2 a PARTE REDAZIONE DI UN PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE DELL ATTIVO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2 a PARTE REDAZIONE DI UN PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE DELL ATTIVO"

Transcript

1 2 a PARTE REDAZIONE DI UN PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE DELL ATTIVO 1

2 TRIBUNALE DI VARESE FALLIMENTO SOCIETA R. F. N... PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE (art. 104 ter L.F.) GIUDICE DELEGATO: CURATORE:. SENTENZA DICHIARATIVA N. DEPOSITATA IL. INVENTARIO DEPOSITATO IL ULTIMA PERIZIA ESTIMATIVA DEPOSITATA IL..(*) (*) (DATA DA CUI DECORRE IL TERMINE ORDINATORIO DI 60 GG. PER IL DEPOSITO DEL PROGRAMMA) 2

3 INDICE: 1. BREVE DESCRIZIONE DEI BENI COSTITUENTI IL PATRIMONIO DEL FALLIMENTO 2. ATTIVITA SVOLTE PRIMA DELL APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE 3. SUSSISTENZA DI PROPOSTE DI CONCORDATO 4. AZIONI RISARCITORIE, RECUPERATORIE e REVOCATORIE 5. VENDITA DELL AZIENDA 3

4 INDICE: 6. RECUPERO CREDITI 7. VENDITA DELLE QUOTE 8. VENDITA DELL IMMOBILE AZIENDALE 9. BENI CHE IL CURATORE NON RITIENE CONVENIENTE ACQUISIRE ALL'ATTIVO 10. PARERE DEL COMITATO DEI CREDITORI 11. APPROVAZIONE DEL GIUDICE DELEGATO 4

5 1. BREVE DESCRIZIONE DEI BENI COSTITUENTI IL PATRIMONIO DEL FALLIMENTO.. PREMESSA Quelle formulate sono ipotesi operative non esaustive. DESCRIZIONE 1) L'azienda appartenente alla società fallita svolge l'attività di..nella sede principale di in cui occupa un immobile di proprietà e nella filiale di.. in cui occupa un immobile condotto in locazione. 2) Il ramo di azienda costituito dalla sede principale comprende tutti i beni descritti nell'inventario (allegato n ) depositato in data.. 5

6 1. BREVE DESCRIZIONE DEI BENI COSTITUENTI IL PATRIMONIO DEL FALLIMENTO.. 3. Il ramo d azienda costituito dalla filiale comprende i beni mobili descritti nell'inventario (allegato n ) depositato in data. 4. Completano il patrimonio I crediti verso clienti e altri enti ed una partecipazione in società immobiliare. 6

7 PRINCIPI GENERALI CUI ATTENERSI NEL REDIGERE IL PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE (art co. L.F.) Le vendite e gli altri atti di liquidazione sono effettuati dal curatore: - tramite procedure competitive - sulla base di stime effettuate da esperti - adeguatamente pubblicizzate in modo da garantire la massima partecipazione degli interessati 7

8 EFFETTI DELL APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE (art. 104/TER 4 co. L.F.) L approvazione del programma di liquidazione sostituisce le singole autorizzazioni eventualmente necessarie per il compimento di atti o effettuazione operazioni inclusi nel programma. 8

9 2. ATTIVITA SVOLTE PRIMA DELL APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE 1) Relativamente al ramo di azienda costituito dalla sede principale, al fine di preservare il valore dell azienda, con il parere favorevole del Comitato dei Creditori e l autorizzazione del Giudice Delegato, rilasciata in data è stato stipulato un contratto di affitto dell'azienda con la società.. affittuaria per la durata di 12 mesi e per il canone mensile di. (*) Prima del decorso di detto termine, si procederà all individuazione di un acquirente con le modalità esposte nel capitolo 5. (*) dettagliare condizioni del contratto 9

10 2. ATTIVITÀ SVOLTE PRIMA DELL APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE 2) Ai sensi dell art. 104/ter 6 co., relativamente alla filiale di., verificata l impossibilità della sua cessione o affitto, al fine di evitare l'incremento delle spese in prededuzione (affitto) con il parere favorevole del Comitato dei Creditori e l'autorizzazione del Giudice Delegato concessa in data., sono stati venduti in blocco alla società. i beni mobili risultanti dall inventario allegato al presente al n.., al prezzo di euro... 10

11 3. SUSSISTENZA DI PROPOSTE DI CONCORDATO. (art. 104/ter 2 co lett. b) Ad oggi non esistono proposte di concordato fallimentare su cui esprimere un parere. 11

12 4. AZIONI RISARCITORIE - RECUPERATORIE REVOCATORIE (art. 104/ter 2 c. lett. c) AZIONI RISARCITORIE I) L analisi sino ad ora compiuta non ha permesso di accertare in maniera inequivocabile l esistenza di fatti che hanno determinato il dissesto e che siano riconducibili alla responsabilità di uno o più soggetti. Lo scrivente, quindi, si riserva di esperire azione di responsabilità nei confronti degli amministratori. Ove emergesse tale possibilità lo scrivente procederà ad integrare il presente piano sottoponendolo nuovamente al parere del comitato dei Creditori ed all approvazione del Giudice Delegato. 12

13 4. AZIONI RISARCITORIE - RECUPERATORIE REVOCATORIE (art. 104/ter 2 c. lett. c) AZIONI RECUPERATORIE Cause in corso alla data di fallimento: A) causa di.. promossa nei confronti di.., avanti il Tribunale di. per ottenere il pagamento. Il valore della causa ammonta a (*) b) causa di.. promossa dalla società debitrice. avverso d.i. ottenuto dalla fallita società, avanti il Tribunale di.. per vizi relativi ai beni forniti. Il valore della causa ammonta ad (*) (*) Motivazioni sintetiche 13

14 4. AZIONI RISARCITORIE - RECUPERATORIE - REVOCATORIE (art. 104/ter 2 c. lett. c) AZIONI RECUPERATORIE Sentito il parere degli avvocati che hanno assistito la società ante fallimento (pareri allegati in all. n... e n...), si ritiene opportuno proseguire entrambe le cause. Si ritiene di confermare l'incarico all Avv. già legale della società, ante fallimento. 14

15 4. AZIONI RISARCITORIE - RECUPERATORIE REVOCATORIE (ART. 104/TER 2 C. LETT. C) AZIONI REVOCATORIE Dall'esame delle registrazioni contabili, sono stati individuati pagamenti e atti revocabili ex art. 67 L.F., in relazione ai quali si intende promuovere azione revocatoria nei confronti di: 1) Banca : per le rimesse effettuate nel semestre precedente la dichiarazione di fallimento sul c/c.. intrattenuto presso la filiale di... tali rimesse hanno portato la fallita ad una riduzione "consistente e durevole" dell'esposizione debitoria nei confronti dell istituto per l importo di... (allegare documentazione) 15

16 4. AZIONI RISARCITORIE - RECUPERATORIE REVOCATORIE (ART. 104/TER 2 C. LETT. C) AZIONI REVOCATORIE -Fornitore : per pagamento con mezzi anormali (compensazione tra debiti di fornitura e crediti derivanti da cessioni di beni strumentali della fallita) per l importo di.. Ove possibile, saranno esperiti tentativi di soluzione bonaria per i quali si richiederà autorizzazione ai sensi art. 35 L.F.. TERMINI PREVISTI Per ottenere la sentenza di 1 grado saranno necessari circa 2/3 anni. Si pensa di affidare l incarico all Avv. del foro di. 16

