PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE - OGGETTO-

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE - OGGETTO-"

Transcript

1 DIREZIONE CENTRALE POLITICHE SOCIALI E CULTURA DELLA SALUTE SETTORE SERVIZI PER ANZIANI E RESIDENZIALITA DIREZIONE CENTRALE POLITICHE DEL LAVORO, SVILUPPO ECONOMICO E UNIVERSITA SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE - OGGETTO- Indirizzi per la sperimentazione di azioni di crowdfunding dedicate alla promozione di progetti innovativi ad impatto sociale, alla promozione delle reti sociali, dell'aggregazione sociale e della città accessibile anche in relazione ai bisogni delle persone con disabilità, degli anziani, delle famiglie, spesa prevista ,00 e indirizzi per l individuazione dei progetti co-finanziati per il periodo dicembre luglio 2016, spesa prevista ,00. Spesa complessiva ,00 Immediatamente Eseguibile SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA IL DIRETTORE DI SETTORE Renato Galliano SETTORE SERVIZI PER ANZIANI E RESIDENZIALITA IL DIRETTORE DI SETTORE Giuseppe Salvato DC POLITICHE DEL LAVORO, SVILUPPO ECONOMICO E UNIVERSITA IL DIRETTORE CENTRALE Walter Cavalieri DC POLITICHE SOCIALI E CULTURA DELLA SALUTE IL DIRETTORE CENTRALE Claudio M. Minoia ASSESSORE POLITICHE SOCIALI E CULTURA DELLA SALUTE Pierfrancesco Majorino POLITICHE PER IL LAVORO, SVILUPPO ECONOMICO, UNIVERSITA E RICERCA L ASSESSORE Cristina Tajani Pagina 1

2 LA GIUNTA COMUNALE Premesso che La comunità scientifica internazionale concorda nell affermare che la città ha un ruolo sempre di maggiore rilevanza nel contesto globale, sotto il profilo sociale, economico e politico, giungendo alla nota definizione del nostro secolo come secolo delle città o secolo urbano ; Fra le ipotesi di evoluzione dell organismo urbano, il modello della smart city costituisce un valido modello di sviluppo per sostenere le sfide più impegnative del ventunesimo secolo, con riferimento non solo agli aspetti ambientali ed energetici, ma anche alle problematiche economiche e sociali; Con delibera di Giunta n del 23/05/2014, avente per oggetto Approvazione del documento: Linee di indirizzo per Milano Smart City, il Comune di Milano si è dotato di un documento strategico sulla base del quale perseguire gli obiettivi dell innovazione dei processi, della coesione e inclusione sociale, di un maggiore rispetto per l ambiente, di una gestione più responsabile delle risorse energetiche, in conclusione un miglioramento della qualità della vita per gli abitanti e gli utenti della città; Fra le sette linee di intervento individuate nel suddetto documento emergono i temi dell inclusione sociale, del benessere in città, della semplificazione per la Pubblica Amministrazione e della generazione d impresa; Tali temi evidenziano inequivocabilmente la forte attenzione per la componente sociale del processo evolutivo sotteso dal documento strategico Linee di indirizzo per Milano Smart City ; Il Piano di sviluppo del Welfare della Città di Milano , approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 37 del PG /2012, prevede lo sviluppo di politiche sociali innovative che offrano risposte diversificate e coerenti con i bisogni espressi dai cittadini; Il Piano pone l accento sulla necessità che la Pubblica Amministrazione promuova e sostenga lo sviluppo sociale in modo da tutelare i diritti e l inclusione delle persone. Sostenere lo sviluppo sociale significa procedere alla costruzione di una società collaborativa ad alto capitale sociale, ricca di reti sociali, per costituire una comunità dove i servizi di welfare sono potenzialmente più efficaci, più inclusivi e quindi anche più efficienti. Il principio che pervade il Piano è, quindi, quello della mobilitazione corale della Città, non solo dell Amministrazione Comunale, nell ottica del dovere di solidarietà e del diritto/dovere di ciascun cittadino, singolo e associato, a partecipare allo sviluppo della comunità/città. In tale quadro si inserisce quindi il sostegno e la promozione di iniziative realizzate dal privato sociale, dal Terzo Settore e dalle Imprese per realizzare, in modo partecipato e condiviso, lo sviluppo di una rete appropriata di servizi. In particolare, tra le diverse Azioni contemplate dal Piano, l Azione n. 46 prevede la progettazione di una piattaforma che rafforzi la connessione tra pubblico, privato sociale e imprese per favorire il procacciamento delle risorse e il finanziamento delle iniziative sociali. Pagina 2

3 Considerato che Il crowdfunding (dall'inglese crowd, folla e funding, finanziamento) o finanziamento collettivo in italiano, è un processo collaborativo di un gruppo di soggetti che utilizza il proprio denaro in comune per sostenere gli sforzi di persone e organizzazioni. È una pratica di micro-finanziamento dal basso che mobilita persone e risorse spesso attraverso l utilizzo di azioni via web; La modalità di finanziamento di progetti sociali attraverso il crowdfunding è considerata altamente innovativa e promettente dati i risultati positivi riscontrati da altre amministrazioni municipali sia italiane che estere, come Bologna e Amsterdam, che hanno dato avvio a sperimentazioni analoghe, riuscendo a mobilitare risorse dei cittadini intorno a progetti di interesse civico, non solo in senso economico, ma anche e soprattutto in senso partecipativo; La realizzazione di una campagna di raccolta fondi, mediante apposite azioni, per la promozione di iniziative di innovazione sociale che l Amministrazione Comunale non può sostenere finanziariamente ed interamente, ma che ritiene di fondamentale importanza e comunque coerenti con le politiche indicate nel Piano di Sviluppo del Welfare e nelle Linee di indirizzo per Milano Smart City può rappresentare una declinazione coerente con il contesto milanese; Con la deliberazione di Giunta Comunale n del 23/05/2014, avente per oggetto Approvazione del documento: Linee di indirizzo per Milano Smart City, l area dell innovazione sociale è stata individuata tra le aree d intervento in cui ricadono i progetti più significativi per diventare progetti flagship su cui focalizzare l impegno dell Amministrazione con un orizzonte temporale triennale per il progetto smart city; Attualmente il Comune di Milano sostiene già un progetto destinato a promuovere la nascita e la crescita di progetti imprenditoriali aventi impatto sociale (incubatore d imprese FabriQ presso il quartiere di Quarto Oggiaro e relativi bandi di finanziamento); L utilizzo delle tecnologie informatiche può risultare decisivo al fine di dare efficacia ai progetti destinati ad avere un impatto sociale. Gli interventi riferiti a questa azione sperimentale si dovranno riferire in maniera diretta alla nuova progettazione del portale del Comune di Milano e dovranno prevedere un coinvolgimento della DC Siad competente in materia; La compresenza, all interno di un progetto, delle tecnologie avanzate (in particolare ICT) e dell innovazione sociale caratterizza in maniera univoca le iniziative legate alla smart city ; Inoltre con deliberazione di Giunta Comunale n.1068 del 23/05/2014 il Comune di Milano è stato autorizzato alla presentazione, in qualità di capofila, dell idea progettuale Welfare di tutti in risposta al Bando della Fondazione Cariplo Welfare in azione welfare di comunità e innovazione sociale finalizzato a promuovere un rinnovamento del welfare locale. La proposta presentata il 30/05/2014 per la prima fase del bando (Call for ideas) è risultata tra le 20 ammesse alla seconda fase del Bando stesso, pertanto il 28/11/2014, è stato presentato lo studio di fattibilità del progetto triennale. La proposta Welfare di tutti è finalizzata a promuovere, nel territorio della città di Milano, e in particolare in zona 5 e in zona 8, processi e azioni di innovazione e riorganizzazione dei servizi di cura domiciliare Pagina 3

