.n.c., S.a.s., S.r.l. o Cooperativa I soci accettano la responsabilità illimitata? SI NO Soc. Cooperativa a resp. illimitata Soc. Cooperativa a resp. limitata Prof. Luigi Trojano 21

22 Prof. Luigi Trojano 22

LE FORME GIURIDICHE. IL LAVORO IMPRENDITORIALE (Art. 2082 cod. Civ.)

LE FORME GIURIDICHE. IL LAVORO IMPRENDITORIALE (Art. 2082 cod. Civ.) LE FORME GIURIDICHE Per Forma giuridica si intende la tipologia giuridica del soggetto cui farà capo l attività e le norme ad essa conseguenti. IL LAVORO IMPRENDITORIALE (Art. 2082 cod. Civ.) Il Codice

Dettagli

Impresa Individuale. Società semplice Ss

Impresa Individuale. Società semplice Ss Impresa Individuale Solo il titolare I principali adempimenti amministrativi, da eseguire certificata PEC (non obbligatoria per l impresa Sono contenuti e riguardano principalmente: e L attuale sistema

Dettagli

Quale tipo di società scegliere per il proprio business

Quale tipo di società scegliere per il proprio business Quale tipo di società scegliere per il proprio business È possibile scegliere la forma giuridica più conveniente all interno di queste quattro categorie: 1) Impresa individuale 2) Società di persone 3)

Dettagli

Autoimprenditorialità

Autoimprenditorialità Autoimprenditorialità Aspetti giuridici e burocratici dell impresa Febbraio 2012 La figura giuridica dell imprenditore L art. 2082 del Codice Civile definisce imprenditore chi esercita professionalmente

Dettagli

SERVIZIO DI PROMOZIONE E SVILUPPO DELL AUTOIMRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE GUIDA ALLA FORMA GIURIDICA DITTA INDIVIDUALE IMPRESA FAMIGLIARE

SERVIZIO DI PROMOZIONE E SVILUPPO DELL AUTOIMRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE GUIDA ALLA FORMA GIURIDICA DITTA INDIVIDUALE IMPRESA FAMIGLIARE SERVIZIO DI PROMOZIONE E SVILUPPO DELL AUTOIMRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE GUIDA ALLA FORMA GIURIDICA DITTA INDIVIDUALE IMPRESA FAMIGLIARE Guida alla scelta della forma giuridica Mod. D/i Impresa individuale

Dettagli

SERVIZIO DI PROMOZIONE E SVILUPPO DELL AUTOIMRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE GUIDA ALLA FORMA GIURIDICA SOCIETA' DI PERSONE

SERVIZIO DI PROMOZIONE E SVILUPPO DELL AUTOIMRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE GUIDA ALLA FORMA GIURIDICA SOCIETA' DI PERSONE SERVIZIO DI PROMOZIONE E SVILUPPO DELL AUTOIMRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE GUIDA ALLA FORMA GIURIDICA SOCIETA' DI PERSONE Guida alla scelta della forma giuridica Mod. D4/sp Società di persone Una delle

Dettagli

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari Capitolo 1 L impresa L IMPRESA E LE SOCIETÀ La nozione di impresa si desume implicitamente dal codice civile che delinea la figura dell imprenditore. Manca, infatti, nel nostro codice, una definizione

Dettagli

Le forme giuridiche dell impresa

Le forme giuridiche dell impresa Le forme giuridiche dell impresa La forma giuridica dell impresa viene definita nell atto costitutivo, al momento cioè della sua nascita. La decisione sulla forma giuridica dell impresa è un passaggio

Dettagli

GUIDA ALL IMPRENDITORIA. Guida alla scelta della forma giuridica dell impresa

GUIDA ALL IMPRENDITORIA. Guida alla scelta della forma giuridica dell impresa GUIDA ALL IMPRENDITORIA Guida alla scelta della forma giuridica dell impresa A cura di Tiziana Zagni Provincia di Ferrara Indice Le forme giuridiche dell impresa pag. 3 L Impresa individuale pag. 4 L Impresa

Dettagli

Scegliere. la forma giuridica

Scegliere. la forma giuridica Scegliere la forma giuridica 1 La scelta della forma giuridica è molto importante per chi vuole avviare un attività in proprio: una veste giuridica sbagliata può pregiudicare il successo dell iniziativa.

