ISTITUTO NAZIONALE Il Direttore

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO NAZIONALE Il Direttore"

Transcript

1 Sunto automatico INVITI A PRESENTARE PROPOSTE FINANZIATE ALL INTERNO DEL PROGRAMMA DI RICERCA, DI SVILUPPO TECNOLOGICO E DI DIMOSTRAZIONE DEL QUINTO PROGRAMMA QUADRO. Il programma "Energia, ambiente e sviluppo sostenibile" si articola in sei azioni chiave: gestione sostenibile e qualità delle acque; cambiamento globale, clima e biodiversità; gestione sostenibile degli ecosistemi marini; la città del futuro e il patrimonio culturale; un energia più pulita, comprese le fonti di energia rinnovabili; energia economica ed efficiente per un Europa competitiva; Anche se le attività di RST nel settore dell'ambiente e dell'energia sono strettamente correlate tra loro, presentano comunque caratteristiche e interessi distinti. Parte A) Ambiente e sviluppo sostenibile Questa parte prevede sei azioni chiave di ricerca e sviluppo: Azione chiave 1: Gestione sostenibile e qualità delle acque Azione chiave 2: Cambiamento globale, clima e biodiversità Azione chiave 3: Gestione sostenibile degli ecosistemi marini Azione chiave 4: La città del futuro e il patrimonio culturale Attività di ricerca e di sviluppo tecnologico di carattere generico Sostegno alle infrastrutture di ricerca. I valori cui si deve mirare per il 2010 sono: riduzione (> 20%) del consumo primario di energia degli edifici urbani nuovi ed esistenti; riduzione (> 25%) dell acqua impiegata negli edifici; riduzione (> 10%) dell utilizzo di materie prime primarie e riciclaggio del 90% dei rifiuti da costruzione; riduzione (> 20%) del costo del ciclo di vita secondo la buona pratica del processo di costruzione; riduzione (> 25%) degli incidenti nei cantieri e aumento della qualità della vita, della produttività e dell accessibilità degli utilizzatori. Alle "azioni mirate" sarà destinato il 60% circa delle risorse finanziarie disponibili. Le "azioni mirate" prevedono attività sia a breve che a medio/lungo periodo. Le attuali tendenze indicano inoltre che i consumi di energia elettrica negli edifici sono in aumento, soprattutto in quelli che ospitano attività del terziario. Si prevede che queste potranno contribuire, a breve termine almeno al 60% della riduzione complessiva delle emissioni rispetto ai valori attuali e al 30% a lungo termine Tecnologie per l utilizzazione razionale ed efficiente dell energia. Per le zone edificate lo scopo è raggiungere un risparmio di energia del 30% entro il 2010 e del 50% a più lungo termine. Nel campo dei trasporti, a medio termine, l'obiettivo di risparmio energetico si attesta attorno al 5-10%, e a più lungo termine (orizzonte 2020) si punta a riduzioni aggregate di CO 2 pari al 25%. Priorità di RST: particolare attenzione sarà data a tecnologie intersettoriali, come il controllo dei processi, e ad un approccio integrato volto a potenziare l'efficienza energetica negli ambienti edificati, nei trasporti e nell'industria, compresa l'agricoltura; illuminazione, riscaldamento e raffreddamento degli ambienti e integrazione delle fonti di energia rinnovabili negli edifici; aumento delle prestazioni energetiche ed ambientali dei veicoli e delle corrispondenti infrastrutture,

2 compresi i carburanti, l'immagazzinamento, la conversione, la combustione e la trasmissione dell'energia; riduzione dell'intensità energetica dei processi industriali, ove sarà necessario approfondire gli aspetti dell'integrazione dei processi, della separazione e dell'essiccazione Sviluppo edilizio sostenibile. A breve-medio termine, l'obiettivo è ridurre le perdite termiche del 25% nelle costruzioni ristrutturate e del 30% in quelle nuove, rispetto alle norme e alle prassi locali Efficienza nel riscaldamento, nel raffreddamento, nell aerazione dello spazio, nei sistemi di illuminazione e negli elettrodomestici, ed integrazione delle energie rinnovabili negli edifici. A breve e medio termine si deve tendere a ridurre le emissioni di CO2 del 25% per gli edifici ristrutturati e del 35-50% per quelli nuovi, in funzione delle condizioni locali, compresa l'integrazione di tecnologie efficienti nel settore delle energie rinnovabili e la generazione/distribuzione di calore (a livello di edifici e di quartieri). I profili dei carichi stagionali di raffreddamento devono evitare punte superiori al 50% del valore medio. Per l'illuminazione e l'utilizzo della luce del giorno, il risparmio di energia deve attestarsi almeno al 40% negli edifici ristrutturati e al 50% per quelli nuovi e i complessi edilizi. Relativamente ai due programmi gli inviti a presentare proposte hanno scadenza per: La città del futuro e patrimonio culturale (azione Costruzione o ricostruzione sostenibili di grandi complessi edili urbani o di infrastrutture urbane) il 15 ottobre Energia azioni chiave 5 e 6, invito a presentare proposte per azioni indirette di RST, di breve termine (proposte di RST, inclusi progetti di dimostrazione e progetti combinati di RST e dimostrazione) 14 dicembre I bandi precisano che, coerentemente agli orientamenti della Commissione in materia di programmi, i progetti candidati al finanziamento devono evidenziare un approccio di respiro ed impatto europeo, di elevato profilo e della massima utilità possibile per cittadini e per le politiche europee. INVITI A PRESENTARE PROPOSTE FINANZIATE ALL INTERNO DEL PROGRAMMA DI RICERCA, DI SVILUPPO TECNOLOGICO E DI DIMOSTRAZIONE DEL QUINTO PROGRAMMA QUADRO. Lo sviluppo sostenibile Per incentivare uno sviluppo sostenibile che realizzi gli obiettivi della competitività e dell'occupazione è necessario scindere il binomio crescita economica e degrado ambientale. Inoltre, gran parte dei problemi e delle sfide individuati dal programma è comune a tutti gli Stati membri ed è di portata mondiale, oltre che europea. Il programma "Energia, ambiente e sviluppo sostenibile" si articola in sei azioni chiave: gestione sostenibile e qualità delle acque; cambiamento globale, clima e biodiversità; gestione sostenibile degli ecosistemi marini; la città del

3 futuro e il patrimonio culturale; un energia più pulita, comprese le fonti di energia rinnovabili; energia economica ed efficiente per un Europa competitiva; Anche se le attività di RST nel settore dell'ambiente e dell'energia sono strettamente correlate tra loro, presentano comunque caratteristiche e interessi distinti. E quindi il programma in sé sarà attuato attraverso due sottoprogrammi: Parte A) Ambiente e sviluppo sostenibile Parte B) Energia Il presente programma di lavoro si rifà alle esperienze acquisite in precedenza, ed in particolare al Quarto programma quadro, ma stabilisce nuovi orientamenti, rispettando i principi dell'innovazione, della concentrazione e dell'attenzione mirata necessari per affrontare le sfide nuove e quelle modificatesi nel tempo. Tutte le attività verranno realizzate secondo un approccio innovativo imperniato su due elementi principali intesi ad affrontare temi complessi ispirati dalla società: attività integrate, multidisciplinari e plurisettoriali, che coinvolgano, per quanto possibile, tutti i principali soggetti interessati - partnership tra settore pubblico e privato e utenti finali del commercio, dell'industria e del settore legislativo - e attenzione alla ricerca di soluzioni a problemi strategici, sostenendo solo proposte che rivestano significativa importanza su scala regionale, europea e mondiale.

