"Per una scuola controcorrente"

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""Per una scuola controcorrente""

Transcript

1 "Per una scuola controcorrente" t Un percorso educativo-didattico verso l'implementazione dell'efficienza energetica a scuola. Intelligent USe of Energy at School UN PROGETTO DI COLLABORAZIONE TRA LE SCUOLE DELLA RETE DI AGENZIE PER LA SICUREZZA E LA PROVINCIA DI TREVISO NELL'AMBITO DEL PROGETTO QEES

2 Il contesto normativo Direttiva 2006/32/CE (attuata in Italia con il D.lgs n.115/2008): misure ammissibili di efficienza energetica per gli appalti pubblici "Pacchetto Energia" UE, il , 2007 Piano per l'efficienza Energetica (luglio 2007) recepimento normativa UE 2006/32: individua azioni di risparmio nell'ordine di 11 Mtep/anno.

3 COSA VOGLIAMO FARE.. Raccolta di dati energetici nelle scuole (consumi di elettricità e riscaldamento) sulla linea del progetto QUEES della provincia di Treviso nell'a.s. 08/09, dopo un breve percorso tecnico-formativo Individuazione delle criticità e parallelamente delle buone pratiche energetiche per la scuola Disseminazione del Piano di Risparmio Energetico Verifica dei risparmi energetici ottenuti e loro monitoraggio Il Bando di concorso europeo IUSES - Intelligent USe of Energy at School: cornice del nostro percorso

4 Perchè la scuola dovrebbe fare questo percorso? Lo studente: sensibilizzazione e attivazione Il curriculum: un percorso di formazione tecnica La scuola: - territorio e visibilità - le buone pratiche convenienti: l'incentivazione dei risparmi A chi si rivolge? A tutte le scuole superiori di II grado della Provincia di Treviso

5 Quali sono le finalità di questo percorso? In ambito... educativo: comportamenti individuali e azioni collettive... didattico: Life skills... ambientale: riduzione dello spreco di risorse... istituzionale: la gestione sostenibile delle risorse

6 ...e gli obiettivi? A livello di... competenze: - l'analisi energetica Conoscenze di base per quanto riguarda il concetto di energia e le sue trasformazioni (fisica) - la comunicazione delle buone pratiche - una politica per l'energia Possibili approfondimenti: Principi di efficienza energetica degli edifici pp p g g (p.e. le tecniche di riscaldamento e raffrescamento, l'illuminazione, le apparecchiature elettroniche) )

7 Strategie in rete... SGS & SGA? Esperienze condivise e percorsi didattici... ripetibili! Il sito Alveare: incontri di idee ad un tavolo virtuale L'azione entra in classe: gli alunni fanno ricerca...

8 Fare gruppo!... La struttura organizzativa La Rete delle Agenzie per la sicurezza (gruppo ambiente) provvederà a... contattare e sensibilizzare i DS L'Ufficio per l'edilizia scolastica della Provincia di Treviso provvederà a... svolgere l'azione di coordinamento tecnico fornire i percorsi didattici partecipati e pluridisciplinari fornire assitenza durante il loro svolgimento mettere a disposizione - la piattaforma di comunicazione Alveare - gli strumenti tecnici necessari per la rilevazione dei dati elementari Bando di concorso European Energy Saving Award incentivare le scuole che hanno messo in atto comportamenti ti virtuosi i

9 ...La struttura organizzativa... a scuola Il Comitato ambiente È composto dal DS, da alcuni rappresentanti degli studenti coinvolti (2), dagli insegnanti (almeno 2), dal personale non docente (almeno 1). Ogni componente contribuirà con le sue specificità di ruolo al successo del progetto. È responsabile per la parte organizzativa ed esecutiva a livello di singola scuola È lo strumento operativo che garantisce al progetto il raggiungimento dei suoi obiettivi. Esso provvederà a... organizzare le attività all'interno della scuola, tenere riunioni periodiche per monitorare l'avanzamento del progetto. individuare e stabilire linee di azione condivise, miranti a stabilizzare le buone pratiche energetiche nella propria scuola. interfacciarsi con le altre scuole in Rete e condividere esperienze e analisi

10 ...La struttura organizzativa... a scuola (2) L' Energy team L'elemento operativo del progetto! Si tratta del gruppo di studenti direttamente coinvolto nelle attività: In genere studenti. Una volta formato, il gruppo energia, coadiuvato da alcuni docenti, esegue la raccolta, elaborazione e presentazione dei dati nella loro scuola. Individua i comportamenti virtuosi e li divulga all'utenza scolastica. Esegue l'analisi finale e la determinazione del risparmio raggiunto.

11 Le tappe del percorso rilevare i dati di consumo (Analisi energetica iniziale) individuare azioni di miglioramento e loro implementazione stabilire priorità di azioni effettuare proposte di acquisti in rete di materiali di consumo (rete acquisti verdi) rilevare il risultato degli interventi (Analisi energetica finale) prevedere un evento staffetta raccogliere e confrontare i dati a livello di scuole aderenti valutare l'efficacia del percorso a livello provinciale

12 Target Docenza Prerequisiti Contenuti Comitato Rete nessuno - analisi energetica, piano di risparmio energetico ambiente - forme di comunicazione e divulgazione delle buone pratiche Energy team Comitato nessuno - sulla base di un modulo base proposto dalla Rete ambiente estendibile a seconda delle esigenze delle singole scuole

13 Il percorso...

14 Modulo 0 Modulo 1 Modulo 2 Modulo 3 Modulo 4 Modulo 5 Avvio del progetto Costituzione e formazione del Comitato ambiente e dell'energy team Analisi ambientale (Environmental review) Programmazione degli interventi di miglioramento (Action plan) Attuazione degli interventi di miglioramento (Action) Monitoraggio e valutazione (Monitoring and Evaluation) Informare e coinvolgere (Public relation)

