La democrazia degli altri Sergio ROMANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La democrazia degli altri Sergio ROMANO"

Transcript

1 La democrazia degli altri Sergio ROMANO Longanesi & C., Milano, 2001 Il crollo del Muro di Berlino, nel Intanto il senso del sottotitolo: il 1989, ha segnato lo sgretolarsi dell'e- terzo dopoguerra fa riferimento alla quilibrio geopolitico tra USA-URSS. Gli Stati Uniti, unica superpotenza rimasta, si sono assunti il "governo" del pianeta. Ma dopo i fatti dell'il settem- "guerra fredda" quale "più lunga delle tre grandi guerre del Novecento". Una guerra non cruenta come le altre due, che non ha comportato la disfatta rnilibre 2001, le speranze riposte in un tare di uno dei contendenti, ma che nuovo ordine americano appaiono in pure ha registrato conflitti periferici - crisi. Per analizzare questo scenario, Ser- per procura -di tutto rilievo (Corea, gio Romano -ricco della sua esperien- Vietnam, Mghanistan) e ha infine za di diplomatico, che lo ha visto rap- presentante alla NATO nel biennio determinato il crollo dell'urss. La pace non ha, però, prodotto un assetto e ambasciatore a Mosca geopolitico più stabile; anzi appare oggi, durante i cruciali anni della Perestrojka sotto questo aspetto, un'occasione -compie una carrellata su fatti e per- persa. sonaggi che hanno occupato la scena La testimonianza più drammatica politica internazionale nell'ultimo è fornita dai ripetuti casi di collasso di decennio del XX secolo, dalla caduta organismi statali che hanno caratterizzadel Muro di Berlino all'attacço terrori- stico alle Torri Gemelle. Gli anni fra queste due date -densi di avvenimenti di grande rilievo, dalla prima Guerra decolonizzazione, divisi al proprio interdel Golfo ai conflitti nelle repubbliche no da una moltitudine di frontiere etniex sovietiche e nell'ex Jugoslavia, fino agli sviluppi sociali e politici in Cina -potenze coloniali avevano artificialmensono i protagonisti de La pace perduta to le crisi africane degli ultimi anni. La guerra fredda aveva, paradossalmente, garantito la stabilità degli Stati nati dalla co-linguistiche, eredità di confini che le te creato. Il fiume di crediti e finanzia Il grande disordine mondia- menti garantito dalle due superpotenze le: guerre e crisi nel terzo dopoguerra. permetteva a questi Stati di distribuire 385

2 dividendi che ne assicuravano la soprav- vivenza. Le grandi crisi africane sono scoppiate quando queste aziende-stato, sfruttate da un leader nell'interesse del in una visione delle relazioni internaziosuo clan, smisero di essere utili ai due nali ispirata alla multilateralità. La rivoblocchi. Bruscamente congedati, "i satelliti africani della guerra fredda per- detrero il sostegno politico finanziario di cui avevano goduto negli anni prece- denti e con esso il potere. Alcuni Stati -teleguidate, Somalia, Liberia, Sierra Leone -preci- pitarono nel caos della guerra civile. Altri, come l'etiopia, cambiarono bru- passo con la maggiore propensione degli esecutivi statunitensi all'uso della forza, senza che tale opzione sia inserita luzione militare realizzata negli USA tra gli anni '80 e '90, centrata sul massiccio uso delle nuove tecnologie (gestione elettronica del campo di battaglia, armi sistemi "furtivi" che ingan- nano le difese avversarie, ecc.), ha avuto un fondamentale aspetto politico. La riduzione dei rischi per il personale -scamente regime e dovettero subire militare americano, ha consentito, di l'amputazione di una provincia. In altri fatto, ai presidenti USA di ricorrere più ancora -il Ruanda e il Burundi -una facilmente alle armi. Al contempo, le etnia ruppe il patto di convivenza triba- le e cercò di sbarazzarsi dell'etnia rivale. In uno di essi (lo Zaire, ora nuovamen- te Repubblica del Congo) il crollo del vecchio regime ha provocato un guerra Somalia, Bosnia, Kosovo). Combinanin cui si sono impegnati per la sparti- zione e lo sfruttamento delle sue risorse, USA diffidano del mondo ma vorrebsette Stati africani. [...] La fine della guerra fredda ha reso, insomma, il con- ciclicamente preda di umori isolazionitinente molto più conflittuale e perico- loso di quanto non fosse stato negli incoerente presenta alcuni inconvenienanni precedenti. Ciò che a noi è parsa la fine di un incubo è stato per gli afri- cani l'inizio di una delle peggiori fasi della loro storià'. La nuova instabilità va di pari operazioni militari "chirurgiche" hanno continuato a far registrare pesanti danni alle popolazioni civili soggette agli attacchi e risultati politici precari (vedi do unilateralismo e imperialismo, gli bero governarlo. L'elettorato è, poi, sti. Questa politica "intermittente e ti e qualche vantaggio. L'America ha una altissima coscienza di sé, crede di avere un destino manifesto e dispone delle più potenti forze armate mai costi- tuite nella storia dell'umanità. Ma è 386

3 troppo democratica per essere sempre a Kabul, in cui sono presenti tutre le una potenza totalmente e risolutamente minacce che gravano s~ii'europa - imperiale. Non vi sarà mai un 'ordine americano'; e il disordine, nella politica internazionale, può essere garanzia di libertà". Un ordine intermittente, attor- niato da aree di conflitto, segue, quindi, la fine della divisione del pianeta in due blocchi. È in questo quadro che si col- locano fenomeni e tendenze in atto nel- l'ultimo decennio del XX secolo. Destinati a condizionare la scena dei prossi- riconquista dell'europa orientale dopo la caduta della cortina di ferro, con l'imi anni appaiono, in particolare: a) la nevitabile scontro con la chiesa ortodosrinascita del nazionalismo nella Repub- sa; di affermazione di un ruolo di difeblica popolare cinese, che conferma l'importanza assunta dal nazionalismo nei regimi comunisti o post comunisti, dell'avvento della globalizzazione, guidopo la grande crisi della loro ideolo- gia; b) l'emergere di una nuova area geopolitica e geoeconomica da Pristina fanatismo religioso, terrorismo, traffici di droga, armi ed esseri umani -e dove si combattono le guerre etniche del Caucaso, le guerre petrolifere del Caspio e le guerre tribali dell'asia ex sovietica; c) le crisi del mondo arabo, che ingrossano le file del movimento religioso radicale; d) la duplice strategia messa in atto dalla chiesa cattolica: di sa nei confronti dei popoli e dei Paesi che rischiano l'emarginazione a causa data da un capitalismo insidioso e dalla brutalità della speculazione finanziaria. CS. Già pronta parecchi mesi or sono, questa recensione non è stata pubblicata prima per ragioni di spazio. Per il tempo trascorso ho dovuto però rivisitarla. La democrazia degli altri Amartya SEN Milano, 2004 in redazione sono infatti intervenuti cosl tanti eventi riconducibili al concetto di democrazia che sarebbe impossibile ricordarli tutti benché sia indispensabile Tra la prima e la seconda consegna citarne qualcuno: la permanente situa- 387

