PAES - IPOTESI AZIONI DI INTERVENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PAES - IPOTESI AZIONI DI INTERVENTO"

Transcript

1 PAES - IPOTESI AZIONI DI INTERVENTO Comune di SOLZA Ottobre 2011

2 IPOTESI AZIONI N AZIONE DESCRIZIONE INDICATORE 1 SITO WEB, NEWSLETTER 2 VOLANTINI, BROCHURES,.. 3 MOSTRE 4 SEMINARI TECNICI 5 ATTIVITA' EDUCATIVE NELLE SCUOLE Vantaggio rispetto agli altri mezzi di comunicazione: - notevole facilità di penetrazione e la possibilità di aggiornamenti in tempo reale - opportunità di gestione di una gran varietà di dati in forme diverse (immagini, video, grafici, ecc...). - archivio informatico condiviso dai membri della Struttura di Supporto e dagli amministratori - Invio di eventuali notizie a chi ne facesse richiesta mediante un servizio di newsletter. Per pubblicizzare eventi o per comunicare alla cittadinanza particolari argomenti è possibile ricorrere al classico volantinaggio. La distribuzione è capillare ma il dispendio di mezzi e materie prime è certamente superiore a quello del sito web. A seconda delle modalità attraverso le quali vengono realizzate, possono formare o informare. Possono avere differenti temi ed essere realizzate principalmente per una categoria di utenti oppure per l intera popolazione, che esse siano itineranti, in una precisa sede o a livello sovracomunale. Destinati ad un pubblico specializzato hanno come contenuti principali temi che possono: - arricchire il patrimonio culturale dei partecipanti - reinvestire queste conoscenze nella comunità attraverso la propria attività professionale. Questi, a secondo del tema di discussione e di informazione, possono avvenire sia a livello comunale che sovracomunale. Avvicinare gli studenti a tematiche che li vedranno attivi protagonisti nel prossimo futuro consentirà loro di partire avvantaggiati nel mondo che verrà. I temi che verranno affrontati consentiranno di formare una coscienza verde priva di pregiudizi e con solide basi. SETTORE INFORMAZIONE/FORMAZIONE RISPARMIO ENERGETICO ANNUO kwh EMISSIONI RISPARMIATE ANNUE kg CO2 PAY BACK (ANNI) COSTO AZIONE RISPARMIO ANNUO n accessi sito non quantificabile non quantificabile n copie pubblicate non quantificabile non quantificabile n visite non quantificabile non quantificabile n partecipanti non quantificabile non quantificabile n scolari e personale docente non quantificabile non quantificabile ARTICOLI DI GIORNALE 7 ASSEMBLEE Molta gente acquista e legge quotidiani locali. Approfittare della diffusione di questo mezzo di comunicazione di massa significa garantire una importante penetrazione nel territorio, dando la possibilità ad un ampia parte della cittadinanza di conoscere quanto le comunità del territorio stanno portando avanti mediante il Patto dei Sindaci. Le assemblee, a cadenza periodica, sono rivolte alla cittadinanza nella sua totalità e consentono di fare il punto della situazione sugli sviluppi del SEAP. n copie pubblicate non quantificabile non quantificabile n partecipanti non quantificabile non quantificabile SOLZA 1/8

3 IPOTESI AZIONI 8 MONITORAGGIO PUBBLICITARIO La pubblicità è l anima del commercio o, per meglio dire, può diventare l anima di un circolo virtuoso di cui sarà l ambiente a trarre vantaggio. Pubblicizzare mediante display o qualsiasi altro mezzo i vantaggi reali che l introduzione di un azione può dare (ad es. risparmio di CO2 e di energia n display installati mediante la posa di pannelli fotovoltaici, come già succede in diverse loro non quantificabile non quantificabile applicazioni), può mostrare anche agli altri Comuni e ai privati che vantaggi analoghi possono essere realizzati anche da loro se ne seguiranno l esempio. 9 PUBBLICAZIONI TECNICHE Destinate ad un utenza specializzata e trattano uno specifico argomento in maniera completa. Non è quindi a portata di chiunque, ma solamente di un pubblico specializzato. Visto l enorme impiego di maestranze qualificate, può essere conveniente anche la partnership con realtà simili o con imprese private. n copie pubblicate non quantificabile non quantificabile GEMELLAGGI ENERGETICI 11 STRUTTURE DI SUPPORTO E DI DIVULGAZIONE Diversi Comuni del territorio del Basso Sebino sono già gemellati con altri paesi d Italia e d Europa. Il problema dei consumi energetici e delle emissioni in atmosfera e le diverse modalità con cui lo stesso viene affrontato dalle diverse Amministrazioni può diventare il tema di un incontro; può risultare significativo anche il confronto fra l intera comunità del territorio del Basso Sebino ed una realtà territorialmente simile incentrato sul tema dell energia. Per essere convinti dell utilità di un progetto, è necessario parlare a quattr occhi con esperti, pur in modo informale, e toccare con mano tecnologie, sistemi e tutto quanto attiene all argomento oggetto del SEAP. La presenza di uno o più punti di supporto e di divulgazione delle tematiche del risparmio energetico e della riduzione delle emissioni all interno del territorio del Basso Sebino può consentire di raggiungere questo obiettivo. n scambi culturali effettuati non quantificabile non quantificabile n partecipanti non quantificabile non quantificabile SOLZA 2/8

4 IPOTESI AZIONI N AZIONE DESCRIZIONE INDICATORE 1 IMPIANTO FOTOVOLTAICO RIQUALIFICAZIONE ILLUMINAZIONE PUBBLICA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA INVOLUCRI E RIQUALIFICAZIONE IMPIANTI TERMICI NEGLI EDIFICI PUBBLICI RIQUALIFICAZIONE LAMPADE VOTIVE EROGATORI PUBBLICI DI ACQUA POTABILE Da tempo si cerca di abbattere i costi di energia elettrica per gli edifici di proprietà pubblica. Soluzione a questo problema è l'installazione di impianti fotovoltaici sulle coperture degli edifici pubblici che possono ospitare questi pannelli Manutenzione ordinaria e straordinaria ed interventi di ammodernamento e riqualificazione finalizzati al risparmio energetico/ e alla riduzione dei costi di gestione anche attraverso sistemi di telecontrollo e telegestione degli impianti. Il Comune di Solza ha già provveduto all ammodernamento e riqualificazione dell impianto di illuminazione pubblica e semaforica sostituendo tutte le lampade esistenti con lampade a LED. Minimizzare le dispersioni termiche invernali degli edifici ad uso pubblico. la riduzione dei consumi è il primo passo verso l ottimizzazione energetica. Edifici già esistenti possono essere recuperati termicamente con la realizzazione di cappotti e con la sostituzione di serramenti migliori. Manutenzione ordinaria e straordinaria ed interventi di ammodernamento e riqualificazione finalizzati al risparmio energetico/ e alla riduzione dei consumi. Le Case dell acqua rappresentano un piccolo ma concreto esempio di sostenibilità, grazie al quale le abitudini di migliaia di persone cambiano, viene fornita acqua di qualità, si risparmia e si dà una mano all ambiente, diminuendo la produzione e la circolazione di plastica e, quindi, le emissioni di CO2 in atmosfera. SETTORE PUBBLICO RISPARMIO ENERGETICO ANNUO kwh EMISSIONI RISPARMIATE ANNUE kg CO2 PAY BACK (ANNI) COSTO AZIONE RISPARMIO ANNUO kw picco kwh kg CO2 11 anni n. apparecchi sostituiti kwh/mq anno edifici terziario kwh kg CO2 0 anni kwh kg CO2 27 anni lampade sostituite 3553 kwh 1421 kg CO2 2 anni n. erogatori kg CO2 0 anni SOLZA 3/8

5 IPOTESI AZIONI N AZIONE DESCRIZIONE INDICATORE 1 ADOZIONE DEL PIANO ENERGETICO COMUNALE Promuovere il miglioramento dell efficienza energetica degli edifici tenendo conto delle condizioni locali climatiche esterne, del comfort abitativo e dei costi diretti ed indiretti della produzione edilizia SETTORE RESIDENZIALE kwh/mq anno edifici residenziale RISPARMIO ENERGETICO ANNUO kwh EMISSIONI RISPARMIATE ANNUE kg CO2 PAY BACK (ANNI) COSTO AZIONE RISPARMIO ANNUO kwh kg CO2 0 anni EFFICIENZA DELL'ILLUMINAZIONE 3 RIDUZIONE DEI CONSUMI IDRICI Promozione dell uso delle lampade fluorescenti compatte (FCL), attraverso la distribuzione di lampadine gratuite alle famiglie, per incentivare la sostituzione di quelle ad incandescenza e ridurre i consumi di energia elettrica. Distribuzione di kit gratuiti alle famiglie di erogatori a Basso Flusso - EBF (detti anche riduttori di flusso o aeratori) per ridurre i consumi di energia termica per la produzione di acqua calda sanitaria e di energia elettrica per i pompaggi dell acqua potabile nel sistema idrico della città. kwhe kwh kg CO2 0 anni mc acqua 413 kwh 83 kg CO2 0 anni SMART GRID Rete comune in grado di fare interagire produttori e consumatori, di determinare in anticipo le richieste di consumo e di adattare con flessibilità la produzione e il consumo di energia elettrica. Una rete che si compone di tante piccole reti tra loro collegate in grado di comunicare scambiando informazioni sui flussi di energia, gestendo con migliore efficienza i picchi di richiesta, evitando interruzioni di elettricità e riducendo il carico ove necessario. kwhe kwh kg CO2 0 anni INSTALLAZIONE VOLONTARIA DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SU EDIFICI RESIDENZIALI Da tempo si cerca di abbattere i costi di energia elettrica per gli edifici di proprietà privata a destinazione residenziale. Soluzione a questo problema è l'installazione di impianti fotovoltaici sulle coperture degli edifici privati residenziali che possono ospitare questi pannelli kwhe kwh kg CO2 0 anni 0 0 SOLZA 4/8

