PRELAZIONE E LOCK UP NEGLI STATUTI DI SPA E SRL E NEI PATTI PARASOCIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRELAZIONE E LOCK UP NEGLI STATUTI DI SPA E SRL E NEI PATTI PARASOCIALI"

Transcript

1 PRELAZIONE E LOCK UP NEGLI STATUTI DI SPA E SRL E NEI PATTI PARASOCIALI Angelo Busani Lo statuto sociale, un abito su misura Milano 4 luglio 2013 Studio Morri Cornelli e Ass.ti

2 AGENDA Il quadro normativo I principali problemi delle clausole di prelazione e di lock up Limitazioni al trasferimento delle partecipazioni nello statuto e nei patti parasociali

3 NUMEROSITA DEI SOCI Da1a3 Da4a5 SPA 48,39% 20,37 % SRL 80,45% 13,85 % QUOTE DI POSSESSO DEI PRIMI TRE SOCI Da 51 a 80 % Oltre 80 % SPA 25,40 % 64,29 % SRL 22,58 % 72,72 %

4 Art bis c.c. 1. Nel caso di azioni nominative ed in quello della mancata emissione dei titoli azionari, lo statuto può sottoporre a particolari condizioni il loro trasferimento SPA Art c.c. 1. Le partecipazioni sono liberamente trasferibili per atto tra vivi e per successione a causa di morte, salvo contraria disposizione dell atto costitutivo. SRL SONO QUESTE LE NORME DELLA SPA E DELLA SRL CHE LEGITTIMANO LA PRESENZA DELLA CLAUSOLA DI PRELAZIONE NEGLI STATUTI DIRE CHE NELLE SPA CHIUSE (E NELLE SRL) IL PRINCIPIO E QUELLO DELLA LIBERA TRASFERIBILITA, SIGNIFICA ENUNCIARE UN PRINCIPIO DEL TUTTO TEORICO, IN QUANTO LA PRASSI INSEGNA QUANTO SIA FORTE LA SPINTA ALLA PERSONALIZZAZIONE DELLE SOC. DI CAPITALI

5 Art bis c.c. 1. lo statuto può, per un periodo non superiore a cinque anni dalla costituzione della società o dal momento in cui il divieto viene introdotto, vietarne il trasferimento. SPA Art c.c. SRL 2. Qualora l atto costitutivo preveda l intrasferibilità delle partecipazioni, il socio [può] esercitare il diritto di recesso ai sensi dell art In tali casi l atto costitutivo può stabilire un termine, non superiore a due anni dalla costituzione della società o dalla sottoscrizione della partecipazione, prima del quale il recesso non può essere esercitato.

6 LE CLAUSOLE DI PRELAZIONE EDI LOCK UP SONO INTRODUCIBILI A MAGGIORANZA SPA SRL l introduzione o la limitazione della circolazione delle azioni genera [nella Spa] recesso ex art c.c. [nella Srl va introdotto convenzionalmente ] LE CLAUSOLE DI PRELAZIONE EDI LOCK UP POSSONO RIGUARDARE SOLO DETERMINATE AZIONI SPA in tal caso si originano azioni di diversa categoria PARE AMMISSIBILE [contra Mass. 92] CHE CON IL CONSENSO DI TUTTI I SOCI QUESTE CLAUSOLE POSSANO ESSERE DEROGATE, ANCHE SENZA FORMALMENTE MODIFICARLE SPA SRL

7 NON PARE AMMISSIBILE UN RINNOVO A MAGGIORANZA DEL LOCK UP ALLA SCADENZA DEL QUINQUENNIO [ammissibile per Mass. Triv. H.1.22, ma con recesso dei dissenzienti]; TANTO MENO UN RINNOVO TACITO, A MENO CHE, A DIVERSA CON CLUSIONE SI POSSA GIUNGERE IPOTIZZANDO: a) UN DIRITTO DEI SOCI DI IMPEDIRNE LA RINNOVAZIONE b) UN DIRITTO DI RECESSO SPA LA CLAUSOLA DI LOCK UP SI DEVE INTENDERE LIMITATA AL QUINQUENNIO SE: a) E STABILITA UNA DURATA MAGGIORE DEL QUIN QUENNIO (la tesi è abbastanza pacifica); b) E STABILITA UNA DURATA INDETERMINATA (la tesi è controversa; nella Srl la clausola di lock up a tempo indeterminato genera recesso) SPA

8 LA CLAUSOLA DI PRELAZIONE PUO ESSERE: A BENEFICIO DI TUTTI GLI ALTRI SOCI A BENEFICIO SOLO DI ALCUNI SOCI A BENEFICIO (ANCHE O SOLO) DI TERZI ESTRANEI ALLA COMPAGINE SOCIALE SPA SRL Argomenti per la liceità di tali clausole [Mass. N. 95] si rinvengono, in generale, nel riconosciuto alto grado di autonomia statutaria concesso dalla legge e, in particolare, dall osservazione che ad esiti analoghi si giunge: nella Spa, conformando ad hoc una determinata categoria di azioni (art c.c.) o mediante Sfp; nella Srl utilizzando i diritti particolari dei soci(art. 2468, c. 3, c.c.)

9 SPA SRL AMMISSIBILE LA CLAUSOLA DI PRELAZIONE CHE: AMMETTA L ESERCIZIO DELLA PRELAZIONE PROPORZIONALE DA PARTE DEI PRELAZIONANTI AMMETTA L ESERCIZIO PER TESTE AMMETTA L ESERCIZIO IN COMUNIONE TRA I PRELAZIONANTI

10 SRL SPA LA CLAUSOLA DI PRELAZIONE PUO ESSERE: PROPRIA (O PURA) = IL CEDENTE OTTIENE CONDIZIONI IDENTICHE SIA DALL OBLATO CHE DALL AVENTE DIRITTO IMPROPRIA (O IMPURA) = IL CEDENTE OTTIENE UNA CONTROPRESTAZIONE DIVERSA DA QUELLA CHE RICEVEREBBE DAL TERZO [serve a fronteggiare vendite con prezzo artificiosamente elevato oppure alienazioni verso corrispettivi infungibili o a titolo gratuito oppure la circolazione di partecipazioni non attraverso atti traslativi ma attraverso operazioni societarie]

11 La clausola di prelazione impropria è valida se ad esempio prevede un arbitraggio e sia consentito che, avuto l esito dell arbitraggio, il cedente possa avere lo ius poenitendi. Ove la clausola di prelazione impropria fosse intesa a liquidare il cedente con un corrispettivo irrisorio oppure ad esempio, al di sotto di quanto spetterebbe a un recedente allora vi è una fondata impressione di invalidità (in sostanza c è una parificazione al mero gradimento). Torna ad essere valida una clausola di prelazione impropria che, ad esempio, preveda per l alienante di azioni un corrispettivo inferiore al quantum dovutogli per il caso di recesso, se ciò valga limitatamente al periodo di 5 anni durante i quali potrebbe essere disposto un lock up.