4 zion~ di instabilità in Iraq, non ha impe- dito che, per la prima volta nella storia, vi siano state competizioni elettorali "regolari", analogamente a quanto acca- "la Repubblica" dell' Il aprile 2004, tesduto in Mghanistan e Palestina, cosl come non possono essere taciuti i muta- cauta perplessità. Sen si è imposto all'atmenti in Georgia ed Ucraina fino ai tenzione mondiale con il conseguimenrecenti fermenti che si registrano nell'a- sia centrale delle Repubbliche caucasiche ex-sovietiche; né può essere omessa, in questo rapido flash back, la rielezione di Gorge w: Bush a presidente degli Stati Uniti d'america visto che, a torto o ragione, è l'ispiratore politico di scelte (uno dei suoi testi più noti è, per l'apche coinvolgono il mondo intero in n~e di quella che, forse, sarà ricordata 2003). Studioso eclettico per formaziocome "dottrina di Rigà': il superamento della logica di Yalta in nome dell' affer- mazione della democrazia occidentale, ovvero, secondo i critici, degli interessi due saggi raccolti in un "compatto libriccino avvolto in una bella copertina gialla ", come lo descrive B. Placido su sendone le lodi commiste a qualche to del premio Nobel per l'economia nel 1998 ma è d'uopo precisare che è molto più che un economista, spaziando con disinvoltura in altri campi del sapere, quali la fùosofia politica, la sociologia, la storia delle idee, la geo-politica, l'etica punto, "Etica ed economià', Roma-Bari, ne e per vicende di vita vissuta, rappre~ senta un legame vivente tra sistemi cul. turali diversi, in particolare tra mondo occidentale ed orientale, senza per queplanetari dell'unica superpotenza sto trascurare le vicende di altre aree ed sopravvissut alla guerra fredda. Il nesso che lega questi eventi al testo in rassegna risiede, come già dal titolo traspare, proprio nella circostanza poi insegnato in Europa e parti colarche vi viene negata l'univocità del con- mente nel Regno Unito. Ha uno speciacetto di democrazia, sul quale avrebbero le legame anche con l'italia, avendo spopesato troppo accentuatamente condi- zionamenti "europocentrici" e, in senso più ampio, occidentali. Prima di entrare nel merito, qual- Spinelli ed Emesto Rossi, del "Manifeche cenno biografico all'autore di questi in particolare dell'africa. Nato in India, e precisamente nel Bengala, nel 1933, ha a lungo studiato e sato Eva Colo mi, prematuramente scomparsa, la minore delle tre figlie di Eugenio Colomi, firmatario, con Altiero sto di Ventotene". 388

5 Conoscitore, dunque, per diretta esperienza, oltre che per motivi di stu- dio, delle istituzioni dei Paesi dell'euro- pa occidentale, riconducibili al modello di rilevanza pubblica come pure la tutedella democrazia liberale classica, l'auto- re si dice convinto che l'evento di mag- giore importanza del XX secolo, cosl ricco di avvenimenti dolorosi per l'uma- nità, quali l'affermarsi di ideologie tota- litarie e il divampare di due conflitti mondiali con milioni di vittime civili, sia stato "l'ascesa della democrazià', inte- grande nazione democratica del mondo, un referendum sulla scelta tra la salvasa cosl come comunemente la si intende, guardia dei diritti e più prospere condisecondo un archetipo concettualmente zioni di vita dal punto di vista economiconsolidato con accezione che si ritiene tadini di liberamente discutere delle decisioni che li riguardano sulla base di corrette informazioni circa le questioni la delle minoranze. Al riguardo l'autore cita (cfr. pago 36) la mancanza di notizie sul manifestarsi della "Sars" da parte delle autorità cinesi come sintomo del carattere non democratico della grande potenza asiatica, laddove in India, la più co ha dato luogo ad un forte e sentito mutuata dall'antica Grecia, ossia il dibattito tra la popolaziq~e (libertà e governo del popolo o, più precisamente, condizioni economiche, secondo l'autodella maggioranza dello stesso (cfr. Tuci- dide II, 37: "La nostra Costituzione... di sviluppo umano non può essere misusi chiama democrazia perché il potere rato attraverso i soli parametri econominon è nelle mani di pochi, ma dei più"). Ma è questo il punto focale della tesi di Sen: la definizione riferita appare, nel re, vanno di pari passo, giacchè l'indice ci, come sostenuto in un altro suo cele- bre studio: "Lo sviluppo è libertà -Per- ché non c'è crescita senza democrazia, giudizio dell'autore, riduttiva. ultima edizione Milano, 2001). Il concetto reale di democrazia Il primo dei due saggi costituenti il non è da identificare, come la filosofia politica classica di matrice europea ha democrazià' -, scritto nel 2003 e quinsempre fatto, esclusivamente secondo i parametri propri della 'polis" greca testé indicati giacché vanno valutati con la a spostare l'angolo di visuale del probledovuta attenzione altri fattori e, tra que- ma "democrazià' giacché il nucleo fonsti, in particolare la possibilità per i cit- testo in rassegna -Le radici globali della di dopo l'attacco alle "Torri gemelle", testimonia lo sforzo dell'autore proteso dante del relativo concetto non è il 389

6 0/""'"""'"~ ~ RECENSIONI momento deliberativo (rectius non Storicamente, ad esempio, mentre esclusivamente il momento deliberativo in Occidente ì'ìnrolleranza religiosa che conserva tutta la sua importanza) legittimava l'inquisizione e, qualche ma quello cronologicamente e logica- mente precedente la decisione, ovvero il pubblico dibattito e la discussione aperta e senza condizionamenti ovvero il momento partecipativo. Come già fatto da Karl R Popper lare quella cinese, ritenute idonee a favoche, sia pure in un contesto argomenta- tivo del tutto diverso, aveva identificato il problema cruciale del governo di un popolo ponendosi la domanda non di "chi" debba comandare ma di "come controllare chi comanda" (sia consentito rinviare a: Instrurnenta, n. 8 pagg ), anche Sen "spiazza" l'interlocutore arroccato sulle posizioni della politologia tradizionale ponendolo di fronte ad una prospettiva dialettica del tutto nuova. Da questo approccio "eterodosso" l'autore fa derivare corollari di ampia portata sul piano della riflessione stori- co-politica. L'intero primo saggio, già in ci apre la mente ad episodi poco cono- sciuti eppure assai significativi, come la precedenza edito ma qui riproposto in una versione ampliata -anche, verosi- tempo dopo, avrebbe legittimato anche il rogo di Giordano Bruno, in Oriente saggi imperatori indiani si mostravano tolleranti coi sudditi ed aperti alle influenze di culture straniere, in partico- rire il progresso dei sudditi. A conclusioni analoghe conduce il giudizio in chiave di retrospettiva storica sulla civiltà araba, il cui fruttuoso contatto con l'europa, e soprattutto con la Spagna, è a tutti noto. Vi fu un tempo - sottolinea il pensatore indiano -in cui Cordoba, capitale della Spagna araba, rivaleggiava con Baghdad per splendore culturale, a testimonianza di quanto proficuo possa essere l'incontro tra civiltà diverse in certe fasi storiche. Anche in questo caso, Sen, nell'intento di supportare con valide argomentazioni l'assunto di base, va oltre le cose note e milmente, alla luce delle riflessioni in fuga del filosofo ebr~o Maimonide (recte chiave geo-politica post I1 settembre -Mosheh ben Maimon; cfr. per maggiori è incentrato sulla tesi dell'esistenza, in notizie: L'Universale-Filosofia, vol. II Asia come in Africa, di un concetto di Milano 2003), vissuto dal 1135 al 1204, democrazia diverso da quello tradizio- nalmente accolto in Europa. che, perseguitato in Europa, fu costretto a fuggire al Cairo per trovare accoglien- 390

