Amore come complacentia boni in Tommaso d Aquino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Amore come complacentia boni in Tommaso d Aquino"

Transcript

1 CONGRESSO TOMISTA INTERNAZIONALE L UMANESIMO CRISTIANO NEL III MILLENNIO: PROSPETTIVA DI TOMMASO D AQUINO ROMA, settembre 2003 Pontificia Accademia di San Tommaso Società Internazionale Tommaso d Aquino Amore come complacentia boni in Tommaso d Aquino Prof. Arkadius Gudaniec Catholic University of Lublin (Poland) The aim of this communication is to consider the relation between the subject of love and the good in the moment when love is rising. The analysis of the terms Aquinas uses to define love (like complacentia boni, coaptatio, aptitudo, convenientia etc.) demonstrates that in the nature of love there are always two aspects: the objective one, which is the influence of good into the subject (the subject is passive) and the subjective one, which is an answer of the subject to the good which moved him (the subject is active). These two aspects penetrate each other and are complementary in the dynamic character of love. Cognition makes the good available for the subject. The likeness results the main reason of love (complacentia) in the metaphysical prospective it is the real base to raise in the subject a deep connection with the good. This connection is love as complacentia boni. PREMESSA Nel piano dell integrità dell essere vivente l amore si può definire come il punto dell incrocio tra il ramo assimilativo del soggetto (cioè quello dell interiorizzare la realtà, fatto negli atti conoscitivi) e il suo ramo espressivo (quello dell esteriorizzarsi verso la realtà, fatto negli atti appetitivi). Mettendo lo sguardo più stretto alla questione si può dire così: essendo l atto primo dell appetito l amore svela la sua dinamica più originaria, cioè quella di completarsi in esso i due aspetti fondamentali: (1) quello che viene dall oggetto: un influenza (essere attratto) dal bene amato; (2) quello proprio al soggetto: l azione di amare verso il bene. Il primo aspetto nella natura dell amore ha un carattere passivo (ricettivo), il secondo invece attivo (creativo). Dal punto di vista del soggetto e delle azioni che emergono da esso, l amore è il principio e la causa di ogni azione, l inizio di qualunque attività del soggetto. Però, nella prospettiva metafisica l ordine oggettivo viene sempre prima di quello soggettivo, così come l actus precede (condiziona) la potentia per poterla attualizzare. Vale a dire, l amore, per diventare l azione del soggetto Copyright 2003 INSTITUTO UNIVERSITARIO VIRTUAL SANTO TOMÁS Fundación Balmesiana Universitat Abat Oliba CEU

2 A. GUDANIEC, Amore come complacentia boni in Tommaso d Aquino verso un bene, sorge come un effetto dell influsso reale del bene. Questo sorgere dell amore in rapporto col reale lo esprime in modo più generico e più interessante la formula complacentia boni (compiacenza del bene), usata dall Aquinate. Questo breve comunicato vuole riprendere certi aspetti del fatto di sorgersi l atto dell amore, accennandone di più il lato passivo, per quanto il soggetto subisce l influenza del reale riconosciuto come il bene (o il male), potendo poi destare tutta la sua attività volta ad esso. Come primo passo verrà effettuata un analisi dei termini, usati da Tommaso d Aquino per esprimere la natura dell amore in quell iniziale momento appetitivo, di cui si tratta. In seguito sarà ripreso l aspetto della conoscenza e il suo rapporto coll amore, altresì la questione di similitudine, come un essenziale motivo della complacentia. Alla fine verrà considerato il concetto di amore come passio, per concludere la riflessione di tutti gli accenni passivi qui ripresi. Il mio scopo sarebbe quello di esaminare il carattere e la natura di quel primo contatto tra l appetito e il bene così che si possa cogliere meglio il rapporto tra l aspetto oggettivo (passivo) e quello soggettivo (attivo) nell amore, il quale rapporto fa capire più profondamente i sorgenti ed i principi di tutte le nostre azioni. 1. L ANALISI DEI TERMINI USATI DA TOMMASO Negli scritti di Tommaso d Aquino sull amore, soprattutto in Summa Theologiae pars I-II, dove parla sull amore quanto è passione, troviamo alcuni termini che esprimono la natura dell amore, esplicitandone una varietà degli aspetti interessanti e non sempre ovvi. Per cui vale la pena analizzare queste parole di modo che si riesca ad ottenere dei nuovi cenni nella questione che ci interessa. Restringendo l ambito dell analisi a certe quaestiones di I-II di Summa Theologiae (sono soprattutto le questioni n ), troviamo già tutto il gruppo dei termini che esprimono l aspetto passivo dell amore. Oltre complacentia boni, usato più spesso, ci sono seguenti termini: connaturalitas, coaptatio, aptitudo, convenientia, consonantia, inclinatio, proportio. L espressione complacentia boni subito si impone come diversa dalle altre, sia per la sua struttura (comprendente i due elementi), che per il ruolo che le dà l Aquinate: la usa spesso per chiarire o spiegare altre espressioni 1. Per queste ragioni complacentia boni sarà ultima da analizzare. 1 Ad es. coaptatio [...] idest ipsa complacentia boni, Summa Theologiae, I-II, 26, 1; proportio [...] qui nihil est aliud quam complacentia boni, ibid., 25, 2. p. 2