4 Parte A) Ambiente e sviluppo sostenibile Questa parte prevede sei azioni chiave di ricerca e sviluppo: Azione chiave 1: Gestione sostenibile e qualità delle acque Azione chiave 2: Cambiamento globale, clima e biodiversità Azione chiave 3: Gestione sostenibile degli ecosistemi marini Azione chiave 4: La città del futuro e il patrimonio culturale Attività di ricerca e di sviluppo tecnologico di carattere generico Sostegno alle infrastrutture di ricerca. L azione chiave più interessante per gli obiettivi di Federabitazione è sicuramente: Azione chiave 4: La città del futuro e il patrimonio culturale ed in particolare la priorità di RST Obiettivi ed elementi da fornire Tutta l Europa sta affrontando una sfida comune: migliorare la qualità della vita delle comunità urbane e delle regioni urbane ad esse connesse e garantire la competitività delle città 20 e delle cittadine di tutte le dimensioni, promuovendone lo sviluppo sostenibile valutato in base ad elementi economici, ambientali, sociali e culturali. Le città differiscono l una dall altra per architettura, condizioni ambientali, consumi delle risorse (energia, acqua, materiali e terreni), dimensioni, densità urbana, struttura economica, composizione sociale, demografia e cultura. Nonostante tali diversità, tutte le regioni europee hanno caratteristiche comuni in materia di storia, civilizzazione, forma urbana, struttura sociale, ambiente naturale o trasformato dall'uomo. E pertanto si trovano di fronte a sfide comuni come quelle riguardanti la qualità dell'aria, l'inquinamento acustico, lo sviluppo urbanistico incontrollato, il traffico, i rifiuti, la competitività economica, l occupazione, la sicurezza, l'integrazione sociale e il mantenimento delle infrastrutture, dell ambiente edificato e del patrimonio culturale in degrado. L'obiettivo fondamentale pertanto è la promozione dello sviluppo urbano sostenibile e il rafforzamento dell identità culturale. Questa azione chiave si prefigge lo sviluppo di molteplici visioni per le città europee, compresa la loro reazione alla globalizzazione. E' intesa inoltre a comprendere e risolvere le relazioni, complesse e a volte in contrasto, tra condizioni ambientali ed obiettivi, vitalità economica, coesione sociale e identità culturale. Si tratta di conseguire una combinazione di approcci socioeconomici, ambientali e tecnologici che comprendono lo sviluppo, l integrazione e la dimostrazione di tecnologie 21, strumenti e metodologie per migliorare le capacità di previsione, monitoraggio e valutazione e l'analisi comparativa delle buone pratiche emergenti. Saranno considerati prioritari gli approcci che aumentano la partecipazione dei cittadini e degli altri soggetti interessati al processo decisionale urbano e che contribuiscono a garantire l'esistenza di servizi affidabili, efficienti ed economicamente accettabili per tutti gli abitanti delle città, compresi quelli con esigenze particolari.

5 4.3.1 Costruzione e ricostruzione sostenibili di grandi complessi edilizi urbani e di infrastrutture urbane. Una strategie integrata e globale dovrebbe incrementare l inserimento sociale, la salute all interno degli edifici, il comfort e l'accessibilità rispetto all'ambiente edificato, ivi compreso l'uso di risorse rinnovabili. Le problematiche della pianificazione dell utilizzo dei suoli volta a minimizzare la domanda globale a livello di sistema di trasporto e della valutazione e attenuazione dei rischi associati a calamità naturali e di origine antropica dovrebbero essere trattate in un ottica integrata. Un approccio che tenga conto dell intero sistema deve integrare, dimostrare e valutare una serie di soluzioni emergenti nell ambito delle buone pratiche sviluppate nel contesto di questa azione o in altri ambiti. Le proposte dovrebbero procedere alla quantificazione e all'analisi comparativa dei progressi nell'ottica della sostenibilità mirando ad un'evoluzione per singole tappe più che a cambiamenti incrementali. I valori cui si deve mirare per il 2010 sono: riduzione (> 20%) del consumo primario di energia degli edifici urbani nuovi ed esistenti; riduzione (> 25%) dell acqua impiegata negli edifici; riduzione (> 10%) dell utilizzo di materie prime primarie e riciclaggio del 90% dei rifiuti da costruzione; riduzione (> 20%) del costo del ciclo di vita secondo la buona pratica del processo di costruzione; riduzione (> 25%) degli incidenti nei cantieri e aumento della qualità della vita, della produttività e dell accessibilità degli utilizzatori. Un obiettivo specifico è la riabilitazione di grandi insediamenti residenziali del dopoguerra e la loro integrazione nella rete urbana. Parte B) Energia 2. Un approccio innovativo per la realizzazione del programma ( ) Tutte le attività previste dal programma saranno realizzate secondo un nuovo approccio caratterizzato da tre elementi principali: attribuzione di una parte rilevante dei fondi a disposizione del programma (il 60% circa) ad un insieme di "azioni mirate" volte a facilitare l'emergere di soluzioni di elevato profilo il cui impatto, quantificabile, abbia un'incidenza diretta sul raggiungimento degli obiettivi delle politiche dell UE; le azioni mirate puntano ad integrare attività multidisciplinari e multisettoriali che prevedono, ove possibile, partenariati fra il settore pubblico e quello privato nonché il coinvolgimento degli utilizzatori finali, siano essi esponenti del settore commerciale o industriale, o responsabili politici. Viene inoltre introdotta una netta distinzione fra proposte che affrontano questioni risolvibili e tecnologie impiegabili in un'ottica di breve periodo (meno di cinque anni) e proposte riguardanti questioni e tecnologie in un'ottica di medio e lungo periodo (più di cinque anni). In base a tali premesse, le proposte di attività di RST in un'ottica di breve periodo devono portare a risultati passibili di sfruttamento, commerciale o non, entro un

