MONOGRAFIA RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MONOGRAFIA RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI"

Transcript

1 MONOGRAFIA RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI Indice Introduzione Soggetti beneficiari Beni rivalutabili Beneficio della rivalutazione Perizia di stima Imposta sostitutiva Modalità e termini di versamento dell imposta sostitutiva Modello Unico Precedenti rivalutazioni Margini di convenienza - Rivalutazione delle partecipazioni Margini di convenienza - Rivalutazione dei terreni Casi particolari Contatti La monografia è curata dal Settore Diritto d'impresa e fisco (Carmen Giugno), tel /267, fax Aggiornamento La monografia è aggiornata al 5 maggio

2 INTRODUZIONE La Finanziaria 2010 (1) ha riaperto i termini (2) per la rideterminazione del valore d acquisto di terreni e partecipazioni (3). La rivalutazione consente di ridurre la plusvalenza derivante dalla cessione di terreni e partecipazioni posseduti al 1 gennaio 2010, al di fuori del regime d impresa ex art. 67 del Tuir (4): per il calcolo della plusvalenza, infatti, è possibile assumere, in luogo del costo d acquisto, il valore determinato sulla base di una perizia giurata di stima redatta entro il 31 ottobre Per poter fruire di tale agevolazione è necessario, però, assoggettare il valore stimato dalla perizia a un imposta sostitutiva da versare in unica soluzione entro il 31 ottobre 2010, o con rateizzazione a partire dalla stessa data. SOGGETTI BENEFICIARI Possono beneficiare della disposizione agevolativa i soggetti che, al 1 gennaio 2010, possiedono terreni e partecipazioni al di fuori del regime d impresa o, più precisamente, i soggetti che attraverso detti beni realizzano operazioni suscettibili di generare redditi diversi ex art. 67, c. 1, lettere a, b, c, c-bis del Tuir (4); nello specifico si tratta di: persone fisiche; società semplici e soggetti equiparati (5); enti non commerciali; soggetti non residenti, per i terreni ubicati in Italia e per le partecipazioni in società residenti in Italia, non riferibili a stabili organizzazioni in Italia. BENI RIVALUTABILI La rivalutazione ha per oggetto terreni e partecipazioni posseduti alla data del 1 gennaio 2010, a titolo di proprietà o di altro diritto reale (usufrutto o nuda proprietà) (6). Possono essere rivalutati anche i terreni e le partecipazioni detenuti attraverso società fiduciarie, purchè il fiduciante (ossia il soggetto a cui sono imputati i redditi derivanti dai beni) rientri tra i soggetti beneficiari. Terreni Possono essere rivalutati i terreni la cui cessione produce redditi diversi ex art. 67, c. 1, lettere a) e b) del Tuir (4) e non redditi d impresa. Possono essere oggetto di rivalutazione le seguenti tipologie di terreni: terreni lottizzati o sui quali sono state eseguite opere per renderli edificabili (7); terreni edificabili (8); terreni agricoli (i terreni che non rientrano in nessuna delle due precedenti tipologie). Partecipazioni Possono essere rivalutate le partecipazioni la cui cessione produce redditi diversi di natura finanziaria ex art. 67, c. 1, lettere c) e c-bis) del Tuir (4) e non redditi d impresa. 2

3 Possono essere oggetto di rivalutazione: le partecipazioni rappresentate da titoli azionari, purché non quotati in mercati regolamentati (azioni); le quote di partecipazione al capitale o al patrimonio di società non rappresentate da titoli (quote di srl o di società di persone); i diritti o i titoli, non quotati nei mercati regolamentati, attraverso i quali possono essere acquisite le predette partecipazioni (option, warrant, obbligazioni convertibili in azioni). La rivalutazione può riguardare partecipazioni sia qualificate che non qualificate e può avvenire anche solo in relazione a una parte della partecipazione (cfr. paragrafo Casi particolari ). Si ricorda che una partecipazione non negoziata nei mercati regolamentati è qualificata se si verifica anche solo una delle seguenti condizioni: la partecipazione rappresenta più del 25% del capitale o del patrimonio della società partecipata; la partecipazione rappresenta più del 20% dei diritti di voto esercitabili in assemblea ordinaria. BENEFICIO DELLA RIVALUTAZIONE Le plusvalenze ex art. 67, c. 1, lettere a, b, c, c-bis (4), derivanti dalla cessione di terreni e partecipazioni sono calcolate come differenza tra corrispettivo di vendita e costo o valore d acquisto: Tassazione della plusvalenza in assenza di rivalutazione Aliquota x Plusvalenza = Aliquota x (Corrispettivo di vendita Costo d acquisto) La disposizione agevolativa della rivalutazione consente di calcolare la plusvalenza derivante dalla cessione di terreni e partecipazioni, posseduti alla data del 1 gennaio 2010, assumendo in luogo del costo di acquisto, il valore rideterminato in base a una perizia di stima. Per effetto della rivalutazione si ha quindi il beneficio di assoggettare a tassazione una minore plusvalenza. Plusvalenza in assenza di rivalutazione Costo d acquisto Valore di perizia Corrispettivo di vendita Plusvalenza in presenza di rivalutazione Il riconoscimento di tale rivalutazione è però subordinato al pagamento di un imposta sostitutiva del 4% o del 2% applicata sul valore rideterminato per effetto della stima: 3

4 Tassazione della plusvalenza in presenza di rivalutazione Aliquota x Plusvalenza = Aliquota x (Corrispettivo di vendita Valore di perizia) Imposta sostitutiva = 4% oppure 2% x Valore di perizia Il contribuente, nella prospettiva di una cessione di terreno o partecipazione, verificherà se gli conviene rivalutare o meno confrontando il carico fiscale sopportato in assenza di rivalutazione (tassazione su plusvalenza maggiore) con il carico fiscale sopportato in presenza di rivalutazione (tassazione su plusvalenza minore ma con pagamento di imposta sostitutiva). Per una valutazione dei margini di convenienza si rinvia agli appositi paragrafi ( Margini di convenienza ). PERIZIA DI STIMA Il regime della rivalutazione consente di calcolare la plusvalenza derivante dalla cessione del bene (terreno o partecipazione), considerando al posto del costo d acquisto il valore del bene al 1 gennaio Tale valore deve essere determinato mediante un apposita relazione di stima redatta e asseverata con giuramento (presso un notaio, il tribunale o il giudice di pace). Alla perizia si applica la disciplina di cui all art. 64 C.P.C., che attribuisce una responsabilità penale al professionista che incorra in colpa grave, e la disposizione antielusiva di cui all art. 37-bis, c. 3, lett. F, del D.P.R. 600/73. La perizia deve riguardare il valore del bene alla data dell Sono pertanto inutilizzabili le perizie eventualmente redatte prima di tale data, in occasione di precedenti edizioni della medesima agevolazione o per finalità non fiscali. Soggetti abilitati Terreni. Sono abilitati alla redazione e al giuramento della perizia di stima i seguenti soggetti di area tecnica: iscritti all albo di una delle seguenti categorie professionali: ingegneri, architetti, geometri, dottori agronomi, agrotecnici, periti agrari, periti industriali con specializzazione edile; iscritti al ruolo dei periti e degli esperti tenuto presso le camere di commercio ai sensi dell art. 32, R.D. 2011/1934 (9). Partecipazioni. Sono abilitati alla redazione e al giuramento della perizia di stima i seguenti professionisti di area economico-contabile: iscritti all albo dei dottori commercialisti ed esperti contabili; iscritti nell elenco dei revisori contabili; iscritti al ruolo dei periti e degli esperti tenuto presso le camere di commercio ai sensi dell art. 32, RD 2011/1934 (9). Costo della perizia Terreni. Il costo della perizia può essere sommato al valore di stima del terreno da assumere per il calcolo della plusvalenza. Il compenso pagato al professionista concorre, quindi, a ridurre la plusvalenza derivante dalla cessione del terreno. 4