3 Congresso Tomista Internazionale Prima cosa da notare è il fatto che tanti termini summenzionati hanno una forma della composizione sintattica comprendente un suffisso con- (co-, com-), che proviene dalla preposizione cum. Il significato fondamentale di questo suffisso in latino (e nelle lingue provenienti dal latino) è: [anche qui dobbiamo usare quel suffisso] un nesso (con-nesione), un legame (collegamento), certa co-munanza e com-partecipazione, una simultaneità (contemporaneità) o una com-pagnia. Il suffisso può anche funzionare come un intensificazione o modificazione del significato della parola, con la quale si unisce 2. È ovvio dunque che tutti questi sensi (o almeno alcuni) entrano in qualche modo nell ambito della questione che stiamo esaminando. L altra osservazione riguarda la percettibile divisione nel gruppo delle espressioni secondo i loro significati. Tenendo conto delle funzioni semantiche delle radici dei nomi, possiamo distinguere due tipi di significati: (1) Le forme che indicano la similitudine stessa, la commensurabilità o la comunanza come il suffisso con- appena menzionato. Così: (A) connaturalitas significa un affinità delle nature (lasciando a parte le analisi del senso di questa affinità); (B) convenientia, insieme a consonantia, che le corrisponde come una metafora, indicano sempre la similitudine, ma sembrano di introdurre il livello conoscitivo (una cosa conviene, o è conveniente, quando la riconosciamo tale); (C) infine proportio è l espressione più generale e indica semplicemente qualunque commensurabilità o corrispondenza tra due fattori, che restano in certa armonia 3. (2) Altre forme che usa Tommaso aggiungono un fattore interiore del soggetto, cioè un suo impegno, una reazione se si può dire così davanti al fatto di quella similitudine apparsa. Si tratta di: (A) un adattamento, un adeguamento all oggetto: coaptatio; (B) una capacità, un attitudine verso esso: aptitudo; 2 A. Ernout, A. Meillet, Dictionnaire étymologique de la langue latine, Parigi 1959, vol. 1, p. 156; L. Castiglioni, S. Mariotti, Vocabolario della lingua latina, Milano 1996, p. 266; M. Plezia, Slownik lacinsko-polski, Varsavia 1998, vol. 1, p Etimologicamente la parola riguarda l ordine delle parti o dei fattori che corrispondono secondo certa misura. p. 3