6 periodo di cinque anni e che rispecchino gli obiettivi delle politiche energetiche e/o che permettano di migliorare la legislazione in materia di energia. Azioni mirate Fra le tematiche indicate nella più recente versione del programma di lavoro, sono state selezionate un certo numero di "azioni mirate" cui dovranno auspicabilmente fare capo particolari progetti di respiro ed impatto europeo, di elevato profilo e della massima utilità possibile per i cittadini e per le politiche europee. Alle "azioni mirate" sarà destinato il 60% circa delle risorse finanziarie disponibili. Le "azioni mirate" prevedono attività sia a breve che a medio/lungo periodo. Per realizzare talli attività i proponenti possono combinare misure di RST di diverso tipo. Collaborazione, coordinamento e complementarità caratterizzeranno sia i rapporti fra le diverse "azioni mirate" che fra queste e le attività realizzate sia nell'abito del programma cui fanno capo che di altri programmi tematici o nazionali. Azioni Mirate nel breve periodo: A. Pile a combustibile ed H2 : Pile a combustibile per applicazioni specifiche B. Impiego della biomassa per la generazione combinata di calore ed elettricità: Bioelecttricità C. Integrazione di fonti di energia rinnovabili e sistemi distribuiti per la generazione d energia: Comunità sostenibili D. Impiego razionale dell energia: Trasporti urbani puliti E. Impiego razionale dell energia: Ecoedilizia F. Generazione pulita di energia elettrica: Generazione di energia elettrica dal gas Di queste ovviamente quella più interessante per Federabitazione è la: E. Impiego razionale dell energia: Ecoedilizia Ecoedilizia Il consumo energetico negli edifici rappresenta il 40% del fabbisogno energetico totale dell UE. Le attuali tendenze indicano inoltre che i consumi di energia elettrica negli edifici sono in aumento, soprattutto in quelli che ospitano attività del terziario. Come è già stato dimostrato, i consumi legati al riscaldamento possono essere ridotti notevolmente rispetto ai livelli attuali sia nelle regioni europee dal clima mite che in quelle fredde. Ulteriori miglioramenti nelle tecnologie, nei materiali, nelle tecniche di progettazione e di gestione permetteranno di considerare normali tali consumi ridotti, rendendoli l'alternativa in assoluto più conveniente. L' ecoedilizia, oltre a presentare vantaggi in termini di risparmio energetico e tutela dell'ambiente, permette di migliorare la qualità della vita di quanti occupano gli immobili e garantisce una migliore illuminazione naturale e di una più elevata qualità dell'aria negli ambienti chiusi. L'obiettivo della presente azione è quello di migliorare le potenzialità dell'ecoedilizia, anche in termini di riduzione dei costi, grazie a forme di progettazione e gestione che

7 combinano tecniche efficienti dal punto di vista energetico (sia per gli apparecchi che per gli impianti elettrici degli edifici), ricorso a fonti di energia rinnovabili ed in particolare all'energia solare (riscaldamento e refrigerazione, generatori fotovoltaici) ed illuminazione solare. Le proposte possono riguardare tanto opere di rinnovamento che la costruzione di nuovi edifici ad uso residenziale e non. In ogni caso i progetti devono dimostrare di comportare un risparmio misurabile di energia elettrica e/o termica di almeno il 30% rispetto ai livelli medi e nazionali. Inoltre, almeno il 30% dell'energia elettrica e/o termica deve essere prodotta da generatori fotovoltaici o altre tecnologie solari che prevedono elementi passivi. Le proposte devono infine fornire chiara prova del fatto che le tecniche possono essere impiegate anche in altri edifici, aumentando così le possibilità di integrare le energie rinnovabili negli edifici, riducendo i costi di investimento e di gestione/manutenzione e migliorando le condizioni di vita di chi vi abita. Si intende fra l'altro stimolare lo scambio di idee e di esperienze fra i diversi soggetti interessati, fra cui autorità locali, studi tecnici che si occupano di energie rinnovabili, costruttori edili ed architetti. Tramite queste "azioni mirate" si intende riunire le informazioni necessarie nel breve termine allo sviluppo ed all'attuazione di politiche migliori, nonché di misure giuridiche e regolamentari in materia di efficienza energetica e di impiego di energie rinnovabili negli edifici, sia a livello nazionale che di UE. A sostegno della presente "azione privilegiata" dovrà essere organizzata una campagna promozionale di livello professionale per promuovere le soluzioni innovative emergenti. Le soluzioni ed i progetti proposti, tanto per le singole costruzioni che per gli insediamenti devono mirare ad ottimizzare le prestazioni energetiche ed ambientali, nonché risultare attrattive sia per gli investitori che per gli utilizzatori; le loro caratteristiche devono essere tali da poter essere riprodotte in progetti successivi e incentivare l'ecoedilizia sia negli Stati membri che nei paesi terzi. Inoltre nel descrivere l azione chiave n 6 del presente programma appare di estremo interesse quanto di seguito evidenziato: Azione chiave 6: Energia economica ed efficiente per un Europa competitiva Obiettivi e risultati da fornire È essenziale disporre di fonti energetiche e di servizi affidabili, puliti, efficienti, sicuri ed economici per il buon funzionamento della società, per la competitività dell industria sul mercato europeo e mondiale e per la qualità dell'ambiente su scala planetaria e locale. La disponibilità di tecnologie efficienti per l'utilizzo dell'energi rappresenterà un'opzione chiave per conseguire gli obiettivi fissati a Kyoto in termini di riduzione delle emissioni dei gas responsabili per l'effetto serra. Si prevede che queste potranno contribuire, a breve termine almeno al 60% della riduzione complessiva delle emissioni rispetto ai valori attuali e al 30% a lungo termine. E necessario un utilizzo più efficiente dell'energia, ottenibile tramite tecnologie in grado di realizzare notevoli riduzioni dei costi complessivi e dell'intensità energetica. Nei prossimi dieci anni, la strategia dell'ue in materia di efficienza energetica deve

