MONOGRAFIA RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MONOGRAFIA RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI"

Transcript

1 MONOGRAFIA RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI Indice Introduzione Soggetti beneficiari Beni rivalutabili Beneficio della rivalutazione Perizia di stima Imposta sostitutiva Modalità e termini di versamento dell imposta sostitutiva Modello Unico Precedenti rivalutazioni Margini di convenienza - Rivalutazione delle partecipazioni Margini di convenienza - Rivalutazione dei terreni Casi particolari Contatti La monografia è curata dal Settore Diritto d'impresa e fisco (Carmen Giugno), tel /267, fax Aggiornamento La monografia è aggiornata al 5 maggio

2 INTRODUZIONE La Finanziaria 2010 (1) ha riaperto i termini (2) per la rideterminazione del valore d acquisto di terreni e partecipazioni (3). La rivalutazione consente di ridurre la plusvalenza derivante dalla cessione di terreni e partecipazioni posseduti al 1 gennaio 2010, al di fuori del regime d impresa ex art. 67 del Tuir (4): per il calcolo della plusvalenza, infatti, è possibile assumere, in luogo del costo d acquisto, il valore determinato sulla base di una perizia giurata di stima redatta entro il 31 ottobre Per poter fruire di tale agevolazione è necessario, però, assoggettare il valore stimato dalla perizia a un imposta sostitutiva da versare in unica soluzione entro il 31 ottobre 2010, o con rateizzazione a partire dalla stessa data. SOGGETTI BENEFICIARI Possono beneficiare della disposizione agevolativa i soggetti che, al 1 gennaio 2010, possiedono terreni e partecipazioni al di fuori del regime d impresa o, più precisamente, i soggetti che attraverso detti beni realizzano operazioni suscettibili di generare redditi diversi ex art. 67, c. 1, lettere a, b, c, c-bis del Tuir (4); nello specifico si tratta di: persone fisiche; società semplici e soggetti equiparati (5); enti non commerciali; soggetti non residenti, per i terreni ubicati in Italia e per le partecipazioni in società residenti in Italia, non riferibili a stabili organizzazioni in Italia. BENI RIVALUTABILI La rivalutazione ha per oggetto terreni e partecipazioni posseduti alla data del 1 gennaio 2010, a titolo di proprietà o di altro diritto reale (usufrutto o nuda proprietà) (6). Possono essere rivalutati anche i terreni e le partecipazioni detenuti attraverso società fiduciarie, purchè il fiduciante (ossia il soggetto a cui sono imputati i redditi derivanti dai beni) rientri tra i soggetti beneficiari. Terreni Possono essere rivalutati i terreni la cui cessione produce redditi diversi ex art. 67, c. 1, lettere a) e b) del Tuir (4) e non redditi d impresa. Possono essere oggetto di rivalutazione le seguenti tipologie di terreni: terreni lottizzati o sui quali sono state eseguite opere per renderli edificabili (7); terreni edificabili (8); terreni agricoli (i terreni che non rientrano in nessuna delle due precedenti tipologie). Partecipazioni Possono essere rivalutate le partecipazioni la cui cessione produce redditi diversi di natura finanziaria ex art. 67, c. 1, lettere c) e c-bis) del Tuir (4) e non redditi d impresa. 2

3 Possono essere oggetto di rivalutazione: le partecipazioni rappresentate da titoli azionari, purché non quotati in mercati regolamentati (azioni); le quote di partecipazione al capitale o al patrimonio di società non rappresentate da titoli (quote di srl o di società di persone); i diritti o i titoli, non quotati nei mercati regolamentati, attraverso i quali possono essere acquisite le predette partecipazioni (option, warrant, obbligazioni convertibili in azioni). La rivalutazione può riguardare partecipazioni sia qualificate che non qualificate e può avvenire anche solo in relazione a una parte della partecipazione (cfr. paragrafo Casi particolari ). Si ricorda che una partecipazione non negoziata nei mercati regolamentati è qualificata se si verifica anche solo una delle seguenti condizioni: la partecipazione rappresenta più del 25% del capitale o del patrimonio della società partecipata; la partecipazione rappresenta più del 20% dei diritti di voto esercitabili in assemblea ordinaria. BENEFICIO DELLA RIVALUTAZIONE Le plusvalenze ex art. 67, c. 1, lettere a, b, c, c-bis (4), derivanti dalla cessione di terreni e partecipazioni sono calcolate come differenza tra corrispettivo di vendita e costo o valore d acquisto: Tassazione della plusvalenza in assenza di rivalutazione Aliquota x Plusvalenza = Aliquota x (Corrispettivo di vendita Costo d acquisto) La disposizione agevolativa della rivalutazione consente di calcolare la plusvalenza derivante dalla cessione di terreni e partecipazioni, posseduti alla data del 1 gennaio 2010, assumendo in luogo del costo di acquisto, il valore rideterminato in base a una perizia di stima. Per effetto della rivalutazione si ha quindi il beneficio di assoggettare a tassazione una minore plusvalenza. Plusvalenza in assenza di rivalutazione Costo d acquisto Valore di perizia Corrispettivo di vendita Plusvalenza in presenza di rivalutazione Il riconoscimento di tale rivalutazione è però subordinato al pagamento di un imposta sostitutiva del 4% o del 2% applicata sul valore rideterminato per effetto della stima: 3