Dettagli

Mini Guida per L'Aspirante Commerciante Online

Mini Guida per L'Aspirante Commerciante Online Mini Guida per L'Aspirante Commerciante Online Le domande generali per fare luce in modo semplice su cosa fare e come fare per aprire una attività di commercio online, Partita Iva etc... Per aprire un

Dettagli

----------Risposte----------

----------Risposte---------- ----------Risposte---------- 1. (a) 2. (b) 3. (a) 4. (d) 5. (c) 6. (d) 7. (c) 8. (F) 9. (V) 10. (F) 11. (V) 12. (V) 13. (V) 14. (F) 15. (V) 16. (F) 17. (F) 18. (F) 19. (F) 20. (F) 1 COMPLETAMENTO Completare

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo Secondo L AGENTE E FIGURE AFFINI

INDICE SOMMARIO. Capitolo Secondo L AGENTE E FIGURE AFFINI INDICE SOMMARIO Capitolo Primo IL QUADRO NORMATIVO E GLI ELEMENTI MAGGIORMENTE DISTINTIVI 1.1. Ilcontrattodiagenzia... 1 1.2. Ladisciplinadelcontrattodiagenzia... 2 1.3. Lacontrattazionecollettiva... 3

Dettagli

Il dr. Antonio Palmieri è responsabile del Registro delle imprese della Camera di Commercio di Padova.

Il dr. Antonio Palmieri è responsabile del Registro delle imprese della Camera di Commercio di Padova. Notizie sugli autori Il dr. Fabio Incastrini è dottore commercialista iscritto all Ordine di Padova, revisore contabile e relatore a corsi e seminari. Il dr. Antonio Palmieri è responsabile del Registro

Dettagli

SERVIZIO DI PROMOZIONE E SVILUPPO DELL AUTOIMRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE GUIDA ALLA FORMA GIURIDICA SOCIETA' DI CAPITALI

SERVIZIO DI PROMOZIONE E SVILUPPO DELL AUTOIMRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE GUIDA ALLA FORMA GIURIDICA SOCIETA' DI CAPITALI SERVIZIO DI PROMOZIONE E SVILUPPO DELL AUTOIMRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE GUIDA ALLA FORMA GIURIDICA SOCIETA' DI CAPITALI Società di capitali Guida alla scelta della forma giuridica Mod. D4/sc Una

Dettagli

Imprenditori si diventa!

Imprenditori si diventa! Imprenditori si diventa! Manuale pratico all avvio d impresa pillole per l avvio d impresa Per prendere decisioni corrette riguardo al progetto imprenditoriale che si intende avviare, è necessario essere

Dettagli

Elementi fondamentali di diritto d impresa

Elementi fondamentali di diritto d impresa Elementi fondamentali di diritto d impresa La nozione giuridica di imprenditore. Il nostro ordinamento legislativo non definisce espressamente il concetto di impresa, mentre specifica che cosa si intende

Dettagli

Lavoro, Impresa e Forma giuridica delle imprese

Lavoro, Impresa e Forma giuridica delle imprese Lavoro, Impresa e Forma giuridica delle imprese I diversi individui ed enti impegnati nelle diverse attività economiche rivestono i seguenti differenti ruoli: Lavoratori o dipendenti o autonomi imprenditori

Dettagli

Marketing e negoziazione (come fare una ricerca di mercato; come negoziare efficacemente, etc.);

Marketing e negoziazione (come fare una ricerca di mercato; come negoziare efficacemente, etc.); I corsi di formazione rivolti alla creazione d impresa e i seminari di orientamento all autoimprenditorialità sono delle iniziative brevi di orientamento al mettersi in proprio rivolte ad aspiranti e neo-imprenditori

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners.

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners. CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 33/2014 del 15/5/2014 ARGOMENTO: PROROGA VERSAMENTI DI UNICO 2014 Gentile Cliente, con la presente desideriamo informarla che, con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri

Dettagli

Fare impresa. Avviare un attività artigiana

Fare impresa. Avviare un attività artigiana Fare impresa Avviare un attività artigiana Si è ritenuto utile tracciare un quadro che riassuma non solo gli obblighi e le incombenze che gravano su un impresa nel momento di avvio dell attività, ma anche

Dettagli

La titolarità della farmacia privata L aggregazione extra societaria

La titolarità della farmacia privata L aggregazione extra societaria La titolarità della farmacia privata L aggregazione extra societaria Dott. Marino Mascheroni Professore a contratto di Diritto Tributario Università di Milano Il trasferimento di azienda farmacia Requisiti

Dettagli

IL LAVORO NON DIPENDENTE VADEMECUM PER OPERATORI

IL LAVORO NON DIPENDENTE VADEMECUM PER OPERATORI IL LAVORO NON DIPENDENTE VADEMECUM PER OPERATORI 1 Stiamo assistendo, oramai da anni, ad una evoluzione del sistema economico italiano che perde parti sempre più consistenti di grandi imprese, parzialmente

Dettagli

Per cominciare Gli Italiani? Un popolo di imprenditori. I fattori sinergici Quali i settori?

