PIANO AZIONE SOSTENIBILE. Comune di Catania

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO AZIONE SOSTENIBILE. Comune di Catania"

Transcript

1 PIANO AZIONE di l'energia per SOSTENIBILE Comune di Catania

2 Avv. Enzo Bianco Sindaco del Comune di Catania Ing. Luigi Bosco Assessore alle Infrastrutture e grandi opere, Lavori Pubblici, Protezione Civile, Risparmio Energetico Ing. Corrado Persico Direttore Lavori Pubblici e Protezione Civile Dott. Carmelo Oliveri R.U.P. Ing. Giuseppe Sgroi Coordinatore tecnico - scientifico Gruppo di lavoro PAES consulenti esterni ing. A. Abate, ing. B. Carraffa, ing. G. D Angelo, ing. L. Petralia, ing. V. Scuto, ing. E. Cavalli ing. L. Maringhini, ing. L. Pagano, ing. G. Salvà Birbante risorse interne all Amministrazione Ing. Adornetto Filippa, Dott.ssa Anastasi Agata, ing. Anastasi Napoleone Sig.ra Anastasi Nunziata, Geom. Barbagallo Riccardo, Dott.ssa Cantarella Alfina Dott.ssa Caponetto Angela. Geom. Casano Riccardo, Dott. Crimi Davide Ing. Davì Carlo, Dott. Di Giovanni Salvatore, Ing. Guarnera Lorenzo Ing. Failoni Giuseppe, Dott. Sorge Orazio, Geom. Vazzana Salvatore PAES del Comune di Catania pag. 1

3 Sommario 1. PAES Catania Premessa I contenuti I tempi I requisiti del PAES Vision del PAES Piano d Azione IL TERRITORIO DEL COMUNE DI CATANIA E IL CONTESTO NORMATIVO Inquadramento Territoriale Inquadramento meteo-climatico ambientale Le condizioni del clima Temperatura ed Umidità Relativa registrate nell anno Irraggiamento e irradianza solare registrati nell anno I caratteri ambientali Inquadramento Socio-Economico Agricoltura Poli economici, Commercio ed Industria Turismo Aspetti demografici Dati sul patrimonio immobiliare Il sistema della mobilità e dei trasporti La rete viaria La rete del Trasporto Pubblico Urbano AMT La rete ferroviaria e metropolitana Il porto L aeroporto Il trasporto privato, pubblico, la circolazione ed il parco veicolare Rapporto con gli strumenti di pianificazione urbanistica Inquadramento Normativo Scenario Internazionale Scenario Europeo Normativa nazionale Normativa regionale PAES del Comune di Catania pag. 2

4 2.6.4 Normativa, provvedimenti e linee di indirizzo comunali Protocollo d intesa tra il comune di Catania, la provincia di Bolzano e la sua partecipata Casaclima Provvedimenti comunali inerenti l adesione al Patto dei Sindaci e alla redazione PAES Strategia e vision La strategia del SEAP di Catania Obiettivo Generale di riduzione di CO Aspetti organizzativi e finanziari Struttura organizzativa e di coordinamento Coinvolgimento di soggetti interessati e cittadini Formazione Bilancio economico complessivo stimato e fonti di finanziamento del piano di azione Misure di monitoraggio e verifica previste Valutazione economica delle azioni: calcolo degli investimenti e valutazione di convenienza Baseline 2011 e inventario delle emissioni Metodologia operativa Fonti dei dati Analisi dei consumi energetici per settore Edifici, attrezzature/impianti e industrie Edifici Comunali,attrezzature/impianti Terziario: edifici, attrezzature/ impianti Edifici residenziali Illuminazione pubblica Industrie non ETS Trasporti Parco Auto Comunale Trasporto pubblico Trasporto commerciale e privato Altri settori Agricoltura Analisi dei consumi energetici per vettore Elettricità Gas naturale GPL Diesel PAES del Comune di Catania pag. 3

5 Benzina Quadro finale dei consumi La produzione locale e il consumo di energia da fonti rinnovabili Inventario Base delle Emissioni di CO Strategie e interventi di riduzione delle emissioni di CO Action Plan e vision Settore Edifici, Attrezzature/impianti e Industrie Settore Illuminazione pubblica Settore Trasporti Settore Produzione Locale di Energia Settore Altro Monitoraggio ed IME Relazione dell IME Indicatori di monitoraggio Bibliografia ALLEGATO A Azione A1_1 Efficientamento impianti sportivi Azione A1_2 Efficientamento impianti sportivi natatori Azione A1_3 Realizzazione di impianti fotovoltaici e sostituzione corpi illuminanti di edifici scolastici Azione A1_4 Realizzazione di impianti fotovoltaici, sostituzione corpi illuminanti e infissi di edifici scolastici Azione A1_5 Mappatura dinamica urbana Azione A1_6 Formazione dei dipendenti comunali attraverso piattaforma e-learning Azione A1_7 Monitoraggio continuo delle azioni di efficientamento sugli edifici scolastici Azione A1_8 Appalti Verdi Azione A4_1 Efficientamento energetico pubblica illuminazione Azione A6_1 Campagna educativa nelle scuole Azione A6_2 Campagna di promozione del trasporto pubblico locale (TPL) Azione A6_3 Progetto "Pedibus" Azione A6_4 Campagna di promozione mezzi elettrici a due ruote Azione A6_5 Servizio bike sharing Azione A6_6 Car pooling aziendale Azione A6_7 Car sharing Azione A6_8 Taxi sharing PAES del Comune di Catania pag. 4

6 Azione A6_9 Realizzazione della linea AMT-BRT Azione A6_10 Linea Alibus di connessione rapida con l'aeroporto Fontanarossa Azione A6_11 Efficientamento sulla flotta autobus AMT (eseguito) Azione A6_12 Efficientamento sulla flotta autobus AMT (da eseguirsi) Azione A6_13 Conversione della linea AMT 2-5 in linea BRT Azione A6_14 Realizzazione di una linea BRT Nesima - Asse dei Viali Azione A6_15 Realizzazione di una linea BRT Librino Azione A6_16 Sistema di supervisione del traffico Azione A6_17 Realizzazione di BiciBox Azione A6_18 Realizzazione di una rete di piste ciclabili Azione A6_19 Completamento della tratta metropolitana Nesima-Stesicoro Azione A6_20 Collegamento minimetro tra fermata FCE di Milo e Città Universitaria Azione A7_1 Realizzazione di impianti fotovoltaici di varia taglia su edifici comunali Azione A7_2 Realizzazione di impianti fotovoltaici su edifici privati (quarto e quinto Conto Energia) Azione A7_3.. Realizzazione su iniziativa privata di impianti fotovoltaici di varia taglia installati su superfici di edifici comunali concessi in comodato d'uso Azione A7_4 Realizzazione futura di impianti fotovoltaici su edifici privati Azione A7_5 Realizzazione di impianti fotovoltaici di piccola taglia su edifici scolastici Azione A7_6 Realizzazione di impianti fotovoltaici di varia taglia su aree comunali per un totale di 10MW Azione A9_1 Coinvolgimento degli stakeholders attraverso un tavolo di concertazione Azione A9_2... Obbligo Classe Energetica A per gli edifici di nuova costruzione o soggetti a demolizione e ricostruzione ALLEGATO B Inventario dei consumi energetici per gli immobili comunali PAES del Comune di Catania pag. 5

7 1. PAES Catania 1.1. Premessa Uno dei motivi per cui le amministrazioni comunali rivestono un ruolo importante nelle strategie di lotta ai cambiamenti climatici è il fatto che esse dispongono di una serie di strumenti di pianificazione che, anche quando indirizzati ad altre finalità, possono essere utilizzati come efficaci strumenti di lotta ai cambiamenti climatici. La tipologia degli strumenti a disposizione va dai piani di gestione integrata, secondo gli indirizzi della strategia tematica per l ambiente urbano della UE; ai piani territoriali d area vasta ed ai piani urbanistici, con norme per la mitigazione e l adattamento ai cambiamenti climatici; alle Valutazioni Ambientali Strategiche; al Regolamento Urbanistico; ai piani di mobilità; agli accordi volontari di partnership pubblico-privato, per favorire il passaggio a una economia locale a ridotto impiego di combustibili fossili; ai piani di gestione coordinata e partecipata di distretto idrografico e di bacino, per la difesa del suolo e del ciclo delle acque integrandoli con la pianificazione territoriale; allo strumento principe e codificato in materia di pianificazione urbana in materia energetico ambientale che è il Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il Piano di Azione per l Energia Sostenibile (PAES) è lo strumento attraverso cui i Comuni firmatari del Patto dei Sindaci assumo un ruolo decisivo nella lotta al cambiamento climatico e nella promozione della sostenibilità energetica nei propri territori, integrando la sostenibilità ambientale, sociale ed economica. In esso vengono definiti: L inventario base delle emissioni di CO2 (IBE) esteso a tutto il territorio comunale e in riferimento a un anno base; Una visione strategica a lungo termine che porti all obiettivo fissato per la riduzione delle emissioni di CO2 di almeno il 20% entro il 2020; Un piano di azioni a breve e medio termine, ciascuna corrispondente a una riduzione stimata delle emissioni di CO2. La visione strategica a lungo termine rappresenta un obiettivo di natura prevalentemente politica. E legata ad un idea di cambiamento possibile del proprio territorio e prevede innanzitutto un obiettivo di riduzione delle emissioni di CO2. La forza del PAES è quella di incidere in maniera significativa non solo in termini riduzioni di emissioni di gas clima alteranti, ma anche quella di indurre un miglioramento complessivo della qualità della vita, con possibili ricadute positive in termini occupazionali. PAES del Comune di Catania pag. 6