15 a Presentazione in sede di Collegio docenti del progetto e sua approvazione. Incontro con personale ATA Incontro con rappresentanti degli alunni / Tutor b Il DS individua i componenti del Comitato ambiente - personale docente: due o più insegnanti - personale ATA: 1 componente - studenti (due studenti) Modulo 0 Gli studenti tutor c In-formazione del Comitato ambiente: Presentazione di: Materiale analisi energetica Percorso tecnico-formativo Aspetti tecnici della rilevazione dati energia 1^ tappa del percorso partecipato Avvio del progetto Costituzione e formazione del Comitato ambiente e dell'energy team Contenuti per la formazione di base dell'energy team

16 d Determinazione delle linee di sviluppo del progetto all'interno dell'istituto Individuazione e istituzione dell' Energy team. Loro formazione di base (breve percorso di sensibilizzazione) Modulo 0 e Incontro formativo e organizzativo: Adesioni bando di concorso IUSES Formazione relativa allo svolgimento dell'analisi energetica Percorso tecnico-formativo:. analisi del materiale operativo proposto e sua concretizzazione nel lavoro con l'energy team. confronto sulle scelte operate dalle singole scuole 2^ tappa del percorso partecipato Avvio del progetto Costituzione e formazione del Comitato ambiente e dell'energy team f Formazione dell'energy team sulla realizzazione e interpretazione di dati energetici

17 Modulo 0 Ciak...il modulo! Avvio del progetto Costituzione e formazione del Comitato ambiente e dell'energy team Modulo 1 Analisi i ambientale (Environmental review) Modulo 2 Modulo 3 Modulo 4 Modulo 5 Programmazione degli interventi di miglioramento (Action plan) Attuazione degli interventi di miglioramento (Action) Monitoraggio e valutazione (Monitoring and Evaluation) Informare e coinvolgere (Public relation)

18 a Raccolta dei dati di consumo energetico sulla base: delle Linee guida per la realizzazione delle analisi energetiche del Ministero dell'ambiente: Modulo 1 di una Ricognizione energetica dell'edificio scolastico, Analisi ambientale durante la quale si raccoglieranno informazioni relative alle fonti di consumo energetico sulla base di un questionario

19 Modulo 0 Ciak...il modulo! Avvio del progetto Costituzione e formazione del Comitato ambiente e dell'energy team Modulo 1 Analisi i ambientale (Environmental review) Modulo 2 Modulo 3 Modulo 4 Modulo 5 Programmazione degli interventi di miglioramento (Action plan) Attuazione degli interventi di miglioramento (Action) Monitoraggio e valutazione (Monitoring and Evaluation) Informare e coinvolgere (Public relation)

20 a Analisi dei dati ottenuti ed individuazione della propria classe di merito di consumo Individuazione dei punti di criticità e delle azioni di risparmio attuabili Modulo 2 Programmazione delle azioni secondo un'ordine di priorità b Confronto assembleare su: risultati ottenuti sulle azioni individuate e la loro programmazione sulle proposte di coinvolgimento della popolazione scolastica 3^ tappa del percorso partecipato Programmazione degli interventi di miglioramento

21 Modulo 0 Ciak...il modulo! Avvio del progetto Costituzione e formazione del Comitato ambiente e dell'energy team Modulo 1 Analisi i ambientale (Environmental review) Modulo 2 Modulo 3 Modulo 4 Modulo 5 Programmazione degli interventi di miglioramento (Action plan) Attuazione degli interventi di miglioramento (Action) Monitoraggio e valutazione (Monitoring and Evaluation) Informare e coinvolgere (Public relation)

22 a Attuare interventi di risparmio energetico: Informare la popolazione scolastica sulle buone pratiche da attuare a scuola, attraverso: - assemblee dei rappresentanti e di classe - l'organizzazione di una giornata a tema Regolamenti interni volti a favorire il risparmio energetico Accorgimenti tecnici relativi alla buona manutenzione e ottimizzazione delle attrezzature di lavoro e impianti presenti nella scuola (a livello di proposta, e, ove possibile loro attuazione) Acquisti verdi Modulo 3 Attuazione degli interventi ti di miglioramento

23 Modulo 0 Ciak...il modulo! Avvio del progetto Costituzione e formazione del Comitato ambiente e dell'energy team Modulo 1 Analisi i ambientale (Environmental review) Modulo 2 Modulo 3 Modulo 4 Modulo 5 Programmazione degli interventi di miglioramento (Action plan) Attuazione degli interventi di miglioramento (Action) Monitoraggio e valutazione (Monitoring and Evaluation) Informare e coinvolgere (Public relation)

24 a b Verifica dei risultati progetttuali: osservazione dei risultati (diario di bordo): andamento dei consumi energetici dall'inizio del progetto valutazione del lavoro svolto sulla base degli obiettivi specifici (ambientali) e sugli obiettivi didattici definiti sopra. individuazione delle criticità del percorso progettuale svolta Confronto a livello assembleare su quanto emerso all'incontro di cui al punto precedente Modalità di compilazione della domanda definitiva di partecipazione al Bando di concorso IUSES 4^ tappa del percorso partecipato Modulo 4 Monitoraggio e valutazione

25 Modulo 0 Ciak...il modulo! Avvio del progetto Costituzione e formazione del Comitato ambiente e dell'energy team Modulo 1 Analisi i ambientale (Environmental review) Modulo 2 Modulo 3 Modulo 4 Modulo 5 Programmazione degli interventi di miglioramento (Action plan) Attuazione degli interventi di miglioramento (Action) Monitoraggio e valutazione (Monitoring and Evaluation) Informare e coinvolgere (Public relation)

26 a Pubblicazione dei risultati: loro diffusione ad alunni e genitori b Organizzazione di un momento pubblico ufficiale con la presenza di istituzioni e mezzi di informazione, con l'obiettivo di : presentare il percorso svolto dalle scuole promuovere nella popolazione l'interesse per la tematica ambientale mettere le basi per il proseguimento del progetto nell'anno scolastico successivo, verso un sistema di certificazione ambientale (EMAS) coinvolgendo le scuole in rete Modulo 5 Informare e coinvolgere

27 Grazie per la vostra attenzione!

Progetto FIESTA - Families Intelligent Energy Saving Targeted Action. Linee guida operative dello Sportello Energia EHD - Energy Help Desk