8 imperniarsi sulla piena realizzazione, entro l'anno 2010, del notevole potenziale economico associato all'uso efficiente dell'energia esistente all'interno dell'ue, che, secondo le stime, rappresenta fino al 18% del consumo energetico del Nell'ambito di tale strategia, le attività di RST e di innovazione svolgeranno una funzione importante. Per questo motivo gli obiettivi illustrati di seguito si riferiscono a tutte le fasi del ciclo energetico - produzione, distribuzione e uso finale per aumentare l'efficienza e ridurre i costi Tecnologie per l utilizzazione razionale ed efficiente dell energia. L'obiettivo è fare un passo in avanti decisivo verso un sistema energetico sostenibile, riducendo sensibilmente l'intensità energetica della domanda e utilizzando le fonti energetiche in maniera molto più efficiente. L'attenzione è incentrata su quei settori che contribuiscono maggiormente all'utilizzo sostenibile dell'energia. Per le zone edificate lo scopo è raggiungere un risparmio di energia del 30% entro il 2010 e del 50% a più lungo termine. Nel settore residenziale e commerciale si deve puntare a raddoppiare la quota di energia rinnovabile impiegata, fino a raggiungere il 12% circa dell'energia complessivamente utilizzata. Nel campo dei trasporti, a medio termine, l'obiettivo di risparmio energetico si attesta attorno al 5-10%, e a più lungo termine (orizzonte 2020) si punta a riduzioni aggregate di CO 2 pari al 25%. Per i processi industriali, l'obiettivo perseguito è una riduzione sostanziale dell'intensità energetica (>20% a breve termine e >30% a più lungo termine). Priorità di RST: particolare attenzione sarà data a tecnologie intersettoriali, come il controllo dei processi, e ad un approccio integrato volto a potenziare l'efficienza energetica negli ambienti edificati, nei trasporti e nell'industria, compresa l'agricoltura; illuminazione, riscaldamento e raffreddamento degli ambienti e integrazione delle fonti di energia rinnovabili negli edifici; aumento delle prestazioni energetiche ed ambientali dei veicoli e delle corrispondenti infrastrutture, compresi i carburanti, l'immagazzinamento, la conversione, la combustione e la trasmissione dell'energia; riduzione dell'intensità energetica dei processi industriali, ove sarà necessario approfondire gli aspetti dell'integrazione dei processi, della separazione e dell'essiccazione. Problemi da risolvere e risultati da fornire Integrazione spaziale. L'obiettivo fissato a breve e medio termine è di fornire agli architetti, ai progettisti e ai costruttori edili strumenti di progettazione urbana che consentano di valutare e ottimizzare l'utilizzo dell'energia per realizzare soluzioni energetiche integrate negli edifici; nel più lungo periodo si tratterà di offrire ai progettisti e ad altri professionisti interessati agli aspetti urbani degli strumenti per una progettazione urbana bioclimatica Sviluppo edilizio sostenibile. A breve-medio termine, l'obiettivo è ridurre le perdite termiche del 25% nelle costruzioni ristrutturate e del 30% in quelle nuove, rispetto alle norme e alle prassi locali. Nel caso di vetri e infissi a tecnologia avanzata, l'obiettivo è una conduttività di calore globale di 0,5 W/m 2 K a breve e medio termine, e di 0,2 W/m 2 K a lungo termine Efficienza nel riscaldamento, nel raffreddamento, nell aerazione dello spazio, nei sistemi di illuminazione e negli elettrodomestici, ed integrazione

9 delle energie rinnovabili negli edifici. A breve e medio termine si deve tendere a ridurre le emissioni di CO2 del 25% per gli edifici ristrutturati e del 35-50% per quelli nuovi, in funzione delle condizioni locali, compresa l'integrazione di tecnologie efficienti nel settore delle energie rinnovabili e la generazione/distribuzione di calore (a livello di edifici e di quartieri). I sistemi di raffreddamento attivi e passivi devono tendere a ridurre le punte di consumo di elettricità nei grandi edifici commerciali. I profili dei carichi stagionali di raffreddamento devono evitare punte superiori al 50% del valore medio. Per l'illuminazione e l'utilizzo della luce del giorno, il risparmio di energia deve attestarsi almeno al 40% negli edifici ristrutturati e al 50% per quelli nuovi e i complessi edilizi. Per i componenti generici e gli elettrodomestici l'obiettivo a lungo termine è di raggiungere un consumo energetico <50% rispetto a quello consentito dalle migliori tecnologie odierne. Per i sistemi di gestione energetica negli edifici si tratta infine di ridurre il consumo di energia del 7% entro il 2010, senza dimenticare le esigenze degli utenti e le variazioni climatiche. Relativamente ai due programmi gli inviti a presentare proposte hanno scadenza per: La città del futuro e patrimonio culturale (azione Costruzione o ricostruzione sostenibili di grandi complessi edili urbani o di infrastrutture urbane) il 15 ottobre Energia azioni chiave 5 e 6, invito a presentare proposte per azioni indirette di RST, di breve termine (proposte di RST, inclusi progetti di dimostrazione e progetti combinati di RST e dimostrazione) 14 dicembre I bandi precisano che, coerentemente agli orientamenti della Commissione in materia di programmi, i progetti candidati al finanziamento devono evidenziare un approccio di respiro ed impatto europeo, di elevato profilo e della massima utilità possibile per cittadini e per le politiche europee. Alla luce di tutto quanto sopra descritto appare opportuno che Federabitazione alla luce delle scelte strategiche dalla associazione effettuate e relative al temi della Qualità ambientale, realizzativa e di processo, presenti una candidatura a far finanziare attraverso il V programma Quadro un intervento dimostrativo atto ad evidenziare la percorribilità e la convenienza anche economica delle scelte effettuate. Si tratta quindi di individuare un numero limitato di interventi (massimo tre) di grande respiro impostati nella loro progettazione di base a dare pratica attuazione dei principi della Bioarchitettura, evidenziandone la perfetta sovrapposizione con gli obiettivi Comunitari ed evidenziando quindi come attraverso il cofinanziamento Comunitario possa attivarsi un circuito virtuoso di realizzazioni, capace di indirizzare nel senso della sostenibilità le nuove realizzazioni residenziali.

10 È utile ancora sottolineare il fatto che questi progetti devono contestualmente essere promossi e sottoscritti con altri soggetti in Europa, vanno quindi trovati, per presentare le proposte almeno altri due partner in Europa.

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia 1 Riferimenti: Legge 9/10 del 1991: Norme per l'attuazione del Piano energetico

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

Gli schemi finanziari utilizzabili per le attività di R&S

Gli schemi finanziari utilizzabili per le attività di R&S Il settore strategico delle acque: come l innovazione chimica può aumentarne la sostenibilità Gli schemi finanziari utilizzabili per le attività di R&S Stefano Toffanin Ferrara, 21 maggio 2010 Quartiere

Dettagli

L energia. La riqualificazione e l efficienza. energetica: obiettivi ambientali e obblighi

L energia. La riqualificazione e l efficienza. energetica: obiettivi ambientali e obblighi La riqualificazione e l efficienza L energia energetica: per uscire dalla obiettivi ambientali e obblighi crisi: di legge le opportunità per la riqualificazione energetica degli edifici Sara Vito Assessore

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Tipologie di Servizi offerti ai Comuni beneficiari

Tipologie di Servizi offerti ai Comuni beneficiari WORKSHOP Rivolto ai Comuni beneficiari del Progetto Alterenergy Tipologie di Servizi offerti ai Comuni beneficiari I Servizi offerti ai Comuni beneficiari da professionisti che saranno selezionati dall