7 I6~ UI os;)ds ISJ;)SS;) odop opuow l! onro ;)J;)P ;) SM;)u!1:l IP q;)/k\. O!IS Jns IJ;)TOS ~n;)~~ -;)ssod!p ~A;}pnnI Is ;)I!U;)W ';)q:> ';)SJ;)AIP IP ~n;)nb ouos IUOISU;):>;)J ;)J!re ~,,~IJ! ;)JroJn:> 1:J! OI!uoouI,IfI: I!~roIq~ I!ueu -u;):>odojn;) "i{!ireizu;)j;)];)jo!n~",nns ~!~P -J;)AO~ 1:p ';)re!ou on'e] t1j I[d' ;)AO ;)!U;)IJO -UO] ~n;)nb 1:p ~SJ;)AIP ~IJO!S ~n;)p ;)UOISIA UI ;)qq;) OU~~W OJPU~SS;)TV ;)q:> ~Z ~un ;)JJodoJd ~ OUOPU;)! Iq~U;)?q:> -U;)I[d'oo:>~,nns II&T :>pled IP ~IzIAoP uo:> -:>~I~ '"opuow T;)P pns rep ~!SIA ;)UOI~ ~WJ;).H S IS ;)JO!nYJ O~ ~ uon -zireqo[d' ~ '~Jdoso!!oS" :oto!i! rep o!p 'o!~sst:d T;)U I!~!P~J od -ros ';)reuoi~uj;)!ui ~I!ITOd!P IPros OI! -doj! I:):)oJdd~ I:U;):> ;)J;)P;)AIJ!P l(!iss;):>;)u -U;):> T;)P ;)Jon;)JIP;):>IA 'Idnz 'W!P O!S;)! ~n;)p IS;)! ~T ~O~J ;)1f> '~WI!Jn,!S;)nb o;)uejodw;)!uo:> un P~ U;)S IP OJqIT TI ~!S ';)UOISS;)!fIJ ~un ~!S;) OSJ;)A ToS UOU ;) ~J -o:>:>~;)q:>'oi~;)a Irew ~P too'l ;)TIJd~ -;)I~ ~ ISJ;)pu.HIP ~ ;)qq;) ';)nbunp ';)q:> 'l T;)P,,~dure!S ~" ns o!~:uodij ;)U;)IA ~;)J~ ~I!~J:>oW;)P ~JroJn:> ~n;)p ;)UOIZ o!posid;)j ',,~ITqqnd~ ~T" ns PI:>-eTd -~uiure!uoo ~AI!Isod ~Tre ouo~resij I:>!P~J!P ;)UOIsu;):>;)J ~~!I:> "i{i~ ~IfI: ;)I!TO ~;)ures;) In:> ;)T ';)re:tu;)pi:):)o UOU 1:;)ueJodw;)!uo:> UI Inb O!S;)! T;)P ~I:>snJ odop ;)uois11.:ij!p ~I~:>oW;)P ;)puej~ ljid ~T '~!puu;)u ~Idure!P IreUJOI~ ns ;)sredwo:> IUOISU;):>;)J -oi~ JOI~W ~ P;) I:>I!~J:>oW;)P OUJ;)AO~ ;)n;)u O!~PJo:>IJ ;)U;)IA ;)PIUOWreW ;) O!S;)J IP IW;)!SIS I 1:J! O!1:J;)AOUue ;)!U;)ure:u;):> TI ~] oso!pros n;)p oai!s;)~ns ;)WOU l! M ;)uodd~i9 TI ;)J!U;)W '(çoo'l ouetiw ;)SJO]) O!sn~oTO,n;)p IJIT;)P T;)U "i{j;nzi!;)j:> ';)S;)uI:> T :>;)S 11 :IuIzreg IW;)Jd osoi~ -uo:> Is odop IT :>;)S I!TOW ;)q:> ~rejq;)i!ue -I!S;)Jd T;)P ;)JO!I:>UIA 'Iu~~ o:>ij;)p;)t! ~;)dojn;) ~ZU~J;)nO!UI,n;)p o:>i!~wo!uis!p o!pros ;)!U;):>;)J rep O!~J!SOWIP ;)WOO ;)!U;)p;):>;)Jd(}~nb UI ~W ';)rei~;)!ue2i~ l(!irenn~ ;)puej~!p ~W;)! un opuedi:> nu;)s Jnd ~9OS0T9~;)P ~IJO!S ~n;)u o!sod -I!ue) ;)S;)UI:> n;)nb ;)WOO 'O!~WJO]St:J! ;)! ons TI ~q ;)q:> 'oi~uosj;)d T;)P ~ -U;)wye:>!p~J o O!~UOW1:J! ç>wsiunwo:> l! -JodWI,T J~mue! uou ;)!U;)wJ!lliISOJ;)A ;):>siu9;)p U;)S ';)!u;)s;)jd re o;mmò 'onij:>s opuo:>;)s T;)U ;) OWIJd T;)U Ired 'o!~~d T;)PIf1!!U;)IJO ou Ired OT;):>JodoJdIJ 1:p O!ue! 'O!TOW;)J;)U;)! -J;)AO~ IP IW;)!SIS!fis ;)AI!Isod IuoI~!nreA IP ~J!SOW ;)Jo!nYJ ;)PIUOWreW Y J;)d o!unds ;)ro! ;)Jo!nY,I '~I~J:>oW;)P ';)U =rj!p Jon:) opxe:>:>rn 'IJ!re IT~ ~J! ';)J!P on;):>uoo T;)P ;)UOI~!IsIA~ ~Ifl:a -~UOJ~ P~ ;)qq;) ;)renb ~T J;)d 'uretsi,n;)p '(too'l ozrew S'l T;)P ~sn~ ~T J;)d ;)!U;)!!~qwoo OJ;)9 '~IJIS IP O!S;)]IueW TI ns ouiz~~ OWT;)I(Jn9!P ;) oni~li,p oue!jns 'ou!p~res TI OSS;)Jd n INOISN3:.J:inI