Progetto FIESTA - Families Intelligent Energy Saving Targeted Action. Linee guida operative dello Sportello Energia EHD - Energy Help Desk Progetto FIESTA - Families Intelligent Energy Saving Targeted Action Linee guida operative dello Sportello Energia EHD - Energy Help Desk Premessa Il Comune di Forlì è partner del progetto FIESTA Families

Dettagli

I. Introduzione. 1. Qualisonogliobiettividelrisparmioenergeticonellescuoledel50/50?

I. Introduzione. 1. Qualisonogliobiettividelrisparmioenergeticonellescuoledel50/50? Con il supporto di I. Introduzione 1. Qualisonogliobiettividelrisparmioenergeticonellescuoledel50/50? L'idea di questo progetto, basato sull esperienza di Euronet 50/50, è quella di diffonderne la metodologia

Dettagli

Percorsi assistiti di Alternanza Scuola-Lavoro

Percorsi assistiti di Alternanza Scuola-Lavoro Percorsi assistiti di Alternanza Scuola-Lavoro Seminari /laboratori di formazione Team Centro Polifunzionale di Servizio Dilos Center SIMUCENTER regionale per la Puglia Agenda 15.00 Registrazione partecipanti

Dettagli

IL PROGETTO EDIFICI VIRTUOSI PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO PUBBLICO

IL PROGETTO EDIFICI VIRTUOSI PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO PUBBLICO IL PROGETTO EDIFICI VIRTUOSI PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO PUBBLICO GLOBAL POWER SERVICE Il Consorzio Cev per l attuazione del Progetto EDIFICI VIRTUOSI si avvale del supporto

Dettagli

1.125 ENTI UNITI INCEV PER

1.125 ENTI UNITI INCEV PER 1.125 ENTI UNITI INCEV PER AFFRONTARE IL FUTURO Strumenti e Finanziamenti per raggiungere l obiettivo 20-20-20 ILPATTO DEISINDACI Il Patto dei Sindaci è la principale iniziativa Europea rivolta alle Autorità

Dettagli

1 RAPPORTO DI MONITORAGGIO. Piano d Azione Energia Sostenibile Comune di Teolo. -Marzo 2014-

1 RAPPORTO DI MONITORAGGIO. Piano d Azione Energia Sostenibile Comune di Teolo. -Marzo 2014- 1 RAPPORTO DI MONITORAGGIO Piano d Azione Energia Sostenibile Comune di Teolo -Marzo 2014- COMUNE DI TEOLO SUPPORTO TECNICO: CONSORZIO UNIVERSITARIO DI RICERCA APPLICATA C/O UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

Dettagli

L analisi dei dati energetici come nuova declinazione dell approccio BigData. Piergabriele Andreoli, Modena 24/03/2015

L analisi dei dati energetici come nuova declinazione dell approccio BigData. Piergabriele Andreoli, Modena 24/03/2015 L analisi dei dati energetici come nuova declinazione dell approccio BigData. Piergabriele Andreoli, Modena 24/03/2015 31/03/2015 è una associazione no profit per lo sviluppo energetico sostenibile del

Dettagli

SCHEDA PROGETTO ALLEGATO A

SCHEDA PROGETTO ALLEGATO A SCHEDA PROGETTO ALLEGATO A DENOMINAZIONE PROGETTO Educazione al Consumo Consapevole progetto per la realizzazione di un programma di educazione al consumo consapevole per le scuole di istruzione primaria

Dettagli

Energy ViLLab Living Lab For Sustainable Development,

Energy ViLLab Living Lab For Sustainable Development, Il Progetto Green Schools Competition nasce nell ambito del progetto Global Service di 3 generazione- GSI Green Schools, con l'obiettivo di trasformare, sull'esempio del progetto "The Center for Green

Dettagli

IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA

IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA PERCORSI PER UN COMUNE ILLUMINATO L EFFICIENZA ENERGETICA, IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA, IL PATTO DEI SINDACI, IL PROGETTO ENEA LUMIERE, LE ESCO, E TANTO ALTRO ANCORA Spendiamo

Dettagli

Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013

Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013 Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013 La Piattaforma europea dedicata ai professionisti dell edilizia sostenibile Iscriviti ed entra a far parte del nostro network www.construction21.eu Unioncamere del Veneto

Dettagli

EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEL PATRIMONIO EDILIZIO COMUNALE: UN PROMEMORIA IN 10 STEP Giugno 2013

EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEL PATRIMONIO EDILIZIO COMUNALE: UN PROMEMORIA IN 10 STEP Giugno 2013 EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEL PATRIMONIO EDILIZIO COMUNALE: UN PROMEMORIA IN 10 STEP Giugno 2013 Queste note si rivolgono al Comune che, in assenza di risorse economiche, intende diminuire i costi delle

Dettagli

AZIONI PER L APPLICAZIONE DELLA METODOLOGIA 50/50 NELLE SCUOLE

AZIONI PER L APPLICAZIONE DELLA METODOLOGIA 50/50 NELLE SCUOLE AZIONI PER L APPLICAZIONE DELLA METODOLOGIA 50/50 NELLE SCUOLE Deliverable nº6: D6: DOCUMENTO con la metodologia dettagliata per l applicazione del 50/50 Work Package 2: Definizione dei requisiti di base

Dettagli

Un percorso curricolare di educazione ambientale e allo sviluppo sostenibile per il triennio della Scuola sec. di 1 grado

Un percorso curricolare di educazione ambientale e allo sviluppo sostenibile per il triennio della Scuola sec. di 1 grado \ Un percorso curricolare di educazione ambientale e allo sviluppo sostenibile per il triennio della Scuola sec. di 1 grado Auditorium, I.C. 4 Stefanini Treviso, 4 settembre2015 Pensare ed agire, agire

Dettagli

Crescita sostenibile e intelligente

Crescita sostenibile e intelligente Crescita sostenibile e intelligente per lo sviluppo locale Per la realizzazione di questo documento sono state utilizzate immagini di: Archivio Parlamento europeo Avete un tesoro verde. Approfittatene.

