2 a PARTE REDAZIONE DI UN PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE DELL ATTIVO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2 a PARTE REDAZIONE DI UN PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE DELL ATTIVO"

Transcript

1 2 a PARTE REDAZIONE DI UN PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE DELL ATTIVO 1

2 TRIBUNALE DI VARESE FALLIMENTO SOCIETA R. F. N... PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE (art. 104 ter L.F.) GIUDICE DELEGATO: CURATORE:. SENTENZA DICHIARATIVA N. DEPOSITATA IL. INVENTARIO DEPOSITATO IL ULTIMA PERIZIA ESTIMATIVA DEPOSITATA IL..(*) (*) (DATA DA CUI DECORRE IL TERMINE ORDINATORIO DI 60 GG. PER IL DEPOSITO DEL PROGRAMMA) 2

3 INDICE: 1. BREVE DESCRIZIONE DEI BENI COSTITUENTI IL PATRIMONIO DEL FALLIMENTO 2. ATTIVITA SVOLTE PRIMA DELL APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE 3. SUSSISTENZA DI PROPOSTE DI CONCORDATO 4. AZIONI RISARCITORIE, RECUPERATORIE e REVOCATORIE 5. VENDITA DELL AZIENDA 3

4 INDICE: 6. RECUPERO CREDITI 7. VENDITA DELLE QUOTE 8. VENDITA DELL IMMOBILE AZIENDALE 9. BENI CHE IL CURATORE NON RITIENE CONVENIENTE ACQUISIRE ALL'ATTIVO 10. PARERE DEL COMITATO DEI CREDITORI 11. APPROVAZIONE DEL GIUDICE DELEGATO 4

5 1. BREVE DESCRIZIONE DEI BENI COSTITUENTI IL PATRIMONIO DEL FALLIMENTO.. PREMESSA Quelle formulate sono ipotesi operative non esaustive. DESCRIZIONE 1) L'azienda appartenente alla società fallita svolge l'attività di..nella sede principale di in cui occupa un immobile di proprietà e nella filiale di.. in cui occupa un immobile condotto in locazione. 2) Il ramo di azienda costituito dalla sede principale comprende tutti i beni descritti nell'inventario (allegato n ) depositato in data.. 5

6 1. BREVE DESCRIZIONE DEI BENI COSTITUENTI IL PATRIMONIO DEL FALLIMENTO.. 3. Il ramo d azienda costituito dalla filiale comprende i beni mobili descritti nell'inventario (allegato n ) depositato in data. 4. Completano il patrimonio I crediti verso clienti e altri enti ed una partecipazione in società immobiliare. 6

7 PRINCIPI GENERALI CUI ATTENERSI NEL REDIGERE IL PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE (art co. L.F.) Le vendite e gli altri atti di liquidazione sono effettuati dal curatore: - tramite procedure competitive - sulla base di stime effettuate da esperti - adeguatamente pubblicizzate in modo da garantire la massima partecipazione degli interessati 7

8 EFFETTI DELL APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE (art. 104/TER 4 co. L.F.) L approvazione del programma di liquidazione sostituisce le singole autorizzazioni eventualmente necessarie per il compimento di atti o effettuazione operazioni inclusi nel programma. 8

9 2. ATTIVITA SVOLTE PRIMA DELL APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE 1) Relativamente al ramo di azienda costituito dalla sede principale, al fine di preservare il valore dell azienda, con il parere favorevole del Comitato dei Creditori e l autorizzazione del Giudice Delegato, rilasciata in data è stato stipulato un contratto di affitto dell'azienda con la società.. affittuaria per la durata di 12 mesi e per il canone mensile di. (*) Prima del decorso di detto termine, si procederà all individuazione di un acquirente con le modalità esposte nel capitolo 5. (*) dettagliare condizioni del contratto 9

10 2. ATTIVITÀ SVOLTE PRIMA DELL APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE 2) Ai sensi dell art. 104/ter 6 co., relativamente alla filiale di., verificata l impossibilità della sua cessione o affitto, al fine di evitare l'incremento delle spese in prededuzione (affitto) con il parere favorevole del Comitato dei Creditori e l'autorizzazione del Giudice Delegato concessa in data., sono stati venduti in blocco alla società. i beni mobili risultanti dall inventario allegato al presente al n.., al prezzo di euro... 10

11 3. SUSSISTENZA DI PROPOSTE DI CONCORDATO. (art. 104/ter 2 co lett. b) Ad oggi non esistono proposte di concordato fallimentare su cui esprimere un parere. 11

12 4. AZIONI RISARCITORIE - RECUPERATORIE REVOCATORIE (art. 104/ter 2 c. lett. c) AZIONI RISARCITORIE I) L analisi sino ad ora compiuta non ha permesso di accertare in maniera inequivocabile l esistenza di fatti che hanno determinato il dissesto e che siano riconducibili alla responsabilità di uno o più soggetti. Lo scrivente, quindi, si riserva di esperire azione di responsabilità nei confronti degli amministratori. Ove emergesse tale possibilità lo scrivente procederà ad integrare il presente piano sottoponendolo nuovamente al parere del comitato dei Creditori ed all approvazione del Giudice Delegato. 12

13 4. AZIONI RISARCITORIE - RECUPERATORIE REVOCATORIE (art. 104/ter 2 c. lett. c) AZIONI RECUPERATORIE Cause in corso alla data di fallimento: A) causa di.. promossa nei confronti di.., avanti il Tribunale di. per ottenere il pagamento. Il valore della causa ammonta a (*) b) causa di.. promossa dalla società debitrice. avverso d.i. ottenuto dalla fallita società, avanti il Tribunale di.. per vizi relativi ai beni forniti. Il valore della causa ammonta ad (*) (*) Motivazioni sintetiche 13

14 4. AZIONI RISARCITORIE - RECUPERATORIE - REVOCATORIE (art. 104/ter 2 c. lett. c) AZIONI RECUPERATORIE Sentito il parere degli avvocati che hanno assistito la società ante fallimento (pareri allegati in all. n... e n...), si ritiene opportuno proseguire entrambe le cause. Si ritiene di confermare l'incarico all Avv. già legale della società, ante fallimento. 14

15 4. AZIONI RISARCITORIE - RECUPERATORIE REVOCATORIE (ART. 104/TER 2 C. LETT. C) AZIONI REVOCATORIE Dall'esame delle registrazioni contabili, sono stati individuati pagamenti e atti revocabili ex art. 67 L.F., in relazione ai quali si intende promuovere azione revocatoria nei confronti di: 1) Banca : per le rimesse effettuate nel semestre precedente la dichiarazione di fallimento sul c/c.. intrattenuto presso la filiale di... tali rimesse hanno portato la fallita ad una riduzione "consistente e durevole" dell'esposizione debitoria nei confronti dell istituto per l importo di... (allegare documentazione) 15

16 4. AZIONI RISARCITORIE - RECUPERATORIE REVOCATORIE (ART. 104/TER 2 C. LETT. C) AZIONI REVOCATORIE -Fornitore : per pagamento con mezzi anormali (compensazione tra debiti di fornitura e crediti derivanti da cessioni di beni strumentali della fallita) per l importo di.. Ove possibile, saranno esperiti tentativi di soluzione bonaria per i quali si richiederà autorizzazione ai sensi art. 35 L.F.. TERMINI PREVISTI Per ottenere la sentenza di 1 grado saranno necessari circa 2/3 anni. Si pensa di affidare l incarico all Avv. del foro di. 16

17 5. VENDITA DELL'AZIENDA (art. 105 L.F.) DESCRIZIONE Vedasi perizia effettuata dal perito Dott.. MODALITÀ Per individuare l acquirente si terrà una gara informale (procedura competitiva) nell ufficio del curatore al prezzo base di..coincidente con la valutazione (*). La gara sarà pubblicizzata tramite inserzione sui quotidiani,.. e siti internet specializzati, adempimenti affidati alla società. (*) Indicare tutti gli elementi che caratterizzeranno le modalità di svolgimento della gara e le clausole del contratto di cessione 17