8 I settori chiave su cui agire sono quello degli Edifici, Attrezzature e Impianti (municipali, terziari e residenziali), quello dei Trasporti (pubblici, privati e commerciali) e quello legato alle Industrie non -ETS. Il settore delle costruzioni è senz altro quello maggiormente energivoro e nel contempo quello che permetterebbe, attraverso l efficientamento, il migliore risparmio in termini di energia e di CO2 emessa, trascinando investimenti diffusi e rilevanti sotto il profilo economico. Naturalmente il settore dei trasporti è quello che ha un maggior impatto sulle abitudini e gli stili di vita delle persone, incidendo in materia significativa in base alla tipologia di mobilità scelta. È evidente che una mobilità sostenibile tende a scoraggiare l uso del mezzo privato a favore di mezzi di uso collettivo anche tramite sistemi che ormai si stanno diffondendo, come ad esempio il car sharing, il bike sharing ed altri sistemi di trasporto collettivo definiti anche su base aziendale. Il PAES prevede la definizione di un piano di azioni che insieme contribuiscono al raggiungimento del target. Ciascuna azione infatti, a vale della sua attuazione, ha come effetto l abbattimento di un significativo quantitativo di emissioni di CO2. Risulta pertanto necessario che l Amministrazione riconsideri, anche rispetto al piano triennale delle Opere Pubbliche, i progetti, definiti almeno a livello preliminare, che si intendono mettere in atto secondo le priorità di scelta, le disponibilità di finanziamento ed i tempi di realizzazione previsti. È facile intuire la ricaduta delle scelte effettuate sull occupazione, purché le stesse siano state effettuate consapevolmente e siano proporzionate alla realtà dimensionale del Comune, coerentemente con gli indirizzi che presiedono agli stanziamenti europei in materia di energia ed ambiente. È anche per questo motivo che la redazione del PAES e in particolare le azioni che in esso sono previste devono necessariamente essere sottoposte ad una analisi in termini di reperimento dei fondi, che per la maggior parte saranno di provenienza europea. A latere del PAES, riveste un ruolo strategico l adozione di misure che troveranno riscontro nel regolamento edilizio, atte a migliorare energeticamente il patrimonio edilizio pubblico e privato. Tali misure riguardano, ad esempio, l innalzamento della qualità degli involucri ad di sopra del minimo previsto dalle norme in vigore; ma, più in generale,il miglioramento delle prestazioni energetiche del sistema edificio/impianto con l innalzamento della classe energetica obbligatoria per le nuove costruzioni ad A. Interessanti in questo senso sono inoltre gli interventi di riqualificazione urbanistica di interi quartieri che tengano in debito conto gli aspetti energetici ed ambientali. Politica ed urbanistica, per le loro rispettive competenze, devono essere attrezzate e formate per rendere operativi interventi sia di mitigazione sia di adattamento al cambiamento climatico, se si intende ridurne l impatto sull ambiente urbano, sull economia e sui cittadini. Le autorità politiche locali possono ottenere i seguenti vantaggi sostenendo l attuazione del PAES: PAES del Comune di Catania pag. 7

9 - contribuire alla lotta globale contro il cambiamento climatico - la diminuzione globale dei gas serra protegge la città contro il cambiamento climatico; - dimostrare impegno nella tutela dell ambiente e nella gestione efficiente delle risorse; - partecipazione della società civile, miglioramento della democrazia locale; - migliorare l immagine della città; - visibilità politica durante il processo; - ravvivare il senso di comunità intorno a un progetto comune; - vantaggi economici e occupazionali (adeguamento degli edifici...); - migliore efficienza energetica e risparmio sulla fattura energetica; - ottenere un quadro chiaro, veritiero e completo delle uscite finanziarie connesse con l utilizzo di energia e un identificazione dei punti deboli; - sviluppare una strategia chiara, globale e realistica per il miglioramento della situazione; - accesso a fondi nazionali/europei; - miglioramento del benessere dei cittadini (riduzione della povertà energetica); - sanità locale e qualità della vita (minore congestione del traffico, miglioramento della qualità dell aria...); - assicurarsi risorse finanziarie attraverso il risparmio energetico e la produzione locale di energia; - migliorare l indipendenza energetica a lungo termine della città; - sinergie future con gli impegni e le politiche esistenti; - preparazione per un migliore utilizzo delle risorse finanziarie disponibili (locali, sovvenzioni dell UE e piani di finanziamento); - una posizione migliore per quanto riguarda l attuazione delle politiche e della legislazione nazionali e/o europee; - vantaggi derivanti dai contatti con altri firmatari del Patto dei Sindaci. In definitiva il presente Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES/SEAP) è uno strumento pianificatorio del Comune di Catania finalizzato a definire la politica energetico-ambientale funzionale al raggiungimento degli obiettivi del Patto dei Sindaci. Partendo dall analisi dei dati di consumo energetico e delle corrispondenti emissioni di CO 2 nel territorio comunale (IBE - Inventario base delle emissioni / BEI Baseline Emission Inventory), sono state definite una serie di azioni prioritarie e di attività volte al conseguimento degli obiettivi a breve e medio termine, finalizzate al raggiungimento degli obiettivi di riduzione delle emissioni che si è posto il Comune di Catania. Sulla scorta della disponibilità dei dati e conformemente alle direttive emanate dalla Regione Siciliana, il Comune di Catania ha adottato come anno di riferimento il Per ogni azione è stato PAES del Comune di Catania pag. 8

10 calcolato il risparmio atteso in termini di energia e di emissioni, oltre che le tempistiche, i costi e l individuazione dei responsabili dell attuazione. Il PAES rappresenta per l Amministrazione Comunale uno dei Piani Caratterizzanti lo sviluppo della Città e si integra con gli strumenti pianificatori vigenti nel Comune, ivi compreso il Piano Generale del Traffico Urbano. Il Comune di Catania, aderendo al Patto dei Sindaci della Comunità Europea, si è posto l obiettivo di ridurre del 21.7% le emissioni di CO 2 entro il Il raggiungimento dell obiettivo avverrà attraverso l attuazione di azioni che riguarderanno sia l ambito pubblico che quello privato, agendo sui vari settori (edifici, attrezzature, illuminazione pubblica, trasporti e altro), la cui totalità dei risultati garantisce l ottenimento dell obiettivo previsto. Il raggiungimento dell obiettivo, attraverso le azioni previste, e più in generale il PAES si fonda: - sul coinvolgimento di soggetti portatori di interessi (stakeholder) attraverso le azioni che intendono mettere in atto, di supporto al raggiungimento del target di riduzione delle emissioni; - sull attività di comunicazione rivolta alla cittadinanza con lo scopo di favorire la partecipazione di quanti più soggetti possibili alle scelte del piano e la sensibilizzazione della popolazione alle tematiche coinvolte; - sulle azioni di formazione del personale dell Autorità Locale attraverso il protocollo di intesa con l ENEA e l Università di Catania; - sulla costituzione di un Ufficio PAES all interno dell organizzazione comunale articolato in due team responsabili dell attuazione e del monitoraggio delle azioni e degli obiettivi. Con l adozione del PAES l Amministrazione Comunale si dota di uno strumento attraverso cui realizzare un nuovo modello di sviluppo sostenibile, contribuendo con politiche attive al raggiungimento dell obiettivo generale di riduzione di emissioni di gas climalteranti, al contenimento dei consumi energetici, alla produzione di energia da FER e, in definitiva, al miglioramento della qualità dell ambiente e della vita dei suoi cittadini. In definitiva il PAES è uno strumento di programmazione e monitoraggio (almeno biennale) degli obiettivi da raggiungere con l impegno assunto aderendo al Patto dei Sindaci. PAES del Comune di Catania pag. 9