4 attraverso la ricomposizione delle risorse, l aggregazione della domanda e la valorizzazione del capitale sociale diffuso nella collettività, in linea con il percorso condiviso con istituzioni pubbliche e private, sindacati e Terzo Settore nel processo di costruzione del Piano di Sviluppo del Welfare e dei tre Forum delle Politiche Sociali. L idea proposta in risposta al Bando della Fondazione Cariplo prevede inoltre, all interno delle strategie di fundraising da attivare per garantire la sostenibilità del progetto, la sperimentazione di forme pilota di crowfunding territoriale, inteso come strumento per promuovere condivisione, collaborazione, partecipazione, aggregazione e attivazione di risorse intorno a progetti coerenti con gli obiettivi del bando. Rilevato che La sperimentazione che si propone con il presente provvedimento risulta particolarmente innovativa poiché, da un lato, attraverso una logica di crowdfunding, è possibile avviare un processo collaborativo per condividere e sostenere gli sforzi di persone ed organizzazioni diverse avviando un processo di finanziamento dal basso e, dall altro, consente di PROMUOVERE idee e progetti che, a vario titolo, intendono generare un impatto sociale e sostenere così le linee strategiche dell Amministrazione. Come evidenziato dalle linee guida per Milano Smart City, una città inclusiva e intelligente può essere realizzata anche attraverso l utilizzo delle nuove tecnologie, capaci di favorire una ricomposizione sociale tra risorse pubbliche e private, valorizzando le community e le reti informali esistenti e promuovendo la cooperazione fra stakeholder diversi; Tale proposta risulta coerente con quanto previsto dalla citata Azione n. 46 del Piano di Sviluppo del Welfare e pertanto si propone l attuazione attraverso i seguenti indirizzi: 1) Individuare, mediante Procedura aperta con aggiudicazione all offerta economicamente più vantaggiosa, un soggetto o un raggruppamento di soggetti diversi che forniscano strumenti tecnici per attivare azioni di crowdfunding, per un periodo di 18 mesi, non soggetta a regolamento CONSOB, per il finanziamento di progetti innovativi ad impatto sociale, con particolare attenzione ai bisogni delle persone con disabilità, degli anziani, delle famiglie, e che, oltre ad attivarsi per la creazione di community specifiche, rappresentino l interfaccia per l Amministrazione rispetto ai soggetti proponenti con una diretta collaborazione con gli uffici preposti per la attività di regolamentazione, pre-selezione, comunicazione, rendicontazione e monitoraggio; l Aggiudicatario avrà l obbligo di dedicare interamente la strumentazione tecnica proposta o una sezione specifica di essa al Comune di Milano per il finanziamento dei progetti sopra citati. 2) i requisiti che ciascun soggetto deve possedere per poter partecipare alla Procedura Aperta, sono: Insussistenza delle condizioni di incapacità a contrarre con la Pubblica Amministrazione; capacità economico- finanziaria; capacità tecnica rilevabile anche da esperienza maturata nella gestione di piattaforme per la raccolta fondi; capacità tecnica rilevabile anche da esperienza nella creazione di community Pagina 4

5 Con successivo provvedimento dirigenziale saranno approvate le modalità ed i criteri di scelta del contraente, gli atti di gara e le condizioni a cui il Servizio sarà aggiudicato. L Amministrazione si riserva la facoltà di procedere all aggiudicazione della gara anche in presenza di una sola offerta valida, purché conveniente per la stessa. 3) Le offerte saranno vagliate dall apposita Commissione Giudicatrice costituita ai sensi del art. 17 del Regolamento per la Disciplina dei Contratti del Comune di Milano La Commissione avrà a disposizione 100 punti, che verranno suddivisi nei seguenti criteri di valutazione: OFFERTA TECNICA: complessivamente max 70 punti, nell ambito della stessa sarà presa in considerazione e valutata anche esperienza nella creazione di community specifiche rivolte a progetti di impatto sociale OFFERTA ECONOMICA: complessivamente max 30 punti; Tale criterio di scelta risulta necessario in relazione alla tipologia della prestazione richiesta per la quale non si può prescindere dalla valutazione degli elementi che compongono l offerta tecnica; La somma stimata per l affidamento del servizio relativo all'utilizzo degli strumenti di crowdfunding, interamente dedicati o con una sezione specifica dedicata al Comune di Milano, per un periodo di 18 mesi, è pari a ,00, la cui congruità è attestata dal dirigente competente nella relazione allegata quale parte integrante al presente provvedimento; 4) procedere alla pubblicazione di un Avviso Pubblico per la presentazione di progetti innovativi di utilità sociale, con particolare attenzione ai bisogni delle persone con disabilità, degli anziani, delle famiglie, rivolto ad imprese (for profit e no-profit), cooperative e imprese sociali e al Terzo Settore; 5) I Soggetti interessati potranno presentare i progetti per le seguenti aree tematiche: Città accessibile e rimozione delle barriere tangibili e intangibili per soggetti con fragilità psicofisiche; Innovazioni tecnologiche per l aumento della connettività, la riduzione del digital divide associate all istallazione di dispositivi nel territorio (per esempio smartlighting); Progetti innovativi per favorire l informazione su mobilità, eventi e attività che favoriscano il miglioramento della qualità della vita e l aggregazione sociale; Innovazione dei servizi per la cura e la conciliazione famiglia-lavoro per promuovere sul territorio (a livello di zona, quartiere, scuola, aziende) la ricomposizione delle risorse, l aggregazione della domanda e la condivisione sociale della cura Valorizzazione e sviluppo delle reti sociali attivabili nella comunità per la realizzazione di servizi e iniziative fondati sulla collaborazione, sulla condivisione e sulla reciprocità 6) la Commissione, nominata dai Direttori delle Politiche Sociali e Cultura della Salute e del Settore Innovazione Economica Smart City e Università, incaricata di selezionare i progetti valuterà i seguenti aspetti: Coerenza strategica del progetto Impatto sociale Innovazione Partnership Esperienze e capacità organizzativa Sostenibilità economica Pagina 5