Dettagli

Obiettivi e Strumenti

Obiettivi e Strumenti Libro verde sul quadro al 2030 per le politiche energetiche e climatiche Consultazione pubblica del Ministero dello Sviluppo Economico Risposte Confindustria Confindustria considera il tema affrontato

Dettagli

Audit energetico degli edifici di proprietà dei Comuni piccoli e medi

Audit energetico degli edifici di proprietà dei Comuni piccoli e medi Piano d azione: Promuovere la sostenibilità ambientale a livello locale Area AMBIENTE Bando con scadenza 29 giugno 2007: Audit energetico degli edifici di proprietà dei Comuni piccoli e medi Il problema

Dettagli

LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10

LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 Norme per l'attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell'energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia. La

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

Opportunità offerte dalla nuova programmazione 2007-2013

Opportunità offerte dalla nuova programmazione 2007-2013 Sinnai, 4 marzo 2009 EFFICIENZA ENERGETICA E VALORIZZAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Opportunità offerte dalla nuova programmazione 2007-2013 «lo Sviluppo sostenibile è uno sviluppo che soddisfa i bisogni

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Finanziamenti dell Unione europea: fonti di informazione on-line

Finanziamenti dell Unione europea: fonti di informazione on-line Finanziamenti dell Unione europea: fonti di informazione on-line Principali Fonti UE di aggiornamento Eur-Lex Legislazione in vigore e in preparazione a cura dell Ufficio delle pubblicazioni ufficiali

Dettagli

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio Fondi strutturali 2014-2020 Guida pratica Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio State progettando i Programmi Operativi che plasmeranno

Dettagli

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia Gli obiettivi del Piano energetico regionale Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia 1 Il progetto del PER Il Servizio Energia è attualmente impegnato, attraverso un

Dettagli

Efficienza energetica, online il Piano d'azione 2014 (PAEE). IL TESTO

Efficienza energetica, online il Piano d'azione 2014 (PAEE). IL TESTO casaeclima.com http://www.casaeclima.com/ar_18985 ITALIA-Ultime-notizie-paee-efficienza-energetica-Efficienza-energetica-online-il-Pianodazione-2014-PAEE.-IL-TESTO-.html Efficienza energetica, online il

Dettagli

La politica Europea e Italiana per l Efficienza Energetica

La politica Europea e Italiana per l Efficienza Energetica La politica Europea e Italiana per l Efficienza Energetica Unità Tecnica Efficienza Energetica -UTEE Sommario Direttiva Europea sull Efficienza Energetica Strategia Energetica Nazionale (sett. 2012) 2

Dettagli

Politica energetica e ruolo delle aziende

Politica energetica e ruolo delle aziende Politica energetica e ruolo delle aziende Giovanni Bernasconi TicinoEnergia e SPAAS Manno, 27 novembre 2013 Evoluzione consumi in Ticino 1950-2012 2 2 Bilancio energetico 2012 Struttura Consumo totale:

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile 21 Ottobre 2015 Efficienza energetica degli edifici: il valore della casa, il valore dell ambiente con

Dettagli

VERSO UNO SVILUPPO SOSTENIBILE

VERSO UNO SVILUPPO SOSTENIBILE VERSO UNO SVILUPPO SOSTENIBILE uno sviluppo che soddisfa le esigenze del presente senza compromettere la possibilità delle future generazioni di soddisfare le proprie Relazione Bruntland Garantire la qualità

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio VIA SOLFERINO N 55-25121 - BRESCIA www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it Tel. 030-3757406 Fax 030-2899490 1 2 3 INDICE 1 Generalità pag. 04 2 Il comparto

Dettagli

I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+

I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+ 3 Workshop di R&S Opportunità finanziarie per la ricerca delle Imprese Chimiche nei settori energetici e ambientali I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+ Stefano Toffanin Milano,

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Il contributo delle Associazioni di Categoria. Prof. Ing. Paolo Rigone

Il contributo delle Associazioni di Categoria. Prof. Ing. Paolo Rigone Il contributo delle Associazioni di Categoria Prof. Ing. Paolo Rigone Uncsaal, l Unione Nazionale Costruttori Serramenti Alluminio Acciaio e Leghe, è l Associazione confindustriale delle imprese italiane

Dettagli

APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea Chiara Pocaterra

APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea Chiara Pocaterra APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea Chiara Pocaterra Punto di Contatto Nazionale Tema 2 Prodotti Alimentari, Agricoltura e Pesca e Biotecnologie 7PQ Tema 5 Energia Programma EURATOM Competitiveness

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

Architettura è Energia Think different. Build different.

Architettura è Energia Think different. Build different. Architettura è Energia Think different. Build different. Klimahouse Toscana - Firenze, 28 marzo 2014 L opzione dell efficienza energetica per le politiche di green economy Andrea Barbabella Responsabile

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico BIOEDILIZIA PER CONSUMARE MENO ENERGIA Dopo le misure per l efficienza energetica contenute in finanziaria arriva un decreto legislativo che spinge l industria italiana

Dettagli

La Macchina del Clima

La Macchina del Clima Il Piano Energetico Ambientale della Provincia di Bologna Emanuele Burgin - Porretta, 18 marzo 2006 Evaporation Precipitation Sea Ice Oceans Biosphere Run-off Soil Moisture La Macchina del Clima Radiazione

Dettagli

THE ISSUE/NEREUS Pubblicazione congiunta

THE ISSUE/NEREUS Pubblicazione congiunta THE ISSUE/NEREUS Pubblicazione congiunta Richiesta contributi Le regioni partner di THE ISSUE Progetto FP7 e Nereus - Rete delle regioni europee utilizzatrici di Tecnologie Spaziali - richiedono contributi

Dettagli

Le politiche della Commissione per l Energia. Silvia Zinetti Comitato Economico e Sociale Europeo Bergamo, 03 Ottobre 2014

Le politiche della Commissione per l Energia. Silvia Zinetti Comitato Economico e Sociale Europeo Bergamo, 03 Ottobre 2014 Le politiche della Commissione per l Energia Silvia Zinetti Comitato Economico e Sociale Europeo Bergamo, 03 Ottobre 2014 Indice Il contesto Gli obiettivi Art. 194 TFUE Quadro generale Obiettivo EE Le

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

Il settimo programma d'azione per l'ambiente (2014-2020) e il consumo di suolo

Il settimo programma d'azione per l'ambiente (2014-2020) e il consumo di suolo Il settimo programma d'azione per l'ambiente (2014-2020) e il consumo di suolo Luca Marmo Commissione europea Direzione generale dell'ambiente Unità ENV.B.1 Agricoltura, foreste e suoli BU-5, 5/178 1049