17 5. VENDITA DELL'AZIENDA (art. 105 L.F.) DESCRIZIONE Vedasi perizia effettuata dal perito Dott.. MODALITÀ Per individuare l acquirente si terrà una gara informale (procedura competitiva) nell ufficio del curatore al prezzo base di..coincidente con la valutazione (*). La gara sarà pubblicizzata tramite inserzione sui quotidiani,.. e siti internet specializzati, adempimenti affidati alla società. (*) Indicare tutti gli elementi che caratterizzeranno le modalità di svolgimento della gara e le clausole del contratto di cessione 17

18 5. VENDITA DELL'AZIENDA (art. 105 L.F.) Sarà data eventuale comunicazione del prezzo di vendita dell'azienda all'affittuario per l' esercizio del diritto di prelazione (art. 104bis, 5 comma, L.F.) TERMINI PREVISTI Primo tentativo di vendita, entro la data di scadenza del contratto di affitto dell'azienda (12 mesi). In caso di esito negativo, entro i successivi tre mesi, si procederà con un integrazione del programma di liquidazione. 18

19 6. RECUPERO CREDITI (art. 106 L.F.) DESCRIZIONE Dalla contabilità della società fallita risultano i crediti commerciali descritti nell elenco allegato al presente piano sotto la lettera, così riassumibili: Euro per crediti verso clienti residenti in Italia; Euro per crediti verso clienti residenti all estero; Risultano inoltre i seguenti crediti verso Istituti di previdenza o assistenza e verso l Erario: Euro. per Inail Euro. per Irap 19

20 6. RECUPERO CREDITI (art. 106 L.F.) MODALITÀ DI INCASSO/CESSIONE: CREDITI COMMERCIALI Per i crediti commerciali di importo superiore ad euro ,00, si procederà al loro incasso avvalendosi, in caso di contestazioni, dell'assistenza di un legale per promuovere eventuali azioni per il loro recupero. Per la riscossione dei crediti commerciali di importo inferiore ad euro ,00, verrà conferito mandato alla società... Si allega l'offerta fatta pervenire dalla stessa che si caratterizza per la totale assenza di costi fissi e remunerazione calcolata sui soli importi riscossi. 20

21 6. RECUPERO CREDITI (art. 106 L.F.) CREDITI ERARIALI Verrà chiesto il loro rimborso e, nel caso, verrà valutata l'opportunità di una loro cessione per la quale si procederà ad integrare il programma di liquidazione. Termini previsti Entro 12/18 mesi dalla data del presente programma per i crediti commerciali non contestati. Entro 36 mesi per quelli con azione legale per il recupero Termini imprecisati per i crediti erariali. 21

22 7. VENDITA DELLE QUOTE (art. 106 L.F.) DESCRIZIONE Quota di srl di nominali euro.., corrispondente al 30% del capitale sociale della società, con sede in.. giusta valutazione effettuata dal perito Dott.. (*) che ne ha individuato il valore di.. (*) in possesso dei requisiti di cui art. 107 u.c. L.F. 22

23 7. VENDITA DELLE QUOTE (art. 106 L.F.) MODALITÀ Tenuto conto del valore del bene, per individuare l acquirente si terrà una gara nell ufficio del Curatore al prezzo base coincidente con la valutazione (**). (**)Indicare tutti gli elementi che caratterizzeranno le modalità di svolgimento della gara e le clausole del contratto di cessione). 23

24 7. VENDITA DELLE QUOTE (art. 106 L.F.) PUBBLICITÀ Stralcio del presente programma di liquidazione sarà notificato alla società partecipata ex art C.C. La gara sarà pubblicizzata tramite inserzione sui quotidiani.,.,.., nonché su rete Internet all indirizzo., (adempimenti affidati alla società ). TEMPI PREVISTI Primo tentativo di vendita entro 4 mesi. Il contratto di cessione sarà redatto dal notaio scelto dall acquirente entro 2 mesi dall individuazione dell acquirente. 24

25 8. VENDITA DELL IMMOBILE AZIENDALE (art. 107 L.F.) DESCRIZIONE Immobile rappresentato dall opificio industriale sito in... via... n..... costituito da un corpo prefabbricato ad un piano fuori terra, valutato nella perizia estimativa resa dall ing. (*) che si allega al presente sotto il n. (*) in possesso dei requisiti di cui art. 107 u.c. L.F. 25

26 8. VENDITA DELL IMMOBILE AZIENDALE (art. 107 L.F.) MODALITÀ Tenuto conto del valore del bene, sarà eseguita la vendita, con modalità competitive, senza pubblico incanto alla miglior offerta.(*) (*)Indicare tutti gli elementi che caratterizzeranno le modalità di svolgimento della gara e dell aggiudicazione. 26

27 8. VENDITA DELL IMMOBILE AZIENDALE (art. 107 L.F.) Pubblicità Saranno eseguiti i seguenti adempimenti: prima della vendita sarà effettuata l affissione per tre giorni consecutivi nell albo del Tribunale di.. di un avviso contenente i dati salienti del presente progetto. Sarà effettuata idonea pubblicità, per estratto, sui quotidiani:..,,. nonché su rete Internet all indirizzo, per il tramite della società.. A ciascuno dei creditori ammessi al passivo con diritto di prelazione sull immobile, nonché ai creditori ipotecari, prima del completamento delle operazioni di vendita, sarà notificata a cura dello scrivente Curatore un estratto delle condizioni di vendita. 27

28 8. VENDITA DELL IMMOBILE AZIENDALE (art. 107 L.F.) TERMINI PREVISTI Primo tentativo di vendita, entro 18/24 mesi dalla data del presente programma, previa cessione dell'azienda. In caso di gara deserta, verrà riproposta una nuova gara alle stesse condizioni, con prezzo eventualmente ridotto secondo le modalità successivamente individuate. 28

29 8. VENDITA DELL IMMOBILE AZIENDALE CANCELLAZIONE IPOTECHE (art. 108 L.F.) MODALITÀ Il Giudice Delegato una volta eseguita la vendita e riscosso interamente il prezzo, ordina, con decreto, la cancellazione delle iscrizioni relative ai diritti di prelazione, nonché delle trascrizioni dei pignoramenti e dei sequestri conservativi e di ogni altro titolo. 29

30 9. BENI CHE IL CURATORE NON RITIENE CONVENIENTE ACQUISIRE ALL'ATTIVO (art. 104 ter 7 c. L.F.) La società fallita è proprietaria di un autocarro targato., mod., anno di immatricolazione, in pessimo stato di conservazione. Considerato che il valore del bene risulta prossimo allo zero e che, con ogni probabilità, il fallimento, non riuscendo a venderlo a terzi, dovrebbe sostenere i costi per la relativa rottamazione, non si è ritenuto conveniente acquisire tale cespite all'attivo della procedura, così come autorizzato dal Comitato dei Creditori in data (all... ). 30

31 Ch.mo Avv. Spett.le Ditta Erg. Sig. Oggetto: Fallimento - trasmissione del progetto di programma di liquidazione. Nella Vs. qualità di componenti il Comitato dei Creditori, ai sensi dell art. 104/ter L.F., Vi trasmetto il progetto del programma di liquidazione in oggetto. Vi prego di trasmettermi le Vs. osservazioni e, ove non riteneste di formularne, la Vs. approvazione. Resto a disposizione per ogni chiarimento e ringraziando per la collaborazione, Vi saluto cordialmente. Il Curatore 31

32 10. PARERE DEL COMITATO DEI CREDITORI Il Comitato dei Creditori, visto il programma di liquidazione predisposto dal Curatore fallimentare, esprime parere favorevole: Banca. Fornitore Creditore 32

33 APPROVAZIONE DEL GIUDICE DELEGATO Il GIUDICE DELEGATO Visto: - Il programma di liquidazione predisposto dal Curatore Fallimentare; - Il parere favorevole del Comitato dei Creditori Approva Il programma di liquidazione così come predisposto e ne ordina il deposito in cancelleria..,li Il Giudice Delegato Dott. 33

PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE

PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE Fallimento N. Giudice Delegato Dott. TRIBUNALE DI COSENZA Prima sezione civile Ufficio fallimenti PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE EX ART. 104-TER L.F. Illustrissimo Signor Giudice Delegato, il sottoscritto Curatore

Dettagli

PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE 104 ter L.F.

PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE 104 ter L.F. PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE 104 ter L.F. nella pratica applicazione Dott. Eros Ceccherini OPERAZIONI CHE POSSONO PRECEDERE IL PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE Con la sentenza dichiarativa di fallimento il tribunale

Dettagli

LE VENDITE FALLIMENTARI E NEL CONCORDATO PREVENTIVO CON CESSIONE DI BENI

LE VENDITE FALLIMENTARI E NEL CONCORDATO PREVENTIVO CON CESSIONE DI BENI 1 LE VENDITE FALLIMENTARI E NEL CONCORDATO PREVENTIVO CON CESSIONE DI BENI Vendite fallimentari 2 Ante riforma (16.7.2006), solo vendite secondo il c.p.c.; vendite con incanto e vendite senza incanto;

Dettagli

Inventario, custodia e reperimento delle attività

Inventario, custodia e reperimento delle attività Inventario, custodia e reperimento delle attività Genova 28 marzo 2014 La gestione della crisi d impresa Dott. Marco Abbondanza abbondanzamarco@odcge.it Effetti sul patrimonio del fallito LO SPOSSESSAMENTO

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VARESE

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VARESE ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VARESE CORSO DI FORMAZIONE La Riforma della Legge Fallimentare nei suoi aspetti pratici 3 a giornata Venerdì 19 Maggio 2006 Esercitazioni

Dettagli

www.fallimentitribunalemilano.net Tribunale di Milano - Sez.fallimentare

www.fallimentitribunalemilano.net Tribunale di Milano - Sez.fallimentare Tribunale di Milano - Sez.fallimentare ORDINANZA DI VENDITA DI IMMOBILI CON INCANTO Il GIUDICE DELEGATO Dott.ssa Francesca Mammone, vista l'istanza che precede presentata dal curatore del fallimento dott.

Dettagli

TRIBUNALE DI UDINE ATTO DI INTEGRAZIONE AL PIANO E PRODUZIONI DOCUMENTALI EX ART. 162 L.F. p r e m e s s o:

TRIBUNALE DI UDINE ATTO DI INTEGRAZIONE AL PIANO E PRODUZIONI DOCUMENTALI EX ART. 162 L.F. p r e m e s s o: TRIBUNALE DI UDINE ATTO DI INTEGRAZIONE AL PIANO E PRODUZIONI DOCUMENTALI EX ART. 162 L.F. per: COOPCA SOCIETA COOPERATIVA CARNICA DI CONSUMO, con l avv. Giuseppe Campeis (d ora innanzi anche la Società

Dettagli

LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI

LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI IL MANDATO IRREVOCABILE AD INCASSARE E A DISTRIBUIRE IL CREDITO ERARIALE ATTRIBUITO A UNA SOCIETA FIDUCIARIA: ESAME DI UN CASO PRATICO 1 Il problema - Le Procedure

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA IL CONCORDATO PREVENTIVO

LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA IL CONCORDATO PREVENTIVO LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA STEP 1: presentazione della domanda Presentazione al Tribunale competente dell istanza per accedere alla procedura di concordato

Dettagli

T R I B U N A L E D I N O V A R A

T R I B U N A L E D I N O V A R A STUDIO MARNATI Commercialisti e Revisori legali Corso della Vittoria, 5 28100 Novara Tel. 0321613251 Fax 0321613276 www.studiomarnati.net T R I B U N A L E D I N O V A R A Sezione fallimentare PROSPETTO

Dettagli

L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA

L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA Pubblicità L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA PIANO ATTESTATO DI RISANAMENTO Il piano attestato di risanamento può essere pubblicato nel r.i. su richiesta del debitore. CONCORDATO PREVENTIVO

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE G.D. DOTT.SSA RAFFAELLA TRONCI CURATORE DR. PASQUALE TANGA FALLIMENTO N 277/06 NAVARRA S.R.L.

TRIBUNALE CIVILE DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE G.D. DOTT.SSA RAFFAELLA TRONCI CURATORE DR. PASQUALE TANGA FALLIMENTO N 277/06 NAVARRA S.R.L. FALLIMENTO N 277/06 G.D. DOTT.SSA TRONCI C.U. Assolto TRIBUNALE CIVILE DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE G.D. DOTT.SSA RAFFAELLA TRONCI CURATORE DR. PASQUALE TANGA FALLIMENTO N 277/06 NAVARRA S.R.L. ORDINANZA

Dettagli

soggetto partecipante propone l acquisto anche alternativo : di beni in blocco individuati; di singoli beni individuati; di un singolo bene

soggetto partecipante propone l acquisto anche alternativo : di beni in blocco individuati; di singoli beni individuati; di un singolo bene REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE IRREVOCABILI INERENTI L ACQUISTO DEI BENI INCLUSI NEL PATRIMONIO FALLIMENTARE SUDDIVISO NELLE CATEGORIE DI SEGUITO ELENCATE A) Con sentenza datata 2 agosto

Dettagli

TRIBUNALE di MASSA DISPOSIZIONI RELATIVE ALLE VENDITE GIUDIZIARIE

TRIBUNALE di MASSA DISPOSIZIONI RELATIVE ALLE VENDITE GIUDIZIARIE TRIBUNALE di MASSA DISPOSIZIONI RELATIVE ALLE VENDITE GIUDIZIARIE Tutti, tranne il debitore, possono partecipare alle vendite giudiziarie. Non occorre assistenza legale. Ogni immobile è stimato da un perito

Dettagli

TRIBUNALE DI CREMONA. Sezione fallimentare. FALLIMENTO: CMF + NUOVA TECNO SRL sede in Cremona, V. Milano n. 18

TRIBUNALE DI CREMONA. Sezione fallimentare. FALLIMENTO: CMF + NUOVA TECNO SRL sede in Cremona, V. Milano n. 18 Fall. n. 7/2013 TRIBUNALE DI CREMONA Sezione fallimentare FALLIMENTO: CMF + NUOVA TECNO SRL sede in Cremona, V. Milano n. 18 Giudice Delegato : Dott.ssa Maria Marta Cristoni Curatore: Dott. Ernesto Quinto

Dettagli

PROGRAMMA di LIQUIDAZIONE: PROFILI SOSTANZIALI e PROCEDURALI

PROGRAMMA di LIQUIDAZIONE: PROFILI SOSTANZIALI e PROCEDURALI & CONTABILITÀ & BILANCIO PROGRAMMA di LIQUIDAZIONE: PROFILI SOSTANZIALI e PROCEDURALI Analisi dell adempimento, alla luce delle recenti interpretazioni del Cndcec: criteri di redazione, adempimenti del

Dettagli

COMPENSO AL DELEGATO ED AL CUSTODE ALLA VENDITA

COMPENSO AL DELEGATO ED AL CUSTODE ALLA VENDITA COMPENSO AL DELEGATO ED AL CUSTODE ALLA VENDITA A cura di Caterina Cerenzia Convegno 27 gennaio 2012, Sala convegni C.so Europa, 11, Milano Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di