4 Tassazione della plusvalenza in presenza di rivalutazione Aliquota x Plusvalenza = Aliquota x (Corrispettivo di vendita Valore di perizia) Imposta sostitutiva = 4% oppure 2% x Valore di perizia Il contribuente, nella prospettiva di una cessione di terreno o partecipazione, verificherà se gli conviene rivalutare o meno confrontando il carico fiscale sopportato in assenza di rivalutazione (tassazione su plusvalenza maggiore) con il carico fiscale sopportato in presenza di rivalutazione (tassazione su plusvalenza minore ma con pagamento di imposta sostitutiva). Per una valutazione dei margini di convenienza si rinvia agli appositi paragrafi ( Margini di convenienza ). PERIZIA DI STIMA Il regime della rivalutazione consente di calcolare la plusvalenza derivante dalla cessione del bene (terreno o partecipazione), considerando al posto del costo d acquisto il valore del bene al 1 gennaio Tale valore deve essere determinato mediante un apposita relazione di stima redatta e asseverata con giuramento (presso un notaio, il tribunale o il giudice di pace). Alla perizia si applica la disciplina di cui all art. 64 C.P.C., che attribuisce una responsabilità penale al professionista che incorra in colpa grave, e la disposizione antielusiva di cui all art. 37-bis, c. 3, lett. F, del D.P.R. 600/73. La perizia deve riguardare il valore del bene alla data dell Sono pertanto inutilizzabili le perizie eventualmente redatte prima di tale data, in occasione di precedenti edizioni della medesima agevolazione o per finalità non fiscali. Soggetti abilitati Terreni. Sono abilitati alla redazione e al giuramento della perizia di stima i seguenti soggetti di area tecnica: iscritti all albo di una delle seguenti categorie professionali: ingegneri, architetti, geometri, dottori agronomi, agrotecnici, periti agrari, periti industriali con specializzazione edile; iscritti al ruolo dei periti e degli esperti tenuto presso le camere di commercio ai sensi dell art. 32, R.D. 2011/1934 (9). Partecipazioni. Sono abilitati alla redazione e al giuramento della perizia di stima i seguenti professionisti di area economico-contabile: iscritti all albo dei dottori commercialisti ed esperti contabili; iscritti nell elenco dei revisori contabili; iscritti al ruolo dei periti e degli esperti tenuto presso le camere di commercio ai sensi dell art. 32, RD 2011/1934 (9). Costo della perizia Terreni. Il costo della perizia può essere sommato al valore di stima del terreno da assumere per il calcolo della plusvalenza. Il compenso pagato al professionista concorre, quindi, a ridurre la plusvalenza derivante dalla cessione del terreno. 4

5 Sia il valore riportato in perizia sia il costo stesso della perizia possono essere rivalutati con gli indici Istat se la cessione del terreno (edificabile ma non lottizzato) avviene a distanza di tempo rispetto a alla data di effettuazione della perizia (9). Partecipazioni. Se la perizia, che deve riguardare ovviamente l intero patrimonio netto della società, è predisposta per conto del possessore della partecipazione, il costo della perizia può essere sommato al nuovo valore stimato della partecipazione nella misura in cui tale costo è stato effettivamente sostenuto dal possessore della partecipazione. Il compenso pagato al professionista concorre, quindi, a ridurre il capital gain derivante dalla cessione della partecipazione. Se invece la perizia è commissionata dalla società partecipata, il costo della perizia è deducibile dal reddito d impresa in cinque quote costanti a partire dall esercizio in cui l onere è stato sostenuto (10). Termine di redazione e giuramento La perizia deve essere redatta e asseverata con giuramento entro il 31 ottobre Partecipazioni. Se il contribuente, ai fini della tassazione del capital gain, ha optato per il regime della dichiarazione la perizia può essere anche successiva alla cessione (11): in tal caso, infatti, il contribuente utilizzerà il nuovo valore di stima della partecipazione solo quando compilerà l Unico Se invece il contribuente ha optato per il regime del risparmio amministrato o del risparmio gestito, la perizia deve necessariamente precedere la cessione: in tal caso, infatti, il contribuente, per far valere la rivalutazione, dovrà presentare all intermediario copia della relazione di stima che dovrà essere pertanto redatta anteriormente alla realizzazione del capital gain (12). Terreni. La perizia dovrà essere redatta in ogni caso prima della cessione del terreno (13). IMPOSTA SOSTITUTIVA Per poter beneficiare della rivalutazione, il contribuente è tenuto a versare, entro il 31 ottobre 2010, un imposta sostitutiva calcolata sul valore di perizia, con aliquota del 4% per i terreni e per le partecipazioni qualificate e con aliquota del 2% per le partecipazioni non qualificate. Imposta sostitutiva Imposta sostitutiva per la rivalutazione di terreni = Imposta sostitutiva per la rivalutazione di partecipazioni qualificate = 4% x valore di perizia 4% x valore di perizia Imposta sostitutiva per la rivalutazione di partecipazioni non qualificate = 2% x valore di perizia MODALITÀ E TERMINI DI VERSAMENTO DELL IMPOSTA SOSTITUTIVA L imposta sostitutiva deve essere versata con modello F24 con possibilità di compensare l importo dovuto a titolo d imposta, in tutto o in parte, con crediti fiscali e contributivi. Il contribuente utilizzerà il codice tributo 8055 per la rivalutazione delle partecipazioni e il codice 8056 per la rivalutazione dei terreni: si segnala, però, che tali codici, valevoli per la 5