11 1.2. I contenuti L Unione Europea ha impostato una politica energetica che spinge gli Stati membri ad aumentare l utilizzo delle fonti rinnovabili e ridurre l uso delle fonti fossili, per rendere l Unione meno dipendente dalle fonti di energia tradizionali, quasi totalmente importate da paesi terzi. L Unione europea ha ratificato il Protocollo di Kyoto il 31 maggio 2002, entrato in vigore il 16 febbraio 2005, dopo la ratifica della Russia. L Unione Europea, in particolare, si è impegnata ad una riduzione dell 8% rispetto alle emissioni del 1990 entro il , assegnando all Italia un obiettivo di diminuzione del 6,5% entro il 2010 rispetto al Da tale obbligo discende, su scala nazionale, il Patto dei Sindaci cui il Comune di Catania ha aderito con Delibera di Consiglio Comunale n. 45 del La strategia del Patto prevede una serie di interventi, sul territorio dei Comuni aderenti, volte alla riduzione delle emissioni di CO 2, alla riduzione dei consumi energetici, all utilizzo di fonti energetiche rinnovabili. La Commissione UE intende raggiungere essenzialmente tre obiettivi: sostenibilità, sicurezza negli approvvigionamenti, competitività dell economia. I settori principali da prendere in considerazione nella stesura del PAES sono gli Edifici, gli impianti comunali, i trasporti, la produzione locale di energia ed in particolare quella da FER. Per il raggiungimento degli obiettivi di risparmio è determinante il ruolo dell amministrazione pubblica anche per indurre nei cittadini comportamenti virtuosi ed essere da volano per gli stakeholder I tempi Posto che l orizzonte temporale del Patto dei Sindaci è il 2020, il PAES prevede azioni a breve e medio termine. In particolare le azioni a breve termine comprendono: - quelle successive al 2011 e già poste in essere quali ad es. l installazione di impianti FV di proprietà del Comune - quelle già avviate e che si concluderanno entro 18 mesi, che essenzialmente attengono ad impianti FV di proprietà del Comune ed interventi di efficientamento energetico in corso di esecuzione PAES del Comune di Catania pag. 10

12 Le azioni di medio periodo, riguardano sia direttamente il Comune che le sue partecipate oltre che cittadini e stakeholders I requisiti del PAES Il PAES, integrando le azioni e le politiche di breve e medio termine, si sostanzia anche come strumento di comunicazione verso i cittadini e gli stakeholders; deve essere un documento condiviso a livello politico e con gli stakeholders; deve allocare adeguate risorse finanziarie ed umane ed essere coerente con altre iniziative ed interventi comunali. Elementi chiave per la redazione del PAES sono: - Realizzare le indagini di base e l Inventario base delle emissioni (IBE) identificando gli indicatori più importanti da utilizzare nella valutazione: - consumo di energia e emissioni di CO2 dei diversi settori e soggetti presenti - tendenze - produzione locale di energia e sue fonti - fattori che influiscono sul consumo di energia - ripercussioni del consumo di energia sulla città (inquinamento dell aria, traffico...) - provvedimenti già presi in merito alla gestione - politiche a breve e medio termine in termini di riduzioni delle emissioni avendo cura di: - definire come la città apparirà in futuro, in termini di energia, politica climatica e mobilità (la visione); - informare gli stakeholder e condividere con loro il piano; - tradurre la visione in provvedimenti reali, stabilendo scadenze e un budget per ciascuno di essi; - essere un punto di riferimento durante il processo di attuazione e monitoraggio 1.5. Vision del PAES La vision generale che è stata posta a base del PAES pone in primo piano l idea di una città che metta al centro di tutto la dignità del lavoro e dello sviluppo. In tal senso il contributo del PAES a questa impostazione programmatica consiste nella possibilità e nell opportunità di PAES del Comune di Catania pag. 11

13 legare le occasioni di lavoro ad uno standard elevato di qualità in termini energetici e ambientali con l obiettivo di creare successive ricadute positive legate alla realizzazione di interventi che incidono sulla riduzione delle emissioni di CO2. In particolare gli interventi sull efficienza energetica del patrimonio edilizio esistente, pur rappresentando una componente esigua rappresentano un contributo sostanziale in termini occupazionali. Costituisce inoltre parte integrante della visione l intento di coniugare l idea di una città dinamica e al tempo stesso sostenibile, che quindi ponga l attenzione su aspetti della mobilità urbana legati innanzitutto al decongestionamento dal traffico del centro storico per una migliore fruizione turistica. In questo senso l immagine di città che si pone all interno della vision rimanda in maniera diretta ad azioni come il completamento della rete metropolitana, la creazione di linee autobus veloci connesse ai parcheggi di scambio, il potenziamento di piste ciclabili e, più in generale, la promozione della mobilità dolce e a basso impatto, anche con l ausilio di strumenti informatici, tecnologie gps e in generale con un offerta di servizi integrata. Tenendo infatti conto delle esperienze italiane ed europee sui Piani di Azione si stima che gli interventi rivolti al settore dei trasporti possano incidere in maniera preponderante sull abbattimento delle emissioni e in misura pari almeno al 70% La vision di Catania come città del Sole ed ecosostenibile presuppone un incremento dell uso delle energie alternative per gli edifici sia pubblici che privati e l incremento degli standard di realizzazione della nuova edificazione, come ad esempio l obbligatorietà della classe A per le nuove costruzioni o addirittura progetti integrati per la creazione di zone di città low emission Piano d Azione Il Piano d azione, come già detto, si esplica attraverso delle azioni che, sinteticamente, vengono riepilogate come segue: Edifici ed attrezzature/impianti comunali - Efficientamento impianti sportivi - Efficientamento impianti natatori - Efficientamento edifici scolastici Pubblica illuminazione - Efficientamento energetico pubblica illuminazione Mobilità e trasporti - Campagna di promozione del trasporto pubblico locale (TPL) PAES del Comune di Catania pag. 12

14 - Servizio"Pedibus" - Campagna di promozione mezzi elettrici a 2 ruote - Servizio bike sharing - Iniziative di "Car pooling" aziendali - Servizio "Car sharing" - Servizio taxi sharing - Realizzazione della linea AMT BRT1 - Linea Alibus di connessione diretta con l'aeroporto Fontanarossa - Efficientamento sulla flotta autobus AMT - Conversione in BRT della linea Realizzazione di una linea BRT 2 - Parcheggio Nesima -Stazione Centrale - Realizzazione di una linea BRT 3a - Parcheggio Fontanarossa-Centro - Sistemi di supervisione del traffico - Realizzazione di BiciBox - Realizzazione di una rete di Piste ciclabili - Completamento della tratta di metropolitanta Stesicoro Nesima - Collegamento minimetro tra stazione FCE di Milo e Città Universitaria Produzione locale di energia - Impianti fotovoltaici su edifici comunali - Impianti fotovoltaici su edifici privati incentivati dall'amministrazione su proprietà pubblica - Impianti fotovoltaici privati - Impianti fotovoltaici su edifici scolastici - Realizzazione di impianti fotovoltaici di varia taglia su aree comunali per un totale di 10 MW Edilizia residenziale - Obbligo Classe Energetica A per gli edifici di nuova costruzione o soggetti a riqualificazione energetica Altro - Mappatura dinamica urbana - Formazione dipendenti comunali - Monitoraggio continuo delle azioni di efficientamento su edifici scolastici - Appalti verdi - Campagna educativa scuole - Coinvolgimento degli stakeholders attraverso un tavolo di concertazione PAES del Comune di Catania pag. 13

15 2. IL TERRITORIO DEL COMUNE DI CATANIA E IL CONTESTO NORMATIVO 2.1 Inquadramento Territoriale Il Comune di Catania è situato sulla costa orientale dell isola, tra il Mar Ionio e le pendici meridionali del vulcano Etna, a nord della foce del Simeto e della Piana di Catania, a metà strada tra le città di Messina e Siracusa. Con una popolazione di abitanti, si estende su una superficie complessiva di kmq, ad una altitudine di 7 m s.l.m. Figura 2.1 Posizione del Comune di Catania all interno del territorio provinciale. Figura 2.2 Le dieci Municipalità del Comune di Catania. E la seconda città più grande in Sicilia, dopo Palermo, e la decima in Italia. E inoltre il centro della maggiore conurbazione siciliana, nota come "Sistema lineare della Sicilia orientale" e fra le quindici città metropolitane italiane. Presenta un territorio collinare a nord, morfologicamente condizionato dalla presenza dell'etna, e prettamente pianeggiante a sud e sud-est, comprendendo una vasta area della Piana di Catania. Quest ultima ha avuto origine 1 Dato ISTAT al 9 ottobre XV Censimento Generale della popolazione e delle abitazioni PAES del Comune di Catania pag. 14

