Teoria/pratica pertinente alle professioni di Infermiere/Ostetrica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Teoria/pratica pertinente alle professioni di Infermiere/Ostetrica"

Transcript

1 Università degli Studi di Pavia Prova di ammissione al corso di laurea Specialistica/Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Anno Accademico 2006/2007 Teoria/pratica pertinente alle professioni di Infermiere/Ostetrica 1. Nell ambito delle misure di valutazione della qualità, il confronto tra gli obiettivi prestabiliti e i risultati effettivamente raggiunti esprime: A) la sicurezza B) l economicità C) l efficienza D) l appropriatezza E) l efficacia 2. Il lavaggio antisettico delle mani è indicato: A) prima di eseguire procedure invasive B) prima di qualsiasi azione che preveda il contatto diretto con l utente C) come preparazione alle attività di strumentazione perioperatoria D) al termine delle attività di strumentazione perioperatoria 3. L Evidence based Medicine si è recentemente diffusa in seguito: A) allo sviluppo di tecnologie informatiche e all utilizzo di internet nel mondo sanitario B) alla progressiva riduzione del volume e della complessità dell informazione biomedica C) all assenza di ostacoli all integrazione nella pratica clinica dei risultati della ricerca D) alla diminuzione dei costi dei sistemi sanitari E) al fallimento della cosiddetta medicina alternativa 4. Nella rilevazione della pressione arteriosa mediante sfigmomanometro e fonendoscopio, per la quale sono riconosciute cinque fasi corrispondenti ai toni di Koroktoff, la pressione diastolica viene indicata dalla: A) prima fase B) seconda fase C) terza fase D) quarta fase E) quinta fase 5. A. Rossi, Vincere lo stress, Milano 1999.Per essere completo di tutti gli elementi richiesti dalla consuetudine, a questo riferimento bibliografico manca: A) il prezzo B) il numero di pagine C) la rivista in cui è pubblicato D) il nome del traduttore E) la casa editrice 6. Si definisce autoimmune : A) la reazione a un vaccino B) una patologia nei confronti della quale il soggetto risulta immunizzato sin dalla nascita C) una patologia per la quale il soggetto sviluppa autonomamente un sistema di difesa efficace, senza bisogno di immunostimolatori D) una patologia determinata dallo sviluppo, da parte del soggetto, di anticorpi anomali che agiscono contro il proprio organismo

2 7. Tra i seguenti, il farmaco chemioterapico che deve essere conservato al riparo dalla luce in quanto fotosensibile è: A) la bleomicina B) la ciclofosfamide C) il metotrexate D) la vincristina E) tutti i farmaci indicati sono fotosensibili 8. Uno studio che si propone di spiegare le relazioni causali tra denutrizione e disfagia: A) è una ricerca clinica di tipo esplorativo B) è una ricerca clinica di tipo descrittivo C) è una ricerca clinica di tipo esplicativo D) è una sperimentazione clinica E) non è un attività di ricerca 9. In una ricerca, mediante il campionamento di convenienza vengono selezionati i soggetti: A) che esprimono un consenso B) che presentano caratteristiche strutturali comuni C) che non chiedono un compenso D) che presentano patologie con prognosi fausta E) più facilmente accessibili 10. La variabile che deve necessariamente essere presa in considerazione per valutare l efficacia di un intervento assistenziale viene definita: A) obiettivo B) standard C) indicatore D) audit 11. In caso di avvelenamento acuto da ingestione, la gastrolusi è un provvedimento d urgenza: A) indicato per le intossicazioni da caustici B) indicato per le intossicazioni con il paziente in coma C) sempre indicato D) mai indicato 12. Nella terminologia medica, la desinenza -ite indica una patologia di carattere: A) infiammatorio B) degenerativo C) cronico D) autoimmune E) neoplastico 13. La posizione di sicurezza del paziente è indicata in caso di: A) infarto miocardio acuto B) traumi agli arti inferiori C) perdita di coscienza D) tubercolosi in fase attiva E) frattura della colonna vertebrale 14. Gli anticorpi responsabili delle reazioni allergiche immediate sono: A) le Ig A B) le Ig B C) le Ig D D) le Ig E E) le Ig M

3 15. Quale tra le seguenti azioni non è propria dell acido acetilsalicilico? A) L azione antiemetica B) L azione antipiretica C) L azione antinfiammatoria D) L azione antiaggregante piastrinica E) L azione uricosurica 16. Per spettro antibiotico si intende: A) l insieme degli antibiotici capaci di agire nei confronti di un certo agente patogeno B) l insieme degli agenti patogeni sensibili all azione di un antibiotico C) l insieme degli agenti patogeni resistenti a un determinato antibiotico D) il tempo che l antibiotico impiega per raggiungere la sua massima efficacia E) la concentrazione di un antibiotico a livello ematico 17. Qual è il problema sanitario più frequente del viaggiatore internazionale che si reca in paesi in via di sviluppo? A) febbre tifoide B) incidenti stradali C) diarrea del viaggiatore D) malaria E) infezione da HIV 18. I livelli essenziali ed uniformi di assistenza (LEA) sono entrati in vigore per la prima volta nel: A) 1992 B) 1993 C) 1999 D) 2002 E) La trasmissione delle infezioni ospedaliere può avvenire mediante: A) alimenti B) aria C) contatto diretto D) strumentario E) tutte le altre risposte sono corrette 20. In uno studio basato su interviste, un alta percentuale di non rispondenti può costituire un problema: A) solo se la non rispondenza è superiore a 50% B) solo se gli intervistatori sono a conoscenza dell ipotesi in studio C) particolarmente per condizioni ad alta prevalenza D) perché non si può ottenere alcun risultato statisticamente significativo E) perché i non rispondenti potrebbero differire dai rispondenti per particolari caratteristiche 21. Per l esecuzione di un prelievo di sangue venoso a scopo di coltura ematica, il campione deve essere di norma prelevato: A) almeno un ora dopo un episodio di aumento della temperatura corporea B) almeno tre ore dopo un episodio di aumento della temperatura corporea C) durante un episodio di aumento della temperatura corporea D) solo se la temperatura corporea supera i 39 C E) tempestivamente, non appena la temperatura corporea si riporta a 37 C dopo aver superato i 39 C 22. L International Classification for Nursing Practice (ICNP) è un progetto di classificazione: A) del linguaggio infermieristico basato sul sistema DRG sviluppatosi nella medicina B) del linguaggio infermieristico promosso dall International Council of Nurses C) del linguaggio infermieristico avviato negli anni Novanta dall OMS D) delle diagnosi infermieristiche sviluppato da una rete di associazioni professionali nordamericane E) delle diagnosi infermieristiche promosso dalle associazioni professionali europee