Per cominciare Gli Italiani? Un popolo di imprenditori. I fattori sinergici Quali i settori? Per cominciare Gli Italiani? Un popolo di imprenditori. I fattori sinergici Quali i settori? Le leggi che agevolano Normativa sull imprenditoria femminile Normativa sull imprenditoria giovanile Normativa

Dettagli

Linee Guida per la scelta della tipologia societaria

Linee Guida per la scelta della tipologia societaria Linee Guida per la scelta della tipologia societaria elaborate da Chiara Piconi- Dottore commercialista e Revisore legale Consorzio Nazionale per la Formazione, l Aggiornamento e l Orientamento Via Ludovisi,

Dettagli

INIZIARE UN ATTIVITA IMPRENDITORIALE

INIZIARE UN ATTIVITA IMPRENDITORIALE INIZIARE UN ATTIVITA IMPRENDITORIALE La prima cosa da fare è scegliere la forma giuridica. Se si decide di lavorare autonomamente si opterà per la ditta individuale; se si decide di associarsi con altre

Dettagli

Società di capitali. Forma giuridica

Società di capitali. Forma giuridica Società di capitali Forma giuridica Le società di capitali sono definite tali in quanto in esse prevale l'elemento oggettivo, costituito dal capitale, rispetto a quello soggettivo rappresentato dai soci.

Dettagli

Nelle pagine che seguono vengono presentate le Definizioni che verranno inserite nella sezione Strumenti per le seguenti voci:

Nelle pagine che seguono vengono presentate le Definizioni che verranno inserite nella sezione Strumenti per le seguenti voci: Nelle pagine che seguono vengono presentate le Definizioni che verranno inserite nella sezione Strumenti per le seguenti voci: Franchising Impresa coniugale Impresa familiare Impresa individuale Lavoro

Dettagli

La partita IVA, il regime agevolato e di vantaggio

La partita IVA, il regime agevolato e di vantaggio La partita IVA, il regime agevolato e di vantaggio La Partita IVA La procedura burocratica Dal punto di vista fiscale si definisce IVA (Imposta sul valore aggiunto disciplinata dal DPR 633/72) l'imposta

Dettagli

ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI Consiglio Regionale Marche

ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI Consiglio Regionale Marche Partita Iva: vantaggi e svantaggi L apertura della partita iva consente di diventare liberi professionisti, con conseguenti vantaggi e svantaggi. Lavorare come liberi professionisti, consente di poter

Dettagli

Prof. Luigi Trojano. Esci

Prof. Luigi Trojano. Esci 1 LE FORME DI RETRIBUZIONE GLI ELEMENTI DELLA RETRIBUZIONE IL SISTEMA DELLE ASSICURAZIONI SOCIALI GESTIONI INPS MOBILITA CONTRIBUTI INPS E RILEVAZIONE ASSEGNI FAMILIARI RAPPORTI CON L INAILL INAIL: CONGUAGLIO

Dettagli

Definizione di Stato

Definizione di Stato Lo Stato Definizione di Stato Lo Stato è un azienda no profit in quanto è un insieme di beni e di persone con un organizzazione e con lo scopo di soddisfare dei bisogni. I servizi offerti dallo Stato Lo

Dettagli

STUDIO SALVATORE TRAMUTO commercialista consulente del lavoro revisore contabile

STUDIO SALVATORE TRAMUTO commercialista consulente del lavoro revisore contabile STUDIO SALVATORE TRAMUTO commercialista consulente del lavoro revisore contabile Gentile cliente, Le richiamo l'attenzione su alcune novità previste in particolare dalla Finanziaria 2007, trattati in forma

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

IMMIGRATI E IMPRESA. Percorsi, suggerimenti, indicazioni e normative per l avvio di un attività imprenditoriale a Milano. Guida

IMMIGRATI E IMPRESA. Percorsi, suggerimenti, indicazioni e normative per l avvio di un attività imprenditoriale a Milano. Guida Guida IMMIGRATI E IMPRESA Percorsi, suggerimenti, indicazioni e normative per l avvio di un attività imprenditoriale a Milano. con la collaborazione di Provincia di Milano www.provincia.milano.it economia@provincia.milano.it

Dettagli

MODELLO 510/2013 VARIAZIONE DI COMPOSIZIONE DI SOCIETÀ DI AGENZIA O RAPPRESENTANZA

MODELLO 510/2013 VARIAZIONE DI COMPOSIZIONE DI SOCIETÀ DI AGENZIA O RAPPRESENTANZA 00154 - Roma MODELLO 510/2013 VARIAZIONE DI COMPOSIZIONE DI SOCIETÀ DI AGENZIA O RAPPRESENTANZA ART 3, COMMA 3 E ART 4, COMMA 3 DEL REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ ISTITUZIONALI DELLA FONDAZIONE ENASARCO Via

Dettagli

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma.