12 NATURA DELLA DENUNTIATIO NON SI PUO PRESCINDERE DALLA LETTURA DELLA CLAUSOLA CHE VOLTA PER VOLTA OCCORRE PRENDERE IN CONSIDERAZIONE: a) LA DENUNTIATIO PUO ESSERE UNA PROPOSTA VERA E PROPRIA (E PERTANTO SIA REVOCABILE E ACCETTABILE) E CONSISTA NELL OFFRIRE IN PRELAZIONE LA PROPOSTA FATTA A/DA UN TERZO (QUINDI DEVE INDICARE PREZZO E NOME DEL TERZO); [Cass. 7879/ Cass. 1407/1981] b) LA DENUNTIATIO E BENSI UNA PROPOSTA LIMITATA SOLO ALL INDICAZIONE DELL INTENZIONE DI VENDERE E DEL PREZZO c) LA DENUTIATIO E SOLO UN INVITO A OFFRIRE SRL SPA

13 L OFFERTA COLLETTIVA Va normata, in quanto, nel silenzio, non appare ammissibile. Altro poi è stabilire se, fatta l offerta collettiva, essa sia accettabile in modo scindibile o se essa sia del tutto inaccettabile L ESERCIZIO PARZIALE Anch esso va normato, in quanto, in mancanza, non appare plausibile che il prelazionante possa prelazionare solo una parte di quanto è offerto

14 LOCK UP E PATTI PARASOCIALI Art. 122, c. 5, TUF 5. a) [patti] che pongono limiti al trasferimento delle relative azioni Art bis, c. 1, c.c. 1. [patti che] pongono limiti al trasferimento delle relative azioni o delle partecipazioni in società che le controllano obbligo di pubblicità nullità, sospensione del voto durata max 3 anni; rinnovabili; se durata indeterminata, recesso con preavviso di 6 mesi recesso in caso di Opa durata max 5 anni rinnovabili; se durata indeterminata, recesso con preavviso di 180 giorni

15 Art. 122, c. 5, TUF DISCIPLINA APPLICABILE SOLO ALLE SOCIETA QUOTATE Art bis, c.c. DISCIPLINA APPLICABILE SOLO: a) ALLE SPA NON QUOTATE; b) ALLE SOCIETA (ANCHE SRL) CHE CONTROLLANO SPA NON QUOTATE SRL? NON ESISTONO NORME SPECIFICHE, NE SONO APPLICABILI PER ANALOGIA O PER ESTENSIONE LE NORME PREDETTE, PERCHE PROPRIE DI TIPI SOCIETARI ONTOLOGICAMENTE DIVERSI DALLA SRL

16 ALLE SRL NON SI APPLICANO LE NORME PREDETTE, QUINDI AD ESSE SI APPLICANO I PRINCIPI GENERALI I PATTI PARASOCIALI SONO VALIDI (art. 1322c.c.) NON SONO SOGGETTI A PUBBLICITA NE A SOSPENSIONE DEL VOTO POSSONO ESSERE A DURATA INDETERMINATA SE VI E POSSIBILITA DI RECESSO (CON CONGRUO PREAVVISO, SALVO GIUSTA CAUSA: Cass /2001) SE NON C E RECESSO LA DURATA DEVE ESSERE «CONTENUTA ENTRO CONVENIENTI LIMITI DI TEMPO» E DEVE RISPONDERE «A UN APPREZZABILE INTERESSE DI UNA DELLE PARTI» (art c.c.)

17 MA, A PARTE LE REGOLE APPLICABILI AI PATTI PARASOCIALI NEI VARI TIPI SOCIETARI, CHE RILEVANZA HA LA MEDESIMA CLAUSOLA SE POSTA IN UN PATTO PARASOCIALE OPPURE SE STATUTARIZZATA? PATTO PARASOCIALE PATTO STATUTARIZZATO Si introduce/modifica all unanimità Ha efficacia obbligatoria: la violazione del patto non è opponibile dalla società all avente causa; il trasferimento è valido ed efficace; chi è inadempiente risponde dei danni procurati agli altri parasoci, con responsabilità di tipo contrattuale Si introduce/modifica a maggioranza Ha efficacia reale, il che significa non diritto di riscatto ma opponibilità del patto dalla società all avente causa della partecipazione. (la debolezza del rimedio risarcitorio è peraltro spesso rafforzata con rimedi reali : procure, garanzie, penali, depositi, intestazioni fiduciarie, ecc. )

18 ALTRO TEMA E LA SORTE DELL ATTO TRASLATIVO COMPIUTO IN DISPREGIO AL LIMITE STATUTARIO: TESI DELLA NULLITA (superata: Cass. 2763/1973) TESI DELLA INEFFICACIA ERGA OMNES (quindi anche inter partes: Cass /2005) TESI DELLA INEFFICACIA RELATIVA (preferibile) SPA SRL

19 IL PROBLEMA PERO E : QUAND E CHE UN PATTO E PARASOCIALE E QUANDO SI PARLA INVECE DI PATTO STATUTARIZZATO? 1a TESI (FORMALE) = E STATUTARIZZA TO QUEL CHE RISULTA DALLO STATUTO, IL RESTO E PARASOCIALE PREGIO: LA SEMPLICITA 2a TESI (SOSTANZIALE) = E PARA SOCIALE CIO CHE ATTIENE AI RAP PORTI TRA I SOCI, E STATUTARIO CIO CHE ATTIENE (ANCHE) ALL ORGANIZZAZIONE DELLA SOCIETA PREGIO: LA PREVALENZA DELLA SOSTANZA SULLA FORMA DIFETTO: PUO ESSERE PARASOCIA LE E QUINDI OBBLIGATORIO CIO CHE C E IN STATUTO, PERDENDO PERTANTO CON CIO LA TIPICA EFFICACIA REALE DI CIO CHE C E IN STATUTO

20

21 Art Diritto di recesso [ ] 2. Salvo che lo statuto disponga diversamente, hanno diritto di recedere i soci che non hanno concorso all'approvazione delle deliberazioni riguardanti: [ ] b) l'introduzione o la rimozione di vincoli alla circolazione dei titoli azionari.

22 1322. Autonomia contrattuale. [ ] 2. Le parti possono anche concludere contratti che non appartengano ai tipi aventi una disciplina particolare, purché siano diretti a realizzare interessi meritevoli di tutela secondo l'ordinamento giuridico.