6 Con successivo provvedimento di approvazione dell Avviso Pubblico tali aspetti saranno meglio dettagliati. 7) attraverso le azioni di crowdfunding fornite a seguito della procedura di cui al punto 1), accessibile anche attraverso il sito dell Amministrazione, sarà possibile accogliere progetti proposti da imprese (for profit e no-profit), cooperative e imprese sociali e Terzo Settore e sarà altresì possibile, per le Organizzazioni promotrici dei progetti selezionati, raccogliere i fondi necessari alla realizzazione dei progetti stessi; 8) trattandosi di un iniziativa sperimentale la stessa avrà una durata di 20 mesi, da dicembre 2014 a luglio 2016, con una verifica intermedia da realizzarsi entro il 30 settembre 2015; 9) I progetti che riceveranno un finanziamento attraverso il crowdfunding di pari almeno alla metà dell importo complessivo previsto potranno beneficiare di un contributo da parte dell Amministrazione per la restante parte non coperta, fino ad un importo massimo di ,00 per progetto, per le sole spese di investimento, fino ad esaurimento delle risorse destinate a tale scopo. L erogazione del contributo avverrà in relazione ai progetti che in ordine cronologico avranno ottenuto il finanziamento attraverso il crowdfunding di almeno la metà dell importo complessivo previsto dal progetto candidato; Dato atto che Il presente provvedimento comporta una spesa pari ,00 così suddivisa: ,00 a carico del Cap Art. 1 n.0 DDN 632 Esercizio ,00 a carico del Cap Art.19 n.0 IVP 1990 Esercizio ,00 a carico del Cap Art.19 n.0 IVP 896 Esercizio 2016 Si propone che il presente provvedimento sia dichiarato immediatamente eseguibile in considerazione della necessità di dare attuazione alle Linee Guida per Milano Smart City e al Piano di Sviluppo del Welfare della Città di Milano mediante la piena realizzazione di azioni di sviluppo di progetti e servizi; Visti: gli artt.48, 49 e 134 comma 4 del D.Lgs. 267/2000; l art. 43 dello Statuto del Comune di Milano; la Legge 328/2000 Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali ; il D.lgs. 163/2006; la deliberazione di Consiglio Comunale n. reg. 35/2011 del 27/6/2011 avente per oggetto Linee programmatiche relative alle azioni ed ai progetti da realizzare nel corso del mandato ; la deliberazione del Consiglio Comunale n. reg. 9/2012 del 12/03/2012 di Approvazione del Piano Generale di Sviluppo 2011/2016 (P.G /2012); la deliberazione di Giunta Comunale n. 41 del 17/1/2014 relativa all approvazione del Piano degli Obiettivi ; la deliberazione del C.C n.24 del 8/9/2014: Approvazione delle modifiche alla proposta di deliberazione di Consiglio Comunale ad oggetto "Documento Unico di Programmazione (DUP) e Bilancio di Previsione Integrazione DUP al periodo di riferimento "; Pagina 6

7 la deliberazione del C.C n.25 del 8/9/2014: Documento Unico di Programmazione (DUP) e Bilancio di Previsione ; la deliberazione del Giunta Comunale n.2055 del 17/10/2014 di approvazione del PEG per l anno 2014; la deliberazione di Consiglio Comunale n. 37 /2012 di approvazione del Piano di Zona della Città di Milano per il periodo 2012/2014; la deliberazione di Giunta Comunale n del 25/05/2012 avente per oggetto linee guida per le politiche per il lavoro, lo sviluppo economico, l università e la ricerca di Milano, la deliberazione di Giunta Comunale n del 23/05/2014, avente per oggetto Approvazione del documento: Linee di indirizzo per Milano Smart City ; la deliberazione di Giunta Comunale n del 21/12 /2012: Linee d indirizzo per il progetto Milano Smart City e consultazioni degli stakeholder al fine di avviare un percorso di strategia condivisa ; la deliberazione di Giunta Comunale n.2572 del 14/12/2012 avente per oggetto autorizzazione all avvio di progetti in ambito di innovazione tecnologica, innovazione sociale e creatività e approvazione della relativa spesa ; la deliberazione di Giunta Comunale n.1068 del 23/05/2014, avente per oggetto autorizzazione alla presentazione della proposta progettuale Welfare di tutti in risposta al Bando della Fondazione Cariplo Welfare in azione welfare di comunità e innovazione sociale ; il parere di regolarità tecnica del Direttore del Settore Servizi per Anziani, espresso ai sensi dell art. 49 del D.Lgs. 267/00,che si allega alla presente deliberazione quale parte integrante; il parere di regolarità tecnica del Direttore del Settore Innovazione Economica, Smart City e Università, espresso ai sensi dell art. 49 del D.Lgs. 267/00, che si allega alla presente deliberazione quale parte integrante; il parere di regolarità contabile del Ragioniere Generale espresso ai sensi dell art. 49 del D.Lgs. 267/00 allegato al presente provvedimento quali parti integranti; il parere di legittimità del Segretario Generale, che si allega alla presente deliberazione quale parte integrante; DELIBERA 1) Di approvare gli indirizzi per la sperimentazione di azioni di crowdfunding dedicate alla promozione di progetti innovativi ad impatto sociale, alla promozione delle reti sociali, dell'aggregazione sociale e della città accessibile, anche in relazione ai bisogni delle persone con disabilità, degli anziani, delle famiglie e indirizzi per l individuazione dei progetti co-finanziati, secondo quanto indicato in premessa per il periodo dicembre luglio 2016; 2) Di approvare, esclusivamente per quei progetti che attraverso il crowdfunding abbiano raccolto almeno la metà dell importo complessivo previsto dagli stessi, la concessione di un contributo determinato nella differenza fra l importo raccolto e quello previsto, fino ad un massimo di ,00, per le sole spese di investimento, per ciascun progetto e fino ad esaurimento delle risorse destinate a tale scopo dalla presente deliberazione; 3) Di assegnare, per la concessione di tali contributi, la spesa complessiva di ,00, che trova copertura al capitolo 9207/1/0 DDN 632/2014 Esercizio 2014; 4) di assegnare per l affidamento del servizio relativo all'utilizzo di una piattaforma di crowdfunding, interamente dedicata o con una sezione specifica dedicata al Comune di Milano, per un periodo di 18 mesi, la spesa complessiva di ,00 così suddivisa ,00 a carico del Cap Art.19 n.0 IVP 1990 Esercizio ,00 a carico del Cap Art.19 n.0 IVP 896 Esercizio 2016 Pagina 7