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma. Costo del lavoro Esempi di calcolo La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma Ai sensi dell art. 2222 c.c. è lavoratore autonomo colui

Dettagli

Come mettersi in proprio e strutturare una micro attività imprenditorialeˮ

Come mettersi in proprio e strutturare una micro attività imprenditorialeˮ Come mettersi in proprio e strutturare una micro attività imprenditorialeˮ Dott. Luca Castagnetti Dott. ssa Carlotta Cena 24 settembre 2014 Verona Fablab CONTENUTI 1. Da orientati al prodotto ad orientati

Dettagli

UFFICIO NUOVE IMPRESE E MERCATO DEL LAVORO. Le forme giuridiche

UFFICIO NUOVE IMPRESE E MERCATO DEL LAVORO. Le forme giuridiche UFFICIO NUOVE IMPRESE E MERCATO DEL LAVORO Le forme giuridiche Ufficio Nuove Imprese e Mercato del Lavoro Camera di Commercio di Ancona - Piazza XXIV Maggio, 1-60124 Ancona tel. 071 5898291/218 - fax 071

Dettagli

Seminario del 21 Febbraio 2014 Regimi contabili e fiscali dell Amministratore

Seminario del 21 Febbraio 2014 Regimi contabili e fiscali dell Amministratore Seminario del 21 Febbraio 2014 Regimi contabili e fiscali dell Amministratore Condominio Adempimenti e agevolazioni fiscali (guida Agenzia Entrate) Ai fini della corretta individuazione degli adempimenti

Dettagli

Cessione ed affitto d azienda

Cessione ed affitto d azienda Cessione ed affitto d azienda Appunti a cura di Claudio Ducoli aprile 2011 DEFINIZIONE DI AZIENDA L'art. 2555 del c.c. definisce l'azienda come il complesso dei beni organizzati dall'imprenditore per l'esercizio

Dettagli

Indice generale. Booksite - istruzioni per l'uso... 20 Capitolo I L ESSENZA DELLE COOPERATIVE... 21

Indice generale. Booksite - istruzioni per l'uso... 20 Capitolo I L ESSENZA DELLE COOPERATIVE... 21 Booksite - istruzioni per l'uso... 20 Capitolo I L ESSENZA DELLE COOPERATIVE... 21 1 - Lo scopo mutualistico... 21 2 - La mutualità esterna... 24 3 - La nuova mutualità... 25 4 - I segni distintivi...

Dettagli

DEFINIZIONE L ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE I CONTRAENTI ELEMENTI DEL CONTRATTO L ASSOCIANTE SEGUE: ELEMENTI

DEFINIZIONE L ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE I CONTRAENTI ELEMENTI DEL CONTRATTO L ASSOCIANTE SEGUE: ELEMENTI DEFINIZIONE L ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE Relatore: dott. Francesco Barone L associazione in partecipazione è definita come un contratto attraverso il quale l associante attribuisce all associato una

Dettagli

NUOVO REGIME PER CONTRIBUENTI MINIMI INTRODOTTO DALLA LEGGE FINANZIARIA 2008

NUOVO REGIME PER CONTRIBUENTI MINIMI INTRODOTTO DALLA LEGGE FINANZIARIA 2008 NUOVO PER CONTRIBUENTI MINIMI INTRODOTTO DALLA LEGGE FINANZIARIA 2008 Il nuovo regime fiscale, introdotto dalla Finanziaria 2008 per i lavoratori autonomi, è riservato a coloro che nell anno 2007 hanno

Dettagli

Esami di Stato di abilitazione all'esercizio professionale per Esperto contabile Elenco delle tracce sorteggiate nelle sessioni precedenti

Esami di Stato di abilitazione all'esercizio professionale per Esperto contabile Elenco delle tracce sorteggiate nelle sessioni precedenti Esami di Stato di abilitazione all'esercizio professionale per Esperto contabile Elenco delle tracce sorteggiate nelle sessioni precedenti I^ sessione 2012 Materie aziendali: Il candidato illustri i principi

Dettagli

La difesa del patrimonio

La difesa del patrimonio Mercoledì 19 Marzo 2014 SAVIGLIANO DONAZIONE DI AZIENDE O QUOTE La donazione è il contratto con il quale (art. 769 C.C.), per spirito di liberalità, una parte arricchisce l altra, disponendo a favore di

Dettagli

MIGRANTE, IMPRENDITORE Una banca per la tua impresa

MIGRANTE, IMPRENDITORE Una banca per la tua impresa IMPRENDITORI MIGRANTE, IMPRENDITORE Una banca per la tua impresa VUOI APRIRE UNA NUOVA IMPRESA? E necessario individuare la forma giuridica che ritieni più idonea tenendo presenti vari fattori: disponibilità

Dettagli

Regione Campania DISCIPLINA E REGIME TRIBUTARIO

Regione Campania DISCIPLINA E REGIME TRIBUTARIO Regione Campania COMMISSIONE D ESAME PER L ACCESSO ALL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO EX ART. 5 LEGGE 264/91 ANNO 2002 DISCIPLINA E REGIME TRIBUTARIO E01 Che cosa s intende