4 23. Il posizionamento del catetere di Swan-Ganz permette di: A) eseguire la dialisi extracorporea in urgenza B) eseguire la dialisi peritoneale C) rilevare la pressione intracranica D) rilevare la pressione del tratto toracico dell aorta E) rilevare la pressione dell arteria polmonare 24. L aumento di intensità del colore delle urine (urine ipercromiche) è provocato: A) dalla presenza di pigmenti biliari B) da un elevata presenza di batteri C) da disfunzionalità cardiocircolatorie D) dalla presenza di sangue 25. Nel cateterismo vescicale, sono definiti sistemi a circuito chiuso : A) le tecniche di posizionamento che rispettano le norme di antisepsi B) le tecniche di posizionamento che prevedono il lavaggio vescicale continuo C) i cateteri vescicali rigidi o semirigidi D) i contenitori di raccolta 26. In un adulto sano a riposo, le urine: A) contengono una minima quantità di proteine B) non contengono proteine C) nessuna delle altre risposte è corretta D) compaiono solo dopo un intenso sforzo fisico E) contengono chetoni 27. Nel calcolo del bilancio idrico, la cosiddetta acqua di ossidazione viene considerata: A) un output, poiché rappresenta il prodotto dell iperventilazione B) un output, poiché rappresenta la quota di acqua sottratta all organismo a causa dei processi metabolici C) un input perché rappresenta una quota di acqua introdotta per infusione nell organismo D) un input, poiché rappresenta la quota di acqua endogena prodotta dall organismo a causa dei processi metabolici 28. Nell assistenza a un paziente con stenosi uretrale correlata a ipertrofia prostatica, è indicato l utilizzo di un catetere: A) vescicale Couvelaire B) vescicale Foley C) nessuna delle altre risposte è corretta D) vescicale Nelaton E) vescicale Blakemore 29. Prima di essere sottoposto a paracentesi, è necessario che il paziente: A) beva molta acqua e trattenga le urine B) sia cateterizzato C) svuoti la vescica D) assuma una profilassi antibiotica E) sia digiuno 30. In caso di pneumotorace, il drenaggio inserito nella cavità pleurica deve: A) essere collegato a un sistema di aspirazione con dispositivo a valvola d acqua B) essere collegato a un sacchetto di raccolta sterile e a caduta C) essere collegato a un sistema di aspirazione senza dispositivo a valvola D) restare clampato per le prime 4-8 ore E) restare clampato per le prime 2-4 ore

5 31. La retroversione uterina è: A) la curvatura verso l indietro del corpo sul collo dell utero a livello dell istmo B) la caduta all indietro del collo dell utero e dell apice vaginale verso il coccige C) la discesa dell utero verso il canale vaginale D) la deviazione laterale del corpo dell utero sul collo E) la deviazione all indietro dell intero utero, senza modificazione nel rapporto del corpo con il collo 32. La metrorragia è: A) l assenza del flusso mestruale B) un flusso mestruale particolarmente abbondante a comparsa ciclica regolare C) un flusso mestruale accompagnato da dolore D) una perdita ematica che si verifica nel periodo intermestruale E) una perdita ematica abbondante che inizia come mestruazione e continua nel periodo intermestruale 33. Quale numero si differenzia dagli altri? A) 11 B) 13 C) 17 D) 35 E) Quale numero manca nella serie ? A) 30 B) 32 C) 34 D) 40 E) 45 Logica e Cultura Generale 35. A dice: B è falso. B dice: A e C sono entrambi veri. C dice: A è falso Quale assegnamenti delle tre variabili ABC rendono tutte e tre le frasi sopra riportate esatte? A) A vero- B falso- C falso B) A vero- B vero- C vero C) A vero- B falso- C vero D) A falso- B falso- C falso E) A falso- B vero- C vero 36. Da quanti paesi è composta attualmente l Unione Europea? A) 15 B) 19 C) 21 D) 25 E) Quale parola non ha alcun riferimento con le altre? A) gallina B) torre C) masso D) gallo E) pianta 38. Il XX settembre è la ricorrenza di: A) la battaglia di Solferino B) il trattato di Campoformio

6 C) la spedizione dei Mille D) la breccia di Porta Pia E) la proclamazione di Roma capitale 39. Cos è un autografo? A) un ricordo B) un documento personale C) uno scritto di mano dell autore D) un ritratto E) una biografia dell autore 40. Il termine contrario alla parola ciclico è: A) lineare B) ripetitivo C) circolare D) fasico E) seriale 41. Quale tra i seguenti è il corretto ordine cronologico di successione dei Presidenti della Repubblica Italiana? A) Einaudi, De Nicola, Gronchi, Leone, Saragat, Pertini, Cossiga, Scalfaro, Ciampi, Napolitano B) Einaudi, De Nicola, Gronchi, Leone, Saragat, Pertini, Scalfaro, Cossiga, Ciampi, Napolitano C) De Nicola, Einaudi, Gronchi, Saragat, Leone, Pertini, Cossiga, Scalfaro, Ciampi, Napolitano D) De Nicola, Gronchi, Einaudi, Saragat, Leone, Pertini, Scalfaro, Cossiga, Ciampi, Napolitano E) De Nicola, Einaudi, Gronchi, Leone, Saragat, Pertini, Cossiga, Scalfaro, Ciampi, Napolitano 42. Chi è stato l ultimo Re d Italia? A) Umberto I B) Umberto II C) Umberto III D) Vittorio Emanuele III E) Vittorio Emanuele IV 43. La Groenlandia: A) è un regno indipendente B) è una colonia C) dipende dal punto di vista legislativo dalla Danimarca D) dipende dal punto di vista amministrativo dalla Svezia E) non fa parte della comunità europea 44. Tuttavia è: A) un aggettivo B) un avverbio C) un sostantivo D) una congiunzione E) una preposizione 45. Quali delle seguenti sinfonie non è stata scritta da Mozart. A) Jupiter B) Linz C) Paris D) Pastorale E) Prague 46. La famosa scultura detta La Pietà Palestina esposta a Firenze nella galleria dell Accademia, è opera di: A) Michelangelo B) Borromini

7 C) Bernini D) Cellini E) Vasari 47. In che anno Roma è diventata capitale d Italia? A) 1849 B) 1850 C) 1860 D) 1870 E) Data la seguente serie di parole: casa, contadino, inutile, treno, veicolo. Indicare quale non ha niente a che fare con le altre: A) casa B) contadino C) treno D) veicolo E) inutile 49. A quale delle sotto elencate parole può essere accostato l aggettivo apodittico/a? A) ragionamento B) comportamento C) fede D) proposta E) ipotesi 50. Quale delle parole sotto riportate non è in accordo con le altre? A) perone B) ulna C) tibia D) rotula E) metatarso Regolamentazione dell'esercizio delle professioni sanitarie ricomprese nella classe di laurea specialistica di interesse e legislazione sanitaria 51. Il codice deontologico è: A) una raccolta di norme cui ogni cittadino deve attenersi B) una raccolta di norme alle quali ci si deve attenere per poter essere assunto C) una raccolta di norme alle quali ci deve attenere per svolgere determinate mansioni D) una raccolta di norme comportamentali per il malato durante la degenza in ospedale E) la raccolta ordinata delle norme cui ogni professionista deve attenersi 52. La cartella clinica si deve conservare: A) fino alla morte dell intestatario B) per venticinque anni C) per venticinque anni le radiografie, gli ECG, gli EEG etc e per cinquanta anni la parte descrittiva della degenza D) illimitatamente E) quella infermieristica dieci anni e quella medica venticinque 53. Per diagnosi di morte si intende: A) la cessazione del respiro autonomo B) la cessazione della funzione cardiaca