8 5) Di dare atto che il Direttore del Settore Servizi per Anziani e Residenzialità e il Direttore del Settore Innovazione Economica, Smart City e Università adotteranno tutti gli atti necessari e conseguenti all approvazione del presente provvedimento nel rispetto dei suddetti indirizzi. Pagina 8

Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani

Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani Il Comune di Bologna promuove l impegno di tutti per la cura e la gestione dei beni

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

SMART PEOPLE 31 GENNAIO 2014 h. 17.O0 CASA DEI DIRITTI REPORT DEL TAVOLO

SMART PEOPLE 31 GENNAIO 2014 h. 17.O0 CASA DEI DIRITTI REPORT DEL TAVOLO SMART PEOPLE 31 GENNAIO 2014 h. 17.O0 CASA DEI DIRITTI REPORT DEL TAVOLO L attività del Tavolo PEOPLE si è svolta il giorno 31 gennaio 2014 dalle 17.00 alle 19.30. I lavori sono stati aperti da Renato

Dettagli

RETE TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI SONDRIO

RETE TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI SONDRIO RETE TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI SONDRIO ACCORDO PER LA VALORIZZAZIONE DELLE POLITICHE TERRITORIALI DI CONCILIAZIONE FAMIGLIA LAVORO E DELLE RETI DI IMPRESE Premesso che: La Comunicazione della Commissione

Dettagli

BSC Brescia Smart City

BSC Brescia Smart City BSC Brescia Smart City Ruolo, programma, obiettivi 2014 > 2020 Smart City : di cosa parliamo Con il termine Smart City/Community (SC) si intende quel luogo e/o contesto territoriale ove l'utilizzo pianificato

Dettagli

PROGETTO TAVOLO GIOVANI

PROGETTO TAVOLO GIOVANI PROGETTO TAVOLO GIOVANI Costituzione di un Tavolo di coordinamento con le associazioni di giovani di Cinisello Balsamo e le organizzazioni sociali che compongono il mondo delle realtà giovanili locali

Dettagli

Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino

Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino budget disponibile: 200.000 euro termine per la presentazione dei progetti

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

2.13 POLITICHE DI WELFARE AZIENDALE IN UN SISTEMA DI WELFARE CONDIVISO

2.13 POLITICHE DI WELFARE AZIENDALE IN UN SISTEMA DI WELFARE CONDIVISO 2.13 POLITICHE DI WELFARE AZIENDALE IN UN SISTEMA DI WELFARE CONDIVISO 19.06.2013 INTRODUZIONE AL PROGETTO Molte delle buone pratiche messe in atto dalle imprese per migliorare il benessere dei propri

Dettagli

Decreto Dirigenziale

Decreto Dirigenziale Area Tutela e Valorizzazione Ambientale Decreto Dirigenziale Raccolta Generale n.8622/2015 del 02/10/2015 Prot. n.250473/2015 del 02/10/2015 Fasc.9.2 / 2015 / 8 Oggetto: Approvazione dello schema di avviso

Dettagli

Internet of Things e Big Data Summit MAKE NEXT INDUSTRIAL REVOLUTION REAL 11 giugno 2015

Internet of Things e Big Data Summit MAKE NEXT INDUSTRIAL REVOLUTION REAL 11 giugno 2015 Internet of Things e Big Data Summit MAKE NEXT INDUSTRIAL REVOLUTION REAL 11 giugno 2015 Renato Galliano, Comune di Milano Assessorato alle Politiche del Lavoro, Sviluppo Economico, Università e Ricerca

Dettagli

1. Descrizione e obiettivi. 2. Soggetto promotore. 3. Partner BANDO

1. Descrizione e obiettivi. 2. Soggetto promotore. 3. Partner BANDO 1. Descrizione e obiettivi La Fondazione Unipolis indice il bando nazionale culturability - spazi d innovazione sociale per sostenere progetti di innovazione culturale caratterizzati da un forte impatto

Dettagli

Assessorato al Welfare Municipale Settore Servizi Sociali

Assessorato al Welfare Municipale Settore Servizi Sociali Criteri per l erogazione di contributi ordinari e straordinari e per la stipulazione di convenzioni con Associazioni di volontariato, Onlus, Associazioni di promozione sociale, Associazioni di solidarietà

Dettagli

BANDI 2015 CULTURA, FORMAZIONE, ARTE

BANDI 2015 CULTURA, FORMAZIONE, ARTE BANDI 2015 CULTURA, FORMAZIONE, ARTE Premessa La Fondazione Monte dei Paschi di Siena, soggetto giuridico di diritto privato senza fine di lucro e con piena autonomia statutaria e gestionale, in coerenza

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DIREZIONE LAVORO SVILUPPO FONDI EUROPEI SMART CITY

CITTÀ DI TORINO DIREZIONE LAVORO SVILUPPO FONDI EUROPEI SMART CITY CITTÀ DI TORINO DIREZIONE LAVORO SVILUPPO FONDI EUROPEI SMART CITY AVVISO ESPLORATIVO PER MANIFESTAZIONE D INTERESSE PER L INSEDIAMENTO DI ATTIVITA VOLTE A PROMUOVERE CON SERVIZI INNOVATIVI LO SVILUPPO

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO Bando Cantiere Nuovo Welfare 2015

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO Bando Cantiere Nuovo Welfare 2015 1. PREMESSA La crisi economica degli ultimi anni ha acuito le situazioni problematiche, facendo emergere nuovi bisogni e incrementando la domanda di prestazioni nel campo del welfare. Anche altre dinamiche,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Selezione di un progetto per la promozione turistica della DESTINAZIONE FIRENZE (Approvato con DD. 2015/4376)

AVVISO PUBBLICO Selezione di un progetto per la promozione turistica della DESTINAZIONE FIRENZE (Approvato con DD. 2015/4376) AVVISO PUBBLICO Selezione di un progetto per la promozione turistica della DESTINAZIONE FIRENZE (Approvato con DD. 2015/4376) Premessa Nell ambito del programma di mandato 2014-2019 La città delle opportunità,

Dettagli

COMUNE DI MESSINA ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI. Per un welfare di comunità partecipato: verso gli stati generali dei servizi sociali