Dettagli

Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE IN AGENTE E RAPPRESENTANTE DI COMMERCIO PARTECIPAZIONE GRATUITA

Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE IN AGENTE E RAPPRESENTANTE DI COMMERCIO PARTECIPAZIONE GRATUITA Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE IN AGENTE E RAPPRESENTANTE DI COMMERCIO PARTECIPAZIONE GRATUITA Programma di Studio: MODULO 1 CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA LAVORATIVE Il concetto di lavoro autonomo

Dettagli

PIANO DIDATTICO CORSO R.E.C. ABILITANTE / SETTORE ALIMENTARE

PIANO DIDATTICO CORSO R.E.C. ABILITANTE / SETTORE ALIMENTARE PIANO DIDATTICO CORSO R.E.C. ABILITANTE / SETTORE ALIMENTARE LEGISLAZIONE SUL COMMERCIO DI VENDITA AL PUBBLICO 1) GENERALITA SUL COMMERCIO - Cosa vuol dire commercio - Chi è il commerciante - Le funzioni

Dettagli

CORSO: Relatore: Roberto Mainiero Modulo: Diritto Societario

CORSO: Relatore: Roberto Mainiero Modulo: Diritto Societario CORSO: INTERVENTO FORMATIVO PER L ACQUISIZIONE/POTENZIAMENTO DI CAPACITÀ IMPRENDITORIALI NECESSARIE ALL AVVIO, ALLO SVILUPPO E AL CONSOLIDAMENTO DI IMPRESA Approvato dalla Provincia di Roma con Determinazione

Dettagli

Fondo Futura Assemblea dei Presidenti - 26 Marzo 2014

Fondo Futura Assemblea dei Presidenti - 26 Marzo 2014 Fondo Futura Assemblea dei Presidenti - 26 Marzo 2014 Riduzione del carico fiscale fino al limite di 5.164,57 euro all anno; Alcuni esempi: Reddito annuo lordo: 15.000 euro Versamento annuo: 1.000 euro

Dettagli

TFR IN AZIENDA TFR NEL FONDO PENSIONE Quota annua di accantonamento

TFR IN AZIENDA TFR NEL FONDO PENSIONE Quota annua di accantonamento Quota annua di accantonamento 6,91% della retribuzione lorda, salvo diversa previsione della contrattazione collettiva 6,91% della retribuzione lorda, salvo diversa previsione della contrattazione collettiva

Dettagli

l agenzia 5 in f orma

l agenzia 5 in f orma l agenzia 5 in f orma 2004 GLI ADEMPIMENTI FISCALI PER L AVVIO DI UN ATTIVITÀ AGENZIA DELLE ENTRATE Ufficio Relazioni Esterne INDICE I. INTRODUZIONE 2 II. DITTA INDIVIDUALE O SOCIETÀ DI PERSONE? 3 Ditta

Dettagli

ATTIVITA AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO Aspetti del diritto del lavoro e contributi sociali

ATTIVITA AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO Aspetti del diritto del lavoro e contributi sociali 17 novembre 2010 ATTIVITA AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO Aspetti del diritto del lavoro e contributi sociali SOMMARIO A. Ruolo degli agenti e rappresentanti di commercio 1. Ruolo degli Agenti e Rappresentanti

Dettagli

LE GUIDE DELLA FABI TFR IN BUSTA PAGA

LE GUIDE DELLA FABI TFR IN BUSTA PAGA LE GUIDE DELLA FABI TFR IN BUSTA PAGA 1 Il Consiglio di Stato, nella seduta del 12 febbraio 2015, ha dato il via libera al Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri che regola le modalità con

Dettagli

COSTITUZIONE DI UNA NUOVA AZIENDA. Cap. II-6

COSTITUZIONE DI UNA NUOVA AZIENDA. Cap. II-6 International Association of Lions and Leo Clubs Distretto 108-Ia1 COSTITUZIONE DI UNA NUOVA AZIENDA Cap. II-6 Comitato Assise Italo Francesi Vademecum Giovani in cerca della 1 Occupazione Premessa L'economia

Dettagli

OGGETTO: Decreto legislativo 10.9.2003, n. 276, articoli 70 e 72 - Lavoro

OGGETTO: Decreto legislativo 10.9.2003, n. 276, articoli 70 e 72 - Lavoro Ufficio Legislativo Direzione centrale Entrate Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione centrale Bilanci e Servizi fiscali

Dettagli

- DIRITTO DEL LAVORO E LEGISLAZIONE SOCIALE

- DIRITTO DEL LAVORO E LEGISLAZIONE SOCIALE ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO ANNO 2005 LA TUTELA FISICA ED ECONOMICA DELLA MATERNITÀ NEL RAPPORTO DI LAVORO SUBORDINATO. IL CANDIDATO DOPO