Dettagli

ABB 28 Novembre 2013 Fonfazione FENICE Onlus Efficienza Energetica ABB

ABB 28 Novembre 2013 Fonfazione FENICE Onlus Efficienza Energetica ABB ABB 28 Novembre 2013 Fonfazione FENICE Onlus Efficienza Energetica ABB ABB Mondo: Italia 145.000 dipendenti in oltre 100 paesi 39 miliardi di dollari in ricavi (2012) Nata nel 1988 dalla fusione di società

Dettagli

Il Programma MED 2014-2020

Il Programma MED 2014-2020 Il Programma MED 2014-2020 Obiettivo generale Promuovere una crescita sostenibile nel bacino mediterraneo favorendo pratiche innovative e un utilizzo ragionevole delle risorse (energia, acqua, risorse

Dettagli

Info Day Horizon SC5 LIFE. Ministero dell ambiente della tutela del territorio e del mare/sogesid Direzione per lo sviluppo sostenibile

Info Day Horizon SC5 LIFE. Ministero dell ambiente della tutela del territorio e del mare/sogesid Direzione per lo sviluppo sostenibile Info Day Horizon SC5 LIFE Ministero dell ambiente della tutela del territorio e del mare/sogesid Direzione per lo sviluppo sostenibile Stefania Betti National Contact Point LIFE Complementarietà I regolamenti

Dettagli

8,5 7,9 7,3 6,3 5,7 5,1 5,2 4,2 2,4 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010-1,3

8,5 7,9 7,3 6,3 5,7 5,1 5,2 4,2 2,4 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010-1,3 Panoramica del settore delle energie rinnovabili in Romania La Romania si trova nel centro geografico d'europa (nel sud-ovest del centro Europa). Il paese ha 21,5 milioni di abitanti e si estende su una

Dettagli

Innovare significa cogliere i cambiamenti, questo è il nostro DNA CHI SIAMO

Innovare significa cogliere i cambiamenti, questo è il nostro DNA CHI SIAMO CHI SIAMO Vendor propone soluzioni di Efficienza Energetica e Finanziaria per le imprese private e pubbliche, avvalendosi di un team composto da professionisti con esperienza decennale nel settore. In

Dettagli

Sostegno alla progettazione e all adozione di politiche sul risparmio energetico e le fonti rinnovabili di energia

Sostegno alla progettazione e all adozione di politiche sul risparmio energetico e le fonti rinnovabili di energia Sostegno alla progettazione e all adozione di politiche SOSTEGNO ALLA PROGETTAZIONE E ALL ADOZIONE DI POLITICHE SUL RISPARMIO ENERGETICO E LE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Oggetto: il PEAP (Piano Energetico Ambientale Provinciale) IL CONTESTO europeo nazionale provinciale

Oggetto: il PEAP (Piano Energetico Ambientale Provinciale) IL CONTESTO europeo nazionale provinciale Oggetto: il PEAP (Piano Energetico Ambientale Provinciale) IL CONTESTO europeo nazionale provinciale a livello comunitario: Direttiva Fonti Energetiche Rinnovabili (Direttiva 2009/28/EC) Direttiva Emission

Dettagli

ENERGY MANAGEMENT Gruppo Monte dei Paschi di Siena

ENERGY MANAGEMENT Gruppo Monte dei Paschi di Siena ENERGY MANAGEMENT Gruppo Monte dei Paschi di Siena Ing. Francesco Pellegrino- Energy Manager PGI Milano, 12/11/2004 INDICE 1 LA BANCA MPS 2 LA POLITICA AMBIENTALE 3 IMMOBILIARI 4 ENERGY MANAGEMENT 2 1-

Dettagli

LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY

LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY Pisa, 26 maggio 2011 LE CITTA PROTAGONISTE NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI Le città sono responsabili di oltre il 50% delle emissioni di gas

Dettagli

Produzione di energia da fonti rinnovabili e interventi di risparmio ed uso razionale dell energia nelle grandi strutture

Produzione di energia da fonti rinnovabili e interventi di risparmio ed uso razionale dell energia nelle grandi strutture Produzione di energia da fonti rinnovabili e interventi di risparmio ed uso razionale dell energia nelle grandi strutture Le grandi strutture dell edilizia, del commercio, della grande distribuzione e

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO NELL EDILIZIA

IL RISPARMIO ENERGETICO NELL EDILIZIA IL RISPARMIO ENERGETICO NELL EDILIZIA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO INDUSTRIA Palermo 9 marzo 2005 L uso razionale delle risorse energetiche è un tema di crescente rilevanza nelle politiche di sviluppo

Dettagli

Fabio Travagliati PF Politiche Comunitarie e Autorità di gestione dei Fondi FESR e FSE della Regione Marche

Fabio Travagliati PF Politiche Comunitarie e Autorità di gestione dei Fondi FESR e FSE della Regione Marche Il nuovo POR FESR a sostegno delle politiche energetiche degli attori regionali Fabio Travagliati PF Politiche Comunitarie e Autorità di gestione dei Fondi FESR e FSE della Regione Marche 1 Il ciclo di

Dettagli

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Relazione illustrativa sul SEAP (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il Parlamento Europeo nel dicembre 2008 ha approvato il pacchetto clima-energia volto a conseguire

Dettagli

Qualificazione di esperto in gestione dell energia (Energy Manager) nel settore industriale: Livello 6

Qualificazione di esperto in gestione dell energia (Energy Manager) nel settore industriale: Livello 6 Qualificazione di esperto in gestione dell energia (Energy Manager) nel settore industriale: Livello 6 REQUISITI MINIMI PER ACCEDERE AL PROCESSO DI QUALIFICAZIONE E PROPOSTE DI E LEARNING CONOSCENZE DI

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico.