6 passata edizione della rivalutazione, non sono stati ancora confermati dall Agenzia delle Entrate per le rivalutazioni del Il contribuente indicherà nel mod. F24 il 2010 come anno di riferimento (l anno di possesso del bene rivalutato). Il versamento può essere effettuato: in unica soluzione entro il 31 ottobre 2010 oppure in tre rate annuali di pari importo: la prima rata entro il 31 ottobre 2010 la seconda rata entro il 31 ottobre 2011 con interessi del 3% la terza rata entro il 31 ottobre 2012 con interessi del 3% La rivalutazione si considera perfezionata con il versamento dell intero importo dell imposta sostitutiva o della prima rata (14). Il mancato versamento delle rate successive alla prima non pregiudica la validità della rivalutazione ma comporta l iscrizione a ruolo degli importi non versati. L omesso versamento delle rate successive alla prima può comunque essere regolarizzato con ravvedimento operoso (15). MODELLO UNICO Il contribuente dovrà riportare i dati relativi alla rivalutazione nel modello Unico PF 2011, indicando: nel quadro RT, i dati riguardanti la rivalutazione di partecipazioni; nel quadro RM, i dati riguardanti la rivalutazione di terreni. PRECEDENTI RIVALUTAZIONI Le partecipazioni e i terreni già rivalutati in passato in occasione delle precedenti edizioni dell agevolazione possono essere oggetto di una nuova rivalutazione. Sarà però necessario redigere una nuova perizia estimativa e versare l imposta calcolata sul nuovo valore del bene (14) (16) (17). Il contribuente non potrà scomputare dalla nuova imposta gli importi già versati per precedenti rivalutazioni, né tantomeno recuperare tali importi mediante compensazione con altri tributi: potrà unicamente chiederli a rimborso (18). Secondo l orientamento interpretativo dell amministrazione finanziaria (19), non condiviso dalla giurisprudenza, il rimborso deve essere richiesto entro 48 mesi dal versamento originario. MARGINI DI CONVENIENZA - RIVALUTAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI Nel presente paragrafo verifichiamo in quali circostanze il contribuente, che intende vendere una partecipazione, ha la convenienza ad effettuare la rivalutazione. Prenderemo in considerazione la cessione di partecipazioni non qualificate e la cessione di partecipazioni qualificate. 6

7 A) Partecipazioni non qualificate Riportiamo di seguito le modalità di tassazione della plusvalenza derivante dalla cessione di una partecipazione non qualificata (20) in due diverse ipotesi: 1) il contribuente decide di non rivalutare la partecipazione; 2) il contribuente decide di rivalutare la partecipazione. Cessione di partecipazione non qualificata Regimi fiscali alternativi Tassazione in assenza di rivalutazione: 12,5% x (prezzo di vendita costo storico) Tassazione in presenza di rivalutazione: 12,5% x (prezzo di vendita valore di perizia) + imposta sostitutiva = 2% x valore di perizia Se il contribuente vende la partecipazione a un prezzo pari al valore di perizia, la modalità di tassazione più conveniente dovrà essere identificata tra le seguenti: Tassazione in assenza di rivalutazione: 12,5% x (valore di perizia costo storico) plusvalenza Tassazione in presenza di rivalutazione: imposta sostitutiva = 2% x valore di perizia Dato il costo storico, la scelta della tassazione più conveniente dipenderà dalla grandezza assunta dal valore di perizia e quindi dall importo della plusvalenza. Il valore di perizia che rende i due regimi fiscali equivalenti è quello che si trova, dato il costo storico, risolvendo la condizione di equilibrio di seguito riportata. Cessione di partecipazione non qualificata Condizione di equilibrio tra i regimi fiscali alternativi 12,5% x (valore di perizia costo storico) = 2% x valore di perizia valore di perizia = 1,19 x costo storico 7