5 Sia il valore riportato in perizia sia il costo stesso della perizia possono essere rivalutati con gli indici Istat se la cessione del terreno (edificabile ma non lottizzato) avviene a distanza di tempo rispetto a alla data di effettuazione della perizia (9). Partecipazioni. Se la perizia, che deve riguardare ovviamente l intero patrimonio netto della società, è predisposta per conto del possessore della partecipazione, il costo della perizia può essere sommato al nuovo valore stimato della partecipazione nella misura in cui tale costo è stato effettivamente sostenuto dal possessore della partecipazione. Il compenso pagato al professionista concorre, quindi, a ridurre il capital gain derivante dalla cessione della partecipazione. Se invece la perizia è commissionata dalla società partecipata, il costo della perizia è deducibile dal reddito d impresa in cinque quote costanti a partire dall esercizio in cui l onere è stato sostenuto (10). Termine di redazione e giuramento La perizia deve essere redatta e asseverata con giuramento entro il 31 ottobre Partecipazioni. Se il contribuente, ai fini della tassazione del capital gain, ha optato per il regime della dichiarazione la perizia può essere anche successiva alla cessione (11): in tal caso, infatti, il contribuente utilizzerà il nuovo valore di stima della partecipazione solo quando compilerà l Unico Se invece il contribuente ha optato per il regime del risparmio amministrato o del risparmio gestito, la perizia deve necessariamente precedere la cessione: in tal caso, infatti, il contribuente, per far valere la rivalutazione, dovrà presentare all intermediario copia della relazione di stima che dovrà essere pertanto redatta anteriormente alla realizzazione del capital gain (12). Terreni. La perizia dovrà essere redatta in ogni caso prima della cessione del terreno (13). IMPOSTA SOSTITUTIVA Per poter beneficiare della rivalutazione, il contribuente è tenuto a versare, entro il 31 ottobre 2010, un imposta sostitutiva calcolata sul valore di perizia, con aliquota del 4% per i terreni e per le partecipazioni qualificate e con aliquota del 2% per le partecipazioni non qualificate. Imposta sostitutiva Imposta sostitutiva per la rivalutazione di terreni = Imposta sostitutiva per la rivalutazione di partecipazioni qualificate = 4% x valore di perizia 4% x valore di perizia Imposta sostitutiva per la rivalutazione di partecipazioni non qualificate = 2% x valore di perizia MODALITÀ E TERMINI DI VERSAMENTO DELL IMPOSTA SOSTITUTIVA L imposta sostitutiva deve essere versata con modello F24 con possibilità di compensare l importo dovuto a titolo d imposta, in tutto o in parte, con crediti fiscali e contributivi. Il contribuente utilizzerà il codice tributo 8055 per la rivalutazione delle partecipazioni e il codice 8056 per la rivalutazione dei terreni: si segnala, però, che tali codici, valevoli per la 5

6 passata edizione della rivalutazione, non sono stati ancora confermati dall Agenzia delle Entrate per le rivalutazioni del Il contribuente indicherà nel mod. F24 il 2010 come anno di riferimento (l anno di possesso del bene rivalutato). Il versamento può essere effettuato: in unica soluzione entro il 31 ottobre 2010 oppure in tre rate annuali di pari importo: la prima rata entro il 31 ottobre 2010 la seconda rata entro il 31 ottobre 2011 con interessi del 3% la terza rata entro il 31 ottobre 2012 con interessi del 3% La rivalutazione si considera perfezionata con il versamento dell intero importo dell imposta sostitutiva o della prima rata (14). Il mancato versamento delle rate successive alla prima non pregiudica la validità della rivalutazione ma comporta l iscrizione a ruolo degli importi non versati. L omesso versamento delle rate successive alla prima può comunque essere regolarizzato con ravvedimento operoso (15). MODELLO UNICO Il contribuente dovrà riportare i dati relativi alla rivalutazione nel modello Unico PF 2011, indicando: nel quadro RT, i dati riguardanti la rivalutazione di partecipazioni; nel quadro RM, i dati riguardanti la rivalutazione di terreni. PRECEDENTI RIVALUTAZIONI Le partecipazioni e i terreni già rivalutati in passato in occasione delle precedenti edizioni dell agevolazione possono essere oggetto di una nuova rivalutazione. Sarà però necessario redigere una nuova perizia estimativa e versare l imposta calcolata sul nuovo valore del bene (14) (16) (17). Il contribuente non potrà scomputare dalla nuova imposta gli importi già versati per precedenti rivalutazioni, né tantomeno recuperare tali importi mediante compensazione con altri tributi: potrà unicamente chiederli a rimborso (18). Secondo l orientamento interpretativo dell amministrazione finanziaria (19), non condiviso dalla giurisprudenza, il rimborso deve essere richiesto entro 48 mesi dal versamento originario. MARGINI DI CONVENIENZA - RIVALUTAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI Nel presente paragrafo verifichiamo in quali circostanze il contribuente, che intende vendere una partecipazione, ha la convenienza ad effettuare la rivalutazione. Prenderemo in considerazione la cessione di partecipazioni non qualificate e la cessione di partecipazioni qualificate. 6

7 A) Partecipazioni non qualificate Riportiamo di seguito le modalità di tassazione della plusvalenza derivante dalla cessione di una partecipazione non qualificata (20) in due diverse ipotesi: 1) il contribuente decide di non rivalutare la partecipazione; 2) il contribuente decide di rivalutare la partecipazione. Cessione di partecipazione non qualificata Regimi fiscali alternativi Tassazione in assenza di rivalutazione: 12,5% x (prezzo di vendita costo storico) Tassazione in presenza di rivalutazione: 12,5% x (prezzo di vendita valore di perizia) + imposta sostitutiva = 2% x valore di perizia Se il contribuente vende la partecipazione a un prezzo pari al valore di perizia, la modalità di tassazione più conveniente dovrà essere identificata tra le seguenti: Tassazione in assenza di rivalutazione: 12,5% x (valore di perizia costo storico) plusvalenza Tassazione in presenza di rivalutazione: imposta sostitutiva = 2% x valore di perizia Dato il costo storico, la scelta della tassazione più conveniente dipenderà dalla grandezza assunta dal valore di perizia e quindi dall importo della plusvalenza. Il valore di perizia che rende i due regimi fiscali equivalenti è quello che si trova, dato il costo storico, risolvendo la condizione di equilibrio di seguito riportata. Cessione di partecipazione non qualificata Condizione di equilibrio tra i regimi fiscali alternativi 12,5% x (valore di perizia costo storico) = 2% x valore di perizia valore di perizia = 1,19 x costo storico 7

8 Sottraendo da entrambi i membri dell equazione di equilibrio il costo storico, troviamo il valore della plusvalenza che rende i due regimi fiscali equivalenti: (valore di perizia costo storico) = 1,19 x costo storico costo storico plusvalenza = (1,19-1) x costo storico = 19% x costo storico Quindi possiamo concludere che la scelta del regime fiscale più conveniente dipenderà dalla grandezza della plusvalenza rispetto al costo storico: se plusvalenza = 19% del costo storico, i due regimi fiscali sono equivalenti se plusvalenza > 19% del costo storico, conviene rivalutare se plusvalenza < 19% del costo storico, conviene non rivalutare B) Partecipazioni qualificate Riportiamo di seguito le modalità di tassazione della plusvalenza derivante dalla cessione di una partecipazione qualificata (21) in due diverse ipotesi: 1) il contribuente decide di non rivalutare la partecipazione; 2) il contribuente decide di rivalutare la partecipazione. Cessione di partecipazione qualificata Regimi fiscali alternativi Tassazione in assenza di rivalutazione: aliquota marginale Irpef x 49,72% x (prezzo di vendita costo storico) Tassazione in presenza rivalutazione: aliquota marginale Irpef x 49,72% x (prezzo di vendita valore di perizia) + imposta sostitutiva = 4% x valore di perizia Se il contribuente vende la partecipazione a un prezzo pari al valore di perizia, la modalità di tassazione più conveniente dovrà essere identificata tra le seguenti: 8

9 Tassazione in assenza rivalutazione*: aliquota marginale Irpef x 49,72% x (valore di perizia costo storico) (*) non sono considerate le addizionali comunale e regionale plusvalenza Tassazione in presenza di rivalutazione: imposta sostitutiva = 4% x valore di perizia Dato il costo storico, la scelta del regime fiscale più conveniente dipenderà dalla grandezza assunta dal valore di perizia e quindi dall importo della plusvalenza. Il valore di perizia che rende i due regimi fiscali equivalenti è quello che si ricava, noti il costo storico e l aliquota marginale, risolvendo la condizione di equilibrio di seguito riportata. Cessione di partecipazione qualificata Condizione di equilibrio tra i regimi fiscali alternativi aliquota marginale Irpef x 49,72% x (valore di perizia costo storico) = 4% x valore di perizia Supponendo un aliquota marginale Irpef del 43%, la precedente condizione di equivalenza sarà: 43% x 49,72% x (valore di perizia costo storico) = 4% x valore di perizia valore di perizia = 1,23 x costo storico Sottraendo da entrambi i membri dell equazione il costo storico, troviamo il valore della plusvalenza che rende i due regimi fiscali equivalenti: (valore di perizia costo storico) = 1,23 x costo storico costo storico plusvalenza = (1,23-1) x costo storico = 23% x costo storico Quindi possiamo concludere che la scelta del regime fiscale più conveniente dipenderà dalla grandezza della plusvalenza rispetto al costo storico: 9