8 C) la cessazione della funzione neurologica D) la cessazione dello stato di coscienza E) la cessazione delle tre funzioni che costituiscono il tripode del Bichat 54. Per urgenza si intende: A) l atto terapeutico che può essere procrastinato di poche ore B) l atto terapeutico che non può essere procrastinato ma deve essere effettuato immediatamente, anche non effettuando esami routinari pre-operatori C) l atto terapeutico che può essere procrastinato ma deve essere effettuato entro dodici ore dall arrivo in P.S. ma prima di ventiquattro ore dal ricovero D) l atto terapeutico che può essere procrastinato fino alla esecuzione di tutti gli esami strumentali e clinici atti che portano ad una diagnosi certa E) l atto terapeutico che può essere procrastinato fino all arrivo del medico di maggior esperienza della divisione 55. Il referto è: A) sempre obbligatorio B) sempre facoltativo C) obbligatorio o facoltativo se a farlo è il medico o la capo-sala D) obbligatorio se l esercente una professione sanitaria ha prestato la propria opera o assistenza nei casi che presentano i caratteri di delitto perseguibile d ufficio E) facoltativo se l assistito non vuole che l esercente una professione sanitaria, che ha prestato la propria opera o assistenza nei casi che presentano i caratteri di delitto perseguibile d ufficio, faccia referto alla Autorità Giudiziaria 56. La Legge n 194, consente di: A) interrompere la gravidanza dopo il 180 giorno per motivi economici B) interrompere la gravidanza dopo il 180 giorno per motivi sociali C) interrompere la gravidanza dopo il 180 giorno per motivi economici e sociali D) interrompere la gravidanza dopo il 180 giorno per motivi esclusivamente medici che comportino un grave rischio per la salute della donna E) interrompere la gravidanza dopo il 180 giorno perchè la sua prosecuzione potrebbe determinare la nascita di un infante deforme o con malattie genetiche 57. Il Comitato Etico ha la funzione di vigilare su: A) salvaguardia dei compiti dei medici B) salvaguardia dei compiti degli infermieri C) salvaguardia dei doveri dei malati D) salvaguardia dei doveri dell Ospedale E) salvaguardia dei diritti umani 58. Il segreto professionale vale: A) fino alla dimissione del paziente B) fino alla morte del paziente C) fino alla consegna della cartella clinica in archivio D) solo per le patologie a trasmissione per via sessuale E) per tutto ciò che il paziente consideri essere per sé un segreto (notizie cliniche e non) 59. Il periodo di osservazione ai fini dell accertamento della morte per gli adulti (ex art.4 DMS , n 582) non deve essere inferiore a: A) sei ore B) dieci ore C) dodici ore D) ventiquattro ore E) trentasei ore

9 60. I principi fondamentali della bioetica sono: A) beneficialità, integrità morale B) giustizia, beneficialità, integrità morale C) beneficialità, autonomia, giustizia, integrità morale D) integrità morale, giustizia, beneficialità, autonomia economica E) autonomia, beneficialità, riduzione delle spese e conseguente vantaggio economico Cultura scientifico-matematica, statistica e informatica 61. La moda: A) corrisponde alla sommatoria di tutti i valori diviso il numero delle osservazioni B) corrisponde al 25 percentile C) è una misura di tendenza centrale D) è il valore che si manifesta con maggior frequenza in una serie di osservazioni 62. Quale delle seguenti è considerata una misura di dispersione? A) media B) moda C) mediana D) deviazione standard E) 50 percentile 63. La piramide delle età si utilizza per: A) calcolare i tassi di mortalità per fasce di età B) calcolare i tassi di mortalità per sesso C) calcolare i tassi di mortalità per sesso ed età D) calcolare i tassi di incidenza delle malattie per sesso ed età 64. Se la probabilità di malattia è di 0,2 in ciascuna delle due persone in osservazione, qual è la probabilità che entrambe si ammalino? A) 0,04 B) 0,064 C) 0,2 D) 0,4 E) 0, Il test del chi quadrato: A) si utilizza per confrontare due proporzioni B) si utilizza per confrontare due medie C) si utilizza per calcolare i limiti di confidenza di una media D) si utilizza per calcolare l errore standard di una media 66. Il valore statistico del p al di sotto del quale si parla convenzionalmente di significatività statistica dei risultati ottenuti è: A) 0,001 B) 0,005 C) 0,01 D) 0,05 E) 0,5 67. Se l incidenza negli esposti è 0,4 e quella nei non esposti è 0,1: A) il rischio relativo è 0,4

10 B) il rischio relativo è 4 C) il rischio assoluto è 0,1 D) il rischio assoluto è 1 E) il rischio attribuibile è 0,1 68. Lo studio epidemiologico più adatto per valutare i fattori di rischio di malattie rare è: A) studio a coorte B) studio sperimentale C) studio caso-controllo D) studio trasversale E) studio descrittivo 69. Quale forma tende ad assumere una piramide delle età riferita a una popolazione con alto tasso di natalità e di mortalità: A) triangolare B) rettangolare C) a bulbo D) a cono rovesciato E) quadrata 70. Quale tra le seguenti può essere considerata una variabile quantitativa discreta: A) età B) glicemia C) colesterolemia D) uremia E) numero di figli Scienze umane e sociali 71. Cosa si intende, sociologicamente per ruolo? A) le norme e le aspettative connesse con una determinata posizione sociale B) i compiti che un individuo deve svolgere in una determinata occasione C) le diverse posizioni che un individuo può occupare nel sistema sociale o nel lavoro D) l insieme dei comportamenti che si conformano ad un determinato standard sociale o professionale E) lo status gerarchicamente determinato che un individuo ha all interno del gruppo 72. Quale visione del paziente è supportata dal modello olistico? A) il paziente è considerato nella sua totalità, poiché la sua salute è il risultato della continua relazione e comunicazione tra tutti i sistemi di cui è composto B) il paziente viene considerato attraverso i metodi provenienti dalle cosiddette medicine alternative che comprendono anche il ricorso alla psicologia C) il paziente è considerato come una persona che ha una elaborazione anche cognitiva del suo vissuto emotivo e della sua malattia D) il paziente è considerato come una somma di parti che devono essere analizzate singolarmente da vari specialisti al fine di giungere ad una conoscenza approfondita della sua situazione E) il paziente è considerato come una persona che ha perso il suo equilibrio e la sua dimensione psico-somatica 73. Quale combinazione di variabili strutturali presenta il ruolo del medico/operatore sanitario secondo Parsone? A) neutralità affettiva, realizzazione, diffusione, universalismo, orientamento all individuo B) attribuzione, neutralità affettiva, particolarismo, specificità, orientamento alla collettività C) universalismo, realizzazione, specificità, neutralità affettiva, orientamento alla collettività D) universalismo, realizzazione, specificità, diffusione, orientamento alla collettività E) neutralità affettiva, specificità, attribuzione, interessamento all individuo e orientamento alla collettività