6 IPOTESI AZIONI N AZIONE DESCRIZIONE INDICATORE 1 ADOZIONE DEL PIANO ENERGETICO COMUNALE 2 EFFICIENZA DELL'ILLUMINAZIONE 3 RIDUZIONE DEI CONSUMI IDRICI 4 SMART GRID Promuovere il miglioramento dell efficienza energetica degli edifici terziari tenendo conto delle condizioni locali climatiche esterne, del comfort abitativo e dei costi diretti ed indiretti della produzione edilizia Promozione dell uso delle lampade fluorescenti compatte (FCL), per incentivare la sostituzione di quelle ad incandescenza e ridurre i consumi di energia elettrica. Promozione dell'uso di erogatori a Basso Flusso - EBF (detti anche riduttori di flusso o aeratori) per ridurre i consumi di energia termica per la produzione di acqua calda sanitaria e di energia elettrica per i pompaggi dell acqua potabile nel sistema idrico della città. Rete comune in grado di fare interagire produttori e consumatori, di determinare in anticipo le richieste di consumo e di adattare con flessibilità la produzione e il consumo di energia elettrica. Una rete che si compone di tante piccole reti tra loro collegate in grado di comunicare scambiando informazioni sui flussi di energia, gestendo con migliore efficienza i picchi di richiesta, evitando interruzioni di elettricità e riducendo il carico ove necessario. SETTORE TERZIARIO kwh/mc anno edifici terziario RISPARMIO ENERGETICO ANNUO kwh EMISSIONI RISPARMIATE ANNUE kg CO kwh kg CO2 PAY BACK (ANNI) VEDI AZIONE 1 RESIDENZIALE COSTO AZIONE RISPARMIO ANNUO 0 0 kwhe kwh 9449 kg CO2 0 anni 0 0 mc acqua 9% dei consumi energetici per la produzione di acqua calda sanitaria e il 30% di acqua potabile del settore residenziale 9% dei consumi energetici per la produzione di acqua calda sanitaria e il 30% di acqua potabile del settore residenziale VEDI AZIONE 3 RESIDENZIALE 0 0 kwhe kwh kg CO2 0 anni GREEN LIGHT Programma della Commissione Europea che promuove di installare nei propri edifici tecnologie d illuminazione efficienti da un punto di vista energetico ogniqualvolta siano economicamente convenienti, mantenendo o migliorando la qualità dell illuminazione. La Commissione supporta i Partecipanti con azioni informative e di pubblico riconoscimento (informazioni in internet, targhe sull edificio, azioni promozionali, utilizzo esclusivo del logo, concorsi/premi, ecc.). kwhe kwh kg CO2 0 anni 0 0 SOLZA 5/8

7 IPOTESI AZIONI N AZIONE DESCRIZIONE INDICATORE 1 PISTA CICLOPEDONALE 2 ZONE 30, ZTL, 3 MIGLIORAMENTO EFFICIENZA AUTOVETTURE SETTORE TRASPORTI URBANI RISPARMIO ENERGETICO ANNUO kwh EMISSIONI RISPARMIATE ANNUE kg CO2 PAY BACK (ANNI) COSTO AZIONE Molte persone rinunciano all utilizzo della bicicletta per i pericoli dati dalla condivisione della sede stradale con automezzi di ogni genere e tipo, a cui spesso si aggiunge lo spiacevole inconveniente dello smog. Gli spostamenti casa-lavoro o casa-stazione spesso avvengono lungo strade extraurbane; la realizzazione ed il completamento di percorsi riservati ai soli pedoni e ciclisti che consenta rapidi spostamenti fra i centri e in direzione dei principali punti di interesse (stazioni ferroviarie, stazioni di interscambio,...) può incentivare l utilizzo dei mezzi a trazione umana anziché gli automezzi. km di piste ciclabili - 0 kg CO2-0 0 La realizzazione delle cosiddette Zone 30 o delle Zone a Traffico Limitato in aree dall importanza riconosciuta all interno dei vari paesi, nasce con l obiettivo di ridurre la magnitudo o la frequenza della presenza km di strade kwh kg CO2-0 0 degli autoveicoli in modo da rendere queste zone nuovamente aperte al traffico ciclo-pedonale. È un azione che comporta miglioramenti significativi delle prestazioni delle autovetture a prezzi moderati. Consiste nella conversione dei mezzi privati da benzina o diesel, soprattutto se di una certa età, a GPL o metano oppure in campagne che, direttamente o indirettamente, incentivino i proprietari di autovetture alla sostituzione del proprio mezzo con uno maggiormente eco-friendly. Anche le campagne diagnostiche possono, nel loro piccolo, contribuire al raggiungimento degli obiettivi. lt benzina risparmiati kwh kg CO2-0 0 RISPARMIO ANNUO 4 NOMINA DI MOBILITY MANAGER Il Mobility Management, uno strumento per governare la domanda di trasporto riducendo gli sprechi ad esso correlati, introdotto dalla normativa nazionale negli ultimi anni, è dato dalla presenza delle figure del Mobility Manager (Mobility Manager d Azienda e Mobility Manager d Area). Quest ultimo ha il compito di migliorare la mobilità urbana coordinando gli interventi in corso (ad esempio quelli indicati in queste ultime pagine) e promuovendo la realizzazione e lo sviluppo di nuovi progetti, fungendo in quest azione come elemento di mediazione fra la domanda e l offerta di mobilità comunale. Lo strumento potrebbe essere anche a livello sovracomunale nel caso in cui ci fossero interessi comuni tra i paesi confinanti. Km percorsi e lt benzina consumati non quantificabile non quantificabile SOLZA 6/8

8 IPOTESI AZIONI 5 PIEDIBUS I percorsi pedonali sicuri casa-scuola, promuovono la creazione di collegamenti che consentano gli spostamenti dei bambini da casa a scuola lungo percorsi protetti, incentivando la pedonalità e la ciclabilità con una conseguente riduzione dell inquinamento atmosferico. Essi inoltre rendono più usufruibile lo spazio urbano per consentire ai Km percorsi e n. bambini una maggiore autonomia e una migliore vivibilità della città. Le bambini amministrazioni, implementando il Piedibus creano un progetto di percorsi sicuri ed un servizio di supporto di volontari per accompagnare i bambini a scuola a piedi kwh 8281 kg CO2-0 0 SOLZA 7/8

9 IPOTESI AZIONI DI INTERVENTO - SETTORE PUBBLICO n. Edificio comunale Consumi elettrici [kwh] Consumi metano [kwh] INVOLUCRO Rilievi - Serramenti in legno, doppio vetro, scarsa trasmittanza termica - Tetto inclinato in c.a. non isolato - Pareti verticali non isolate - Cappotto esterno - Isolamento tetto Possibili interventi Nota bene Scala priorità 1 Municipio , ,00 IMPIANTO - Radiatori: valvole termostatiche piano primo, no al piano terra - Caldaia Baltur 56 kw datata - Fotovoltaico da 9 kwp installato nel Sostituzione caldaia con generatore a condensazione - Pompe elettroniche - Valvole termostatiche a piano terra 2 Centro Sportivo , ,00 INVOLUCRO - Prefabbricato in c.a. anni 90 - Tetto piano per la parte spogliatoi, tetto a falde per la parte bar (non gestita dal comune, ma da gestore esterno) - Serramenti in ferro - vetro singolo IMPIANTO - Riscaldamento con radiatori elettrici - Bollitore a gas 1000 lt - Fotovoltaico da 3 kwp istallato nel Sostituzione serramenti Integrazione della produzione di acqua calda sanitaria con impianto solare termico. INVOLUCRO - Edificio di recentissima costruzione isolato e con ca a vista Nessun intervento dato che l'edificio è di nuova costrzione e rispetta i parametri; non sono presenti i dati di consumo al 2005 dato che è stato completato ca due anni fa 3 Area feste , ,00 IMPIANTO - Pannelli solari termici - Caldaie a cndensazione Buderus con centralina e bollitore intergrato per accumulo solare termico Nessun intervento dato che l'edificio è di nuova costrzione e rispetta i parametri; non sono presenti i dati di consumo al 2005 dato che è stato completato ca due anni fa 4 Castello (biblioteca, sala consiliare, sala espositiva, associazioni) , ,00 INVOLUCRO IMPIANTO - Edificio storico riqualificato con i vincoli della Sovraintendenza nel Isolamento su tetto, non presente su, vetri in legno, doppi - Caldaia a condensazione Buderus centralizzata e moduli satellite per zona - pannelli radianti a pavimento - radiatori nei bagni Nessun intervento. Nessun intervento. INVOLUCRO - Tetto coibentato prima del Serramenti sostituiti (doppi vetri) - Muratura esterna non isolata Cappotto esterno 6 Scuola elementare ,00 IMPIANTO - Centrale termica in comune con Centro Texendi composta da caldaia Biklim TS vecchia + una caldaia di minore potenzialità (non presente targhetta) - Boiler elettrici interni - Impianto fv (dati forniti già a voi) - C'è già in previsione la sostituzione della caldaia, ma tendenzialmente attendono a fare interventi perché aspettano conferma che la scuola rimanga presente nel comune. 5 Centro Texendi -ludodeca -Appartamenti , ,00 INVOLUCRO - Edificato in due periodi storici : 1 - inizi 1900; Muratura senza isolamento - Tetto in laterocemento H12non isolato - Serramenti in alluminio con vetrocamera Caldaiadi recente installazione Ygnis n.2 da 220 kw, anno 2008 IMPIANTO Centrale termica in comune con scuole elementari composta da caldaia Biklim TS vecchia e una caldaia di minore potenzialità ( non presente targhetta) - Boiler acs interni - Fotovoltaico da 9 kwpistallato nel Isolamento termico parete - Isolamento termico Tetto parte vecchia - C'è già in previsione la sostituzione della caldaia, ma tendenzialmente attendono a fare interventi perché aspettano conferma che la scuola rimanga presente nel comune , ,00 SOLZA 8/8

10 AZIONE 1 _ FOTOVOLTAICO Prima di illustrare le caratteristiche dell impianto, riteniamo utile riportare la normativa e le leggi di riferimento adoperate per lo studio di fattibilità e una breve descrizione degli impianti solari fotovoltaici. Normativa di riferimento norme CEI/IEC per la parte elettrica convenzionale; norme CEI/IEC e/o JRC/ESTI per i moduli fotovoltaici; in particolare, la CEI EN per moduli al silicio cristallino e la CEI EN per moduli a film sottile; conformità al marchio CE per i moduli fotovoltaici e per il convertitore c.c./c.a.; UNI 10349, o Atlante Europeo della Radiazione Solare, per il dimensionamento del campo fotovoltaico; UNI/ISO per le strutture meccaniche di supporto e di ancoraggio dei moduli fotovoltaici. Si richiamano, inoltre, le norme EN e IEC 439 per quanto riguarda i quadri elettrici, le norme CEI e le CEI per il contenuto di armoniche e i disturbi indotti sulla rete dal convertitore c.c./c.a., le norme CEI 110-1, le CEI e le CEI per la compatibilità elettromagnetica (EMC) e la limitazione delle emissioni in RF. Circa la sicurezza e la prevenzione degli infortuni, si ricorda: il DPR 547/55 e il D.Lgs. 626/94 e successive modificazioni e integrazioni, per la sicurezza e la prevenzione degli infortuni sul lavoro; la legge 46/90 e DPR 447/91 (regolamento di attuazione della legge 46/90) e successive modificazioni e integrazioni, per la sicurezza elettrica. Si richiamano inoltre: D. lgs. 19/02/2007: Criteri e modalità per incentivare la produzione di energia elettrica mediante conversione fotovoltaica della fonte solare, in attuazione dell art. 7 del D. lgs 29/12/2003, n. 387 ; D.lgs. 387 del 29 Dicembre 2003: Attuazione della direttiva 2001/77/CE relativa alla promozione dell'energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel mercato interno dell'elettricità" D. lgs.152 del 03/04/2006 Norme in materia ambientale D.lgs. 4/2008 Correzioni al T.U. ambientale. 1

11 Definizioni Campo Fotovoltaico Suddiviso in sezioni elettriche, provvede alla trasformazione dell'energia solare direttamente in energia elettrica in corrente continua. Il generatore fotovoltaico è costituito da più moduli ed è installato su strutture di sostegno. La superficie captante deve avere preferenzialmente un esposizione inclinata in direzione Sud che deve essere ottimizzata per raccogliere la massima quantità di energia nel corso dell anno. Sistema elettrico in continua È il sistema elettrico dedicato alla sezione in corrente continua dell impianto e comprende una serie di quadri elettrici che provvedono all interconnessione elettrica ed alla protezione delle varie sezioni del generatore fotovoltaico. Convertitori statici (inverter) Sono apparecchiature elettroniche che hanno la funzione di trasformare l'energia elettrica prodotta dalle sezioni del generatore fotovoltaico in corrente continua a corrente alternata in modo da potersi interfacciare con la rete elettrica di collegamento per immettervi l energia prodotta. Sistema supervisione di E il sistema che consente il controllo dell impianto sia in funzionamento locale che da posizione remota (uffici), l acquisizione dei dati di funzionamento e la diagnostica di guasto. Consente di monitorare il funzionamento dell impianto on-line, avvisare gli operatori in caso di malfunzionamenti o anomalie. Display Il display consente di dare visibilità all'iniziativa mostrando le grandezze caratteristiche del funzionamento dell'impianto. Il display è in collegamento dati con i convertitori dell'impianto e, in genere, mostra la potenza istantanea prodotta, l'energia cumulata totale e la quantità di CO2 che si è evitato di immettere in atmosfera. 2

12 Progetto Si può senza dubbio affermare che la tecnologia, nel campo delle fonti di energia rinnovabili e alternative, ha compiuto enormi progressi. La tecnologia fotovoltaica, ovvero la conversione dell energia solare (radiazione elettromagnetica) in energia elettrica è in piena fase di lancio per impieghi ordinari. Il presente studio di fattibilità, prevede la realizzazione di impianti fotovoltaici da installare su edifici di proprietà comunale ad uso pubblico. L impianto fotovoltaico, complanare alla copertura dell edificio, con un esposizione preferenzialmente a sud, avrà un inclinazione rispetto all orizzontale pari a quella della falda mentre su tetto piano sarà installato su idonei supporti opportunamente ancorati alla struttura dell edificio. La struttura di sostegno verrà regolarmente collegata all impianto di terra già esistente dell edificio. Risparmio emissioni di CO2 Per produrre un chilowattora elettrico vengono bruciati mediamente l equivalente di 2,56 kwh sotto forma di combustibili fossili e di conseguenza emessi nell aria circa 0,4 kg di anidride carbonica (fattore di emissione del mix elettrico italiano alla distribuzione). Si può quindi dire che ogni kwh prodotto dal sistema fotovoltaico evita l emissione di 0,4 kg di anidride carbonica. Per calcolare la quantità di CO 2 evitata basta quindi moltiplicare il valore dell energia elettrica prodotta dai sistemi per il fattore di emissione del mix elettrico. La stima di emissione evitata nel tempo di vita dell impianto fotovoltaico deriva perciò dal prodotto tra le emissioni annue evitate per i 20 anni di vita minima degli impianti. 3

13 Fotovoltaico su coperture di edifici pubblici Lo studio di fattibilità riguarda la realizzazione di impianti da installare sulle coperture degli edifici di proprietà pubblica del comune. La seguente tabella riporta gli edifici su cui potrebbero essere installati gli impianti e lo studio di fattibilità: Edificio realizzato Potenza [kwp] Produttività unitaria [h] Produttività annua [kwh] costo al kw installato [ /kw] costo investimento chiavi in mano [ ] Centro Texendi SI 9, , ,00 Municipio SI 9, , ,00 Bocciofila e tribune NO 63, , ,00 Scuola elementare NO 8, , ,00 tetto, falda inclinata a sud totale 89, note Nella seguente tabella, le emissioni di CO 2 risparmiate si riferiscono all energia prodotta complessivamente dagli impianti attualmente esistenti e da quelli che si prevede possano essere realizzati; invece, il costo stimato si riferisce esclusivamente agli impianti da realizzare. RISPARMIO TOTALE ,00 kwh EMISSIONI CO2 RISPARMIATE ,00 kg/co2 annui COSTO STIMATO ,00 euro COSTO / CO2 10,48 Payback 10,6 anni 4

14 Fotovoltaico su coperture di edifici residenziali e a terra L adozione di impianti fotovoltaici su edifici di proprietà comunale, ha, tra i suoi principali compiti, quello dare il buon esempio ai cittadini, invogliando gli stessi a fare altrettanto. Di seguito viene riportata la potenza e l energia annualmente prodotta dagli impianti fotovoltaici installati sugli edifici residenziali e a terra. (fonte: GSE) Le emissioni di CO 2 risparmiate si riferiscono all energia prodotta complessivamente dagli impianti attualmente esistenti e da quelli che si prevede possano essere realizzati; invece, il costo stimato si riferisce esclusivamente agli impianti da realizzare Impianti fotovoltaici residenziali ESISTENTI Potenza [kwp] 38,40 Produttività annua [kwh] ,00 Impianti fotovoltaici residenziali PREVISTI Potenza complessiva previsti [kwp] 18,00 Produttività annua [kwh] ,00 Impianti fotovoltaici residenziali TOTALI Potenza complessiva TOTALI [kwp] 56,40 Produttività annua [kwh] ,00 RISPARMIO TOTALE ,00 kwh coefficiente guida provincia BG seap 0,4 EMISSIONI CO2 RISPARMIATE ,000 kg/co 2 annui costo unitario per kwp 4.000,00 euro COSTO STIMATO ,000 euro COSTO / CO2 9,524 euro/kgco 2 5