Dettagli

COMUNE DI ASOLO PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI ASOLO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI ASOLO PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO PER ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE E MOBILIARE REGISTRATO DEL COMUNE DI ASOLO (in attuazione del 2 comma dell art.12 della L. 127/97 Approvato con

Dettagli

DEDUCIBILITÀ PERDITE SU CREDITI E ACCANTONAMENTI

DEDUCIBILITÀ PERDITE SU CREDITI E ACCANTONAMENTI DEDUCIBILITÀ PERDITE SU CREDITI E ACCANTONAMENTI iscritti a valore nominale da esporre in bilancio a valore di realizzo VALUTAZIONE CREDITI «I crediti devono essere valutati al loro valore di presumibile

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI TORINO SEZIONE FALLIMENTI

TRIBUNALE ORDINARIO DI TORINO SEZIONE FALLIMENTI TRIBUNALE ORDINARIO DI TORINO SEZIONE FALLIMENTI Si rende noto che nel fallimento n. 138/13 il Curatore Dott. Alberto Maurino ha disposto la vendita mediante gara informale del seguente lotto: LOTTO 1:

Dettagli

A conclusione della nostra breve rassegna sul nuovo processo espropriativo immobiliare trattiamo della vendita con incanto.

A conclusione della nostra breve rassegna sul nuovo processo espropriativo immobiliare trattiamo della vendita con incanto. LE ESECUZIONI IMMOBILIARI dopo le varie leggi di riforma del processo civile ed esecutivo in particolare Parte speciale II A conclusione della nostra breve rassegna sul nuovo processo espropriativo immobiliare

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2714 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro delle attività produttive (MARZANO) di concerto col Ministro

Dettagli

Il curatore avrà cura di compilare le parti evidenziate in rosa lasciando. al GD le aree evidenziate in rosso e quelle non evidenziate che

Il curatore avrà cura di compilare le parti evidenziate in rosa lasciando. al GD le aree evidenziate in rosso e quelle non evidenziate che Il curatore avrà cura di compilare le parti evidenziate in rosa lasciando al GD le aree evidenziate in rosso e quelle non evidenziate che verranno compilate dal gd in udienza (v. presenza parti) Il curatore

Dettagli

TRIBUNALE DI ANCONA AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE

TRIBUNALE DI ANCONA AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE TRIBUNALE DI ANCONA AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE Fallimento n. 38/2007 Il sottoscritto Rag. Fabio Gobbi, Curatore del fallimento in epigrafe, avvisa che, in esecuzione del programma di liquidazione approvato

Dettagli

Tribunale Ordinario di Foggia. - Sezione Fallimenti - Fallimento n. 33/2014 R.G.F. Giudice Delegato: dottor Francesco Murgo

Tribunale Ordinario di Foggia. - Sezione Fallimenti - Fallimento n. 33/2014 R.G.F. Giudice Delegato: dottor Francesco Murgo Tribunale Ordinario di Foggia - Sezione Fallimenti - Fallimento n. 33/2014 R.G.F. Giudice Delegato: dottor Francesco Murgo Curatore Fallimentare: dottor Pompeo Balta ******* AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO

Dettagli

Scheda introduttiva alle PROCEDURE DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

Scheda introduttiva alle PROCEDURE DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO ODCEC Torino Scheda introduttiva alle PROCEDURE DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO 1 PREMESSA Quanto segue rappresenta una prima analisi della normativa. Tale analisi è stata necessariamente

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA Concordato Preventivo n. 48/2014 Casa Generalizia dell Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Dio Fatebenefratelli

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA Concordato Preventivo n. 48/2014 Casa Generalizia dell Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Dio Fatebenefratelli Spett.le Roma, 10 agosto 2015 comunicazione via PEC/Raccomandata A.R. Rif.: Avviso ai creditori ex art. 171, II co., L.F. - Concordato preventivo n. 48/2014 - Casa Generalizia dell Ordine Ospedaliero di

Dettagli

REGOLAMENTO. 1. Le proposte potranno avere per oggetto offerte d acquisto per i. a) L immobile sito in Canzo Via Vittorio Veneto n.

REGOLAMENTO. 1. Le proposte potranno avere per oggetto offerte d acquisto per i. a) L immobile sito in Canzo Via Vittorio Veneto n. REGOLAMENTO 1. Le proposte potranno avere per oggetto offerte d acquisto per i lotti in appresso indicati: a) L immobile sito in Canzo Via Vittorio Veneto n. 57/a; prezzo base 271.292,80. La consegna avverrà

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Prefazione... pag. 5

INDICE SOMMARIO. Prefazione... pag. 5 INDICE SOMMARIO Prefazione........................................................ pag. 5 Costituzione in mora del debitore 1. Lettera di convocazione per tentativo di definizione bonaria...» 21 2. Lettera

Dettagli

ALBERGO AI PINI SAS DI ZOCCA ANGELO & C.

ALBERGO AI PINI SAS DI ZOCCA ANGELO & C. ALBERGO AI PINI SAS DI ZOCCA ANGELO & C. Codice fiscale, Partita iva numero iscrizione al Registro delle Imprese di Vicenza: 01985730249 REA: VI-202109 Via Schio 77 36034 Malo (3) Elenco nominativo dei

Dettagli

TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE. Sezione Fallimentare. PROCEDURA COMPETITIVA DI VENDITA II Bando

TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE. Sezione Fallimentare. PROCEDURA COMPETITIVA DI VENDITA II Bando TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE Sezione Fallimentare Fallimento n. 92/2014 PROCEDURA COMPETITIVA DI VENDITA II Bando INVITO A PRESENTARE OFFERTE IRREVOCABILI PER L ACQUISTO DI BENI MOBILI Il Dott. Alessandro

Dettagli

TRIBUNALE DI FORLI UFFICIO FALLIMENTI *************** Fallimento N 82/2014 ********** AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE

TRIBUNALE DI FORLI UFFICIO FALLIMENTI *************** Fallimento N 82/2014 ********** AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE TRIBUNALE DI FORLI UFFICIO FALLIMENTI *************** Fallimento N 82/2014 ********** AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE Giudice Delegato: Dott. Alberto Pazzi Curatore: Dott. Valeria Vegni La sottoscritta dott.ssa

Dettagli

ADEMPIMENTI PER LA CHIUSURA DEL FALLIMENTO

ADEMPIMENTI PER LA CHIUSURA DEL FALLIMENTO ADEMPIMENTI PER LA CHIUSURA DEL FALLIMENTO CONTROLLI 1. Controllare attentamente che tutti i beni siano stati venduti, non ci siano crediti da riscuotere (eventualmente cederli e abbandonare quelli inesigibili)

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI TORINO VIII SEZIONE CIVILE SUCCESSIONI

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI TORINO VIII SEZIONE CIVILE SUCCESSIONI TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI TORINO VIII SEZIONE CIVILE SUCCESSIONI Si rende noto che nella procedura di Eredità giacente n. 2624/2011, il curatore dott. Maurizio Gili, ha disposto la vendita con gara

Dettagli

PROGETTO DI RIPARTIZIONE FINALE DELL'ATTIVO II VERSIONE

PROGETTO DI RIPARTIZIONE FINALE DELL'ATTIVO II VERSIONE STUDIO Franco Baiguera e Giovanni Peli Dottori Commercialisti Associati Via San Giovanni Bosco, 1/e 25125 Brescia Tel: 0302425912 Fax: 0305531255 TRIBUNALE DI BRESCIA Fallimento CONOVARA Srl N. 283/2004