16 dalle alluvioni del fiume Simeto e dei suoi principali affluenti ed è tra le più estese aree coltivate della Sicilia. Figura 2.3 Veduta della città di Catania. La fondazione della città di Catania, dal greco Κατάνη Katani e dal latino Catana e Catina, risale al 730 a.c. ad opera dei Calcidesi. Nel corso della sua storia è stata più volte interessata da eruzioni vulcaniche (la più imponente, in epoca storica, è quella del 1669) e da terremoti (i più catastrofici ricordati sono stati quelli del 1169 e del 1693). La crescita e la configurazione attuale della città di Catania sono il risultato di uno stretto rapporto con l Etna, sia da un punto di vista economico che morfologico, quest ultimo fortemente riscontrabile nei caratteri del territorio e nell immagine architettonica. Oggi Catania si presenta come un sistema urbano complesso che ha forti relazioni con i comuni di prima e seconda cintura collocati a nord rispetto ai quli srisulta essere un forte attrattore. PAES del Comune di Catania pag. 15

17 I caratteri peculiari della ricostruzione tardo-barocca del centro storico dopo il terremoto del 1693 hanno fatto sì che buona parte del centro storico di Catania fosse inserito nella lista UNESCO come Patrimonio dell Umanità all interno dei centri del Val di Noto. Il verde pubblico è costituito dai parchi situati all'interno della città. Sono sei quelli di una certa grandezza e importanza: il Giardino Bellini, dedicato a Vincenzo Bellini; il Giardino Pacini dedicato a Giovanni Pacini; il Parco Gioeni (situato a nord, alla fine della via Etnea); il Parco Falcone e Borsellino (a nord del Corso Italia); il parco I Viceré (nel quartiere Barriera Canalicchio) e il Boschetto della Plaia (nella zona tra l'aeroporto Vincenzo Bellini e la città). Tra gli altri, soprattutto per l'importanza storica, va segnalato l'orto Botanico di Catania sito lungo la parte alte di Via Etnea. Il territorio della città si presenta suddiviso in Municipalità. Istituite per la prima volta nel 1971 come quartieri, le dieci municipalità di Catania sono state riorganizzate nel Ognuna è contrassegnata da un numero progressivo e da un nome che fino al febbraio 2013 erano così distinte nella deliberazione n.100 del 15 novembre 1996 del Consiglio Comunale di Catania: I. Centro: la prima municipalità è quella della città vecchia, la parte centrale di Catania che racchiude tutti i monumenti più antichi; comprende la zona del porto, i quartieri di San Cristoforo, San Berillo, Civita, Antico Corso e Fortino; II. III. IV. Ognina-Picanello: la seconda municipalità è la zona orientale della città e va dalla zona di pregio del Corso Italia a quella di edilizia pubblica del villaggio Dusmet; comprende piccoli centri come Ognina e San Giovanni Li Cuti inizialmente distinti rispetto alla città storica; Borgo-Sanzio: la terza municipalità occupa una zona tra Cibali e Picanello che è sorta dopo il terremoto del 1669 per ospitare gli sfollati della città; comprende i quartieri della Consolazione, del Borgo e di piazzale Raffaello Sanzio ed è incentrata su piazza Cavour; Barriera-Canalicchio: la quarta municipalità è al confine con i comuni di Tremestieri Etneo e Sant'Agata li Battiati, ospita la Cittadella Universitaria sulla collina Santa Sofìa ed è formata dai quartieri di Barriera del Bosco e Canalicchio; V. San Giovanni Galermo: la quinta municipalità formava un comune a sé fino al 1928, poi venne annesso alla città; si è sviluppata negli anni sessanta a causa delle case popolari, la maggior parte delle quali abusive; in questa zona si ritiene che sia nata Sant'Agata; PAES del Comune di Catania pag. 16

18 VI. VII. VIII. IX. Trappeto-Cìbali: la sesta municipalità, tra il Borgo e San Giovanni Galermo, sorge attorno a piazza Bonadies e allo stadio Cibali; fino agli anni sessanta è stata una zona rurale, poi sì è sviluppata in seguito ad alcuni piani di urbanizzazione; Monte Po-Nesima: la settima municipalità include i quartieri di San Leone, Nesima, San Nullo e Monte Po; è al confine con Mìsterbianco e ne prosegue i quartieri di Lineri e Monte Po; è sorta negli anni cinquanta ed è ora sede del nuovo ospedale Garibaldi; San Leone-Rapisardi: l'ottava municipalità ha come due grandi direttrici la via Mario Rapisardi e il corso Indipendenza, che comprendono una fetta di territorio urbanizzato dopo gli anni trenta e ancora oggi in ampie zone non abitato; San Giorgio-Librino: la nona municipalità è nata con il piano di urbanizzazione portato avanti negli anni sessanta e comprende una grandissima zona abitata da circa persone; in molte zone mancano dei servizi essenziali e solo di recente si sta cercando di recuperare la situazione; X. San Giuseppe La Rena-Zia Lisa: la decima municipalità è la più ampia; comprende i quartieri del Villaggio Sant'Agata, dei Villaggio Santa Maria Coretti, la Plaia, l'aeroporto, l'oasi del Simeto, la zona industriale di Pantano d'arci, Vaccarizzo, la zona del Ponte Primosole. Con Delibera del Consiglio Comunale n. 13 del 2 febbraio 2013 è stata disposta la rimodulazione del numero delle Municipalità. Pertanto, a decorrere dal 26 aprile 2013 le Circoscrizioni comunali saranno ridotte da dieci a sei, come di seguito specificato: Prima Circoscrizione corrispondente alla ex Circoscrizione 1ª (Centro); Seconda Circoscrizione corrispondente alle ex Circoscrizioni 2ª (Ognina - Picanello) e 4ª (Barriera - Canalicchio); Terza Circoscrizione corrispondente alla ex Circoscrizione 3ª (Borgo Sanzio); Quarta Circoscrizione corrispondente alle ex Circoscrizioni 5ª (S. Giovanni Galermo) e 6ª (Trappeto - Cibali); Quinta Circoscrizione corrispondente alle ex Circoscrizioni 7ª (Monte Po - Nesima) e 8ª (San Leone - Rapisardi); Sesta Circoscrizione corrispondente alle ex Circoscrizioni 9ª (S. Giorgio - Librino) e 10ª (S. Giuseppe la Rena - Zia Lisa). PAES del Comune di Catania pag. 17

19 2.2 Inquadramento meteo-climatico ambientale Le condizioni del clima La città di Catania presenta, come il resto dell Isola, un clima di tipo mediterraneo. L'inverno, spesso di breve durata, assicura temperature massime diurne generalmente piuttosto miti, mentre nelle ore notturne possono verificarsi raffreddamenti, più pronunciati nell'entroterra e nei paesi etnei. L'estate, di lunga durata, si presenta molto calda, anche se raramente con alti tassi di umidità. Mentre lungo la fascia litoranea le temperature massime sono parzialmente contenute dalla brezza marina di levante, nella parte più interna della città e della piana si registrano valori molto elevati. I valori medi delle temperature oscillano tra i 16 e i 18 C e le escursioni medie, riferite alla pianura ed alla collina, sono rispettivamente di circa 15 e 17 C ( Tabella 2.1). Lungo la costa la temperatura media annua è di 18 C ; il mese più freddo è gennaio, ma raramente la temperatura scende a valori prossimi allo 0 C; il mese più caldo è agosto e durante il periodo estivo la temperatura può raggiungere anche punte di C all ombra. Le temperature medie di Catania, sufficientemente miti anche in inverno, consentono di limitare il ricorso al riscaldamento domestico. Tabella 2.1 Dati climatici Medie mensili rilevate a Catania negli ultimi 30 anni. Fonte: Mese T min T max Precipitazioni Umidità Vento Gennaio 5 C 16 C 75 mm 73% W 9 km/h Febbraio 5 C 16 C 53 mm 71% E 9 km/h Marzo 7 C 18 C 46 mm 70% E 16 km/h Aprile 8 C 20 C 35 mm 70% E 16 km/h Maggio 12 C 24 C 19 mm 68% E 16 km/h Giugno 16 C 28 C 6 mm 65% E 16 km/h Luglio 19 C 32 C 5 mm 64% E 16 km/h Agosto 19 C 32 C 9 mm 67% E 16 km/h Settembre 17 C 29 C 45 mm 68% E 16 km/h Ottobre 14 C 25 C 106 mm 72% E 16 km/h Novembre 10 C 20 C 62 mm 75% E 9 km/h Dicembre 7 C 17 C 86 mm 76% W 9 km/h PAES del Comune di Catania pag. 18