8 Sottraendo da entrambi i membri dell equazione di equilibrio il costo storico, troviamo il valore della plusvalenza che rende i due regimi fiscali equivalenti: (valore di perizia costo storico) = 1,19 x costo storico costo storico plusvalenza = (1,19-1) x costo storico = 19% x costo storico Quindi possiamo concludere che la scelta del regime fiscale più conveniente dipenderà dalla grandezza della plusvalenza rispetto al costo storico: se plusvalenza = 19% del costo storico, i due regimi fiscali sono equivalenti se plusvalenza > 19% del costo storico, conviene rivalutare se plusvalenza < 19% del costo storico, conviene non rivalutare B) Partecipazioni qualificate Riportiamo di seguito le modalità di tassazione della plusvalenza derivante dalla cessione di una partecipazione qualificata (21) in due diverse ipotesi: 1) il contribuente decide di non rivalutare la partecipazione; 2) il contribuente decide di rivalutare la partecipazione. Cessione di partecipazione qualificata Regimi fiscali alternativi Tassazione in assenza di rivalutazione: aliquota marginale Irpef x 49,72% x (prezzo di vendita costo storico) Tassazione in presenza rivalutazione: aliquota marginale Irpef x 49,72% x (prezzo di vendita valore di perizia) + imposta sostitutiva = 4% x valore di perizia Se il contribuente vende la partecipazione a un prezzo pari al valore di perizia, la modalità di tassazione più conveniente dovrà essere identificata tra le seguenti: 8

9 Tassazione in assenza rivalutazione*: aliquota marginale Irpef x 49,72% x (valore di perizia costo storico) (*) non sono considerate le addizionali comunale e regionale plusvalenza Tassazione in presenza di rivalutazione: imposta sostitutiva = 4% x valore di perizia Dato il costo storico, la scelta del regime fiscale più conveniente dipenderà dalla grandezza assunta dal valore di perizia e quindi dall importo della plusvalenza. Il valore di perizia che rende i due regimi fiscali equivalenti è quello che si ricava, noti il costo storico e l aliquota marginale, risolvendo la condizione di equilibrio di seguito riportata. Cessione di partecipazione qualificata Condizione di equilibrio tra i regimi fiscali alternativi aliquota marginale Irpef x 49,72% x (valore di perizia costo storico) = 4% x valore di perizia Supponendo un aliquota marginale Irpef del 43%, la precedente condizione di equivalenza sarà: 43% x 49,72% x (valore di perizia costo storico) = 4% x valore di perizia valore di perizia = 1,23 x costo storico Sottraendo da entrambi i membri dell equazione il costo storico, troviamo il valore della plusvalenza che rende i due regimi fiscali equivalenti: (valore di perizia costo storico) = 1,23 x costo storico costo storico plusvalenza = (1,23-1) x costo storico = 23% x costo storico Quindi possiamo concludere che la scelta del regime fiscale più conveniente dipenderà dalla grandezza della plusvalenza rispetto al costo storico: 9

10 se plusvalenza = 23% del costo storico, i due regimi fiscali sono equivalenti se plusvalenza > 23% del costo storico, conviene rivalutare se plusvalenza < 23% del costo storico, conviene non rivalutare Analogamente a quanto fatto per l aliquota marginale del 43%, si possono calcolare le soglie di indifferenza relative alle altre aliquote marginali Irpef. La tabella seguente evidenzia, distinguendo tra partecipazioni non qualificate e partecipazioni qualificate e, nell ambito di quest ultime, in funzione delle diverse aliquote marginali Irpef, le soglie di indifferenza in corrispondenza delle quali il regime della rivalutazione è equivalente al regime di imposizione ordinaria: al di sopra di tali soglie la rivalutazione risulta fiscalmente vantaggiosa. Condizioni di equivalenza tra regime fiscale senza rivalutazione e regime fiscale con rivalutazione Tassazione personale Valore di perizia che rende la rivalutazione indifferente Plusvalenza che rende la rivalutazione indifferente* Partecipazioni non qualificate 12,5% 1,19 x costo storico 19% x costo storico 23% 1,54 x costo storico 54% x costo storico 27% 1,42 x costo storico 42% x costo storico Partecipazioni qualificate 38% 1,27 x costo storico 27% x costo storico 41% 1,24 x costo storico 24% x costo storico 43% 1,23 x costo storico 23% x costo storico * se la plusvalenza è maggiore del valore soglia conviene rivalutare, se è inferiore conviene non rivalutare MARGINI DI CONVENIENZA RIVALUTAZIONE DEI TERRENI Nel presente paragrafo verifichiamo in quali circostanze il contribuente, che intende cedere un terreno, ha la convenienza ad effettuare la rivalutazione. Prenderemo in considerazione le tre diverse tipologie di terreni rivalutabili: terreni non edificabili, terreni lottizzati e terreni edificabili. A) Terreno non edificabile Le plusvalenze derivanti dalla cessione di terreni non edificabili possono essere sottoposte a un imposta sostitutiva del 20% (22). Nel caso di vendita di terreno non edificabile, i regimi di tassazione, in assenza e in presenza di rivalutazione, saranno quindi i seguenti: Cessione di terreno non edificabile Regimi fiscali alternativi Tassazione in assenza di rivalutazione: Tassazione in presenza di rivalutazione: 20% x (prezzo di vendita costo storico) 20% x (prezzo di vendita valore di perizia) + imposta sostitutiva = 4% x valore di perizia 10