23 1379. Divieto di alienazione. Il divieto di alienare stabilito per contratto ha effetto solo tra le parti, e non è valido se non è contenuto entro convenienti limiti di tempo esenonrispondeaunapprezzabile interesse di una delle parti.

Morte del socio e tensioni endosocietarie. relazione del Notaio Cristiano Casalini

Morte del socio e tensioni endosocietarie. relazione del Notaio Cristiano Casalini Morte del socio e tensioni endosocietarie relazione del Notaio Cristiano Casalini Ambito di indagine Società di capitali (escluse s.r.l.s. e coop.) Differenziazioni ovvie tra società familiari e società

Dettagli

Clausole limitative della circolazione delle azioni

Clausole limitative della circolazione delle azioni Clausole limitative della circolazione delle azioni * * * Purché contenuta entro il limite di cinque anni, è legittima una clausola statutaria che preveda qualsiasi forma di limitazione alla circolazione

Dettagli

RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI CAPITALI. a cura di Andrea Silla e Flavia Silla

RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI CAPITALI. a cura di Andrea Silla e Flavia Silla a cura di Andrea Silla e Flavia Silla Generalità L istituto del recesso nasce nelle società di capitali per equilibrare la possibilità di modificare da parte della maggioranza dei soci alcune essenziali

Dettagli

LO STATUTO SOCIETARIO: UN ABITO SU MISURA

LO STATUTO SOCIETARIO: UN ABITO SU MISURA Avv. Cristina Cengia Partner Studio legale e tributario Morri Cornelli e Associati Milano, 3 luglio 2013 Seminario: LO STATUTO SOCIETARIO: UN ABITO SU MISURA * * * Le clausole di tag/drag along statutarie

Dettagli

GUIDA OPERATIVA ALLA PUBBLICITA DEI TRASFERIMENTI DI PARTECIPAZIONE DI SRL

GUIDA OPERATIVA ALLA PUBBLICITA DEI TRASFERIMENTI DI PARTECIPAZIONE DI SRL CAMERA DI COMMERCIO DI LIVORNO UFFICIO REGISTRO IMPRESE GUIDA OPERATIVA ALLA PUBBLICITA DEI TRASFERIMENTI DI PARTECIPAZIONE DI SRL Ottobre 2010 Conservatore R.I.: Dott. Pierluigi Giuntoli REV2 GUIDA/TRASF/SRL2

Dettagli

Le vicende della quota nelle società personali

Le vicende della quota nelle società personali Le vicende della quota nelle società personali A causa dell INTUITUS PERSONAE, nelle società di persone le variazioni nella composizione soggettiva della compagine sociale sono apprezzate come vere e proprie

Dettagli

LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA

LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA INTRODUZIONE 1) Generalità Limitazione della responsabilità dei soci; Cenni storici: codice del 1942 (piccola s.p.a., rinvio alle norme); riforma 2003 (soc. di persone,

Dettagli

Il passaggio generazionale: questioni giuridiche e fattori di successo - aspetti giuridici -

Il passaggio generazionale: questioni giuridiche e fattori di successo - aspetti giuridici - Il passaggio generazionale: questioni giuridiche e fattori di successo - aspetti giuridici - Verona, 29 settembre 2011 Avv. Simone Rossi Passaggio generazionale Trasferimento della proprietà e della gestione

Dettagli

RECESSO DEL SOCIO DI SOCIETA DI PERSONE. A cura di Andrea Silla e Flavia Silla

RECESSO DEL SOCIO DI SOCIETA DI PERSONE. A cura di Andrea Silla e Flavia Silla RECESSO DEL SOCIO DI SOCIETA DI PERSONE A cura di Andrea Silla e Flavia Silla Generalità I soci possono recedere dalla società di persone in qualsiasi momento: se la società è a tempo indeterminato; quando

Dettagli

CESSIONE DI QUOTE DI S.R.L. QUESTIONI GIURIDICHE. Dott. Riccardo Patimo

CESSIONE DI QUOTE DI S.R.L. QUESTIONI GIURIDICHE. Dott. Riccardo Patimo CESSIONE DI QUOTE DI S.R.L. QUESTIONI GIURIDICHE Dott. Riccardo Patimo NOZIONI GENERALI Quote di partecipazione (art. 2468 c.c.) CARATTERISTICHE CARATTERISTICHE NO NO AZIONI AZIONI NO NO OGGETTO OGGETTO

Dettagli

Capitale - Azioni - Strumenti finanziari - Finanziamenti dei. Articolo. 2. Il capitale sociale è diviso in n. azioni ordinarie.

Capitale - Azioni - Strumenti finanziari - Finanziamenti dei. Articolo. 2. Il capitale sociale è diviso in n. azioni ordinarie. Capitale - Azioni - Strumenti finanziari - Finanziamenti dei soci Articolo 1. Il capitale sociale è determinato in Euro 2. Il capitale sociale è diviso in n. azioni ordinarie del valore nominale di euro

Dettagli

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Si è cercato il punto di equilibrio tra la tutela dei soci e la salvaguardia del buon funzionamento della società e della certezza dei rapporti societari

Dettagli

Dottorato di Ricerca Diritto degli Affari I LIMITI STATUTARI ALLA CIRCOLAZIONE DELLE AZIONI

Dottorato di Ricerca Diritto degli Affari I LIMITI STATUTARI ALLA CIRCOLAZIONE DELLE AZIONI Libera Università Internazionale degli Sudi Sociali Guido Carli Dottorato di Ricerca Diritto degli Affari I LIMITI STATUTARI ALLA CIRCOLAZIONE DELLE AZIONI Tutor Chiar.mo Prof. Gustavo Visentini Candidato

Dettagli

ABC DELLA START-UP QUESTIONI LEGALI DA AFFRONTARE NELLA COSTITUZIONE DI UNA SOCIETÀ

ABC DELLA START-UP QUESTIONI LEGALI DA AFFRONTARE NELLA COSTITUZIONE DI UNA SOCIETÀ ABC DELLA START-UP QUESTIONI LEGALI DA AFFRONTARE NELLA COSTITUZIONE DI UNA SOCIETÀ Avv. Luca Scarselli Avv. Augusto Praloran SISB Studio legale Bernascone & Soci con Studio legale Ughi e Nunziante Milano,

Dettagli

S.p.a. unipersonale. Altrimenti, responsabilità illimitata per il periodo in cui c è l unico socio

S.p.a. unipersonale. Altrimenti, responsabilità illimitata per il periodo in cui c è l unico socio Nozione (2325 c.c.) Solo la società con il suo patrimonio risponde delle obbligazioni sociali Capitale sociale di almeno 120.000 euro Sola garanzia offerta ai creditori Creditori forti e deboli - gruppi

Dettagli

Studio Campana e Associati Dottori Commercialisti

Studio Campana e Associati Dottori Commercialisti STATUTO Art. 1. - Denominazione Lo Studio Associato come sopra costituito (in appresso indicato per brevità come lo Studio ) viene denominato: Studio Associato di Consulenza e Assistenza Societaria, Tributaria,

Dettagli

INDICE. Art. 1372 (Efficacia del contratto) CAPITOLO I: L EFFICACIA DEL CONTRATTO NEL PRIMO COMMA. Sezione I: L intangibilità del contratto

INDICE. Art. 1372 (Efficacia del contratto) CAPITOLO I: L EFFICACIA DEL CONTRATTO NEL PRIMO COMMA. Sezione I: L intangibilità del contratto INDICE Art. 1372 (Efficacia del contratto) CAPITOLO I: L EFFICACIA DEL CONTRATTO NEL PRIMO COMMA Sezione I: L intangibilità del contratto 1. L efficacia del contratto tra le parti......................