Dettagli

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEI BENI IMMOBILI

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEI BENI IMMOBILI COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEI BENI IMMOBILI Art. 1 - OGGETTO 3 Art. 2 - CARATTERISTICHE DEI BENI DA ALIENARE 3 Art. 3 - STIMA SOMMARIA 3 Art. 4 - CLASSIFICAZIONE

Dettagli

Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale

Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale La redazione del piano e la sua attestazione Masiani Consulting Consulenze di direzione 1. 2. 3. Perdite economiche costanti e/o rilevanti Insufficienza patrimoniale

Dettagli

TRIBUNALE DI FORLI FALLIMENTO A.T.E. CENTER S.R.L. Vista l autorizzazione del Comitato dei Creditori al Programma di liquidazione che prevede

TRIBUNALE DI FORLI FALLIMENTO A.T.E. CENTER S.R.L. Vista l autorizzazione del Comitato dei Creditori al Programma di liquidazione che prevede TRIBUNALE DI FORLI FALLIMENTO A.T.E. CENTER S.R.L. N. 18/10 Reg.Fall. Sentenza: n. 18 del 12 aprile 2010 BANDO DI VENDITA IMMOBILIARE Ill.mo Signor Giudice Delegato DOTT.ALBERTO PAZZI Il sottoscritto Dott.

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI PERUGIA UFFICIO REGISTRO IMPRESE LE PROCEDURE CONCORSUALI DOPO LA RIFORMA DELLA LEGGE

CAMERA DI COMMERCIO DI PERUGIA UFFICIO REGISTRO IMPRESE LE PROCEDURE CONCORSUALI DOPO LA RIFORMA DELLA LEGGE www.pg.camcom.gov.it CAMERA DI COMMERCIO DI PERUGIA UFFICIO REGISTRO IMPRESE LE PROCEDURE CONCORSUALI DOPO LA RIFORMA DELLA LEGGE MANUALE OPERATIVO PER GLI ADEMPIMENTI REGISTRO IMPRESE IN MATERIA DI FALLIMENTO,

Dettagli

RICHIESTA DI CREDITO GARANTITO

RICHIESTA DI CREDITO GARANTITO Pag. 1 di 5 Riservato a fidimpresa Data arrivo... Numero Pratica... Consulente finanziario... Tel/mail... Spett.le FIDIMPRESA ABRUZZO Via Cetteo Ciglia, 8 65100 Pescara Spett.le FIDIMPRESA ABRUZZO Comitato

Dettagli

L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione

L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione DOTT. ALBERTO GUIOTTO Bergamo, 5 febbraio 2013 STUDIO AGFM CONCORDATO PREVENTIVO E NUOVA

Dettagli

FALLIMENTO SIDER PIANA SAS DI GABRIELE MAGGIONI in AVVISO VENDITA DI IMMOBILE INVITO AD OFFRIRE

FALLIMENTO SIDER PIANA SAS DI GABRIELE MAGGIONI in AVVISO VENDITA DI IMMOBILE INVITO AD OFFRIRE TRIBUNALE DI BERGAMO FALLIMENTO SIDER PIANA SAS DI GABRIELE MAGGIONI in liquidazione R.G. n. 258/2013 Giudice delegato: dott.ssa Giovanna Golinelli Curatore fallimentare: dott. Emanuele Rigoldi AVVISO

Dettagli

TRIBUNALE DI BRESCIA

TRIBUNALE DI BRESCIA VIA TRIESTE 77 F 25018 MONTICHIARI BRESCIA TEL. 0309981177 - FAX 0309981092 e-mail : procedure@studioprignacca.it TRIBUNALE DI BRESCIA SEZIONE SPECIALE D IMPRESA Fallimento xxxx G.D.: Dott. Paolo Bonofiglio

Dettagli

CENTRO STUDI DI DIRITTO FALLIMENTARE DI SIRACUSA CORSO DI DIRITTO FALLIMENTARE

CENTRO STUDI DI DIRITTO FALLIMENTARE DI SIRACUSA CORSO DI DIRITTO FALLIMENTARE CORSO DI DIRITTO FALLIMENTARE dal 9 ottobre al 12 dicembre 2015 Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Siracusa Salone Gaspare Conigliaro - Viale Santa Panagia n.141/e I GIORNATA

Dettagli

TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA Ufficio Esecuzioni Immobiliari

TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA Ufficio Esecuzioni Immobiliari Nella procedura esecutiva esattoriale N... promossa da EQUITALIA CENTRO S.P.A. (Agente per la Riscossione Tributi della Provincia di Reggio Emilia) nei confronti di PIGNORAMENTO DEL / / R.P. IL GIUDICE

Dettagli

VERBALE DI UDIENZA DI VENDITA

VERBALE DI UDIENZA DI VENDITA N. / R.G.E. TRIBUNALE DI RIETI VERBALE DI UDIENZA DI VENDITA Oggi alle ore, avanti al giudice dr.ssa V. Cacace nella procedura esecutiva a carico di _ con l assistenza del sottoscritto Segretario di Cancelleria,

Dettagli

TRIBUNALE DI MODENA SEZIONE DISTACCATA DI CARPI. YY spa e Confezioni ZZ srl, con avv.ti Alberto Lotti e Fabrizio Bulgarelli

TRIBUNALE DI MODENA SEZIONE DISTACCATA DI CARPI. YY spa e Confezioni ZZ srl, con avv.ti Alberto Lotti e Fabrizio Bulgarelli Provvedimenti cautelari Sequestro conservativo Sequestro conservativo di quote sociali - Pendenza di azione revocatoria verso conferimento di ramo d azienda Decreto ingiuntivo nella disponibilità del creditore

Dettagli

TRIBUNALE DI PADOVA *** FALLIMENTO: X Group s.p.a. in liquidazione n. 177N/2013 AVVISO DI VENDITA BENI MOBILI TRAMITE PROCEDURA COMPETITIVA

TRIBUNALE DI PADOVA *** FALLIMENTO: X Group s.p.a. in liquidazione n. 177N/2013 AVVISO DI VENDITA BENI MOBILI TRAMITE PROCEDURA COMPETITIVA TRIBUNALE DI PADOVA *** FALLIMENTO: X Group s.p.a. in liquidazione n. 177N/2013 GIUDICE DELEGATO: Dott.ssa Maria Antonia Maiolino CURATORE: Dott.ssa Monica Benetollo AVVISO DI VENDITA BENI MOBILI TRAMITE

Dettagli

CORPUS IURIS FISCALIS. Agenzia delle Entrate Risoluzione n. 10 del 2006

CORPUS IURIS FISCALIS. Agenzia delle Entrate Risoluzione n. 10 del 2006 CORPUS IURIS FISCALIS Agenzia delle Entrate Risoluzione n. 10 del 2006 RISOLUZIONE DEL 17/01/2006 N. 10 Oggetto: Istanza d interpello - Curatela del Fallimento Immobiliare X S.r.L. Procedura esecutiva

Dettagli

ESPROPRIAZIONE IMMOBILIARE. A cura della dott.ssa Giuseppina Luciana Barreca

ESPROPRIAZIONE IMMOBILIARE. A cura della dott.ssa Giuseppina Luciana Barreca ESPROPRIAZIONE IMMOBILIARE A cura della dott.ssa Giuseppina Luciana Barreca La fase introduttiva del processo Contenuto e forma dell atto di pignoramento Art. 492 cod. proc. civ. Corte di Cassazione n.

Dettagli

N 62/1998 R.G.E. (riunita con le proc. esec. N. 74/98, 101/98, 02/99, 13/99, 24/99, 50/99, 57/99, 59/99, 86/99)

N 62/1998 R.G.E. (riunita con le proc. esec. N. 74/98, 101/98, 02/99, 13/99, 24/99, 50/99, 57/99, 59/99, 86/99) TRIBUNALE CIVILE DI VASTO AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE SENZA INCANTO DELEGATA N 62/1998 R.G.E. (riunita con le proc. esec. N. 74/98, 101/98, 02/99, 13/99, 24/99, 50/99, 57/99, 59/99, 86/99) Il professionista

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

TRIBUNALE DI FERRARA. Sezione civile. Avviso di vendita in quindicesimo esperimento. Lotto 2. Concordato Preventivo n. 4/08

TRIBUNALE DI FERRARA. Sezione civile. Avviso di vendita in quindicesimo esperimento. Lotto 2. Concordato Preventivo n. 4/08 TRIBUNALE DI FERRARA Sezione civile Avviso di vendita in quindicesimo esperimento Lotto 2 Concordato Preventivo n. 4/08 C.M.S. Costruzioni Meccaniche Sandri S.r.l. IL NOTAIO DELEGATO dr. Marco Bissi, notaio

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 197 DEL 27-10-2011 OGGETTO: Alienazione immobili di proprietà ARPAV siti in via D Annunzio n. 12 e in P.zza Pio X n. 3 in Treviso. Autorizzazione all esperimento

Dettagli

TRIBUNALE DELL AQUILA SEZIONE CIVILE ESECUZIONI IMMOBILIARI. NELLA PROCEDURA DI ESPROPRIAZIONE IMMOBILIARE N. 23/05 R. Es.

TRIBUNALE DELL AQUILA SEZIONE CIVILE ESECUZIONI IMMOBILIARI. NELLA PROCEDURA DI ESPROPRIAZIONE IMMOBILIARE N. 23/05 R. Es. TRIBUNALE DELL AQUILA SEZIONE CIVILE ESECUZIONI IMMOBILIARI NELLA PROCEDURA DI ESPROPRIAZIONE IMMOBILIARE N. 23/05 R. Es. AVVISO DI VENDITA Il professionista delegato dott. Guglielmo Calvi Moscardi - vista

Dettagli

AVVISO DI PROCEDURA COMPETITIVA PER CESSIONE DEI BENI DELLA SOCIETÀ xxxxx E C. SRL IN LIQUIDAZIONE

AVVISO DI PROCEDURA COMPETITIVA PER CESSIONE DEI BENI DELLA SOCIETÀ xxxxx E C. SRL IN LIQUIDAZIONE TRIBUNALE DI BRESCIA - SEZIONE SPECIALIZZATA IN MATERIA DI IMPRESA CONC. PREV. xxxxxx - C.P. n. 4/2015 (pr. 996-15) GIUDICE DELEGATO: dott. PAOLO BONOFIGLIO COMMISSARIO GIUDIZIALE: dott. MAURO SALVINELLI

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA SEZIONE VII. Giudizio di Divisione R.G. 12638/2011 ****** **** ****** QUARTO AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE

TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA SEZIONE VII. Giudizio di Divisione R.G. 12638/2011 ****** **** ****** QUARTO AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA SEZIONE VII Giudizio di Divisione R.G. 12638/2011 ****** **** ****** QUARTO AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE Il sottoscritto Dott. Giacomo Sacchi Nemours - Dottore Commercialista

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI BOLZANO. Fallimento: Edilzwei di Lorenzi Rodolfo & C. Sas e del socio accomandatario Lorenzi Rodolfo Fall. N.

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI BOLZANO. Fallimento: Edilzwei di Lorenzi Rodolfo & C. Sas e del socio accomandatario Lorenzi Rodolfo Fall. N. TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI BOLZANO Fallimento: Edilzwei di Lorenzi Rodolfo & C. Sas e del socio accomandatario Lorenzi Rodolfo Fall. N. 30/2006 * * * Oggetto: Progetto di ripartizione finale (art. 117

Dettagli

Efficienza e attrattività del mercato immobiliare. Strumenti per agevolare il ritorno degli investitori

Efficienza e attrattività del mercato immobiliare. Strumenti per agevolare il ritorno degli investitori Efficienza e attrattività del mercato immobiliare. Strumenti per agevolare il ritorno degli investitori La riforma in tema di procedure esecutive Avv. Daniele Raynaud (Name Partner) Milano, 28 ottobre

Dettagli

LA GIUNTA DELLA COMUNITA

LA GIUNTA DELLA COMUNITA DELIBERAZIONE N. DD. aprile 2014 OGGETTO: Sentenza della Sezione Giurisdizionale Regionale della Corte dei Conti per il Trentino Alto Adige sede di Trento n. 7/2014. Designazione Ufficio incaricato della

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. Circoscrizione del Tribunale di Locri. Relazione del Tesoriere

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. Circoscrizione del Tribunale di Locri. Relazione del Tesoriere ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Circoscrizione del Tribunale di Locri Relazione del Tesoriere CONSUNTIVO ANNO 2009 ORDINE DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Circoscrizione

Dettagli

AFFITTO D AZIENDA E CONCORDATO UNA SOLUZIONE OPERATIVA ALLA CONSERVAZIONE DEL VALORE DELL AZIENDA NELLA PROSPETTIVA DELLA CONTINUITA

AFFITTO D AZIENDA E CONCORDATO UNA SOLUZIONE OPERATIVA ALLA CONSERVAZIONE DEL VALORE DELL AZIENDA NELLA PROSPETTIVA DELLA CONTINUITA AFFITTO D AZIENDA E CONCORDATO UNA SOLUZIONE OPERATIVA ALLA CONSERVAZIONE DEL VALORE DELL AZIENDA NELLA PROSPETTIVA DELLA CONTINUITA ART. 2560 C.C. (2 COMMA): Nel trasferimento di un azienda commerciale

Dettagli

TRIBUNALE DI LUCCA SEZIONE FALLIMENTARE CONCORDATO PREVENTIVO n.23/2015 BENETTI SAIL DIVISION s.p.a. in liquidazione corrente in Viareggio (LU) via

TRIBUNALE DI LUCCA SEZIONE FALLIMENTARE CONCORDATO PREVENTIVO n.23/2015 BENETTI SAIL DIVISION s.p.a. in liquidazione corrente in Viareggio (LU) via TRIBUNALE DI LUCCA SEZIONE FALLIMENTARE CONCORDATO PREVENTIVO n.23/2015 BENETTI SAIL DIVISION s.p.a. in liquidazione corrente in Viareggio (LU) via Marina di Levante, 1 INVITO A PRESENTARE OFFERTE IRREVOCABILI

Dettagli

Comune di Padova REGOLAMENTO PER LE ALIENAZIONI DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI PADOVA

Comune di Padova REGOLAMENTO PER LE ALIENAZIONI DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI PADOVA Comune di Padova REGOLAMENTO PER LE ALIENAZIONI DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI PADOVA Approvato con deliberazione consiliare n. 35 del 3 aprile 2001 INDICE DEGLI ARTICOLI: ART.1 FINALITA ED OGGETTO

Dettagli

ANDREA CASTELLO DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE VIA ASSAROTTI N. 3/3-16122 GENOVA TEL 010/8391347 - FAX 010/4207022 *****

ANDREA CASTELLO DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE VIA ASSAROTTI N. 3/3-16122 GENOVA TEL 010/8391347 - FAX 010/4207022 ***** ANDREA CASTELLO DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE VIA ASSAROTTI N. 3/3-16122 GENOVA TEL 010/8391347 - FAX 010/4207022 TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA Ufficio Esecuzioni Immobiliari Procedura esecutiva

Dettagli

RUOLO E RESPONSABILITÀ DELL ATTESTATORE. L Evoluzione delle Regole in tema di Crisi di Impresa 26 ottobre 2012 Stefania Chiaruttini

RUOLO E RESPONSABILITÀ DELL ATTESTATORE. L Evoluzione delle Regole in tema di Crisi di Impresa 26 ottobre 2012 Stefania Chiaruttini RUOLO E RESPONSABILITÀ DELL ATTESTATORE 1 LE NUOVE ATTESTAZIONI Attestazioni ai sensi dell art. 182 quinquies I comma: Finanziamenti prededucibili IV e V comma: Pagamento creditori anteriori Attestazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEI BENI IMMOBILI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEI BENI IMMOBILI COMUNALI Comune di MONTORFANO (Provincia di Como) REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEI BENI IMMOBILI COMUNALI Approvato con delibera del Commissario Straordinario, assunti i poteri del Consiglio comunale n. 4 del

Dettagli

1) Condizioni della vendita lotto 1

1) Condizioni della vendita lotto 1 ASSOCIAZIONE NOTARILE PER LE PROCEDURE ESECUTIVE VIA UGO LA MALFA, 4 25124 - BRESCIA Tel.: 030.22.28.49 - Fax.: 030.22.42.37 TRIBUNALE DI BRESCIA FALLIMENTO n. 111/12 XXXXXXX. C.F. 02885980983 Giudice

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAMI DI STATO DOTTORI COMMERCIALISTI II SESSIONE 2012 TEMI D ESAME

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAMI DI STATO DOTTORI COMMERCIALISTI II SESSIONE 2012 TEMI D ESAME La fusione: aspetti civilistici, contabili e fiscali. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAMI DI STATO DOTTORI COMMERCIALISTI II SESSIONE 2012 TEMI D ESAME PRIMA PROVA SCRITTA (20/11/2012) TEMA N. 1 (Tema

Dettagli

CITTA DI CASTELPLANIO Provincia di Ancona Ufficio Tecnico

CITTA DI CASTELPLANIO Provincia di Ancona Ufficio Tecnico CITTA DI CASTELPLANIO Provincia di Ancona Ufficio Tecnico REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE E L ACQUISTO DI BENI IMMOBILI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 9 DEL 21/04/2012 ART. 1 FINALITA

Dettagli

ADEMPIMENTI DEL DELEGATO NELLE PROCEDURE ESECUTIVE IMMOBILIARI

ADEMPIMENTI DEL DELEGATO NELLE PROCEDURE ESECUTIVE IMMOBILIARI ADEMPIMENTI DEL DELEGATO NELLE PROCEDURE ESECUTIVE IMMOBILIARI A cura di Dott.ssa Elena Carli e Dott. Massimo Cambi 1 NOTA DEGLI AUTORI Il presente manuale rappresenta la risultanza degli studi e delle

Dettagli

TRIBUNALE DI MODENA CANCELLERIA DEI FALLIMENTI. Fallimento N. 103/99 MUNDICI ARREDAMENTI S.N.C., di MUNDICI

TRIBUNALE DI MODENA CANCELLERIA DEI FALLIMENTI. Fallimento N. 103/99 MUNDICI ARREDAMENTI S.N.C., di MUNDICI TRIBUNALE DI MODENA CANCELLERIA DEI FALLIMENTI Fallimento N. 103/99 MUNDICI ARREDAMENTI S.N.C., di MUNDICI ROMANO, e MUNDICI SILVANO, nonché dei soci Mundici Romano e Mundici Silvano Giudice Delegato:

Dettagli

TRIBUNALE DI BRESCIA CONCORDATO PREVENTIVO n.26/09 (pr. 676/11) xxxxx omologato in data 4 marzo 2010

TRIBUNALE DI BRESCIA CONCORDATO PREVENTIVO n.26/09 (pr. 676/11) xxxxx omologato in data 4 marzo 2010 ASSOCIAZIONE NOTARILE PER LE PROCEDURE ESECUTIVE VIA UGO LA MALFA, 4 25124 - BRESCIA Tel.: 030.22.28.49 - Fax.: 030.22.42.37 info@anpebrescia.it TRIBUNALE DI BRESCIA CONCORDATO PREVENTIVO n.26/09 (pr.

Dettagli

TRIBUNALE DI PADOVA *** AVVISO DI VENDITA BENI MOBILI TRAMITE PROCEDURA COMPETITIVA

TRIBUNALE DI PADOVA *** AVVISO DI VENDITA BENI MOBILI TRAMITE PROCEDURA COMPETITIVA Fall. 2BG s.r.l. n. 164/2014 TRIBUNALE DI PADOVA *** FALLIMENTO: 2BG s.r.l. n. 164/2014 GIUDICE DELEGATO: Dott.ssa Manuela Elburgo CURATORE: Dott.ssa Monica Benetollo AVVISO DI VENDITA BENI MOBILI TRAMITE

Dettagli

IL CONCORDATO PREVENTIVO E LA RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI Procedura ed adempimenti secondo la riforma della Legge Fallimentare CONCORDATO PREVENTIVO:

IL CONCORDATO PREVENTIVO E LA RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI Procedura ed adempimenti secondo la riforma della Legge Fallimentare CONCORDATO PREVENTIVO: CONCORDATO PREVENTIVO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI FONTE NORMATIVA PRINCIPALE: Artt. 160 e ss. L. 267/42 PRESUPPOSTI (art. 160): Predisporre un piano che preveda: - La soddisfazione dei creditori in percentuale

Dettagli

SCHEDE ESPLICATIVE a cura di Sergio Rossetti Giudice del Tribunale di Milano

SCHEDE ESPLICATIVE a cura di Sergio Rossetti Giudice del Tribunale di Milano DECRETO LEGGE 27 GIUGNO 2015 N. 83 Misure urgenti in materia fallimentare, civile e processuale civile e di organizzazione e funzionamento dell'amministrazione giudiziaria (G.U. n. 147 del 27 giugno 2015)

Dettagli

LA SCUOLA DEI PROFESSIONISTI DELLA CRISI DI IMPRESA

LA SCUOLA DEI PROFESSIONISTI DELLA CRISI DI IMPRESA LA SCUOLA DEI PROFESSIONISTI DELLA CRISI DI IMPRESA Milano, 27, 28 febbraio, 6, 7, 13, 14, 20, 27, 28 marzo, 17 aprile 2015 Obiettivi La Scuola dei Professionisti della crisi di impresa nasce con l obiettivo

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI BOLOGNA

TRIBUNALE CIVILE DI BOLOGNA TRIBUNALE CIVILE DI BOLOGNA SEZIONE FALLIMENTARE Concordato Preventivo N. 36/15 Farmacia San Salvatore del Dott. Alessandro Portaluri G.D. Dott. ssa Manuela Velotti Commissario Giudiziale Dott. Claudio

Dettagli

TRIBUNALE DI GENOVA Sezione Fallimentare

TRIBUNALE DI GENOVA Sezione Fallimentare TRIBUNALE DI GENOVA Sezione Fallimentare *** AVVISO DI VENDITA Il sottoscritto dott. Roberto Bozzo, curatore del fallimento Immobiliare e Sviluppo srl, visti gli atti ed in particolare la relazione dell