10 se plusvalenza = 23% del costo storico, i due regimi fiscali sono equivalenti se plusvalenza > 23% del costo storico, conviene rivalutare se plusvalenza < 23% del costo storico, conviene non rivalutare Analogamente a quanto fatto per l aliquota marginale del 43%, si possono calcolare le soglie di indifferenza relative alle altre aliquote marginali Irpef. La tabella seguente evidenzia, distinguendo tra partecipazioni non qualificate e partecipazioni qualificate e, nell ambito di quest ultime, in funzione delle diverse aliquote marginali Irpef, le soglie di indifferenza in corrispondenza delle quali il regime della rivalutazione è equivalente al regime di imposizione ordinaria: al di sopra di tali soglie la rivalutazione risulta fiscalmente vantaggiosa. Condizioni di equivalenza tra regime fiscale senza rivalutazione e regime fiscale con rivalutazione Tassazione personale Valore di perizia che rende la rivalutazione indifferente Plusvalenza che rende la rivalutazione indifferente* Partecipazioni non qualificate 12,5% 1,19 x costo storico 19% x costo storico 23% 1,54 x costo storico 54% x costo storico 27% 1,42 x costo storico 42% x costo storico Partecipazioni qualificate 38% 1,27 x costo storico 27% x costo storico 41% 1,24 x costo storico 24% x costo storico 43% 1,23 x costo storico 23% x costo storico * se la plusvalenza è maggiore del valore soglia conviene rivalutare, se è inferiore conviene non rivalutare MARGINI DI CONVENIENZA RIVALUTAZIONE DEI TERRENI Nel presente paragrafo verifichiamo in quali circostanze il contribuente, che intende cedere un terreno, ha la convenienza ad effettuare la rivalutazione. Prenderemo in considerazione le tre diverse tipologie di terreni rivalutabili: terreni non edificabili, terreni lottizzati e terreni edificabili. A) Terreno non edificabile Le plusvalenze derivanti dalla cessione di terreni non edificabili possono essere sottoposte a un imposta sostitutiva del 20% (22). Nel caso di vendita di terreno non edificabile, i regimi di tassazione, in assenza e in presenza di rivalutazione, saranno quindi i seguenti: Cessione di terreno non edificabile Regimi fiscali alternativi Tassazione in assenza di rivalutazione: Tassazione in presenza di rivalutazione: 20% x (prezzo di vendita costo storico) 20% x (prezzo di vendita valore di perizia) + imposta sostitutiva = 4% x valore di perizia 10

11 Se il contribuente vende il terreno a un prezzo pari al valore di perizia, la modalità di tassazione più conveniente dovrà essere identificata tra le seguenti: Tassazione in assenza di rivalutazione: 20% x (valore di perizia costo storico) plusvalenza Tassazione con rivalutazione: imposta sostitutiva = 4% x valore di perizia Dato il costo storico, la scelta della tassazione più conveniente dipenderà dalla grandezza assunta dal valore di perizia e quindi dalla grandezza della plusvalenza. Il valore di perizia che rende i due regimi fiscali equivalenti è quello che si trova, dato il costo storico, risolvendo la condizione di equilibrio di seguito riportata: Cessione di terreno non edificabile Condizione di equilibrio tra i regimi fiscali alternativi 20% x (valore di perizia costo storico) = 4% x valore di perizia valore di perizia = 1,25 x costo storico Sottraendo da entrambi i membri dell equazione il costo storico, troviamo il valore della plusvalenza che rende i due regimi equivalenti: (valore di perizia costo storico) = 1,25 x costo storico costo storico plusvalenza = (1,25-1) x costo storico = 25% x costo storico Quindi possiamo concludere che la scelta del regime fiscale più conveniente dipenderà dalla grandezza della plusvalenza rispetto al costo storico: se plusvalenza = 25% del costo storico, i due regimi fiscali sono equivalenti se plusvalenza > 25% del costo storico, conviene rivalutare se plusvalenza < 25% del costo storico, conviene non rivalutare B) Terreno lottizzato La plusvalenza derivante dalla cessione di terreno lottizzato è tassata in modo ordinario con le aliquote progressive Irpef. Nel caso di vendita di terreno lottizzato, i regimi di tassazione, in assenza e in presenza di rivalutazione, saranno quindi i seguenti: Cessione di terreno lottizzato Regimi fiscali alternativi Tassazione in assenza di rivalutazione: aliquota marginale Irpef x (prezzo di vendita costo storico) Tassazione in presenza di rivalutazione: aliquota marginale Irpef x (prezzo di vendita valore di perizia) + imposta sostitutiva = 4% x valore di perizia 11

12 Se il contribuente vende il terreno a un prezzo pari al valore di perizia, la modalità di tassazione più conveniente dovrà essere identificata tra le seguenti: Tassazione in assenza rivalutazione*: * non sono considerate le addizionali comunale e regionale aliquota marginale Irpef x (valore di perizia costo storico) plusvalenza Tassazione in presenza di rivalutazione: imposta sostitutiva = 4% x valore di perizia Dato il costo storico, la scelta del regime fiscale più conveniente dipenderà dalla grandezza assunta dal valore di perizia e quindi dall importo della plusvalenza. Il valore di perizia che rende i due regimi fiscali equivalenti è quello che si ricava, noti il costo storico e l aliquota marginale Irpef, risolvendo la condizione di equilibrio di seguito riportata. Cessione di terreno lottizzato Condizione di equilibrio tra i regimi fiscali alternativi aliquota marginale Irpef x (valore di perizia costo storico) = 4% x valore di perizia Supponendo un aliquota marginale Irpef del 43%, la precedente condizione di equivalenza sarà: 43% x (valore di perizia costo storico) = 4% x valore di perizia valore di perizia = 1,10 x costo storico Sottraendo da entrambi i membri dell equazione il costo storico, troviamo il valore della plusvalenza che rende i due regimi fiscali equivalenti: (valore di perizia costo storico) = 1,10 x costo storico costo storico plusvalenza = (1,10-1) x costo storico = 10% x costo storico Quindi possiamo concludere che la scelta del regime fiscale più conveniente dipenderà dalla grandezza della plusvalenza rispetto al costo storico: se plusvalenza = 10% del costo storico, i due regimi sono equivalenti se plusvalenza > 10% del costo storico, il regime della rivalutazione è più conveniente se plusvalenza < 10% del costo storico, il regime in assenza di rivalutazione è più conveniente Analogamente a quanto fatto per un aliquota marginale del 43%, possiamo calcolare le soglie di indifferenza relative alle altre aliquote marginali. La tabella seguente evidenzia, per le diverse aliquote marginali Irpef, le soglie di indifferenza in corrispondenza delle quali il regime della rivalutazione è equivalente al regime di imposizione ordinaria: al di sopra di tali soglie la rivalutazione risulta fiscalmente vantaggiosa. 12

13 Cessione terreno lottizzato - Condizioni di equivalenza tra regime fiscale senza rivalutazione e regime fiscale con rivalutazione Tassazione personale Valore stimato che rende la rivalutazione indifferente Plusvalenza che rende la rivalutazione indifferente* 23% 1,21 x costo storico 21% x costo storico 27% 1,17 x costo storico 17% x costo storico 38% 1,12 x costo storico 12% x costo storico 41% 1,11 x costo storico 11% x costo storico 43% 1,10 x costo storico 10% x costo storico * se la plusvalenza è maggiore del valore soglia conviene rivalutare, se è inferiore conviene non rivalutare C) Terreno edificabile In caso di cessione di terreno edificabile il regime fiscale ordinario è la tassazione separata (23): alla plusvalenza si applica l aliquota corrispondente alla metà del reddito complessivo netto del biennio anteriore all anno di cessione (24). Nel caso di vendita di terreno edificabile, i regimi di tassazione, in assenza e in presenza di rivalutazione, saranno quindi i seguenti: Cessione di terreno edificabile Regimi fiscali alternativi Tassazione in assenza di rivalutazione: aliquota tassazione separata x (prezzo di vendita costo storico) Tassazione in presenza di rivalutazione: aliquota tassazione separata x (prezzo di vendita valore di perizia) + imposta sostitutiva = 4% x valore di perizia Se il contribuente vende il terreno a un prezzo pari al valore di perizia, la modalità di tassazione più conveniente dovrà essere identificata tra le seguenti: Tassazione in assenza di rivalutazione: aliquota tassazione separata x (valore di perizia costo storico) plusvalenza Tassazione in presenza di rivalutazione: imposta sostitutiva = 4% x valore di perizia Dato il costo storico, la scelta della tassazione più conveniente dipenderà dalla grandezza assunta dal valore di perizia e quindi dall importo della plusvalenza. Il valore di perizia che rende i due regimi fiscali equivalenti è quello che si trova, dato il costo storico, risolvendo la condizione di equilibrio di seguito riportata. Cessione di terreno edificabile Condizione di equilibrio tra i regimi fiscali alternativi Aliquota tassazione separata x (valore di perizia costo storico) = 4% x valore di perizia Supponendo che l aliquota di tassazione separata sia pari al 20% (calcolata sulla metà del reddito complessivo del biennio anteriore all anno di cessione), la precedente condizione di equilibrio sarà: 20% x (valore di perizia costo storico) = 4% x valore di perizia valore di perizia = 1,25 x costo storico 13