Dettagli

STATUTO DI SOCIETA PER AZIONI CHE NON FA RICORSO AL CAPITALE DI RISCHIO CON SISTEMA DI AMMINISTRAZIONE TRADIZIONALE 1. Articolo 1 Denominazione 2

STATUTO DI SOCIETA PER AZIONI CHE NON FA RICORSO AL CAPITALE DI RISCHIO CON SISTEMA DI AMMINISTRAZIONE TRADIZIONALE 1. Articolo 1 Denominazione 2 STATUTO DI SOCIETA PER AZIONI CHE NON FA RICORSO AL CAPITALE DI RISCHIO CON SISTEMA DI AMMINISTRAZIONE TRADIZIONALE 1 1. La società è denominata: Articolo 1 Denominazione 2 "(..) s.p.a.". Articolo 2 Sede

Dettagli

LEZIONE 10 GENNAIO 2014

LEZIONE 10 GENNAIO 2014 LEZIONE 10 GENNAIO 2014 SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA> Come noto, è un ente dotato di personalità giuridica che rientra nel novero delle società di capitali. La riforma ha portato un integrale revisione

Dettagli

Dott. Riccardo Patimo

Dott. Riccardo Patimo CESSIONE DI QUOTE DI S.R.L. QUESTIONI GIURIDICHE Dott. Riccardo Patimo NOZIONI GENERALI Quote di partecipazione (art. 2468 c.c.) CARATTERISTICHE NO AZIONI NO OGGETTO DI SOLLECITAZIONE PUBBLICO RISPARMIO

Dettagli

IL TRASFERIMENTO DI PARTECIPAZIONI

IL TRASFERIMENTO DI PARTECIPAZIONI IL TRASFERIMENTO DI PARTECIPAZIONI Profili civilistici Marco PEZZETTA Dottore commercialista Comitato direttivo IRDCEC EFFICACIA DEL TRASFERIMENTO EFFICACIA TRA LE PARTI COMPRAVENDITA NON SONO RICHIESTE

Dettagli

LE QUOTE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA

LE QUOTE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA LE QUOTE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA di Claudio Venturi Sommario: - 1. Le quote e i diritti dei soci. 1.1. Le quote sociali secondo l attuale normativa. - 1.2. Le quote sociali secondo

Dettagli

LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI.

LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI. 1 LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI. Art. 1372 c.c.: forza vincolante del contratto. Contenuto: autonomia privata + fonti di integrazione: legge (anche buona fede), usi ed equità,

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE AZIONI E DELLE QUOTE DI SOCIETÀ IN IPOTESI DI RECESSO. Avv. Giovanni AGRUSTI

LA VALUTAZIONE DELLE AZIONI E DELLE QUOTE DI SOCIETÀ IN IPOTESI DI RECESSO. Avv. Giovanni AGRUSTI LA VALUTAZIONE DELLE AZIONI E DELLE QUOTE DI SOCIETÀ IN IPOTESI DI RECESSO Avv. Giovanni AGRUSTI Diretta 21 giugno 2010 LA FUNZIONE DEL RECESSO NELLA S.P.A. E NELLA S.R.L. La attuale configurazione del

Dettagli

AVVISO AGLI AZIONISTI DI NAVALE ASSICURAZIONI S.p.A.

AVVISO AGLI AZIONISTI DI NAVALE ASSICURAZIONI S.p.A. AVVISO AGLI AZIONISTI DI NAVALE ASSICURAZIONI S.p.A. Modalità e termini di esercizio del diritto di recesso ai sensi dell art. 2437 e seguenti del codice civile e di esercizio del diritto di vendita ai

Dettagli

INDICE SOMMARIO DEL VOLUME

INDICE SOMMARIO DEL VOLUME INDICE SOMMARIO DEL VOLUME Indice per articoli... pag. IX Indice bibliografico...» XV ANTONIO ALBANESE LIBRO QUARTO DELLE OBBLIGAZIONI CAPO VIII DELLA CESSIONE DEL CONTRATTO...» 1 Indice analitico delle

Dettagli

Aspetti legali e contrattuali legati agli interventi di Venture Capital. Prof. Avv. Alberto Musy Musy Bianco e Associati Studio legale

Aspetti legali e contrattuali legati agli interventi di Venture Capital. Prof. Avv. Alberto Musy Musy Bianco e Associati Studio legale Aspetti legali e contrattuali legati agli interventi di Venture Capital Prof. Avv. Alberto Musy Musy Bianco e Associati Studio legale 1 Argomenti trattati La lettera di intenti Il contratto di acquisizione

Dettagli

EFFETTI DEL CONTRATTO

EFFETTI DEL CONTRATTO 21. Effetti del contratto (lezione ampia) 1 EFFETTI DEL CONTRATTO Per effetti del contratto, intendiamo le vicende che il contratto produce con riferimento alle posizioni soggettive delle parti; o meglio:

Dettagli

CONTRATTI DI LOCAZIONE: GIURISPRUDENZA

CONTRATTI DI LOCAZIONE: GIURISPRUDENZA CONTRATTI DI LOCAZIONE: GIURISPRUDENZA INDICE: Recesso dal contratto anzitempo per gravi motivi. Locazione di immobili commerciali. Prelazione e riscatto Durata del contratto Locazione di immobile realizzato

Dettagli

Questioni in tema di prelazione statutaria

Questioni in tema di prelazione statutaria CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 158-2012/I Questioni in tema di prelazione statutaria Approvato dalla Commissione studi d Impresa il 18 luglio 2012 Sommario: 1. Premessa. Cenni sul valore organizzativo

Dettagli

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti.