La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico. La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico. Il CERTIFICATO ENERGETICO : la Direttiva Europea 2002/91/CE del Parlamento e del Consiglio del 16 dicembre 2002

Dettagli

Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti

Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti DISPOSIZIONI REGIONE LOMBARDIA 2 2. DEFINIZIONI 1/3 DISPOSIZIONI

Dettagli

technoarea Gorizia AREA Science Park Investire a Gorizia UDINE 28 settembre 2001 Elena Pianese elena.pianese@area.trieste.it

technoarea Gorizia AREA Science Park Investire a Gorizia UDINE 28 settembre 2001 Elena Pianese elena.pianese@area.trieste.it technoarea Gorizia AREA Science Park Investire a Gorizia UDINE 28 settembre 2001 Elena Pianese elena.pianese@area.trieste.it 1 Il Polo Tecno-Industriale per l Energia di AREA Science Park a Gorizia La

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

L efficienza energetica in edilizia

L efficienza energetica in edilizia L efficienza energetica in edilizia Ing. Nicola Massaro - ANCE L Aquila, 13 maggio 2015 www.edifici2020.it Con il patrocinio di Negli ultimi anni si è evoluta la consapevolezza che la sostenibilità, nel

Dettagli

Programma UE LIFE 2014-2020. Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima

Programma UE LIFE 2014-2020. Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima Programma UE LIFE 2014-2020 Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima Regolamento UE n. 1293/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio dell 11 dicembre 2013 istituisce il Programma per l ambiente

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

stabilire che gli edifici immessi nel mercato immobiliare dichiarino il proprio consumo energetico;

stabilire che gli edifici immessi nel mercato immobiliare dichiarino il proprio consumo energetico; BIOEDILIZIA PER CONSUMARE MENO ENERGIA I l 22 dicembr e 2006, il Consiglio dei minist ri ha approvat o in via definit iva un decreto legislat ivo che spinge l industria it aliana delle costr uzioni verso

Dettagli

Politiche energetiche ed ambientali. Previsioni sull energia prodotta da rinnovabili

Politiche energetiche ed ambientali. Previsioni sull energia prodotta da rinnovabili Generazione Diffusa: Impatto sulla Rete Elettrica di Trasmissione Nazionale Sviluppo della generazione diffusa in Italia MILANO, 30 APRILE 2009 Pianificazione e Sviluppo Rete / Pianificazione Rete 1 La

Dettagli

Piano d Azione Energia Sostenibile di Città di Castello Luca Secondi, Assessore Ambiente e Mobilità

Piano d Azione Energia Sostenibile di Città di Castello Luca Secondi, Assessore Ambiente e Mobilità Piano d Azione Energia Sostenibile di Città di Castello Luca Secondi, Assessore Ambiente e Mobilità Patto dei Sindaci Il Comune di Città di Castello ha da tempo riconosciuto la sostenibilità come variabile

Dettagli

QUINTA CONFERENZA NAZIONALE SULLE FONTI RINNOVABILI TERMICHE

QUINTA CONFERENZA NAZIONALE SULLE FONTI RINNOVABILI TERMICHE QUINTA CONFERENZA NAZIONALE SULLE FONTI RINNOVABILI TERMICHE Roma, 27 e 28 Novembre 2013 IL RUOLO DELLE POMPE DI CALORE Fernando Pettorossi Associazione Co.Aer GLI USI EFFICIENTI DEL VETTORE ELETTRICO

Dettagli

Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna. Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia

Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna. Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia Santarcangelo di Romagna 19 Febbraio 2015 Le politiche energetiche in Europa

Dettagli

SCHEDA PROGETTUALE. Campagna di sensibilizzazione sul risparmio energetico

SCHEDA PROGETTUALE. Campagna di sensibilizzazione sul risparmio energetico Allegato 1 SCHEDA PROGETTUALE Campagna di sensibilizzazione sul risparmio energetico 1. PREMESSA Il 2015 è stato proclamato Anno Internazionale della Luce dalle Nazioni Unite per spingere gli Stati Membri

Dettagli

Versione 2.1. San Donato Milanese - Settembre, 2012

Versione 2.1. San Donato Milanese - Settembre, 2012 Versione 2.1 San Donato Milanese - Settembre, 2012 Agenda Chi siamo Energia ed Ecosostenibilità Il Contesto Energetico Italiano La nostra Mission Perchè scegliere Myenergy Building Solutions I nostri Servizi

Dettagli

Pianificazione territoriale energetica per la città che evolve. Ing. Fausto Ferraresi Presidente AIRU Associazione Italiana Riscaldamento Urbano

Pianificazione territoriale energetica per la città che evolve. Ing. Fausto Ferraresi Presidente AIRU Associazione Italiana Riscaldamento Urbano Pianificazione territoriale energetica per la città che evolve Ing. Fausto Ferraresi Presidente AIRU Associazione Italiana Riscaldamento Urbano Roma, 27 novembre 2013 Agenda Il Teleriscaldamento in Europa

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO Riccardo Tardiani Coordinamento Ambiente Comune di Verona Ecomondo Fiera di Rimini 5 novembre 2014

Dettagli

Efficienza per pianificare l energia

Efficienza per pianificare l energia Efficienza per pianificare l energia Simona Murroni - Assessorato Industria - Servizio Energia La RAS - Assessorato Industria Servizio Energia Sta redigendo il Piano Energetico Regionale Ambientale di

Dettagli

Il riconoscimento del ruolo dell ef Il riconoscimento del r ficienza ener cienza ener e g tica in dili dili i z a Giuliano Dall O S onsor

Il riconoscimento del ruolo dell ef Il riconoscimento del r ficienza ener cienza ener e g tica in dili dili i z a Giuliano Dall O S onsor Il riconoscimento del ruolo dell efficienza energetica in edilizia i Giuliano Dall O Professore di Fisica Tecnica Ambientale al Politecnico di Milano, Direttore Generale di Sacert Sponsor Con il patrocinio

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA SCOPI PROCEDURE SVILUPPI

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA SCOPI PROCEDURE SVILUPPI LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA SCOPI PROCEDURE SVILUPPI PREMESSE A breve tempo, le indicazioni emerse dagli studi statistici compiuti, hanno evidenziato che la dipendenza energetica dell UE dalle fonti energetiche

Dettagli

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA IL SISTEMA PRODUTTIVO DELL EMILIA EMILIA-ROMAGNA ALCUNI PUNTI DI FORZA ALCUNI PUNTI DI DEBOLEZZA ALTO LIVELLO

Dettagli

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2 La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui energetici ed emissioni di CO 2 Rapporto di Sostenibilità 2011 I benefici di BIOCASA su energetici e emissioni di CO 2 Il Progetto BIOCASA è la risposta di

Dettagli

Canali e modalità di accesso alle fonti di finanziamento europeo

Canali e modalità di accesso alle fonti di finanziamento europeo Canali e modalità di accesso alle fonti di finanziamento europeo convegno Piani energetici, opportunità di risparmio e finanziamento per le pubbliche amministrazioni Mezzocorona 25/02/2011 Canali di finanziamento

Dettagli

PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DEL COMUNE DI POTENZA Linee guida

PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DEL COMUNE DI POTENZA Linee guida PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DEL COMUNE DI POTENZA Linee guida P.I. Gino D Angelo Tecnico Responsabile per la Conservazione e l Uso dell Energia del Comune di Potenza Introduzione Il Tecnico Responsabile

Dettagli

L Agenzia CasaClima sensibilizza, informa e crea trasparenza per costruire in modo energeticamente efficiente e sostenibile.