18 5. VENDITA DELL'AZIENDA (art. 105 L.F.) Sarà data eventuale comunicazione del prezzo di vendita dell'azienda all'affittuario per l' esercizio del diritto di prelazione (art. 104bis, 5 comma, L.F.) TERMINI PREVISTI Primo tentativo di vendita, entro la data di scadenza del contratto di affitto dell'azienda (12 mesi). In caso di esito negativo, entro i successivi tre mesi, si procederà con un integrazione del programma di liquidazione. 18

19 6. RECUPERO CREDITI (art. 106 L.F.) DESCRIZIONE Dalla contabilità della società fallita risultano i crediti commerciali descritti nell elenco allegato al presente piano sotto la lettera, così riassumibili: Euro per crediti verso clienti residenti in Italia; Euro per crediti verso clienti residenti all estero; Risultano inoltre i seguenti crediti verso Istituti di previdenza o assistenza e verso l Erario: Euro. per Inail Euro. per Irap 19

20 6. RECUPERO CREDITI (art. 106 L.F.) MODALITÀ DI INCASSO/CESSIONE: CREDITI COMMERCIALI Per i crediti commerciali di importo superiore ad euro ,00, si procederà al loro incasso avvalendosi, in caso di contestazioni, dell'assistenza di un legale per promuovere eventuali azioni per il loro recupero. Per la riscossione dei crediti commerciali di importo inferiore ad euro ,00, verrà conferito mandato alla società... Si allega l'offerta fatta pervenire dalla stessa che si caratterizza per la totale assenza di costi fissi e remunerazione calcolata sui soli importi riscossi. 20

21 6. RECUPERO CREDITI (art. 106 L.F.) CREDITI ERARIALI Verrà chiesto il loro rimborso e, nel caso, verrà valutata l'opportunità di una loro cessione per la quale si procederà ad integrare il programma di liquidazione. Termini previsti Entro 12/18 mesi dalla data del presente programma per i crediti commerciali non contestati. Entro 36 mesi per quelli con azione legale per il recupero Termini imprecisati per i crediti erariali. 21

22 7. VENDITA DELLE QUOTE (art. 106 L.F.) DESCRIZIONE Quota di srl di nominali euro.., corrispondente al 30% del capitale sociale della società, con sede in.. giusta valutazione effettuata dal perito Dott.. (*) che ne ha individuato il valore di.. (*) in possesso dei requisiti di cui art. 107 u.c. L.F. 22

23 7. VENDITA DELLE QUOTE (art. 106 L.F.) MODALITÀ Tenuto conto del valore del bene, per individuare l acquirente si terrà una gara nell ufficio del Curatore al prezzo base coincidente con la valutazione (**). (**)Indicare tutti gli elementi che caratterizzeranno le modalità di svolgimento della gara e le clausole del contratto di cessione). 23

24 7. VENDITA DELLE QUOTE (art. 106 L.F.) PUBBLICITÀ Stralcio del presente programma di liquidazione sarà notificato alla società partecipata ex art C.C. La gara sarà pubblicizzata tramite inserzione sui quotidiani.,.,.., nonché su rete Internet all indirizzo., (adempimenti affidati alla società ). TEMPI PREVISTI Primo tentativo di vendita entro 4 mesi. Il contratto di cessione sarà redatto dal notaio scelto dall acquirente entro 2 mesi dall individuazione dell acquirente. 24

25 8. VENDITA DELL IMMOBILE AZIENDALE (art. 107 L.F.) DESCRIZIONE Immobile rappresentato dall opificio industriale sito in... via... n..... costituito da un corpo prefabbricato ad un piano fuori terra, valutato nella perizia estimativa resa dall ing. (*) che si allega al presente sotto il n. (*) in possesso dei requisiti di cui art. 107 u.c. L.F. 25

26 8. VENDITA DELL IMMOBILE AZIENDALE (art. 107 L.F.) MODALITÀ Tenuto conto del valore del bene, sarà eseguita la vendita, con modalità competitive, senza pubblico incanto alla miglior offerta.(*) (*)Indicare tutti gli elementi che caratterizzeranno le modalità di svolgimento della gara e dell aggiudicazione. 26

27 8. VENDITA DELL IMMOBILE AZIENDALE (art. 107 L.F.) Pubblicità Saranno eseguiti i seguenti adempimenti: prima della vendita sarà effettuata l affissione per tre giorni consecutivi nell albo del Tribunale di.. di un avviso contenente i dati salienti del presente progetto. Sarà effettuata idonea pubblicità, per estratto, sui quotidiani:..,,. nonché su rete Internet all indirizzo, per il tramite della società.. A ciascuno dei creditori ammessi al passivo con diritto di prelazione sull immobile, nonché ai creditori ipotecari, prima del completamento delle operazioni di vendita, sarà notificata a cura dello scrivente Curatore un estratto delle condizioni di vendita. 27

28 8. VENDITA DELL IMMOBILE AZIENDALE (art. 107 L.F.) TERMINI PREVISTI Primo tentativo di vendita, entro 18/24 mesi dalla data del presente programma, previa cessione dell'azienda. In caso di gara deserta, verrà riproposta una nuova gara alle stesse condizioni, con prezzo eventualmente ridotto secondo le modalità successivamente individuate. 28

29 8. VENDITA DELL IMMOBILE AZIENDALE CANCELLAZIONE IPOTECHE (art. 108 L.F.) MODALITÀ Il Giudice Delegato una volta eseguita la vendita e riscosso interamente il prezzo, ordina, con decreto, la cancellazione delle iscrizioni relative ai diritti di prelazione, nonché delle trascrizioni dei pignoramenti e dei sequestri conservativi e di ogni altro titolo. 29

30 9. BENI CHE IL CURATORE NON RITIENE CONVENIENTE ACQUISIRE ALL'ATTIVO (art. 104 ter 7 c. L.F.) La società fallita è proprietaria di un autocarro targato., mod., anno di immatricolazione, in pessimo stato di conservazione. Considerato che il valore del bene risulta prossimo allo zero e che, con ogni probabilità, il fallimento, non riuscendo a venderlo a terzi, dovrebbe sostenere i costi per la relativa rottamazione, non si è ritenuto conveniente acquisire tale cespite all'attivo della procedura, così come autorizzato dal Comitato dei Creditori in data (all... ). 30

31 Ch.mo Avv. Spett.le Ditta Erg. Sig. Oggetto: Fallimento - trasmissione del progetto di programma di liquidazione. Nella Vs. qualità di componenti il Comitato dei Creditori, ai sensi dell art. 104/ter L.F., Vi trasmetto il progetto del programma di liquidazione in oggetto. Vi prego di trasmettermi le Vs. osservazioni e, ove non riteneste di formularne, la Vs. approvazione. Resto a disposizione per ogni chiarimento e ringraziando per la collaborazione, Vi saluto cordialmente. Il Curatore 31

32 10. PARERE DEL COMITATO DEI CREDITORI Il Comitato dei Creditori, visto il programma di liquidazione predisposto dal Curatore fallimentare, esprime parere favorevole: Banca. Fornitore Creditore 32

33 APPROVAZIONE DEL GIUDICE DELEGATO Il GIUDICE DELEGATO Visto: - Il programma di liquidazione predisposto dal Curatore Fallimentare; - Il parere favorevole del Comitato dei Creditori Approva Il programma di liquidazione così come predisposto e ne ordina il deposito in cancelleria..,li Il Giudice Delegato Dott. 33

PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE

PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE Fallimento N. Giudice Delegato Dott. TRIBUNALE DI COSENZA Prima sezione civile Ufficio fallimenti PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE EX ART. 104-TER L.F. Illustrissimo Signor Giudice Delegato, il sottoscritto Curatore

Dettagli

LE VENDITE FALLIMENTARI E NEL CONCORDATO PREVENTIVO CON CESSIONE DI BENI

LE VENDITE FALLIMENTARI E NEL CONCORDATO PREVENTIVO CON CESSIONE DI BENI 1 LE VENDITE FALLIMENTARI E NEL CONCORDATO PREVENTIVO CON CESSIONE DI BENI Vendite fallimentari 2 Ante riforma (16.7.2006), solo vendite secondo il c.p.c.; vendite con incanto e vendite senza incanto;

Dettagli

www.fallimentitribunalemilano.net Tribunale di Milano - Sez.fallimentare

www.fallimentitribunalemilano.net Tribunale di Milano - Sez.fallimentare Tribunale di Milano - Sez.fallimentare ORDINANZA DI VENDITA DI IMMOBILI CON INCANTO Il GIUDICE DELEGATO Dott.ssa Francesca Mammone, vista l'istanza che precede presentata dal curatore del fallimento dott.