Dettagli

Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato

Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato Istituto Professionale di Stato per l Industria e l rtigianato CVOUR-MRCONI Loc. Piscille Via ssisana, 40/d 06154 PERUGI POLITIC ENERGETIC DELL SCUOL In seguito all adesione al progetto EGS Energy Educational

Dettagli

Programma UE LIFE 2014-2020. Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima

Programma UE LIFE 2014-2020. Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima Programma UE LIFE 2014-2020 Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima Regolamento UE n. 1293/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio dell 11 dicembre 2013 istituisce il Programma per l ambiente

Dettagli

SCHEDA PROGETTO - A 3. Assessorato della Difesa dell Ambiente. Servizio Sviluppo Sostenibile, Autorità Ambientale e Politiche Comunitarie

SCHEDA PROGETTO - A 3. Assessorato della Difesa dell Ambiente. Servizio Sviluppo Sostenibile, Autorità Ambientale e Politiche Comunitarie SCHEDA PROGETTO - A 3 Assessorato della Difesa dell Ambiente Servizio Sviluppo Sostenibile, Autorità Ambientale e Politiche Comunitarie MISURA RIFERIMENTO: Misura 1.4 Gestione integrata dei rifiuti, bonifica

Dettagli

CORSO E-LEARNING. (2) Esercitazione generale: osserva, calcola, intervieni

CORSO E-LEARNING. (2) Esercitazione generale: osserva, calcola, intervieni CORSO E-LEARNING LEZIONE 9 Indice (2) Esercitazione generale: osserva, calcola, intervieni Note sui diritti d autore Il presente manuale contiene materiale didattico realizzato per il Progetto IUSES Intelligent

Dettagli

Bolletta Energetica Comunale (BEC)

Bolletta Energetica Comunale (BEC) Bolletta Energetica Comunale (BEC) Depuriamo la Bolletta Energetica Comunale a partire dall Analisi della Fornitura Dr. Nino Bosco Milano 2012 I Servizi Energetici nel Comune Realtà Comunali Servite Strutture

Dettagli

FUNZIONI STRUMENTALI

FUNZIONI STRUMENTALI FUNZIONI STRUMENTALI a.s. 2012-2013 MARINA BERTAZZO Integrazione ENZO FAMIGLIETTI Area P.O.F MICHELA ROTA Continuità LOREDANA PORFIDIA Informatica CONTINUITÀ INFORMATICA ATTUAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA. a.s. 2014-2015

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA. a.s. 2014-2015 DIREZIONE DIDATTICA STATALE 8 CIRCOLO «S. PIO X» V. Mastelloni 71100 Foggia Tel. 0881633507 Fax 0881687789 Codice Mecc. FGEE00800R C.F. 80033900715 E-mail: FGEE00800R@istruzione.it Sito: www.scuolasanpiox.it

Dettagli

PROGETTO EUROPEO EGS Energia, Educazione, Governance, Scuole.

PROGETTO EUROPEO EGS Energia, Educazione, Governance, Scuole. PROGETTO EUROPEO EGS Energia, Educazione, Governance, Scuole. Una rete di scuole europee per coinvolgere le comunità locali in programmi di efficienza energetica: le comunità locali vanno a scuola. SCHEDA

Dettagli

PAES piano d'azione per l'energia sostenibile

PAES piano d'azione per l'energia sostenibile EFFICIENZA ENERGETICA PER LE AZIENDE comune di GALLARATE 29 Maggio 2013 PAES piano d'azione per l'energia sostenibile Giuseppe Maffeis, Giorgio Fedeli TerrAria srl, Via Gioia 132, 20125 Milano, Tel. 02

Dettagli

<-~cu/~cu/~e~~ 9J)~~t5~

<-~cu/~cu/~e~~ 9J)~~t5~ MIUR.AOODGSIP.REGISTRO UFFICIALE(U).0006458.11-11-2014

Dettagli

Audizione del. Direttore del Consorzio CEV. Gaetano Zoccatelli

Audizione del. Direttore del Consorzio CEV. Gaetano Zoccatelli Disegno di Legge n. 1541 conversione in legge del Decreto Legge 24 giugno 2014, n.91 Disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l efficientamento energetico dell edilizia scolastica

Dettagli

Descrizione del processo. Autovalutazione CAF

Descrizione del processo. Autovalutazione CAF Descrizione del processo Autovalutazione CAF 1 PIANO DI COMUNICAZIONE DELL'AUTOVALUTAZIONE IL PROCESSO DI ORGANIZZAZIONE E PIANIFICAZIONE DELL'AUTOVALUTAZIONE Inizio: settembre 2013 I dieci step: 1. Decidere

Dettagli

AUDIT ENERGETICO. I passi dell Audit

AUDIT ENERGETICO. I passi dell Audit GET Energy Srl Sede Operativa: Via G. Avolio, 14 10023 CHIERI (TO) P.IVA e C.F 10797930012 info@getenergy.it - www.getenergy.it AUDIT ENERGETICO I passi dell Audit 1 Definizione di Audit Un Audit Energetico

Dettagli

Titolo del progetto: Photographs: by Iain Blake

Titolo del progetto: Photographs: by Iain Blake Titolo del progetto: Un percorso didattico-formativo basato sul calcolo dell'impronta ambientale, volto alla sensibilizzazione ed educazione dei giovani allo sviluppo sostenibile e alla riduzione dei consumi

Dettagli

I Sistemi di Gestione Integrata Qualità, Ambiente e Sicurezza alla luce delle novità delle nuove edizioni delle norme ISO 9001 e 14001

I Sistemi di Gestione Integrata Qualità, Ambiente e Sicurezza alla luce delle novità delle nuove edizioni delle norme ISO 9001 e 14001 I Sistemi di Gestione Integrata Qualità, Ambiente e Sicurezza alla luce delle novità delle nuove edizioni delle norme ISO 9001 e 14001 Percorsi di ampliamento dei campi di applicazione gestiti in modo

Dettagli

Lucilla Meneghelli Roma 28 aprile 2011

Lucilla Meneghelli Roma 28 aprile 2011 Risparmio energetico con soluzioni ICT Information and Communication Technologies Lucilla Meneghelli Roma 28 aprile 2011 Progetto esesh ICT for Saving Energy in Social Housing A partire dal 2010 con durata

Dettagli

Il Partner ideale per lo sviluppo di strategie per l'efficienza. Efficienza - Vision - Riduzione dei costi

Il Partner ideale per lo sviluppo di strategie per l'efficienza. Efficienza - Vision - Riduzione dei costi Il Partner ideale per lo sviluppo di strategie per l'efficienza Efficienza - Vision - Riduzione dei costi ETANOMICS_L' Azienda Per l'industria - Per i fornitori di servizi - Per tutte le realtà energivore

Dettagli

Il Partenariato Pubblico Privato e il ruolo delle ESCo per lo sviluppo degli investimenti per l efficienza energetica degli EELL.