11 74. La pedagogia nella sanità ha come scopo: A) sostenere la relazione con il paziente B) dare consigli per salvaguardare la salute C) la cura del paziente D) far cambiare idea al paziente nel suo interesse E) saper mettersi nei panni del paziente 75. Nella relazione d aiuto l operatore deve: A) essere al di sopra delle parti B) dare i consigli giusti C) fare le interpretazioni corrette su ciò che prova il paziente D) dire al paziente ciò che assolutamente non deve fare E) accettare il paziente nella sua soggettività 76. Prendersi cura del paziente vuol dire: A) comprendere i suoi bisogni B) sentirlo prima di ogni decisione terapeutica C) consolarlo quando ha paura D) fornirgli una informazione continua sul suo stato di salute E) stimolarlo ad avere una relazione di fiducia 77. Che cosa differenzia una qualunque teoria da una teoria scientifica? A) la raccolta dei dati B) il fatto che l autore sia uno scienziato C) le modalità di controllo delle ipotesi D) la probabilità di ricavare dalla teoria una applicazione pratica E) l osservazione controllata dei fenomeni 78. Qual è il punto centrale della scuola della Gestalt? A) quando si percepisce uno stimolo si compie un operazione di categorizzazione che permette di identificarlo e di classificarlo B) le ripetute esperienze con la realtà ambientale e l apprendimento che ne consegue determinano i modi di percezione della realtà esterna C) la reversibilità dell inversione tra figura e sfondo D) la percezione costituisce un processo primario e immediato che conduce alla segmentazione del campo fenomenico E) sulla base delle informazioni raccolte nello schema grezzo originario, l organismo procede a una seconda elaborazione delle informazioni 79. Qual è la differenza tra comportamenti rispondenti e comportamenti operanti? A) i comportamenti rispondenti sono derivati da riflessi appresi tramite il condizionamento pavloviano, i comportamenti operanti sono innati e vengono emessi spontaneamente dall organismo B) i comportamenti rispondenti sono derivati da riflessi innati o appresi tramite il condizionamento pavloviano, i comportamenti operanti sono emessi spontaneamente dall organismo C) i comportamenti rispondenti non sono derivati da riflessi innati o appresi tramite il condizionamento pavloviano, i comportamenti operanti sono emessi spontaneamente dall organismo D) i comportamenti rispondenti sono derivati da riflessi innati o appresi tramite il condizionamento pavloviano, i comportamenti operanti non sono emessi spontaneamente dall organismo E) i comportamenti rispondenti non sono derivati da riflessi appresi tramite il condizionamento pavloviano, i comportamenti operanti sono innati e vengono emessi spontaneamente dall organismo 80. Che cosa è l introspezione. A) è l esame delle azioni nostre e altrui condotto da noi stessi B) è l esame dei nostri stati mentali interni condotto da noi stessi C) è l esame dei nostri stati mentali e delle nostre azioni condotto da noi stessi D) è l esame delle nostre azioni condotto da noi stessi tramite l esame dei nostri stati mentali E) è l esame del comportamento condotto tramite l esame degli stati mentali

12 Università degli Studi di Pavia Prova di ammissione al corso di laurea Specialistica/Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Anno Accademico 2006/2007 SOLUZIONI TEST 1. E 2. A 3. A 4. E 5. E 6. D 7. D 8. C 9. E 10. C 11. E 12. A 13. C 14. D 15. A 16. B 17. C 18. D 19. E 20. E 21. C 22. B 23. E 24. A 25. E 26. A 27. D 28. A 29. C 30. A 31. D 32. D 33. D 34. C 35. A 36. D 37. A 38. D 39. C 40. A 41. C 42. B 43. E 44. D 45. D 46. A 47. D 48. E 49. A 50. B 51. E 52. D 53. E 54. A 55. D 56. D 57. E 58. E 59. A 60. C 61. D 62. D 63. E 64. A 65. A 66. D 67. B 68. C 69. A 70. E 71. A 72. A 73. C 74. A 75. E 76. A 77. C 78. D 79. B 80. B

Teoria/pratica pertinente alle professioni sanitarie ricomprese nella classe di laurea specialistica delle Professioni Sanitarie Tecnica

Teoria/pratica pertinente alle professioni sanitarie ricomprese nella classe di laurea specialistica delle Professioni Sanitarie Tecnica Università degli studi di Pavia Test di ammissione ai corsi di Laurea Specialistica delle professioni Sanitarie Diagnostiche Classe SNT_SPEC/3 Anno 2006 Teoria/pratica pertinente alle professioni sanitarie

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE

CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE Pagina 1 di 1 Emissione: 10.11.2000 PROCEDURA N. 69 Aggiornamento: 27.9.2001 CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE Destinatari

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI INFERMIERISTICA CLINICA MATERNO-INFANTILE INFERMIERISTICA OSTETRICA E GINECOLOGICA

CORSO INTEGRATO DI INFERMIERISTICA CLINICA MATERNO-INFANTILE INFERMIERISTICA OSTETRICA E GINECOLOGICA CORSO INTEGRATO DI INFERMIERISTICA CLINICA MATERNO-INFANTILE INFERMIERISTICA OSTETRICA E GINECOLOGICA MEZZI DI INDAGINE IN GINECOLOGIA 1 ANAMNESI - ginecologica dell infanz - ginecologica ed ostetrica

Dettagli

Insegnamento di STATISTICA MEDICA

Insegnamento di STATISTICA MEDICA Università degli Studi di Padova Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea triennale Tecniche della Prevenzione PERCORSO STRAORDINARIO 2007/08 Docente:Dott.ssa Egle Perissinotto 1) Il processo di

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

La gravidanza per la donna

La gravidanza per la donna encathopedia La gravidanza per la donna con lesione midollare Consulenza pre-concezionale Fattori da considerare Parto e travaglio Con il contributo della dottoressa Lorita Cito Fattori da considerare

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA All. C al bando di ammissione pubblicato in data 18/10/2013 Art. 1 - Tipologia L Università degli Studi di Pavia attiva, per l a.a. 2013/2014, presso il Dipartimento di Medicina Interna e terapia Medica,

