Banca Folder A4 versione BLU.indd 1 14/05/

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Banca Folder A4 versione BLU.indd 1 14/05/10 18.01"

Transcript

1 Banca Folder A4 versione BLU.indd 1 14/05/

2 Banca Folder A4 versione BLU.indd 2 14/05/

3 Banca Folder A4 versione BLU.indd 3 14/05/

4 LA BANCA Il progetto della Banca Popolare Interprovinciale - Società Cooperativa per Azioni nasce dalla ferma convinzione, dei componenti il comitato promotore, che lo sviluppo di un sistema economico locale non possa prescindere dalla presenza di banche locali. Il progetto è molto ambizioso: dotare il territorio di riferimento, e non solo, di un centro decisionale bancario autonomo. A tal fine, il 18 novembre 2007 è stato costituito, con atto del notaio Carmela De Meo, il Comitato Promotore Banca Popolare Interprovinciale. Il Comitato ha lo scopo di predisporre tutto quanto necessario alla costituzione della Banca Popolare Interprovinciale - Società Cooperativa per Azioni che avrà Sede Legale e Direzione Generale in Palma Campania. In data 4 giugno 2009 è stato depositato, presso lo stesso notaio, il Programma di Attività ai sensi dell art c.c. contenente gli elementi essenziali per la costituzione della <BANCA>. Il Comitato Promotore ha predisposto, come per legge, il Piano Industriale del nuovo istituto di credito nonchè il Prospetto Informativo avente ad oggetto l Offerta Pubblica di Sottoscrizione delle azioni costituenti il Capitale Sociale della futura Banca. In data 18 giugno 2009 il Comitato Promotore ha prodotto, ai sensi dell art. 94 T.U.F., istanza alla CONSOB (COMMISSIONE NAZIONALE per le SOCIETA e la BORSA) al fine di ottenere l autorizzazione alla pubblicazione del Prospetto Informativo. La CONSOB, nella seduta del 13 ottobre 2009, ha autorizzato il deposito del Prospetto Informativo. Detto deposito è avvenuto il 23 ottobre 2009, pertanto dal 24 ottobre 2009 è possibile sottoscrivere le azioni della costituenda Banca Popolare Interprovinciale - Società Cooperativa per Azioni. Banca Folder A4 versione BLU.indd 4 14/05/

5 IL TERRITORIO DI RIFERIMENTO Il progetto della costituenda Banca Popolare Interprovinciale - Società Cooperativa per Azioni si inserisce nel contesto economico e sociale del territorio in cui si svilupperà inizialmente l attività operativa della nuova Banca. In particolare, oltre al Comune di Palma Campania dove la Banca avrà sede Legale e in cui sarà aperta la prima Filiale, i comuni interessati dal Progetto sono: - per la provincia di Napoli: Carbonara di Nola, Casamarciano, Liveri, Nola, Ottaviano, Poggiomarino, San Gennaro Vesuviano, San Giuseppe Vesuviano, San Paolo Belsito, Saviano, Striano, Terzigno. - per la provincia di Salerno: Nocera Inferiore, Pagani, Sarno, Scafati, Siano. L economia del territorio di riferimento appare molto differenziata e basata sia sul settore secondario (imprese manifatturiere e agro-alimentari) che sul settore dei servizi attraverso la presenza di imprese di piccole e medie dimensioni e di imprese artigiane e/o individuali. La popolazione di riferimento dei comuni interessati dal progetto della costituenda Banca Popolare Interprovinciale è costituita da circa abitanti di cui nell area vesuviana, nell Area Nolana e nell Agro Nocerino-sarnese e da oltre nuclei familiari complessivi. Banca Folder A4 versione BLU.indd 5 14/05/

6 Banca Folder A4 versione BLU.indd 6 14/05/

7 GLI OBIETTIVI L idea di dar vita alla Banca Popolare Interprovinciale - Società Cooperativa per Azioni nasce dal convincimento - largamente condiviso da tutti i componenti il Comitato Promotore - che lo sviluppo di un sistema economico locale non possa prescindere dalla presenza di banche operativamente attive sul territorio di riferimento. In ragione di tale convincimento, i componenti il Comitato Promotore della Banca Popolare Interprovinciale hanno maturato l idea di promuovere la nascita di un nuovo Istituto Bancario, la cui missione sia ìfare banca nel territorio per il territorio. In altri termini, la Banca Popolare Interprovinciale si prefigge lo scopo non solo di creare utilità per i soci, ma anche di produrre valore economico, sociale e culturale a vantaggio della comunità locale. A tal fine la Banca Popolare Interprovinciale - Società Cooperativa per Azioni intende valorizzare le virtù caratteristiche della banca locale, quali: - la profonda conoscenza del territorio e del suo tessuto produttivo - la capacità di dialogare direttamente con la clientela al fine di instaurare una relazione personalizzata e duratura. La nuova Banca mirerà in primis ad assistere le famiglie e le imprese, soprattutto di piccole e medie dimensioni, in ogni loro necessità, fornendo servizi di consulenza altamente qualificati in riferimento alle scelte economiche e finanziarie. Banca Folder A4 versione BLU.indd 7 14/05/

8 LE OPPORTUNITA DEL SOCIO CLIENTE La forza di avere una Banca costituita dalle componenti sociali ed economiche del territorio di riferimento è il motivo principale che ha ispirato l idea di dar vita ad una nuova banca: un Istituto Bancario che intende inserirsi nella realtà creditizia locale ed espandersi rapidamente grazie soprattutto allo slancio dei Soci che la costituiranno. La Banca Interprovinciale mira a soddisfare pienamente le aspettative dei Soci Clienti desiderosi di aderire ad un progetto di costituzione bancaria che: - parli il loro linguaggio - capisca le loro ragioni - interpreti i loro bisogni - li assista nel realizzare i loro obiettivi - valorizzi i loro risparmi - persegua lo sviluppo della Comunità Economica locale e la promozione sociale La costituenda Banca Popolare Interprovinciale - Società Cooperativa per Azioni intende essere per i propri clienti un partner qualificato per rispondere in modo puntuale, serio ed economico a tutte le esigenze legate alla gestione del risparmio e al finanziamento delle famiglie e delle piccole-medie imprese del territorio di riferimento comprendente il territorio di Napoli Est e Salerno Nord-Ovest. Banca Folder A4 versione BLU.indd 8 14/05/