Il Partenariato Pubblico Privato e il ruolo delle ESCo per lo sviluppo degli investimenti per l efficienza energetica degli EELL. + Il Partenariato Pubblico Privato e il ruolo delle ESCo per lo sviluppo degli investimenti per l efficienza energetica degli EELL Roberto Valcanover e Nicola Fruet Maurizio Roat Esperto in Diritto dell'energia

Dettagli

SCHEDA RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE

SCHEDA RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE a.s. 2014/ 2015 Funzione Strumentale area 2 (ampliamento dell offerta formativa e delle iniziative per gli studenti): Responsabile e coordinatore delle iniziative e dei progetti europei ed internazionali

Dettagli

POLITICA AZIENDALE PER LA GESTIONE DEL SISTEMA INTEGRATO

POLITICA AZIENDALE PER LA GESTIONE DEL SISTEMA INTEGRATO POLITICA AZIENDALE PER LA GESTIONE DEL SISTEMA INTEGRATO L'ultimo decennio il panorama della ristorazione collettiva è stato, per Serenissima Ristorazione SpA come per le aziende che operano nel medesimo

Dettagli

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 a cura del nucleo di autovalutazione guidato dalla FS prof. Busatto Il percorso di formazione In vista della compilazione del RAV (Rapporto

Dettagli

Immagina il tuo PAES(e) Elabora il nostro PAES

Immagina il tuo PAES(e) Elabora il nostro PAES Comune di Castello d Argile Immagina il tuo PAES(e) Elabora il nostro PAES FORUM PARTECIPATO ALL ELABORAZIONE DEL PAES Primo incontro sabato 1 febbraio Costituzione del Forum della popolazione e degli

Dettagli

Trentino Sviluppo S.p.A. ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE CERTIFICAZIONE LEED

Trentino Sviluppo S.p.A. ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE CERTIFICAZIONE LEED Trentino Sviluppo S.p.A. ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE CERTIFICAZIONE LEED 1 1 RIFERIMENTO AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO Il seguente documento costituisce un allegato al Capitolato Speciale di Appalto

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e le norme per l Edilizia Sostenibile: Allegato Energetico ed Ambientale al Regolamento Edilizio

Il Patto dei Sindaci e le norme per l Edilizia Sostenibile: Allegato Energetico ed Ambientale al Regolamento Edilizio CONVEGNO NAZIONALE 15 Marzo 2013 Fiera di Verona - Sala Vivaldi Il Patto dei Sindaci e le norme per l Edilizia Sostenibile: Allegato Energetico ed Ambientale al Regolamento Edilizio La Provincia di Verona

Dettagli

PROGETTO TAVOLO GIOVANI

PROGETTO TAVOLO GIOVANI PROGETTO TAVOLO GIOVANI Costituzione di un Tavolo di coordinamento con le associazioni di giovani di Cinisello Balsamo e le organizzazioni sociali che compongono il mondo delle realtà giovanili locali

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale di Sovizzo

Istituto Comprensivo Statale di Sovizzo Prot. n. 2994/D6 Sovizzo, 20 novembre 2015 Al Collegio docenti Al Consiglio di Istituto AI Genitori Al Personale ATA dell IC Sovizzo LORO SEDI OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA

Dettagli

Patto dei Sindaci Il ruolo della Regione del Veneto

Patto dei Sindaci Il ruolo della Regione del Veneto Patto dei Sindaci Il ruolo della Regione del Veneto giuliano vendrame sezione energia regione del veneto Treviso, 25 marzo 2015 Dal 2008 attraverso il Patto dei Sindaci, le città firmatarie si sono impegnate

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia Indagine conoscitiva tra le Organizzazioni registrate EMAS in Friuli Venezia Giulia a cura della SOS Promozione e Controllo qualità di ARPA FVG L Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente, oltre

Dettagli

Guida al CRM. White Paper FrontRange Solutions. SysAround S.r.l. Pagina 1 di 18. Via Cappuccini, 4 20122 Milano

Guida al CRM. White Paper FrontRange Solutions. SysAround S.r.l. Pagina 1 di 18. Via Cappuccini, 4 20122 Milano Guida al CRM White Paper FrontRange Solutions Pagina 1 di 18 SOMMARIO 1. Il CRM: come può migliorare il business aziendale... 3 1.1 Il CRM... 3 1.2 Quali sono i vantaggi di avere una strategia CRM?...

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

Direzione didattica don Lorenzo Milani Villa literno

Direzione didattica don Lorenzo Milani Villa literno Direzione didattica don Lorenzo Milani Villa literno 29/10/2015 Dal RAV al PDM PER ORIENTARE IL PTOF e costruire un curricolo verticale per competenze 29/10/2015 - MA/PIROZZI DAL RAV AL PDM PER REALIZZARE

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015

Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015 Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015 Nel piano annuale per l inclusività sono riassunti i principali dati inerenti

Dettagli

Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale

Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale A. PARTE DESCRITTIVA Si richiede la conferma / aggiornamento dei dati riportati nelle analoghe caselle della scheda di

Dettagli

Un approccio di sistema per dare concretezza al tema della riqualificazione energetica del patrimonio edilizio: il modello "Condomini Intelligenti"

Un approccio di sistema per dare concretezza al tema della riqualificazione energetica del patrimonio edilizio: il modello Condomini Intelligenti Un approccio di sistema per dare concretezza al tema della riqualificazione energetica del patrimonio edilizio: il modello "Condomini Intelligenti" Fondazione Muvita per il Patto dei Sindaci: competenze,