14 Sottraendo da entrambi i membri dell equazione il costo storico, troviamo il valore della plusvalenza che rende i due regimi equivalenti: (valore di perizia costo storico) = 1,25 x costo storico costo storico plusvalenza = (1,25-1) x costo storico = 25% x costo storico Quindi possiamo concludere che la scelta del regime fiscale più conveniente dipenderà dalla grandezza della plusvalenza rispetto al costo storico: se plusvalenza = 25% del costo storico, i due regimi fiscali sono equivalenti se plusvalenza > 25% del costo storico, conviene rivalutare se plusvalenza < 25% del costo storico, conviene non rivalutare CASI PARTICOLARI Terreni posseduti in comunione I terreni posseduti in regime di comunione pro indiviso possono essere oggetto di rivalutazione parziale nel caso cui solo alcuni dei comproprietari intendano avvalersi della facoltà di rideterminare il costo d acquisto. È necessario comunque rideterminare, mediante la perizia di stima, il valore dell intero bene per poi poter assoggettare all imposta sostitutiva del 4% la parte del valore di perizia corrispondente alla quota oggetto di rivalutazione. Si segnala che il valore rideterminato costituisce il valore normale minimo di riferimento anche ai fini delle imposte di registro, ipotecarie e catastali per cui, se negli atti di trasferimento vengono indicati valori inferiori a quelli rivalutati, si rendono applicabili le regole ordinarie di determinazione delle plusvalenze senza tener conto del valore rideterminato (9). Terreni gravati da usufrutto Anche i terreni gravati da usufrutto possono essere rivalutati. In particolare il nudo proprietario può rivalutare il valore del suo diritto reale, pari alla differenza tra il valore della proprietà piena e il valore dell usufrutto. Analogamente anche l usufruttuario può procedere alla rivalutazione del suo diritto. Il valore dell usufrutto verrà determinato dalla perizia di stima secondo le disposizioni contenute nell art. 48 del D.P.R. 131/86 (9). Terreni edificabili ricevuti per effetto di successione o donazione Se il contribuente vende un terreno edificabile ricevuto in eredità o donazione, precedentemente affrancato dal de cuius o dal donante, può calcolare la plusvalenza considerando come prezzo iniziale del terreno il valore risultante dai relativi atti dichiarativi (dichiarazione di successione per eredità, atto pubblico sottoposto a registrazione ecc.) (9). Terreno oggetto di esproprio È possibile rivalutare anche i terreni oggetto di provvedimenti di espropriazione. Il contribuente espropriato può scegliere tra due regimi di tassazione dell indennità di esproprio (25): ritenuta del 20%, a titolo d imposta, applicata all indennità di esproprio; 14

15 tassazione ordinaria della plusvalenza da esproprio, con applicazione della ritenuta del 20% a titolo d acconto. Se il contribuente intende optare per la tassazione ordinaria, per calcolare la plusvalenza da esproprio può assumere come costo iniziale del terreno il valore di perizia. Terreno in parte edificabile in parte agricolo Se una particella di terreno risulta in parte edificabile e in parte agricola, è possibile circoscrivere la rivalutazione alla sola parte edificabile. A tal fine non è necessario il frazionamento della particella, ma è sufficiente richiamare nella perizia di stima lo strumento urbanistico, per esempio il Piano Regolatore, che individua la porzione dell area edificabile (9). Recesso del socio La somma ricevuta dal socio in caso di recesso tipico, ossia mediante annullamento delle azioni o quote, costituisce utile per la parte che eccede il prezzo pagato per l acquisto delle azioni o delle quote annullate (art. 47, comma 7, Tuir): tale somma costituisce reddito di capitale e non reddito diverso pertanto in tal caso non è possibile utilizzare il valore rivalutato per il calcolo della plusvalenza. Se però il recesso è atipico, e avviene quindi mediante cessione delle quote agli altri soci o a un terzo concordemente individuato dai soci, si produrrà reddito diverso e pertanto si potrà utilizzare il valore di perizia per il calcolo della plusvalenza (16) (26). Rivalutazione parziale di una partecipazione qualificata La rivalutazione può essere anche parziale e riguardare solo una frazione della partecipazione (10). Se il contribuente ha una partecipazione qualificata e rivaluta solo una parte della partecipazione è tenuto comunque ad applicare l aliquota del 4% prevista per la partecipazioni qualificate per ovvi motivi antielusivi. Esempio: Partecipazione qualificata = 30% del capitale Frazione rivalutata (non qualificata) = 15% del capitale Imposta sostitutiva = 4% x valore di perizia relativo al 15% del capitale Partecipazione ricevuta in donazione Il contribuente potrebbe ricevere in donazione una partecipazione che era qualificata in capo al donante ma che poi, in seguito al frazionamento tra i diversi beneficiari della donazione, diviene non qualificata. Il donatario, nel caso in cui ceda la propria partecipazione nei 5 anni successivi all atto di liberalità, dovrà comunque corrispondere l imposta nella misura del 4% anziché del 2% in quanto possessore di una partecipazione considerata virtualmente qualificata per ovvi motivi antielusivi (14) (27). 15

16 Partecipazioni ammesse alla quotazione successivamente al 1 gennaio 2010 Possono avvalersi della rivalutazione i soggetti che, al 1 gennaio 2010, posseggono partecipazioni non quotate anche se, successivamente a tale data, sia stata deliberata l ammissione alla quotazione (10). Infatti affinché un titolo possa essere considerato negoziato in un mercato regolamentato è necessario che le azioni siano effettivamente negoziate non essendo sufficiente che la società abbia fatto richiesta di quotazione (28) Partecipazioni la cui quotazione è stata revocata o sospesa prima del 1 gennaio 2010 Possono avvalersi della rivalutazione i soggetti che, al 1 gennaio 2010, posseggono partecipazioni la cui quotazione sia stata revocata prima dell Al contrario, la sospensione della quotazione prima dell esclude la possibilità della rivalutazione, in quanto la sospensione, a differenza della revoca, è una misura temporanea (10). Rivalutazione effettuata dal nudo proprietario Estinzione dell usufrutto Se la rivalutazione è effettuata dal solo nudo proprietario e se l usufrutto si estingue prima della cessione del bene, il nudo proprietario diventa titolare della piena proprietà. Per effetto del principio di riespansione del diritto di proprietà, il valore originariamente affrancato dal nudo proprietario non potrà essere maggiorato del valore dell usufrutto (29). Rivalutazione effettuata sia dal nudo proprietario sia dall usufruttuario Estinzione dell usufrutto Se la rivalutazione è effettuata sia dal nudo proprietario sia dall usufruttuario e se l usufrutto si estingue, il nudo proprietario non potrà sommare al proprio valore affrancato quello rideterminato a sua volta dall usufruttario (29). Note 1. L n. 191, art. 2, commi 229 e D.L n. 282, art. 2, comma L n. 448, artt. 5 e D.P.R n. 917, art D.P.R n. 917, art C.M , n. 55/E. 7. R.M , n. 319/E. 8. D.L , n. 223, art. 36, comma C.M n. 6/E 10. C.M n. 12/E. 11. C.M n. 47/E. 12. C.M n. 81/E. 13. C.M n. 15/E. 14. C.M , n. 35/E. 15. D.Lgs n. 472, art C.M n. 16/E. 17. C.M n. 27/E. 18. (D.P.R n. 602, art R.M , n

17 20. D.Lgs n. 461, art. 5, comma D.P.R n. 917, art L n. 266, art. 1, comma D.P.R n. 917, art. 17, comma 1, lett. g-bis. 24. D.P.R n. 917, art. 21, comma D.P.R n. 327, art C.M n. 26/E. 27. L n. 383, art. 16, comma C.M , n C.M , n. 12/E. 17

Circolare n. 7. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Finalità... 2. 3 Condizioni soggettive... 2. 4 Condizioni oggettive... 3. 5 Aspetti operativi...

Circolare n. 7. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Finalità... 2. 3 Condizioni soggettive... 2. 4 Condizioni oggettive... 3. 5 Aspetti operativi... Circolare n. 7 La rivalutazione del costo o valore d acquisto delle partecipazioni non quotate (Art. 2, comma 229, Legge 23.12.2009, n. 191) Indice 1 Premessa... 2 2 Finalità... 2 3 Condizioni soggettive...

Dettagli

* * * * * Dottori commercialisti

* * * * * Dottori commercialisti Riaperta la RIVALUTAZIONE DI PARTECIPAZIONI E TERRENI * * * * * Art. 7, co. 1, lett. t) e co. 2, lett. dd) gg), D.L. n. 70 del 13/05/2011 (Decreto sviluppo) SIRRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti

Dettagli

Oggetto: Riaperta la rivalutazione di quote e terreni

Oggetto: Riaperta la rivalutazione di quote e terreni ANNO 2014 NOTA OPERATIVA N. 5/2014 Oggetto: Riaperta la rivalutazione di quote e terreni - Introduzione L articolo 1, comma 156 della L. 147/2013 (Legge di Stabilità 2014), ha riaperto i termini per la

Dettagli

LA RIAPERTURA DEI TERMINI PER LA RIVALUTAZIONE DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI NON QUOTATE

LA RIAPERTURA DEI TERMINI PER LA RIVALUTAZIONE DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI NON QUOTATE Circolare N. 06 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 26 gennaio 2010 LA RIAPERTURA DEI TERMINI PER LA RIVALUTAZIONE DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI NON QUOTATE Con la Finanziaria 2010 sono stati

Dettagli

Informativa n. 25. La proroga al 31.10.2008 della rivalutazione delle partecipazioni non quotate e dei terreni INDICE. dell 8 ottobre 2008

Informativa n. 25. La proroga al 31.10.2008 della rivalutazione delle partecipazioni non quotate e dei terreni INDICE. dell 8 ottobre 2008 Informativa n. 25 dell 8 ottobre 2008 La proroga al 31.10.2008 della rivalutazione delle partecipazioni non quotate e dei terreni INDICE 1 La proroga della rivalutazione delle partecipazioni e dei terreni...