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome REGONASCHI NADIA E-mail Nazionalità nad.reg@alice.it italiana Data di nascita 26/10/1963 Luogo di nascita

Dettagli

SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL

SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Dr. Filippo Bauleo Responsabile Unità Gestione Rischio Clinico ASL2 Umbria Art. 14 Sicurezza del paziente e prevenzione del rischio clinico Il medico

Dettagli

Teoria/pratica pertinente alle professioni di Infermiere/Ostetrica

Teoria/pratica pertinente alle professioni di Infermiere/Ostetrica Università degli studi di Pavia Test di ammissione al corso di Laurea Specialistica delle Professioni Sanitarie Scienze Infermieristiche ed Ostetriche Classe SNT_SPEC/1 Anno 2006 N. 1 Teoria/pratica pertinente

Dettagli

Come descrivere un fenomeno in ambito sanitario fondamenti di statistica descrittiva. Brugnaro Luca

Come descrivere un fenomeno in ambito sanitario fondamenti di statistica descrittiva. Brugnaro Luca Come descrivere un fenomeno in ambito sanitario fondamenti di statistica descrittiva Brugnaro Luca Progetto formativo complessivo Obiettivo: incrementare le competenze degli operatori sanitari nelle metodiche

Dettagli

LE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE

LE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE MEDICI PER SAN CIRO LE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE Dr Ciro Lenti U.O. Nefrologia e Dialisi AUSL 11 Empoli P.O. San Miniato (PI) Le infezioni delle vie urinarie sono infezioni che possono riguardare i

Dettagli

IGIENE. disciplina che studia i mezzi e definisce le norme atte a conservare la salute fisica e mentale dell individuo e della collettività

IGIENE. disciplina che studia i mezzi e definisce le norme atte a conservare la salute fisica e mentale dell individuo e della collettività IGIENE branca della medicina che ha lo scopo di promuovere e mantenere lo stato di salute della popolazione disciplina che studia i mezzi e definisce le norme atte a conservare la salute fisica e mentale

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

CARTA DEI DIRITTI DELLA PERSONA AFFETTA DA DOLORE

CARTA DEI DIRITTI DELLA PERSONA AFFETTA DA DOLORE CARTA DEI DIRITTI DELLA PERSONA AFFETTA DA DOLORE e 3 CARTA DEI DIRITTI DELLA PERSONA AFFETTA DA DOLORE La lotta al dolore vede impegnati la persona con i suoi familiari, gli operatori sanitari e l organizzazione

Dettagli

Documento finale. Linee Guida per la gestione dell Osservazione Breve in Pediatria

Documento finale. Linee Guida per la gestione dell Osservazione Breve in Pediatria Consensus Meeting L Osservazione Temporanea e Breve in Pronto Soccorso Pediatrico Trieste, 14-15 ottobre 2005 Documento finale Linee Guida per la gestione dell Osservazione Breve in Pediatria 1 INDICE

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI Cognome. Nome. Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica. Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale

INFORMAZIONI PERSONALI Cognome. Nome. Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica. Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome COLOMBO Nome GIOVANNI Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale Giovanni.colombo2@crs.lombardia.it telefono 029682495 TITOLI DI

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE

BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE Il Bilancio di Salute è il risultato dell incontro tra la donna e il professionista che segue la sua gravidanza. Durante tale incontro la donna fornisce tutte le informazioni sulla sua

Dettagli

RILEVAZIONE DEI BISOGNI FORMATIVI 2014 AREA CLINICA

RILEVAZIONE DEI BISOGNI FORMATIVI 2014 AREA CLINICA RILEVAZIONE DEI BISOGNI FORMATIVI 204 schede n 47 i tecnicoprofessionali obietti v schede con indicato Dossier Formativo individuale n AREA CLINICA i di processo 8 7,% 34 (28,45 %) i di sistema protesi

Dettagli

Indicazioni per la predisposizione del foglio informativo, del modulo di consenso informato e della lettera al medico curante

Indicazioni per la predisposizione del foglio informativo, del modulo di consenso informato e della lettera al medico curante Indicazioni per la predisposizione del foglio informativo, del modulo di consenso informato e della lettera al medico curante Introduzione e premesse Sezione 1: Indicazioni per la redazione del foglio

Dettagli

CARTA DEI DIRITTI DEL BAMBINO SIEROPOSITIVO

CARTA DEI DIRITTI DEL BAMBINO SIEROPOSITIVO HIV/AIDS DIRITTI E RESPONSABILITÀ CARTA DEI DIRITTI DEL BAMBINO SIEROPOSITIVO La Carta dei diritti del bambino con HIV/AIDS è frutto di una Consensus Conference organizzata dal Gruppo di Immunologia della

Dettagli

CONTRATTO DI TIROCINIO

CONTRATTO DI TIROCINIO Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona Ultima revisione 27.01.2014 CONTRATTO DI TIROCINIO Studenti I anno - I semestre A.A. 2013 2014 Elaborato da: Direttori Attività

Dettagli

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. non più soli nel dolore Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. Regione Toscana 800 880101 Indice.

Dettagli

MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN

MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN I Facoltà di Medicina e Chirurgia MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN DOTT.SSA Francesca Plaja Unità di degenza del neonato Lettino Culla termica Isola neonatale Culla termica Isola

Dettagli

INFORMATIVA ALLA ECOGRAFIA CON MEZZO DI CONTRASTO_CEUS

INFORMATIVA ALLA ECOGRAFIA CON MEZZO DI CONTRASTO_CEUS Pag. 1/4 Cognome Nome Nato/a il N.B. Il presente modulo informativo deve essere firmato per presa visione e riconsegnato al sanitario che propone/esegue la procedura di seguito descritta. Questo modulo

Dettagli

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE DOVE ANDARE PER cominciare un percorso oncologico, prenotare una visita CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI (CAS): Ospedale U. Parini, blocco D, piano -1 È la struttura dedicata

Dettagli

Riflessioni etiche e professionali. Dr. L. Fabbro 1. Servizio di Anestesia e Rianimazione - Bolzano

Riflessioni etiche e professionali. Dr. L. Fabbro 1. Servizio di Anestesia e Rianimazione - Bolzano Riflessioni etiche e professionali Dr. L. Fabbro 1. Servizio di Anestesia e Rianimazione - Bolzano Progressi nella scienza e ricerca miglior cura delle malattie allungamento della vita miglioramento qualità

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA I ANNO Corso Integrato area pre-clinica Tipologia: attività formative di base Ore: 40/0/0/0

Dettagli

assistenza infermieristica Alla persona con insufficienza renale

assistenza infermieristica Alla persona con insufficienza renale Con affetto alle mie figlie Sofia e Beatrice FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA PER INFERMIERE Tesi di Laurea assistenza infermieristica Alla persona con insufficienza renale Laureanda Simonetta