11 Se il contribuente vende il terreno a un prezzo pari al valore di perizia, la modalità di tassazione più conveniente dovrà essere identificata tra le seguenti: Tassazione in assenza di rivalutazione: 20% x (valore di perizia costo storico) plusvalenza Tassazione con rivalutazione: imposta sostitutiva = 4% x valore di perizia Dato il costo storico, la scelta della tassazione più conveniente dipenderà dalla grandezza assunta dal valore di perizia e quindi dalla grandezza della plusvalenza. Il valore di perizia che rende i due regimi fiscali equivalenti è quello che si trova, dato il costo storico, risolvendo la condizione di equilibrio di seguito riportata: Cessione di terreno non edificabile Condizione di equilibrio tra i regimi fiscali alternativi 20% x (valore di perizia costo storico) = 4% x valore di perizia valore di perizia = 1,25 x costo storico Sottraendo da entrambi i membri dell equazione il costo storico, troviamo il valore della plusvalenza che rende i due regimi equivalenti: (valore di perizia costo storico) = 1,25 x costo storico costo storico plusvalenza = (1,25-1) x costo storico = 25% x costo storico Quindi possiamo concludere che la scelta del regime fiscale più conveniente dipenderà dalla grandezza della plusvalenza rispetto al costo storico: se plusvalenza = 25% del costo storico, i due regimi fiscali sono equivalenti se plusvalenza > 25% del costo storico, conviene rivalutare se plusvalenza < 25% del costo storico, conviene non rivalutare B) Terreno lottizzato La plusvalenza derivante dalla cessione di terreno lottizzato è tassata in modo ordinario con le aliquote progressive Irpef. Nel caso di vendita di terreno lottizzato, i regimi di tassazione, in assenza e in presenza di rivalutazione, saranno quindi i seguenti: Cessione di terreno lottizzato Regimi fiscali alternativi Tassazione in assenza di rivalutazione: aliquota marginale Irpef x (prezzo di vendita costo storico) Tassazione in presenza di rivalutazione: aliquota marginale Irpef x (prezzo di vendita valore di perizia) + imposta sostitutiva = 4% x valore di perizia 11

12 Se il contribuente vende il terreno a un prezzo pari al valore di perizia, la modalità di tassazione più conveniente dovrà essere identificata tra le seguenti: Tassazione in assenza rivalutazione*: * non sono considerate le addizionali comunale e regionale aliquota marginale Irpef x (valore di perizia costo storico) plusvalenza Tassazione in presenza di rivalutazione: imposta sostitutiva = 4% x valore di perizia Dato il costo storico, la scelta del regime fiscale più conveniente dipenderà dalla grandezza assunta dal valore di perizia e quindi dall importo della plusvalenza. Il valore di perizia che rende i due regimi fiscali equivalenti è quello che si ricava, noti il costo storico e l aliquota marginale Irpef, risolvendo la condizione di equilibrio di seguito riportata. Cessione di terreno lottizzato Condizione di equilibrio tra i regimi fiscali alternativi aliquota marginale Irpef x (valore di perizia costo storico) = 4% x valore di perizia Supponendo un aliquota marginale Irpef del 43%, la precedente condizione di equivalenza sarà: 43% x (valore di perizia costo storico) = 4% x valore di perizia valore di perizia = 1,10 x costo storico Sottraendo da entrambi i membri dell equazione il costo storico, troviamo il valore della plusvalenza che rende i due regimi fiscali equivalenti: (valore di perizia costo storico) = 1,10 x costo storico costo storico plusvalenza = (1,10-1) x costo storico = 10% x costo storico Quindi possiamo concludere che la scelta del regime fiscale più conveniente dipenderà dalla grandezza della plusvalenza rispetto al costo storico: se plusvalenza = 10% del costo storico, i due regimi sono equivalenti se plusvalenza > 10% del costo storico, il regime della rivalutazione è più conveniente se plusvalenza < 10% del costo storico, il regime in assenza di rivalutazione è più conveniente Analogamente a quanto fatto per un aliquota marginale del 43%, possiamo calcolare le soglie di indifferenza relative alle altre aliquote marginali. La tabella seguente evidenzia, per le diverse aliquote marginali Irpef, le soglie di indifferenza in corrispondenza delle quali il regime della rivalutazione è equivalente al regime di imposizione ordinaria: al di sopra di tali soglie la rivalutazione risulta fiscalmente vantaggiosa. 12