4 A. GUDANIEC, Amore come complacentia boni in Tommaso d Aquino (C) una disposizione, un inclinazione verso esso: inclinatio (questo termine è usato da Tommaso anche in senso più generale, cioè come l appetito stesso). Quel secondo gruppo dei termini esprime bene l aspetto soggettivo: il soggetto davanti al bene prende un atteggiamento, entra nel rapporto in carattere di un fattore attivo. Questa attività significa in primo piano un dirigersi o una tendenza a realizzare quel rapporto, che è in pratica una tensione tra l actus e la potentia. Così nel soggetto comincia a costruirsi un legame intimo con l oggetto incontrato, riconosciuto come il proprio bene. Alla fine dell analisi torniamo all espressione fondamentale per le nostre considerazioni: complacentia boni. Vagliando il suo significato altresì la sua struttura, vediamo una ricchezza del contenuto e una pluralità degli aspetti. In certo senso possiamo dire che in questa espressione si uniscono i due lati menzionati prima: quel oggettivo e quel soggettivo. Il verbo complacere (come in tante altre lingue) significa esercitare influenza, agire, destare in qualcosa una reazione positiva. Questo è l aspetto oggettivo della compiacenza (dell amore): è il bene che piace, fa piacere, desta l appetito 4. Dall altra parte, prendendo in considerazione complacentia come un atto che appartiene al soggetto, ne troviamo l aspetto soggettivo: è il soggetto a cui piace il bene. [Se il mio senso linguistico è giusto] quell aspetto potremmo esprimerlo dicendo: compiacersi di un bene (l uso riflessivo del verbo latino complacere confermano i vocabolari 5 ). Così la complacentia significa un atto del soggetto volto all oggetto 6. Inoltre, soprattutto in certe lingue (ad es. il polacco), nell espressione complacentia boni ci si può accorgere una presenza del soggetto nell oggetto 7. Complacentia vuol dire dunque un congiungimento con l oggetto desiderato, adeguato. Qui viene fuori la questione scoperta già prima, cioè quella di realizzare nel soggetto in qualche modo la similitudine accorta in un bene. Si può comunque dire di un adesione del soggetto all essere corrispondente. In qualsiasi punto della nostra analisi siamo, troviamo sempre una similitudine, un affinità o una corrispondenza, che il soggetto scopre nell oggetto, e dall altra parte un dirigersi al bene, un aderire del soggetto, il quale comincia prendere iniziativa. Il primo fattore (oggettivo) riconosciamo 4 L apposizione boni in questo caso funge da Genetivus Subiecti. 5 M. Plezia, Slownik lacinsko-polski, op. cit., vol. 1, p L apposizione boni funge qui da Genetivus Obiecti. 7 In polacco: upodobanie w dobru sarebbe: compiacenza nel bene. p. 4

5 Congresso Tomista Internazionale come la ragione reale (fundamentum in re) del fatto di complacentia, il secondo come la risposta (alla cor-rispondenza incontrata) del soggetto, nel quale nasce il legame con il bene, e in conseguenza tutta l attività verso esso. Perciò l amore-compiacenza in questo punto si potrebbe definire come un vincolo, o un adesione, tra il soggetto e l oggetto (il suo bene), un vincolo fondato sulla conosciuta in certo modo similitudine. L aspetto passivo e attivo dell amore si penetrano l un l altro in modo essenziale, perché essi sono i due fattori necessari del fatto dell amore: che si possa destare da una cosa reale e che si possa nascere come un azione del soggetto. Rimangono dunque da considerare le questioni della conoscenza e della similitudine. 2. CONOSCENZA E SIMILITUDINE NELLA DINAMICA DELL AMORE La conoscenza sembra una cosa fondamentale per l amore, perché non è possibile nessun atto del soggetto senza conoscere prima l oggetto esso solamente essendo conosciuto, cioè assimilato in qualche modo dal soggetto, è capace di destare gli atti appetitivi, ad esso tendenti. In questo punto però non voglio riprendere l ambito ampio del rapporto tra la conoscenza e l amore (l appetito), ma piuttosto certi aspetti che la conoscenza introduce nel comprendere l amore come la compiacenza del bene. Se parliamo di compiacenza subito ci accorgiamo che il verbo piacere riguarda il bello. Piacere vuol dire presentarsi come un bello (o un bene). Sappiamo che il bello, rispetto al bene, porta in più il valore del vero, cioè di cognitum. Il verbo piacere dunque comprende essenzialmente il momento conoscitivo. È proprio nell atto di complacentia che un oggetto prima conosciuto (e infatti come conosciuto) desta una reazione nel soggetto. L amore è una risposta all essere riconosciuto come il proprio bene, quindi la conoscenza risulta una necessaria condizione dell amore. Per diventare un bene lo scopo delle azioni del soggetto non basta che sia conosciuto occorre che si imponga (o renda presente) ad esso con una particolare forza. Per questo la conoscenza (la ragione o i sensi) presenta alle virtù appetitive non una copia (un immagine) dell essere, ma il suo aspetto del bene, cioè l essere stesso, il quale solo come una perfezione desiderata dal soggetto può destare la tendenza ad esso. Il giudizio sul bene nasce dal fatto (in qualche modo reso consapevole) che il soggetto è l essere non compiuto ed ha bisogno degli altri enti, secondo le loro perfezioni. p. 5