8 continue guerre, in realtà, come ogni mente, ne possano promuovere il prouomo, possedeva una cosa sola e cioè "il gresso materiale e culturale), offre ai citterreno ove poneva i piedi" e tanto vale- va anche per il futuro, visto che ogni dagli altri" ed alla società quella di "foruomo è destinato a finire e, da quel momento, la terra ove sarà s~polto sarà l'unico suo dominio. Questi temi ispirano anche il secondo saggio, "La democrazia come valore universale", occasionato da una conferenza tenuta all'università di Nuova Oelhi nel 1999 nel quadro di un con connotati di universalità che travaliconvegno sulla globalizzazione, tema cado la storia di uno Stato o di un conparticolarmente caro all'autore, come emerge da un articolo su "Il Sole 24 ore" dell'8 luglio 2001 ("Globalmente rasse- gnati") e dallo studio "Globalizzazione e libertà", Milano Rispetto al primo saggio, l'autore affronta nel secondo ulteriori tematiche, attingendo copiosamente, come emerge dalla bibliografia, a suoi precedenti scrit- mondo orientale ed in particolare delti, mentre nel primo troviamo fonti ispi- l'india, come gli effetti largamente posiratrici diverse tra cui il pensiero di John Rawls e, andando indietro nel tempo, quello di Alexis de Tocqueville. La democrazia ha una "funzione tadini l'opportunità di "imparare gli uni mare i propri valori e definire le proprie priorità" (questo terzo profilo, avverte l'autore, necessita di ulseriori approfon- dimenti, stante la complessità che lo caratterizza). Al tempo stesso -ribadisce Sen - essa può essere considerata un valore tinente. Le differenze culturali tra Occi-' dente ed Oriente, ma anche tra Nord e Sud del mondo, spiegano come la democrazia, diversamente concepita, possa essere considerata comunque un patrimonio dell'umanità. A sostegno della tesi vengono addotti vari esempi tratti dalla storia del tivi del dibattito pubblico sulla riduzio- ne del tasso di natalità nelle regioni a più alto livello di scolarizzazione del sub- continente indiano, il Kerala ed il Tamil costruttivi' in quanto garantisce la Nadu, ove si è affermata l'idea "che nellibertà., promuove il progresso econornì- co dei popoli (e perciò è fortemente in errore chi crede che solo l'ordine e la disciplina del popolo, imposti coattiva- l'era moderna una famiglia felice è una famiglia piccoli' (v. pagg ; idea discutibile dal punto di vista dell'etica cristiana ma da contestualizzare nel sub- 392

9 continente indiano). Inoltre, la tendenza a valutare comunque negativamente tutto ciò che non è democrazia in senso occidentale trae, erroneamente, alimento dalla man- cata considerazione delle tante differen- ze che caratterizzano l'asia, continente vastissimo, ove vive il 60% della popola- zione mondiale. Tali differenze sono spesso trascurate, se non ignorate del tutto, dagli studiosi europei ed americani laddove una più attenta riflessione porterebbe a conclusioni diverse. In particolare, il libero dibattito e la pubblica discussione, cosl come la circolazione delle informazioni, costitui- scono l'essenza di un metodo di governo democrazia e libertà sono concettualla cui superiorità rispetto ad altri sistemi, ed in primo luogo rispetto a regimi fon- mente un' endiadi, devono, piuttosto, invitarci ad individuare i principi comudati sull'intolleranza e sull'oppressione del popolo, non può essere revocata in dubbio. Le tesi illustrate da Sen nei due saggi e, in particolare, il riconoscimen- to del momento della partecipazione attiva alla vita pubblica dei cittadini quale patrimonio comune delle esperienze democratiche maturate in Occi- dente come in Oriente offrono qualche indicazione; anzitutto, per comprende- re in profondità le radici del testo qui in conclusivo spunto di riflessione, anche alla luce dell'attuale e delicatissima fase storica. Prendere atto che anche il mondo orientale ha conosciuto e applicato i valori della tolleranza e della libera discussione non vuoi dire affatto che esso costituisca un terreno sul quale sia agevole "esportare" i modelli della democrazia occidentale, senza tener conto della "democrazia degli altri". Il riconoscimento dell'importanza attribuita alla dialettica anche nelle, invero multiformi, esperienze politiche compiute in Asia come in Mrica e la consapevolezza che "la libertà non è un'invenzione dell'occidente", tanto per richiamare il sottotitolo che campeggia in copertina, laddove è evidente che ni e gli ideali condivisi, a riscoprirli e a valorizzarli per costruire sugli stessi forme di democrazia, tanto più solide e durature quanto più fondate sui valori avvertiti e vissuti da ciascun popolo come facenti realmente parte del proprio patrimonio culturale e della propria civiltà. La complessità del tema induce, inoltre, a qualche essenziale, ulteriore rassegna, è utile leggere l'autobiografia 393

10 I J76f TV ~JOA~] ~ ~W ~!~J:>ow~p ~I OJ:)uo:> ~J -~SS~ UOU!p ~s!:>~jd '"OJ~q!I ~ ~!d o:)ue:).ju!-?{mu UO!S!:J3p!p!s~oJd O!q:>:>~A ~:)U~A!P ~!d o:)uenb ~q:> O!Ie:) ~p o:)~jou~i~,ii~p o:>:>l::)s!p ou~:> un!p ~ -J~q!I ~:)s!unwo:>" un ;):>S!U9~P!S ~q:> 'o~ -Z;)I A;)d~suo:> ~nep ~Aonw ~q:> ~A!:)~!Z!U! -~Wt:IeS) "~!~J:>o:)nId,, ~un!p 'l(:)re~j U! '~u;}u~mdd~!p l(:)!a!u~ii :> ~I!:)u~UJ~:> '!sopueu~j:) '"~rewjo],, %S ~wo:> 1::>9!I -uoo!reuo!zn:)!:)s! l(:)!a!u~ ~II~u '!ueao!~! -~nb!(à~,q:> ~!~J:>ow~p ~1s~nb!P ~U~A p~ ~uuop ~I ~IeI :>!md U! '!u!pm!:>!~p -!AA~Jdos ~Ire!1~SS~J~1U! ~!d! '!1!md! 01U~W!~IOAU!0:> n OW!SSEW re ~J!JOA~ o:>!ued I~u opue:):)~~ '%O8,Ire ~Jo!J~dns ~ ~:)IoA ~q:>!1!iod 01~:)!:>~IIoS ~q '100Z ~U~JO!~W ~un DO:> ooue!q U! ~p~q:>s I~P 61 'U!Jqw~w!:1l::)S!(à1:!J1S!U!W ~I ~!:>~I '~1U~WrenS1::> uou '01~JOU~I~,I!~P o:)~:)!wo:) I~P ~UO!Z~pu~wo:>:>~J ~renb ~II~u ~uo!z!:)~dwo:> ~un!p!u~1j~ ~I DO:> '~q:> ~dojn'.3:,p O!(à!SUO:) I~P ~UO!Z!I~ ~1U~Wt:!J011::>OAOJd ~ZZ!10d! 'yooz -~,I ~reu~~s!s '~ugu! '~re:> I 1::>!Iqqnd l::)!a OU!Jo.L '"l(1!p!:>ni ~IJnS O!~~S" (~re!j ~ne ~uo!~d!:>~md ~II~P 1::>!1~W~1 ~JInS -01!P~ oss~:>:>ns ~I A;):)OU un 01Io:>:>~J ~q ~YOOZ!reg-~wo~ ',,~!~OIo~p!,un!p ~!J01S ~q:» "1::>!1!Iod~1ue],,!P ozuewoj ~:)U;):>~J ~!~J:>ow~p -e'j" U! '~JO]ue:) ì ~1S!:xJl:W I~U '~q:> 'O~~Wt:J~S?SOf ~s~q~01jod ~Ion:>s!P OO!J01S 01 ~1f>ue oss;)jds;) ~ I! 'I~qoN o!w~jd OJ1re un ~p 01!UJO]!S ~fejou~i~ OWS!ue:x>~w le ~1~~I ~!~J:> ~U~!A 01nq!J:)Uo:> OAonu un '~!~J:>ow~p -ow~p ~II~P ;}UO!Z;):>UO:> ~I OSJ;}A 0:>!1!J:>!P 011~:>UO:> re!re:>!p~j ~q:>!1!j:> ~Ire o:) ~1U~Wre:>!p~J OSU~S U! ~çooz '!Ieg-~wo~ -uenò.010pp~ue ~q:>renb!p ~A!Jd uou ',,~~U~:>!J~W~ ~UO!ZnJ!1S0:) ~I ~:>!:)~J:> '~s~re~u~q OSO!pnJS II~P!11!J:>S!I~~P -ow~p ~ 01uenò " : ~a "V :)J~qo~ :~!1IOW ns?q:>uou '~reuo!ss~]ojd ~ ~1~A!Jd ~!AU!J!S '!:1!Un!:)l::)S!(à~p ~re1u~wt:puo] ~1!A ~IJnS ~!Z!:)OU!P ~q:>:>!j '~I A;)JJO:>S ~m:) ~IIE!:)~~I!:>!1~w~IqOJd!11~d~ ~S;}I~U! un U! ~u!~d ~119!:>!pJ011~nb!P!I~~P ~UO!~J~P!SUO:> ~I ~:>J!:) ~U~J1!S.wpq.0!q01n~-u~s /8661 /s~:)~~j '(yooz O!~W 9 I~P ~J~S ~II~P ~J~!J -n~i/s:>!wouo:>~/~sl~qou.a\mm. 1~UJ~1U! -JO:) II.J]:> ~~re!zue1sos ~!~J:>ow~p ~II~P 01!S.J~u ~I!q~:)Jnsuo:> 'u~s OSS;}1S II~P INOIsm.JmI