Dettagli

Premio per l'innovazione 2013 - CNR idee che ci aiutano a stare meglio

Premio per l'innovazione 2013 - CNR idee che ci aiutano a stare meglio Premio per l'innovazione 2013 - CNR idee che ci aiutano a stare meglio Sezione A proponente Numero univoco progetto: 291729731485 Anagrafica Promotore Codice univoco progetto 291729731485 Componenti totali

Dettagli

REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE Art. 1 PREMESSA... 1 Art. 2 TIPOLOGIE DI ATTIVITÀ DA COMPRENDERE NEI VIAGGI DI ISTRUZIONE... 2 Art. 3 FINALITÀ PER OGNI TIPOLOGIA... 2 Art. 4 PROPONENTI PER OGNI TIPOLOGIA

Dettagli

La direzione dell'agenzia Formativa compete al Dirigente Scolastico. In termini di responsabilità a tale figura compete:

La direzione dell'agenzia Formativa compete al Dirigente Scolastico. In termini di responsabilità a tale figura compete: DIREZIONE GENERALE (Prof.ssa G RAZIA C ECCHERINI, D.S.) La direzione dell'agenzia Formativa compete al Dirigente Scolastico. In termini di responsabilità a tale figura compete: La definizione delle politiche

Dettagli

European Energy Efficiency Fund - FAQ

European Energy Efficiency Fund - FAQ European Energy Efficiency Fund - FAQ Informazioni generali Che cos'è il Fondo Europeo per l'efficienza Energetica (EEEF o Fondo)? L obiettivo del Fondo EEEF è quello di fornire un finanziamento basato

Dettagli

Premessa: Descrizione del progetto:

Premessa: Descrizione del progetto: I MEDIATORI DELLA CULTURA PROGETTO DI UNA BANCA DEL TEMPO PER LA FORMAZIONE DI GIOVANI MEDIATORI CHE SI IMPEGNINO PER INCREMENTARE E DIVERSIFICARE LA FRUIZIONE DELL OFFERTA CULTURALE TORINESE, FINALIZZATA

Dettagli

"ALVARO - GEBBIONE" Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003

ALVARO - GEBBIONE Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003 ISTITUTO COMPRENSIVO " - GEBBIONE" Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003 PIANO INTEGRATO PON 2013/14 PROT. N. AOODGAI8439 DEL 02/08/2014 Prot. 2252/18.08.2014 Al personale

Dettagli

Smart School Mobility

Smart School Mobility Direzione Centrale Cultura e Educazione ITER, Istituzione Torinese per una Educazione Responsabile Laboratorio Città Sostenibile ITER MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Provincia di Torino

Dettagli

ECO ENERGY IN COMMON. Il portale di interazione del GSI

ECO ENERGY IN COMMON. Il portale di interazione del GSI ECO ENERGY IN COMMON Il portale di interazione del GSI 1 ECO- Energy in COmmon Eco-Energy in COmmon" èilnuovoportalewebdicondivisione ed informazione realizzato per i giovani studenti delle scuole secondarie

Dettagli

GReening business through the Enterprise Europe Network

GReening business through the Enterprise Europe Network GReening business through the Enterprise Europe Network Energy Management System UNI 14064 Audit Energetici Romano Selva, SOGESCA srl European Commission Enterprise and Industry UNI CEI EN 16001:2009 I

Dettagli

- In data 12 maggio 2015, il Ministero per la Sviluppo Economico - Direzione generale per il

- In data 12 maggio 2015, il Ministero per la Sviluppo Economico - Direzione generale per il REGIONE PIEMONTE BU45 12/11/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 26 ottobre 2015, n. 15-2314 Programma regionale di cofinanziamento a favore dell'efficienza energetica nei cicli e delle strutture

Dettagli

DIRETTIVA APPALTI 24/2014/UE

DIRETTIVA APPALTI 24/2014/UE DIRETTIVA APPALTI 24/2014/UE L ANALISI DELLE REGIONI Roma 9 giugno 2015 A cura di Ivana Malvaso Coordinatore Gruppo di lavoro Direttive appalti ITACA 1 Le nuove direttive Nel 2014 il legislatore comunitario

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VOLVERA scuola dell infanzia, primaria e secondaria di 1 grado Via Garibaldi, 1 10040 VOLVERA (TO) Tel. 011.985.30.

ISTITUTO COMPRENSIVO VOLVERA scuola dell infanzia, primaria e secondaria di 1 grado Via Garibaldi, 1 10040 VOLVERA (TO) Tel. 011.985.30. ISTITUTO COMPRENSIVO VOLVERA scuola dell infanzia, primaria e secondaria di 1 grado Via Garibaldi, 1 10040 VOLVERA (TO) Tel. 011.985.30.93 Fax 011.985.35.50 Presidenza 011.985.07.37 Cod. fis 94544320016

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE. Con il Patrocinio:

CORSO DI FORMAZIONE. Con il Patrocinio: Con il Patrocinio: CORSO DI FORMAZIONE MAGGIO 2015 - Presso la sede di ESEA AUTOMATION in Via M. Carboni,15 66100 Chieti Scalo GIUGNO 2015 - Presso la sede del GRUPPO DI COSIMO in Via Lungofiume Saline

Dettagli

I RISULTATI DELLA RETE PROVINCIALE PER LA PROMOZIONE DEGLI ACQUISTI PUBBLICI ECOLOGICI

I RISULTATI DELLA RETE PROVINCIALE PER LA PROMOZIONE DEGLI ACQUISTI PUBBLICI ECOLOGICI I RISULTATI DELLA RETE PROVINCIALE PER LA PROMOZIONE DEGLI ACQUISTI PUBBLICI ECOLOGICI Valeria Veglia - Provincia di Torino Produrre e consumare sostenibile L Ecolabel europeo e gli Appalti Verdi in Piemonte

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA' anni 2013 2014 2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA' anni 2013 2014 2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA' anni 2013 2014 2015 Il presente Piano si articola nelle seguenti sezioni: 1. Premessa; 2. Supporto normativo; 3. Sezione programmatica: attività di