6 A. GUDANIEC, Amore come complacentia boni in Tommaso d Aquino Possiamo comunque dire che la conoscenza rende il bene accessibile al soggetto, così che il bene si imprime in esso sotto la forma della compiacenza. Questa figura originaria dell amore, analoga alla species impressa in ambito della conoscenza, apre il soggetto all agire del bene. Così in seguito emerge l atto dell amore come l azione propria del soggetto, volta al bene. La compiacenza è dunque una conseguenza del riconoscimento dell essere come il bene per il soggetto, e per questo è un primo legame con il bene, che fa poi nascere le azioni proprie del soggetto, partendo dall atto dell amore nel senso stretto. La conoscenza si presenta quindi come un necessario passaggio tra l essere come il bene e l appetito del soggetto, al quale esso in tal modo si può rendere accessibile. Però la ragione fondamentale dell amore, come abbiamo visto, sta nella parte dell oggetto. Dice Tommaso: similitudo, proprie loquendo, est causa amoris 8. Bisogna dunque considerare di che tipo della similitudine si tratta in caso dell amore. Nella parte seguente del testo citato si parla dei due tipi di similitudine: (1) secondo l identità dell atto e (2) secondo una corrispondenza tra l atto e la potenza. Due cose sono simili in senso stretto quando esiste tra loro un identità dell atto, per cui la parola similitudo l Aquinate la usa piuttosto per la conoscenza (dove la forma conoscitiva e simile alla cosa conosciuta) che per l amore. A quell ultimo si riferisce invece il secondo tipo di similitudine, che potremmo chiamare potenziale o dinamico. Questa similitudine definisce la natura nel suo processo di sviluppo: l essere si perfeziona trasformandosi dalla potenza al proporzionato atto. La parola più giusta è perciò convenientia, una convenienza, corrispondenza il termine che risulta un equivalente appetitivo di adaequatio alla parte della conoscenza 9. Esiste quindi una convenienza, che per quanto è conosciuta diventa la compiacenza. La convenienza è fondata sul principio della proporzione reale tra l atto e la potenza: se esiste una potenza, necessariamente deve esistere l atto conveniente ad essa. L atto deve però trovarsi nel campo di vista del soggetto adeguato (la potenza), per poterlo realmente e concretamente muovere ad appetire se stesso. È la conoscenza che fa riconoscere quella convenienza, di modo che il soggetto, trasformandosi all atto, acquista un attitudine alla tendenza verso ciò che è conveniente (buono). 8 Summa Theologiae, I-II, 27, 3. 9 Per il carattere dinamico alcuni termini, usati per definire certi aspetti dell amore, sono stati costruiti dai participi attivi: veniens, sonans, placens, le loro radici invece spesso riguardano qualche azione o movimento. p. 6

7 Congresso Tomista Internazionale Quindi, una esistente similitudine dinamica, per quanto verrà sperimentata nel soggetto, diventa la compiacenza in questo soggetto. Possiamo dire, la similitudine (convenienza) in certo senso rende il soggetto simile all oggetto, nel quale si è riconosciuta la similitudine. Quel rendere simile non è altro che la complacentia boni, destata così nel soggetto. In questo punto si potrebbe aggiungere che in certe lingue le parole piacere e simile sono etimologicamente collegate (polacco: podobny, podobac sie; inglese: likeness, to like) 10. Nel soggetto la compiacenza non è altro che l inizio di tendere che va verso l unione con il bene conveniente (è così simile). Non è poi possibile, dice Tommaso, tendere a uno scopo, che è sproporzionato 11. La similitudine la possiamo dunque definire come la ragione della tendenza verso il bene ma se la tendenza è l azione del soggetto (o esprime la sua natura), la suddetta ragione deve emergere in qualche modo nel soggetto. Essa emerge proprio come l amore-compiacenza, che è un iniziale ed elementare prendere l atteggiamento del soggetto verso il bene. Anche se, dunque, viene dalla parte dell oggetto, esprime un atteggiamento del soggetto di fronte all essere-bene incontrato. In questo senso si potrebbe dire di un aspetto (virtualmente) attivo della compiacenza. 3. IL CARATTERE PASSIVO DELLA COMPIACENZA La vera e primaria causa dell amore, come dice Tommaso 12, è il bene la cosa reale, che risulta conveniente al soggetto adattandolo a se stessa con una forma introdotta in esso, che non è altro che l amore sotto la specie di complacentia. Si potrebbe dire, quindi, che la compiacenza consiste nel fatto dell emergersi nel soggetto una coscienza della convenienza di fronte a un oggetto. Questa coscienza dovrebbe essere intesa piuttosto come un esperienza o un impressione, perché così è la natura dell appetito. Quando l Aquinate dice che l amore è coaptatio appetitus [...] ad aliquod bonum 13, vuol dire in primo piano che è l oggetto ad adattare il soggetto a se stesso. Quell aspetto oggettivo, sempre qui sottolineato, dove il bene prima agisce alla virtù appetitiva, causando in essa una mutazione, trova il suo termine correlativo dalla parte del soggetto nella figura di passio. 10 Pare che da una radice indoeuropea (in greco hama prima suonava sama), che significava l uguaglianza, provengono le parole come: lat. amor, similis, ing. same ecc. Vide J. Pieper, Über die Liebe, Monaco 1972, capitolo I. 11 S. Th., I-II, 25, Ibid., 27, Ibid., 26, 1. p. 7

8 A. GUDANIEC, Amore come complacentia boni in Tommaso d Aquino Così raggiungiamo un altra definizione dell amore, inteso come passio, che esprime il fatto dell originario cedimento o l arrendevolezza di fronte all oggetto, il quale muove e attrae il soggetto verso se stesso. Poi, per quanto attrae, piace, e così introduce nel soggetto certa concordanza tra esso e se stesso. Ripetiamo dunque, la compiacenza, che è un adattamento del soggetto al bene, ha la forma di passio (per cui il soggetto è passivo), perché è l oggetto che adatta il soggetto. L origine dell amore sta quindi nel suo essere passio, che afferma Tommaso certe volte 14. A prescindere dal concetto metafisico, ultimamente analogico, di passio, siamo costretti di dire che l amore, almeno come la compiacenza, è nella sua essenza passio, perché solamente così è possibile che il bene faccia nel soggetto un effetto, il quale gli dà una disposizione per tendere verso esso. Passio bisogna ovviamente intenderla analogicamente, che afferma poi l Aquinate 15 nell essere umano, il quale è composto di anima e corpo, passio amoris si manifesta di più al livello sensitivo (psico-corporale), al livello intellettuale invece si manifesta in certo senso (analogo, più largo) e per quanto esso dipende dal livello sensitivo. L amore come compiacenza del bene è passio, cioè la prima e spontanea reazione del soggetto al bene incontrato. 14 Ad es. ibid., 26, Ibidem. p. 8

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

9. Urti e conservazione della quantità di moto.

9. Urti e conservazione della quantità di moto. 9. Urti e conservazione della quantità di moto. 1 Conservazione dell impulso m1 v1 v2 m2 Prima Consideriamo due punti materiali di massa m 1 e m 2 che si muovono in una dimensione. Supponiamo che i due

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA Tutti gli anni, affrontando l argomento della divisibilità, trovavo utile far lavorare gli alunni sul Crivello di Eratostene. Presentavo ai ragazzi una

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente.

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. 1. SIMPLE PRESENT 1. Quando si usa? Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. Quanto abitualmente? Questo ci viene spesso detto dalla presenza

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Catturare una nuova realtà

Catturare una nuova realtà (Interviste "di LuNa" > di Nadia Andreini Strive - 2004 Catturare una nuova realtà L opera di Ansen Seale (www.ansenseale.com) di Nadia Andreini (www.nadia-andreini.com :: nadia@nadia-andreini.com) Da

Dettagli

2. La struttura formale del problema dell essere.

2. La struttura formale del problema dell essere. Indice Introduzione... 7 2. La struttura formale del problema dell essere.... 9 7. Il metodo fenomenologico della ricerca.... 14 7(c). Il concetto preliminare di fenomenologia... 16 8. Schema dell opera...

Dettagli

COMPILARE IL MODELLO IN STAMPATELLO

COMPILARE IL MODELLO IN STAMPATELLO _l_ sottoscritt, nat_ a il / / consapevole delle sanzioni penali richiamate dall'art. 76 del D.P.R. n. 445/2000 in caso di dichiarazioni mendaci, ai sensi e per gli effetti dell'art. 46 del citato D.P.R.

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA RAPPORT & SINTONIA 1 RAPPORT Il termine rapport indica che esiste o che si è stabilita una reciproca comprensione tra due o più persone. Il sinonimo per tale concetto è sintonia o feeling. Per rapport,

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

DAI NUMERI COMPLESSI ALLA REALTA FISICA. (in particolare gli ottonioni)

DAI NUMERI COMPLESSI ALLA REALTA FISICA. (in particolare gli ottonioni) DAI NUMERI COMPLESSI ALLA REALTA FISICA (in particolare gli ottonioni) Gruppo B. Riemann Michele Nardelli, Francesco Di Noto *Gruppo amatoriale per la ricerca matematica sui numeri primi, sulle loro congetture

Dettagli

Analisi in regime sinusoidale (parte V)

Analisi in regime sinusoidale (parte V) Appunti di Elettrotecnica Analisi in regime sinusoidale (parte ) Teorema sul massimo trasferimento di potenza attiva... alore della massima potenza attiva assorbita: rendimento del circuito3 Esempio...3

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

UN MONDO SENZA CARTA GIORNALI VS BLOGS: VECCHI E NUOVI MEDIA A CONFRONTO 1

UN MONDO SENZA CARTA GIORNALI VS BLOGS: VECCHI E NUOVI MEDIA A CONFRONTO 1 UN MONDO SENZA CARTA GIORNALI VS BLOGS: VECCHI E NUOVI MEDIA A CONFRONTO 1 In progress Febbraio 2007 Il salto tecnologico e la crisi dei media tradizionali I media sono in crisi? È una domanda più che

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

Come si prepara una presentazione

Come si prepara una presentazione Analisi Critica della Letteratura Scientifica 1 Come si prepara una presentazione Perché? 2 Esperienza: Si vedono spesso presentazioni di scarsa qualità Evidenza: Un lavoro ottimo, presentato in modo pessimo,

Dettagli

CALDO SGUARDO GRECO PDF

CALDO SGUARDO GRECO PDF CALDO SGUARDO GRECO PDF ==> Download: CALDO SGUARDO GRECO PDF CALDO SGUARDO GRECO PDF - Are you searching for Caldo Sguardo Greco Books? Now, you will be happy that at this time Caldo Sguardo Greco PDF

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

LA NATURA ANALOGICA DEL BENE: RADICE METAFISICA DELLA LIBERTA DELLA SCELTA IN TOMMASO D'AQUINO

LA NATURA ANALOGICA DEL BENE: RADICE METAFISICA DELLA LIBERTA DELLA SCELTA IN TOMMASO D'AQUINO Revista Espanola de Filosofia Medieval, II (2004), pp. 83-96 LA NATURA ANALOGICA DEL BENE: RADICE METAFISICA ' DELLA LIBERTA DELLA SCELTA IN TOMMASO D'AQUINO Federica Bergamino Pontificia Universita della

Dettagli

Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa

Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa Giuliano Broggini 1 Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa L essenza proviene dall essere; non è quindi immediatamente in sé e per sé, ma è un risultato di quel movimento 2. E questa la spiegazione

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO LAVORO DELLA PERCEZIONE UDITIVA NEL LINGUAGGIO Identificazione e rafforzamento delle caratteristiche fonemiche della lingua e, contemporaneamente, inibizione delle caratteristiche che le sono estranee

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Come detto precedentemente la legge di ohm lega la tensione e la corrente con un altro parametro detto "resistenza". Di seguito sono presenti

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

LAST SIPE. Appunti Livorno 21 giugno 2014

LAST SIPE. Appunti Livorno 21 giugno 2014 LAST SIPE Appunti Livorno 21 giugno 2014 SAPERE, FARE, FAR SAPERE Ho sentito questo slogan per la prima volta da Gianni Bassi, grande Governatore del Distretto 2070, appassionato rotariano, con una visione

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Ho vivamente apprezzato la tua recente

Ho vivamente apprezzato la tua recente 35 Le illusioni e i desideri sono illuminazione Ho vivamente apprezzato la tua recente visita e la tua costante preoccupazione per le numerose persecuzioni che mi sono capitate. Poiché ho subìto queste

Dettagli

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese Introduzione Nell articolo vengono mostrate vari possibili legami tra la costante di Archimede (pi greco) e la sezione aurea (phi).

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Ragazzi vietnamiti: (VIET L ANIMA HCM USSH) CLASSE 5 C: (21 TORTELLINI) 1. Trần Yến Ngọc 2. Nguyễn Ngọc Bách Châu AUTORI PROGETTO:

Ragazzi vietnamiti: (VIET L ANIMA HCM USSH) CLASSE 5 C: (21 TORTELLINI) 1. Trần Yến Ngọc 2. Nguyễn Ngọc Bách Châu AUTORI PROGETTO: Due mondi, due culture, due storie che si incontrano per dare vita a qualcosa di unico: la scoperta di ciò che ci rende unici ma fratelli. Per andare insieme verso EXPO 2015 Tutt altra storia Il viaggio

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

Una risposta ad una domanda difficile

Una risposta ad una domanda difficile An Answer to a Tough Question Una risposta ad una domanda difficile By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Un certo numero di persone nel corso degli anni mi hanno chiesto

Dettagli