Lo scoppio della guerra fredda

Lo scoppio della guerra fredda Lo scoppio della guerra fredda 1) 1945: muta la percezione americana dell URSS da alleato ad avversario e nemico 2) 1946: ambio dibattito interno all amministrazione Truman sulla svolta in politica estera

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79.

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. di Cristina Gazzetta Il libro che qui si segnala al lettore è il risultato

Dettagli

queste domande e l importanza delle loro risposte, per quanto concerne questo lavoro.

queste domande e l importanza delle loro risposte, per quanto concerne questo lavoro. ABSTRACT La presenti tesi affronterà i problemi legati ai diritti umani, focalizzandosi specificatamente sul trattamento e lo sviluppo di questi diritti in Cina e nelle sue due Regioni Amministrative Speciali,

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Nota sulla Polonia Il caso polacco ha valore storico, nel senso che pone per tutti, e non solo per

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

4. Il movimento comunista: Ho Chi Minh... 85

4. Il movimento comunista: Ho Chi Minh... 85 Indice Prefazione... 1 1. Vietnam e Cina nella storia... 5 1.1. Origini della civiltà vietnamita... 5 1.2. Il Vietnam nel sistema sinocentrico... 9 1.3. La civiltà cinese in Vietnam e i primi tentativi

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

Storia, Educazione civica

Storia, Educazione civica Storia, Educazione civica del prof. Nappini Iacopo insegnante di Storia, Educazione Civica nella classe 5 sez. D Ore settimanali di lezione: 3 Totale annuale delle ore: 98 PROGRAMMA SVOLTO Programmazione

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

L EUROPA DELLE GRANDI POTENZE

L EUROPA DELLE GRANDI POTENZE 1 L EUROPA DELLE GRANDI POTENZE capitolo 1 Le origini della società di massa 1. Redditi e consumi 4 2. Divertimenti di massa 9 3. Amore, famiglia e sessualità 12 4. Scienze mediche e misoginia 15 PASSATO

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE ALLA FINE DEL XIX SECOLO I RAPPORTI FRA GLI STATI DIVENTANO SEMPRE PIÙ TESI CAUSE COMPETIZIONE ECONOMICA RIVALITA COLONIALI POLITICHE NAZIONALISTICHE

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE CLASSE III

PROGETTAZIONE ANNUALE CLASSE III PROGETTAZIONE ANNUALE CLASSE III STORIA Finalità educative: - Comprendere e spiegare il passato dell uomo partendo dallo studio delle testimonianze e dai resti che il passato ci ha lasciato. - Contribuire

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e conoscenze su aspetti del passato. CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Individuazione delle parole del tempo (prima, dopo, poi, infine, mentre ). Individuazione

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora !1 Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E Storia L Italia dopo l unificazione Prof.ssa Fulvia Spatafora I problemi del Regno d Italia I grandi

Dettagli

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY D.1 Per il futuro dell Italia Lei ritiene che sia meglio partecipare attivamente agli affari internazionali o rimanerne fuori? - Partecipare attivamente - Rimanerne fuori D.2

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale

Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale In collaborazione con E con il patrocinio di: Iniziativa realizzata

Dettagli

DA SUDDITI A CITTADINI

DA SUDDITI A CITTADINI DA SUDDITI A CITTADINI LO STATO ASSOLUTO 1) L'assolutismo. Lo Stato nasce in Europa a partire dal 15 secolo: i sovrani stabilirono il loro poteri su territori che avevano in comune razza, lingua, religione

Dettagli

Imperialismo imperialismo sovrapproduzione civiltà prestigio nazionalismo Gran Bretagna Francia Germania Africa Conferenza di Berlino Cina

Imperialismo imperialismo sovrapproduzione civiltà prestigio nazionalismo Gran Bretagna Francia Germania Africa Conferenza di Berlino Cina Imperialismo A partire dagli ultimi decenni dell'ottocento e fino alla Prima guerra mondiale, l'europa vive un periodo storico caratterizzato dal desiderio da parte di alcuni Stati del Vecchio continente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE L Europa secondo De Gasperi: proposte istituzionali e prospettive teoriche negli anni della ricostruzione

Dettagli

Gli studi del cristianesimo in Cina

Gli studi del cristianesimo in Cina Gli studi del cristianesimo in Cina Gli studi del cristianesimo in Cina costituiscono sia un tema vecchio che un orrizonte assai nuovo. Essi hanno percorso le due ultime dinastie dei Ming e dei Qing come

Dettagli

Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU)

Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU) Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU) Marcello Flores Il 10 dicembre 1948 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite approvava la Dichiarazione Universale dei Diritti

Dettagli

La funzione pedagogica del territorio nelle pratiche di. solidarietà internazionale Relatore : Prof. Cristiano GIORDA

La funzione pedagogica del territorio nelle pratiche di. solidarietà internazionale Relatore : Prof. Cristiano GIORDA La funzione pedagogica del territorio nelle pratiche di solidarietà internazionale Relatore : Prof. Cristiano GIORDA La funzione pedagogica del territorio nelle pratiche di solidarietà internazionale Relatore

Dettagli

Le trasformazioni degli anni '50 e '60

Le trasformazioni degli anni '50 e '60 Episodio 6 Le trasformazioni degli anni '50 e '60 Momenti di riflessione e Test di verifica Il secondo dopoguerra si apre nel segno di un profondo desiderio di pace e giustizia, evidenziati dalla nascita

