AZIONI ESPLOSIVE SU TRAVI IN ACCIAIO BLAST LOADS ON STEEL BEAMS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AZIONI ESPLOSIVE SU TRAVI IN ACCIAIO BLAST LOADS ON STEEL BEAMS"

Transcript

1 AZIONI ESPLOSIVE SU TRAVI IN ACCIAIO BLAST LOADS ON STEEL BEAS Flavio Stochino, Università degli Stdi di Sassari, DADU, Alghero, Italia Università egli Stdi di Cagliari DICAAR, Cagliari, Italia Sergio Tattoni, Università egli Stdi di Cagliari DICAAR Cagliari, Italia ABSTRACT In this paper, the strctral responses of steel beams sbjected to air-blast loading are investigated. In order to assess the response of beams, two Single Degree of Freedom models are developed. In the first model (denoted as dnamic model ), the dnamic behavior of the beam is simlated b a simple spring-mass oscillator. The second model (named energ model ) is developed from the eqation of energ balance. In both formlations, the strain rate dependencies of the constittive properties of the beams are considered. In fact, these effects shold not be ignored in problems concerning blast and implsive loads, since the mechanical properties of steel strongl depend on the rate of deformation. In this paper, strain rate effects are considered in accordance with the espression provided b Cowper-Smonds strain rate model. Finall, in order to test the validit of the two approaches, the theoretical reslts prodced b the latter ones are compared with some experimental data fond in literatre. Both approaches ield reliable reslts, even thogh the are based on some approximations. Being also ver simple to implement, the ma serve as an sefl tool in practical applications. SOARIO In qesto articolo si analizza la risposta strttrale di travi in acciaio soggette al carico da e- splosione. Si sono svilppati de modelli ad n grado di libertà: il primo (chiamato modello dinamico ) simla il comportamento della trave mediante n sistema massa-molla, il secondo (chiamato modello energetico ) si basa sll eqazione di conservazione dell energia. In entrambe le formlazioni si tiene conto di come le caratteristiche meccaniche dell acciaio varino in fnzione della velocità di deformazione ( strain rate ). Infatti nel caso di carichi esplosiviimplsivi qesto aspetto diventa molto importante per rappresentare il fenomeno con na bona precisione. In qesto articolo gli effetti di strain rate sono stati espressi secondo il modello di Cowper-Smonds. Infine per verificare la correttezza dei risltati teorici si è prodotto n confronto con risltati sperimentali reperiti in letteratra. Entrambi gli approcci hanno prodotto risltati accettabili e consistenti nonostante che alla base dei modelli ci siano delle necessarie approssimazioni. Il vantaggio principale si concretizza nella semplicità di implementazione che rende i modelli molto tili anche nelle applicazioni progettali.

2 1 INTRODUZIONE Alcne strttre speciali debbono essere progettate per resistere alle azioni eccezionali (costrzioni militari o strategiche), ma il reqisito di robstezza è richiesto per ttti i fabbricati. Esplosioni ed rti rappresentano na parte delle possibili azioni eccezionali, caratterizzate da carichi implsivi applicati con grande velocità. In qeste sitazioni i materiali da costrzione sbiscono forti velocità di deformazione che provocano variazioni delle caratteristiche meccaniche spesso non trascrabili. Nelle applicazioni pratiche i singoli elementi qali travi e colonne possono essere schematizzati con modelli ad n grado di libertà (vedi [1]-[4]) in ci si calcolano rigidezza, massa ed eventalmente smorzamento eqivalenti alle caratteristiche reali della strttra. odelli alternativi si possono ottenere imponendo condizioni di bilancio energetico (vedi [4]-[6]), convenienti da n pnto di vista comptazionale, ma spesso non in grado di fornire i dettagli della risposta strttrale che si possono ottenere con modelli a più gradi libertà come mostrato in [3] e [4]. In qest articolo si analizza l effetto del carico da esplosione s alcne travi in acciaio mediante de modelli ad n grado di libertà: il primo (chiamato modello dinamico ) simla il comportamento della trave mediante n sistema massa-molla, il secondo (chiamato modello energetico ) si basa sll eqazione di conservazione dell energia. In entrambi i casi si propone na formlazione che tenga conto di come la velocità di deformazione modifichi le caratteristiche meccaniche dell acciaio e i risltati teorici vengono confrontati con dei risltati sperimentali reperiti in letteratra: [7] e [8]. ODELLO SEZIONALE Il modello sezionale presentato in qesto lavoro richiama qanto già esposto e discsso per le strttre in Calcestrzzo Armato in [3] e [4], ma in qesta sede esteso alle strttre in acciaio. Come nei precedenti lavori ([3] e [4]) i modelli strttrali assmono l ipotesi di Eler- Bernolli di conservazione delle sezioni piane, trascrando le deformazioni a taglio. Pertanto da qi in avanti ci si concentrerà sl comportamento flessionale di travi in acciaio..1 Leggi Costittive dei ateriali Per l acciaio si è assnto n legame sforzo-deformazione di tipo simmetrico idealmente elasto-plastico in ci f k ed s rappresentano rispettivamente la tensione e la deformazione al limite di snervamento (vedi Fig.1). Si considerano sezioni di classe I, vedi [9]. s f k E s - s s s -f k. Caratteristiche sezionali Fig. 1: Legame costittivo per l acciaio In qesto articolo lo stato limite elastico è considerato ragginto qando la fibra della sezione maggiormente deformata ragginge il valore limite s (vedi Fig. 1). Invece lo stato limite l-

3 timo di collasso corrisponde al raggingimento del momento plastico ltimo con la totale plasticizzazione della sezione [10] come mostrato in Fig.. b s f k s f k x a x h e (a) (b) (c) Fig. : Sezione tipo considerata per le analisi (a); stato deformativo e tensionale allo stato limite elastico (b), stato deformativo e tensionale allo stato limite ltimo di collasso (c). La condizione di eqilibrio alla traslazione orizzontale si esprime come: da 0. (1) A Pertanto, per la simmetria della legge costittiva assnta (vedi Fig. 1) qesta condizione (Eq. (1)) impone che l asse netro x rimanga a metà altezza della sezione h/: h x. () Il momento flettente corrispondente allo stato limite elastico si pò facilmente calcolare secondo la teoria classica di Navier: Sx f k, (3) in ci Sx rappresenta il momento statico rispetto all asse principale x-x (vedi Fig. ). Di segito il momento flettente corrispondente allo stato limite ltimo si pò calcolare secondo la teoria classica del calcolo plastico come: Z f, (4) in ci Z rappresenta il modlo plastico della sezione, la ci espressione si pò trovare per diversi casi in [10]. Rislta immediato determinare la crvatra allo stato limite di snervamento, che in riferimento alla Fig. rislta essere: s. (5) h / Nel caso di acciaio di adegata dttilità è possibile approssimare il valore della crvatra ltima in fnzione del valore della crvatra elastica assmendo che il lembo estremo della sezione ragginga na deformazione s pari a circa volte s (vedi [10], =13). Grazie a qest ipotesi si pò assmere che: k, (6) Nelle applicazioni pratiche, nel caso di travi soggette a sforzi flessionali, il legame momento crvatra viene salmente approssimato con n legame bilineare (vedi Fig. 3a). Anche se conveniente dal pnto di vista comptazionale, l approssimazione insita nella discontinità di tangente, nel passaggio dal campo elastico a qello plastico, lo rende na grossolana semplifi-