Dettagli

PROGRAMMA di LIQUIDAZIONE: PROFILI SOSTANZIALI e PROCEDURALI

PROGRAMMA di LIQUIDAZIONE: PROFILI SOSTANZIALI e PROCEDURALI & CONTABILITÀ & BILANCIO PROGRAMMA di LIQUIDAZIONE: PROFILI SOSTANZIALI e PROCEDURALI Analisi dell adempimento, alla luce delle recenti interpretazioni del Cndcec: criteri di redazione, adempimenti del

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA Concordato Preventivo n. 48/2014 Casa Generalizia dell Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Dio Fatebenefratelli

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA Concordato Preventivo n. 48/2014 Casa Generalizia dell Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Dio Fatebenefratelli Spett.le Roma, 10 agosto 2015 comunicazione via PEC/Raccomandata A.R. Rif.: Avviso ai creditori ex art. 171, II co., L.F. - Concordato preventivo n. 48/2014 - Casa Generalizia dell Ordine Ospedaliero di

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

TRIBUNALE DI UDINE ATTO DI INTEGRAZIONE AL PIANO E PRODUZIONI DOCUMENTALI EX ART. 162 L.F. p r e m e s s o:

TRIBUNALE DI UDINE ATTO DI INTEGRAZIONE AL PIANO E PRODUZIONI DOCUMENTALI EX ART. 162 L.F. p r e m e s s o: TRIBUNALE DI UDINE ATTO DI INTEGRAZIONE AL PIANO E PRODUZIONI DOCUMENTALI EX ART. 162 L.F. per: COOPCA SOCIETA COOPERATIVA CARNICA DI CONSUMO, con l avv. Giuseppe Campeis (d ora innanzi anche la Società

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Prefazione... pag. 5

INDICE SOMMARIO. Prefazione... pag. 5 INDICE SOMMARIO Prefazione........................................................ pag. 5 Costituzione in mora del debitore 1. Lettera di convocazione per tentativo di definizione bonaria...» 21 2. Lettera

Dettagli

ADEMPIMENTI DEL DELEGATO NELLE PROCEDURE ESECUTIVE IMMOBILIARI

ADEMPIMENTI DEL DELEGATO NELLE PROCEDURE ESECUTIVE IMMOBILIARI ADEMPIMENTI DEL DELEGATO NELLE PROCEDURE ESECUTIVE IMMOBILIARI A cura di Dott.ssa Elena Carli e Dott. Massimo Cambi 1 NOTA DEGLI AUTORI Il presente manuale rappresenta la risultanza degli studi e delle

Dettagli

TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA Ufficio Esecuzioni Immobiliari

TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA Ufficio Esecuzioni Immobiliari Nella procedura esecutiva esattoriale N... promossa da EQUITALIA CENTRO S.P.A. (Agente per la Riscossione Tributi della Provincia di Reggio Emilia) nei confronti di PIGNORAMENTO DEL / / R.P. IL GIUDICE

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VARESE

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VARESE ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VARESE CORSO DI FORMAZIONE La Riforma della Legge Fallimentare nei suoi aspetti pratici 3 a giornata Venerdì 19 Maggio 2006 Esercitazioni

Dettagli

TRIBUNALE DI FORLI FALLIMENTO A.T.E. CENTER S.R.L. Vista l autorizzazione del Comitato dei Creditori al Programma di liquidazione che prevede

TRIBUNALE DI FORLI FALLIMENTO A.T.E. CENTER S.R.L. Vista l autorizzazione del Comitato dei Creditori al Programma di liquidazione che prevede TRIBUNALE DI FORLI FALLIMENTO A.T.E. CENTER S.R.L. N. 18/10 Reg.Fall. Sentenza: n. 18 del 12 aprile 2010 BANDO DI VENDITA IMMOBILIARE Ill.mo Signor Giudice Delegato DOTT.ALBERTO PAZZI Il sottoscritto Dott.

Dettagli

TRIBUNALE DI BRESCIA

TRIBUNALE DI BRESCIA VIA TRIESTE 77 F 25018 MONTICHIARI BRESCIA TEL. 0309981177 - FAX 0309981092 e-mail : procedure@studioprignacca.it TRIBUNALE DI BRESCIA SEZIONE SPECIALE D IMPRESA Fallimento xxxx G.D.: Dott. Paolo Bonofiglio

Dettagli

ADEMPIMENTI DEL LIQUIDATORE

ADEMPIMENTI DEL LIQUIDATORE COMMISSIONE COMITATO SCIENTIFICO AREA PROCEDURE CONCORSUALI PROCEDIMENTI DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO E DI LIQUIDAZIONE DEL PATRIMONIO PARTE TERZA ADEMPIMENTI DEL LIQUIDATORE ADEMPIMENTI

Dettagli

LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI

LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI IL MANDATO IRREVOCABILE AD INCASSARE E A DISTRIBUIRE IL CREDITO ERARIALE ATTRIBUITO A UNA SOCIETA FIDUCIARIA: ESAME DI UN CASO PRATICO 1 Il problema - Le Procedure

Dettagli

TRIBUNALE DI VERONA SEZIONE FALLIMENTARE BANDO D ASTA PER AFFITTO DI RAMO D AZIENDA ALBERGHIERO EX ART. 104 BIS. L. F.

TRIBUNALE DI VERONA SEZIONE FALLIMENTARE BANDO D ASTA PER AFFITTO DI RAMO D AZIENDA ALBERGHIERO EX ART. 104 BIS. L. F. TRIBUNALE DI VERONA SEZIONE FALLIMENTARE BANDO D ASTA PER AFFITTO DI RAMO D AZIENDA ALBERGHIERO EX ART. 104 BIS. L. F. Nella procedura fallimentare n.83 R.F., del 24.6.2013 n. 86 sent. Giudice Delegato:

Dettagli

REGOLAMENTO. 1. Le proposte potranno avere per oggetto offerte d acquisto per i. a) L immobile sito in Canzo Via Vittorio Veneto n.

REGOLAMENTO. 1. Le proposte potranno avere per oggetto offerte d acquisto per i. a) L immobile sito in Canzo Via Vittorio Veneto n. REGOLAMENTO 1. Le proposte potranno avere per oggetto offerte d acquisto per i lotti in appresso indicati: a) L immobile sito in Canzo Via Vittorio Veneto n. 57/a; prezzo base 271.292,80. La consegna avverrà

Dettagli

Factoring Tour: Bari

Factoring Tour: Bari Factoring Tour: Bari Il factoring: la gestione professionale dei crediti al servizio dell impresa LA CESSIONE DEI CREDITI IVA E NOVITA IN TEMA DI REVOCATORIA FALLIMENTARE Intervento di Massimo Lupi, avvocato

Dettagli

1) Condizioni della vendita lotto 1

1) Condizioni della vendita lotto 1 ASSOCIAZIONE NOTARILE PER LE PROCEDURE ESECUTIVE VIA UGO LA MALFA, 4 25124 - BRESCIA Tel.: 030.22.28.49 - Fax.: 030.22.42.37 TRIBUNALE DI BRESCIA FALLIMENTO n. 111/12 XXXXXXX. C.F. 02885980983 Giudice