Dettagli

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Informazioni per i genitori A cosa serve lo screening neonatale Questa pubblicazione serve ad illustrare perché è così importante

Dettagli

SCHEDA DI ACCERTAMENTO DEI BISOGNI DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA SECONDO IL MODELLO DI M. GORDON

SCHEDA DI ACCERTAMENTO DEI BISOGNI DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA SECONDO IL MODELLO DI M. GORDON SCHEDA DI ACCERTAMENTO DEI BISOGNI DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA SECONDO IL MODELLO DI M. GORDON Diagnosi NANDA-I 2009-2011 o autonegligenza o Disponibilità a migliorare l autogestione della salute o Inefficace

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti All. H al bando di ammissione pubblicato in data 15/09/2014 ART. 1 - Tipologia L Università degli Studi di Pavia attiva per l a.a. 2014/2015, il Master Universitario di I livello in Infermiere di Area

Dettagli

Scheda Valutativa Tirocinio. Formativo

Scheda Valutativa Tirocinio. Formativo Scheda Valutativa Tirocinio Formativo PER STUDENTI ISCRITTI AL 5 ANNO CdL in MEDICINA E CHIRURGIA Data inizio tirocinio: Data conclusione tirocinio:.. Studente Tutor clinico (nome e cognome) (qualifica

Dettagli

FAQ LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI. Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Il rischio di andare incontro a infarto è uguale per uomini e donne?

FAQ LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI. Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Il rischio di andare incontro a infarto è uguale per uomini e donne? Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Le malattie cardiovascolari sono tutte quelle patologie che colpiscono il cuore e/o i vasi sanguigni. In caso di malattia si verifica una lesione in uno o più

Dettagli

Sintesi dei risultati di uno studio concernente l efficacia del dondolio nei pazienti con demenza

Sintesi dei risultati di uno studio concernente l efficacia del dondolio nei pazienti con demenza Sintesi dei risultati di uno studio concernente l efficacia del dondolio nei pazienti con demenza Fonte: Nancy M. Watson, Thelma J. Wells, Christopher Cox (1998) Terapia con sedia a dondolo in pazienti

Dettagli

servizi per le dipendenze PROGETTO COCAINA Corso di aggiornamento 2009 per medici, farmacisti ed operatori sociosanitari BELLINZONA

servizi per le dipendenze PROGETTO COCAINA Corso di aggiornamento 2009 per medici, farmacisti ed operatori sociosanitari BELLINZONA Corso di aggiornamento 2009 per medici, farmacisti ed operatori sociosanitari BELLINZONA Mercoledì 28 ottobre 2009 1 Criteri per la descrizione dei diversi profili di consumatori Cocaina CARATTERISTICHE

Dettagli

UNIVERSITA DIARIO DI BORDO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA DI I LIVELLO. Sede della Scuola. Dello studente Sig.

UNIVERSITA DIARIO DI BORDO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA DI I LIVELLO. Sede della Scuola. Dello studente Sig. d insieme di quanto già fatto nel corso dei tuoi studi ed aiutando modo più facile ed efficace le attività future. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA

Dettagli

Medicina sociale. Prof. Giovanna Tassoni Istituto di Medicina legale Università degli Studi di Macerata

Medicina sociale. Prof. Giovanna Tassoni Istituto di Medicina legale Università degli Studi di Macerata Medicina sociale Prof. Giovanna Tassoni Istituto di Medicina legale Università degli Studi di Macerata Concetto di salute Concetto di salute dell Organizzazione mondiale della Sanità (OMS) uno stato di

Dettagli

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO SOMMARIO SOMMARIO... 1 PRESENTAZIONE SC CURE PALLIATIVE... 2 LA MISSION...

Dettagli

L allocazione eticamente informata: Il contributo del non esperto per una definizione delle prioritàcon il paziente al centro

L allocazione eticamente informata: Il contributo del non esperto per una definizione delle prioritàcon il paziente al centro L allocazione eticamente informata: Il contributo del non esperto per una definizione delle prioritàcon il paziente al centro Deborah Mascalzoni Comitato Etico Provinciale 02 Febbraio 2012 Accesso al bene

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO MALATTIE TUMORALI PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO MALATTIE TUMORALI PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE Corso di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO

Dettagli

Presentazione. Strategie europee contro il cancro 3

Presentazione. Strategie europee contro il cancro 3 00_carpanelli_ok 9-09-2002 16:52 Pagina V Autori Presentazione XI XVII MODULO 1 Epidemiologia, prevenzione e ricerca 1 Strategie europee contro il cancro 3 Il quinto programma quadro 3 Il programma qualità

Dettagli

HOME SWEET HOME. ( di Daniele Calò)

HOME SWEET HOME. ( di Daniele Calò) HOME SWEET HOME ( di Daniele Calò) 3 PERCHE LA CASA? Le modificazioni demografiche ed economiche degli ultimi decenni insieme alla disponibilità di tecnologie facilmente trasportabili, hanno favorito

Dettagli

Nella ricerca, il benessere per l umanità

Nella ricerca, il benessere per l umanità Nella ricerca, il benessere per l umanità Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Che cos è Fase 1 srl?

Dettagli

Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico

Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico Rita Laccoto CURRICULUM VITAE Nata a Brolo il 28/05/1950 Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico Universitario di Messina con la qualifica di Coordinatore

Dettagli

Capitolo 5_d URGENZE MEDICHE ADULTO

Capitolo 5_d URGENZE MEDICHE ADULTO Capitolo 5_d URGENZE MEDICHE ADULTO 1 OBIETTIVI RICONOSCERE LE PRINCIPALI PATOLOGIE NEUROLOGICHE CHE PROVOCANO ALTERAZIONI DELLA COSCIENZA IDENTIFICARE I SEGNI E SINTOMI DI: SINCOPE, CONVULSIONI, MENINGITE,

Dettagli

CRONICITÀ E APPROPRIATEZZA NEI SETTING DI CURA FIBROSI CISTICA DALL OSPEDALE AL TERRITORIO

CRONICITÀ E APPROPRIATEZZA NEI SETTING DI CURA FIBROSI CISTICA DALL OSPEDALE AL TERRITORIO CRONICITÀ E APPROPRIATEZZA NEI SETTING DI CURA FIBROSI CISTICA DALL OSPEDALE AL TERRITORIO Cammi Emilio Reggio Emilia, 25 settembre 2015 Fibrosi cistica Malattia genetica rara Patologia multiorgano che

Dettagli

"RUOLO DELL INFERMIERE NELL ACCERTAMENTO DELLA MORTE CEREBRALE"

RUOLO DELL INFERMIERE NELL ACCERTAMENTO DELLA MORTE CEREBRALE "RUOLO DELL INFERMIERE NELL ACCERTAMENTO DELLA MORTE CEREBRALE" 4 marzo 2000-convegno AIDO Francesco Falli, presidente Collegio professionale infermieri/assistenti/vigilatrici Caposala Pronto Soccorso/Medicina