4 cazione rispetto ai risltati dei test sperimentali. Per qesto motivo in [3] e [4] gli atori hanno introdotto n legame espresso da na sola relazione per il campo elastico e per qello plastico rappresentato in Fig. 3b e nella segente: tanh. (7) A 1 A (a) Fig. 3: Relazione bilineare tra momento e crvatra (a), relazione tra momento e crvatra espressa dall Eq. (7). La precedente Eq. (7) ha mostrato di descrivere meglio della legge bilineare il comportamento sezionale in [3] e [4]. I parametri caratterizzanti e rappresentano rispettivamente la pendenza iniziale della crva:. (8) ed il valore del massimo momento flettente eqivalente. In particolare è determinato - gagliando le aree A 1 (Fig. 3a) ed A (Fig.3b) slla base di semplici considerazioni energetiche: A1 A ln cosh. (9) (b). odello per lo strain rate Le caratteristiche meccaniche dell acciaio sono sensibili alla velocità di deformazione (strainrate). Generalmente (vedi [3], [4], [11], [1]) all amentare dello strain-rate si osserva: n amento dello sforzo di snervamento f k ed n amento della deformazione ltima. Il modlo elastico di Yong rislta, al contrario, indipendente dalla velocità di deformazione. Un semplice modello che permette di tener conto di come variano le caratteristiche statiche in fnzione della velocità di deformazione è qello di Cowper-Smonds [13]: 1/ p fk, din fk 1, (10) D In ci f k, din e f k rappresentano rispettivamente la caratteristica dinamica e statica considerate (nel caso presente la tensione di snervamento dell acciaio), è la velocità di deformazione, D e p sono caratteristiche del materiale scelto. Nel caso di acciaio di adegata dttilità si assmono D=40.4 e p=5 come riportato in [7] e [14].

5 3 ODELLO STRUTTURALE Nei segenti paragrafi verranno presentati i de modelli strttrali ad n grado di libertà tilizzati dagli atori per rappresentare il comportamento di travi in acciaio sottoposte al carico da esplosione. Lo smorzamento non è considerato in qesto lavoro poiché lo spostamento massimo viene ottento drante il primo ciclo di oscillazione, inoltre, nel caso di carichi e- stremi (qali rti ed esplosioni) il collasso viene generalmente ragginto drante il tempo di applicazione del carico stesso (vedi [15]) che, di solito, rislta molto più piccolo del periodo fondamentale della trave. Assmendo che la carica esplosiva sia posta ad na sfficiente distanza dalla trave è possibile assmere na distribzione spaziale niforme del carico. Per qestioni di semplicità, da qesto momento in poi ci si riferirà esclsivamente al caso di trave in semplice appoggio soggetta ad n carico niformemente distribito. 3.1 odello dinamico q(t) P P P q l 8 P P l E,pl ve ve v(,t) E (t) l E (t) P E (t) P E,el 8 P q l l E,pl P 384 E,el 3 ve 5l 1 ve ve lp l 4 v l p Ep v E (t) (a) (b) Fig. 4: Trave e sistema SDOF eqivalente (a), caratteristiche dello SDOF eqivalente (b). v E Il comportamento dinamico della trave pò essere stdiato in primo logo con n semplice modello ad n grado di libertà (SDOF). In qesto caso l intera strttra è rappresentata da n sistema massa-molla come mostrato in Fig 4a. Il legame tra la relazione sezionale momenticrvatre e la relazione eqivalente forza-spostamenti (Fig 4b) è calcolato mediante eqazioni di eqilibrio e di eqivalenza energetica; si rimanda a [3]-[4] per na descrizione dettagliata del modello. Il comportamento non lineare della trave discende dall ipotesi che il collasso sia di tipo flessionale ed avvenga con formazione di cerniera plastica concentrata in mezzeria, l estensione di qest ltima è stata assnta pari a 0.35l (vedi [10]). In sintesi il comportamento dinamico dell oscillatore viene rappresentato da de eqazioni differenziali a coefficienti variabili accoppiate: na valida in campo elastico (Eq. (11)) ed na in campo plastico (Eq. (1)). d ve t E,el E,el t ve t PE t per 0 v E ve, (11) dt d ve t E,pl E,pl tve t E,el t E,pl t ( t) ve PE t per v E ve ve. (1) dt Nelle precedenti Eq. (11)-(1) si sono introdotti i valori delle masse eqivalenti: E,pl =0.66 per il campo plastico e E,el =0.78. Tali valori, desnti da [16], esprimono l eqivalenza energetica tra la trave reale e lo SDOF eqivalente e l gaglianza tra il massimo spostamento di v E 5 q l 5 P l v Ep v E v E

6 na sezione caratteristica della trave (sezione di mezzeria) e il massimo spostamento dell oscillatore elementare. Si rimarca come la presenza degli effetti di strain-rate (Eq. (10)) modifichi i coefficienti delle eqazioni (11) e (1) istante per istante, per qesto motivo la solzione è stata determinata per via nmerica con n integrazione alle differenze finite di tipo esplicito. 3. odello energetico Il principio di conservazione dell energia richiede che il lavoro dei carichi esterni agenti slla trave W sia pari alla somma dell energia cinetica e dell energia di deformazione U della trave in qalnqe istante: W( t) ( t) U( t). (13) In riferimento al caso di trave il ci modello sezionale sia espresso dalla Eq. (7), semplicemente appoggiata sottoposta ad n carico distribito niformemente q, l Eq. (13) si specializza nella segente: l t l l ( x, t) v( x, t) 1 v( x, t) ( t) q( t) dt dx dx ( t) tanh ( x, t) d dx t t 0 0 0, (14) 0 0 ( t) in ci rappresenta la massa distribita per l nità di lnghezza della trave in qestione. Nel caso analizzato è possibile approssimare la deformata della trave con na semplice distribzione sinsoidale: v( x, t) v0( t) sin x, (15) l in ci v 0 rappresenta lo spostamento in mezzeria. Introdcendo l Eq. (15) nella (14) si ottiene n eqazione integro-differenziale nell nica incognita v 0 : v t x v t x t t x q( t) sin dt dx sin dx ln cosh v ( t)sin dx t l t l l l l t l l 0( ) 1 0( ) ( ) ( ) ( t) ( t). (16) Anche nella Eq. (16) si è tento conto di come la velocità di deformazione modifichi le caratteristiche meccaniche dell acciaio. Per qesto motivo i parametri sezionali e sono variabili nel tempo. La solzione della Eq. (16) è stata trovata mediante na procedra iterativa basata slla discretizzazione alle differenze finite descritta nel dettaglio in [4]. 4 APPLICAZIONI 4.1 Test sperimentali In qesto articolo il lavoro sperimentale di Nassr et alt. [7], [8] è stato considerato come termine di paragone per i modelli presentati nei precedenti paragrafi. Nei test sperimentali le travi in acciaio denominate W150x4 (le ci caratteristiche statiche e sezionali sono riportate in Tabella 1, con riferimento alla Fig. ) sono state sottoposte al carico da esplosione provocato da diverse qantità di esplosivo posizionate a diverse distanze in ambiente aperto. Prtroppo non è stato possibile ottenere le misrazioni sperimentali delle pressioni rilevate. Infatti nei già citati [7] e [8] non sono presenti le time-histor delle pressioni, ma solo i picchi di carico, le drate della fase positiva e l implso. In prima approssimazione gli atori hanno assnto na distribzione nel tempo triangolare del carico di tipo triangolare con i picchi e le