L Agenzia CasaClima sensibilizza, informa e crea trasparenza per costruire in modo energeticamente efficiente e sostenibile. AGENZIA CASACLIMA L Agenzia CasaClima di Bolzano è un ente pubblico che si occupa della certificazione energetica e ambientale degli edifici, sia di nuova costruzione che risanati, e della formazione degli

Dettagli

Normativa di riferimento

Normativa di riferimento Normativa di riferimento La normativa in materia di energie alternative da fonti rinnovabili è presente a diverse scale territoriali: da indirizzi a livello globale ed europeo sino ad una trattazione a

Dettagli

Milano, 21 marzo 2012. Azioni ambientali di UBI BANCA e CDP

Milano, 21 marzo 2012. Azioni ambientali di UBI BANCA e CDP Azioni ambientali di UBI BANCA e CDP INDICE Strategia aziendale in materia di clima La policy ambientale e il codice etico La loro applicazione Il programma energetico Le opportunità derivanti da CDP 2

Dettagli

Qualità ambientale esterna. Qualità degli ambienti di vita. Salute. Tutela delle risorse. Pratiche e regolamenti per una buona edilizia

Qualità ambientale esterna. Qualità degli ambienti di vita. Salute. Tutela delle risorse. Pratiche e regolamenti per una buona edilizia Pratiche e regolamenti per una buona Regolamento per l l sostenibile ed il risparmio energetico Comune di Altopascio Arch. Lucia Flosi Cheli 20 novembre 2013 Aspetti relativi alla buona previsti dal regolamento

Dettagli

Realizzare l Unione Energetica europea. Proposte e raccomandazioni di policy per dare energia alla competitività dell Europa

Realizzare l Unione Energetica europea. Proposte e raccomandazioni di policy per dare energia alla competitività dell Europa Realizzare l Unione Energetica europea Proposte e raccomandazioni di policy per dare energia alla competitività dell Europa Mappa concettuale della Ricerca Contesto di riferimento : un elemento chiave

Dettagli

Implenia Building. Raffaele Balmelli Direttore Sede di Lugano

Implenia Building. Raffaele Balmelli Direttore Sede di Lugano Implenia Building Raffaele Balmelli Direttore Sede di Lugano L impresa Importanza del settore delle costruzioni Il settore delle costruzioni influenza lo sviluppo sostenibile del nostro paese in modo significativo,

Dettagli

Sostenibilità Ambientale: l Ospedale come utilizzatore e promotore di innovazione

Sostenibilità Ambientale: l Ospedale come utilizzatore e promotore di innovazione Sostenibilità Ambientale: l Ospedale come utilizzatore e promotore di innovazione Stefano Cordiner Università di Roma Tor Vergata cordiner@uniroma2.it Sostenibilità ambientale Le strutture sanitarie esplicano

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO Riccardo Tardiani Coordinamento Ambiente Comune di Verona Smart Energy Expo - Sala Smart City y & Communities

Dettagli

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people Effetto serra e il Patto dei Sindaci L effetto serra Fenomeno naturale che intrappola il calore del sole nell atmosfera per via di alcuni gas. Riscalda la superficie del pianeta Terra rendendo possibile

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 INVESTIMENTO TERRITORIALE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Lo strumento conoscitivo a misura di Patto dei Sindaci Diamo valore al Clima: Efficienza, Sostenibilità, Competitività Stefania

Dettagli

4. ENERGIA. Introduzione. Fonte e Metodo d Indagine

4. ENERGIA. Introduzione. Fonte e Metodo d Indagine 4. ENERGIA Introduzione Limitatamente al sistema energetico, il XX secolo è stato caratterizzato da una tendenza di fondo sostanzialmente costante, cioè la fortissima crescita dei consumi energetici, e

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Le policy dell energia in Sardegna I fondi di coesione per il settore energia, nel processo di definizione

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 140

LEGGE REGIONALE N. 140 VII LEGISLATURA ATTI: 011117 LEGGE REGIONALE N. 140 NORME PER IL RISPARMIO ENERGETICO NEGLI EDIFICI E PER LA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI INQUINANTI E CLIMALTERANTI Approvata nella seduta del 15 dicembre

Dettagli

L efficienza energetica in edilizia

L efficienza energetica in edilizia EDIFICI A ENERGIA QUAZI ZERO VERSO IL 2020 Il roadshow per l efficienza energetica L efficienza energetica in edilizia Ing. Nicola Massaro ANCE Roma, 9 maggio 2014 www.edifici2020.it Sostenibilità è (anche)

Dettagli

Il nuovo meccanismo ELENA

Il nuovo meccanismo ELENA Il nuovo meccanismo ELENA (European Local Energy Assistance) Sintesi Power house Italy - Toolkit (European Local Energy Assistance) La Commissione europea e la Banca europea per gli investimenti (BEI)

Dettagli

Contesto di riferimento. Descrizione

Contesto di riferimento. Descrizione EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI CONTENUTI: Contesto di riferimento. Descrizione delle tecnologie. Interventi sull involucro. Interventi sui dispositivi di illuminazione.

Dettagli

Politiche locali per l efficienza negli edifici

Politiche locali per l efficienza negli edifici Politiche locali per l efficienza negli edifici LO STRUMENTO DEL REGOLAMENTO EDILIZIO Giuliano Dall O Direttore Associazione Rete Punti Energia Milano Giovedi 11 novembre 2004 Centro Congressi Palazzo

Dettagli

CITTA DI SACILE AGGIORNAMENTO. ACCORDI CON I GESTORI PROTOCOLLO D INTESA (Regolamento di attuazione, art. 9)

CITTA DI SACILE AGGIORNAMENTO. ACCORDI CON I GESTORI PROTOCOLLO D INTESA (Regolamento di attuazione, art. 9) REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI PORDENONE CITTA DI SACILE Piano comunale di settore per la localizzazione degli Impianti fissi di telefonia mobile (L.R. n. 028 del 06 dicembre 2004,

Dettagli

Green Communities nelle Regioni Obiettivo Convergenza

Green Communities nelle Regioni Obiettivo Convergenza Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007 2013 Green Communities nelle Regioni Obiettivo Convergenza Metodologia/procedura attività Linea 2 Premessa Secondo quanto

Dettagli

ENERGIA OBIETTIVO EFFICIENZA. Eriberto Melloni Luca Gentile. I2t3-Onlus partner del Polo di Innovazione POLIS

ENERGIA OBIETTIVO EFFICIENZA. Eriberto Melloni Luca Gentile. I2t3-Onlus partner del Polo di Innovazione POLIS ENERGIA OBIETTIVO EFFICIENZA Eriberto Melloni Luca Gentile I2t3-Onlus partner del Polo di Innovazione POLIS Ente strumentale per il trasferimento tecnologico dell Universit Università di Firenze I2t3 si

Dettagli