13 Cessione terreno lottizzato - Condizioni di equivalenza tra regime fiscale senza rivalutazione e regime fiscale con rivalutazione Tassazione personale Valore stimato che rende la rivalutazione indifferente Plusvalenza che rende la rivalutazione indifferente* 23% 1,21 x costo storico 21% x costo storico 27% 1,17 x costo storico 17% x costo storico 38% 1,12 x costo storico 12% x costo storico 41% 1,11 x costo storico 11% x costo storico 43% 1,10 x costo storico 10% x costo storico * se la plusvalenza è maggiore del valore soglia conviene rivalutare, se è inferiore conviene non rivalutare C) Terreno edificabile In caso di cessione di terreno edificabile il regime fiscale ordinario è la tassazione separata (23): alla plusvalenza si applica l aliquota corrispondente alla metà del reddito complessivo netto del biennio anteriore all anno di cessione (24). Nel caso di vendita di terreno edificabile, i regimi di tassazione, in assenza e in presenza di rivalutazione, saranno quindi i seguenti: Cessione di terreno edificabile Regimi fiscali alternativi Tassazione in assenza di rivalutazione: aliquota tassazione separata x (prezzo di vendita costo storico) Tassazione in presenza di rivalutazione: aliquota tassazione separata x (prezzo di vendita valore di perizia) + imposta sostitutiva = 4% x valore di perizia Se il contribuente vende il terreno a un prezzo pari al valore di perizia, la modalità di tassazione più conveniente dovrà essere identificata tra le seguenti: Tassazione in assenza di rivalutazione: aliquota tassazione separata x (valore di perizia costo storico) plusvalenza Tassazione in presenza di rivalutazione: imposta sostitutiva = 4% x valore di perizia Dato il costo storico, la scelta della tassazione più conveniente dipenderà dalla grandezza assunta dal valore di perizia e quindi dall importo della plusvalenza. Il valore di perizia che rende i due regimi fiscali equivalenti è quello che si trova, dato il costo storico, risolvendo la condizione di equilibrio di seguito riportata. Cessione di terreno edificabile Condizione di equilibrio tra i regimi fiscali alternativi Aliquota tassazione separata x (valore di perizia costo storico) = 4% x valore di perizia Supponendo che l aliquota di tassazione separata sia pari al 20% (calcolata sulla metà del reddito complessivo del biennio anteriore all anno di cessione), la precedente condizione di equilibrio sarà: 20% x (valore di perizia costo storico) = 4% x valore di perizia valore di perizia = 1,25 x costo storico 13

14 Sottraendo da entrambi i membri dell equazione il costo storico, troviamo il valore della plusvalenza che rende i due regimi equivalenti: (valore di perizia costo storico) = 1,25 x costo storico costo storico plusvalenza = (1,25-1) x costo storico = 25% x costo storico Quindi possiamo concludere che la scelta del regime fiscale più conveniente dipenderà dalla grandezza della plusvalenza rispetto al costo storico: se plusvalenza = 25% del costo storico, i due regimi fiscali sono equivalenti se plusvalenza > 25% del costo storico, conviene rivalutare se plusvalenza < 25% del costo storico, conviene non rivalutare CASI PARTICOLARI Terreni posseduti in comunione I terreni posseduti in regime di comunione pro indiviso possono essere oggetto di rivalutazione parziale nel caso cui solo alcuni dei comproprietari intendano avvalersi della facoltà di rideterminare il costo d acquisto. È necessario comunque rideterminare, mediante la perizia di stima, il valore dell intero bene per poi poter assoggettare all imposta sostitutiva del 4% la parte del valore di perizia corrispondente alla quota oggetto di rivalutazione. Si segnala che il valore rideterminato costituisce il valore normale minimo di riferimento anche ai fini delle imposte di registro, ipotecarie e catastali per cui, se negli atti di trasferimento vengono indicati valori inferiori a quelli rivalutati, si rendono applicabili le regole ordinarie di determinazione delle plusvalenze senza tener conto del valore rideterminato (9). Terreni gravati da usufrutto Anche i terreni gravati da usufrutto possono essere rivalutati. In particolare il nudo proprietario può rivalutare il valore del suo diritto reale, pari alla differenza tra il valore della proprietà piena e il valore dell usufrutto. Analogamente anche l usufruttuario può procedere alla rivalutazione del suo diritto. Il valore dell usufrutto verrà determinato dalla perizia di stima secondo le disposizioni contenute nell art. 48 del D.P.R. 131/86 (9). Terreni edificabili ricevuti per effetto di successione o donazione Se il contribuente vende un terreno edificabile ricevuto in eredità o donazione, precedentemente affrancato dal de cuius o dal donante, può calcolare la plusvalenza considerando come prezzo iniziale del terreno il valore risultante dai relativi atti dichiarativi (dichiarazione di successione per eredità, atto pubblico sottoposto a registrazione ecc.) (9). Terreno oggetto di esproprio È possibile rivalutare anche i terreni oggetto di provvedimenti di espropriazione. Il contribuente espropriato può scegliere tra due regimi di tassazione dell indennità di esproprio (25): ritenuta del 20%, a titolo d imposta, applicata all indennità di esproprio; 14