Dettagli

LIQUIDAZIONE. Alcuni aspetti di rilievo. Dott. Raffaele MARCELLO. Liquidazione delle S.r.l.: inquadramento

LIQUIDAZIONE. Alcuni aspetti di rilievo. Dott. Raffaele MARCELLO. Liquidazione delle S.r.l.: inquadramento LIQUIDAZIONE Alcuni aspetti di rilievo Dott. Raffaele MARCELLO Agenda Liquidazione delle S.r.l.: inquadramento Nomina liquidatori S.r.l. Adempimenti (verbali) Caso: riduzione del capitale per perdite sotto

Dettagli

LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA

LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA INCONTRO FORMATIVO LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA Recenti novità normative art. 33, comma 5, D.L. Crescita riconoscimento dell Accordo di Ristrutturazione dei debiti tra le procedure che consentono

Dettagli

F ABIO AMENDOLA Dottore Commercialista Revisore Contabile

F ABIO AMENDOLA Dottore Commercialista Revisore Contabile F ABIO AMENDOLA Dottore Commercialista Revisore Contabile Alto Sele Srl Inviata tramite e-mail PEC all'indirizzo info@pec.altosele.it Via Macchia, 3 84020 Colliano SA Italia SALERNO, 28/03/2013 Oggetto:

Dettagli

ADEMPIMENTI PER LA CHIUSURA DEL FALLIMENTO

ADEMPIMENTI PER LA CHIUSURA DEL FALLIMENTO ADEMPIMENTI PER LA CHIUSURA DEL FALLIMENTO CONTROLLI 1. Controllare attentamente che tutti i beni siano stati venduti, non ci siano crediti da riscuotere (eventualmente cederli e abbandonare quelli inesigibili)

Dettagli

PROVA PRATICA N. 13 BUSINESS PLAN: STRUTTURA E CONTENUTI (PROVA ASSEGNATA ALL UNIVERSITÀ DI VERONA - I SESSIONE 2009)

PROVA PRATICA N. 13 BUSINESS PLAN: STRUTTURA E CONTENUTI (PROVA ASSEGNATA ALL UNIVERSITÀ DI VERONA - I SESSIONE 2009) PROVA PRATICA N. 13 BUSINESS PLAN: STRUTTURA E CONTENUTI (PROVA ASSEGNATA ALL UNIVERSITÀ DI VERONA - I SESSIONE 2009) Il candidato, dopo avere definito il concetto di business plan, ne specifichi la struttura

Dettagli

DELLA LIQUIDAZIONE DELL ATTIVO

DELLA LIQUIDAZIONE DELL ATTIVO DELLA LIQUIDAZIONE DELL ATTIVO Il capo VI della legge fallimentare che tratta della liquidazione dell attivo subisce, nello schema tracciato dal legislatore le inevitabili conseguenze dovute alla rivoluzione

Dettagli

CENTRO STUDI SUL DIRITTO COMMERCIALE E TRIBUTARIO DOTT. MARCO MASI IL LIBRETTO VERDE ADEMPIMENTI NELLE PROCEDURE CONCORSUALI WWW.FALLIMENTO.

CENTRO STUDI SUL DIRITTO COMMERCIALE E TRIBUTARIO DOTT. MARCO MASI IL LIBRETTO VERDE ADEMPIMENTI NELLE PROCEDURE CONCORSUALI WWW.FALLIMENTO. CENTRO STUDI SUL DIRITTO COMMERCIALE E TRIBUTARIO DOTT. MARCO MASI IL LIBRETTO VERDE ADEMPIMENTI NELLE PROCEDURE CONCORSUALI WWW.FALLIMENTO.IT SETTIMA EDIZIONE 2013 ASSOCIAZIONE DEI COMMERCIALISTI DEL

Dettagli

soggetto partecipante propone l acquisto anche alternativo : di beni in blocco individuati; di singoli beni individuati; di un singolo bene

soggetto partecipante propone l acquisto anche alternativo : di beni in blocco individuati; di singoli beni individuati; di un singolo bene REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE IRREVOCABILI INERENTI L ACQUISTO DEI BENI INCLUSI NEL PATRIMONIO FALLIMENTARE SUDDIVISO NELLE CATEGORIE DI SEGUITO ELENCATE A) Con sentenza datata 2 agosto

Dettagli

2. Formule di atti giudiziari

2. Formule di atti giudiziari 2. Formule di atti giudiziari Giuliano Scarselli, Giuseppe Camardi 2.1 Formule utilizzabili per promuovere l azione revocatoria ordinaria ex art. 2901 c.c. Revocatoria di donazione successiva al sorgere

Dettagli

La fase liquidatoria dell attivo fallimentare.

La fase liquidatoria dell attivo fallimentare. CORSO DI DIRITTO FALLIMENTARE PER CURATORI E DIFENSORI La fase liquidatoria dell attivo fallimentare. relatore dott. Antonio Griner Commercialista in Andria Trani 11 maggio 2012 La riforma della legge

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Mutuo Casa con garanzia ipotecaria

FOGLIO INFORMATIVO. Mutuo Casa con garanzia ipotecaria FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi della normativa in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari (Titolo VI del D.Lgs. 385/1993, Testo Unico Bancario, e relative disposizioni

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI PERUGIA UFFICIO REGISTRO IMPRESE LE PROCEDURE CONCORSUALI DOPO LA RIFORMA DELLA LEGGE

CAMERA DI COMMERCIO DI PERUGIA UFFICIO REGISTRO IMPRESE LE PROCEDURE CONCORSUALI DOPO LA RIFORMA DELLA LEGGE www.pg.camcom.gov.it CAMERA DI COMMERCIO DI PERUGIA UFFICIO REGISTRO IMPRESE LE PROCEDURE CONCORSUALI DOPO LA RIFORMA DELLA LEGGE MANUALE OPERATIVO PER GLI ADEMPIMENTI REGISTRO IMPRESE IN MATERIA DI FALLIMENTO,

Dettagli

Dott.ssa Manuela Massenz Giudice della III Sezione Tribunale di Milano

Dott.ssa Manuela Massenz Giudice della III Sezione Tribunale di Milano Dott.ssa Manuela Massenz Giudice della III Sezione Tribunale di Milano IL PROGETTO DI DISTRIBUZIONE Convegno Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano 1 Le esecuzioni immobiliari

Dettagli

CENTRO STUDI DI DIRITTO FALLIMENTARE DI SIRACUSA CORSO DI DIRITTO FALLIMENTARE

CENTRO STUDI DI DIRITTO FALLIMENTARE DI SIRACUSA CORSO DI DIRITTO FALLIMENTARE CORSO DI DIRITTO FALLIMENTARE dal 9 ottobre al 12 dicembre 2015 Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Siracusa Salone Gaspare Conigliaro - Viale Santa Panagia n.141/e I GIORNATA

Dettagli

TRIBUNALE DI BRESCIA FALLIMENTO n. 224/09 (pr. 147/12) xxxx. Giudice Delegato: Dott. Paolo Bonofiglio Curatore: Dott.

TRIBUNALE DI BRESCIA FALLIMENTO n. 224/09 (pr. 147/12) xxxx. Giudice Delegato: Dott. Paolo Bonofiglio Curatore: Dott. ASSOCIAZIONE NOTARILE PER LE PROCEDURE ESECUTIVE VIA UGO LA MALFA, 4 25124 - BRESCIA Tel.: 030.22.28.49 - Fax.: 030.22.42.37 TRIBUNALE DI BRESCIA FALLIMENTO n. 224/09 (pr. 147/12) xxxx Giudice Delegato:

Dettagli

* * * * * Contributo unificato ex L. 488/99 di 672,00 assolto il 05.02.2010 Provvedimento del G.D. del 25.01.2010- Credito Artigiano S.p.A.

* * * * * Contributo unificato ex L. 488/99 di 672,00 assolto il 05.02.2010 Provvedimento del G.D. del 25.01.2010- Credito Artigiano S.p.A. TRIBUNALE DI MILANO Seconda Sezione Civile FALLIMENTO: TEOREMA S.a.s. di Essevi S.r.l. in liq.ne N.R.G. 511/2009 GIUDICE DELEGATO: DOTT.SSA CATERINA MACCHI CURATORE: DOTT. MARIO DONI Contributo unificato

Dettagli

TRIBUNALE DI SALERNO SEZIONE FALLIMENTARE FALLIMENTO N. 67/2015

TRIBUNALE DI SALERNO SEZIONE FALLIMENTARE FALLIMENTO N. 67/2015 Giudice Delegato: dott.ssa Maria Elena Del Forno Curatore: dott. Eduardo Grimaldi P.E.C.: f67.2015salerno@pecfallimenti.it TRIBUNALE DI SALERNO SEZIONE FALLIMENTARE FALLIMENTO N. 67/2015 INVITO ALLA PRESENTAZIONE

Dettagli

F.D.G. (BEMBERG) SpA in Amministrazione Straordinaria Commissario straordinario Prof. Avv. Francesco Fimmanò BANDO DI VENDITA Il sottoscritto Prof.

F.D.G. (BEMBERG) SpA in Amministrazione Straordinaria Commissario straordinario Prof. Avv. Francesco Fimmanò BANDO DI VENDITA Il sottoscritto Prof. F.D.G. (BEMBERG) SpA in Amministrazione Straordinaria Commissario straordinario Prof. Avv. Francesco Fimmanò BANDO DI VENDITA Il sottoscritto Prof. Avv. Francesco Fimmanò, è interessato a ricevere offerte

Dettagli

L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione

L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione DOTT. ALBERTO GUIOTTO Bergamo, 5 febbraio 2013 STUDIO AGFM CONCORDATO PREVENTIVO E NUOVA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al MUTUO CHIROGRAFARIO PER IL CREDITO AL CONSUMO CHE COS È IL MUTUO CHIROGRAFARIO PER IL CREDITO AL CONSUMO

FOGLIO INFORMATIVO relativo al MUTUO CHIROGRAFARIO PER IL CREDITO AL CONSUMO CHE COS È IL MUTUO CHIROGRAFARIO PER IL CREDITO AL CONSUMO FOGLIO INFORMATIVO relativo al MUTUO CHIROGRAFARIO PER IL INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Piove di Sacco S.C. Via A. Valerio, 78-35028 Piove di Sacco Tel.: 049 5842066 - Fax: 049

Dettagli

Giornata di formazione sulla vendita competitiva a mezzo asta notarile telematica nelle procedure concorsuali

Giornata di formazione sulla vendita competitiva a mezzo asta notarile telematica nelle procedure concorsuali Giornata di formazione sulla vendita competitiva a mezzo asta notarile telematica nelle procedure concorsuali Firenze, martedì 26 maggio 2015 Università degli Studi di Firenze - Scuola di Economia e Management

Dettagli

GLI EFFETTI DELLA SENTENZA DICHIARATIVA DI FALLIMENTO NEI CONTRATTI COMMERCIALI

GLI EFFETTI DELLA SENTENZA DICHIARATIVA DI FALLIMENTO NEI CONTRATTI COMMERCIALI GLI EFFETTI DELLA SENTENZA DICHIARATIVA DI FALLIMENTO NEI CONTRATTI COMMERCIALI A cura di Walter Strozzieri Strozzieri & Associati La riforma delle procedure concorsuali ha ridisegnato gli effetti della

Dettagli

TRIBUNALE DI GENOVA Sezione Fallimentare

TRIBUNALE DI GENOVA Sezione Fallimentare TRIBUNALE DI GENOVA Sezione Fallimentare *** AVVISO DI VENDITA Il sottoscritto dott. Roberto Bozzo, curatore del fallimento Immobiliare e Sviluppo srl, visti gli atti ed in particolare la relazione dell

Dettagli

Lotto 2 Appezzamenti di terreno in agro di Matera, zona industriale Contrada Serritello

Lotto 2 Appezzamenti di terreno in agro di Matera, zona industriale Contrada Serritello TRIBUNALE DI MATERA SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI G.E. Dr. Laura MARRONE Professionista delegato: Avv. Mariano AGRESTI * * * * * - Espropriazione immobiliare n. 94/00 R.G.E.I. AVVISO DI VENDITA Il sottoscritto

Dettagli

Comune di Padova REGOLAMENTO PER LE ALIENAZIONI DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI PADOVA

Comune di Padova REGOLAMENTO PER LE ALIENAZIONI DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI PADOVA Comune di Padova REGOLAMENTO PER LE ALIENAZIONI DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI PADOVA Approvato con deliberazione consiliare n. 35 del 3 aprile 2001 INDICE DEGLI ARTICOLI: ART.1 FINALITA ED OGGETTO

Dettagli

QUATTROCCHIO BANDO DI VENDITA DELL AZIENDA DI TITOLARITA DEL FALLIMENTO XXXXX

QUATTROCCHIO BANDO DI VENDITA DELL AZIENDA DI TITOLARITA DEL FALLIMENTO XXXXX TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI TORINO SESTA SEZIONE CIVILE FALLIMENTI Giudice Delegato: Dott.ssa Maurizia GIUSTA Curatore: Prof. Dott. Luciano Matteo QUATTROCCHIO BANDO DI VENDITA DELL AZIENDA DI TITOLARITA

Dettagli

MUTUO IPOTECARIO A TASSO VARIABILE

MUTUO IPOTECARIO A TASSO VARIABILE INFORMAZIONI SULLA BANCA GBM BANCA SpA Sede Legale e Amministrativa: Lungotevere Michelangelo n. 5 00192 Roma. Capitale sociale al 31.12.2010: 28.579.000,00 Iscritta al Registro delle Imprese al n. P.I.

Dettagli

2 CORSO DI SPECIALIZZAZIONE PER L ATTIVITÀ DEL C USTODE G IUDIZIARIO NELLE E SECUZIONI I MMOBILIARI

2 CORSO DI SPECIALIZZAZIONE PER L ATTIVITÀ DEL C USTODE G IUDIZIARIO NELLE E SECUZIONI I MMOBILIARI 2 CORSO DI SPECIALIZZAZIONE PER L ATTIVITÀ DEL C USTODE G IUDIZIARIO NELLE E SECUZIONI I MMOBILIARI L Ordine dei Dottori, per il tramite della Commissione Esecuzioni Mobiliari ed Immobiliari, in collaborazione

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI BOLZANO. Fallimento: Edilzwei di Lorenzi Rodolfo & C. Sas e del socio accomandatario Lorenzi Rodolfo Fall. N.

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI BOLZANO. Fallimento: Edilzwei di Lorenzi Rodolfo & C. Sas e del socio accomandatario Lorenzi Rodolfo Fall. N. TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI BOLZANO Fallimento: Edilzwei di Lorenzi Rodolfo & C. Sas e del socio accomandatario Lorenzi Rodolfo Fall. N. 30/2006 * * * Oggetto: Progetto di ripartizione finale (art. 117

Dettagli

AFFITTO AZIENDA. a cura del Dott. Diego Boschiroli e del Dott. Francesco Monaco

AFFITTO AZIENDA. a cura del Dott. Diego Boschiroli e del Dott. Francesco Monaco AFFITTO AZIENDA a cura del Dott. Diego Boschiroli e del Dott. Francesco Monaco 1 ASPETTI CIVILISTICI } L affitto d azienda non ha una disciplina ad hoc NORME DEL CODICE CIVILE APPLICABILI : } L art. 2562

Dettagli

PR. SCADENZA ADEMPIMENTO NOTE COMMISSIONE PROCEDURE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE

PR. SCADENZA ADEMPIMENTO NOTE COMMISSIONE PROCEDURE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE 1 Entro 30 gg. dalla Comunicare all Agenzia delle Entrate la dichiarazione di fallimento sentenza di con modello di variazione dati (art. 35 Dpr 633/72). fallimento