20 Le condizioni meteorologiche di Catania non sempre sono comunque di conforto ai fini della tutela dall'inquinamento. I torridi caldi estivi favoriscono la formazione di inquinanti fotochimici e il clima secco non consente l'abbattimento al suolo delle polveri sospese in atmosfera. Al fine di descrivere i caratteri climatici del territorio catanese sono stati elaborati i dati forniti dalla Regione Sicilia - Assessorato Agricoltura e Foreste - Servizio Informativo Agrometeorologico Siciliano (SIAS). La stazione meteo è quella di Catania sita nella parte meridionale della città in località San Francesco La Rena posta a 10 m.s.l.m La tendenza del clima registrato a Catania negli ultimi 30 anni, periodo per il quale è stato possibile reperire i dati, mostra una significativa tendenza al riscaldamento ed alla diminuzione della piovosità. Come è possibile leggere in Figura 2.4, le temperature massime giornaliere, registrate nell ultimo trentennio, presentano dei valori medi compresi tra 15 e i 20 C nel periodo Novembre-Aprile, con punte oltre i 30 C nel periodo estivo di Luglio- Agosto, per diminuire gradatamente tra Settembre e Ottobre, con valori tra i 25 e i 20 C. Le temperature minime si mantengono invece su valori medi giornalieri superiori ai 5 C (Figura 2.5). Figura 2.4 Temperature medie massime giornaliere d ultimi trent anni nel Comune di Catania Fonte: SIAS- Servizio Informativo Agrometeorologico Siciliano. PAES del Comune di Catania pag. 19

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DELLA CITTA DI PIACENZA 23-24 Con il Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24

Dettagli

Presentazione della BASELINE

Presentazione della BASELINE capofila: CADREZZATE ANGERA, BREBBIA, BREGANO, COMABBIO, ISPRA, LAVENO MOMBELLO, LEGGIUNO, MERCALLO, MONVALLE, OSMATE, RANCO, TAINO, VARANO BORGHI con il contributo per il bando 2011 _ Promuovere la sostenibilità

Dettagli

3. Invito agli esercizi commerciali di chiusura delle porte di accesso ai propri locali;

3. Invito agli esercizi commerciali di chiusura delle porte di accesso ai propri locali; PROTOCOLLO DI COLLABORAZIONE TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNI RICADENTI NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA: AZIONI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA ED IL CONTRASTO ALL INQUINAMENTO ATMOSFERICO

Dettagli

Patto dei sindaci Comune di Genova

Patto dei sindaci Comune di Genova Patto dei sindaci Comune di Genova Pinuccia Montanari Città e cambiamento climatico: l'azione locale Dati caratteristici della città di Genova Superficie città Superficie urbanizzata Superficie agglomerato

Dettagli

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO Maggio 2015 1 ARIA IN EUROPA 2 La qualità dell aria della nostra città dipende da: quantità di inquinanti emessi dalle varie attività umane; conformazione geografica

Dettagli

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Valutazione e gestione della qualità dell aria (situazione attuale, analisi delle tendenze ed azioni) Incontro con le Associazioni economiche

Dettagli

PAES piano d azione per l energia sostenibile

PAES piano d azione per l energia sostenibile capofila: CASALBUTTANO ED UNITI ANNICCO, AZZANELLO, CAPPELLA CANTONE, CASALMORANO, CASTELVISCONTI, GENIVOLTA, PADERNO PONCHIELLI, SORESINA, TRIGOLO con il contributo per il bando 211 _ Promuovere la sostenibilità

Dettagli

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Introduzione Nome dell ente Comune di Padova, Italia Logo del

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il Patto dei Sindaci e l Inventario di Base delle Emissioni (IBE) I incontro : consumi energetici ed emissioni di CO2 nel Preganziol 31/03/2015 Il Patto dei Sindaci

Dettagli

Pianificazione comunale PSC / POC / PUA in applicazione dei piani sovraordinati

Pianificazione comunale PSC / POC / PUA in applicazione dei piani sovraordinati Comune di Bologna Pianificazione comunale PSC / POC / PUA in applicazione dei piani sovraordinati Giovanni Fini Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città Settore Ambiente UI Valutazioni e Controllo

Dettagli

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE 1. PREMESSA Le trasformazioni economiche, politiche, sociali e ambientali che in questi ultimi decenni hanno investito, in modo

Dettagli

Politiche locali per l energia: il Patto dei Sindaci e i Piani di Azione per l Energia Sostenibile Ing. Irene De Piccoli Infoenergia

Politiche locali per l energia: il Patto dei Sindaci e i Piani di Azione per l Energia Sostenibile Ing. Irene De Piccoli Infoenergia GUIDARE LE AMMINISTRAZIONI LOCALI OLTRE GLI OBIETTIVI DELL UE AL 2020 Politiche locali per l energia: il Patto dei Sindaci e i Piani di Azione per l Energia Sostenibile Ing. Irene De Piccoli Infoenergia

Dettagli

Il Patto dei Sindaci

Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci è la principale iniziativa europea che unisce le autorità locali e regionali in un impegno comune per contribuire (raggiungendoli e superandoli)

Dettagli

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Introduzione Il traffico è la causa principale dell inquinamento urbano. Nelle aree urbane e metropolitane si sviluppa circa il 70 per cento di

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE)

Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE) Febbraio 2014 n.b. il documento del PAES è in fase di valutazione da parte del CCR della Commissione Europea. 1 Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE) Comune di Latina -

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO COMUNALE

BILANCIO ENERGETICO COMUNALE BILANCIO ENERGETICO COMUNALE Comune di: CAVAZZO CARNICO Anno di riferimento del bilancio energetico: 2013 Popolazione: 1.091 ab. (al 31/12/2013) 1 Superficie comunale: 39,44 kmq Densità abitativa: 27,7

Dettagli

PAES piano d azione per l energia sostenibile

PAES piano d azione per l energia sostenibile capofila: LAVENO MOMBELLO ANGERA, BESOZZO, BREBBIA, BREGANO, COMABBIO, CADREZZATE, LEGGIUNO, MERCALLO, MONVALLE, OSMATE, RANCO, TAINO, VARANO BORGHI con il contributo per il bando 2011 _ Promuovere la

Dettagli

Sfida del clima e crisi energetica Il ruolo degli Enti Locali. Giuseppe Gamba - Presidente AzzeroCO2

Sfida del clima e crisi energetica Il ruolo degli Enti Locali. Giuseppe Gamba - Presidente AzzeroCO2 Sfida del clima e crisi energetica Il ruolo degli Enti Locali Giuseppe Gamba - Presidente AzzeroCO2 Il livello locale Dimensione su cui incide l azione del Governo Locale e dei cittadini La dimensione

Dettagli

Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune

Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune I consumi energetici e le emissioni a Settala A CHE PUNTO SIAMO? Irene de Piccoli - Infoenergia 2 ottobre 211 SINTESI EMISSIONI AL FASE A EMISSIONI CO

Dettagli

RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DI LECCO E PROVINCIA ANNO 2002 (Aggiornamento al 31/03/2003)

RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DI LECCO E PROVINCIA ANNO 2002 (Aggiornamento al 31/03/2003) RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DI LECCO E PROVINCIA ANNO 2002 (Aggiornamento al 31/03/2003) 1 Autore dei testi ed elaborazioni Anna De Martini Dipartimento di Lecco ARPA Lombardia Tecnico della rete

Dettagli

ELEMENTI CHIAVE. Allocazione di risorse (umane e finanziarie) per realizzazione di azioni e monitoraggio

ELEMENTI CHIAVE. Allocazione di risorse (umane e finanziarie) per realizzazione di azioni e monitoraggio Il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) del Comune di Napoli Prof. Massimo Dentice d Accadia Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Ingegneria Industriale Il PAES è il

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES)

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Dati preliminari e principali linee d azione Giugno 2012 Prof. Massimo Dentice d Accadia DETEC Università degli studi di Napoli Federico II COS E IL PATTO

Dettagli

Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale

Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale * Il cambiamento climatico: il problema a scala globale *Antonio Ballarin Denti è Ordinario di Fisica ambientale all Università Cattolica di

Dettagli

Covenant of Mayors Comune di Palermo Piano di azione per la riduzione delle emissioni di CO2 nella citt di Palermo Progetti di mobilit sostenibile

Covenant of Mayors Comune di Palermo Piano di azione per la riduzione delle emissioni di CO2 nella citt di Palermo Progetti di mobilit sostenibile Covenant of Mayors Comune di Palermo Piano di azione per la riduzione delle emissioni di CO2 nella città di Palermo Progetti di mobilità sostenibile 1 Inventario Base delle Emissioni CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Piano Territoriale Provinciale di Catania (ex art.12 L.R.9/86) RELAZIONE GENERALE DELLO SCHEMA DI MASSINA.