15 AZIONE 2 _ ILLUMINAZIONE PUBBLICA e RETE SEMAFORICA Lampade a vapori di mercurio L'emissione luminosa delle lampade a vapori di mercurio (es. HQL) è dovuta ai vapori contenuti in un tubo di quarzo che vengono ionizzati dalla corrente di elettroni e ioni che si produce tra due elettrodi. Essa avviene prevalentemente nell'ultravioletto. Per spostare l emissione verso le lunghezze d onda percepibili dall occhio umano l'ampolla esterna della lampada è ricoperta internamente di polvere fluorescente, in genere vanadato di ittrio o alluminato di ittrio, che trasforma le radiazioni ultraviolette in radiazioni ripartite abbastanza uniformemente nello spettro visibile. La vita media utile di queste lampade è bassa, circa ore. Anche la loro efficienza luminosa è piuttosto bassa; ed è compresa tra 45 e 60 lm/w. Lampade a vapori di sodio ad alta pressione (SAP) Le lampade SAP sono l evoluzione delle lampade SBP (sodio a bassa pressione) utilizzate prevalentemente negli incroci stradali. Rispetto a queste ultime, le lampade ai vapori di sodio ad alta pressione consentono una migliore distinzione dei colori, mantenendo alti livelli di efficienza luminosa. Il bulbo esterno ha una forma tubolare o ellissoidale e la luce emessa ha un colore bianco caldo tendente al giallo ( K). La loro vita media utile è di circa ore, quasi doppia rispetto a quelle ai vapori di mercurio riducendo così i costi di sostituzione. Queste lampade inoltre non contengono mercurio; elemento nocivo per l ambiente che deve essere smaltito in appositi centri, riducendo così anche i costi della procedura. La loro efficienza luminosa è compresa tra lm/w. 1

16 Lampade a LED Nell illuminazione esterna, i LED si trovano a confronto con le efficienti lampade al sodio ad alta pressione; in questo caso la differenza dal punto di vista dell efficienza energetica è minore rispetto alle lampade ai vapori di mercurio e attualmente in alcuni casi l impiego dei LED per l illuminazione stradale non è ancora economicamente giustificato. I corpi illuminanti a LED sono infatti più costosi, i vantaggi risiedono tuttavia in una migliore qualità della luce e nelle possibilità di regolazione. Di principio i LED sono una valida alternativa a lampade vecchie e inefficienti (mercurio) e si prestano bene per installazioni a bassa potenza. Nonostante siano sostanzialmente più care rispetto alle lampade al sodio ad alta pressione negli ultimi anni stanno diventando sempre più efficienti e meno care. Vantaggi nell impiego dei LED: 1. Elevata efficienza energetica 2. Lunga durata di vita da a ore 3. Buona regolazione (accensione immediata, flusso luminoso regolabile) 4. Luce bianca con buona resa dei colori (Ra: 80) 5. Luce direzionale con poca dispersione Svantaggi nell impiego dei LED 1. Costi di investimento superiori 2. Prestare attenzione alla possibilità di utilizzare pezzi di ricambio 3. Componenti non standardizzati (dipendenza dal prodotto) 4. Mancanza di esperienze sul lungo termine 5. Sviluppo della tecnologia tuttora in corso 2

17 La seguente tabella riassume i principali parametri relativi alla sostituzione di una lampada SAP con una LED Tipologia Potenza Energia C. e.e. Risparmio e.e. Risparmio CO 2 Risparmio [W] [kwh] [euro/anno] [kwh/anno] [kg/anno] [euro/anno] SAP Attuale Attuale Attuale LED SAP Attuale Attuale Attuale LED SAP Attuale Attuale Attuale LED Questi consumi evidenziano l energia necessaria all alimentazione della lampada non considerando quindi le dispersioni energetiche per dissipazione lungo i cavi e nei quadri elettrici. Riduttori di flusso notturni Per ridurre ulteriormente i consumi energetici è possibile utilizzare dei riduttori di flusso. Le sorgenti luminose idonee allo scopo possono essere LED, ai vapori di sodio, ai vapori di mercurio, alogene e agli ioduri metallici. I riduttori di flusso consentono di ridurre la tensione di alimentazione delle lampade con diversi benefici: - La riduzione della tensione consente di ridurre i consumi energetici (15-20%) delle lampade (riducendo il flusso luminoso secondo una scaletta pre impostata) e le dispersioni nei cavi di distribuzione - Limitazione dell usura delle sorgenti luminose ed allungamento della vita media utile delle lampade (circa +20%) riducendo i costi di manutenzione - Stabilizzazione della tensione 3

18 Lampade semaforiche a basso consumo energetico Attualmente la quasi totalità delle lampade utilizzate nei semafori stradali utilizza lampade a filamento alogene, che emettono una luce di colore bianco. Questa luce deve poi passare attraverso dei filtri per ottenere i tre colori necessari allo scopo (verde, giallo, rosso), perdendo quindi gran parte della luce prodotta. Vi è quindi una significativa quantità di energia che viene dissipata in calore. I LED invece sono caratterizzati da un emissione luminosa di un solo colore (monocromatica) e da un assorbimento ridotto di energia. La luce colorata che viene emessa da questi dispositivi non è filtrata, ma viene emessa dal dispositivo direttamente con quel colore. Altre caratteristiche fondamentali sono: il loro tempo di vita utile che può raggiungere le ore (10 anni) e la peculiarità di non spegnersi immediatamente, ma di perdere progressivamente e lentamente la loro luminosità. La singola lampada semaforica a led consuma dai 10 ai 20 W, rispetto agli 80 e 100 W di quelle classiche. Invece dei 2,5 kwh utilizzati quotidianamente è possibile ridurre il consumo a meno di 0,4 kwh con un risparmio energetico che supera il 70%. La spesa iniziale per l installazione di nuove lampade nei semafori cittadini viene recuperata nel giro di pochi anni, con benefici per la sicurezza e per il bilancio comunale. Come ultima considerazione è opportuno sottolineare che vi sono modelli di lampade LED per semafori che possono essere alimentati anche a bassa tensione (12V-24V) Di seguito si riporta il calcolo esplicativo, riferito alla sostituzione di un semaforo stradale Tipologia Potenza Durata max Energia C. e.e. Risparmio e.e. Risparmio CO 2 Risparmio [W] [anni] [kwh] [euro/anno] [kwh/anno] [kg/anno] [euro/anno] Alogena 100 da 1 a Attuale Attuale Attuale LED

19 Intervento Dall analisi della tabella relativa alla consistenza dell impianto di pubblica illuminazione ricevuta dall ufficio tecnico è emerso il seguente quadro riassuntivo: Totale punti luce 320 Punti luce già con lampade LED 0 Punti luce sostituiti con LED (inizio 2011) 320 Le potenze delle lampade tipicamente utilizzate, possono essere così sostituite: Situazione attuale Hg 250W SAP 150 W Hg 125W SAP 100 W Hg 125W SAP 70W POST intervento LED 100W LED 59 W LED 39 W L adozione e l estensione del numero di lampade e quadri elettrici coperti dal regolatore di flusso notturno comporta come operazione preliminare una verifica ed eventuale messa in sicurezza dei quadri elettrici esistenti. Dai dati ricevuti risulta che tutta la rete di illuminazione pubblica è coperta dal regolatore di flusso notturno. In questo modo il comune può ottenere un sistema di illuminazione più sostenibile ed è in grado di ridurre gli interventi di manutenzione grazie all allungamento della vita media utile delle lampade. Costi Il costo complessivo dell opera ammonta a circa: 0,00 euro. Risp e.e.: kwh/anno Risparmio CO 2 : kg 5

20 Involucro AZIONE 3 _ INVOLUCRO E IMPIANTI DEGLI EDIFICI L incremento delle prestazioni termiche dell involucro degli edifici sta alla base egli interventi di riqualificazione energetica. Infatti questo intervento preliminare consente di ridurre il fabbisogno di energia termica che deve essere fornito dagli impianti. Di seguito un elenco di soluzioni proposte con una breve descrizione Serramenti Nel caso di presenza di vetri singoli, infissi vecchi e senza taglio termico o a scarsa tenuta si è ipotizzata la sostituzione con nuovi basso emissivi con taglio termico e valore di trasmittanza inferiore al limite imposto da Regione Lombardia (zona climatica E: U lim = 2,20 W/m 2 K) Pareti esterne Le pareti che confinano con l esterno possono essere efficacemente isolate con un cappotto in polistirene (sp cm) con spessore in funzione del grado di isolamento delle pareti attuali. Questa soluzione (a differenza dell isolamento interno) risulta molto efficace in quanto consente l eliminazione dei ponti termici dovuti alle strutture. Il nuovo valore di trasmittanza risulta inferiore al limite imposto da Regione Lombardia (zona climatica E: U lim = 0,34 W/m 2 K) Cassonetti I cassonetti per le tapparelle costituiscono un ponte termico non trascurabile a causa della loro superficie ed essenza di isolamento. Inoltre, se non sono a tenuta, consentono l ingresso non controllato di aria fredda dall esterno che aumenta così il fabbisogno di energia dell edificio. Con un adeguato isolamento si raggiungono valori di trasmittanza pari a 1-2 W/m 2 K. Copertura L isolamento della copertura dell edificio, oltre a consentire una riduzione dei consumi energetici per il riscaldamento, permette di migliorare notevolmente il comfort dell ambiente anche nel periodo estivo. Infatti questa, a differenza delle pareti è maggiormente soggetta all assorbimento e all accumulo di calore in questo periodo. Il nuovo valore di trasmittanza risulta inferiore al limite imposto da Regione Lombardia (zona climatica E: U lim = 0,30 W/m 2 K) Basamento Anche la parte inferiore degli edifici è soggetta a dispersioni termiche, in particolare se si tratta di chiusure confinanti con vespai aerati, o interrati e cantinati non riscaldati. Il nuovo valore di trasmittanza risulta inferiore al limite imposto da Regione Lombardia (U lim = 0,33 W/m 2 K) 1

SETTORE INFORMAZIONE/FORMAZIONE

SETTORE INFORMAZIONE/FORMAZIONE N AZIONE DESCRIZIONE INDICATORE 1 SITO WEB, NEWSLETTER 2 VOLANTINI, BROCHURES,.. SETTORE INFORMAZIONE/FORMAZIONE Vantaggio rispetto agli altri mezzi di comunicazione: - notevole facilità di penetrazione

Dettagli

1. PREMESSA 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO

1. PREMESSA 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO 1. PREMESSA Il presente progetto prevede la realizzazione di un impianto fotovoltaico connesso in rete della potenza di 19.68 kwp da installare sulla copertura del CIMITERO Comunale di Misano Gera D Adda.

Dettagli

INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA SU EDIFICI ESISTENTI

INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA SU EDIFICI ESISTENTI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA SU EDIFICI ESISTENTI Premessa Da una recente ricerca risulta che circa 3 su 4 delle abitazioni italiane sono state costruite prima del 1976, anno in cui per la

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILIA CIRCOLO MONTE ADONE

STUDIO DI FATTIBILIA CIRCOLO MONTE ADONE 2009 STUDIO DI FATTIBILIA CIRCOLO MONTE ADONE Arch. Riccardo Giacobazzi CISA Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale 15/09/2009 INDICE Introduzione... pag. 3 Analisi energetica della struttura.....pag.

Dettagli

PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile

PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile RAGGRUPPAMENTO DEI COMUNI DI OSNAGO E LOMAGNA Comune di Osnago PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEI COMUNI PICCOLI E MEDI Fondazione Cariplo area ambiente bando 2011 PAES Piano d Azione per l Energia

Dettagli

caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza

caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza 6 La caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza 47 Consigli generali Lo sapete che In media una famiglia italiana spende ogni anno circa 500 per il riscaldamento, che rappresenta

Dettagli

Tetto isolato e ventilato. Tutti questi interventi possono beneficiare delle detrazioni fiscali del 55%.

Tetto isolato e ventilato. Tutti questi interventi possono beneficiare delle detrazioni fiscali del 55%. 1. Diagnosi energetica La prima cosa da fare è ovviamente la diagnosi energetica dell edificio, sia sotto il profilo energetico che del comfort ambientale. La diagnosi dell edificio è necessaria per valutare

Dettagli

Lavori intelligenti per il risparmio energetico

Lavori intelligenti per il risparmio energetico Città di San Donà di Piave Assessorato all Ambiente SPORTELLO ENERGIA Lavori intelligenti per il risparmio energetico SOLARE TERMICO Un impianto a collettori solari (anche detto a pannelli solari termici

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA (1)

EFFICIENZA ENERGETICA (1) Tutti gli incentivi per i cittadini: - La detrazione fiscale del 55% per rinnovabili e risparmio energetico nelle abitazioni - Il Conto Energia per il Fotovoltaico - La tariffa omnicomprensiva e i certificati

Dettagli

1.1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO

1.1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO 1. PREMESSE Il presente progetto prevede la realizzazione di un impianto fotovoltaico connesso in rete della potenza di 49,536 kwp da installare sulla copertura piana della Palestra Comunale di Misano

Dettagli

1 2 3 4 5 6 Che cosa abbiamo fatto a Castello d Argile per illuminarsi meglio con meno : ovverosia gli atti concreti del nostro impegno per la lotta ai cambiamenti climatici, come previsto dagli obiettivi

Dettagli

CERTIFICATI BIANCHI DAVIDE FRACCARO / 328 9489871 MATTEO SCANTAMBURLO / 393 2010250

CERTIFICATI BIANCHI DAVIDE FRACCARO / 328 9489871 MATTEO SCANTAMBURLO / 393 2010250 CERTIFICATI BIANCHI DAVIDE FRACCARO / 328 9489871 MATTEO SCANTAMBURLO / 393 2010250 mitigazione efficientamento mitigazione adattamento mitigazione rinnovamento mitigazione adattamento Divisione Energia

Dettagli

ESCO ENERGY A SERVIZIO DEGLI ENTI PUBBLICI

ESCO ENERGY A SERVIZIO DEGLI ENTI PUBBLICI ESCO ENERGY A SERVIZIO DEGLI ENTI PUBBLICI Secondo l UE, le Amministrazioni locali possono fare molto per il raggiungimento degli obiettivi di riduzione delle emissioni sintetizzati nello slogan 20-20-20,

Dettagli

CERTIFICATI BIANCHI:

CERTIFICATI BIANCHI: Divisione CERTIFICATI BIANCHI: UNO STRUMENTO PER FINANZIARE L EFFICIENZA ENERGETICA Ing. Alessio Schiavon Edilvi spa Divisione ESCO schiavon@edilvi.it Forum Green Economy 2014 Roma, 4/5 giugno 2014 EDILVI

Dettagli

ENERGIA CHECK-UP. energetico CASA. I love my. house. Contatta l Energy Manager Girasole per fissare un sopralluogo presso la Tua casa

ENERGIA CHECK-UP. energetico CASA. I love my. house. Contatta l Energy Manager Girasole per fissare un sopralluogo presso la Tua casa CHECK-UP energetico CASA I love my house Contatta l Energy Manager Girasole per fissare un sopralluogo presso la Tua casa Livello globale di efficienza energetica Esistono diverse soluzioni tecniche per

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici e l auditl energetico: l esperienza l Certiquality

La certificazione energetica degli edifici e l auditl energetico: l esperienza l Certiquality La certificazione energetica degli edifici e l auditl energetico: l esperienza l di Certiquality Ing. Matteo Locati Area Ambiente e Sicurezza Certiquality S.r.l. m.locati@certiquality.it Tel. 02 80 69

Dettagli

IMPIANTI A FONTI ENERGETICHE

IMPIANTI A FONTI ENERGETICHE Gorle, 15 maggio 2013 IMPIANTI A FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI RELATORE: Gianluigi Piccinini Presidente Ressolar s.r.l. Alessio Ronchi Marco Vitali SOCIETA : Ressolar srl s.r.l. PRINCIPALI ATTIVITÀDIRESSOLAR

Dettagli

Contesto di riferimento. Descrizione

Contesto di riferimento. Descrizione EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI CONTENUTI: Contesto di riferimento. Descrizione delle tecnologie. Interventi sull involucro. Interventi sui dispositivi di illuminazione.

Dettagli

VERIFICA ENERGETICA CLUB ECCELLENZA ENERGETICA CNA

VERIFICA ENERGETICA CLUB ECCELLENZA ENERGETICA CNA CLUB ECCELLENZA ENERGETICA CNA Committente Indirizzo Comune sig. Via.. Monte San Pietro edificio Villetta composta da 2 unità immobiliari e 2 piani fuori terra, costruito negli anni 70. Involucro Pareti

Dettagli

BANDO "100 Comuni Sostenibili "_Raggruppamento Viganò_Comune di Bulciago Scheda di aggiornamento degli audit energetici per edificio

BANDO 100 Comuni Sostenibili _Raggruppamento Viganò_Comune di Bulciago Scheda di aggiornamento degli audit energetici per edificio BANDO "100 Comuni Sostenibili "_Raggruppamento Viganò_Comune di Bulciago Scheda di aggiornamento degli audit energetici per edificio 0 - SOGGETTO RILEVATORE Società che effettua l'audit energetico Persona

Dettagli

INFORMA ENERGIA per un FUTURO sostenibile. Dott. ssa Borghi Anna

INFORMA ENERGIA per un FUTURO sostenibile. Dott. ssa Borghi Anna INFORMA ENERGIA per un FUTURO sostenibile Dott. ssa Borghi Anna Sommario Perché parlare di energia? L audit energetico degli edifici comunali Cos è la certificazione energetica? La riqualificazione energetica

Dettagli

Check list degli interventi in materia di risparmio energetico e fonti rinnovabili

Check list degli interventi in materia di risparmio energetico e fonti rinnovabili Check list degli interventi in materia di risparmio energetico e fonti rinnovabili Protocollo n P.d.C. n D.I.A. n Progettista: Proprietario: Edificio: situato in: Tipologia di intervento Nuova costruzione

Dettagli

PIANO DI EFFICIENZA ENERGETICA DEL COMUNE DI PADOVA

PIANO DI EFFICIENZA ENERGETICA DEL COMUNE DI PADOVA PIANO DI EFFICIENZA ENERGETICA DEL COMUNE DI PADOVA Ente Locale Promotore Comune di Padova - Settore Ambiente Ufficio Agenda 21 c/o Informambiente via vlacovich 4-35126 Padova Tel. 049 8022488 Fax. 049

Dettagli

Dott. Giuseppe Abello Amministratore EGA Sistemi www.egasistemi.it

Dott. Giuseppe Abello Amministratore EGA Sistemi www.egasistemi.it Dott. Giuseppe Abello Amministratore EGA Sistemi www.egasistemi.it Gli attuali consumi energetici degli edifici Il consumo di energia per il riscaldamento, per l acqua calda sanitaria e per il raffrescamento

Dettagli

PRINCIPALI INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO: TECNOLOGIE EFFICIENTI SETTORE INDUSTIALE E CIVILE

PRINCIPALI INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO: TECNOLOGIE EFFICIENTI SETTORE INDUSTIALE E CIVILE PROGETTO STEEEP WORKSHOP: COME GESTIRE I CONSUMI ENERGETICI IN MODO EFFICIENTE: LO STRUMENTO DELLA CONTABILITA ENERGETICA PRINCIPALI INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO: TECNOLOGIE EFFICIENTI SETTORE INDUSTIALE

Dettagli

RIQUALIFICARE FA RISPARMIARE

RIQUALIFICARE FA RISPARMIARE RIQUALIFICARE FA RISPARMIARE Riqualificare il patrimonio, contenere e ottimizzare la spesa Federico Della Puppa Università IUAV di Venezia Theorema sas Bergamo, 13 dicembre 2013 Imparare a farsi le giuste

Dettagli

GUIDA ALL EFFICIENZA ENERGETICA. mani. OMTEC Engineering srl

GUIDA ALL EFFICIENZA ENERGETICA. mani. OMTEC Engineering srl GUIDA ALL EFFICIENZA ENERGETICA Il futuro è nelle vostre mani Cosa si intende per efficienza energetica? La definizione efficienza energetica indica una serie di azioni di programmazione, pianificazione

Dettagli

Politiche locali per l efficienza negli edifici

Politiche locali per l efficienza negli edifici Politiche locali per l efficienza negli edifici LO STRUMENTO DEL REGOLAMENTO EDILIZIO Giuliano Dall O Direttore Associazione Rete Punti Energia Milano Giovedi 11 novembre 2004 Centro Congressi Palazzo

Dettagli

WE EEN Wizard of the Environment: the Enterprise Europe Network. Energinnova. Casi pratici di ristrutturazioni energetiche degli edifici

WE EEN Wizard of the Environment: the Enterprise Europe Network. Energinnova. Casi pratici di ristrutturazioni energetiche degli edifici WE EEN Wizard of the Environment: the Enterprise Europe Network Casi pratici di ristrutturazioni energetiche degli edifici Polo Tecnologico per l Energia Energinnova Padova, 11/10/2013 Eurosportello del

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE GUIDA ALLA LETTURA Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE 1) Indicazioni generali 2) Spiegazione singole schede dalla n. 15 a seguire INDICAZIONI GENERALI

Dettagli

GLI EDIFICI SONO LA 1 FORMA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE COSTO PER IL RISCALDAMENTO DI UN EDIFICIO

GLI EDIFICI SONO LA 1 FORMA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE COSTO PER IL RISCALDAMENTO DI UN EDIFICIO GLI EDIFICI SONO LA 1 FORMA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE COSTO PER IL RISCALDAMENTO DI UN EDIFICIO Si valuta tramite un indice di prestazione energetica, EPi, definito come: L unità di misura indicata, kwh/(m²

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici e l audit energetico: il caso di Milano. Ing. Matteo Locati Area Ambiente e Sicurezza Certiquality

La certificazione energetica degli edifici e l audit energetico: il caso di Milano. Ing. Matteo Locati Area Ambiente e Sicurezza Certiquality La certificazione energetica degli edifici e l audit energetico: il caso di Milano Ing. Matteo Locati Area Ambiente e Sicurezza Certiquality Vergato (BO) 9 Giugno 2007 Presentazione di Certiquality Cenni

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici Impianti fotovoltaici Prof. Arch. Gianfranco Cellai Gli obblighi di legge A decorrere dal 1 gennaio 2009, nel regolamento edilizio, ai fini del rilascio del permesso di costruire, deve essere prevista,

Dettagli

Soluzioni impiantistiche per una riqualificazione energetica degli edifici esistenti. Dott. Ing. Pietro Marforio

Soluzioni impiantistiche per una riqualificazione energetica degli edifici esistenti. Dott. Ing. Pietro Marforio Soluzioni impiantistiche per una riqualificazione energetica degli edifici esistenti Dott. Ing. Pietro Marforio Sistema edificio/impianto Per soddisfare il fabbisogno di energia termica di un edificio,

Dettagli

pari a 89%. Emissione con fancoil a 2 tubi. Distribuzione poco isolata in montanti in cavedio non riscaldato. Regolazione climatica.

pari a 89%. Emissione con fancoil a 2 tubi. Distribuzione poco isolata in montanti in cavedio non riscaldato. Regolazione climatica. EFFICIENZA ENERGETICA NEL TERZIARIO ESEMPI DI INTERVENTO SUL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE CASO STUDIO 1: PALAZZINA AD UFFICI Destinazione d'uso: E.2. uffici Località: Milano Volume lordo: 6000 m 3 Anno

Dettagli

Venerdì, 27 febbraio 2015 INCENTIVAZIONI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA. prof. ing. Maurizio Fauri

Venerdì, 27 febbraio 2015 INCENTIVAZIONI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA. prof. ing. Maurizio Fauri Venerdì, 27 febbraio 2015 INCENTIVAZIONI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA D. Lgs. n.102 del 4 luglio 2014 Il 19 luglio 2014 è entrato in vigore il Decreto Legislativo n.102 del 4 luglio 2014 di "Attuazione

Dettagli

A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale

A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale ALLEGATO A - REQUISITI ENERGETICI DEGLI EDIFICI A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale A.1.1 Per gli edifici residenziali della classe E.1, esclusi collegi, conventi, case

Dettagli

Dal Fotovoltaico all Efficienza energetica

Dal Fotovoltaico all Efficienza energetica Dal Fotovoltaico all Efficienza energetica CRIADON opera da cinque anni nel settore delle energie rinnovabili ma già negli Anni 90 l attuale nucleo operativo si occupava di energia solare e di risparmio

Dettagli

Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico

Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico In questa sezione si analizzano gli aspetti economici, ambientali ed occupazionali collegati alla sviluppo del fotovoltaico. Aspetti economici Per quanto

Dettagli

Comune di Bologna Regione Emilia Romagna

Comune di Bologna Regione Emilia Romagna Comune di Bologna Regione Emilia Romagna Risultati delle diagnosi energetiche sul condominio di via Saffi n 2, 4 e 6 Versione definitiva- Ottobre 2015 Redazione a cura di La ESCo del Sole srl Documento

Dettagli

DIAGNOSI ENERGETICA: IL PRIMO PASSO VERSO L EFFICIENZA

DIAGNOSI ENERGETICA: IL PRIMO PASSO VERSO L EFFICIENZA DIAGNOSI ENERGETICA: IL PRIMO PASSO VERSO L EFFICIENZA Ing. Pascale Virginia studio_ing.pascale@libero.it http://certificazioneenergetica.myblog.it http://impiantifotovoltaici.myblog.it/ http://acustica.myblog.it/

Dettagli

Il meccanismo dei certificati bianchi

Il meccanismo dei certificati bianchi KEY ENERGY RIMINI 9 NOVEMBRE 2012 Il meccanismo dei certificati bianchi Ing. Luigi De Sanctis, luigi.desanctis@enea.it ENEA-UTEE/IND ENEA - UTEE 1 Il meccanismo dei certificati bianchi L uso razionale

Dettagli

Impianti solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria: considerazioni energetiche, economiche ed ambientali

Impianti solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria: considerazioni energetiche, economiche ed ambientali Impianti solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria: considerazioni energetiche, economiche ed ambientali PREMESSA Un impianto a collettori solari - "a pannelli solari termici" - converte

Dettagli

- ALLEGATO - INTERVENTI PRIVATI CONSIDERAZIONI ECONOMICHE E SPECIFICHE TECNICHE DELLE AZIONI COMUNE DI QUINTO VICENTINO

- ALLEGATO - INTERVENTI PRIVATI CONSIDERAZIONI ECONOMICHE E SPECIFICHE TECNICHE DELLE AZIONI COMUNE DI QUINTO VICENTINO - ALLEGATO - INTERVENTI PRIVATI CONSIDERAZIONI ECONOMICHE E SPECIFICHE TECNICHE DELLE AZIONI COMUNE DI QUINTO VICENTINO INDICE 1 PREMESSA 3 2 SETTORE RESIDENZIALE 4 INTERVENTI DEL SETTORE 4 CONSIDERAZIONI

Dettagli

Efficientamento Energetico

Efficientamento Energetico Efficientamento Energetico L efficientamento energetico consiste nell insieme delle azioni volte a consumare meno, in modo migliore, ottenendo gli stessi risultati avuti con i normali comportamenti abituali.

Dettagli

Comune di Bologna Regione Emilia Romagna

Comune di Bologna Regione Emilia Romagna Comune di Bologna Regione Emilia Romagna Risultati delle diagnosi energetiche sul condominio di via Mercadante 2 e 4 Versione definitiva- Ottobre 2015 Redazione a cura di La ESCo del Sole srl Documento

Dettagli

Gli interventi di efficienza energetica e gli standard di riferimento per la riduzione dei consumi energetici

Gli interventi di efficienza energetica e gli standard di riferimento per la riduzione dei consumi energetici Gli interventi di efficienza energetica e gli standard di riferimento per la riduzione dei consumi energetici Arch. Francesco Ricchiuto Direttore Tecnico Filca Cooperative Mostra Convegno Expoconfort Fiera

Dettagli

Aura Energy Srl Energy Service Company. Torino, 29 Ottobre 2013

Aura Energy Srl Energy Service Company. Torino, 29 Ottobre 2013 Aura Energy Srl Energy Service Company Torino, 29 Ottobre 2013 1 INDICE 1. CORE BUSINESS DI AURA ENERGY a. Attività principali b. Nuova Mission c. Ruolo della E.S.Co. 2. PROGETTI a. Principali voci di

Dettagli

L'energia e l'ambiente

L'energia e l'ambiente - L'energia e l'ambiente Oggi oltre l 80% dell energia utilizzata nel mondo viene prodotta bruciando combustibili fossili, quali petrolio, carbone e metano. E ormai accertato che proprio negli impianti

Dettagli

Consulenza e Gestione TEE - Generare valore economico dall efficienza energetica

Consulenza e Gestione TEE - Generare valore economico dall efficienza energetica JPE2010 ha ottenuto la certificazione secondo la UNI CEI 11352, la norma italiana che stabilisce i requisiti per le società che svolgono il ruolo di Energy Service Company Jpe 2010 S.c.r.l. E.S.Co. Via

Dettagli

AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO. Risparmiare energia nell illuminazione

AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO. Risparmiare energia nell illuminazione Questa guida è stata realizzata in collaborazione con AIMB - Associazione Industriali Monza e Brianza e Lyte & Lyte Italy Srl Nova Milanese (MI). Suggerimenti per migliorare l utilità di queste guide e

Dettagli

E LE INSIEME PER UN RISPARMIO GLOBALE

E LE INSIEME PER UN RISPARMIO GLOBALE LA RETE D IMPRESA con E LE AZIENDE PARTNER INSIEME PER UN RISPARMIO GLOBALE E LE AZIENDE PARTNER Operano con un esperienza trentennale su specifici campi del proprio settore di competenza. Dall installazione

Dettagli

ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI

ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI prof. ing. Politecnico di Torino - Dipartimento di Energetica - Gruppo di Ricerca TEBE Legislazione

Dettagli

BANDO FONDAZIONE CARIPLO 2007 AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI DI PROPRIETÀ DEI COMUNI PICCOLI E MEDI FASE B. Raggruppamento di CASORATE SEMPIONE

BANDO FONDAZIONE CARIPLO 2007 AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI DI PROPRIETÀ DEI COMUNI PICCOLI E MEDI FASE B. Raggruppamento di CASORATE SEMPIONE BANDO FONDAZIONE CARIPLO 2007 AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI DI PROPRIETÀ DEI COMUNI PICCOLI E MEDI Raggruppamento di CASORATE SEMPIONE Comune di SAMARATE la ESCo del Sole srl Via Zuretti 47/A 20125 Milano

Dettagli

Quanto dura un impianto? La durata di un impianto è di 25 anni.

Quanto dura un impianto? La durata di un impianto è di 25 anni. f o t o v o l t a i c o Cos è un impianto fotovoltaico? Un impianto fotovoltaico è un impianto che consente la produzione di energia elettrica attraverso l energia solare, sfruttando le proprietà di materiali

Dettagli

COSTRUIRE IN CLASSE A+ CON IMPIANTO A PANNELLO RADIANTE E POMPA DI CALORE

COSTRUIRE IN CLASSE A+ CON IMPIANTO A PANNELLO RADIANTE E POMPA DI CALORE COSTRUIRE IN CLASSE A+ CON IMPIANTO A PANNELLO RADIANTE E POMPA DI CALORE Scopo del presente approfondimento è quello di spiegare i vantaggi energetici ed economici di utilizzare una pompa di calore aria/acqua

Dettagli

Interventi di risparmio ed efficienza energetica promossi dall Amministrazione Comunale di Padova

Interventi di risparmio ed efficienza energetica promossi dall Amministrazione Comunale di Padova Padova, 19 Ottobre 2006 Interventi di risparmio ed efficienza energetica promossi dall Amministrazione Comunale di Padova TESTO E GRAFICI A CURA DI PAOLO FORNEA E FERRUCCIO FERRO - ENERGY MANAGER GROUP

Dettagli

Il solare fotovoltaico in pratica

Il solare fotovoltaico in pratica Il solare fotovoltaico in pratica Presentazione effettuata in occasione dell'incontro organizzato dall'assessorato all'ambiente del Comune di Selvazzano Dentro il giorno 28 aprile 2008 presso il Centro

Dettagli

Sistemi ibridi integrati. Luna Platinum CSI

Sistemi ibridi integrati. Luna Platinum CSI Sistemi ibridi integrati Luna Platinum CSI Sistemi ibridi integrati Storicamente leader nel mercato del riscaldamento domestico, Baxi ha allargato la sua attività verso i sistemi ibridi integrati, in cui

Dettagli

SISTEMI TERMOIDRAULICI PER UNA NUOVA ABITAZIONE

SISTEMI TERMOIDRAULICI PER UNA NUOVA ABITAZIONE SISTEMI TERMOIDRAULICI PER UNA NUOVA ABITAZIONE Il presente documento si propone di approfondire i sistemi di generazione del fluido termovettore per riscaldare e raffrescare le civili abitazioni, con

Dettagli

Come si fa un audit energetico dei consumi pubblici

Come si fa un audit energetico dei consumi pubblici COMUNE DI POLVERARA Come si fa un audit energetico dei consumi pubblici relatore: ing. Davide Fraccaro IL CONCETTO DI ENERGIA ENERGIA: capacità di un corpo di compiere lavoro ENERGIA E LAVORO SONO CONCETTI

Dettagli

GLI IMPIANTI PER IL RISCALDAMENTO SOLARE PAUSA LA PRODUZIONE DI ELETTRICITÀ DAL SOLE

GLI IMPIANTI PER IL RISCALDAMENTO SOLARE PAUSA LA PRODUZIONE DI ELETTRICITÀ DAL SOLE 1. 2. 3. GLI IMPIANTI PER IL RISCALDAMENTO SOLARE PAUSA LA PRODUZIONE DI ELETTRICITÀ DAL SOLE !"#$%&#'!%% ()(''(&&!%(** Sviluppo dei Paesi emergenti e consumo crescente di energia !+%$")(+(*,+("!+)! Dati

Dettagli

G.1 - INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN TRE EDIFICI SCOLASTICI PROVINCIALI 2 G

G.1 - INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN TRE EDIFICI SCOLASTICI PROVINCIALI 2 G INDICE G.1 - INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN TRE EDIFICI SCOLASTICI PROVINCIALI pag. 2 G.2 - MODIFICA DELL IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE IN UN EDIFICIO ADIBITO AD UFFICI pag. 2 G.3 - INTERVENTO NELLA

Dettagli

Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori

Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori Agenzia per l Energia e lo Sviluppo Sostenibile del Comune di Roma Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori Abitazioni energeticamente efficienti Buona parte delle abitazioni

Dettagli

Dott. Ing. Giuseppe Patanè

Dott. Ing. Giuseppe Patanè Dott. Ing. Giuseppe Patanè IL CONTENIMENTO E LA PRODUZIONE DELL ENERGIA ENERGIA NELL EDILIZIA EDILIZIA CIVILE SVILUPPO SOSTENIBILE PRINCIPI GENERALI RIDUZIONE DEI CONSUMI; UTILIZZO DI RISORSE RINNOVABILI

Dettagli

Il risparmio energetico e le energie alternative. Oppeano, 19 ottobre 2007

Il risparmio energetico e le energie alternative. Oppeano, 19 ottobre 2007 Il risparmio energetico e le energie alternative Oppeano, 19 ottobre 2007 1 L Italia: un paese energivoro 500 450 Consumo di energia elettrica Energia elettrica (in TWh) importata in Italia dall estero

Dettagli

Servizio per la gestione del calore e l adeguamento tecnologico e alle norme di sicurezza degli impianti di riscaldamento degli edifici comunali

Servizio per la gestione del calore e l adeguamento tecnologico e alle norme di sicurezza degli impianti di riscaldamento degli edifici comunali Servizio per la gestione del calore e l adeguamento tecnologico e alle norme di sicurezza degli impianti di riscaldamento degli edifici comunali Sintesi motivazione scelte progettuali e descrizione soluzioni

Dettagli

TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA

TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA - Che cosa è un impianto fotovoltaico? Un impianto fotovoltaico trasforma direttamente l energia solare in energia elettrica. Esso è composto essenzialmente da: moduli o pannelli

Dettagli

Il Sole: una fonte energetica inesauribile

Il Sole: una fonte energetica inesauribile Il Sole: una fonte energetica inesauribile IL SOLARE TERMICO Pur essendo l Italia il Paese del Sole, questa fonte importante, gratuita, non inquinante e inesauribile è tuttora molto poco sfruttata, soprattutto

Dettagli

Non sprecare vuol dire innanzitutto risparmiare...

Non sprecare vuol dire innanzitutto risparmiare... Non sprecare vuol dire innanzitutto risparmiare... Alcuni consigli pratici su come ridurre i consumi energetici in casa risparmiando sulla bolletta ma soprattutto rispettando il nostro ambiente. www.gesiservizi.it

Dettagli

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013 Gentile famiglia Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Il Comune di Brivio ha sottoscritto il Patto dei Sindaci, iniziativa Europea nata

Dettagli

Energia Elettrica: - Impianti Fotovoltaici - Illuminazione Pubblica. San Paolo d Argon 6 maggio 2013

Energia Elettrica: - Impianti Fotovoltaici - Illuminazione Pubblica. San Paolo d Argon 6 maggio 2013 Energia Elettrica: - Impianti Fotovoltaici - Illuminazione Pubblica San Paolo d Argon 6 maggio 2013 AGENDA Impianti Fotovoltaici Modalità funzionamento Situazione italiana V Conto Energia Tariffe incentivanti

Dettagli

Come produrre energia elettrica

Come produrre energia elettrica Come produrre energia elettrica Il Solare Fotovoltaico e' una tecnologia che permette di utilizzazione l'energia dal sole per la produzione di energia elettrica. Un dispositivo fotovoltaico è, infatti,

Dettagli

Conferenza Internazionale Riuso Sostenibile del Patrimonio Edilizio Torino, 5 giugno 2007 L ENERGIA: CHIAVE DI VOLTA DEL RIUSO EDILIZIO SOSTENIBILE Marco Filippi Dipartimento di Energetica, Politecnico

Dettagli

CHECK LIST A SOSTENIBILITA DELLA VAS Art. 5.10 del Rapporto Ambientale

CHECK LIST A SOSTENIBILITA DELLA VAS Art. 5.10 del Rapporto Ambientale CHECK LIST A SOSTENIBILITA DELLA VAS Art. 5.10 del Rapporto Ambientale CRITERI EDILIZI 1. Involucro Componenti dell involucro dotati di caratteristiche atte alla limitazione degli apporti solari estivi

Dettagli

IMPIANTI SOLARI TERMICI

IMPIANTI SOLARI TERMICI ENERGIE RINNOVABILI: PRESENTE E FUTURO NEL TERRITORIO LODIGIANO IMPIANTI SOLARI TERMICI Per. Ind. PierRinaldo Sangalli COS E IL SOLARE TERMICO Solare termico indica un sistema in grado di trasformare l

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO IN FAMIGLIA

RISPARMIO ENERGETICO IN FAMIGLIA RISPARMIO ENERGETICO IN FAMIGLIA Ing. Giacomo Iannandrea Perché risparmiare energia? L 80% di tutta l energia mondiale proviene da fonti fossili (petrolio, gas, carbone) soggette ad esaurimento, mentre

Dettagli

TRAINING THE TRAINERS

TRAINING THE TRAINERS TRAINING THE TRAINERS Presentazione e verifica del TOOLKIT Toolkit.1. Potenzialità di riduzione dei consumi energetici sull edilizia residenziale, costo degli interventi ed esempi concreti. ing. Anna Benetti

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA (1)

EFFICIENZA ENERGETICA (1) Tutti gli incentivi per i cittadini come da: - Finanziaria 2008 (e modifiche del Gennaio 2009) - Nuovo Conto Energia per il Fotovoltaico (Febbraio 07) Indice: pagina 3: le diverse possibilità di intervento

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 140

LEGGE REGIONALE N. 140 VII LEGISLATURA ATTI: 011117 LEGGE REGIONALE N. 140 NORME PER IL RISPARMIO ENERGETICO NEGLI EDIFICI E PER LA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI INQUINANTI E CLIMALTERANTI Approvata nella seduta del 15 dicembre

Dettagli

Esempi Concreti di Interventi: Costi e procedure per la realizzazione di interventi

Esempi Concreti di Interventi: Costi e procedure per la realizzazione di interventi Esempi Concreti di Interventi: Costi e procedure per la realizzazione di interventi Sala Convegni Museo Arti e Mestieri Pianoro 13/06/2007 Simone Spataro Gli Argomenti trattati: Realizzazione di un Impianto

Dettagli

LA RIQUALIFICAZIONE IMPIANTISTICA

LA RIQUALIFICAZIONE IMPIANTISTICA San Giovanni in Persiceto, 11 giugno 2014 Studio Tecnico Co.Pro.Ri LA RIQUALIFICAZIONE IMPIANTISTICA RIQUALIFICAZIONE IMPIANTISTICA RIFERIMENTI NORMATIVI DETRAZIONI FISCALI 65% Legge 296/2006 e ss.mm.

Dettagli

COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA

COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA VANTAGGI E SVANTAGGI DELLE PRINCIPALI LAMPADE UTILIZZATE NELL ILLUMINAZIONE DI FABBRICATI NON RESIDENZIALI, FABBRICHE,

Dettagli

leader. risparmio Un Azienda Anche nel energetico. immergas.com Numero Verde: 800-306 306 E-mail: consulenza@immergas.com i seguenti indirizzi:

leader. risparmio Un Azienda Anche nel energetico. immergas.com Numero Verde: 800-306 306 E-mail: consulenza@immergas.com i seguenti indirizzi: Per richiedere informazioni sulle caratteristiche tecniche dei prodotti, sulle normative impiantistiche e sul Servizio Tecnico post-vendita, contatta i seguenti indirizzi: E-mail: consulenza@immergas.com

Dettagli

Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato

Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato Scheda R Azione R.1 Fabbisogni energetici dell edilizia residenziale esistente Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato Obiettivi

Dettagli

Efficienza energetica nelle imprese e nella Pubblica Amministrazione

Efficienza energetica nelle imprese e nella Pubblica Amministrazione Efficienza energetica nelle imprese e nella Pubblica Amministrazione prof ing. Maurizio Fauri Università degli studi di trento Polo Tecnologico per l Energia srl (Trento) Scenario italiano % dei consumi

Dettagli

ENERGIA ENERGIA EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI PROTOCOLLO DI KYOTO. Modifica delle condizioni climatiche del pianeta

ENERGIA ENERGIA EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI PROTOCOLLO DI KYOTO. Modifica delle condizioni climatiche del pianeta EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI ENERGIA ENERGIA Mantenimento standard di vita Sviluppo delle società industriali e di quelle emergenti Inquinamento Modifica delle condizioni climatiche

Dettagli

CENTRAL PARK Soluzioni per il Risparmio Energetico e la Salvaguardia Ambientale previste nell ambito del Piano Attuativo di iniziativa mista pubblico-privata dell area Officine Franchi- Bastia Umbra L

Dettagli

fotovoltaico faq schede di consultazione

fotovoltaico faq schede di consultazione fotovoltaico faq schede di consultazione f o t o v o l t a i c o Cos è un impianto fotovoltaico? Un impianto fotovoltaico è un impianto che consente la produzione di energia elettrica attraverso l energia

Dettagli

Incontro con le aziende del settore industriale e terziario

Incontro con le aziende del settore industriale e terziario Comuni di Airuno, Brivio Incontro con le aziende del settore industriale e terziario Brivio, 25 giugno 2015 Sportello Energia Dal mese di maggio 2015 è aperto lo sportello energia : lo Sportello Energia

Dettagli

Valvole termostatiche per termosifoni

Valvole termostatiche per termosifoni Valvole termostatiche per termosifoni La valvola termostatica è un dispositivo, che installato sui radiatori (termosifoni), permette di regolare il flusso di acqua calda. In base alla temperatura che si

Dettagli

ALLEGATO A SPECIFICHE DELLE TIPOLOGIE E DEI REQUISITI TECNICI MINIMI DEGLI INTERVENTI

ALLEGATO A SPECIFICHE DELLE TIPOLOGIE E DEI REQUISITI TECNICI MINIMI DEGLI INTERVENTI REGIONE BASILICATA AVVISO PUBBLICO CONTRIBUTI PER INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO SU UNITA ABITATIVE PRIVATE ALLEGATO A SPECIFICHE DELLE TIPOLOGIE E DEI REQUISITI TECNICI MINIMI DEGLI INTERVENTI ALLEGATO

Dettagli

Progetto per la realizzazione di: VILLETTA UNIFAMIGLIARE CON TIPOLOGIA A SCHIERA

Progetto per la realizzazione di: VILLETTA UNIFAMIGLIARE CON TIPOLOGIA A SCHIERA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO DEGLI EDIFICI 1. INFORMAZIONI GENERALI

Dettagli

VERSO IL 2020 INCENTIVI FISCALI PER F.E.R.

VERSO IL 2020 INCENTIVI FISCALI PER F.E.R. VERSO IL 2020 INCENTIVI FISCALI PER F.E.R. Relatore Ing. Massimo Lazzarini massimo.lazzarini@ecomenergia.it Contenuti Detrazione fiscale per interventi di ristrutturazione edilizia Detrazione fiscale Riqualificazione

Dettagli

GLI INTERVENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

GLI INTERVENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO GLI INTERVENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE DETRAZIONI FISCALI DEL 55% PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE NEL 2010 DISTRIBUZIONE DEL NUMERO DELLE RICHIESTE DI DETRAZIONE

Dettagli

Comune di Bologna Regione Emilia Romagna

Comune di Bologna Regione Emilia Romagna Comune di Bologna Regione Emilia Romagna Risultati delle diagnosi energetiche dei supercondominio di via Cividali/via Pasubio Versione definitiva- Ottobre 2015 Redazione a cura di La ESCo del Sole srl

Dettagli

Analisi per un impianto solare termico sul fabbricato di via Tovo Olgiate Olona. 034E05 Studi Solarge Versione 1. Stato del documento approvato

Analisi per un impianto solare termico sul fabbricato di via Tovo Olgiate Olona. 034E05 Studi Solarge Versione 1. Stato del documento approvato Analisi per un impianto solare termico sul fabbricato di via Tovo Olgiate Olona Codice 034E05 Studi Solarge Versione 1 Committente Ing. Piero Balossi Stato del documento approvato Autore Calderoni Revisione

Dettagli

Incentivi e proposte operative disponibili per gli edifici di Bologna. Sabato 19 ottobre 2013

Incentivi e proposte operative disponibili per gli edifici di Bologna. Sabato 19 ottobre 2013 Workshop aperto alla cittadinanza e alle imprese di Bologna Organizzato da: Con i l supporto del Comune di Bologna nell ambito dell attuazione del Piano d Azione per l Energia Sostenibile RISPARMIARE ENERGIA

Dettagli

La sostenibilità degli interventi sugli impianti termici e i risparmi energetici conseguibili

La sostenibilità degli interventi sugli impianti termici e i risparmi energetici conseguibili La sostenibilità degli interventi sugli impianti termici e i risparmi energetici conseguibili Alberto Montanini Vicepresidente Assotermica 5 ottobre 2010, Seminario FAST L Associazione nazionale di categoria

Dettagli