7 drate della fase positiva pari alla media delle rilevazioni sperimentali riportate nei già citati lavori di Nassr. I valori assnti sono stati esplicitati nella Tabella. Tabella 1: Caratteristiche della trave W150x4 Tabella : Caratteristiche Carico 67 knm h 150 mm Shot 1 7 knm b 10 mm P AX 307 kpa a 7mm t d 7. ms s 4. Risltati Lce 413 mm e 10 mm Shot 3 4 kg/m A s 3060 mm P AX 1560 kpa t d 6. ms Fig. 5: Spostamenti in mezzeria della trave W150x4 nel test denominato SHOT1 (a) e SHOT 3 (b). In Fig. 5a sono riportati i risltati delle simlazioni effettate con i de modelli strttrali a confronto con le rilevazioni sperimentali per qanto rigarda la time-histor dello spostamento in mezzeria nel test denominato SHOT 1. La linea pnteggiata rappresenta la misra sperimentale, mentre qella tratteggiata il risltato del modello dinamico (SDOF) e in linea contina qello del modello energetico. Entrambi i modelli forniscono na misra molto precisa di qale sia il massimo spostamento della trave: 7.0 mm sperimentali, 7.0 mm SDOF ed energetico. Prtroppo l andamento nel tempo dello spostamento è meno preciso, ma probabilmente le approssimazioni dovte alla rozza scelta del modello triangolare che descrive l andamento del carico nel tempo sono molto inflenti nel risltato finale. In Fig. 5b sono mostrati i risltati relativi al test denominato SHOT 3 in ci il carico agente slla trave è decisamente più intenso. Lo spostamento massimo rilevato sperimentalmente è stato di 33. mm, mentre il modello SDOF fornisce 35. mm esattamente come il modello energetico. In qesto caso si sono rilevate lievi differenze nelle time-histor tra i de modelli e qella del modello energetico si avvicina maggiormente al risltato sperimentale. 5 CONCLUSIONI (a) In qesto articolo si sono presentati de modelli non lineari ad n grado di libertà, in ci si è tento conto degli effetti di strain-rate, per la valtazione della risposta di travi in acciaio al carico da esplosione. La validazione dei modelli è avventa tramite il confronto con dati spe- (b)

8 rimentali reperiti in letteratra. In entrambi i casi analizzati si è ottenta n ottima stima del valore del massimo spostamento, minore precisione si è riscontrata nel descrivere l andamento nel tempo dello stesso, ma probabilmente qesta è dovta alla rozza approssimazione del modello triangolare del carico. Svilppi ftri del lavoro sono attesi per qanto rigarda altre condizioni di vincolo e di carico. BIBLIOGRAFIA [1] Fischer., Häring I., SDOF response model parameters from dnamic blast loading experiments, Engineering Strctres. 31, , 009 [] Yang G., Lok T.-S., Analsis of RC strctres sbjected to air-blast loading acconting for strain rate effect of steel reinforcement, Int. J. Impact Eng. 34, , 007 [3] Carta G., Stochino F., Theoretical models to predict the flexral failre of reinforced concrete beams nder blast loads, Engineering Strctres, 49, , 013 [4] Stochino F., Flexral odels of Reinforced Concrete Beams nder Blast Load, PhD Thesis, Universit of Cagliari, 013. [5] Foo C.C., Seah L.., Chai G.B., A modified energ-balance model to predict lowvelocit impact response for sandwich composites, Comp. Strct., 93, , 011 [6] Crpi V., Epasto G., Gglielmino E., Collapse modes in alminim honecomb sandwich panels nder bending and impact loading, Int. J. Impact Eng., 43, 6-15, 01 [7] Nassr A.A., Razaqpr A. G., Tait. J., Campidelli., Foo S., Single and mlti degee of freedom analsis of steel beams nder blast loading, Nclear Engineering and Design, 4, 63-77, 01 [8] Nassr A.A., Razaqpr A. G., Tait. J., Campidelli., Foo S., Experimental Performance of Steel Beams nder Blast Loading, Jornal of Constrcted Facilities, 6 (5), , 01 [9] D 14 gennaio 008, Norme Tecniche per le Costrzioni, Gazzetta Ufficiale n. 9 del 4 febbraio 008 [10] assonet CH., Save., Calcolo plastico a rottra delle costrzioni, aggioli Editore, Sant arcangelo di Romagna (RN), Italia 007 [11] De matteis G., Cadoni E., Asprone D., Analsis of Behavior of Constrction Under Impact and Explosions: Approaches for strctral Analsis, from aterial odeling to Strctral Response, Final Report of Urban Habitat Constrctions nder Catastrophic Events, edited b azzolani, Talor & Francis Grop, London, 010 [1] Tattoni S, Stochino F., Azioni esplosive slle strttre in c.a., 19 Congresso CTE, Bologna 11/8-10, , 01 [13] Cowper, G.R., Smonds, P.S., Strain hardening and strain-rate effects in the impact loading of cantilever beams, Brown Universit Div. of App. ath. Report no. 8, 1957 [14] Stoffer D.C., Dame L.T., Inelastic Deformations of etals, John Wile & Sons, inc, New York, USA, 1996 [15] Riedel W., Fischer., ranzer C., Erskine J., Cleave R., Hadden D., Romani., odeling and validation of wall-window retrofit sstem nder blast loading, Engineering. Strctres, 37, 35-45, 01 [16] Biggs J.., Introdction to strctral dnamics, cgraw-hill, N.Y, 1964 PAROLE CHIAVE Esplosioni, Blast Load, Flexral odels, Travi in acciaio, SDOF, Energ odel, Strain rate.