Piano Territoriale Provinciale di Catania (ex art.12 L.R.9/86) RELAZIONE GENERALE DELLO SCHEMA DI MASSINA. 4.1.7. L ATTIVITÀ TURISTICA. Secondo le stime del World Travel and Tourism Council, l industria dei viaggi e del turismo diventerà, a breve termine, la prima industria mondiale sia in termini di fatturato

Dettagli

Tavoli tematici. Contributo. 2. Riferimento del contributo al tavolo tematico. Tavolo tematico sala 1 Contributo* sala 2 Contributo*

Tavoli tematici. Contributo. 2. Riferimento del contributo al tavolo tematico. Tavolo tematico sala 1 Contributo* sala 2 Contributo* VERSO LA STRATEGIA REGIONALE DELL INNOVAZIONE 2014-2020 Tavoli tematici Contributo 1 1. Dati proponente contributo Nome Cognome Ente/organizzazione di appartenenza UNIVERSITA DI PALERMO Telefono E_mail

Dettagli

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FORNI DI SOPRA (UD) Data: 21 luglio 2015

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FORNI DI SOPRA (UD) Data: 21 luglio 2015 1 WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FORNI DI SOPRA (UD) Data: 21 luglio 2015 Gruppo di lavoro: Lorenzo Orlandi Pier Federico Fileni Silvia Stefanelli (ECUBA S.r.l.) (ECUBA S.r.l.) (Regione FVG) 2 BILANCIO

Dettagli

Avv. CUOMO Nicola. Arch. QUINTAVALLE Lea. Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo

Avv. CUOMO Nicola. Arch. QUINTAVALLE Lea. Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo Sindaco Assessore all Urbanistica R.U.P. Energy Manager Coordinamento Avv. CUOMO Nicola Arch. D AURIA Alessio Arch. QUINTAVALLE Lea Arch. SCOGNAMIGLIO Antonella Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo Gruppo di

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità. Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 2003-2004

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità. Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 2003-2004 Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24 Comune di Piacenza Quadro evolutivo PTS NO 2 CO O 3 Giordani, Giordani, Stazioni considerate Passeggio, Medaglie d Oro, Medaglie d Oro, Roma

Dettagli

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 1) IL PIANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE: IL CONTESTO. 2) LA MOBILITA A MILANO: TRASPORTI E INQUINAMENTO. 3) LA COLLABORAZIONE CON ISTITUZIONI E

Dettagli

1 PREMESSA. 1.2 La definizione delle Azioni. 1.1 Obiettivo minimo del PAES

1 PREMESSA. 1.2 La definizione delle Azioni. 1.1 Obiettivo minimo del PAES ALLEGATO - Piano d per l Energia Sostenibile LE AZIONI COMUNE DI GUASTALLA Detto ciò, a partire dal suddetto valore emissivo al 2007 verranno valutate nella presente Fase 2 le azioni già messe in atto

Dettagli

Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016. PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO

Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016. PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016 PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO IL PAES e GLI OBIETTIVI Ricognizione su tutto il territorio comunale degli

Dettagli

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015 1 WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015 Gruppo di lavoro: Lorenzo Orlandi Pier Federico Fileni Silvia Stefanelli (ECUBA S.r.l.) (ECUBA S.r.l.) (Regione FVG) 2 BILANCIO ENERGETICO

Dettagli

Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA,

Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA, Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA, Roma) Sommario 1.Milano e il suo intorno: l evoluzione

Dettagli

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico Ottimizzare o disperdere risorse? La mobilità e il trasporto pubblico della città metropolitana Venerdì

Dettagli

Come sviluppare il SEAP: l esperienza del Comune di Forlì. Francesca Ravaioli

Come sviluppare il SEAP: l esperienza del Comune di Forlì. Francesca Ravaioli Come sviluppare il SEAP: l esperienza del Comune di Forlì Francesca Ravaioli Comune di Forlì Patto dei Sindaci Patto dei Sindaci: cos'è? Il Patto Il Patto dei Sindaci è il principale movimento europeo

Dettagli

CAPITOLO 11: Mobilità

CAPITOLO 11: Mobilità CAPITOLO 11: Mobilità 197 11.1: Tecnologia ed efficienza Presentazione: I trasporti ormai da tempo rappresentano un settore dolente delle politiche ambientali dell Unione Europea ed un elemento di criticità

Dettagli

Il PAES di Castellana Sicula (Pa) Giuseppe Riotto

Il PAES di Castellana Sicula (Pa) Giuseppe Riotto Moduli di sviluppo delle competenze CAMBIAMENTI CLIMATICI E SVILUPPO SOSTENIBILE IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI 14 15 16 17 ottobre 2013 Messina Il PAES di Castellana Sicula (Pa) Giuseppe Riotto Castellana

Dettagli

Si ritiene necessario, in premessa, illustrare le motivazioni delle scelte effettuate.

Si ritiene necessario, in premessa, illustrare le motivazioni delle scelte effettuate. Trasporto Privato Classificazione strade Regolamento viario Delimitazione Centro Storico Direzionale; zona rossa con tariffa differenziata di sosta e modalità ristretta di accesso Attivazione servizio

Dettagli

stipulano il seguente Accordo di Programma

stipulano il seguente Accordo di Programma Allegato 1 Accordo di Programma tra Regione, Province e URPT, Comuni e ANCI per il risanamento della qualità dell aria ambiente nelle aree urbane Premesso che. - in data 15 aprile 2003 è stato firmato

Dettagli

6 - Interventi e indicatori di risposta

6 - Interventi e indicatori di risposta 6 - Interventi e indicatori di risposta 6.1 Gli adempimenti previsti dalla legislazione Tra le azioni attuate dal Comune di Padova in risposta a precise disposizioni di legge in materia di inquinamento

Dettagli

REGIONE CAMPANIA. Convenzione tra. Provincia di Napoli e A.R.P.A.C. Data

REGIONE CAMPANIA. Convenzione tra. Provincia di Napoli e A.R.P.A.C. Data REGIONE CAMPANIA Convenzione tra Data Provincia di Napoli e A.R.P.A.C. Realizzazione della Banca dati Energetica propredeutica al piano energetico della Provincia di Napoli Relazione Finale Consulenza

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

1 RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DI LECCO E PROVINCIA ANNO

1 RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DI LECCO E PROVINCIA ANNO Foto 1 RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DI LECCO E PROVINCIA ANNO 2001 Arpa Lombardia Regione Lombardia Indice 1 - Caratterizzazione del contesto Pag.1 territoriale 1.1 Caratterizzazione del Pag.1 contesto

Dettagli

COMUNE DI NOCETO PROVINCIA DI PARMA

COMUNE DI NOCETO PROVINCIA DI PARMA Prot. n. 17389 DEL 29.09.08 Ordinanza n 255 Oggetto: ORDINANZA DI LIMITAZIONE PARZIALE DELLA CIRCOLAZIONE E DIVIETO TOTALE DI CIRCOLAZIONE AI SENSI DI QUANTO DISPOSTO DALLA CONFERENZA DEI SINDACI PER L

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA LETTURA DELLE TABELLE

ISTRUZIONI PER LA LETTURA DELLE TABELLE ISTRUZIONI PER LA LETTURA DELLE TABELLE Nella colonna viene indicato con una sigla il sistema ed il settore a cui fa riferimento l'indicatore (es. SE.POP.1= (SE) Sistema socioeconomico, (POP) settore popolazione,

Dettagli

L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile

L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile Direzione Generale Reti infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile

Dettagli

COMUNE DI CASALSERUGO

COMUNE DI CASALSERUGO Elaborato1.2 COMUNE DI CASALSERUGO Documento del sindaco Piano Regolatore Comunale LR 11/2004 Piano degli Interventi n. 02 PI 2013 Gruppo di lavoro PROGETTISTI Urbanista Raffaele Gerometta CONTRIBUTI SPECIALISTICI

Dettagli

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella DELIBERA 1. DI ADOTTARE la variante parziale al P.S.C. consistente nella modifica delle classificazioni delle aree Bertanella (tav. 2) e Golf (tav. 1B) e della normativa (artt. 6.10 6.10 bis 6.19-7.4.4);

Dettagli

Allegato I Annex I METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA

Allegato I Annex I METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA COMUNE DI GIULIANOVA METHODOLOGY FOR THE DEFINITION OF THE BASELINE EMISSION INVENTORY OF THE MUNICIPALITY

Dettagli

Mappatura acustica, piano d'azione e climi acustici nella Città di Torino

Mappatura acustica, piano d'azione e climi acustici nella Città di Torino L inquinamento acustico a Torino: analisi, soluzioni e problematiche aperte Mappatura acustica, piano d'azione e climi acustici nella Città di Torino ing. Manuela Santa Area Ambiente Servizio Adempimenti

Dettagli

LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY

LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY Pisa, 26 maggio 2011 LE CITTA PROTAGONISTE NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI Le città sono responsabili di oltre il 50% delle emissioni di gas

Dettagli

TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA. 12 gennaio 2016

TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA. 12 gennaio 2016 TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA 12 gennaio 2016 LA QUALITA DELL ARIA CONFRONTI TREND PM10 (dati ARPA) 2 LA QUALITA DELL ARIA CONFRONTI TREND PM10 (dati ARPA) 3 LA QUALITA DELL ARIA CONFRONTI TREND PM10 (dati

Dettagli

Patto dei sindaci. Comune di Genova. Pinuccia Montanari Città e cambiamento climatico: l'azione locale Milano, 28 Novembre 2011

Patto dei sindaci. Comune di Genova. Pinuccia Montanari Città e cambiamento climatico: l'azione locale Milano, 28 Novembre 2011 Patto dei sindaci Comune di Genova Pinuccia Montanari Città e cambiamento climatico: l'azione locale Milano, 28 Novembre 2011 Dati caratteristici della città di Genova Superficie città Superficie urbanizzata

Dettagli

La stesura del PAES, dal recupero dei dati al coinvolgimento dei portatori di interessi: problematiche riscontrate e soluzioni adottate.

La stesura del PAES, dal recupero dei dati al coinvolgimento dei portatori di interessi: problematiche riscontrate e soluzioni adottate. Piani d Azione per l Energia Sostenibile Aspetti tecnici ed operativi Trento, 15 maggio 2014 SalaBelli,PiazzaDanten.15 La stesura del PAES, dal recupero dei dati al coinvolgimento dei portatori di interessi:

Dettagli

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Lucera ( FG )

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Lucera ( FG ) Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE AMBIENTALE Sito di monitoraggio: Lucera ( FG ) Periodo di osservazione: 5/2/21-11/3/21

Dettagli

Campagna di rilevamento della qualità dell'aria

Campagna di rilevamento della qualità dell'aria Rete di monitoraggio della qualità dell'aria di Reggio Emilia Campagna di rilevamento della qualità dell'aria Chiozza A cura del Servizio Sistemi Ambientali Unità Monitoraggio e Valutazione Qualità dell'aria

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES -

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Smart City Comuni in classe A 1 Indice 1. Il Patto dei Sindaci 2. Il Piano di Azione per l Energia Sostenibile PAES 3. Il progetto

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Adesione al Patto dei Sindaci, Delibera di C.C. n. 8 del 2013 Allegato E Provincia di Livorno Struttura di Coordinamento del Patto dei Sindaci

Dettagli

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico 4 febbraio 2009 Contabilità delle emissioni comunali Il progetto è nato dalla collaborazione di CISA con ENEA. Enea ha messo a

Dettagli

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO Documento redatto da INTRODUZIONE La Provincia di Teramo ha aderito, in qualità di struttura di supporto, al Patto dei Sindaci e, attraverso la sottoscrizione

Dettagli

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA Documento redatto da INTRODUZIONE La Provincia di Teramo ha aderito, in qualità di struttura di supporto, al Patto dei Sindaci e, attraverso

Dettagli

Avviso Comune. Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese

Avviso Comune. Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese CONFINDUSTRIA Avviso Comune CGIL CISL UIL Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese Il contesto Con l accordo europeo 20-20-20 l Italia dovrà raggiungere importanti ed onerosi obiettivi

Dettagli

Progetto di legge regionale Norme per la prevenzione e la riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell ambiente

Progetto di legge regionale Norme per la prevenzione e la riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell ambiente Progetto di legge regionale Norme per la prevenzione e la riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell ambiente Regione Lombardia Milano LOMBARDIA: UNA REGIONE IN EUROPA Ridurre

Dettagli

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione. ESAME DELLA RELAZIONE n. 19 del 2014

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione. ESAME DELLA RELAZIONE n. 19 del 2014 Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione ESAME DELLA RELAZIONE n. 19 del 2014 "Relazione sullo stato di attuazione della Legge Regionale 11 dicembre 2006, n. 24 Norme per la prevenzione e la riduzione

Dettagli

Laudatio Petralia Sottana

Laudatio Petralia Sottana Laudatio Petralia Sottana Sezione PAES di eccellenza - Categoria Comuni fino a 5.000 abitanti Silvia Zamboni Petralia Sottana è una cittadina di appena 3.000 abitanti della provincia di Palermo il cui

Dettagli

Numero di spostamenti: oltre 400.000 al giorno, tendenza di crescita di circa 2,5 % all anno

Numero di spostamenti: oltre 400.000 al giorno, tendenza di crescita di circa 2,5 % all anno Mobilità sostenibile Mariano Pedrelli La dinamica degli spostamenti A Parma la mobilità complessiva, intesa come numero di spostamenti, è in continua crescita. Questo è soprattutto il segno di una società

Dettagli

Programma energetico comunale, Certificazione Energetica e quadro normativo

Programma energetico comunale, Certificazione Energetica e quadro normativo Programma energetico comunale, Certificazione Energetica e quadro normativo Il Piano Energetico Comunale del 1999 (PEC, o.d.g. n 112/99) si sviluppava a partire dai seguenti riferimenti normativi: - L.

Dettagli

IL REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO (RUE) DI BOLOGNA, LA PIANIFICAZIONE ENERGETICA E LA LEGISLAZIONE SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA

IL REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO (RUE) DI BOLOGNA, LA PIANIFICAZIONE ENERGETICA E LA LEGISLAZIONE SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA IL REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO () DI BOLOGNA, LA PIANIFICAZIONE ENERGETICA E LA LEGISLAZIONE SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA Alma Mater Studiorum - Università di Bologna. Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria ALLEGATO A PAES Isola d Elba 1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria Il bilancio di energia è suddiviso per categoria di impiego e per tipo di fonte energetica. COMBUSTIBILI SOLIDI Sul

Dettagli

Le politiche del Comune di Lecco per la riduzione dell'inquinamento atmosferico

Le politiche del Comune di Lecco per la riduzione dell'inquinamento atmosferico CONVEGNO - 27 Marzo 2015 CHE ARIA TIRA INQUINAMENTO AMBIENTALE IN PROVINCIA DI LECCO: CONOSCERE PER PREVENIRE Le politiche del Comune di Lecco per la riduzione dell'inquinamento atmosferico Vittorio Campione,

Dettagli

PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile

PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile RAGGRUPPAMENTO DEI COMUNI DI OSNAGO E LOMAGNA Comune di Osnago PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEI COMUNI PICCOLI E MEDI Fondazione Cariplo area ambiente bando 2011 PAES Piano d Azione per l Energia

Dettagli

STRUMENTI PER I COMUNI A A MISURA 2020

STRUMENTI PER I COMUNI A A MISURA 2020 STRUMENTI PER I COMUNI A A MISURA 2020 MAURO BROLIS IL PATTO DEI SINDACI: ESPERIENZE E SOLUZIONI PRATICHE PER RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI DI RISPARMIO ENERGETICO E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI Obiettivi del

Dettagli

Scheda Sistema Territoriale

Scheda Sistema Territoriale VERONA E LE VALLI PREALPINE Scheda Sistema Territoriale Dati identificativi del Sistema Territoriale Nome: Verona e le valli prealpine Stato: Italia Centro urbano di riferimento: Verona Regione: Veneto