Dettagli

LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE

LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE CURRICOLO PER L ORA ALTERNATIVA ALLA RELIGIONE CATTOLICA Presentazione LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE Secondo la delibera del Collegio dei Docenti tenutosi in data 3 ottobre 2013

Dettagli

Le evacuazioni di Security da aree ad alto rischio

Le evacuazioni di Security da aree ad alto rischio Convegno La gestione integrata della safety e della security aziendale e il ruolo del security manager ANMIL 22 Ottobre 2014 Bologna Penetrazione jihadista nel mondo nel 2011 In giallo evidenziati i Paesi

Dettagli

ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25

ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25 ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25 Il volume è pubblicato con i contributi erogati dal Ministero dell Istruzione, dell Università

Dettagli

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 La famiglia

Dettagli

Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado. Classe prima

Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado. Classe prima Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado Classe prima Indicatori di COMPETENZA OBIETTIVI\ABILITÁ CONOSCENZE 1.1 superamento della conoscenza della storia legata al singolo evento e avvio alla

Dettagli

ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO FRANCESCO ALGAROTTI VENEZIA PROGRAMMA CONSUNTIVO DI GEOGRAFIA a.s.2014/2015

ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO FRANCESCO ALGAROTTI VENEZIA PROGRAMMA CONSUNTIVO DI GEOGRAFIA a.s.2014/2015 ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO FRANCESCO ALGAROTTI PROGRAMMA CONSUNTIVO DI GEOGRAFIA insegnante: prof.ssa Giorgia Bertolini classe: 1^I Carte geografiche Che cosa sono le carte geografiche e a che cosa

Dettagli

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE 544 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE Le reazioni degli attori internazionali 25 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le reazioni degli attori

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141

S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141 S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141 La crisi economica europea ha avuto importanti conseguenze sulla tutela dei diritti fondamentali a causa della riduzione

Dettagli

Il1968 è anno di rottura col passato

Il1968 è anno di rottura col passato Il1968 è anno di rottura col passato Evento chiave: la guerra in Vietnam perché non si riconosce all intervento di Usa quella valenza di tutela della libertà contro i rischi del comunismo Giovani di paesi

Dettagli

LA GLOBALIZZAZIONE. Istituto Primario Primo Grado F.D

LA GLOBALIZZAZIONE. Istituto Primario Primo Grado F.D LA GLOBALIZZAZIONE Istituto Primario Primo Grado F.D Un mondo globalizzato La globalizzazione è un fenomeno che si estende a tutta la superficie terrestre o all intera umanità Essa offre grandi possibilità

Dettagli

FORMAZIONE GENERALE. Macroaree e moduli formativi. 1 Valori e identità del SCN. 1.1 L identità del gruppo in formazione e patto formativo

FORMAZIONE GENERALE. Macroaree e moduli formativi. 1 Valori e identità del SCN. 1.1 L identità del gruppo in formazione e patto formativo FORMAZIONE GENERALE Il percorso formativo è costituito da una serie di moduli raggruppati all interno di macroaree tematiche: una sorta di percorso logico e di viaggio nel mondo del servizio civile. La

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

L universalità dei diritti umani: una conquista o un utopia? Milano, Casa dei diritti umani, via De Amicis 10 10 dicembre 2015, ore 14.

L universalità dei diritti umani: una conquista o un utopia? Milano, Casa dei diritti umani, via De Amicis 10 10 dicembre 2015, ore 14. L universalità dei diritti umani: una conquista o un utopia? Milano, Casa dei diritti umani, via De Amicis 10 10 dicembre 2015, ore 14.30 Quale approccio scegliere: a) storico b) tematico c) problematico

Dettagli

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO 27 SOCIETÀ, STATO E DIRITTO Caratteri dello Stato Dal feudalesimo alla nascita dello Stato moderno Le idee del filosofo Immanuel Kant Le idee del filosofo greco Aristotele Il moderno Stato di diritto La

Dettagli

La Pianificazione Strategica: Strumento per le Decisioni di Lungo Periodo Gen. B.A. Sergio Villa

La Pianificazione Strategica: Strumento per le Decisioni di Lungo Periodo Gen. B.A. Sergio Villa La Pianificazione Strategica: Strumento per le Decisioni di Lungo Periodo Gen. B.A. Sergio Villa destinato ad essere più o meno invasivo, in particolare laddove esista una data di partenza ed una di completamento

Dettagli

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE 18 PABLO PICASSO Nasce a Malaga in Spagna nel 1881. figlio di un professore di disegno. Dopo aver brillantemente compiuto gli studi presso l accademia

Dettagli

Esami di Idoneità/Integrativi. Liceo delle Scienze Umane / Economico Sociale / Linguistico

Esami di Idoneità/Integrativi. Liceo delle Scienze Umane / Economico Sociale / Linguistico Esami di Idoneità/Integrativi Liceo delle Scienze Umane / Economico Sociale / Linguistico Materia: Storia/Geografia Alla Classe seconda Contenuti essenziali di Storia Modulo 1: Dalla Preistoria alla Storia

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

CORSO DI RELAZIONI INTERNAZIONALI. UNICAL a.a. 2014/2015 Docente: Cecilia Emma Sottilotta Mail: sottilottac@gmail.com

CORSO DI RELAZIONI INTERNAZIONALI. UNICAL a.a. 2014/2015 Docente: Cecilia Emma Sottilotta Mail: sottilottac@gmail.com CORSO DI RELAZIONI INTERNAZIONALI UNICAL a.a. 2014/2015 Docente: Cecilia Emma Sottilotta Mail: sottilottac@gmail.com INTERNATIONAL POLITICAL ECONOMY I DIBATTITI CONTEMPORANEI 3 LA STABILITA EGEMONICA (I)

Dettagli

Le parole per dirlo. Emigranti -Migranti. Immigrati. Rifugiato. Clandestino-irregolare. Aree di accoglienza. Flussi migratori

Le parole per dirlo. Emigranti -Migranti. Immigrati. Rifugiato. Clandestino-irregolare. Aree di accoglienza. Flussi migratori In viaggio Le parole per dirlo Emigranti -Migranti Immigrati Rifugiato Clandestino-irregolare Aree di accoglienza Flussi migratori Carta dei flussi migratori Condizioni di vita insostenibili Le cause economia

Dettagli

La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace

La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace Marcello Pera La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace Cerisdi, Palermo, 26 novembre 2001 SENATO DELLA REPUBBLICA TIPOGRAFIA DEL SENATO La giustizia come fondamento dello sviluppo e della

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA. Il dopoguerra Crisi delle istituzioni liberali Tensioni sociali e malcontento Il mito della Rivoluzione russa

PROGRAMMA DI STORIA. Il dopoguerra Crisi delle istituzioni liberali Tensioni sociali e malcontento Il mito della Rivoluzione russa Anno Scolastico 2013/2014 5^A Liceo Scientifico Tecnologico PROGRAMMA DI STORIA L Europa e il mondo di inizio 900: Guerre prima della guerra (Inglesi, Boeri, Russi e Giapponesi) La crisi marocchina Il

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI STORIA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI STORIA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI STORIA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (Campi di esperienza: Il sé e l altro, La conoscenza del mondo, Linguaggi, creatività, espressione) ANNI TRE TRAGUARDI OBIETTIVI CONTENUTI 1. Si

Dettagli

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano di Redazione Sicilia Journal - 25, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/cinema-la-bugia-bianca-il-dramma-dello-stupro-etnico-raccontato-da-unsiciliano/

Dettagli

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana.