COMUNE DI MESSINA ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI. Per un welfare di comunità partecipato: verso gli stati generali dei servizi sociali Premessa COMUNE DI MESSINA ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI Per un welfare di comunità partecipato: verso gli stati generali dei servizi sociali In un contesto di forte difficoltà economica e finanziaria

Dettagli

6 Bando 2015 (finestra I )

6 Bando 2015 (finestra I ) 6 Bando 2015 (finestra I ) Socio-assistenziale Premessa La missione della Fondazione della Comunità del Novarese onlus si articola in tre punti: 1. diffondere la cultura del dono, offrendo servizi che

Dettagli

BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI

BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO ANNO 2015 FINALITÀ Gli interventi emblematici provinciali si riferiscono a progetti diretti a perseguire obiettivi coerenti con quelli dei piani di azione di

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrari:

A relazione dell'assessore Ferrari: REGIONE PIEMONTE BU53 31/12/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 5 dicembre 2014, n. 33-743 Assegnazione di contributi per l'anno 2014 a favore degli Organismi di collegamento e coordinamento, formati

Dettagli

Welfare e ICT: strumenti e opportunità

Welfare e ICT: strumenti e opportunità 15 Novembre 2013 Welfare e ICT: strumenti e opportunità Barbara Pralio Welfare: le esigenze Riduzione spese per il welfare Aumento esigenze di protezione sociale Necessità di ragionare su opportunità di

Dettagli

Direzione Centrale Ambiente, Sviluppo, Territorio e Lavoro 2012 05793/068 Servizio Fondi Europei, Innovazione e Sviluppo economico CT 7

Direzione Centrale Ambiente, Sviluppo, Territorio e Lavoro 2012 05793/068 Servizio Fondi Europei, Innovazione e Sviluppo economico CT 7 Direzione Centrale Ambiente, Sviluppo, Territorio e Lavoro 2012 05793/068 Servizio Fondi Europei, Innovazione e Sviluppo economico CT 7 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 6 novembre 2012

Dettagli

Il Piano Strategico Metropolitano di Bologna Daniela Oliva. Bologna, 1 marzo 2013

Il Piano Strategico Metropolitano di Bologna Daniela Oliva. Bologna, 1 marzo 2013 Il Piano Strategico Metropolitano di Bologna Daniela Oliva Bologna, 1 marzo 2013 Cos è un Piano strategico La costruzione di un futuro di lungo termine (10/20 anni) sulla base di: Una vision ( molte vision

Dettagli

Settore Assistenza agli Anziani

Settore Assistenza agli Anziani Documento Programmatico Previsionale 2016 Settore Assistenza agli Anziani SERVIZI DOMICILIARI LINEA 1) L A L I N E A D I I N T E R V E N T O FINALITÀ Promuovere la permanenza dell anziano nel proprio contesto

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU8S1 26/02/2015

REGIONE PIEMONTE BU8S1 26/02/2015 REGIONE PIEMONTE BU8S1 26/02/2015 Codice A15120 D.D. 11 dicembre 2014, n. 4 L.R. 9/2007 art. 24 - d.g.r. 33-743 del 5.12.2014. Approvazione bando regionale per l'assegnazione di contributi anno 2014 a

Dettagli

ore Sala Consiliare del Comune di Bellano

ore Sala Consiliare del Comune di Bellano ore Sala Consiliare del Comune di Bellano IL PERCORSO Valutazione del Piano di Zona 2009/2011 Definizione regole di partecipazione del Terzo Settore Definizione della nuova governance Definizione delle

Dettagli

Tributi, Catasto e Suolo Pubblico 2015 02820/013 Servizio Pubblicità e O.S.P. CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Tributi, Catasto e Suolo Pubblico 2015 02820/013 Servizio Pubblicità e O.S.P. CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Tributi, Catasto e Suolo Pubblico 2015 02820/013 Servizio Pubblicità e O.S.P. CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 253 approvata il 30 giugno 2015 DETERMINAZIONE: PROCEDURA APERTA

Dettagli

1 BANDO 2014 (finestra I)

1 BANDO 2014 (finestra I) PREMESSA La missione della Fondazione della Comunità del Novarese ONLUS si articola in tre punti: 1) perseguire l affermarsi di una cultura complessiva del dono, garantendo la definizione di servizi che

Dettagli

in azione Welfare di Comunità e Innovazione Sociale.

in azione Welfare di Comunità e Innovazione Sociale. wel in azione Welfare di Comunità e Innovazione Sociale. BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ BANDI 2014 1 Welfare di Comunità e Innovazione Sociale IL CONTESTO L attuale sistema di welfare italiano fatica a rispondere

Dettagli

nuove sfide per il volontariato

nuove sfide per il volontariato Povertà plurali, povertà invisibili: nuove sfide per il volontariato Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra cittadini e associazioni di volontariato 1. Premessa L Associazione Non Profit Network,

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA. Brescia, 20/04/2015

COMUNE DI BRESCIA. Brescia, 20/04/2015 COMUNE DI BRESCIA Brescia, 20/04/2015 Oggetto: Avviso di procedura comparativa per l affidamento di un incarico professionale di supporto qualificato per la partecipazione del Comune di Brescia a procedure

Dettagli

COMUNE DI SANT ANTIOCO BANDO

COMUNE DI SANT ANTIOCO BANDO COMUNE DI SANT ANTIOCO BANDO Criteri per l erogazione di contributi ordinari e straordinari e per la stipulazione di convenzioni con Associazioni di volontariato, Onlus, Associazioni di promozione sociale,

Dettagli

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO Fondo Crescita: bandi per progetti di R&S nei settori ICT e Industria Sostenibile Il Ministero dello Sviluppo Economico, con decreto del 15 ottobre 2014, pubblicato nella

Dettagli

LO SPORT: UN OCCASIONE PER CRESCERE INSIEME. 22 settembre 2015

LO SPORT: UN OCCASIONE PER CRESCERE INSIEME. 22 settembre 2015 LO SPORT: UN OCCASIONE PER CRESCERE INSIEME 22 settembre 2015 Lo sport può portare qui ma anche se non si diventa campioni: Lo sport è un fattore di prevenzione e promozione del benessere psicofisico e

Dettagli

Materiali didattici «Smart City» BOLOGNA SMART CITY. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Materiali didattici «Smart City» BOLOGNA SMART CITY. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Materiali didattici «Smart City» GREEN JOBS Formazione e Orientamento INTRODUZIONE La città di Bologna occupa il secondo posto nella classifica italiana delle città smart. Gli indicatori elaborati confermano

Dettagli

METTI IN CIRCOLO L ENERGIA

METTI IN CIRCOLO L ENERGIA BANDO 2015 METTI IN CIRCOLO L ENERGIA Diamo energia ai migliori progetti non profit per il sociale La Fondazione di Comunità ONLUS è un ente no profit che nasce per una scelta dei 28 Comuni e dell Azienda

Dettagli

Carta del Distretto culturale evoluto della Provincia di Cremona - Cre.Ar.T.E.