Dettagli

Modelli di business a supporto dell adozione di tecnologie di efficienza energetica

Modelli di business a supporto dell adozione di tecnologie di efficienza energetica Modelli di business a supporto dell adozione di tecnologie di efficienza energetica Settimana della Bioarchitettura e della Domotica Modena, 14 novembre 2012 Paola Laiolo Intesa Sanpaolo Eurodesk Sprl

Dettagli

SOMMARIO ELENA. Per questo la BEI ha messo a disposizione 600-700 bilioni di euro dal 2005 al 2020 in FER con più interesse per gli interventi di EE

SOMMARIO ELENA. Per questo la BEI ha messo a disposizione 600-700 bilioni di euro dal 2005 al 2020 in FER con più interesse per gli interventi di EE SOMMARIO ELENA Le aree urbane consumano il 70% dell' energia primaria in UE. Il modo migliore per sviluppare gli obiettivi previsti dai Cambiamenti Climatici e sviluppare le potenzialità delle FER(Fonti

Dettagli

Efficienza operativa nel settore pubblico. 10 suggerimenti per ridurre i costi

Efficienza operativa nel settore pubblico. 10 suggerimenti per ridurre i costi Efficienza operativa nel settore pubblico 10 suggerimenti per ridurre i costi 2 di 8 Presentazione La necessità impellente di ridurre i costi e la crescente pressione esercitata dalle normative di conformità,

Dettagli

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) VISTO il DPR 8 marzo 1999, n. 275 art. 3, c.3: Il Piano dell'offerta formativa è elaborato

Dettagli

La Coppa per il clima delle Imprese Europee (European Enterprises Climate Cup - EECC)

La Coppa per il clima delle Imprese Europee (European Enterprises Climate Cup - EECC) La Coppa per il clima delle Imprese Europee (European Enterprises Climate Cup - EECC) La competizione Europea per il risparmio energetico nelle piccole e medie imprese SPES Consulting Srl Galleria Mazzini,

Dettagli

L efficienza energetica in edilizia

L efficienza energetica in edilizia L efficienza energetica in edilizia Ing. Nicola Massaro - ANCE L Aquila, 13 maggio 2015 www.edifici2020.it Con il patrocinio di Negli ultimi anni si è evoluta la consapevolezza che la sostenibilità, nel

Dettagli

Incentivi fiscali ed efficienza energetica: dalle politiche comunitarie alla regolazione regionale. di Gabriella De Maio

Incentivi fiscali ed efficienza energetica: dalle politiche comunitarie alla regolazione regionale. di Gabriella De Maio Incentivi fiscali ed efficienza energetica: dalle politiche comunitarie alla regolazione regionale di Gabriella De Maio La strategia energetica europea L UE considera l energia come un fattore essenziale

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE BRASCHI -QUARENGHI VIA DI VILLA SCARPELLINI snc - 00028 SUBIACO (RM)

Dettagli

OF EXPERIENCE. CHECK UP YOUR PLant INDUSTRIAL APPLICATION MORONI & PARTNERS

OF EXPERIENCE. CHECK UP YOUR PLant INDUSTRIAL APPLICATION MORONI & PARTNERS MORE THAN TWO GIGAWATTS OF EXPERIENCE CHECK UP YOUR PLant INDUSTRIAL APPLICATION MORONI & PARTNERS Il pacchetto Check Up Your Plant comprende una serie di servizi che consentono di analizzare, monitorare

Dettagli

L idea. Sostenibilità. Sostenibilità economica. ambientale. Sostenibilità. sociale

L idea. Sostenibilità. Sostenibilità economica. ambientale. Sostenibilità. sociale COMPANY PROFILE 2013 L idea Green to Green srl è una società di servizi energetici nata nel 2013 dalla volontà di 3 professionisti del settore che hanno voluto trasferire le competenze maturate in una

Dettagli

LA SALUTE IN MOVIMENTO

LA SALUTE IN MOVIMENTO PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2004-2005 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2004-2005 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 500-20.12.04 BURP 51 23.12.04) LA SALUTE IN MOVIMENTO

Dettagli

Progetto CCM 2006-2012 Guadagnare Salute in Adolescenza- L educazione tra pari per la prevenzione delle Infezioni Sessualmente Trasmesse (I.S.T.).

Progetto CCM 2006-2012 Guadagnare Salute in Adolescenza- L educazione tra pari per la prevenzione delle Infezioni Sessualmente Trasmesse (I.S.T.). 1 Progetto CCM 2006-2012 Guadagnare Salute in Adolescenza- L educazione tra pari per la prevenzione delle Infezioni Sessualmente Trasmesse (I.S.T.). DISTRETTO 40 CORLEONE U.O. Educazione alla salute DISTRETTO

Dettagli

Il Working Partnership

Il Working Partnership Il Working Partnership Il Working Partnership è uno strumento/risorsa per tutti coloro che sono interessati allo sviluppo e al miglioramento del lavoro di partnership. Lo strumento deriva da un precedente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIOI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIOI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIOI Autonomia n 156- Codice SA5Y1-cod. min. SAIC8AQ00L SCUOLA INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO Via L. Salati,18-84056 GIOI (SA)- tel. - fax 0974-991194 e-mail SAIC8AQ00L@ISTRUZIONE.IT-c.f.84003600651

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Efficienza Energetica: problematiche, possibilità,, sviluppi Marcello Capra Dipartimento per l Energia FAST, Fiera di Milano 26 maggio 2009 Il quadro di riferimento nazionale

Dettagli

FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE: COMPETENZE PER LO SVILUPPO - FONDO SOCIALE EUROPEO, 2007 IT 05 1 PO 007

FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE: COMPETENZE PER LO SVILUPPO - FONDO SOCIALE EUROPEO, 2007 IT 05 1 PO 007 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE - MARIO RUTELLI Piazzale Giangiacomo Ciaccio Montalto, n. 3 90131 PALERMO 0916684134 - FAX 0916683176 C.F. 97044790828 Cod.mec. pais026006 / e-mail pais026006@istruzione.it/

Dettagli

LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO

LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO Ing. Roberto Gerbo Energy Manager - CSR Italia Italia 5900 5900 filiali filiali 80000 80000 addetti addetti 11,3 11,3 mil milclienti Estero Estero

Dettagli

Economia dell ambiente

Economia dell ambiente Economia dell ambiente Impresa e ambiente Elisa Montresor 2008-2009 1 Ambito aziendale L integrazione dell ambiente con gli obiettivi dell impresa Strategie d acquisto e produzione Bilancio ambientale

Dettagli

Agenda Locale COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE

Agenda Locale COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE Agenda Locale 21 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE INDICE PREMESSA 3 ENERGIA 4 IL PIANO D AZIONE: L ENERGIA 5 1. COMUNICAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE...