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti. Le società di capitali 89 anche se non iscritte, vengono ad esistenza pur assumendo la condizione di società irregolari. In particolare, la società in nome collettivo non registrata è irregolare per tutto

Dettagli

LA RIFORMA DEI PATTI SUCCESSORI RINUNCIATIVI

LA RIFORMA DEI PATTI SUCCESSORI RINUNCIATIVI Nota per la stampa LA RIFORMA DEI PATTI SUCCESSORI RINUNCIATIVI 1. Scopo della riforma In base all attuale testo del codice civile (art. 458) è nulla ogni convenzione con cui taluno dispone o rinuncia

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO. PARERE N. 02 DEL 12 gennaio 2011 IL QUESITO. Unica Partecipazione in SRL appartenente a più soggetti

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO. PARERE N. 02 DEL 12 gennaio 2011 IL QUESITO. Unica Partecipazione in SRL appartenente a più soggetti FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 02 DEL 12 gennaio 2011 IL QUESITO Unica Partecipazione in SRL appartenente a più soggetti Quando più eredi acquisiscono la

Dettagli

PATRIMONIA SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SERVANDA

PATRIMONIA SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SERVANDA PATRIMONIA SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SERVANDA Wealth(Planning(di(Azimut( come(risposta(alle(esigenze(di( passaggio(generazionale(dei( nostri(clienti 2 PARTE I TRUST La struttura giuridica Il Trust è un istituto

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 41 La nuova disciplina delle quote di partecipazione nella società a responsabilità limitata

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 41 La nuova disciplina delle quote di partecipazione nella società a responsabilità limitata DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 41 La nuova disciplina delle quote di partecipazione nella società a responsabilità limitata gennaio 2004 LA NUOVA DISCIPLINA DELLE QUOTE DI PARTECIPAZIONE NELLA SOCIETÀ

Dettagli

LEZIONE 20 dicembre 2013

LEZIONE 20 dicembre 2013 1 LEZIONE 20 dicembre 2013 Società per azioni (S.P.A.) > è una persona giuridica, cioè un soggetto di diritto autonomo, dotato di capacità giuridica e di agire e di autonomia patrimoniale perfetta. La

Dettagli

Le azioni proprie. Sono titoli rappresentativi del capitale della società acquistate e detenute dalla stessa.

Le azioni proprie. Sono titoli rappresentativi del capitale della società acquistate e detenute dalla stessa. Le azioni proprie 1 Le azioni proprie Sono titoli rappresentativi del capitale della società acquistate e detenute dalla stessa. 2 L acquisto di azioni proprie Le principali motivazioni alla base dell

Dettagli

Informazioni essenziali relative al rinnovo del patto parasociale relativo ad Elica S.p.A.

Informazioni essenziali relative al rinnovo del patto parasociale relativo ad Elica S.p.A. Informazioni essenziali relative al rinnovo del patto parasociale relativo ad Elica S.p.A. - FAN S.r.l., società di diritto italiano, con sede in Roma, Via Parigi 11, Italia, iscritta al Registro delle

Dettagli

Studi di Impresa. Studio n. 152-2008/I. Pegno su quota di società di persone ( )

Studi di Impresa. Studio n. 152-2008/I. Pegno su quota di società di persone ( ) Studi di Impresa Studio n. 152-2008/I Pegno su quota di società di persone ( ) Approvato dalla Commissione studi d Impresa il 19 marzo 2009 Sommario: 1. Il pegno su quota di società di persone; 2. La costituzione

Dettagli

PERCORSO PER GIOVANI AVVOCATI L ACCORDO ASSOCIATIVO

PERCORSO PER GIOVANI AVVOCATI L ACCORDO ASSOCIATIVO PERCORSO PER GIOVANI AVVOCATI * L ACCORDO ASSOCIATIVO 1 Riferimenti normativi Legge n. 247 del 31-12-2012 (cd. Legge Forense) Decreto Ministeriale n. 34 del 8-02-2013 (per le società tra professionisti)

Dettagli

Questioni in materia di rinnovo dei patti parasociali

Questioni in materia di rinnovo dei patti parasociali Questioni in materia di rinnovo dei patti parasociali Momenti formativi 2012 Studio De Poli, Venezia, 6 febbraio 2012 Nicola Cecchetto, Ricercatore Centro Studi De Poli Studio De Poli - Venezia Premessa

Dettagli

L acquisto di azioni proprie

L acquisto di azioni proprie L acquisto di azioni proprie 1 Le azioni proprie Sono titoli rappresentativi del capitale della società acquistate e detenute dalla stessa. 2 L acquisto di azioni proprie Le principali motivazioni alla

Dettagli

INDICE. Art. 768-bis (Nozione) SEZIONE I: CARATTERI GENERALI DEL PATTO DI FAMIGLIA: INTERESSI TUTELATI E

INDICE. Art. 768-bis (Nozione) SEZIONE I: CARATTERI GENERALI DEL PATTO DI FAMIGLIA: INTERESSI TUTELATI E INDICE Art. 768-bis (Nozione) SEZIONE I: CARATTERI GENERALI DEL PATTO DI FAMIGLIA: INTERESSI TUTELATI E PRESUPPOSTI SOGGETTIVI DI APPLICAZIONE DELLA NUOVA DISCIPLINA 1. Ratio della riforma: garantire la

Dettagli

INDICE DELLE OBBLIGAZIONI

INDICE DELLE OBBLIGAZIONI DELLE OBBLIGAZIONI Art. 2410 c.c. Emissione... 1 1. Premessa... 1 2. Competenza... 3 2.1. Competenza dell organo amministrativo... 3 2.2. Competenza di altri organi sociali... 4 2.3. I compiti del collegio

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 59-2006/I Acquisto di quote o azioni proprie da parte di un confidi operante in forma di società cooperativa Approvato dal Gruppo di Studio Consorzi Fidi il

Dettagli

IL NUOVO DIRITTO SOCIETARIO

IL NUOVO DIRITTO SOCIETARIO Aurelio Nanni IL NUOVO DIRITTO SOCIETARIO LE MONNIER www.lemonnier.it 2003 by Felice Le Monnier, Firenze Edumond Le Monnier S.p.A. Il Sistema Qualità di Edumond Le Monnier S.p.A. (settore Le Monnier) è

Dettagli

LA DISCIPLINA DEI PATTI SUCCESSORI Bruno Barel

LA DISCIPLINA DEI PATTI SUCCESSORI Bruno Barel LA DISCIPLINA DEI PATTI SUCCESSORI Bruno Barel I patti successori negli Stati membri Difformità tra gli ordinamenti nazionali: Ordinamenti nei quali i patti successori sono vietati: Italia, Francia, Belgio,

Dettagli

Esame di validità di alcuni patti parasociali relativi a società non quotate

Esame di validità di alcuni patti parasociali relativi a società non quotate Patti parasociali Esame di validità di alcuni patti parasociali relativi a società non quotate di Vincenzo Salafia Sono esaminati alcuni patti parasociali per saggiarne la validità e metterne in evidenza

Dettagli

poter procedere al suo aumento 6.8 L obbligo di dimostrare in sede di aumento del capitale che il capitale originario è interamente versato e integro

poter procedere al suo aumento 6.8 L obbligo di dimostrare in sede di aumento del capitale che il capitale originario è interamente versato e integro 1 CAPITALE E PATRIMONIO 1.1 Il capitale sociale: nozione e caratteri 1.2 Funzione del capitale sociale 1.3 Capitale e patrimonio: classificazioni 1.4 Il nuovo concetto di capitale alla luce delle esperienze

Dettagli

IL RECESSO E L ESCLUSIONE DI SOCI NELLE SOCIETA DI CAPITALI

IL RECESSO E L ESCLUSIONE DI SOCI NELLE SOCIETA DI CAPITALI IL RECESSO E L ESCLUSIONE DI SOCI NELLE SOCIETA DI CAPITALI di Claudio Venturi Sommario: - 1. Il diritto di recesso e le sue funzioni essenziali. 2. Il diritto di recesso nelle Società per azioni. 3. Il

Dettagli

Introduzione alle società di capitali

Introduzione alle società di capitali Appunti di Economia Società per azioni Introduzione alle società di capitali... 1 Società per azioni (S.p.A.)... 2 Diritto di voto... 3 Diritto agli utili ed al dividendo... 4 Diritto di opzione... 5 Le

Dettagli

Caratteri delle azioni come partecipazioni sociali

Caratteri delle azioni come partecipazioni sociali Caratteri delle azioni come partecipazioni sociali Indivisibilità = necessaria unità e non frazionabilità dei diritti inerenti all azione effetti sul rapporto tra i comproprietari e la società (per i rapporti

Dettagli

d.ssa Alessandra D Attilio incontro di studio 20 marzo 2014

d.ssa Alessandra D Attilio incontro di studio 20 marzo 2014 L incontro odierno prosegue sulla scia di quello del 3 dicembre 2013, nell intento di affrontare problematiche che investono aspetti di diritto societario, ma anche del diritto di famiglia e del diritto

Dettagli

TerniEnergia S.p.A. Entità del beneficio (voto doppio), vesting period e diritto reale legittimante.

TerniEnergia S.p.A. Entità del beneficio (voto doppio), vesting period e diritto reale legittimante. TerniEnergia S.p.A. Relazione illustrativa degli Amministratori sulla proposta concernente la materia posta all ordine del giorno redatta ai sensi dell articolo 125-ter del Testo Unico della Finanza (D.

Dettagli

Revisione e Ragioneria Societaria

Revisione e Ragioneria Societaria Revisione e Ragioneria Societaria Ragioneria Societaria Lezione 4 Prof.ssa Anna Paris Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici Università degli Studi di Siena anna.paris@unisi.it A.A. 2014-2015 Le Società

Dettagli

OLIMPIA, MEDIOBANCA E GENERALI: STIPULATO PATTO PARASOCIALE AVENTE AD OGGETTO PARTECIPAZIONI IN TELECOM ITALIA

OLIMPIA, MEDIOBANCA E GENERALI: STIPULATO PATTO PARASOCIALE AVENTE AD OGGETTO PARTECIPAZIONI IN TELECOM ITALIA COMUNICATO CONGIUNTO DI PIRLLI & C. S.p.A., DIZION HOLDING S.p.A., DIZION FINANC INTRNATIONAL S.A., OLIMPIA S.p.A., MDIOBANCA S.p.A. ASSICURAZIONI GNRALI S.p.A. OLIMPIA, MDIOBANCA GNRALI: STIPULATO PATTO

Dettagli

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA Introduzione: Il Decreto Legge n. 91 del 24 giugno 2014 (c.d. Decreto Competitività ) e la relativa Legge di Conversione (Legge n. 116

Dettagli

Capitolo I PATTO DI OPZIONE

Capitolo I PATTO DI OPZIONE Capitolo I PATTO DI OPZIONE Sommario: 1. Caratteristiche 1.1. Opzione e proposta irrevocabile 2. Eccessiva onerosità sopravvenuta 3. Forma 4. Trascrizione del patto di opzione 5. Cessione del patto di

Dettagli

Comune di Livorno TITOLO I GENERALITA

Comune di Livorno TITOLO I GENERALITA Comune di Livorno ALLEGATO N.3 SOCIETÀ DI TRASFORMAZIONE URBANA PORTA A MARE S.P.A. SCHEMA DI STATUTO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 127/17.07.2003. TITOLO I GENERALITA ARTICOLO

Dettagli

PATTI PARASOCIALI. Avv. Emanuela Sabbatino 16/03/2010

PATTI PARASOCIALI. Avv. Emanuela Sabbatino 16/03/2010 PATTI PARASOCIALI Avv. Emanuela Sabbatino 16/03/2010 1. Definizione E da circa sessant anni che, accanto alle forme tipiche di accordi tra i soci volte a regolare la vita e l organizzazione della società

Dettagli

Rules Research Unit Law and Economics Studies

Rules Research Unit Law and Economics Studies Rules Research Unit Law and Economics Studies Paper No. 2013-6 Problemi in materia di trasparenza dei patti parasociali (art. 122 TUF) By Luigi A. Bianchi Problemi in materia di trasparenza dei patti parasociali

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capo V DELLE SOCIETÀ PER AZIONI. Sezione I Disposizioni generali

INDICE SOMMARIO. Capo V DELLE SOCIETÀ PER AZIONI. Sezione I Disposizioni generali INDICE SOMMARIO Presentazione... Gli autori... Abbreviazioni delle principali riviste.... VII XI XXV Capo V DELLE SOCIETÀ PER AZIONI Sezione I Disposizioni generali Art. 2325. Responsabilità... 1 1. Introduzione...

Dettagli

Indice NOZIONI E CARATTERI. -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice NOZIONI E CARATTERI. -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO COMMERCIALE I LEZIONE VII LE AZIONI PROF. RENATO SANTAGATA Indice 1 NOZIONI E CARATTERI. --------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

S.R.L. Nel Codice Civile del 1942, si atteggiava come sorella minore della S.p.A.