Dettagli

Diritto Tributario. Anno 2012 Diritto del Lavoro

Diritto Tributario. Anno 2012 Diritto del Lavoro Anno 2012 Diritto del Lavoro - Premesso il concetto di assicurazione sociale, il candidato illustri i principali adempimenti del datore di lavoro nei confronti di I.N.P.S. ed I.N.A.I.L., sia all inizio

Dettagli

IN SCADENZA AL PRIMO DICEMBRE 2014 SECONDO ACCONTO IN MATERIA DI IMPOSTE E DI CONTRIBUTI IVS /GESTIONE SEPARATA

IN SCADENZA AL PRIMO DICEMBRE 2014 SECONDO ACCONTO IN MATERIA DI IMPOSTE E DI CONTRIBUTI IVS /GESTIONE SEPARATA a cura di Celeste Vivenzi IN SCADENZA AL PRIMO DICEMBRE 2014 SECONDO ACCONTO IN MATERIA DI IMPOSTE E DI CONTRIBUTI IVS /GESTIONE SEPARATA IL Premessa generale Entro il prossimo 01 Dicembre 2014 ( il 30

Dettagli

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI Economia aziendale è una disciplina che studia l azienda; è un insieme di persone e di beni con un organizzazione e uno scopo: SODDISFARE I BISOGNI. Le aziende si

Dettagli

LA LIBERA PROFESSIONE

LA LIBERA PROFESSIONE LA LIBERA PROFESSIONE PRINCIPI DELLE RILEVAZIONI CONTABILI La determinazione del reddito di professionisti ed artisti avviene in modo analitico. Nel regime analitico il reddito è costituito dalla differenza

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE GARA NAZIONALE PROGETTO MERCURIO - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 20 ) Operazioni relative

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

FISCO Gli sconti per la casa

FISCO Gli sconti per la casa Con le novità introdotte in Parlamento FISCO Gli sconti per la casa Per i proprietari: Ici, interessi sui mutui, ristrutturazioni ed efficienza energetica. Per gli inquilini: sconti Irpef Redistribuzione

Dettagli

LA NUOVA RIVALUTAZIONE DEI BENI E DELLE PARTECIPAZIONI DI IMPRESA 2014

LA NUOVA RIVALUTAZIONE DEI BENI E DELLE PARTECIPAZIONI DI IMPRESA 2014 A cura di Celeste Vivenzi LA NUOVA RIVALUTAZIONE DEI BENI E DELLE PARTECIPAZIONI DI IMPRESA 2014 La Legge di stabilità per il 2014 ( Legge n.147-2013) ripropone l'ennesima possibilità di rivalutare i seguenti

Dettagli

Snc e sas: la destinazione dell utile, la copertura della perdita e i finanziamenti

Snc e sas: la destinazione dell utile, la copertura della perdita e i finanziamenti Albez edutainment production Snc e sas: la destinazione dell utile, la copertura della perdita e i finanziamenti Classe IV ITC 1 In questo modulo: La destinazione dell utile d esercizio La copertura delle

Dettagli

LE TIPOLOGIE DI SOCIETA. Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it

LE TIPOLOGIE DI SOCIETA. Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it LE TIPOLOGIE DI SOCIETA Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it 1 IMPRESA E AZIENDA Impresa: attività economica professionalmente organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI ALL'IMPRESA ANNO 2013 : SCADENZA AL 30 OTTOBRE 2014

LA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI ALL'IMPRESA ANNO 2013 : SCADENZA AL 30 OTTOBRE 2014 LA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI ALL'IMPRESA ANNO 2013 : SCADENZA AL 30 OTTOBRE 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Entro il prossimo 30 Ottobre 2014 come

Dettagli

Decreto sulle semplificazioni fiscali.

Decreto sulle semplificazioni fiscali. Decreto sulle semplificazioni fiscali. Il Governo, il 20 giugno scorso, ha dato il via ad uno schema di decreto legislativo contenente disposizioni in materia di semplificazioni fiscali, in attuazione

Dettagli

IMPRESE DI PULIZIA. Normativa di riferimento: Legge 25 gennaio 1994 n. 82 e successive modifiche o integrazioni. Decreto 7 luglio 1997 n. 274.