Dettagli

Genova, 24 marzo 2015. Fallimento: l inventario e la gestione e liquidazione dell attivo - un caso - Viale IV Novembre 6/7-8

Genova, 24 marzo 2015. Fallimento: l inventario e la gestione e liquidazione dell attivo - un caso - Viale IV Novembre 6/7-8 Genova, 24 marzo 2015 Fallimento: l inventario e la gestione e liquidazione dell attivo - un caso - Dott. Gianni Briata Dott. Maurizio Schiano Viale IV Novembre 6/7-8 1 Attività iniziali del curatore -

Dettagli

Art. 2901 - Condizioni

Art. 2901 - Condizioni Art. 2901 - Condizioni [I]. Il creditore, anche se il credito è soggetto a condizione o a termine, può domandare che siano dichiarati inefficaci nei suoi confronti gli atti di disposizione del patrimonio

Dettagli

DISCIPLINA FISCALE DEI CREDITI IN SOFFERENZA. il primo reddituale

DISCIPLINA FISCALE DEI CREDITI IN SOFFERENZA. il primo reddituale Risposte a quesiti DISCIPLINA FISCALE DEI CREDITI IN SOFFERENZA In occasione della chiusura dell esercizio, è sempre opportuno, procedere alla valutazione dei crediti verso clienti che presentano difficoltà

Dettagli

TRIBUNALE DI FOGGIA ARTICOLAZIONE DEL TERRITORIO DI LUCERA. Ufficio Esecuzioni Immobiliari

TRIBUNALE DI FOGGIA ARTICOLAZIONE DEL TERRITORIO DI LUCERA. Ufficio Esecuzioni Immobiliari TRIBUNALE DI FOGGIA ARTICOLAZIONE DEL TERRITORIO DI LUCERA Ufficio Esecuzioni Immobiliari AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI Procedura Esecutiva Immobiliare n. 171/2010 R.G.E. promossa dalla Banca Popolare

Dettagli

TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE. Sezione Fallimentare. PROCEDURA COMPETITIVA DI VENDITA V Bando

TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE. Sezione Fallimentare. PROCEDURA COMPETITIVA DI VENDITA V Bando TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE Sezione Fallimentare Fallimento n. 96/2014 PROCEDURA COMPETITIVA DI VENDITA V Bando INVITO A PRESENTARE OFFERTE IRREVOCABILI PER L ACQUISTO DI BENI MOBILI Il Dott. Alessandro

Dettagli

MUTUO IPOTECARIO A TASSO FISSO

MUTUO IPOTECARIO A TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA GBM BANCA SpA Sede Legale e Amministrativa: Lungotevere Michelangelo n. 5 00192 Roma. Capitale sociale al 31.12.2010: 28.579.000,00 Iscritta al Registro delle Imprese al n. P.I.

Dettagli

FAC SIMILI DI ISTANZE. A. istanza per la vendita di un immobile. B. istanza per chiusura conto corrente; C. istanza per investimento mobiliare

FAC SIMILI DI ISTANZE. A. istanza per la vendita di un immobile. B. istanza per chiusura conto corrente; C. istanza per investimento mobiliare FAC SIMILI DI ISTANZE A. istanza per la vendita di un immobile B. istanza per chiusura conto corrente; C. istanza per investimento mobiliare A) (Istanza per l autorizzazione alla vendita di un immobile)

Dettagli

VADEMECUM SULLA PROCEDURA DI ESDEBITAZIONE DELL IMPRENDITORE AGRICOLO

VADEMECUM SULLA PROCEDURA DI ESDEBITAZIONE DELL IMPRENDITORE AGRICOLO VADEMECUM SULLA PROCEDURA DI ESDEBITAZIONE DELL IMPRENDITORE AGRICOLO A) GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE EX ARTICOLO 182-BIS DEL REGIO DECRETO DEL 1942 N.267 Generalità Una delle novità di maggior rilievo

Dettagli

Settimanale di Aggiornamento Fiscale del 28 Febbraio 2014. Premessa

Settimanale di Aggiornamento Fiscale del 28 Febbraio 2014. Premessa Settimanale di Aggiornamento Fiscale del 28 Febbraio 2014 DEDUCIBILITA DELLE PERDITE SU CREDITI Premessa La deducibilità fiscale degli oneri derivanti dalla inesigibilità definitiva dei crediti è disciplinata,

Dettagli

TRIBUNALE DI COMO. Fallimento: PREMIUM S.a.s. di D. ROSSI e C. con sede in. Lasnigo, Via Cassina n. 5, C.F. 01959080134 nonchè del socio

TRIBUNALE DI COMO. Fallimento: PREMIUM S.a.s. di D. ROSSI e C. con sede in. Lasnigo, Via Cassina n. 5, C.F. 01959080134 nonchè del socio TRIBUNALE DI COMO Fallimento: PREMIUM S.a.s. di D. ROSSI e C. con sede in Lasnigo, Via Cassina n. 5, C.F. 01959080134 nonchè del socio accomandatario Rossi Dario, nato a Milano il 02/02/1957, residente

Dettagli

TRIBUNALE DI ANCONA. Sezione Fallimentare. Concordato Preventivo n. 13/2012. della società FAZI BATTAGLIA Società Agricola S.p.A.

TRIBUNALE DI ANCONA. Sezione Fallimentare. Concordato Preventivo n. 13/2012. della società FAZI BATTAGLIA Società Agricola S.p.A. TRIBUNALE DI ANCONA Sezione Fallimentare Concordato Preventivo n. 13/2012 della società FAZI BATTAGLIA Società Agricola S.p.A. BANDO PER LA PROCEDURA DI VENDITA DI BENI IMMOBILI, DI MARCHI E DI DOMINI

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: DEFINITO IL REGIME FISCALE DEL RENT TO BUY PAG. 2

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: DEFINITO IL REGIME FISCALE DEL RENT TO BUY PAG. 2 CIRCOLARE N. 13 DEL 21/05/2015 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: DEFINITO IL REGIME FISCALE DEL RENT TO BUY PAG. 2 IN SINTESI: Come noto il contratto rent to buy prevede

Dettagli

GARANZIE RICHIESTE per operazioni di finanziamento

GARANZIE RICHIESTE per operazioni di finanziamento MEDIOCREDITO TRENTINO ALTO ADIGE S.p.A. Condizioni valide al 1 dicembre 2013 GARANZIE RICHIESTE per operazioni di finanziamento INFORMAZIONI SULLA BANCA Mediocredito Trentino Alto Adige S.p.A. Albo Banche

Dettagli

TRIBUNALE DI BRESCIA CONCORDATO PREVENTIVO n.26/09 (pr. 676/11) xxxxx omologato in data 4 marzo 2010

TRIBUNALE DI BRESCIA CONCORDATO PREVENTIVO n.26/09 (pr. 676/11) xxxxx omologato in data 4 marzo 2010 ASSOCIAZIONE NOTARILE PER LE PROCEDURE ESECUTIVE VIA UGO LA MALFA, 4 25124 - BRESCIA Tel.: 030.22.28.49 - Fax.: 030.22.42.37 info@anpebrescia.it TRIBUNALE DI BRESCIA CONCORDATO PREVENTIVO n.26/09 (pr.