Teoria normativa della politica economica

Teoria normativa della politica economica Teoria normativa della politica economica La teoria normativa si occpa di indicare il metodo e, di consegenza, le scelte che n atorità pbblica (policy maker) razionale dovrebbe assmere per persegire il

Dettagli

Capitolo 2 ELEMENTI BASE DI INGEGNERIA SISMICA

Capitolo 2 ELEMENTI BASE DI INGEGNERIA SISMICA Capitolo ELEMENTI BASE DI INGEGNERIA SISMICA 1. Premessa La crescita di importanza della dinamica delle strttre rislta evidente a chinqe abbia segito l evolzione delle problematiche connesse alla progettazione

Dettagli

I. Generalità, definizioni, classificazioni. MACCHINA A FLUIDO

I. Generalità, definizioni, classificazioni. MACCHINA A FLUIDO I. eneralità, definizioni, classificazioni. I.1 Definizioni rigardanti: macchine motrici ed operatrici e loro classificazione. Una macchina è n insieme di organi fissi e mobili, vincolati tra loro cinematicamente,

Dettagli

Esercizi di Matematica Finanziaria

Esercizi di Matematica Finanziaria Università degli Stdi di Siena Facoltà di Economia Esercizi di Matematica Finanziaria relativi ai capitoli XI-XIII del testo Cladio Pacati a.a. 998 99 c Cladio Pacati ttti i diritti riservati. Il presente

Dettagli

Struttura elettronica delle molecole. Teoria quantistica del legame chimico

Struttura elettronica delle molecole. Teoria quantistica del legame chimico Strttra elettronica delle molecole. Teoria qantistica del legame chimico Lo ione idrogeno molecolare H 2 + Eq. Schroedinger singolo elettrone La fnzione d onda φ b soddisfa na eqazione analoga. Gli atovalori

Dettagli

INTRODUZIONE: IL CONTESTO DEI SISTEMI

INTRODUZIONE: IL CONTESTO DEI SISTEMI INTRODUZIONE: IL CONTESTO DEI SISTEMI Il mondo reale è per sa natra complesso e le organizzazioni mane lo sono in modo particolare. Per potere comprendere e gestire la realtà è indispensabile svilppare

Dettagli

L ENERGIA EOLICA CAPITOLO 2

L ENERGIA EOLICA CAPITOLO 2 CAPITOLO L ENERGIA EOLICA Come noto, l tilizzo dell energia eolica nella sa forma attale rappresenta il perfezionamento di na tecnologia di prodzione energetica già impiegata dall omo nel corso di molti

Dettagli

L attenzione verso le cose del passato è sempre più

L attenzione verso le cose del passato è sempre più La gestione della geometria tridimensionale di n oggetto È fondamentale per ogni simlazione nmerica Antonio Giogoli Agiotech Le capacità odierne dell ingegneria inversa aprono novi confini all analista

Dettagli

AMPLIFICATORI PER GRANDI SEGNALI (o DI POTENZA)

AMPLIFICATORI PER GRANDI SEGNALI (o DI POTENZA) OLO 6 MLFO E GND SEGNL (o D OENZ) 6. ntrodzione Finora si è parlato di amplificatori lineari che, se pr progettati a diverse freqenze, erano comnqe amplificatori a piccoli segnali. Lo stdio dell'elaborazione

Dettagli

Figura 6.2.1: Andamento della solubilità in funzione della temperatura

Figura 6.2.1: Andamento della solubilità in funzione della temperatura 6.2 CRISTALLIZZAZIONE DA SOLUZIONE La cristallizzazione è l'operazione attraverso ci si ottiene na fase solida cristallina a partire da na fase liqida, costitita da na solzione o da n fso. Qesta operazione

Dettagli

elettronico. Questo risulta particolarmente semplice nel caso in questione dato che c è un solo elettrone.

elettronico. Questo risulta particolarmente semplice nel caso in questione dato che c è un solo elettrone. 68 3. 6 MOLECOLA IONE IDOGENO + La molecola dello ione idroeno molecolare, +, è la più semplice fra le molecole. Essa è infatti composta da nclei di idroeno ( protoni) ed n solo elettrone. Anche nello

Dettagli

IL SISTEMA FIACCOLA: LA PROGETTAZIONE DI DETTAGLIO

IL SISTEMA FIACCOLA: LA PROGETTAZIONE DI DETTAGLIO IL SISTEMA FIACCOLA: LA PROGETTAZIONE DI DETTAGLIO Ing. Roberto Marelli B&C Engineering and Constrction srl. Sommario I sistemi di fiaccola o torcia, al servizio di raffinerie, impianti LNG ed impianti

Dettagli

Procedure di calcolo implicite ed esplicite

Procedure di calcolo implicite ed esplicite Procedure di calcolo implicite ed esplicite Il problema della modellazione dell impatto tra corpi solidi a medie e alte velocità. La simulazione dell impatto tra corpi solidi in caso di urti a media velocità,

Dettagli

bintec RV Robusti router LTE per applicazioni a banda larga sui veicoli

bintec RV Robusti router LTE per applicazioni a banda larga sui veicoli bintec RV Robsti roter LTE per applicazioni a banda larga si veicoli Networking mobile per veicoli di ttti i tipi La connessione permanente ad Internet è diventata oggi na ovvietà. Sia nel privato, che

Dettagli

Problemi sul parallelogramma con le incognite

Problemi sul parallelogramma con le incognite Problemi sl parallelogramma con le incognite Qante altezze ha n parallelogramma Il concetto di altezza rimanda direttamente a qello della distanza di in pnto da na retta La distanza di n pnto da na retta

Dettagli

Appunti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche. Cap.9. Principi di funzionamento delle macchine a fluido

Appunti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche. Cap.9. Principi di funzionamento delle macchine a fluido Appnti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche Cap.9. Principi di fnzionamento delle macchine a flido Paolo Di Marco Versione 006.0 8.05.07. La presente dispensa è redatta ad esclsivo so didattico

Dettagli

Campi elettromagnetici

Campi elettromagnetici IQUADERNIDI Campi elettromagnetici in ambiente di lavoro A cra di Marina Barbiroli Doriana Gidcci e Simona Valbonesi Il contesto normativo in materia di protezione dei lavoratori dall esposizione ai campi

Dettagli

NUMERO in SECONDA, addizioni e sottrazioni

NUMERO in SECONDA, addizioni e sottrazioni NUMERO in SECONDA, addizioni e sottrazioni Anna Dallai, Monica Falleri, Antonio Moro, 2013 Decina e abaco a scatole Se nel precedente anno non è stato introdotta la decina lavoriamo si raggrppamenti, diamo

Dettagli

Controlli automatici

Controlli automatici Controlli atomatici Sistemi a tempo discreto Prof. Paolo Rocco (paolo.rocco@polimi.it) Politecnico di Milano Dipartimento di Elettronica, Informaione e Bioingegneria Introdione Un sistema dinamico a tempo

Dettagli

ALCUNE NOTE SULLA MODELLAZIONE FEM DELLE PLATEE DI FONDAZIONE IN C.A.

ALCUNE NOTE SULLA MODELLAZIONE FEM DELLE PLATEE DI FONDAZIONE IN C.A. Paolo Varagnolo Giorgio Pilloni ALCUNE NOTE SULLA MODELLAZIONE FEM DELLE PLATEE DI FONDAZIONE IN C.A. Ingegneri liberi professionisti Padova luglio 2010 ------------------------- Nella progettazione esecutiva

Dettagli

Qualità e Internet mobile

Qualità e Internet mobile IQUADERNIDI Qalità e Internet Le verità nascoste? 2 A cra di Gido Riva L accesso ad Internet in mobilità ha sbìto negli ltimi mesi n esplosione raggardevole; se escldiamo i primi tempi della loro diffsione,

Dettagli

FCS-320-TP rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320-TP rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di rivelazione incendio FCS-320-TP rivelatori di fmo ad aspirazione convenzionali FCS-320-TP rivelatori di fmo ad aspirazione convenzionali www.boschsecrity.it Collegabili a centrali di rivelazione

Dettagli

FAS 420 rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS 420 rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di rivelazione incendio FAS 420 rivelatori di fmo ad aspirazione FAS 420 rivelatori di fmo ad aspirazione www.boschsecrity.it Collegabili alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200

Dettagli

M A C C H I N E A F L U I D O

M A C C H I N E A F L U I D O 1 M A C C I N E A F L U I D O MACCINA: è n sistea di organi fissi e obili vincolati gli ni agli altri da legai definiti cineaticaente e disposti in odo tale da copiere, ovendosi sotto l azione di forze

Dettagli

ANALISI STRUTTURALE DELLA TRAVE PORTA-PARANCO IN ACCIAIO (sala C LNGS - INFN)

ANALISI STRUTTURALE DELLA TRAVE PORTA-PARANCO IN ACCIAIO (sala C LNGS - INFN) ANALISI STRUTTURALE DELLA TRAE PORTA-PARANCO IN ACCIAIO (sala C LNGS - INFN) SALA C SALA A SALA B Ing. FRANCESCO POTENZA Ing. UBERTO DI SABATINO 1 1. PREESSA La presente relazione illustra i risultati

Dettagli

Appunti di sviluppo di una procedura software per l analisi di Pushover

Appunti di sviluppo di una procedura software per l analisi di Pushover Appunti di sviluppo di una procedura software per l analisi di Pushover Namirial SpA Il presente testo non vuole essere né una trattazione teorica, né un lezione sul tema della valutazione di vulnerabilità

Dettagli

Università degli studi di Cagliari. Corso di aggiornamento. Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ

Università degli studi di Cagliari. Corso di aggiornamento. Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ Università degli studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Strutturale Corso di aggiornamento Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ RELATORE: Ing. Igino MURA imura@unica.it 25-26 Giugno 2010 - Instabilità:

Dettagli

Formule per la verifica ed il progetto del rinforzo in FRP di pilastri rettangolari soggetti a pressoflessione deviata

Formule per la verifica ed il progetto del rinforzo in FRP di pilastri rettangolari soggetti a pressoflessione deviata Formule per la verifica ed il progetto del rinforzo in FRP di pilastri rettangolari soggetti a pressoflessione deviata Giorgio Monti, Silvia Alessandri Università di Roma La Sapienza Contenuti Approccio

Dettagli

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it Informazioni legali L istitto Speriore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le persone che agiscono per conto dell Istitto non sono responsabili per l so che pò essere fatto delle informazioni

Dettagli

Dialog 4106 Basic/Dialog 4147 Medium. Manuale d'uso. Telefoni analogici per il sistema di comunicazione MD110

Dialog 4106 Basic/Dialog 4147 Medium. Manuale d'uso. Telefoni analogici per il sistema di comunicazione MD110 Dialog 4106 Basic/Dialog 4147 Medim Telefoni analogici per il sistema di comnicazione MD110 Manale d'so Cover Page Graphic (Grafica di copertina) Place the graphic directly on the page, do not care abot

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ECONOMICO-GESTIONALE Dottorato di Ricerca in Ingegneria Economico-Gestionale XVIII Ciclo TESI DI DOTTORATO

Dettagli

4. Analisi dei segnali periodici e serie di Fourier

4. Analisi dei segnali periodici e serie di Fourier 4. Analisi dei segnali periodici e serie di Forier Joseph Forier 1768-183 1 Nel so lavoro fondamentale del 187 Théorie analytiqe de la chaler, Jean Baptiste Joseph 1 La vita di Forier, oltre ad essere

Dettagli

MultiMath. Matematica finanziaria CONTENUTI INTEGRATIVI ZONA MATEMATICA

MultiMath. Matematica finanziaria CONTENUTI INTEGRATIVI ZONA MATEMATICA Paolo Baroncini Roberto Manfredi MltiMath Matematica finanziaria LIBRO MISTO E-BOOK CONTENUTI INTEGRATIVI ZONA MATEMATICA MltiMath Matematica finanziaria Ambiente edcativo Digitale Libro digitale sfogliabile

Dettagli

Sistemi Interconnessi

Sistemi Interconnessi Corso di Fondamenti di Atomatica Università di Roma La Sapienza Sistemi Interconnessi L. Lanari Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Roma, Ital Ultima modifica Ma 29,

Dettagli

Figura 1: Azioni generalizzate sul concio infinitesimo di piastra. dx dy = 0 (1)

Figura 1: Azioni generalizzate sul concio infinitesimo di piastra. dx dy = 0 (1) Equazione risolvente delle piastre sottili Al fine di determinare l equazione della superficie elastica, cioè l unica incognita del problema, dato che tutte le altre grandezze sono scritte in funzione

Dettagli

Valutazione della sicurezza, classificazione sezioni e metodi di analisi

Valutazione della sicurezza, classificazione sezioni e metodi di analisi La Progettazione delle Strutture tt di Acciaio i e in Acciaio-Calcestruzzo secondo il D.M. 14.01.08 Siena, 19 Maggio 2010 Valutazione della sicurezza, classificazione sezioni e metodi di analisi Paolo

Dettagli

La garanzia del miglior prezzo

La garanzia del miglior prezzo white paper settembre.2015 La garanzia del miglior prezzo Come arginare la crescita della pressione promozionale nel grocery e contrastare lo show rooming nell elettronica di consmo - Gianpiero Lgli -

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

A VVISI E DICHIARAZIONI DI LEGGE

A VVISI E DICHIARAZIONI DI LEGGE A VVISI E DICHIARAZIONI DI LEGGE Copyright 2002 by ScanSoft, Inc. Ttti i diritti riservati. Nessna parte di qesta pbblicazione pò essere trasmessa, trascritta, riprodotta, memorizzata in alcn sistema compterizzato

Dettagli

Technical Advisory Italy -

Technical Advisory Italy - Innovative Earthquake Resistant Design The "InERD" Project Technical Advisory Italy - ArcelorMittal Commercial Long Italia Dott. Ing. Mauro SOMMAVILLA mauro.sommavilla@arcelormittal.com PRF208 INERDSOFT

Dettagli

TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL

TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL 1 2 TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL Confronto dei risultati tra il software VEM NL el il metodo SAM proposto dall Unità di Ricerca dell Università di Pavia. Stacec s.r.l. Software e servizi per

Dettagli

PANDORA: IQUADERNIDI. l ICT per il Crisis Management

PANDORA: IQUADERNIDI. l ICT per il Crisis Management IQUADERNIDI PANDORA: l ICT per il Crisis Management A cra di Michele Cornacchia, Chiara Rossetti Il Crisis Management è n approccio sistematico adottato nelle sitazioni di emergenza, essenzialmente per