Dettagli

STUDIO D ALESSIO COMMERCIALISTI

STUDIO D ALESSIO COMMERCIALISTI COMMERCIALISTI Genova, 8 ottobre 2010 Circolare Informativa Rivalutazione partecipazioni e terreni 1 SINTESI L art. 2 co. 229 della L. 23.12.2009 n. 191 (Finanziaria 2010) ha nuovamente riaperto i termini

Dettagli

Rivalutazione di terreni e partecipazioni al 1 gennaio 2014: la riapertura dei termini

Rivalutazione di terreni e partecipazioni al 1 gennaio 2014: la riapertura dei termini Numero 23/2014 Pagina 1 di 6 Rivalutazione di terreni e partecipazioni al 1 gennaio 2014: la riapertura dei termini Numero : 23/2014 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : IRPEF RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI

Dettagli

RIVALUTAZIONE di TERRENI e PARTECIPAZIONI RIAPERTURA dei TERMINI per il 2013

RIVALUTAZIONE di TERRENI e PARTECIPAZIONI RIAPERTURA dei TERMINI per il 2013 Circ.n. 3/2013/fisc RIVALUTAZIONE di TERRENI e PARTECIPAZIONI RIAPERTURA dei TERMINI per il 2013 INDICE 1. Riapertura dei termini 2. Soggetti ammessi alla rivalutazione 3. Ambito oggettivo 4. Requisito

Dettagli

LA RIAPERTURA DEI TERMINI PER LA RIVALUTAZIONE DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI 2014 1. PREMESSA

LA RIAPERTURA DEI TERMINI PER LA RIVALUTAZIONE DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI 2014 1. PREMESSA LA RIAPERTURA DEI TERMINI PER LA RIVALUTAZIONE DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI La Legge di stabilità per il 2014 riammette la possibilità di rivalutare terreni e partecipazioni 1. PREMESSA L art. 1,

Dettagli

RIVALUTAZIONE QUOTE SOCIALI. Noventa di Piave - 23 febbraio 2012 Dott. Giorgio Zerio

RIVALUTAZIONE QUOTE SOCIALI. Noventa di Piave - 23 febbraio 2012 Dott. Giorgio Zerio RIVALUTAZIONE QUOTE SOCIALI Noventa di Piave - 23 febbraio 2012 Dott. Giorgio Zerio Normativa Art.7 co. 2 del DL 13.5.2011 n. 70, convertito nella L.12.7.2011 n. 106: Termine per la rivalutazione delle

Dettagli

SEGNALAZIONI E ASSISTENZA: T. 0376.775130 F. 0376.770151. Unico 2008 Persone fisiche. rivalutazione terreni e partecipazioni e principali quadri

SEGNALAZIONI E ASSISTENZA: T. 0376.775130 F. 0376.770151. Unico 2008 Persone fisiche. rivalutazione terreni e partecipazioni e principali quadri SEGNALAZIONI E ASSISTENZA: T. 0376.775130 F. 0376.770151 Argomenti Unico 2008 Persone fisiche rivalutazione terreni e partecipazioni e principali quadri L incontro propone l esame delle principali novità

Dettagli

RIVALUTAZIONE DI TERRENI E PARTECIPAZIONI - 2015

RIVALUTAZIONE DI TERRENI E PARTECIPAZIONI - 2015 STUDIO NOTARILE GIANLUCA CESARE PLATANIA Via dei Partigiani 5 - Bergamo Tel. 035 235001 - Fax 035 235868 www.notaioplatania.it email: gplatania@notariato.it RIVALUTAZIONE DI TERRENI E PARTECIPAZIONI -

Dettagli

Fisco e Tributi. Newsletter agosto 2014. Chiarimenti sulla rivalutazione del valore dei terreni e delle quote di partecipazione

Fisco e Tributi. Newsletter agosto 2014. Chiarimenti sulla rivalutazione del valore dei terreni e delle quote di partecipazione Fisco e Tributi Chiarimenti sulla rivalutazione del valore dei terreni e delle quote di partecipazione Con la Legge di Stabilità 2014 sono stati riaperti i termini per la rivalutazione del valore dei terreni

Dettagli

Concrete Italia s.r.l. REGISTRO REVISORI CONTABILI N. 136021 - D.M. MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DEL 12.4.2005 - G.U. N. 35 DEL 3 MAGGIO 2005

Concrete Italia s.r.l. REGISTRO REVISORI CONTABILI N. 136021 - D.M. MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DEL 12.4.2005 - G.U. N. 35 DEL 3 MAGGIO 2005 DISEGNO DI LEGGE DEL SENATO DELLA REPUBBLICA DEL 15 NOVEMBRE 2007 Disposizioni per la formazione del Bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge Finanziaria 2008) RIAPERTURA TERMINI IN MATERIA DI

Dettagli

Fiscal News N. 41. Rivalutazione e cessione inferiore al valore di perizia. La circolare di aggiornamento professionale 06.02.2014.

Fiscal News N. 41. Rivalutazione e cessione inferiore al valore di perizia. La circolare di aggiornamento professionale 06.02.2014. Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 41 06.02.2014 Rivalutazione e cessione inferiore al valore di perizia Categoria: Rivalutazione Sottocategoria: Terreni e partecipazioni Con la

Dettagli

RIMBORSI SPESE DEL PROFESSIONISTA: I CHIARIMENTI DELL IRDCEC di Stefano Setti

RIMBORSI SPESE DEL PROFESSIONISTA: I CHIARIMENTI DELL IRDCEC di Stefano Setti RIMBORSI SPESE DEL PROFESSIONISTA: I CHIARIMENTI DELL IRDCEC di Stefano Setti Circ. Irdcec n. 37/IR del 9 gennaio 2014 Abstract - L Istituto di ricerca dei dottori commercialisti e degli esperti contabili

Dettagli

STUDIO SERVIDIO VIA SANTO STEFANO, 11 40125 BOLOGNA ITALY TEL. (+39) 051 26.06.20 FAX (+39) 051 22.16.19. Bologna, 04 febbraio 2014

STUDIO SERVIDIO VIA SANTO STEFANO, 11 40125 BOLOGNA ITALY TEL. (+39) 051 26.06.20 FAX (+39) 051 22.16.19. Bologna, 04 febbraio 2014 DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 04 febbraio 2014 Oggetto: Circolare n. 2/2014 del 04 febbraio

Dettagli

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare n. 27 del 4 settembre 2014 LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 ART. 3 e 4 D.L. N. 66/2014 Circolare Agenzia Entrate 27.6.2014, n. 19/E In breve:

Dettagli

APPENDICE. Rivalutazione delle aree edificabili e con destinazione agricola. Normativa, Prassi e Giurisprudenza

APPENDICE. Rivalutazione delle aree edificabili e con destinazione agricola. Normativa, Prassi e Giurisprudenza APPENDICE Rivalutazione delle aree edificabili e con destinazione agricola Normativa, Prassi e Giurisprudenza Parte I- Normativa: Art.7, legge 28 dicembre 2001, n. 448 Art.4, comma 3, decreto legge 24

Dettagli

NOTA INFORMATIVA. Indice

NOTA INFORMATIVA. Indice NOTA INFORMATIVA Rideterminazione dei valori dei terreni e delle partecipazioni: disciplina generale e ultimi chiarimenti ministeriali (C.M. n. 1/E del 15 febbraio 2013) Indice 1. Premessa 3 2. La rideterminazione

Dettagli

FINANZIARIA 2010 RIVALUTAZIONE di TERRENI e di PARTECIPAZIONI MODELLI INTRASTAT 2010 PRECISAZIONI

FINANZIARIA 2010 RIVALUTAZIONE di TERRENI e di PARTECIPAZIONI MODELLI INTRASTAT 2010 PRECISAZIONI FINANZIARIA 2010 RIVALUTAZIONE di TERRENI e di PARTECIPAZIONI MODELLI INTRASTAT 2010 PRECISAZIONI IN QUESTA CIRCOLARE: 1. Riapertura dei termini per la rivalutazione; 2. Rimborso dell imposta sostitutiva

Dettagli

LA CONVERSIONE IN LEGGE DEL D.L. 269/2003:

LA CONVERSIONE IN LEGGE DEL D.L. 269/2003: LA CONVERSIONE IN LEGGE DEL D.L. 269/2003: NOVITA IN MATERIA DI CONCORDATO PREVENTIVO E AFFRANCAMENTO DI TERRENI E PARTECIPAZIONI dispensa a cura dello Studio di consulenza tributaria e legale Deotto Magrini

Dettagli

Circolare n. 4 04 Febbraio 2013. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE. 1 Premessa... 3

Circolare n. 4 04 Febbraio 2013. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE. 1 Premessa... 3 Circolare n. 4 04 Febbraio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE 1 Premessa... 3 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti... 3 2.1 Auto aziendali...

Dettagli

Schede operative. Operazioni societarie. Cessione di quote di Snc a titolo oneroso

Schede operative. Operazioni societarie. Cessione di quote di Snc a titolo oneroso Operazioni societarie Uscita del socio da una Snc: cessione a titolo oneroso, recesso e trasferimento mortis causa La società in nome collettivo è uno dei tipi di società di persone regolati dal Codice

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 20 del 14 gennaio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE 1 Premessa... 3 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti...