15 tassazione ordinaria della plusvalenza da esproprio, con applicazione della ritenuta del 20% a titolo d acconto. Se il contribuente intende optare per la tassazione ordinaria, per calcolare la plusvalenza da esproprio può assumere come costo iniziale del terreno il valore di perizia. Terreno in parte edificabile in parte agricolo Se una particella di terreno risulta in parte edificabile e in parte agricola, è possibile circoscrivere la rivalutazione alla sola parte edificabile. A tal fine non è necessario il frazionamento della particella, ma è sufficiente richiamare nella perizia di stima lo strumento urbanistico, per esempio il Piano Regolatore, che individua la porzione dell area edificabile (9). Recesso del socio La somma ricevuta dal socio in caso di recesso tipico, ossia mediante annullamento delle azioni o quote, costituisce utile per la parte che eccede il prezzo pagato per l acquisto delle azioni o delle quote annullate (art. 47, comma 7, Tuir): tale somma costituisce reddito di capitale e non reddito diverso pertanto in tal caso non è possibile utilizzare il valore rivalutato per il calcolo della plusvalenza. Se però il recesso è atipico, e avviene quindi mediante cessione delle quote agli altri soci o a un terzo concordemente individuato dai soci, si produrrà reddito diverso e pertanto si potrà utilizzare il valore di perizia per il calcolo della plusvalenza (16) (26). Rivalutazione parziale di una partecipazione qualificata La rivalutazione può essere anche parziale e riguardare solo una frazione della partecipazione (10). Se il contribuente ha una partecipazione qualificata e rivaluta solo una parte della partecipazione è tenuto comunque ad applicare l aliquota del 4% prevista per la partecipazioni qualificate per ovvi motivi antielusivi. Esempio: Partecipazione qualificata = 30% del capitale Frazione rivalutata (non qualificata) = 15% del capitale Imposta sostitutiva = 4% x valore di perizia relativo al 15% del capitale Partecipazione ricevuta in donazione Il contribuente potrebbe ricevere in donazione una partecipazione che era qualificata in capo al donante ma che poi, in seguito al frazionamento tra i diversi beneficiari della donazione, diviene non qualificata. Il donatario, nel caso in cui ceda la propria partecipazione nei 5 anni successivi all atto di liberalità, dovrà comunque corrispondere l imposta nella misura del 4% anziché del 2% in quanto possessore di una partecipazione considerata virtualmente qualificata per ovvi motivi antielusivi (14) (27). 15