IMPRESE DI PULIZIA. Normativa di riferimento: Legge 25 gennaio 1994 n. 82 e successive modifiche o integrazioni. Decreto 7 luglio 1997 n. 274. IMPRESE DI PULIZIA Normativa di riferimento: Legge 25 gennaio 1994 n. 82 e successive modifiche o integrazioni. Decreto 7 luglio 1997 n. 274. Le attività di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO

DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO Sezione seconda - Determinazione del contributo Determinazione del contributo DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO Per determinare il contributo dovuto per un determinato periodo d imposta l INPS deve fornire

Dettagli

Procedure Pagina 1 di 8 PROCEDURE AMMINISTRATIVE PER L AVVIO DI UNA IMPRESA INDIVIDUALE

Procedure Pagina 1 di 8 PROCEDURE AMMINISTRATIVE PER L AVVIO DI UNA IMPRESA INDIVIDUALE Procedure Pagina 1 di 8 PROCEDURE AMMINISTRATIVE PER L AVVIO DI UNA IMPRESA INDIVIDUALE Il codice civile (art. 2082) stabilisce che è imprenditore chi esercita professionalmente un attività economica organizzata

Dettagli

Conoscere. Previmoda. Da mettere a disposizione del lavoratore neo assunto.

Conoscere. Previmoda. Da mettere a disposizione del lavoratore neo assunto. Conoscere Previmoda Da mettere a disposizione del lavoratore neo assunto. Aderisci a Previmoda Aderire è semplice: compila il modulo di adesione e consegnalo all ufficio del personale dell azienda. Entro

Dettagli

Psicologo e libera professione

Psicologo e libera professione Psicologo e libera professione aspetti amministrativi, fiscali, previdenziali 04/12/08 a cura del dott. Andrea Tamanini Lavoro autonomo Definizione Modalità di svolgimento dell attività Adempimenti iniziali

Dettagli

Scadenza Tributo/Contributo Soggetti Descrizione 5 GIOVEDÌ

Scadenza Tributo/Contributo Soggetti Descrizione 5 GIOVEDÌ Scadenzario fiscale FEBBRAIO 2009 Scadenza Tributo/Contributo Soggetti Descrizione 5 GIOVEDÌ 6 VENERDÌ IMPOSTE DIRETTE E Soggetti con partita e cessioni intra-ue relative all anno precedente > 40.000,00

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE

TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO

Dettagli

Conoscere. Previmoda. Da mettere a disposizione del lavoratore neo assunto o non iscritto.

Conoscere. Previmoda. Da mettere a disposizione del lavoratore neo assunto o non iscritto. Conoscere Previmoda Da mettere a disposizione del lavoratore neo assunto o non iscritto. Aderisci a Previmoda Aderire è semplice: compila il modulo di adesione e consegnalo all ufficio del personale dell

Dettagli

LE COMPETENZE PROFESSIONALIZZANTI PER GLI INGEGNERI NEOLAUREATI. Trento, 9 maggio 2013

LE COMPETENZE PROFESSIONALIZZANTI PER GLI INGEGNERI NEOLAUREATI. Trento, 9 maggio 2013 LE COMPETENZE PROFESSIONALIZZANTI PER GLI INGEGNERI NEOLAUREATI Trento, 9 maggio 2013 Diego Uber dottore commercialista revisore legale dei conti «FORME ORGANIZZATIVE PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE:

Dettagli

Mb!sjgpsnb!efm!UGS! Forme Pensionistiche Complementari

Mb!sjgpsnb!efm!UGS! Forme Pensionistiche Complementari Mb!sjgpsnb!efm!UGS! Forme Pensionistiche Complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una prestazione pensionistica integrativa,

Dettagli

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione)

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione) La previdenza complementare La previdenza complementare ha lo scopo di pagare pensioni che si aggiungono a quelle del sistema obbligatorio, in modo da assicurare migliori condizioni di vita ai pensionati.

Dettagli

Novità software Unico 2015

Novità software Unico 2015 Novità software Unico 2015 Elenco argomenti : Trasferimento valori contabili Alcune precisazioni operative Gestioni IVS Gestione Cooperative Gestione ZFU Ricalcolo rate non stampate Gestione manuale quadro

Dettagli

L Ires e la tassazione dei redditi d impresa

L Ires e la tassazione dei redditi d impresa Lezione dodicesima L Ires e la tassazione dei redditi d impresa 1 TASSAZIONE REDDITI D IMPRESA PROFITTI = R C AM - IP Imprese individuali e società di persone Gli utili, a prescindere dalla loro distribuzione,

Dettagli

La politica dell entrata

La politica dell entrata La politica dell entrata Le entrate dello Stato si classificano in: 1.Entrate tributarie: rappresentano la parte più consistente delle entrate statali e sono costituite da: Imposte=sono prelievi obbligatori

Dettagli

FISCALITA PER IL GIOVANE MEDICO

FISCALITA PER IL GIOVANE MEDICO FISCALITA PER IL GIOVANE MEDICO INTRODUZIONE Il Medico o l Odontoiatra che intende esercitare la libera professione è tenuto ad osservare gli adempimenti fiscali previsti per legge: denuncia di inizio

Dettagli

Caretteristiche Presupposto Soggetti passivi Base Imponibile Periodo d imposta diretta personale reale