Carta del Distretto culturale evoluto della Provincia di Cremona - Cre.Ar.T.E. Carta del Distretto culturale evoluto della Provincia di Cremona - Cre.Ar.T.E. Art. 1. Il Distretto culturale evoluto della Provincia di Cremona: natura e scopi Il Distretto culturale costituisce un sistema

Dettagli

LINEE GUIDA AL MONITORAGGIO

LINEE GUIDA AL MONITORAGGIO Direzione Innovazione Ricerca e Università e Sviluppo Energetico Sostenibile Settore Sistemi informativi e Tecnologie della comunicazione POR-FESR - Programma Operativo Regionale Asse I Innovazione e transizione

Dettagli

(Aggiornamento di lunedì 28 luglio 2014)

(Aggiornamento di lunedì 28 luglio 2014) Decreto Direttoriale n. 2216 del 1 luglio 2014 Regole e modalità per la presentazione delle domande finalizzate alla concessione dei contributi previsti dalla Legge 6/2000 per gli strumenti di intervento:

Dettagli

BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione

BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione Il contesto di riferimento Le Fondazioni di origine bancaria possono svolgere oggi un ruolo fondamentale per la costruzione del nuovo welfare di comunità, un modello

Dettagli

AIUTI A SOSTEGNO DEI CLUSTER TECNOLOGICI REGIONALI

AIUTI A SOSTEGNO DEI CLUSTER TECNOLOGICI REGIONALI Scheda di Presentazione della bozza dell Avviso AIUTI A SOSTEGNO DEI CLUSTER TECNOLOGICI REGIONALI SmartPuglia 2020 è un percorso promosso dalla Regione Puglia, avviato in vista del prossimo ciclo di programmazione

Dettagli

Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in Sardegna

Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in Sardegna Provincia di Olbia Tempio Politiche abitative e Housing Sociale. Olbia, 13-14 Febbraio 2013 Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

Bando per la erogazione di contributi

Bando per la erogazione di contributi Fondazione Wanda Di Ferdinando Bando per la erogazione di contributi Anno 2015 La Fondazione Wanda Di Ferdinando è un Ente Privato che si propone l attuazione di iniziative del più alto interesse sociale

Dettagli

Bando 2015 FONDAZIONE SOCIAL

Bando 2015 FONDAZIONE SOCIAL Bando 2015 Indice A. Premessa B. Caratteristiche del Bando B.1. Risorse B.2 Obiettivi B.3 Aree di interesse B.4 Ambito di intervento e soggetti beneficiari C. Soggetti proponenti D. Progetti ammissibili

Dettagli

LINEE GUIDA. Premessa

LINEE GUIDA. Premessa LINEE GUIDA Premessa Poste Insieme Onlus nasce il 16 aprile 2015 dalla volontà di Poste Italiane SpA di promuovere e sviluppare una organica presenza istituzionale di ambito nazionale e territoriale a

Dettagli

PRINCIPI ATTIVI 2012

PRINCIPI ATTIVI 2012 REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l'innovazione Servizio Politiche Giovanili e Cittadinanza Sociale PRINCIPI ATTIVI 2012 Giovani idee per una Puglia migliore Bando di concorso

Dettagli

BANDO AGENZIE DI CITTADINANZA 2015

BANDO AGENZIE DI CITTADINANZA 2015 BANDO AGENZIE DI CITTADINANZA 2015 Premessa Il Protocollo d Intesa tra Comune di Napoli e CSV Napoli approvato con Deliberazione di G.M. n.1278 del 01/03/12 ha dato vita alla prima sperimentazione delle

Dettagli

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi FONDI COMUNITARI 2014-2020 I FONDI EUROPEI ED IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE Roma, 17 Giugno 2014 Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi Giorgio Gemelli Resp. Funzione Progetti interterritoriali

Dettagli

BANDI 2015 1 IL CONTESTO GLI OBIETTIVI

BANDI 2015 1 IL CONTESTO GLI OBIETTIVI BANDI 2015 1 Welfare di Comunità e Innovazione Sociale IL CONTESTO L attuale sistema di welfare italiano fatica a rispondere in modo adeguato ai cambiamenti della nostra società e a comprendere i relativi

Dettagli

Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE

Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE FORUMPA SANITA' 2001 Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: VERSO UN DISTRETTO FORTE Amministrazione proponente:

Dettagli

Determinazione Dirigenziale N. 539 del 01/04/2014

Determinazione Dirigenziale N. 539 del 01/04/2014 Determinazione Dirigenziale N. 539 del 01/04/2014 Classifica: 005.09 Anno 2014 (5420075) Oggetto ASSICURAZIONI. DETERMINAZIONE A CONTRARRE. PROCEDURA APERTA PER L AGGIUDICAZIONE DEL SERVIZIO DI COPERTURA

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Politiche Sociali DIRETTORE GROSSI dott.ssa EUGENIA Numero di registro Data dell'atto 1358 18/09/2015 Oggetto : Approvazione della bozza di accordo operativo

Dettagli

Art. 1) Art. 2) Art. 3) Art. 4) Art. 5) L ASSESSORE (F.to Dott. Paolo Colianni)

Art. 1) Art. 2) Art. 3) Art. 4) Art. 5) L ASSESSORE (F.to Dott. Paolo Colianni) D.A. n. 0326 S/5 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato della famiglia, delle politiche sociali e delle autonomie locali Dipartimento Reg.le della famiglia, delle politiche sociali e delle autonomie

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

SOGGETTO ATTUATORE (indicare il Partner interessato): La Biotre.sas di Cappella Giuseppe, & C

SOGGETTO ATTUATORE (indicare il Partner interessato): La Biotre.sas di Cappella Giuseppe, & C AZIONE 3: attivazione di accordi sugli orari e sull organizzazione del lavoro, volti a favorire forme di flessibilità finalizzate alla conciliazione dei tempi di vita familiare e di lavoro dei lavoratori

Dettagli

Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione

Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione RUOLI NELLA RETE Quali sono i ruoli che un ente può interpretare nell ambito del progetto? Un ente può essere partner oppure

Dettagli

Servizio Politiche di Benessere Sociale e Pari Opportunità

Servizio Politiche di Benessere Sociale e Pari Opportunità 25313 ALLEGATO A R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA Servizio Politiche di Benessere Sociale e Pari Opportunità Legge regionale

Dettagli

ALLEGATO 2 BANDO. Area Organizzazione e Riforma. Offerta Tecnica. dell Amministrazione Servizio E. E democracy e Cittadinanza.