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GANDHI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GANDHI PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA' anni 2014 2015 2016 Il presente Piano si articola nelle seguenti sezioni: 1. Premessa; 2. Supporto normativo; 3. Sezione programmatica: attivita di

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA NELLE MACCHINE UTENSILI - STATO DELL ARTE E PROSSIMI SVILUPPI. Enrico Annacondia Direzione Tecnica UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE

EFFICIENZA ENERGETICA NELLE MACCHINE UTENSILI - STATO DELL ARTE E PROSSIMI SVILUPPI. Enrico Annacondia Direzione Tecnica UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE EFFICIENZA ENERGETICA NELLE MACCHINE UTENSILI - STATO DELL ARTE E PROSSIMI SVILUPPI Enrico Annacondia Direzione Tecnica UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE Razionale della presentazione Gestione energetica: generalità

Dettagli

Risparmio ed efficienza per l Università

Risparmio ed efficienza per l Università Risparmio ed efficienza per l Università Arturo Lorenzoni Università degli Studi di Padova Università degli Studi di Torino 4 giugno 2014 DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE L intervento in sintesi

Dettagli

Progetto Go Park Life 12 INF/IT/000571. Azione D2 rivolta ai docenti Prima giornata in presenza

Progetto Go Park Life 12 INF/IT/000571. Azione D2 rivolta ai docenti Prima giornata in presenza Azione D2 rivolta ai docenti Prima giornata in presenza Metafora srl 1 Il Progetto Life Go Park Metafora srl 2 Uno degli 11 progetti LIFE approvati nello strand Information and Communication 2012 Attivato

Dettagli

Allegato Tecnico. Comune di Pontecagnano. Università degli Studi di Salerno. Dipartimento di Informatica. alla convenzione di ricerca tra il.

Allegato Tecnico. Comune di Pontecagnano. Università degli Studi di Salerno. Dipartimento di Informatica. alla convenzione di ricerca tra il. Pagina 1 di 11 Allegato Tecnico alla convenzione di ricerca tra il Comune di ed il Salerno, 27 maggio 2015 G. Cattaneo Pagina 2 di 11 SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 2 RUOLO DEGLI ENTI... 4 2.1 COMUNE DI PONTECAGNANO...

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ECO-INNOVAZIONE E COMPETITIVITÀ AMBIENTALE... 3 L APPROCCIO PRO-ATTIVO DELL

Dettagli

Task n. 5. Progetto formativo e presentazione piattaforma elearning T 5.1

Task n. 5. Progetto formativo e presentazione piattaforma elearning T 5.1 Task n. 5 Progetto formativo e presentazione piattaforma elearning T 5.1 Vers. N. 02 del 07/11/05 Progetto Life Ambiente ETICA PREMESSA...3 1. LA PIATTAFORMA ELEARNING MOODLE...3 2. STRUTTURA DEL PIANO

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA PER L'ATTUAZIONE DEI PROGETTI PERCORSI SICURI CASA-SCUOLA E PEDIBUS PREMESSO CHE:

PROTOCOLLO D'INTESA PER L'ATTUAZIONE DEI PROGETTI PERCORSI SICURI CASA-SCUOLA E PEDIBUS PREMESSO CHE: Allegato A PROTOCOLLO D'INTESA PER L'ATTUAZIONE DEI PROGETTI PERCORSI SICURI CASA-SCUOLA E PEDIBUS PREMESSO CHE: - l Amministrazione Comunale di Carbonera da alcuni mesi sta collaborando con l'istituto

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE RISORSE

PROCEDURA GESTIONE RISORSE Questo Documento è emesso con distribuzione riservata e non può essere riprodotto senza il benestare del Liceo Artistico Statale Paolo Candiani. Revisione Data Capitolo/Paragrafo Modifiche modificato 01

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. ALBERTO MANZI

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. ALBERTO MANZI Modello per la proposta di progetti d Istituto Titolo progetto Anno scolastico di realizzazione Scuola: sede o plesso Responsabile del progetto: solo un nominativo Destinatari: classi o gruppi (non meno

Dettagli

Il ruolo delle ESCO nella politica energetica degli enti locali

Il ruolo delle ESCO nella politica energetica degli enti locali Il ruolo delle ESCO nella politica energetica degli enti locali Energy Service Companies e sviluppo territoriale Ferruccio Locatelli Molte domande, una sola risposta: Energy Service Company Cos è una Energy

Dettagli

Sviluppo del percorso

Sviluppo del percorso Ministero Pubblica Istruzione Titolo sintetico del progetto: I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca SCHEDA DI PROGETTO Regione PIEMONTE NUOVE TECNOLOGIE:

Dettagli

La Scuola che promuove salute Buone pratiche in Piemonte: un percorso di ricerca-azione

La Scuola che promuove salute Buone pratiche in Piemonte: un percorso di ricerca-azione Regione Piemonte Assessorato alla Tutela della Salute Assessorato all Istruzione 1 MEETING RETE REGIONALE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE Milano 14 maggio 2014 Ministero dell'istruzione dell'università e

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELL'ISTITUTO COMPRENSIVO N 9 DI BOLOGNA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELL'ISTITUTO COMPRENSIVO N 9 DI BOLOGNA Istituto Comprensivo N 9 VIA LONGO Via Luigi Longo n. 4 40139 BOLOGNA Tel. 051/460205 Fax 051/460007 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELL'ISTITUTO COMPRENSIVO N 9 DI BOLOGNA Il Programma

Dettagli