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Comunicazione Prefettura ex art. 135 D.Lgs. 267/2000 COPIA WEB Deliberazione N. 82 in data 08/07/2014 Prot. N. 9895 COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione

Dettagli

Gli aspetti fiscali del fallimento e delle procedure concorsuali

Gli aspetti fiscali del fallimento e delle procedure concorsuali Gli aspetti fiscali del fallimento e delle procedure concorsuali CENNI Agenda Premessa Il Fallimento Apertura del Fallimento Lo svolgimento della procedura Conclusione della procedura Il Patrimonio netto

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO COMUNALE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 6 del 24/01/2013. Pagina 1 di 6 Sommario ART.1 - OGGETTO

Dettagli

A. Piena proprietà per la quota di 1000/1000 di appartamento, della superficie

A. Piena proprietà per la quota di 1000/1000 di appartamento, della superficie R.G. ES. n. 272/2013 Creditore procedente: CORDUSIO RMBS S.R.L. debitore esecutato: ARNELLO ANNA IL G.E. Visto l art 591 c.p.c.; rilevato che sia la vendita senza incanto sia la vendita con incanto sono

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA BANCA

INFORMAZIONI SULLA BANCA UBS (Italia) S.p.A. Foglio Informativo Apertura di credito fondiario INFORMAZIONI SULLA BANCA UBS (Italia) S.p.A. Via del Vecchio Politecnico, 3-20121 - Milano Tel.: 800-220398 (Numero Verde Gratuito)

Dettagli

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale COPIA Deliberazione n 114 in data 22/10/2015 COMUNE DI VEDANO OLONA Provincia di Varese Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CESSIONE DEL QUINTO DELLO

Dettagli

REGOLAMENTO DI VENDITA DEI BENI IMMOBILI PROVINCIALI TRASFERITI ALLA SOC. TERRA DI BRINDISI SRL

REGOLAMENTO DI VENDITA DEI BENI IMMOBILI PROVINCIALI TRASFERITI ALLA SOC. TERRA DI BRINDISI SRL REGOLAMENTO DI VENDITA DEI BENI IMMOBILI PROVINCIALI TRASFERITI ALLA SOC. TERRA DI BRINDISI SRL ART 1 OGGETTO Le disposizioni del presente regolamento disciplinano l alienazione a terzi dei beni immobili

Dettagli

SOMMARIO PARTE I IL RECUPERO DEI CREDITI IN AMBITO NAZIONALE

SOMMARIO PARTE I IL RECUPERO DEI CREDITI IN AMBITO NAZIONALE SOMMARIO Prefazione pag. 1 PARTE I IL RECUPERO DEI CREDITI IN AMBITO NAZIONALE CAPITOLO PRIMO FASE STRAGIUDIZIALE pag. 5 1. Aspetti preliminari pag. 7 F.1 Lettera di richiesta di certificato di residenza

Dettagli

CITTÀ DI PIANO DI SORRENTO

CITTÀ DI PIANO DI SORRENTO CITTÀ DI PIANO DI SORRENTO Provincia di Napoli DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 187 del 11/09/2014 OGGETTO: RECUPERO CREDITI: CONTRATTO REP. N. 2360/35 DEL 2007. INCARICO LEGALE. L'anno 2014, il giorno

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO DEL COMUNE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO DEL COMUNE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO DEL COMUNE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n 53 del 14 settembre 1998 - ART. 1 - OGGETTO E FINALITA DEL

Dettagli

La Crisi da Sovraindebitamento

La Crisi da Sovraindebitamento La Crisi da Sovraindebitamento Procedure di composizione della crisi e ruolo del Gestore della crisi VIA DEL ROTOLO 42/A CATANIA LEGGE 27 GENNAIO 2012, N. 3 entrata in vigore delle modifiche: 18 gennaio

Dettagli

Informativa mensile ai sensi dell art. 114, comma 5, D. Lgs. n. 58/1998

Informativa mensile ai sensi dell art. 114, comma 5, D. Lgs. n. 58/1998 Informativa mensile ai sensi dell art. 114, comma 5, D. Lgs. n. 58/1998 Milano, 31 agosto 2011 Investimenti e Sviluppo S.p.A. (la Società, Capogruppo ), con sede legale in Milano,, ai sensi e per gli effetti

Dettagli

MUTUO IPOTECARIO A TASSO VARIABILE

MUTUO IPOTECARIO A TASSO VARIABILE INFORMAZIONI SULLA BANCA GBM BANCA SpA Sede Legale e Amministrativa: Lungotevere Michelangelo n. 5 00192 Roma. Capitale sociale al 31.12.2010: 28.579.000,00 Iscritta al Registro delle Imprese al n. P.I.

Dettagli

Factoring Tour: Bari

Factoring Tour: Bari Factoring Tour: Bari Il factoring: la gestione professionale dei crediti al servizio dell impresa LA CESSIONE DEI CREDITI IVA E NOVITA IN TEMA DI REVOCATORIA FALLIMENTARE Intervento di Massimo Lupi, avvocato

Dettagli

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO RISOLUZIONE N. 105/E Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Art. 19 bis 1,

Dettagli

MUTUO IPOTECARIO A TASSO FISSO

MUTUO IPOTECARIO A TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA GBM BANCA SpA Sede Legale e Amministrativa: Lungotevere Michelangelo n. 5 00192 Roma. Capitale sociale al 31.12.2010: 28.579.000,00 Iscritta al Registro delle Imprese al n. P.I.

Dettagli

TRIBUNALE DI PADOVA *** FALLIMENTO: X Group s.p.a. in liquidazione n. 177N/2013. GIUDICE DELEGATO: Dott.ssa Maria Antonia Maiolino

TRIBUNALE DI PADOVA *** FALLIMENTO: X Group s.p.a. in liquidazione n. 177N/2013. GIUDICE DELEGATO: Dott.ssa Maria Antonia Maiolino TRIBUNALE DI PADOVA *** FALLIMENTO: X Group s.p.a. in liquidazione n. 177N/2013 GIUDICE DELEGATO: Dott.ssa Maria Antonia Maiolino CURATORE: Dott.ssa Monica Benetollo AVVISO DI VENDITA BENI MOBILI TRAMITE

Dettagli

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c.

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. Sommario 1. PREMESSA... 1 2. ART. 528 NOMINA CURATORE... 1 3. ATTIVITÀ DEL CURATORE DELL EREDITÀ GIACENTE: POTERI ED OBBLIGHI... 2 4. ART. 529 OBBLIGHI DEL CURATORE...

Dettagli

TOSCOGEN S.p.A. in liquidazione - in concordato preventivo con cessione di beni. Società del gruppo Toscana Gas

TOSCOGEN S.p.A. in liquidazione - in concordato preventivo con cessione di beni. Società del gruppo Toscana Gas TOSCOGEN S.p.A. in liquidazione - in concordato preventivo con cessione di beni Società del gruppo Toscana Gas con sede legale in Via Bellatalla n.1, fraz. Ospedaletto Pisa Capitale sociale 2.582.284 i.v.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ALIENAZIONI DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DELLA PROVINCIA DI RIETI (LEGGE 127/97 ART. 12 - COMMA 2 )

REGOLAMENTO DELLE ALIENAZIONI DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DELLA PROVINCIA DI RIETI (LEGGE 127/97 ART. 12 - COMMA 2 ) REGOLAMENTO DELLE ALIENAZIONI DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DELLA PROVINCIA DI RIETI (LEGGE 127/97 ART. 12 - COMMA 2 ) 1 Articolo 1 ( Principi Generali ) 1. Il vigente Regolamento è adottato in attuazione

Dettagli