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Medicina e Chirurgia. Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Medicina e Chirurgia. Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia VALUTAZIONE DELLA TIPOLOGIA E DELLA PRIORITÀ DEGLI ACCESSI AGLI AMBULATORI

Dettagli

IMPIANTO DI PACE-MAKER DEFINITIVO CONSENSO INFORMATO

IMPIANTO DI PACE-MAKER DEFINITIVO CONSENSO INFORMATO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e Area Critica Cardiologia Interventistica Dott. Antonio Manari - Direttore CONSENSO INFORMATO IMPIANTO DI PACE-MAKER DEFINITIVO Gentile Signora/e, la valutazione della

Dettagli

Il paziente oncologico

Il paziente oncologico Il paziente oncologico Le neoplasie sono tra le cause più frequenti di morte nel cane e nel gatto in molti paesi industrializzati. La chemioterapia antineoplastica, anche in medicina veterinaria, negli

Dettagli

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo VICENZA Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza Ospedale Civile S. Bortolo Dipartimento AREA MEDICA 1^ Direttore Dr. Giorgio Vescovo MEDICINA INTERNA PER INTENSITA DI CURE LA MEDICINA INTERNA OGGI. COMPLESSA..

Dettagli

CAPITOLO 1 indice. Tumore della mammella pag. 27 Tumore della cervice uterina pag. 30 Melanoma pag. 31 Linfomi pag. 31. bibliografia pag.

CAPITOLO 1 indice. Tumore della mammella pag. 27 Tumore della cervice uterina pag. 30 Melanoma pag. 31 Linfomi pag. 31. bibliografia pag. CAPITOLO 1 indice le neoplasie nell anziano pag. 5 Valutazione del paziente anziano pag. 7 Aspetti generali del trattamento pag. 10 Tumori del colon-retto pag. 11 Tumori della mammella pag. 13 Tumori del

Dettagli

Endoscopia Digestiva Branca dell endoscopia inerente la diagnosi e la terapia endoscopica delle affezioni dell apparato digerente.

Endoscopia Digestiva Branca dell endoscopia inerente la diagnosi e la terapia endoscopica delle affezioni dell apparato digerente. Endoscopia Esplorazione di organi cavi attraverso gli orifizi naturali, o di cavità corporee virtuali accedendo da piccole incisioni chirurgiche, per mezzo di appositi apparecchi ottici detti endoscopi.

Dettagli

GINECOLOGIA. Guida al DAY SURGERY

GINECOLOGIA. Guida al DAY SURGERY GINECOLOGIA Guida al DAY SURGERY Gentile utente, questa guida contiene le informazioni utili per accedere al Day Surgery. Le indicazioni che troverà nella guida la faciliteranno nel percorso pre e post

Dettagli

CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE SUI DIRITTI DEL MALATO

CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE SUI DIRITTI DEL MALATO CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE SUI DIRITTI DEL MALATO Cittadinanzattiva/ Active Citizenship Network ha realizzato la Carta Europea dei Diritti del Malato Questa guida vuole essere uno strumento per portare

Dettagli

MEDICINA DEL DOLORE E TERAPIA ANTALGICA

MEDICINA DEL DOLORE E TERAPIA ANTALGICA STRUTTURA SEMPLICE DIPARTIMENTALE MEDICINA DEL DOLORE E TERAPIA ANTALGICA legge 38/2010 AOU San Luigi Gonzaga - Orbassano Struttura Semplice Dipartimentale di Medicina del Dolore e Terapia Antalgica Tel.

Dettagli

VARIAZIONI CODICI ICD9-CM

VARIAZIONI CODICI ICD9-CM 1997 2002 Var.% DIAGNOSI 11.493 11.745 +2.19 INTERVENTI 3.543 3.582 +1.10 TOTALE 15.036 15.327 +1.94 Diagnosi Interventi Nuovi codici Nuove descrizioni Diagnosi Capitoli Nuovi Nuove Codici codici descrizioni

Dettagli

Ossi duri... si diventa. Campagna di Prevenzione contro l Osteoporosi

Ossi duri... si diventa. Campagna di Prevenzione contro l Osteoporosi Ossi duri... si diventa Campagna di Prevenzione contro l Osteoporosi CHE COS E L OSTEOPOROSI? L osteoporosi è una malattia dell apparato scheletrico che comporta una bassa densità minerale, un deterioramento

Dettagli

LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DELLA SANITA

LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DELLA SANITA LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DELLA SANITA Fact sheet n.3 ksdbfsm ASIHFncj Molti dei fattori che contribuiscono di più alla genesi delle disuguaglianze sociali nella salute non sono di competenza

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Sede del corso : NOVARA - Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute

Sede del corso : NOVARA - Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 010-011. Per ulteriori informazioni si rimanda all Ufficio di Presidenza di Facoltà. Corso di Laurea in OSTETRICIA

Dettagli

L Etica Medica ed in Medicina

L Etica Medica ed in Medicina Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale 2010 Sede di Reggio Emilia L etica e la deontologia della Responsabilità professionale Dott. Salvatore de Franco Presidente ed Odontoiatri di Reggio Emilia

Dettagli

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

Area Socio Culturale istituzionale e legislativa. Corso ASA Diurno 2010/2011

Area Socio Culturale istituzionale e legislativa. Corso ASA Diurno 2010/2011 Area Socio Culturale istituzionale e legislativa 1 Cosa si intende per PRIVACY? Diritto a essere lasciato solo ovvero a non subire interferenze sulla propria persona e nella propria vita (anglosassoni)

Dettagli

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ALLEGATO B ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Medico Specialista ( es. geriatria- medicina interna o discipline equipollenti) 1. Prima visita domiciliare e stesura della

Dettagli

Consenso Informato e Privacy

Consenso Informato e Privacy Consenso Informato e Privacy Consenso e Privacy sono le basi fondanti del moderno concetto di Medicina e una cura di qualità non può prescindere da essi, così come la stessa etica e deontologia degli interventi

Dettagli

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE Modifiche al R.D. 2 maggio 1940, numero 1310, sulle mansioni degli infermieri professionali e infermieri generici. TITOLO I - Mansioni dell infermiere professionale

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Le Cure Palliative. Dr.ssa M.Grazia Rusconi. UniTre 2013

Le Cure Palliative. Dr.ssa M.Grazia Rusconi. UniTre 2013 Le Cure Palliative Dr.ssa M.Grazia Rusconi UniTre 2013 DEFINIZIONE L Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) definisce le Cure Palliative come la cura totale prestata alla persona affetta da una malattia

Dettagli

LESIONI DA DECUBITO NEL PAZIENTE ANZIANO OSPEDALIZZATO IN UN REPARTO PER ACUTI: PREVALENZA E CORRELATI CLINICI

LESIONI DA DECUBITO NEL PAZIENTE ANZIANO OSPEDALIZZATO IN UN REPARTO PER ACUTI: PREVALENZA E CORRELATI CLINICI LESIONI DA DECUBITO NEL PAZIENTE ANZIANO OSPEDALIZZATO IN UN REPARTO PER ACUTI: PREVALENZA E CORRELATI CLINICI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE - DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE, CHIRURGICHE E DELLA SALUTE

Dettagli

APPROCCIO RIABILITATIVO problemi correlati al movimento

APPROCCIO RIABILITATIVO problemi correlati al movimento INFERMIERISTICA CLINICA IN AREE SPECIALISTICHE - INTEGRATIVO INFERMIERISTICA IN AREA GERIATRICA A. A. 2009/2010 Dott. ssa Margherita Andrigo Portogruaro APPROCCIO RIABILITATIVO problemi correlati al movimento

Dettagli

Ambulatorio neurochirurgico per la malformazione di Chiari tipo I- Siringomielia e delle patologie della giunzione cranio-cervicale!

Ambulatorio neurochirurgico per la malformazione di Chiari tipo I- Siringomielia e delle patologie della giunzione cranio-cervicale! Ambulatorio neurochirurgico per la malformazione di Chiari tipo I- Siringomielia e delle patologie della giunzione cranio-cervicale La malformazione di Chiari tipo I (CMI) è un alterazione della giunzione

Dettagli

Nome completo del Corso d insegnamento. Docente titolare del Corso d insegnamento Lingua d insegnamento. Conoscenze e abilità da conseguire

Nome completo del Corso d insegnamento. Docente titolare del Corso d insegnamento Lingua d insegnamento. Conoscenze e abilità da conseguire C.I. Fisiopatologia Applicata All infermieristica Infermieristica Clinica (CFU2) D. Calatozzo, F. Frisone Italiano Lo studente al termine del corso sarà in grado di identificare e definire i bisogni di

Dettagli

DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata

DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata DRG s Metodo adeguato di valutazione, valorizzazione e gestione della complessità??

Dettagli

-------------------------------- ---------------------------------

-------------------------------- --------------------------------- Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona Ultima revisione: 10.01.2013 CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013 2014 Elaborato da: Coordinatori e

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

DOTTORE..HO MAL DI PANCIA!

DOTTORE..HO MAL DI PANCIA! Università Vita-Salute San Raffaele Facoltà di Medicina e Chirurgia DOTTORE..HO MAL DI PANCIA! Andrea Mangiagalli Medico di Medicina Generale Specialista in Microchirurgia e Chirurgia Sperimentale DOTTORE,

Dettagli

L OMS ha promosso dal 1992 azioni volte alla valutazione ed alla gestione del dolore dei pazienti ricoverati in ospedale

L OMS ha promosso dal 1992 azioni volte alla valutazione ed alla gestione del dolore dei pazienti ricoverati in ospedale Dolore acuto postoperatorio: p alleanza fra professionisti Giovanni Vitale Lauretta Bolognesi Da anni si discute sulla necessità di rendere i luoghi di cura ambienti sicuri, ove la persona malata possa

Dettagli

Trattamento del dolore acuto e cronico, palliazione

Trattamento del dolore acuto e cronico, palliazione LE CURE PALLIATIVE - 2013 Non è sufficiente aggiungere giorni di vita, bisogna aggiungere vita ai giorni che rimangono Life before death : l importanza di cura della Sintomatologia Palliativa VEN-FOR54048

Dettagli

ARCIDIACONO MARCO ALFREDO ITALIANA 14/08/1982 CASSANO ALLO IONIO (CS) NURSING ONCOLOGICO

ARCIDIACONO MARCO ALFREDO ITALIANA 14/08/1982 CASSANO ALLO IONIO (CS) NURSING ONCOLOGICO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ARCIDIACONO MARCO ALFREDO Indirizzo VIA VOLTURNO N 6 43125 PARMA (PR) Telefono 3475255859 3284284797 Fax

Dettagli

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio Anno 2005 Regione Lazio Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE DEL TIROCINIO 2 ANNO

SCHEDA DI VALUTAZIONE DEL TIROCINIO 2 ANNO UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Sede di Ascoli Piceno SCHEDA DI VALUTAZIONE DEL TIROCINIO 2 ANNO a.a. 2011 2012 COORDINATORE AFPTC Dott.Silvano Troiani 1 SCHEDA DI VALUTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIRITTI E DOVERI DEL CITTADINO UTENTE SANO E MALATO DELL AZIENDA SANITARIA LOCALE 14

REGOLAMENTO DEI DIRITTI E DOVERI DEL CITTADINO UTENTE SANO E MALATO DELL AZIENDA SANITARIA LOCALE 14 REGOLAMENTO DEI DIRITTI E DOVERI DEL CITTADINO UTENTE SANO E MALATO DELL AZIENDA SANITARIA LOCALE 14,1752'8=,21( ),1$/,7$ '(/5(*2/$0(172 Il presente regolamento ha la finalità di richiamare le norme generali

Dettagli

Sede del corso : NOVARA - Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute

Sede del corso : NOVARA - Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 010-011. Per ulteriori informazioni si rimanda all Ufficio di Presidenza di Facoltà. Corso di Laurea in INFERMIERISTICA

Dettagli

La Cartella Infermieristica. Laura Peresi Infermiera Pediatrica, Pronto Soccorso DEA Ist. G.Gaslini, Genova

La Cartella Infermieristica. Laura Peresi Infermiera Pediatrica, Pronto Soccorso DEA Ist. G.Gaslini, Genova La Cartella Infermieristica Laura Peresi Infermiera Pediatrica, Pronto Soccorso DEA Ist. G.Gaslini, Genova Ruolo infermieristico Profilo professionale, DM 17 gennaio 1997 n 70 Codice deontologico/ patto

Dettagli

ELEMENTI DI EZIOPATOGENESI DELLE MALATTIE UMANE. Corso di Laurea Magistrale in Farmacia

ELEMENTI DI EZIOPATOGENESI DELLE MALATTIE UMANE. Corso di Laurea Magistrale in Farmacia ELEMENTI DI EZIOPATOGENESI DELLE MALATTIE UMANE Corso di Laurea Magistrale in Farmacia A.A. 2013-2014 -seconda sessione: dal 16 giugno al 31 luglio 2014 -terza sessione: dal 1 al 30 settembre 2014 sessione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia Corso di MEDICINA DEL LAVORO MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia Corso di MEDICINA DEL LAVORO MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia Corso di MEDICINA DEL LAVORO MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Definizione Azioni od operazioni comprendenti, non solo quelle

Dettagli

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia Le verifiche di qualità 1) Obiettivi della qualità 2) Dimensioni correlate alla qualità 3) Concetto di quality assurance 4) Metodologie di approccio alla qualità 5) Audit clinico nel percorso stroke 6)

Dettagli