Dettagli

Dottore Commercialista I Sessione 2008

Dottore Commercialista I Sessione 2008 PRIMA PROVA SCRITTA COMPITO N 1 Il candidato illustri le finalità del bilancio d esercizio secondo la normativa civilistica e i principi contabili. In particolare, si soffermi sulla capacità informativa

Dettagli

DEL NOTAIO DELEGATO OTTAVO ESPERIMENTO DI VENDITA

DEL NOTAIO DELEGATO OTTAVO ESPERIMENTO DI VENDITA TRIBUNALE DI TREVISO AVVISO DI VENDITA DEL NOTAIO DELEGATO Esecuzione n. 130/2008 R.G. Delegato: Notaio Lina Leotta OTTAVO ESPERIMENTO DI VENDITA Il sottoscritto Notaio Lina Leotta, delegato ex art. 591

Dettagli

Nome e Cognome/ Ragione Sociale Sede (Indirizzo) Telefono e E-mail. Iscrizione ad Albi o Elenchi Numero Delibera Iscrizione all Albo/ Elenco Qualifica

Nome e Cognome/ Ragione Sociale Sede (Indirizzo) Telefono e E-mail. Iscrizione ad Albi o Elenchi Numero Delibera Iscrizione all Albo/ Elenco Qualifica INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Reale S.p.A. Sede: Corso Vittorio Emanuele II, 101 10128 Torino; Capitale sociale: Euro 30.000.000,00 interamente versato Numero Verde: 803.808; Sito Internet: www.bancareale.it;

Dettagli

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Convegno OIC 6: Ristrutturazione del debito e informativa di bilancio Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE Dott. Luca Magnano San Lio Senior

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO A PRIVATI PER UNITA DA DIPORTO

FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO A PRIVATI PER UNITA DA DIPORTO FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO A PRIVATI PER UNITA DA DIPORTO LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO Sezione 1 - Informazioni su SARDALEASING S.p.A.

Dettagli

TRIBUNALE DI BRESCIA FALLIMENTO n. 289/2013 (pr. 792-14) xxxx nonché personale del socio xxxxx con sede in xxxx cod.

TRIBUNALE DI BRESCIA FALLIMENTO n. 289/2013 (pr. 792-14) xxxx nonché personale del socio xxxxx con sede in xxxx cod. ASSOCIAZIONE NOTARILE PER LE PROCEDURE ESECUTIVE Via Ugo La Malfa, 4 25124 - BRESCIA Tel. 030 22.28.49 - FAX 030 22.42.37 TRIBUNALE DI BRESCIA FALLIMENTO n. 289/2013 (pr. 792-14) xxxx nonché personale

Dettagli

TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE. Sezione Fallimentare. PROCEDURA COMPETITIVA DI VENDITA I Bando

TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE. Sezione Fallimentare. PROCEDURA COMPETITIVA DI VENDITA I Bando TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE Sezione Fallimentare Fallimento n. 92/2014 PROCEDURA COMPETITIVA DI VENDITA I Bando INVITO A PRESENTARE OFFERTE IRREVOCABILI PER L ACQUISTO DI BENI MOBILI Il Dott. Alessandro

Dettagli

I TIPI DI MUTUO E I LORO RISCHI. Mutuo a tasso fisso FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO/FONDIARIO TASSO FISSO - 81 INFORMAZIONI SULLA BANCA

I TIPI DI MUTUO E I LORO RISCHI. Mutuo a tasso fisso FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO/FONDIARIO TASSO FISSO - 81 INFORMAZIONI SULLA BANCA INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO Banca di Credito Cooperativo di San Marzano di San Giuseppe Taranto - Società Cooperativa Via Vittorio Emanuele s.n. 74020 San Marzano di San Giuseppe (Taranto)

Dettagli

SOMMARIO. Parte I La cancelleria fallimentare: aspetti giuridici, analisi e funzionamento

SOMMARIO. Parte I La cancelleria fallimentare: aspetti giuridici, analisi e funzionamento SOMMARIO Premessa... Profilo autori... III VII Parte I La cancelleria fallimentare: aspetti giuridici, analisi e funzionamento Capitolo 1 - Procedura fallimentare: aspetti giuridici sostanziali e procedurali

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco Venier, ha pronunciato, ai sensi dell art. 281 sexies c.p.c., la seguente

Dettagli

Il curatore avrà cura di compilare le parti evidenziate in rosa lasciando. al GD le aree evidenziate in rosso e quelle non evidenziate che

Il curatore avrà cura di compilare le parti evidenziate in rosa lasciando. al GD le aree evidenziate in rosso e quelle non evidenziate che Il curatore avrà cura di compilare le parti evidenziate in rosa lasciando al GD le aree evidenziate in rosso e quelle non evidenziate che verranno compilate dal gd in udienza (v. presenza parti) Il curatore

Dettagli

PIETRO RAVANI SRL in Liquidazione PIANO CONCORDATARIO E RELAZIONE SULLA SITUAZIONE PATRIMONIALE RETTIFICATA AL 23 DICEMBRE 2013

PIETRO RAVANI SRL in Liquidazione PIANO CONCORDATARIO E RELAZIONE SULLA SITUAZIONE PATRIMONIALE RETTIFICATA AL 23 DICEMBRE 2013 PIETRO RAVANI SRL in Liquidazione PIANO CONCORDATARIO E RELAZIONE SULLA SITUAZIONE PATRIMONIALE RETTIFICATA AL 23 DICEMBRE 2013 A) IRREVERSIBILITA DELLO STATO DI CRISI IN CUI VERSA LA SOCIETA Al fine di

Dettagli

TRIBUNALE DI PADOVA *** FALLIMENTO: X Group s.p.a. in liquidazione n. 177N/2013 AVVISO DI VENDITA BENI MOBILI TRAMITE PROCEDURA COMPETITIVA

TRIBUNALE DI PADOVA *** FALLIMENTO: X Group s.p.a. in liquidazione n. 177N/2013 AVVISO DI VENDITA BENI MOBILI TRAMITE PROCEDURA COMPETITIVA TRIBUNALE DI PADOVA *** FALLIMENTO: X Group s.p.a. in liquidazione n. 177N/2013 GIUDICE DELEGATO: Dott.ssa Maria Antonia Maiolino CURATORE: Dott.ssa Monica Benetollo AVVISO DI VENDITA BENI MOBILI TRAMITE

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

TRIBUNALE DI MODENA CANCELLERIA DEI FALLIMENTI. Fallimento N. 103/99 MUNDICI ARREDAMENTI S.N.C., di MUNDICI

TRIBUNALE DI MODENA CANCELLERIA DEI FALLIMENTI. Fallimento N. 103/99 MUNDICI ARREDAMENTI S.N.C., di MUNDICI TRIBUNALE DI MODENA CANCELLERIA DEI FALLIMENTI Fallimento N. 103/99 MUNDICI ARREDAMENTI S.N.C., di MUNDICI ROMANO, e MUNDICI SILVANO, nonché dei soci Mundici Romano e Mundici Silvano Giudice Delegato:

Dettagli

Tribunale di Campobasso. Concordato Preventivo n. 2/2012. ARENA AGROINDUSTRIE ALIMENTARI S.p.a.

Tribunale di Campobasso. Concordato Preventivo n. 2/2012. ARENA AGROINDUSTRIE ALIMENTARI S.p.a. Tribunale di Campobasso Concordato Preventivo n. 2/2012 ARENA AGROINDUSTRIE ALIMENTARI S.p.a. Procedura competitiva per la cessione dei marchi d impresa SURGELATI ARENA marchio (figurativo) - ARENA SURGELATI

Dettagli

COMUNE DI SANSEPOLCRO Provincia di Arezzo. (approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 113 del 14.10.2004)

COMUNE DI SANSEPOLCRO Provincia di Arezzo. (approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 113 del 14.10.2004) COMUNE DI SANSEPOLCRO Provincia di Arezzo REGOLAMENTO SULLE PROCEDURE DI ALIENAZIONE BENI IMMOBILI (approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 113 del 14.10.2004) Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento

Dettagli

Gestire efficacemente il debito: concordati stragiudiziali, piani di ristrutturazione e transazioni fiscali

Gestire efficacemente il debito: concordati stragiudiziali, piani di ristrutturazione e transazioni fiscali Gestire efficacemente il debito: concordati stragiudiziali, piani di ristrutturazione e transazioni fiscali Martedì 19 Gennaio 2010 Avv.to Paolo Manzato, Avv.to Patrizia Pietramale e Dott. Italo Vitale