Caretteristiche Presupposto Soggetti passivi Base Imponibile Periodo d imposta diretta personale reale Caretteristiche L Irpef è l imposta sul reddito delle persone fisiche, è la principale imposta del sistema tributario italiano per numero di contribuenti e per gettito. Presupposto: possesso di un reddito

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER PRATICANTI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI ANNO 2014/2015

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER PRATICANTI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI ANNO 2014/2015 CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER PRATICANTI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI ANNO 2014/2015 1/8 A R E A D I R I T T O T R I B U T A R I O 1a parte (Ore 52,5) Il sistema tributario italiano

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI PER L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA

LE AGEVOLAZIONI PER L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA LE AGEVOLAZIONI PER L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA a cura di Luca De Marco Dottore commercialista Revisore contabile Milano, Via Podgora, 4 Saronno, Via Garibaldi, 19 PREMESSA Verranno di seguito illustrate

Dettagli

i fondi pensione: in che consistono, come utilizzarli

i fondi pensione: in che consistono, come utilizzarli LA GUIDA DEL CONTRIBUENTE è una pubblicazione del Ministero delle Finanze Segretariato generale Ufficio per l informazione del contribuente Per ulteriori informazioni: www.finanze.it La Guida è distribuita

Dettagli

Pur aumentando le aliquote contributive e l età pensionabile, la previdenza obbligatoria, tutta, avrà una enorme diminuzione dei rendimenti.

Pur aumentando le aliquote contributive e l età pensionabile, la previdenza obbligatoria, tutta, avrà una enorme diminuzione dei rendimenti. Pur aumentando le aliquote contributive e l età pensionabile, la previdenza obbligatoria, tutta, avrà una enorme diminuzione dei rendimenti. Per quanto necessari, anche i riscatti, in particolare per i

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

CREA IMPRESA - SOCIALE. Guida pratica. per la. creazione d impresa. in Italia

CREA IMPRESA - SOCIALE. Guida pratica. per la. creazione d impresa. in Italia CJ Révision du 06/10/06 CREA IMPRESA - SOCIALE Guida pratica per la creazione d impresa in Italia 1 Edizione Ottobre 2006 Crea Impresa sociale Italia Francia CJ Révision du 06/10/06 SOMMARIO A INIZIARE

Dettagli

LAVORO AUTONOMO IMPRENDITORIA

LAVORO AUTONOMO IMPRENDITORIA 2008 LAVORO AUTONOMO E IMPRENDITORIA INDICE LAVORO AUTONOMO pag. 1 Lavoro subordinato, autonomo, parasubordinato pag. 1 Lavoro a progetto (co.co.pro.) pag. 4 Collaborazioni coordinate e continuative occasionali

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015)

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015) Il presente documento integra il contenuto della Nota informativa per l adesione al fondo pensione aperto a contribuzione definita PENSPLAN

Dettagli

Legislazione societaria: tipi di società

Legislazione societaria: tipi di società Legislazione societaria: tipi di società La creazione di un'impresa in Bosnia-Erzegovina è disciplinata da: Legge sulle imprese della FBiH Legge sulle imprese della RS Legge sull acquisizione di società

Dettagli

SEMPLIFICATO. Anno 2010. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003

SEMPLIFICATO. Anno 2010. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 SEMPLIFICATO 0 Anno 00 Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. del D.Lgs. n. 9 del 00 Il D.Lgs. 0 giugno 00, n. 9, Codice in materia di protezione dei dati personali, prevede

Dettagli

1. Quale effetto produce la trascrizione del contratto preliminare avente ad oggetto la compravendita di un bene immobile?

1. Quale effetto produce la trascrizione del contratto preliminare avente ad oggetto la compravendita di un bene immobile? ESAME DI STATO - SECONDA PROVA SCRITTA - 12 LUGLIO 2005 1. Quale effetto produce la trascrizione del contratto preliminare avente ad oggetto la compravendita di un bene immobile? L esecuzione in forma

Dettagli

Corso di Economia Pubblica Lezione 2 - IRPEF

Corso di Economia Pubblica Lezione 2 - IRPEF (materiale gentilmente concesso dalla Prof.ssa Alessandra Casarico) Corso di Economia Pubblica Lezione 2 - IRPEF Prof. Paolo Buonanno paolo.buonanno@unibg.it Schema dell IRPEF T=t(Y-d)-f Reddito complessivo

Dettagli

LE DEDUZIONI IRAP PER IL 2012

LE DEDUZIONI IRAP PER IL 2012 INFORMATIVA N. 085 27 MARZO 2013 DICHIARAZIONI LE DEDUZIONI IRAP PER IL 2012 Art. 11, D.Lgs. n. 446/97 Art. 2, comma 2, DL n. 201/2011 Circolare Agenzia Entrate 19.11.2007, n. 61/E Risoluzioni Agenzia

Dettagli