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana. signore e signori, è un grande onore per il mio Paese, per l Italia, essere qui oggi. Vorrei ringraziare la Repubblica Federale Democratica d Etiopia e il Presidente dell Assemblea Generale, Sam Kutesa,

Dettagli

DENTRO il LIBRO LA VITA È UNA BOMBA! Luigi Garlando IL CONTENUTO

DENTRO il LIBRO LA VITA È UNA BOMBA! Luigi Garlando IL CONTENUTO DENTRO il LIBRO dai 9 anni LA VITA È UNA BOMBA! Luigi Garlando Illustrazione di copertina: Annalisa Ventura Pagine: 96 Codice: 978-88-566-4991-8 Anno di pubblicazione: 2015 IL CONTENUTO Il libro si struttura

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Istituto Statale d'istruzione Superiore R.FORESI LICEO CLASSICO LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENZE UMANE FORESI ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO BRIGNETTI ISTITUTO ALBERGHIERO E DELLA

Dettagli

Per iniziare, guarda questo breve video:

Per iniziare, guarda questo breve video: Per iniziare, guarda questo breve video: http:///la-carestia-in-somalia.htm Per svolgere le attività proposte, ricava notizie dal tuo libro di geografia e dai seguenti siti: https://it.wikipedia.org/wiki/carestia

Dettagli

L'INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (IRC) NELLA SCUOLA

L'INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (IRC) NELLA SCUOLA UNITÀ 1 Capitolo 1 L'INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (IRC) NELLA SCUOLA In questo capitolo vedremo: - la motivazione dell'irc nella scuola in genere - la motivazione dell'irc nella scuola cattolica

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI Prof.ssa Marilina Marrone COS È L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI (EDU)? «L EDU è una pratica intenzionale e partecipativa vòlta a favorire la presa di

Dettagli

INFORMAZIONI SULL ISIS

INFORMAZIONI SULL ISIS INFORMAZIONI SULL ISIS Brevi linee di storia da Maometto all ISIS 1 2 3 L ISIS OGGI 4 IL MEDIO ORIENTE Superficie Italia kmq. 300.000 Superficie Iraq kmq. 430.000 Superficie Iran kmq. 1.640.000 Superficie

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI STORIA Competenze 1 e 2 al termine del 3 biennio (classe quinta

Dettagli

Spese militari e aiuti allo sviluppo

Spese militari e aiuti allo sviluppo Spese militari e aiuti allo sviluppo La storia dell elefante nella stanza L elefante nella stanza è una espressione idiomatica inglese per indicare una verità evidente che viene ignorata o di cui si continua

Dettagli

PROGETTO FINESTRE FOCUS

PROGETTO FINESTRE FOCUS Obiettivo Fornire, alle classi che hanno già realizzato negli anni precedenti il progetto Finestre, la possibilità di approfondire il tema del diritto d asilo attraverso specifici percorsi. La musica,

Dettagli

Indice. Unità 2. Unità 1. Unità 3. L Unione Europea 39. Gli stati, i popoli, le culture in europa 9

Indice. Unità 2. Unità 1. Unità 3. L Unione Europea 39. Gli stati, i popoli, le culture in europa 9 Unità 1 Gli stati, i popoli, le culture in europa 9 Itinerario 1 Il cammino degli Stati europei 10 Le origini dell Europa 10 Un continente diverso dagli altri 10 L Europa romana e medievale 12 L Impero

Dettagli

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e educazione 2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e I documenti presentati presentano nella maggior parte dei casi ripetuti riferimenti alla Dichiarazione Universale

Dettagli

PROGRAMMA D ESAME STORIA E GEOGRAFIA Classe III A

PROGRAMMA D ESAME STORIA E GEOGRAFIA Classe III A Scuola Media Seghetti Figlie del sacro Cuore di Gesù Piazza Cittadella, 10 VERONA PROGRAMMA D ESAME E Classe III A ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Prof.ssa Ruffo Laura DIRITTI UMANI E VIOLAZIONI, LIBERTÀ, FORME

Dettagli

Programma svolto di storia, geografia, cittadinanza e Costituzione

Programma svolto di storia, geografia, cittadinanza e Costituzione IC di Monte San Pietro Scuola Media Statale Cassani Lusvardi Programma svolto di storia, geografia, cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2012-2013 Classe 3E Prof.ssa Fulvia Spatafora Storia L Europa

Dettagli

Crisi dell eurocentrismo e futuro dell umanesimo europeo: una prospettiva «economica» Michele Grillo Dipartimento di Economia e Finanza

Crisi dell eurocentrismo e futuro dell umanesimo europeo: una prospettiva «economica» Michele Grillo Dipartimento di Economia e Finanza Crisi dell eurocentrismo e futuro dell umanesimo europeo: una prospettiva «economica» Michele Grillo Dipartimento di Economia e Finanza 1 Una premessa Sono consapevole di accingermi a uno sforzo temerario:

Dettagli

Dal financial al social verso nuovi modelli di Economia

Dal financial al social verso nuovi modelli di Economia Dal financial al social verso nuovi modelli di Economia Vedano Olona 20 3 2012 "Quando una persona viene al mondo è un albero di possibilità, di tante possibili vite; tanti rami, tanti bivi: di questo

Dettagli

Servizio sociale e immigrazione. Di Daniela Simone

Servizio sociale e immigrazione. Di Daniela Simone Servizio sociale e immigrazione Di Daniela Simone Nel mondo, da secoli, l immigrazione è un fenomeno presente. Nell enciclopedia delle scienze sociali si afferma che Il fenomeno delle migrazioni è antico

Dettagli

CONVERSAZIONI APERTE PER RIPENSARE ETICA E SIGNIFICATO SOCIALE DEL LAVORO NELLA PROSPETTIVA GLOBALE

CONVERSAZIONI APERTE PER RIPENSARE ETICA E SIGNIFICATO SOCIALE DEL LAVORO NELLA PROSPETTIVA GLOBALE CONVERSAZIONI APERTE PER RIPENSARE ETICA E SIGNIFICATO SOCIALE DEL LAVORO NELLA PROSPETTIVA GLOBALE Gran parte del cammino delle società e della vita delle persone, donne e uomini, è stata costruita nella

Dettagli

Le proposte del CINI per la Riforma della cooperazione allo sviluppo italiana.