9 VANTAGGI ULTERIORI La convenienza dei servizi e dei prodotti offerti La forma di società cooperativa e l utilizzo di convenienti rapporti di outsourcing (dal sistema informativo ai prodotti) consentiranno di perseguire il giusto equilibrio tra competitività e contenimento dei costi, permettendo alla Banca Popolare Interprovinciale di misurarsi con concorrenti di notevoli dimensioni; L ampiezza dell offerta Attraverso una vasta gamma di prodotti e servizi bancari, finanziari ed assicurativi, la Banca Popolare Interprovinciale intende rispondere alle esigenze e soddisfare i bisogni sia delle famiglie che delle piccole e medie imprese (professionisti, agricoltori, commercianti, artigiani, etc.); Il sostegno alle attività economiche del territorio L obiettivo della costituenda Banca Popolare Interprovinciale è creare utilità per i propri soci e contribuire allo sviluppo del territorio e dell economia locale. Pertanto, la gestione del credito sarà finalizzata a migliorare le prospettive di crescita delle iniziative economiche locali e, nel contempo, a ridurre i rischi di esposizione finanziaria della banca; La trasparenza e la semplicità delle comunicazioni e delle informazioni L impegno della nuova Banca è quello di parlare chiaro con i propri clienti al fine di instaurare con essi rapporti improntati a criteri di fiducia e di correttezza. Banca Folder A4 versione BLU.indd 9 14/05/

10 IL COMITATO PROMOTORE Il Comitato Promotore si è costituito il 18 Ottobre Il presidente del Comitato Promotore è Nicola Donnarumma. Il progetto di sviluppo del Comitato Promotore è a cura di imprenditori e professionisti operanti nel comparto economico-industriale del territorio di riferimento, persone profondamente qualificate e competenti, nonchè compatte nel perseguire i medesimi valori gestionali, quali trasparenza e lealtà. Il Comitato avrà vita fino alla costituzione della Banca Popolare Interprovinciale - Società Cooperativa per Azioni. Gli organi del Comitato Promotore sono: - L Assemblea, cioè l insieme di tutti i soci aderenti; - Il Consiglio Direttivo. Banca Folder A4 versione BLU.indd 10 14/05/

11 Di seguito, l elenco dei Soci Promotori: 1) Ammaturo Donato; 2) Ammaturo Michelina; 3) Barone Raffaele; 4) Bellucci Mario Armando 5) Bosone Pasquale; 6) Buonagura Pietro; 7) Caliendo Gennaro; 8) Carbone Biagio; 9) Cassese Luca; 10) Ciccone Vincenzo; 11) Cola Silvio; 12) Cosenza Giovanni; 13) De Sarno Aniello; 14) Del Vecchio Aniello; 15) Donnarumma Giuseppe; 16) Donnarumma Nicola; 17) Esposito Michele; 18) Ferrante Antonio; 19) Ferrante Francesco; 20) Ferrante Francesco; 21)Ferrante Nicola; 22) Ferrante Pietro; 23) Fortino Angelo; 24) Franzese Antonio; 25) Franzese Biagio; 26) Franzese Salvatore; 27) Franzese Sergio; 28) Giordano Immacolata; 29) Iervolino Raffaele; 30) La Marca Ferdinando; 31) Mancone Sergio; 32) Marano Nunziata Anna Maria Gaetana; 33) Massa Ferdinando; 34) Masulli Ignazio; 35) Montanino Domenico; 36) Montanino Luca; 37) Morra Lucio; 38) Nappi Michele; 39) Nunziata Biagio Fulvio; 40) Nunziata Rega Santolo; 41) Parisi Sabatino Maria; 42) Peluso Biagio; 43) Prisco Cosimo; 44) Ronga Francesco; 45) Rubinacci Biagio; 46) Santella Antonio; 47) Santella Carla Anna; 48) Savarese Francesco; 49) Saviano Caterina; 50) Simonetti Antonio; 51) Simonetti Paolo; 52) Simonetti Vincenzo; 53) Sorrentino Aniello; 54) Sorrentino Aniello; 55) Sorrentino Francesco; 56) Sorrentino Michele; 57) Sorrentino Vincenzo; 58) Volino Francesco Banca Folder A4 versione BLU.indd 11 14/05/