ALLEGATO 2 BANDO. Area Organizzazione e Riforma. Offerta Tecnica. dell Amministrazione Servizio E. E democracy e Cittadinanza. BANDO Area Organizzazione e Riforma ALLEGATO 2 Offerta Tecnica dell Amministrazione Servizio E Government E democracy e Cittadinanza Attiva Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA

Dettagli

PIANO TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DI INTERVENTI DI CONCILIAZIONE FAMIGLIA LAVORO SUL TERRITORIO DELLA ASL MILANO1

PIANO TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DI INTERVENTI DI CONCILIAZIONE FAMIGLIA LAVORO SUL TERRITORIO DELLA ASL MILANO1 PIANO TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DI INTERVENTI DI CONCILIAZIONE FAMIGLIA LAVORO SUL TERRITORIO DELLA ASL MILANO1 Avviso pubblico per la presentazione di progetti per la realizzazione di SERVIZI SALVATEMPO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL BILANCIO PARTECIPATO 2015. Capo I - Disposizioni generali

REGOLAMENTO COMUNALE DEL BILANCIO PARTECIPATO 2015. Capo I - Disposizioni generali Comune di c Caronno Pertusella Provincia di Varese Iniziativa del Sindaco di Caronno Pertusella coordinata da Marco Giudici: Assessore Bilancio, Tributi, Attività Economiche Produttive, Tempo Libero. REGOLAMENTO

Dettagli

Regione Puglia. Assessorato alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva. Settore Politiche Giovanili e Sport. Bando di concorso

Regione Puglia. Assessorato alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva. Settore Politiche Giovanili e Sport. Bando di concorso Regione Puglia Assessorato alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva Settore Politiche Giovanili e Sport PRINCIPI ATTIVI Giovani idee per una Puglia migliore Bando di concorso Art. 1 - Descrizione dell iniziativa

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

Metodologia di gestione delle performance

Metodologia di gestione delle performance Metodologia di gestione delle performance Il sistema di gestione delle performance deriva direttamente dalle priorità politiche di ciascuna Giunta ed è strettamente coordinato con tutti gli altri strumenti

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014 2020 OPPORTUNITA E SFIDE PER ROMA CAPITALE ESPERIENZE FATTE E PROSPETTIVE APERTE ROMA 14 LUGLIO 2015

LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014 2020 OPPORTUNITA E SFIDE PER ROMA CAPITALE ESPERIENZE FATTE E PROSPETTIVE APERTE ROMA 14 LUGLIO 2015 LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014 2020 OPPORTUNITA E SFIDE PER ROMA CAPITALE ESPERIENZE FATTE E PROSPETTIVE APERTE ROMA 14 LUGLIO 2015 Le opportunità: due grandi filoni diversi ma complementari I programmi

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA ALLEGATO A PROTOCOLLO DI INTESA TRA Regione Toscana e Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani UNCEM Toscana Associazione Regionale dei Comuni della Toscana ANCI Toscana Unione Province Toscane UPI

Dettagli

PATTO DI WELFARE TERRITORIALE LOCALE -- ASL DI LECCO (Guido Agostoni - Legnano 19 aprile 2013)

PATTO DI WELFARE TERRITORIALE LOCALE -- ASL DI LECCO (Guido Agostoni - Legnano 19 aprile 2013) PATTO DI WELFARE TERRITORIALE LOCALE -- ASL DI LECCO (Guido Agostoni - Legnano 19 aprile 2013) Dopo gli interventi di questa mattina e gli altri del pomeriggio, alcuni veramente di alto livello, devo premettere

Dettagli

Faq Aster. Possono prendere parte al partenariato anche aree particolarmente svantaggiate?

Faq Aster. Possono prendere parte al partenariato anche aree particolarmente svantaggiate? Faq Aster Possono prendere parte al partenariato anche aree particolarmente svantaggiate? Certamente sì, uno dei principali scopi di ASTER è quello di creare nuova imprenditorialità e nuova occupazione.

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 22 - Mercoledì 30 maggio 2012

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 22 - Mercoledì 30 maggio 2012 15 D.G. Sport e giovani D.d.u.o. 24 maggio 2012 - n. 4490 Approvazione del bando Voucher sperimentale Leva Civica Regionale - percorsi di cittadinanza attiva per il potenziamento delle opportunita dei

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA SEZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA 2015 INDICE Obiettivo... 3 Oggetto... 3 Durata dei progetti... 3 Enti ammissibili... 3 Struttura e fasi di selezione... 5 Modalità di presentazione delle domande... 5 Contributo

Dettagli

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 1 CALL INTERNAZIONALE DI IDEE PER LO SVILUPPO DEL PROGRAMMA CULTURALE DEL SPAZIO ESPOSITIVO DELLA SOCIETA CIVILE IN EXPO MILANO 2015 1. PREMESSA L'assegnazione

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Milano 16 Dicembre 2014. A cura del Comune di Milano - DC Sport benessere e qualità della vita - Servizio qualità della vita

Milano 16 Dicembre 2014. A cura del Comune di Milano - DC Sport benessere e qualità della vita - Servizio qualità della vita Milano 16 Dicembre 2014 A cura del Comune di Milano - DC Sport benessere e qualità della vita - Servizio qualità della vita 31 marzo 2014 5 maggio 2014 4 giugno 2014 Sottoscrizione accordo per la valorizzazione

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como allegato A pagine 5 deliberazione n.

Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como allegato A pagine 5 deliberazione n. Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como allegato A pagine 5 deliberazione n. del In ottemperanza alla DGR X/1081 del 12/12/2013 e del Decreto n. 2058 dell 11/3/2014, questa ASL pubblica il seguente

Dettagli

Famiglia, Scuola e Politiche Sociali. Settore Servizi Adulti in difficoltà PROPOSTA DI DELIBERAZONE DI GIUNTA COMUNALE

Famiglia, Scuola e Politiche Sociali. Settore Servizi Adulti in difficoltà PROPOSTA DI DELIBERAZONE DI GIUNTA COMUNALE DIREZIONE CENTRALE FAMIGLIA, SCUOLA E POLITICHE SOCIALI H50 SETTORE SERVIZI PER ADULTI IN DIFFICOLTA P.G. n 939398/2009 PROPOSTA DI DELIBERAZONE DI GIUNTA COMUNALE O G G E T T O Istituzione di un Elenco

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI SOCIALI, SOCIO- SANITARI E EDUCATIVI DEL SISTEMA INTEGRATO

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI SOCIALI, SOCIO- SANITARI E EDUCATIVI DEL SISTEMA INTEGRATO REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI SOCIALI, SOCIO- SANITARI E EDUCATIVI DEL SISTEMA INTEGRATO Art.1 Finalità e oggetto La presente regolamentazione definisce, in attuazione di quanto previsto all

Dettagli

Cittadinanza Attiva e Sostenibilità Ambientale

Cittadinanza Attiva e Sostenibilità Ambientale Cittadinanza Attiva e Sostenibilità Ambientale Progetto finanziato dal Dipartimento della Gioventù Contesto e giustificazione del progetto L idea progettuale nasce dalle analisi effettuate sulle esperienze

Dettagli

Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1

Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1 Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1 Art. 1 FINALITÀ E OGGETTO La Provincia di Milano intende

Dettagli

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO Art. 1 - Premessa La Legge 328/00 e la Legge Regionale n. 3/2008 sono volte ad assicurare alle persone ed alle famiglie un sistema integrato di interventi e servizi sociali, finalizzato alla promozione

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A.

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. La Regione Abruzzo, rappresentata dal componente la Giunta preposto alle Politiche attive del lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali,

Dettagli

Milano Sharing City: il network della sharing economy

Milano Sharing City: il network della sharing economy Milano Sharing City: il network della sharing economy Agenda 1. Il percorso di Milano Sharing City 2. La consultazione pubblica 3. L approvazione delle Linee Guida sulla Sharing Economy 4. La Mappatura

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI VOBARNO (Provincia di Brescia) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art 7 Decreto Legislativo 150/2009 Revisione del 2 novembre 2011 INDICE INDICE... 2 PREMESSA... 3 I CARATTERISTICHE

Dettagli

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 418 04/08/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 11972 DEL 28/07/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: Area: TERRITORIO, URBANISTICA, MOBILITA E RIFIUTI Prot. n.

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE RICERCA MEDICA

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE RICERCA MEDICA SEZIONE RICERCA MEDICA 2015 INDICE Obiettivo... 3 Oggetto... 3 Durata dei progetti... 3 Enti ammissibili... 3 Partnership e rete... 3 Modalità di presentazione delle domande... 4 Contributo e cofinanziamento...

Dettagli

Evento Smart Cities and Communities -Milano 5 aprile 2016

Evento Smart Cities and Communities -Milano 5 aprile 2016 Evento Smart Cities and Communities -Milano 5 aprile 2016 Esperienze di successo e prospettive future Olivia Postorino AdG POR FESR 2007-2013 Un contesto in evoluzione : il ruolo delle Smart Cities Un

Dettagli

Ambito Distrettuale 6.1

Ambito Distrettuale 6.1 Ambito Distrettuale 6.1 Piano di Zona 2013-2015 AREE DI INTERVENTO: OBIETTIVI STRATEGICI, PRIORITA DEL PDZ, AZIONI, TEMPI E RISORSE 4.2 AREA DISABILITA PREMESSA. Negli ultimi anni l azione progettuale

Dettagli

Il sistema di misurazione e valutazione della performance di Éupolis Lombardia

Il sistema di misurazione e valutazione della performance di Éupolis Lombardia Il sistema di misurazione e valutazione della performance di Éupolis Lombardia Report a cura del Nucleo di Valutazione delle Prestazioni Dirigenziali Settembre 2014 1 Premessa Il Report Il sistema di misurazione

Dettagli

CERNUSCO SUL NAVIGLIO

CERNUSCO SUL NAVIGLIO 1 Area: Servizi al Cittadino Settore: Servizi Sociali Ufficio: Piano di Zona FONDO SOCIALE REGIONALE 2014 - CRITERI DI RIPARTO APPROVATI CON DELIBERA DELL ASSEMBLEA DEI SINDACI DEL 01.10.2014. DOCUMENTO

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2521 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2521 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2521 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011-2013 DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011-2013 DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011-2013 DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE POLITICHE DEL LAVORO E DELL OCCUPAZIONE PROGRAMMA: Innovazione e capitale umano Responsabile Ing. Marco Lobina (Direttore

Dettagli

BOZZA DI REGOLAMENTO Proposta da: Coordinamento delle Associazioni di Volontariato MoVI Movimento di Volontariato Italiano Casa del Volontariato

BOZZA DI REGOLAMENTO Proposta da: Coordinamento delle Associazioni di Volontariato MoVI Movimento di Volontariato Italiano Casa del Volontariato COMUNE DI GELA BOZZA DI REGOLAMENTO Proposta da: Coordinamento delle Associazioni di Volontariato MoVI Movimento di Volontariato Italiano Casa del Volontariato REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI

Dettagli

1) PROMOTORI 2) OBIETTIVI 3) DESTINATARI E REQUISITI DI PARTECIPAZIONE

1) PROMOTORI 2) OBIETTIVI 3) DESTINATARI E REQUISITI DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO The Social Challenge è un processo partecipato di individuazione e selezione di progetti sociali elaborati da Organizzazioni Non Profit operanti nelle province di Milano e Varese, a beneficio

Dettagli

Concorso di Idee. Sommario - REGOLAMENTO -!

Concorso di Idee. Sommario - REGOLAMENTO -! Concorso di Idee - REGOLAMENTO - Sommario 1) Premessa... 2 2) Oggetto del Concorso... 2 3) Destinatari e modalità di partecipazione... 2 4) Finalità e fasi della selezione... 3 5) Commissione tecnica di

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE Visto: - la L. 10 aprile 1991, n. 125 Azioni positive per

Dettagli

Interreg MED 2014-2020

Interreg MED 2014-2020 Interreg MED 2014-2020 http://interreg-med.eu/en/first-call-for-project-proposals/ Lo scorso 23 giugno a Marsiglia si è aperto ufficialmente il programma di cooperazione transnazionale Interreg MED. Queste

Dettagli

PIANO DETTAGLIATO DEGLI OBIETTIVI (P.D.O.) 2013

PIANO DETTAGLIATO DEGLI OBIETTIVI (P.D.O.) 2013 PIANO DETTAGLIATO DEGLI OBIETTIVI (P.D.O.) 2013 SETTORE AMMINISTRATIVO FINANZIARIO RESPONSABILE: Salucci Roberta S. AMMINISTRAZIONE GENERALE CONTROLLI INTERNI: SCHEDE DI VALUTAZIONE per controllo successivo

Dettagli

Patto di collaborazione aperto tra Comune di Bologna e Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna PROGRAMMA CO-BOLOGNA

Patto di collaborazione aperto tra Comune di Bologna e Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna PROGRAMMA CO-BOLOGNA Patto di collaborazione aperto tra Comune di Bologna e Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna PROGRAMMA CO-BOLOGNA 1 PREMESSO: che il Consiglio Comunale di Bologna nella seduta del 19 maggio 2014 ha

Dettagli