Le proposte del CINI per la Riforma della cooperazione allo sviluppo italiana. Le proposte del CINI per la Riforma della cooperazione allo sviluppo italiana. Premessa Con il presente documento, le Organizzazioni aderenti al CINI Coordinamento Italiano Network Internazionali - desiderano

Dettagli

Pienezza dei valori spirituali in Africa. Innocent Hakizimana Ndimubanzi. Edizioni ocd Edizioni ocd

Pienezza dei valori spirituali in Africa. Innocent Hakizimana Ndimubanzi. Edizioni ocd Edizioni ocd Pienezza dei valori spirituali in Africa Innocent Hakizimana Ndimubanzi Edizioni ocd Edizioni ocd Percorsi di Teologia spirituale Innocent Hakizimana Ndimubanzi Gesù Cristo Pienezza dei valori spirituali

Dettagli

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir DA DUE A TRE dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ Voglio poterti amare senza aggrapparmi, apprezzarti senza giudicarti, raggiungerti senza invaderti, invitarti senza insistere, lasciarti senza

Dettagli

2.6 IL SUOLO RAPPRESENTATO: LA CARTOGRAFIA

2.6 IL SUOLO RAPPRESENTATO: LA CARTOGRAFIA 2.6 IL SUOLO RAPPRESENTATO: LA CARTOGRAFIA Si ringrazia per il sostegno DA DOVE VIENI? DOVE VAI? RAPPRESENTAZIONI DEL SUOLO Nel suo abitare il suolo l uomo ha una prima esigenza: definirne i confini e

Dettagli

INDICE. Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA. Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI

INDICE. Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA. Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI INDICE Presentazione... Abbreviazioni... Premessa... vii xv xix Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI 1. Posizione del problema e piano dell indagine........

Dettagli

PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo

PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo Premessa Educare alla legalità significa elaborare e diffondere un'autentica cultura dei valori civili (Circolare Ministeriale n 302/93) Con tale progetto la

Dettagli

Indice A. DIMENSIONI DEL DIALOGO. Prefazione... 5 Introduzione... 11

Indice A. DIMENSIONI DEL DIALOGO. Prefazione... 5 Introduzione... 11 Indice Prefazione................................... 5 Introduzione................................. 11 A. DIMENSIONI DEL DIALOGO 1. La nuova presenza dei musulmani in Europa. Sfide e opportunità per i

Dettagli

Partecipazione delle Famiglie ed Educazione familiare

Partecipazione delle Famiglie ed Educazione familiare Partecipazione delle Famiglie ed Educazione familiare di Enzo Catarsi La partecipazione dei genitori La consapevolezza dell importanza della presenza dei genitori nel nido nasce sulla base di importanti

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

Ripiegati da tempo sulla Grande Crisi che

Ripiegati da tempo sulla Grande Crisi che economia e lavoro di Diego Motta Cina, Russia, India, ma anche Brasile, Turchia. Qui sta succedendo quello che l Occidente ha vissuto tra l inizio degli anni Novanta e la metà del primo decennio del Duemila:

Dettagli

Centro Studi Politici, culturali, Economici, Sociali e Giuridici FUTURA

Centro Studi Politici, culturali, Economici, Sociali e Giuridici FUTURA Centro Studi Politici, culturali, Economici, Sociali e Giuridici FUTURA Lamezia Terme 88046 via Coschi 72/b interno 1 telefono e fax 0968/201908 Codice Fiscale 92003410799 FORMAZIONE GENERALE REGISTRI

Dettagli

Cristina Scarpocchi, Università della Valle d Aosta, AIIG Piemonte I rifugiati nel mondo: le dimensioni del fenomeno e le implicazioni geopolitiche

Cristina Scarpocchi, Università della Valle d Aosta, AIIG Piemonte I rifugiati nel mondo: le dimensioni del fenomeno e le implicazioni geopolitiche Cristina Scarpocchi, Università della Valle d Aosta, AIIG Piemonte I rifugiati nel mondo: le dimensioni del fenomeno e le implicazioni geopolitiche AIIG Associazione Italiana Insegnanti di Geografia Torino,

Dettagli

Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010. 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO

Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010. 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO Premessa Al termine della seconda guerra mondiale (1939 1945) la Germania, sconfitta,

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

(15) Le nostre idee per un programma per l Europa. Leader, candidati e programma vincenti

(15) Le nostre idee per un programma per l Europa. Leader, candidati e programma vincenti (15) Le nostre idee per un programma per l Europa. Leader, candidati e programma vincenti 61 I. L Europa che vogliamo II. III. IV. I valori del Partito popolare europeo L Europa delle libertà L Europa

Dettagli

Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente

Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente In un bel libro di qualche anno fa Cormac McCarthy immagina un uomo e un bambino, padre e figlio, che spingono un carrello, pieno del poco che è rimasto, lungo

Dettagli

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale)

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) CAMERA DEI DEPUTATI XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) 27 novembre 2013 AUDIZIONI ABI 2013 AUDIZIONI ABI - 2013 Le proposte

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese della Riviera. L intervento del nostro leader in 20

Dettagli

Workshop al Liceo Scientifico G. Galilei sulla Globalizzazione e Fraternità

Workshop al Liceo Scientifico G. Galilei sulla Globalizzazione e Fraternità Workshop al Liceo Scientifico G. Galilei sulla Globalizzazione e Fraternità Il 6 dicembre 2013, grazie alla collaborazione tra il Liceo Scientifico G. Galilei e L Associazione AMU-Azione per un Mondo Unito

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO

DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO 1. QUANDO INIZIA A PORSI IL PROBLEMA DELLA RELAZIONE GIURIDICA DEI RAPPORTI FAMILIARI? Nell ambito della nascita dello stato moderno nel secolo XIX.

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Nazionale Comuni Italiani - ANCI, con sede in Via dei Prefetti n. 46, a Roma, C.F. 80118510587, rappresentata nel presente Protocollo dal Presidente f.f. Alessandro

Dettagli

GEOGRAFIA degli STATI europei ed extra-europei. Proposte didattiche per lo studio di uno stato

GEOGRAFIA degli STATI europei ed extra-europei. Proposte didattiche per lo studio di uno stato http://www.gatm.org.uk GEOGRAFIA degli STATI europei ed extra-europei Proposte didattiche per lo studio di uno stato Classi: II e III della Scuola Secondaria di Primo Grado Materia: Geografia Ore settimanali:

Dettagli

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi Credo che intervenire per ultima, anche solo per l ordine alfabetico, in questa giornata di riflessione sul futuro della città di

Dettagli

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1 La prima Guerra Mondiale IV F La prima guerra mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile

Dettagli

Crisi economica e migrazioni nella realtà europea

Crisi economica e migrazioni nella realtà europea XIII CONVEGNO Italian National Focal Point Infectious Diseases and Migrant Salute e Migrazione: nuovi scenari internazionali e nazionali Roma, 17 Febbraio 2015 Crisi economica e migrazioni nella realtà

Dettagli

Piacenza 21 22 ottobre 2011. Philosophy for children. Esperienze di dialogo e pratica filosofica

Piacenza 21 22 ottobre 2011. Philosophy for children. Esperienze di dialogo e pratica filosofica Piacenza 21 22 ottobre 2011 Philosophy for children Esperienze di dialogo e pratica filosofica Scuola dell infanzia statale Barbattini ( Roveleto di Cadeo ) Anni scolastici: 2007 2011 Insegnanti facilitatori:

Dettagli

Introduzione. Lezione 1 29 ottobre 2014. UniGramsci a.a. 2014/2015 1

Introduzione. Lezione 1 29 ottobre 2014. UniGramsci a.a. 2014/2015 1 Introduzione Lezione 1 29 ottobre 2014 UniGramsci a.a. 2014/2015 1 Rivoluzione industriale (ca.( 1780) Trasformazione della vita umana più radicale della storia Uk: intera economia mondiale costruita attorno

Dettagli