Dettagli

Anatomia del neutrone

Anatomia del neutrone Timothy Pal Smith è assistant research professor di fisica al Dartmoth College di Hanover, negli Stati Uniti. Ha diretto lo svilppo dei programmi informatici per BLAST, esperimento in ci è ancora coinvolto

Dettagli

Hepatex CR. Il punto di riferimento nella filtrazione ULPA

Hepatex CR. Il punto di riferimento nella filtrazione ULPA Hepatex CR Il pnto di riferimento nella filtrazione ULPA Hepatex CR Il pnto di riferimento nella filtrazione ULPA Applicazioni Clean Air Power Generation Clean Room Indstrial Fatti Principali Gli Ultrafiltri

Dettagli

Algoritmi di visita di un grafo

Algoritmi di visita di un grafo Algoritmi di isita di n grafo Ilaria Castelli castelli@dii.nisi.it Uniersità degli Stdi di Siena Dipartimento di Ingegneria dell Informazione A.A. 2009/2010 I. Castelli Visita di n grafo, A.A. 2009/2010

Dettagli

Effetti del sisma sulle strutture da ponte: Analisi del danneggiamento osservato

Effetti del sisma sulle strutture da ponte: Analisi del danneggiamento osservato Bibliografia: M.J.N. Priestley, F. Seible and G.M. Calvi «Seismic Design and Retrofit of Bridges» Jhon Whiley & Sons, Inc. New York - 1996 M.J.N. Priestley, F. Seible and Y.H. Chai «Design Guidelines for

Dettagli

LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA

LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA L acciaio da carpenteria è una lega Fe-C a basso tenore di carbonio, dall 1 al 3 per mille circa. Gli acciai da costruzione

Dettagli

La modellazione delle strutture

La modellazione delle strutture La modellazione delle strutture 1 Programma 31-1-2012 Introduzione e brevi richiami al metodo degli elementi finiti 7-2-2012 La modellazione della geometria 14-2-2012 21-2-2012 28-2-2012 6-3-2012 13-32012

Dettagli

TRAVI SU SUOLO ALLA WINKLER, INTERAZIONE TERRENO-FONDAZIONE

TRAVI SU SUOLO ALLA WINKLER, INTERAZIONE TERRENO-FONDAZIONE Università degli Studi di Palermo Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica TRAVI SU SUOO AA WINKER, INTERAZIONE TERRENO-FONDAZIONE Prof.. Cavaleri Ing. F. Di Trapani TRAVI

Dettagli

Lezioni su Boiler and Pressure Vessel. Modifications required

Lezioni su Boiler and Pressure Vessel. Modifications required DESIGN BY ANALYSIS/4 (ASME VIII Div. 2) TIPI DI VERIFICHE RICHIESTE a) Protection Against Plastic Collapse a) Elastic Stress Analysis Method b) Limit Load Method c) Elastic Plastic Stress Analysis Method

Dettagli

LSN RF sistema di rivelazione incendio

LSN RF sistema di rivelazione incendio 17 19 18 34 3 50 49 21 20 36 35 52 51 23 2 38 37 54 53 24 10 26 25 40 39 5 57 56 13 12 28 27 42 41 59 58 15 14 30 29 4 43 61 60 16 32 31 46 45 63 62 48 47 64 Sistemi di rivelazione incendio LSN RF sistema

Dettagli

Analisi limite di un telaio

Analisi limite di un telaio Analisi limite di un telaio Si consideri il portale sotto, tre volte iperstatico, dotato di un momento limite superiore ed inferiore costante e pari a M0 Si assuma inoltre che lo sforzo normale (ed il

Dettagli

Combinazione dei carichi

Combinazione dei carichi Combinazione dei carichi Un passo fondamentale del progetto di un opera civile è sicuramente l analisi delle forze agenti su essa che sono necessarie per l individuazione delle corrette sollecitazioni

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa cui viene fatto riferimento nelle fasi di calcolo e progettazione è la seguente:

NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa cui viene fatto riferimento nelle fasi di calcolo e progettazione è la seguente: Sono illustrati con la presente i risultati dei calcoli che riguardano il progetto della scala in c.a da realizzarsi nel rifugio Cima Bossola in località Marciana NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa

Dettagli

Progetto DSA Matematica

Progetto DSA Matematica Classe a Progetto DSA Matematica Come le insegnanti ben sanno, all interno della classe ogni bambino ha le se caratteristiche pecliari, i soi tempi e le se molità di apprendimento. Appare qindi necessario

Dettagli

Statica per l edilizia storica

Statica per l edilizia storica Statica per l edilizia storica Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Magistrale in Architettura A.A. 2013-2014 Prof. ing. Antonio Cazzani, Dr. ing. Flavio Stochino antonio.cazzani@unica.it

Dettagli

Impaginato_2_2_Layout 1 01/10/12 08:45 Pagina 1 IL MITO E LA SUA IMMAGINE DI META TURISTICA NEL MONDO

Impaginato_2_2_Layout 1 01/10/12 08:45 Pagina 1 IL MITO E LA SUA IMMAGINE DI META TURISTICA NEL MONDO Impaginato_2_2_Layot 1 01//12 08:45 Pagina 1 IL MITO E LA SUA IMMAGINE DI META TURISTICA NEL MONDO Il fatto che la Sicilia sia na regione che gode di n forte appeal tristico è n fatto ben conoscito tra

Dettagli

Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana

Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana Strada Statale Valsesia, 20-13035 Lenta (VC), Tel. (+39) 331 2696084 segreteria@ingegneriasismicaitaliana.it www.ingegneriasismicaitaliana.it Connessioni dissipative

Dettagli

Impaginato_2_2_Layout 1 01/10/12 08:45 Pagina 1 IL MITO E LA SUA IMMAGINE DI META TURISTICA NEL MONDO

Impaginato_2_2_Layout 1 01/10/12 08:45 Pagina 1 IL MITO E LA SUA IMMAGINE DI META TURISTICA NEL MONDO Impaginato_2_2_Layot 1 01//12 08:45 Pagina 1 IL MITO E LA SUA IMMAGINE DI META TURISTICA NEL MONDO Impaginato_2_2_Layot 1 01//12 08:45 Pagina 2 Nell ambito della programmazione PO FESR 07-13, qesto Dipartimento

Dettagli

Optima CG / Optivent CG. Soluzioni innovative a flusso laminare per sale operatorie

Optima CG / Optivent CG. Soluzioni innovative a flusso laminare per sale operatorie Optima CG / Optivent CG Solzioni innovative a flsso laminare per sale operatorie Optima CG / Optivent CG Solzioni innovative a flsso laminare per sale operatorie Applicazioni Clean Air Power Generation

Dettagli

Lezione. Tecnica delle Costruzioni

Lezione. Tecnica delle Costruzioni Lezione Tecnica delle Costruzioni 1 Flessione composta tensoflessione Risposta della sezione Campo elastico σ + A I Risposta della sezione Al limite elastico el, Per calcolare el, : σ A + el, I f f + el,

Dettagli

LEZIONE 7. PROGETTO DI STRUTTURE IN LEGNO Parte II. Criteri di verifica. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A.

LEZIONE 7. PROGETTO DI STRUTTURE IN LEGNO Parte II. Criteri di verifica. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. Corso i TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. 2007-2008 Facoltà i Architettura Università egli Stui i Genova LEZIONE 7 PROGETTO DI STRUTTURE IN LEGNO Parte II. Criteri i verifica NORMATIVA DI

Dettagli

Analisi pushover per edifici in muratura (parametri che ne influenzano i risultati)

Analisi pushover per edifici in muratura (parametri che ne influenzano i risultati) MICHELE VINCI Analisi pushover per edifici in muratura (parametri che ne influenzano i risultati) Articolo 3 Marzo 2014 Collana Calcolo di edifici in muratura (www.edificiinmuratura.it) Software utilizzato:

Dettagli

4. Edificio multipiano a telaio in acciaio : DIMENSIONAMENTO TRAVI, PILASTRI, CONTROVENTI ORIZZONTALI E VERTICALI.

4. Edificio multipiano a telaio in acciaio : DIMENSIONAMENTO TRAVI, PILASTRI, CONTROVENTI ORIZZONTALI E VERTICALI. 4. Edificio multipiano a telaio in acciaio : DIMENSIONAMENTO TRAVI, PILASTRI, CONTROVENTI ORIZZONTALI E VERTICALI. La tipologia è descritta in figura (pianta piano tipo). In figura sono anche evidenziati

Dettagli

PROVE SUL NODO CON PROTOTIPI DI TRAVE MISTA PAN. PRODOTTI DALLA DITTA TECNOPAN ENGINEERING S.r.l.

PROVE SUL NODO CON PROTOTIPI DI TRAVE MISTA PAN. PRODOTTI DALLA DITTA TECNOPAN ENGINEERING S.r.l. Università degli Studi di Catania LABORATORIO UFFICIALE PROVE MATERIALI PROVE SUL NODO CON PROTOTIPI DI TRAVE MISTA PAN PRODOTTI DALLA DITTA TECNOPAN ENGINEERING S.r.l. RELAZIONE DELLO STUDIO TECNICO DELLA

Dettagli

PER UNA CENA TRA AMICI NON RISPARMIO ENERGIE. LO FA GIà LA MIA LAVASTOVIGLIE DA RECORD.

PER UNA CENA TRA AMICI NON RISPARMIO ENERGIE. LO FA GIà LA MIA LAVASTOVIGLIE DA RECORD. 142 PER UNA CENA TRA AMICI NON RISPARMIO ENERGIE. LO FA GIà LA MIA LAVASTOVIGLIE DA RECORD. 143 UN IDEA SEMPLICE ED EFFICACE, HO SCOPERTO ENERGIC SPEED WATER. ECOLOGICO CON Neff. Tecnologia sostenibile

Dettagli

Pompe peristaltiche industriali

Pompe peristaltiche industriali Pompe peristaltiche indstriali Manale operativo Dra 5, 7, 10, 15, 25, 35 Versione 5.1v-02/2015 Stampa n. 01 Versione 5.1v-02/2015 Stampa n. 01 Dra 5, 7, 10, 15, 25, 35 Le informazioni contente in qesto

Dettagli

ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI IN GEOTECNICA: UN PRIMO APPROFONDIMENTO

ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI IN GEOTECNICA: UN PRIMO APPROFONDIMENTO ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI IN GEOTECNICA: UN PRIMO APPROFONDIMENTO 2 GENERALITA SUL METODO AGLI ELEMENTI FINITI. Il Metodo agli Elementi Finiti (F.E.M.) è una tecnica avanzata di risoluzione di equazioni

Dettagli

FCP 320/FCH 320 rivelatori d'incendio automatici convenzionali

FCP 320/FCH 320 rivelatori d'incendio automatici convenzionali Sistemi di rivelazione incendio FCP 32/FCH 32 rivelatori d'incendio atomatici convenzionali FCP 32/FCH 32 rivelatori d'incendio atomatici convenzionali www.boschsecrity.it Elevata affidabilità di rivelazione

Dettagli

Una nuova generazione di sportelli automatici

Una nuova generazione di sportelli automatici IQUADERNIDI Una nova generazione di sportelli atomatici accessibili e sabili da ttti A cra di Raffaele Nicolssi Il problema delle barriere tecnologiche è stato affrontato spesso anche slle pagine di Telèma

Dettagli

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo delle Strutture di Legno,

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo delle Strutture di Legno, Come indicato al Par. 4.4.14 del D.M. 14/01/2008, VERIFICA DI RESISTENZA AL FUOCO ELEMENTI LIGNEI Le verifiche di resistenza al fuoco potranno eseguirsi con riferimento a UNI EN 1995-1-2, utilizzando i

Dettagli

Partnership di canale

Partnership di canale white paper gennaio.2015 Partnership di canale Il trst mediator e n novo concetto di filiera corta iteam:lorena Cottone e x c e l l e n c e i n e x e c t i o n white paper 2 exective smmary introdzione

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

CALDAIE A GAS A PAVIMENTO AD ACCUMULO

CALDAIE A GAS A PAVIMENTO AD ACCUMULO TM M A D E I N I TA LY CALDAIE A GAS A PAVIMENTO AD ACCUMULO SERIE Solzioni integrate per il riscaldamento All prpose heating soltions ara P0 E camera aperta Grande comfort ES camera stagna pnti forza

Dettagli

LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ

LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ Giovanni Dalerci, Rossella Bovolenta Università degli Studi di Genova Dipartimento

Dettagli

Flessione orizzontale

Flessione orizzontale Flessione orizzontale Presso-flessione fuori piano Presso-flessione fuori piano Funzione dei rinforzi FRP nel piano trasmissione di sforzi di trazione all interno di singoli elementi strutturali o tra

Dettagli

Newsletter n. 02-30 giugno 2015. On line il nuovo sito web di I-TOWN

Newsletter n. 02-30 giugno 2015. On line il nuovo sito web di I-TOWN On line il novo sito web di I-TOWN É on line il sito web del progetto Bild Up Skills I-TOWN http://www.bs-itown.e/ Un sito interattivo e dinamico, ricco di notizie, informazioni tecniche e di settore.