12 UN BOOM NATO DALLA FIDUCIA Gli Istituti di tipo cooperativo hanno fatto della centralità della persona il perno del loro agire. Il 29 Agosto 1808, a Delitzsch piccola cittadina della Sassonia prussiana, vedeva la luce il padre del Credito Popolare, Hermann Schulze-Delitzsch. Il mondo è molto cambiato da allora, ma il movimento che prese l avvio grazie alla lungimiranza e alla caparbietà di questo avvocato tedesco ha raggiunto livelli inimmaginabili e una presenza capillare ormai in tutto il mondo. Risultati destinati, tuttavia, ad essere rapidamente e frequentemente superati, considerando in particolare, la positive dinamiche mostrate in tutta Europa dalla Cooperazione Bancaria e la costante espansione delle Banche Popolari Italiane. Per quale motivo il modello di banca pensato e sviluppatosi per favorire il localismo, ovvero il legame tra banca e il territorio, raccoglie un costante successo di fiducia e di fondi intermediati in un mondo dove i mercati divengono ogni giorno più vasti e l operatività delle imprese è ormai globale? La risposta più convincente risiede nella caratteristica più innovativa dell intuizione originale di Schulze-Delitzsch, caratteristica che, ancora oggi, resta un tratto fondamentale dell identità del Credito Popolare: la fiducia nell uomo, nelle sue capacità e nelle relazioni tra gli individui. La Banca Popolare, viene alla luce, infatti, in un contesto caratterizzato dall impellente gestione sociale : coniugare progresso tecnologico e lo sviluppo economico delle classi meno abbienti era la sfida dell epoca, una sfida alla quale si cercava di rispondere con logiche di tipo assistenziale e filantropico oppure, sul versante opposto, con la ricerca di un associazionismo estremo da parte dei socialisti utopisti. Shulze-Delitzsch, forte delle prime esperienze cooperative inglesi, iniziò a predicare il selbsthilfe, l auto-aiuto, la volontà dell individuo di guadagnare, con il lavoro e il sacrificio, il proprio riscatto sociale e collegando tale spinta al mutualismo, la possibilità dei molti di raggiungere obiettivi preclusi ai singoli. L accento si sposta dall ineludibile sudditanza, verso lo Stato o la Collettività, alla libertà, alla democrazia e alla sussidiarietà. Banca Folder A4 versione BLU.indd 12 14/05/

13 Libertà di impresa e democrazia economica furono, allora, la molla che fece decollare l esercizio del credito in forma cooperativa. Libertà d impresa e democrazia economica sono, oggi, la base del Trattato dell Unione Europea, su questi principi cardine fa leva, infatti una visone dell economia e della società che intende valorizzare le relazioni tra gli individui ed il dialogo tra tutti i soggetti coinvolti nella quotidiana attività. Le Banche Popolari fondate su questi principi e valori hanno mantenuto immutati i tratti della loro identità, basando il loro modello di business e le strategie di crescita sulla quantità delle relazioni con il tessuto produttivo e le comunità locali, dunque istituti in grado di raggiungere risultati economici soddisfacenti e contribuire contestualmente all intero ambito sociale nel quale si trovano ad operare. La solidarietà delle relazioni con il mondo imprenditoriale è stato stimolo e strumento per adeguare l efficienza e la struttura operativa ai nuovi orizzonti del Made In Italy confermando il ruolo della Popolare quale partner privilegiato dell attività delle PMI. Il mondo è ormai in profonda e rapida evoluzione, cambiamenti repentini e incessanti non solo percepibili nella componente civile e culturale del nostro tempo, ma soprattutto nella componente economica: emergono infatti la libertà di concorrenza, la mobilità dei capitali, la rivoluzione informatica, il riconoscimento del ruolo dell impresa. Un economia trasformatrice come quella italiana è pertanto inesorabilmente legata al grande processo in atto e le Banche Popolari, ora più che mai, sono chiamate ad agire esaltando e valorizzando le capacità imprenditoriali, di relazione e di cooperazione dell uomo. Banca Folder A4 versione BLU.indd 13 14/05/

14 LO SVILUPPO E POPOLARE Nuovo scenario bancario Tra pochi mesi verrà superato il terzo anno da quando - era l estate del negli Stati Uniti grandi conglomerati finanziari non riuscirono più a governare, dopo aver affievolito i criteri di selezione del rischio, la mole di crediti trasformati in titoli ceduti sui mercati. Avvenne così il tracollo del mercato internazionale dei credit default swaps causato per l appunto, dai titoli americani connessi con crediti di bassa qualità (subprime). L economia mondiale venne così colpita dal drammatico esito finale dell uso abnorme e malamente controllato della finanziarizzazione del credito. A quasi tre anni date le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti perchè i riflessi della pesante crisi hanno coinvolto anche le imprese; i risparmiatori hanno perso fiducia verso il settore creditizio e finanziario; il ciclo economico ha segnato valori negativi. L anno in corso non ha ancora dissolto le nubi sulla ripresa di un ciclo virtuoso, anche se alcuni segnali lasciano trasparire un inversione di tendenza, rispetto al recente passato. L esperienza vissuta ha però lasciato alcuni insegnamenti che devono far riflettere i policy maker e il mondo accademico. Anzitutto proprio dalla crisi è uscito vincente un modello di far banca che è rappresentato dalle banche popolari cooperative - i due ultimi esercizi il 2008 ed il 2009 evidenziano che queste banche hanno assolto in pieno ad un ruolo anticiclico. Sono cioè riuscite, per le loro modalità relazionale di svolgere l attività a porre in essere comportamenti nell erogazione dei crediti alle imprese ed alle famiglie tali da rendere meno gravosa la fase negativa dell economia, contribuendo non poco anche alla difesa dei livelli occupazionali. Secondo una stima delle Associazioni di settore, alla fine del corrente anno la quota di mercato del Credito Popolare in Italia supera il 28%, contro il 26% del 2007, cioè prima dell inizio del default internazionale. Ma i segnali che la crisi ha evidenziato riguardano anche altri aspetti di diretto coinvolgimento della Categoria. Banca Folder A4 versione BLU.indd 14 14/05/

15 Nell ultimo biennio hanno subito una forte accelerazione l incremento del numero dei soci, cresciuto a ritmi del 3% annuo, nonché dei nuovi clienti, che hanno riconosciuto nella Popolare l essere la banca tagliata per le proprie esigenze, che offre un vantaggio competitivo rispetto alle banche concorrenti, assicurando nel tempo una stabile offerta di servizi bancari e finanziari. Tutto questo si è tradotto in una crescita dei volumi intermediari. A Dicembre 2009 la crescita degli impieghi si è attestata al 4,6% evidenziando un dinamismo superiore a quello di molte altre banche e la raccolta dei depositi e obbligazioni è aumentata di quasi l 11%, con i depositi a vista, in particolare, saliti di quasi 17 punti percentuali, un dato che ancora di più testimonia la rinnovata attenzione da parte della clientela verso banche che possono infondere un senso di maggiore fiducia e sicurezza come le Banche Popolari. L apprezzamento della comunità nazionale verso il modello Popolare che si concretizza nell idea giuda di rapportarsi al mercato secondo un principio di democrazia economica incentrata sulla persona, trova un tangibile riscontro nella costante crescita numerica di detto comparto. Negli ultimi anni sono nate nuove realtà bancarie popolari ed altre sono in cantiere ; sta tornando la voglia di cooperazione, di territorio, di operazioni retail a misura delle famiglie e delle micro e piccole medie imprese. La dotazione di capitale sociale della comunità - di cui le economie locali del nostro Paese costituiscono la roccaforte in crescente sviluppo -, valorizza e consolida le reti di relazioni che ne costituiscono il tessuto vitale. Banca Folder A4 versione BLU.indd 15 14/05/

16 Via Salita Belvedere, Palma Campania - tel/fax 081/ Banca Folder A4 versione BLU.indd 16 14/05/

CRESCE LA VOGLIA DI REALIZZARE NUOVI ISTITUTI DI CREDITO

CRESCE LA VOGLIA DI REALIZZARE NUOVI ISTITUTI DI CREDITO CRESCE LA VOGLIA DI REALIZZARE NUOVI ISTITUTI DI CREDITO A dispetto della forte crisi, sono numerose le iniziative che mirano a creare nuovi istituti di credito di medie e piccole dimensioni. Milano, ottobre

Dettagli

Le BCC (Casse Rurali) nascono in Italia circa 120 anni fa, come banche mutualistiche delle comunità locali PER

Le BCC (Casse Rurali) nascono in Italia circa 120 anni fa, come banche mutualistiche delle comunità locali PER Le BCC (Casse Rurali) nascono in Italia circa 120 anni fa, come banche mutualistiche delle comunità locali PER UNIRE PICCOLI RISPARMI E PICCOLI CREDITI BANCARE GLI IMBANCABILI COMBATTERE L USURA Costituzione

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

Un Nuovo Modello di Credito Cooperativo e Il nostro progetto di Gruppo Bancario

Un Nuovo Modello di Credito Cooperativo e Il nostro progetto di Gruppo Bancario Un Nuovo Modello di Credito Cooperativo e Il nostro progetto di Gruppo Bancario Consiglio di Amministrazione Levico, 19 dicembre 2012 Palazzo Mezzanotte - Sala Blu Conferenza stampa Milano, 29 luglio 2015

Dettagli

SOMMARIO. p.04 p.04 p.06 p.12. p.14. p.17. p.19. p.22. p.24 p.25. p.26. p.27. p.28

SOMMARIO. p.04 p.04 p.06 p.12. p.14. p.17. p.19. p.22. p.24 p.25. p.26. p.27. p.28 SOMMARIO Identità e Futuro Missione Carta dei Valori Codice Etico Ambito di applicazione Rapporti con i Dipendenti Formazione Organizzazioni Sindacali Conflitto di interessi Sicurezza e salute Libere associazioni

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

Banche territoriali e capitale fiduciario

Banche territoriali e capitale fiduciario Nell analizzare il tema del capitale fiduciario, si pone immediatamente una domanda provocatoria. Nell attuale contesto di mercato ha ancora senso parlare di capitale fiduciario? Nel periodo più recente,

Dettagli

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena INTERVENTO INTRODUTTIVO di Emilio Tonini Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena Buongiorno a tutti e un cordiale benvenuto a questa 4 edizione del forum internazionale Montepaschi Vita che,

Dettagli

Le garanzie come strumento per agevolare l accesso al credito delle PMI

Le garanzie come strumento per agevolare l accesso al credito delle PMI Le garanzie come strumento per agevolare l accesso al credito delle PMI Firenze, 26 febbraio 2015 Crisi economica: si assiste ad un attenuazione del credit crunch per le imprese ma i prestiti sono ancora

Dettagli

Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali

Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali di Giosué Pasqua L appromento Le cooperative sociali, protagoniste nella creazione della coesione sociale e del welfare state, avvertono sempre

Dettagli

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Realizzata da CNA Produzione In collaborazione con Centro Studi CNA MANIFATTURA

Dettagli

LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO

LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO DELL ARCIDIOCESI DI MILANO: FRA CONTINUITÀ E NOVITÀ DARE CONTINUITÀ AL METODO DI LAVORO: VALORIZZARE L INIZIATIVA LOCALE E PROMUOVERE UNA LOGICA DI RECIPROCITÀ Lanciato

Dettagli

Assicurazione dei Crediti Difendiamo il valore dei vostri crediti.

Assicurazione dei Crediti Difendiamo il valore dei vostri crediti. Assicurazione dei Crediti Difendiamo il valore dei vostri crediti. Per navigare al sicuro verso il futuro. Perché Atradius Perché Atradius nasce dall esperienza consolidata di un gruppo mondiale. Perché

Dettagli

SITO ISTITUZIONALE ALLEGATO SUB B. Data Prog. Pratica

SITO ISTITUZIONALE ALLEGATO SUB B. Data Prog. Pratica 1 327 ACUNZO MARIO 30/01/1954 - REDDITO DICHIARATO DIVERSO DALL'ACCERTATO - DOCUMENTO DI IDENTIÀ NON VALIDO - MANCA MODELLO F23 ANNO 2009. 2 139 ANZALONE GIOVANNI 12/03/1946 - REDDITO DICHIARATO DIVERSO

Dettagli

È TEMPO DI PIANIFICARE NON BASTA PIÙ INVESTIRE INVESTIRE 500.000? ECCO GLI ULTIMI PORTI SICURI COSTRUIRSI UNA RENDITA CON GLI AFFITTI

È TEMPO DI PIANIFICARE NON BASTA PIÙ INVESTIRE INVESTIRE 500.000? ECCO GLI ULTIMI PORTI SICURI COSTRUIRSI UNA RENDITA CON GLI AFFITTI www.effemagazine.it NOVEMBRE 2014 MENSILE - ANNO 4 - NUMERO 11 - NOVEMBRE 2014 POSTE ITALIANE SPA - SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - 70% - LO/MI 5,00 EURO 4,00 EURO TORNA L AVVERSIONE AL RISCHIO ECCO

Dettagli

«Confidi 2.0»: il nuovo corso dei Confidi

«Confidi 2.0»: il nuovo corso dei Confidi «Confidi 2.0»: il nuovo corso dei Confidi #1] Premessa, scenario #2] Missione: «Confidi 2.0» #3] Sintesi delle nuove attività Milano, Lunedi 5 ottobre 2015 Leonardo Marseglia - Fidicomet Milano 1 Premessa

Dettagli

Corporate Social Responsability

Corporate Social Responsability Corporate Social Responsability elemento strategico per il successo dell impresa Il significato La Corporate Social Responsability, in italiano Responsabilità Sociale delle Imprese, può essere definita

Dettagli

Da sempre abbiamo creduto in un sogno, la nascita di una Società Finanziaria attenta ai desideri dei nostri clienti.

Da sempre abbiamo creduto in un sogno, la nascita di una Società Finanziaria attenta ai desideri dei nostri clienti. 13 1 2 Da sempre abbiamo creduto in un sogno, la nascita di una Società Finanziaria attenta ai desideri dei nostri clienti. Credion Società Finanziaria Spa nasce nel 2006 grazie alla grinta e alla determinazione

Dettagli

Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali

Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali IL FUND RAISING PER LE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT Principi, strumenti e tecniche Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali Spesso, di fronte al tema delle risorse, chi

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE A SOCIO

DOMANDA DI AMMISSIONE A SOCIO 1.. MORTIS CAUSA 2.. INTER VIVOS NOMINATIVO: NDG RICHIEDENTE: C/C N AGENZIA DI APPARTENENZA: DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE PER IL COMPLETAMENTO DELLA PRATICA MORTIS CAUSA: 1) CERTIFICATO DI MORTE; 2) CERTIFICATO

Dettagli

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana 6 Giugno 2012, Scuderie di Palazzo Altieri - Roma Siglata in occasione della Settimana Italiana dell Investimento Sostenibile

Dettagli

Liberi di fare la differenza.

Liberi di fare la differenza. Liberi di fare la differenza. 4 l azienda il profilo Consulenza, a pieno titolo. Valori & Finanza Investimenti è una SIM (Società di Intermediazione Mobiliare) indipendente che opera secondo un modello

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ALIMENTARE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione L industria alimentare è piuttosto importante per l economia italiana; il valore aggiunto prodotto da questo settore rappresenta

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

INNOVARE IL PRESENTE PER GARANTIRE IL FUTURO

INNOVARE IL PRESENTE PER GARANTIRE IL FUTURO INNOVARE IL PRESENTE PER GARANTIRE IL FUTURO La flessibilità è entrata a far parte, ormai da molti anni, degli strumenti di gestione delle risorse umane, quale irrinunciabile opportunità per poter rispondere

Dettagli

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile ANA-ANAP, Associazione Nazionale Audioprotesisti e Associazione Nazionale Audioprotesisti Professionali Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile Milano, 21/10/2014

Dettagli

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo COMUNICATO STAMPA Settimo Rapporto UniCredit sulle Piccole Imprese La ricerca di nuovi mercati: la sfida delle piccole imprese fra cambiamento e tradizione Presentato a Roma, lo studio è stato dedicato

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

La finanza internazionale e le banche

La finanza internazionale e le banche ACI - The Financial Market Association Assemblea Generale La finanza internazionale e le banche Intervento di Antonio Fazio Governatore della Banca d Italia Milano, 1º luglio 1999 Sono lieto di darvi il

Dettagli

Gruppo Helvetia. Il nostro profilo aziendale

Gruppo Helvetia. Il nostro profilo aziendale Gruppo Helvetia Il nostro profilo aziendale Il nostro motto Primi per crescita, redditività e lealtà dei clienti. Il profilo aziendale del Gruppo Helvetia definisce la missione e i valori fondamentali

Dettagli

Dai prestiti contro garanzie ai prestiti contro valore. La evoluzione del rapporto Banche/ PMI

Dai prestiti contro garanzie ai prestiti contro valore. La evoluzione del rapporto Banche/ PMI Dai prestiti contro garanzie ai prestiti contro valore La evoluzione del rapporto Banche/ PMI Il contesto I riflessi della crisi sui criteri di valutazione delle PMI Esaurimento del modello un solo rating

Dettagli

SOCIALDI 19 aprile 2013 Il Terzo Settore protagonista del cambiamento sociale

SOCIALDI 19 aprile 2013 Il Terzo Settore protagonista del cambiamento sociale SOCIALDI 19 aprile 2013 Il Terzo Settore protagonista del cambiamento sociale Relazione di apertura della Portavoce Forum Terzo Settore Piemonte Anna Di Mascio Buongiorno a tutte e tutti, un saluto caloroso

Dettagli

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO Pag. 1 di 8 Consorzio Train Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO conforme ai requisiti del D.lgs. 8 giugno 2001, n. 231, e smi Codice Etico Pag. 2 di 8 CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1.1 FINALITA, CONTENUTI

Dettagli

www.mauriziovinci.it

www.mauriziovinci.it www.mauriziovinci.it Il mercato impone decisioni rapide ed efficaci, obiettivi chiari e sostenibili, strategie ben strutturate che non lasciano spazio all improvvisazione. Studio di consulenza integrata

Dettagli

Comunicato stampa del 12 agosto 2015

Comunicato stampa del 12 agosto 2015 Comunicato stampa del 12 agosto 2015 Cassa di Risparmio di Bolzano torna all utile nel primo semestre 2015, approva il Piano Strategico 2015/2019 e si prepara a lanciare l aumento di capitale. Il Consiglio

Dettagli

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Volendo rappresentare il settore dei servizi finanziari fate riferimento: a. ai tre tipi di intermediazione

Dettagli

REG.N.4142 - A 9001:2001. Cooperativa sociale Actl onlus. Carta etica. Codice deontologico e responsabilità sociale

REG.N.4142 - A 9001:2001. Cooperativa sociale Actl onlus. Carta etica. Codice deontologico e responsabilità sociale REG.N.4142 - A 9001:2001 Cooperativa sociale Actl onlus Carta etica Codice deontologico e responsabilità sociale Principi, valori, diritti e doveri in coop sociale Actl PREMESSA Sin dalla sua costituzione,

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

Marketing e Finanza. Report Credito al Consumo. settembre 2008. Evoluzione del mercato Strategie competitive Gestione del rischio Social lending

Marketing e Finanza. Report Credito al Consumo. settembre 2008. Evoluzione del mercato Strategie competitive Gestione del rischio Social lending Marketing e Finanza Strategie, marketing e innovazione finanziaria. settembre 2008 Report Credito al Consumo Evoluzione del mercato Strategie competitive Gestione del rischio Social lending ASSOCIAZIONE

Dettagli

NUMANI PER CHI AMA DISTINGUERSI

NUMANI PER CHI AMA DISTINGUERSI NUMANI PER CHI AMA DISTINGUERSI NuMani è una realtà e nasce dall unione d esperienza di persone che da 11 anni si occupano a tempo pieno dell applicazione e decorazione unghie con l ambiziosa idea delle

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

Banca Fideuram in sintesi

Banca Fideuram in sintesi Banca in sintesi Principali indicatori di gestione 2012 2011 2010 2009 2008 ATTIVITÀ FINANZIARIE DELLA CLIENTELA Raccolta netta di risparmio gestito (milioni di euro) 2.749 (31) 4.234 2.928 (3.850) Raccolta

Dettagli

Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese

Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese E 1. IL RUOLO DELLE PMI E DELLE MICROIMPRESE MARIO BACCINI PRESIDENTE DELL ENTE NAZIONALE PER IL MICROCREDITO E NOTO COME IL SISTEMA PRODUTTIVO

Dettagli

Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità

Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità C he cosa si intende per Basilea 2006? Basilea 2006 o più precisamente Basilea 2 è un accordo internazionale volto a determinare i requisiti patrimoniali

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI DOCUMENTI 31 Ottobre 2014 Il risparmio è una lungimirante scelta etica civile, frutto innanzitutto del lavoro, che presuppone valori come la parsimonia, la previdenza

Dettagli

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti 118 Bilancio Sociale 2009 La Relazione Sociale Azionisti Azionisti AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato Azionisti Azionisti La Relazione Sociale Bilancio Sociale 2009

Dettagli

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA Manifesto della Cultura d Impresa MANIFESTO DELLACULTURA D IMPRESA

Dettagli

Una condivisione di intenti come fondamento del successo

Una condivisione di intenti come fondamento del successo 2 Una condivisione di intenti come fondamento del successo Chi Siamo Edrasis Group è una realtà che nasce da un esperienza ventennale nel settore dell intermediazione immobiliare, della mediazione creditizia

Dettagli

Pensiamo, creiamo e conserviamo l Italia di domani.

Pensiamo, creiamo e conserviamo l Italia di domani. Pensiamo, creiamo e conserviamo l Italia di domani. Lavori Servizi Pensiamo, creiamo e conserviamo l Italia di domani. CHI SIAMO Il Consorzio Italwork consta oggi di 400 risorse, di cui fanno parte professioni

Dettagli

CAMERE DI COMMERCIO: ACCELERARE SULL INTERNAZIONALIZZAZIONE PER USCIRE DALLA CRISI 1 Cinque drivers per la promozione nel mondo

CAMERE DI COMMERCIO: ACCELERARE SULL INTERNAZIONALIZZAZIONE PER USCIRE DALLA CRISI 1 Cinque drivers per la promozione nel mondo CAMERE DI COMMERCIO: ACCELERARE SULL INTERNAZIONALIZZAZIONE PER USCIRE DALLA CRISI 1 Cinque drivers per la promozione nel mondo 1. La necessità di una azione di rete per l internazionalizzazione. Solo

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

21 Giugno 2011 Estratto pag. 13 Sezione Salerno Il tema di quest anno è L innovazione tra rischio e opportunità e l evento è promosso dal Gruppo Servizi Innovativi e Tecnologici di Confindustria Salerno,

Dettagli

Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011

Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 Dicembre 2010 DOCUMENTI 1. Considerazioni preliminari Il Programma di attività normativa

Dettagli

Specialmente nell attuale fase di crisi, la presenza del Confidi al fianco dei soggetti economici, a consolidare la fiducia verso questi ultimi, e l

Specialmente nell attuale fase di crisi, la presenza del Confidi al fianco dei soggetti economici, a consolidare la fiducia verso questi ultimi, e l DOCUMENTO CONGIUNTO Unioncamere Assoconfidi sulle politiche per l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese ***** Il sistema della garanzia è soggetto da alcuni anni a un forte processo evolutivo,

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa La situazione dell accesso al credito per le piccole e medie imprese che costituiscono

Dettagli

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI Un decennio di profonde trasformazioni: l agricoltura Campana ha affrontato un periodo di grandi cambiamenti nello scenario socio-economico

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO Banche Intermediari creditizi non bancari Intermediari della securities industry Assicurazioni LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO Fonte Banca d Italia, Relazione

Dettagli

IL FACTORING: UN PRODOTTO BANCARIO ANTICICLICO Utilità per le imprese e per le banche in un periodo di congiuntura economica negativa

IL FACTORING: UN PRODOTTO BANCARIO ANTICICLICO Utilità per le imprese e per le banche in un periodo di congiuntura economica negativa IL FACTORING: UN PRODOTTO BANCARIO ANTICICLICO Utilità per le imprese e per le banche in un periodo di congiuntura economica negativa Le operazioni di factoring rappresentano un prodotto anticiclico utile

Dettagli

Laboratorio Efficienza Energetica

Laboratorio Efficienza Energetica Laboratorio Efficienza Energetica Incentiviamo le soluzioni vincenti Presentazione del Progetto 1 Laboratorio Efficienza Energetica Incentiviamo le soluzioni vincenti La crisi economica e la modifica strutturale

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi

Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi Risoluzione in commissione n. 7/00574 in tema di reti di impresa Roma, 7

Dettagli

CARTA DEI VALORI E DEGLI INTENTI

CARTA DEI VALORI E DEGLI INTENTI CARTA DEI VALORI E DEGLI INTENTI SEGRETERIA NAZIONALE Stazione di Roma Termini Via Marsala 65 00185 Roma Italia Po Box 2376 Roma 158 Tel. +39 0647826360 / 4 Fax +39 0648907864 redazione@onds.it direzione@onds.it

Dettagli

Prot. 140/15 Nola, 31/07/2015

Prot. 140/15 Nola, 31/07/2015 Diocesi di Nola Via S.Felice, 30 80035 Nola (NA) tel.0813114671 fax 0813114622 www.ireca.it religionecattolica@ireca.it Ufficio Scuola Prot. 140/15 Nola, 31/07/2015 Ufficio Scolastico Regionale per la

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

MUTUOSULWEB: LA NUOVA LINEA DI BUSINESS DEL GRUPPO CONAFI Presentazione Milano, 28 giugno 2011

MUTUOSULWEB: LA NUOVA LINEA DI BUSINESS DEL GRUPPO CONAFI Presentazione Milano, 28 giugno 2011 MUTUOSULWEB: LA NUOVA LINEA DI BUSINESS DEL GRUPPO CONAFI Presentazione Milano, 28 giugno 2011 1 DISCLAIMER Il presente documento è stato preparato da Conafi Spa ( Conafi e, unitamente alle sue controllate,

Dettagli

ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività

ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività Un progetto per premiare con 100.000 euro la start-up italiana più innovativa, un percorso

Dettagli

SCHEMA DELLE SESSIONI

SCHEMA DELLE SESSIONI SCHEMA DELLE SESSIONI I GIORNATA MERCOLEDÌ 24 NOVEMBRE MODULO PERSONE SESSIONE A1 MATTINA SESSIONE B1 MATTINA SESSIONE C1 MATTINA Le prospettive del Mercato del Credito Immobiliare Credito ai consumatori:

Dettagli

Europa, Governance e Sviluppo locale

Europa, Governance e Sviluppo locale Europa, Governance e Sviluppo locale Lucio Scognamiglio Direttore Eurosportello Confesercenti scognamiglio@infoeuropa.it Un quadro che cambia: la polarizzazione istituzionale Le politiche di sviluppo territoriale

Dettagli

Assessore alle Attività Produttive Regione Emilia Romagna.

Assessore alle Attività Produttive Regione Emilia Romagna. 41 EMILIA ROMAGNA Gian Carlo Muzzarelli Assessore alle Attività Produttive Regione Emilia Romagna. La Regione Emilia-Romagna è al fi anco delle imprese artigiane, perché per assicurare più prospettive

Dettagli

Cassa Rurale ed Artigiana di Cortina d Ampezzo e delle Dolomiti Credito Cooperativo. Piano strategico 2012-2014

Cassa Rurale ed Artigiana di Cortina d Ampezzo e delle Dolomiti Credito Cooperativo. Piano strategico 2012-2014 Cassa Rurale ed Artigiana di Cortina d Ampezzo e delle Dolomiti Credito Cooperativo Piano strategico 2012-2014 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 17 gennaio 2012 1 POLITICHE DI SVILUPPO GENERALE

Dettagli

Master in Retail e Store Management Napoli Prima Edizione dal 11 Ottobre 2010

Master in Retail e Store Management Napoli Prima Edizione dal 11 Ottobre 2010 Master in Retail e Store Management Napoli Prima Edizione dal 11 Ottobre 2010 La Formazione continua quale fattore di successo 4 mesi full-time 160 ore di didattica d aula e 500 ore di stage in Azienda

Dettagli

Il 2010 è per Fondazione Fiera Milano un anno speciale, il decennale del riconoscimento in fondazione di diritto privato dell Ente Autonomo Fiera

Il 2010 è per Fondazione Fiera Milano un anno speciale, il decennale del riconoscimento in fondazione di diritto privato dell Ente Autonomo Fiera Il 2010 è per Fondazione Fiera Milano un anno speciale, il decennale del riconoscimento in fondazione di diritto privato dell Ente Autonomo Fiera Internazionale di Milano. Con l occasione, oltre alle consuete

Dettagli

CHE COS E IL MENTORING

CHE COS E IL MENTORING CHE COS E IL MENTORING E un dato di fatto che il numero delle donne che lavorano è in sensibile aumento in ogni paese, ma nonostante questo, e malgrado molte donne rivestano posizioni anche altamente professionali,

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA 1 Introduzione L Amministrazione Provinciale di Pesaro Urbino intende raccogliere la sfida lanciata dalla Regione Marche per lo sviluppo

Dettagli

Roma al 2015. Gli scenari per il futuro della città Auditorium 19 gennaio 2005

Roma al 2015. Gli scenari per il futuro della città Auditorium 19 gennaio 2005 Roma al 2015. Gli scenari per il futuro della città Auditorium 19 gennaio 2005 Nei prossimi anni Roma sarà chiamata a competere in un contesto internazionale ed in uno scenario dominato da alcune macrotendenze

Dettagli

La repubblica riconosce la funzione sociale della cooperazione a carattere di mutualità e senza fini di speculazione privata.

La repubblica riconosce la funzione sociale della cooperazione a carattere di mutualità e senza fini di speculazione privata. Cooperativa è... COOPERATIVA è... Art. 45 della Costituzione Italiana La repubblica riconosce la funzione sociale della cooperazione a carattere di mutualità e senza fini di speculazione privata. La legge

Dettagli

Assemblea dei Soci. Milano, 19 giugno 2013. Relazione del Presidente Fabio Rossello. Parte pubblica

Assemblea dei Soci. Milano, 19 giugno 2013. Relazione del Presidente Fabio Rossello. Parte pubblica Assemblea dei Soci Milano, 19 giugno 2013 Relazione del Presidente Fabio Rossello Parte pubblica Buongiorno a tutti e benvenuti alla 46sima assemblea. Ringrazio le Autorità, gli ospiti e le colleghe e

Dettagli

NOTA INFORMATIVA SUL TAVOLO DELLA GIUSTIZIA DELLA PROVINCIA Dl BRESCIA

NOTA INFORMATIVA SUL TAVOLO DELLA GIUSTIZIA DELLA PROVINCIA Dl BRESCIA NOTA INFORMATIVA SUL TAVOLO DELLA GIUSTIZIA DELLA PROVINCIA Dl BRESCIA Il 3 maggio 2011 si è riunito a Brescia il Tavolo provinciale della Giustizia, alla presenza: della Presidente della Corte d appello

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA Forum Lombardo delle Lombardia FeLCeAF Associazioni familiari ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA La crisi in atto ormai da alcuni anni porta al contenimento

Dettagli

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana 79 a Giornata Mondiale del Risparmio Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 31 ottobre 2003 Signor Ministro dell Economia, Signor Governatore della Banca d Italia,

Dettagli

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni Milano, 9 novembre 2013 Vincenzo Saturni 1 La carta etica: perché e per chi? Avis opera da 86 anni per diffondere una cultura solidale tra i cittadini su tutto il territorio nazionale. E sin dal momento

Dettagli

integriamo le vostre eccellenze

integriamo le vostre eccellenze integriamo le vostre eccellenze L odierna evoluzione del mercato, sempre più globalizzato ed esigente, richiede alle aziende prontezza, costante rinnovamento e il continuo sviluppo di prodotti e servizi

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 15

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 15 987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.l. SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 15 1. Le società di intermediazione

Dettagli

Sol.Co. Brescia Consorzio di Cooperative Sociali a r.l.

Sol.Co. Brescia Consorzio di Cooperative Sociali a r.l. IL VALORE AGGIUNTO DELL INSERIMENTO LAVORATIVO La Cooperativa Sociale LEGGE 381/91 ART. 1 Le cooperative sociali hanno lo scopo di perseguire l interesse generale delle comunità alla promozione umana e

Dettagli

CONSORZIO NAZIONALE RACCOLTA E RICICLO

CONSORZIO NAZIONALE RACCOLTA E RICICLO CONSORZIO NAZIONALE RACCOLTA E RICICLO Sistema di raccolta e riciclo accreditato presso i Centri di Coordinamento Pile e Accumulatori e RAEE PRODOTTI PILE ACCUMULATORI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE

Dettagli

Legge 181/89 aree di crisi industriale

Legge 181/89 aree di crisi industriale Bando a sportello Apertura sportello in corso di definizione Soggetti beneficiari Società di capitali Società cooperative Società consortili Tipologie di investimenti Programmi di investimento produttivo

Dettagli

Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, impresa e innovazione per far crescere l intero Paese

Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, impresa e innovazione per far crescere l intero Paese Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, l intero Paese Logiche d intervento nell utilizzo dei Fondi Strutturali: Adattamento ed evoluzione. Pasquale D Alessandro DG REGIO Unità G3: Italia

Dettagli

C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E

C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E GIL UNIPOL CGIL Le finalita della Convenzione Alla luce della proficua esperienza maturata in oltre vent anni di collaborazione, CGIL ed Unipol intendono procedere

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

Banca Marche a supporto delle nuove imprese

Banca Marche a supporto delle nuove imprese Banca Marche a supporto delle nuove imprese Università di Urbino 23/01/2014 Giordano Fulvi Responsabile Servizio Marketing PMI 1 PREMESSA Il perdurare della crisi sta determinando un trend negativo nel

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà.

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà. CONVEGNO IL FUTURO DEL LAVORO SI CHIAMA FORMAZIONE Roma, 19 aprile, Auditorium Parco della Musica RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA Sono diversi anni che la nostra economia attraversa

Dettagli

INTESA SANPAOLO PRIVATE BANK (SUISSE) SA

INTESA SANPAOLO PRIVATE BANK (SUISSE) SA RELAZIONE ANNUALE 2011 INTESA SANPAOLO PRIVATE BANK (SUISSE) SA Sede sociale in Lugano, Via Frasca 5 Capitale Sociale CHF 20'000 000 Interamente detenuto da Société Européenne de Banque SA, Lussemburgo

Dettagli

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LE COOPERATRICI E I COOPERATORI PROTAGONISTI DEL FUTURO DELL ITALIA UN NUOVO IMPEGNO PER LO SVILUPPO

Dettagli