Dettagli

REDAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) Aprile 2011

REDAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) Aprile 2011 REDAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) ATTIVITÀ PREVISTE Aprile 2011 MILANO, VIA CARLO POERIO 39, 20129 MILANO -TEL. (+39) 02 27744 1 - FAX (+39) 02 27744 222 ROMA, VIA VICENZA 5/A,

Dettagli

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI Indice 1. Introduzione... 2 2. Metodologia... 3 3. Temperatura... 3 4. Vento... 10 5. Installazione stazione portatile e campagna di misura... 11 6. Elaborazione dati

Dettagli

Bari, an European SMART CITY. Avv. Marco Lacarra, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari

Bari, an European SMART CITY. Avv. Marco Lacarra, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari Bari, an European SMART CITY Avv. Marco Lacarra, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari I cambiamenti climatici sono un fenomeno di portata globale, tuttavia le città possono contribuire in maniera

Dettagli

FORUM AGENDA 21 LOCALE MANTOVA. Appendice al Piano d'azione Le Priorità

FORUM AGENDA 21 LOCALE MANTOVA. Appendice al Piano d'azione Le Priorità di Mantova - Assessorato Ambiente FORUM AGENDA 21 LOCALE MANTOVA Appendice al Piano d'azione Le Priorità Agenda 21 Mantova - via Roma 39 46100 MANTOVA - @mail:agenda21lmantova@domino.comune.mantova.it

Dettagli

Dall analisi dei consumi energetici, censiti al 2006, nel territorio comunale risulta l impiego di : 43.080 MW/anno

Dall analisi dei consumi energetici, censiti al 2006, nel territorio comunale risulta l impiego di : 43.080 MW/anno EMISSIONI DA RIDURRE Dall analisi dei consumi energetici, censiti al 2006, nel territorio comunale risulta l impiego di : 43.080 MW/anno Questo dato ci ha consentito l individuazione delle emissioni totali

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DEL PIANO REGIONALE PER LA TUTELA DELLA QUALITÀ DELL ARIA

SINTESI DELLA STRATEGIA DEL PIANO REGIONALE PER LA TUTELA DELLA QUALITÀ DELL ARIA SINTESI DELLA STRATEGIA DEL PIANO REGIONALE PER LA TUTELA DELLA QUALITÀ DELL ARIA Redatto in collaborazione con la Società Techne Consulting S.r.l. di Roma 2007 1. PREMESSA Il Piano è stato redatto in

Dettagli

II report monitoraggio anno 2008 Piano di Gestione della Qualità dell'aria

II report monitoraggio anno 2008 Piano di Gestione della Qualità dell'aria II report monitoraggio anno 2008 Piano di Gestione della Qualità dell'aria Scopo del report Il monitoraggio del piano presentato in questo rapporto ha lo scopo di fornire alla Conferenza dei Sindaci un

Dettagli

Problematiche emergenti ed evoluzione dei fenomeni

Problematiche emergenti ed evoluzione dei fenomeni Piano della Mobilità Comune di Bergamo ATB Mobilità SpA Capitolo 3 Problematiche emergenti ed evoluzione dei fenomeni Si analizzano le problematiche emergenti e l evoluzione dei fenomeni, riprendendo i

Dettagli

Mobilità e Sistemi di Trasporto nel territorio. Esperienze e prospettive di Mobilità e Trasporto Elettrico nel Comune di Perugia

Mobilità e Sistemi di Trasporto nel territorio. Esperienze e prospettive di Mobilità e Trasporto Elettrico nel Comune di Perugia 104 Convegno Nazionale AEIT Mobilità e Trasporto Elettrico per l'italia di domani - Roma, 13-14 giugno 2012 Mobilità e Sistemi di Trasporto nel territorio Esperienze e prospettive di Mobilità e Trasporto

Dettagli

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI 5.1 Aspetti organizzativi Il Comune di Bitonto ha aderito formalmente al Patto dei Sindaci, con apposita Deliberazione Consiliare il 20 marzo 2013, ed ha avviato le procedure

Dettagli

Valutazione. Ambientale. Strategica

Valutazione. Ambientale. Strategica Valutazione Ambientale Strategica 07 ANALISI E VALUTAZIONE SULLO STATO DI FATTO SOMMARIO SOMMARIO... 2 7 ANALISI E VALUTAZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 VAS MORBEGNO SOMMARIO 07-2 7 ANALISI E VALUTAZIONE

Dettagli

Completa lo studio un analisi sulla qualità dell aria in relazione ai consumi energetici civili, industriali ed alla mobilità.

Completa lo studio un analisi sulla qualità dell aria in relazione ai consumi energetici civili, industriali ed alla mobilità. Scheda : Piano territoriale di coordinamento della Provincia di Modena Adozione: 22 luglio 2008 Riguarda il territorio provinciale Referente INU per la scheda: Fatima Alagna. Direttivo INU Emilia Romagna

Dettagli

Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni

Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni Provincia di Modena Assessorato Ambiente e Sviluppo Sostenibile Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni Verso il Piano di Risanamento della qualità dell aria Modena, 21 febbraio 2006 Sviluppo

Dettagli

Le caratteristiche energetiche della regione Liguria e le prospettive per il futuro. Maria Fabianelli 11 Novembre 2011

Le caratteristiche energetiche della regione Liguria e le prospettive per il futuro. Maria Fabianelli 11 Novembre 2011 Le caratteristiche energetiche della regione Liguria e le prospettive per il futuro Maria Fabianelli 11 Novembre 2011 Le caratteristiche energetiche della Liguria La Liguria svolge una importante funzione

Dettagli

Attività di monitoraggio della qualità dell aria effettuato da ARPA FVG nel Comune di Cormons Gennaio Aprile 2014

Attività di monitoraggio della qualità dell aria effettuato da ARPA FVG nel Comune di Cormons Gennaio Aprile 2014 Attività di monitoraggio della qualità dell aria effettuato da ARPA FVG nel Comune di Cormons Gennaio Aprile 2014 Cormons, 27 marzo 2015 La normativa sulla qualità dell ambiente Decreto legislativo. n.

Dettagli

La qualità dell aria in Lombardia situazione e prospettive

La qualità dell aria in Lombardia situazione e prospettive La qualità dell aria in Lombardia situazione e prospettive Responsabile U.O. Qualità dell Aria Settore Monitoraggi Ambientali g.lanzani@arpalombardia.it Brescia 2 novembre 204 Confronto con la normativa

Dettagli

PIANO DI AZIONE PER LA QUALITA DELL ARIA

PIANO DI AZIONE PER LA QUALITA DELL ARIA PIANO DI AZIONE PER LA QUALITA DELL ARIA SINTESI Premessa L Amministrazione comunale, in un ottica di attenzione alle problematiche ambientali, ha avviato un progetto denominato Bergamo Sostenibile, articolato

Dettagli

AMBIENTE, RIFIUTI, VERDE PUBBLICO

AMBIENTE, RIFIUTI, VERDE PUBBLICO AMBIENTE, RIFIUTI, VERDE PUBBLICO 65 66 Ecologia e ambiente Linee programmatiche o Promuovere e potenziare azioni ed interventi volti a migliorare la qualità dell aria, dell acqua e del suolo o Incentivare

Dettagli

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito urbano è collocato intorno all asse della via Emilia nella porzione est rispetto al centro città. In particolare esso è

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE Quale valore per le imprese e le banche italiane ABI FORUM CSR 2008 Roma, 29 Gennaio Aldo Pozzoli, Partner MUOVERSI 1. Introduzione Le Linee

Dettagli

Bilancio energetico dell'ente Provincia di Torino

Bilancio energetico dell'ente Provincia di Torino 7 Bilancio energetico dell'ente Provincia di Torino 5 rapporto sull energia 133 7.1 Premessa Mediante uno studio specifico realizzato in collaborazione con il Dipartimento di Energetica del Politecnico

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Comune di Brugherio VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Sintesi non tecnica Marzo 2010 Il percorso di valutazione ambientale (VAS) della Variante Semplificata al P.R.G.

Dettagli

L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento

L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento Patto dei Sindaci e politiche per il clima: aggiornamenti e prospettive Mauro Bigi, Federico D Addato Indica srl Indice Inquadramento e aggiornamento

Dettagli

Informazioni Statistiche N 2/2013

Informazioni Statistiche N 2/2013 Città di Palermo Ufficio Statistica Osservatorio Ambientale Istat sulle città: i risultati di Palermo e delle grandi città Anno 2012 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 2/2013 SETTEMBRE 2013 Sindaco:

Dettagli