S.R.L. Nel Codice Civile del 1942, si atteggiava come sorella minore della S.p.A. Società a responsabilità limitata 1 S.R.L. Nel Codice Civile del 1942, si atteggiava come sorella minore della S.p.A. A seguito della riforma organica del diritto societario (D. Lgs. 6/2003) si differenzia

Dettagli

STATUTO EDIZIONE 2014/2015

STATUTO EDIZIONE 2014/2015 STATUTO EDIZIONE 2014/2015 6 Lo statuto è la legge della coo perativa e rappresenta una sorta di contratto tra la cooperativa e i propri soci perché enuncia in modo dettagliato le regole cui deve attenersi

Dettagli

S T A T U T O della società tra avvocati "STUDIO LEGALE S. PERON N. CERA E ALTRI S.T.P." ARTICOLO 1 - RAGIONE SOCIALE E' costituita tra i signori

S T A T U T O della società tra avvocati STUDIO LEGALE S. PERON N. CERA E ALTRI S.T.P. ARTICOLO 1 - RAGIONE SOCIALE E' costituita tra i signori S T A T U T O della società tra avvocati "STUDIO LEGALE S. PERON N. CERA E ALTRI S.T.P." ARTICOLO 1 - RAGIONE SOCIALE E' costituita tra i signori PERON Avv. STEFANO, CERA Avv. NICOLA e FACCO Avv. ALESSIA

Dettagli

Le quote e la loro circolazione * Alessandro Baudino ** e Roberto Frascinelli ***

Le quote e la loro circolazione * Alessandro Baudino ** e Roberto Frascinelli *** Le quote e la loro circolazione * Alessandro Baudino ** e Roberto Frascinelli *** 1. Comproprietà e divisibilità della quota 1.1. Comproprietà della quota Il legislatore della Riforma ribadisce che, nonostante

Dettagli

Regolamento Comunale. per l istituzione e la tenuta del registro Comunale. delle Associazioni di promozione sociale

Regolamento Comunale. per l istituzione e la tenuta del registro Comunale. delle Associazioni di promozione sociale Regolamento Comunale per l istituzione e la tenuta del registro Comunale delle Associazioni di promozione sociale Deliberazione C.C. n. Premessa e definizioni Il presente regolamento attua il Comma 2 dell

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario CIRCOLARE N. 28/E Settore Fiscalità Generale e Indiretta Roma, 27 marzo 2008 OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario 2 1. Premessa 3 2. Il nuovo ambito

Dettagli

DISCIPLINA DELL AZIENDA

DISCIPLINA DELL AZIENDA Prefazione alla seconda edizione....................... VII Prefazione alla prima edizione........................ IX Avvertenze................................ XIII PARTE PRIMA DISCIPLINA DELL AZIENDA

Dettagli

DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE DURATA CAPITALE SOCIALE E FINANZIAMENTI DEI SOCI. Struttura minimale

DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE DURATA CAPITALE SOCIALE E FINANZIAMENTI DEI SOCI. Struttura minimale DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE DURATA CAPITALE SOCIALE E FINANZIAMENTI DEI SOCI S.r.l. Struttura minimale DENOMINAZIONE Art *** La società è denominata (od, in forma abbreviata, ) ATTIVITA COSTITUENTE L OGGETTO

Dettagli

Avvertenze per i singoli riquadri

Avvertenze per i singoli riquadri MODULO INTERCALARE S Elenco dei soci e degli altri titolari di diritti su azioni o quote sociali - Pubblicità delle società soggette all'altrui attività di direzione e coordinamento AVVERTENZE GENERALI

Dettagli

SOMMARIO. Tabella delle abbreviazioni...

SOMMARIO. Tabella delle abbreviazioni... SOMMARIO Tabella delle abbreviazioni... XXIII 357 DIRITTO DELLE PERSONE FISICHE, DEI MINORI ED INCAPACI di ADRIANO PISCHETOLA VI.357.1 Atto di disposizione del proprio corpo relativamente alle tecniche

Dettagli

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA LE DELEGHE IN ASSEMBLEA La forma della delega Il Regolamento di Condominio La delega all Amministratore Contrasti tra condomino e delegato I comproprietari e altri casi Commenti e precisazioni A CURA DEL

Dettagli

La disciplina del contratto di agenzia

La disciplina del contratto di agenzia La disciplina del contratto di agenzia 1 Disciplina contratto agenzia Articoli da 1742 a 1752 codice civile Direttiva Cee n. 653/1986 - Adeguamento: D.Lgs. 10.9.1991, n. 303 (dal 5.10.1991) D.Lgs. 15.2.1999,

Dettagli

SOCIETA : ATTI E FATTI MODIFICATIVI

SOCIETA : ATTI E FATTI MODIFICATIVI Anagrafe Economica registro.imprese@an.camcom.it SOCIETA : ATTI E FATTI MODIFICATIVI Guida a cura del Registro delle Imprese di Ancona Per informazioni registro.imprese@an.camcom.it Versione 1 - ottobre

Dettagli

Capitolo I Generalità

Capitolo I Generalità Prefazione................................. VII Capitolo I Generalità 1. Principi generali sul regime patrimoniale fra coniugi.......... 1 1.1. Introduzione......................... 1 1.2. Le convenzioni

Dettagli

SRL SEMPLIFICATA. A cura del Dott. Davide Colarossi

SRL SEMPLIFICATA. A cura del Dott. Davide Colarossi SRL SEMPLIFICATA A cura del Dott. Davide Colarossi 1 RIFERIMENTI NORMATIVI ART. 3 COMMA 1 DEL D.L. 1/2012 CONVERTITO IN LEGGE 27/2012 INTRODUCE ART. 2463-BIS CODICE CIVILE 2 COSTI PER LA COSTITUZIONE COSTI

Dettagli

Le clausole limitative della circolazione delle partecipazioni sociali e Il contratto di mantenimento

Le clausole limitative della circolazione delle partecipazioni sociali e Il contratto di mantenimento ASSOCIAZIONE DI CULTURA GIURIDICA Centro Studi per la Formazione del Notariato Le clausole limitative della circolazione delle partecipazioni sociali e Il contratto di mantenimento Firenze, 12 marzo 2011

Dettagli

ORIENTAMENTI IN MATERIA DI ATTI SOCIETARI 2015

ORIENTAMENTI IN MATERIA DI ATTI SOCIETARI 2015 COMITATO INTERREGIONALE DEI CONSIGLI NOTARILI DELLE TRE VENEZIE ORIENTAMENTI IN MATERIA DI ATTI SOCIETARI 2015 PRESENTAZIONE Semplificare ed agevolare le attività delle imprese per aumentare la competitività

Dettagli

STATUTO DI SOCIETA' CONSORTILE PER IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI INDUSTRIALI. Denominazione - Oggetto - Sede - Durata. Art. 1

STATUTO DI SOCIETA' CONSORTILE PER IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI INDUSTRIALI. Denominazione - Oggetto - Sede - Durata. Art. 1 STATUTO DI SOCIETA' CONSORTILE PER IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI INDUSTRIALI Denominazione - Oggetto - Sede - Durata Art. 1 E' costituita una Società a responsabilità limitata denominata:...- s.r.l.. Art.