Dettagli

RIVALUTAZIONE DI PARTECIPAZIONI SOCIALI NON NEGOZIATE E TERRENI EDIFICABILI E A DESTINAZIONE AGRICOLA (D.L. n. 70/2011)

RIVALUTAZIONE DI PARTECIPAZIONI SOCIALI NON NEGOZIATE E TERRENI EDIFICABILI E A DESTINAZIONE AGRICOLA (D.L. n. 70/2011) RIVALUTAZIONE DI PARTECIPAZIONI SOCIALI NON NEGOZIATE E TERRENI EDIFICABILI E A DESTINAZIONE AGRICOLA (D.L. n. 70/2011) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin Gyatso

Dettagli

CONFERME & PROROGHE: MODALITÀ OPERATIVE E TERMINI PROCEDURALI DA RISPETTARE DOPO LA LEGGE DI STABILITÀ 2015

CONFERME & PROROGHE: MODALITÀ OPERATIVE E TERMINI PROCEDURALI DA RISPETTARE DOPO LA LEGGE DI STABILITÀ 2015 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CONFERME & PROROGHE: MODALITÀ OPERATIVE E TERMINI PROCEDURALI DA RISPETTARE DOPO LA LEGGE DI STABILITÀ 2015 GIOVE GIUSEPPE Commissione Diritto Tributario

Dettagli

Oggetto: La cedolare secca sugli affitti, chiarimenti sull uso del denaro contante, la

Oggetto: La cedolare secca sugli affitti, chiarimenti sull uso del denaro contante, la CIRCOLARE N. 7/T Olbia, 30 Agosto 2010 Alla Spett.le Clientela Oggetto: La cedolare secca sugli affitti, chiarimenti sull uso del denaro contante, la rivalutazione dei terreni e delle partecipazioni. LA

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Riapertura dei termini per la rideterminazione del valore delle partecipazioni

Riapertura dei termini per la rideterminazione del valore delle partecipazioni Tratto da: Collana Dichiarazioni fiscali 2009 - Unico Società di persone, a cura di G. Cremona, P. Monarca, N. Tarantino Aspetti generali NOVITÀ Sezione I Imposta sostitutiva 20% Da quest anno, in seguito

Dettagli

I redditi diversi derivano da diverse fattispecie produttive, non riconducibili alle altre categorie reddituali fino ad ora studiate.

I redditi diversi derivano da diverse fattispecie produttive, non riconducibili alle altre categorie reddituali fino ad ora studiate. REDDITI DIVERSI INDICAZIONI GENERALI Cosa sono i redditi diversi I redditi diversi derivano da diverse fattispecie produttive, non riconducibili alle altre categorie reddituali fino ad ora studiate. Per

Dettagli

La dichiarazione Unico 2014 per gli enti e le società. Roma, 18 marzo 2014

La dichiarazione Unico 2014 per gli enti e le società. Roma, 18 marzo 2014 La dichiarazione Unico 2014 per gli enti e le società Roma, 18 marzo 2014 La start-up innovativa Decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179 (legge 17 dicembre 2012, n. 221, artt. 25-32) Favorire la nascita,

Dettagli

Rivalutazione partecipazioni e terreni

Rivalutazione partecipazioni e terreni Lawt è lieta di offrirvi, nell ambito del progetto di collaborazione con Federalberghi Vco finalizzato ad offrire ai propri associati nuovi servizi di consulenza fiscale tematici, un tema di approfondimento

Dettagli

Fiscalità degli immobili estranei al regime di impresa, arti e professioni Dott. Giovanni Picchi Dott. Domenico Ballor 1 I redditi diversi immobiliari L art. 67, comma 1, del TUIR prevede alcune fattispecie

Dettagli

REDDITI A TASSAZIONE SEPARATA

REDDITI A TASSAZIONE SEPARATA REDDITI A TASSAZIONE SEPARATA La tassazione Caratteristiche principali sulla tassazione I redditi soggetti a tassazione sono redditi percepiti una tantum o, comunque, non periodicamente, che derivano,

Dettagli

Capital Gain internazionali

Capital Gain internazionali Capital Gain internazionali by Carlo Adriani - Wednesday, March 05, 2014 http://www.ascheri.net/2014/03/05/capital-gain-internazionali/ Il residente in Italia deve sempre dichiarare il Capital Gain conseguito

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 22 del 27 luglio 2011 DL 13.5.2011 n. 70 convertito

Dettagli

Circolare Informativa n. 18/2001. Alle Società Consorziate. Roma, 9 novembre 2001

Circolare Informativa n. 18/2001. Alle Società Consorziate. Roma, 9 novembre 2001 Circolare Informativa n. 18/2001 Alle Società Consorziate Roma, 9 novembre 2001 Rif.: 530.1; 770.21; 760. Oggetto: Disegno di legge recante Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale

Dettagli

Alle Aziende Assistite Lettera Circolare

Alle Aziende Assistite Lettera Circolare Alle Aziende Assistite Lettera Circolare Vicenza, 16 febbraio 2010 Loro Sedi Oggetto: La Finanziaria 2010 e le altre novità fiscali. INDICE: A) LA FINANZIARIA 2010 E LE ALTRE NOVITÀ FISCALI. B) DISCIPLINA

Dettagli

Presupposto soggettivo

Presupposto soggettivo Capital gain Inquadramento Per capital gain (termine anglofono)si intende il trattamento fiscale riservato alle cessioni di partecipazioni detenute da persone fisiche. L inquadramento normativo di questa

Dettagli

Servizio circolari per la clientela Circolare n. 3 del 28 gennaio 2013

Servizio circolari per la clientela Circolare n. 3 del 28 gennaio 2013 Servizio circolari per la clientela Circolare n. 3 del 28 gennaio 2013 1 Premessa 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti 2.1 Auto aziendali 2.2 Auto dei professionisti 2.3 Auto concesse

Dettagli

INFORMATIVA N. 2/2013

INFORMATIVA N. 2/2013 STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE COMO 1.2.2013 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 E mail: segreteria@studiogorini.it FAX 031.27.33.84 INFORMATIVA N. 2/2013 LEGGE

Dettagli

SCADENZIARIO DAL 16 GIUGNO 2014 AL 15 LUGLIO 2014

SCADENZIARIO DAL 16 GIUGNO 2014 AL 15 LUGLIO 2014 Modena, 12 2014 SCADENZIARIO DAL 16 GIUGNO 2014 AL 15 LUGLIO 2014 Si segnala ai Signori clienti che tutti gli adempimenti sono stati inseriti, prudenzialmente, con le loro scadenze naturali, nonostante

Dettagli

La Voluntary Disclosure Internazionale

La Voluntary Disclosure Internazionale La Voluntary Disclosure Internazionale Analisi di convenienza tra calcolo analitico e calcolo forfettario Massimo Caldara Ordine dei Dottori Commercialisti Bergamo 28 maggio 2015 Dottori Commercialisti

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO PAGANI

STUDIO ASSOCIATO PAGANI STUDIO ASSOCIATO PAGANI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI DEI CONTI Via G. Frua, 24 Sergio Pagani 20146 Milano Paolo D. S. Pagani Tel. +39 (02) 46.07.22 Raffaella Pagani Fax +39 (02) 49.81.537 Ornella

Dettagli

Circolare n. 21 INDICE

Circolare n. 21 INDICE Circolare n. 21 del 15 giugno 2012 Imposte patrimoniali sugli immobili all estero, sulle attività finanziarie detenute all estero e sulle attività oggetto di scudo fiscale - Riepilogo della disciplina

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 24 del 18 giugno 2012 Imposte patrimoniali

Dettagli

RISOLUZIONE N. 158/E

RISOLUZIONE N. 158/E RISOLUZIONE N. 158/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 17 aprile 2008 OGGETTO: Interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Cessione di partecipazioni rideterminate da parte dell

Dettagli

LE QUESTIONI FISCALI NEI PROCEDIMENTI DI SEPARAZIONE E DIVORZIO. a cura del Dott. Alessandro Gogna

LE QUESTIONI FISCALI NEI PROCEDIMENTI DI SEPARAZIONE E DIVORZIO. a cura del Dott. Alessandro Gogna LE QUESTIONI FISCALI NEI PROCEDIMENTI DI SEPARAZIONE E DIVORZIO a cura del Dott. Alessandro Gogna Brescia, 21 febbraio 2007 La capacità contributiva fiscale di un soggetto Ai fini fiscali le imposte dirette

Dettagli

Tassazione delle plusvalenze finanziarie e valutarie (a cura del Dott. Alessio Pistone)

Tassazione delle plusvalenze finanziarie e valutarie (a cura del Dott. Alessio Pistone) Tassazione delle plusvalenze finanziarie e valutarie (a cura del Dott. Alessio Pistone) Nel Quadro RT del modello Unico PF 2015 devono essere dichiarate le plusvalenze e le minusvalenze di natura finanziaria,

Dettagli

I redditi diversi derivano da diverse fattispecie produttive, non riconducibili alle altre categorie reddituali fino ad ora studiate.

I redditi diversi derivano da diverse fattispecie produttive, non riconducibili alle altre categorie reddituali fino ad ora studiate. REDDITI DIVERSI INDICAZIONI GENERALI Cosa sono i redditi diversi I redditi diversi derivano da diverse fattispecie produttive, non riconducibili alle altre categorie reddituali fino ad ora studiate. Per

Dettagli

NEWS FISCALI E SOCIETARIE NOVEMBRE 2011 FISCALITA PROVVEDIMENTI LEGISLATIVI

NEWS FISCALI E SOCIETARIE NOVEMBRE 2011 FISCALITA PROVVEDIMENTI LEGISLATIVI Milano Roma News fiscali e societarie Novembre 2011 FISCALITA PROVVEDIMENTI LEGISLATIVI Acconto IRPEF di novembre ridotto dal 99% all 82% L acconto IRPEF da versare entro mercoledì 30 novembre 2011 dovrà

Dettagli

RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011. A cura di Fabio Giommoni

RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011. A cura di Fabio Giommoni RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011 A cura di Fabio Giommoni PROVVEDIMENTI COMMENTATI D.L. n. 138/2011 (c.d. manovra di Ferragosto ) Nuova aliquota del 20% per la tassazione delle rendite finanziarie

Dettagli

R O S S I & A S S O C I A T I

R O S S I & A S S O C I A T I R O S S I & A S S O C I A T I C o r p o r a t e A d v i s o r s Main Office: Via S. Radegonda, 8 - Milano www.rossiassociati.it Tel +39 02.874271 Fax +39 02.72099377 NEWS SETTIMANALE Gennaio 2013 nr. 2

Dettagli

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote;

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote; Tassazione dei dividendi La riforma del diritto societario ha introdotto importanti modifiche al regime di tassazione dei dividendi distribuiti a partire dal 1º gennaio 2004. Con la riforma viene modificato

Dettagli

Il trattamento tributario dei piani aziendali di stock option

Il trattamento tributario dei piani aziendali di stock option n. 4/2000 Pag. 385 Il trattamento tributario dei piani aziendali di stock option di Gianfilippo Scifoni Il decreto legislativo n. 505/1999 (1) ha apportato sostanziali modificazioni al meccanismo impositivo

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008 CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 novembre 2008 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dei fondi immobiliari. Articolo 82, commi da 17 a 22, del decreto-legge 25 giugno

Dettagli

Circolare N.179 del 6 Dicembre 2013

Circolare N.179 del 6 Dicembre 2013 Circolare N.179 del 6 Dicembre 2013 Cessione di immobili. La disciplina fiscale dell acquisto, della vendita, gli oneri e le agevolazioni fiscali Gentile cliente, desideriamo informarla che l Agenzia delle

Dettagli

Novità in materia di tassazione dei redditi finanziari. 30 ottobre 2014 Marco Piazza

Novità in materia di tassazione dei redditi finanziari. 30 ottobre 2014 Marco Piazza Novità in materia di tassazione dei redditi finanziari 30 ottobre 2014 Marco Piazza Tassazione delle rendite finanziarie e Rivalutazione elle partecipazioni e dei terreni edificabili Un quadro destinato

Dettagli

6 LA CESSIONE DEL FABBRICATO

6 LA CESSIONE DEL FABBRICATO IN PRATICA 6 LA CESSIONE DEL FABBRICATO Nel caso di cessione del fabbricato, sia per atto tra vivi che mortis causa, si possono presentare, come vedremo nel capitolo, diverse problematiche di carattere

Dettagli

A cura di Gian Paolo Tosoni 1. REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI. 1.1 I Nuovi requisiti di accesso. 1.2 I vecchi requisiti

A cura di Gian Paolo Tosoni 1. REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI. 1.1 I Nuovi requisiti di accesso. 1.2 I vecchi requisiti A cura di Gian Paolo Tosoni 1. REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI 1.1 I Nuovi requisiti di accesso 1.2 I vecchi requisiti 1.3 Le novità apportate dal regime 1.4 Cause di esclusione dal regime dei minimi 1.5

Dettagli

REGOLAMENTO DEI WARRANT AZIONI ORDINARIE UNIPOL 2010-2013

REGOLAMENTO DEI WARRANT AZIONI ORDINARIE UNIPOL 2010-2013 REGOLAMENTO DEI WARRANT AZIONI ORDINARIE UNIPOL 2010-2013 Art. 1 Warrant Azioni Ordinarie Unipol 2010-2013 L Assemblea Straordinaria di Unipol Gruppo Finanziario S.p.A. ( UGF o l Emittente ), riunitasi

Dettagli

INDICE. Premessa... pag. 11

INDICE. Premessa... pag. 11 INDICE Premessa... pag. 11 CAPITOLO PRIMO LA CESSIONE DELLE PARTECIPAZIONI NEL REDDITO DI IMPRESA 1. La cessione delle partecipazioni nel reddito d impresa... pag. 13 1.1 I diversi regimi fiscali applicabili

Dettagli

2. QUADRO RL ALTRI REDDITI

2. QUADRO RL ALTRI REDDITI 2. QUADRO RL ALTRI REDDITI Generalità SEZIONE I - A REDDITI DI CAPITALE Vedere in APPENDICE la voce Utili prodotti all estero Questo quadro è composto da tre sezioni: Sezione I riservata ai redditi di

Dettagli

LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE

LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE a cura di Diego Cigna Direzione Regionale dell Emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Fiscalità delle Imprese e Finanziaria LA RIVALUTAZIONE DEGLI

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Disegno di Legge di stabilità 2015

Disegno di Legge di stabilità 2015 Disegno di Legge di stabilità 2015 Il Disegno di Legge di Stabilità 2015 contiene numerose misure fiscali che entreranno in vigore dal prossimo anno, salvo, come vedremo, le disposizioni in materia di

Dettagli

La fiscalità immobiliare e l accertamento ai fini dell imposta di registro. Quarrata Giugno 2013

La fiscalità immobiliare e l accertamento ai fini dell imposta di registro. Quarrata Giugno 2013 La fiscalità immobiliare e l accertamento ai fini dell imposta di registro Quarrata Giugno 2013 I redditi dei terreni Redditi dei terreni REDDITI DEI TERRENI: Redditi fondiari Redditi diversi 1) Territorialità

Dettagli

G A L L I & P A R T N E R S D O T T O R I C O M M E R C I A L I S T I

G A L L I & P A R T N E R S D O T T O R I C O M M E R C I A L I S T I CEDOLARE SECCA SUI CONTRATTI DI LOCAZIONE PREMESSA Con la presente, desideriamo richiamare la Vostra attenzione sull introduzione e sulla definitiva operatività, a partire dal corrente anno, della nuova

Dettagli

La presente Circolare è tratta da: COLLEGIO RAGIONIERI BUSTO ARSIZIO (VA)

La presente Circolare è tratta da: COLLEGIO RAGIONIERI BUSTO ARSIZIO (VA) PRO.GE.A. PROGETTO GESTIONE AZIENDA Sede Legale: Via XXV Aprile, 206 21042 Caronno Pertusella (Va) Sede Operativa: Via IV Novembre, 455 21042 Caronno Pertusella (Va) Tel. 02.96515611 Fax 02.96515655 Uffici

Dettagli

La nuova normativa relativa alle società immobiliari quotate

La nuova normativa relativa alle società immobiliari quotate La nuova normativa relativa alle società immobiliari quotate 1 La normativa base è contenuta nella legge finanziaria per il 2007 La legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria per l anno 2007) ha

Dettagli

1. RIDUZIONE DEL LIMITE PER L USO DEL CONTANTE E DEGLI ASSEGNI

1. RIDUZIONE DEL LIMITE PER L USO DEL CONTANTE E DEGLI ASSEGNI Circolare n. 9 - pagina 1 di 10 Achille Delmonte Alberto Bertani Mario Montepietra Anna Fantini Andrea Sassi Giacobbe Silvi Dottore Commercialista Revisore Contabile Dottore Commercialista Revisore Contabile

Dettagli

La movimentazione delle quota sociali

La movimentazione delle quota sociali La movimentazione delle quota sociali Gianfranco Costa Francesco Burzacchi Alessandro Tatone Aggiornata al 10.1.2011 1 LA FISCALITA DELLE RISERVE 2 RISERVE FISCALI RISERVE DI UTILI RISERVE DI CAPITALE

Dettagli

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile Circolare di gennaio 14 Santa Lucia di Piave, lì 7 gennaio 14 Oggetto: : Finanziaria 2014 prima parte È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Finanziaria 2014 (Legge 27.12.2013, n. 147) c.d. «Legge

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Le problematiche civilistiche e fiscali delle operazioni di finanza strutturata bancaria e dei fondi immobiliari UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Lezione del 11 febbraio 2014 Lezione

Dettagli

NOVITA FISCALI DI INIZIO ANNO

NOVITA FISCALI DI INIZIO ANNO Dott. Marco Baccani 20121 Milano - Via Bigli, 2 Dott. Salvatore Fiorenza Tel. (+39) 02 764214.1 Dott. Ferdinando Ramponi Fax (+39) 02 764214.61 Dott. Massimo Rho Dott. Federico Baccani Dott. Stefano Ramponi

Dettagli

1. È configurabile un obbligo per l intermediario di comunicare all investitore i prezzi di carico dei diritti d opzione?

1. È configurabile un obbligo per l intermediario di comunicare all investitore i prezzi di carico dei diritti d opzione? NON CORRETTA QUANTIFICAZIONE DA PARTE DELL INTERMEDIARIO DEI PREZZI DI CARICO DEI DIRITTI D OPZIONE RELATIVI AD UN AUMENTO DI CAPITALE DI SOCIETÀ QUOTATA: RESPONSABILITA INTERMEDIARIO Il sig. [ ] Tizio,

Dettagli

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici CIRCOLARE gennaio 2014: La Legge di Stabilità e le altre novità fiscali Vi riepiloghiamo le principali e più rilevanti novità introdotte in materia fiscale dalla Legge 27.12.2013 n 147 (Legge di Stabilità

Dettagli

IVIE IVAFE: Imposta sugli immobili situati all estero ed Imposta sulle attività finanziarie detenute all estero"

IVIE IVAFE: Imposta sugli immobili situati all estero ed Imposta sulle attività finanziarie detenute all estero Dott. Ciancianaini Riccardo Dottore Commercialista Revisore Contabile IVIE IVAFE: Imposta sugli immobili situati all estero ed Imposta sulle attività finanziarie detenute all estero" Londra, Venerdì 30

Dettagli

La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di finanziamento dell impresa

La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di finanziamento dell impresa La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano SAF Scuola di Alta Formazione Luigi Martino Convegno del 16 gennaio 2012 Relatore:

Dettagli

CONTRIBUTO SOGGETTIVO CONTRIBUTO INTEGRATIVO CONTRIBUTO MATERNITÀ

CONTRIBUTO SOGGETTIVO CONTRIBUTO INTEGRATIVO CONTRIBUTO MATERNITÀ Il contributo integrativo è dovuto nella misura del 4% del volume annuale d affari ai fini IVA al netto del contributo minimo pagato in acconto nel 2014. È previsto un contributo integrativo minimo, calcolato

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI TASSAZIONE SOSTITUTIVA DELLE PLUSVALENZE. (a cura del notaio Raffaele Trabace)

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI TASSAZIONE SOSTITUTIVA DELLE PLUSVALENZE. (a cura del notaio Raffaele Trabace) TRASFERIMENTI IMMOBILIARI TASSAZIONE SOSTITUTIVA DELLE PLUSVALENZE (a cura del notaio Raffaele Trabace) Anno 2010 1 INDICE DISCIPLINA... 3 PRINCIPI. 5 CASI E QUESTIONI.. 7 NOTE SULLA RIDETERMINAZIONE DEL

Dettagli

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta Dott. Pasquale SAGGESE LA CESSIONE DI NON DETENUTE NELL ESERCIZIO DI IMPRESA QUALIFICATE E FATTISPECIE ASSIMILATE Partecipazioni che rappresentano

Dettagli

20 Gennaio 2006. 2006 - Studio Tributario Societario, tutti i diritti riservati

20 Gennaio 2006. 2006 - Studio Tributario Societario, tutti i diritti riservati LETTERA INFORMATIVA N. 2 DEL 2006 20 Gennaio 2006 LA MANOVRA FINANZIARIA DEL 2006 Questa newsletter contiene indicazioni generali la cui applicazione dipende dalle singole circostanze. La newsletter ha

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO CARAMANTI TICOZZI & PARTNERS CONSULENZA SOCIETARIA E FISCALE INTERNAZIONALE. Member of AGN INTERNATIONAL www.agn.

STUDIO ASSOCIATO CARAMANTI TICOZZI & PARTNERS CONSULENZA SOCIETARIA E FISCALE INTERNAZIONALE. Member of AGN INTERNATIONAL www.agn. STUDIO ASSOCIATO CARAMANTI TICOZZI & PARTNERS CONSULENZA SOCIETARIA E FISCALE INTERNAZIONALE Member of AGN INTERNATIONAL www.agn.org Via Felice Casati, 20 20124 Milano Tel. +39 02 2779 111 Tel. +39 02

Dettagli

LA TASSAZIONE DEL REDDITO DI FABBRICATI novità e casi particolari. Dottori commercialisti

LA TASSAZIONE DEL REDDITO DI FABBRICATI novità e casi particolari. Dottori commercialisti LA TASSAZIONE DEL REDDITO DI FABBRICATI novità e casi particolari SIRRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti SIRRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti La compilazione del quadro

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE CESSIONI D AZIENDA

IL REGIME FISCALE DELLE CESSIONI D AZIENDA IL REGIME FISCALE DELLE CESSIONI D AZIENDA Il trasferimento dell azienda ed il trattamento fiscale connesso alle molteplici forme che tale operazione può assumere 1 Modalità di passaggio dell azienda:

Dettagli

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi Carismi Convegni CARISMICONVEGNI IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Centro Studi I Cappuccini 22 Febbraio 2013 Avv. Francesco Napolitano DONAZIONE DI AZIENDA IMPOSTE DIRETTE La donazione di azienda da parte di

Dettagli

Redditi diversi. Capitolo 8 8.1 CONCETTI GENERALI 8.2 PLUSVALENZE 8.3 INDENNITÀ DI ESPROPRIO 8.4 PREMI E VINCITE 8.5 IMMOBILI SITUATI ALL ESTERO

Redditi diversi. Capitolo 8 8.1 CONCETTI GENERALI 8.2 PLUSVALENZE 8.3 INDENNITÀ DI ESPROPRIO 8.4 PREMI E VINCITE 8.5 IMMOBILI SITUATI ALL ESTERO Redditi diversi Capitolo 8 8.1 CONCETTI GENERALI 8.2 PLUSVALENZE 8.3 INDENNITÀ DI ESPROPRIO 8.4 PREMI E VINCITE 8.5 IMMOBILI SITUATI ALL ESTERO 8.6 ALTRI REDDITI DI NATURA FONDIARIA 8.7 UTILIZZAZIONE ECONOMICA

Dettagli

7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale

7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale 7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale 7.1 Descrizione delle Azioni I titoli oggetto dell Offerta Globale sono n. 1.750.000 azioni ordinarie ASM, da nominali Euro

Dettagli

CIRCOLARE N. 52 /E. Roma, 10 dicembre 2004. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 52 /E. Roma, 10 dicembre 2004. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 52 /E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 10 dicembre 2004 Oggetto: Circolari IRES/5. Il nuovo regime di tassazione dei redditi diversi di natura finanziaria. Decreto Legislativo

Dettagli

UNICO 2005 PERSONE FISICHE E SOCIETA DI PERSONE

UNICO 2005 PERSONE FISICHE E SOCIETA DI PERSONE UNICO 2005 PERSONE FISICHE E SOCIETA DI PERSONE Nuovo limite per invio l telematico il contribuente è obbligato ad utilizzare l inviol telematico di unico 2005 se nel 2004 ha realizzato un volume d affari

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 2/2013. Legge di stabilità 2013 (L. 24/12/2012 n. 228) Parte Prima // Principali disposizioni in materia fiscale - IRES ed IRPEF

NOTA INFORMATIVA N. 2/2013. Legge di stabilità 2013 (L. 24/12/2012 n. 228) Parte Prima // Principali disposizioni in materia fiscale - IRES ed IRPEF Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale in quiescenza CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI ELISABETTA UBINI PIAZZA CITTADELLA 6 37122 VERONA

Dettagli

ASPETTI TRIBUTARI INTERNAZIONALI E MONITORAGGIO

ASPETTI TRIBUTARI INTERNAZIONALI E MONITORAGGIO Convegno IMMOBILI IN ITALIA ED ALL ESTERO: ASPETTI TRIBUTARI INTERNAZIONALI E MONITORAGGIO Roberto TAMBURELLI 1 Introduzione all RW FONTE NORMATIVA Gli Art. 2 e 4 del D.L. 167/1990 obbligano alcuni soggetti

Dettagli

STUDIO SERVIDIO VIA SANTO STEFANO, 11 40125 BOLOGNA ITALY TEL. (+39) 051 26.06.20 FAX (+39) 051 22.16.19. Bologna, 17 Maggio 2013

STUDIO SERVIDIO VIA SANTO STEFANO, 11 40125 BOLOGNA ITALY TEL. (+39) 051 26.06.20 FAX (+39) 051 22.16.19. Bologna, 17 Maggio 2013 DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 17 Maggio 2013 Oggetto: Circolare n. 20/2013 del 17 Maggio 2013

Dettagli

NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E

NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E Premessa L accertamento da redditometro potrà essere disinnescato anche dalle cessioni di partecipazione in società

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

Per le società non quotate in mercati regolamentati

Per le società non quotate in mercati regolamentati Dividendi e Capital Gain I redditi derivanti da Dividendi e da Capital Gain e percepiti dalle persone fisiche, sono una tipologia di redditi di capitale e di natura finanziaria che trovano la loro collocazione

Dettagli

Contenuto in sintesi ----------

Contenuto in sintesi ---------- DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 77 05.07.2012-77/FS/om TITOLO: Imposta sul valore degli immobili situati all estero e sul valore delle attività finanziarie detenute all estero Circolare

Dettagli