Dettagli

DISCIPLINARE DELLE ATTIVITA CONNESSE AL SERVIZIO DI RISCOSSIONE MEDIANTE RUOLO

DISCIPLINARE DELLE ATTIVITA CONNESSE AL SERVIZIO DI RISCOSSIONE MEDIANTE RUOLO DISCIPLINARE DELLE ATTIVITA CONNESSE AL SERVIZIO DI RISCOSSIONE MEDIANTE RUOLO L anno -----------, il giorno -------- del mese di -------------, in Bolsena, tra Il Comune di Bolsena di seguito Ente con

Dettagli

PROCEDURA DI VENDITA DELL AZIENDA SIAC SECONDO BANDO DI VENDITA SENZA INCANTO

PROCEDURA DI VENDITA DELL AZIENDA SIAC SECONDO BANDO DI VENDITA SENZA INCANTO PROCEDURA DI VENDITA DELL AZIENDA SIAC SECONDO BANDO DI VENDITA SENZA INCANTO PREMESSE a) In data 19 20 giugno 2014 il Tribunale di Varese dichiarava il fallimento di S.I.A.C. INDUSTRIA ACCESSORI CAVARIA

Dettagli

QUANTO PUO COSTARE IL FIDO. Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

QUANTO PUO COSTARE IL FIDO. Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO CREDITO COOPERATIVO CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI ERCHIE Società Cooperativa Sede Legale ERCHIE (BR) Via Roma, 89 CAP 72020 Tel: 0831/767067 Fax: 0831/767591

Dettagli

Accordi di ristrutturazione dei debiti (art. 182-bis l. fall.)

Accordi di ristrutturazione dei debiti (art. 182-bis l. fall.) Accordi di ristrutturazione dei debiti (art. 182-bis l. fall.) Avv. Vittorio Lupoli 14 febbraio 2014 www.beplex.com II. GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI EX ART. 182-BIS L. FALL. Sommario: 1.

Dettagli

CHE COS'È IL MUTUO FONDIARIO/IPOTECARIO PER L'ACQUISTO DELL'ABITAZIONE PRINCIPALE

CHE COS'È IL MUTUO FONDIARIO/IPOTECARIO PER L'ACQUISTO DELL'ABITAZIONE PRINCIPALE INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO Banca di Credito Cooperativo di San Marzano di San Giuseppe Taranto - Società Cooperativa Via Vittorio Emanuele s.n. 74020 San Marzano di San Giuseppe (Taranto)

Dettagli

ANNUNCIO PUBBLICITARIO PRESTITO FONDIARIO CANTIERE INFORMAZIONI SULLA BANCA DESTINAZIONE CHE COS'E' IL MUTUO

ANNUNCIO PUBBLICITARIO PRESTITO FONDIARIO CANTIERE INFORMAZIONI SULLA BANCA DESTINAZIONE CHE COS'E' IL MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Padovana Credito Cooperativo S.C. in Amministrazione Straordinaria Via Caltana n. 7-35011 Campodarsego (Padova) Tel.: +39 049 9290111 Fax: +39 049 9290340 Email: info@bancapadovana.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DELLA PROVINCIA DI SIENA

REGOLAMENTO PER L'ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DELLA PROVINCIA DI SIENA REGOLAMENTO PER L'ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DELLA PROVINCIA DI SIENA SOMMARIO: Art. 1 Principi generali Art. 2 Piano delle alienazioni e delle valorizzazioni immobiliari Art. 3 Stima dei beni

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Introduzione...

INDICE SOMMARIO. Introduzione... SOMMARIO Introduzione... XV CAPITOLO 1 LA FORMA DEL PIGNORAMENTO 1. Come si articola la disciplina di riferimento... 2 2. Alcune osservazioni sul dato positivo... 5 3. L atto di pignoramento presso terzi...

Dettagli

FID: APER. CREDITO C/C TF CCD Apertura di credito ordinario in conto corrente a tasso fisso destinata a consumatori.

FID: APER. CREDITO C/C TF CCD Apertura di credito ordinario in conto corrente a tasso fisso destinata a consumatori. 1/7 Apertura di credito ordinario in conto corrente a tasso fisso destinata a consumatori. INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DEL FERMANO CREDITO COOPERATIVO VIALE TRENTO, 72 63900 FERMO (FM) Tel.: 0734/223429

Dettagli

ORDINE DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO. Lo stato passivo. A cura della

ORDINE DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO. Lo stato passivo. A cura della ORDINE DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Lo stato passivo A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale INDICE Premessa pag. 1 Modello di progetto di stato

Dettagli

TRIBUNALE DI FR SINON E ORDINE DI SERVIZIO IN DATA 1/12/08 ALLEGATO A Criteri di suddivisione delle materie tra i gruppi del settore civile

TRIBUNALE DI FR SINON E ORDINE DI SERVIZIO IN DATA 1/12/08 ALLEGATO A Criteri di suddivisione delle materie tra i gruppi del settore civile TRIBUNALE DI FR SINON E ORDINE DI SERVIZIO IN DATA 1/12/08 ALLEGATO A Criteri di suddivisione delle materie tra i gruppi del settore civile PRIMO GRUPPO Contratti atipici _1.43.101 Cessione di azienda

Dettagli

La nuova azione revocatoria fallimentare: cenni sulle principali novità

La nuova azione revocatoria fallimentare: cenni sulle principali novità La nuova azione revocatoria fallimentare: cenni sulle principali novità Come noto, con la Legge 14 maggio 2005, n. 80 (la Legge 80/2005 ), è stato convertito il Decreto Legge 14 marzo 2005, n. 35, recante

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA PER CESSIONE DI BENI AZIENDALI Le procedure di fallimento di seguito indicate, a mezzo dei rispettivi Curatori: REVAS GROUP SpA-

DISCIPLINARE DI GARA PER CESSIONE DI BENI AZIENDALI Le procedure di fallimento di seguito indicate, a mezzo dei rispettivi Curatori: REVAS GROUP SpA- DISCIPLINARE DI GARA PER CESSIONE DI BENI AZIENDALI Le procedure di fallimento di seguito indicate, a mezzo dei rispettivi Curatori: REVAS GROUP SpA- dott. Piergiorgio Renier, REVAS Srl - dott. Roberto

Dettagli

Mutuo ipotecario offerto per l acquisto o la costruzione della casa di abitazione prima casa.

Mutuo ipotecario offerto per l acquisto o la costruzione della casa di abitazione prima casa. INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Padovana Credito Cooperativo S.C. in Amministrazione Straordinaria Via Caltana n. 7-35011 Campodarsego (Padova) Tel.: +39 049 9290111 Fax: +39 049 9290340 FOGLIO INFORMATIVO

Dettagli

CAPITOLO TERZO (Redattore: Ciro Esposito) Programma di liquidazione. Art. 107 l.fall. vendita e liquidazione degli attivi INDICE PARTE PRIMA

CAPITOLO TERZO (Redattore: Ciro Esposito) Programma di liquidazione. Art. 107 l.fall. vendita e liquidazione degli attivi INDICE PARTE PRIMA CAPITOLO TERZO (Redattore: Ciro Esposito) Programma di liquidazione. Art. 107 l.fall. vendita e liquidazione degli attivi INDICE PARTE PRIMA 1. Esempio di programma di liquidazione. pag. 12 2. Esempio

Dettagli

Determinazione n. 3 del 23/04/2014

Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Criteri interpretativi in ordine alle disposizioni contenute nell art. 38, comma 1, lett. a) del D.Lgs. n. 163/2006 afferenti alle procedure di concordato preventivo

Dettagli

AVVISO DI PROCEDURA COMPETITIVA PER LA VENDITA DI RAMO DI AZIENDA PRECEDUTA DA UNA LOCAZIONE ***

AVVISO DI PROCEDURA COMPETITIVA PER LA VENDITA DI RAMO DI AZIENDA PRECEDUTA DA UNA LOCAZIONE *** TRIBUNALE DI LECCO Fallimento nr. 38/2014 Tomasi S.r.l. in liquidazione Giudice Delegato: Dott. Dario Colasanti Curatore: Avv. Stefano Artese *** AVVISO DI PROCEDURA COMPETITIVA PER LA VENDITA DI RAMO

Dettagli