Dettagli

CONTROLLO DEI LIVELLI DI DEFORMAZIONE E SOLLECITAZIONE NELLE

CONTROLLO DEI LIVELLI DI DEFORMAZIONE E SOLLECITAZIONE NELLE CONTROLLO DEI LIVELLI DI DEFORMAZIONE E SOLLECITAZIONE NELLE FONDAZIONI PROFONDE - G. Porco *, G. Zaccaria***, D Romano**, M. Condino** - * FACOLTÀ DI INGEGNERIA, UNIVERSITÀ DELLA CALABRIA, ARCAVACATA

Dettagli

STRUTTURATO APP BTICINO CATALOGHI

STRUTTURATO APP BTICINO CATALOGHI APP BTICINO CATALOGHI SISTEMA di cablaggio STRUTTURATO Indice Il cablaggio strttrato Introdzione e logiche del cablaggio strttrato 14 Strttra del cablaggio 14 Prestazioni del cablaggio: classi e categorie

Dettagli

PERICOLI ELETTRICI - SICUREZZA ELETTRICA

PERICOLI ELETTRICI - SICUREZZA ELETTRICA PERCOL ELETTRC - SCUREZZA ELETTRCA L energia elettrica è comoda, tile, sicra, ma non esente da pericoli. Pericoli per le cose 1. Energia elettrica condttore percorso da corrente eccessiva (sovraccarico,

Dettagli

1 PREMESSA. Normativa di riferimento

1 PREMESSA. Normativa di riferimento 1 PREMESSA EDILFERRO TRAVEST è coinvolto da alcuni anni nel settore del fotovoltaico,occupandosi della realizzazione di sistemi di fissaggio per pannelli solari e fotovoltaici. Nel campo ormai saturo della

Dettagli

43 18 agosto 2007. IBL Briefing Paper. La riforma del trasporto aereo Un balzo all indietro di dieci anni di Andrea Giuricin

43 18 agosto 2007. IBL Briefing Paper. La riforma del trasporto aereo Un balzo all indietro di dieci anni di Andrea Giuricin 43 IBL Briefing Paper La riforma del trasporto aereo Un balzo all indietro di dieci anni di Andrea Giricin I. Lo svilppo aeroportale in segito alla liberalizzazione I.1. Premessa. Il trasporto aereo, grazie

Dettagli

Capitolo 4 CALCOLO DELLE SEZIONI

Capitolo 4 CALCOLO DELLE SEZIONI Capitolo 4B - Stati limite ultimi 51 Capitolo 4 CALCOLO DELLE SEZIONI 4.1 Trazione Il comportamento sotto carico crescente di un pezzo di acciaio è ricavabile dalla prova a trazione effettuata con apposite

Dettagli

EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi

EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO E LEGNO Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO Sbalzi PONTI under construction Sbalzi

Dettagli

La modellazione delle strutture

La modellazione delle strutture La modellazione delle strutture 1 Programma 31-1-2012 Introduzione e brevi richiami al metodo degli elementi finiti 7-2-2012 La modellazione della geometria 14-2-2012 21-2-2012 28-2-2012 6-3-2012 13-32012

Dettagli

Lezioni. Esercitazioni Presentate dal docente Eseguite in aula dagli studenti. Seminari

Lezioni. Esercitazioni Presentate dal docente Eseguite in aula dagli studenti. Seminari 1 Lezioni Nuovo ordinamento: 60 ore Vecchio ordinamento: 90 ore Esercitazioni Presentate dal docente Eseguite in aula dagli studenti Seminari Acquisire i principi e le metodologie che si impiegano nella

Dettagli

Qualità e Internet mobile

Qualità e Internet mobile IQUADERNIDI Qalità e Internet mobile Le verità nascoste? A cra di Gido Riva La Qalità di Servizio (Qality of Service - QoS) è diventa negli ltimi anni n tema di primaria importanza, e non solo nel settore

Dettagli

Tecniche di rinforzo con materiali innovativi

Tecniche di rinforzo con materiali innovativi Interventi di recupero del patrimonio edilizio, Roma, 29.1.09 Tecniche di rinforzo con materiali innovativi Zila Rinaldi Università di Roma Tor Vergata Dip. di Ingegneria Civile Introduzione Perchè si

Dettagli

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati Copyright 004 The Companies srl e Corbusier - Progetto per il palazzo dei Soviet a Mosca 1931 Problema 1. Arco Trave di copertura Tirante bielle Membrana di copertura Fig. P1.1 Analizzare il sistema in

Dettagli

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi ANDILWall è un programma di calcolo per la progettazione e verifica sismica

Dettagli

TRASMISSIONE DELLA POTENZA

TRASMISSIONE DELLA POTENZA TRASMISSIOE DELLA POTEZA (Distillazione verticale) Conoscenza del principio di fnzionaento dei principali sistei di trasissione e trasforazione del oto. Sapere effettare calcoli si principali sistei di

Dettagli

SENSORI E TRASDUTTORI

SENSORI E TRASDUTTORI SENSOI E ASDUOI Ogni sistea di controllo atoatico dispone di sensori che rilevano le grandezze da controllare. Grandezza di inpt SENSOE Grandezza di otpt In olte applicazioni la grandezza fisica di inpt

Dettagli

Modalità di crisi di elementi in calcestruzzo armati con barre in FRP

Modalità di crisi di elementi in calcestruzzo armati con barre in FRP Modalità di crisi di elementi in calcestruzzo armati con barre in FRP Andrea Acciai 1, Raffaele Nudo 1 1 Dipartimento di Costruzioni, Università di Firenze, Italia E-mail: raffaele.nudo@unifi.it Keywords:

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA Edifici in muratura portante 2 1 Cosa è ANDILWall? ANDILWall è un software di analisi strutturale che utilizza il motore di calcolo SAM II, sviluppato presso l Università degli Studi di Pavia e presso

Dettagli

Azioni interne (definizione di tensione o sforzo)

Azioni interne (definizione di tensione o sforzo) 18/05/011 ES. Sforzo Una barra di acciaio AISI 304 a sezione tonda, di diametro pari a 10 mm, deve sorreggere una massa di t. Qual è lo sforzo a cui è soggetta la barra? Cosa accade se vengono aggiunti

Dettagli

VRM Video Recording Manager

VRM Video Recording Manager Video VRM Video Recording Manager VRM Video Recording Manager www.boschsecrity.it Memorizzazione distribita e bilanciamento del carico configrabile Failover del disk array iscsi per n'affidabilità estrema

Dettagli

Il problema della verità e la base ontologica della conoscenza

Il problema della verità e la base ontologica della conoscenza Il problema della verità e la base ontologica della conoscenza F.T. Arecchi Università di Firenze e Istitto Nazionale di Ottica Applicata arecchi@ino.it 1-Descrizione e spiegazione Un compito cognitivo

Dettagli

P. Apostoli 1, G. Bazzini 2, E. Sala 1, M. Imbriani 3. 1. Premessa

P. Apostoli 1, G. Bazzini 2, E. Sala 1, M. Imbriani 3. 1. Premessa G Ital Med Lav Erg 2002; 24:1, 3-25 PI-ME, Pavia 2002 P. Apostoli 1, G. Bazzini 2, E. Sala 1, M. Imbriani 3 La versione italiana OREGE (Otil de Repérage et d Evalation des Gestes) dell INRS (Institt national

Dettagli

Relazione di fine tirocinio. Andrea Santucci

Relazione di fine tirocinio. Andrea Santucci Relazione di fine tirocinio Andrea Santucci 10/04/2015 Indice Introduzione ii 1 Analisi numerica con COMSOL R 1 1.1 Il Software.................................... 1 1.1.1 Geometria................................

Dettagli

D. Nicolini, A. Fontanella, E. Giovannini. Report RdS/PAR2013/173 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

D. Nicolini, A. Fontanella, E. Giovannini. Report RdS/PAR2013/173 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi fluidodinamica CFD su dispositivi a colonna d acqua oscillante OWC -

Dettagli