Dettagli

Le operazioni sul capitale nelle società di capitali. Gli aumenti

Le operazioni sul capitale nelle società di capitali. Gli aumenti Le operazioni sul capitale nelle società di capitali. Gli aumenti 1 Perché un prezzo di emissione maggiore del valore nominale? Come determinare il prezzo di emissione? Funzione del sovrapprezzo 2 Funzione

Dettagli

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Indice Necessità di cambiamento nella gestione delle imprese Pag. 3 Gli strumenti e i titoli di debito Le fonti normative

Dettagli

LA LOCAZIONE, IL CONTRATTO DI AFFITTO DI RAMO D AZIENDA E LA GESTIONE ALBERGHIERA

LA LOCAZIONE, IL CONTRATTO DI AFFITTO DI RAMO D AZIENDA E LA GESTIONE ALBERGHIERA LA LOCAZIONE, IL CONTRATTO DI AFFITTO DI RAMO D AZIENDA E LA GESTIONE ALBERGHIERA LE SOMIGLIANZE E LE DIFFERENZE TRA LE FORME NEGOZIALI DI MAGGIOR UTILIZZO NEL MERCATO DEGLI AFFITTI Avv. Riccardo Delli

Dettagli

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi Carismi Convegni CARISMICONVEGNI IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Centro Studi I Cappuccini 22 Febbraio 2013 Avv. Francesco Napolitano DONAZIONE DI AZIENDA IMPOSTE DIRETTE La donazione di azienda da parte di

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Assegnazione Destinatari del Piano Società Controllate Gruppo Piaggio

Assegnazione Destinatari del Piano Società Controllate Gruppo Piaggio Piano di assegnazione di diritti di opzione su azioni proprie riservato al top management del Gruppo Piaggio e autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie previa revoca delle deliberazioni

Dettagli

TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE

TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE N O E S Le società Ripassare ed esercitarsi TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE Società di persone Società di capitali Società semplice Società in accomandita semplice Società cooperativa Società di mutua

Dettagli

Il procedimento di mediazione

Il procedimento di mediazione Il procedimento di mediazione 1 Informativa al cliente e procura alle liti (art. 4 D.Lgs. 28/2010, modif. ex art. 84, co. 1, D.L. n. 69/2013, conv., con modif., dalla L. n. 98/2013) INFORMATIVA EX ART.

Dettagli

AVEVA RAGIONE ENRICO C.

AVEVA RAGIONE ENRICO C. AVEVA RAGIONE ENRICO C. di Debora Cremasco I. PREMESSA. Siamo convinti che il conflitto societario sia endemico in tutte le realtà organizzate per l esercizio collettivo di un attività economica. Siamo

Dettagli

Lucio Toma Dottore Commercialista e Revisore Legale dei Conti. Le nuove potenzialità finanziarie nelle s.r.l. dopo la riforma

Lucio Toma Dottore Commercialista e Revisore Legale dei Conti. Le nuove potenzialità finanziarie nelle s.r.l. dopo la riforma Le nuove potenzialità finanziarie nelle s.r.l. dopo la riforma INDICE Introduzione pag. 2 1 Il quadro normativo 1.1 La nuova Srl dopo la Riforma» 3 1.2 Analisi del decreto legislativo n. 6/2003» 4 2 I

Dettagli

PER L IMPRENDITORE E ORA POSSIBILE ANCHE CEDERE L AZIENDA CON IL NUOVO PATTO DI FAMIGLIA

PER L IMPRENDITORE E ORA POSSIBILE ANCHE CEDERE L AZIENDA CON IL NUOVO PATTO DI FAMIGLIA PER L IMPRENDITORE E ORA POSSIBILE ANCHE CEDERE L AZIENDA CON IL NUOVO PATTO DI FAMIGLIA di Vincenzo D Andò PREMESSA La Legge 14.2.2006, n. 55 (pubblicata sulla G.U. n. 50 del 1.3.2006) ha introdotto nel

Dettagli

6. Cessione di quote in situazioni particolari: crediti del socio, pegno e usufrutto

6. Cessione di quote in situazioni particolari: crediti del socio, pegno e usufrutto 6. Cessione di quote in situazioni particolari: crediti del socio, pegno e usufrutto Luciano De Angelis - Christina Feriozzi 6.1 Cessione della quota in presenza di finanziamento soci a) Premessa Nelle

Dettagli

Il contratto di escrow: struttura fondamentale e principali utilizzi

Il contratto di escrow: struttura fondamentale e principali utilizzi 1. Premessa Il contratto di escrow: struttura fondamentale e principali utilizzi Con il termine escrow agreement si individua una particolare figura contrattuale, derivata dall esperienza dei paesi anglosassoni,

Dettagli

La tutela della proprietà intellettuale nella professione dell Architetto

La tutela della proprietà intellettuale nella professione dell Architetto La tutela della proprietà intellettuale nella professione dell Architetto Padova, 22 Novembre 2012 Studio Legale Seno Francini & Partners Avv. Fabrizio Seno Avv. Gherardo Piovesana OPERE DELL INGEGNO DA

Dettagli

Patti di famiglia e morte del socio. Avv. Pietro Maria di Giovanni

Patti di famiglia e morte del socio. Avv. Pietro Maria di Giovanni Pescara 3 dicembre 2013 Avv. Pietro Maria di Giovanni www.studiolegaledigiovanni.com divieto di patti successori l'art. 458 c.c. vieta ogni convenzione con cui taluno dispone della propria successione

Dettagli

LEZIONE 4 DICEMBRE 2013

LEZIONE 4 DICEMBRE 2013 LEZIONE 4 DICEMBRE 2013 Società in nome collettivo ( s.n.c. ) La società in nome collettivo (s.n.c.) costituisce il modello di organizzazione societaria che si presume normalmente adottato per l esercizio

Dettagli

atto costitutivo REPUBBLICA ITALIANA

atto costitutivo REPUBBLICA ITALIANA A LLEGATO Modello uniforme atto costitutivo/statuto per start-up innovative in forma di s.r.l. (art. 3, comma 10- bis, del decreto-legge 3/2015, convertito, con modificazioni, dalla legge 33/2015) atto

Dettagli

La circolazione dei segni distintivi

La circolazione dei segni distintivi La circolazione dei segni distintivi Marchio, insegna e ditta Torino, 19 marzo 2008 Avv. Massimo Sterpi LA DITTA Segno distintivo dell impresa che consente l individuazione e la distinzione tra i vari

Dettagli