16 Partecipazioni ammesse alla quotazione successivamente al 1 gennaio 2010 Possono avvalersi della rivalutazione i soggetti che, al 1 gennaio 2010, posseggono partecipazioni non quotate anche se, successivamente a tale data, sia stata deliberata l ammissione alla quotazione (10). Infatti affinché un titolo possa essere considerato negoziato in un mercato regolamentato è necessario che le azioni siano effettivamente negoziate non essendo sufficiente che la società abbia fatto richiesta di quotazione (28) Partecipazioni la cui quotazione è stata revocata o sospesa prima del 1 gennaio 2010 Possono avvalersi della rivalutazione i soggetti che, al 1 gennaio 2010, posseggono partecipazioni la cui quotazione sia stata revocata prima dell Al contrario, la sospensione della quotazione prima dell esclude la possibilità della rivalutazione, in quanto la sospensione, a differenza della revoca, è una misura temporanea (10). Rivalutazione effettuata dal nudo proprietario Estinzione dell usufrutto Se la rivalutazione è effettuata dal solo nudo proprietario e se l usufrutto si estingue prima della cessione del bene, il nudo proprietario diventa titolare della piena proprietà. Per effetto del principio di riespansione del diritto di proprietà, il valore originariamente affrancato dal nudo proprietario non potrà essere maggiorato del valore dell usufrutto (29). Rivalutazione effettuata sia dal nudo proprietario sia dall usufruttuario Estinzione dell usufrutto Se la rivalutazione è effettuata sia dal nudo proprietario sia dall usufruttuario e se l usufrutto si estingue, il nudo proprietario non potrà sommare al proprio valore affrancato quello rideterminato a sua volta dall usufruttario (29). Note 1. L n. 191, art. 2, commi 229 e D.L n. 282, art. 2, comma L n. 448, artt. 5 e D.P.R n. 917, art D.P.R n. 917, art C.M , n. 55/E. 7. R.M , n. 319/E. 8. D.L , n. 223, art. 36, comma C.M n. 6/E 10. C.M n. 12/E. 11. C.M n. 47/E. 12. C.M n. 81/E. 13. C.M n. 15/E. 14. C.M , n. 35/E. 15. D.Lgs n. 472, art C.M n. 16/E. 17. C.M n. 27/E. 18. (D.P.R n. 602, art R.M , n

17 20. D.Lgs n. 461, art. 5, comma D.P.R n. 917, art L n. 266, art. 1, comma D.P.R n. 917, art. 17, comma 1, lett. g-bis. 24. D.P.R n. 917, art. 21, comma D.P.R n. 327, art C.M n. 26/E. 27. L n. 383, art. 16, comma C.M , n C.M , n. 12/E. 17

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su:

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su: Pag. 5030 n. 43/98 21/11/1998 I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell su: regolarizzazione degli omessi o insufficienti versamenti relativi al primo acconto modifiche recate dal decreto legislativo

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10 genzia ntrate UNICO Enti non commerciali ed equiparati 2014 Dichiarazione degli enti non commerciali residenti e delle società ed enti non residenti equiparati soggetti all Ires - Periodo d imposta 2013

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 11 agosto 2015

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 11 agosto 2015 CIRCOLARE N. 30/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 agosto 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO COME COMPILARE IL MODELLO UNICO E PAGARE LE IMPOSTE INDICE 1. I NON RESIDENTI 2 Chi sono i non residenti 2 Il domicilio fiscale in Italia dei non residenti

Dettagli

Modello 770 SEMPLIFICATO 2015

Modello 770 SEMPLIFICATO 2015 genzia ntrate 770 Modello 770 SEMPLIFICATO 2015 Redditi 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA PER L ANNO 2014 DATI RELATIVI A CERTIFICAZIONI COMPENSI ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA Gli aggiornamenti più recenti agevolazioni prima casa e utilizzo del credito d imposta detrazione interessi passivi sui mutui per l acquisto dell abitazione principale acquisto di fabbricati ristrutturati

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

CAPITOLO VII L AGEVOLAZIONE PRIMA CASA NEI TRASFERIMENTI PER DONAZIONE E SUCCESSIONE A CAUSA DI MORTE

CAPITOLO VII L AGEVOLAZIONE PRIMA CASA NEI TRASFERIMENTI PER DONAZIONE E SUCCESSIONE A CAUSA DI MORTE CAPITOLO VII L AGEVOLAZIONE PRIMA CASA NEI TRASFERIMENTI PER DONAZIONE E SUCCESSIONE A CAUSA DI MORTE SOMMARIO: 7.1. Premessa - 7.2. Gli effetti dell agevolazione - 7.3. L oggetto dell agevolazione - 7.4.

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO - Aspetti civilistici dell istituto introdotto, per i dipendenti del comparto privato, nel 1982; - Le circostanze

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca è una novità di quest anno. Osserviamola più da vicino e scopriamo in cosa consiste. Partiamo dal principio Le regole generali E per

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Il presente Fascicolo Informativo contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

Quadro RW e obblighi dichiarativi ai fini IVIE e IVAFE

Quadro RW e obblighi dichiarativi ai fini IVIE e IVAFE Circolare Monografica 12 giugno 2014 n. 1990 DICHIARAZIONI Quadro RW e obblighi dichiarativi ai fini IVIE e IVAFE Soggetti obbligati, modalità di compilazione e di calcolo ed esemplificazioni di Armando

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Roma, 28 aprile 2015

Roma, 28 aprile 2015 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti RISOLUZIONE N. 42/E Roma, 28 aprile 2015 Oggetto: Estensione alla modalità di versamento F24 Enti pubblici dei codici tributo utilizzati con il modello F24 per

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli