Amore come complacentia boni in Tommaso d Aquino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Amore come complacentia boni in Tommaso d Aquino"

Transcript

1 CONGRESSO TOMISTA INTERNAZIONALE L UMANESIMO CRISTIANO NEL III MILLENNIO: PROSPETTIVA DI TOMMASO D AQUINO ROMA, settembre 2003 Pontificia Accademia di San Tommaso Società Internazionale Tommaso d Aquino Amore come complacentia boni in Tommaso d Aquino Prof. Arkadius Gudaniec Catholic University of Lublin (Poland) The aim of this communication is to consider the relation between the subject of love and the good in the moment when love is rising. The analysis of the terms Aquinas uses to define love (like complacentia boni, coaptatio, aptitudo, convenientia etc.) demonstrates that in the nature of love there are always two aspects: the objective one, which is the influence of good into the subject (the subject is passive) and the subjective one, which is an answer of the subject to the good which moved him (the subject is active). These two aspects penetrate each other and are complementary in the dynamic character of love. Cognition makes the good available for the subject. The likeness results the main reason of love (complacentia) in the metaphysical prospective it is the real base to raise in the subject a deep connection with the good. This connection is love as complacentia boni. PREMESSA Nel piano dell integrità dell essere vivente l amore si può definire come il punto dell incrocio tra il ramo assimilativo del soggetto (cioè quello dell interiorizzare la realtà, fatto negli atti conoscitivi) e il suo ramo espressivo (quello dell esteriorizzarsi verso la realtà, fatto negli atti appetitivi). Mettendo lo sguardo più stretto alla questione si può dire così: essendo l atto primo dell appetito l amore svela la sua dinamica più originaria, cioè quella di completarsi in esso i due aspetti fondamentali: (1) quello che viene dall oggetto: un influenza (essere attratto) dal bene amato; (2) quello proprio al soggetto: l azione di amare verso il bene. Il primo aspetto nella natura dell amore ha un carattere passivo (ricettivo), il secondo invece attivo (creativo). Dal punto di vista del soggetto e delle azioni che emergono da esso, l amore è il principio e la causa di ogni azione, l inizio di qualunque attività del soggetto. Però, nella prospettiva metafisica l ordine oggettivo viene sempre prima di quello soggettivo, così come l actus precede (condiziona) la potentia per poterla attualizzare. Vale a dire, l amore, per diventare l azione del soggetto Copyright 2003 INSTITUTO UNIVERSITARIO VIRTUAL SANTO TOMÁS Fundación Balmesiana Universitat Abat Oliba CEU

2 A. GUDANIEC, Amore come complacentia boni in Tommaso d Aquino verso un bene, sorge come un effetto dell influsso reale del bene. Questo sorgere dell amore in rapporto col reale lo esprime in modo più generico e più interessante la formula complacentia boni (compiacenza del bene), usata dall Aquinate. Questo breve comunicato vuole riprendere certi aspetti del fatto di sorgersi l atto dell amore, accennandone di più il lato passivo, per quanto il soggetto subisce l influenza del reale riconosciuto come il bene (o il male), potendo poi destare tutta la sua attività volta ad esso. Come primo passo verrà effettuata un analisi dei termini, usati da Tommaso d Aquino per esprimere la natura dell amore in quell iniziale momento appetitivo, di cui si tratta. In seguito sarà ripreso l aspetto della conoscenza e il suo rapporto coll amore, altresì la questione di similitudine, come un essenziale motivo della complacentia. Alla fine verrà considerato il concetto di amore come passio, per concludere la riflessione di tutti gli accenni passivi qui ripresi. Il mio scopo sarebbe quello di esaminare il carattere e la natura di quel primo contatto tra l appetito e il bene così che si possa cogliere meglio il rapporto tra l aspetto oggettivo (passivo) e quello soggettivo (attivo) nell amore, il quale rapporto fa capire più profondamente i sorgenti ed i principi di tutte le nostre azioni. 1. L ANALISI DEI TERMINI USATI DA TOMMASO Negli scritti di Tommaso d Aquino sull amore, soprattutto in Summa Theologiae pars I-II, dove parla sull amore quanto è passione, troviamo alcuni termini che esprimono la natura dell amore, esplicitandone una varietà degli aspetti interessanti e non sempre ovvi. Per cui vale la pena analizzare queste parole di modo che si riesca ad ottenere dei nuovi cenni nella questione che ci interessa. Restringendo l ambito dell analisi a certe quaestiones di I-II di Summa Theologiae (sono soprattutto le questioni n ), troviamo già tutto il gruppo dei termini che esprimono l aspetto passivo dell amore. Oltre complacentia boni, usato più spesso, ci sono seguenti termini: connaturalitas, coaptatio, aptitudo, convenientia, consonantia, inclinatio, proportio. L espressione complacentia boni subito si impone come diversa dalle altre, sia per la sua struttura (comprendente i due elementi), che per il ruolo che le dà l Aquinate: la usa spesso per chiarire o spiegare altre espressioni 1. Per queste ragioni complacentia boni sarà ultima da analizzare. 1 Ad es. coaptatio [...] idest ipsa complacentia boni, Summa Theologiae, I-II, 26, 1; proportio [...] qui nihil est aliud quam complacentia boni, ibid., 25, 2. p. 2

3 Congresso Tomista Internazionale Prima cosa da notare è il fatto che tanti termini summenzionati hanno una forma della composizione sintattica comprendente un suffisso con- (co-, com-), che proviene dalla preposizione cum. Il significato fondamentale di questo suffisso in latino (e nelle lingue provenienti dal latino) è: [anche qui dobbiamo usare quel suffisso] un nesso (con-nesione), un legame (collegamento), certa co-munanza e com-partecipazione, una simultaneità (contemporaneità) o una com-pagnia. Il suffisso può anche funzionare come un intensificazione o modificazione del significato della parola, con la quale si unisce 2. È ovvio dunque che tutti questi sensi (o almeno alcuni) entrano in qualche modo nell ambito della questione che stiamo esaminando. L altra osservazione riguarda la percettibile divisione nel gruppo delle espressioni secondo i loro significati. Tenendo conto delle funzioni semantiche delle radici dei nomi, possiamo distinguere due tipi di significati: (1) Le forme che indicano la similitudine stessa, la commensurabilità o la comunanza come il suffisso con- appena menzionato. Così: (A) connaturalitas significa un affinità delle nature (lasciando a parte le analisi del senso di questa affinità); (B) convenientia, insieme a consonantia, che le corrisponde come una metafora, indicano sempre la similitudine, ma sembrano di introdurre il livello conoscitivo (una cosa conviene, o è conveniente, quando la riconosciamo tale); (C) infine proportio è l espressione più generale e indica semplicemente qualunque commensurabilità o corrispondenza tra due fattori, che restano in certa armonia 3. (2) Altre forme che usa Tommaso aggiungono un fattore interiore del soggetto, cioè un suo impegno, una reazione se si può dire così davanti al fatto di quella similitudine apparsa. Si tratta di: (A) un adattamento, un adeguamento all oggetto: coaptatio; (B) una capacità, un attitudine verso esso: aptitudo; 2 A. Ernout, A. Meillet, Dictionnaire étymologique de la langue latine, Parigi 1959, vol. 1, p. 156; L. Castiglioni, S. Mariotti, Vocabolario della lingua latina, Milano 1996, p. 266; M. Plezia, Slownik lacinsko-polski, Varsavia 1998, vol. 1, p Etimologicamente la parola riguarda l ordine delle parti o dei fattori che corrispondono secondo certa misura. p. 3

4 A. GUDANIEC, Amore come complacentia boni in Tommaso d Aquino (C) una disposizione, un inclinazione verso esso: inclinatio (questo termine è usato da Tommaso anche in senso più generale, cioè come l appetito stesso). Quel secondo gruppo dei termini esprime bene l aspetto soggettivo: il soggetto davanti al bene prende un atteggiamento, entra nel rapporto in carattere di un fattore attivo. Questa attività significa in primo piano un dirigersi o una tendenza a realizzare quel rapporto, che è in pratica una tensione tra l actus e la potentia. Così nel soggetto comincia a costruirsi un legame intimo con l oggetto incontrato, riconosciuto come il proprio bene. Alla fine dell analisi torniamo all espressione fondamentale per le nostre considerazioni: complacentia boni. Vagliando il suo significato altresì la sua struttura, vediamo una ricchezza del contenuto e una pluralità degli aspetti. In certo senso possiamo dire che in questa espressione si uniscono i due lati menzionati prima: quel oggettivo e quel soggettivo. Il verbo complacere (come in tante altre lingue) significa esercitare influenza, agire, destare in qualcosa una reazione positiva. Questo è l aspetto oggettivo della compiacenza (dell amore): è il bene che piace, fa piacere, desta l appetito 4. Dall altra parte, prendendo in considerazione complacentia come un atto che appartiene al soggetto, ne troviamo l aspetto soggettivo: è il soggetto a cui piace il bene. [Se il mio senso linguistico è giusto] quell aspetto potremmo esprimerlo dicendo: compiacersi di un bene (l uso riflessivo del verbo latino complacere confermano i vocabolari 5 ). Così la complacentia significa un atto del soggetto volto all oggetto 6. Inoltre, soprattutto in certe lingue (ad es. il polacco), nell espressione complacentia boni ci si può accorgere una presenza del soggetto nell oggetto 7. Complacentia vuol dire dunque un congiungimento con l oggetto desiderato, adeguato. Qui viene fuori la questione scoperta già prima, cioè quella di realizzare nel soggetto in qualche modo la similitudine accorta in un bene. Si può comunque dire di un adesione del soggetto all essere corrispondente. In qualsiasi punto della nostra analisi siamo, troviamo sempre una similitudine, un affinità o una corrispondenza, che il soggetto scopre nell oggetto, e dall altra parte un dirigersi al bene, un aderire del soggetto, il quale comincia prendere iniziativa. Il primo fattore (oggettivo) riconosciamo 4 L apposizione boni in questo caso funge da Genetivus Subiecti. 5 M. Plezia, Slownik lacinsko-polski, op. cit., vol. 1, p L apposizione boni funge qui da Genetivus Obiecti. 7 In polacco: upodobanie w dobru sarebbe: compiacenza nel bene. p. 4

5 Congresso Tomista Internazionale come la ragione reale (fundamentum in re) del fatto di complacentia, il secondo come la risposta (alla cor-rispondenza incontrata) del soggetto, nel quale nasce il legame con il bene, e in conseguenza tutta l attività verso esso. Perciò l amore-compiacenza in questo punto si potrebbe definire come un vincolo, o un adesione, tra il soggetto e l oggetto (il suo bene), un vincolo fondato sulla conosciuta in certo modo similitudine. L aspetto passivo e attivo dell amore si penetrano l un l altro in modo essenziale, perché essi sono i due fattori necessari del fatto dell amore: che si possa destare da una cosa reale e che si possa nascere come un azione del soggetto. Rimangono dunque da considerare le questioni della conoscenza e della similitudine. 2. CONOSCENZA E SIMILITUDINE NELLA DINAMICA DELL AMORE La conoscenza sembra una cosa fondamentale per l amore, perché non è possibile nessun atto del soggetto senza conoscere prima l oggetto esso solamente essendo conosciuto, cioè assimilato in qualche modo dal soggetto, è capace di destare gli atti appetitivi, ad esso tendenti. In questo punto però non voglio riprendere l ambito ampio del rapporto tra la conoscenza e l amore (l appetito), ma piuttosto certi aspetti che la conoscenza introduce nel comprendere l amore come la compiacenza del bene. Se parliamo di compiacenza subito ci accorgiamo che il verbo piacere riguarda il bello. Piacere vuol dire presentarsi come un bello (o un bene). Sappiamo che il bello, rispetto al bene, porta in più il valore del vero, cioè di cognitum. Il verbo piacere dunque comprende essenzialmente il momento conoscitivo. È proprio nell atto di complacentia che un oggetto prima conosciuto (e infatti come conosciuto) desta una reazione nel soggetto. L amore è una risposta all essere riconosciuto come il proprio bene, quindi la conoscenza risulta una necessaria condizione dell amore. Per diventare un bene lo scopo delle azioni del soggetto non basta che sia conosciuto occorre che si imponga (o renda presente) ad esso con una particolare forza. Per questo la conoscenza (la ragione o i sensi) presenta alle virtù appetitive non una copia (un immagine) dell essere, ma il suo aspetto del bene, cioè l essere stesso, il quale solo come una perfezione desiderata dal soggetto può destare la tendenza ad esso. Il giudizio sul bene nasce dal fatto (in qualche modo reso consapevole) che il soggetto è l essere non compiuto ed ha bisogno degli altri enti, secondo le loro perfezioni. p. 5

6 A. GUDANIEC, Amore come complacentia boni in Tommaso d Aquino Possiamo comunque dire che la conoscenza rende il bene accessibile al soggetto, così che il bene si imprime in esso sotto la forma della compiacenza. Questa figura originaria dell amore, analoga alla species impressa in ambito della conoscenza, apre il soggetto all agire del bene. Così in seguito emerge l atto dell amore come l azione propria del soggetto, volta al bene. La compiacenza è dunque una conseguenza del riconoscimento dell essere come il bene per il soggetto, e per questo è un primo legame con il bene, che fa poi nascere le azioni proprie del soggetto, partendo dall atto dell amore nel senso stretto. La conoscenza si presenta quindi come un necessario passaggio tra l essere come il bene e l appetito del soggetto, al quale esso in tal modo si può rendere accessibile. Però la ragione fondamentale dell amore, come abbiamo visto, sta nella parte dell oggetto. Dice Tommaso: similitudo, proprie loquendo, est causa amoris 8. Bisogna dunque considerare di che tipo della similitudine si tratta in caso dell amore. Nella parte seguente del testo citato si parla dei due tipi di similitudine: (1) secondo l identità dell atto e (2) secondo una corrispondenza tra l atto e la potenza. Due cose sono simili in senso stretto quando esiste tra loro un identità dell atto, per cui la parola similitudo l Aquinate la usa piuttosto per la conoscenza (dove la forma conoscitiva e simile alla cosa conosciuta) che per l amore. A quell ultimo si riferisce invece il secondo tipo di similitudine, che potremmo chiamare potenziale o dinamico. Questa similitudine definisce la natura nel suo processo di sviluppo: l essere si perfeziona trasformandosi dalla potenza al proporzionato atto. La parola più giusta è perciò convenientia, una convenienza, corrispondenza il termine che risulta un equivalente appetitivo di adaequatio alla parte della conoscenza 9. Esiste quindi una convenienza, che per quanto è conosciuta diventa la compiacenza. La convenienza è fondata sul principio della proporzione reale tra l atto e la potenza: se esiste una potenza, necessariamente deve esistere l atto conveniente ad essa. L atto deve però trovarsi nel campo di vista del soggetto adeguato (la potenza), per poterlo realmente e concretamente muovere ad appetire se stesso. È la conoscenza che fa riconoscere quella convenienza, di modo che il soggetto, trasformandosi all atto, acquista un attitudine alla tendenza verso ciò che è conveniente (buono). 8 Summa Theologiae, I-II, 27, 3. 9 Per il carattere dinamico alcuni termini, usati per definire certi aspetti dell amore, sono stati costruiti dai participi attivi: veniens, sonans, placens, le loro radici invece spesso riguardano qualche azione o movimento. p. 6

7 Congresso Tomista Internazionale Quindi, una esistente similitudine dinamica, per quanto verrà sperimentata nel soggetto, diventa la compiacenza in questo soggetto. Possiamo dire, la similitudine (convenienza) in certo senso rende il soggetto simile all oggetto, nel quale si è riconosciuta la similitudine. Quel rendere simile non è altro che la complacentia boni, destata così nel soggetto. In questo punto si potrebbe aggiungere che in certe lingue le parole piacere e simile sono etimologicamente collegate (polacco: podobny, podobac sie; inglese: likeness, to like) 10. Nel soggetto la compiacenza non è altro che l inizio di tendere che va verso l unione con il bene conveniente (è così simile). Non è poi possibile, dice Tommaso, tendere a uno scopo, che è sproporzionato 11. La similitudine la possiamo dunque definire come la ragione della tendenza verso il bene ma se la tendenza è l azione del soggetto (o esprime la sua natura), la suddetta ragione deve emergere in qualche modo nel soggetto. Essa emerge proprio come l amore-compiacenza, che è un iniziale ed elementare prendere l atteggiamento del soggetto verso il bene. Anche se, dunque, viene dalla parte dell oggetto, esprime un atteggiamento del soggetto di fronte all essere-bene incontrato. In questo senso si potrebbe dire di un aspetto (virtualmente) attivo della compiacenza. 3. IL CARATTERE PASSIVO DELLA COMPIACENZA La vera e primaria causa dell amore, come dice Tommaso 12, è il bene la cosa reale, che risulta conveniente al soggetto adattandolo a se stessa con una forma introdotta in esso, che non è altro che l amore sotto la specie di complacentia. Si potrebbe dire, quindi, che la compiacenza consiste nel fatto dell emergersi nel soggetto una coscienza della convenienza di fronte a un oggetto. Questa coscienza dovrebbe essere intesa piuttosto come un esperienza o un impressione, perché così è la natura dell appetito. Quando l Aquinate dice che l amore è coaptatio appetitus [...] ad aliquod bonum 13, vuol dire in primo piano che è l oggetto ad adattare il soggetto a se stesso. Quell aspetto oggettivo, sempre qui sottolineato, dove il bene prima agisce alla virtù appetitiva, causando in essa una mutazione, trova il suo termine correlativo dalla parte del soggetto nella figura di passio. 10 Pare che da una radice indoeuropea (in greco hama prima suonava sama), che significava l uguaglianza, provengono le parole come: lat. amor, similis, ing. same ecc. Vide J. Pieper, Über die Liebe, Monaco 1972, capitolo I. 11 S. Th., I-II, 25, Ibid., 27, Ibid., 26, 1. p. 7

8 A. GUDANIEC, Amore come complacentia boni in Tommaso d Aquino Così raggiungiamo un altra definizione dell amore, inteso come passio, che esprime il fatto dell originario cedimento o l arrendevolezza di fronte all oggetto, il quale muove e attrae il soggetto verso se stesso. Poi, per quanto attrae, piace, e così introduce nel soggetto certa concordanza tra esso e se stesso. Ripetiamo dunque, la compiacenza, che è un adattamento del soggetto al bene, ha la forma di passio (per cui il soggetto è passivo), perché è l oggetto che adatta il soggetto. L origine dell amore sta quindi nel suo essere passio, che afferma Tommaso certe volte 14. A prescindere dal concetto metafisico, ultimamente analogico, di passio, siamo costretti di dire che l amore, almeno come la compiacenza, è nella sua essenza passio, perché solamente così è possibile che il bene faccia nel soggetto un effetto, il quale gli dà una disposizione per tendere verso esso. Passio bisogna ovviamente intenderla analogicamente, che afferma poi l Aquinate 15 nell essere umano, il quale è composto di anima e corpo, passio amoris si manifesta di più al livello sensitivo (psico-corporale), al livello intellettuale invece si manifesta in certo senso (analogo, più largo) e per quanto esso dipende dal livello sensitivo. L amore come compiacenza del bene è passio, cioè la prima e spontanea reazione del soggetto al bene incontrato. 14 Ad es. ibid., 26, Ibidem. p. 8

Tra il dire e l educare c è di mezzo il web. Come può la comunicazione educare alla cultura dell incontro?

Tra il dire e l educare c è di mezzo il web. Come può la comunicazione educare alla cultura dell incontro? Tra il dire e l educare c è di mezzo il web. Come può la comunicazione educare alla cultura dell incontro? Marco Deriu docente di Teoria e tecnica delle comunicazioni di massa, Università Cattolica per

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

Alcune domande fondamentali

Alcune domande fondamentali PSICOLOGIA DEI GRUPPI sabina.sfondrini@unimib.it Testi: Boca, Bocchiaro, Scaffidi Abbate, Introduzione alla Psicologia sociale, Il Mulino, Bologna. Tutti i capitoli tranne il 3 Speltini, 2002, Stare in

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

LA MACCHINA FOTOGRAFICA

LA MACCHINA FOTOGRAFICA D LA MACCHINA FOTOGRAFICA Parti essenziali Per poter usare la macchina fotografica, è bene vedere quali sono le sue parti essenziali e capire le loro principali funzioni. a) OBIETTIVO: è quella lente,

Dettagli

Cap. 1 PUSC. Giulio Maspero I anno, I sem (ver. 2006-7)

Cap. 1 PUSC. Giulio Maspero I anno, I sem (ver. 2006-7) Cap. 1 1) Qual è il trattato più importante del mondo? 2) Perché questa disciplina ha subito un eclissi? 3) Perché si parla di Mistero della Trinità? Si può capire la Trinità? Cos è l apofatismo? 4) Cosa

Dettagli

Capitolo II Le reti elettriche

Capitolo II Le reti elettriche Capitolo II Le reti elettriche Fino ad ora abbiamo immaginato di disporre di due soli bipoli da collegare attraverso i loro morsetti; supponiamo ora, invece, di disporre di l bipoli e di collegarli tra

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

9. Urti e conservazione della quantità di moto.

9. Urti e conservazione della quantità di moto. 9. Urti e conservazione della quantità di moto. 1 Conservazione dell impulso m1 v1 v2 m2 Prima Consideriamo due punti materiali di massa m 1 e m 2 che si muovono in una dimensione. Supponiamo che i due

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

IL COLLOQUIO DI COUNSELING

IL COLLOQUIO DI COUNSELING IL COLLOQUIO DI COUNSELING Università LUMSA di Roma Anno accademico 2014/2015 Dott. P. Cruciani Dott.ssa P. Szczepanczyk Testo di riferimento: Il colloquio di counseling di Vincenzo Calvo Cos è il Counseling

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

Teorie Etiche - Kant

Teorie Etiche - Kant Teorie Etiche - Kant Gianluigi Bellin January 27, 2014 Tratto dalla Stanford Encyclopedia of Philosophy online alle voce Kant s Moral Philosophy. La filosofia morale di Immanuel Kant Immanuel Kant, visse

Dettagli

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag. SOMMARIO CAPITOLO : I RADICALI. I radicali pag.. I radicali aritmetici pag.. Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.. Potenza di un radicale aritmetico pag.. Trasporto di un fattore esterno

Dettagli

Considerazioni sulle specifiche.

Considerazioni sulle specifiche. # SINTESI PER TENTATIVI IN ω PER GLI ASSERVIMENTI # Considerazioni sulle specifiche. Come accennato in precedenza, prima di avviare la prima fase della sintesi di un sistema di asservimento, e cioe la

Dettagli

CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE DICEMBRE-GENNAIO FEBBRAIO-MARZO APRILE-MAGGIO GIUGNO. Ascoltare i vissuti dei compagni.

CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE DICEMBRE-GENNAIO FEBBRAIO-MARZO APRILE-MAGGIO GIUGNO. Ascoltare i vissuti dei compagni. SCUOLA DELL INFANZIA CHE AVVENTURA - Progetto educativo/didattico anno scolastico 2014 / 2015 Obiettivi di apprendimento ipotizzati per bambini di 3 anni CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. G. Ciaschetti Fin dall antichità, l uomo ha avuto il bisogno di rappresentare le quantità in modo simbolico. Sono nati

Dettagli

Insegnare relatività. nel XXI secolo

Insegnare relatività. nel XXI secolo Insegnare relatività nel XXI secolo L ' e s p e r i m e n t o d i H a f e l e e K e a t i n g È il primo dei nuovi esperimenti, realizzato nel 1971. Due orologi atomici sono stati montati su due aerei

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

LA COMUNITA CHE GUARISCE

LA COMUNITA CHE GUARISCE WWW. E-RAV.IT PER per LA COMUNITA CHE GUARISCE Manuale d uso della RAV Regole semplici per creare conoscenza Roberto Leverone Amministratore RAV Marzo 2009 rev. 0 Capitolo I [An Manuale RAV Capitolo I

Dettagli

PROGETTO PER UN LABORATORIO DI TERAPEUTICA ARTISTICA

PROGETTO PER UN LABORATORIO DI TERAPEUTICA ARTISTICA PROGETTO PER UN LABORATORIO DI TERAPEUTICA ARTISTICA La Terapeutica Artistica a Brera Sono ormai sette anni che all Accademia di Belle Arti di Brera si è istituito un Biennio in Teoria e Pratica della

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati. Lezione del 27 novembre 2014

Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati. Lezione del 27 novembre 2014 Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati Lezione del 27 novembre 2014 Finora si è parlato dell uso del dialetto da parte degli italiani Ma come si pongono di fronte ai dialetti gli stranieri che

Dettagli

Il corpo come fatto sociale e culturale

Il corpo come fatto sociale e culturale Il corpo come fatto sociale e culturale I gruppi umani pensano che le proprie concezioni del corpo, l uso che essi fanno del corpo siano ovvi, parti dell ordine naturale e non convenzioni sociali. Il corpo

Dettagli

La catena di assicurazione

La catena di assicurazione La catena di assicurazione A cosa serve la corda? A trattenere una eventuale caduta Solo questo? Che cosa succede al momento dell arresto di una caduta? L arrampicatore avverte uno strappo Quanto è violento

Dettagli

Roberto Farnè Università di Bologna

Roberto Farnè Università di Bologna Roberto Farnè Università di Bologna Ora l apertura della parte scientifica a questi lavori, per capire innanzitutto il senso di questo appuntamento. Non abbiamo bisogno, nessuno di noi credo abbia bisogno

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Il mondo dell affettività e della sessualità. Per genitori e ragazzi

Il mondo dell affettività e della sessualità. Per genitori e ragazzi Il mondo dell affettività e della sessualità Per genitori e ragazzi Monica Crivelli IL MONDO DELL AFFETTIVITÀ E DELLA SESSUALITÀ Per genitori e ragazzi Manuale www.booksprintedizioni.it Copyright 2015

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria).

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Aprile 20 Indice Serie numeriche. Serie convergenti, divergenti, indeterminate.....................

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

Educare alla cittadinanza il senso dell esperienza

Educare alla cittadinanza il senso dell esperienza Educare alla cittadinanza il senso dell esperienza Note esplicative del percorso..se c è di mezzo la pubblicità realizzato dalle classi quinte della Scuola Primaria N. Stigliani Insegnante Caterina Genovese

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Vai a visitare un cliente ma non lo chiudi nonostante tu gli abbia fatto una buona offerta. Che cosa fai? Ti consideri causa e guardi

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Le derivate versione 4

Le derivate versione 4 Le derivate versione 4 Roberto Boggiani 2 luglio 2003 Riciami di geometria analitica Dalla geometria analitica sulla retta sappiamo ce dati due punti del piano A(x, y ) e B(x 2, y 2 ) con x x 2 la retta

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli 1 di 6 Autore di Esami No Problem 1 Titolo I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

SCOPRIRE IL MONDO DELLA PAROLA. Baroni Antonietta, Monica Diciotti

SCOPRIRE IL MONDO DELLA PAROLA. Baroni Antonietta, Monica Diciotti SCOPRIRE IL MONDO DELLA PAROLA Baroni Antonietta, Monica Diciotti ESPERIENZA DI CLASSE IV All interno del percorso di lingua di classe quarta, attinente a due importanti forme del discorso quali la narrazione

Dettagli

Metodi per valutare la User Experience nei servizi web

Metodi per valutare la User Experience nei servizi web Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Metodi per valutare la User Experience nei servizi web Autore: Maurizio Boscarol Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA Teoria Il propulsore a forza centrifuga, è costituito essenzialmente da masse rotanti e rivoluenti attorno ad un centro comune che col loro movimento circolare generano una

Dettagli

Forze come grandezze vettoriali

Forze come grandezze vettoriali Forze come grandezze vettoriali L. Paolucci 23 novembre 2010 Sommario Esercizi e problemi risolti. Per la classe prima. Anno Scolastico 2010/11 Parte 1 / versione 2 Si ricordi che la risultante di due

Dettagli

INTRODUZIONE AI CICLI

INTRODUZIONE AI CICLI www.previsioniborsa.net INTRODUZIONE AI CICLI _COSA SONO E A COSA SERVONO I CICLI DI BORSA. Partiamo dalla definizione di ciclo economico visto l argomento che andremo a trattare. Che cos è un ciclo economico?

Dettagli

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca.

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1 La rappresentazione nella pubblicità Premessa La letteratura internazionale ha affrontato negli ultimi anni la pubblicità che utilizza i bambini

Dettagli

L UOMO L ORGANIZZAZIONE

L UOMO L ORGANIZZAZIONE UNITÀ DIDATTICA 1 L UOMO E L ORGANIZZAZIONE A.A 2007 / 2008 1 PREMESSA Per poter applicare con profitto le norme ISO 9000 è necessario disporre di un bagaglio di conoscenze legate all organizzazione aziendale

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

Già negli nella prima metà del 900 la ricerca mostrò che copiare forme geometriche correlava in modo significativo con determinate funzioni

Già negli nella prima metà del 900 la ricerca mostrò che copiare forme geometriche correlava in modo significativo con determinate funzioni Già negli nella prima metà del 900 la ricerca mostrò che copiare forme geometriche correlava in modo significativo con determinate funzioni psicologiche. L autore del V.M.I. Test rilevò,negli anni 60,

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO. English is fun

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO. English is fun ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO English is fun Anno scolastico 2011/2012 Istituto Comprensivo U. Ferrari di Castelverde

Dettagli

Calcola la tua Libertà Finanziaria. Guida all utilizzo del software di analisi del conto economico.

Calcola la tua Libertà Finanziaria. Guida all utilizzo del software di analisi del conto economico. Calcola la tua Libertà Finanziaria Guida all utilizzo del software di analisi del conto economico. 1 Prima ci presentiamo. Siamo Antonella Lamanna - Business Coach e Trainer e Amedeo Marinelli Networker

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

MASCHI CONTRO FEMMINE

MASCHI CONTRO FEMMINE MASCHI CONTRO FEMMINE OBIETTIVO Analizzare le immagini stereotipate legate all appartenenza di genere, riflettere sulle motivazioni dei diversi comportamenti di uomini e donne e sulla propria identità

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI SISTEMI IMPIANTISTICI E SICUREZZA INTRODUZIONE AGLI IMPIANTI ELETTRICI: FONDAMENTI DI ELETTROTECNICA

APPUNTI DEL CORSO DI SISTEMI IMPIANTISTICI E SICUREZZA INTRODUZIONE AGLI IMPIANTI ELETTRICI: FONDAMENTI DI ELETTROTECNICA APPUNTI DEL CORSO DI SISTEMI IMPIANTISTICI E SICUREZZA INTRODUZIONE AGLI IMPIANTI ELETTRICI: FONDAMENTI DI ELETTROTECNICA Concetti e grandezze fondamentali CAMPO ELETTRICO: è un campo vettoriale di forze,

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta LE STAGIONI CI ACCOMPAGNANO NEL MONDO DEI COLORI Questo progetto è rivolto ai bambini di 3 anni, che pur non essendo ancora del

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0 Rappresentazione dei numeri I numeri che siamo abituati ad utilizzare sono espressi utilizzando il sistema di numerazione decimale, che si chiama così perché utilizza 0 cifre (0,,2,3,4,5,6,7,8,9). Si dice

Dettagli

Insegnando. Dentro la realtà per la crescita della persona SCUOLA PRIMARIA PARITARIA DON LUIGI MONZA

Insegnando. Dentro la realtà per la crescita della persona SCUOLA PRIMARIA PARITARIA DON LUIGI MONZA E d u c a r e Insegnando Dentro la realtà per la crescita della persona SCUOLA PRIMARIA PARITARIA DON LUIGI MONZA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s. 2012-13 (estratto) L istituzione scolastica è espressione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 RAGIONI DELLA SCELTA L acqua è un elemento fondamentale per la nostra vita. E importante

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI 17-29 ANNI. sviluppare le abilità personali per costruire il futuro. Con il contributo della. Con il patrocinio del

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI 17-29 ANNI. sviluppare le abilità personali per costruire il futuro. Con il contributo della. Con il patrocinio del Con il contributo della Con il patrocinio del Comune di Prepotto Club UNESCO di Udine Membro della Federazione Italiana dei Club e Centri Unesco Associata alla Federazione Mondiale NUOVE OPPORTUNITÀ PER

Dettagli

Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Perugia. Corso di Psichiatria. Massimo Piccirilli

Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Perugia. Corso di Psichiatria. Massimo Piccirilli Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Perugia Corso di Psichiatria Massimo Piccirilli Psichiatria branca della medicina che tratta della prevenzione, diagnosi e cura delle malattie mentali E difficile

Dettagli

PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION

PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION PARLA CON NOI (Approvato con delibera di Giunta Provinciale n. 85 del 16/03/2007) Fernanda Marotti Loredana Milito 2 INDICE 1. PERCHÉ MONITORARE L UTENZA DELL

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di MERATE. Laboratori. a.s. 2015-16. 28 aprile 2015. Scuola Secondaria I grado CLASSI TERZE

ISTITUTO COMPRENSIVO di MERATE. Laboratori. a.s. 2015-16. 28 aprile 2015. Scuola Secondaria I grado CLASSI TERZE ISTITUTO COMPRENSIVO di MERATE Laboratori a.s. 2015-16 28 aprile 2015 Scuola Secondaria I grado CLASSI TERZE Sabati tematici 5 sabati tematici (ore 8-13) Laboratori pomeridiani (LUNEDI ore 14,45-16,30)

Dettagli

Nell esempio riportato qui sopra è visibile la sfocatura intenzionale di una sola parte della foto

Nell esempio riportato qui sopra è visibile la sfocatura intenzionale di una sola parte della foto LE MASCHERE DI LIVELLO Provo a buttare giù un piccolo tutorial sulle maschere di livello, in quanto molti di voi mi hanno chiesto di poter avere qualche appunto scritto su di esse. Innanzitutto, cosa sono

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE

IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE Laboratorio in classe: tra forme e numeri GRUPPO FRAZIONI - CLASSI SECONDE DELLA SCUOLA PRIMARIA Docenti: Lidia Abate, Anna Maria Radaelli, Loredana Raffa. IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE 1. UNA FIABA

Dettagli

Dall educazione alla pedagogia

Dall educazione alla pedagogia Giuseppe Bertagna Dall educazione alla pedagogia Avvio al lessico pedagogico e alla teoria dell educazione Bergamo, ottobre 2010 CAPITOLO QUINTO Il discorso pubblico della ragione e le sue tipologie pp.

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

Macchine e capitale (prima parte)

Macchine e capitale (prima parte) Macchine e capitale (prima parte) 4 Febbraio 2015 1 Nascita del macchinario Connessione tra divisione del lavoro e macchine (Ch.Babbage) è di rilievo analizzare la proporzione che esiste tra lavoratori

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

- LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA -

- LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA - Danilo Saccoccioni - LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA - Indice Lavoro compiuto da una forza relativo ad uno spostamento pag. 1 Lavoro ed energia cinetica 3 Energia potenziale 4 Teorema di conservazione

Dettagli

Principi di analisi causale Lezione 2

Principi di analisi causale Lezione 2 Anno accademico 2007/08 Principi di analisi causale Lezione 2 Docente: prof. Maurizio Pisati Logica della regressione Nella sua semplicità, l espressione precedente racchiude interamente la logica della

Dettagli

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione)

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO DI Utilizzare

Dettagli

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino. Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.it/ L approvazione della legge n. 128/2013 consente da quest

Dettagli

FRANCESE. Ricezione orale (ascolto) Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano. Comprendere il senso generale di un una storia.

FRANCESE. Ricezione orale (ascolto) Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano. Comprendere il senso generale di un una storia. FRANCESE FINE CLASSE TERZA PRIMARIA L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Descrive oralmente e per iscritto, in modo semplice, aspetti del proprio vissuto e del

Dettagli

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica Liceo Scientifico G. TARANTINO ALUNNO: Pellicciari Girolamo VG PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: Verificare la Prima leggi di Ohm in un circuito ohmico (o resistore) cioè verificare che l intensità di corrente

Dettagli

LE PROPRIETÀ DEI METALLI E LA BOTTEGA DEL COLTELLINAIO DI SCARPERIA. Claudia Gurioli

LE PROPRIETÀ DEI METALLI E LA BOTTEGA DEL COLTELLINAIO DI SCARPERIA. Claudia Gurioli LE PROPRIETÀ DEI METALLI E LA BOTTEGA DEL COLTELLINAIO DI SCARPERIA CLASSE SECONDA SCUOLA PRIMARIA G. MAZZINI BARBERINO di MUGELLO 2014 Claudia Gurioli DA UN MUSEO DI OGGETTI AD UN MUSEO DI MATERIALI Discutendo

Dettagli

Indice. 1 Il monitoraggio del progetto formativo --------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6

Indice. 1 Il monitoraggio del progetto formativo --------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6 LEZIONE MONITORARE UN PROGETTO FORMATIVO. UNA TABELLA PROF. NICOLA PAPARELLA Indice 1 Il monitoraggio del progetto formativo --------------------------------------------------------------- 3 2 di 6 1 Il

Dettagli

Chiamiamo macchina un dispositivo che funzioni accettando in ingresso una qualche forma di energia e producendo in uscita un'altra forma di energia.

Chiamiamo macchina un dispositivo che funzioni accettando in ingresso una qualche forma di energia e producendo in uscita un'altra forma di energia. Lezione 17 - pag.1 Lezione 17: le macchine 17.1. Che cosa è una macchina? Il termine macchina, nell uso comune della lingua italiana, sta diventando sinonimo di automobile, cioè, alla lettera, dispositivo

Dettagli

Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Sarebbe bello se fosse così semplice, Se possiedi un albergo, un hotel, un B&B,

Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Sarebbe bello se fosse così semplice, Se possiedi un albergo, un hotel, un B&B, Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Hai lavorato tanto e adesso ti si prospettano diversi mesi in cui potrai rilassarti in vista della prossima estate. Sarebbe bello se fosse così semplice,

Dettagli

Da dove nasce l idea dei video

Da dove nasce l idea dei video Da dove nasce l idea dei video Per anni abbiamo incontrato i potenziali clienti presso le loro sedi, come la tradizione commerciale vuole. L incontro nasce con una telefonata che il consulente fa a chi

Dettagli

Lezione 14: L energia

Lezione 14: L energia Lezione 4 - pag. Lezione 4: L energia 4.. L apologo di Feynman In questa lezione cominceremo a descrivere la grandezza energia. Per iniziare questo lungo percorso vogliamo citare, quasi parola per parola,

Dettagli

PROGETTO Interventi a supporto delle Riforme della PA

PROGETTO Interventi a supporto delle Riforme della PA PROGETTO Interventi a supporto delle Riforme della PA LINEA ATTIVITA 3 - ULTERIORI INTERVENTI PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI E LOCALI DEL MEZZOGIORNO Prevenire la corruzione

Dettagli

Vediamone una alla volta.

Vediamone una alla volta. SESSUALITÀ: SI APRE UN MONDO! Non lasciarti ingannare anche tu. SESSUALITÀ È TUTTA LA PERSONA UMANA. Secondo il modello proposto da Fabio Veglia 1, l esperienza della sessualità umana si organizza intorno

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli