RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI GESTIONE DEL BANCO POPOLARE SOCIETA COOPERATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI GESTIONE DEL BANCO POPOLARE SOCIETA COOPERATIVA"

Transcript

1 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI GESTIONE DEL BANCO POPOLARE SOCIETA COOPERATIVA SUL SECONDO PUNTO ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA STRAORDINARIA DEI SOCI (redatta ai sensi degli artt. 72 e 92 e dello schema n. 2 dell Allegato 3A del Regolamento adottato con Deliberazione Consob 14 maggio 1999 n e successive modifiche ed integrazioni) 27 ottobre

2 Relazione illustrativa del Consiglio di Gestione del Banco Popolare - Società Cooperativa redatta ai sensi degli artt. 72 e 92 e dello schema n. 2 dell Allegato 3A del Regolamento adottato con Deliberazione Consob 14 maggio 1999 n e successive modifiche ed integrazioni (Regolamento Emittenti) Signori Soci, ad integrazione dell elenco delle materie all ordine del giorno previsto dall avviso di convocazione pubblicato nelle forme di legge e di statuto il 20 ottobre 2011, il Consiglio di Gestione del Banco Popolare - Società Cooperativa (nel prosieguo, Banco Popolare o Banco o la Società o la Banca ) ha deliberato, con l approvazione del Consiglio di Sorveglianza, di sottoporre all esame dell assemblea straordinaria della Società, indetta in prima convocazione per il giorno 25 novembre 2011 alle ore 9, presso la sede legale del Banco Popolare in Verona, Piazza Nogara, 2 e, in seconda convocazione, per il giorno 26 novembre 2011 alla stessa ora in Verona, presso il Quartiere Fieristico (Padiglioni n. 10 e 11) dell Ente Autonomo Fiere di Verona, Viale dell Industria Ingresso Re Teodorico, il seguente ulteriore argomento: - Incremento del numero di azioni da emettere a servizio del Prestito Obbligazionario Convertibile Banco Popolare 2010/2014 4,75% convertibile con facoltà di rimborso in azioni. Conseguente attribuzione al Consiglio di Amministrazione ( 1 ) della delega, ai sensi dell art cod. civ., ad aumentare il numero delle azioni di nuova emissione al servizio della conversione e/o del riscatto delle obbligazioni oggetto del suddetto Prestito Obbligazionario, fino ad un massimo di n azioni ordinarie e modifica del nuovo art. 7 nono comma dello Statuto sociale ( 2 ). Connesse ulteriori modifiche dei nuovi artt. 7 primo comma e 33.2 secondo comma lett. n) dello Statuto sociale. Deliberazioni inerenti e conseguenti. Prima di procedere all illustrazione della proposta, è opportuno ricordare quanto segue: (a) in data 30 gennaio 2010 l Assemblea Straordinaria dei soci del Banco Popolare ha deliberato di attribuire al Consiglio di Gestione la facoltà, ai sensi dell art ter cod. civ., di emettere in una o più volte, entro e non oltre il termine massimo di due anni dalla data della deliberazione, previo parere favorevole del Consiglio di Sorveglianza, obbligazioni convertibili in azioni ordinarie della Società per un importo massimo di Euro 1 miliardo, con conseguente aumento di capitale a servizio della conversione per un controvalore complessivo massimo di Euro 1 ( 1 ) I riferimenti al Consiglio di Amministrazione devono intendersi subordinati all adozione del sistema di amministrazione e controllo c.d. tradizionale, di cui alle proposte di modifiche statutarie al primo punto dell ordine del giorno di parte straordinaria della convocata Assemblea. ( 2 ) I riferimenti agli articoli dello statuto sociale del Banco devono intendersi alla numerazione degli articoli del nuovo statuto sociale oggetto del primo punto dell ordine del giorno di parte straordinaria della convocata Assemblea. 2

3 miliardo, comprensivo del sovrapprezzo, mediante emissione di azioni ordinarie della Società - prive di valore nominale a seguito delle deliberazioni assunte dall Assemblea dei Soci dell 11 dicembre da porre al servizio esclusivo della conversione delle obbligazioni convertibili, da offrire in opzione a tutti gli aventi diritto (il Prestito o le Obbligazioni ); (b) (c) (d) (e) in data 2 e 25 febbraio 2010, il Consiglio di Gestione, in attuazione della delega ad esso conferita dall Assemblea Straordinaria dei Soci in data 30 gennaio 2010, ha deliberato di emettere numero Obbligazioni, del valore nominale di Euro 6,15 ciascuna, per l importo nominale complessivo pari ad Euro ,15 offerte in opzione alla pari (ossia ad un prezzo di emissione pari ad Euro 6,15) a coloro che, alla data di inizio del periodo di sottoscrizione, risultavano essere azionisti della Società e/o portatori delle obbligazioni convertibili del prestito denominato Banco Popolare Prestito Obbligazionario Convertibile subordinato ( TDF ) 4,75% 2000/2010 ISIN IT , secondo, rispettivamente, il rapporto di numero 1 (una) Obbligazione per ogni numero 4 (quattro) azioni della Società possedute, e secondo il rapporto di numero 43 (quarantatre) Obbligazioni per ogni numero 400 (quattrocento) obbligazioni convertibili denominate Banco Popolare Prestito Obbligazionario Convertibile subordinato ( TDF ) 4,75% 2000/2010 ISIN IT possedute. Conseguentemente, sempre in esecuzione della suddetta delega, il Consiglio di Gestione ha deliberato di aumentare in via scindibile il capitale sociale a servizio della conversione delle Obbligazioni per l importo massimo di Euro ,15, da liberarsi anche in più riprese mediante l emissione di massime numero azioni ordinarie della Società, prive di valore nominale da porre al servizio esclusivo della conversione delle Obbligazioni, il tutto secondo le modalità e i termini contenuti nel relativo Regolamento; l offerta in opzione delle Obbligazioni si è conclusa con l integrale sottoscrizione delle n Obbligazioni oggetto dell offerta, per un controvalore complessivo di Euro ,15, di cui n Obbligazioni sottoscritte nel periodo di offerta in opzione (dall 1 al 24 marzo 2010) e le restanti n Obbligazioni sottoscritte in seguito all offerta in Borsa dei diritti in opzione non esercitati nel periodo di offerta (31 marzo, 1, 6, 7 e 8 aprile 2010); a seguito dell esercizio della facoltà di conversione da parte di alcuni detentori delle Obbligazioni, alla data odierna risultano in circolazione n Obbligazioni, per un numero di azioni al servizio del Prestito pari a n ; le Obbligazioni presentano le seguenti principali caratteristiche: - data di emissione: 24 marzo 2010; - data di scadenza: 24 marzo 2014; - cedola annua: 4,75% lordo; - facoltà degli Obbligazionisti di convertire le obbligazioni in azioni ordinarie del Banco Popolare a partire dal 18 (diciottesimo) mese successivo alla data di emissione e fino a scadenza; 3

4 - facoltà del Banco Popolare, dal 18 (diciottesimo) mese successivo alla data di emissione e fino alla scadenza, di riscattare anticipatamente le Obbligazioni mediante pagamento in tutto o in parte in azioni, con attribuzione di un premio sul valore nominale dell Obbligazione pari al 10%; - facoltà del Banco Popolare di rimborsare a scadenza le Obbligazioni per le quali non sia stata esercitata la facoltà di conversione, in denaro e/o in azioni, sulla base del prezzo di mercato dell azione Banco Popolare nell ultimo periodo e per un valore non inferiore al valore nominale dell Obbligazione. Il Consiglio di Gestione sottopone alla approvazione di codesta Assemblea, riunita in sede straordinaria, la seguente proposta di modifica del numero di azioni Banco Popolare di nuova emissione da porre al servizio della conversione e/o del riscatto delle Obbligazioni del Prestito (l Operazione ). * * * 1. MOTIVAZIONI DELL OPERAZIONE PROPOSTA Come noto, l approvazione del Prestito da parte di codesta Assemblea è avvenuta (gennaio 2010) in un contesto che già a quel tempo si caratterizzava per la presenza di sensibili elementi di tensioni finanziarie e in uno scenario economico particolarmente difficile. Peraltro, il Prestito, collocato con pieno successo, ha posto il Banco nelle condizioni di disporre di uno strumento flessibile in grado di contribuire al rafforzamento della dotazione patrimoniale del Gruppo e, al contempo, di risorse finanziarie che sono state utilmente impiegate per il sostegno delle attività del Gruppo. L emissione delle Obbligazioni è stata altresì concepita allo scopo di offrire agli aventi diritto (azionisti e portatori delle obbligazioni convertibili della Società) un interessante forma di investimento, in grado di assicurare un apprezzabile remunerazione. Con un fenomeno la cui intensità non ha precedenti e del tutto imprevedibile per durata e profondità, la crisi economica congiunturale e l andamento negativo dei mercati finanziari hanno conosciuto un ulteriore profondo peggioramento. Ciò che si è riflesso in modo particolarmente negativo sul corso del titolo azionario del Banco. In particolare, la crisi finanziaria e dei mercati ha subito, in epoca recente, un ulteriore processo di inasprimento collegato alle incertezze e all instabilità del debito sovrano di numerosi Paesi dell Unione Europea. Questo fenomeno ha motivato una serie di interventi prescrittivi da parte delle Autorità Centrali volti a promuovere il rafforzamento dei presidi e delle dotazioni di capitale delle Banche dei Paesi membri dell Unione Europea. In tale contesto, la scelta di assumere la presente determinazione con assoluta tempestività rispetto alle decisioni adottate dalle Autorità di Vigilanza in sede comunitaria sui più stringenti requisiti patrimoniali degli istituti di credito, consentirà di gestire con maggiore flessibilità ed efficienza nonché nei termini più convenienti per il Banco e per il Gruppo l eventuale conversione del Prestito Obbligazionario. I riflessi della crisi sull andamento delle quotazioni delle azioni del Banco, unitamente 4

5 all esigenza di assicurare la piena utilizzabilità del Prestito quale potenziale strumento di rafforzamento patrimoniale dell emittente, hanno suggerito l opportunità (al fine - come vedremo infra - di preservare la capacità del Prestito di assolvere alle finalità per cui era stato emesso) di procedere all adeguamento del numero di azioni dell aumento di capitale a servizio della eventuale conversione e/o riscatto delle Obbligazioni. Come è noto, infatti, l articolo 11 del Regolamento del Prestito attribuisce all emittente il diritto di riscattare, in tutto o in parte, le obbligazioni convertibili in circolazione mediante consegna di azioni o mediante consegna di azioni e denaro. Nell ipotesi in cui (come nella specie) il valore di mercato delle azioni sia inferiore al prezzo di conversione (Euro 6,15), il Banco, in caso di regolamento mediante integrale consegna di azioni, ha la facoltà di riscattare le Obbligazioni mediante consegna di un numero di azioni il cui valore di mercato (da determinarsi come media aritmetica dei prezzi ufficiali delle azioni rilevata nel periodo compreso tra il terzo giorno di borsa aperta successivo al giorno in cui è pubblicato l avviso di esercizio dell opzione di riscatto e il sesto giorno di borsa aperta antecedente la data di riscatto) sia complessivamente pari al valore nominale dell obbligazione aumentato di un premio del 10%. In alternativa, il diritto di riscatto può essere esercitato mediante consegna di azioni (valorizzate con i medesimi criteri di cui sopra) e denaro ( 3 ). ( 3 ) Si riporta per comodità d esame, il testo dell art. 11 del Regolamento del Prestito: Decorsi 18 (diciotto) mesi dalla Data di Godimento, l Emittente avrà il diritto di procedere al riscatto totale o parziale delle Obbligazioni in circolazione (l Opzione di Riscatto ) mediante consegna di Azioni Ordinarie (il Regolamento in Azioni ), fatta eccezione per i casi di cui alla lettera b) (ii) che segue in cui l Emittente avrà il diritto di procedere al riscatto totale o parziale delle Obbligazioni in circolazione mediante consegna di Azioni Ordinarie e pagamento di una somma in denaro (il Regolamento Misto ). A tal fine, l Emittente pubblicherà, entro il ventitreesimo Giorno Lavorativo Bancario precedente la data in cui procederà al riscatto (la Data di Riscatto ), un avviso ai sensi dell articolo 20 del Regolamento (l Avviso di Esercizio dell Opzione di Riscatto ), in cui sarà indicata l intenzione dell Emittente di esercitare l Opzione di Riscatto, la quota di Valore Nominale in relazione alla quale viene esercitata l Opzione di Riscatto, la percentuale rispetto alla quale l Emittente intende esercitare l Opzione di Riscatto, nonché la modalità di regolamento del riscatto (Regolamento in Azioni o Regolamento Misto. In quest ultimo caso sarà altresì indicata in termini percentuali la ripartizione tra Azioni Ordinarie e denaro). Alla Data di Riscatto: (a) se il valore di mercato delle Azioni Ordinarie, determinato sulla base della media aritmetica dei Prezzi Ufficiali delle Azioni Ordinarie rilevata nel Periodo di Rilevazione per il Riscatto (come di seguito definito) (il Valore di Mercato delle Azioni Ordinarie nel Periodo di Rilevazione per il Riscatto ), è superiore al rapporto tra il Valore Nominale dell Obbligazione e il Rapporto di Conversione (il Prezzo di Conversione ), l Emittente: (i) consegnerà agli Obbligazionisti un numero di Azioni Ordinarie pari alla somma fra (i) il numero di Azioni Ordinarie risultante dal Rapporto di Conversione e (ii) il numero di Azioni Ordinarie risultante dalla divisione fra il 10% del Valore Nominale dell Obbligazione (il Premio ) e il Valore di Mercato delle Azioni Ordinarie nel Periodo di Rilevazione per il Riscatto (le Azioni Ordinarie per il Riscatto A ); (b) se il Valore di Mercato delle Azioni ordinarie nel Periodo di Rilevazione per il Riscatto, è inferiore al Prezzo di Conversione, l Emittente: (i) consegnerà ai titolari un numero di Azioni Ordinarie (le Azioni Ordinarie per il Riscatto B ), risultante dalla divisione fra (i) il Valore Nominale dell Obbligazione aumentato del Premio e (ii) il Valore di Mercato delle Azioni Ordinarie nel Periodo di Rilevazione per il Riscatto; o (ii) consegnerà, nella proporzione comunicata nell Avviso di Esercizio dell Opzione di Riscatto, un numero di Azioni Ordinarie e pagherà una somma in denaro, il cui controvalore complessivo sarà pari al valore delle Azioni Ordinarie per il Riscatto B (valorizzate al Valore di Mercato delle Azioni Ordinarie nel Periodo di Rilevazione per il Riscatto). Il Periodo di Rilevazione per il Riscatto decorre dal terzo Giorno di Borsa Aperta (compreso) successivo al giorno in cui è pubblicato l Avviso di Esercizio dell Opzione di Riscatto e termina il sesto Giorno di Borsa Aperta (compreso) antecedente la Data di Riscatto. 5

6 Peraltro, il Prestito e la delega all epoca conferita al Consiglio di Gestione prevedevano un limite massimo ( ) di nuove azioni emettibili a servizio della conversione e del riscatto. Tale ammontare di nuove azioni, per i fini di cui al riscatto, alla luce dell andamento del titolo, non consentirebbe, ove mantenuto, al Banco di esercitare in modo pieno i propri diritti e così di beneficiare, ricorrendone le condizioni, della facoltà di riscattare le Obbligazioni mediante consegna del numero massimo possibile di azioni. Si tratta, quindi, di una modifica che non altera i contenuti dell operazione di emissione delle Obbligazioni, ma che, essendo dettata da mere ragioni tecniche, consente, ove approvata, di preservare una delle caratteristiche essenziali e qualificanti lo stesso, permettendo al Banco, ove intenda esercitare la facoltà di riscatto anticipato delle Obbligazioni, di evitare o almeno limitare il ricorso alla componente monetaria, perseguendo al meglio gli obiettivi di rafforzamento patrimoniale che caratterizzano il Prestito sin dalla sua emissione. Per le medesime finalità, ossia agevolare l eventuale esercizio da parte del Banco della facoltà di riscatto anticipato delle Obbligazioni, facoltà limitata dalla previsione statutaria (art. 7, primo comma), in base alla quale la parità contabile implicita delle azioni non può essere inferiore al valore minimo di Euro 2,00, si propone di eliminare tale riferimento. 2. DESCRIZIONE DELL OPERAZIONE In ogni caso, il numero di Azioni Ordinarie per il Riscatto B non potrà essere superiore al numero di Azioni Ordinarie risultante dal rapporto tra il Valore Nominale dell Obbligazione e il valore nominale delle Azioni Ordinarie. A tal fine, nel caso in cui il valore delle Azioni Ordinarie per il Riscatto B (valorizzate al Valore di Mercato delle Azioni Ordinarie nel Periodo di Rilevazione per il Riscatto) sia inferiore al Valore Nominale delle Obbligazioni aumentato del Premio, l Emittente verserà ai titolari delle Obbligazioni un conguaglio in denaro pari alla differenza tra i predetti valori. Nei casi di cui alle lettere a) (i) e b) (i) e (ii), l Emittente procederà alla consegna di Azioni Ordinarie fino alla concorrenza del numero intero e riconoscerà in contanti il controvalore, valorizzato al Valore di Mercato delle Azioni Ordinarie nel Periodo di Rilevazione per il Riscatto, arrotondato al centesimo di Euro superiore, della parte frazionaria. Nei casi di cui alle lettere a) (i) e b) (i) e (ii), ove il valore delle Azioni Ordinarie consegnate, valorizzate al Prezzo Ufficiale delle Azioni Ordinarie alla Data di Riscatto (unitamente alla somma di denaro versata per la parte frazionaria e alla somma di denaro corrisposta nell ipotesi di cui alla lettera b) (ii)), sia inferiore al Valore Nominale dell Obbligazione, l Emittente verserà ai titolari delle Obbligazioni, il primo Giorno Lavorativo Bancario successivo alla Data di Riscatto, una somma in denaro a titolo di conguaglio pari alla differenza fra il Valore Nominale dell Obbligazione e il valore delle Azioni Ordinarie consegnate, valorizzate al Prezzo Ufficiale delle Azioni Ordinarie alla Data di Riscatto (e la somma di denaro versata per la parte frazionaria, unitamente eventualmente alla somma di denaro corrisposta nelle ipotesi di cui alla lettera b) (ii)), in modo tale che il valore complessivamente attribuito ai titolari delle Obbligazioni sia pari al Valore Nominale. Nel caso in cui l Emittente proceda ad un riscatto parziale, che in ogni caso non potrà essere inferiore al 20% del valore nominale complessivo del Prestito residuo (percentuale calcolata tenendo conto del valore nominale complessivo del Prestito residuo prima del riscatto), tale riscatto sarà esercitato nei confronti di ciascun Obbligazionista mediante rimborso parziale del Valore Nominale di ciascuna Obbligazione. In caso di riscatto parziale le previsioni del presente articolo saranno applicate pro quota in base alla parte di Valore Nominale oggetto dell Opzione di Riscatto. Successivamente alla Data di Riscatto, in caso di riscatto parziale, l Emittente comunicherà, con le modalità di cui all articolo 20 del Regolamento, (i) il nuovo Rapporto di Conversione e (ii) il nuovo ammontare della Cedola, ricalcolato sulla base del nuovo Valore Nominale delle Obbligazioni (nessuna modifica sarà apportata, invece, al Tasso di Interesse). Le Obbligazioni, per la quota di Valore Nominale riscattata, cesseranno di essere fruttifere alla Data di Riscatto e nessun diritto potrà essere vantato in relazione agli interessi non ancora maturati. 6

7 Fermo l ammontare complessivo dell aumento di capitale deliberato da codesta Assemblea il 30 gennaio 2010 (Euro ,15), la proposta in esame prevede l incremento del numero di azioni ordinarie da emettersi al servizio del Prestito, fino a massime n azioni ordinarie, così che il numero complessivo di azioni a servizio del Prestito sarà di massime n Alla luce di quanto precede, viene sottoposta alla Vostra approvazione la modifica dei termini della delibera di aumento di capitale al servizio del Prestito di cui all art. 7, nono comma dello Statuto sociale del Banco. In particolare, al fine di dare esecuzione all Operazione occorrerà prevedere nell ambito di tale delibera, la modifica del numero massimo di azioni che la Banca potrà emettere in occasione della conversione e/o del riscatto del Prestito (da a ) e la conseguente modifica dell art. 7 nono comma dello Statuto sociale della Banca. La modifica del numero massimo di azioni al servizio del Prestito sarà attuata mediante il conferimento al Consiglio di Amministrazione della Società, subordinatamente all approvazione da parte di codesta Assemblea del nuovo testo di statuto sociale di cui al primo punto dell ordine del giorno e all iscrizione della relativa delibera presso il competente registro delle imprese ex art cod. civ., di una delega, ai sensi dell art cod. civ., ad incrementare il predetto numero di azioni, con esclusione del diritto di opzione, ai sensi dell articolo 2441, comma 5, cod. civ. (la Delega ). A tal fine si propone di modificare l art secondo comma lett. n) dello Statuto sociale, prevedendo - nell ambito della delega attribuita al Consiglio di Amministrazione di aumentare il capitale ai sensi dell articolo 2443 cod. civ. e/o di emettere obbligazioni convertibili ai sensi dell articolo 2420-ter cod. civ. - la facoltà di adozione delle predette deliberazioni anche con esclusione o limitazione del diritto di opzione di cui al quarto e quinto comma dell articolo 2441 cod. civ. L interesse della Banca sottostante al descritto incremento del numero di azioni risiede nella possibilità, ove anche l assemblea degli obbligazionisti deliberi a favore dell Operazione, di preservare, così come descritto nel Paragrafo che precede, una delle caratteristiche essenziali e qualificanti del Prestito, nonché di consentire al Banco, ove intenda esercitare la facoltà di riscatto anticipato delle Obbligazioni, di evitare o almeno limitare il ricorso alla componente monetaria e, quindi, di porsi nelle condizioni di perseguire al meglio gli obiettivi di rafforzamento patrimoniale che caratterizzano il Prestito sin dalla sua emissione. Da un punto di vista operativo, l Operazione si articolerà nel modo di seguito indicato: (i) approvazione dell Operazione da parte dei Soci riuniti in Assemblea Straordinaria; (ii) (iii) approvazione dell Operazione da parte degli Obbligazionisti riuniti in assemblea, ai sensi dell articolo 2415 cod. civ.; esercizio da parte del Consiglio di Amministrazione della Delega. 7

8 3. STRUTTURA DELL INDEBITAMENTO FINANZIARIO A SEGUITO DELL OPERAZIONE Non applicabile all Operazione. 4. ESISTENZA DI CONSORZI DI GARANZIA E/O DI COLLOCAMENTO, LA RELATIVA COMPOSIZIONE, NONCHÉ LE MODALITÀ E I TERMINI DEL LORO INTERVENTO Non applicabile all Operazione. 5. EVENTUALI ALTRE FORME DI COLLOCAMENTO PREVISTE Non sono previste forme di collocamento in relazione all aumento di capitale a servizio del Prestito, in quanto destinato esclusivamente al servizio della conversione e/o riscatto delle Obbligazioni. 6. CRITERI DI DETERMINAZIONE DEL PREZZO DI EMISSIONE DELLE NUOVE AZIONI, DEL RAPPORTO DI OPZIONE Il prezzo di emissione delle nuove azioni sarà fissato dal Consiglio di Amministrazione in prossimità dell esecuzione dell Operazione sulla base dei criteri previsti dal Regolamento del Prestito in coerenza con i criteri dettati dall articolo 2441, sesto comma, cod. civ.. In relazione al prezzo di emissione delle nuove azioni che sarà determinato dal Consiglio di Amministrazione, in occasione dell esercizio della Delega, sarà acquisito il parere di congruità della società di revisione, ai sensi degli articoli 2441, sesto comma, cod. civ., in quanto compatibile, e 158 del D. Lgs. n. 58/1998. Il contenuto del parere di congruità della società di revisione sarà comunicato e reso disponibile nel rispetto dei termini di legge e regolamentari applicabili. 7. AZIONISTI CHE HANNO MANIFESTATO LA DISPONIBILITÀ A SOTTOSCRIVERE, IN PROPORZIONE ALLA QUOTA POSSEDUTA, LE AZIONI Non applicabile all Operazione. 8. PERIODO PREVISTO PER L'ESECUZIONE DELL'OPERAZIONE Subordinatamente all ottenimento delle prescritte autorizzazioni di legge e all approvazione dell Operazione da parte dell Assemblea Straordinaria dei Soci e dell Assemblea degli Obbligazionisti (ciascuna per quanto di rispettiva competenza), la delibera prenderà efficacia con la sua iscrizione nel Registro delle Imprese. 8

9 9. DATA DI GODIMENTO DELLE AZIONI Le azioni che saranno offerte a servizio dell eventuale conversione e/o riscatto delle Obbligazioni avranno godimento in conformità alle previsioni contenute nel Regolamento del Prestito. 10. EFFETTI PATRIMONIALI E FINANZIARI ED ECONOMICI L operazione proposta non comporta in sé alcuna modifica della situazione patrimoniale, finanziaria ed economica del Banco Popolare. L operazione avrà degli impatti sulla situazione patrimoniale, finanziaria ed economica del Banco Popolare se e nella misura in cui le obbligazioni in circolazione rappresentanti il prestito obbligazionario Banco Popolare 2010/2014 4,75% convertibile con facoltà di rimborso in azioni verranno convertite in azioni ordinarie da parte degli obbligazionisti e/o rimborsate mediante attribuzione di azioni ordinarie per effetto dell esercizio dell opzione di riscatto prevista dall art. 11 del Regolamento del Prestito da parte dell emittente. Di seguito vengono evidenziati gli effetti stimati conseguenti all eventuale verificarsi dell ipotesi suddetta. Si precisa che ai fini della stima, nell ipotesi di esercizio dell opzione di riscatto ai sensi dell art. 11 del Regolamento del Prestito si è assunto che non vi sia riconoscimento da parte dell emittente di alcuna somma in denaro né a fronte dell eventuale esistenza di frazioni, così come definite ai sensi dell art. 6 del Regolamento del Prestito, né a fronte dell eventuale premio da riconoscere agli obbligazionisti ai sensi di quanto previsto dall art. 11 del medesimo Regolamento. Impatti stimati sulla situazione patrimoniale del Banco Popolare Al ricorrere dell ipotesi in relazione alle assunzioni esplicitate si verificherebbe un incremento del patrimonio netto contabile per un ammontare pari a 965 milioni di Euro. Il patrimonio di vigilanza registrerebbe invece un incremento pari a 996 milioni di Euro. Nella tabella seguente si evidenziano nel dettaglio gli effetti patrimoniali pro-forma dell eventuale conversione in azioni ordinarie e/o rimborso mediante attribuzione di azioni ordinarie della totalità delle obbligazioni rappresentanti il prestito obbligazionario Banco Popolare 2010/2014 4,75% convertibile con facoltà di rimborso in azioni attualmente in circolazione sulla situazione dei ratios patrimoniali di Banco Popolare al

10 Dati in Euro milioni e % Gruppo Banco Popolare Ante operazione (1) Post operazione (stima) (2) Dati al Core Tier 1capital al netto degli elementi. da dedurre Patrimonio di base al netto degli elementi da dedurre Patrimonio supplementare al netto degli elementi da dedurre Ulteriori elementi da dedurre Patrimonio di vigilanza RWA Core Tier 1 Ratio 6,5% 7,5% Tier 1 Ratio 7,8% 8,8% Total Capital Ratio 11,2% 12,2% Effetto su Core Tier 1 Ratio 1,0% Effetto su Tier 1 Ratio 1,0% Effetto su Total Capital Ratio 1,0% Note: (1) Coefficienti patrimoniali alla data del 30 giugno 2011 risultanti dalla Relazione Finanziaria Semestrale pubblicata il 26 agosto (2) La stima è basata sull ipotesi che la totalità delle obbligazioni rappresentanti il prestito obbligazionario Banco Popolare 2010/2014 4,75% convertibile con facoltà di rimborso in azioni vengano convertite in azioni ordinarie e/o rimborsate mediante attribuzione di azioni ordinarie. Impatti stimati sulla situazione finanziaria del Banco Popolare Al verificarsi dell ipotesi in relazione alle assunzioni esplicitate non si produrrebbe alcun flusso finanziario. L unico impatto sulla posizione finanziaria del Banco Popolare sarebbe rappresentato dalla riduzione dei titoli in circolazione e, conseguentemente, dell aggregato della raccolta diretta per un ammontare pari a 965 milioni di Euro e, per converso, da un incremento del patrimonio netto contabile di pari importo. In prospettiva va inoltre considerato il presumibile maggior deflusso di denaro per la remunerazione delle nuove azioni ordinarie che verrebbero emesse a seguito della conversione e/o del rimborso del prestito. Nel concreto la stima dell entità di tale potenziale maggior deflusso di denaro dipenderà dalla sussistenza, tempo per tempo, delle condizioni di riferimento per la distribuibilità di un dividendo, ciò anche alla luce delle aspettative esplicitate nel comunicato emanato dall EBA il 26 ottobre 2011 e nella successiva nota di commento emanata dall Organo di Vigilanza nazionale. Impatti stimati sulla situazione economica del Banco Popolare Al ricorrere dell ipotesi in relazione alle assunzioni esplicitate si verificherebbe, successivamente alla conversione e/o al rimborso medesimo, una riduzione degli 10

11 interessi passivi corrispondenti alla remunerazione dei titoli obbligazionari attualmente in circolazione. Atteso che il tasso di interesse riconosciuto alle obbligazioni in esame è pari al 4,75% e che alla data odierna risultano in circolazione n obbligazioni equivalenti ad un valore nominale complessivo di 996 milioni di Euro, la conversione e/o il rimborso della totalità delle obbligazioni comporterebbe una riduzione del costo del funding su base annua (interessi passivi) pari a 47 milioni di Euro. L impatto positivo sul risultato netto, sempre su base annua, è stimabile in 32 milioni di Euro. 11. DELIBERAZIONI PROPOSTE ALL ASSEMBLEA STRAORDINARIA Alla luce di quanto sopra, il Consiglio di Gestione, ricevuta l approvazione da parte del Consiglio di Sorveglianza, intende sottoporre all Assemblea straordinaria dei Soci la seguente proposta di deliberazione relativa al secondo argomento posto all ordine del giorno: L Assemblea straordinaria dei Soci del Banco Popolare: - esaminata la relazione del Consiglio di Gestione e le proposte ivi formulate, approvate dal Consiglio di Sorveglianza, - preso atto dell interesse del Banco Popolare all incremento del numero di azioni da porre al servizio del Prestito Obbligazionario Convertibile Banco Popolare 2010/2014 4,75% convertibile con facoltà di rimborso in azioni che consentirà, ove intenda esercitare la facoltà di riscatto anticipato delle Obbligazioni, di limitare il ricorso alla componente monetaria e, quindi, di porsi nelle condizioni di perseguire al meglio gli obiettivi di rafforzamento patrimoniale che caratterizzano il suddetto Prestito delibera 1. di approvare l incremento del numero di azioni di nuova emissione da porre al servizio del Prestito, di cui alle delibere del Consiglio di Gestione del 2 e 25 febbraio 2010, a valere sulla delega attribuitagli dall Assemblea Straordinaria dei Soci del 30 gennaio 2010, da n a , lasciando invariati gli altri termini e condizioni delle suddette delibere, conferendo per l effetto al Consiglio di Amministrazione, ai sensi dell art cod. civ., una delega, esercitabile entro e non oltre il termine massimo di due anni dalla data della deliberazione, ad aumentare con esclusione del diritto di opzione ai sensi dell art. 2441, 5 comma cod. civ. il numero di azioni di nuova emissione, senza indicazione del valore nominale, aventi le stesse caratteristiche di quelle in circolazione alla data di emissione, da porre al servizio della conversione e/o del riscatto delle obbligazioni facenti parte del prestito denominato Banco Popolare 2010/2014 4,75% convertibile con facoltà di rimborso in azioni, sino ad un massimo di azioni, con ogni più ampia facoltà di stabilire, nel rispetto dei limiti sopra indicati, modalità, termini e condizioni dell operazione, con conseguente modifica dell art. 7 nono comma dello statuto in conformità al testo di seguito riportato; 11

12 2. di eliminare all art. 7, primo comma, dello statuto il riferimento alla parità contabile implicita in conformità al testo di seguito riportato; 3. di modificare l art secondo comma lett. n) dello statuto includendo nella delega attribuita al Consiglio di Amministrazione di aumentare il capitale sociale ex art cod. civ. e/o di emettere obbligazioni convertibili ex art ter cod. civ., la facoltà di assumere tali delibere anche con esclusione o limitazione del diritto di opzione nei casi previsti dal quarto e quinto comma dell articolo 2441 cod. civ.; 4. di stabilire che le delibere di cui ai precedenti punti 1 e 2 abbiano effetto subordinatamente alla relativa approvazione da parte dell Assemblea degli Obbligazionisti; 5. di attribuire al Consiglio di Amministrazione, e per esso al Presidente ed all Amministratore Delegato, anche disgiuntamente tra loro, nei limiti di legge, ogni e più ampio potere per provvedere a quanto necessario per l attuazione delle deliberazioni intervenute in data odierna, nonché per adempiere alle formalità necessarie affinché tutte le deliberazioni adottate in data odierna ottengano le approvazioni di legge e in genere tutto quanto occorra per la completa esecuzione delle deliberazioni stesse, con ogni e qualsiasi potere a tal fine necessario e opportuno, nessuno escluso ed eccettuato, compreso quello di apportare alle intervenute deliberazioni quelle modificazioni di carattere non sostanziale necessarie per l iscrizione nel Registro delle Imprese, anche in relazione alle eventuali indicazioni dell Autorità di Vigilanza, ivi comprese le seguenti facoltà: (i) definire il testo del Regolamento del Prestito apportando le modifiche conseguenti e connesse alle deliberazioni assunte dall Assemblea Straordinaria dei soci in data odierna; (ii) procedere ai relativi depositi; 6. di modificare gli artt. 7 primo e nono comma e 33.2 secondo comma lett. n) dello Statuto sociale, in conseguenza delle deliberazioni che precedono, come segue: Testo vigente( 4 ) Nuovo testo proposto Capitale Sociale Capitale Sociale Art. 7 Art. 7 Il capitale sociale è variabile ed è rappresentato da azioni ordinarie prive di valore nominale, che possono essere emesse illimitatamente. In nessun caso la parità contabile implicita delle azioni, risultante dal rapporto tra l ammontare complessivo del capitale sociale e il numero delle azioni in circolazione, può Il capitale sociale è variabile ed è rappresentato da azioni ordinarie prive di valore nominale, che possono essere emesse illimitatamente. In nessun caso la parità contabile implicita delle azioni, risultante dal rapporto tra l ammontare complessivo del capitale sociale e il numero delle azioni in circolazione, può ( 4 ) La colonna di sinistra del quadro sinottico contiene il testo del nuovo statuto sociale oggetto del primo punto all ordine del giorno dell Assemblea Straordinaria. 12

13 essere inferiore al valore minimo di Euro 2,00. Le azioni sono nominative. L'emissione di nuove azioni può essere deliberata: (a). in via straordinaria, dall'assemblea straordinaria dei Soci, ai sensi della normativa vigente, con i quorum e le maggioranze previsti dal presente Statuto per la costituzione e le deliberazioni dell'assemblea straordinaria; (b).in via ordinaria, dal Consiglio di Amministrazione ai sensi della normativa vigente. Sino a quando le azioni della Società risulteranno quotate in mercati regolamentati, il Consiglio di Amministrazione non provvederà all emissione di nuove azioni ai sensi della lettera b) del secondo comma del presente articolo. L Assemblea straordinaria può attribuire al Consiglio di Amministrazione ai sensi degli articoli 2443 e 2420-ter cod. civ., la facoltà di aumentare il capitale sociale od emettere obbligazioni convertibili ai sensi della normativa vigente nei limiti di cui all art. 33.2, secondo comma, lett. n). Nei limiti stabiliti dalla normativa vigente e fatto salvo l ottenimento delle INVARIATO autorizzazioni amministrative eventualmente prescritte, la Società può emettere categorie di azioni fornite di diritti diversi, determinandone il contenuto. Tutte le azioni appartenenti ad una medesima categoria conferiscono uguali diritti. essere inferiore al valore minimo di Euro 2,00. Le azioni sono nominative. INVARIATO INVARIATO INVARIATO INVARIATO 13

14 Le azioni sono indivisibili; nel caso di comproprietà di azioni i diritti dei comproprietari devono essere esercitati da un rappresentante comune, con l osservanza della normativa vigente. INVARIATO In data 30 gennaio 2010 l Assemblea INVARIATO straordinaria ha deliberato di attribuire, ai sensi dell art ter cod. civ., al Consiglio di Gestione la facoltà di emettere in una o più volte, entro e non oltre il termine massimo di due anni dalla data della deliberazione, previo parere favorevole del Consiglio di Sorveglianza, obbligazioni convertibili in azioni ordinarie della Società per un importo massimo di Euro 1 miliardo, con conseguente aumento di capitale a servizio della conversione per un controvalore complessivo massimo di Euro 1 miliardo, comprensivo del sovrapprezzo, mediante emissione di azioni ordinarie della Società prive di valore nominale, godimento regolare, aventi le stesse caratteristiche di quelle in circolazione alla data di emissione, da porre al servizio esclusivo della conversione delle obbligazioni convertibili, da offrire in opzione a tutti gli aventi diritto, con facoltà per il Consiglio di Gestione di stabilire il valore nominale, il prezzo di sottoscrizione e il rapporto di opzione delle obbligazioni convertibili, l importo della cedola da attribuire agli strumenti, il rapporto di conversione in azioni della Società, gli eventi e le modalità di aggiustamento del rapporto di conversione, il regolamento delle obbligazioni convertibili, le modalità di conversione e di rimborso nonché la durata, l importo dell aumento di capitale sociale a servizio della conversione, che complessivamente non potrà comunque 14

15 eccedere il controvalore massimo di Euro 1 miliardo, il numero di azioni da emettere, nonché ogni altra modalità, termine e condizione dell emissione e offerta delle obbligazioni convertibili e del conseguente aumento di capitale. In attuazione della delega conferita giusta delibera dell Assemblea straordinaria dei soci del 30 gennaio 2010, verbalizzata a rogito Notaio Marco Porceddu Cilione di Verona in data 31 gennaio 2010, repertorio n , raccolta n , il Consiglio di Gestione, in data 2 febbraio 2010 e 25 febbraio 2010, ha deliberato di emettere numero obbligazioni convertibili, del valore nominale di euro 6,15 ciascuna, per l'importo nominale complessivo pari ad euro ,15 da offrire in opzione a coloro che, alla data di inizio del periodo di sottoscrizione, risulteranno essere azionisti della Società e/o portatori delle obbligazioni convertibili del prestito denominato Banco Popolare Prestito Obbligazionario Convertibile subordinato ( TDF ) 4,75% 2000/2010 ISIN IT , secondo, rispettivamente, il rapporto di numero una obbligazione convertibile per ogni numero quattro azioni della Società possedute, e secondo il rapporto di numero quarantatre obbligazioni convertibili per ogni numero quattrocento obbligazioni convertibili denominate Banco Popolare Prestito Obbligazionario Convertibile subordinato ( TDF ) 4,75% 2000/2010 ISIN IT possedute. Conseguentemente, sempre in esecuzione della suddetta delega, il Consiglio di Gestione ha deliberato di aumentare il capitale sociale a servizio della conversione delle obbligazioni per In attuazione della delega conferita giusta delibera dell Assemblea straordinaria dei soci del 30 gennaio 2010, verbalizzata a rogito Notaio Marco Porceddu Cilione di Verona in data 31 gennaio 2010, repertorio n , raccolta n , il Consiglio di Gestione, in data 2 febbraio 2010 e 25 febbraio 2010, ha deliberato di emettere numero obbligazioni convertibili, del valore nominale di euro 6,15 ciascuna, per l'importo nominale complessivo pari ad euro ,15 da offrire in opzione a coloro che, alla data di inizio del periodo di sottoscrizione, risulteranno essere azionisti della Società e/o portatori delle obbligazioni convertibili del prestito denominato Banco Popolare Prestito Obbligazionario Convertibile subordinato ( TDF ) 4,75% 2000/2010 ISIN IT , secondo, rispettivamente, il rapporto di numero una obbligazione convertibile per ogni numero quattro azioni della Società possedute, e secondo il rapporto di numero quarantatre obbligazioni convertibili per ogni numero quattrocento obbligazioni convertibili denominate Banco Popolare Prestito Obbligazionario Convertibile subordinato ( TDF ) 4,75% 2000/2010 ISIN IT possedute. Conseguentemente, sempre in esecuzione della suddetta delega, il Consiglio di Gestione ha deliberato di aumentare il capitale sociale a servizio della conversione delle obbligazioni per 15

16 l'importo massimo di Euro ,15, da liberarsi anche in più riprese mediante l'emissione di massime numero azioni ordinarie della Società, prive di valore nominale, godimento regolare, aventi le stesse caratteristiche delle azioni della Società in circolazione alla data di emissione e da porre al servizio esclusivo della conversione delle obbligazioni convertibili. Sono state convertite n obbligazioni convertibili a fronte delle quali sono state emesse n azioni ordinarie per un incremento di capitale sociale di Euro 3,60 per ogni azione emessa. Tutto quanto sopra precisandosi che, a seguito della eliminazione del valore nominale espresso deliberato dall Assemblea dell 11 dicembre 2010, il rapporto di conversione delle obbligazioni l'importo massimo di Euro ,15, da liberarsi anche in più riprese mediante l'emissione di massime numero azioni ordinarie della Società, prive di valore nominale, godimento regolare, aventi le stesse caratteristiche delle azioni della Società in circolazione alla data di emissione e da porre al servizio esclusivo della conversione delle obbligazioni convertibili. L Assemblea Straordinaria del [ ] ha conferito al Consiglio di Amministrazione, ai sensi dell articolo 2443 cod. civ., la facoltà, da esercitarsi entro e non oltre il termine massimo di due anni dalla data della deliberazione, di modificare le delibere del Consiglio di Gestione del 2 e 25 febbraio 2010, relative all aumento di capitale al servizio del prestito obbligazionario Banco Popolare 2010/2014 4,75% convertibile con facoltà di rimborso in azioni, al fine di incrementare l emissione del numero di azioni ordinarie al servizio del suddetto prestito obbligazionario fino ad un massimo di n azioni, con esclusione del diritto di opzione ai sensi dell articolo 2441, comma 5, cod. civ.. Sono state convertite n obbligazioni convertibili a fronte delle quali sono state emesse n azioni ordinarie per un incremento di capitale sociale di Euro 3,60 per ogni azione emessa. INVARIATO 16

17 di cui al presente comma si intende stabilito in una azione ordinaria emessa a fronte di un incremento di capitale pari ad Euro 3,60, per ogni obbligazione convertibile di valore nominale pari ad Euro 6,15 presentata alla conversione. Testo vigente( 5 ) Nuovo testo proposto Competenze non delegabili Art secondo comma Competenze non delegabili Art secondo comma Oltre alle materie per legge non delegabili ed a quelle elencate all art dello Statuto, e ferme altresì le competenze dell Assemblea, sono riservate alla competenza non delegabile del Consiglio di Amministrazione: a) l approvazione delle linee e degli indirizzi generali programmatici e strategici e delle politiche di gestione dei rischi della Società e del Gruppo; b) la pianificazione industriale e finanziaria, i budget della Società e del Gruppo, la definizione dell articolazione geografica delle Divisioni territoriali nonché i piani di espansione delle reti territoriali (incluse eventuali variazioni di carattere generale) della Società e del Gruppo; c) la definizione delle linee di indirizzo del sistema di controllo interno, in modo che i principali rischi afferenti alla Società e alle sue controllate Oltre alle materie per legge non delegabili ed a quelle elencate all art dello Statuto, e ferme altresì le competenze dell Assemblea, sono riservate alla competenza non delegabile del Consiglio di Amministrazione: a) l approvazione delle linee e degli indirizzi generali programmatici e strategici e delle politiche di gestione dei rischi della Società e del Gruppo; b) la pianificazione industriale e finanziaria, i budget della Società e del Gruppo, la definizione dell articolazione geografica delle Divisioni territoriali nonché i piani di espansione delle reti territoriali (incluse eventuali variazioni di carattere generale) della Società e del Gruppo; c) la definizione delle linee di indirizzo del sistema di controllo interno, in modo che i principali rischi afferenti alla Società e alle sue controllate ( 5 ) La colonna di sinistra del quadro sinottico corrisponde al testo del nuovo statuto sociale oggetto del primo punto all ordine del giorno dell Assemblea Straordinaria. 17

18 risultino correttamente identificati, nonché adeguatamente misurati, gestiti e monitorati, determinando inoltre criteri di compatibilità di tali rischi con una sana e corretta gestione della Società; d) la valutazione, con cadenza almeno annuale, dell adeguatezza, dell efficacia e dell effettivo funzionamento del sistema di controllo interno; e) la nomina e la revoca dei componenti del Comitato Esecutivo con i poteri previsti all art. 36 e la determinazione di eventuali ulteriori poteri; f) il conferimento di particolari incarichi o deleghe a uno o più Consiglieri e la determinazione dei relativi poteri; g) su proposta dell Amministratore Delegato, la nomina e la revoca del Direttore Generale, del Condirettore Generale e/o dei Vice Direttori Generali, la nomina dei dirigenti della Società e la determinazione dei relativi poteri e del trattamento economico; h) la valutazione dell adeguatezza dell assetto organizzativo, amministrativo e contabile della Società; i) la determinazione dei criteri per il coordinamento e la direzione delle società del Gruppo, nonché dei criteri per l esecuzione delle istruzioni della Banca d Italia; j) previo parere del Collegio Sindacale, la nomina e la revoca del Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, ai sensi dell articolo 154-bis del D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. risultino correttamente identificati, nonché adeguatamente misurati, gestiti e monitorati, determinando inoltre criteri di compatibilità di tali rischi con una sana e corretta gestione della Società; d) la valutazione, con cadenza almeno annuale, dell adeguatezza, dell efficacia e dell effettivo funzionamento del sistema di controllo interno; e) la nomina e la revoca dei componenti del Comitato Esecutivo con i poteri previsti all art. 36 e la determinazione di eventuali ulteriori poteri; f) il conferimento di particolari incarichi o deleghe a uno o più Consiglieri e la determinazione dei relativi poteri; g) su proposta dell Amministratore Delegato, la nomina e la revoca del Direttore Generale, del Condirettore Generale e/o dei Vice Direttori Generali, la nomina dei dirigenti della Società e la determinazione dei relativi poteri e del trattamento economico; h) la valutazione dell adeguatezza dell assetto organizzativo, amministrativo e contabile della Società; i) la determinazione dei criteri per il coordinamento e la direzione delle società del Gruppo, nonché dei criteri per l esecuzione delle istruzioni della Banca d Italia; j) previo parere del Collegio Sindacale, la nomina e la revoca del Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, ai sensi dell articolo 154-bis del D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 18

19 58 e la determinazione dei relativi poteri, mezzi e compensi, nonché la nomina e la revoca del Responsabile della Funzione di revisione interna (internal audit), del Chief Risk Officer (CRO), se previsto, del Responsabile della Funzione di conformità (Compliance Manager) e del Responsabile della Funzione di gestione del rischio (Risk Manager); k) la nomina e la revoca dei responsabili delle funzioni, effettuate in forza di disposizioni legislative o regolamentari; l) la redazione del progetto di bilancio di esercizio e del progetto di bilancio consolidato, nonché la redazione e approvazione delle relazioni (finanziarie semestrali e resoconti intermedi di gestione trimestrali) infrannuali previste dalla normativa pro tempore vigente; m) l acquisizione e la cessione di partecipazioni di importo superiore al 5% del patrimonio di vigilanza consolidato della Società, quale risultante dall ultimo bilancio consolidato regolarmente approvato; n) gli aumenti di capitale delegati ai sensi dell articolo 2443 cod. civ. e l emissione di obbligazioni convertibili delegata ai sensi dell articolo 2420-ter cod. civ., esclusa in ogni caso la facoltà di adozione delle deliberazioni di cui al quarto e quinto comma dell articolo 2441 cod. civ.; o) gli adempimenti riferiti al Consiglio di Amministrazione di cui agli articoli 58 e la determinazione dei relativi poteri, mezzi e compensi, nonché la nomina e la revoca del Responsabile della Funzione di revisione interna (internal audit), del Chief Risk Officer (CRO), se previsto, del Responsabile della Funzione di conformità (Compliance Manager) e del Responsabile della Funzione di gestione del rischio (Risk Manager); k) la nomina e la revoca dei responsabili delle funzioni, effettuate in forza di disposizioni legislative o regolamentari; l) la redazione del progetto di bilancio di esercizio e del progetto di bilancio consolidato, nonché la redazione e approvazione delle relazioni (finanziarie semestrali e resoconti intermedi di gestione trimestrali) infrannuali previste dalla normativa pro tempore vigente; m) l acquisizione e la cessione di partecipazioni di importo superiore al 5% del patrimonio di vigilanza consolidato della Società, quale risultante dall ultimo bilancio consolidato regolarmente approvato; n) gli aumenti di capitale delegati ai sensi dell articolo 2443 cod. civ. e l emissione di obbligazioni convertibili delegata ai sensi dell articolo 2420-ter cod. civ., esclusa in ogni caso inclusa la facoltà di adozione delle deliberazioni con esclusione o limitazione del diritto di opzione di cui al quarto e quinto comma dell articolo 2441 cod. civ.; o) gli adempimenti riferiti al Consiglio di Amministrazione di cui agli articoli 19

20 2446 e 2447 cod. civ.; p) la redazione di progetti di fusione o di scissione; q) l approvazione e la modifica di apposito Regolamento disciplinante i flussi informativi; r) l adozione, nei casi e con le modalità previste dalla normativa tempo per tempo vigente, anche mediante modifica, delle procedure intese ad assicurare la trasparenza e la correttezza sostanziale e procedurale delle operazioni con parti correlate; t) la determinazione del voto da esprimere nelle assemblee delle banche controllate e delle principali controllate non bancarie del Gruppo convocate per deliberare in ordine a modifiche statutarie, nonché l assenso preventivo alle modifiche dello Statuto delle società del Gruppo, quando la deliberazione sia di competenza di un organo diverso dall Assemblea; u) l approvazione di proposte di convocazione dell Assemblea aventi ad oggetto modifiche dello Statuto della Società diverse da quelle previste all art. 32.5, punto iii.; v) la disciplina dei procedimenti di designazione e/o di elezione dei componenti dei Comitati Territoriali di consultazione e credito di cui all art. 51; 2446 e 2447 cod. civ.; p) la redazione di progetti di fusione o di scissione; q) l approvazione e la modifica di apposito Regolamento disciplinante i flussi informativi; r) l adozione, nei casi e con le modalità previste dalla normativa tempo per tempo vigente, anche mediante modifica, delle procedure intese ad assicurare la trasparenza e la correttezza sostanziale e procedurale delle operazioni con parti correlate; s) la designazione delle candidature s) la designazione delle candidature relative relative agli esponenti aziendali delle agli esponenti aziendali delle banche banche controllate e delle principali controllate non bancarie del Gruppo; controllate e delle principali controllate non bancarie del Gruppo; t) la determinazione del voto da esprimere nelle assemblee delle banche controllate e delle principali controllate non bancarie del Gruppo convocate per deliberare in ordine a modifiche statutarie, nonché l assenso preventivo alle modifiche dello Statuto delle società del Gruppo, quando la deliberazione sia di competenza di un organo diverso dall Assemblea; u) l approvazione di proposte di convocazione dell Assemblea aventi ad oggetto modifiche dello Statuto della Società diverse da quelle previste all art. 32.5, punto iii.; v) la disciplina dei procedimenti di designazione e/o di elezione dei componenti dei Comitati Territoriali di consultazione e credito di cui all art. 51; w) l approvazione e la modifica dei w) l approvazione e la modifica dei 20

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Fideiussione Corporate (la "Garanzia")

Fideiussione Corporate (la Garanzia) Fideiussione Corporate (la "Garanzia") OGGETTO: A ciascun detentore di obbligazioni convertibili in azioni della società Sacom S.p.A. denominati "Sacom 2013 2018 Obbligazioni Convertibili" (ciascun Obbligazionista,

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

Documento. n. 20. Verbali e procedure del collegio sindacale

Documento. n. 20. Verbali e procedure del collegio sindacale Documento n. 20 Verbali e procedure del collegio sindacale Giugno 2013 VERBALI E PROCEDURE DEL COLLEGIO SINDACALE Si ringraziano per il loro contributo Niccolò Abriani, Cristina Bauco, Luciano Berzè, Marcellino

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO IL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CHE CHIUDE CON UN UTILE NETTO CONSOLIDATO DI EURO 4,25 MILIONI LA DISTRIBUZIONE DI UN DIVIDENDO LORDO

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123-bis TUF. (modello di amministrazione e controllo tradizionale)

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123-bis TUF. (modello di amministrazione e controllo tradizionale) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123-bis TUF (modello di amministrazione e controllo tradizionale) - Denominazione Emittente: BANCA MONTE DEI PASCHI DI

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI SEZIONE I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. Premessa La disciplina delle operazioni con parti

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Emittente: Exprivia S.p.A Sito Web: www.exprivia.it AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I.

Emittente: Exprivia S.p.A Sito Web: www.exprivia.it AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I. Statuto sociale con evidenza delle modifiche approvate (AI SENSI DELL ART. IA.2.3.1, CO. 2 DELLE ISTRUZIONI AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I.) Emittente:

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Cos è una cooperativa e come si costituisce

Cos è una cooperativa e come si costituisce Cos è una cooperativa e come si costituisce SOMMARIO 1. Introduzione al mondo della cooperazione 2. La società cooperativa 3. Costituzione di una cooperativa 4. Libri e adempimenti formali della cooperativa

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Relazione sulle Politiche di Remunerazione

Relazione sulle Politiche di Remunerazione SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE Società cooperativa con sede legale in Verona, Lungadige Cangrande n. 16 Capogruppo del Gruppo Cattolica Assicurazioni, iscritto all Albo dei Gruppi Assicurativi 019

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI EDIZIONE NOVEMBRE 2010 Approvato dal Consiglio d Amministrazione in data 30 Novembre 2010 Indice Premessa...3 A. PARTE GENERALE...5 1. Inquadramento...5

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Maggio 2014. Guida dell Azionista

Maggio 2014. Guida dell Azionista Maggio 2014 Guida dell Azionista Con la presente Guida intendiamo offrire un utile supporto ai nostri azionisti, evidenziando i diritti connessi alle azioni possedute e consentendo loro di instaurare un

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi

OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi Format Si è modificata la struttura del principio utilizzando il format standard dei nuovi principi salvo apportare i necessari adeguamenti

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Regolamento emittenti

Regolamento emittenti E Regolamento emittenti Adottato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 Allegato 5-bis Calcolo del limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e controllo di cui Aggiornato con le modifiche apportate

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Luglio 2014 2014 Comitato per la Corporate Governance Tutti i diritti di riproduzione, di adattamento totale o parziale e di memorizzazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli